23 June 2024

Fam trip Usa a Senigallia: le Marche, una destinazione perfetta per il mercato a stelle e strisce

[ 0 ]

Il 2023 è stato un anno fantastico per i viaggi dagli Usa all’Italia. Proprio per questo motivo, però, si è rivelato a volte complicato trovare disponibilità sufficiente ad accogliere una domanda impetuosa, soprattutto in destinazioni come Roma, Firenze, Venezia, Capri e la costiera amalfitana. Le mete insomma più popolari nell’immaginario a stelle e strisce”. Antonio Lucente Stabile spiega in questo modo la ratio del recente fam trip – workshop organizzato a Senigallia insieme al gruppo Travelshow Marketing.

“L’idea – prosegue il presidente del gruppo BellaVista Mediterranean Tours, operatore Usa specializzato sulla destinazione Italia – è quella che gli agenti coinvolti possano convincere i clienti a venire qui. D’altronde noi come tour operator non entriamo in contatto diretto con loro. Sono gli adv che parlano con i viaggiatori e che possono indirizzarli. Senigallia e le Marche a oggi sono poco conosciuti negli Usa. Eppure sono una meta perfetta per un mercato come quello statunitense, che è poco interessato al prodotto mare Italia. Oltreoceano sono i Caraibi ad andare per la maggiore. Chi viene qui cerca invece esperienze, cultura ed enogastronomia. Tutti elementi che nelle Marche si possono trovare in abbondanza. A partire per esempio dalla caccia al tartufo, molto apprezzata dagli agenti che hanno avuto l’opportunità di parteciparvi”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469926 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fausto Simone è il nuovo general manager dell'Anglo American Hotel Florence, recentemente entrato nella Curio Collection di casa Hilton. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore dell'ospitalità, Simone ha lavorato per strutture prestigiose in Italia e negli Usa, tra cui nella nostra penisola il Cavalieri Hilton Hotel Roma, nonché i Four Seasons, l'UpTown Palace e Grand Visconti Palace a Milano. Negli anni si è occupato dapprima di gestione dell’area food&beverage, organizzazione di eventi, fino a ricoprire il ruolo di managing director con responsabilità a 360 gradi sul business e sull’operatività dell’hotel. “Sono entusiasta di intraprendere questo nuovo percorso, che per me è un ritorno nella famiglia Hilton - commenta lo stesso Simone -. Agli inizi dell’esperienza lavorativa, ho mosso infatti i miei primi passi in due realtà del brand, nello specifico gli Hilton di Monaco di Baviera e di Roma, presso l'ex Cavalieri Hilton. L’Anglo American Hotel Florence è una location prestigiosa e non vedo l’ora di iniziare a collaborare con la comunità cittadina, i colleghi albergatori e i partner locali, per creare vacanze memorabili per viaggiatori curiosi alla ricerca di esperienze da scoprire con un profondo senso del luogo e una meraviglia infinita”. [post_title] => Fausto Simone nuovo gm dell'Anglo American Hotel Florence, Curio Collection by Hilton [post_date] => 2024-06-21T11:44:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718970267000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469912 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le ultime che arrivano da casa Boeing dicono che l’azienda è stata costretta ad avviare un’indagine su un problema di qualità dei suoi 787 Dreamliner (uno dei suoi prodotti di punta) in attesa di consegna. Ne è risultato che centinaia di elementi di fissaggio sono stati installati in modo errato. Senato degli Usa Allo stesso tempo, David Calhoun, capo della Boeing, è comparso davanti al Senato degli Stati Uniti, dove si sta svolgendo un'indagine sulla condotta della società. E allo stesso tempo, affinché lo scandalo non finisca, le famiglie delle vittime dei due 737 Max precipitati in Indonesia ed Etiopia continuano le loro azioni legali affinché Boeing le risarcisca con 24 miliardi di dollari per aver mentito. In questo caso era già stato stabilito che il risarcimento dovesse essere inferiore, ma con l'impegno che la Boeing avrebbe introdotto cambiamenti radicali nelle sue procedure affinché una simile disgrazia non si ripetesse. Quell'impegno sarebbe stato violato e questo è ciò che si giudica adesso e per la violazione di quell'impegno si chiedono 24 miliardi. [post_title] => Boeing: centinaia di elementi installati in modo errato sui 787 Dreamline [post_date] => 2024-06-21T10:43:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718966612000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469722 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita-Lufthansa. Manca solo la firma ufficiale: l'accordo per le nozze fra Ita Airways e Lufthansa, che ha già ottenuto un via libera informale, a livello tecnico, dalla Commissione europea, sarà finalizzato in tempi rapidi. Lo spiega, con una nota di ieri sera, il ministero dell’Economia, che ha fatto sapere di aver dato tutte le risposte ai dubbi di Bruxelles in materia di concorrenza sull’operazione, e ora si attende che l’ok arrivi in tempi rapidi. Il verdetto, come si sa, è atteso entro il 4 luglio, ma potrebbe concretizzarsi prima. Ultimi dubbi «Abbiamo risposto, nella giornata odierna (ieri per chi legge, ndr) agli ultimi dubbi della Commissione europea e auspichiamo che questo permetta in tempi ragionevolmente brevi il perfezionamento dell’acquisizione di una quota di Ita Airways da parte di Lufthansa. Attendiamo, come previsto, la decisione formale entro il 4 luglio prossimo e siamo già al lavoro perché si concretizzino le condizioni concordate con la Commissione per poter finalizzare, nei prossimi mesi, l’operazione». [post_title] => Ita-Lufthansa, Mef: «Tempi rapidi per il perfezionamento dell'intesa» [post_date] => 2024-06-19T09:30:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718789437000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469706 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grazie a un accordo di franchising con Bohemian Hotels ehf, il gruppo Hilton annuncia due nuove proprietà islandesi che si aggiungeranno alle quattro già operative nel Paese: l’hotel Akureyri Skáld, Curio Collection nella parte settentrionale dell'isola e una nuova struttura nella capitale Reykjavik. L’Akureyri, si trova nella pittoresca via Hafnarstræti, nel cuore dell'omonima cittadina. La struttura, che dovrebbe aprire nell’estate del 2025, offrirà 70 camere, lounge, lobby bar, ristorante aperto tutto il giorno con un cortile esterno e un innovativo concetto di social club. L’area è diventata un’attrazione turistica per la sua vicinanza al circolo di Diamante e al circolo Polare Artico, ideale per l’osservazione delle balene o dell'aurora boreale. Nella primavera del 2026 è prevista quindi l’apertura di una seconda struttura a Brietartún, Reykjavík, che offrirà sistemazioni lifestyle con un marchio Hilton ancora da definire. Situato in prossimità della storica Freemasons' Hall e della vivace area di Hlemmur, l’hotel avrà 170 posti letto. Bohemian Hotels ehf. è una joint venture di proprietà di Luxor ehf. e Concordia ehf., quest’ultima guidata dai veterani del settore Magnea Thorey Hjalmarsdottir e Þorsteinn Örn Guðmundsson, che vantano un'esperienza pluridecennale nella gestione e nello sviluppo alberghiero, tra cui collaborazioni di successo con marchi internazionali quali quelli dello stesso gruppo Hilton. [post_title] => Hilton si espande in Islanda con due nuovi hotel a Reykjavik e nel nord dell'isola [post_date] => 2024-06-18T15:12:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718723528000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469641 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => TAP Air Portugal e l'Agenzia di Promozione Turistica dell'Alentejo insieme per celebrare il legame culturale e turistico tra Italia e Portogallo, con un focus speciale sulla regione dell'Alentejo. Alla serata che si è tenuta nella prestigiosa sede romana di villa Barberini, sono intervenuti l’ambasciatore del Portogallo in Italia, S.E. Bernardo Futscher Pereira, il direttore dell’Ente del Turismo del Portogallo - Delegazione Italia, Marcelo Rebanda, i rappresentanti dell’agenzia di Promozione Turistica dell’Alentejo e l'area manager di TAP Air Portugal, Davide Calicchia. Al centro della narrazione, la regione dell'Alentejo, descritta da Vitor Silva, presidente dell'Agenzia Regionale di Promozione Turistica dell'Alentejo, come 'il giardino segreto del Portogallo', ma anche 'la nuova Toscana' per la sua bellezza autentica. La destinazione è celebre per i suoi vini, la natura lussureggiante, le lunghe spiagge incontaminate, una cucina semplice ma profondamente radicata nella tradizione, i castelli medievali e le riserve naturali come l'estuario del Sado, dimora di una colonia permanente di delfini. Tap Air Portugal La serata è stata anche l’occasione per TAP di illustrare le novità della compagnia di bandiera del Paese che offre 102 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da Roma, Milano, Firenze, Venezia, Bologna e Napoli. Dotata della più ampia rete di collegamenti per raggiungere il Portogallo in maniera capillare, TAP è la compagnia aerea leader per i viaggi in Portogallo, incluse le isole di Madeira e le Azzorre, e il suo hub di Lisbona è anche una porta d’ingresso verso il Brasile, l’Africa - due mercati in cui si è affermata come il vettore di riferimento - il Venezuela, il Messico, il Canada e gli USA. Grazie al Portugal Stopover, inoltre, i passeggeri delle tratte intercontinentali che non hanno come destinazione finale Lisbona o Porto ma che si fermano in una di queste città, possono beneficiare, all'andata e al ritorno, di una sosta in Portogallo che può arrivare fino a dieci notti, senza alcun costo aggiuntivo nella tariffa. [post_title] => Natura, enogastronomia e tradizione: il portogallo presenta l’Alentejo [post_date] => 2024-06-18T15:09:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero [1] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Estero [1] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718723357000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469591 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «B&B Hotels nasce nel 1990 in Francia da un’intuizione di François Brannelec. - racconta Simone Ravera, coo B&BHotels Italia, Slovenia e Ungheria, ripercorrendo la storia del gruppo - Brannelec viaggiava molto per lavoro e riteneva eccessivi i prezzi degli hotel. Ha deciso quindi di offrire al cliente un letto e una buona colazione a un costo veramente competitivo. L’idea ha funzionato molto bene e ha portato a un forte sviluppo in Francia (dove oggi siamo presenti con più di 400 hotel), in Germania (dove già superiamo quota 200) e in Spagna (dove siamo vicini ai 50). Il business-model è arrivato con successo in Italia 15 anni fa, grazie a Jean Claude Ghiotti, oggi presidente onorario di B&B Hotels Italia. Il mercato ci premia: trova un prodotto superiore alle attese a un prezzo concorrenziale e questo ci permette di performare molto». B&B Hotels continua a crescere seguendo il payoff: “Only for Everyone”. Primi hotel «Abbiamo aperto i nostri primi hotel in UK e in USA, ci stiamo espandendo in Slovenia e Ungheria. In Italia intendiamo raggiungere i 100 hotels entro il 2025 e 150 entro il 2030, l’anno scorso ne abbiamo aperti 8, quest’anno ne apriremo 14». Interessante la ricerca delle location dove aprire nuovi B&B Hotels: «Viene fatta attraverso un sistema di location intelligence: analizziamo e osserviamo il territorio, controlliamo il potenziale commerciale delle strutture e siamo versatili. - prosegue Ravera - Abbiamo trasformato in hotel luoghi come supermercati, uffici e tanti immobili trascurati. Questo take-over di strutture già esistenti è importante in particolare per il mercato italiano, perché ci sono poche possibilità di costruire e tanti alberghi. Interveniamo laddove l’imprenditore è in difficoltà o c’è un passaggio generazionale». Numerose le aree di crescita sulla penisola, «ci sono delle primary city che rimangono degli evergreen - Milano, Roma, Firenze, Torino … - ma ho visto recentemente una location a Matera, apriremo presto il nostro primo hotel a Sassari, in Sardegna e guardiamo con molta attenzione il sud Italia con Napoli, Bari. Quest’anno apriremo anche 414 camere a Tronchetto-Venezia, dove siamo riusciti ad avere uno degli ultimi due posti edificabili. L’elevato numero di camere rientra nella nostra logica “no limits” e 400 camere a Venezia vanno benissimo! - conclude il direttore operativo Ravera - Stiamo anche spingendo sul fronte leisure, che per l’azienda è una cosa nuova e in Italia siamo stati un po’ pionieri proprio grazie alla tipica flessibilità e creatività italiane. Bisogna pensare al leisure se si vogliono raggiungere i 150 hotels. "Quindi abbiamo alcune realtà nate come esperimenti e oggi consolidate come Cortina, Sottomarina di Chioggia, il grande successo di Santa Margherita Ligure e poi Diano Marina, Savona, Ischia… Abbiamo anche deciso di aggiungere alla nostra offerta la ristorazione creando un dipartimento f&b con una persona incaricata. Oggi sono attivi 8 ristoranti. Non ci poniamo limiti perché il nostro cliente ci segue e ci riconosce, sia nel leisure che nel business. Lo sappiamo perché facciamo molte ricerche in questa direzione: per noi il crm, la gestione della relazione con clienti, è fondamentale». Quello di B&B Hotels è quindi un modello in crescita nel mondo, che ha l’obiettivo di raggiungere un portfolio di 1500 hotels. [post_title] => B&B Hotels: storia e progetti di crescita per un turismo accessibile a tutti [post_date] => 2024-06-17T12:06:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718625978000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469548 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Deciso aumento dei passeggeri il gruppo Latam Airlines: nei primi cinque mesi del 2024 le compagnie aeree affiliate - con base in Cile, Colombia, Ecuador e Perù - hanno trasportato 32,8 milioni di passeggeri, pari ad una crescita del +16,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. In parallelo Latam è pronta ad aggiungere frequenze su una serie di rotte verso gli Stati Uniti, sottolineando il desiderio di rafforzare la joint venture  con Delta Air Line. I passeggeri internazionali trasportati da gennaio a maggio sono aumentati del 30,6% rispetto all'anno precedente, raggiungendo i 4,8 milioni.  Nel solo mese di maggio la capacità è aumentata del 15,9% rispetto al mese precedente, con una crescita addirittura del 27,6% della capacità internazionale. Il load factor consolidato del mese è stato dell'81,4%, +2,3 punti percentuali rispetto al 79,1% del maggio 2023. Intanto, dal prossimo 27 ottobre, i voli tra Santiago del Cile e Los Angeles passeranno da 6 a 7 voli settimanali; sempre a ottobre, Latam inizierà a operare tra San Paulo Guarulhos e Los Angeles 4 volte a settimana, rispetto alle attuali 3. Il gruppo aereo aggiungerà tre frequenze settimanali tra San Paolo e Orlando, arrivando così a voli giornalieri. A novembre, il servizio tra Santiago del Cile e Miami passerà da 12 a 13 frequenze settimanali, per poi essere nuovamente incrementato a 14 frequenze settimanali a dicembre. «L'aggiunta di nuovi voli settimanali rafforza l'obiettivo del nostro accordo con Delta, che ci permette di fornire una migliore connessione tra i Paesi del Sud e del Nord America, consentendo a migliaia di passeggeri di raggiungere alcune delle più importanti destinazioni di vacanza negli Stati Uniti", ha dichiarato Kamal Hadad, direttore network Latam. [post_title] => Gruppo Latam: passeggeri a +16,6% nei primi 5 mesi 2024, più voli verso gli Usa [post_date] => 2024-06-17T09:50:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718617846000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469523 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La prossima Fifa World Cup verrà giocata in tre Paesi diversi del Nord America, Stati Uniti, Canada e Messico, ma il match più importante, la finale, sarà nella città di New York. In vista dei Mondiali 2026, Alidays ha quindi deciso di rafforzare la proprie programmazione sugli Usa e in particolare sulla città della Grande Mela.  New York è sempre stata peraltro una città importante anche per altri eventi: le grandi mostre d'arte, i long running show di Broadway, i concerti leggendari in Central Park e le ormai tradizionali parate come quella di Macy's il giorno del Thanksgiving e la sempre più attesa Pride March che a fine giugno ogni anno, chiude il Pride Month della comunità Lgbtqia+. Alidays, che segue da sempre i cambiamenti della città, luogo di stimoli continui che solleticano l’attenzione del viaggiatore, propone quindi un tour di quattro notti / cinque giorni disegnato dal destination manager, Giuseppe Gerevini, per far conoscere i luoghi iconici della metropoli. Il pernottamento include alloggio in hotel 4 stelle, prima colazione, trasferimenti da/per l’aeroporto, visita della città in bus con guida, ingresso alla terrazza osservatorio The Edge, una cena in un ristorante di Manhattan. Partenze giornaliere tutto l’anno con quota per persona in doppia a partire da 976 euro (1° luglio – 21 agosto). [post_title] => Alidays rafforza la programmazione Usa e New York in vista dei Mondiali nordamericani del 2026 [post_date] => 2024-06-14T14:37:49+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718375869000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469506 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono dati più che incoraggianti quelli che arrivano dai Caraibi di Viva Resorts by Wyndham. Il gruppo ha infatti registrato a livello globale una crescita delle presenze del 3% nei primi sei mesi dell'anno rispetto al pari data 2023, con una proiezione di un più 6% sull'intero 2024. E in tale contesto cresce il peso del mercato Italia, già il terzo assoluto per volumi, che tra gennaio e giugno ha visto i pernottamenti salire del 13% con una previsione  di un +18% per l'anno completo.  "Il dato della Penisola è ancora più significativo - spiega la vice president sales and revenue manager Viva Resorts, Giuliana Carniel - se si considera che con il mercato tricolore lavoriamo praticamente solo su cinque - sei resort del nostro portfolio di otto strutture tra Repubblica Dominicana, Bahamas e Messico (presto nove con l'arrivo del Viva Miches in collaborazione con il brand Bravo di Alpitour, ndr)". L'Italia è particolarmente importante per il gruppo anche perché, insieme al mercato tedesco, è uno di quelli con il maggior numero di repeaters, circa il 20% del totale. Certo, come ormai da tempo sta notando la maggior parte degli operatori, anche Viva si trova ad affrontare una certa polarizzazione dei tempi di prenotazione: da una parte c'è tanto advance booking, praticato soprattutto dagli stessi repeaters e dai viaggiatori più consapevoli delle dinamiche di mercato; dall'altro avanza il sotto data, specialmente da parte dei giovani. "I mesi che stanno in mezzo sono la sfida che ci troviamo ad affrontare. Grazie ai gruppi e a promozioni specifiche riusciamo però quasi sempre a equilibrare gli andamenti della domanda". A monte di quest'ultima evoluzione c'è sicuramente il tema dei prezzi, con i consumatori che, in un contesto di elevata inflazione, sono sempre più propensi a prenotare nei periodi in cui le tariffe sono più basse. "I costi che continuano ad aumentare e lo scenario si fa più complesso - ammette Giuliana Carniel - In Messico, per esempio, sono cambiate le politiche sociali e di conseguenza sono aumentati i costi del personale, la moneta si è svalutata e alcuni dei beni primari hanno visto i prezzi impennarsi sino al 40%. Con la nuova presidente appena eletta, inoltre, gli stipendi potrebbero essere destinati a salire ulteriormente. Non solo: in Messico a volte è difficile perfino fare delle previsioni di budget, dato che voci come quella dell'energia elettrica possono balzare dal 20% semplicemente da un giorno all'altro. Alle Bahamas, per di più,, nonostante siano da sempre considerate un paradiso fiscale, il governo ha recentemente deciso di aumentare l'Iva". A fronte di tutto ciò, Viva si sforza però di contenere l'aumento dei prezzi, soprattutto nei confronti del mercato europeo che produce oltre il 50% del fatturato della compagnia e che già si trova ad avere a che fare con un balzo delle tariffe del volato di più del 30%. "E' per questo motivo che verso i Paesi del Vecchio continente abbiamo limitato gli aumenti al 4%, massimo 6% annuo, senza mai neppure avvicinarci a incrementi a doppia cifra percentuale - conclude Giuliana Carniel -. Recuperiamo invece qualcosa sui mercati più vicini, come quello sudamericano, il canadese e naturalmente gli Usa, che al momento pesano attorno al 15% del nostro giro d'affari".   [post_title] => Mercato Italia sempre più importante per Viva. Aumenti contenuti ma pesa l'inflazione [post_date] => 2024-06-14T13:21:16+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718371276000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "fam trip usa a senigallia le marche una destinazione perfetta per il mercato a stelle e strisce" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":81,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1183,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469926","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fausto Simone è il nuovo general manager dell'Anglo American Hotel Florence, recentemente entrato nella Curio Collection di casa Hilton. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore dell'ospitalità, Simone ha lavorato per strutture prestigiose in Italia e negli Usa, tra cui nella nostra penisola il Cavalieri Hilton Hotel Roma, nonché i Four Seasons, l'UpTown Palace e Grand Visconti Palace a Milano. Negli anni si è occupato dapprima di gestione dell’area food&beverage, organizzazione di eventi, fino a ricoprire il ruolo di managing director con responsabilità a 360 gradi sul business e sull’operatività dell’hotel.\r\n\r\n“Sono entusiasta di intraprendere questo nuovo percorso, che per me è un ritorno nella famiglia Hilton - commenta lo stesso Simone -. Agli inizi dell’esperienza lavorativa, ho mosso infatti i miei primi passi in due realtà del brand, nello specifico gli Hilton di Monaco di Baviera e di Roma, presso l'ex Cavalieri Hilton. L’Anglo American Hotel Florence è una location prestigiosa e non vedo l’ora di iniziare a collaborare con la comunità cittadina, i colleghi albergatori e i partner locali, per creare vacanze memorabili per viaggiatori curiosi alla ricerca di esperienze da scoprire con un profondo senso del luogo e una meraviglia infinita”.","post_title":"Fausto Simone nuovo gm dell'Anglo American Hotel Florence, Curio Collection by Hilton","post_date":"2024-06-21T11:44:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718970267000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469912","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le ultime che arrivano da casa Boeing dicono che l’azienda è stata costretta ad avviare un’indagine su un problema di qualità dei suoi 787 Dreamliner (uno dei suoi prodotti di punta) in attesa di consegna. Ne è risultato che centinaia di elementi di fissaggio sono stati installati in modo errato.\r\nSenato degli Usa\r\nAllo stesso tempo, David Calhoun, capo della Boeing, è comparso davanti al Senato degli Stati Uniti, dove si sta svolgendo un'indagine sulla condotta della società. E allo stesso tempo, affinché lo scandalo non finisca, le famiglie delle vittime dei due 737 Max precipitati in Indonesia ed Etiopia continuano le loro azioni legali affinché Boeing le risarcisca con 24 miliardi di dollari per aver mentito.\r\n\r\nIn questo caso era già stato stabilito che il risarcimento dovesse essere inferiore, ma con l'impegno che la Boeing avrebbe introdotto cambiamenti radicali nelle sue procedure affinché una simile disgrazia non si ripetesse. Quell'impegno sarebbe stato violato e questo è ciò che si giudica adesso e per la violazione di quell'impegno si chiedono 24 miliardi.","post_title":"Boeing: centinaia di elementi installati in modo errato sui 787 Dreamline","post_date":"2024-06-21T10:43:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718966612000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469722","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita-Lufthansa. Manca solo la firma ufficiale: l'accordo per le nozze fra Ita Airways e Lufthansa, che ha già ottenuto un via libera informale, a livello tecnico, dalla Commissione europea, sarà finalizzato in tempi rapidi.\r\n\r\nLo spiega, con una nota di ieri sera, il ministero dell’Economia, che ha fatto sapere di aver dato tutte le risposte ai dubbi di Bruxelles in materia di concorrenza sull’operazione, e ora si attende che l’ok arrivi in tempi rapidi. Il verdetto, come si sa, è atteso entro il 4 luglio, ma potrebbe concretizzarsi prima.\r\nUltimi dubbi\r\n«Abbiamo risposto, nella giornata odierna (ieri per chi legge, ndr) agli ultimi dubbi della Commissione europea e auspichiamo che questo permetta in tempi ragionevolmente brevi il perfezionamento dell’acquisizione di una quota di Ita Airways da parte di Lufthansa. Attendiamo, come previsto, la decisione formale entro il 4 luglio prossimo e siamo già al lavoro perché si concretizzino le condizioni concordate con la Commissione per poter finalizzare, nei prossimi mesi, l’operazione».","post_title":"Ita-Lufthansa, Mef: «Tempi rapidi per il perfezionamento dell'intesa»","post_date":"2024-06-19T09:30:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718789437000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469706","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Grazie a un accordo di franchising con Bohemian Hotels ehf, il gruppo Hilton annuncia due nuove proprietà islandesi che si aggiungeranno alle quattro già operative nel Paese: l’hotel Akureyri Skáld, Curio Collection nella parte settentrionale dell'isola e una nuova struttura nella capitale Reykjavik.\r\n\r\nL’Akureyri, si trova nella pittoresca via Hafnarstræti, nel cuore dell'omonima cittadina. La struttura, che dovrebbe aprire nell’estate del 2025, offrirà 70 camere, lounge, lobby bar, ristorante aperto tutto il giorno con un cortile esterno e un innovativo concetto di social club. L’area è diventata un’attrazione turistica per la sua vicinanza al circolo di Diamante e al circolo Polare Artico, ideale per l’osservazione delle balene o dell'aurora boreale.\r\n\r\nNella primavera del 2026 è prevista quindi l’apertura di una seconda struttura a Brietartún, Reykjavík, che offrirà sistemazioni lifestyle con un marchio Hilton ancora da definire. Situato in prossimità della storica Freemasons' Hall e della vivace area di Hlemmur, l’hotel avrà 170 posti letto.\r\n\r\nBohemian Hotels ehf. è una joint venture di proprietà di Luxor ehf. e Concordia ehf., quest’ultima guidata dai veterani del settore Magnea Thorey Hjalmarsdottir e Þorsteinn Örn Guðmundsson, che vantano un'esperienza pluridecennale nella gestione e nello sviluppo alberghiero, tra cui collaborazioni di successo con marchi internazionali quali quelli dello stesso gruppo Hilton.","post_title":"Hilton si espande in Islanda con due nuovi hotel a Reykjavik e nel nord dell'isola","post_date":"2024-06-18T15:12:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718723528000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469641","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"TAP Air Portugal e l'Agenzia di Promozione Turistica dell'Alentejo insieme per celebrare il legame culturale e turistico tra Italia e Portogallo, con un focus speciale sulla regione dell'Alentejo.\r\n\r\nAlla serata che si è tenuta nella prestigiosa sede romana di villa Barberini, sono intervenuti l’ambasciatore del Portogallo in Italia, S.E. Bernardo Futscher Pereira, il direttore dell’Ente del Turismo del Portogallo - Delegazione Italia, Marcelo Rebanda, i rappresentanti dell’agenzia di Promozione Turistica dell’Alentejo e l'area manager di TAP Air Portugal, Davide Calicchia.\r\n\r\nAl centro della narrazione, la regione dell'Alentejo, descritta da Vitor Silva, presidente dell'Agenzia Regionale di Promozione Turistica dell'Alentejo, come 'il giardino segreto del Portogallo', ma anche 'la nuova Toscana' per la sua bellezza autentica.\r\n\r\nLa destinazione è celebre per i suoi vini, la natura lussureggiante, le lunghe spiagge incontaminate, una cucina semplice ma profondamente radicata nella tradizione, i castelli medievali e le riserve naturali come l'estuario del Sado, dimora di una colonia permanente di delfini.\r\n\r\nTap Air Portugal\r\n\r\nLa serata è stata anche l’occasione per TAP di illustrare le novità della compagnia di bandiera del Paese che offre 102 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da Roma, Milano, Firenze, Venezia, Bologna e Napoli. Dotata della più ampia rete di collegamenti per raggiungere il Portogallo in maniera capillare, TAP è la compagnia aerea leader per i viaggi in Portogallo, incluse le isole di Madeira e le Azzorre, e il suo hub di Lisbona è anche una porta d’ingresso verso il Brasile, l’Africa - due mercati in cui si è affermata come il vettore di riferimento - il Venezuela, il Messico, il Canada e gli USA.\r\n\r\nGrazie al Portugal Stopover, inoltre, i passeggeri delle tratte intercontinentali che non hanno come destinazione finale Lisbona o Porto ma che si fermano in una di queste città, possono beneficiare, all'andata e al ritorno, di una sosta in Portogallo che può arrivare fino a dieci notti, senza alcun costo aggiuntivo nella tariffa.","post_title":"Natura, enogastronomia e tradizione: il portogallo presenta l’Alentejo","post_date":"2024-06-18T15:09:17+00:00","category":["estero","senza-categoria"],"category_name":["Estero","Senza categoria"],"post_tag":[]},"sort":[1718723357000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469591","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«B&B Hotels nasce nel 1990 in Francia da un’intuizione di François Brannelec. - racconta Simone Ravera, coo B&BHotels Italia, Slovenia e Ungheria, ripercorrendo la storia del gruppo - Brannelec viaggiava molto per lavoro e riteneva eccessivi i prezzi degli hotel. Ha deciso quindi di offrire al cliente un letto e una buona colazione a un costo veramente competitivo.\r\nL’idea ha funzionato molto bene e ha portato a un forte sviluppo in Francia (dove oggi siamo presenti con più di 400 hotel), in Germania (dove già superiamo quota 200) e in Spagna (dove siamo vicini ai 50). Il business-model è arrivato con successo in Italia 15 anni fa, grazie a Jean Claude Ghiotti, oggi presidente onorario di B&B Hotels Italia. Il mercato ci premia: trova un prodotto superiore alle attese a un prezzo concorrenziale e questo ci permette di performare molto». B&B Hotels continua a crescere seguendo il payoff: “Only for Everyone”. \r\n\r\nPrimi hotel\r\n«Abbiamo aperto i nostri primi hotel in UK e in USA, ci stiamo espandendo in Slovenia e Ungheria. In Italia intendiamo raggiungere i 100 hotels entro il 2025 e 150 entro il 2030, l’anno scorso ne abbiamo aperti 8, quest’anno ne apriremo 14». Interessante la ricerca delle location dove aprire nuovi B&B Hotels: «Viene fatta attraverso un sistema di location intelligence: analizziamo e osserviamo il territorio, controlliamo il potenziale commerciale delle strutture e siamo versatili. - prosegue Ravera - Abbiamo trasformato in hotel luoghi come supermercati, uffici e tanti immobili trascurati. Questo take-over di strutture già esistenti è importante in particolare per il mercato italiano, perché ci sono poche possibilità di costruire e tanti alberghi. Interveniamo laddove l’imprenditore è in difficoltà o c’è un passaggio generazionale».\r\n Numerose le aree di crescita sulla penisola, «ci sono delle primary city che rimangono degli evergreen - Milano, Roma, Firenze, Torino … - ma ho visto recentemente una location a Matera, apriremo presto il nostro primo hotel a Sassari, in Sardegna e guardiamo con molta attenzione il sud Italia con Napoli, Bari. Quest’anno apriremo anche 414 camere a Tronchetto-Venezia, dove siamo riusciti ad avere uno degli ultimi due posti edificabili. L’elevato numero di camere rientra nella nostra logica “no limits” e 400 camere a Venezia vanno benissimo! - conclude il direttore operativo Ravera - Stiamo anche spingendo sul fronte leisure, che per l’azienda è una cosa nuova e in Italia siamo stati un po’ pionieri proprio grazie alla tipica flessibilità e creatività italiane. Bisogna pensare al leisure se si vogliono raggiungere i 150 hotels. \r\n\"Quindi abbiamo alcune realtà nate come esperimenti e oggi consolidate come Cortina, Sottomarina di Chioggia, il grande successo di Santa Margherita Ligure e poi Diano Marina, Savona, Ischia… Abbiamo anche deciso di aggiungere alla nostra offerta la ristorazione creando un dipartimento f&b con una persona incaricata. Oggi sono attivi 8 ristoranti. Non ci poniamo limiti perché il nostro cliente ci segue e ci riconosce, sia nel leisure che nel business. Lo sappiamo perché facciamo molte ricerche in questa direzione: per noi il crm, la gestione della relazione con clienti, è fondamentale». Quello di B&B Hotels è quindi un modello in crescita nel mondo, che ha l’obiettivo di raggiungere un portfolio di 1500 hotels.\r\n","post_title":"B&B Hotels: storia e progetti di crescita per un turismo accessibile a tutti","post_date":"2024-06-17T12:06:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718625978000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469548","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Deciso aumento dei passeggeri il gruppo Latam Airlines: nei primi cinque mesi del 2024 le compagnie aeree affiliate - con base in Cile, Colombia, Ecuador e Perù - hanno trasportato 32,8 milioni di passeggeri, pari ad una crescita del +16,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\nIn parallelo Latam è pronta ad aggiungere frequenze su una serie di rotte verso gli Stati Uniti, sottolineando il desiderio di rafforzare la joint venture  con Delta Air Line.\r\n\r\nI passeggeri internazionali trasportati da gennaio a maggio sono aumentati del 30,6% rispetto all'anno precedente, raggiungendo i 4,8 milioni.  Nel solo mese di maggio la capacità è aumentata del 15,9% rispetto al mese precedente, con una crescita addirittura del 27,6% della capacità internazionale. Il load factor consolidato del mese è stato dell'81,4%, +2,3 punti percentuali rispetto al 79,1% del maggio 2023.\r\n\r\nIntanto, dal prossimo 27 ottobre, i voli tra Santiago del Cile e Los Angeles passeranno da 6 a 7 voli settimanali; sempre a ottobre, Latam inizierà a operare tra San Paulo Guarulhos e Los Angeles 4 volte a settimana, rispetto alle attuali 3. Il gruppo aereo aggiungerà tre frequenze settimanali tra San Paolo e Orlando, arrivando così a voli giornalieri.\r\n\r\nA novembre, il servizio tra Santiago del Cile e Miami passerà da 12 a 13 frequenze settimanali, per poi essere nuovamente incrementato a 14 frequenze settimanali a dicembre.\r\n\r\n«L'aggiunta di nuovi voli settimanali rafforza l'obiettivo del nostro accordo con Delta, che ci permette di fornire una migliore connessione tra i Paesi del Sud e del Nord America, consentendo a migliaia di passeggeri di raggiungere alcune delle più importanti destinazioni di vacanza negli Stati Uniti\", ha dichiarato Kamal Hadad, direttore network Latam.","post_title":"Gruppo Latam: passeggeri a +16,6% nei primi 5 mesi 2024, più voli verso gli Usa","post_date":"2024-06-17T09:50:46+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718617846000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469523","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La prossima Fifa World Cup verrà giocata in tre Paesi diversi del Nord America, Stati Uniti, Canada e Messico, ma il match più importante, la finale, sarà nella città di New York. In vista dei Mondiali 2026, Alidays ha quindi deciso di rafforzare la proprie programmazione sugli Usa e in particolare sulla città della Grande Mela. \r\n\r\nNew York è sempre stata peraltro una città importante anche per altri eventi: le grandi mostre d'arte, i long running show di Broadway, i concerti leggendari in Central Park e le ormai tradizionali parate come quella di Macy's il giorno del Thanksgiving e la sempre più attesa Pride March che a fine giugno ogni anno, chiude il Pride Month della comunità Lgbtqia+. Alidays, che segue da sempre i cambiamenti della città, luogo di stimoli continui che solleticano l’attenzione del viaggiatore, propone quindi un tour di quattro notti / cinque giorni disegnato dal destination manager, Giuseppe Gerevini, per far conoscere i luoghi iconici della metropoli.\r\n\r\nIl pernottamento include alloggio in hotel 4 stelle, prima colazione, trasferimenti da/per l’aeroporto, visita della città in bus con guida, ingresso alla terrazza osservatorio The Edge, una cena in un ristorante di Manhattan. Partenze giornaliere tutto l’anno con quota per persona in doppia a partire da 976 euro (1° luglio – 21 agosto).","post_title":"Alidays rafforza la programmazione Usa e New York in vista dei Mondiali nordamericani del 2026","post_date":"2024-06-14T14:37:49+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718375869000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469506","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono dati più che incoraggianti quelli che arrivano dai Caraibi di Viva Resorts by Wyndham. Il gruppo ha infatti registrato a livello globale una crescita delle presenze del 3% nei primi sei mesi dell'anno rispetto al pari data 2023, con una proiezione di un più 6% sull'intero 2024. E in tale contesto cresce il peso del mercato Italia, già il terzo assoluto per volumi, che tra gennaio e giugno ha visto i pernottamenti salire del 13% con una previsione  di un +18% per l'anno completo.  \"Il dato della Penisola è ancora più significativo - spiega la vice president sales and revenue manager Viva Resorts, Giuliana Carniel - se si considera che con il mercato tricolore lavoriamo praticamente solo su cinque - sei resort del nostro portfolio di otto strutture tra Repubblica Dominicana, Bahamas e Messico (presto nove con l'arrivo del Viva Miches in collaborazione con il brand Bravo di Alpitour, ndr)\".\r\n\r\nL'Italia è particolarmente importante per il gruppo anche perché, insieme al mercato tedesco, è uno di quelli con il maggior numero di repeaters, circa il 20% del totale. Certo, come ormai da tempo sta notando la maggior parte degli operatori, anche Viva si trova ad affrontare una certa polarizzazione dei tempi di prenotazione: da una parte c'è tanto advance booking, praticato soprattutto dagli stessi repeaters e dai viaggiatori più consapevoli delle dinamiche di mercato; dall'altro avanza il sotto data, specialmente da parte dei giovani. \"I mesi che stanno in mezzo sono la sfida che ci troviamo ad affrontare. Grazie ai gruppi e a promozioni specifiche riusciamo però quasi sempre a equilibrare gli andamenti della domanda\".\r\n\r\nA monte di quest'ultima evoluzione c'è sicuramente il tema dei prezzi, con i consumatori che, in un contesto di elevata inflazione, sono sempre più propensi a prenotare nei periodi in cui le tariffe sono più basse. \"I costi che continuano ad aumentare e lo scenario si fa più complesso - ammette Giuliana Carniel - In Messico, per esempio, sono cambiate le politiche sociali e di conseguenza sono aumentati i costi del personale, la moneta si è svalutata e alcuni dei beni primari hanno visto i prezzi impennarsi sino al 40%. Con la nuova presidente appena eletta, inoltre, gli stipendi potrebbero essere destinati a salire ulteriormente. Non solo: in Messico a volte è difficile perfino fare delle previsioni di budget, dato che voci come quella dell'energia elettrica possono balzare dal 20% semplicemente da un giorno all'altro. Alle Bahamas, per di più,, nonostante siano da sempre considerate un paradiso fiscale, il governo ha recentemente deciso di aumentare l'Iva\".\r\n\r\nA fronte di tutto ciò, Viva si sforza però di contenere l'aumento dei prezzi, soprattutto nei confronti del mercato europeo che produce oltre il 50% del fatturato della compagnia e che già si trova ad avere a che fare con un balzo delle tariffe del volato di più del 30%. \"E' per questo motivo che verso i Paesi del Vecchio continente abbiamo limitato gli aumenti al 4%, massimo 6% annuo, senza mai neppure avvicinarci a incrementi a doppia cifra percentuale - conclude Giuliana Carniel -. Recuperiamo invece qualcosa sui mercati più vicini, come quello sudamericano, il canadese e naturalmente gli Usa, che al momento pesano attorno al 15% del nostro giro d'affari\".\r\n\r\n ","post_title":"Mercato Italia sempre più importante per Viva. Aumenti contenuti ma pesa l'inflazione","post_date":"2024-06-14T13:21:16+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718371276000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti