3 March 2024

Messner Mountain Museums: 6 località per 6 diverse mostre e 6 esperienze

[ 0 ]

Reinhold Messner

Reinhold Messner lo conosciamo tutti, un alpinista di fama mondiale che ha scalato tutti gli “ottomila” del pianeta.  L’alpinista estremo, autore di libri ed ex politico è nato nel 1944 a Bressanone e, dal 1969, ha compiuto più

di 100 escursioni in montagna e nei deserti di tutto il mondo. Ha realizzato molti primati tra cui la traversata dell’Antartide, i deserti del Gobi e del Takla Makan e la traversata longitudinale della Groenlandia. Negli ultimi anni Reinhold Messner si è dedicato alla fondazione di diversi musei, i Messner Mountain Museums, in Alto Adige il cui oggetto è, ovviamente, la montagna, sotto diversi aspetti e angoli visuali.

Messner, ha spesso affermato che il suo ambizioso progetto rappresenta, in qualche modo, la sua ultima conquista di un “ottomila”: sarebbe la quindicesima. Ma la passione con cui parla, vive e diffonde il sapere sulla montagna è davvero magnetica.
Le sei sedi dei Messner Mountain Museum sorgono tutte in luoghi incredibili e raccontano l’incontro tra l’uomo e la montagna attraverso le esperienze vissute dallo stesso ideatore nell’universo montanaro che ha scalato tutto ciò che si poteva.
I sei luoghi dove sono stati installati i musei, sono ubicati lungo la catena alpina, dalle Dolomiti all’Ortles, e affrontano temi diversi per dare un’immagine a 360° di quel meraviglioso e affascinante mondo che è la Montagna.

Il MMM di Castel Firmiano, a Bolzano

L’alpinismo tradizionale al MMM Corones, il rapporto tra uomo e montagna al MMM Firmian, il mondo dei ghiacci al MMM Ortles, i popoli della montagna al MMM Ripa, l’elemento roccia al MMM Dolomites, il mito della montagna a Castel Juval.«I musei sono stati concepiti come luogo d’incontro “con la montagna ma anche con sé stessi”- racconta Messner –  Per la progettazione dell’ultima sede nata, l’MMM Corones a Plan de Corones presso Brunico, sono riuscito a coinvolgere il noto architetto M.me Zaha Hadid, che progettò un museo in cui le forme si compenetrano con quelle della natura: il visitatore scende per tre piani nelle profondità della montagna mentre le enormi finestre e la terrazza gli regalano una vista panoramica sulle Alpi».

Sono musei unici che meritano una visita. Visitando tutte le sedi dei musei di Messer si compie un itinerario montano a tappe, fruibile anche grazie all’MMM Tour Ticket che consente la singola visita di ogni museo nell’arco di un anno.

MT

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462632 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prenderà il via domenica, 3 marzo, la nuova campagna pubblicitaria di Italo, on air sulle principali tv e radio italiane e accompagnata da una pianificazione di maxi spazi digitali e affissioni nelle più grandi stazioni del network. Ancora protagonista il treno Italo, sempre accompagnato dalle celebri note di “A Kind of Magic” dei Queen, dopo il successo ottenuto tra il pubblico dalla precedente campagna pubblicitaria. Italo, contraddistinto dal suo colore rosso fiammante, attraversa località cult dell’Italia come il Colosseo, il Duomo e il Ponte di Rialto, intervallando il suo viaggio nel verde, dando risalto così all’animo green dell’azienda. Tre i soggetti degli spot che da domenica andranno in onda sulle reti Rai e La7, in formati da 30 e 15 secondi, per mettere in evidenza la strategia di Italo raccontata attraverso la voce dello speaker Pasquale Anselmo, in Italia noto come doppiatore di Nicolas Cage. I focus principali saranno: su tutti l’offerta Extra Magic ossia l’unica che consente di viaggiare con sconti fino all’80%; 900 partenze ogni giorno; tratta Milano – Roma (principale linea ferroviaria italiana) con una frequenza di viaggi ogni 20 minuti nelle ore di punta, tariffe a partire da 19,90 € e servizio catering dedicato. L’approdo in tv e radio (per questo canale con il formato da 15 secondi) degli spot sarà accompagnato parallelamente da maxi-spazi digitali e affissioni nelle principali stazioni ferroviarie d’Italia. [post_title] => "Italo is magic": on air dal 3 marzo la nuova campagna pubblicitaria [post_date] => 2024-03-01T12:40:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709296808000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462610 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «L’Expo Osaka 2025 sarà l’occasione per scoprire le meravigliose regioni che compongono il Giappone – sottolinea Yoshiyuki Mizuuchi, direttore esecutivo del Jnto, l’Ente del turismo giapponese - I turisti italiani stanno tornando numerosi in Giappone. L’anno scorso sono stati 152mila, il 23% in meno del 2019. Ma i voli erano ridotti. Ora stanno aumentando e credo ci sia il potenziale per un’ulteriore espansione della domanda. Mi auguro che nel 2024 il numero dei turisti italiani raddoppi». La crescita sarà possibile per l’aumento delle connessioni aeree con scalo operate da diverse compagnie, grazie al volo Ita Airways diretto Roma Fiumicino-Tokyo Haneda operato quotidianamente a partire dal 4 marzo e a quello diretto giornaliero Milano Malpensa-Tokyo Haneda che Ana renderà operativo nella prossima stagione invernale. L’Expo, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre del 2025, rivelerà il fascino della regione del Kansai con esperienze ricche di tradizione e di fascino culturale e spirituale, senza dimenticare l’aspetto gastronomico. «Il Kansai è la culla della civiltà giapponese. - ricordano gli specialisti del Giappone e autori Stefania Viti e Patrik Colgan - Osaka viene chiamata “la cucina del Giappone” perché da qui già nell’anno mille partivano i carichi di pesce conservato nel riso che servivano la corte imperiale. Intorno a Kyoto ci sono le colline sulle quali sono state piantate le prime piante di té verde, arrivate nell’800 dalla Cina. È una terra ricca di tradizioni, sogno e spiritualità, che ben risponde all’idea del Giappone del turista italiano». Jnto propone due itinerari di scoperta a chi visiterà l’Expo e il Kansai. La regione si trova al centro del Giappone e Osaka è la seconda città del paese per grandezza e importanza economica. Gli itinerari portano a ovest, seguendo un percorso culturale e spirituale nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji , oppure est, verso le prefetture di Nara. Mie e Shima, dove si vivranno esperienze culturali e gastronomiche. Sono previste visite a edifici storici, pagode e ricchi musei, ma anche immersioni nella natura. Muovendosi con l’auto o un bus si potrà pernottare nelle case tradizionali o in un tempio, visitare una distilleria di sake, vivere una tipica esperienza di tintura con l’indaco (popolare sin dal XVII secolo), ma anche visitare antiche residenze o percorrere parte del noto “Pellegrinaggio degli 88 templi” in una coinvolgente atmosfera spirituale. Sono possibili diverse esperienze di benessere immersive, ma anche percorsi di trekking e in bicicletta. Magari nella verde valle di Asuka, dove sorse la città che fu la capitale del Giappone tra il VI e il VII secolo: un luogo da scoprire, tra terrazzamenti coltivati a riso e gigli rossi. Chi desidera incontrare la spiritualità locale potrà visitare la prefettura di Mie, uno dei luoghi più sacri del Giappone, raggiungendo il santuario di Ise: l’importante santuario costruito tra il V e il VI secolo in onore della dea Amaterasu e Kami, fondatrice della famiglia imperiale. Nella zona ci sono altri 123 santuari. Il Kansai è una regione ricca di cultura alimentare, ideale per scoprire nuovi sapori e specialità della tradizione come il tonno affumicato con un metodo che risale al 1600. Si può trovare anche tanta natura: a est di Ise si entra nel Parco Nazionale di Ise-Shima, dove nel 2016 si è tenuto il G7. Nell’area di Ise-Shima è possibile un’ulteriore incontro con la tradizione millenaria del Giappone entrando nel mondo delle Ama: le 1300 donne pescatrici subacquee che da 3000 anni pescano in apnea. Il Giappone è una terra bella e ricca in tutte le stagioni, di cui è possibile scoprire le diverse sfaccettature tornando più volte. È, soprattutto, un paese da avvicinare con rispetto e attenzione. Parlando piano, tenendo il cellulare in tasca - in treno è vietato usarlo - e preservando quell’atmosfera di “delicato silenzio” che ne ha costruito nei secoli la magia e il fascino. [gallery ids="462614,462615,462613"]   [post_title] => Expo Osaka 2025: partire dal Kansai per scoprire il Giappone moderno [post_date] => 2024-03-01T11:55:38+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709294138000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462570 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462572" align="alignleft" width="300"] L'Ovolo South Yarra[/caption] Si rinnova la partnership tra il soft brand Small Luxury Hotels of the World e il gruppo Ovolo Hotels: compagnia di hotel di design situati nella regione Asia - Pacifico, tra Hong Kong, Australia e Bali. "Siamo entusiasti di collaborare con Small Luxury Hotels of the World - sottolinea il ceo di Ovolo, Dave Baswal -. Questa unione non solo rafforza la nostra presenza nei principali mercati globali, pur mantenendo lo spirito e le qualità di realtà indipendenti, ma ci permette anche di mostrare il nostro carattere distintivo e l'innovazione che ci definisce". A entrare in Slh saranno in inizialmente il Woolloomooloo di Sydney, lo South Yarra di Melbourne, il The Valley di Brisbane, il Nishi di Canberra e il Central di Hong Kong. A seguire abreve saranno i by Ovolo Collection Laneways di Melbourne e Mamaka di Bali. "Siamo entusiasti di dare nuovamente il benvenuto a Ovolo Hotels all'interno di Slh - ragiona il senior vice president Asia Pacific del soft brand, Mark Wong -. La rinnovata alleanza con loro offre maggiori prospettive promozionali e incrementa la nostra presenza in Australia e nelle varie località degli hotel della compagnia". [post_title] => Small Luxury Hotels of the World: torna la partnership con Ovolo Hotels [post_date] => 2024-03-01T10:18:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709288315000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462527 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair in allungo sul Veneto da dove quest'estate opererà 88 rotte, tra cui 5 nuove per Londra, Tirana, Madrid, Valencia e Reggio Calabria.  L'operativo da record - segnala la low cost - è stato lanciato "nonostante i tagli di capacità a Venezia Marco Polo a causa della decisione illogica della città di aumentare l’addizionale municipale del 38%, danneggiando il turismo locale, l'economia e l'occupazione". Nel dettaglio il network della summer prevede 5 nuove rotte (2 da Treviso per Londra e Tirana; 2 da Verona per Madrid e Valencia e 1 da Venezia per Reggio Calabria) con l'obiettivo di trasportare 7 milioni di passeggeri all'anno. Ryanair crescerà a Treviso e Verona, operando 61 rotte (incluse 4 nuove rotte) e trasportando oltre 4 milioni di passeggeri. Nel frattempo, nella vicina Venezia, il vettore ridurrà i voli e metterà in pausa i suoi piani di crescita, con sole 27 rotte. "Sfortunatamente, la crescita a Treviso e Verona si contrappone alla riduzione di Venezia, dove la decisione illogica della città di aumentare l’addizionale municipale del 38% ha avuto un impatto negativo sui veneziani e sull'industria turistica di Venezia in fase di ripresa, perdendo preziosi pernottamenti in favore di aeroporti limitrofi come Bologna e Trieste - ha commentato Jason McGuinness, chief commercial officer della low cost irlandese. La decisione del Comune di Venezia di aumentare i costi di accesso per i passeggeri è in netto contrasto con quella del Friuli-Venezia Giulia, che ha abolito l’addizionale municipale (tassa sul turismo) dal 1° gennaio 2024. Chiediamo al Comune di Venezia di fermare immediatamente questo aumento assurdo delle tasse per rendere Venezia nuovamente competitiva a vantaggio della propria industria turistica e, in ultima analisi, dei residenti. Ciò consentirà a Ryanair di riprendere i propri piani ambiziosi di crescita per stimolare la connettività annuale, creare posti di lavoro locali e generare benessere locale. Chiediamo inoltre allo Stato italiano di eliminare l’addizionale municipaleda tutti gli aeroporti italiani per stimolare la crescita della capacità e ridurre le tariffe per i passeggeri. Se il Governo italiano abolisse la tassa, Ryanair risponderebbe con un investimento di 4 miliardi di dollari in Italia, aggiungendo 40 nuovi aeromobili, oltre 20 milioni di passeggeri annui e oltre 250 nuove rotte". [post_title] => Ryanair riduce i voli su Venezia per l'estate. Più capacità su Verona e Treviso [post_date] => 2024-03-01T09:36:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709285798000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462526 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova certificazione Dream&Charme Assurance (dca) per una struttura meneghina. Dopo il Milano Scala, è questa la volta dell'Enterprise Hotel, primo albergo del gruppo Planetaria a ottenerla, in un percorso appena iniziato che mira ad accreditare in senso esg tutte le proprietà della compagnia. "Ci hanno ribaltato l'albergo come un calzino - ha raccontato alla conferenza stampa di presentazione il direttore generale del gruppo, Damiano De Crescenzo -. Siamo andati a recuperare anche i documenti di quando abbiamo costruito l’albergo, ricercando persino informazioni sulla rete fognaria e coinvolgendo l'intero staff. Ma ne vale la pena. Non solamente dal punto di vista etico: il vantaggio competitivo è notevole, anche se non facilmente misurabile. Ci sono però ormai moltissime società, non più solamente del Nord Europa ma anche italiane, che a parità di condizioni preferiscono le soluzioni certificate". E i costi, tutto sommato, sono contenuti. "Meno di quanto si possa immaginare", ha assicurato sempre De Crescenzo. Mediamente occorrono due giorni di valutazione, ha spiegato il ceo di Dream&Charme, Giorgio Caire di Lauzet: "Come realtà accreditata, inoltre, noi non possiamo per statuto svolgere alcuna attività di consulenza, per cui le nostre tariffe non sono elevate. La questione, semmai, è come fare a prepararsi. Ma a questa domanda io rispondo sempre di essere se stessi al 100%. Solo in questo modo si può infatti ottenere una fotografia più reale possibile della propria situazione contingente sul tema esg. In fondo, a me piace dire sempre che l'hotel perfettamente sostenibile non esiste. E' un percorso in divenire. E basta avere tre macro-elementi conformi su nove, per ottenere la nostra certificazione. Poi certo si può migliorare, ogni anno si fa un audit, ma nel mondo a oggi non esiste nessuna struttura che ne ha più di sette". E il campione di Dream&Charme è già abbastanza consistente, avendo rilasciato certificazioni già in 15 Paesi differenti, per un totale di oltre 32 mila camere. La società è la prima al mondo ad aver ottenuto l'accreditamento Iso 17065 specificamente dedicato al mondo ricettivo. "Dopo più di sei anni di lavoro, ce lo ha rilasciato nel 2020 Accredia, che è l'unico ente di accreditamento italiano riconosciuto a livello internazionale - ha proseguito  Caire di Lauzet -. La nostra valutazione prende in considerazione ben 1.200 parametri, suddivisi in nove macro-temi basati sull'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell'Onu. L'importanza di essere l'unica realtà accredita dell'ospitalità si è ulteriormente accresciuta all'inizio di quest'anno. Lo scorso 17 gennaio il Parlamento Ue ha infatti approvato in via definitiva la nuova direttiva anti green washing. La norma, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro 24 mesi dalla sua emissione, stabilisce tra le altre cose che i certificati di sostenibilità, quando non accreditati da enti pubblici, devono essere considerati alla stregua di pubblicità ingannevole. Questo ovviamente non vuol dire che molti dei marchi green oggi esistenti non potranno più essere utilizzati per la promozione delle strutture, ma semplicemente che questi brand non potranno essere definiti delle vere certificazioni". [post_title] => L'Enterprise Hotel di Milano conquista la certificazione esg di Dream&Charme [post_date] => 2024-02-29T13:46:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709214375000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462465 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Performance 2023 decisamente positiva per la Repubblica Ceca che torna ad allinearsi ai numeri pre pandemia. L'anno scorso la destinazione ha accolto quasi 10 milioni di stranieri - pari al 43,3% del totale -: sommandoli ai 12,5 milioni di vacanzieri cechi, il Paese ha calcolato oltre 22 milioni di turisti (+13,5% rispetto al 2022) per un totale di oltre 56 milioni di pernottamenti, con una media di 3,5 notti per soggiorno.  Quanto all’analisi dei bacini esteri di provenienza, emergono solide conferme. Sul podio i mercati di prossimità, Germania, Slovacchia e Polonia, ma è interessante il consolidamento dell’Italia in sesta posizione, dopo Usa e Regno Unito. Dal nostro Paese sono arrivate in Cechia nel 2023 oltre 390 mila persone (+55%), per oltre un milione di presenze (+58%) con 3,67 notti in media. I periodi di maggiore picco sono coincisi con la primavera, grazie alla ripresa del turismo scolastico, l’estate che ha fatto toccare livelli addirittura superiori al 2019 e ha visto gli italiani spingersi sempre più oltre Praga (che mantiene comunque ancora l’80% delle preferenze) e dicembre con il Natale, che ha totalizzato il dato-record di 150 mila presenze italiane. “La Repubblica Ceca si riafferma come destinazione turistica di primo piano per il mercato italiano, con un aumento significativo degli arrivi e delle presenze nel 2023 – afferma Lubos Rosenberg, direttore di CzechTourism Italia-. Il che ci è di ulteriore stimolo a proporre al viaggiatore italiano, anche al più esigente, sempre nuovi spunti, a partire da Praga con i suoi vibranti quartieri emergenti fino a itinerari storico-culturali inediti, passando per le esperienze attive”. Collegamenti aerei potenziati per il 2024 Alla già ricca offerta su Praga operata da Ryanair (che collega alla capitale ben 11 città italiane), easyJet, Eurowings, Smartwings, Wizz Air, nel 2024 si aggiungono i collegamenti Volotea da Verona e Firenze e il nuovo volo da Brindisi di Smartwings. L’operativo estivo (con qualche intervento già da marzo) sarà poi ulteriormente potenziato con un aumento di rotte e di frequenze settimanali. Sospesi per l’inverno, stanno per tornare anche i collegamenti con Praga da Torino, Rimini e Pescara e il Milano Orio al Serio-Brno, la città capoluogo della Moravia Meridionale che ben si presta per un tour nei dintorni ricco di storia, natura e borghi pittoreschi. [post_title] => La Repubblica Ceca ritrova i numeri pre pandemia. Italia sesto mercato [post_date] => 2024-02-29T10:23:52+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709202232000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462460 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Itinerari self drive o selezionati tour con guida, alla scoperta del vero Ovest Americano. Da Denver a Salt Lake City, Kibo accompagna i viaggiatori sulle tracce di pistoleri e nativi americani. Un'esperienza da fare cullati da ballate country, in una sequenza di tappe che tocca i luoghi più significativi dell’avanzata dell’uomo bianco negli sterminati territori dei nativi americani. Da segnalare per esempio l’itinerario, che parte da Denver, in Colorado, e arriva a Salt Lake City, nello Utah. Presentato in due versioni, da otto giorni e sette notti o da 15 giorni e 14 notti, permette di visitare città che conservano intatto un certo spirito di frontiera, qualcosa di intangibile e romantico, una linfa che ha ispirato anche l’ultimo libro di Alessandro Baricco: il suo western metafisico Abel. Si sosta a Cheyenne, nel Wyoming, Deadwood, in South Dakota, per tornare in Wyoming a Cody e nella valle di Jackson Hole, passando naturalmente per lo Yellowstone National Park. Ogni località ha molte storie da raccontare, che si intrecciano con quelle della grande Storia americana, tra fuorilegge e sceriffi, grandi pascoli e duro lavoro quotidiano alla ricerca di un futuro ancora tutto da scrivere. Mentre Cheyenne, città magica delle pianure deve la sua prosperità alla posizione strategica per la costruzione della Union Pacific Railroad nella seconda metà dell’800, Deadwood è celebre per essere stata teatro dell’uccisione del pistolero Wild Bill, protagonista di molti fumetti di Tex Willer. Qui visse anche la leggendaria Calamity Jane, donna carovaniera che partecipò alla corsa all’oro e che era nota per sparare come un uomo. Il mistero di una relazione sentimentale tra i due non è mai stato chiarito, ma a tutt’oggi la cittadina vive del loro ricordo, e ogni giorno viene rappresentata l’uccisione di Wild Bill come in un teatro di posa a cielo aperto. Cody, gemma delle Montagne Rocciose, fu fondata da Buffalo Bill: è la città del rodeo. Lo Yellowstone National Park è uno dei più grandi e famosi parchi nazionali degli Stati Uniti e comprende canyon, fiumi, catene montuose e laghi di bellezza assoluta. Ultima tappa prima di Salt Lake City è Jackson Hole: una valle che è situata a oltre 2 mila metri di altitudine, diventata negli anni una famosa stazione sciistica e che ha ospitato diverse competizioni internazionali. [post_title] => Il West di Kibo sulle tracce di pistoleri e nativi americani cullati dalle ballate country [post_date] => 2024-02-29T10:14:38+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709201678000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462458 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet conferma il suo debutto dall'aeroporto di Salerno - Costa d'Amalfi, dal prossimo 11 luglio. La compagnia - la seconda ad annunciare l'investimento sullo scalo, dopo Volotea - decollerà con un network di cinque rotte: la prima sarà quella proveniente da Milano Malpensa; a seguire, il 12 luglio atterreranno i voli da Basilea, Ginevra e Berlino. Il 13 luglio atterrerà l’atteso volo da Londra Gatwick. I nuovi collegamenti, in vendita da oggi, 29 febbraio, saranno inizialmente operati durante la stagione estiva con tre frequenze settimanali per la rotta Milano Malpensa – Salerno e due frequenze settimanali per Londra Gatwick, Basilea, Ginevra e Berlino.  Con l’aggiunta di queste cinque nuove rotte in partenza da Salerno - il 23° aeroporto servito dal vettore in Italia - la capacità totale offerta da easyJet in Campania nella prossima stagione estiva sale a quasi 3 milioni di posti, con 51 rotte verso 13 Paesi. Il vettore ha infatti di recente anche annunciato che posizionerà un aereo aggiuntivo, l’ottavo, presso la sua base all’aeroporto internazionale di Napoli la prossima estate, introducendo alcune nuove destinazioni tra cui Nantes in Francia, Sitia (Creta), Preveza (Lefkada) e l’isola di Zante. La prossima estate aumenta anche l’offerta di pacchetti turistici targati easyJet Holidays, il tour operator del Gruppo che ogni anno trasporta migliaia di turisti dal Regno Unito (e recentemente anche da Svizzera, Germania e Francia) anche verso numerose destinazioni del Sud Italia, attraverso partnership con strutture ricettive locali e approfittando dell’ampia offerta di voli garantita dal network di easyJet. Quest’anno saranno oltre 700 gli hotel italiani a far parte dell’offerta di easyJet Holidays, che già l’estate scorsa ha portato migliaia di turisti inglesi a Napoli.    [post_title] => EasyJet decolla da Salerno con 5 destinazioni, inclusa Londra Gatwick [post_date] => 2024-02-29T10:06:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709201216000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462451 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una full immersion di cinque giorni nelle tradizioni artigianali di tutti i continenti attraverso una mostra di cimeli e curiosità tipiche. L’agenzia milanese 5 Giornate, specializzata in viaggi all’estero su misura, con sede nell’antico dazio di porta Vittoria, offre un’esperienza “per sognare insieme il viaggio per eccellenza – spiega il direttore generale, Andrea Barbieri-: Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne. Insieme con Elisabetta Invernici e Alberto Oliva, ci siamo ispirati a questa celeberrima opera dello scrittore francese proprio per restituire al pubblico l’immaginario e la fascinazione di una storia che dal 1872 conquista bambini e adulti, mille volte ripresa al cinema, in teatro e in tv”. L’iniziativa dal titolo il Giro del mondo in 5 giornate si svolge in occasione di Museo City 2024, da venerdì 1 a martedì 5 marzo 2024 e l’ingresso è libero. L'inaugurazione è per domani dalle ore 18.30: le avventure di Mister Fog e dei suoi compagni di viaggio protagonisti del romanzo ispireranno una performance teatrale, interpretata dall’attore Gianfilippo Maria Falsina con la sua compagnia, nei costumi d’epoca: gli artisti accompagneranno il pubblico alla scoperta dei cimeli esposti, ciascuno portatore di saperi e tradizioni peculiari. Si tratta di pezzi unici di arte e artigianato di preziosa fattura, raccolti nei più nascosti angoli del mondo, testimonianze etnografiche di valore, custoditi dalle Antiche Botteghe del network milanese Galleria&Friends. A seguire, l’esposizione sarà visitabile nei seguenti orari: sabato 2 e domenica 3 dalle 15 alle 18; lunedì 4 e martedì 5 dalle 9,30 alle 13 e dalle 13,30 alle 18. Ingresso libero. L'agenzia 5 Giornate fa parte del network l'Astrolabio della famiglia Aronson , nome che a sua volta ha fatto la storia dei servizi per il turismo: fu infatti proprietaria della Chiariva (1931), prima agenzia viaggi italiana e terza al mondo nel 1878. Oltre alla 5 Giornate, la rete include, sempre a Milano, anche l’Astrolabio e la Superviaggi, mentre a Bergamo è attiva la Ascot Viaggi. Tutte le attività in capo alla gamiglia Aronson nel 2023 hanno dichiarato un fatturato di oltre 20 milioni di euro.   [post_title] => A Milano l'agenzia 5 Giornate invita a fare il giro del mondo delle tradizioni artigianali [post_date] => 2024-02-29T09:58:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709200701000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "messner mountain museums 6 localita 6 diverse mostre 6 esperienze" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":109,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1633,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462632","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Prenderà il via domenica, 3 marzo, la nuova campagna pubblicitaria di Italo, on air sulle principali tv e radio italiane e accompagnata da una pianificazione di maxi spazi digitali e affissioni nelle più grandi stazioni del network.\r\n\r\nAncora protagonista il treno Italo, sempre accompagnato dalle celebri note di “A Kind of Magic” dei Queen, dopo il successo ottenuto tra il pubblico dalla precedente campagna pubblicitaria.\r\n\r\nItalo, contraddistinto dal suo colore rosso fiammante, attraversa località cult dell’Italia come il Colosseo, il Duomo e il Ponte di Rialto, intervallando il suo viaggio nel verde, dando risalto così all’animo green dell’azienda.\r\n\r\nTre i soggetti degli spot che da domenica andranno in onda sulle reti Rai e La7, in formati da 30 e 15 secondi, per mettere in evidenza la strategia di Italo raccontata attraverso la voce dello speaker Pasquale Anselmo, in Italia noto come doppiatore di Nicolas Cage. I focus principali saranno: su tutti l’offerta Extra Magic ossia l’unica che consente di viaggiare con sconti fino all’80%; 900 partenze ogni giorno; tratta Milano – Roma (principale linea ferroviaria italiana) con una frequenza di viaggi ogni 20 minuti nelle ore di punta, tariffe a partire da 19,90 € e servizio catering dedicato.\r\n\r\nL’approdo in tv e radio (per questo canale con il formato da 15 secondi) degli spot sarà accompagnato parallelamente da maxi-spazi digitali e affissioni nelle principali stazioni ferroviarie d’Italia.","post_title":"\"Italo is magic\": on air dal 3 marzo la nuova campagna pubblicitaria","post_date":"2024-03-01T12:40:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709296808000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462610","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n«L’Expo Osaka 2025 sarà l’occasione per scoprire le meravigliose regioni che compongono il Giappone – sottolinea Yoshiyuki Mizuuchi, direttore esecutivo del Jnto, l’Ente del turismo giapponese - I turisti italiani stanno tornando numerosi in Giappone. L’anno scorso sono stati 152mila, il 23% in meno del 2019. Ma i voli erano ridotti. Ora stanno aumentando e credo ci sia il potenziale per un’ulteriore espansione della domanda. Mi auguro che nel 2024 il numero dei turisti italiani raddoppi».\r\n\r\nLa crescita sarà possibile per l’aumento delle connessioni aeree con scalo operate da diverse compagnie, grazie al volo Ita Airways diretto Roma Fiumicino-Tokyo Haneda operato quotidianamente a partire dal 4 marzo e a quello diretto giornaliero Milano Malpensa-Tokyo Haneda che Ana renderà operativo nella prossima stagione invernale. L’Expo, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre del 2025, rivelerà il fascino della regione del Kansai con esperienze ricche di tradizione e di fascino culturale e spirituale, senza dimenticare l’aspetto gastronomico.\r\n\r\n«Il Kansai è la culla della civiltà giapponese. - ricordano gli specialisti del Giappone e autori Stefania Viti e Patrik Colgan - Osaka viene chiamata “la cucina del Giappone” perché da qui già nell’anno mille partivano i carichi di pesce conservato nel riso che servivano la corte imperiale. Intorno a Kyoto ci sono le colline sulle quali sono state piantate le prime piante di té verde, arrivate nell’800 dalla Cina. È una terra ricca di tradizioni, sogno e spiritualità, che ben risponde all’idea del Giappone del turista italiano».\r\n\r\nJnto propone due itinerari di scoperta a chi visiterà l’Expo e il Kansai. La regione si trova al centro del Giappone e Osaka è la seconda città del paese per grandezza e importanza economica. Gli itinerari portano a ovest, seguendo un percorso culturale e spirituale nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji , oppure est, verso le prefetture di Nara. Mie e Shima, dove si vivranno esperienze culturali e gastronomiche. Sono previste visite a edifici storici, pagode e ricchi musei, ma anche immersioni nella natura. Muovendosi con l’auto o un bus si potrà pernottare nelle case tradizionali o in un tempio, visitare una distilleria di sake, vivere una tipica esperienza di tintura con l’indaco (popolare sin dal XVII secolo), ma anche visitare antiche residenze o percorrere parte del noto “Pellegrinaggio degli 88 templi” in una coinvolgente atmosfera spirituale. Sono possibili diverse esperienze di benessere immersive, ma anche percorsi di trekking e in bicicletta. Magari nella verde valle di Asuka, dove sorse la città che fu la capitale del Giappone tra il VI e il VII secolo: un luogo da scoprire, tra terrazzamenti coltivati a riso e gigli rossi. Chi desidera incontrare la spiritualità locale potrà visitare la prefettura di Mie, uno dei luoghi più sacri del Giappone, raggiungendo il santuario di Ise: l’importante santuario costruito tra il V e il VI secolo in onore della dea Amaterasu e Kami, fondatrice della famiglia imperiale. Nella zona ci sono altri 123 santuari.\r\n\r\nIl Kansai è una regione ricca di cultura alimentare, ideale per scoprire nuovi sapori e specialità della tradizione come il tonno affumicato con un metodo che risale al 1600. Si può trovare anche tanta natura: a est di Ise si entra nel Parco Nazionale di Ise-Shima, dove nel 2016 si è tenuto il G7. Nell’area di Ise-Shima è possibile un’ulteriore incontro con la tradizione millenaria del Giappone entrando nel mondo delle Ama: le 1300 donne pescatrici subacquee che da 3000 anni pescano in apnea. Il Giappone è una terra bella e ricca in tutte le stagioni, di cui è possibile scoprire le diverse sfaccettature tornando più volte. È, soprattutto, un paese da avvicinare con rispetto e attenzione. Parlando piano, tenendo il cellulare in tasca - in treno è vietato usarlo - e preservando quell’atmosfera di “delicato silenzio” che ne ha costruito nei secoli la magia e il fascino.\r\n\r\n[gallery ids=\"462614,462615,462613\"]\r\n ","post_title":"Expo Osaka 2025: partire dal Kansai per scoprire il Giappone moderno","post_date":"2024-03-01T11:55:38+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709294138000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462570","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462572\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'Ovolo South Yarra[/caption]\r\n\r\nSi rinnova la partnership tra il soft brand Small Luxury Hotels of the World e il gruppo Ovolo Hotels: compagnia di hotel di design situati nella regione Asia - Pacifico, tra Hong Kong, Australia e Bali. \"Siamo entusiasti di collaborare con Small Luxury Hotels of the World - sottolinea il ceo di Ovolo, Dave Baswal -. Questa unione non solo rafforza la nostra presenza nei principali mercati globali, pur mantenendo lo spirito e le qualità di realtà indipendenti, ma ci permette anche di mostrare il nostro carattere distintivo e l'innovazione che ci definisce\".\r\n\r\nA entrare in Slh saranno in inizialmente il Woolloomooloo di Sydney, lo South Yarra di Melbourne, il The Valley di Brisbane, il Nishi di Canberra e il Central di Hong Kong. A seguire abreve saranno i by Ovolo Collection Laneways di Melbourne e Mamaka di Bali. \"Siamo entusiasti di dare nuovamente il benvenuto a Ovolo Hotels all'interno di Slh - ragiona il senior vice president Asia Pacific del soft brand, Mark Wong -. La rinnovata alleanza con loro offre maggiori prospettive promozionali e incrementa la nostra presenza in Australia e nelle varie località degli hotel della compagnia\".","post_title":"Small Luxury Hotels of the World: torna la partnership con Ovolo Hotels","post_date":"2024-03-01T10:18:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709288315000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462527","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair in allungo sul Veneto da dove quest'estate opererà 88 rotte, tra cui 5 nuove per Londra, Tirana, Madrid, Valencia e Reggio Calabria. \r\nL'operativo da record - segnala la low cost - è stato lanciato \"nonostante i tagli di capacità a Venezia Marco Polo a causa della decisione illogica della città di aumentare l’addizionale municipale del 38%, danneggiando il turismo locale, l'economia e l'occupazione\".\r\nNel dettaglio il network della summer prevede 5 nuove rotte (2 da Treviso per Londra e Tirana; 2 da Verona per Madrid e Valencia e 1 da Venezia per Reggio Calabria) con l'obiettivo di trasportare 7 milioni di passeggeri all'anno.\r\nRyanair crescerà a Treviso e Verona, operando 61 rotte (incluse 4 nuove rotte) e trasportando oltre 4 milioni di passeggeri. Nel frattempo, nella vicina Venezia, il vettore ridurrà i voli e metterà in pausa i suoi piani di crescita, con sole 27 rotte.\r\n\"Sfortunatamente, la crescita a Treviso e Verona si contrappone alla riduzione di Venezia, dove la decisione illogica della città di aumentare l’addizionale municipale del 38% ha avuto un impatto negativo sui veneziani e sull'industria turistica di Venezia in fase di ripresa, perdendo preziosi pernottamenti in favore di aeroporti limitrofi come Bologna e Trieste - ha commentato Jason McGuinness, chief commercial officer della low cost irlandese.\r\nLa decisione del Comune di Venezia di aumentare i costi di accesso per i passeggeri è in netto contrasto con quella del Friuli-Venezia Giulia, che ha abolito l’addizionale municipale (tassa sul turismo) dal 1° gennaio 2024.\r\nChiediamo al Comune di Venezia di fermare immediatamente questo aumento assurdo delle tasse per rendere Venezia nuovamente competitiva a vantaggio della propria industria turistica e, in ultima analisi, dei residenti. Ciò consentirà a Ryanair di riprendere i propri piani ambiziosi di crescita per stimolare la connettività annuale, creare posti di lavoro locali e generare benessere locale.\r\nChiediamo inoltre allo Stato italiano di eliminare l’addizionale municipaleda tutti gli aeroporti italiani per stimolare la crescita della capacità e ridurre le tariffe per i passeggeri. Se il Governo italiano abolisse la tassa, Ryanair risponderebbe con un investimento di 4 miliardi di dollari in Italia, aggiungendo 40 nuovi aeromobili, oltre 20 milioni di passeggeri annui e oltre 250 nuove rotte\".","post_title":"Ryanair riduce i voli su Venezia per l'estate. Più capacità su Verona e Treviso","post_date":"2024-03-01T09:36:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709285798000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462526","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova certificazione Dream&Charme Assurance (dca) per una struttura meneghina. Dopo il Milano Scala, è questa la volta dell'Enterprise Hotel, primo albergo del gruppo Planetaria a ottenerla, in un percorso appena iniziato che mira ad accreditare in senso esg tutte le proprietà della compagnia. \"Ci hanno ribaltato l'albergo come un calzino - ha raccontato alla conferenza stampa di presentazione il direttore generale del gruppo, Damiano De Crescenzo -. Siamo andati a recuperare anche i documenti di quando abbiamo costruito l’albergo, ricercando persino informazioni sulla rete fognaria e coinvolgendo l'intero staff. Ma ne vale la pena. Non solamente dal punto di vista etico: il vantaggio competitivo è notevole, anche se non facilmente misurabile. Ci sono però ormai moltissime società, non più solamente del Nord Europa ma anche italiane, che a parità di condizioni preferiscono le soluzioni certificate\".\r\n\r\nE i costi, tutto sommato, sono contenuti. \"Meno di quanto si possa immaginare\", ha assicurato sempre De Crescenzo. Mediamente occorrono due giorni di valutazione, ha spiegato il ceo di Dream&Charme, Giorgio Caire di Lauzet: \"Come realtà accreditata, inoltre, noi non possiamo per statuto svolgere alcuna attività di consulenza, per cui le nostre tariffe non sono elevate. La questione, semmai, è come fare a prepararsi. Ma a questa domanda io rispondo sempre di essere se stessi al 100%. Solo in questo modo si può infatti ottenere una fotografia più reale possibile della propria situazione contingente sul tema esg. In fondo, a me piace dire sempre che l'hotel perfettamente sostenibile non esiste. E' un percorso in divenire. E basta avere tre macro-elementi conformi su nove, per ottenere la nostra certificazione. Poi certo si può migliorare, ogni anno si fa un audit, ma nel mondo a oggi non esiste nessuna struttura che ne ha più di sette\".\r\n\r\nE il campione di Dream&Charme è già abbastanza consistente, avendo rilasciato certificazioni già in 15 Paesi differenti, per un totale di oltre 32 mila camere. La società è la prima al mondo ad aver ottenuto l'accreditamento Iso 17065 specificamente dedicato al mondo ricettivo. \"Dopo più di sei anni di lavoro, ce lo ha rilasciato nel 2020 Accredia, che è l'unico ente di accreditamento italiano riconosciuto a livello internazionale - ha proseguito  Caire di Lauzet -. La nostra valutazione prende in considerazione ben 1.200 parametri, suddivisi in nove macro-temi basati sull'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell'Onu. L'importanza di essere l'unica realtà accredita dell'ospitalità si è ulteriormente accresciuta all'inizio di quest'anno. Lo scorso 17 gennaio il Parlamento Ue ha infatti approvato in via definitiva la nuova direttiva anti green washing. La norma, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro 24 mesi dalla sua emissione, stabilisce tra le altre cose che i certificati di sostenibilità, quando non accreditati da enti pubblici, devono essere considerati alla stregua di pubblicità ingannevole. Questo ovviamente non vuol dire che molti dei marchi green oggi esistenti non potranno più essere utilizzati per la promozione delle strutture, ma semplicemente che questi brand non potranno essere definiti delle vere certificazioni\".","post_title":"L'Enterprise Hotel di Milano conquista la certificazione esg di Dream&Charme","post_date":"2024-02-29T13:46:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709214375000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462465","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Performance 2023 decisamente positiva per la Repubblica Ceca che torna ad allinearsi ai numeri pre pandemia.\r\n\r\nL'anno scorso la destinazione ha accolto quasi 10 milioni di stranieri - pari al 43,3% del totale -: sommandoli ai 12,5 milioni di vacanzieri cechi, il Paese ha calcolato oltre 22 milioni di turisti (+13,5% rispetto al 2022) per un totale di oltre 56 milioni di pernottamenti, con una media di 3,5 notti per soggiorno. \r\n\r\nQuanto all’analisi dei bacini esteri di provenienza, emergono solide conferme. Sul podio i mercati di prossimità, Germania, Slovacchia e Polonia, ma è interessante il consolidamento dell’Italia in sesta posizione, dopo Usa e Regno Unito.\r\n\r\nDal nostro Paese sono arrivate in Cechia nel 2023 oltre 390 mila persone (+55%), per oltre un milione di presenze (+58%) con 3,67 notti in media. I periodi di maggiore picco sono coincisi con la primavera, grazie alla ripresa del turismo scolastico, l’estate che ha fatto toccare livelli addirittura superiori al 2019 e ha visto gli italiani spingersi sempre più oltre Praga (che mantiene comunque ancora l’80% delle preferenze) e dicembre con il Natale, che ha totalizzato il dato-record di 150 mila presenze italiane.\r\n\r\n“La Repubblica Ceca si riafferma come destinazione turistica di primo piano per il mercato italiano, con un aumento significativo degli arrivi e delle presenze nel 2023 – afferma Lubos Rosenberg, direttore di CzechTourism Italia-. Il che ci è di ulteriore stimolo a proporre al viaggiatore italiano, anche al più esigente, sempre nuovi spunti, a partire da Praga con i suoi vibranti quartieri emergenti fino a itinerari storico-culturali inediti, passando per le esperienze attive”.\r\n\r\nCollegamenti aerei potenziati per il 2024\r\n\r\nAlla già ricca offerta su Praga operata da Ryanair (che collega alla capitale ben 11 città italiane), easyJet, Eurowings, Smartwings, Wizz Air, nel 2024 si aggiungono i collegamenti Volotea da Verona e Firenze e il nuovo volo da Brindisi di Smartwings.\r\n\r\nL’operativo estivo (con qualche intervento già da marzo) sarà poi ulteriormente potenziato con un aumento di rotte e di frequenze settimanali. Sospesi per l’inverno, stanno per tornare anche i collegamenti con Praga da Torino, Rimini e Pescara e il Milano Orio al Serio-Brno, la città capoluogo della Moravia Meridionale che ben si presta per un tour nei dintorni ricco di storia, natura e borghi pittoreschi.","post_title":"La Repubblica Ceca ritrova i numeri pre pandemia. Italia sesto mercato","post_date":"2024-02-29T10:23:52+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709202232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462460","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Itinerari self drive o selezionati tour con guida, alla scoperta del vero Ovest Americano. Da Denver a Salt Lake City, Kibo accompagna i viaggiatori sulle tracce di pistoleri e nativi americani. Un'esperienza da fare cullati da ballate country, in una sequenza di tappe che tocca i luoghi più significativi dell’avanzata dell’uomo bianco negli sterminati territori dei nativi americani.\r\n\r\nDa segnalare per esempio l’itinerario, che parte da Denver, in Colorado, e arriva a Salt Lake City, nello Utah. Presentato in due versioni, da otto giorni e sette notti o da 15 giorni e 14 notti, permette di visitare città che conservano intatto un certo spirito di frontiera, qualcosa di intangibile e romantico, una linfa che ha ispirato anche l’ultimo libro di Alessandro Baricco: il suo western metafisico Abel.\r\n\r\nSi sosta a Cheyenne, nel Wyoming, Deadwood, in South Dakota, per tornare in Wyoming a Cody e nella valle di Jackson Hole, passando naturalmente per lo Yellowstone National Park. Ogni località ha molte storie da raccontare, che si intrecciano con quelle della grande Storia americana, tra fuorilegge e sceriffi, grandi pascoli e duro lavoro quotidiano alla ricerca di un futuro ancora tutto da scrivere. Mentre Cheyenne, città magica delle pianure deve la sua prosperità alla posizione strategica per la costruzione della Union Pacific Railroad nella seconda metà dell’800, Deadwood è celebre per essere stata teatro dell’uccisione del pistolero Wild Bill, protagonista di molti fumetti di Tex Willer. Qui visse anche la leggendaria Calamity Jane, donna carovaniera che partecipò alla corsa all’oro e che era nota per sparare come un uomo. Il mistero di una relazione sentimentale tra i due non è mai stato chiarito, ma a tutt’oggi la cittadina vive del loro ricordo, e ogni giorno viene rappresentata l’uccisione di Wild Bill come in un teatro di posa a cielo aperto.\r\n\r\nCody, gemma delle Montagne Rocciose, fu fondata da Buffalo Bill: è la città del rodeo. Lo Yellowstone National Park è uno dei più grandi e famosi parchi nazionali degli Stati Uniti e comprende canyon, fiumi, catene montuose e laghi di bellezza assoluta. Ultima tappa prima di Salt Lake City è Jackson Hole: una valle che è situata a oltre 2 mila metri di altitudine, diventata negli anni una famosa stazione sciistica e che ha ospitato diverse competizioni internazionali.","post_title":"Il West di Kibo sulle tracce di pistoleri e nativi americani cullati dalle ballate country","post_date":"2024-02-29T10:14:38+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709201678000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462458","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet conferma il suo debutto dall'aeroporto di Salerno - Costa d'Amalfi, dal prossimo 11 luglio. La compagnia - la seconda ad annunciare l'investimento sullo scalo, dopo Volotea - decollerà con un network di cinque rotte: la prima sarà quella proveniente da Milano Malpensa; a seguire, il 12 luglio atterreranno i voli da Basilea, Ginevra e Berlino. Il 13 luglio atterrerà l’atteso volo da Londra Gatwick.\r\nI nuovi collegamenti, in vendita da oggi, 29 febbraio, saranno inizialmente operati durante la stagione estiva con tre frequenze settimanali per la rotta Milano Malpensa – Salerno e due frequenze settimanali per Londra Gatwick, Basilea, Ginevra e Berlino. \r\nCon l’aggiunta di queste cinque nuove rotte in partenza da Salerno - il 23° aeroporto servito dal vettore in Italia - la capacità totale offerta da easyJet in Campania nella prossima stagione estiva sale a quasi 3 milioni di posti, con 51 rotte verso 13 Paesi. Il vettore ha infatti di recente anche annunciato che posizionerà un aereo aggiuntivo, l’ottavo, presso la sua base all’aeroporto internazionale di Napoli la prossima estate, introducendo alcune nuove destinazioni tra cui Nantes in Francia, Sitia (Creta), Preveza (Lefkada) e l’isola di Zante.\r\nLa prossima estate aumenta anche l’offerta di pacchetti turistici targati easyJet Holidays, il tour operator del Gruppo che ogni anno trasporta migliaia di turisti dal Regno Unito (e recentemente anche da Svizzera, Germania e Francia) anche verso numerose destinazioni del Sud Italia, attraverso partnership con strutture ricettive locali e approfittando dell’ampia offerta di voli garantita dal network di easyJet. Quest’anno saranno oltre 700 gli hotel italiani a far parte dell’offerta di easyJet Holidays, che già l’estate scorsa ha portato migliaia di turisti inglesi a Napoli. \r\n ","post_title":"EasyJet decolla da Salerno con 5 destinazioni, inclusa Londra Gatwick","post_date":"2024-02-29T10:06:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709201216000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462451","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una full immersion di cinque giorni nelle tradizioni artigianali di tutti i continenti attraverso una mostra di cimeli e curiosità tipiche. L’agenzia milanese 5 Giornate, specializzata in viaggi all’estero su misura, con sede nell’antico dazio di porta Vittoria, offre un’esperienza “per sognare insieme il viaggio per eccellenza – spiega il direttore generale, Andrea Barbieri-: Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne. Insieme con Elisabetta Invernici e Alberto Oliva, ci siamo ispirati a questa celeberrima opera dello scrittore francese proprio per restituire al pubblico l’immaginario e la fascinazione di una storia che dal 1872 conquista bambini e adulti, mille volte ripresa al cinema, in teatro e in tv”.\r\n\r\nL’iniziativa dal titolo il Giro del mondo in 5 giornate si svolge in occasione di Museo City 2024, da venerdì 1 a martedì 5 marzo 2024 e l’ingresso è libero. L'inaugurazione è per domani dalle ore 18.30: le avventure di Mister Fog e dei suoi compagni di viaggio protagonisti del romanzo ispireranno una performance teatrale, interpretata dall’attore Gianfilippo Maria Falsina con la sua compagnia, nei costumi d’epoca: gli artisti accompagneranno il pubblico alla scoperta dei cimeli esposti, ciascuno portatore di saperi e tradizioni peculiari. Si tratta di pezzi unici di arte e artigianato di preziosa fattura, raccolti nei più nascosti angoli del mondo, testimonianze etnografiche di valore, custoditi dalle Antiche Botteghe del network milanese Galleria&Friends. A seguire, l’esposizione sarà visitabile nei seguenti orari: sabato 2 e domenica 3 dalle 15 alle 18; lunedì 4 e martedì 5 dalle 9,30 alle 13 e dalle 13,30 alle 18. Ingresso libero.\r\n\r\nL'agenzia 5 Giornate fa parte del network l'Astrolabio della famiglia Aronson , nome che a sua volta ha fatto la storia dei servizi per il turismo: fu infatti proprietaria della Chiariva (1931), prima agenzia viaggi italiana e terza al mondo nel 1878. Oltre alla 5 Giornate, la rete include, sempre a Milano, anche l’Astrolabio e la Superviaggi, mentre a Bergamo è attiva la Ascot Viaggi. Tutte le attività in capo alla gamiglia Aronson nel 2023 hanno dichiarato un fatturato di oltre 20 milioni di euro.  ","post_title":"A Milano l'agenzia 5 Giornate invita a fare il giro del mondo delle tradizioni artigianali","post_date":"2024-02-29T09:58:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709200701000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti