28 September 2022

Parma, tre giorni di eventi per il restyling e la riapertura di San Francesco del Prato

[ 0 ]

Dopo un’attesa lunga secoli, San Francesco del Prato di Parma si prepara a inaugurare ufficialmente, domenica 3 ottobre 2021, l’inizio della sua nuova vita. Dopo 700 giorni effettivi di cantiere, interrotti solo dal Festival Verdi e i fermi dovuti alla pandemia, la chiesa, recuperata e restaurata grazie ad un grande lavoro collettivo, che ha previsto anche il salto di due classi sismiche, torna alla città e al culto. Il coordinamento del progetto di recupero è a cura dell’architetto Giorgio Della Longa.

Il giorno precedente, sabato 2 ottobre, si terrà una veglia di preghiera della Schola gregoriana, offrendo un’ora di spiritualità nel segno della tradizione musicale del Rito Romano e della cultura occidentale.

Il momento dell’attesissima restituzione della chiesa alla città di Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020+21 avverrà domenica 3 ottobre, alle ore 10. La dedicazione sarà il momento culminante di un evento dalle molteplici sfaccettature. Non ultime, quelle spirituali, spettacolari e musicali, incarnate dal Concerto inaugurale, alle ore 18:30, de “I Musici di Parma”, articolato su composizioni di J. S. Bach, con la partecipazione straordinaria di musicisti come Marco Zoni (primo flauto della Scala), Christoph Hartmann (oboe dei Berliner), Francesco Tagliavini (violinista della Scala). Ingresso libero con prenotazione obbligatoria inviando email entro il 30 settembre a segreteria@imusicidiparma.it

Alle ore 21 ricorrerà il Transito di San Francesco. Presiede Mons. Enrico Solmi, Vescovo di Parma, predica fra’ Riccardo Barile, O.P., con la presenza delle Famiglie Francescane di Parma. Uno speciale spettacolo di suoni e immagini 3D con il racconto della storia di San Francesco del Prato, realizzato dall’agenzia Areaitalia, sarà proiettato il 3 e il 4 ottobre sulla facciata della chiesa. Tutti potranno partecipare, ammirando il vidomapping dal piazzale antistante.

Il conferimento dall’Università di Parma, lunedì 4 ottobre, della Laurea Magistrale Honoris Causa in Relazioni Internazionali ed Europee al Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, aggiunge un ulteriore elemento di prestigio e solennità alle celebrazioni della riconsacrazione, un’occasione unica, che unisce liturgia e cultura e che vede San Francesco fornire uno sfondo d’eccezione a una cerimonia di grande valore. Ingresso su invito.

Promosso dal Comitato per San Francesco del Prato, il cantiere della chiesa è stato gestito e diretto dal project manager Francesco Saverio Borrini e dal responsabile amministrativo Luigi Olivieri. Il recupero della chiesa è realizzato grazie al contributo del main donor Fondazione Cariparma, con il patrocinio e il sostegno di Comune di Parma, Parma Capitale della Cultura 2020+2021, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Emilia Romagna, Diocesi di Parma e Frati Minori Conventuali, la partnership istituzionale dell’Università di Parma e Teatro Regio, il patrocinio e il sostegno di Famiglia Alberto Chiesi, Crédit Agricole Italia, Barilla, SCIC Italia, FAAC, XLite, e gli sponsor tecnici: Areaitalia agenzia di comunicazione, Centro Grafico, DS De Simoni, LEN, Metalbox, MacroCoop, Mediagroup98 e Top Service.

«San Francesco del Prato ha rappresentato in questi anni il simbolo di un pensiero e di un impegno comune – spiega Michele Guerra, assessore alla cultura del comune di Parma – che ha visto la città stringersi attorno ad una chiesa che recava il segno di una spiritualità ferita, nascosta letteralmente sotto gli strati del tempo e di altri usi. Un’impresa ritenuta a lungo impossibile oggi è qui, realizzata davanti ai nostri occhi e inaugura a pochi giorni dagli 800 anni della nascita di fra’ Salimbene de Adam, la cui figura è inscindibilmente legata a San Francesco del Prato».

 

 

 

 

 

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431195 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà il 5 stelle La Caleta Resort, situato sulla costa Adeje di Tenerife, il primo indirizzo del brand Tivoli Hotels & Resorts in Spagna. La struttura, di proprietà di European Hospitality Opportunities, una joint venture tra fondi gestiti da Santander Asset Management e Signal Capital Partners Limited, era precedentemente gestita da Sheraton. Attualmente è in fase di ristrutturazione, con la sua riapertura prevista nel primavera 2023, quando sarà nuovamente operativo con un totale di 284 camere, incluse 20 suite, oltre a quattro ristoranti, due bar, dieci sale riunioni e ancora tre piscine, un centro fitness, campi da tennis e da paddle. La struttura ospiterà anche una Anantara Spa: uno spazio in cui le antiche tradizioni termali e l’arte del benessere si combinano con le tecniche moderne. Da segnalare pure la collaborazione dello stesso brand Tivoli con lo chef portoghese Olivier da Costa per lo sviluppo e l'implementazione di nuovi concept f&b. Con un portfolio di 16 strutture in quattro Paesi differenti, il marchio Tivoli è di proprietà di Minor Hotels ed è gestito da Nh Hotel Group in Europa. Per il ceo di quest'ultima compagnia, Ramón Aragonés, questa operazione rappresenta un importante salto di qualità per il brand e per l'azienda nel suo complesso: "Nel corso di quest'anno, l'impegno combinato e simultaneo su destinazioni sia leisure sia business ha rafforzato la nostra capacità di ripresa. L'ingresso di Tivoli in Spagna, con un resort caratteristico come La Caleta a Tenerife, ci permette di fare un ulteriore passo strategico in avanti, aggiungendo questa destinazione a quelle già esistenti del brand in Portogallo, Brasile, Qatar e Cina. In futuro, espandere l'impronta di Tivoli attraverso resort di alta qualità sarà per noi una priorità". [post_title] => Il gruppo Nh prepara il debutto spagnolo del brand Tivoli a Tenerife [post_date] => 2022-09-27T12:31:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664281867000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431144 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non più Sea, Asia, Sudamerica e Australia Explorer, ma un solo nome, World Explorer, a racchiudere l'offerta mondo nata dai 50 anni di esperienza di Africa Explorer, che invece rimane a sottolineare la profonda specializzazione dell'operatore milanese sul continente Nero. Il tutto accompagnato da un cambio, anche visivo, dei rispettivi loghi, che ora racchiudono i colori della terra, del cielo stellato, dei deserti e della savana, con linee pulite unite da un tratto grafico volto sintetizzare la sostanza dei viaggi proposti. La novità nasce dall'esigenza di dare omogeneità all'offerta del to.  “È stata un’estate, quella che si è appena conclusa, di deciso rilancio - racconta il titolare, Alessandro Simonetti, figlio del fondatore Francesco -. Abbiamo lavorato moltissimo e siamo tornati a portare i nostri clienti in Africa e in numerose altre parti del mondo. Abbiamo raccolto apprezzamenti e ringraziamenti, perché in ogni luogo raggiunto i nostri viaggiatori hanno trovato professionalità e servizi eccellenti. Era giunto, quindi, il momento di segnare, anche visivamente, un passaggio tra un prima, vessato dalla crisi pandemica che ci ha quasi messo in ginocchio, e un dopo, che per noi inizia oggi, con un nuovo look e una più netta definizione del nostro prodotto: da un lato la nostra storia, ovvero African Explorer, e dall’altro il nostro futuro prossimo, World Explorer”. [post_title] => World e African Explorer cambiano logo e riposizionano l'immagine della compagnia [post_date] => 2022-09-27T09:53:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664272419000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431127 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riprendere le attività di promozione del Giappone, insieme al trade e spingere maggiormente alcuni segmenti di turismo come quelli legati a sostenibilità ambientale, avventura, lusso e Mice. Queste alcune delle priorità nel breve termine indicate da Satoshi Seino, presidente della Japan National Tourism Organization (Jnto), in seguito all'annuncio da parte del governo del Giappone della riapertura dei confini anche ai turisti individuali.  “Dopo più di due anni di immensi sacrifici da parte dei partner del settore è stato finalmente annunciato il ripristino dei viaggi individuali a scopo turistico – ha commentato Seino -. Anche nel corso della pandemia Jnto ha continuato a lavorare a stretto contatto con gli enti locali, i dmo, le compagnie aeree domestiche e internazionali per prepararsi alla riapertura dei flussi inbound. Sulla scia della rimozione del divieto ai viaggi individuali, del ripristino dell’esenzione dal visto e della rimozione del tetto giornaliero agli arrivi intendiamo riprendere a pieno regime le attività promozionali congiunte con compagnie aeree e agenzie di viaggi. Intendiamo poi affiancare turismo sostenibile, d’avventura, luxury e Mice alla promozione di quelli che sono stati, finora, i punti di forza dell’offerta giapponese come cultura, storia, natura e cucina per accogliere al più presto e in tutto il Giappone i visitatori internazionali". Questa riapertura " rappresenta un nuovo inizio per il Giappone e permetterà a numerosi turisti stranieri di visitare il nostro Paese, con una conseguente rivitalizzazione delle aree rurali". Dal prossimo 11 ottobre, quindi, ai viaggiatori individuali sarà semplicemente richiesto di presentare il certificato vaccinale con indicazione delle tre dosi effettuate o, in alternativa, un tampone negativo ad almeno 72 ore dall’ingresso nel Paese. [post_title] => Giappone, Jnto: "Riprendiamo la promozione con il trade. Dal turismo green, a lusso e Mice" [post_date] => 2022-09-27T09:00:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664269236000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431071 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi investimenti, progetti e aperture, nonché il restyling di alcune delle strutture esistenti. Saranno questi i temi della partecipazione di Sandals Resorts International al prossimo Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre (pad C3, stand 012). “Ci fa molto piacere rinnovare la nostra presenza a Rimini, uno dei momenti b2b più importanti per il settore – conferma Christian Casagrande, sales manager Southern Europe di Sri –. E per noi un’opportunità d’incontro e confronto irrinunciabile con gli addetti ai lavori, nonché occasione preziosa per promuovere il nostro brand”. Continuano, inoltre, i festeggiamenti per i 40 anni di attività nell’ambito dell’ospitalità del brand. “La regione caraibica sta facendo registrare numeri davvero inaspettati, a ritmi più elevati addirittura rispetto al periodo pre-pandemico – continua Casagrande –. Con grande soddisfazione possiamo perciò annunciare che il 2022 sarà per noi un anno record di vendite globali e il 2023 sta già facendo registrare un buon numero di prenotazioni”. Tra i principali progetti di Sri nell’area caraibica, segnaliamo l’aumento del numero di camere, sia attraverso l’apertura di nuovissimi resort come il Sandals Royal Curaçao, inaugurato lo scorso 1° giugno, primo resort del brand nei Caraibi olandesi, e il Sandals Dunn’s River in Giamaica (apertura prevista per il 24 maggio 2023), sia investendo nelle proprietà esistenti come per il Sandals Royal Bahamian riaperto a gennaio 2022 dopo un restyling completo. Sono inoltre previsti altri due resort in Giamaica (un Sandals Resorts e un Beaches Resorts) ed è stata presentata di recente la campagna di investimento prevista per febbraio 2023 sull’isola di St. Lucia, dove Sri già possiede tre resort all-inclusive di lusso (Sandals Regency La Toc, Sandals Grande St. Lucian e Sandals Halcyon Beach). Non da ultimo, nel 2023 la società presenterà un nuovo resort con il brand Beaches Resorts a St. Vincent. Struttura che va ad aggiungersi ai tre resort già esistenti con questo brand dedicato alle famiglie in Giamaica e alle Turks&Caicos. Per il 2023, Sandals Resorts ha inoltre in programma numerose attività di marketing e partnership con tour operator italiani e altri protagonisti del settore per la promozione del proprio prodotto: “Vorrei ringraziare i nostri partner per il loro impeccabile supporto durante il picco della pandemia. Sono felice di confermare che stiamo collaborando nuovamente con i principali tour operator italiani che programmano i Caraibi e che le nostre partnership sono le stesse del 2019”, conclude Casagrande. Nuove sessioni di formazione, partecipazioni a eventi, attività di co-marketing e supporto ai partner sono tra i principali focus per il 2023 per promuovere il brand alle agenzie di viaggio e aiutarli ad aumentare la vendita dei Sandals Resorts e dei Beaches Resorts.   [post_title] => Casagrande, Sandals: il 2022 anno record per le vendite globali [post_date] => 2022-09-26T10:56:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664189766000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431066 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431069" align="alignleft" width="300"] Francesco e Riccardo Lazzarini con la director of sales and marketing, Daniela Baldelli[/caption] Dal Donna Laura Palace, il villino affacciato sul Lungotevere nel quartiere Prati che ha appena completato i lavori della facciata e del giardino interno, fino all’hotel Imperiale che darà nuovo lustro a via Veneto, con la facciata totalmente restaurata in fase di ultimazione. Il tutto passando anche dal Rose Garden Palace, il boutique hotel di via Boncompagni, che oltre ai lavori per riportare a nuova luce la facciata, verrà completamente rinnovato negli arredi e nel design, attraverso diverse fasi che interesseranno sia le camere per gli ospiti sia le aree comuni, con una particolare attenzione al giardino interno. Omnia Hotels continua a investire su Roma, nonostante le criticità degli anni recenti, quando la compagnia ha dato peraltro vita pure a una nuova apertura. Da segnalare anche i lavori allo Shangri La Roma Eur che, dopo aver completato la ristrutturazione delle camere e delle aree comuni, ora avvia lo sviluppo dell’area congressuale, con una prima realizzazione di una sala modulare di circa 200 metri quadrati, fruibile per riunioni ed eventi o addirittura come estensione del ristorante, che verrà completata entro metà ottobre. A questa seguirà poi la realizzazione del centro congressi di 1.500 metri quadrati, con piscina e aree esterne per gli ospiti, che vedrà la luce nel 2023. Un ulteriore sviluppo sarà portato avanti nel 2024: prevede un incremento di 70 camere per gli ospiti e la realizzazione del nuovo ristorante Shangri La. “Il nostro gruppo è nato pochi mesi prima del lock down ma non per questo abbiamo smesso di crederci – sottolinea il ceo Francesco Lazzarini, che insieme al fratello Riccardo ha creato Omnia Hotels da un’impresa di famiglia -. Nel 2021 abbiamo aperto un albergo, il St. Martin, a seguito della completa ristrutturazione di un edificio in disuso, riqualificando così anche la zona. Ci siamo impegnati nelle collaborazioni con alcuni dei grandi eventi della città di Roma e ora continuiamo nel nostro percorso di crescita e sviluppo, con una particolare attenzione alla formazione dei collaboratori, fulcro dell’ospitalità, e alla valorizzazione del patrimonio edilizio". Attualmente il portfolio della compagnia comprende sette strutture totali, tutte situate a Roma. [post_title] => Prosegue l'impegno di Omnia Hotels su Roma: quattro gli indirizzi in fase di restyling [post_date] => 2022-09-26T10:14:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664187261000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431029 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo i primi rumours che davano l'inaugurazione per il quarto trimestre di quest'anno, arriva ora la comunicazione ufficiale che situa in realtà a inizio 2023 il debutto del nuovissimo Six Senses Rome (le prenotazioni sono peraltro già aperte, ndr). L'urban resort capitolino sarà la prima struttura del brand in Italia: un'oasi verde nella frenesia di via del Corso ricavata dalla conversione di palazzo Salviati Cesi Mellini, un edificio del quindicesimo secolo. L'hotel disporrà di 96 camere e suite decorate con la tecnica del cocciopesto: uno speciale intonaco usato nell’antica Roma, con Travertino di origine locale e con elementi grafici che richiamano la natura. Gli spazi ventilati, le terrazze soleggiate, i soffitti alti e le ampie vetrate pongono poi l’accento sul benessere e sulla convivialità. I lavori di restauro dell’hotel hanno quindi portato agli antichi splendori la facciata originale del palazzo e la scala monumentale. Anche il fronte dell’adiacente chiesa di San Marcello al Corso, uno dei migliori esempi del Barocco italiano, è stata recentemente restaurata e rappresenta il primo progetto di sostenibilità di Six Senses Rome, in un’ottica di riqualificazione della zona. Gli interni hanno uno stile contemporaneo caratterizzato da elementi architettonici sostenibili e di design; il tutto arricchito da piante ornamentali e luce naturale in spazi aperti e ariosi. Il concept dell’hotel è frutto della visione di Patricia Urquiola. La strutture includerà pure, al piano terra, il Bivium Restaurant-Café-Bar con cucina a vista, grill Josper e il forno a legna. Curato dall’executive chef Nadia Frisina, il menu proporrà piatti tipici locali e ingredienti rigorosamente stagionali. All’ultimo piano, il Notos Rooftop consente di gustare assaggi e drink con vista a 360 gradi sulla città. La spa interna offrirà poi l'esperienza delle antiche terme romane con tanto di calidarium, tepidarium e frigidarium in un percorso di 60 minuti. Presenti pure un Hammam, aree biohacking e meditazione, sauna, terrazza per yoga all’aperto, fitness center e cinque sale per trattamenti, di cui una per coppie. Grazie all’Alchemy bar ci sarà pure la possibilità di conoscere il potere terapeutico di erbe e piante. Six Senses Rome sta infine preparando per i suoi ospiti delle esperienze esclusive behind-the-scene, alla scoperta di luoghi magici della città come Palazzo Colonna, Galleria Borghese e Doria Pamphilj. A disposizione persino una masterclass di pittura. “Sono onorata per l’opportunità e orgogliosa che il debutto di Six Senses in Italia avvenga proprio nella mia città - sottolinea Francesca Tozzi, general manager della struttura capitolina -. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare una nuova concezione di lusso nella città, fatto di esperienze fuori dall'ordinario, nel rispetto e nella valorizzazione della comunità locale, con un approccio divertente e fuori dagli schemi”. [post_title] => Sarà a inizio 2023 il debutto italiano di Six Senses: 96 camere e suite nel centro di Roma [post_date] => 2022-09-23T13:28:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663939706000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431004 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Isole Cook più facilmente raggiungibili grazie al nuovo volo di Air Rarotonga che collega direttamente l'arcipelago con Tahiti e lo rende quindi accessibile anche via Parigi. Oltre alle tradizionali rotte che passano da Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Australia. Il nuovo collegamento è frutto di impegni intergovernativi e di partnership fra Air Rarotonga, Air Tahiti Nui e Air Tahiti. Ulteriori pacchetti come estensioni via Usa, sono in lavorazione. “Le Isole Cook sono nuovamente aperte. Decadute tutte le restrizioni covid, si viaggia semplicemente con il passaporto – afferma Noeline Mateariki, sales marketing director dell’Ente del turismo delle Cook Islands – e non occorre nessun visto per l’ingresso”. In questi due anni, grazie agli incentivi del governo, il settore turistico è stato protetto. Le strutture turistiche hanno potuto beneficiare di ristori e soprattutto le strutture alberghiere hanno potuto effettuare un salto di qualità, upgrading in categoria superiore e di conseguenza “l’offerta turistica è stata ampliata - spiega Nicholas Costantini, general manager Southern Europe –. Il settore ha continuato a crescere grazie anche al turismo domestico che in questi due anni di pandemia non si è mai fermato”. Tutte le isole si sono preparate alla riapertura. Oggi insieme ad Aitutaki e Rarotonga, nell’offerta si aggiungono altre isole, quelle del Sud, tutte spettacolari dal punto di vista naturalistico inserendo nuovi tour alla scoperta della natura e gastronomia. Il gruppo delle isole del Nord fino a quest’anno quasi inaccessibili, è stato aperto al turismo con meravigliose lagune e i pochi abitanti. Tutte isole raggiungibili unicamente attraverso voli domestici considerate le distanze, (15 isole sparse su una superficie di 2,2 milioni di kmq) sono inseriti in tour veramente esclusivi. “A questo punto abbiamo programmato nuovi tour sulla Coral Route e Island-Hopping anche per pacchetti di pochi giorni” sottolinea Robert Skews managing director della Turama Pacific Travel Group. [post_title] => Isole Cook aperte e più facilmente raggiungibili, grazie ai voli di Air Rarotonga [post_date] => 2022-09-23T10:58:46+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663930726000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430994 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All Nippon Airways aumenterà i voli internazionali e così come i livelli di personale di bordo per far fronte al previsto aumento della domanda quando il Giappone abolirà i controlli alle frontiere per il Covid, dal prossimo 11 ottobre. "Abbiamo atteso a lungo l'allentamento delle restrizioni - ha dichiarato il ceo della compagnia Shinichi Inoue, ripreso da Bloomberg -. Vogliamo accogliere i visitatori da oltreoceano con un aumento dei voli". Ana ha già registrato un miglioramento dei risultati, beneficiando della graduale riduzione delle restrizioni di viaggio a livello globale, che hanno contribuito a ridurre la perdita operativa del primo trimestre fiscale a circa 9,3 milioni di dollari. A luglio la compagnia ha trasportato 330.796 passeggeri a livello internazionale, rispetto ai 197.571 di aprile. L'operativo internazionale di agosto contava 710 voli settimanali e 36 città servite. Inoue non ha specificato quanti altri voli saranno aggiunti, ma il mese scorso la compagnia aerea ha dichiarato che prevede di aumentare i voli in Nord America a circa il 90% dei livelli pre-pandemia a partire dal 30 ottobre. Il ceo ha inoltre già evidenziato una forte domanda per i viaggi a Honolulu e da Singapore.      [post_title] => Ana aumenta i voli internazionali in vista della riapertura delle frontiere del Giappone [post_date] => 2022-09-23T10:06:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663927572000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430955 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come anticipato lo scorso maggio da noi di Travel Quotidiano, arriva ora la conferma ufficiale dell'approdo in Italia del brand di luxury boutique hotel Edition, parte del gruppo Marriott. Questi ha infatti annunciato la firma dell'accordo con la proprietà, rappresentata da Bain Capital e da Omnam Group, attraverso un fondo gestito dall'asset management company Ktyalos sgr. Il Lake Como Edition dovrebbe aprire nel 2025, a seguito del restyling e riposizionamento dell'ex 5 stelle Britannia Excelsior. La nuova struttura sarà dotata di 145 camere, incluse due penthouse suite, di un lobby bar, di una piscina galleggiante, nonché di diversi ristoranti e bar affacciati sul lago di Como Quella relativa al Britannia Excelsior rappresenta in particolare a la prima operazione della joint venture tra il gruppo Omnam e Bain Capital. Proprio Bain Capital ha acquisito l’asset lo scorso ottobre, per una transazione dal valore stimato di 50 milioni di euro, pari a circa 175 mila euro a camera. La struttura originaria vantava infatti un totale di 285 chiavi, inclusi gli appartamenti situati in un edificio adiacente al corpo principale dell’hotel. La pipeline di Edition in Italia comprende anche l’apertura di un hotel a Roma di 95 camere, nonché di un’altra struttura a Milano da 116 stanze. Il gruppo Omnam è invece attivamente coinvolto in diversi altri sviluppi a 5 stelle, tra cui il W Roma (recentemente aperto), e i Four Seasons Puglia (Costa Merlata) e Baccarat Firenze (Villa Camerata). [post_title] => Arriva la conferma: il marchio Edition (Marriott) approda sul lago di Como [post_date] => 2022-09-22T12:28:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663849688000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "parma tre giorni eventi restyling la riapertura san francesco del prato" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":60,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1360,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431195","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà il 5 stelle La Caleta Resort, situato sulla costa Adeje di Tenerife, il primo indirizzo del brand Tivoli Hotels & Resorts in Spagna. La struttura, di proprietà di European Hospitality Opportunities, una joint venture tra fondi gestiti da Santander Asset Management e Signal Capital Partners Limited, era precedentemente gestita da Sheraton. Attualmente è in fase di ristrutturazione, con la sua riapertura prevista nel primavera 2023, quando sarà nuovamente operativo con un totale di 284 camere, incluse 20 suite, oltre a quattro ristoranti, due bar, dieci sale riunioni e ancora tre piscine, un centro fitness, campi da tennis e da paddle. La struttura ospiterà anche una Anantara Spa: uno spazio in cui le antiche tradizioni termali e l’arte del benessere si combinano con le tecniche moderne. Da segnalare pure la collaborazione dello stesso brand Tivoli con lo chef portoghese Olivier da Costa per lo sviluppo e l'implementazione di nuovi concept f&b.\r\n\r\nCon un portfolio di 16 strutture in quattro Paesi differenti, il marchio Tivoli è di proprietà di Minor Hotels ed è gestito da Nh Hotel Group in Europa. Per il ceo di quest'ultima compagnia, Ramón Aragonés, questa operazione rappresenta un importante salto di qualità per il brand e per l'azienda nel suo complesso: \"Nel corso di quest'anno, l'impegno combinato e simultaneo su destinazioni sia leisure sia business ha rafforzato la nostra capacità di ripresa. L'ingresso di Tivoli in Spagna, con un resort caratteristico come La Caleta a Tenerife, ci permette di fare un ulteriore passo strategico in avanti, aggiungendo questa destinazione a quelle già esistenti del brand in Portogallo, Brasile, Qatar e Cina. In futuro, espandere l'impronta di Tivoli attraverso resort di alta qualità sarà per noi una priorità\".","post_title":"Il gruppo Nh prepara il debutto spagnolo del brand Tivoli a Tenerife","post_date":"2022-09-27T12:31:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664281867000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431144","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non più Sea, Asia, Sudamerica e Australia Explorer, ma un solo nome, World Explorer, a racchiudere l'offerta mondo nata dai 50 anni di esperienza di Africa Explorer, che invece rimane a sottolineare la profonda specializzazione dell'operatore milanese sul continente Nero. Il tutto accompagnato da un cambio, anche visivo, dei rispettivi loghi, che ora racchiudono i colori della terra, del cielo stellato, dei deserti e della savana, con linee pulite unite da un tratto grafico volto sintetizzare la sostanza dei viaggi proposti.\r\n\r\nLa novità nasce dall'esigenza di dare omogeneità all'offerta del to.  “È stata un’estate, quella che si è appena conclusa, di deciso rilancio - racconta il titolare, Alessandro Simonetti, figlio del fondatore Francesco -. Abbiamo lavorato moltissimo e siamo tornati a portare i nostri clienti in Africa e in numerose altre parti del mondo. Abbiamo raccolto apprezzamenti e ringraziamenti, perché in ogni luogo raggiunto i nostri viaggiatori hanno trovato professionalità e servizi eccellenti. Era giunto, quindi, il momento di segnare, anche visivamente, un passaggio tra un prima, vessato dalla crisi pandemica che ci ha quasi messo in ginocchio, e un dopo, che per noi inizia oggi, con un nuovo look e una più netta definizione del nostro prodotto: da un lato la nostra storia, ovvero African Explorer, e dall’altro il nostro futuro prossimo, World Explorer”.","post_title":"World e African Explorer cambiano logo e riposizionano l'immagine della compagnia","post_date":"2022-09-27T09:53:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664272419000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431127","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riprendere le attività di promozione del Giappone, insieme al trade e spingere maggiormente alcuni segmenti di turismo come quelli legati a sostenibilità ambientale, avventura, lusso e Mice. Queste alcune delle priorità nel breve termine indicate da Satoshi Seino, presidente della Japan National Tourism Organization (Jnto), in seguito all'annuncio da parte del governo del Giappone della riapertura dei confini anche ai turisti individuali. \r\n\r\n“Dopo più di due anni di immensi sacrifici da parte dei partner del settore è stato finalmente annunciato il ripristino dei viaggi individuali a scopo turistico – ha commentato Seino -. Anche nel corso della pandemia Jnto ha continuato a lavorare a stretto contatto con gli enti locali, i dmo, le compagnie aeree domestiche e internazionali per prepararsi alla riapertura dei flussi inbound. Sulla scia della rimozione del divieto ai viaggi individuali, del ripristino dell’esenzione dal visto e della rimozione del tetto giornaliero agli arrivi intendiamo riprendere a pieno regime le attività promozionali congiunte con compagnie aeree e agenzie di viaggi. Intendiamo poi affiancare turismo sostenibile, d’avventura, luxury e Mice alla promozione di quelli che sono stati, finora, i punti di forza dell’offerta giapponese come cultura, storia, natura e cucina per accogliere al più presto e in tutto il Giappone i visitatori internazionali\".\r\n\r\nQuesta riapertura \" rappresenta un nuovo inizio per il Giappone e permetterà a numerosi turisti stranieri di visitare il nostro Paese, con una conseguente rivitalizzazione delle aree rurali\".\r\n\r\nDal prossimo 11 ottobre, quindi, ai viaggiatori individuali sarà semplicemente richiesto di presentare il certificato vaccinale con indicazione delle tre dosi effettuate o, in alternativa, un tampone negativo ad almeno 72 ore dall’ingresso nel Paese.","post_title":"Giappone, Jnto: \"Riprendiamo la promozione con il trade. Dal turismo green, a lusso e Mice\"","post_date":"2022-09-27T09:00:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664269236000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431071","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi investimenti, progetti e aperture, nonché il restyling di alcune delle strutture esistenti. Saranno questi i temi della partecipazione di Sandals Resorts International al prossimo Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre (pad C3, stand 012). “Ci fa molto piacere rinnovare la nostra presenza a Rimini, uno dei momenti b2b più importanti per il settore – conferma Christian Casagrande, sales manager Southern Europe di Sri –. E per noi un’opportunità d’incontro e confronto irrinunciabile con gli addetti ai lavori, nonché occasione preziosa per promuovere il nostro brand”.\r\n\r\nContinuano, inoltre, i festeggiamenti per i 40 anni di attività nell’ambito dell’ospitalità del brand. “La regione caraibica sta facendo registrare numeri davvero inaspettati, a ritmi più elevati addirittura rispetto al periodo pre-pandemico – continua Casagrande –. Con grande soddisfazione possiamo perciò annunciare che il 2022 sarà per noi un anno record di vendite globali e il 2023 sta già facendo registrare un buon numero di prenotazioni”.\r\n\r\nTra i principali progetti di Sri nell’area caraibica, segnaliamo l’aumento del numero di camere, sia attraverso l’apertura di nuovissimi resort come il Sandals Royal Curaçao, inaugurato lo scorso 1° giugno, primo resort del brand nei Caraibi olandesi, e il Sandals Dunn’s River in Giamaica (apertura prevista per il 24 maggio 2023), sia investendo nelle proprietà esistenti come per il Sandals Royal Bahamian riaperto a gennaio 2022 dopo un restyling completo. Sono inoltre previsti altri due resort in Giamaica (un Sandals Resorts e un Beaches Resorts) ed è stata presentata di recente la campagna di investimento prevista per febbraio 2023 sull’isola di St. Lucia, dove Sri già possiede tre resort all-inclusive di lusso (Sandals Regency La Toc, Sandals Grande St. Lucian e Sandals Halcyon Beach). Non da ultimo, nel 2023 la società presenterà un nuovo resort con il brand Beaches Resorts a St. Vincent. Struttura che va ad aggiungersi ai tre resort già esistenti con questo brand dedicato alle famiglie in Giamaica e alle Turks&Caicos.\r\n\r\nPer il 2023, Sandals Resorts ha inoltre in programma numerose attività di marketing e partnership con tour operator italiani e altri protagonisti del settore per la promozione del proprio prodotto: “Vorrei ringraziare i nostri partner per il loro impeccabile supporto durante il picco della pandemia. Sono felice di confermare che stiamo collaborando nuovamente con i principali tour operator italiani che programmano i Caraibi e che le nostre partnership sono le stesse del 2019”, conclude Casagrande. Nuove sessioni di formazione, partecipazioni a eventi, attività di co-marketing e supporto ai partner sono tra i principali focus per il 2023 per promuovere il brand alle agenzie di viaggio e aiutarli ad aumentare la vendita dei Sandals Resorts e dei Beaches Resorts.\r\n\r\n ","post_title":"Casagrande, Sandals: il 2022 anno record per le vendite globali","post_date":"2022-09-26T10:56:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664189766000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431066","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431069\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco e Riccardo Lazzarini con la director of sales and marketing, Daniela Baldelli[/caption]\r\n\r\nDal Donna Laura Palace, il villino affacciato sul Lungotevere nel quartiere Prati che ha appena completato i lavori della facciata e del giardino interno, fino all’hotel Imperiale che darà nuovo lustro a via Veneto, con la facciata totalmente restaurata in fase di ultimazione. Il tutto passando anche dal Rose Garden Palace, il boutique hotel di via Boncompagni, che oltre ai lavori per riportare a nuova luce la facciata, verrà completamente rinnovato negli arredi e nel design, attraverso diverse fasi che interesseranno sia le camere per gli ospiti sia le aree comuni, con una particolare attenzione al giardino interno. Omnia Hotels continua a investire su Roma, nonostante le criticità degli anni recenti, quando la compagnia ha dato peraltro vita pure a una nuova apertura.\r\n\r\nDa segnalare anche i lavori allo Shangri La Roma Eur che, dopo aver completato la ristrutturazione delle camere e delle aree comuni, ora avvia lo sviluppo dell’area congressuale, con una prima realizzazione di una sala modulare di circa 200 metri quadrati, fruibile per riunioni ed eventi o addirittura come estensione del ristorante, che verrà completata entro metà ottobre. A questa seguirà poi la realizzazione del centro congressi di 1.500 metri quadrati, con piscina e aree esterne per gli ospiti, che vedrà la luce nel 2023. Un ulteriore sviluppo sarà portato avanti nel 2024: prevede un incremento di 70 camere per gli ospiti e la realizzazione del nuovo ristorante Shangri La.\r\n\r\n“Il nostro gruppo è nato pochi mesi prima del lock down ma non per questo abbiamo smesso di crederci – sottolinea il ceo Francesco Lazzarini, che insieme al fratello Riccardo ha creato Omnia Hotels da un’impresa di famiglia -. Nel 2021 abbiamo aperto un albergo, il St. Martin, a seguito della completa ristrutturazione di un edificio in disuso, riqualificando così anche la zona. Ci siamo impegnati nelle collaborazioni con alcuni dei grandi eventi della città di Roma e ora continuiamo nel nostro percorso di crescita e sviluppo, con una particolare attenzione alla formazione dei collaboratori, fulcro dell’ospitalità, e alla valorizzazione del patrimonio edilizio\". Attualmente il portfolio della compagnia comprende sette strutture totali, tutte situate a Roma.","post_title":"Prosegue l'impegno di Omnia Hotels su Roma: quattro gli indirizzi in fase di restyling","post_date":"2022-09-26T10:14:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664187261000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431029","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo i primi rumours che davano l'inaugurazione per il quarto trimestre di quest'anno, arriva ora la comunicazione ufficiale che situa in realtà a inizio 2023 il debutto del nuovissimo Six Senses Rome (le prenotazioni sono peraltro già aperte, ndr). L'urban resort capitolino sarà la prima struttura del brand in Italia: un'oasi verde nella frenesia di via del Corso ricavata dalla conversione di palazzo Salviati Cesi Mellini, un edificio del quindicesimo secolo.\r\n\r\nL'hotel disporrà di 96 camere e suite decorate con la tecnica del cocciopesto: uno speciale intonaco usato nell’antica Roma, con Travertino di origine locale e con elementi grafici che richiamano la natura. Gli spazi ventilati, le terrazze soleggiate, i soffitti alti e le ampie vetrate pongono poi l’accento sul benessere e sulla convivialità.\r\n\r\nI lavori di restauro dell’hotel hanno quindi portato agli antichi splendori la facciata originale del palazzo e la scala monumentale. Anche il fronte dell’adiacente chiesa di San Marcello al Corso, uno dei migliori esempi del Barocco italiano, è stata recentemente restaurata e rappresenta il primo progetto di sostenibilità di Six Senses Rome, in un’ottica di riqualificazione della zona. Gli interni hanno uno stile contemporaneo caratterizzato da elementi architettonici sostenibili e di design; il tutto arricchito da piante ornamentali e luce naturale in spazi aperti e ariosi. Il concept dell’hotel è frutto della visione di Patricia Urquiola.\r\n\r\nLa strutture includerà pure, al piano terra, il Bivium Restaurant-Café-Bar con cucina a vista, grill Josper e il forno a legna. Curato dall’executive chef Nadia Frisina, il menu proporrà piatti tipici locali e ingredienti rigorosamente stagionali. All’ultimo piano, il Notos Rooftop consente di gustare assaggi e drink con vista a 360 gradi sulla città. La spa interna offrirà poi l'esperienza delle antiche terme romane con tanto di calidarium, tepidarium e frigidarium in un percorso di 60 minuti. Presenti pure un Hammam, aree biohacking e meditazione, sauna, terrazza per yoga all’aperto, fitness center e cinque sale per trattamenti, di cui una per coppie. Grazie all’Alchemy bar ci sarà pure la possibilità di conoscere il potere terapeutico di erbe e piante. Six Senses Rome sta infine preparando per i suoi ospiti delle esperienze esclusive behind-the-scene, alla scoperta di luoghi magici della città come Palazzo Colonna, Galleria Borghese e Doria Pamphilj. A disposizione persino una masterclass di pittura.\r\n\r\n“Sono onorata per l’opportunità e orgogliosa che il debutto di Six Senses in Italia avvenga proprio nella mia città - sottolinea Francesca Tozzi, general manager della struttura capitolina -. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare una nuova concezione di lusso nella città, fatto di esperienze fuori dall'ordinario, nel rispetto e nella valorizzazione della comunità locale, con un approccio divertente e fuori dagli schemi”.","post_title":"Sarà a inizio 2023 il debutto italiano di Six Senses: 96 camere e suite nel centro di Roma","post_date":"2022-09-23T13:28:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663939706000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431004","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Isole Cook più facilmente raggiungibili grazie al nuovo volo di Air Rarotonga che collega direttamente l'arcipelago con Tahiti e lo rende quindi accessibile anche via Parigi. Oltre alle tradizionali rotte che passano da Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Australia. Il nuovo collegamento è frutto di impegni intergovernativi e di partnership fra Air Rarotonga, Air Tahiti Nui e Air Tahiti. Ulteriori pacchetti come estensioni via Usa, sono in lavorazione.\r\n\r\n“Le Isole Cook sono nuovamente aperte. Decadute tutte le restrizioni covid, si viaggia semplicemente con il passaporto – afferma Noeline Mateariki, sales marketing director dell’Ente del turismo delle Cook Islands – e non occorre nessun visto per l’ingresso”.\r\n\r\nIn questi due anni, grazie agli incentivi del governo, il settore turistico è stato protetto. Le strutture turistiche hanno potuto beneficiare di ristori e soprattutto le strutture alberghiere hanno potuto effettuare un salto di qualità, upgrading in categoria superiore e di conseguenza “l’offerta turistica è stata ampliata - spiega Nicholas Costantini, general manager Southern Europe –. Il settore ha continuato a crescere grazie anche al turismo domestico che in questi due anni di pandemia non si è mai fermato”.\r\n\r\nTutte le isole si sono preparate alla riapertura. Oggi insieme ad Aitutaki e Rarotonga, nell’offerta si aggiungono altre isole, quelle del Sud, tutte spettacolari dal punto di vista naturalistico inserendo nuovi tour alla scoperta della natura e gastronomia. Il gruppo delle isole del Nord fino a quest’anno quasi inaccessibili, è stato aperto al turismo con meravigliose lagune e i pochi abitanti. Tutte isole raggiungibili unicamente attraverso voli domestici considerate le distanze, (15 isole sparse su una superficie di 2,2 milioni di kmq) sono inseriti in tour veramente esclusivi.\r\n\r\n“A questo punto abbiamo programmato nuovi tour sulla Coral Route e Island-Hopping anche per pacchetti di pochi giorni” sottolinea Robert Skews managing director della Turama Pacific Travel Group.","post_title":"Isole Cook aperte e più facilmente raggiungibili, grazie ai voli di Air Rarotonga","post_date":"2022-09-23T10:58:46+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663930726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430994","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"All Nippon Airways aumenterà i voli internazionali e così come i livelli di personale di bordo per far fronte al previsto aumento della domanda quando il Giappone abolirà i controlli alle frontiere per il Covid, dal prossimo 11 ottobre.\r\n\r\n\"Abbiamo atteso a lungo l'allentamento delle restrizioni - ha dichiarato il ceo della compagnia Shinichi Inoue, ripreso da Bloomberg -. Vogliamo accogliere i visitatori da oltreoceano con un aumento dei voli\".\r\n\r\nAna ha già registrato un miglioramento dei risultati, beneficiando della graduale riduzione delle restrizioni di viaggio a livello globale, che hanno contribuito a ridurre la perdita operativa del primo trimestre fiscale a circa 9,3 milioni di dollari. A luglio la compagnia ha trasportato 330.796 passeggeri a livello internazionale, rispetto ai 197.571 di aprile.\r\n\r\nL'operativo internazionale di agosto contava 710 voli settimanali e 36 città servite. Inoue non ha specificato quanti altri voli saranno aggiunti, ma il mese scorso la compagnia aerea ha dichiarato che prevede di aumentare i voli in Nord America a circa il 90% dei livelli pre-pandemia a partire dal 30 ottobre. Il ceo ha inoltre già evidenziato una forte domanda per i viaggi a Honolulu e da Singapore.\r\n\r\n    ","post_title":"Ana aumenta i voli internazionali in vista della riapertura delle frontiere del Giappone","post_date":"2022-09-23T10:06:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663927572000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430955","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come anticipato lo scorso maggio da noi di Travel Quotidiano, arriva ora la conferma ufficiale dell'approdo in Italia del brand di luxury boutique hotel Edition, parte del gruppo Marriott. Questi ha infatti annunciato la firma dell'accordo con la proprietà, rappresentata da Bain Capital e da Omnam Group, attraverso un fondo gestito dall'asset management company Ktyalos sgr. Il Lake Como Edition dovrebbe aprire nel 2025, a seguito del restyling e riposizionamento dell'ex 5 stelle Britannia Excelsior. La nuova struttura sarà dotata di 145 camere, incluse due penthouse suite, di un lobby bar, di una piscina galleggiante, nonché di diversi ristoranti e bar affacciati sul lago di Como\r\n\r\nQuella relativa al Britannia Excelsior rappresenta in particolare a la prima operazione della joint venture tra il gruppo Omnam e Bain Capital. Proprio Bain Capital ha acquisito l’asset lo scorso ottobre, per una transazione dal valore stimato di 50 milioni di euro, pari a circa 175 mila euro a camera. La struttura originaria vantava infatti un totale di 285 chiavi, inclusi gli appartamenti situati in un edificio adiacente al corpo principale dell’hotel.\r\n\r\nLa pipeline di Edition in Italia comprende anche l’apertura di un hotel a Roma di 95 camere, nonché di un’altra struttura a Milano da 116 stanze. Il gruppo Omnam è invece attivamente coinvolto in diversi altri sviluppi a 5 stelle, tra cui il W Roma (recentemente aperto), e i Four Seasons Puglia (Costa Merlata) e Baccarat Firenze (Villa Camerata).","post_title":"Arriva la conferma: il marchio Edition (Marriott) approda sul lago di Como","post_date":"2022-09-22T12:28:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663849688000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti