9 December 2022

La Croazia vista dalle due ruote di una bici: i percorsi più belli, dall’Istria alla Slavonia

[ 0 ]

Croazia, meta ideale da scoprire sulle due ruote di una bicicletta: dalle strade sterrate a quelle asfaltate, ci sono percorsi adatti per tutti gusti, sia per ciclisti amatoriali che per atleti professionisti.

Partendo dall’Istria, la penisola più conosciuta per i ciclisti in Croazia, è possibile esplorare l’interno o scendere alle profumate isole del Quarnaro. Il Gorski kotar e le strade storiche della Lika conducono ai passi più alti e alle splendide montagne del Carso Dinarico. E quando la vista si estende fino al mare, la corsa diventa particolarmente magica.

Al contrario, i campi di grano dorati della Slavonia raccontano storie bellissime: la Croazia Centrale ha un paesaggio collinare; i suoi castelli, manieri e chiese raccontano storie del passato e conducono all’oasi ciclistica urbana di Zagabria. 

E’ in calendario per il prossimo 8 ottobre, a Parenzo, l’evento sportivo, “Istria300”, un percorso lungo fino a 300 chilometri, che parte e termina in questa cittadina costiera, dopo aver attraversato alcuni dei più bei percorsi della regione, alla scoperta di località spettacolari che garantiranno un’esperienza ciclistica indimenticabile.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435610 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435611" align="alignleft" width="300"] L'amministratore delegato dell'Enit, Ivana Jelinic[/caption] In un’intervista all’Ansa, il neo amministratore delegato dell’Enit, Ivana Jelinic, spiega quali saranno le sue prossime mosse per far sì che il turismo italiano acceleri nella sua funzione di traino dell’economia. Il lavoro che l’aspetta all’Enit è duro e senza sosta e Jelinic ha già iniziato non perdendo un minuto: «Il primo passo è la riorganizzazione. Al netto degli errori del passato, che non spetta a me giudicare, sicuramente un approccio metodologico differente al lavoro corporate e all’attività di promozione dell’incoming consente di ottenere risultati che prima non sono stati così evidenti. Fare della valorizzazione del brand Italia un’impresa vera e propria che sia di supporto alla società e all’economia. Accelerare l’operatività e liberare il potenziale della Penisola anche ricorrendo a nuovi linguaggi comunicativi e promozionali per portare il brand Italia e l’Italia ad un livello di accoglienza sempre più performante. È fondamentale applicare una strategia lineare e armonizzata all’ospitalità». L’altra mossa determinante secondo Jelinic sarà coinvolgere sempre di più le imprese, anche le più piccole, che finora sono state meno considerate dalle politiche programmatiche del turismo. «Quando si parla di Sistema Italia – fa notare – si parla di un sistema che è ancora incompleto e che bisogna implementare e integrare, coinvolgendo sempre di più per invitare soggetti e operatori del comparto a entrare realmente a farne parte». Molte le preoccupazioni e le cose da cambiare: «Mi preoccupano il tessuto imprenditoriale in primis, ma anche il futuro dei lavoratori del settore e degli operatori e la qualità delle performance e dell’offerta turistica. Mi preoccupano le imprese che sono state ferite da due anni di pandemia, così come la necessità di fare davvero rete e di allineare il settore a nuovi trend di mercato senza lasciare indietro nessuno e senza permettere che competitor internazionali ci superino in offerta turistica». Secondo Jelinic poi le performance dell’Italia possono migliorare solo uscendo dai confini, «non solo esportando l’Italia e facendola conoscere meglio – chiarisce – ma anche non arroccandosi dietro la straordinarietà delle meraviglie che le appartengono e lasciandole al corso degli eventi e delle scelte turistiche, ma imparando anche ad emulare i competitor in capacità di programmazione, di commercializzazione del brand, di promozione dell’offerta». Tra i Paesi da cui prendere spunti o esempi, l’ad di Enit pensa alla Spagna che è il nostro principale competitor ed è partita in vantaggio: «Quando in Italia non ci si era strutturati ancora con un ministero dedicato al settore, la Spagna – spiega – operava già con una programmazione e con istituzioni operanti all’unisono. Anche la Croazia ha saputo crescere in tempi rapidi creando un sistema di promozione efficiente e di raccolta dati aggiornato in tempo reale». [post_title] => Ivana Jelinic (ad Enit): «Il primo passo è riorganizzare» [post_date] => 2022-12-09T07:23:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670570617000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Caraibi, Emirati Arabi, Mediterraneo e Sud America. Sono le quattro destinazioni per un Natale e un Capodanno in crociera con Costa. Per il 25 dicembre, in particolare, la Toscana propone una crociera di una settimana tra Emirati Arabi e Oman con partenza alla vigilia, che grazie alle soste lunghe, di due giorni e una notte, consente di scoprire al meglio Dubai, Muscat e Abu Dhabi. A Capodanno è prevista invece un itinerario, sempre di una settimana, in partenza il 31 dicembre, con una sosta lunga con pernottamento a Dubai, per festeggiare la notte di Capodanno in questa città, e con visite a Muscat e Abu Dhabi. La Fascinosa e la Pacifica propongono poi quattro diversi itinerari nelle isole caraibiche. La prima offre in particolare due viaggi di una settimana, in partenza il 23 o il 30 dicembre da Guadalupa, entrambi alla scoperta delle piccole Antille. Nella crociera di Natale sono previste visite a Bonaire, Saint Vincent, Saint Lucia, Barbados, Martinica; in quella di Capodanno a Trinidad, Grenada, Saint Vincent, Saint Lucia, Martinica. La Pacifica propone invece due itinerari di dieci e undici giorni, con partenza da La Romana (Repubblica Dominicana) il 18 e 28 dicembre: uno dedicato alle Grandi Antille e uno alle Piccole Antille. A Natale sono previste visite a Ocho Rios, Montego Bay (Giamaica), isole Cayman, Amber Cove, Samana, Catalina Island (Repubblica Dominicana); a Capodanno a Curacao, Aruba, Trinidad, Saint Lucia, Barbados, Guadalupe, Antigua, Isole Vergini britanniche. Il Mediterraneo, con il suo mix di città d’arte, culture e panorami, è invece la meta della Smeralda, che offrirà crociere di una settimana in Italia, Francia e Spagna, con partenze da Savona il 24 e 31 dicembre, e scali a Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Palermo e Civitavecchia/Roma. La Deliziosa proporrà inoltre crociere settimanali nel Mediterraneo orientale, tra Croazia, Montenegro e Grecia. Partenze previste venerdì 23 o 30 dicembre da Trieste, per visitare Spalato (Croazia), Cattaro (Montenegro), Katakolon e Atene (Grecia), e Bari. Infine, le Firenze, Fortuna e Favolosa offriranno  crociere di Natale e Capodanno in Brasile, Argentina e Uruguay. Non solo: Costa ha anche pensato a una proposta di escursioni rinnovata, ideale in particolare per le famiglie con bambini. In aggiunta alla ricca offerta di proposte a bordo e a terra, gli itinerari Costa di Natale e Capodanno avranno pure un programma speciale pensato per l’occasione, con tante sorprese per grandi e piccini, feste a tema e show. Per esempio, nelle crociere di Natale ci sarà un ospite di eccezione a bordo: i bambini potranno spedire la loro letterina o il loro disegno direttamente in nave e Babbo Natale li aspetterà sotto l'albero con tanti regali. E per i più grandi, tutta la magia del Natale con gli spettacoli e i canti della tradizione. A Capodanno si festeggerà con un party a bordo piscina sino alle luci dell’alba. Anche i menù saranno in tema, con piatti ispirati ai classici delle festività. [post_title] => Natale e Capodanno in crociera. Con Costa si va ai Caraibi, negli Emirati, nel Mediterraneo e in Sud America [post_date] => 2022-12-07T10:15:13+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670408113000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la chiusura della 14ma edizione, BTO- Be Travel Online annuncia le prossime date: sempre a Firenze, alla Stazione Leopolda, il 22 e 23 novembre 2023. Ancora da scoprire i focus del programma del prossimo anno, che arriverà sulla scia del successo della edizione 2022, che ha visto complessivamente oltre 13mila accessi e ha raggiunto sui social 500mila persone con i contenuti creati sui panel degli oltre 320 relatori intervenuti.  Il metaturismo non è mai in competizione con il viaggio Il metaverso, vero protagonista dell'edizione 2022 di BTO è "un'evoluzione, più che una rivoluzione. Ed è un'opportunità, più che una problematica da affrontare", ha chiarito in apertura Francesco Tapinassi, direttore scientifico della manifestazione. Si tratta di una realtà coinvolgerà non solo il mondo del turismo ma anche quello del lavoro, della formazione, dell'entertainment. Secondo Tapinassi,  "il metaturismo modificherà i modelli di fruizione delle informazioni e delle esperienze digitali di ognuno, anche dei turisti, mettendo in chiaro cosa siamo davvero in grado di offrire". Non un nemico del turismo, quindi, bensì una leva, una nuova opportunità per aumentare la competitività della destinazione e dell'offerta turistica. "Il metaturismo non sarà mai una realtà capace di sostituire l'esperienza reale e umana: non esiste una virtualizzazione delle sensazioni capace di proporsi come alternativa all'esperienza vissuta - chiarisce Tapinassi -. La partita si giocherà in una nuova interfaccia uomo-macchina che renderà possibile per un viaggiatore avere molte più informazioni di prima, sperimentare prima di viaggiare alcune esperienze, accedere a percorsi di scelta più trasparenti ma senza creare competizione con il viaggio vero e proprio".   [gallery ids="435565,435564,435563"] Gli altri focus dell'edizione 2022 Una delle tendenza su cui BTO ha acceso i riflettori è sicuramente il nomadismo digitale: un mercato in forte crescita che sta cambiando l'approccio dei player del settore. Le stime arrivano dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali – ETS, presieduta da Alberto Mattei, e parlano di 35 milioni di nomadi digitali e un reddito pro capite medio di 1800 dollari al mese: se fosse uno Stato quello dei nomadi digitali sarebbe il 41/esimo al mondo e il 38/esimo più ricco. I driver che guidano la scelta della meta oggi sono la sostenibilità, l’esperienza enogastronomica e il posizionamento sul web. Il 52% degli italiani infatti dichiara di prenotare le proprie vacanze online, e la scelta della meta turistica avviene in maniera prevalente sui siti istituzionali (36%), sui blog e sui forum di viaggi (33%) e sui social (13%). Secondo una ricerca presentata in esclusiva alla 14/esima edizione di BTO da Ipsos, l’enogastronomia cresce tra le motivazioni che guidano la scelta della meta (25%) ed è una prerogativa soprattutto per chi opta per una vacanza in Italia. Il nostro Paese mantiene la quarta posizione a livello mondiale come brand, risultato di un mix tra bellezza naturale, qualità della vita, ma anche affidabilità. Anche l’export si conferma come elemento che genera attrazione turistica.   Il fenomeno Great Resignation Un altro fenomeno che è stato analizzato è quello del Great Resignation, ossia il progressivo aumento del numero di dimissioni dei lavoratori dal proprio impiego, che sta segnando anche il comparto del turismo. Come emerso dalla presentazione di Monica Lasaponara, Escape Coach, nel corso del panel “Il tempo contro-verso”, l'85% delle persone nel mondo non è soddisfatto del proprio lavoro. La percentuale italiana è del 94%: nel nostro Paese per tre lavoratori su quattro il lavoro significa ansia e stress. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del turismo: si cerca un miglior equilibrio tra vita privata e professionale. Lo studio di Intesa Sanpaolo conferma il dato: il turismo è il settore in cui si fa più fatica a trovare professionisti.   [post_title] => BTO: i focus della 14ma edizione e le nuove date del 2023 [post_date] => 2022-12-06T14:59:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie [1] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie [1] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670338745000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435576 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il tradizionale saluto all'anno che volge al termine dell'Ente nazionale croato per il turismo in Italia questa volta ha i profumi e i sapori della cucina istriana. La regione, una delle più visitate delle Croazia dai turisti sia nazionali sia stranieri, è un territorio ricco di tradizioni, esperienze autentiche e un patrimonio naturale e culturale da scoprire. E la gastronomia riserva più di una sorpresa, fra pregiati vini e olio extravergine di oliva passando dal prosciutto istriano. Un 2022 che ha portato con sé "ottimi risultati" in termini di arrivi dall'Italia: "Nei primi 11 mesi l'aumento dei visitatori italiani è stato del 112% per un totale di 920.000 turisti e 4,1 milioni di pernottamenti (l’85% in più rispetto allo stesso periodo del 2021) - ha dichiarato Viviana Vukelić, direttrice dell’ufficio rappresentanza dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia -. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti, l’anno turistico continua e siamo felici che anche le previsioni per il Natale e Capodanno siano molto buone. I risultati finora raggiunti, confermano che la stagione di quest'anno è stata ben preparata nonostante tutte le sfide". Numeri che posizionano l'Italia tra i primi dieci mercati di riferimento per gli arrivi turistici in Croazia. Lo sguardo è però già proiettato al 2023: il Paese punta a posizionarsi sempre più come destinazione turistica sostenibile di alto valore, con una vasta gamma di esperienze autentiche e di alta qualità a diversi segmenti della domanda. Focus su vicinanza, sicurezza, varietà, ma anche un ulteriore sviluppo basato su un approccio sostenibile, ecologico e digitale. Infine, ma non certo per importanza, elemento della promozione 2023 sarà l’ingresso del Paese in Schengen e nella zona euro. [gallery ids="435588,435586,435585"] [post_title] => Croazia: «Ottimi risultati dal mercato italiano, tra i primi dieci per numero di arrivi» [post_date] => 2022-12-06T14:34:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670337272000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435503 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “È stata un’esperienza incredibile poterla vivere di persona, rappresentando l’Italia a un evento che ha coinvolto mille delegati da tantissimi Paesi. E ci riempie di orgoglio". Così il product manager di Travel World Escape, Federico Bora, commenta la propria partecipazione in qualità di delegato alla sesta conferenza Mondiale del turismo, organizzata dalla Unwto a Kota Kinabalu in Malaysia. Dopo essere stato accolto lo scorso giugno tra i membri dell'Organizzazione mondiale del turismo, l'operatore mestrino aveva infatti annunciato la propria partecipazione alla Wtc malese di fine novembre. "È stato stimolante confrontarsi e insieme provare a capire alcuni percorsi da iniziare o su cui proseguire verso un futuro più resiliente, capace non solo di reagire, ma in grado di prevenire immaginando già ora il turismo verrà - prosegue Bora -. Tutte le sessioni, gli interventi e discussioni, hanno trattato argomenti, nuovi approcci e intuizioni che hanno rafforzato la volontà a proseguire nella nostra mission I Care”. Il tema di quest'anno è stato in particolare Tourism Futures Reimagined e ha offerto un approccio interdisciplinare per stimolare e ispirare i responsabili politici, gli esperti e i leader mondiali nel turismo presentando le più recenti innovazioni, tendenze, sfide pratiche e soluzioni per il futuro. "Nelle varie sessioni - aggiunge Bora - è spiccata soprattutto la fondamentale importanza dell’educazione delle nuove generazioni: ho incontrato e parlato con alcuni insegnanti e studenti presenti; una bella opportunità di conoscere un po’ come la Malesia stia formando il suo futuro nel turismo. Allo stesso tempo incontrare molte persone coinvolte nel turismo, a partire dai lavoratori, per esempio guide locali o nuove piccole realtà di accoglienza, come boutique hotel, sino alle proprietà di grandi catene, ma anche gli abitanti locali impegnati nel portare avanti e far crescere i progetti di turismo basato sulle comunità in Malesia. Il forte messaggio che è stato lanciato a tutti i livelli è stato quello di valorizzare la forte interconnessione di ogni ambito (governativo, educazione, imprese private, singoli operatori e comunità). Questo crea conoscenza e può orientare l’impegno di ciascuno verso gli stessi obiettivi con maggiore efficacia, come ha ricordato nel suo messaggio di chiusura Harry Hwang, il direttore per l’Asia e il Pacifico dell’Unwto". [post_title] => Bora, Travel World Escape: la Wtc un'occasione per scoprire nuovi percorsi per un futuro più resiliente [post_date] => 2022-12-06T11:46:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670327169000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435380 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si espande l'offerta Cruise & Golf di Costa. Il prodotto sarà infatti disponibile, oltre che per le crociere nel Mediterraneo della Smeralda, anche per quelle nel golfo Arabico della Toscana. Gli appassionati avranno così la possibilità di giocare sia in alcuni dei campi più belli di Italia, Francia e Spagna, sia negli Emirati Arabi e Oman durante le soste nelle destinazioni comprese nell’itinerario.  Nel frattempo, le famiglie in vacanza con loro potranno godersi i servizi di bordo o andare alla scoperta delle località visitate, grazie alle escursioni organizzate dalla compagnia. La selezione di golf club per le crociere di Costa Toscana, novità dell’inverno 2022/23, è prestigiosa, con in più la possibilità di giocare anche in notturna, grazie alle soste lunghe previste nell’itinerario della nave. A Dubai, si può scegliere l’Emirates golf club, sede del torneo annuale Dubai Desert Classic, un percorso di 18 buche che misura 6.676 metri e si snoda tra centinaia di specie di flora e fauna autoctone, sette laghi e una vista spettacolare sullo skyline di Dubai; oppure The Els club, progettato dal vincitore degli US Open e degli Open Championship Ernie Els, sede dell’Asian tour. Ad Abu Dhabi, l’Abu Dhabi golf club, uno dei migliori campi a 27 buche a livello mondiale e sede per ben 16 anni consecutivi dell'Abu Dhabi Hsbc Championship, e lo Yas Links golf club, che ha ospitato l’Abu Dhabi Hsbc Championship del 2022. A Muscat (Oman), l’Almouj golf club, disegnato da Greg Norman e sede dell’Oman Open, che si distingue per la sua posizione di fronte all'oceano Indiano, con le montagne Hajar sullo sfondo; e il Ghala golf club, il più antico e rinomato club dell'Oman, che ha ospitato fin dagli anni ‘70 i campionati nazionali dell'Oman e il Mena tour negli ultimi quattro anni.   [post_title] => Cruise & Golf disponibile quest'inverno anche sulle crociere nel golfo Arabico della Costa Toscana [post_date] => 2022-12-05T09:47:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670233637000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama 'One Click Away' il progetto nato dalla collaborazione tra Enac, Iata, Ita Airways, Air Dolomiti e Neos con l'obiettivo di semplificare e rendere pienamente accessibili i sistemi di prenotazione dell'assistenza in aeroporto e a bordo degli aeromobili e le informazioni utili per le persone con disabilità e a ridotta mobilità. L'iniziativa sarà pienamente operativa da domani, 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità. Per la prima volta è stato realizzato un network costituito da istituzioni, compagnie aeree nazionali e associazioni del settore (FISH, FIABA, FAND, ANGLAT e ASSOFLY), con l’obiettivo comune di abbattere le barriere e rendere agevole e completamente accessibile il viaggio aereo a tutti i passeggeri, indistintamente, nessuno escluso. Le compagnie aeree aderenti hanno creato, sui loro siti web, dei percorsi immediati e intuitivi espressamente dedicati all’assistenza dei passeggeri con disabilità e a ridotta mobilità per permettere un accesso diretto e univoco, alle informazioni sull’organizzazione del viaggio aereo e relative ai propri diritti. “Il progetto - dichiara il presidente Enac, Pierluigi Di Palma - si inserisce nella più ampia strategia di Enac che punta a semplificare l’esperienza di volo per i passeggeri diversamente abili e a mobilità ridotta. Poter volare e spostarsi in un modo globalizzato, secondo la nostra mission, deve essere un diritto di tutti. Poter contare, con il coordinamento di IATA, su compagnie sensibili al tema, come ITA Airways, Air Dolomiti e Neos, è per noi motivo di orgoglio, poiché parliamo di tre vettori italiani. One Click Away è il biglietto da visita, la prima porta di accesso dei passeggeri disabili, verso il mondo aeroportuale e del trasporto aereo. Un modo per dire che siamo attenti alle loro esigenze e ai loro bisogni”. [post_title] => Enac, Iata, Ita Airways, Air Dolomiti e Neos: prenotazione dell'assistenza più semplice con One Click Away [post_date] => 2022-12-02T11:04:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669979068000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435291 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   A QC Termemilano la magia del Natale è l’attesa, fatta di luci, colori ed atmosfere. «Il tema quest’anno è proprio l'attesa, - dice infatti Andrea Quadrio Curzio, amministratore delegato del gruppo – è quel desiderio di stare insieme che è anche lo spirito dei nostri ospiti. Un’attesa non solo di questa festa, ma soprattutto di passare del tempo alle nostre Terme con le persone a cui si vuole bene. Finalmente ci stiamo mettendo alle spalle il periodo pandemico, - prosegue Quadrio Curzio - quindi c'è la voglia di stare insieme con i nostri amici, con i nostri collaboratori e con la comunità che partecipa al nostro progetto». Per questo, anche quest’anno, la creativa Alessandra Grillo ha avuto l’incarico di organizzare un magico Christmas Party: «È l’occasione per declinare i valori di QC Terme e per vivere la magia di questa festività. – afferma infatti la Grillo – Avevamo già celebrato insieme nel 2019, il primo anno di QC Termemilano, seguendo il tema “Everything is Possible”, quando tutti ci siamo lasciati incantare dal sogno del Golden Ticket della Fabbrica di Cioccolato: la gioia dell’attesa non ha età! Tutto si è fermato nel 2020, nel 2021 abbiamo sognato il Natale a New York, in occasione dell'apertura di QCTerme NY a Governors Island. Quest’anno abbiamo pensato di vivere la magia del Natale in questo luogo di bellezza e relax, dove sembra di perdere la cognizione del tempo, perché gli ospiti lasciano fuori la città e i pensieri. E, se credi nel Natale, la cosa più bella è l'Attesa. Per questo è nato il claim: “La magia dell'attesa quando il tempo si ferma”».     La festa di Natale di QC Terme negli spazi della spa di Porta Romana ha incantato i presenti con il Calendario dell’Avvento, abili calligrafe pronte a vergare deliziosi biglietti colorati seguendo le richieste degli ospiti e una tavola sontuosamente imbandita dove una padrona di casa accoglieva i commensali. E poi c’erano sorridenti realizzatrici di ghirlande, figure danzanti, un catering impeccabile e saporito realizzato anche quest’anno dalla due volte stellata Enoteca La Torre, tanta musica avvolgente e, naturalmente, un simpatico Babbo Natale.   Un momento di incontro che è anche l’occasione per ripercorrere un anno faticoso nei primi mesi per la diffusione della variante Omicron e per le tante regole da seguire. «Ma adesso i nostri ospiti sono tornati: - sottolinea Quadrio Curzio - prima i più giovani, poi anche quelli abituali, tra i 50 e i 65 anni. Possiamo misurare l’apprezzamento dei visitatori calcolando il numero degli ingressi, ma anche grazie a degli strumenti di rilevazione legati ai social network, alle visite ai nostri siti internet e alle ottime recensioni. Quindi i risultati sono stati molto buoni e soddisfacenti, soprattutto nella seconda parte dell’anno. Le Terme sono uno spazio per tutti: sin dall’inizio il nostro desiderio era quello di portare la bellezza e anche la cultura e il sapere dei territori con esperienze accessibili, curate e di grande qualità. Il nostro lusso inclusivo!». «Fino alla prossima primavera continueremo a raccontare la magia del tempo proseguendo il percorso “Wellness in Wonderland” avviato a San Pellegrino con l'artista Lorenzo Petrantoni. - conclude Simona Sbarbaro, responsabile marketing di QC Terme -  Ci aspetta quindi un susseguirsi di emozioni e atmosfere, perché la magia del tempo è nel nostro DNA, quel tempo per sé stessi che ciascuno di noi cerca, un tempo che in questi spazi si ferma, accelera e diventa qualcos'altro».     [post_title] => Il Christmas Party di QCTerme celebra l'Attesa e un anno di crescita e di accoglienza [post_date] => 2022-12-02T10:34:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669977261000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435197 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Jetstar debutterà sulla rotta fra Sydney e Rarotonga il 29 giugno 2023, con due voli alla settimana operati da un A321neo Lr, che trasporterà fino a 50.000 passeggeri all'anno tra le due destinazioni. Sarà la prima volta in cui la low cost volerà dall'Australia verso la più grande delle Isole Cook. "Rarotonga è una splendida isola tropicale e siamo entusiasti di introdurre le nostre tariffe vantaggiose su questa nuova rotta in vista delle vacanze scolastiche invernali del prossimo anno, offrendo agli australiani l'opportunità di sfuggire al freddo e di esplorare una delle più belle destinazioni del Sud Pacifico", ha dichiarato Stephanie Tully, ceo del Gruppo Jetstar. "L'utilizzo dell'Airbus A321neo LR sulla rotta consente un risparmio fino al 20% di carburante e vola su distanze più lunghe, il che significa che possiamo offrire un maggior numero di tariffe basse per un maggior numero di destinazioni". Mark Brown, primo ministro delle Isole Cook, ha dichiarato che questa nuova rotta rappresenta la prosecuzione di un rapporto di reciproco successo con Jetstar. "Il nostro Paese, come molti altri, ha dovuto superare un lungo periodo di assenza di visitatori e l'annuncio di questi voli non-stop dall'Australia è un altro importante passo avanti nella nostra ripresa". [post_title] => Jetstar fa rotta su Rarotonga: nuovo volo da Sydney dal prossimo 29 giugno [post_date] => 2022-12-01T09:16:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669886206000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "la croazia vista dalle due ruote di una bici i percorsi piu belli dallistria alla slavonia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":112,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1114,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435610","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435611\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'amministratore delegato dell'Enit, Ivana Jelinic[/caption]\r\n\r\nIn un’intervista all’Ansa, il neo amministratore delegato dell’Enit, Ivana Jelinic, spiega quali saranno le sue prossime mosse per far sì che il turismo italiano acceleri nella sua funzione di traino dell’economia.\r\n\r\nIl lavoro che l’aspetta all’Enit è duro e senza sosta e Jelinic ha già iniziato non perdendo un minuto: «Il primo passo è la riorganizzazione. Al netto degli errori del passato, che non spetta a me giudicare, sicuramente un approccio metodologico differente al lavoro corporate e all’attività di promozione dell’incoming consente di ottenere risultati che prima non sono stati così evidenti. Fare della valorizzazione del brand Italia un’impresa vera e propria che sia di supporto alla società e all’economia. Accelerare l’operatività e liberare il potenziale della Penisola anche ricorrendo a nuovi linguaggi comunicativi e promozionali per portare il brand Italia e l’Italia ad un livello di accoglienza sempre più performante. È fondamentale applicare una strategia lineare e armonizzata all’ospitalità».\r\n\r\nL’altra mossa determinante secondo Jelinic sarà coinvolgere sempre di più le imprese, anche le più piccole, che finora sono state meno considerate dalle politiche programmatiche del turismo. «Quando si parla di Sistema Italia – fa notare – si parla di un sistema che è ancora incompleto e che bisogna implementare e integrare, coinvolgendo sempre di più per invitare soggetti e operatori del comparto a entrare realmente a farne parte».\r\n\r\nMolte le preoccupazioni e le cose da cambiare: «Mi preoccupano il tessuto imprenditoriale in primis, ma anche il futuro dei lavoratori del settore e degli operatori e la qualità delle performance e dell’offerta turistica. Mi preoccupano le imprese che sono state ferite da due anni di pandemia, così come la necessità di fare davvero rete e di allineare il settore a nuovi trend di mercato senza lasciare indietro nessuno e senza permettere che competitor internazionali ci superino in offerta turistica».\r\n\r\nSecondo Jelinic poi le performance dell’Italia possono migliorare solo uscendo dai confini, «non solo esportando l’Italia e facendola conoscere meglio – chiarisce – ma anche non arroccandosi dietro la straordinarietà delle meraviglie che le appartengono e lasciandole al corso degli eventi e delle scelte turistiche, ma imparando anche ad emulare i competitor in capacità di programmazione, di commercializzazione del brand, di promozione dell’offerta». Tra i Paesi da cui prendere spunti o esempi, l’ad di Enit pensa alla Spagna che è il nostro principale competitor ed è partita in vantaggio: «Quando in Italia non ci si era strutturati ancora con un ministero dedicato al settore, la Spagna – spiega – operava già con una programmazione e con istituzioni operanti all’unisono. Anche la Croazia ha saputo crescere in tempi rapidi creando un sistema di promozione efficiente e di raccolta dati aggiornato in tempo reale».","post_title":"Ivana Jelinic (ad Enit): «Il primo passo è riorganizzare»","post_date":"2022-12-09T07:23:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670570617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435541","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Caraibi, Emirati Arabi, Mediterraneo e Sud America. Sono le quattro destinazioni per un Natale e un Capodanno in crociera con Costa. Per il 25 dicembre, in particolare, la Toscana propone una crociera di una settimana tra Emirati Arabi e Oman con partenza alla vigilia, che grazie alle soste lunghe, di due giorni e una notte, consente di scoprire al meglio Dubai, Muscat e Abu Dhabi. A Capodanno è prevista invece un itinerario, sempre di una settimana, in partenza il 31 dicembre, con una sosta lunga con pernottamento a Dubai, per festeggiare la notte di Capodanno in questa città, e con visite a Muscat e Abu Dhabi.\r\n\r\nLa Fascinosa e la Pacifica propongono poi quattro diversi itinerari nelle isole caraibiche. La prima offre in particolare due viaggi di una settimana, in partenza il 23 o il 30 dicembre da Guadalupa, entrambi alla scoperta delle piccole Antille. Nella crociera di Natale sono previste visite a Bonaire, Saint Vincent, Saint Lucia, Barbados, Martinica; in quella di Capodanno a Trinidad, Grenada, Saint Vincent, Saint Lucia, Martinica. La Pacifica propone invece due itinerari di dieci e undici giorni, con partenza da La Romana (Repubblica Dominicana) il 18 e 28 dicembre: uno dedicato alle Grandi Antille e uno alle Piccole Antille. A Natale sono previste visite a Ocho Rios, Montego Bay (Giamaica), isole Cayman, Amber Cove, Samana, Catalina Island (Repubblica Dominicana); a Capodanno a Curacao, Aruba, Trinidad, Saint Lucia, Barbados, Guadalupe, Antigua, Isole Vergini britanniche.\r\n\r\nIl Mediterraneo, con il suo mix di città d’arte, culture e panorami, è invece la meta della Smeralda, che offrirà crociere di una settimana in Italia, Francia e Spagna, con partenze da Savona il 24 e 31 dicembre, e scali a Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Palermo e Civitavecchia/Roma. La Deliziosa proporrà inoltre crociere settimanali nel Mediterraneo orientale, tra Croazia, Montenegro e Grecia. Partenze previste venerdì 23 o 30 dicembre da Trieste, per visitare Spalato (Croazia), Cattaro (Montenegro), Katakolon e Atene (Grecia), e Bari. Infine, le Firenze, Fortuna e Favolosa offriranno  crociere di Natale e Capodanno in Brasile, Argentina e Uruguay.\r\n\r\nNon solo: Costa ha anche pensato a una proposta di escursioni rinnovata, ideale in particolare per le famiglie con bambini. In aggiunta alla ricca offerta di proposte a bordo e a terra, gli itinerari Costa di Natale e Capodanno avranno pure un programma speciale pensato per l’occasione, con tante sorprese per grandi e piccini, feste a tema e show. Per esempio, nelle crociere di Natale ci sarà un ospite di eccezione a bordo: i bambini potranno spedire la loro letterina o il loro disegno direttamente in nave e Babbo Natale li aspetterà sotto l'albero con tanti regali. E per i più grandi, tutta la magia del Natale con gli spettacoli e i canti della tradizione. A Capodanno si festeggerà con un party a bordo piscina sino alle luci dell’alba. Anche i menù saranno in tema, con piatti ispirati ai classici delle festività.","post_title":"Natale e Capodanno in crociera. Con Costa si va ai Caraibi, negli Emirati, nel Mediterraneo e in Sud America","post_date":"2022-12-07T10:15:13+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670408113000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo la chiusura della 14ma edizione, BTO- Be Travel Online annuncia le prossime date: sempre a Firenze, alla Stazione Leopolda, il 22 e 23 novembre 2023.\r\nAncora da scoprire i focus del programma del prossimo anno, che arriverà sulla scia del successo della edizione 2022, che ha visto complessivamente oltre 13mila accessi e ha raggiunto sui social 500mila persone con i contenuti creati sui panel degli oltre 320 relatori intervenuti. \r\n\r\nIl metaturismo non è mai in competizione con il viaggio\r\n\r\nIl metaverso, vero protagonista dell'edizione 2022 di BTO è \"un'evoluzione, più che una rivoluzione. Ed è un'opportunità, più che una problematica da affrontare\", ha chiarito in apertura Francesco Tapinassi, direttore scientifico della manifestazione.\r\n\r\nSi tratta di una realtà coinvolgerà non solo il mondo del turismo ma anche quello del lavoro, della formazione, dell'entertainment. Secondo Tapinassi,  \"il metaturismo modificherà i modelli di fruizione delle informazioni e delle esperienze digitali di ognuno, anche dei turisti, mettendo in chiaro cosa siamo davvero in grado di offrire\".\r\n\r\nNon un nemico del turismo, quindi, bensì una leva, una nuova opportunità per aumentare la competitività della destinazione e dell'offerta turistica.\r\n\"Il metaturismo non sarà mai una realtà capace di sostituire l'esperienza reale e umana: non esiste una virtualizzazione delle sensazioni capace di proporsi come alternativa all'esperienza vissuta - chiarisce Tapinassi -. La partita si giocherà in una nuova interfaccia uomo-macchina che renderà possibile per un viaggiatore avere molte più informazioni di prima, sperimentare prima di viaggiare alcune esperienze, accedere a percorsi di scelta più trasparenti ma senza creare competizione con il viaggio vero e proprio\".\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"435565,435564,435563\"]\r\n\r\nGli altri focus dell'edizione 2022\r\n\r\nUna delle tendenza su cui BTO ha acceso i riflettori è sicuramente il nomadismo digitale: un mercato in forte crescita che sta cambiando l'approccio dei player del settore.\r\n\r\nLe stime arrivano dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali – ETS, presieduta da Alberto Mattei, e parlano di 35 milioni di nomadi digitali e un reddito pro capite medio di 1800 dollari al mese: se fosse uno Stato quello dei nomadi digitali sarebbe il 41/esimo al mondo e il 38/esimo più ricco.\r\n\r\nI driver che guidano la scelta della meta oggi sono la sostenibilità, l’esperienza enogastronomica e il posizionamento sul web. Il 52% degli italiani infatti dichiara di prenotare le proprie vacanze online, e la scelta della meta turistica avviene in maniera prevalente sui siti istituzionali (36%), sui blog e sui forum di viaggi (33%) e sui social (13%).\r\n\r\nSecondo una ricerca presentata in esclusiva alla 14/esima edizione di BTO da Ipsos, l’enogastronomia cresce tra le motivazioni che guidano la scelta della meta (25%) ed è una prerogativa soprattutto per chi opta per una vacanza in Italia. Il nostro Paese mantiene la quarta posizione a livello mondiale come brand, risultato di un mix tra bellezza naturale, qualità della vita, ma anche affidabilità. Anche l’export si conferma come elemento che genera attrazione turistica.\r\n\r\n \r\n\r\nIl fenomeno Great Resignation\r\n\r\nUn altro fenomeno che è stato analizzato è quello del Great Resignation, ossia il progressivo aumento del numero di dimissioni dei lavoratori dal proprio impiego, che sta segnando anche il comparto del turismo. Come emerso dalla presentazione di Monica Lasaponara, Escape Coach, nel corso del panel “Il tempo contro-verso”, l'85% delle persone nel mondo non è soddisfatto del proprio lavoro. La percentuale italiana è del 94%: nel nostro Paese per tre lavoratori su quattro il lavoro significa ansia e stress. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del turismo: si cerca un miglior equilibrio tra vita privata e professionale. Lo studio di Intesa Sanpaolo conferma il dato: il turismo è il settore in cui si fa più fatica a trovare professionisti.\r\n\r\n ","post_title":"BTO: i focus della 14ma edizione e le nuove date del 2023","post_date":"2022-12-06T14:59:05+00:00","category":["mercato_e_tecnologie","senza-categoria"],"category_name":["Mercato e tecnologie","Senza categoria"],"post_tag":[]},"sort":[1670338745000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435576","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il tradizionale saluto all'anno che volge al termine dell'Ente nazionale croato per il turismo in Italia questa volta ha i profumi e i sapori della cucina istriana. La regione, una delle più visitate delle Croazia dai turisti sia nazionali sia stranieri, è un territorio ricco di tradizioni, esperienze autentiche e un patrimonio naturale e culturale da scoprire. E la gastronomia riserva più di una sorpresa, fra pregiati vini e olio extravergine di oliva passando dal prosciutto istriano.\r\n\r\nUn 2022 che ha portato con sé \"ottimi risultati\" in termini di arrivi dall'Italia: \"Nei primi 11 mesi l'aumento dei visitatori italiani è stato del 112% per un totale di 920.000 turisti e 4,1 milioni di pernottamenti (l’85% in più rispetto allo stesso periodo del 2021) - ha dichiarato Viviana Vukelić, direttrice dell’ufficio rappresentanza dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia -. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti, l’anno turistico continua e siamo felici che anche le previsioni per il Natale e Capodanno siano molto buone. I risultati finora raggiunti, confermano che la stagione di quest'anno è stata ben preparata nonostante tutte le sfide\". Numeri che posizionano l'Italia tra i primi dieci mercati di riferimento per gli arrivi turistici in Croazia.\r\n\r\nLo sguardo è però già proiettato al 2023: il Paese punta a posizionarsi sempre più come destinazione turistica sostenibile di alto valore, con una vasta gamma di esperienze autentiche e di alta qualità a diversi segmenti della domanda. Focus su vicinanza, sicurezza, varietà, ma anche un ulteriore sviluppo basato su un approccio sostenibile, ecologico e digitale. Infine, ma non certo per importanza, elemento della promozione 2023 sarà l’ingresso del Paese in Schengen e nella zona euro.\r\n\r\n[gallery ids=\"435588,435586,435585\"]","post_title":"Croazia: «Ottimi risultati dal mercato italiano, tra i primi dieci per numero di arrivi»","post_date":"2022-12-06T14:34:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1670337272000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435503","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“È stata un’esperienza incredibile poterla vivere di persona, rappresentando l’Italia a un evento che ha coinvolto mille delegati da tantissimi Paesi. E ci riempie di orgoglio\". Così il product manager di Travel World Escape, Federico Bora, commenta la propria partecipazione in qualità di delegato alla sesta conferenza Mondiale del turismo, organizzata dalla Unwto a Kota Kinabalu in Malaysia. Dopo essere stato accolto lo scorso giugno tra i membri dell'Organizzazione mondiale del turismo, l'operatore mestrino aveva infatti annunciato la propria partecipazione alla Wtc malese di fine novembre.\r\n\r\n\"È stato stimolante confrontarsi e insieme provare a capire alcuni percorsi da iniziare o su cui proseguire\r\nverso un futuro più resiliente, capace non solo di reagire, ma in grado di prevenire immaginando già ora il\r\nturismo verrà - prosegue Bora -. Tutte le sessioni, gli interventi e discussioni, hanno trattato argomenti, nuovi approcci e intuizioni che hanno rafforzato la volontà a proseguire nella nostra mission I Care”. Il tema di quest'anno è stato in particolare Tourism Futures Reimagined e ha offerto un approccio interdisciplinare per\r\nstimolare e ispirare i responsabili politici, gli esperti e i leader mondiali nel turismo presentando le più\r\nrecenti innovazioni, tendenze, sfide pratiche e soluzioni per il futuro.\r\n\r\n\"Nelle varie sessioni - aggiunge Bora - è spiccata soprattutto la fondamentale importanza dell’educazione delle nuove generazioni: ho incontrato e parlato con alcuni insegnanti e studenti presenti; una bella opportunità di conoscere un po’ come la Malesia stia formando il suo futuro nel turismo. Allo stesso tempo incontrare molte persone coinvolte nel turismo, a partire dai lavoratori, per esempio guide locali o nuove piccole realtà di accoglienza, come boutique hotel, sino alle proprietà di grandi catene, ma anche gli abitanti locali impegnati nel portare avanti e far crescere i progetti di turismo basato sulle comunità in Malesia. Il forte messaggio che è stato lanciato a tutti i livelli è stato quello di valorizzare la forte interconnessione di ogni ambito (governativo, educazione, imprese private, singoli operatori e comunità). Questo crea conoscenza e può orientare l’impegno di ciascuno verso gli stessi obiettivi con maggiore\r\nefficacia, come ha ricordato nel suo messaggio di chiusura Harry Hwang, il direttore per l’Asia e il Pacifico dell’Unwto\".","post_title":"Bora, Travel World Escape: la Wtc un'occasione per scoprire nuovi percorsi per un futuro più resiliente","post_date":"2022-12-06T11:46:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670327169000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435380","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si espande l'offerta Cruise & Golf di Costa. Il prodotto sarà infatti disponibile, oltre che per le crociere nel Mediterraneo della Smeralda, anche per quelle nel golfo Arabico della Toscana. Gli appassionati avranno così la possibilità di giocare sia in alcuni dei campi più belli di Italia, Francia e Spagna, sia negli Emirati Arabi e Oman durante le soste nelle destinazioni comprese nell’itinerario.  Nel frattempo, le famiglie in vacanza con loro potranno godersi i servizi di bordo o andare alla scoperta delle località visitate, grazie alle escursioni organizzate dalla compagnia.\r\n\r\nLa selezione di golf club per le crociere di Costa Toscana, novità dell’inverno 2022/23, è prestigiosa, con in più la possibilità di giocare anche in notturna, grazie alle soste lunghe previste nell’itinerario della nave. A Dubai, si può scegliere l’Emirates golf club, sede del torneo annuale Dubai Desert Classic, un percorso di 18 buche che misura 6.676 metri e si snoda tra centinaia di specie di flora e fauna autoctone, sette laghi e una vista spettacolare sullo skyline di Dubai; oppure The Els club, progettato dal vincitore degli US Open e degli Open Championship Ernie Els, sede dell’Asian tour. Ad Abu Dhabi, l’Abu Dhabi golf club, uno dei migliori campi a 27 buche a livello mondiale e sede per ben 16 anni consecutivi dell'Abu Dhabi Hsbc Championship, e lo Yas Links golf club, che ha ospitato l’Abu Dhabi Hsbc Championship del 2022. A Muscat (Oman), l’Almouj golf club, disegnato da Greg Norman e sede dell’Oman Open, che si distingue per la sua posizione di fronte all'oceano Indiano, con le montagne Hajar sullo sfondo; e il Ghala golf club, il più antico e rinomato club dell'Oman, che ha ospitato fin dagli anni ‘70 i campionati nazionali dell'Oman e il Mena tour negli ultimi quattro anni.\r\n\r\n ","post_title":"Cruise & Golf disponibile quest'inverno anche sulle crociere nel golfo Arabico della Costa Toscana","post_date":"2022-12-05T09:47:17+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670233637000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435318","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama 'One Click Away' il progetto nato dalla collaborazione tra Enac, Iata, Ita Airways, Air Dolomiti e Neos con l'obiettivo di semplificare e rendere pienamente accessibili i sistemi di prenotazione dell'assistenza in aeroporto e a bordo degli aeromobili e le informazioni utili per le persone con disabilità e a ridotta mobilità.\r\n\r\nL'iniziativa sarà pienamente operativa da domani, 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità. Per la prima volta è stato realizzato un network costituito da istituzioni, compagnie aeree nazionali e associazioni del settore (FISH, FIABA, FAND, ANGLAT e ASSOFLY), con l’obiettivo comune di abbattere le barriere e rendere agevole e completamente accessibile\r\nil viaggio aereo a tutti i passeggeri, indistintamente, nessuno escluso.\r\n\r\nLe compagnie aeree aderenti hanno creato, sui loro siti web, dei percorsi immediati e intuitivi espressamente dedicati all’assistenza dei passeggeri con disabilità e a ridotta mobilità per permettere un accesso diretto e univoco, alle informazioni sull’organizzazione del viaggio\r\naereo e relative ai propri diritti.\r\n\r\n“Il progetto - dichiara il presidente Enac, Pierluigi Di Palma - si inserisce nella più ampia strategia di Enac che punta a semplificare l’esperienza di volo per i passeggeri diversamente abili e a mobilità ridotta. Poter volare e spostarsi in un modo globalizzato, secondo la nostra mission, deve essere un diritto di tutti. Poter contare, con il coordinamento di IATA, su compagnie sensibili al tema, come ITA Airways, Air Dolomiti e Neos, è per noi motivo di orgoglio, poiché parliamo di tre vettori italiani. One Click Away è il biglietto da visita, la prima porta di accesso dei passeggeri disabili, verso il mondo aeroportuale e del trasporto aereo. Un modo per dire che siamo attenti alle loro esigenze e ai loro bisogni”.","post_title":"Enac, Iata, Ita Airways, Air Dolomiti e Neos: prenotazione dell'assistenza più semplice con One Click Away","post_date":"2022-12-02T11:04:28+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669979068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435291","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nA QC Termemilano la magia del Natale è l’attesa, fatta di luci, colori ed atmosfere. «Il tema quest’anno è proprio l'attesa, - dice infatti Andrea Quadrio Curzio, amministratore delegato del gruppo – è quel desiderio di stare insieme che è anche lo spirito dei nostri ospiti. Un’attesa non solo di questa festa, ma soprattutto di passare del tempo alle nostre Terme con le persone a cui si vuole bene. Finalmente ci stiamo mettendo alle spalle il periodo pandemico, - prosegue Quadrio Curzio - quindi c'è la voglia di stare insieme con i nostri amici, con i nostri collaboratori e con la comunità che partecipa al nostro progetto».\r\n\r\nPer questo, anche quest’anno, la creativa Alessandra Grillo ha avuto l’incarico di organizzare un magico Christmas Party: «È l’occasione per declinare i valori di QC Terme e per vivere la magia di questa festività. – afferma infatti la Grillo – Avevamo già celebrato insieme nel 2019, il primo anno di QC Termemilano, seguendo il tema “Everything is Possible”, quando tutti ci siamo lasciati incantare dal sogno del Golden Ticket della Fabbrica di Cioccolato: la gioia dell’attesa non ha età! Tutto si è fermato nel 2020, nel 2021 abbiamo sognato il Natale a New York, in occasione dell'apertura di QCTerme NY a Governors Island. Quest’anno abbiamo pensato di vivere la magia del Natale in questo luogo di bellezza e relax, dove sembra di perdere la cognizione del tempo, perché gli ospiti lasciano fuori la città e i pensieri. E, se credi nel Natale, la cosa più bella è l'Attesa. Per questo è nato il claim: “La magia dell'attesa quando il tempo si ferma”».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nLa festa di Natale di QC Terme negli spazi della spa di Porta Romana ha incantato i presenti con il Calendario dell’Avvento, abili calligrafe pronte a vergare deliziosi biglietti colorati seguendo le richieste degli ospiti e una tavola sontuosamente imbandita dove una padrona di casa accoglieva i commensali. E poi c’erano sorridenti realizzatrici di ghirlande, figure danzanti, un catering impeccabile e saporito realizzato anche quest’anno dalla due volte stellata Enoteca La Torre, tanta musica avvolgente e, naturalmente, un simpatico Babbo Natale.\r\n\r\n \r\n\r\nUn momento di incontro che è anche l’occasione per ripercorrere un anno faticoso nei primi mesi per la diffusione della variante Omicron e per le tante regole da seguire. «Ma adesso i nostri ospiti sono tornati: - sottolinea Quadrio Curzio - prima i più giovani, poi anche quelli abituali, tra i 50 e i 65 anni. Possiamo misurare l’apprezzamento dei visitatori calcolando il numero degli ingressi, ma anche grazie a degli strumenti di rilevazione legati ai social network, alle visite ai nostri siti internet e alle ottime recensioni. Quindi i risultati sono stati molto buoni e soddisfacenti, soprattutto nella seconda parte dell’anno. Le Terme sono uno spazio per tutti: sin dall’inizio il nostro desiderio era quello di portare la bellezza e anche la cultura e il sapere dei territori con esperienze accessibili, curate e di grande qualità. Il nostro lusso inclusivo!».\r\n\r\n«Fino alla prossima primavera continueremo a raccontare la magia del tempo proseguendo il percorso “Wellness in Wonderland” avviato a San Pellegrino con l'artista Lorenzo Petrantoni. - conclude Simona Sbarbaro, responsabile marketing di QC Terme -  Ci aspetta quindi un susseguirsi di emozioni e atmosfere, perché la magia del tempo è nel nostro DNA, quel tempo per sé stessi che ciascuno di noi cerca, un tempo che in questi spazi si ferma, accelera e diventa qualcos'altro».\r\n\r\n\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Il Christmas Party di QCTerme celebra l'Attesa e un anno di crescita e di accoglienza","post_date":"2022-12-02T10:34:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669977261000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435197","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Jetstar debutterà sulla rotta fra Sydney e Rarotonga il 29 giugno 2023, con due voli alla settimana operati da un A321neo Lr, che trasporterà fino a 50.000 passeggeri all'anno tra le due destinazioni. Sarà la prima volta in cui la low cost volerà dall'Australia verso la più grande delle Isole Cook.\r\n\r\n\"Rarotonga è una splendida isola tropicale e siamo entusiasti di introdurre le nostre tariffe vantaggiose su questa nuova rotta in vista delle vacanze scolastiche invernali del prossimo anno, offrendo agli australiani l'opportunità di sfuggire al freddo e di esplorare una delle più belle destinazioni del Sud Pacifico\", ha dichiarato Stephanie Tully, ceo del Gruppo Jetstar. \"L'utilizzo dell'Airbus A321neo LR sulla rotta consente un risparmio fino al 20% di carburante e vola su distanze più lunghe, il che significa che possiamo offrire un maggior numero di tariffe basse per un maggior numero di destinazioni\".\r\n\r\nMark Brown, primo ministro delle Isole Cook, ha dichiarato che questa nuova rotta rappresenta la prosecuzione di un rapporto di reciproco successo con Jetstar. \"Il nostro Paese, come molti altri, ha dovuto superare un lungo periodo di assenza di visitatori e l'annuncio di questi voli non-stop dall'Australia è un altro importante passo avanti nella nostra ripresa\".","post_title":"Jetstar fa rotta su Rarotonga: nuovo volo da Sydney dal prossimo 29 giugno","post_date":"2022-12-01T09:16:46+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669886206000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti