23 April 2024

Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023

[ 0 ]

Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner.

Rubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina.

In mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.

A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).

Disegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova.

La mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee.

L’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race.

La mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466031 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una proposta innovativa che vuole superare gli individualismi e puntare al benessere del Paese. E’ stata costruita al termine di un convegno sul sistema portuale, dopo il quale La Spezia ha lanciato agli altri scali dal Nord Tirreno, da Carrara a Savona,  un appello per una strategia congiunta e una collaborazione operativa che consenta di difendere i traffici esistenti, svilupparne nuovi e tutelare gli interessi dell’economia produttiva del Paese. «Da sempre – afferma Mario Sommariva, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar ligure orientale – i porti non collaborano, si combattono e perdono il vero confronto, che è quello con i porti del Nord Europa. Oggi in una situazione di allerta, La Spezia, forte dell’esperienza di successo di reale coordinamento e integrazione con Carrara, lancia un’offerta di collaborazione concreta in prima battuta a Genova e Savona, per presentarsi sul mercato come un sistema coordinato che abbia nella logistica, nelle ferrovie e nell’offerta di servizi anche supplettivi alle difficoltà altrui, la sua chiave vincente». Una richiesta di collaborazione lanciata in un momento di assoluta emergenza determinato in primis dalla situazione di tensione internazionale che penalizza il Mediterraneo. «E la risposta – aggiunge il Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure orientale, Federica Montaresi – transita attraverso una risposta di sistema che oggi non è più uno slogan, bensì una necessità cogente per spendere razionalmente le risorse e per porre le grandi opere e in primis i porti al servizio  della domanda che nasce dal sistema economico del Paese uscendo anche da schemi mentali e culturali ormai obsoleti. Nel caso della Liguria coordinando e non contrapponendo lo sforzo di La Spezia e Carrara con quello di Genova e Savona che nei prossimi anni si troveranno ad affrontare l’impatto operativo proprio dei cantieri per la realizzazione delle grandi opere». «È il momento – confermato Paolo Pessina, Presidente di Assagenti – di superare le contrapposizioni e lanciare una grande operazione di marketing territoriale specie presso l’industria, italiana e no, l’immagine reale di un sistema portuale dell’arco tirrenico in grado di rispondere anche con una logistica coordinata ed efficiente alla domanda di servizi». Non casuali le conclusioni del convegno, svolte da Pierpaolo Ribuffo, Ammiraglio diventato proprio in queste ore il coordinatore del Cipom, l’organismo interministeriale incaricato di mettere fine ai conflitti di competenze fra ministeri e di concretizzare una politica del mare nel reale interesse del Paese. «Interesse – ha sottolineato Ribuffo – che può essere raggiunto solo attraverso la concretezza che è stata auspicata dal segretario Montaresi e da un effettivo interfaccia fra porto e attività produttive e industriali». [post_title] => Liguria, una proposta per coordinare i porti della Spezia, Carrara, Genova e Savona [post_date] => 2024-04-23T10:14:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713867273000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466047 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Val d’Ega (BZ) ha trasformato uno dei suoi gioielli di pietra - il Latemar - in un vero e proprio caleidoscopio escursionistico, una cornice naturale per avventure ed emozioni da vivere in famiglia. Il Latemarium offre una fitta rete di sentieri tematici dedicati ad aspetti quali la fauna, la flora, la geologia o l’agricoltura. Tra boschi secolari, prati verdissimi e baite, ci si immerge nella dimensione magica del Patrimonio dell’Umanità UNESCO, partendo da Obereggen, Pampeago o Predazzo. Inaugurato nell’estate del 2014, festeggia i suoi primi 10 anni di vita aggiungendo nuove escursioni con audio giochi interattivi, dedicate ai bambini e ai ragazzi tra i 6 i 14: Latemar.Adventure. Si tratta di percorsi avventura per far conoscere la montagna e la sua storia, attraverso tre racconti “La furia di Vaia”, “Sulle orme del bracconiere” e “Il segreto dell'ometto veneziano”. Ogni audioguida interattiva incoraggia i piccoli escursionisti a fare movimento sui sentieri dedicati, divertendo attraverso installazioni, gioco-libri, mappe, audio giochi interattivi e un'app. Tutta la famiglia sarà impegnata a risolvere enigmi analogici e digitali, per raccogliere i punti preziosi che contribuiranno alla riforestazione dei boschi. Ma non finisce qui, sono davvero tanti e vari i percorsi adatti alle famiglie, anche con passeggino al seguito. Ad esempio il sentiero Latemar.Natura, lungo il quale la facilità del tracciato si sposa con il fascino del panorama alpino e lo spirito didattico delle numerose stazioni interattive, con esperienze quali il carillon di legno per imparare la differenza tra abete rosso, pino, larice e sicomoro. Per favorire la visione e invitare a prendersi una pausa, lungo i sentieri che portano alla baita Weigler Schupf e alle malghe Zischg, Ganischger e Mayrl, sono state allestite zone di riposo con sedili di legno di larice. Perfetto abbinamento a questa esperienza di totale distensione, l’abbordabilissimo Latemar.Alp offre l’opportunità di una piacevole passeggiata lungo gli alpeggi della Val d’Ega e della Val di Fiemme con mucche, cavalli e pecore al pascolo.     ­ [post_title] => Latemar Adventure, proposte di escursioni tra sentieri tematici sulle Dolomiti [post_date] => 2024-04-23T10:13:26+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713867206000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465990 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Brand Usa racconta le novità turistiche della prossima stagione a Seattle e nello Stato di Washington, con uno sguardo particolare all’inclusività. «Seattle è una città accessibile, aperta a chiunque voglia visitarla e adatta ai portatori di ogni tipo di disabilità - sottolinea Liz Johnson, direttore di Visit Seattle - Negli ultimi 4, 5 anni è cresciuta la consapevolezza del valore dell’inclusività e accessibilità. I siti online della città e dei suoi partners sono ricchi di informazioni in tal senso. Oltre il 10% degli abitanti si riconosce come Lgbtq+. Abbiamo la più grande Pride Parade degli Stati Uniti! Lo Stato di Washington e Seattle sono la porta d’accesso al Pacifico nord-occidentale. La città, nota per la musica, per Amazon e per Starbucks, è abitata da circa 800 mila persone. Non abbiamo voli diretti, ma è possibile volare con British Airways, Delta, Klm e con tutte le maggiori linee aeree. Abbiamo anche un volo di Ait Tahiti Nui in partenza da Parigi che fa uno scalo a Seattle prima di raggiungere Papeete. Siamo poi il punto di partenza delle crociere verso l’Alaska e il molo d’attracco è vicino al centro. «Gli italiani che visitano Seattle sono circa 8.000 ogni anno. Seattle viene chiamata “la città di smeraldo” sia perché si affaccia sulle acque limpide dell’oceano Pacifico sia perché nel territorio abbiamo oltre 300 parchi: siamo una grande area urbana, ma nel mezzo della natura. Tante le attrazioni da visitare, i musei - come il Museum of Pop Culture o il suggestivo Chihuly Garden and Glass Museum - l’area del Pike Place Market, il mercato giornaliero con oltre 500 venditori. Nei ristoranti si possono gustare qualità di pesce provenienti direttamente dall’Alaska, ma si può anche visitare la casa di Tom Hanks in “Insonni a Seattle”! A sole 3h di distanza dalla città ci sono 3 parchi nazionali e in autunno si può raggiungere l’arcipelago delle San Juan Island per osservare il passaggio delle balene e delle orche».   [post_title] => Brand Usa presenta la destinazione Seattle e lo Stato di Washington [post_date] => 2024-04-23T10:09:42+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713866982000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466029 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abbiamo raggiunto telefonicamente Federico Scaramucci, candidato sindaco di Urbino che ci ha parlato della sua idea della città e dell'interazione fra territorio e turismo. «Guardi noi vogliamo lanciare una sfida che non vale per i prossimi quattro anni, ma che possa valere anche per altri dieci e  vent'anni. Vogliamo, oltre naturalmente alla sanità che rimane al primo posto, valorizzare le eccellenze del territorio. Puntiamo inoltre a costruire un progetto di sviluppo insieme all'università di Urbino, che punti alla creazione di posti di lavoro. Per far sì che i giovani che vivono e studiano qui possano costruire il loro progetto di vita nella nostra città. C'è in oltre l'idea di avere rapporti sempre più stretti con i comuni del territorio affinché vengano migliorati i servizi; perché questa è la vera sfida». Potenzialità enormi «Il mio intento è quello di far tornare la città di Urbino centrale nel dibattito culturale. Le potenzialità sono enormi, come enorme è la storia di questa città. Per molti anni, questi aspetti sono stati messi poco alla luce. Ecco, è arrivato il momento di riprendersi la città a metterla in un progetto che la ponga in risalto anche nel panorama nazionale” «Naturalmente questa riorganizzazione avrà un impatto importante per il turismo, sia per la città che per il territorio circostante. Per sviluppare anche questo aspetto della vita di una città come Urbino sarebbe necessario agganciarci ai grandi eventi culturali che hanno una forza di richiamo straordinario. Insomma noi abbiamo in testa un nuovo protagonismo della città e in questo nuovo protagonismo anche cultura e turismo faranno la loro parte importante» [post_title] => Scaramucci (Urbino): «Vogliamo un nuovo protagonismo della nostra città» [post_date] => 2024-04-22T11:20:14+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713784814000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466014 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Posti in allotment sui voli e prezzo bloccato a prescindere dalla stagionalità sugli 11 itinerari programmati in Nord America. Il prodotto Usa firmato Guiness conosce una crescita notevole basata su diversi fattori: la destagionalizzazione e la diversificazione dell’offerta, l’aumento degli itinerari dalla componente esperienziale. Inoltre, la maggior parte dei tour si avvale di voli diretti Ita. Si parte da New York, porta d’ingresso degli States, con un soggiorno nel cuore di Manhattan, a due passi da Times Square, presso Il Marriot Marquis. Gli itinerari dedicati alla Grande Mela sono aumentati a tre, per un totale di 30 partenze fino ad aprile 2025, passando per le festività natalizie e il Capodanno: New York Prestige (otto giorni) è la proposta ideale per i viaggiatori interessati a un approfondimento culturale della metropoli, mentre New York – la Grande Mela, di sette giorni, rappresenta il giusto mix tra tempo libero e visite guidate. New York in Libertà (otto giorni) permette di visitare la città in completa autonomia, con il supporto h24 dell’accompagnatore in partenza dall’Italia sempre al seguito. Sulla costa Est degli States, le grandi città come Boston, Philadelphia e Washington si aprono ai vasti spazi del Canada (le Niagara Falls) e Toronto, grazie ai due itinerari Usa & Canada – il Grande Est Prestige (nove giorni) e Usa & Canada – Meraviglie dell’Est Prestige (11 giorni). Chicago è al centro di due suggestivi tour: Boston – Chicago – New York (dieci giorni), il triangolo delle metropoli, e Chicago & il Sud (11 giorni), alla scoperta dell’anima soul, jazz e blues del Nord America. L’energia di Miami, città glamour e di atmosfere caraibiche allo stesso tempo, è la cartolina del Gran Tour Florida (durata dieci giorni), che tocca anche Key West, base di Ernest Hemingway, e Orlando, sede dei celebri Universal Studios. Gli intramontabili classici dei parchi nazionali, il mito dell’Arizona e della California sono infine i motori trainanti della costa Ovest: vasti spazi dove si concretizza il mito della frontiera, città, catene montuose e coste. Sono questi gli highlights del Gran Tour Usa- Il Grande Ovest (12 giorni), il Gran Tour California Prestige (11 giorni) e il Gran Tour il Vecchio West (18 giorni).   [post_title] => Cresce l'offerta Guiness sugli Usa: più itinerari in diverse stagioni e dai tratti esperienziali [post_date] => 2024-04-22T10:25:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713781526000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465999 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova sala check-in, controlli di sicurezza con macchine radiogene di ultima generazione e ampliamento degli spazi alle partenze dei voli extra-Schengen con la creazione di due nuovi gate di imbarco: l'aeroporto di Milano Bergamo ha presentato i lavori ampliamento del terminal passeggeri e precisamente dell’area partenze. La tabella di marcia prevede che entro la primavera 2025 sarà disponibile la nuova sala check-in con aggiunta di 22 banchi dedicati alle operazioni di accettazione e il completamento delle opere nel novembre 2025. Sacbo, la società di gestione dello scalo bergamasco, ha investito 41 milioni di euro a base d’asta di risorse finanziarie proprie. Al termine dei lavori, la sezione est del terminal passeggeri crescerà di 3.720 mq al piano terra, consentendo l’allargamento della sala check-in e l’ampliamento del sistema di controllo radiogeno dei bagagli da stiva (Bhs). Al primo piano si aggiungeranno 7.400 mq di superficie per ospitare i controlli di sicurezza, con 14 postazioni di tipo C3 per l’analisi del contenuto del bagaglio a mano senza più di tirare fuori il computer o altri strumenti elettronici e i liquidi, una nuova area duty free (che passa dagli attuali 600 a 1.600 mq) e spazi più ampi agli imbarchi extra-Schengen. «Abbiamo scelto uno slogan che riassumesse l’obiettivo degli interventi di adeguamento degli spazi aeroportuali, e dunque “più spazi, più comfort, più veloci, più lontano” – ha dichiarato Giovanni Sanga, presidente di Sacbo – Un investimento importante che permette di guardare al futuro sempre nell’ottica della sostenibilità, tenuto conto che la fine delle opere di ampliamento del terminal passeggeri precederà l’apertura del collegamento ferroviario diretto con l’aeroporto. Oltre a facilitare l’accessibilità, nell’ottica della multimodalità, il nostro obiettivo è rendere il terminal passeggeri sempre più accogliente, funzionale e gradevole, agevolando le operazioni di accettazione e dei controlli di sicurezza e consentendo di godere tutti i servizi nel tempo di permanenza dei passeggeri in aerostazione». [post_title] => Aeroporto Milano Bergamo: i dettagli dell'ampliamento del terminal passeggeri [post_date] => 2024-04-22T08:55:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713776145000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465954 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea ha inaugurato oggi il nuovo collegamento da Olbia a Brest: la rotta, operata in esclusiva dalla compagnia spagnola, sarà servita con due frequenze settimanali, il lunedì e il venerdì, e un’offerta complessiva di oltre 20.000 posti in vendita.  “Con il volo inaugurale di oggi per Brest, mettiamo a segno un altro importante risultato presso lo scalo sardo – ha commentato Valeria Rebasti, international market director di Volotea -. La Sardegna rappresenta per noi un mercato primario e siamo entusiasti di riuscire a portare un numero sempre maggiore di turisti verso l’isola grazie ai tanti collegamenti disponibili. Siamo qui per rimanere e confermiamo anche per il 2024 il nostro impegno a livello locale, attraverso un’offerta di destinazioni davvero ampia, tra cui il collegamento in continuità territoriale Olbia-Roma Fiumicino.” Per il 2024, sono 28 le rotte operate da Volotea presso l’aeroporto di Olbia, 14 verso l’Italia (Ancona, Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano Bergamo, Napoli, Palermo, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Venezia e Verona) e 14 verso l’estero, 4 in Spagna (Barcellona, Bilbao, Madrid e Valencia) e 10 in Francia (Bordeaux, Brest, Deauville, Lille, Lione, Marsiglia, Nantes, Parigi Orly, Strasburgo e Tolosa). [post_title] => Volotea ha aperto oggi la nuova rotta da Olbia a Brest [post_date] => 2024-04-19T13:10:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713532230000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465936 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465939" align="alignright" width="300"] Foto Beatrice Pilotto[/caption] Masseria AuraTerrae il punto di partenza ideale per scoprire un territorio ricco di perle uniche, tra borghi storici, di mare e di terra ed esperienze local. L'antica dimora, rinnovata e trasformata in una struttura di pregio, fonde abilmente le tracce del passato con il comfort moderno. Oltre ad esperienze sensoriali uniche da sperimentare all’interno della struttura, propone coinvolgenti attività da vivere sul territorio, tra mare e terra: inediti tour in barca che prevedono la visita alla costa di Polignano ed a tutte le sue famose grotte marine, guida a bordo e aperitivo pugliese a fine tour; alcuni tour partono da San Vito, località attigua a Polignano. Altre escursioni arrivano fino a Monopoli. Chi lo desidera, può partecipare anche a tour romantici al tramonto, con biblioteca marina, musica e aperitivo ed anche godere di un’intera imbarcazione in esclusiva, per feste private a bordo. Ma la vera novità del 2024,  è l’esperienza autentica di pesca turismo con pesca sostenibile all’aragosta sulle secche di Polignano a Mare e Monopoli, in compagnia di veri pescatori locali: si partecipa a tutte le attività dell'equipaggio a bordo, alla colazione con i pescatori, si imparano a conoscere pesci e attrezzature di pesca; è incluso un delizioso momento di condivisione del pescato fresco appena colto. Per chi ama esplorare l’entroterra, la struttura organizza romantici tour in carrozza per conoscere i dintorni, tra piacevoli stradine di campagna e scorci panoramici con vista sul mare. O ancora piacevoli e-bike tour (di circa 4 h) che, attraversando caratteristiche contrade ricche di vigneti ed uliveti, accompagnano a due piccoli borghi tutti da scoprire: Conversano, con  il suo centro storico ed i meravigliosi monumenti. AuraTerrae offre l’opportunità di scoprire anche autonomamente le mete circostanti più note: oltre alla vicina Polignano, a soli 15 min di auto, si trovano le sopracitate Conversano e Monopoli, o ancora le Grotte di Castellana, spettacolare complesso di cavità sotterranee di origine carsica. Ma AuraTerrae è anche l’hotel perfetto da cui partire alla scoperta di borghi e città interessanti, ma meno conosciuti: come ad esempio Rutigliano, patria dei fischietti in terracotta; Bitetto, un borgo storico che è un viaggio sulle tracce dei Templari; Adelfia, un inno al folklore delle feste popolari; Casamassima, l’unico borgo azzurro in Italia. Su richiesta, la struttura organizza transfer con NCC su itinerari selezionati e noleggio auto senza conducente. [post_title] => Masseria AuraTerrae, tour e attività per vivere sul territorio, tra mare e terra [post_date] => 2024-04-19T12:48:16+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713530896000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465943 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dalle sponde dei laghi di Garda, Iseo ed Idro ai monti della Valle Camonica, della Valle Sabbia e della valle Trompia, dalle dolci colline della Franciacorta alla verde pianura solcata dallo scorrere lento del fiume Oglio, la provincia di Brescia, con la sua incredibile varietà di paesaggi,propone attività ed eventi tra parchi, giardini, limonaie e orti botanici. Il lago di Garda è in primavera un’esplosione di fioriture, una cornice perfetta per tonificanti giornate nella natura, in uno dei contesti paesaggistici più affascinanti del Belpaese. Ben quattro i siti del circuito Grandi Giardini Italiani. A Gardone Riviera si trovano il Giardino Botanico André Heller e i giardini del Vittoriale degli Italiani, dimora di Gabriele D’Annunzio.  Rientrano nel circuito dei Grandi Giardini Italiani anche l’Isola del Garda - gioiello circondato d’acqua con la villa in neogotico veneziano e sontuosi giardini - e la Rocca di Lonato abbracciata da un grande parco, straordinario esempio di bosco ceduo con olivi, vigne e specie spontanee e scenografici pendii erbosi. Di grande fascino anche i giardini all’italiana con scalinate, statue, fontane e i resti dell’antica limonaia, inseriti in un parco di oliveti e agrumeti, di Villa Bettoni a Gargnano. Una chicca per veri appassionati è l’Orto botanico G.E.Ghirardi di Toscolano Maderno. Tutelate e ristrutturate come si deve a un patrimonio storico e culturale di grande valore, le caratteristiche limonaie dell’Alto Garda costituiscono già da sole motivo di una o più escursioni di primavera in riva al lago. Colline, vigneti e molto di più: la Franciacorta è la meta perfetta per una giornata tra verde, storia, cultura, cantine eccellenti dove sostare. In primavera, poi, ci sono piacevoli motivi in più, legati al verde e alla natura, per visitarla. Castello Quistini - Rovato: a partire dal primo weekend di maggio, tutti i fine settimana riapre al pubblico lo storico roseto dell’antica dimora franciacortina. Tra mura secolari sembra di entrare in un’oasi senza tempo, con una collezione unica di rose di ogni colore, profumo e specie. Tra le tante varietà, quelle inglesi di David Austin. Nella cornice già spettacolare delle celebri colline di Franciacorta, ammantate di pregiati vigneti, la mostra-mercato di rose ed erbacee perenni nell’antico borgo di Bornato (Cazzago San Martino) è diventata un appuntamento primaverile imperdibile. Quella in calendario dal 17 al 19 maggio è la 25° edizione. Anche il lago d’Iseo e la Valle Camonica e fanno da scenari ad aree botaniche, oasi naturali e parchi tutti da godere. Dove il lago d’Iseo incontra la Franciacorta, la magnifica Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino è  un luogo magico dove l’incontro tra acqua e terra dà vita a una zona di grande interesse naturalistico. Risalendo dal lago alla Valle Camonica, a Paisco Loveno, nella laterale Valle Allione, il Giardino Botanico Alpino Vivione è un’area di divulgazione scientifica con oltre 400 specie tipiche delle Orobie orientali, una xiloteca (raccolta di legni) e un’aula didattica arricchita da oggetti curiosi sul mondo degli insetti e dei minerali. Con i suoi panorami aperti, punteggiati di castelli ben conservati e da antichi borghi, la Bassa Bresciana si offre alla primavera come una tela da riempire di ogni colore, in cui immergersi durante un’escursione all’insegna del relax. Tra gli spazi verdi con le loro sorprese da non farsi sfuggire, il Parco Angelo e Lina Nocivelli a Verolanuova con i suoi coreografici giochi d’acqua, l’area attorno al Castello Bonoris a Montichiari con 3 ettari di  parco all’inglese dagli alberi secolari e l’armonioso giardino pensile “segreto” con vista, l’imponente Castello di Padernello circondato dalle acque e il vicino Ponte San Vigilio di Giuliano Mauri (il “tessitore del bosco”, primo artista italiano entrato a far parte nel 1981 del movimento Art in Nature), un’installazione artistica di grande suggestione per una coinvolgente esperienza olistica a stretto contatto con la natura. Con i suoi grandi parchi, le colline ricche di sentieri panoramici e il mitico Monte Maddalena (“la montagna dei bresciani”), Brescia è un luogo dove ci si può svagare in relax nella natura con la famiglia e praticare sport e trekking lontani dal traffico e dalla calca.     ­   ­ [post_title] => Visit Brescia, escursioni ed eventi tra parchi, giardini e limonaie [post_date] => 2024-04-19T12:47:52+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713530872000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "rubens a genova 150 opere in mostra nella citta ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":79,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2990,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466031","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una proposta innovativa che vuole superare gli individualismi e puntare al benessere del Paese. E’ stata costruita al termine di un convegno sul sistema portuale, dopo il quale La Spezia ha lanciato agli altri scali dal Nord Tirreno, da Carrara a Savona,  un appello per una strategia congiunta e una collaborazione operativa che consenta di difendere i traffici esistenti, svilupparne nuovi e tutelare gli interessi dell’economia produttiva del Paese.\r\n\r\n«Da sempre – afferma Mario Sommariva, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar ligure orientale – i porti non collaborano, si combattono e perdono il vero confronto, che è quello con i porti del Nord Europa. Oggi in una situazione di allerta, La Spezia, forte dell’esperienza di successo di reale coordinamento e integrazione con Carrara, lancia un’offerta di collaborazione concreta in prima battuta a Genova e Savona, per presentarsi sul mercato come un sistema coordinato che abbia nella logistica, nelle ferrovie e nell’offerta di servizi anche supplettivi alle difficoltà altrui, la sua chiave vincente».\r\n\r\nUna richiesta di collaborazione lanciata in un momento di assoluta emergenza determinato in primis dalla situazione di tensione internazionale che penalizza il Mediterraneo.\r\n«E la risposta – aggiunge il Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure orientale, Federica Montaresi – transita attraverso una risposta di sistema che oggi non è più uno slogan, bensì una necessità cogente per spendere razionalmente le risorse e per porre le grandi opere e in primis i porti al servizio  della domanda che nasce dal sistema economico del Paese uscendo anche da schemi mentali e culturali ormai obsoleti. Nel caso della Liguria coordinando e non contrapponendo lo sforzo di La Spezia e Carrara con quello di Genova e Savona che nei prossimi anni si troveranno ad affrontare l’impatto operativo proprio dei cantieri per la realizzazione delle grandi opere».\r\n\r\n«È il momento – confermato Paolo Pessina, Presidente di Assagenti – di superare le contrapposizioni e lanciare una grande operazione di marketing territoriale specie presso l’industria, italiana e no, l’immagine reale di un sistema portuale dell’arco tirrenico in grado di rispondere anche con una logistica coordinata ed efficiente alla domanda di servizi».\r\n\r\nNon casuali le conclusioni del convegno, svolte da Pierpaolo Ribuffo, Ammiraglio diventato proprio in queste ore il coordinatore del Cipom, l’organismo interministeriale incaricato di mettere fine ai conflitti di competenze fra ministeri e di concretizzare una politica del mare nel reale interesse del Paese. «Interesse – ha sottolineato Ribuffo – che può essere raggiunto solo attraverso la concretezza che è stata auspicata dal segretario Montaresi e da un effettivo interfaccia fra porto e attività produttive e industriali».","post_title":"Liguria, una proposta per coordinare i porti della Spezia, Carrara, Genova e Savona","post_date":"2024-04-23T10:14:33+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713867273000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466047","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Val d’Ega (BZ) ha trasformato uno dei suoi gioielli di pietra - il Latemar - in un vero e proprio caleidoscopio escursionistico, una cornice naturale per avventure ed emozioni da vivere in famiglia.\r\n\r\nIl Latemarium offre una fitta rete di sentieri tematici dedicati ad aspetti quali la fauna, la flora, la geologia o l’agricoltura. Tra boschi secolari, prati verdissimi e baite, ci si immerge nella dimensione magica del Patrimonio dell’Umanità UNESCO, partendo da Obereggen, Pampeago o Predazzo.\r\n\r\nInaugurato nell’estate del 2014, festeggia i suoi primi 10 anni di vita aggiungendo nuove escursioni con audio giochi interattivi, dedicate ai bambini e ai ragazzi tra i 6 i 14: Latemar.Adventure. Si tratta di percorsi avventura per far conoscere la montagna e la sua storia, attraverso tre racconti “La furia di Vaia”, “Sulle orme del bracconiere” e “Il segreto dell'ometto veneziano”. Ogni audioguida interattiva incoraggia i piccoli escursionisti a fare movimento sui sentieri dedicati, divertendo attraverso installazioni, gioco-libri, mappe, audio giochi interattivi e un'app. Tutta la famiglia sarà impegnata a risolvere enigmi analogici e digitali, per raccogliere i punti preziosi che contribuiranno alla riforestazione dei boschi.\r\n\r\nMa non finisce qui, sono davvero tanti e vari i percorsi adatti alle famiglie, anche con passeggino al seguito. Ad esempio il sentiero Latemar.Natura, lungo il quale la facilità del tracciato si sposa con il fascino del panorama alpino e lo spirito didattico delle numerose stazioni interattive, con esperienze quali il carillon di legno per imparare la differenza tra abete rosso, pino, larice e sicomoro.\r\n\r\nPer favorire la visione e invitare a prendersi una pausa, lungo i sentieri che portano alla baita Weigler Schupf e alle malghe Zischg, Ganischger e Mayrl, sono state allestite zone di riposo con sedili di legno di larice.\r\n\r\nPerfetto abbinamento a questa esperienza di totale distensione, l’abbordabilissimo Latemar.Alp offre l’opportunità di una piacevole passeggiata lungo gli alpeggi della Val d’Ega e della Val di Fiemme con mucche, cavalli e pecore al pascolo.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Latemar Adventure, proposte di escursioni tra sentieri tematici sulle Dolomiti","post_date":"2024-04-23T10:13:26+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1713867206000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465990","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Brand Usa racconta le novità turistiche della prossima stagione a Seattle e nello Stato di Washington, con uno sguardo particolare all’inclusività.\r\n\r\n«Seattle è una città accessibile, aperta a chiunque voglia visitarla e adatta ai portatori di ogni tipo di disabilità - sottolinea Liz Johnson, direttore di Visit Seattle - Negli ultimi 4, 5 anni è cresciuta la consapevolezza del valore dell’inclusività e accessibilità. I siti online della città e dei suoi partners sono ricchi di informazioni in tal senso. Oltre il 10% degli abitanti si riconosce come Lgbtq+. Abbiamo la più grande Pride Parade degli Stati Uniti! Lo Stato di Washington e Seattle sono la porta d’accesso al Pacifico nord-occidentale. La città, nota per la musica, per Amazon e per Starbucks, è abitata da circa 800 mila persone. Non abbiamo voli diretti, ma è possibile volare con British Airways, Delta, Klm e con tutte le maggiori linee aeree. Abbiamo anche un volo di Ait Tahiti Nui in partenza da Parigi che fa uno scalo a Seattle prima di raggiungere Papeete. Siamo poi il punto di partenza delle crociere verso l’Alaska e il molo d’attracco è vicino al centro.\r\n\r\n«Gli italiani che visitano Seattle sono circa 8.000 ogni anno. Seattle viene chiamata “la città di smeraldo” sia perché si affaccia sulle acque limpide dell’oceano Pacifico sia perché nel territorio abbiamo oltre 300 parchi: siamo una grande area urbana, ma nel mezzo della natura. Tante le attrazioni da visitare, i musei - come il Museum of Pop Culture o il suggestivo Chihuly Garden and Glass Museum - l’area del Pike Place Market, il mercato giornaliero con oltre 500 venditori. Nei ristoranti si possono gustare qualità di pesce provenienti direttamente dall’Alaska, ma si può anche visitare la casa di Tom Hanks in “Insonni a Seattle”! A sole 3h di distanza dalla città ci sono 3 parchi nazionali e in autunno si può raggiungere l’arcipelago delle San Juan Island per osservare il passaggio delle balene e delle orche».\r\n\r\n ","post_title":"Brand Usa presenta la destinazione Seattle e lo Stato di Washington","post_date":"2024-04-23T10:09:42+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713866982000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466029","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abbiamo raggiunto telefonicamente Federico Scaramucci, candidato sindaco di Urbino che ci ha parlato della sua idea della città e dell'interazione fra territorio e turismo.\r\n\r\n«Guardi noi vogliamo lanciare una sfida che non vale per i prossimi quattro anni, ma che possa valere anche per altri dieci e  vent'anni. Vogliamo, oltre naturalmente alla sanità che rimane al primo posto, valorizzare le eccellenze del territorio. Puntiamo inoltre a costruire un progetto di sviluppo insieme all'università di Urbino, che punti alla creazione di posti di lavoro. Per far sì che i giovani che vivono e studiano qui possano costruire il loro progetto di vita nella nostra città. C'è in oltre l'idea di avere rapporti sempre più stretti con i comuni del territorio affinché vengano migliorati i servizi; perché questa è la vera sfida».\r\nPotenzialità enormi\r\n«Il mio intento è quello di far tornare la città di Urbino centrale nel dibattito culturale. Le potenzialità sono enormi, come enorme è la storia di questa città. Per molti anni, questi aspetti sono stati messi poco alla luce. Ecco, è arrivato il momento di riprendersi la città a metterla in un progetto che la ponga in risalto anche nel panorama nazionale”\r\n\r\n«Naturalmente questa riorganizzazione avrà un impatto importante per il turismo, sia per la città che per il territorio circostante. Per sviluppare anche questo aspetto della vita di una città come Urbino sarebbe necessario agganciarci ai grandi eventi culturali che hanno una forza di richiamo straordinario. Insomma noi abbiamo in testa un nuovo protagonismo della città e in questo nuovo protagonismo anche cultura e turismo faranno la loro parte importante»","post_title":"Scaramucci (Urbino): «Vogliamo un nuovo protagonismo della nostra città»","post_date":"2024-04-22T11:20:14+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713784814000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466014","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Posti in allotment sui voli e prezzo bloccato a prescindere dalla stagionalità sugli 11 itinerari programmati in Nord America. Il prodotto Usa firmato Guiness conosce una crescita notevole basata su diversi fattori: la destagionalizzazione e la diversificazione dell’offerta, l’aumento degli itinerari dalla componente esperienziale. Inoltre, la maggior parte dei tour si avvale di voli diretti Ita.\r\n\r\nSi parte da New York, porta d’ingresso degli States, con un soggiorno nel cuore di Manhattan, a due passi da Times Square, presso Il Marriot Marquis. Gli itinerari dedicati alla Grande Mela sono aumentati a tre, per un totale di 30 partenze fino ad aprile 2025, passando per le festività natalizie e il Capodanno: New York Prestige (otto giorni) è la proposta ideale per i viaggiatori interessati a un approfondimento culturale della metropoli, mentre New York – la Grande Mela, di sette giorni, rappresenta il giusto mix tra tempo libero e visite guidate. New York in Libertà (otto giorni) permette di visitare la città in completa autonomia, con il supporto h24 dell’accompagnatore in partenza dall’Italia sempre al seguito.\r\n\r\nSulla costa Est degli States, le grandi città come Boston, Philadelphia e Washington si aprono ai vasti spazi del Canada (le Niagara Falls) e Toronto, grazie ai due itinerari Usa & Canada – il Grande Est Prestige (nove giorni) e Usa & Canada – Meraviglie dell’Est Prestige (11 giorni). Chicago è al centro di due suggestivi tour: Boston – Chicago – New York (dieci giorni), il triangolo delle metropoli, e Chicago & il Sud (11 giorni), alla scoperta dell’anima soul, jazz e blues del Nord America. L’energia di Miami, città glamour e di atmosfere caraibiche allo stesso tempo, è la cartolina del Gran Tour Florida (durata dieci giorni), che tocca anche Key West, base di Ernest Hemingway, e Orlando, sede dei celebri Universal Studios. Gli intramontabili classici dei parchi nazionali, il mito dell’Arizona e della California sono infine i motori trainanti della costa Ovest: vasti spazi dove si concretizza il mito della frontiera, città, catene montuose e coste. Sono questi gli highlights del Gran Tour Usa- Il Grande Ovest (12 giorni), il Gran Tour California Prestige (11 giorni) e il Gran Tour il Vecchio West (18 giorni).\r\n\r\n ","post_title":"Cresce l'offerta Guiness sugli Usa: più itinerari in diverse stagioni e dai tratti esperienziali","post_date":"2024-04-22T10:25:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1713781526000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465999","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova sala check-in, controlli di sicurezza con macchine radiogene di ultima generazione e ampliamento degli spazi alle partenze dei voli extra-Schengen con la creazione di due nuovi gate di imbarco: l'aeroporto di Milano Bergamo ha presentato i lavori ampliamento del terminal passeggeri e precisamente dell’area partenze.\r\n\r\nLa tabella di marcia prevede che entro la primavera 2025 sarà disponibile la nuova sala check-in con aggiunta di 22 banchi dedicati alle operazioni di accettazione e il completamento delle opere nel novembre 2025.\r\n\r\nSacbo, la società di gestione dello scalo bergamasco, ha investito 41 milioni di euro a base d’asta di risorse finanziarie proprie. Al termine dei lavori, la sezione est del terminal passeggeri crescerà di 3.720 mq al piano terra, consentendo l’allargamento della sala check-in e l’ampliamento del sistema di controllo radiogeno dei bagagli da stiva (Bhs).\r\n\r\nAl primo piano si aggiungeranno 7.400 mq di superficie per ospitare i controlli di sicurezza, con 14 postazioni di tipo C3 per l’analisi del contenuto del bagaglio a mano senza più di tirare fuori il computer o altri strumenti elettronici e i liquidi, una nuova area duty free (che passa dagli attuali 600 a 1.600 mq) e spazi più ampi agli imbarchi extra-Schengen.\r\n\r\n«Abbiamo scelto uno slogan che riassumesse l’obiettivo degli interventi di adeguamento degli spazi aeroportuali, e dunque “più spazi, più comfort, più veloci, più lontano” – ha dichiarato Giovanni Sanga, presidente di Sacbo – Un investimento importante che permette di guardare al futuro sempre nell’ottica della sostenibilità, tenuto conto che la fine delle opere di ampliamento del terminal passeggeri precederà l’apertura del collegamento ferroviario diretto con l’aeroporto. Oltre a facilitare l’accessibilità, nell’ottica della multimodalità, il nostro obiettivo è rendere il terminal passeggeri sempre più accogliente, funzionale e gradevole, agevolando le operazioni di accettazione e dei controlli di sicurezza e consentendo di godere tutti i servizi nel tempo di permanenza dei passeggeri in aerostazione».","post_title":"Aeroporto Milano Bergamo: i dettagli dell'ampliamento del terminal passeggeri","post_date":"2024-04-22T08:55:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713776145000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465954","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea ha inaugurato oggi il nuovo collegamento da Olbia a Brest: la rotta, operata in esclusiva dalla compagnia spagnola, sarà servita con due frequenze settimanali, il lunedì e il venerdì, e un’offerta complessiva di oltre 20.000 posti in vendita. \r\n“Con il volo inaugurale di oggi per Brest, mettiamo a segno un altro importante risultato presso lo scalo sardo – ha commentato Valeria Rebasti, international market director di Volotea -. La Sardegna rappresenta per noi un mercato primario e siamo entusiasti di riuscire a portare un numero sempre maggiore di turisti verso l’isola grazie ai tanti collegamenti disponibili. Siamo qui per rimanere e confermiamo anche per il 2024 il nostro impegno a livello locale, attraverso un’offerta di destinazioni davvero ampia, tra cui il collegamento in continuità territoriale Olbia-Roma Fiumicino.”\r\nPer il 2024, sono 28 le rotte operate da Volotea presso l’aeroporto di Olbia, 14 verso l’Italia (Ancona, Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano Bergamo, Napoli, Palermo, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Venezia e Verona) e 14 verso l’estero, 4 in Spagna (Barcellona, Bilbao, Madrid e Valencia) e 10 in Francia (Bordeaux, Brest, Deauville, Lille, Lione, Marsiglia, Nantes, Parigi Orly, Strasburgo e Tolosa).","post_title":"Volotea ha aperto oggi la nuova rotta da Olbia a Brest","post_date":"2024-04-19T13:10:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713532230000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465936","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465939\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Foto Beatrice Pilotto[/caption]\r\n\r\nMasseria AuraTerrae il punto di partenza ideale per scoprire un territorio ricco di perle uniche, tra borghi storici, di mare e di terra ed esperienze local.\r\n\r\nL'antica dimora, rinnovata e trasformata in una struttura di pregio, fonde abilmente le tracce del passato con il comfort moderno.\r\n\r\nOltre ad esperienze sensoriali uniche da sperimentare all’interno della struttura, propone coinvolgenti attività da vivere sul territorio, tra mare e terra: inediti tour in barca che prevedono la visita alla costa di Polignano ed a tutte le sue famose grotte marine, guida a bordo e aperitivo pugliese a fine tour; alcuni tour partono da San Vito, località attigua a Polignano. Altre escursioni arrivano fino a Monopoli. Chi lo desidera, può partecipare anche a tour romantici al tramonto, con biblioteca marina, musica e aperitivo ed anche godere di un’intera imbarcazione in esclusiva, per feste private a bordo.\r\n\r\nMa la vera novità del 2024,  è l’esperienza autentica di pesca turismo con pesca sostenibile all’aragosta sulle secche di Polignano a Mare e Monopoli, in compagnia di veri pescatori locali: si partecipa a tutte le attività dell'equipaggio a bordo, alla colazione con i pescatori, si imparano a conoscere pesci e attrezzature di pesca; è incluso un delizioso momento di condivisione del pescato fresco appena colto.\r\n\r\nPer chi ama esplorare l’entroterra, la struttura organizza romantici tour in carrozza per conoscere i dintorni, tra piacevoli stradine di campagna e scorci panoramici con vista sul mare. O ancora piacevoli e-bike tour (di circa 4 h) che, attraversando caratteristiche contrade ricche di vigneti ed uliveti, accompagnano a due piccoli borghi tutti da scoprire: Conversano, con  il suo centro storico ed i meravigliosi monumenti.\r\n\r\nAuraTerrae offre l’opportunità di scoprire anche autonomamente le mete circostanti più note: oltre alla vicina Polignano, a soli 15 min di auto, si trovano le sopracitate Conversano e Monopoli, o ancora le Grotte di Castellana, spettacolare complesso di cavità sotterranee di origine carsica.\r\n\r\nMa AuraTerrae è anche l’hotel perfetto da cui partire alla scoperta di borghi e città interessanti, ma meno conosciuti: come ad esempio Rutigliano, patria dei fischietti in terracotta; Bitetto, un borgo storico che è un viaggio sulle tracce dei Templari; Adelfia, un inno al folklore delle feste popolari; Casamassima, l’unico borgo azzurro in Italia.\r\n\r\nSu richiesta, la struttura organizza transfer con NCC su itinerari selezionati e noleggio auto senza conducente.","post_title":"Masseria AuraTerrae, tour e attività per vivere sul territorio, tra mare e terra","post_date":"2024-04-19T12:48:16+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1713530896000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465943","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dalle sponde dei laghi di Garda, Iseo ed Idro ai monti della Valle Camonica, della Valle Sabbia e della valle Trompia, dalle dolci colline della Franciacorta alla verde pianura solcata dallo scorrere lento del fiume Oglio, la provincia di Brescia, con la sua incredibile varietà di paesaggi,propone attività ed eventi tra parchi, giardini, limonaie e orti botanici.\r\n\r\nIl lago di Garda è in primavera un’esplosione di fioriture, una cornice perfetta per tonificanti giornate nella natura, in uno dei contesti paesaggistici più affascinanti del Belpaese.\r\n\r\nBen quattro i siti del circuito Grandi Giardini Italiani. A Gardone Riviera si trovano il Giardino Botanico André Heller e i giardini del Vittoriale degli Italiani, dimora di Gabriele D’Annunzio.  Rientrano nel circuito dei Grandi Giardini Italiani anche l’Isola del Garda - gioiello circondato d’acqua con la villa in neogotico veneziano e sontuosi giardini - e la Rocca di Lonato abbracciata da un grande parco, straordinario esempio di bosco ceduo con olivi, vigne e specie spontanee e scenografici pendii erbosi. Di grande fascino anche i giardini all’italiana con scalinate, statue, fontane e i resti dell’antica limonaia, inseriti in un parco di oliveti e agrumeti, di Villa Bettoni a Gargnano. Una chicca per veri appassionati è l’Orto botanico G.E.Ghirardi di Toscolano Maderno.\r\n\r\nTutelate e ristrutturate come si deve a un patrimonio storico e culturale di grande valore, le caratteristiche limonaie dell’Alto Garda costituiscono già da sole motivo di una o più escursioni di primavera in riva al lago.\r\n\r\nColline, vigneti e molto di più: la Franciacorta è la meta perfetta per una giornata tra verde, storia, cultura, cantine eccellenti dove sostare. In primavera, poi, ci sono piacevoli motivi in più, legati al verde e alla natura, per visitarla.\r\n\r\nCastello Quistini - Rovato: a partire dal primo weekend di maggio, tutti i fine settimana riapre al pubblico lo storico roseto dell’antica dimora franciacortina. Tra mura secolari sembra di entrare in un’oasi senza tempo, con una collezione unica di rose di ogni colore, profumo e specie. Tra le tante varietà, quelle inglesi di David Austin.\r\n\r\nNella cornice già spettacolare delle celebri colline di Franciacorta, ammantate di pregiati vigneti, la mostra-mercato di rose ed erbacee perenni nell’antico borgo di Bornato (Cazzago San Martino) è diventata un appuntamento primaverile imperdibile. Quella in calendario dal 17 al 19 maggio è la 25° edizione.\r\n\r\nAnche il lago d’Iseo e la Valle Camonica e fanno da scenari ad aree botaniche, oasi naturali e parchi tutti da godere. Dove il lago d’Iseo incontra la Franciacorta, la magnifica Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino è  un luogo magico dove l’incontro tra acqua e terra dà vita a una zona di grande interesse naturalistico.\r\n\r\nRisalendo dal lago alla Valle Camonica, a Paisco Loveno, nella laterale Valle Allione, il Giardino Botanico Alpino Vivione è un’area di divulgazione scientifica con oltre 400 specie tipiche delle Orobie orientali, una xiloteca (raccolta di legni) e un’aula didattica arricchita da oggetti curiosi sul mondo degli insetti e dei minerali.\r\n\r\nCon i suoi panorami aperti, punteggiati di castelli ben conservati e da antichi borghi, la Bassa Bresciana si offre alla primavera come una tela da riempire di ogni colore, in cui immergersi durante un’escursione all’insegna del relax. Tra gli spazi verdi con le loro sorprese da non farsi sfuggire, il Parco Angelo e Lina Nocivelli a Verolanuova con i suoi coreografici giochi d’acqua, l’area attorno al Castello Bonoris a Montichiari con 3 ettari di  parco all’inglese dagli alberi secolari e l’armonioso giardino pensile “segreto” con vista, l’imponente Castello di Padernello circondato dalle acque e il vicino Ponte San Vigilio di Giuliano Mauri (il “tessitore del bosco”, primo artista italiano entrato a far parte nel 1981 del movimento Art in Nature), un’installazione artistica di grande suggestione per una coinvolgente esperienza olistica a stretto contatto con la natura.\r\n\r\nCon i suoi grandi parchi, le colline ricche di sentieri panoramici e il mitico Monte Maddalena (“la montagna dei bresciani”), Brescia è un luogo dove ci si può svagare in relax nella natura con la famiglia e praticare sport e trekking lontani dal traffico e dalla calca.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Visit Brescia, escursioni ed eventi tra parchi, giardini e limonaie","post_date":"2024-04-19T12:47:52+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713530872000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti