3 October 2022

Salone del Camper, a Fiere di Parma dal 10 al 18 settembre

[ 0 ]

Viaggiare liberi, senza troppe pianificazioni, certi di raggiungere luoghi che resteranno nel cuore. La vacanza in camper è da sempre nella top list delle cose da fare almeno una volta nella vita, ma quest’anno è diventata anche il top trend dell’estate.

Il Salone del Camper, uno dei principali eventi internazionali di settore, torna a Fiere di Parma dal 10 al 18 settembre 2022.

Salire in camper, partire e lasciarsi trasportare ogni giorno solo dalle sensazioni in un luogo nuovo e diverso. Chi non lo ha mai desiderato? Quello che una volta era il sogno irrealizzabile di molti, sta diventando sempre più realtà. Il Salone del Camper, organizzato da Fiere di Parma in collaborazione con APC, Associazione Produttori Caravan e Camper torna con tutte le novità di settore e con tante idee di viaggio nella sempre più seguita sezione Percorsi e mete.

Viaggi stanziali o itineranti, brevi fughe rigeneranti, semplici fine settimana alla scoperta di città e nuovi sapori. In camper si può. «Basta decidere e si parte – sottolinea Gloria Oppici, brand manager Salone del Camper Fiere di Parma – Il camper è la chiave giusta e più immediata per concedersi del tempo libero appena se ne sente il bisogno, che sia un breve weekend per scappare dalla routine di tutti i giorni o un lungo viaggio di scoperta e rigenerazione. Si parte, anche senza meta, fermandosi semplicemente in un luogo che ci fa sentire bene, davanti a un paesaggio che ci emoziona. Oppure si scelgono destinazioni nuove, che offrono la possibilità di dedicarsi alle proprie passioni o training sportivo, itinerari culturali, percorsi su 2 ruote, passeggiate nella natura, concedendosi soste golose alla ricerca dei sapori dei territori che si visitano».  

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431547 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_426132" align="alignright" width="300"] Un rendering della lobby del nuovo Casa Baglioni a Milano[/caption] Dopo un estate tutta in positivo in cui Baglioni Hotels ha superato il budget, il gruppo alberghiero italiano è concentrato su programmi per il prossimo anno. Per quanto riguarda le novità, a gennaio 2023 verrà inaugurata Casa Baglioni, nel cuore artistico milanese di Brera, all’angolo tra Via dei Giardini e Via Fatebenefratelli: 30 camere e suites, ispirate all’arte e al design della Milano anni ’60, una raffinata wine cellar, un ristorante gourmet firmato dallo chef stellato Claudio Sadler, una palestra e un roof top bar estivo. Il progetto dell’hotel è realizzato da Spagnulo & Partners. Non è prevista la reception poiché gli ospiti saranno accolti come in un salone di casa, per una concezione di lusso e di accoglienza familiare. Casa Baglioni ospiterà le opere della Stefano Cecchi Trust Collection – Fondo Arte in modo continuativo nelle aree comuni. Le opere d’arte saranno posizionate nella lobby, nei corridoi e nelle suite per un percorso culturale che si svolgerà a cadenza annuale. Il Gruppo punterà ancora sul Programma Dolce Vita, dedicato alle Agenzie di Viaggio ed introdotto nel 2019: comprende benefits e amenities dedicati tra cui 15% di sconto sulle migliori tariffe disponibili, accessi prioritari alle migliori categorie di camere e courtesy car (ove disponibile), early check-in e late check-out (su disponibilità). [post_title] => Baglioni Hotels punta sul trade. Focus su Casa Baglioni pronto a gennaio 2023 [post_date] => 2022-10-03T15:53:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664812412000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431531 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà presente il titolare Luca Buonpensiere e parte del suo team, tra cui il nuovo direttore vendite & marketing, Simone Prinari, allo stand 29 del padiglione C4 del Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre prossimi. Dopo qualche anno di assenza Glamour To torna infatti all'appuntamento fieristico romagnolo, per incontrare agenti di viaggio e vettori per confrontarsi e valutare le nuove strategie da adottare per il prossimo futuro. Ma soprattutto per  presentare l’intera programmazione del Capodanno 22/23, di cui ha lanciato da poco il catalogo, oltre a diverse sorprese e novità. Nell'ultimo anno, l'operatore viareggino ha investito nel futuro inserendo una serie di new entry nel team per rafforzare tra l'altro la propria rete vendite, proprio a sottolineare la grande voglia di accelerare la ripresa e di seguire l’onda positiva di questa nuova ripartenza del settore. "Con un mercato dei viaggi e del turismo in costante evoluzione - sottolinea infatti Buonpensiere - diventa di cruciale importanza saper creare una solida rete di distribuzione per proteggere e sviluppare il proprio brand". [post_title] => Glamour To alla fiera di Rimini per presentare la programmazione Capodanno 22/23 e le altre novità [post_date] => 2022-10-03T13:05:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664802326000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431505 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Se il prossimo governo confermerà il ministero del turismo, per il settore sarebbe meglio che a reggerlo venga chiamato Gian Marco Centinaio. Conosce la materia, è stato già ministro del Beni culturali e turismo, è stimato dall'ambiente, e soprattutto sa di cosa parla. Non bisogna fargli un breef ogni volta che incontra qualcuno. Perché Centinaio quel qualcuno, e quel problema specifico li conosce già. E non è poco. Scrivo questo perché negli ultimi giorni sono usciti vari nomi per il ministero del turismo. Quelli che mi hanno francamente steso, nel senso che sono caduto senza forze, sono stati quelli di Daniela Santanchè e di Massimo Garavaglia. Santanchè ha capito da poco che il turismo è una risorsa nazionale. Cioè per tutti e non solo per il suo amico Briatore. Mentre Garavaglia ormai ha un discorso standard che usa per tutte le occasioni cambiando solo il soggetto a cui si rivolge. Nuovi ruoli Ora Garavaglia ha espresso il desiderio di ritornare a fare il sottosegretario all'economia. Mansione per altro già ricoperta durante il primo governo Conte. E a dire la verità non so se la cosa ci possa far piacere, visto che il ministero dell'economia è il cuore dell'azione di governo. Dall'altra parte negli ultimi giorni la candidatura della Santanchè è un po' declinata. Lei può continuare ad occuparsi delle concessioni balneari. Non è un cattivo mestiere. Its funny. Giuseppe Aloe   [post_title] => Sarebbe opportuno se al turismo ritornasse Gian Marco Centinaio [post_date] => 2022-10-03T10:09:14+00:00 [category] => Array ( [0] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664791754000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431346 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiamerà Four Seasons Yachts e sarà la nuova divisione ad hoc dell'omonimo brand di lusso alberghiero lanciata in collaborazione con gli imprenditori del settore Nadim Ashi e Philip Levine, nonché in partnership con Fincantieri che consegnerà la prima nave entro la fine del 2025. Si confermano quindi le indiscrezioni che erano trapelate già nel mese di luglio, quando la compagnia di costruzioni navali italiane aveva annunciato un ordine per una unità di lusso, con un'opzione per altre due. Il tutto per un investimento complessivo di 1,2 miliardi di euro. Ogni suite a bordo costerà 4,2 milioni di dollari Il primo Four Seasons Yacht sarà lungo 207 metri e largo 27 e ospiterà 14 ponti. Il suo design sarà personalizzato nei minimi dettagli, con la costruzione di ogni suite costata 4,2 milioni di dollari. Offrirà inoltre quasi il 50% di spazio abitativo in più per ospite rispetto a quello attualmente disponibile sul mercato, consentendo la massima privacy e flessibilità in un ambiente residenziale. Larry Pimentel, veterano del settore dei viaggi di lusso, è alla guida della nuova impresa: "In collaborazione con Four Seasons, stiamo creando una nuova categoria di viaggi di lusso che si rivolge agli ospiti più esigenti". Le 95 suite della nave risulteranno infatti simili a ville, con finestre a tutta altezza che forniranno luce naturale oltre che permettere l’accesso ad ampie terrazze, per una superficie media di 54 metri quadrati. La suite più ampia, chiamata Funnel, si svilupperà su quattro livelli e offrirà più di 892 metri quadrati di spazio abitativo complessivo tra interno ed esterno, compresa una piscina privata e un'area termale privata dedicata. Oltre a vari ristoranti, lounge e bar il Four Seasons Yacht offrirà una spa, un salone di bellezza e programmi di benessere, passando dal fitness alla nutrizione. La poppa a forma di canoa ospiterà inoltre un ampio ponte piscina per momenti di svago e relax. Quest'area si potrà trasformare anche in una sala cinematografica all'aperto o in uno spazio per eventi privati. Ulteriori dettagli sull'imbarcazione saranno svelati nei prossimi mesi e fino alla consegna dell'imbarcazione, prevista per la fine del 2025. [post_title] => Four Seasons lancia la divisione Yachts: salperà nel 2025 con la prima nave prodotta da Fincantieri [post_date] => 2022-09-29T12:09:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664453349000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431282 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il bilancio della stagione 2022 è positivo per l'operatore ligure Volver Viaggi. «I numeri dell’outgoing sono importanti ed il trend è positivo – sottolinea Giada Marabotto, titolare di Volver – ma le cifre sono ancora lontane dal 2019. Tra le destinazioni di punta Usa, ma anche Maldive e Mauritius.  Molto Sud Africa abbinato ai soggiorni mare, costruito sempre tailor made, sia per la nostra clientela storica, sia per i viaggi di nozze. Prima del 2019 vendevamo Australia e Giappone, che sono ancora in standby. Attendiamo quindi un’ulteriore ripresa». Per quanto concerne l’incoming Volver ha faticato nei primi mesi dell’anno, caratterizzati da molte disdette e numeri non raggiunti. Ma da aprile/maggio sono arrivati tantissimi gruppi e anche richieste di Incentive per le aziende. Dall’estero le richieste sono arrivate soprattutto da francesi, americani e canadesi e le previsioni sono molto positive. Il brand Luxury Italian Riviera, nato durante la pandemia, sta crescendo: Volver continuerà ad investire puntando su fiere, work shop e promozioni. «Siamo stati scelti da Google – conclude Marabotto - per organizzare un loro incentive aziendale (primavera 2023). Si tratta di un gruppo di ingegneri provenienti da tutto il mondo che ha scelto la Liguria. I partecipanti faranno diverse attività in città e sul territorio, con servizi di alto livello». [post_title] => Volver Viaggi, un trend positivo sia per il settore Incoming che per l'Outgoing [post_date] => 2022-09-29T09:39:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664444382000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431235 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431236" align="alignleft" width="300"] Luca Argelà[/caption] Saranno il Sudan e i Balcani i protagonisti dell'intervento di Shiruq all'ottava edizione di tourismA: il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, ospitato al palazzo dei Congressi di Firenze da venerdì 30 settembre a domenica 2 ottobre. "Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove noi potremo presentare la nostra offerta culturale e archeologica", spiega Luca Argelà, responsabile commerciale del to milanese. Venerdì 30 settembre Shiruq incontrerà in particolare gli agenti di viaggio al Buy cultural tourism, la quinta edizione del workshop b2b contenuto all'interno dell'evento fiorentino. "La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione - continua Argelà  - e al salone presenteremo interessanti novità". All'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia, che si terrà sabato 1° ottobre presso la sala Limonaia del palazzo, Shiruq firmerà inoltre due ulteriori appuntamenti: alle ore 10.15 l'archeologo Alessandro Fumagalli e lo storico e giornalista Piero Pasini condurranno il pubblico in un viaggio attraverso "Le antiche vestigia dei Faraoni Neri", alla scoperta del Sudan più autentico. Alle ore 15.05 i due esperti porteranno infine in scena i Balcani, con la talk "Realtà e magia di un continente nel continente". [post_title] => Il Sudan e i Balcani di Shiruq protagonisti a tourismA, l'evento fiorentino dedicato ai viaggi culturali [post_date] => 2022-09-28T10:38:59+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664361539000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431040 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A livello di cifre assolute l'anno resta al di sotto dei numeri del 2019. Ma per Alpitour l’ultima estate ha segnato finalmente il ritorno ai livelli pre-pandemia. «Anzi, se si parla di fondamentali – racconta il general manager tour operating, Pier Ezhaya – le performance sono state persino migliori. E questo grazie a un’occupazione voli stabilmente al 90%, a un’ottima capacità di indirizzare la domanda verso il prodotto core (steering, in termine tecnico, ndr). Ma anche alla buona abilità dimostrata nel trasferire al mercato gli aumenti tariffari dell’ultimo periodo. Tutto ciò ci ha quindi consentito di generare marginalità addirittura superiori al 2019, seppur parametrate a volumi non ancora paragonabili. Dopo due anni di crisi. E dopo la riorganizzazione aziendale segnata dall’operazione Trevolution, possiamo dire di avere una macchina in grado di darci molte soddisfazioni. Più tonica e più veloce che mai». E il lungo raggio? «Complessivamente è ripartito. Al contempo è indubbio che le destinazioni che hanno riaperto prima, quelle dei corridoi per intenderci, ne hanno beneficiato parecchio: Maldive, Dominicana e Mauritius, su tutte. Molto bene anche gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro in deterioramento. Un po’ sottotono invece Messico e Cuba, mentre l’Estremo Oriente sconta ancora l’apertura solamente parziale dei suoi confini e ha fatto segnare risultati a macchia di leopardo. Buoni soprattutto i numeri di Indonesia e Thailandia». Inverno prudente Quali le prospettive per l’inverno? «Il trend delle prenotazioni è onestamente un po’ più prudente rispetto all’estate. Il mercato rimane in attesa di capire l’andamento della pandemia ma soprattutto la questione prezzi, che rischia di erodere parte del potere di acquisto degli italiani» A che punto è infine il nuovo contratto con le agenzie? Ci sono novità in arrivo? «Lo stiamo ultimando proprio in queste settimane. Ma posso anticipare che non ci saranno grandi stravolgimenti, perché siamo molto contenti di come ha funzionato quello dell’anno scorso. Mi riferisco allo One, che ha unificato le condizioni di vendita sulle linee di prodotto e non più in base ai brand. Ci sarà solo del fine tuning, con la parte variabile che cercherà di spingere sui prodotti e sulle destinazioni che ne hanno più bisogno».   [post_title] => Ezhaya, Alpitour: «In estate tornata la normalità. La macchina è più tonica» [post_date] => 2022-09-26T09:30:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664184626000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430998 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Solo pesce fresco dell'Alaska, certificato e sostenibile. Holland America Line è la prima e unica compagnia di crociera ad aver ricevuto il bollino Responsible fisheries management (Rfm). Lo rivela un comunicato Gioco Viaggi, gsa in Italia del brand parte del gruppo Carnival. L'Rfm è un programma che certifica la pesca in mare aperto ed è in linea con il Codice di condotta per la pesca responsabile della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni unite per l'alimentazione e l'agricoltura: una eco-etichetta viene applicata su ogni esemplare pescato in Alaska e ne certifica l’origine e l'intero percorso e processo di lavorazione alimentare, dal pescatore al piatto servito a bordo della nave. Il riconoscimento è stato assegnato a tutte e sei le navi della compagnia che operano in Alaska (Eurodam, Koningsdam, Nieuw Amsterdam, Noordam, Westerdam e Zuiderdam) L'annuncio della certificazione Rfm arriva peraltro sulla scia della nuova partnership di Holland America Line con l'Alaska Seafood Marketing Institute (Asmi): entrambi condividono infatti l’impegno di servire pesce dell'Alaska, di provenienza sostenibile. Inoltre la compagnia ha recentemente presentato nuovi piatti di pesce sviluppati da chef Ethan Stowell dell’Holland America’s Culinary Council e Asmi, che vengono servite nei ristoranti delle sei unità attive in Alaska. A bordo gli ospiti potranno per esempio assaporare un panino con merluzzo dell'Alaska fritto, aioli e cavolo, una cotoletta di salmone dell'Alaska con cetriolo, pomodoro, avocado, pancetta e fagioli verdi, nonché un halibut in crosta di finocchio con carciofi e olive taggiasche. [post_title] => Sulle navi Holland America si serve solo pesce fresco dell'Alaska sostenibile. Lo certifica Rfm [post_date] => 2022-09-23T10:07:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663927677000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430992 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Presenze sopra le aspettative per l'estate e la primavera dei cinque Leonardo Hotels nelle città d'arte italiane: le presenze sono stati migliori delle previsioni sia per quanto riguarda gli individuali (a Roma e a Verona) sia per i gruppi (a Venezia e a Milano dove il gruppo conta due strutture). I tassi di occupazione durante l’estate hanno quindi raggiunto i livelli pre-Covid in tutte le strutture italiane, talvolta superandoli, con il Leonardo Boutique Roma Termini in cima alla lista. Anche la durata del soggiorno , soprattutto nelle destinazioni leisure (principalmente Roma) è aumentata del 50% nella categoria dei soggiorni di quattro notti e del 40% in quella dei soggiorni di cinque notti. Luglio è stato in particolare il mese più performante, con gli hotel che hanno registrato un'occupazione media superiore all'85%. In termini di nazionalità dei visitatori, l’Italia e la Germania sono i mercati principali per tutte le strutture, seguite da Stati Uniti, Inghilterra e Israele (non in quest’ordine per tutte le strutture). C’è anche un buon mix di altri Paesi europei (Francia, Svizzera, Spagna, Olanda). Il Leonardo Milano City Center da questo punto di vista rappresenta un'eccezione, in quanto la Cina è una delle prime tre regioni di provenienza degli ospiti per la struttura. In prospettiva, le previsioni sono molto positive anche per i prossimi mesi autunnali. Si prevede che settembre e ottobre superino gli anni pre-Covid in termini di richieste e prenotazioni, anche per quanto riguarda il business e gli eventi, specialmente per il segmento mice, grazie agli appuntamenti e alle fiere in programma. Il gruppo stima che a settembre e ottobre il tasso di occupazione delle strutture raggiungerà l’88-90% a Milano e l’86% a Mestre e Verona. ‘’È stata davvero un'estate con ottime performance per noi in Italia, e questi risultati confermano la qualità delle nostre scelte strategiche sul mercato; ci aspettiamo che questa performance positiva continui anche in autunno - commenta Yoram Biton, managing director Leonardo Hotels Central Europe -. L'Italia è una destinazione molto attrattiva e per questo motivo abbiamo in programma di espandere il nostro portfolio con nuovi hotel nei prossimi anni, non solo in altre destinazioni in città per il segmento business, ma anche verso mete leisure, al mare o sui laghi nel Nord Italia". I piani della compagnia per la nostra Penisola sono davvero ambiziosi. Già lo scorso maggio il gruppo aveva annunciato la prossima apertura di cinque nuove strutture, a cui dovrebbero farne seguito un'altra quindicina in cinque anni. [post_title] => Leonardo Hotels: in estate l'occupazione in Italia è tornata sopra i livelli pre-Covid [post_date] => 2022-09-23T09:55:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663926900000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "salone del camper fiere parma dal 10 al 18 settembre" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":39,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":682,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431547","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_426132\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Un rendering della lobby del nuovo Casa Baglioni a Milano[/caption]\r\n\r\nDopo un estate tutta in positivo in cui Baglioni Hotels ha superato il budget, il gruppo alberghiero italiano è concentrato su programmi per il prossimo anno.\r\n\r\nPer quanto riguarda le novità, a gennaio 2023 verrà inaugurata Casa Baglioni, nel cuore artistico milanese di Brera, all’angolo tra Via dei Giardini e Via Fatebenefratelli: 30 camere e suites, ispirate all’arte e al design della Milano anni ’60, una raffinata wine cellar, un ristorante gourmet firmato dallo chef stellato Claudio Sadler, una palestra e un roof top bar estivo.\r\n\r\nIl progetto dell’hotel è realizzato da Spagnulo & Partners. Non è prevista la reception poiché gli ospiti saranno accolti come in un salone di casa, per una concezione di lusso e di accoglienza familiare. Casa Baglioni ospiterà le opere della Stefano Cecchi Trust Collection – Fondo Arte in modo continuativo nelle aree comuni. Le opere d’arte saranno posizionate nella lobby, nei corridoi e nelle suite per un percorso culturale che si svolgerà a cadenza annuale.\r\n\r\nIl Gruppo punterà ancora sul Programma Dolce Vita, dedicato alle Agenzie di Viaggio ed introdotto nel 2019: comprende benefits e amenities dedicati tra cui 15% di sconto sulle migliori tariffe disponibili, accessi prioritari alle migliori categorie di camere e courtesy car (ove disponibile), early check-in e late check-out (su disponibilità).","post_title":"Baglioni Hotels punta sul trade. Focus su Casa Baglioni pronto a gennaio 2023","post_date":"2022-10-03T15:53:32+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664812412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431531","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà presente il titolare Luca Buonpensiere e parte del suo team, tra cui il nuovo direttore vendite & marketing, Simone Prinari, allo stand 29 del padiglione C4 del Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre prossimi. Dopo qualche anno di assenza Glamour To torna infatti all'appuntamento fieristico romagnolo, per incontrare agenti di viaggio e vettori per confrontarsi e valutare le nuove strategie da adottare per il prossimo futuro. Ma soprattutto per  presentare l’intera programmazione del Capodanno 22/23, di cui ha lanciato da poco il catalogo, oltre a diverse sorprese e novità.\r\n\r\nNell'ultimo anno, l'operatore viareggino ha investito nel futuro inserendo una serie di new entry nel team per rafforzare tra l'altro la propria rete vendite, proprio a sottolineare la grande voglia di accelerare la ripresa e di seguire l’onda positiva di questa nuova ripartenza del settore. \"Con un mercato dei viaggi e del turismo in costante evoluzione - sottolinea infatti Buonpensiere - diventa di cruciale importanza saper creare una solida rete di distribuzione per proteggere e sviluppare il proprio brand\".","post_title":"Glamour To alla fiera di Rimini per presentare la programmazione Capodanno 22/23 e le altre novità","post_date":"2022-10-03T13:05:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664802326000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431505","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Se il prossimo governo confermerà il ministero del turismo, per il settore sarebbe meglio che a reggerlo venga chiamato Gian Marco Centinaio. Conosce la materia, è stato già ministro del Beni culturali e turismo, è stimato dall'ambiente, e soprattutto sa di cosa parla. Non bisogna fargli un breef ogni volta che incontra qualcuno. Perché Centinaio quel qualcuno, e quel problema specifico li conosce già. E non è poco.\r\n\r\nScrivo questo perché negli ultimi giorni sono usciti vari nomi per il ministero del turismo. Quelli che mi hanno francamente steso, nel senso che sono caduto senza forze, sono stati quelli di Daniela Santanchè e di Massimo Garavaglia. Santanchè ha capito da poco che il turismo è una risorsa nazionale. Cioè per tutti e non solo per il suo amico Briatore. Mentre Garavaglia ormai ha un discorso standard che usa per tutte le occasioni cambiando solo il soggetto a cui si rivolge.\r\nNuovi ruoli\r\nOra Garavaglia ha espresso il desiderio di ritornare a fare il sottosegretario all'economia. Mansione per altro già ricoperta durante il primo governo Conte. E a dire la verità non so se la cosa ci possa far piacere, visto che il ministero dell'economia è il cuore dell'azione di governo. Dall'altra parte negli ultimi giorni la candidatura della Santanchè è un po' declinata. Lei può continuare ad occuparsi delle concessioni balneari. Non è un cattivo mestiere. Its funny.\r\n\r\nGiuseppe Aloe\r\n\r\n ","post_title":"Sarebbe opportuno se al turismo ritornasse Gian Marco Centinaio","post_date":"2022-10-03T10:09:14+00:00","category":["senza-categoria"],"category_name":["Senza categoria"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1664791754000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431346","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiamerà Four Seasons Yachts e sarà la nuova divisione ad hoc dell'omonimo brand di lusso alberghiero lanciata in collaborazione con gli imprenditori del settore Nadim Ashi e Philip Levine, nonché in partnership con Fincantieri che consegnerà la prima nave entro la fine del 2025. Si confermano quindi le indiscrezioni che erano trapelate già nel mese di luglio, quando la compagnia di costruzioni navali italiane aveva annunciato un ordine per una unità di lusso, con un'opzione per altre due. Il tutto per un investimento complessivo di 1,2 miliardi di euro.\r\n\r\nOgni suite a bordo costerà 4,2 milioni di dollari\r\n\r\nIl primo Four Seasons Yacht sarà lungo 207 metri e largo 27 e ospiterà 14 ponti. Il suo design sarà personalizzato nei minimi dettagli, con la costruzione di ogni suite costata 4,2 milioni di dollari. Offrirà inoltre quasi il 50% di spazio abitativo in più per ospite rispetto a quello attualmente disponibile sul mercato, consentendo la massima privacy e flessibilità in un ambiente residenziale. Larry Pimentel, veterano del settore dei viaggi di lusso, è alla guida della nuova impresa: \"In collaborazione con Four Seasons, stiamo creando una nuova categoria di viaggi di lusso che si rivolge agli ospiti più esigenti\". Le 95 suite della nave risulteranno infatti simili a ville, con finestre a tutta altezza che forniranno luce naturale oltre che permettere l’accesso ad ampie terrazze, per una superficie media di 54 metri quadrati. La suite più ampia, chiamata Funnel, si svilupperà su quattro livelli e offrirà più di 892 metri quadrati di spazio abitativo complessivo tra interno ed esterno, compresa una piscina privata e un'area termale privata dedicata.\r\n\r\nOltre a vari ristoranti, lounge e bar il Four Seasons Yacht offrirà una spa, un salone di bellezza e programmi di benessere, passando dal fitness alla nutrizione. La poppa a forma di canoa ospiterà inoltre un ampio ponte piscina per momenti di svago e relax. Quest'area si potrà trasformare anche in una sala cinematografica all'aperto o in uno spazio per eventi privati. Ulteriori dettagli sull'imbarcazione saranno svelati nei prossimi mesi e fino alla consegna dell'imbarcazione, prevista per la fine del 2025.","post_title":"Four Seasons lancia la divisione Yachts: salperà nel 2025 con la prima nave prodotta da Fincantieri","post_date":"2022-09-29T12:09:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664453349000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431282","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il bilancio della stagione 2022 è positivo per l'operatore ligure Volver Viaggi.\r\n\r\n«I numeri dell’outgoing sono importanti ed il trend è positivo – sottolinea Giada Marabotto, titolare di Volver – ma le cifre sono ancora lontane dal 2019. Tra le destinazioni di punta Usa, ma anche Maldive e Mauritius.  Molto Sud Africa abbinato ai soggiorni mare, costruito sempre tailor made, sia per la nostra clientela storica, sia per i viaggi di nozze. Prima del 2019 vendevamo Australia e Giappone, che sono ancora in standby. Attendiamo quindi un’ulteriore ripresa».\r\n\r\nPer quanto concerne l’incoming Volver ha faticato nei primi mesi dell’anno, caratterizzati da molte disdette e numeri non raggiunti. Ma da aprile/maggio sono arrivati tantissimi gruppi e anche richieste di Incentive per le aziende. Dall’estero le richieste sono arrivate soprattutto da francesi, americani e canadesi e le previsioni sono molto positive.\r\n\r\nIl brand Luxury Italian Riviera, nato durante la pandemia, sta crescendo: Volver continuerà ad investire puntando su fiere, work shop e promozioni.\r\n\r\n«Siamo stati scelti da Google – conclude Marabotto - per organizzare un loro incentive aziendale (primavera 2023). Si tratta di un gruppo di ingegneri provenienti da tutto il mondo che ha scelto la Liguria. I partecipanti faranno diverse attività in città e sul territorio, con servizi di alto livello».","post_title":"Volver Viaggi, un trend positivo sia per il settore Incoming che per l'Outgoing","post_date":"2022-09-29T09:39:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664444382000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431235","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431236\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luca Argelà[/caption]\r\n\r\nSaranno il Sudan e i Balcani i protagonisti dell'intervento di Shiruq all'ottava edizione di tourismA: il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, ospitato al palazzo dei Congressi di Firenze da venerdì 30 settembre a domenica 2 ottobre. \"Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove noi potremo presentare la nostra offerta culturale e archeologica\", spiega Luca Argelà, responsabile commerciale del to milanese.\r\n\r\nVenerdì 30 settembre Shiruq incontrerà in particolare gli agenti di viaggio al Buy cultural tourism, la quinta edizione del workshop b2b contenuto all'interno dell'evento fiorentino. \"La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione - continua Argelà  - e al salone presenteremo interessanti novità\". All'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia, che si terrà sabato 1° ottobre presso la sala Limonaia del palazzo, Shiruq firmerà inoltre due ulteriori appuntamenti: alle ore 10.15 l'archeologo Alessandro Fumagalli e lo storico e giornalista Piero Pasini condurranno il pubblico in un viaggio attraverso \"Le antiche vestigia dei Faraoni Neri\", alla scoperta del Sudan più autentico. Alle ore 15.05 i due esperti porteranno infine in scena i Balcani, con la talk \"Realtà e magia di un continente nel continente\".","post_title":"Il Sudan e i Balcani di Shiruq protagonisti a tourismA, l'evento fiorentino dedicato ai viaggi culturali","post_date":"2022-09-28T10:38:59+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664361539000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431040","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A livello di cifre assolute l'anno resta al di sotto dei numeri del 2019. Ma per Alpitour l’ultima estate ha segnato finalmente il ritorno ai livelli pre-pandemia. «Anzi, se si parla di fondamentali – racconta il general manager tour operating, Pier Ezhaya – le performance sono state persino migliori. E questo grazie a un’occupazione voli stabilmente al 90%, a un’ottima capacità di indirizzare la domanda verso il prodotto core (steering, in termine tecnico, ndr). Ma anche alla buona abilità dimostrata nel trasferire al mercato gli aumenti tariffari dell’ultimo periodo. Tutto ciò ci ha quindi consentito di generare marginalità addirittura superiori al 2019, seppur parametrate a volumi non ancora paragonabili. Dopo due anni di crisi. E dopo la riorganizzazione aziendale segnata dall’operazione Trevolution, possiamo dire di avere una macchina in grado di darci molte soddisfazioni. Più tonica e più veloce che mai».\r\n\r\nE il lungo raggio?\r\n\r\n«Complessivamente è ripartito. Al contempo è indubbio che le destinazioni che hanno riaperto prima, quelle dei corridoi per intenderci, ne hanno beneficiato parecchio: Maldive, Dominicana e Mauritius, su tutte. Molto bene anche gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro in deterioramento. Un po’ sottotono invece Messico e Cuba, mentre l’Estremo Oriente sconta ancora l’apertura solamente parziale dei suoi confini e ha fatto segnare risultati a macchia di leopardo. Buoni soprattutto i numeri di Indonesia e Thailandia».\r\nInverno prudente\r\nQuali le prospettive per l’inverno?\r\n\r\n«Il trend delle prenotazioni è onestamente un po’ più prudente rispetto all’estate. Il mercato rimane in attesa di capire l’andamento della pandemia ma soprattutto la questione prezzi, che rischia di erodere parte del potere di acquisto degli italiani»\r\n\r\nA che punto è infine il nuovo contratto con le agenzie? Ci sono novità in arrivo?\r\n\r\n«Lo stiamo ultimando proprio in queste settimane. Ma posso anticipare che non ci saranno grandi stravolgimenti, perché siamo molto contenti di come ha funzionato quello dell’anno scorso. Mi riferisco allo One, che ha unificato le condizioni di vendita sulle linee di prodotto e non più in base ai brand. Ci sarà solo del fine tuning, con la parte variabile che cercherà di spingere sui prodotti e sulle destinazioni che ne hanno più bisogno».\r\n\r\n ","post_title":"Ezhaya, Alpitour: «In estate tornata la normalità. La macchina è più tonica»","post_date":"2022-09-26T09:30:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664184626000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430998","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Solo pesce fresco dell'Alaska, certificato e sostenibile. Holland America Line è la prima e unica compagnia di crociera ad aver ricevuto il bollino Responsible fisheries management (Rfm). Lo rivela un comunicato Gioco Viaggi, gsa in Italia del brand parte del gruppo Carnival. L'Rfm è un programma che certifica la pesca in mare aperto ed è in linea con il Codice di condotta per la pesca responsabile della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni unite per l'alimentazione e l'agricoltura: una eco-etichetta viene applicata su ogni esemplare pescato in Alaska e ne certifica l’origine e l'intero percorso e processo di lavorazione alimentare, dal pescatore al piatto servito a bordo della nave. Il riconoscimento è stato assegnato a tutte e sei le navi della compagnia che operano in Alaska (Eurodam, Koningsdam, Nieuw Amsterdam, Noordam, Westerdam e Zuiderdam)\r\n\r\nL'annuncio della certificazione Rfm arriva peraltro sulla scia della nuova partnership di Holland America Line con l'Alaska Seafood Marketing Institute (Asmi): entrambi condividono infatti l’impegno di servire pesce dell'Alaska, di provenienza sostenibile. Inoltre la compagnia ha recentemente presentato nuovi piatti di pesce sviluppati da chef Ethan Stowell dell’Holland America’s Culinary Council e Asmi, che vengono servite nei ristoranti delle sei unità attive in Alaska. A bordo gli ospiti potranno per esempio assaporare un panino con merluzzo dell'Alaska fritto, aioli e cavolo, una cotoletta di salmone dell'Alaska con cetriolo, pomodoro, avocado, pancetta e fagioli verdi, nonché un halibut in crosta di finocchio con carciofi e olive taggiasche.","post_title":"Sulle navi Holland America si serve solo pesce fresco dell'Alaska sostenibile. Lo certifica Rfm","post_date":"2022-09-23T10:07:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663927677000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430992","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Presenze sopra le aspettative per l'estate e la primavera dei cinque Leonardo Hotels nelle città d'arte italiane: le presenze sono stati migliori delle previsioni sia per quanto riguarda gli individuali (a Roma e a Verona) sia per i gruppi (a Venezia e a Milano dove il gruppo conta due strutture). I tassi di occupazione durante l’estate hanno quindi raggiunto i livelli pre-Covid in tutte le strutture italiane, talvolta superandoli, con il Leonardo Boutique Roma Termini in cima alla lista. Anche la durata del soggiorno , soprattutto nelle destinazioni leisure (principalmente Roma) è aumentata del 50% nella categoria dei soggiorni di quattro notti e del 40% in quella dei soggiorni di cinque notti. Luglio è stato in particolare il mese più performante, con gli hotel che hanno registrato un'occupazione media superiore all'85%.\r\n\r\nIn termini di nazionalità dei visitatori, l’Italia e la Germania sono i mercati principali per tutte le strutture, seguite da Stati Uniti, Inghilterra e Israele (non in quest’ordine per tutte le strutture). C’è anche un buon mix di altri Paesi europei (Francia, Svizzera, Spagna, Olanda). Il Leonardo Milano City Center da questo punto di vista rappresenta un'eccezione, in quanto la Cina è una delle prime tre regioni di provenienza degli ospiti per la struttura.\r\n\r\nIn prospettiva, le previsioni sono molto positive anche per i prossimi mesi autunnali. Si prevede che settembre e ottobre superino gli anni pre-Covid in termini di richieste e prenotazioni, anche per quanto riguarda il business e gli eventi, specialmente per il segmento mice, grazie agli appuntamenti e alle fiere in programma. Il gruppo stima che a settembre e ottobre il tasso di occupazione delle strutture raggiungerà l’88-90% a Milano e l’86% a Mestre e Verona.\r\n\r\n‘’È stata davvero un'estate con ottime performance per noi in Italia, e questi risultati confermano la qualità delle nostre scelte strategiche sul mercato; ci aspettiamo che questa performance positiva continui anche in autunno - commenta Yoram Biton, managing director Leonardo Hotels Central Europe -. L'Italia è una destinazione molto attrattiva e per questo motivo abbiamo in programma di espandere il nostro portfolio con nuovi hotel nei prossimi anni, non solo in altre destinazioni in città per il segmento business, ma anche verso mete leisure, al mare o sui laghi nel Nord Italia\". I piani della compagnia per la nostra Penisola sono davvero ambiziosi. Già lo scorso maggio il gruppo aveva annunciato la prossima apertura di cinque nuove strutture, a cui dovrebbero farne seguito un'altra quindicina in cinque anni.","post_title":"Leonardo Hotels: in estate l'occupazione in Italia è tornata sopra i livelli pre-Covid","post_date":"2022-09-23T09:55:00+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663926900000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti