28 September 2022

Malta: crolla l’Azure Window di Gozo

[ 0 ]

MaltaTimes of Malta ha riportato che la celebre “Azure Window”, uno dei simboli più famosi di Gozo, è crollata completamente durante la notte.  Lo stesso primo ministro di Malta,  Joseph Muscat,  ha twittato la notizia di questa mattina. Nella foto di Times of Malta, il “dopo” e il “prima” a testimonianza dell’accaduto.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431076 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La sinergia fra Svizzera Turismo e Fiavet Piemonte, siglata con un accordo nel 2021, ha portato a un primo risultato concreto. «Negli ultimi 2 anni abbiamo dovuto ripensare alla nostra strategia verso tour operator e agenzie di viaggi – ha dichiarato Laura Zancolò, Key Account Manager per Svizzera Turismo in Italia - per questo abbiamo pensato di stringere accordi con le associazioni di categoria del settore con l’obiettivo di far conoscere il territorio e promuovere il turismo di prossimità». Grazie alla collaborazione con Gabriella Aires, presidente Fiavet Piemonte, sono stati realizzati dieci itinerari che esplorano altrettante aree di grande fascino del Paese. «Un primo, importante, passo concreto per promuovere questo bel territorio e offrire ai nostri associati una serie di itinerari – afferma Gabriella Aires - programmi per uno o più giorni fruibili per tutti gli associati alla Fiavet, a livello naziionale». Negli scorsi due anni Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo hanno organizzato in stretta collaborazione una serie di tre eductour in Svizzera, nel più rigoroso rispetto delle norme sanitarie, utilizzando i periodi di sospensione del lockdown. Un manuale d’uso creato da agenzie e fornitori Spiega inoltre Aires: «Insieme ai colleghi che hanno partecipato ai tour, e ai fornitori che ci hanno accolti, abbiamo elaborato un vero e proprio manuale d’uso del Paese, con i servizi testati sui nostri percorsi, quotati per gruppi in treno e in bus, famiglie e individuali, su una decina di itinerari. La nostra segreteria ha fatto gran parte del lavoro di assemblaggio». Il manuale si intitola appunto ‘La Svizzera di Fiavet Piemonte: «C’è tutta la materia prima necessaria per rispondere a richieste di ogni gusto e per diverse fasce di spesa – chiarisce ancora Aires – tutto destinato all’uso libero, esclusivo e gratuito di tutte le agenzie Fiavet. Per rilanciare ora abbiamo tutti bisogno di prodotto di qualità che ci consenta di valorizzare la nostra professione, offrendo al cliente qualcosa di unico e speciale. Per questo Fiavet Piemonte si è fatta promotrice, grazie alla collaborazione fondamentale di Svizzera Turismo, di un’iniziativa interamente costruita dalle agenzie insieme ai fornitori. E non ci fermeremo qui». 10 itinerari a soggetto, pronti per le agenzie La Svizzera di Fiavet Piemonte presenta dieci itinerari base, per viaggi da una giornata a quattro giorni/tre notti. I pacchetti sono calibrati per partenze in treno o in bus dalle città del Nord, ma ogni agenzia può inserire le partenze da qualsiasi città in Italia, stazioni o aeroporti. Ecco cosa c’è nel manuale: - Zurigo tra arte e cultura (due giorni, in treno) - Berna, il Trenino Verde e il mondo di Kambly, il biscotto più amato (due giorni, in treno da Domodossola) - Zurigo per grandi e piccini (due giorni da Milano, per individuali) - La Lucerna di Guglielmo Tell e il Pilatus (tre giorni da Milano - Berna e la Festa della Cipolla: il 28 novembre, viaggio in giornata, in pullman da Torino. - Lugano, i borghi storici del lago e le funicolari (due giorni, in bus) - Lucerna e il Museo dei Trasporti, con navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni (due giorni, in bus o treno) - Lugano e il Monte Generoso (gita di un giorno) - Lugano per gli eventi e le mostre d’arte (due giorni in treno da Milano, programma secondo il programma di eventi in corso) - Zurigo, Berna e Lucerna, le meravigliose città svizzere (quattro giorni, in treno da Milano) [post_title] => Accordo strategico fra Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo [post_date] => 2022-09-26T10:57:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664189857000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431013 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "L'ultima estate sarà ricordata come la più last minute di sempre, anzi direi last second". Esordisce così  Leonardo Massa, nel commentare un'alta stagione che ha comunque dato ottimi segnali di ripresa, soprattutto in termini di volumi. "Paradossalmente la questione caos voli e l'incremento dell'inflazione ha in parte favorito la nostra offerta", racconta il country manager Italia di Msc Crociere. In che modo? "Mi spiego con un esempio: immagino il classico italiano che quest'anno ha cominciato a pensare alle vacanze a giugno; seduto davanti alla tv ha cominciato a sentire dei problemi ai bagagli e dei costi crescenti del carburante per i voli. Inutile negare che, per noi, aver potuto contare su un record di 15 porti d'imbarco facilmente accessibili lungo tutta la Penisola abbia rappresentato un notevole vantaggio competitivo. Certo, alcuni itinerari a medio - lungo raggio ne hanno risentito, ma se si considera che il 75% della nostra proposta è mediamente concentrata nel Mediterraneo il bilancio non può che essere positivo". Anche le marginalità sono peraltro tornate a registrare il segno più. "Da questo punto di vista, tuttavia, c'è ancora parecchio lavoro da fare prima di tornare ai livelli del 2019 - ammette Massa -. C'è bisogno soprattutto del contributo delle agenzie, che rimangono assolutamente il nostro canale distributivo principale. Il loro aiuto sarà fondamentale anche per riallungare le finestre di prenotazioni. I primi segnali stanno arrivando, sull'inverno e persino sull'estate 2023. Ma pure in questo caso il lavoro da fare è notevole".  Msc promette quindi fin da ora di mettere in campo tutte le risorse disponibili, strategiche e commerciali, per spingere sui margini e per allargare le booking windows, insieme alle adv: "Esistono tuttavia variabili esogene su cui non possiamo intervenire: in primis, la guerra e la pressione dell'inflazione sul potere d'acquisto degli italiani", commenta Massa, ben consapevole delle sfide che lo attendono. Infine una battuta sulla questione Ita e Italo: i tanti rumours che circolano non rischiano di distrarre un po' dal business crociere? "Onestamente c'è talmente tanto da fare e abbiamo talmente tante novità in arrivo (su tutte la nuova World Europa che sarà battezzata il prossimo 13 novembre a Doha, seguita subito dopo dalla Seascape, ndr) che non abbiamo neppure il tempo di pensarci", risponde prontamente Massa. [post_title] => L'estate last second di Msc. Ma crescono i volumi e tornano le marginalità [post_date] => 2022-09-23T11:57:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663934220000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431004 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Isole Cook più facilmente raggiungibili grazie al nuovo volo di Air Rarotonga che collega direttamente l'arcipelago con Tahiti e lo rende quindi accessibile anche via Parigi. Oltre alle tradizionali rotte che passano da Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Australia. Il nuovo collegamento è frutto di impegni intergovernativi e di partnership fra Air Rarotonga, Air Tahiti Nui e Air Tahiti. Ulteriori pacchetti come estensioni via Usa, sono in lavorazione. “Le Isole Cook sono nuovamente aperte. Decadute tutte le restrizioni covid, si viaggia semplicemente con il passaporto – afferma Noeline Mateariki, sales marketing director dell’Ente del turismo delle Cook Islands – e non occorre nessun visto per l’ingresso”. In questi due anni, grazie agli incentivi del governo, il settore turistico è stato protetto. Le strutture turistiche hanno potuto beneficiare di ristori e soprattutto le strutture alberghiere hanno potuto effettuare un salto di qualità, upgrading in categoria superiore e di conseguenza “l’offerta turistica è stata ampliata - spiega Nicholas Costantini, general manager Southern Europe –. Il settore ha continuato a crescere grazie anche al turismo domestico che in questi due anni di pandemia non si è mai fermato”. Tutte le isole si sono preparate alla riapertura. Oggi insieme ad Aitutaki e Rarotonga, nell’offerta si aggiungono altre isole, quelle del Sud, tutte spettacolari dal punto di vista naturalistico inserendo nuovi tour alla scoperta della natura e gastronomia. Il gruppo delle isole del Nord fino a quest’anno quasi inaccessibili, è stato aperto al turismo con meravigliose lagune e i pochi abitanti. Tutte isole raggiungibili unicamente attraverso voli domestici considerate le distanze, (15 isole sparse su una superficie di 2,2 milioni di kmq) sono inseriti in tour veramente esclusivi. “A questo punto abbiamo programmato nuovi tour sulla Coral Route e Island-Hopping anche per pacchetti di pochi giorni” sottolinea Robert Skews managing director della Turama Pacific Travel Group. [post_title] => Isole Cook aperte e più facilmente raggiungibili, grazie ai voli di Air Rarotonga [post_date] => 2022-09-23T10:58:46+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663930726000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430989 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => VisitMalta accende i riflettori sul segmento diving, che rappresenta oggi il 5% circa del traffico turistico verso l'arcipelago maltese. Ecco allora la recente pubblicazione di un piano strategico dal titolo 'Developing a Sustainable Diving Industry in the Maltese Islands - A strategy for the future 2022' che se da un lato formalizza alcune tendenze già in atto da anni e in linea con i principi della sostenibilità, dall’altro punta al futuro del diving, quale nicchia del mercato turistico maltese destinato a crescere costantemente.   Anche se il piano strategico concentra l’attenzione soprattutto sul recreational diving, quindi su chi pratica immersioni in vacanza, è da sottolineare come a Malta siano in forte crescita le immersioni tecniche, che attirano subacquei esperti con interesse specifico per le immersioni in profondità. Le acque maltesi vantano infatti il più grande numero di relitti sottomarini del mar Mediterraneo Guardando più nello specifico del mercato italiano, tra le operazioni promozionali relative al diving, VisitMalta ha organizzato nella giornata di ieri un webinar in partnership con la Federazione Italiana Attività Subacquee. Il webinar è stato anche occasione per anticipare la sponsorizzazione di VisitMalta all’evento che celebrerà il 50ennale della Fias (Federazione italiana attività subacquee). I festeggiamenti si terranno il 1° ottobre nella sede dell’Acquario di Genova dove verrà organizzato un evento commemorativo e conviviale con premiazioni, interventi e spettacoli e che include una cena di gala nell’incantevole sala dei delfini. Ester Tamasi, direttore VisitMalta Italia sarà presente ai festeggiamenti, accompagnata dai rappresentanti di Watercolours Dive Center quale partner scelto tra i numerosi centri diving presenti a Malta e Gozo. [post_title] => VisitMalta sostiene e promuove lo sviluppo del segmento diving [post_date] => 2022-09-23T09:34:45+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663925685000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430732 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sciopero nel trasporto aereo. Non si arresta l'ondata di scioperi che ha coinvolto il trasporto aereo italiano ed europeo nei  mesi estivi, anzi prosegue nell'autunno. E' così che è già prevista per sabato, 1 ottobre una nuova mobilitazione di piloti e assistenti di volo di Ryanair e Vueling. Lo segnalano i sindacati di Filt-Cgil e Uiltrasporti. Spiegano che “gli scioperi saranno rispettivamente di 24 ore per Ryanair e di 4 ore, dalle 13 alle 17, per Vueling”. «Dopo gli scioperi degli scorsi 8 e 25 giugno e 17 luglio – spiegano le due organizzazioni sindacali – non è ancora stato aperto un confronto sulle reali problematiche che ormai da mesi affliggono il personale navigante Ryanair, Malta Air e CrewLink. I lavoratori italiani continuano a rivendicare contratti che garantiscano condizioni di lavoro dignitose e stipendi almeno in linea ai minimi salariali previsti dal contratto nazionale del trasporto aereo del nostro Paese». Esuberi Per quel che riguarda Vueling, "i lavoratori della compagnia hanno appreso dell’apertura, da parte di Vueling, di una procedura che prevede 17 esuberi tra i circa 120 assistenti di volo assunti nella base di Roma Fiumicino - sottolinea la nota dei sindacati -. Chiediamo alla compagnia un confronto costruttivo e trasparente con le organizzazioni realmente rappresentative dei lavoratori della compagnia al fine di evitare licenziamenti e trovare soluzioni che tutelino i naviganti del gruppo basati in Italia". [post_title] => Sciopero il 1° ottobre per piloti e assistenti di volo Ryanair e Vueling [post_date] => 2022-09-20T08:50:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663663817000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430657 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bilancio sostanzialmente positivo per l'estate della Lettonia: i dati dell'Ufficio centrale di statistica riportano infatti che, a luglio, il numero di turisti stranieri è raddoppiato rispetto all'anno precedente. La capitale Rīga è la meta più visitata, con quasi il 60% dei turisti stranieri entrati nel Paese. Il 16% dei turisti ha visitato Jūrmala, seguita da Liepāja, Sigulda e Ventspils. La maggior parte dei sono domestici o provenienti dalla vicina Estonia, seguiti da finlandesi e polacchi, mentre il numero di turisti provenienti dalla Russia è, ovviamente, in calo. "I turisti provenienti dalla Russia compaiono ancora nelle statistiche, che non possono certo essere paragonate a quelle del 2018 o del 2019, quando il numero totale di turisti russi si avvicinava a 200.000 all'anno - ha dichiarato la rappresentante dell'Agenzia per gli investimenti e il turismo di Riga, Ieva Lasmane -. A livello globale, in precedenza, si aggirava intorno al 10-13%. È chiaro che è molto difficile sostituire una tale quantità, ma abbiamo investito più risorse nel mercato tedesco, che è per noi importante. Abbiamo molti voli diretti per diverse città tedesche, quindi è molto facile arrivare a Rīga. Il secondo di questi mercati strategici è la Gran Bretagna, che è cresciuta costantemente in questi anni e, naturalmente, i nostri vicini dei Paesi nordici, la Scandinavia". Nei primi 7 mesi di quest'anno, sono stati 1,2 milioni i turisti - stranieri e locali  - registrati negli alloggi turistici lettoni, con un aumento dell'85% rispetto al periodo corrispondente dell'anno scorso, ma ancora in calo di quasi il 30% rispetto al 2019.   [post_title] => La Lettonia si appresta a chiudere un'estate di ripresa, malgrado il crollo dei flussi dalla Russia [post_date] => 2022-09-19T10:33:06+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663583586000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430634 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con il claim “Il colloquio dove l’unico cv che richiediamo è la tua personalità” Accor, il gruppo leader mondiale dell’ospitalità, lancia anche in Italia, in Lombardia, l’innovativo metodo di reclutamento volto a far fronte alla carenza di personale nel settore. In un momento in cui, secondo le stime di Confindustria Alberghi, mancano 45mila figure nel settore dell’alberghiero e della ristorazione, Accor invita gli aspiranti lavoratori il 22 settembre nel Novotel Milano Ca’ Granda, dalle 10 alle 17. «Dopo il successo delle giornate in Francia - afferma Alessandro Arborio Mella, VP Talent & Culture, Accor Italia, Grecia, Israele e Malta. - prosegue a Milano la campagna "Spazio al talento! by Accor", che ci consente di avviare un processo di reclutamento rapido e coinvolgente. Un terzo delle nostre assunzioni ha meno di 26 anni e dobbiamo sapere come innovare in questo campo per affrontare la sfida della carenza di personale nel settore. Per questo motivo abbiamo programmato questa giornata di reclutamento senza cv, perché i candidati possano avere un maggiore contatto con i nostri professionisti e con la diversità delle loro professioni, trovando l'opportunità giusta per loro!». Sono circa 25 le posizioni di lavoro aperte da coprire in 4 professioni alberghiere e di ristorazione, all’interno di 10 hotel del Gruppo Accor in Lombardia. La giornata di giovedì 22 settembre prevede un incontro con 10 reclutatori degli hotel Ibis, Mercure e Novotel di Milano e della Lombardia con sede a Bergamo, Brescia, Como, Lainate e Agrate. Tre le fasi del colloquio: dapprima verrà ricreata una situazione di vita reale per verificare le competenze, le attitudini e l'atteggiamento del candidato. Seguirà un feedback immediato da parte dei reclutatori quindi, in caso di riscontro positivo, verrà consegnato al candidato un "buono per l’assunzione" che, nei giorni successivi, sottoscriverà l’assunzione presso la nuova sede di lavoro. Il processo di recruiting sarà basato sulle attitudini delle persone per le professioni offerte. E’ possibile registrarsi al link: https://intsignup.indeed.com/interview/e17bfbc5-d339-4b0a-b76a-6ab7d1351328?form=press [post_title] => Accor recluta nuovi lavoratori con la campagna “Spazio al talento!” [post_date] => 2022-09-19T10:17:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663582626000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430342 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => VisitMalta rilancia il programma VisitMalta Social Ambassador volto al coinvolgimento di nuovi giovani testimonial che promuovano la destinazione sui propri profili social. Gli aspiranti partecipanti saranno questa volta invitati a scoprire aspetti più culturali della destinazione, allo scopo di far conoscere alla propria community una Malta raffinata, creativa e ricca di cultura, godibile soprattutto lontano dall’alta stagione. La call terminerà il 26 settembre, dopodiché saranno selezionati 5 profili di emergenti content creator chiamati a partecipare ad un viaggio dal titolo Valletta City Break dal 10 al 13 novembre.  L’itinerario di viaggio proposto ai selezionati, offrirà una lunga serie di opportunità e scenari perfetti per essere diffusi sui social. Tra reel, stories e take over dei profili dell’ente, i nuovi testimonial avranno tutti gli strumenti per produrre contenuti divertenti e virali. [post_title] => VisitMalta in cerca di nuovi Social Ambassador [post_date] => 2022-09-13T09:27:28+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663061248000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430285 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo grido d'allarme da parte delle associazioni di categoria dell'industria dei viaggi, comprensibilmente preoccupate per una congiuntura che rischia di assommare a breve gli effetti di tre variabili potenzialmente dirompenti: i costi energetici fuori controllo, il contesto geopolitico instabile e la situazione politica di stallo. “Il turismo nazionale e internazionale – afferma Enzo Carella, paresidente di FederTerziario Turismo - continua a mostrare segni di una ripresa costante dall'impatto della pandemia, nonostante le crescenti sfide economiche e geopolitiche che minacciano di far precipitare la filiera del turismo in una crisi strutturale senza precedenti. Da un lato il turismo nazionale ha visto un forte rimbalzo negli ultimi quattro mesi, segnando risultati in linea o superiori al pari periodo del 2019. Dall’altro, però, costi energetici fuori controllo, prezzi delle materie prime alle stelle e situazione politica in stallo rischiano di aggravare irrimediabilmente la salute di imprese che avevano appena assaporato una ventata di ripresa. In questo contesto, complice l’imminente tornata elettorale del 25 settembre, molti imprenditori hanno deciso di sospendere la propria attività o di chiudere anticipatamente la stagione estiva per limitare i costi, con un grave danno per imprese, territori e lavoratori”. Autunno e inverno alle porte si presentano quindi ricchi di incognite, con molte destinazioni che rischiano di fare i conti con impianti di risalita fermi, innevamento artificiale sospeso e strutture alberghiere chiuse. Allo stato attuale, il potenziale di perdite per il comparto turistico, generato dall’innalzamento dei costi energetici e dall’inflazione, diventa insostenibile, mettendo a rischio un’intera filiera e migliaia di lavoratori. “Alcuni temi sono diventati improrogabili – prosegue Carella -. Se non affrontati immediatamente, rischiano di provocare uno smottamento insostenibile per la filiera e per l'intera economia italiana che ha beneficiato di un bonus di entusiasmo estivo. L'industria turistica deve poter esprimere la propria forza per 12 mesi all’anno e in tutti i territori. In un panorama complicato come quello che si intravede, stridono gli annunci trionfalistici che parlano di stagione record. Siamo tutti felici per gli ottimi segnali riscontrati in estate; siamo altrettanto preoccupati per le nubi all'orizzonte e per i conti economici delle imprese. Ora l'agenda politica non dimentichi che abbiamo bisogno di un ministero del Turismo forte, animato da risorse competenti, in grado di riprendere il filo dei dossier abbozzati e interrotti: energia, riduzione del cuneo fiscale, agenda digitale, qualificazione delle strutture alberghiere sono solo alcuni dei temi che non possono essere sacrificati sull'altare degli equilibrismi politici”. Le imprese del comparto turistico, per competere stabilmente nei mercati internazionali, hanno bisogno di risorse qualificate in grado di erogare servizi di eccellenza e rafforzare il posizionamento dell'industria turistica italiana. “La stagione estiva appena conclusa – conclude Carella - ha evidenziato da debolezza di un sistema che necessita di interventi strutturali in ambito formativo e sul fronte dei contratti di lavoro. La competitività delle imprese turistiche dovrà passare anche per un riequilibrio delle competenze Stato – regioni e per un piano strategico di sviluppo che contempli il contributo di tutte le professionalità della filiera, spesso dimenticate”. [post_title] => Federterziario Turismo: inverno a rischio; stridono i trionfalismi sull'estate [post_date] => 2022-09-12T11:20:41+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662981641000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "malta crolla lazure window di gozo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":29,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":395,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431076","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La sinergia fra Svizzera Turismo e Fiavet Piemonte, siglata con un accordo nel 2021, ha portato a un primo risultato concreto.\r\n\r\n«Negli ultimi 2 anni abbiamo dovuto ripensare alla nostra strategia verso tour operator e agenzie di viaggi – ha dichiarato Laura Zancolò, Key Account Manager per Svizzera Turismo in Italia - per questo abbiamo pensato di stringere accordi con le associazioni di categoria del settore con l’obiettivo di far conoscere il territorio e promuovere il turismo di prossimità».\r\n\r\nGrazie alla collaborazione con Gabriella Aires, presidente Fiavet Piemonte, sono stati realizzati dieci itinerari che esplorano altrettante aree di grande fascino del Paese.\r\n\r\n«Un primo, importante, passo concreto per promuovere questo bel territorio e offrire ai nostri associati una serie di itinerari – afferma Gabriella Aires - programmi per uno o più giorni fruibili per tutti gli associati alla Fiavet, a livello naziionale».\r\n\r\nNegli scorsi due anni Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo hanno organizzato in stretta collaborazione una serie di tre eductour in Svizzera, nel più rigoroso rispetto delle norme sanitarie, utilizzando i periodi di sospensione del lockdown.\r\n\r\nUn manuale d’uso creato da agenzie e fornitori\r\n\r\nSpiega inoltre Aires: «Insieme ai colleghi che hanno partecipato ai tour, e ai fornitori che ci hanno accolti, abbiamo elaborato un vero e proprio manuale d’uso del Paese, con i servizi testati sui nostri percorsi, quotati per gruppi in treno e in bus, famiglie e individuali, su una decina di itinerari. La nostra segreteria ha fatto gran parte del lavoro di assemblaggio».\r\n\r\nIl manuale si intitola appunto ‘La Svizzera di Fiavet Piemonte: «C’è tutta la materia prima necessaria per rispondere a richieste di ogni gusto e per diverse fasce di spesa – chiarisce ancora Aires – tutto destinato all’uso libero, esclusivo e gratuito di tutte le agenzie Fiavet. Per rilanciare ora abbiamo tutti bisogno di prodotto di qualità che ci consenta di valorizzare la nostra professione, offrendo al cliente qualcosa di unico e speciale. Per questo Fiavet Piemonte si è fatta promotrice, grazie alla collaborazione fondamentale di Svizzera Turismo, di un’iniziativa interamente costruita dalle agenzie insieme ai fornitori. E non ci fermeremo qui».\r\n\r\n10 itinerari a soggetto, pronti per le agenzie\r\n\r\nLa Svizzera di Fiavet Piemonte presenta dieci itinerari base, per viaggi da una giornata a quattro giorni/tre notti. I pacchetti sono calibrati per partenze in treno o in bus dalle città del Nord, ma ogni agenzia può inserire le partenze da qualsiasi città in Italia, stazioni o aeroporti.\r\n\r\nEcco cosa c’è nel manuale:\r\n\r\n- Zurigo tra arte e cultura (due giorni, in treno)\r\n\r\n- Berna, il Trenino Verde e il mondo di Kambly, il biscotto più amato (due giorni, in treno da Domodossola)\r\n\r\n- Zurigo per grandi e piccini (due giorni da Milano, per individuali)\r\n\r\n- La Lucerna di Guglielmo Tell e il Pilatus (tre giorni da Milano\r\n\r\n- Berna e la Festa della Cipolla: il 28 novembre, viaggio in giornata, in pullman da Torino.\r\n\r\n- Lugano, i borghi storici del lago e le funicolari (due giorni, in bus)\r\n\r\n- Lucerna e il Museo dei Trasporti, con navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni (due giorni, in bus o treno)\r\n\r\n- Lugano e il Monte Generoso (gita di un giorno)\r\n\r\n- Lugano per gli eventi e le mostre d’arte (due giorni in treno da Milano, programma secondo il programma di eventi in corso)\r\n\r\n- Zurigo, Berna e Lucerna, le meravigliose città svizzere (quattro giorni, in treno da Milano)","post_title":"Accordo strategico fra Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo","post_date":"2022-09-26T10:57:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1664189857000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431013","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"L'ultima estate sarà ricordata come la più last minute di sempre, anzi direi last second\". Esordisce così  Leonardo Massa, nel commentare un'alta stagione che ha comunque dato ottimi segnali di ripresa, soprattutto in termini di volumi. \"Paradossalmente la questione caos voli e l'incremento dell'inflazione ha in parte favorito la nostra offerta\", racconta il country manager Italia di Msc Crociere. In che modo? \"Mi spiego con un esempio: immagino il classico italiano che quest'anno ha cominciato a pensare alle vacanze a giugno; seduto davanti alla tv ha cominciato a sentire dei problemi ai bagagli e dei costi crescenti del carburante per i voli. Inutile negare che, per noi, aver potuto contare su un record di 15 porti d'imbarco facilmente accessibili lungo tutta la Penisola abbia rappresentato un notevole vantaggio competitivo. Certo, alcuni itinerari a medio - lungo raggio ne hanno risentito, ma se si considera che il 75% della nostra proposta è mediamente concentrata nel Mediterraneo il bilancio non può che essere positivo\".\r\n\r\nAnche le marginalità sono peraltro tornate a registrare il segno più. \"Da questo punto di vista, tuttavia, c'è ancora parecchio lavoro da fare prima di tornare ai livelli del 2019 - ammette Massa -. C'è bisogno soprattutto del contributo delle agenzie, che rimangono assolutamente il nostro canale distributivo principale. Il loro aiuto sarà fondamentale anche per riallungare le finestre di prenotazioni. I primi segnali stanno arrivando, sull'inverno e persino sull'estate 2023. Ma pure in questo caso il lavoro da fare è notevole\".  Msc promette quindi fin da ora di mettere in campo tutte le risorse disponibili, strategiche e commerciali, per spingere sui margini e per allargare le booking windows, insieme alle adv: \"Esistono tuttavia variabili esogene su cui non possiamo intervenire: in primis, la guerra e la pressione dell'inflazione sul potere d'acquisto degli italiani\", commenta Massa, ben consapevole delle sfide che lo attendono.\r\n\r\nInfine una battuta sulla questione Ita e Italo: i tanti rumours che circolano non rischiano di distrarre un po' dal business crociere? \"Onestamente c'è talmente tanto da fare e abbiamo talmente tante novità in arrivo (su tutte la nuova World Europa che sarà battezzata il prossimo 13 novembre a Doha, seguita subito dopo dalla Seascape, ndr) che non abbiamo neppure il tempo di pensarci\", risponde prontamente Massa.","post_title":"L'estate last second di Msc. Ma crescono i volumi e tornano le marginalità","post_date":"2022-09-23T11:57:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1663934220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431004","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Isole Cook più facilmente raggiungibili grazie al nuovo volo di Air Rarotonga che collega direttamente l'arcipelago con Tahiti e lo rende quindi accessibile anche via Parigi. Oltre alle tradizionali rotte che passano da Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Australia. Il nuovo collegamento è frutto di impegni intergovernativi e di partnership fra Air Rarotonga, Air Tahiti Nui e Air Tahiti. Ulteriori pacchetti come estensioni via Usa, sono in lavorazione.\r\n\r\n“Le Isole Cook sono nuovamente aperte. Decadute tutte le restrizioni covid, si viaggia semplicemente con il passaporto – afferma Noeline Mateariki, sales marketing director dell’Ente del turismo delle Cook Islands – e non occorre nessun visto per l’ingresso”.\r\n\r\nIn questi due anni, grazie agli incentivi del governo, il settore turistico è stato protetto. Le strutture turistiche hanno potuto beneficiare di ristori e soprattutto le strutture alberghiere hanno potuto effettuare un salto di qualità, upgrading in categoria superiore e di conseguenza “l’offerta turistica è stata ampliata - spiega Nicholas Costantini, general manager Southern Europe –. Il settore ha continuato a crescere grazie anche al turismo domestico che in questi due anni di pandemia non si è mai fermato”.\r\n\r\nTutte le isole si sono preparate alla riapertura. Oggi insieme ad Aitutaki e Rarotonga, nell’offerta si aggiungono altre isole, quelle del Sud, tutte spettacolari dal punto di vista naturalistico inserendo nuovi tour alla scoperta della natura e gastronomia. Il gruppo delle isole del Nord fino a quest’anno quasi inaccessibili, è stato aperto al turismo con meravigliose lagune e i pochi abitanti. Tutte isole raggiungibili unicamente attraverso voli domestici considerate le distanze, (15 isole sparse su una superficie di 2,2 milioni di kmq) sono inseriti in tour veramente esclusivi.\r\n\r\n“A questo punto abbiamo programmato nuovi tour sulla Coral Route e Island-Hopping anche per pacchetti di pochi giorni” sottolinea Robert Skews managing director della Turama Pacific Travel Group.","post_title":"Isole Cook aperte e più facilmente raggiungibili, grazie ai voli di Air Rarotonga","post_date":"2022-09-23T10:58:46+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663930726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430989","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"VisitMalta accende i riflettori sul segmento diving, che rappresenta oggi il 5% circa del traffico turistico verso l'arcipelago maltese. Ecco allora la recente pubblicazione di un piano strategico dal titolo 'Developing a Sustainable Diving Industry in the Maltese Islands - A strategy for the future 2022' che se da un lato formalizza alcune tendenze già in atto da anni e in linea con i principi della sostenibilità, dall’altro punta al futuro del diving, quale nicchia del mercato turistico maltese destinato a crescere costantemente.  \r\nAnche se il piano strategico concentra l’attenzione soprattutto sul recreational diving, quindi su chi pratica immersioni in vacanza, è da sottolineare come a Malta siano in forte crescita le immersioni tecniche, che attirano subacquei esperti con interesse specifico per le immersioni in profondità. Le acque maltesi vantano infatti il più grande numero di relitti sottomarini del mar Mediterraneo\r\nGuardando più nello specifico del mercato italiano, tra le operazioni promozionali relative al diving, VisitMalta ha organizzato nella giornata di ieri un webinar in partnership con la Federazione Italiana Attività Subacquee. Il webinar è stato anche occasione per anticipare la sponsorizzazione di VisitMalta all’evento che celebrerà il 50ennale della Fias (Federazione italiana attività subacquee). I festeggiamenti si terranno il 1° ottobre nella sede dell’Acquario di Genova dove verrà organizzato un evento commemorativo e conviviale con premiazioni, interventi e spettacoli e che include una cena di gala nell’incantevole sala dei delfini. Ester Tamasi, direttore VisitMalta Italia sarà presente ai festeggiamenti, accompagnata dai rappresentanti di Watercolours Dive Center quale partner scelto tra i numerosi centri diving presenti a Malta e Gozo.","post_title":"VisitMalta sostiene e promuove lo sviluppo del segmento diving","post_date":"2022-09-23T09:34:45+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663925685000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430732","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sciopero nel trasporto aereo. Non si arresta l'ondata di scioperi che ha coinvolto il trasporto aereo italiano ed europeo nei  mesi estivi, anzi prosegue nell'autunno. E' così che è già prevista per sabato, 1 ottobre una nuova mobilitazione di piloti e assistenti di volo di Ryanair e Vueling. Lo segnalano i sindacati di Filt-Cgil e Uiltrasporti. Spiegano che “gli scioperi saranno rispettivamente di 24 ore per Ryanair e di 4 ore, dalle 13 alle 17, per Vueling”.\r\n\r\n«Dopo gli scioperi degli scorsi 8 e 25 giugno e 17 luglio – spiegano le due organizzazioni sindacali – non è ancora stato aperto un confronto sulle reali problematiche che ormai da mesi affliggono il personale navigante Ryanair, Malta Air e CrewLink. I lavoratori italiani continuano a rivendicare contratti che garantiscano condizioni di lavoro dignitose e stipendi almeno in linea ai minimi salariali previsti dal contratto nazionale del trasporto aereo del nostro Paese».\r\nEsuberi\r\nPer quel che riguarda Vueling, \"i lavoratori della compagnia hanno appreso dell’apertura, da parte di Vueling, di una procedura che prevede 17 esuberi tra i circa 120 assistenti di volo assunti nella base di Roma Fiumicino - sottolinea la nota dei sindacati -. Chiediamo alla compagnia un confronto costruttivo e trasparente con le organizzazioni realmente rappresentative dei lavoratori della compagnia al fine di evitare licenziamenti e trovare soluzioni che tutelino i naviganti del gruppo basati in Italia\".","post_title":"Sciopero il 1° ottobre per piloti e assistenti di volo Ryanair e Vueling","post_date":"2022-09-20T08:50:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1663663817000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430657","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bilancio sostanzialmente positivo per l'estate della Lettonia: i dati dell'Ufficio centrale di statistica riportano infatti che, a luglio, il numero di turisti stranieri è raddoppiato rispetto all'anno precedente. La capitale Rīga è la meta più visitata, con quasi il 60% dei turisti stranieri entrati nel Paese. Il 16% dei turisti ha visitato Jūrmala, seguita da Liepāja, Sigulda e Ventspils. La maggior parte dei sono domestici o provenienti dalla vicina Estonia, seguiti da finlandesi e polacchi, mentre il numero di turisti provenienti dalla Russia è, ovviamente, in calo.\r\n\r\n\"I turisti provenienti dalla Russia compaiono ancora nelle statistiche, che non possono certo essere paragonate a quelle del 2018 o del 2019, quando il numero totale di turisti russi si avvicinava a 200.000 all'anno - ha dichiarato la rappresentante dell'Agenzia per gli investimenti e il turismo di Riga, Ieva Lasmane -. A livello globale, in precedenza, si aggirava intorno al 10-13%. È chiaro che è molto difficile sostituire una tale quantità, ma abbiamo investito più risorse nel mercato tedesco, che è per noi importante. Abbiamo molti voli diretti per diverse città tedesche, quindi è molto facile arrivare a Rīga. Il secondo di questi mercati strategici è la Gran Bretagna, che è cresciuta costantemente in questi anni e, naturalmente, i nostri vicini dei Paesi nordici, la Scandinavia\".\r\n\r\nNei primi 7 mesi di quest'anno, sono stati 1,2 milioni i turisti - stranieri e locali  - registrati negli alloggi turistici lettoni, con un aumento dell'85% rispetto al periodo corrispondente dell'anno scorso, ma ancora in calo di quasi il 30% rispetto al 2019.\r\n\r\n ","post_title":"La Lettonia si appresta a chiudere un'estate di ripresa, malgrado il crollo dei flussi dalla Russia","post_date":"2022-09-19T10:33:06+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663583586000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430634","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nCon il claim “Il colloquio dove l’unico cv che richiediamo è la tua personalità” Accor, il gruppo leader mondiale dell’ospitalità, lancia anche in Italia, in Lombardia, l’innovativo metodo di reclutamento volto a far fronte alla carenza di personale nel settore. In un momento in cui, secondo le stime di Confindustria Alberghi, mancano 45mila figure nel settore dell’alberghiero e della ristorazione, Accor invita gli aspiranti lavoratori il 22 settembre nel Novotel Milano Ca’ Granda, dalle 10 alle 17.\r\n\r\n«Dopo il successo delle giornate in Francia - afferma Alessandro Arborio Mella, VP Talent & Culture, Accor Italia, Grecia, Israele e Malta. - prosegue a Milano la campagna \"Spazio al talento! by Accor\", che ci consente di avviare un processo di reclutamento rapido e coinvolgente. Un terzo delle nostre assunzioni ha meno di 26 anni e dobbiamo sapere come innovare in questo campo per affrontare la sfida della carenza di personale nel settore. Per questo motivo abbiamo programmato questa giornata di reclutamento senza cv, perché i candidati possano avere un maggiore contatto con i nostri professionisti e con la diversità delle loro professioni, trovando l'opportunità giusta per loro!».\r\n\r\nSono circa 25 le posizioni di lavoro aperte da coprire in 4 professioni alberghiere e di ristorazione, all’interno di 10 hotel del Gruppo Accor in Lombardia. La giornata di giovedì 22 settembre prevede un incontro con 10 reclutatori degli hotel Ibis, Mercure e Novotel di Milano e della Lombardia con sede a Bergamo, Brescia, Como, Lainate e Agrate. Tre le fasi del colloquio: dapprima verrà ricreata una situazione di vita reale per verificare le competenze, le attitudini e l'atteggiamento del candidato. Seguirà un feedback immediato da parte dei reclutatori quindi, in caso di riscontro positivo, verrà consegnato al candidato un \"buono per l’assunzione\" che, nei giorni successivi, sottoscriverà l’assunzione presso la nuova sede di lavoro. Il processo di recruiting sarà basato sulle attitudini delle persone per le professioni offerte.\r\n\r\nE’ possibile registrarsi al link: https://intsignup.indeed.com/interview/e17bfbc5-d339-4b0a-b76a-6ab7d1351328?form=press","post_title":"Accor recluta nuovi lavoratori con la campagna “Spazio al talento!”","post_date":"2022-09-19T10:17:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663582626000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430342","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"VisitMalta rilancia il programma VisitMalta Social Ambassador volto al coinvolgimento di nuovi giovani testimonial che promuovano la destinazione sui propri profili social.\r\nGli aspiranti partecipanti saranno questa volta invitati a scoprire aspetti più culturali della destinazione, allo scopo di far conoscere alla propria community una Malta raffinata, creativa e ricca di cultura, godibile soprattutto lontano dall’alta stagione.\r\nLa call terminerà il 26 settembre, dopodiché saranno selezionati 5 profili di emergenti content creator chiamati a partecipare ad un viaggio dal titolo Valletta City Break dal 10 al 13 novembre. \r\nL’itinerario di viaggio proposto ai selezionati, offrirà una lunga serie di opportunità e scenari perfetti per essere diffusi sui social. Tra reel, stories e take over dei profili dell’ente, i nuovi testimonial avranno tutti gli strumenti per produrre contenuti divertenti e virali.","post_title":"VisitMalta in cerca di nuovi Social Ambassador","post_date":"2022-09-13T09:27:28+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663061248000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430285","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo grido d'allarme da parte delle associazioni di categoria dell'industria dei viaggi, comprensibilmente preoccupate per una congiuntura che rischia di assommare a breve gli effetti di tre variabili potenzialmente dirompenti: i costi energetici fuori controllo, il contesto geopolitico instabile e la situazione politica di stallo. “Il turismo nazionale e internazionale – afferma Enzo Carella, paresidente di FederTerziario Turismo - continua a mostrare segni di una ripresa costante dall'impatto della pandemia, nonostante le crescenti sfide economiche e geopolitiche che minacciano di far precipitare la filiera del turismo in una crisi strutturale senza precedenti. Da un lato il turismo nazionale ha visto un forte rimbalzo negli ultimi quattro mesi, segnando risultati in linea o superiori al pari periodo del 2019. Dall’altro, però, costi energetici fuori controllo, prezzi delle materie prime alle stelle e situazione politica in stallo rischiano di aggravare irrimediabilmente la salute di imprese che avevano appena assaporato una ventata di ripresa. In questo contesto, complice l’imminente tornata elettorale del 25 settembre, molti imprenditori hanno deciso di sospendere la propria attività o di chiudere anticipatamente la stagione estiva per limitare i costi, con un grave danno per imprese, territori e lavoratori”.\r\n\r\nAutunno e inverno alle porte si presentano quindi ricchi di incognite, con molte destinazioni che rischiano di fare i conti con impianti di risalita fermi, innevamento artificiale sospeso e strutture alberghiere chiuse. Allo stato attuale, il potenziale di perdite per il comparto turistico, generato dall’innalzamento dei costi energetici e dall’inflazione, diventa insostenibile, mettendo a rischio un’intera filiera e migliaia di lavoratori. “Alcuni temi sono diventati improrogabili – prosegue Carella -. Se non affrontati immediatamente, rischiano di provocare uno smottamento insostenibile per la filiera e per l'intera economia italiana che ha beneficiato di un bonus di entusiasmo estivo. L'industria turistica deve poter esprimere la propria forza per 12 mesi all’anno e in tutti i territori. In un panorama complicato come quello che si intravede, stridono gli annunci trionfalistici che parlano di stagione record. Siamo tutti felici per gli ottimi segnali riscontrati in estate; siamo altrettanto preoccupati per le nubi all'orizzonte e per i conti economici delle imprese. Ora l'agenda politica non dimentichi che abbiamo bisogno di un ministero del Turismo forte, animato da risorse competenti, in grado di riprendere il filo dei dossier abbozzati e interrotti: energia, riduzione del cuneo fiscale, agenda digitale, qualificazione delle strutture alberghiere sono solo alcuni dei temi che non possono essere sacrificati sull'altare degli equilibrismi politici”.\r\n\r\nLe imprese del comparto turistico, per competere stabilmente nei mercati internazionali, hanno bisogno di risorse qualificate in grado di erogare servizi di eccellenza e rafforzare il posizionamento dell'industria turistica italiana.\r\n“La stagione estiva appena conclusa – conclude Carella - ha evidenziato da debolezza di un sistema che necessita di interventi strutturali in ambito formativo e sul fronte dei contratti di lavoro. La competitività delle imprese turistiche dovrà passare anche per un riequilibrio delle competenze Stato – regioni e per un piano strategico di sviluppo che contempli il contributo di tutte le professionalità della filiera, spesso dimenticate”.","post_title":"Federterziario Turismo: inverno a rischio; stridono i trionfalismi sull'estate","post_date":"2022-09-12T11:20:41+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1662981641000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti