23 April 2024

Santanchè: 25 milioni per il turismo sostenibile. E i 39 per quello organizzato?

[ 1 ]

Il ministro del turismo Daniela Santanchè

Ministro Santanchè. 25 milioni di euro per rafforzare le grandi destinazioni culturali. Fronteggiare il fenomeno dell’overtourism. Favorire la transizione ecologica del settore e sostenere le strutture ricettive e le imprese turistiche. E’ questa la dotazione del “Fondo per il turismo sostenibile” finalizzato a promuovere l’ecoturismo e il turismo sostenibile. Minimizzando gli impatti economici, ambientali e sociali, generando al contempo reddito, occupazione e conservazione degli ecosistemi locali.

Nello specifico, le risorse messe a disposizione sono ripartite in 5 milioni di euro per il 2023 e 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2024 e 2025.

Entro 30 giorni dalla pubblicazione del decreto, il ministero del turismo pubblicherà sul proprio sito web uno o più avvisi per la selezione di proposte progettuali, individuando altresì le imprese della filiera turistica e le strutture ricettive che saranno beneficiarie del provvedimento.

Mancano i 39 milioni per il turismo organizzato

«Un passo importante per incentivare un turismo sempre più sostenibile, in grado di favorire la destagionalizzazione e la distribuzione dei flussi turistici nel tempo, allungando la stagione turistica a tutto l’anno» commenta la Santanchè.

Per carità siamo contenti che vengano destinati 25 milioni per la sostenibilità del turismo. Ci si chiede perché queste risorse vengano elargite con compatibile semplicità mentre i 39 milioni per il turismo organizzato debbano sempre seguire vie incomprensibili, astruse eccessivamente burocratiche. Il ministro deve sbloccare i fondi entro marzo. E non ce n’è.

Giuseppe Aloe

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466131 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_466132" align="aligncenter" width="507"] ph credits: Suhyeon Choi[/caption] La primavera è il momento ideale per esplorare le meraviglie del Vecchio Continente, quando i fiori sbocciano, il clima diventa più mite e le giornate si allungano. Questa stagione offre la perfetta opportunità di visitare città intrise di storia, ammirare monumenti imponenti e immergersi nelle diverse culture locali. Amsterdam: una città di canali e tulipani Amsterdam è celebrata per i suoi incantevoli canali che tagliano la città formando una rete acquatica unica, su cui si specchiano le storiche facciate delle case lungo i margini. In primavera, Amsterdam si trasforma in un vero e proprio dipinto vivente, grazie ai milioni di tulipani in fiore che adornano la città. Se si parte dalla Toscana optare per i voli Pisa Amsterdam rappresenta una scelta eccellente per raggiungere con facilità questa vibrante capitale, dove è possibile passeggiare lungo i canali e visitare illustri musei come il Van Gogh Museum e il Rijksmuseum. Il parco di Keukenhof, noto anche come il Giardino d'Europa, è una tappa obbligata per chi visita Amsterdam in questa stagione. Situato a breve distanza in auto dalla città, Keukenhof ospita una delle esposizioni floreali più vaste al mondo, con oltre sette milioni di bulbi fioriti e 800 varietà di tulipani che esplodono in un caleidoscopio di colori. Praga: architettura storica e parchi fioriti La capitale ceca, Praga, è avvolta in un'atmosfera quasi fiabesca durante la primavera, con il suo eclettico mix di architetture gotiche, barocche e rinascimentali. I visitatori possono esplorare l'imponente Castello di Praga, attraversare il romantico Ponte Carlo, o scoprire intime caffetterie celate nelle anguste vie medievali della città. Oltre ai suoi tesori architettonici, Praga si distingue anche per i suoi verdi parchi e giardini in fiore, tra cui spiccano il Petřín, famoso per il suo roseto e il labirinto, e il Giardino Vrtba, considerato uno dei più pregevoli giardini barocchi del globo. La primavera praghese offre un mosaico vivente di storia e natura, unendo le due in uno spettacolo colorato e vibrante. Parigi: l'incanto dei giardini e dei boulevards Parigi, la città dell'amore, raggiunge un picco di bellezza in primavera. I giardini di Luxembourg e Tuileries, con le loro splendide fioriture, offrono luoghi idilliaci per passeggiare o rilassarsi al sole. È il momento perfetto per visitare i famosi caffè all'aperto, scoprire i capolavori nei musei del Louvre o del Musée d'Orsay, o navigare lungo la Senna in una romantica crociera. La primavera parigina non solo esalta il romanticismo e l'eleganza tipici della città ma invita anche a vivere l'atmosfera unica dei suoi boulevards e caffè, dove si può respirare la vera essenza parigina in ogni angolo. Budapest: terme e tradizione Budapest, nota per le sue acque termali curative, è una città che combina bellezza architettonica con il relax delle sue famose terme, come i Bagni Széchenyi e Gellért. La primavera è l'ideale per approfittare delle proprietà benefiche delle acque termali in un contesto storico affascinante. La città è anche un fervente centro di eventi culturali e festival primaverili, che attraggono visitatori da tutto il mondo. Budapest è una città che fonde l'antico fascino europeo con un dinamismo culturale e sociale, offrendo un'esperienza di viaggio ricca e variegata. Vienna: musica e giardini Vienna, la città della musica, è immersa nelle melodie di celebri compositori come Mozart e Beethoven nella primavera, quando l'Opera di Stato e il Musikverein presentano alcune delle loro migliori performances. I giardini imperiali, come il Belvedere e il Schönbrunn, esplodono con la bellezza delle fioriture primaverili, creando scenari da cartolina che offrono una vista sul fasto dell'epoca imperiale austriaca. Una passeggiata in questi giardini permette di immergersi in un'atmosfera di regalità storica, combinando arte, storia e natura in un'esperienza culturale senza pari, simbolo della grandezza viennese. Esplorare l'Europa in primavera L'Europa in primavera si presenta come un invito a scoprire, esplorare e innamorarsi nuovamente di città che ogni anno si rinnovano con l'arrivo di questa stagione ridente. Ogni capitale, con le sue peculiarità, diventa un palcoscenico vivente che celebra la storia, l'arte e la bellezza naturale, invitando ogni viaggiatore a partecipare a questo annuale rendez-vous con la cultura e la natura. [post_title] => 5 capitali europee da visitare in primavera [post_date] => 2024-04-23T11:47:55+00:00 [category] => Array ( [0] => estero [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Estero [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( [0] => amsterdam [1] => budapest [2] => capitali-europee [3] => capitali-europee-da-visitare [4] => parigi [5] => praga [6] => vienna [7] => voli-transavia-pisa-amsterdam [8] => volo-pisa-amsterdam ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Amsterdam [1] => budapest [2] => capitali europee [3] => capitali europee da visitare [4] => parigi [5] => praga [6] => vienna [7] => voli transavia pisa amsterdam [8] => volo pisa amsterdam ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713872875000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466108 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Buone notizie per il turismo outdoor. Infatti con una previsione di presenze pari a 56,5 milioni per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre, i volumi della stagione estiva 2024 del turismo outdoor si prospettano in linea con quelli della scorsa estate (il numero di presenze si è attestato sui 56,3 milioni) ed in aumento dell'1% rispetto al periodo pre-pandemico (55,9 registrato nel 2019). Sono fra i dati per il 2024 dell'Osservatorio del turismo outdoor "Questa previsione positiva è sostenuta anche da una crescita dell'occupazione on-the-book registrata dagli operatori turistici (outdoor e trade) ed istituzionali, i quali evidenziano dati molto promettenti per l'estate - si spiega -. a marzo 2024 circa un quinto delle strutture ricettive presentava già un'occupazione tra il 61% e l'80%". Il mercato estero, come emerge dalle previsioni dell'Osservatorio, "sarà sempre più determinante nella stagione in arrivo: si registrerà infatti la migliore performance dal 2017, con una stima di 30 milioni di presenze (53% del totale)". Attrattività Questo conferma "la forte attrattività delle bellezze naturali, culturali e artistiche del Belpaese sui viaggiatori stranieri (soprattutto provenienti da mercati europei chiave per l'open air come l'area Dach e Benelux). Più specificatamente, gli operatori trade vedono la Germania come il Paese di provenienza maggiormente in crescita, seguito dall'Olanda e dalla Danimarca". Il mercato italiano, "che costituirà il restante 47%, sarà pressoché allineato con gli anni passati, ma leggermente calante rispetto ai valori del 2021 e sotto i valori media pre-2020. Ad incidere su questo vi è sicuramente il ritorno dei viaggi long-haul e nei Paesi mediterranei, il calo del potere di spesa e la revisione del budget di vacanza, con una ricalibrazione delle destinazioni ed una variazione del numero delle notti. In particolare, sarà il Nord-Est l'area geografica trainante in termini di performance (25,1 milioni le presenze stimate) specialmente per i turisti nord-europei i quali la considerano particolarmente attrattiva per l'offerta di alto livello e la vicinanza geografica; le altre aree d'Italia saranno invece più stabili con i risultati passati o in leggero calo" [post_title] => Turismo outdoor: 56,7 milioni i turisti nella prossima stagione estiva [post_date] => 2024-04-23T10:24:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713867889000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466062 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_466070" align="alignright" width="300"] Boris Iraheta, segretario generale Cata[/caption] Con il tema ‘Tejiendo Conexiones’ (Intrecciare Connessioni’) si è svolta nei giorni scorsi a El Salvador l’edizione 2024 del Catm, Centroamérica Travel Market, che ha visto la partecipazione di 80 tour operator internazionali provenienti da Europa (Italia inclusa), Nord America e Sud America. L’evento si conferma la piattaforma più importante di commercializzazione e promozione turistica per il rilancio del turismo in Centroamérica, con focus sui paesi di Belize, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panamá e Repubblica Dominicana. "Posizionare correttamente la regione dei Paesi del Cata in Europa significa attrarre nuovi visitatori e ciò resta uno dei nostri principali obiettivi - ha spiegato Boris Iraheta, segretario generale di Cata, Agenzia centroamericana di promozione turistica -. Stiamo lavorando per creare contenuti spingendo le notizie positive attraverso i media dei nostri mercati principali, in modo che questa regione ancora poco conosciuta e a volte ritenuta poco sicura si passi a una nuova percezione. Il Catm riprende dopo la pausa pandemica per ristabilire i contatti commerciali con il mercato europeo, nord americano e sud americano: soprattutto con l’Europa, che nel 2023 ha portato nella regione 2 milioni di visitatori, il 14% sul totale; il 60% dei visitatori è arrivato invece dal Nord America”. Complessivamente, nel 2023 gli arrivi si sono attestati a quota 24,1 milioni, superando quindi il dato pre-pandemia del 2019, quando i turisti erano stati 17,3 milioni; gli italiani, sempre nel 2019, erano stati 169.491, nel 2022, 161.181 ma manca ancora il dato dell'anno scorso. Un prodotto quanto mai ricco e diversificato quello dei paesi centroamericani, che fa perno su antiche civiltà e tesori archeologici come quelli dei Maya, trait d’union di molte destinazioni Cata, foreste tropicali brulicanti di fauna selvatica, il mare, da quello caraibico al Pacifico. La fiera ha mostrato il potenziale dei segmenti emergenti, come il turismo legato al surf, con la particolarità di poter praticare questo sport nei Caraibi e nell'Atlantico durante lo stesso viaggio; il birdwatching e il turismo gastronomico, basato sulla fusione unica di sapori ancestrali e influenze europee e orientali che convergono proprio in quest’area. [caption id="attachment_466071" align="alignleft" width="300"] Morena Valdez, ministra del turismo El Salvador[/caption] "La nostra azione insieme al Catm contribuisce a rafforzare l'economia regionale e a potenziare lo sviluppo del settore turistico attraverso una attenta collaborazione tra pubblico e privato - ha evidenziato Morena Valdez, ministra del turismo salvadoregno durante il Catm 2024 -. Fra gli obiettivi, un forte impegno al miglioramento delle infrastrutture tecnologiche e aeroportuali in primis. Implementare le strutture alberghiere, rendere la destinazione sicura e investire nella formazione. El Salvador vanta una natura unica tra vulcani, laghi, gastronomia e patrimoni Unesco. Nel settore alberghiero si evidenziano cooperazione anche di investimenti italiani".  [gallery ids="466073,466074,466075,466076,466077,466078"] [post_title] => Catm 2024: i Paesi del Centroamerica puntano ad attrarre più turisti dall’Europa [post_date] => 2024-04-22T15:03:51+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713798231000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466050 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_424940" align="alignleft" width="300"] Il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca[/caption] Dati Federalberghi. I ponti di primavera si rivelano un’occasione irresistibile per pianificare una vacanza, anche senza il bisogno di cercare luoghi esotici, ma piuttosto prediligendo mete di prossimità, dando priorità all’esigenza di relax, di fare belle passeggiate, godersi il mare, la montagna e località particolarmente ricche dal punto di vista artistico: è questo lo spirito che ha guidato 13,9 milioni di italiani a mettersi in viaggio tra il 25 aprile ed il primo maggio, rispettivamente Anniversario della Liberazione e Festa dei Lavoratori. A fare la “lunga”, ovvero ad utilizzare entrambe le festività, sono nello specifico 4,1 milioni di concittadini; 4,6 milioni coloro che partono solo per il 25 aprile e 5,2 milioni invece i viaggiatori in marcia per il primo maggio. Senza dubbio il calendario di quest’anno, che fa cadere di giovedì la Festa della Liberazione e di mercoledì la Festa dei Lavoratori, ha giocato un ruolo importante nella programmazione generale. “Ancora una volta osserviamo che la maggior parte di coloro che hanno pianificato una vacanza, ha scelto di farlo restando in Italia. Solo una minima parte del campione analizzato ha deciso di recarsi in un paese estero”. E’ il commento di Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, in merito ai risultati dell’indagine realizzata da Tecnè per la federazione degli albergatori. “L’orientamento generale dei nostri concittadini di “rimanere a casa” per così dire – aggiunge Bocca - rappresenta un fenomeno che si ripete da tempo, il che dà un forte impulso al nostro comparto. Mi sembra importante sottolineare inoltre l’affezione che gli italiani mostrano per le nostre strutture: per ciò che riguarda il soggiorno, l’albergo è in pole position per la maggioranza dei viaggiatori”. [post_title] => Federalberghi: quasi 14 milioni di italiani si muoveranno per i Ponti si primavera [post_date] => 2024-04-22T11:35:10+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713785710000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466037 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Attesi numerosi escursionisti sulla rete sentieristica del Parco Nazionale delle Cinque Terre per un’apertura di stagione 2024, all’insegna della programmazione di misure straordinarie, a garanzia della percorribilità in sicurezza e del controllo degli accessi. Nelle giornate del 25, 6,27,28 aprile e del 1 maggio con possibile estensione anche al fine settimana successivo (4/5  Maggio), torna il senso unico sul sentiero Verde Azzurro, da Monterosso a Vernazza, nelle sole fasce orarie dalle 09:00 alle 14:00. Il tratto presenta passaggi a larghezza ridotta e con sviluppo ripido, fattori che in caso di grande affluenza potrebbero determinare code e situazioni potenzialmente critiche. L’ingresso al sentiero nei giorni di applicazione del senso unico sarà consentito esclusivamente con partenza da Monterosso ed uscita a Vernazza, proprio per evitare l’incrocio di flussi di camminatori nella fascia oraria di maggiore fruizione. «Confermiamo anche quest’anno l’applicazione del senso unico che la scorsa stagione ha consentito a migliaia di ospiti di apprezzare la meraviglia del nostro territorio in assoluta sicurezza grazie ad un sistema di accesso regolamentato e ordinato - sottolinea la Presidente Donatella Bianchi - Abbiamo raccolto apprezzamenti da tutti i visitatori e questo conferma la validità di una iniziativa la cui praticabilità è resa possibile dall’ottimo lavoro svolto in coordinamento dal personale del Parco Nazionale, dalle donne e dagli uomini del Reparto Carabinieri Parco Cinque Terre Parco, dei volontari delle Guardie Ecologiche Volontarie, dell’Associazione nazionale Carabinieri, del CAI e del Soccorso Alpino e degli addetti al presidio sui sentieri del Consorzio ATI 5 Terre, che si sono prestati per garantire la migliore l’esperienza di visita del Parco alle migliaia di persone che lo scelgono per le loro vacanze». La misura, tra le iniziative integrate previste dallo studio sui flussi elaborato da Mic Hub, risponde alla duplice esigenza di migliorare la fruizione sul tratto e di prevenire i potenziali disagi causati da un’eccessiva pressione concentrata nell’arco di poche ore, con conseguenze sull’esperienza di visita, e con impatti sulla biodiversità e sul patrimonio in pietra a secco, custoditi lungo il percorso. L’informazione finalizzata alla valorizzazione di percorsi alternativi sarà altrettanto attenzionata. In quest’ottica è previsto un rafforzamento del presidio informativo per assistere e orientare gli ospiti verso i diversi itinerari escursionistici.     Per quanto riguarda l’altro tratto del sentiero SVA da Corniglia a Vernazza invece la percorrenza sarà consentita in entrambe le direzioni, così come su tutta la ricca rete sentieristica del Parco che conta circa 130 km di percorsi di costa, mezzacosta e crinale e relativi collegamenti verticali: una vera e propria porta di accesso al mosaico di bellezze paesaggistiche e naturalistiche dell’area protetta, da affrontare con consapevolezza delle proprie capacità, abbigliamento adeguato e rispetto degli habitat e del lavoro dei contadini.  [post_title] => Parco Nazionale Cinque Terre, i provvedimenti per tutelare l'ambiente ed i turisti [post_date] => 2024-04-22T11:28:11+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713785291000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466023 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un comparto in grande espansione a livello europeo, con 169 milioni di euro di fatturato nel 2023, 192 imprese attive e un parco auto di 3.456 unità. I numeri che arrivano da Driverso’s Analysis Lab riguardano il mercato del car hiring d’alta gamma nel Continente e segnalano anche un costo medio per noleggio di 2.916 euro per 58.074 transazioni nell’anno. La durata media dei contratti è stata di 5,4 giorni per 313.600 giornate complessive, con ricavi medi sul singolo veicolo pari a 49 mila euro. Ma c’è soprattutto un’aspettativa di crescita rilevante: il fatturato del settore è atteso a 195 milioni di euro già alla fine di quest’anno, per poi salire via via fino ai 714 milioni previsti nel 2030. Il bacino di mercato potenziale, comunque, è enorme, dato che il giro d’affari del luxury travel è calcolato oggi in 1.380 miliardi di euro. Decine di aziende, esperti, stakeholder qualificati e appassionati provenienti da tutta Europa si sono ritrovati recentemente nel suggestivo scenario del museo Maxxi di Roma per il secondo global meeting di Driverso, la piattaforma digitale europea, nata in Italia, su cui opera una quarantina di imprese del comparto. Durante l'evento sono emersi numeri, scenari e tendenze di un ramo dell’automotive che incrocia i temi del lusso, del lifestyle, dell’economia digitale e soprattutto le sempre mutevoli abitudini di consumo turistico. Durante la giornata sono intervenuti esperti del calibro di Ryan Sarver, partner Redpoints Ventures e soprattutto ex direttore della piattaforma Twitter, Massimiliano Archiapatti, ceo di Hertz Italy, Jasmine Boni-Ball, executive assistant di Tuscany Now and More, Ferruccio Rossi, direttore generale di Sanlorenzo Yacht e Maurizio Iperti, ceo di LoJack. “Il noleggio auto di alta gamma riveste un ruolo chiave nell’offerta turistica italiana e internazionale e agisce come un elemento in grado di caratterizzare e arricchire l’intera esperienza di viaggio - spiega Pierluigi Galassetti, co-founder con Saverio Castellaneta di Driverso -. Questa proposta si inserisce in un contesto in cui la clientela ricerca non solo comfort ed esclusività, ma richiede esperienze immersive e personalizzate in ogni dettaglio del soggiorno, dalla cucina all'alloggio, fino agli spostamenti in auto, che completano la gamma dei servizi. Nell’ambito del settore lusso, fortemente in crescita, la mobilità di alta gamma beneficia inoltre di un’ulteriore spinta propulsiva derivante dalla novità del servizio ancora poco conosciuto dalla maggior parte dei potenziali clienti. Per queste ragioni abbiamo stimato che in Italia e in Europa possa seguire dei trend di crescita di oltre il 20% annuo nei prossimi tre-cinque anni”.   [post_title] => Global meeting Driverso: tutto il potenziale del noleggio auto d'alta gamma [post_date] => 2024-04-22T10:52:26+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713783146000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466013 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dura presa di posizione dei cittadini delle isole Canarie contro l'overtourism: lo scorso sabato migliaia di persone hanno affollato le vie di Tenerife per protestare contro la recente decisione del parlamento spagnolo di avallare la costruzione di un hotel e di un eco-resort, Cuna del Alma. Secondo i manifestanti, il resort di 400 ville danneggerebbe una delicata area ambientale lungo la costa meridionale della più grande delle isole dell'arcipelago. La protesta di sabato è andata oltre, con precise richieste al governo di limitare il turismo in modo più concreto, ad esempio sospendendo l'approvazione di tutti i nuovi affitti a breve termine e prendendo in considerazione una tassa sul turismo. Nel 2023, circa un terzo del Pil delle Isole Canarie è stato generato dal turismo. E se da un lato ciò rappresenta una linfa vitale per l'economia, dall'altro - secondo i manifestanti - il turismo fa lievitare i costi degli alloggi e mette a dura prova le infrastrutture. Sempre l'anno scorso le Isole Canarie, con una popolazione di 2,2 milioni di abitanti, hanno accolto quasi 14 milioni di turisti stranieri, con un aumento del 13% rispetto all'anno precedente. Le autorità dell'arcipelago sono preoccupate per l'impatto sull'ambiente e si prevede che quest'anno approveranno un progetto di legge che inasprisce le regole sugli affitti a breve termine, in risposta alle lamentele dei residenti esclusi dal mercato immobiliare. [post_title] => Canarie contro l'overtourism: la protesta degli abitanti che chiedono l'intervento del governo [post_date] => 2024-04-22T10:36:52+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713782212000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466014 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Posti in allotment sui voli e prezzo bloccato a prescindere dalla stagionalità sugli 11 itinerari programmati in Nord America. Il prodotto Usa firmato Guiness conosce una crescita notevole basata su diversi fattori: la destagionalizzazione e la diversificazione dell’offerta, l’aumento degli itinerari dalla componente esperienziale. Inoltre, la maggior parte dei tour si avvale di voli diretti Ita. Si parte da New York, porta d’ingresso degli States, con un soggiorno nel cuore di Manhattan, a due passi da Times Square, presso Il Marriot Marquis. Gli itinerari dedicati alla Grande Mela sono aumentati a tre, per un totale di 30 partenze fino ad aprile 2025, passando per le festività natalizie e il Capodanno: New York Prestige (otto giorni) è la proposta ideale per i viaggiatori interessati a un approfondimento culturale della metropoli, mentre New York – la Grande Mela, di sette giorni, rappresenta il giusto mix tra tempo libero e visite guidate. New York in Libertà (otto giorni) permette di visitare la città in completa autonomia, con il supporto h24 dell’accompagnatore in partenza dall’Italia sempre al seguito. Sulla costa Est degli States, le grandi città come Boston, Philadelphia e Washington si aprono ai vasti spazi del Canada (le Niagara Falls) e Toronto, grazie ai due itinerari Usa & Canada – il Grande Est Prestige (nove giorni) e Usa & Canada – Meraviglie dell’Est Prestige (11 giorni). Chicago è al centro di due suggestivi tour: Boston – Chicago – New York (dieci giorni), il triangolo delle metropoli, e Chicago & il Sud (11 giorni), alla scoperta dell’anima soul, jazz e blues del Nord America. L’energia di Miami, città glamour e di atmosfere caraibiche allo stesso tempo, è la cartolina del Gran Tour Florida (durata dieci giorni), che tocca anche Key West, base di Ernest Hemingway, e Orlando, sede dei celebri Universal Studios. Gli intramontabili classici dei parchi nazionali, il mito dell’Arizona e della California sono infine i motori trainanti della costa Ovest: vasti spazi dove si concretizza il mito della frontiera, città, catene montuose e coste. Sono questi gli highlights del Gran Tour Usa- Il Grande Ovest (12 giorni), il Gran Tour California Prestige (11 giorni) e il Gran Tour il Vecchio West (18 giorni).   [post_title] => Cresce l'offerta Guiness sugli Usa: più itinerari in diverse stagioni e dai tratti esperienziali [post_date] => 2024-04-22T10:25:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713781526000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466011 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => British Airways ha riattivato i collegamenti verso Abu Dhabi con il lancio di una nuova rotta giornaliera da Londra Heathrow allo Zayed International Airport. Dopo una pausa di quattro anni, i passeggeri e l'equipaggio sono stati accolti calorosamente all'arrivo. Sulla rotta, che torna dopo una pausa di quattro anni, vengono impiegati i Boeing 787-9 con partenza da Londra Heathrow alle 22:25 e in arrivo ad Abu Dhabi alle 08:30 del giorno successivo; il rientro da Abu Dhabi è previsto alle 10:10 con atterraggio a Londra Heathrow alle 15:20. Elena Sorlini, amministratore delegato e direttore generale di Abu Dhabi Airports, ha espresso entusiasmo per la partnership, sottolineando il potenziale di arricchimento della connettività e del turismo. Calum Laming, chief customer officer di British Airways, ha sottolineato l'importanza della nuova rotta per ampliare la portata globale e ha ribadito l'impegno della compagnia aerea a fornire un servizio di qualità. [post_title] => Brtitish Airways torna operativa, dopo 4 anni di stop, sulla Londra Heathrow-Abu Dhabi [post_date] => 2024-04-22T10:12:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713780762000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "santanche 25 milioni" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":19,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3416,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466131","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_466132\" align=\"aligncenter\" width=\"507\"] ph credits: Suhyeon Choi[/caption]\r\n\r\nLa primavera è il momento ideale per esplorare le meraviglie del Vecchio Continente, quando i fiori sbocciano, il clima diventa più mite e le giornate si allungano. Questa stagione offre la perfetta opportunità di visitare città intrise di storia, ammirare monumenti imponenti e immergersi nelle diverse culture locali.\r\n\r\nAmsterdam: una città di canali e tulipani\r\n\r\nAmsterdam è celebrata per i suoi incantevoli canali che tagliano la città formando una rete acquatica unica, su cui si specchiano le storiche facciate delle case lungo i margini. In primavera, Amsterdam si trasforma in un vero e proprio dipinto vivente, grazie ai milioni di tulipani in fiore che adornano la città. Se si parte dalla Toscana optare per i voli Pisa Amsterdam rappresenta una scelta eccellente per raggiungere con facilità questa vibrante capitale, dove è possibile passeggiare lungo i canali e visitare illustri musei come il Van Gogh Museum e il Rijksmuseum.\r\n\r\nIl parco di Keukenhof, noto anche come il Giardino d'Europa, è una tappa obbligata per chi visita Amsterdam in questa stagione. Situato a breve distanza in auto dalla città, Keukenhof ospita una delle esposizioni floreali più vaste al mondo, con oltre sette milioni di bulbi fioriti e 800 varietà di tulipani che esplodono in un caleidoscopio di colori.\r\n\r\nPraga: architettura storica e parchi fioriti\r\n\r\nLa capitale ceca, Praga, è avvolta in un'atmosfera quasi fiabesca durante la primavera, con il suo eclettico mix di architetture gotiche, barocche e rinascimentali. I visitatori possono esplorare l'imponente Castello di Praga, attraversare il romantico Ponte Carlo, o scoprire intime caffetterie celate nelle anguste vie medievali della città.\r\n\r\nOltre ai suoi tesori architettonici, Praga si distingue anche per i suoi verdi parchi e giardini in fiore, tra cui spiccano il Petřín, famoso per il suo roseto e il labirinto, e il Giardino Vrtba, considerato uno dei più pregevoli giardini barocchi del globo. La primavera praghese offre un mosaico vivente di storia e natura, unendo le due in uno spettacolo colorato e vibrante.\r\n\r\nParigi: l'incanto dei giardini e dei boulevards\r\n\r\nParigi, la città dell'amore, raggiunge un picco di bellezza in primavera. I giardini di Luxembourg e Tuileries, con le loro splendide fioriture, offrono luoghi idilliaci per passeggiare o rilassarsi al sole. È il momento perfetto per visitare i famosi caffè all'aperto, scoprire i capolavori nei musei del Louvre o del Musée d'Orsay, o navigare lungo la Senna in una romantica crociera.\r\n\r\nLa primavera parigina non solo esalta il romanticismo e l'eleganza tipici della città ma invita anche a vivere l'atmosfera unica dei suoi boulevards e caffè, dove si può respirare la vera essenza parigina in ogni angolo.\r\n\r\nBudapest: terme e tradizione\r\n\r\nBudapest, nota per le sue acque termali curative, è una città che combina bellezza architettonica con il relax delle sue famose terme, come i Bagni Széchenyi e Gellért. La primavera è l'ideale per approfittare delle proprietà benefiche delle acque termali in un contesto storico affascinante.\r\n\r\nLa città è anche un fervente centro di eventi culturali e festival primaverili, che attraggono visitatori da tutto il mondo. Budapest è una città che fonde l'antico fascino europeo con un dinamismo culturale e sociale, offrendo un'esperienza di viaggio ricca e variegata.\r\n\r\nVienna: musica e giardini\r\n\r\nVienna, la città della musica, è immersa nelle melodie di celebri compositori come Mozart e Beethoven nella primavera, quando l'Opera di Stato e il Musikverein presentano alcune delle loro migliori performances. I giardini imperiali, come il Belvedere e il Schönbrunn, esplodono con la bellezza delle fioriture primaverili, creando scenari da cartolina che offrono una vista sul fasto dell'epoca imperiale austriaca.\r\n\r\nUna passeggiata in questi giardini permette di immergersi in un'atmosfera di regalità storica, combinando arte, storia e natura in un'esperienza culturale senza pari, simbolo della grandezza viennese.\r\n\r\nEsplorare l'Europa in primavera\r\n\r\nL'Europa in primavera si presenta come un invito a scoprire, esplorare e innamorarsi nuovamente di città che ogni anno si rinnovano con l'arrivo di questa stagione ridente. Ogni capitale, con le sue peculiarità, diventa un palcoscenico vivente che celebra la storia, l'arte e la bellezza naturale, invitando ogni viaggiatore a partecipare a questo annuale rendez-vous con la cultura e la natura.","post_title":"5 capitali europee da visitare in primavera","post_date":"2024-04-23T11:47:55+00:00","category":["estero","informazione-pr"],"category_name":["Estero","Informazione PR"],"post_tag":["amsterdam","budapest","capitali-europee","capitali-europee-da-visitare","parigi","praga","vienna","voli-transavia-pisa-amsterdam","volo-pisa-amsterdam"],"post_tag_name":["Amsterdam","budapest","capitali europee","capitali europee da visitare","parigi","praga","vienna","voli transavia pisa amsterdam","volo pisa amsterdam"]},"sort":[1713872875000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466108","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Buone notizie per il turismo outdoor. Infatti con una previsione di presenze pari a 56,5 milioni per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre, i volumi della stagione estiva 2024 del turismo outdoor si prospettano in linea con quelli della scorsa estate (il numero di presenze si è attestato sui 56,3 milioni) ed in aumento dell'1% rispetto al periodo pre-pandemico (55,9 registrato nel 2019).\r\n\r\nSono fra i dati per il 2024 dell'Osservatorio del turismo outdoor \"Questa previsione positiva è sostenuta anche da una crescita dell'occupazione on-the-book registrata dagli operatori turistici (outdoor e trade) ed istituzionali, i quali evidenziano dati molto promettenti per l'estate - si spiega -. a marzo 2024 circa un quinto delle strutture ricettive presentava già un'occupazione tra il 61% e l'80%\". Il mercato estero, come emerge dalle previsioni dell'Osservatorio, \"sarà sempre più determinante nella stagione in arrivo: si registrerà infatti la migliore performance dal 2017, con una stima di 30 milioni di presenze (53% del totale)\".\r\nAttrattività\r\nQuesto conferma \"la forte attrattività delle bellezze naturali, culturali e artistiche del Belpaese sui viaggiatori stranieri (soprattutto provenienti da mercati europei chiave per l'open air come l'area Dach e Benelux). Più specificatamente, gli operatori trade vedono la Germania come il Paese di provenienza maggiormente in crescita, seguito dall'Olanda e dalla Danimarca\". Il mercato italiano, \"che costituirà il restante 47%, sarà pressoché allineato con gli anni passati, ma leggermente calante rispetto ai valori del 2021 e sotto i valori media pre-2020. Ad incidere su questo vi è sicuramente il ritorno dei viaggi long-haul e nei Paesi mediterranei, il calo del potere di spesa e la revisione del budget di vacanza, con una ricalibrazione delle destinazioni ed una variazione del numero delle notti.\r\n\r\nIn particolare, sarà il Nord-Est l'area geografica trainante in termini di performance (25,1 milioni le presenze stimate) specialmente per i turisti nord-europei i quali la considerano particolarmente attrattiva per l'offerta di alto livello e la vicinanza geografica; le altre aree d'Italia saranno invece più stabili con i risultati passati o in leggero calo\"","post_title":"Turismo outdoor: 56,7 milioni i turisti nella prossima stagione estiva","post_date":"2024-04-23T10:24:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713867889000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466062","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_466070\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Boris Iraheta, segretario generale Cata[/caption]\r\n\r\nCon il tema ‘Tejiendo Conexiones’ (Intrecciare Connessioni’) si è svolta nei giorni scorsi a El Salvador l’edizione 2024 del Catm, Centroamérica Travel Market, che ha visto la partecipazione di 80 tour operator internazionali provenienti da Europa (Italia inclusa), Nord America e Sud America.\r\n\r\nL’evento si conferma la piattaforma più importante di commercializzazione e promozione turistica per il rilancio del turismo in Centroamérica, con focus sui paesi di Belize, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panamá e Repubblica Dominicana.\r\n\r\n\"Posizionare correttamente la regione dei Paesi del Cata in Europa significa attrarre nuovi visitatori e ciò resta uno dei nostri principali obiettivi - ha spiegato Boris Iraheta, segretario generale di Cata, Agenzia centroamericana di promozione turistica -. Stiamo lavorando per creare contenuti spingendo le notizie positive attraverso i media dei nostri mercati principali, in modo che questa regione ancora poco conosciuta e a volte ritenuta poco sicura si passi a una nuova percezione. Il Catm riprende dopo la pausa pandemica per ristabilire i contatti commerciali con il mercato europeo, nord americano e sud americano: soprattutto con l’Europa, che nel 2023 ha portato nella regione 2 milioni di visitatori, il 14% sul totale; il 60% dei visitatori è arrivato invece dal Nord America”.\r\n\r\nComplessivamente, nel 2023 gli arrivi si sono attestati a quota 24,1 milioni, superando quindi il dato pre-pandemia del 2019, quando i turisti erano stati 17,3 milioni; gli italiani, sempre nel 2019, erano stati 169.491, nel 2022, 161.181 ma manca ancora il dato dell'anno scorso.\r\n\r\nUn prodotto quanto mai ricco e diversificato quello dei paesi centroamericani, che fa perno su antiche civiltà e tesori archeologici come quelli dei Maya, trait d’union di molte destinazioni Cata, foreste tropicali brulicanti di fauna selvatica, il mare, da quello caraibico al Pacifico. La fiera ha mostrato il potenziale dei segmenti emergenti, come il turismo legato al surf, con la particolarità di poter praticare questo sport nei Caraibi e nell'Atlantico durante lo stesso viaggio; il birdwatching e il turismo gastronomico, basato sulla fusione unica di sapori ancestrali e influenze europee e orientali che convergono proprio in quest’area.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_466071\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Morena Valdez, ministra del turismo El Salvador[/caption]\r\n\r\n\"La nostra azione insieme al Catm contribuisce a rafforzare l'economia regionale e a potenziare lo sviluppo del settore turistico attraverso una attenta collaborazione tra pubblico e privato - ha evidenziato Morena Valdez, ministra del turismo salvadoregno durante il Catm 2024 -. Fra gli obiettivi, un forte impegno al miglioramento delle infrastrutture tecnologiche e aeroportuali in primis. Implementare le strutture alberghiere, rendere la destinazione sicura e investire nella formazione. El Salvador vanta una natura unica tra vulcani, laghi, gastronomia e patrimoni Unesco. Nel settore alberghiero si evidenziano cooperazione anche di investimenti italiani\". \r\n\r\n[gallery ids=\"466073,466074,466075,466076,466077,466078\"]","post_title":"Catm 2024: i Paesi del Centroamerica puntano ad attrarre più turisti dall’Europa","post_date":"2024-04-22T15:03:51+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713798231000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466050","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_424940\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca[/caption]\r\n\r\nDati Federalberghi. I ponti di primavera si rivelano un’occasione irresistibile per pianificare una vacanza, anche senza il bisogno di cercare luoghi esotici, ma piuttosto prediligendo mete di prossimità, dando priorità all’esigenza di relax, di fare belle passeggiate, godersi il mare, la montagna e località particolarmente ricche dal punto di vista artistico: è questo lo spirito che ha guidato 13,9 milioni di italiani a mettersi in viaggio tra il 25 aprile ed il primo maggio, rispettivamente Anniversario della Liberazione e Festa dei Lavoratori.\r\n\r\nA fare la “lunga”, ovvero ad utilizzare entrambe le festività, sono nello specifico 4,1 milioni di concittadini; 4,6 milioni coloro che partono solo per il 25 aprile e 5,2 milioni invece i viaggiatori in marcia per il primo maggio. Senza dubbio il calendario di quest’anno, che fa cadere di giovedì la Festa della Liberazione e di mercoledì la Festa dei Lavoratori, ha giocato un ruolo importante nella programmazione generale.\r\n\r\n“Ancora una volta osserviamo che la maggior parte di coloro che hanno pianificato una vacanza, ha scelto di farlo restando in Italia. Solo una minima parte del campione analizzato ha deciso di recarsi in un paese estero”.\r\n\r\nE’ il commento di Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, in merito ai risultati dell’indagine realizzata da Tecnè per la federazione degli albergatori.\r\n\r\n“L’orientamento generale dei nostri concittadini di “rimanere a casa” per così dire – aggiunge Bocca - rappresenta un fenomeno che si ripete da tempo, il che dà un forte impulso al nostro comparto. Mi sembra importante sottolineare inoltre l’affezione che gli italiani mostrano per le nostre strutture: per ciò che riguarda il soggiorno, l’albergo è in pole position per la maggioranza dei viaggiatori”.","post_title":"Federalberghi: quasi 14 milioni di italiani si muoveranno per i Ponti si primavera","post_date":"2024-04-22T11:35:10+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713785710000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466037","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Attesi numerosi escursionisti sulla rete sentieristica del Parco Nazionale delle Cinque Terre per un’apertura di stagione 2024, all’insegna della programmazione di misure straordinarie, a garanzia della percorribilità in sicurezza e del controllo degli accessi.\r\n\r\nNelle giornate del 25, 6,27,28 aprile e del 1 maggio con possibile estensione anche al fine settimana successivo (4/5  Maggio), torna il senso unico sul sentiero Verde Azzurro, da Monterosso a Vernazza, nelle sole fasce orarie dalle 09:00 alle 14:00. Il tratto presenta passaggi a larghezza ridotta e con sviluppo ripido, fattori che in caso di grande affluenza potrebbero determinare code e situazioni potenzialmente critiche.\r\n\r\nL’ingresso al sentiero nei giorni di applicazione del senso unico sarà consentito esclusivamente con partenza da Monterosso ed uscita a Vernazza, proprio per evitare l’incrocio di flussi di camminatori nella fascia oraria di maggiore fruizione.\r\n\r\n«Confermiamo anche quest’anno l’applicazione del senso unico che la scorsa stagione ha consentito a migliaia di ospiti di apprezzare la meraviglia del nostro territorio in assoluta sicurezza grazie ad un sistema di accesso regolamentato e ordinato - sottolinea la Presidente Donatella Bianchi - Abbiamo raccolto apprezzamenti da tutti i visitatori e questo conferma la validità di una iniziativa la cui praticabilità è resa possibile dall’ottimo lavoro svolto in coordinamento dal personale del Parco Nazionale, dalle donne e dagli uomini del Reparto Carabinieri Parco Cinque Terre Parco, dei volontari delle Guardie Ecologiche Volontarie, dell’Associazione nazionale Carabinieri, del CAI e del Soccorso Alpino e degli addetti al presidio sui sentieri del Consorzio ATI 5 Terre, che si sono prestati per garantire la migliore l’esperienza di visita del Parco alle migliaia di persone che lo scelgono per le loro vacanze».\r\n\r\nLa misura, tra le iniziative integrate previste dallo studio sui flussi elaborato da Mic Hub, risponde alla duplice esigenza di migliorare la fruizione sul tratto e di prevenire i potenziali disagi causati da un’eccessiva pressione concentrata nell’arco di poche ore, con conseguenze sull’esperienza di visita, e con impatti sulla biodiversità e sul patrimonio in pietra a secco, custoditi lungo il percorso.\r\n\r\nL’informazione finalizzata alla valorizzazione di percorsi alternativi sarà altrettanto attenzionata. In quest’ottica è previsto un rafforzamento del presidio informativo per assistere e orientare gli ospiti verso i diversi itinerari escursionistici.  \r\n\r\n \r\n\r\nPer quanto riguarda l’altro tratto del sentiero SVA da Corniglia a Vernazza invece la percorrenza sarà consentita in entrambe le direzioni, così come su tutta la ricca rete sentieristica del Parco che conta circa 130 km di percorsi di costa, mezzacosta e crinale e relativi collegamenti verticali: una vera e propria porta di accesso al mosaico di bellezze paesaggistiche e naturalistiche dell’area protetta, da affrontare con consapevolezza delle proprie capacità, abbigliamento adeguato e rispetto degli habitat e del lavoro dei contadini. ","post_title":"Parco Nazionale Cinque Terre, i provvedimenti per tutelare l'ambiente ed i turisti","post_date":"2024-04-22T11:28:11+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713785291000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466023","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un comparto in grande espansione a livello europeo, con 169 milioni di euro di fatturato nel 2023, 192 imprese attive e un parco auto di 3.456 unità. I numeri che arrivano da Driverso’s Analysis Lab riguardano il mercato del car hiring d’alta gamma nel Continente e segnalano anche un costo medio per noleggio di 2.916 euro per 58.074 transazioni nell’anno. La durata media dei contratti è stata di 5,4 giorni per 313.600 giornate complessive, con ricavi medi sul singolo veicolo pari a 49 mila euro. Ma c’è soprattutto un’aspettativa di crescita rilevante: il fatturato del settore è atteso a 195 milioni di euro già alla fine di quest’anno, per poi salire via via fino ai 714 milioni previsti nel 2030. Il bacino di mercato potenziale, comunque, è enorme, dato che il giro d’affari del luxury travel è calcolato oggi in 1.380 miliardi di euro.\r\n\r\nDecine di aziende, esperti, stakeholder qualificati e appassionati provenienti da tutta Europa si sono ritrovati recentemente nel suggestivo scenario del museo Maxxi di Roma per il secondo global meeting di Driverso, la piattaforma digitale europea, nata in Italia, su cui opera una quarantina di imprese del comparto. Durante l'evento sono emersi numeri, scenari e tendenze di un ramo dell’automotive che incrocia i temi del lusso, del lifestyle, dell’economia digitale e soprattutto le sempre mutevoli abitudini di consumo turistico. Durante la giornata sono intervenuti esperti del calibro di Ryan Sarver, partner Redpoints Ventures e soprattutto ex direttore della piattaforma Twitter, Massimiliano Archiapatti, ceo di Hertz Italy, Jasmine Boni-Ball, executive assistant di Tuscany Now and More, Ferruccio Rossi, direttore generale di Sanlorenzo Yacht e Maurizio Iperti, ceo di LoJack.\r\n\r\n“Il noleggio auto di alta gamma riveste un ruolo chiave nell’offerta turistica italiana e internazionale e agisce come un elemento in grado di caratterizzare e arricchire l’intera esperienza di viaggio - spiega Pierluigi Galassetti, co-founder con Saverio Castellaneta di Driverso -. Questa proposta si inserisce in un contesto in cui la clientela ricerca non solo comfort ed esclusività, ma richiede esperienze immersive e personalizzate in ogni dettaglio del soggiorno, dalla cucina all'alloggio, fino agli spostamenti in auto, che completano la gamma dei servizi. Nell’ambito del settore lusso, fortemente in crescita, la mobilità di alta gamma beneficia inoltre di un’ulteriore spinta propulsiva derivante dalla novità del servizio ancora poco conosciuto dalla maggior parte dei potenziali clienti. Per queste ragioni abbiamo stimato che in Italia e in Europa possa seguire dei trend di crescita di oltre il 20% annuo nei prossimi tre-cinque anni”.\r\n\r\n ","post_title":"Global meeting Driverso: tutto il potenziale del noleggio auto d'alta gamma","post_date":"2024-04-22T10:52:26+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1713783146000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466013","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dura presa di posizione dei cittadini delle isole Canarie contro l'overtourism: lo scorso sabato migliaia di persone hanno affollato le vie di Tenerife per protestare contro la recente decisione del parlamento spagnolo di avallare la costruzione di un hotel e di un eco-resort, Cuna del Alma. Secondo i manifestanti, il resort di 400 ville danneggerebbe una delicata area ambientale lungo la costa meridionale della più grande delle isole dell'arcipelago.\r\n\r\nLa protesta di sabato è andata oltre, con precise richieste al governo di limitare il turismo in modo più concreto, ad esempio sospendendo l'approvazione di tutti i nuovi affitti a breve termine e prendendo in considerazione una tassa sul turismo.\r\n\r\nNel 2023, circa un terzo del Pil delle Isole Canarie è stato generato dal turismo. E se da un lato ciò rappresenta una linfa vitale per l'economia, dall'altro - secondo i manifestanti - il turismo fa lievitare i costi degli alloggi e mette a dura prova le infrastrutture.\r\n\r\nSempre l'anno scorso le Isole Canarie, con una popolazione di 2,2 milioni di abitanti, hanno accolto quasi 14 milioni di turisti stranieri, con un aumento del 13% rispetto all'anno precedente. Le autorità dell'arcipelago sono preoccupate per l'impatto sull'ambiente e si prevede che quest'anno approveranno un progetto di legge che inasprisce le regole sugli affitti a breve termine, in risposta alle lamentele dei residenti esclusi dal mercato immobiliare.","post_title":"Canarie contro l'overtourism: la protesta degli abitanti che chiedono l'intervento del governo","post_date":"2024-04-22T10:36:52+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713782212000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466014","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Posti in allotment sui voli e prezzo bloccato a prescindere dalla stagionalità sugli 11 itinerari programmati in Nord America. Il prodotto Usa firmato Guiness conosce una crescita notevole basata su diversi fattori: la destagionalizzazione e la diversificazione dell’offerta, l’aumento degli itinerari dalla componente esperienziale. Inoltre, la maggior parte dei tour si avvale di voli diretti Ita.\r\n\r\nSi parte da New York, porta d’ingresso degli States, con un soggiorno nel cuore di Manhattan, a due passi da Times Square, presso Il Marriot Marquis. Gli itinerari dedicati alla Grande Mela sono aumentati a tre, per un totale di 30 partenze fino ad aprile 2025, passando per le festività natalizie e il Capodanno: New York Prestige (otto giorni) è la proposta ideale per i viaggiatori interessati a un approfondimento culturale della metropoli, mentre New York – la Grande Mela, di sette giorni, rappresenta il giusto mix tra tempo libero e visite guidate. New York in Libertà (otto giorni) permette di visitare la città in completa autonomia, con il supporto h24 dell’accompagnatore in partenza dall’Italia sempre al seguito.\r\n\r\nSulla costa Est degli States, le grandi città come Boston, Philadelphia e Washington si aprono ai vasti spazi del Canada (le Niagara Falls) e Toronto, grazie ai due itinerari Usa & Canada – il Grande Est Prestige (nove giorni) e Usa & Canada – Meraviglie dell’Est Prestige (11 giorni). Chicago è al centro di due suggestivi tour: Boston – Chicago – New York (dieci giorni), il triangolo delle metropoli, e Chicago & il Sud (11 giorni), alla scoperta dell’anima soul, jazz e blues del Nord America. L’energia di Miami, città glamour e di atmosfere caraibiche allo stesso tempo, è la cartolina del Gran Tour Florida (durata dieci giorni), che tocca anche Key West, base di Ernest Hemingway, e Orlando, sede dei celebri Universal Studios. Gli intramontabili classici dei parchi nazionali, il mito dell’Arizona e della California sono infine i motori trainanti della costa Ovest: vasti spazi dove si concretizza il mito della frontiera, città, catene montuose e coste. Sono questi gli highlights del Gran Tour Usa- Il Grande Ovest (12 giorni), il Gran Tour California Prestige (11 giorni) e il Gran Tour il Vecchio West (18 giorni).\r\n\r\n ","post_title":"Cresce l'offerta Guiness sugli Usa: più itinerari in diverse stagioni e dai tratti esperienziali","post_date":"2024-04-22T10:25:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1713781526000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466011","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"British Airways ha riattivato i collegamenti verso Abu Dhabi con il lancio di una nuova rotta giornaliera da Londra Heathrow allo Zayed International Airport. Dopo una pausa di quattro anni, i passeggeri e l'equipaggio sono stati accolti calorosamente all'arrivo.\r\n\r\nSulla rotta, che torna dopo una pausa di quattro anni, vengono impiegati i Boeing 787-9 con partenza da Londra Heathrow alle 22:25 e in arrivo ad Abu Dhabi alle 08:30 del giorno successivo; il rientro da Abu Dhabi è previsto alle 10:10 con atterraggio a Londra Heathrow alle 15:20.\r\n\r\nElena Sorlini, amministratore delegato e direttore generale di Abu Dhabi Airports, ha espresso entusiasmo per la partnership, sottolineando il potenziale di arricchimento della connettività e del turismo. Calum Laming, chief customer officer di British Airways, ha sottolineato l'importanza della nuova rotta per ampliare la portata globale e ha ribadito l'impegno della compagnia aerea a fornire un servizio di qualità.","post_title":"Brtitish Airways torna operativa, dopo 4 anni di stop, sulla Londra Heathrow-Abu Dhabi","post_date":"2024-04-22T10:12:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713780762000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti