3 March 2024

Adamello Ski Raid, il 7 aprile la settima edizione della competizione

[ 0 ]

L’Adamello Ski Raid, competizione di sci alpinismo per squadre di due componenti, per la settima volta tornerà ad animare il massiccio dell’Adamello e il comprensorio sciistico Pontedilegno-Tonale domenica 7 aprile. Evento che ha alzato il sipario con la presentazione ufficiale presso Palazzo Regione Lombardia a Milano. Evidente la validità internazionale della manifestazione organizzata dall’Adamello Ski Team, essendo tappa del circuito “La Grande Course”, che raccoglie le competizioni più spettacolari, impegnative e suggestive al mondo. Una gara che in sole sei edizioni ha bruciato le tappe, dall’esordio nella formula della triplice cordata con validità per la Coppa delle Dolomiti, alla successiva validità come tappa di Coppa del Mondo Ismf, per entrare poi fra le regine dello skialp mondiale. Merito di uno staff di organizzatori di alto livello, ma soprattutto di una tipologia di gara inserita in un contesto paesaggistico come quello del massiccio dell’Adamello, con relativo ghiacciaio, fra i simboli delle Alpi per la sua storia e per le sue caratteristiche tecniche e morfologiche. Straordinario per i suoi panorami e per la sua tecnicità e ricco di significati, visto che va a ripercorrere alcuni luoghi simbolo della Grande Guerra. Il Comitato organizzatore è poi particolarmente impegnato nel cercare di portare il pubblico in quota ed anche quest’anno è previsto l’allestimento di una tribuna inserita nel bianco della neve ai 3.000 metri di Passo Presena, con accesso gratuito (dalle 5.30 alle 7.00) in quota usufruendo della nuova cabinovia Presena. Gli appassionati potranno tifare gli skialper in transito e impegnati nel cambio pelli proprio davanti al rifugio Panorama 3000 Glacier. Da quel punto gli sci alpinisti potranno anche raggiungere in sicurezza con gli sci ai piedi gli altri suggestivi passaggi della competizione. Dal punto di vista mediatico è prevista un’importante copertura televisiva in via di definizione e una diretta Facebook dai punti salienti.A rappresentare il territorio in occasione della presentazione  erano presenti il sindaco di Ponte di Legno Ivan Faustinelli e il consigliere delegato del Consorzio Pontedilegno – Tonale Michele Bertolini, che hanno evidenziato il valore promozionale della competizione, i cui dettagli sono stati snocciolati dal presidente del Comitato Organizzatore Alessandro Mottinelli, dal direttore di gara Guido Salvetti e dal direttore di percorso Mario Sterli. Su tutti il leit motiv di ogni edizione dell’Adamello Ski Raid, ovvero la sicurezza degli atleti e a ribadire questo concetto ci ha pensato Pierangelo Mazzucchelli, delegato della V zona bresciana del Soccorso Alpino.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462460 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Itinerari self drive o selezionati tour con guida, alla scoperta del vero Ovest Americano. Da Denver a Salt Lake City, Kibo accompagna i viaggiatori sulle tracce di pistoleri e nativi americani. Un'esperienza da fare cullati da ballate country, in una sequenza di tappe che tocca i luoghi più significativi dell’avanzata dell’uomo bianco negli sterminati territori dei nativi americani. Da segnalare per esempio l’itinerario, che parte da Denver, in Colorado, e arriva a Salt Lake City, nello Utah. Presentato in due versioni, da otto giorni e sette notti o da 15 giorni e 14 notti, permette di visitare città che conservano intatto un certo spirito di frontiera, qualcosa di intangibile e romantico, una linfa che ha ispirato anche l’ultimo libro di Alessandro Baricco: il suo western metafisico Abel. Si sosta a Cheyenne, nel Wyoming, Deadwood, in South Dakota, per tornare in Wyoming a Cody e nella valle di Jackson Hole, passando naturalmente per lo Yellowstone National Park. Ogni località ha molte storie da raccontare, che si intrecciano con quelle della grande Storia americana, tra fuorilegge e sceriffi, grandi pascoli e duro lavoro quotidiano alla ricerca di un futuro ancora tutto da scrivere. Mentre Cheyenne, città magica delle pianure deve la sua prosperità alla posizione strategica per la costruzione della Union Pacific Railroad nella seconda metà dell’800, Deadwood è celebre per essere stata teatro dell’uccisione del pistolero Wild Bill, protagonista di molti fumetti di Tex Willer. Qui visse anche la leggendaria Calamity Jane, donna carovaniera che partecipò alla corsa all’oro e che era nota per sparare come un uomo. Il mistero di una relazione sentimentale tra i due non è mai stato chiarito, ma a tutt’oggi la cittadina vive del loro ricordo, e ogni giorno viene rappresentata l’uccisione di Wild Bill come in un teatro di posa a cielo aperto. Cody, gemma delle Montagne Rocciose, fu fondata da Buffalo Bill: è la città del rodeo. Lo Yellowstone National Park è uno dei più grandi e famosi parchi nazionali degli Stati Uniti e comprende canyon, fiumi, catene montuose e laghi di bellezza assoluta. Ultima tappa prima di Salt Lake City è Jackson Hole: una valle che è situata a oltre 2 mila metri di altitudine, diventata negli anni una famosa stazione sciistica e che ha ospitato diverse competizioni internazionali. [post_title] => Il West di Kibo sulle tracce di pistoleri e nativi americani cullati dalle ballate country [post_date] => 2024-02-29T10:14:38+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709201678000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023. L'importanza dei loyalty program "Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro". Il post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina I primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: "Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: "Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente". Aumentano i contratti di management e franchising L'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. "Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.   Migliora la qualità dell'offerta f&b romana In tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: "Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa". Nel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo Per il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. "Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo".   [post_title] => Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo [post_date] => 2024-02-28T13:03:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709125429000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461879 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove Shiruq– Viaggi culturali by Mappamondo presenterà la propria offerta culturale e archeologica". Così la direttrice del to, Francesca Lorusso. definisce tourismA, il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, alla cui decima edizione parteciperà anche l'operatore milanese acquisito da Mappamondo lo scorso dicembre. L'evento si terrà al palazzo dei congressi di Firenze da venerdì 23 a domenica 25 febbraio.  Shiruq incontrerà gli agenti di viaggio a Buy Cultural Tourism, la settima edizione del workshop b2b del turismo culturale. "La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione” spiega Fabrizio Peluso, sales account Toscana: “Al salone presenteremo interessanti novità". Sempre venerdì, alle 19:30, Shiruq e Visit Saudi accoglieranno gli agenti di viaggio nella cornice di Cinema Paradiso by 25hours hotels, in un evento interamente dedicato all’Arabia Saudita. Sul palco Alberto Truffa (Saudi Tourism Authority), Lucrezia Martinengo (AlUla) e la stessa Francesca Lorusso affronteranno i molteplici aspetti della destinazione, dalle suggestioni alle informazioni più pratiche, ponendo il focus sull’itinerario Scrigno di memorie tra valli desertiche e sulle prossime partenze di gruppo. Sabato 24 febbraio, all'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia che si terrà presso la sala Limonaia del palazzo (e in diretta Facebook), Shiruq firmerà infine due appuntamenti: alle 11.30 lo storico e giornalista Piero Pasini condurrà il pubblico in un viaggio attraverso Echi di civiltà perdute lungo il Mekong, alla scoperta del Laos più autentico, mentre alle ore 12 porterà in scena la Georgia, con la talk Alla scoperta dell’Antica Colchide. [post_title] => Shiruq alla tourismA di Firenze per parlare di Arabia Saudita, Laos e Georgia [post_date] => 2024-02-20T10:24:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708424667000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461835 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non si ferma lo sviluppo della classe Oasis del gruppo Royal Caribbean, che ha appena messo in ordine una nuova nave, la settima della serie. Nonostante non si tratti più della linea più moderna, visto il recente lancio della Icon con l'unità omonima, la Oasis continua evidentemente a essere molto apprezzata dai crocieristi, a quasi 15 anni dal suo debutto a dicembre 2009. La nave verrà costruita presso gli stabilimenti francesi degli Chantiers de l'Atlantique, mentre l'entrata in vigore dell'accordo appena siglato è come di consueto soggetto al reperimento dei finanziamenti necessari, che Rcl si aspetta di ottenere entro la fine di quest'anno. L'unità dovrebbe essere consegnata nel 2028. Nel frattempo, Rcl è in attesa dall'arrivo della seconda nave della classe Icon, la Star of the Seas, per l'estate del 2025. Il prossimo luglio è invece in calendario la consegna della Utopia of the Seas, sesta unità Oasis. In totale il gruppo ha oggi in pipeline otto navi, oltre che per il brand omonimo anche per Celebrity e Silver Cruises, nonché per la joint venture al 50% che opera le unità Tui Cruises e Hapag-Lloyd. [post_title] => Royal Caribbean: in arrivo la settima nave della classe Oasis [post_date] => 2024-02-19T13:30:36+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708349436000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461679 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A marzo la Val d’Ega accoglie gli appassionati delle piste con offerte che rendono non solo meraviglioso ma anche conveniente trascorrere una vacanza nel cuore soleggiato delle Dolomiti. “Doppietta sugli sci” in Val d'Ega è la vantaggiosa offerta valida dal 2 al 30 marzo 2024, che comprende 7 pernottamenti; 7 giorni di Guest Pass Val d'Ega (per viaggiare gratuitamente col trasporto pubblico) e skibus gratuito che collega Carezza e Obereggen; 6 giorni skipass Valle Silver; 1 giornata di ski test gratuito a Carezza (Sport Laurin e Ski & Bike Rent) oppure a Obereggen (Ski Siegfried e Skiservice Obereggen); 1 aperitivo al tramonto alla Laurins Lounge a Carezza - la lounge panoramica più alta dell’Alto Adige, ai piedi del Rosengarten Catinaccio - dalle ore 16.30 alle ore 18.00; “Be the first” la possibilità di essere i primi a solcare la pista immacolata Oberholz a Obereggen, dalle ore 07.30 ogni sabato e domenica; sci notturno ogni martedì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 22:00; slittare di notte ogni martedì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 22:00 (con noleggio gratuito dello slittino allo Ski Siegfried e allo Skiservice Obereggen). Prezzo a partire da 999 euro per persona. La proposta  “Dolomiti Spring Days”, dal 16 marzo al 1° aprile e dal 2 aprile a fine stagione 2024, regala un giorno di vacanza sulla neve. Dal 16 marzo al 1° aprile 7 pernottamenti al prezzo di 6 (a partire da 915 euro per persona in hotel 3 stelle) e 6 giorni di skipass al prezzo di 5 (a partire da 788 euro per persona), oppure dal 2 aprile fino a fine stagione, soggiorno di 4 giorni e skipass al prezzo di 3, a partire da 434 euro a persona. I prezzi sono validi per lo skipass Fassa-Carezza, oppure Fiemme-Obereggen, oppure Dolomiti Superski.     ­ [post_title] => Val d'Ega, a marzo le offerte per l'ultima neve sulle Dolomiti [post_date] => 2024-02-16T12:18:15+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708085895000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461680" align="alignleft" width="300"] Un'immagine dell'edizione 2023[/caption] Dalla capacità tutta italiana di unire il bello, lo stile, l'enogastronomia e l'arte dell'accoglienza con il rispetto di persone, culture ed ecosistemi, torna l’evento che celebra e alimenta il dibattito sulle tematiche legate all’alta gamma e a un concetto di turismo sostenibile, nel quale la componente lusso si fa esperienza autentica delle culture locali e veicolo di sviluppo responsabile per comunità e territori. Sono aperte le iscrizioni per la settima edizione della Ecoluxury Fair, in programma a Roma tra il 6 e l'8 novembre nella nuova cornice di palazzo Brancaccio. L'evento si sta affermando sempre più come il punto sullo stato dell’arte in relazione al futuro sostenibile dell’industria turistica del lusso, con circa 200 buyer ed espositori e un numero di interazioni fra partecipanti in crescita del 20% annuo, grazie alle molteplici attività e appuntamenti in calendario. La settima edizione si aprirà in particolare con il consueto forum nel pomeriggio del 6 novembre, a cui parteciperanno istituzioni, imprenditori, studiosi e ambasciatori di un’ospitalità virtuosa. I lavori del workshop b2b interesseranno invece le giornate del 7 e 8 novembre, nel corso delle quali rappresentanti di tutti i settori dell’industria potranno proporsi ai buyer invitati, agenti di viaggio e professionisti del turismo, italiani e  internazionali. A margine delle attività produttive e del forum si svolgeranno inoltre educational sui percorsi meno noti di Roma, Lazio e regioni limitrofe, visite dedicate all’ospitalità romana e serate di networking. “Il nostro un progetto in continua evoluzione. – dichiara Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e ideatore del concept Ecoluxury –: un macro-contenitore, che coinvolge ospitalità, attività, travel, territori, istituzioni. La nostra visione è quella di alimentare un dibattito sull’idea di lusso contemporaneo, durante il quale quale persone, culture e pianeta diventano gli elementi imprescindibili. L’Ecoluxury Fair non è il punto d’arrivo ma una pausa per verificare lo stato di un percorso che si alimenta nel tempo, sviluppando ulteriori contenuti e occasioni di contatto e condivisione tra chi ne fa parte. La nostra ambizione è quella di rendere l'Italia il centro propulsore della cultura Ecoluxury da e per altri mercati: un palco per le eccellenze tricolori in materia di ospitalità di nicchia che affiancano la propria attività ricettiva al concetto di restituire al territorio il valore del flusso turistico.”   [post_title] => Torna a Roma l'Ecoluxury Fair: l'edizione 2024 in programma a novembre a palazzo Brancaccio [post_date] => 2024-02-16T11:27:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708082832000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461229 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_458219" align="alignleft" width="300"] Francesco Di Cesare[/caption] Si alza il sipario sulla settima edizione di Shopping Tourism, il forum ideato e organizzato da Risposte Turismo in partnership con Enit. L'evento, in programma venerdì 23 febbraio presso il centro congressi della sede di Confcommercio Milano, torna nel capoluogo lombardo dopo cinque anni e sarà, ancora una volta, occasione di incontro, dibattito e business networking per gli operatori interessati a conoscere dinamiche, opportunità di business e prospettive future di un fenomeno turistico che vede nell’Italia una destinazione dalle grandi potenzialità. "La scelta di riportare a Milano Shopping Tourism è stata naturale perché la città è da sempre in testa, nell’immaginario collettivo e nelle scelte effettive, alla classifica delle mete ideali per una vacanza all’insegna dello shopping - spiega Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo -. L’edizione di quest’anno assume particolare importanza, perché si svolge all’interno della Settimana della moda: un appuntamento che accende i riflettori su un tassello fondamentale del made in Italy e dell’offerta commerciale del Paese". Ricco come sempre il programma del forum, che prevede una serie cospicua di appuntamenti tra presentazioni e tavole rotonde, a cui parteciperanno oltre trenta relatori in rappresentanza del mondo del turismo, del retail e del sistema moda. Dopo i saluti introduttivi, lo stesso di Cesare presenterà la nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor, il report di ricerca di Risposte Turismo, che dal 2016 offre informazioni aggiornate, risultati di indagini ad hoc, esami di casi di studio e ricognizioni di esperienze italiane ed estere di particolare interesse sul fenomeno. L'evento proseguirà con la tavola rotonda di apertura: La moda made In Italy come traino per lo shopping tourism, un momento di confronto e dibattito sulla centralità degli articoli fashion realizzati nel nostro Paese nelle decisioni di acquisto dello shopping tourist estero, che sceglie l’Italia come meta delle proprie vacanze. A seguire, il focus si sposterà sui luoghi dello shopping con la tavola rotonda Un punto fermo per lo shopping tourism: gli outlet. I relatori, al vertice di alcune delle principali realtà retail presenti nel nostro Paese, il secondo in Europa dopo il Regno Unito per numero di outlet (27) e per superficie commerciale (748 mila mq, + 130 mila mq tra il 2011 e il 2024), si confronteranno sulle possibili strategie e azioni per intercettare e soddisfare le esigenze della domanda dei turisti dello shopping. Con la tavola rotonda Le vie dello shopping: attrattori turistici sempre più forti, il forum darà poi voce alle associazioni territoriali delle cinque grandi destinazioni italiane  protagoniste dei flussi turistici internazionali (Firenze, Milano, Napoli, Roma e Venezia), per comprendere quali soluzioni sia possibile adottare con l’obiettivo di attrarre e soddisfare le esigenze dello shopping tourist. Nel pomeriggio, il forum riprenderà con la tavola rotonda Le città accolgono i turisti dello shopping, dove i rappresentanti di alcune città italiane si confronteranno sugli impegni e le azioni volte ad aumentare la capacità di attrazione e soddisfazione dei turisti dello shopping. A seguire, un focus sullo shopping all’aria aperta, con la presentazione di due casi: i mercatini di Natale di Bolzano, da anni tra i principali eventi turistici del nord Italia durante le festività natalizie, e i mercati cittadini, da sempre elemento caratterizzante l’offerta commerciale di tantissime città italiane. Tra i temi al centro del forum anche l’innovazione, con la tavola rotonda Tecnologia e creatività per gli shopping tourist, durante la quale si passeranno in rassegna alcuni degli strumenti che arricchiscono l’attività di shopping rendendola al contempo più divertente, nonché la domanda turistica emiratina, a cui sarà dedicata una presentazione di dati con discussione a seguire. Tra i relatori che hanno già confermato la propria partecipazione, Marco Barbieri, segretario generale Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza; Gabriele Bosi, assessore al Turismo comune di Prato; Pierluigi Cocchini, ceo Rinascente; Donatella Doppio, managing director Italy McArthurGlen; Giuseppe Faraldi, assessore al Turismo comune di Sanremo; Giulio Felloni, presidente Federmoda; Marco Funel, commercial manager Sea Prime – Aeroporti di Milano; Simona Leone, head of marketing, customer journey, ux & phygital Aeroporti di Roma; Barbara Manfredini, assessore al Turismo comune di Cremona; Gabriele Masselli, presidente associazione Esercizi storici fiorentini; Giorgio Motta, general manager The Mall Luxury Outlets; Saverio Mucci, vice president - government engagement lead Mastercard; Luca Nasi, direttore Arcus Real Estate; Carla Palone, assessore allo Sviluppo economico comune di Bari; Maria Letizia Rapetti, presidente associazione Via del Babuino Roma; Stefano Rizzi, managing director Italy Global Blue; Claudio Vernier, presidente associazione Piazza San Marco Venezia.   [post_title] => Al via a Milano il 23 febbraio l'edizione 2024 del forum Shopping Tourism: il programma dell'evento [post_date] => 2024-02-09T13:20:48+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707484848000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460724 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_453947" align="alignleft" width="300"] Frédéric Meyer[/caption] Il 2024 per la destinazione Francia sarà un anno particolare, grazie anche alla presenza dei Giochi Olimpici e Paralimpici a Parigi, dal 26 luglio all’11 agosto, e per i Paralimpici dal 28 agosto all’8 di ottobre. Durante il media tour che si è svolto recentemente a Milano, organizzato da Atout France, è stata presentata l’offerta turistica delle varie regioni e distretti francesi per questa stagione appena iniziata. Lo sport sarà il fil rouge che unisce i vari territori, ma non solo. Questo è l’anno della scoperta e riscoperta di città e regioni che puntano sempre più su un’offerta in linea con le nuove richieste del mercato e dei clienti, orientata alla sostenibilità e alla tutela ambientale. «L’occasione ideale per riscoprire tutta la Francia, sarà una festa popolare, un grande appuntamento sportivo e un’occasione unica per assistere a dei giochi sostenibili, più inclusivi e più paritari. Il 2024 sarà dunque un anno con molte numerose opportunità per scoprire ancora la ricchezza della destinazione Francia» ha dichiarato Frédéric Meyer, direttore Atout France. E lo sport che va oltre le Olimpiadi e Paralimpiadi parla di eventi internazionali importanti. La competizione Vendee Globe, tour del mondo in barca a vela in solitario, che partirà il 10 novembre 2024 da Les Sables d’Olonnes in Vandea con uno skipper italiano, Giancarlo Pedote. E il 111° Tour de France che partirà da Firenze per terminare, per la prima volta nella storia della manifestazione, a Nizza in Costa Azzurra. « I dati 2023 dei tour operator italiani e delle agenzie di viaggio online, ma anche dei partner francesi, indicano che la clientela italiana è tornata in Francia nelle regioni turistiche tradizionali, ma anche a Parigi e nelle destinazioni regionali francesi più lontane, come il Sud-Ovest, la Bretagna o la Normandia. Nella regione della Valle della Loira, ad esempio, il mercato italiano è al settimo posto e ha registrato un aumento di +8%. E nelle regioni come la Costa Azzurra e la Corsica si conferma il mercato principale. Il 2024 sarà dunque un anno con molte sfide e competitività per la destinazione Francia, e si concluderà con un momento importantissimo per tutti i francesi, la riapertura al pubblico della Cattedrale di Notre Dame, il prossimo 8 dicembre» [post_title] => Francia: 2024 nel segno delle Olimpiadi, ma non soltanto [post_date] => 2024-02-06T10:15:56+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707214556000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460693 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' ancora il lungo raggio il primo attore della stagione 2024 di Ita Airways, dopo essere stato determinante nel trainare la buona, anzi sorprendente, performance del vettore nel bilancio 2023. Insieme ad un ulteriore e significativo investimento sulle relazioni con il trade, "player fondamentali" che contribuiscono a raggiungere "il nostro obiettivo di massima soddisfazione del cliente". Emiliana Limosani, cco della compagnia e ceo di Volare, tratteggia l'anno che verrà, in attesa - ancora per qualche tempo - delle decisioni Ue sul via libera al matrimonio con Lufthansa. Che anno sarà? "Un 2024 di ulteriore espansione per tutto il network: opereremo 56 destinazioni, di cui 16 nazionali, 26 internazionali e 14 intercontinentali e apriremo nuovi voli diretti da Roma Fiumicino verso Chicago (aprile 2024) Toronto e Riyad (maggio 2024), Accra e Kuwait City (giugno 2024) e Gedda (agosto 2024). In pratica la capacità della summer cresce del 24% rispetto alla stagione 2023, con un aumento maggiore, +43%, sul segmento intercontinentale (+30% sull’internazionale e +15% sul domestico)". Al momento qual è l'andamento del booking? "L’inflazione ha causato un aumento generalizzato dei prezzi che inevitabilmente ha influito anche sul costo dei biglietti, sia a livello domestico che globale, unito anche al caro carburante e all’incremento della domanda oltre le previsioni Iata. Stiamo comunque registrando un ottimo andamento delle prenotazioni per i prossimi mesi, con tassi di riempimento, nello stesso periodo, superiori allo scorso anno sulla maggior parte delle rotte e in particolare nel picco estivo. Sicuramente il complesso contesto mediorientale ha influito negativamente causando perdite economiche, tuttavia abbiamo appena annunciato il ripristino dei voli verso Tel Aviv dal 1° marzo, un mercato di valenza strategica per Ita e per tutto il Sistema Paese". Forte slancio quindi sulle rotte intercontinentali, Nord America in primis... "Nel 2023 gli Stati Uniti hanno rappresentato per noi il primo mercato internazionale per passeggeri trasportati e anche per membership Volare. Anche per il 2024 il nostro offerto sugli Stati Uniti rappresenta più del 50% del lungo raggio Ita e le aspettative dal mercato sono incoraggianti con crescite robuste rispetto al 2023 con l’Italia che si conferma meta privilegiata ed economicamente vantaggiosa. Quest'estate, proprio sulle rotte transatlantiche, la competizione è ancora più accesa: ci sono nuovi voli dei vettori americani... "La presenza dei competitor è sempre uno stimolo a fare sempre meglio sia in termini di servizio che di crescita dell’offerta. Dalla nostra parte abbiamo l’italianità, che si riflette nel prodotto e nel nostro servizio a bordo, tutti plus riconosciuti dalla clientela americana. Inoltre, l’incremento di capacità della concorrenza va di pari passo con la nostra crescita di network con le nuove aperture Chicago e Toronto, entrambe destinazioni interessanti per i flussi verso l’Italia anche e non solo per la forte presenza di comunità con radici italiane. Infatti, gli Stati Uniti sono per noi il mercato più strategico dopo l'Italia, nonché il paese con il maggior numero di cittadini di origine italiana". L'ampliamento della flotta come proseguirà quest'anno? "Entreranno in servizio oltre 28 nuovi aeromobili: in due anni di attività la flotta è passata da 52 a 83 velivoli, di cui 39 di nuova generazione, che contribuiscono a rendere la compagnia sempre più green ed efficiente. L’obiettivo 2024 è far crescere ulteriormente la nostra flotta fino a 96 aerei, di cui due terzi saranno di nuova generazione". Come evolve il rapporto con il trade? "Il trade è un player fondamentale per raggiungere i nostri risultati attraverso la massima soddisfazione dei clienti. I target di massimizzazione di ricavi e profitti saranno perseguiti, per l’anno 2024, attraverso massimo focus sul riempimento della capacità offerta, in particolare quella high yield anche grazie allo sviluppo della partnership con le agenzie di viaggio. Per questo nel 2024 rafforziamo le consolidate relazioni commerciali sviluppate nel 2022-2023 con i partner strategici della distribuzione globale, del mercato Italia e dei primari mercati internazionali. Stiamo rafforzando la partnership con i leader della distribuzione attraverso accordi strutturali con tmc, network, retailer, olta, tour operator, cruise, incentive house e specialisti focalizzati sul prodotto lungo/medio raggio e su traffico high yield. Nel 2024, con un target di più di 290 accordi worldwide con gruppi agenziali che gestiscono circa 16.000 PoS, il coverage degli agenti con i quali definiremo partnership commerciali salirà a più del 75% del revenue intermediato". Il segmento corporate? "La strettissima collaborazione con i partner agenziali riguarda direttamente il mondo corporate: vogliamo incrementare la penetrazione di Ita Airways nel segmento bt, per cui offriamo una value proposition segmentata in base a livelli e servizi connessi ai singoli brand tariffari, integrata dai benefici offerti da Volare con i suoi programmi dedicati alle grandi aziende e alle pmi iscritte al Volare Business Club". Un'ultima battuta sui risultati 2023. "Siamo molto soddisfatti, i risultati commerciali hanno superato ogni stima e previsione. Abbiamo chiuso l’anno con un breakeven operativo, anticipando di un anno quanto era previsto nel piano industriale e riportando un ebitda positivo di qualche decina di milioni, migliorando di oltre 350 milioni il valore del 2022. I passeggeri trasportati sono stati 15 milioni, +50% sul 2023: il segmento intercontinentale, poi, ha raddoppiato il numero di passeggeri e raggiunto ebit già nel 2023. Il load factor medio è stato del 79%, con il dato all'82% per il traffico intercontinentale, ma la crescita più consistente di prestazione la registriamo sul settore domestico che in confronto al 2022 migliora di 8 p.p. I ricavi totali, a quota 2,4 miliardi (+67%) vedono ancora una volta il segmento lungo raggio a coprire il 50% del totale e raddoppiando gli incassi registrati nell’anno precedente". [post_title] => Ita Airways: "Lungo raggio, trade e traffico high yield i punti fermi 2024" [post_date] => 2024-02-05T09:30:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707125413000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "adamello ski raid 7 aprile la settima edizione della competizione" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":50,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":257,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462460","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Itinerari self drive o selezionati tour con guida, alla scoperta del vero Ovest Americano. Da Denver a Salt Lake City, Kibo accompagna i viaggiatori sulle tracce di pistoleri e nativi americani. Un'esperienza da fare cullati da ballate country, in una sequenza di tappe che tocca i luoghi più significativi dell’avanzata dell’uomo bianco negli sterminati territori dei nativi americani.\r\n\r\nDa segnalare per esempio l’itinerario, che parte da Denver, in Colorado, e arriva a Salt Lake City, nello Utah. Presentato in due versioni, da otto giorni e sette notti o da 15 giorni e 14 notti, permette di visitare città che conservano intatto un certo spirito di frontiera, qualcosa di intangibile e romantico, una linfa che ha ispirato anche l’ultimo libro di Alessandro Baricco: il suo western metafisico Abel.\r\n\r\nSi sosta a Cheyenne, nel Wyoming, Deadwood, in South Dakota, per tornare in Wyoming a Cody e nella valle di Jackson Hole, passando naturalmente per lo Yellowstone National Park. Ogni località ha molte storie da raccontare, che si intrecciano con quelle della grande Storia americana, tra fuorilegge e sceriffi, grandi pascoli e duro lavoro quotidiano alla ricerca di un futuro ancora tutto da scrivere. Mentre Cheyenne, città magica delle pianure deve la sua prosperità alla posizione strategica per la costruzione della Union Pacific Railroad nella seconda metà dell’800, Deadwood è celebre per essere stata teatro dell’uccisione del pistolero Wild Bill, protagonista di molti fumetti di Tex Willer. Qui visse anche la leggendaria Calamity Jane, donna carovaniera che partecipò alla corsa all’oro e che era nota per sparare come un uomo. Il mistero di una relazione sentimentale tra i due non è mai stato chiarito, ma a tutt’oggi la cittadina vive del loro ricordo, e ogni giorno viene rappresentata l’uccisione di Wild Bill come in un teatro di posa a cielo aperto.\r\n\r\nCody, gemma delle Montagne Rocciose, fu fondata da Buffalo Bill: è la città del rodeo. Lo Yellowstone National Park è uno dei più grandi e famosi parchi nazionali degli Stati Uniti e comprende canyon, fiumi, catene montuose e laghi di bellezza assoluta. Ultima tappa prima di Salt Lake City è Jackson Hole: una valle che è situata a oltre 2 mila metri di altitudine, diventata negli anni una famosa stazione sciistica e che ha ospitato diverse competizioni internazionali.","post_title":"Il West di Kibo sulle tracce di pistoleri e nativi americani cullati dalle ballate country","post_date":"2024-02-29T10:14:38+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709201678000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023.\r\n\r\nL'importanza dei loyalty program\r\n\r\n\"Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro\".\r\n\r\nIl post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina\r\n\r\nI primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: \"Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello\". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: \"Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente\".\r\n\r\nAumentano i contratti di management e franchising\r\n\r\nL'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. \"Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising\", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.  \r\n\r\nMigliora la qualità dell'offerta f&b romana\r\n\r\nIn tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: \"Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa\".\r\n\r\nNel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo\r\n\r\nPer il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. \"Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo\".\r\n\r\n ","post_title":"Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo","post_date":"2024-02-28T13:03:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709125429000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461879","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove Shiruq– Viaggi culturali by Mappamondo presenterà la propria offerta culturale e archeologica\". Così la direttrice del to, Francesca Lorusso. definisce tourismA, il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, alla cui decima edizione parteciperà anche l'operatore milanese acquisito da Mappamondo lo scorso dicembre. L'evento si terrà al palazzo dei congressi di Firenze da venerdì 23 a domenica 25 febbraio. \r\n\r\nShiruq incontrerà gli agenti di viaggio a Buy Cultural Tourism, la settima edizione del workshop b2b del turismo culturale. \"La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione” spiega Fabrizio Peluso, sales account Toscana: “Al salone presenteremo interessanti novità\". Sempre venerdì, alle 19:30, Shiruq e Visit Saudi accoglieranno gli agenti di viaggio nella cornice di Cinema Paradiso by 25hours hotels, in un evento interamente dedicato all’Arabia Saudita. Sul palco Alberto Truffa (Saudi Tourism Authority), Lucrezia Martinengo (AlUla) e la stessa Francesca Lorusso affronteranno i molteplici aspetti della destinazione, dalle suggestioni alle informazioni più pratiche, ponendo il focus sull’itinerario Scrigno di memorie tra valli desertiche e sulle prossime partenze di gruppo.\r\n\r\nSabato 24 febbraio, all'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia che si terrà presso la sala Limonaia del palazzo (e in diretta Facebook), Shiruq firmerà infine due appuntamenti: alle 11.30 lo storico e giornalista Piero Pasini condurrà il pubblico in un viaggio attraverso Echi di civiltà perdute lungo il Mekong, alla scoperta del Laos più autentico, mentre alle ore 12 porterà in scena la Georgia, con la talk Alla scoperta dell’Antica Colchide.","post_title":"Shiruq alla tourismA di Firenze per parlare di Arabia Saudita, Laos e Georgia","post_date":"2024-02-20T10:24:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708424667000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461835","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non si ferma lo sviluppo della classe Oasis del gruppo Royal Caribbean, che ha appena messo in ordine una nuova nave, la settima della serie. Nonostante non si tratti più della linea più moderna, visto il recente lancio della Icon con l'unità omonima, la Oasis continua evidentemente a essere molto apprezzata dai crocieristi, a quasi 15 anni dal suo debutto a dicembre 2009. La nave verrà costruita presso gli stabilimenti francesi degli Chantiers de l'Atlantique, mentre l'entrata in vigore dell'accordo appena siglato è come di consueto soggetto al reperimento dei finanziamenti necessari, che Rcl si aspetta di ottenere entro la fine di quest'anno.\r\n\r\nL'unità dovrebbe essere consegnata nel 2028. Nel frattempo, Rcl è in attesa dall'arrivo della seconda nave della classe Icon, la Star of the Seas, per l'estate del 2025. Il prossimo luglio è invece in calendario la consegna della Utopia of the Seas, sesta unità Oasis. In totale il gruppo ha oggi in pipeline otto navi, oltre che per il brand omonimo anche per Celebrity e Silver Cruises, nonché per la joint venture al 50% che opera le unità Tui Cruises e Hapag-Lloyd.","post_title":"Royal Caribbean: in arrivo la settima nave della classe Oasis","post_date":"2024-02-19T13:30:36+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708349436000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461679","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A marzo la Val d’Ega accoglie gli appassionati delle piste con offerte che rendono non solo meraviglioso ma anche conveniente trascorrere una vacanza nel cuore soleggiato delle Dolomiti.\r\n\r\n“Doppietta sugli sci” in Val d'Ega è la vantaggiosa offerta valida dal 2 al 30 marzo 2024, che comprende 7 pernottamenti; 7 giorni di Guest Pass Val d'Ega (per viaggiare gratuitamente col trasporto pubblico) e skibus gratuito che collega Carezza e Obereggen; 6 giorni skipass Valle Silver; 1 giornata di ski test gratuito a Carezza (Sport Laurin e Ski & Bike Rent) oppure a Obereggen (Ski Siegfried e Skiservice Obereggen); 1 aperitivo al tramonto alla Laurins Lounge a Carezza - la lounge panoramica più alta dell’Alto Adige, ai piedi del Rosengarten Catinaccio - dalle ore 16.30 alle ore 18.00; “Be the first” la possibilità di essere i primi a solcare la pista immacolata Oberholz a Obereggen, dalle ore 07.30 ogni sabato e domenica; sci notturno ogni martedì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 22:00; slittare di notte ogni martedì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 22:00 (con noleggio gratuito dello slittino allo Ski Siegfried e allo Skiservice Obereggen). Prezzo a partire da 999 euro per persona.\r\n\r\nLa proposta  “Dolomiti Spring Days”, dal 16 marzo al 1° aprile e dal 2 aprile a fine stagione 2024, regala un giorno di vacanza sulla neve.\r\n\r\nDal 16 marzo al 1° aprile 7 pernottamenti al prezzo di 6 (a partire da 915 euro per persona in hotel 3 stelle) e 6 giorni di skipass al prezzo di 5 (a partire da 788 euro per persona), oppure dal 2 aprile fino a fine stagione, soggiorno di 4 giorni e skipass al prezzo di 3, a partire da 434 euro a persona.\r\n\r\nI prezzi sono validi per lo skipass Fassa-Carezza, oppure Fiemme-Obereggen, oppure Dolomiti Superski.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Val d'Ega, a marzo le offerte per l'ultima neve sulle Dolomiti","post_date":"2024-02-16T12:18:15+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708085895000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461677","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461680\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine dell'edizione 2023[/caption]\r\n\r\nDalla capacità tutta italiana di unire il bello, lo stile, l'enogastronomia e l'arte dell'accoglienza con il rispetto di persone, culture ed ecosistemi, torna l’evento che celebra e alimenta il dibattito sulle tematiche legate all’alta gamma e a un concetto di turismo sostenibile, nel quale la componente lusso si fa esperienza autentica delle culture locali e veicolo di sviluppo responsabile per comunità e territori. Sono aperte le iscrizioni per la settima edizione della Ecoluxury Fair, in programma a Roma tra il 6 e l'8 novembre nella nuova cornice di palazzo Brancaccio.\r\n\r\nL'evento si sta affermando sempre più come il punto sullo stato dell’arte in relazione al futuro sostenibile dell’industria turistica del lusso, con circa 200 buyer ed espositori e un numero di interazioni fra partecipanti in crescita del 20% annuo, grazie alle molteplici attività e appuntamenti in calendario. La settima edizione si aprirà in particolare con il consueto forum nel pomeriggio del 6 novembre, a cui parteciperanno istituzioni, imprenditori, studiosi e ambasciatori di un’ospitalità virtuosa. I lavori del workshop b2b interesseranno invece le giornate del 7 e 8 novembre, nel corso delle quali rappresentanti di tutti i settori dell’industria potranno proporsi ai buyer invitati, agenti di viaggio e professionisti del turismo, italiani e  internazionali. A margine delle attività produttive e del forum si svolgeranno inoltre educational sui percorsi meno noti di Roma, Lazio e regioni limitrofe, visite dedicate all’ospitalità romana e serate di networking.\r\n“Il nostro un progetto in continua evoluzione. – dichiara Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e ideatore del concept Ecoluxury –: un macro-contenitore, che coinvolge ospitalità, attività, travel, territori, istituzioni. La nostra visione è quella di alimentare un dibattito sull’idea di lusso contemporaneo, durante il quale quale persone, culture e pianeta diventano gli elementi imprescindibili. L’Ecoluxury Fair non è il punto d’arrivo ma una pausa per verificare lo stato di un percorso che si alimenta nel tempo, sviluppando ulteriori contenuti e occasioni di contatto e condivisione tra chi ne fa parte. La nostra ambizione è quella di rendere l'Italia il centro propulsore della cultura Ecoluxury da e per altri mercati: un palco per le eccellenze tricolori in materia di ospitalità di nicchia che affiancano la propria attività ricettiva al concetto di restituire al territorio il valore del flusso turistico.”\r\n\r\n ","post_title":"Torna a Roma l'Ecoluxury Fair: l'edizione 2024 in programma a novembre a palazzo Brancaccio","post_date":"2024-02-16T11:27:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708082832000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461229","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_458219\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco Di Cesare[/caption]\r\n\r\nSi alza il sipario sulla settima edizione di Shopping Tourism, il forum ideato e organizzato da Risposte Turismo in partnership con Enit. L'evento, in programma venerdì 23 febbraio presso il centro congressi della sede di Confcommercio Milano, torna nel capoluogo lombardo dopo cinque anni e sarà, ancora una volta, occasione di incontro, dibattito e business networking per gli operatori interessati a conoscere dinamiche, opportunità di business e prospettive future di un fenomeno turistico che vede nell’Italia una destinazione dalle grandi potenzialità.\r\n\r\n\"La scelta di riportare a Milano Shopping Tourism è stata naturale perché la città è da sempre in testa, nell’immaginario collettivo e nelle scelte effettive, alla classifica delle mete ideali per una vacanza all’insegna dello shopping - spiega Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo -. L’edizione di quest’anno assume particolare importanza, perché si svolge all’interno della Settimana della moda: un appuntamento che accende i riflettori su un tassello fondamentale del made in Italy e dell’offerta commerciale del Paese\".\r\n\r\nRicco come sempre il programma del forum, che prevede una serie cospicua di appuntamenti tra presentazioni e tavole rotonde, a cui parteciperanno oltre trenta relatori in rappresentanza del mondo del turismo, del retail e del sistema moda. Dopo i saluti introduttivi, lo stesso di Cesare presenterà la nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor, il report di ricerca di Risposte Turismo, che dal 2016 offre informazioni aggiornate, risultati di indagini ad hoc, esami di casi di studio e ricognizioni di esperienze italiane ed estere di particolare interesse sul fenomeno. L'evento proseguirà con la tavola rotonda di apertura: La moda made In Italy come traino per lo shopping tourism, un momento di confronto e dibattito sulla centralità degli articoli fashion realizzati nel nostro Paese nelle decisioni di acquisto dello shopping tourist estero, che sceglie l’Italia come meta delle proprie vacanze. A seguire, il focus si sposterà sui luoghi dello shopping con la tavola rotonda Un punto fermo per lo shopping tourism: gli outlet. I relatori, al vertice di alcune delle principali realtà retail presenti nel nostro Paese, il secondo in Europa dopo il Regno Unito per numero di outlet (27) e per superficie commerciale (748 mila mq, + 130 mila mq tra il 2011 e il 2024), si confronteranno sulle possibili strategie e azioni per intercettare e soddisfare le esigenze della domanda dei turisti dello shopping.\r\n\r\nCon la tavola rotonda Le vie dello shopping: attrattori turistici sempre più forti, il forum darà poi voce alle associazioni territoriali delle cinque grandi destinazioni italiane  protagoniste dei flussi turistici internazionali (Firenze, Milano, Napoli, Roma e Venezia), per comprendere quali soluzioni sia possibile adottare con l’obiettivo di attrarre e soddisfare le esigenze dello shopping tourist. Nel pomeriggio, il forum riprenderà con la tavola rotonda Le città accolgono i turisti dello shopping, dove i rappresentanti di alcune città italiane si confronteranno sugli impegni e le azioni volte ad aumentare la capacità di attrazione e soddisfazione dei turisti dello shopping. A seguire, un focus sullo shopping all’aria aperta, con la presentazione di due casi: i mercatini di Natale di Bolzano, da anni tra i principali eventi turistici del nord Italia durante le festività natalizie, e i mercati cittadini, da sempre elemento caratterizzante l’offerta commerciale di tantissime città italiane. Tra i temi al centro del forum anche l’innovazione, con la tavola rotonda Tecnologia e creatività per gli shopping tourist, durante la quale si passeranno in rassegna alcuni degli strumenti che arricchiscono l’attività di shopping rendendola al contempo più divertente, nonché la domanda turistica emiratina, a cui sarà dedicata una presentazione di dati con discussione a seguire.\r\n\r\nTra i relatori che hanno già confermato la propria partecipazione, Marco Barbieri, segretario generale Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza; Gabriele Bosi, assessore al Turismo comune di Prato; Pierluigi Cocchini, ceo Rinascente; Donatella Doppio, managing director Italy McArthurGlen; Giuseppe Faraldi, assessore al Turismo comune di Sanremo; Giulio Felloni, presidente Federmoda; Marco Funel, commercial manager Sea Prime – Aeroporti di Milano; Simona Leone, head of marketing, customer journey, ux & phygital Aeroporti di Roma; Barbara Manfredini, assessore al Turismo comune di Cremona; Gabriele Masselli, presidente associazione Esercizi storici fiorentini; Giorgio Motta, general manager The Mall Luxury Outlets; Saverio Mucci, vice president - government engagement lead Mastercard; Luca Nasi, direttore Arcus Real Estate; Carla Palone, assessore allo Sviluppo economico comune di Bari; Maria Letizia Rapetti, presidente associazione Via del Babuino Roma; Stefano Rizzi, managing director Italy Global Blue; Claudio Vernier, presidente associazione Piazza San Marco Venezia.\r\n\r\n ","post_title":"Al via a Milano il 23 febbraio l'edizione 2024 del forum Shopping Tourism: il programma dell'evento","post_date":"2024-02-09T13:20:48+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707484848000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460724","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_453947\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Frédéric Meyer[/caption]\r\n\r\nIl 2024 per la destinazione Francia sarà un anno particolare, grazie anche alla presenza dei Giochi Olimpici e Paralimpici a Parigi, dal 26 luglio all’11 agosto, e per i Paralimpici dal 28 agosto all’8 di ottobre. Durante il media tour che si è svolto recentemente a Milano, organizzato da Atout France, è stata presentata l’offerta turistica delle varie regioni e distretti francesi per questa stagione appena iniziata.\r\n\r\nLo sport sarà il fil rouge che unisce i vari territori, ma non solo. Questo è l’anno della scoperta e riscoperta di città e regioni che puntano sempre più su un’offerta in linea con le nuove richieste del mercato e dei clienti, orientata alla sostenibilità e alla tutela ambientale. «L’occasione ideale per riscoprire tutta la Francia, sarà una festa popolare, un grande appuntamento sportivo e un’occasione unica per assistere a dei giochi sostenibili, più inclusivi e più paritari. Il 2024 sarà dunque un anno con molte numerose opportunità per scoprire ancora la ricchezza della destinazione Francia» ha dichiarato Frédéric Meyer, direttore Atout France.\r\n\r\nE lo sport che va oltre le Olimpiadi e Paralimpiadi parla di eventi internazionali importanti. La competizione Vendee Globe, tour del mondo in barca a vela in solitario, che partirà il 10 novembre 2024 da Les Sables d’Olonnes in Vandea con uno skipper italiano, Giancarlo Pedote. E il 111° Tour de France che partirà da Firenze per terminare, per la prima volta nella storia della manifestazione, a Nizza in Costa Azzurra.\r\n\r\n« I dati 2023 dei tour operator italiani e delle agenzie di viaggio online, ma anche dei partner francesi, indicano che la clientela italiana è tornata in Francia nelle regioni turistiche tradizionali, ma anche a Parigi e nelle destinazioni regionali francesi più lontane, come il Sud-Ovest, la Bretagna o la Normandia. Nella regione della Valle della Loira, ad esempio, il mercato italiano è al settimo posto e ha registrato un aumento di +8%. E nelle regioni come la Costa Azzurra e la Corsica si conferma il mercato principale. Il 2024 sarà dunque un anno con molte sfide e competitività per la destinazione Francia, e si concluderà con un momento importantissimo per tutti i francesi, la riapertura al pubblico della Cattedrale di Notre Dame, il prossimo 8 dicembre»","post_title":"Francia: 2024 nel segno delle Olimpiadi, ma non soltanto","post_date":"2024-02-06T10:15:56+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707214556000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460693","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' ancora il lungo raggio il primo attore della stagione 2024 di Ita Airways, dopo essere stato determinante nel trainare la buona, anzi sorprendente, performance del vettore nel bilancio 2023. Insieme ad un ulteriore e significativo investimento sulle relazioni con il trade, \"player fondamentali\" che contribuiscono a raggiungere \"il nostro obiettivo di massima soddisfazione del cliente\".\r\n\r\nEmiliana Limosani, cco della compagnia e ceo di Volare, tratteggia l'anno che verrà, in attesa - ancora per qualche tempo - delle decisioni Ue sul via libera al matrimonio con Lufthansa.\r\n\r\nChe anno sarà?\r\n\r\n\"Un 2024 di ulteriore espansione per tutto il network: opereremo 56 destinazioni, di cui 16 nazionali, 26 internazionali e 14 intercontinentali e apriremo nuovi voli diretti da Roma Fiumicino verso Chicago (aprile 2024) Toronto e Riyad (maggio 2024), Accra e Kuwait City (giugno 2024) e Gedda (agosto 2024). In pratica la capacità della summer cresce del 24% rispetto alla stagione 2023, con un aumento maggiore, +43%, sul segmento intercontinentale (+30% sull’internazionale e +15% sul domestico)\".\r\n\r\nAl momento qual è l'andamento del booking?\r\n\r\n\"L’inflazione ha causato un aumento generalizzato dei prezzi che inevitabilmente ha influito anche sul costo dei biglietti, sia a livello domestico che globale, unito anche al caro carburante e all’incremento della domanda oltre le previsioni Iata. Stiamo comunque registrando un ottimo andamento delle prenotazioni per i prossimi mesi, con tassi di riempimento, nello stesso periodo, superiori allo scorso anno sulla maggior parte delle rotte e in particolare nel picco estivo. Sicuramente il complesso contesto mediorientale ha influito negativamente causando perdite economiche, tuttavia abbiamo appena annunciato il ripristino dei voli verso Tel Aviv dal 1° marzo, un mercato di valenza strategica per Ita e per tutto il Sistema Paese\".\r\n\r\nForte slancio quindi sulle rotte intercontinentali, Nord America in primis...\r\n\r\n\"Nel 2023 gli Stati Uniti hanno rappresentato per noi il primo mercato internazionale per passeggeri trasportati e anche per membership Volare. Anche per il 2024 il nostro offerto sugli Stati Uniti rappresenta più del 50% del lungo raggio Ita e le aspettative dal mercato sono incoraggianti con crescite robuste rispetto al 2023 con l’Italia che si conferma meta privilegiata ed economicamente vantaggiosa.\r\n\r\nQuest'estate, proprio sulle rotte transatlantiche, la competizione è ancora più accesa: ci sono nuovi voli dei vettori americani...\r\n\r\n\"La presenza dei competitor è sempre uno stimolo a fare sempre meglio sia in termini di servizio che di crescita dell’offerta. Dalla nostra parte abbiamo l’italianità, che si riflette nel prodotto e nel nostro servizio a bordo, tutti plus riconosciuti dalla clientela americana. Inoltre, l’incremento di capacità della concorrenza va di pari passo con la nostra crescita di network con le nuove aperture Chicago e Toronto, entrambe destinazioni interessanti per i flussi verso l’Italia anche e non solo per la forte presenza di comunità con radici italiane. Infatti, gli Stati Uniti sono per noi il mercato più strategico dopo l'Italia, nonché il paese con il maggior numero di cittadini di origine italiana\".\r\n\r\nL'ampliamento della flotta come proseguirà quest'anno?\r\n\r\n\"Entreranno in servizio oltre 28 nuovi aeromobili: in due anni di attività la flotta è passata da 52 a 83 velivoli, di cui 39 di nuova generazione, che contribuiscono a rendere la compagnia sempre più green ed efficiente. L’obiettivo 2024 è far crescere ulteriormente la nostra flotta fino a 96 aerei, di cui due terzi saranno di nuova generazione\".\r\n\r\nCome evolve il rapporto con il trade?\r\n\r\n\"Il trade è un player fondamentale per raggiungere i nostri risultati attraverso la massima soddisfazione dei clienti. I target di massimizzazione di ricavi e profitti saranno perseguiti, per l’anno 2024, attraverso massimo focus sul riempimento della capacità offerta, in particolare quella high yield anche grazie allo sviluppo della partnership con le agenzie di viaggio. Per questo nel 2024 rafforziamo le consolidate relazioni commerciali sviluppate nel 2022-2023 con i partner strategici della distribuzione globale, del mercato Italia e dei primari mercati internazionali. Stiamo rafforzando la partnership con i leader della distribuzione attraverso accordi strutturali con tmc, network, retailer, olta, tour operator, cruise, incentive house e specialisti focalizzati sul prodotto lungo/medio raggio e su traffico high yield. Nel 2024, con un target di più di 290 accordi worldwide con gruppi agenziali che gestiscono circa 16.000 PoS, il coverage degli agenti con i quali definiremo partnership commerciali salirà a più del 75% del revenue intermediato\".\r\n\r\nIl segmento corporate?\r\n\r\n\"La strettissima collaborazione con i partner agenziali riguarda direttamente il mondo corporate: vogliamo incrementare la penetrazione di Ita Airways nel segmento bt, per cui offriamo una value proposition segmentata in base a livelli e servizi connessi ai singoli brand tariffari, integrata dai benefici offerti da Volare con i suoi programmi dedicati alle grandi aziende e alle pmi iscritte al Volare Business Club\".\r\n\r\nUn'ultima battuta sui risultati 2023.\r\n\r\n\"Siamo molto soddisfatti, i risultati commerciali hanno superato ogni stima e previsione. Abbiamo chiuso l’anno con un breakeven operativo, anticipando di un anno quanto era previsto nel piano industriale e riportando un ebitda positivo di qualche decina di milioni, migliorando di oltre 350 milioni il valore del 2022. I passeggeri trasportati sono stati 15 milioni, +50% sul 2023: il segmento intercontinentale, poi, ha raddoppiato il numero di passeggeri e raggiunto ebit già nel 2023. Il load factor medio è stato del 79%, con il dato all'82% per il traffico intercontinentale, ma la crescita più consistente di prestazione la registriamo sul settore domestico che in confronto al 2022 migliora di 8 p.p. I ricavi totali, a quota 2,4 miliardi (+67%) vedono ancora una volta il segmento lungo raggio a coprire il 50% del totale e raddoppiando gli incassi registrati nell’anno precedente\".","post_title":"Ita Airways: \"Lungo raggio, trade e traffico high yield i punti fermi 2024\"","post_date":"2024-02-05T09:30:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707125413000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti