14 July 2024

Cilento in bici e tarantella con la Fiab

[ 0 ]

il-cilento-in-bici-01Fiab organizza dal 22 al 28 agosto il viaggio in bici “Cilento bike e tarantella” in cui le escursioni in bicicletta (ma anche in barca e a piedi) a contatto con la natura, con il mare e con i siti archeologici e culturali, si alternano a laboratori e serate di musica e danza a cura di Folk Italia, per vivere e apprendere la tarantella irpina, la cilentana, le ballarelle del matese, le ballarelle della terra di lavoro e dell’alta Ciociaria. Non manca un’attenzione speciale ai sapori e alle tradizioni gastronomiche e culinarie del Cilento. La sistemazione è in campeggio a Marina di Camerota e, tra le escursioni in bici incluse nel programma settimanale, quelle a Maratea, Pozzallo, Cala Bianca, Porto Infreschi, promontorio di Capo Palinuro e grotte, spiaggia del Mingardo al tramonto, Parco archeologico di Velia, Certosa di Padula e grotte di Pertosa, grotte dell’Area Marina Protetta, Marina di Camerota/Licusati, Paestum. La quota di partecipazione individuale è di 550 euro e include: sistemazione in campeggio per sei notti con tenda autonoma, 5 cene e due pranzi/degustazioni, corsi di danza, due serate musicali, incontri con ricercatori ed esperti della tradizione, ingresso ai siti archeologici, grotte di Pertosa e Certosa di Padula, supporto furgone per le escursioni e trasporto bagagli in pulmino, passaggi in treno e in pullman per le escursioni ove necessari, guide accompagnatrici e accompagnatore Fiab. Il BiciViaggio “Cilento bike e tarantella” è organizzato con la direzione tecnica di Top Travel Team e la collaborazione logistica di Fiab Camerota Cilentoinbici.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471070 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un viaggiatore più consapevole, che sceglie la sua destinazione perché sa di poter vivere quell’esperienza precisa: le Fiandre insistono su una promozione mirata a target ben definiti di turisti, veri e propri appassionati dei capisaldi dell’offerta fiamminga - cultura in tutte le sue declinazioni, ciclismo per sportivi e non, birra - stimolandoli a scoprire realtà consolidate, ma da nuove prospettive. Spiega la direttrice di Visit Flanders in Italia, Giovanna Sainaghi: «Già da tempo il nostro impegno promozionale va al di là di una mera crescita numerica, in termini di arrivi, ma è orientato alla proposta di attività ed esperienze su misura per target specifici. Nel caso dell’Italia, in particolare, si lavora sulle forti affinità tra le due culture e dunque sull’arte, sul tema della bici in tutte le sue declinazioni - registriamo un’esplosione del turismo legato al ciclismo, soprattutto sportivo, ma anche come mezzo per una vacanza più slow o per coloro che scelgono di sperimentare la passeggiata in bici magari solo per qualche ora. Ancora, il mondo legato alla birra, che nelle Fiandre è sinonimo di eccellenza e unicità». [caption id="attachment_471074" align="alignleft" width="300"] Giovanna Sainaghi, director Italy, Visit Flanders - Ente del turismo delle Fiandre[/caption] Ma il 2024 si caratterizza fortemente per la significativa offerta di eventi artistici temporanei che si affiancano al tradizionale quanto ricco patrimonio permanente, «in grado di accendere un riflettore su località meno note, oppure zone diverse da quelle più frequentate dai turisti, mettendo in risalto tutto il bello della regione». In questo quadro spiccano «la Triennale Bruges 2024, in calendario fino al prossimo 1° settembre: il centro città e la sua frazione sul mare, Zeebrugge, sono punteggiati da installazioni e opere di 12 artisti e architetti di fama internazionale, che raccontano una Bruges diversa, oltre la sua immagine classica legata al patrimonio del passato». A questo evento si affianca quello della Triennale di Arte Contemporanea sulla costa belga (Beaufort24, dal tema ‘the Fabric of Life’, visitabile fino al 3 novembre): «Un dialogo tra luoghi e opere d’arte attraverso installazioni e sculture che percorrono gli oltre 60 km di costa fiamminga, tra Francia e Olanda. I paesaggi caratterizzati da spiagge chilometriche e alte dune di sabbia, diventano un palcoscenico unico per un'arte che tutti possono apprezzare. Inoltre, ai percorsi ciclabili e pedonali che consentono di immergersi nell'arte lungo la costa, toccando sia le nuove installazioni, che quelle già parte del Beaufort Sculpture Park, si aggiunge un tram costiero che percorre i 67 chilometri della costa garantendo una piacevole alternativa di trasporto. Terzo evento è quello legato alle celebrazioni per i 75 anni dalla scomparsa di James Ensor, uno dei protagonisti della scena artistica belga tra espressionismo, simbolismo, cubismo, a cavallo di 800 e 900. Fiammingo di Ostenda, dove durante il Covid aveva riaperto la sua casa, viene ricordato in particolare ad Anversa, dove si trova la più ampia collezione dell’artista nel mondo e, da settembre 2024, una serie di mostre nei diversi musei della città offrirà ai visitatori un'occasione unica per immergersi nelle opere del maestro. Il legame con il trade Le attività di Visit Flanders rivolte al trade nel 2024 passano, inevitabilmente, anche da questi eventi, «con momenti di comunicazione e attività specifiche a loro rivolte, per coinvolgerli, e continueranno nella seconda metà dell’anno. Dopo l'estate tornerà poi il format FlandersTalks che da tre anni è occasione per un incontro faccia a faccia con il trade, un momento non solo di formazione sulla destinazione, ma di confronto sui trend del momento: quest'anno saremo sicuramente a Milano e in un'altra città che stiamo selezionando».  L'Italia rappresenta per le  Fiandre il settimo mercato per importanza, «dopo i vicini di casa olandesi, seguiti da Francia e Germania - più o meno appaiate -, Regno Unito, Usa e Spagna». [gallery ids="471090,471087,471092,471085,471089,471086"] [post_title] => Riscoprire le Fiandre fra arte contemporanea, cicloturismo e birra [post_date] => 2024-07-09T13:06:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720530418000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470939 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ci sono due novità per la rete dei collegamenti operati da FS Treni Turistici Italiani: Roma-Lecce e Milano-Nizza. Una rimodulazione dei servizi, verso il Salento con un treno notturno e verso la Costa Azzurra con un “Espresso” diurno, che nasce dell’esigenza di rispondere velocemente alla crescente domanda turistica, dentro e fuori i confini nazionali. Il collegamento Roma-Lecce è una novità assoluta. Si parte il 18 luglio per offrire una nuova esperienza di vacanza a supporto del turismo sostenibile e di qualità, che contribuirà a soddisfare le esigenze di mobilità da e verso la Puglia. Il treno fermerà a Caserta per poi procedere, senza ulteriori soste lungo la notte, verso la Puglia. Qui fermerà a Bari Centrale, Polignano a Mare, Monopoli, Fasano, Ostuni, Carovigno, Brindisi e Lecce. Al comfort delle carrozze letto si unisce il servizio ristorante nel vagone dedicato e la possibilità di portare a bordo bagagli e attrezzature sportive, grazie a un vagone dedicato. L’altra novità dell’estate di FS Treni Turistici Italiani è l’Espresso Riviera. Dal 3 agosto al 1° settembre il treno con partenza da Milano arriverà fino a Nizza, con fermate a Mentone e Monaco-Principato di Montecarlo. A Nizza, inoltre, i viaggiatori potranno beneficiare delle coincidenze delle ferrovie francesi per proseguire verso Cannes e Marsiglia. Il servizio internazionale è stato reso possibile grazie alla disponibilità di SNCF Reseau, gestore dell’infrastruttura francese, e alla collaborazione tra FS Treni Turistici Italiani e Trenitalia France, la società del Polo Passeggeri che opera in Francia. “Questi nuovi collegamenti – spiega Luigi Cantamessa, amministratore delegato di FS Treni Turistici Italiani – confermano la grande versatilità che ci contraddistingue e segnano un ulteriore passo in avanti verso un turismo sempre più di qualità ed efficienza. Intendiamo proporre un servizio diverso, con alti livelli di comfort e privacy, garantiti con l’utilizzo esclusivo dello scompartimento e con un’hotellerie che si muove, in grado di capire il gradimento del cliente e costruire la composizione del treno di conseguenza. La vacanza inizia sul treno e le ampie pareti finestrate dei nostri mezzi permettono di apprezzare le bellezze del nostro Paese anche grazie al piacere di viaggiare a un’altra velocità ferroviaria”.  I due nuovi collegamenti si uniscono all’Espresso Versilia da Milano a Livorno e all’Espresso Cadore che collega Roma a Cortina.   [post_title] => FS Treni Turistici Italiani amplia la rete estiva verso Nizza e il Salento [post_date] => 2024-07-08T09:20:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720430445000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470807 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova partnership dedicata alla promozione del cicloturismo tra Decathlon e Bwh Hotels Italia. La novità è frutto di un accordo commerciale sottoscritto da SiSupply, la centrale acquisti del gruppo alberghiero. Grazie a questa collaborazione, i clienti Decathlon potranno in particolare beneficiare di uno sconto del 10% per soggiorni negli hotel bike di Bwh, a partire dal prossimo fine luglio. Le strutture bike della compagnia alberghiere offrono numerosi servizi dedicati agli amanti delle due ruote, tra cui noleggio biciclette e e-bike, spazi dedicati all’interno dell’hotel per parcheggiare le stesse biciclette, contatti con ciclofficine o kit di riparazione con attrezzi, colazioni con prodotti naturali e salutari e mappe di percorsi cicloturistici. Ogni hotel bike propone inoltre un pacchetto personalizzato con servizi extra ad hoc, tra cui late check-out, pocket breakfast, pocket lunch, bike tour organizzati, servizio di lavaggio bici, lavanderia, trattamenti benessere, frutta fresca o snack direttamente in camera. Grazie alla nuova partnership, il noleggio delle bici potrà ora avvenire anche nei punti vendita Decathlon più vicini, dove sarà anche possibile piure ricevere assistenza per eventuali riparazioni [post_title] => Bwh: nuova partnership con Decathlon dedicata al cicloturismo [post_date] => 2024-07-04T12:22:46+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720095766000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470648 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Slovenia consolida sempre più il proprio ruolo di eccellenza nel panorama enogastronomico europeo: la conferma arriva dalla quinta edizione della Guida Michelin Slovenia, dove compaiono 63 realtà, 4 in più dello scorso anno e 5 in più rispetto al 2022, disegnando una mappa ideale del gusto che attraversa il Paese in maniera trasversale. Il comune denominatore della cucina slovena d’eccellenza è, ancora una volta, una vocazione alla responsabilità ambientale e alla sostenibilità, fattore che rende la Slovenia il paese a cui sono state assegnate più stelle Verdi Michelin al mondo, per numero di abitanti. Per la prima volta, nel firmamento culinario sloveno, compaiono dieci ristoranti stellati, dato che colloca la piccola Repubblica al sesto posto in Europa per ristoranti stellati Michelin pro-capite. «È una nuova tappa – osserva Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia, – di un percorso iniziato 5 anni fa che aveva portato, nella prima edizione del 2020, sei ristoranti a ricevere stelle Michelin. Da allora, a questi si sono aggiunte altre quattro realtà di eccellenza, e le stelle totali sono arrivate a 13 (contando le tre di Hiša Franko e le due di Milka). Insieme al numero di stelle, edizione dopo edizione sono cresciuti anche l’interesse e la curiosità, oltre che nei confronti dell’enogastronomia slovena in sé, verso la Slovenia come destinazione turistica, grazie anche alla Guida. Ma grazie, soprattutto, all’impegno e al talento dei nostri chef che, da un capo all’altro del Paese, trovano sempre un modo, in cucina, per portare in alto il nome della Slovenia. Congratulazioni a tutti e 63 i ristoranti entrati, nel 2024, nella Guida Michelin, ma in particolar modo alle otto stelle verdi, punte di diamante e portabandiera di un modo di fare che in Slovenia». [post_title] => Slovenia protagonista dell'enogastronomia europea: salgono a 10 i ristoranti stellati Michelin [post_date] => 2024-07-02T15:10:21+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719933021000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470513 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parco Nazionale Area Marina Protetta delle Cinque Terre lancia la prima edizione del Cinque Terre Photo Award, il premio fotografico dedicato al racconto del territorio del Parco e del suo complesso intreccio di mondi. Il concorso nasce dall’idea di orientare l’interesse fotografico per le Cinque Terre, spesso banalizzato e ridotto a immagini ripetitive, verso una narrazione più ampia, autentica e contemporanea di questo straordinario tratto dell’estremo Levante ligure che l’UNESCO ha voluto elevare a Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1997. Il Cinque Terre Photo Award - nato dalla collaborazione con Spazi Fotografici e patrocinato da FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, I Parchi Letterari Italiani, e Touring Club Italiano - è declinato in due categorie, attraverso cui i fotografi, professionisti o amatoriali, potranno esplorare e mettere in luce gli elementi essenziali della vita del Parco: Genius Loci, sulle serie fotografiche che meglio documentano e narrano il rapporto dinamico tra uomo e natura, la conservazione e trasformazione del paesaggio, l'adattamento e la convivenza con l'ambiente circostante; Naturalia, che premia le migliori immagini singole della flora e della fauna custodite negli habitat terrestri e marini, celebrando la biodiversità del Parco e dell'Area Marina Protetta. Le categorie e lo straordinario paesaggio delle Cinque Terre, dal mare al crinale, offriranno l’opportunità a tutti gli amanti della fotografia e della natura, di esprimere il proprio talento e il proprio amore per il territorio, promuovendo una visione più consapevole e rispettosa del Parco e dei suoi stili di vita. Previste anche delle menzioni speciali con il compito di stimolare ulteriormente l’esplorazione di tutte le dimensioni dell’area protetta e la narrazione in immagini da punti di vista inediti: • menzione “FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano” per la miglior immagine sul tema dell'acqua come elemento generativo e trasformativo del paesaggio delle Cinque Terre; • menzione “Sergio Fregoso” al miglior autore under 30 per la categoria “Genius Loci” in omaggio allo storico fotografo spezzino che attraverso la sua poetica ha saputo cogliere e documentare l’evoluzione del paesaggio delle Cinque Terre, da mondo agricolo a meta di interesse culturale e turistica, ispirando le successive generazioni di artisti; • menzione alla miglior immagine subacquea o di ambiente marino. Ai vincitori delle due categorie premi in denaro: 1500 euro per la sezione “Genius Loci” e 500 euro per “Naturalia”. Ma non solo: grazie alla collaborazione con Leica Akademie Italia e Spazi Fotografici, riconoscimenti in voucher per corsi e workshop formativi. Importante la partnership con le realtà locali che offriranno ai vincitori delle diverse menzioni esperienze per vivere il Parco a 360 gradi. Le Pro Loco di Riomaggiore/Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso metteranno in palio soggiorni e cene mentre la Cantina Cooperativa Cinque Terre e la Cantina Sassarini/A Scià una wine experience alla scoperta dei Vini Cinque Terre Doc. Infine, per il vincitore della miglior foto subacquea e di ambiente marino un'immersione nell’Area Marina Protetta, offerta dal Diving Cinque Terre. La scadenza per l’invio delle immagini è fissata al 31 agosto 2024. La giuria del concorso sarà composta da esperti del settore fotografico e della comunicazione: Donatella Bianchi, giornalista e Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre; Gilberto Benni, Head of Leica Classic Italy e di Leica Akademie Italy; Ottavio Di Brizzi, direttore editoriale del Touring Club Italiano; Davide Di Gennaro, graphic designer e cofondatore dello studio TomoTomo; Sara Fregoso, fotografa; Davide Marcesini, fotografo e direttore di Spazi Fotografici; Stanislao de Marsanich, presidente de I Parchi Letterari Italiani; Alberto Luca Recchi, fotografo, scrittore ed esploratore subacqueo; Barbara Verduci, photoeditor del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.   [post_title] => Cinque Terre Foto Award, un concorso che invita ad esplorare il territorio [post_date] => 2024-07-01T12:35:52+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719837352000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470337 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Toscana delle due ruote a pedali, sarà presente a Becycle, l’evento organizzato da Pitti Immagine che fino al 28 giugno celebra la bicicletta alla Stazione Leopolda di Firenze. Per l’occasione il comitato scientifico per la parte cicloturismo e destinazioni è stato affidato a Toscana Promozione Turistica. L’evento è organizzato in coincidenza con il Grand Départ del Tour de France previsto a Firenze il 29 giugno. Becycle è dedicato al mondo delle biciclette, del cicloturismo e dello stile di vita legato alla bici. Ci saranno anche le Regioni interessate dalle tappe italiane del Tour e gli Enti vocati al cicloturismo, al turismo sostenibile e a quello attivo, tutti settori in cui la Toscana è leader.  «Ci apprestiamo a vivere un momento unico con la partenza del Tour de France – spiega il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani - Per la bicicletta, e per tutto quello che ad essa ruota intorno, abbiamo investito e continueremo ad investire risorse ed energie importanti. Con un’offerta che mette al centro la sostenibilità, il turismo slow e una ricchezza culturale quasi unica». “Il bike – aggiunge Leonardo Marras, assessore al turismo - è uno dei principali attrattori dell’offerta turistica della regione che, infatti, è stata la prima a dotarsi di un Atlante degli itinerari cicloturistici: uno strumento digitale in continuo aggiornamento che facilita l'organizzazione del viaggio. Con oltre 15.000 km di percorsi, la guida offre anche informazioni su strutture e proposte di vacanze a tema, risorsa essenziale per pianificare un tour in bicicletta attraverso il portale web dedicato www.visittuscany.com, che include descrizioni dettagliate, mappe interattive, profili altimetrici e indicazioni utili».     [post_title] => Cicloturismo, la Toscana protagonista a Becycle a Firenze fino al 28 giugno [post_date] => 2024-06-27T12:10:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719490258000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469943 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_469944" align="alignleft" width="285"] Ph credits: Valais Wallis Promotion - Yves Garneau[/caption] L’ente del Turismo Svizzero ha illustrato alla stampa e agli operatori del settore il Canton Vallese. Attraverso una coinvolgente attività di Nordic Walking, nel parco di Villa Pamphili a Roma, sono state presentate le novità 2024/2025 della destinazione sempre più "quattro stagioni", che si conferma meta ideale per amanti della natura e delle esperienze all'aria aperta di ogni età. Grazie ai suoi paesaggi incontaminati e 45 picchi sopra i 4000 metri , il trekking si distingue fra le attività più popolari del Vallese. Con oltre 8000 chilometri di sentieri il Canton Vallese offre escursioni in alta quota, sentieri nel bosco, passeggiate adrenaliniche fra ponti sospesi e camminate fra i vigneti. I paesaggi del Vallese possono essere scoperti, dalle vallate alle vette, anche in bicicletta, che si sia amanti o professionisti del ciclismo e della mountain bike. Tra le novità estive dell'Aletsch Arena,  in collaborazione con la redazione della rivista specializzata Ride-Magazin, il nuovo bike Tour degli impianti. Grazie ai numerosi sistemi di risalita che consentono il trasporto delle bici, è possibile così apprezzare al massimo le lunghe discese su due ruote. Per la prima volta le destinazioni Aletsch Arena e Bellwald ospiteranno quest'estate un appuntamento della Coppa del Mondo di Mountain Bike. Dal 12 al 14 luglio le località accoglieranno la UCI Mountain Bike Enduro World Cup 2024 mentre, dal 30 agosto al 14 settembre 2025, i Campionati Mondiali di Mountain Bike UCI riuniranno per la prima volta le sette discipline della mountain bike in una sola regione ospitante che sarà, appunto, il Vallese. Sempre nella regione dell’Aletsch, è stato inaugurato quest’estate un nuovo sentiero didattico, il Giardino Alpino: un'occasione per conoscere oltre 200 piante alpine tipiche della zona. [caption id="attachment_469945" align="aligncenter" width="501"] ph credits: Valais Wallis Promotion - Pascal Gertschen[/caption] Tra le novità invernali, Magic Pass, il pass svizzero che consente l'accesso agli impianti di risalita per tutto l'anno, include per la prima volta tra le sue destinazioni due stazioni sciistiche italiane, quelle di San Domenico e Alpe Devero, raggiungibili in un’ora da Milano. Il pass garantisce in inverno, l'accesso illimitato a 80 comprensori sciistici, 21 nel Vallese, con 2800 chilometri di piste, mentre in estate apre 37 destinazioni. Come opzione a pagamento aggiuntiva del Magic Pass, la possibilità di rilassarsi in 15 bagni termali e piscine di montagna. Si distingue fra questi Leukerbad Therme, i bagni termali alpini più grandi d'Europa, adatti a tutte le età. Grazie ai suoi 300 giorni di sole all'anno, questa terra è particolarmente adatta alla produzione del vino. Con 5000 ettari di vigneti e una sessantina di varietà d'uva, il Vallese è la più grande regione del settore vitivinicolo svizzero. Qui il vigneto più piccolo del mondo, nel comune di Saillon, e quello più alto d'Europa, a Visperterminen, a 1000 metri d’altitudine. Il Canton Vallese è la destinazione ideale anche per le famiglie grazie alle numerose attività aperte a tutti i livelli. Fra le destinazioni principali del Cantone la Martigny  Région con il museo Barryland, dedicato al cane San Bernardo, con un ampliamento su due ettari di parco previsto nell'estate 2025. Si distinguono sempre in questa località le escursioni con il trenino Monte Bianco Express e con VerticAlp Emosson. Con partenza a Châtelard e arrivo al lago artificiale Lac d’Emosson, l'escursione VerticAlp consente di ammirare il Monte Bianco attraverso un percorso che comprende una funicolare tra le più ripide al mondo, un treno panoramico e una minifunicolare. Martigny ospita, inoltre, la Fondazione Pierre Gianadda e le sue prestigiose mostre d'arte. Di Elisa Biagioli [post_title] => Canton Vallese: turismo all'aria aperta fra mountain bike e sci [post_date] => 2024-06-21T14:01:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718978518000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469726 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A San Vigilio di Marebbe, occupata per il 56% dai due parchi naturali Parco Fanes-Senes-Braies e Puez – Odle, la Cooperativa Turistica “San Vigilio San Martin – Dolomites” ha scelto l’autorevole Global Sustainable Tourism Council, riconosciuto a livello mondiale: si tratta di un'organizzazione senza scopo di lucro creata dalle Nazioni Unite in collaborazione con altre organizzazioni non governative (ONG) in tutto il mondo per proteggere l'ambiente. Questo territorio è stato il primo in Alto Adige e il terzo in Italia a ricevere questa importante certificazione che garantisce alcune caratteristiche di base tra cui la severa verifica del rispetto dei criteri di sostenibilità (economici, sociali e ambientali), il processo di audit dei requisiti effettuato da una terza parte accreditata dal GSTC per la concessione della certificazione, diversi standard per fornitori di alloggi, destinazioni e operatori turistici. La vocazione di tutto il territorio alla green policy è stata seguita anche da 6 strutture il cui obiettivo è offrire agli ospiti una vacanza davvero green, con tanto di certificazione.   Un esempio virtuoso è il rifugio alpino “Ütia de Börz” a ben 2.006 metri di altitudine: si trova in cima al Passo delle Erbe, alle porte del Parco Naturale Puez-Odle e delle sue meraviglie naturali. Il Kristallhotel Corona, specializzato nel benessere naturale basato sui cristalli, ha realizzato le piscine con materiali naturali e sostenibili, come la quarzite argentata dell’Alto Adige e pietre di granito, che oltre ad accumulare calore, trasmettono una particolare sensazione di armonia in sintonia con la natura.  I nuovi ed esclusivi Chalets Liondes sono un esempio di lusso e sostenibilità. Ognuno con spa privata, sauna e vasca idromassaggio, offrono anche la possibilità di avere lo chef a domicilio, che cucina con prodotti del territorio. Realizzati secondo gli standard Casa Clima A e dotati di pannelli solari, questi chalet incarnano il principio della sostenibilità. Al Garni Diamant un sistema fotovoltaico e i pannelli solari sono la soluzione ideale per non inquinare; il giardino viene irrigato con acqua piovana raccolta in una botte e la piscina ha un sistema di pulizia con il sale, ad impatto inquinante molto basso; vengono calcolate le emissioni CO2 per piantare alberi in modo da compensare l’impatto ambientale. Barbara Frenner, proprietaria dell’eco B&B Les Gomines ha il desiderio di “creare un luogo in cui l’uomo e la natura trovino lo spazio che si meritano”. La struttura è un Klimahaus rispettoso dei rigidi protocolli del risparmio energetico; i prodotti utilizzati, dalla cucina all’igiene personale e ai detersivi, sono green label; inoltre viene incentivata l’abitudine a utilizzare i mezzi di trasporto (gratuiti con il Dolomiti Holiday Pass).   L’hotel Excelsior è una struttura a basso consumo energetico, costruita come “CasaClima classe A, oltre alla certificazione GSTC vanta il marchio “Sostenibilità Alto Adige”. Un impianto di cogenerazione produce parte dell’energia elettrica, trasformando il gas naturale in calore e contribuendo a risparmiare circa il 20% di energia; la piscina panoramica con vasca in poliuretano consuma il 30% in meno rispetto ad una vasca in acciaio o di cemento.   Il 3 giugno 2024 l’hotel AMA Stay ha annunciato l'ottenimento delle certificazioni GSTC (Global Sustainable Tourism Council) e del Marchio Sostenibilità Alto Adige, che attestano l'impegno continuo verso pratiche sostenibili e responsabili. AMA Stay rappresenta un modello di ospitalità innovativa dove vacanza, lavoro e rispetto per l'ambiente si incontrano.   San Vigilio - Dolomites è la cooperativa turistica nata per promuovere questo speciale territorio che si estende tra i paesi di San Vigilio di Marebbe e di San Martino in Badia.     [post_title] => A San Vigilio di Marebbe, certificata GSTC, vacanze ad impatto sostenibile [post_date] => 2024-06-19T10:29:25+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718792965000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469556 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 4  milioni di passeggeri in tre anni di attività: questo il bilancio di Itabus che durante questo periodo ha consolidato la propria offerta raggiungendo più di 100 località servite, 2.200 collegamenti quotidiani e oltre 500 partenze al giorno. Ora, con le previsioni per l'estate che indicano un ulteriore aumento dei flussi turistici in Italia la società del gruppo Italo punta dritto sulle località di mare: il nuovo network 2024 operativo dal prossimo 20 giugno prevede diverse novità. Si comincia dalla Calabria, con più fermate e più servizi lungo la costa ionica (collegata a città quali Salerno, Napoli, Roma, Firenze, Bologna e Milano). Fino a 10 corse ogni giorno per collegare, tra le altre, Crotone, Sibari, Rossano, Cirò Marina a cui si aggiungono le nuove destinazioni di Pietrapaola, Strongoli Marina, Torre Melissa e Torretta Crucoli e altre lungo la costa. La Puglia è collegata con 14 viaggi al giorno per Napoli e 6 per Roma verso Bari e il Salento con le destinazioni estive di Avetrana, Porto Cesareo, Nardò, Gallipoli, Manduria, Maglie, Mola di Bari, Polignano a Mare. Novità dell’estate i collegamenti da Napoli verso la costa garganica (Peschici, Rodi Garganico e Vieste). In Sicilia si aggiungono le destinazioni di Cefalù e Siracusa, e nuovi viaggi per Taormina. Guardando al Nord, Friuli-Venezia Giulia e Veneto vedono l’introduzione delle destinazioni di Jesolo, Bibione, Caorle e Lignano Sabbiadoro.  Le connessioni intermodali treno più bus targate Italo-Itabus, consentono di viaggiare con un solo biglietto su ambedue i mezzi. Due nuovi collegamenti intermodali per Lignano Sabbiadoro (fermate intermedie a Lido di Jesolo, Bibione e Caorle) con scalo a Venezia Mestre e 2 per Vieste (e tutta la riva garganica con scalo a Rodi Garganico e Peschici) facendo cambio tra treno e bus alla stazione di Foggia. Quattro i servizi, invece, che collegheranno il Salento da Napoli verso le mete di Porto Cesareo, Nardò e Gallipoli. Nuove destinazioni in Puglia anche sulla costa adriatica, grazie alle interconnessioni che, con cambio a Bari, consentiranno ai passeggeri Italo di raggiungere Polignano a Mare, Fasano, Ostuni, Brindisi e Lecce. Confermati i servizi Italo-Itabus verso Sorrento, Pompei, Agrigento, Cortina, Palermo e le altre mete turistiche italiane, sempre molto richieste dagli utenti. [post_title] => Itabus: oltre 4 mln di passeggeri in tre anni. Le novità dell'estate [post_date] => 2024-06-17T10:19:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718619593000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "cilento bici tarantella la fiab" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":43,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":196,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471070","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un viaggiatore più consapevole, che sceglie la sua destinazione perché sa di poter vivere quell’esperienza precisa: le Fiandre insistono su una promozione mirata a target ben definiti di turisti, veri e propri appassionati dei capisaldi dell’offerta fiamminga - cultura in tutte le sue declinazioni, ciclismo per sportivi e non, birra - stimolandoli a scoprire realtà consolidate, ma da nuove prospettive.\r\n\r\nSpiega la direttrice di Visit Flanders in Italia, Giovanna Sainaghi: «Già da tempo il nostro impegno promozionale va al di là di una mera crescita numerica, in termini di arrivi, ma è orientato alla proposta di attività ed esperienze su misura per target specifici. Nel caso dell’Italia, in particolare, si lavora sulle forti affinità tra le due culture e dunque sull’arte, sul tema della bici in tutte le sue declinazioni - registriamo un’esplosione del turismo legato al ciclismo, soprattutto sportivo, ma anche come mezzo per una vacanza più slow o per coloro che scelgono di sperimentare la passeggiata in bici magari solo per qualche ora. Ancora, il mondo legato alla birra, che nelle Fiandre è sinonimo di eccellenza e unicità».\r\n\r\n[caption id=\"attachment_471074\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Giovanna Sainaghi, director Italy, Visit Flanders - Ente del turismo delle Fiandre[/caption]\r\n\r\nMa il 2024 si caratterizza fortemente per la significativa offerta di eventi artistici temporanei che si affiancano al tradizionale quanto ricco patrimonio permanente, «in grado di accendere un riflettore su località meno note, oppure zone diverse da quelle più frequentate dai turisti, mettendo in risalto tutto il bello della regione».\r\n\r\nIn questo quadro spiccano «la Triennale Bruges 2024, in calendario fino al prossimo 1° settembre: il centro città e la sua frazione sul mare, Zeebrugge, sono punteggiati da installazioni e opere di 12 artisti e architetti di fama internazionale, che raccontano una Bruges diversa, oltre la sua immagine classica legata al patrimonio del passato». A questo evento si affianca quello della Triennale di Arte Contemporanea sulla costa belga (Beaufort24, dal tema ‘the Fabric of Life’, visitabile fino al 3 novembre): «Un dialogo tra luoghi e opere d’arte attraverso installazioni e sculture che percorrono gli oltre 60 km di costa fiamminga, tra Francia e Olanda. I paesaggi caratterizzati da spiagge chilometriche e alte dune di sabbia, diventano un palcoscenico unico per un'arte che tutti possono apprezzare. Inoltre, ai percorsi ciclabili e pedonali che consentono di immergersi nell'arte lungo la costa, toccando sia le nuove installazioni, che quelle già parte del Beaufort Sculpture Park, si aggiunge un tram costiero che percorre i 67 chilometri della costa garantendo una piacevole alternativa di trasporto.\r\n\r\nTerzo evento è quello legato alle celebrazioni per i 75 anni dalla scomparsa di James Ensor, uno dei protagonisti della scena artistica belga tra espressionismo, simbolismo, cubismo, a cavallo di 800 e 900. Fiammingo di Ostenda, dove durante il Covid aveva riaperto la sua casa, viene ricordato in particolare ad Anversa, dove si trova la più ampia collezione dell’artista nel mondo e, da settembre 2024, una serie di mostre nei diversi musei della città offrirà ai visitatori un'occasione unica per immergersi nelle opere del maestro.\r\n\r\nIl legame con il trade\r\n\r\nLe attività di Visit Flanders rivolte al trade nel 2024 passano, inevitabilmente, anche da questi eventi, «con momenti di comunicazione e attività specifiche a loro rivolte, per coinvolgerli, e continueranno nella seconda metà dell’anno. Dopo l'estate tornerà poi il format FlandersTalks che da tre anni è occasione per un incontro faccia a faccia con il trade, un momento non solo di formazione sulla destinazione, ma di confronto sui trend del momento: quest'anno saremo sicuramente a Milano e in un'altra città che stiamo selezionando». \r\n\r\nL'Italia rappresenta per le  Fiandre il settimo mercato per importanza, «dopo i vicini di casa olandesi, seguiti da Francia e Germania - più o meno appaiate -, Regno Unito, Usa e Spagna».\r\n\r\n[gallery ids=\"471090,471087,471092,471085,471089,471086\"]","post_title":"Riscoprire le Fiandre fra arte contemporanea, cicloturismo e birra","post_date":"2024-07-09T13:06:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1720530418000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470939","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ci sono due novità per la rete dei collegamenti operati da FS Treni Turistici Italiani: Roma-Lecce e Milano-Nizza. Una rimodulazione dei servizi, verso il Salento con un treno notturno e verso la Costa Azzurra con un “Espresso” diurno, che nasce dell’esigenza di rispondere velocemente alla crescente domanda turistica, dentro e fuori i confini nazionali.\r\n\r\nIl collegamento Roma-Lecce è una novità assoluta. Si parte il 18 luglio per offrire una nuova esperienza di vacanza a supporto del turismo sostenibile e di qualità, che contribuirà a soddisfare le esigenze di mobilità da e verso la Puglia. Il treno fermerà a Caserta per poi procedere, senza ulteriori soste lungo la notte, verso la Puglia. Qui fermerà a Bari Centrale, Polignano a Mare, Monopoli, Fasano, Ostuni, Carovigno, Brindisi e Lecce. Al comfort delle carrozze letto si unisce il servizio ristorante nel vagone dedicato e la possibilità di portare a bordo bagagli e attrezzature sportive, grazie a un vagone dedicato.\r\n\r\nL’altra novità dell’estate di FS Treni Turistici Italiani è l’Espresso Riviera. Dal 3 agosto al 1° settembre il treno con partenza da Milano arriverà fino a Nizza, con fermate a Mentone e Monaco-Principato di Montecarlo. A Nizza, inoltre, i viaggiatori potranno beneficiare delle coincidenze delle ferrovie francesi per proseguire verso Cannes e Marsiglia. Il servizio internazionale è stato reso possibile grazie alla disponibilità di SNCF Reseau, gestore dell’infrastruttura francese, e alla collaborazione tra FS Treni Turistici Italiani e Trenitalia France, la società del Polo Passeggeri che opera in Francia.\r\n\r\n“Questi nuovi collegamenti – spiega Luigi Cantamessa, amministratore delegato di FS Treni Turistici Italiani – confermano la grande versatilità che ci contraddistingue e segnano un ulteriore passo in avanti verso un turismo sempre più di qualità ed efficienza. Intendiamo proporre un servizio diverso, con alti livelli di comfort e privacy, garantiti con l’utilizzo esclusivo dello scompartimento e con un’hotellerie che si muove, in grado di capire il gradimento del cliente e costruire la composizione del treno di conseguenza. La vacanza inizia sul treno e le ampie pareti finestrate dei nostri mezzi permettono di apprezzare le bellezze del nostro Paese anche grazie al piacere di viaggiare a un’altra velocità ferroviaria”. \r\n\r\nI due nuovi collegamenti si uniscono all’Espresso Versilia da Milano a Livorno e all’Espresso Cadore che collega Roma a Cortina.\r\n\r\n ","post_title":"FS Treni Turistici Italiani amplia la rete estiva verso Nizza e il Salento","post_date":"2024-07-08T09:20:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720430445000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470807","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova partnership dedicata alla promozione del cicloturismo tra Decathlon e Bwh Hotels Italia. La novità è frutto di un accordo commerciale sottoscritto da SiSupply, la centrale acquisti del gruppo alberghiero. Grazie a questa collaborazione, i clienti Decathlon potranno in particolare beneficiare di uno sconto del 10% per soggiorni negli hotel bike di Bwh, a partire dal prossimo fine luglio.\r\n\r\nLe strutture bike della compagnia alberghiere offrono numerosi servizi dedicati agli amanti delle due ruote, tra cui noleggio biciclette e e-bike, spazi dedicati all’interno dell’hotel per parcheggiare le stesse biciclette, contatti con ciclofficine o kit di riparazione con attrezzi, colazioni con prodotti naturali e salutari e mappe di percorsi cicloturistici. Ogni hotel bike propone inoltre un pacchetto personalizzato con servizi extra ad hoc, tra cui late check-out, pocket breakfast, pocket lunch, bike tour organizzati, servizio di lavaggio bici, lavanderia, trattamenti benessere, frutta fresca o snack direttamente in camera. Grazie alla nuova partnership, il noleggio delle bici potrà ora avvenire anche nei punti vendita Decathlon più vicini, dove sarà anche possibile piure ricevere assistenza per eventuali riparazioni","post_title":"Bwh: nuova partnership con Decathlon dedicata al cicloturismo","post_date":"2024-07-04T12:22:46+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720095766000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470648","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Slovenia consolida sempre più il proprio ruolo di eccellenza nel panorama enogastronomico europeo: la conferma arriva dalla quinta edizione della Guida Michelin Slovenia, dove compaiono 63 realtà, 4 in più dello scorso anno e 5 in più rispetto al 2022, disegnando una mappa ideale del gusto che attraversa il Paese in maniera trasversale.\r\n\r\nIl comune denominatore della cucina slovena d’eccellenza è, ancora una volta, una vocazione alla responsabilità ambientale e alla sostenibilità, fattore che rende la Slovenia il paese a cui sono state assegnate più stelle Verdi Michelin al mondo, per numero di abitanti.\r\n\r\nPer la prima volta, nel firmamento culinario sloveno, compaiono dieci ristoranti stellati, dato che colloca la piccola Repubblica al sesto posto in Europa per ristoranti stellati Michelin pro-capite.\r\n\r\n«È una nuova tappa – osserva Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia, – di un percorso iniziato 5 anni fa che aveva portato, nella prima edizione del 2020, sei ristoranti a ricevere stelle Michelin. Da allora, a questi si sono aggiunte altre quattro realtà di eccellenza, e le stelle totali sono arrivate a 13 (contando le tre di Hiša Franko e le due di Milka). Insieme al numero di stelle, edizione dopo edizione sono cresciuti anche l’interesse e la curiosità, oltre che nei confronti dell’enogastronomia slovena in sé, verso la Slovenia come destinazione turistica, grazie anche alla Guida. Ma grazie, soprattutto, all’impegno e al talento dei nostri chef che, da un capo all’altro del Paese, trovano sempre un modo, in cucina, per portare in alto il nome della Slovenia. Congratulazioni a tutti e 63 i ristoranti entrati, nel 2024, nella Guida Michelin, ma in particolar modo alle otto stelle verdi, punte di diamante e portabandiera di un modo di fare che in Slovenia».","post_title":"Slovenia protagonista dell'enogastronomia europea: salgono a 10 i ristoranti stellati Michelin","post_date":"2024-07-02T15:10:21+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1719933021000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470513","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parco Nazionale Area Marina Protetta delle Cinque Terre lancia la prima edizione del Cinque Terre Photo Award, il premio fotografico dedicato al racconto del territorio del Parco e del suo complesso intreccio di mondi.\r\n\r\nIl concorso nasce dall’idea di orientare l’interesse fotografico per le Cinque Terre, spesso banalizzato e ridotto a immagini ripetitive, verso una narrazione più ampia, autentica e contemporanea di questo straordinario tratto dell’estremo Levante ligure che l’UNESCO ha voluto elevare a Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1997.\r\n\r\nIl Cinque Terre Photo Award - nato dalla collaborazione con Spazi Fotografici e patrocinato da FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, I Parchi Letterari Italiani, e Touring Club Italiano - è declinato in due categorie, attraverso cui i fotografi, professionisti o amatoriali, potranno esplorare e mettere in luce gli elementi essenziali della vita del Parco: Genius Loci, sulle serie fotografiche che meglio documentano e narrano il rapporto dinamico tra uomo e natura, la conservazione e trasformazione del paesaggio, l'adattamento e la convivenza con l'ambiente circostante; Naturalia, che premia le migliori immagini singole della flora e della fauna custodite negli habitat terrestri e marini, celebrando la biodiversità del Parco e dell'Area Marina Protetta.\r\n\r\nLe categorie e lo straordinario paesaggio delle Cinque Terre, dal mare al crinale, offriranno l’opportunità a tutti gli amanti della fotografia e della natura, di esprimere il proprio talento e il proprio amore per il territorio, promuovendo una visione più consapevole e rispettosa del Parco e dei suoi stili di vita.\r\n\r\nPreviste anche delle menzioni speciali con il compito di stimolare ulteriormente l’esplorazione di tutte le dimensioni dell’area protetta e la narrazione in immagini da punti di vista inediti:\r\n• menzione “FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano” per la miglior immagine sul tema dell'acqua come elemento generativo e trasformativo del paesaggio delle Cinque Terre;\r\n\r\n• menzione “Sergio Fregoso” al miglior autore under 30 per la categoria “Genius Loci” in omaggio allo storico fotografo spezzino che attraverso la sua poetica ha saputo cogliere e documentare l’evoluzione del paesaggio delle Cinque Terre, da mondo agricolo a meta di interesse culturale e turistica, ispirando le successive generazioni di artisti;\r\n\r\n• menzione alla miglior immagine subacquea o di ambiente marino.\r\n\r\nAi vincitori delle due categorie premi in denaro: 1500 euro per la sezione “Genius Loci” e 500 euro per “Naturalia”. Ma non solo: grazie alla collaborazione con Leica Akademie Italia e Spazi Fotografici, riconoscimenti in voucher per corsi e workshop formativi. Importante la partnership con le realtà locali che offriranno ai vincitori delle diverse menzioni esperienze per vivere il Parco a 360 gradi. Le Pro Loco di Riomaggiore/Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso metteranno in palio soggiorni e cene mentre la Cantina Cooperativa Cinque Terre e la Cantina Sassarini/A Scià una wine experience alla scoperta dei Vini Cinque Terre Doc. Infine, per il vincitore della miglior foto subacquea e di ambiente marino un'immersione nell’Area Marina Protetta, offerta dal Diving Cinque Terre.\r\n\r\nLa scadenza per l’invio delle immagini è fissata al 31 agosto 2024.\r\n\r\nLa giuria del concorso sarà composta da esperti del settore fotografico e della comunicazione: Donatella Bianchi, giornalista e Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre; Gilberto Benni, Head of Leica Classic Italy e di Leica Akademie Italy; Ottavio Di Brizzi, direttore editoriale del Touring Club Italiano; Davide Di Gennaro, graphic designer e cofondatore dello studio TomoTomo; Sara Fregoso, fotografa; Davide Marcesini, fotografo e direttore di Spazi Fotografici; Stanislao de Marsanich, presidente de I Parchi Letterari Italiani; Alberto Luca Recchi, fotografo, scrittore ed esploratore subacqueo; Barbara Verduci, photoeditor del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.\r\n\r\n ","post_title":"Cinque Terre Foto Award, un concorso che invita ad esplorare il territorio","post_date":"2024-07-01T12:35:52+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719837352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470337","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Toscana delle due ruote a pedali, sarà presente a Becycle, l’evento organizzato da Pitti Immagine che fino al 28 giugno celebra la bicicletta alla Stazione Leopolda di Firenze. Per l’occasione il comitato scientifico per la parte cicloturismo e destinazioni è stato affidato a Toscana Promozione Turistica.\r\n\r\nL’evento è organizzato in coincidenza con il Grand Départ del Tour de France previsto a Firenze il 29 giugno. Becycle è dedicato al mondo delle biciclette, del cicloturismo e dello stile di vita legato alla bici. Ci saranno anche le Regioni interessate dalle tappe italiane del Tour e gli Enti vocati al cicloturismo, al turismo sostenibile e a quello attivo, tutti settori in cui la Toscana è leader. \r\n\r\n«Ci apprestiamo a vivere un momento unico con la partenza del Tour de France – spiega il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani - Per la bicicletta, e per tutto quello che ad essa ruota intorno, abbiamo investito e continueremo ad investire risorse ed energie importanti. Con un’offerta che mette al centro la sostenibilità, il turismo slow e una ricchezza culturale quasi unica».\r\n\r\n“Il bike – aggiunge Leonardo Marras, assessore al turismo - è uno dei principali attrattori dell’offerta turistica della regione che, infatti, è stata la prima a dotarsi di un Atlante degli itinerari cicloturistici: uno strumento digitale in continuo aggiornamento che facilita l'organizzazione del viaggio. Con oltre 15.000 km di percorsi, la guida offre anche informazioni su strutture e proposte di vacanze a tema, risorsa essenziale per pianificare un tour in bicicletta attraverso il portale web dedicato www.visittuscany.com, che include descrizioni dettagliate, mappe interattive, profili altimetrici e indicazioni utili».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Cicloturismo, la Toscana protagonista a Becycle a Firenze fino al 28 giugno","post_date":"2024-06-27T12:10:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719490258000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469943","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_469944\" align=\"alignleft\" width=\"285\"] Ph credits: Valais Wallis Promotion - Yves Garneau[/caption]\r\n\r\nL’ente del Turismo Svizzero ha illustrato alla stampa e agli operatori del settore il Canton Vallese. Attraverso una coinvolgente attività di Nordic Walking, nel parco di Villa Pamphili a Roma, sono state presentate le novità 2024/2025 della destinazione sempre più \"quattro stagioni\", che si conferma meta ideale per amanti della natura e delle esperienze all'aria aperta di ogni età.\r\n\r\nGrazie ai suoi paesaggi incontaminati e 45 picchi sopra i 4000 metri , il trekking si distingue fra le attività più popolari del Vallese. Con oltre 8000 chilometri di sentieri il Canton Vallese offre escursioni in alta quota, sentieri nel bosco, passeggiate adrenaliniche fra ponti sospesi e camminate fra i vigneti. I paesaggi del Vallese possono essere scoperti, dalle vallate alle vette, anche in bicicletta, che si sia amanti o professionisti del ciclismo e della mountain bike.\r\n\r\nTra le novità estive dell'Aletsch Arena,  in collaborazione con la redazione della rivista specializzata Ride-Magazin, il nuovo bike Tour degli impianti. Grazie ai numerosi sistemi di risalita che consentono il trasporto delle bici, è possibile così apprezzare al massimo le lunghe discese su due ruote. Per la prima volta le destinazioni Aletsch Arena e Bellwald ospiteranno quest'estate un appuntamento della Coppa del Mondo di Mountain Bike. Dal 12 al 14 luglio le località accoglieranno la UCI Mountain Bike Enduro World Cup 2024 mentre, dal 30 agosto al 14 settembre 2025, i Campionati Mondiali di Mountain Bike UCI riuniranno per la prima volta le sette discipline della mountain bike in una sola regione ospitante che sarà, appunto, il Vallese. Sempre nella regione dell’Aletsch, è stato inaugurato quest’estate un nuovo sentiero didattico, il Giardino Alpino: un'occasione per conoscere oltre 200 piante alpine tipiche della zona.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_469945\" align=\"aligncenter\" width=\"501\"] ph credits: Valais Wallis Promotion - Pascal Gertschen[/caption]\r\n\r\nTra le novità invernali, Magic Pass, il pass svizzero che consente l'accesso agli impianti di risalita per tutto l'anno, include per la prima volta tra le sue destinazioni due stazioni sciistiche italiane, quelle di San Domenico e Alpe Devero, raggiungibili in un’ora da Milano. Il pass garantisce in inverno, l'accesso illimitato a 80 comprensori sciistici, 21 nel Vallese, con 2800 chilometri di piste, mentre in estate apre 37 destinazioni. Come opzione a pagamento aggiuntiva del Magic Pass, la possibilità di rilassarsi in 15 bagni termali e piscine di montagna. Si distingue fra questi Leukerbad Therme, i bagni termali alpini più grandi d'Europa, adatti a tutte le età.\r\n\r\nGrazie ai suoi 300 giorni di sole all'anno, questa terra è particolarmente adatta alla produzione del vino. Con 5000 ettari di vigneti e una sessantina di varietà d'uva, il Vallese è la più grande regione del settore vitivinicolo svizzero. Qui il vigneto più piccolo del mondo, nel comune di Saillon, e quello più alto d'Europa, a Visperterminen, a 1000 metri d’altitudine.\r\n\r\nIl Canton Vallese è la destinazione ideale anche per le famiglie grazie alle numerose attività aperte a tutti i livelli. Fra le destinazioni principali del Cantone la Martigny  Région con il museo Barryland, dedicato al cane San Bernardo, con un ampliamento su due ettari di parco previsto nell'estate 2025. Si distinguono sempre in questa località le escursioni con il trenino Monte Bianco Express e con VerticAlp Emosson. Con partenza a Châtelard e arrivo al lago artificiale Lac d’Emosson, l'escursione VerticAlp consente di ammirare il Monte Bianco attraverso un percorso che comprende una funicolare tra le più ripide al mondo, un treno panoramico e una minifunicolare. Martigny ospita, inoltre, la Fondazione Pierre Gianadda e le sue prestigiose mostre d'arte.\r\n\r\nDi Elisa Biagioli","post_title":"Canton Vallese: turismo all'aria aperta fra mountain bike e sci","post_date":"2024-06-21T14:01:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718978518000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469726","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A San Vigilio di Marebbe, occupata per il 56% dai due parchi naturali Parco Fanes-Senes-Braies e Puez – Odle, la Cooperativa Turistica “San Vigilio San Martin – Dolomites” ha scelto l’autorevole Global Sustainable Tourism Council, riconosciuto a livello mondiale: si tratta di un'organizzazione senza scopo di lucro creata dalle Nazioni Unite in collaborazione con altre organizzazioni non governative (ONG) in tutto il mondo per proteggere l'ambiente.\r\n\r\nQuesto territorio è stato il primo in Alto Adige e il terzo in Italia a ricevere questa importante certificazione che garantisce alcune caratteristiche di base tra cui la severa verifica del rispetto dei criteri di sostenibilità (economici, sociali e ambientali), il processo di audit dei requisiti effettuato da una terza parte accreditata dal GSTC per la concessione della certificazione, diversi standard per fornitori di alloggi, destinazioni e operatori turistici.\r\nLa vocazione di tutto il territorio alla green policy è stata seguita anche da 6 strutture il cui obiettivo è offrire agli ospiti una vacanza davvero green, con tanto di certificazione.\r\n \r\nUn esempio virtuoso è il rifugio alpino “Ütia de Börz” a ben 2.006 metri di altitudine: si trova in cima al Passo delle Erbe, alle porte del Parco Naturale Puez-Odle e delle sue meraviglie naturali.\r\n\r\nIl Kristallhotel Corona, specializzato nel benessere naturale basato sui cristalli, ha realizzato le piscine con materiali naturali e sostenibili, come la quarzite argentata dell’Alto Adige e pietre di granito, che oltre ad accumulare calore, trasmettono una particolare sensazione di armonia in sintonia con la natura. \r\n\r\nI nuovi ed esclusivi Chalets Liondes sono un esempio di lusso e sostenibilità. Ognuno con spa privata, sauna e vasca idromassaggio, offrono anche la possibilità di avere lo chef a domicilio, che cucina con prodotti del territorio. Realizzati secondo gli standard Casa Clima A e dotati di pannelli solari, questi chalet incarnano il principio della sostenibilità.\r\n\r\nAl Garni Diamant un sistema fotovoltaico e i pannelli solari sono la soluzione ideale per non inquinare; il giardino viene irrigato con acqua piovana raccolta in una botte e la piscina ha un sistema di pulizia con il sale, ad impatto inquinante molto basso; vengono calcolate le emissioni CO2 per piantare alberi in modo da compensare l’impatto ambientale.\r\n\r\nBarbara Frenner, proprietaria dell’eco B&B Les Gomines ha il desiderio di “creare un luogo in cui l’uomo e la natura trovino lo spazio che si meritano”. La struttura è un Klimahaus rispettoso dei rigidi protocolli del risparmio energetico; i prodotti utilizzati, dalla cucina all’igiene personale e ai detersivi, sono green label; inoltre viene incentivata l’abitudine a utilizzare i mezzi di trasporto (gratuiti con il Dolomiti Holiday Pass).\r\n \r\nL’hotel Excelsior è una struttura a basso consumo energetico, costruita come “CasaClima classe A, oltre alla certificazione GSTC vanta il marchio “Sostenibilità Alto Adige”. Un impianto di cogenerazione produce parte dell’energia elettrica, trasformando il gas naturale in calore e contribuendo a risparmiare circa il 20% di energia; la piscina panoramica con vasca in poliuretano consuma il 30% in meno rispetto ad una vasca in acciaio o di cemento.\r\n \r\nIl 3 giugno 2024 l’hotel AMA Stay ha annunciato l'ottenimento delle certificazioni GSTC (Global Sustainable Tourism Council) e del Marchio Sostenibilità Alto Adige, che attestano l'impegno continuo verso pratiche sostenibili e responsabili. AMA Stay rappresenta un modello di ospitalità innovativa dove vacanza, lavoro e rispetto per l'ambiente si incontrano.\r\n \r\nSan Vigilio - Dolomites è la cooperativa turistica nata per promuovere questo speciale territorio che si estende tra i paesi di San Vigilio di Marebbe e di San Martino in Badia.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"A San Vigilio di Marebbe, certificata GSTC, vacanze ad impatto sostenibile","post_date":"2024-06-19T10:29:25+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718792965000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469556","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Oltre 4  milioni di passeggeri in tre anni di attività: questo il bilancio di Itabus che durante questo periodo ha consolidato la propria offerta raggiungendo più di 100 località servite, 2.200 collegamenti quotidiani e oltre 500 partenze al giorno.\r\n\r\nOra, con le previsioni per l'estate che indicano un ulteriore aumento dei flussi turistici in Italia la società del gruppo Italo punta dritto sulle località di mare: il nuovo network 2024 operativo dal prossimo 20 giugno prevede diverse novità. Si comincia dalla Calabria, con più fermate e più servizi lungo la costa ionica (collegata a città quali Salerno, Napoli, Roma, Firenze, Bologna e Milano). Fino a 10 corse ogni giorno per collegare, tra le altre, Crotone, Sibari, Rossano, Cirò Marina a cui si aggiungono le nuove destinazioni di Pietrapaola, Strongoli Marina, Torre Melissa e Torretta Crucoli e altre lungo la costa.\r\nLa Puglia è collegata con 14 viaggi al giorno per Napoli e 6 per Roma verso Bari e il Salento con le destinazioni estive di Avetrana, Porto Cesareo, Nardò, Gallipoli, Manduria, Maglie, Mola di Bari, Polignano a Mare. Novità dell’estate i collegamenti da Napoli verso la costa garganica (Peschici, Rodi Garganico e Vieste). \r\nIn Sicilia si aggiungono le destinazioni di Cefalù e Siracusa, e nuovi viaggi per Taormina.\r\nGuardando al Nord, Friuli-Venezia Giulia e Veneto vedono l’introduzione delle destinazioni di Jesolo, Bibione, Caorle e Lignano Sabbiadoro. \r\n\r\nLe connessioni intermodali treno più bus targate Italo-Itabus, consentono di viaggiare con un solo biglietto su ambedue i mezzi. Due nuovi collegamenti intermodali per Lignano Sabbiadoro (fermate intermedie a Lido di Jesolo, Bibione e Caorle) con scalo a Venezia Mestre e 2 per Vieste (e tutta la riva garganica con scalo a Rodi Garganico e Peschici) facendo cambio tra treno e bus alla stazione di Foggia.\r\n\r\nQuattro i servizi, invece, che collegheranno il Salento da Napoli verso le mete di Porto Cesareo, Nardò e Gallipoli. Nuove destinazioni in Puglia anche sulla costa adriatica, grazie alle interconnessioni che, con cambio a Bari, consentiranno ai passeggeri Italo di raggiungere Polignano a Mare, Fasano, Ostuni, Brindisi e Lecce. Confermati i servizi Italo-Itabus verso Sorrento, Pompei, Agrigento, Cortina, Palermo e le altre mete turistiche italiane, sempre molto richieste dagli utenti.","post_title":"Itabus: oltre 4 mln di passeggeri in tre anni. Le novità dell'estate","post_date":"2024-06-17T10:19:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718619593000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti