3 October 2022

Museo Tessuto di Prato, al via Textile e Fashion Design la mostra aperta fino al 30 aprile 2023

[ 0 ]

Due secoli di Textile e Fashion Design è il titolo della nuova mostra organizzata dal Museo del Tessuto di Prato nella Sala dei Tessuti Antichi che apre le porte oggi 15 luglio fino al 30 aprile 2023.

Il nuovo allestimento illustra le trasformazioni del design tessile e della moda avvenute dalla fine del Settecento fino alla metà del Novecento. Oltre 100 oggetti tra abiti maschili e femminili, tessuti per abbigliamento e per arredamento, figurini di moda, libri campionario, accessori moda documentano le trasformazioni del settore tessile in un periodo storico caratterizzato da grandi cambiamenti, sociali, economici, di costume, dovuti soprattutto alla meccanizzazione dei processi produttivi e alla conseguente industrializzazione.

Tutti gli oggetti provengono dalle collezioni del Museo: alcuni sono del tutto inediti perché recentemente entrati in collezione e quindi esposti per la prima volta – come l’abito da sposa in due pezzi della fine dell’Ottocento, l’abito a tunica di Maria Monaci Gallenga degli anni Venti stampato a matrice, il mantello da sera dell’Atelier Elsa Schiaparelli, l’abito da cocktail degli anni Cinquanta della sartoria romana Fanucchi – altri sono stati oggetto di apposito restauro che ne ha permesso finalmente l’esposizione al pubblico in tutta sicurezza.

Unico prestito di eccezione il raro esempio di abito da giorno femminile datato 1820 -1825 in tela di cotone stampata proveniente dall’archivio di Massimo Cantini Parrini, il costumista pluripremiato che nel 2019 è stato protagonista della programmazione culturale del Museo con la mostra sui suoi costumi per il film “Pinocchio” di Matteo Garrone.

«La mostra dimostra la grande varietà e ricchezza che contraddistingue il nostro patrimonio – commenta il Presidente Francesco Marini – E’ inoltre l’occasione per far conoscere al pubblico le ultime acquisizioni, frutto di una politica di incremento delle collezioni che la Fondazione persegue per incrementare il fondo moda e costume, anche grazie a molte donazioni».

«L’estate culturale pratese si arricchisce di una bella mostra che riporta l’attenzione sulle preziose collezioni del Museo e sul gran lavoro che questa istituzione svolge quotidianamente per arricchire e conservare il patrimonio artistico cittadino, mettendolo poi a disposizione del pubblico – aggiunge l’Assessore Simone Mangani – Un’occasione per tornare a visitare il Museo e la Campolmi anche per chi lo ha già fatto, perché molte delle straordinarie opere in mostra non sono mai state esposte prima d’ora».

Allestita in ordine cronologico, l’esposizione illustra le straordinarie trasformazioni del design tessile e i cambiamenti della moda avvenuti in un arco temporale in cui il rapporto tra tradizione e modernità, tra unicità del prodotto artistico e replicabilità del prodotto seriale, diventano il tema di un acceso dibattito sulle arti applicate.

«Una mostra straordinaria che invito tutti a visitare – sottolinea il Direttore Filippo Guarini – Per gli studenti sarà davvero un’occasione per conoscere la storia del design nel settore tessile e moda attraverso dei pezzi di altissimo valore, gli appassionati di costume e moda potranno trovare abiti dalle fogge più svariate, il turista potrà vivere un’esperienza completa grazie ad un percorso espositivo rinnovato che arricchisce notevolmente la visita, mentre i nostri concittadini potranno cogliere l’occasione per conoscere nuovi nuclei collezionistici del Museo».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431547 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_426132" align="alignright" width="300"] Un rendering della lobby del nuovo Casa Baglioni a Milano[/caption] Dopo un estate tutta in positivo in cui Baglioni Hotels ha superato il budget, il gruppo alberghiero italiano è concentrato su programmi per il prossimo anno. Per quanto riguarda le novità, a gennaio 2023 verrà inaugurata Casa Baglioni, nel cuore artistico milanese di Brera, all’angolo tra Via dei Giardini e Via Fatebenefratelli: 30 camere e suites, ispirate all’arte e al design della Milano anni ’60, una raffinata wine cellar, un ristorante gourmet firmato dallo chef stellato Claudio Sadler, una palestra e un roof top bar estivo. Il progetto dell’hotel è realizzato da Spagnulo & Partners. Non è prevista la reception poiché gli ospiti saranno accolti come in un salone di casa, per una concezione di lusso e di accoglienza familiare. Casa Baglioni ospiterà le opere della Stefano Cecchi Trust Collection – Fondo Arte in modo continuativo nelle aree comuni. Le opere d’arte saranno posizionate nella lobby, nei corridoi e nelle suite per un percorso culturale che si svolgerà a cadenza annuale. Il Gruppo punterà ancora sul Programma Dolce Vita, dedicato alle Agenzie di Viaggio ed introdotto nel 2019: comprende benefits e amenities dedicati tra cui 15% di sconto sulle migliori tariffe disponibili, accessi prioritari alle migliori categorie di camere e courtesy car (ove disponibile), early check-in e late check-out (su disponibilità). [post_title] => Baglioni Hotels punta sul trade. Focus su Casa Baglioni pronto a gennaio 2023 [post_date] => 2022-10-03T15:53:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664812412000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431536 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Estonia, un mix accattivante di natura, cultura, gastronomia, tecnologia e sostenibilità, si è presentata a Roma e Milano con queste carte vincenti agli operatori e alla stampa specializzata italiana. Con gli occhi puntati in modo particolare sulla capitale Tallinn, Capitale Verde d’Europa nel 2023 e su Tartu, la seconda città estone. Posizionata nel meridione del paese quest'ultima mira in alto per il 2024, puntando a un milione di visitatori quando sarà una delle tre città europee Capitali della Cultura.   Ottimi i collegamenti tra l’Estonia e l’Italia grazie ai collegamenti Ryanair e Wizz Air con oltre 20 voli settimanali da otto città italiane. E da altre città europee c’è un’ottima scelta di voli operati sia da vettori low cost che di linea. Per molti visitatori è Tallinn il primo punto d’arrivo nel paese baltico, una città Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco che vanta un tessuto urbano medievale attentamente conservato e strutture ricettive in grado di soddisfare ogni esigenza. Presenti alle serate italiane Kristina Talisainen, b2b marketing e Kadri Gröön, international media di Visit Estonia insieme ai partner Visit Tartu, Ibis Hotel Tallinn e Eckero Line, compagnia di traghetti che collegano Tallinn e Helsinki.  “Dall’inizio dell’anno fino alla fine di luglio 2022 l’Estonia ha accolto 791.983 visitatori internazionali, e di questi 11.338 erano italiani”, ha sottolineato Kristina Talisaninen. Un’incremento nel numero di visitatori dal Belpaese del 190% rispetto allo spesso periodo del 2021.  Molto apprezzato dagli italiani, ha aggiunto Kadri Gröön, la cucina estone: “Una cucina sostenibile con oltre 31 dei nostri ristoranti inseriti nella prestigiosa Guida Michelin”.   [post_title] => Estonia pronta a conquistare il favore dei turisti italiani [post_date] => 2022-10-03T13:39:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664804345000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431522 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ricavi in crescita del 40% sul 2021 e soprattutto dell'11% sull'anno pre-Covid 2019 per il gruppo open air Human Company, che si appresta a chiudere il 2022 con un fatturato record di 123 milioni di euro. Bene anche i margini operativi lordi (ebitda) a 32 milioni, per un più 33% sul 2021 e un più 3% sul 2019. Tornano sui livelli pre-Covid pure le presenze, che si attestano a poco più di 4 milioni. Le strutture con le migliori performance della stagione abbracciano tutta l’offerta di destinazioni della compagnia: lo hu Altomincio Village, il villaggio a pochi chilometri dal lago di Garda, con un’occupazione tra giugno-agosto del 89,73%, seguito dal capeggio di città hu Firenze Camping in Town con un tasso di riempimento pari all’88,08% e lo hu Park Albatros Village, lungo la Costa degli Etruschi, con l’87,33%. Quanto alla provenienza degli ospiti, gli indirizzi del gruppo registrano una importante presenza diretta degli italiani, che con il 40% superano gli olandesi (25%) e i tedeschi (15%). Un risultato confermato anche nei tre camping in town a Firenze, Roma e Venezia, dove le presenze domestiche sono state il 33%, seguite da tedeschi (17%) e francesi (8%). Guardando allo storico, tutte le strutture all’aria aperta del gruppo rivelano un aumento della presenza degli italiani, che segna un trend in crescita del +10% nel triennio 2020-2022 rispetto ai dati pre-Covid. Il dato testimonia la tendenza positiva registrata dal comparto che, grazie alla sua capacità di evolversi, è riuscito a guadagnare la fiducia degli italiani. «Possiamo celebrare il nostro quarantesimo compleanno con grande entusiasmo grazie a questi straordinari numeri che ci consentono di guardare positivamente al futuro e di continuare a investire sullo sviluppo dei nostri ambiziosi progetti sul territorio italiano - commenta il ceo Human Company, Luca Belenghi -: in Veneto, con l'Eraclea Village e il DeltaFarm, il villaggio della biodiversità che riconvertirà la centrale termoelettrica Enel a Porto Tolle; in Toscana, a Cavriglia, aprirà poi il primo grande parco turistico dedicato allo sport in Italia, e ci sarà anche il Sant’Albinia Village, nel territorio di Piombino, naturale ampliamento del nostro hu Park Albatros Village». [post_title] => Stagione record per Human Company che stima di chiudere il 2022 con ricavi per 123 mln [post_date] => 2022-10-03T11:42:04+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664797324000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431495 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è conclusa sabato primo ottobre, la tre giorni della prima Assemblea nazionale del comitato promotore dell'iniziativa 2023 Anno del turismo di ritorno, parte del programma Ritorno in Italia 2023-2028, tenutasi presso l'Hotel Terme Capasso di Contursi Terme. La tre giorni ha visto la partecipazione in presenza e in collegamento di sindaci e assessori, associazioni nazionali, reti d'imprese, consorzi, fondazioni e fondazioni ITS aderenti al comitato promotore.   Dopo la registrazione dei partecipanti, il presidente Michelangelo Lurgi ha tracciato una road map dei lavori realizzati nel corso dell'ultimo anno e di quelli da realizzare nel corso dei prossimi mesi per garantire il corretto svolgimento e il successo dell'iniziativa.   A seguire, Marcello Formica di Rete destinazione sud ha illustrato la prima versione del cronoprogramma degli eventi e manifestazioni che si terranno nel 2023 nell'ambito del progetto dedicato agli italiani nel mondo. Al momento i comuni e le associazioni locali hanno proposto più di 100 eventi che verranno calendarizzati, messi a sistema e promossi e commercializzati mediante i portali di destinazione già attivati e il marketplace southitaly.net   È stato presentato l’accordo come social media partner siglato dalla Rete destinazione sud con Travel Quotidiano e Italiaboslutely, per la promozione del 2023 Anno del turismo di ritorno dalla responsabile del Gruppo Travel la dottoressa Ligia Hofnar.    A chiusura della mattinata Gianfranco Sorrentino di Rete Destinazione Sud ha illustrato i portali di Destinazione realizzati dalla Rete, nonché il Marketplace di Destinazione SouthItaly.net.   Poi sono stati presentati i Comitati regionali e provinciali e del Comitato tecnico scientifico ad opera del presidente Lurgi che ha evidenziato che i comitati regionali e provinciali saranno costituiti da 6 componenti più il presidente.   Nella mattinata di sabato 1° ottobre il presidente Lurgi ha delineato il programma dei lavori delle prossime settimane, passando il testimone a Marcello Formica che ha illustrato gli aspetti organizzativi, gestionali e peculiari dell'Associazione internazionale che verrà a breve costituita. Tale associazione avrà il compito di seguire e coordinare i lavori del Programma Ritorno in Italia 2023-2028.   «Siamo molto soddisfatti dei risultati di questa prima Assemblea nazionale di coordinamento del progetto 2023 Anno del turismo di ritorno - dichiara il presidente Lurgi -. Sono molto grato a chi ha voluto seguirci in presenza e a distanza. Oggi nasce una squadra di alto profilo fatta di professionisti e rappresentanti delle istituzioni che collaboreranno per raggiungere un obiettivo comune, nel nome dell'italianità. Abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare incessantemente per realizzare un progetto partecipato e condiviso dal basso che possa generare valore e ricchezza sui nostri splendidi territori» - conclude Lurgi.   [post_title] => La road map per "2023 Anno del turismo di ritorno” [post_date] => 2022-10-03T09:36:12+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664789772000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431446 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal 14 al 16 ottobre, a Genova si terrà l’edizione autunnale dei Rolli Days, l’evento che da oltre dieci anni valorizza e racconta il sito Unesco Le Strade Nuova e il Sistema dei Palazzi dei Rolli. Dal 6 ottobre al 23 gennaio 2023, inoltre, Genova ospiterà la grande mostra “Rubens a Genova” che vedrà protagoniste alcune delle principali opere del grande maestro fiammingo a 400 anni dalla stesura del testo “Palazzi di Genova”, voluto dall’artista per raccontare al mondo l’eccezionalità dei palazzi genovesi, attraverso una serie di dettagliate illustrazioni delle facciate, delle piante, della struttura delle più importanti residenze. La concomitanza di questi due eventi di portata internazionale sarà l’occasione per vivere un’esperienza unica: calcare le orme del diplomatico e pittore fiammingo e visitare quei luoghi che ne suggestionarono la mente e il pennello. I Rolli Days, come già avvenuto a primavera per le celebrazioni della Genova Barocca, si articoleranno in sinergia con la mostra, riportando in vita attraverso le parole dei Divulgatori Scientifici i luoghi rubensiani di Genova: racconti che scivoleranno sulle architetture, evocheranno i dipinti, le sculture, gli arazzi, gli argenti di quelle dimore uniche al mondo e daranno corpo alle storie – spesso straordinarie – dei loro proprietari. L’esperienza di visita ai Palazzi dei Rolli rappresenterà l’opportunità di incamminarsi su un itinerario che avrà come sfondo il contesto storico della Genova e dell’Europa del primo Seicento. Per permettere una ancora maggiore immedesimazione, i siti selezionati per l’apertura saranno in gran parte quelli contenuti all’interno dell’edizione del 1652 del volume rubensiano (stampato per la prima volta nel 1622) dove trovano posto 35 tra palazzi, ville suburbane e chiese cittadine. In un viaggio che esplora i palazzi del tardo Cinquecento e del Seicento, saranno aperti al pubblico i monumentali edifici di Via Balbi, dalla Galleria di Palazzo Reale ai palazzi dell’Università; le vie del centro storico con le clamorose opere d’arte conservate nella Galleria Nazionale della Liguria di Palazzo Spinola; le straordinarie ville suburbane d’Albaro e Sampierdarena accompagnate dalla superba Villa Pallavicino delle Peschiere. Non saranno, però, solo i luoghi “di Rubens” a fare da protagonisti: la prossima edizione dei Rolli Days, infatti, ritroverà un rinnovato e riallestito Palazzo Rosso, con la possibilità di visitare il settecentesco Appartamento di Anton Giulio II Brignole Sale, aperto al pubblico per la prima volta da poche settimane. Importante novità dell’edizione di ottobre sarà poi la possibilità di visitare il Conservatorio dei Fieschi. A condurre le visite nella maggior parte dei palazzi e dei siti aperti saranno come sempre i giovani Divulgatori Scientifici, professionisti del settore delle humanities pronti a coinvolgere i visitatori con il loro entusiasmo e la loro competenza. Oltre alle tradizionali visite guidate la manifestazione sarà affiancata da eventi collaterali che accompagneranno il pubblico mostrando a tutti una Genova sempre più vivace dal punto di vista culturale.   [post_title] => Genova, dal 14 al 16 ottobre 2022 l'edizione autunnale dei Rolli Days [post_date] => 2022-09-30T12:00:04+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664539204000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431433 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una fiera o un workshop virtuale organizzato con la tecnologia. Una realtà con l’obiettivo di rivoluzionare il settore degli incontri del mondo Travel. Per TravelMeetHub, una piattaforma alimentata da un software proprietario denominato 360Realistic3D® che permette la generazione di ambienti digitali immersivi e coinvolgenti, è questo il futuro. I fondatori di TravelMeetHub, Patrizia Allara e Luca Simoni, supportati da un team di esperti, dopo aver lanciato la start up Italy Wow nel 2019, hanno virato sugli eventi virtuali. Al TTG di Rimini Travel Meet Hub presenterà i primi due ambienti virtuali del turismo. «Dopo aver debuttato in diversi settori – spiega Patrizia Allara - puntiamo sul turismo sia perché lì ci siamo formati e siamo cresciuti sia perché crediamo che la nuova forma di marketing sia quella legata agli ambienti virtuali». Il primo Ambiente Virtuale è un vero e proprio Market Place 3d con una grafica molto realistica. «Si entra e si sceglie la struttura, il t.o., la destinazione o il comune da visitare – aggiunge Allara – Si può scaricare materiale, parlare con un assistente virtuale in lingua e prenotare direttamente strutture o servizi. Dal 2023 si potranno creare work shop virtuali, eventi, insomma diventerà un vero villaggio virtuale. Ogni partner potrà sfruttare i servizi a 360 gradi». Il secondo Ambiente Virtuale è il Tiramisù Land, un metaverso della Tiramisu World Cup. Sarà presente Stefano Serafini, campione internazionale di Tiramisù. Nel metaverso della Tiramisù World Cup sarà possibile preparare il tiramisù con i prodotti (brandizzati) della ricetta originale. Ci sarà la possibilità di partecipare a gare di allenamento all'interno dell'orangerie ; il partecipante avrà la possibilità di scegliere/selezionare il panorama (città di Treviso, Colline del Prosecco, Venezia, ecc.) e di accedere nonché interagire con i contenuti turistici proposti (ricette, siti, storie, ecc.). Pad. A3, stand 054. [post_title] => TravelMeetHub, la piattaforma lancia due nuovi ambienti virtuali per il turismo [post_date] => 2022-09-30T10:59:22+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664535562000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431415 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via la seconda edizione del Festival del Turismo Esperienziale. In occasione della 42ª Giornata mondiale del turismo, proclamata dalla Organizzazione mondiale del turismo (Unwto), la manifestazione arriva alla sua seconda edizione con un format ricco di attività e novità, tese a favorire non solo la promozione ma anche la commercializzazione dell'offerta turistica esperienziale  italiana ed internazionale.   «Raccontiamo come il mercato si sta adeguando a rispondere in maniera sempre più positiva e aderente alle richieste di nuovo turismo - spiega Nicola Ucci, creatore e organizzatore della manifestazione -. Oggi il visitatore si sente protagonista, prova delle emozioni e questo non è altro che un modo per creare un passaparola positivo».    Nella due giorni dell'evento, oltre 100 buyers avranno l'opportunità di scoprire l'offerta dei seller ed espositori accreditati e sarà possibile partecipare a workshop, incontri, momenti di networking,  tavole rotonde e opportunità formative.    Tra gli eventi in programma, anche la presentazione del libro "Storie di una antica Caupona" con l'imprenditore Francesco Di Martino, Salvatore Visciano, professore e presidente di Skal Pompei, e lo storico Flavio Russo, segiota dall'incontro "I canali di vendita del turismo esperienziale" con Antonino Percario, former president Skal Roma e Paolo Bartolozzi di Hotel GoGo.   Le opportunità delle esperienze   Il turismo esperienziale risponde alla necessità di ridistribuire i flussi e di destagionalizzare, grazie ad una tipologia di offerta che "è spalmata sul territorio - continua Ucci -, e crea appeal con prodotti pluristagionali".    Tra i prodotti più gettonati, quelli del turismo all'aria aperta, cicloturismo e trekking, oppure i cammini, non più solo spirituali ma di scoperta delle bellezze naturalistiche, degli aspetti tradizionali, degli usi e costumi dei luoghi attraversati. "Si tratta di un'offerta che, paradossalmente, arricchisce sia domanda che offerta se ben organizzata", riflette Ucci.   Tra i mercati stranieri più interessati al prodotto esperienziale, Ucci evidenzia la richiesta del "mercato nordamericano e nordeuropeo, ma anche il Giappone, grazie all'appeal che questo tipo di mercato ha sui turisti repeaters".      Il turismo esperienziale valorizza i territori, anche quelli normalmente poco battuti, e permette di scoprire fino in fondo il territorio, l'ambiente naturale, l'enogastronomia, i piatti tipici, l'artigianato artistico. Un fenomeno importante, che riesce ad attivare nuove economie e nuove figure professionali".   [post_title] => Festival del turismo Esperienziale: a Roma l'Italia delle esperienze [post_date] => 2022-09-30T10:34:00+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664534040000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431406 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo un’assenza forzata di due anni la European tourism association è tornata con un evento in persona a Roma, nel nuovo hotel capitolino griffato Mama Shelter. Tra gli invitati, membri dell’associazione e colleghi del settore turistico italiano. L’evento è cominciato con una presentazione offerta da collaboratori e partners, tra cui Francesco Riggio, senior sales manager dmo Europe, Amadeus, Valentina Gualtieri, senior director of sales Italy & Malta, Amadeus, Martin Sapori, vice president sales Southern Europe, Accor, Luca Perfetto, ceo and co-Founder, To Italy Group, nonché Rino Vitelli, head of Eu projects and partnerships, Federturismo Confindustria. Temi dell'incontro, un excursus sulla stagione estiva 2022 e le opportunità per il 2023. Il segretario generale di Etoa, Tim Fairhurst, ha per parte sua fatto una breve introduzione sulle attività dell'associazione a livello locale ed europeo, mentre Danja Nebuloni, country representative Italy di Etoa, ha indicato i prossimi appuntamenti per il 2022. Dopo il panel, gli ospiti sono stati invitati sul rooftop dell’albergo per un aperitivo e una sessione di networking. [post_title] => A Roma un evento Etoa per fare il punto della situazione e valutare le opportunità del 2023 [post_date] => 2022-09-30T10:12:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664532777000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431391 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione in ripresa per Tahiti, Polinesia e le sue isole che hanno accolto nuovamente i turisti italiani sfruttando i collegamenti da Parigi, Los Angeles e San Francisco. "Abbiamo registrato dati interessanti tenendo conto che abbiamo iniziato a lavorare da aprile-maggio e che i dati sono ancora in ribasso ovviamente sul 2019, nonostante tutto i mesi di ottobre e novembre sono andati molto bene - ha commentato  Gabriele Cavallotti, rappresentante in Italia per Tahiti Tourisme, in occasione del roadshow organizzato a Milano e Roma -. La destinazione è trainata dalla Francia e dagli Usa, ma il mercato italiano potrebbe arrivare intorno ai 4.000 ospiti a chiusura anno; siamo senza dubbio ancora distanti dai livelli passati, ma siamo certi dell'alto potenziale". La promozione punta a nuovi segmenti ma anche su nuovi prodotti, "per esempio sull'accoglienza delle guesthouse, le ville e le pensioni familiari, valorizzando anche le isole minore che richiedono una spesa più ridotta. Quindi andremo a lavorare su nuove fasce di clientela, non possiamo più limitarci ai viaggi di nozze, certamente  strategico, ma soprattutto intendiamo allargare la stagione, tranne febbraio e marzo". Per il 2023 gli impegni dell'ente prevedono investimenti  con campagne verso  determinati segmenti di viaggio per valorizzare le differenti esperienze in destinazione verso gli high-end spenders, famiglie, ai senior e ai clienti LGBTQIA, accanto ad un focus per promuovere turismo sostenibile, ma anche charter nautici e crociere. La capacità ricettiva della destinazione si attesta a 71.400 camere che corrisponde al 93% del 2019.  Al momento gli hotel stanno registrando occupazioni medie dell'84%, mentre è tornata a pieno regime la capacità aerea.  Le agenzie e trade restano al centro delle strategie della commercializzazione. "Il  2023 segnerà una stabilità in termini di numeri dal mercato italiano rafforzando il nostro impegno sul trade - spiega Cavallotti- oggi il 60,5% di emissione biglietteria aerea sulla destinazione proviene dalla adv e questo numero conferma l’importanza che riveste il segmento per la nostra destinazione. Infine, con il Tahiti Specialist Program dedicato alle agenzie abbiamo tra l’altro già raggiunto i 400 iscritti e moltissimi hanno ricevuto la certificazione. [post_title] => Tahiti Tourism punta sul trade per attrarre nuovi target [post_date] => 2022-09-30T09:32:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664530335000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "museo tessuto prato al via textile fashion design la mostra aperta al 30 aprile 2023" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":114,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1824,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431547","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_426132\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Un rendering della lobby del nuovo Casa Baglioni a Milano[/caption]\r\n\r\nDopo un estate tutta in positivo in cui Baglioni Hotels ha superato il budget, il gruppo alberghiero italiano è concentrato su programmi per il prossimo anno.\r\n\r\nPer quanto riguarda le novità, a gennaio 2023 verrà inaugurata Casa Baglioni, nel cuore artistico milanese di Brera, all’angolo tra Via dei Giardini e Via Fatebenefratelli: 30 camere e suites, ispirate all’arte e al design della Milano anni ’60, una raffinata wine cellar, un ristorante gourmet firmato dallo chef stellato Claudio Sadler, una palestra e un roof top bar estivo.\r\n\r\nIl progetto dell’hotel è realizzato da Spagnulo & Partners. Non è prevista la reception poiché gli ospiti saranno accolti come in un salone di casa, per una concezione di lusso e di accoglienza familiare. Casa Baglioni ospiterà le opere della Stefano Cecchi Trust Collection – Fondo Arte in modo continuativo nelle aree comuni. Le opere d’arte saranno posizionate nella lobby, nei corridoi e nelle suite per un percorso culturale che si svolgerà a cadenza annuale.\r\n\r\nIl Gruppo punterà ancora sul Programma Dolce Vita, dedicato alle Agenzie di Viaggio ed introdotto nel 2019: comprende benefits e amenities dedicati tra cui 15% di sconto sulle migliori tariffe disponibili, accessi prioritari alle migliori categorie di camere e courtesy car (ove disponibile), early check-in e late check-out (su disponibilità).","post_title":"Baglioni Hotels punta sul trade. Focus su Casa Baglioni pronto a gennaio 2023","post_date":"2022-10-03T15:53:32+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664812412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431536","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Estonia, un mix accattivante di natura, cultura, gastronomia, tecnologia e sostenibilità, si è presentata a Roma e Milano con queste carte vincenti agli operatori e alla stampa specializzata italiana. Con gli occhi puntati in modo particolare sulla capitale Tallinn, Capitale Verde d’Europa nel 2023 e su Tartu, la seconda città estone. Posizionata nel meridione del paese quest'ultima mira in alto per il 2024, puntando a un milione di visitatori quando sarà una delle tre città europee Capitali della Cultura.  \r\n\r\nOttimi i collegamenti tra l’Estonia e l’Italia grazie ai collegamenti Ryanair e Wizz Air con oltre 20 voli settimanali da otto città italiane. E da altre città europee c’è un’ottima scelta di voli operati sia da vettori low cost che di linea. Per molti visitatori è Tallinn il primo punto d’arrivo nel paese baltico, una città Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco che vanta un tessuto urbano medievale attentamente conservato e strutture ricettive in grado di soddisfare ogni esigenza.\r\n\r\nPresenti alle serate italiane Kristina Talisainen, b2b marketing e Kadri Gröön, international media di Visit Estonia insieme ai partner Visit Tartu, Ibis Hotel Tallinn e Eckero Line, compagnia di traghetti che collegano Tallinn e Helsinki.  “Dall’inizio dell’anno fino alla fine di luglio 2022 l’Estonia ha accolto 791.983 visitatori internazionali, e di questi 11.338 erano italiani”, ha sottolineato Kristina Talisaninen. Un’incremento nel numero di visitatori dal Belpaese del 190% rispetto allo spesso periodo del 2021.  Molto apprezzato dagli italiani, ha aggiunto Kadri Gröön, la cucina estone: “Una cucina sostenibile con oltre 31 dei nostri ristoranti inseriti nella prestigiosa Guida Michelin”.\r\n\r\n ","post_title":"Estonia pronta a conquistare il favore dei turisti italiani","post_date":"2022-10-03T13:39:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664804345000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431522","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ricavi in crescita del 40% sul 2021 e soprattutto dell'11% sull'anno pre-Covid 2019 per il gruppo open air Human Company, che si appresta a chiudere il 2022 con un fatturato record di 123 milioni di euro. Bene anche i margini operativi lordi (ebitda) a 32 milioni, per un più 33% sul 2021 e un più 3% sul 2019. Tornano sui livelli pre-Covid pure le presenze, che si attestano a poco più di 4 milioni.\r\n\r\nLe strutture con le migliori performance della stagione abbracciano tutta l’offerta di destinazioni della compagnia: lo hu Altomincio Village, il villaggio a pochi chilometri dal lago di Garda, con un’occupazione tra giugno-agosto del 89,73%, seguito dal capeggio di città hu Firenze Camping in Town con un tasso di riempimento pari all’88,08% e lo hu Park Albatros Village, lungo la Costa degli Etruschi, con l’87,33%. Quanto alla provenienza degli ospiti, gli indirizzi del gruppo registrano una importante presenza diretta degli italiani, che con il 40% superano gli olandesi (25%) e i tedeschi (15%). Un risultato confermato anche nei tre camping in town a Firenze, Roma e Venezia, dove le presenze domestiche sono state il 33%, seguite da tedeschi (17%) e francesi (8%). Guardando allo storico, tutte le strutture all’aria aperta del gruppo rivelano un aumento della presenza degli italiani, che segna un trend in crescita del +10% nel triennio 2020-2022 rispetto ai dati pre-Covid. Il dato testimonia la tendenza positiva registrata dal comparto che, grazie alla sua capacità di evolversi, è riuscito a guadagnare la fiducia degli italiani.\r\n\r\n«Possiamo celebrare il nostro quarantesimo compleanno con grande entusiasmo grazie a questi straordinari numeri che ci consentono di guardare positivamente al futuro e di continuare a investire sullo sviluppo dei nostri ambiziosi progetti sul territorio italiano - commenta il ceo Human Company, Luca Belenghi -: in Veneto, con l'Eraclea Village e il DeltaFarm, il villaggio della biodiversità che riconvertirà la centrale termoelettrica Enel a Porto Tolle; in Toscana, a Cavriglia, aprirà poi il primo grande parco turistico dedicato allo sport in Italia, e ci sarà anche il Sant’Albinia Village, nel territorio di Piombino, naturale ampliamento del nostro hu Park Albatros Village».","post_title":"Stagione record per Human Company che stima di chiudere il 2022 con ricavi per 123 mln","post_date":"2022-10-03T11:42:04+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664797324000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431495","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nSi è conclusa sabato primo ottobre, la tre giorni della prima Assemblea nazionale del comitato promotore dell'iniziativa 2023 Anno del turismo di ritorno, parte del programma Ritorno in Italia 2023-2028, tenutasi presso l'Hotel Terme Capasso di Contursi Terme. La tre giorni ha visto la partecipazione in presenza e in collegamento di sindaci e assessori, associazioni nazionali, reti d'imprese, consorzi, fondazioni e fondazioni ITS aderenti al comitato promotore.\r\n \r\nDopo la registrazione dei partecipanti, il presidente Michelangelo Lurgi ha tracciato una road map dei lavori realizzati nel corso dell'ultimo anno e di quelli da realizzare nel corso dei prossimi mesi per garantire il corretto svolgimento e il successo dell'iniziativa.\r\n \r\nA seguire, Marcello Formica di Rete destinazione sud ha illustrato la prima versione del cronoprogramma degli eventi e manifestazioni che si terranno nel 2023 nell'ambito del progetto dedicato agli italiani nel mondo. Al momento i comuni e le associazioni locali hanno proposto più di 100 eventi che verranno calendarizzati, messi a sistema e promossi e commercializzati mediante i portali di destinazione già attivati e il marketplace southitaly.net\r\n \r\nÈ stato presentato l’accordo come social media partner siglato dalla Rete destinazione sud con Travel Quotidiano e Italiaboslutely, per la promozione del 2023 Anno del turismo di ritorno dalla responsabile del Gruppo Travel la dottoressa Ligia Hofnar. \r\n \r\nA chiusura della mattinata Gianfranco Sorrentino di Rete Destinazione Sud ha illustrato i portali di Destinazione realizzati dalla Rete, nonché il Marketplace di Destinazione SouthItaly.net.\r\n \r\nPoi sono stati presentati i Comitati regionali e provinciali e del Comitato tecnico scientifico ad opera del presidente Lurgi che ha evidenziato che i comitati regionali e provinciali saranno costituiti da 6 componenti più il presidente.\r\n \r\nNella mattinata di sabato 1° ottobre il presidente Lurgi ha delineato il programma dei lavori delle prossime settimane, passando il testimone a Marcello Formica che ha illustrato gli aspetti organizzativi, gestionali e peculiari dell'Associazione internazionale che verrà a breve costituita. Tale associazione avrà il compito di seguire e coordinare i lavori del Programma Ritorno in Italia 2023-2028.\r\n \r\n«Siamo molto soddisfatti dei risultati di questa prima Assemblea nazionale di coordinamento del progetto 2023 Anno del turismo di ritorno - dichiara il presidente Lurgi -. Sono molto grato a chi ha voluto seguirci in presenza e a distanza. Oggi nasce una squadra di alto profilo fatta di professionisti e rappresentanti delle istituzioni che collaboreranno per raggiungere un obiettivo comune, nel nome dell'italianità. Abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare incessantemente per realizzare un progetto partecipato e condiviso dal basso che possa generare valore e ricchezza sui nostri splendidi territori» - conclude Lurgi.\r\n \r\n\r\n","post_title":"La road map per \"2023 Anno del turismo di ritorno”","post_date":"2022-10-03T09:36:12+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1664789772000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431446","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal 14 al 16 ottobre, a Genova si terrà l’edizione autunnale dei Rolli Days, l’evento che da oltre dieci anni valorizza e racconta il sito Unesco Le Strade Nuova e il Sistema dei Palazzi dei Rolli. Dal 6 ottobre al 23 gennaio 2023, inoltre, Genova ospiterà la grande mostra “Rubens a Genova” che vedrà protagoniste alcune delle principali opere del grande maestro fiammingo a 400 anni dalla stesura del testo “Palazzi di Genova”, voluto dall’artista per raccontare al mondo l’eccezionalità dei palazzi genovesi, attraverso una serie di dettagliate illustrazioni delle facciate, delle piante, della struttura delle più importanti residenze. La concomitanza di questi due eventi di portata internazionale sarà l’occasione per vivere un’esperienza unica: calcare le orme del diplomatico e pittore fiammingo e visitare quei luoghi che ne suggestionarono la mente e il pennello.\r\n\r\nI Rolli Days, come già avvenuto a primavera per le celebrazioni della Genova Barocca, si articoleranno in sinergia con la mostra, riportando in vita attraverso le parole dei Divulgatori Scientifici i luoghi rubensiani di Genova: racconti che scivoleranno sulle architetture, evocheranno i dipinti, le sculture, gli arazzi, gli argenti di quelle dimore uniche al mondo e daranno corpo alle storie – spesso straordinarie – dei loro proprietari. L’esperienza di visita ai Palazzi dei Rolli rappresenterà l’opportunità di incamminarsi su un itinerario che avrà come sfondo il contesto storico della Genova e dell’Europa del primo Seicento.\r\n\r\nPer permettere una ancora maggiore immedesimazione, i siti selezionati per l’apertura saranno in gran parte quelli contenuti all’interno dell’edizione del 1652 del volume rubensiano (stampato per la prima volta nel 1622) dove trovano posto 35 tra palazzi, ville suburbane e chiese cittadine. In un viaggio che esplora i palazzi del tardo Cinquecento e del Seicento, saranno aperti al pubblico i monumentali edifici di Via Balbi, dalla Galleria di Palazzo Reale ai palazzi dell’Università; le vie del centro storico con le clamorose opere d’arte conservate nella Galleria Nazionale della Liguria di Palazzo Spinola; le straordinarie ville suburbane d’Albaro e Sampierdarena accompagnate dalla superba Villa Pallavicino delle Peschiere.\r\n\r\nNon saranno, però, solo i luoghi “di Rubens” a fare da protagonisti: la prossima edizione dei Rolli Days, infatti, ritroverà un rinnovato e riallestito Palazzo Rosso, con la possibilità di visitare il settecentesco Appartamento di Anton Giulio II Brignole Sale, aperto al pubblico per la prima volta da poche settimane.\r\n\r\nImportante novità dell’edizione di ottobre sarà poi la possibilità di visitare il Conservatorio dei Fieschi.\r\n\r\nA condurre le visite nella maggior parte dei palazzi e dei siti aperti saranno come sempre i giovani Divulgatori Scientifici, professionisti del settore delle humanities pronti a coinvolgere i visitatori con il loro entusiasmo e la loro competenza.\r\n\r\nOltre alle tradizionali visite guidate la manifestazione sarà affiancata da eventi collaterali che accompagneranno il pubblico mostrando a tutti una Genova sempre più vivace dal punto di vista culturale.\r\n\r\n ","post_title":"Genova, dal 14 al 16 ottobre 2022 l'edizione autunnale dei Rolli Days","post_date":"2022-09-30T12:00:04+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664539204000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431433","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una fiera o un workshop virtuale organizzato con la tecnologia. Una realtà con l’obiettivo di rivoluzionare il settore degli incontri del mondo Travel. Per TravelMeetHub, una piattaforma alimentata da un software proprietario denominato 360Realistic3D® che permette la generazione di ambienti digitali immersivi e coinvolgenti, è questo il futuro.\r\n\r\nI fondatori di TravelMeetHub, Patrizia Allara e Luca Simoni, supportati da un team di esperti, dopo aver lanciato la start up Italy Wow nel 2019, hanno virato sugli eventi virtuali.\r\n\r\nAl TTG di Rimini Travel Meet Hub presenterà i primi due ambienti virtuali del turismo. «Dopo aver debuttato in diversi settori – spiega Patrizia Allara - puntiamo sul turismo sia perché lì ci siamo formati e siamo cresciuti sia perché crediamo che la nuova forma di marketing sia quella legata agli ambienti virtuali».\r\n\r\nIl primo Ambiente Virtuale è un vero e proprio Market Place 3d con una grafica molto realistica. «Si entra e si sceglie la struttura, il t.o., la destinazione o il comune da visitare – aggiunge Allara – Si può scaricare materiale, parlare con un assistente virtuale in lingua e prenotare direttamente strutture o servizi. Dal 2023 si potranno creare work shop virtuali, eventi, insomma diventerà un vero villaggio virtuale. Ogni partner potrà sfruttare i servizi a 360 gradi».\r\n\r\nIl secondo Ambiente Virtuale è il Tiramisù Land, un metaverso della Tiramisu World Cup. Sarà presente Stefano Serafini, campione internazionale di Tiramisù. Nel metaverso della Tiramisù World Cup sarà possibile preparare il tiramisù con i prodotti (brandizzati) della ricetta originale. Ci sarà la possibilità di partecipare a gare di allenamento all'interno dell'orangerie ; il partecipante avrà la possibilità di scegliere/selezionare il panorama (città di Treviso, Colline del Prosecco, Venezia, ecc.) e di accedere nonché interagire con i contenuti turistici proposti (ricette, siti, storie, ecc.). Pad. A3, stand 054.","post_title":"TravelMeetHub, la piattaforma lancia due nuovi ambienti virtuali per il turismo","post_date":"2022-09-30T10:59:22+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1664535562000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431415","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al via la seconda edizione del Festival del Turismo Esperienziale. In occasione della 42ª Giornata mondiale del turismo, proclamata dalla Organizzazione mondiale del turismo (Unwto), la manifestazione arriva alla sua seconda edizione con un format ricco di attività e novità, tese a favorire non solo la promozione ma anche la commercializzazione dell'offerta turistica esperienziale  italiana ed internazionale.\r\n \r\n\r\n«Raccontiamo come il mercato si sta adeguando a rispondere in maniera sempre più positiva e aderente alle richieste di nuovo turismo - spiega Nicola Ucci, creatore e organizzatore della manifestazione -. Oggi il visitatore si sente protagonista, prova delle emozioni e questo non è altro che un modo per creare un passaparola positivo». \r\n \r\nNella due giorni dell'evento, oltre 100 buyers avranno l'opportunità di scoprire l'offerta dei seller ed espositori accreditati e sarà possibile partecipare a workshop, incontri, momenti di networking,  tavole rotonde e opportunità formative. \r\n\r\n \r\nTra gli eventi in programma, anche la presentazione del libro \"Storie di una antica Caupona\" con l'imprenditore Francesco Di Martino, Salvatore Visciano, professore e presidente di Skal Pompei, e lo storico Flavio Russo, segiota dall'incontro \"I canali di vendita del turismo esperienziale\" con Antonino Percario, former president Skal Roma e Paolo Bartolozzi di Hotel GoGo.\r\n \r\nLe opportunità delle esperienze\r\n \r\nIl turismo esperienziale risponde alla necessità di ridistribuire i flussi e di destagionalizzare, grazie ad una tipologia di offerta che \"è spalmata sul territorio - continua Ucci -, e crea appeal con prodotti pluristagionali\". \r\n\r\n\r\n \r\n\r\nTra i prodotti più gettonati, quelli del turismo all'aria aperta, cicloturismo e trekking, oppure i cammini, non più solo spirituali ma di scoperta delle bellezze naturalistiche, degli aspetti tradizionali, degli usi e costumi dei luoghi attraversati. \"Si tratta di un'offerta che, paradossalmente, arricchisce sia domanda che offerta se ben organizzata\", riflette Ucci.\r\n \r\nTra i mercati stranieri più interessati al prodotto esperienziale, Ucci evidenzia la richiesta del \"mercato nordamericano e nordeuropeo, ma anche il Giappone, grazie all'appeal che questo tipo di mercato ha sui turisti repeaters\". \r\n \r\n\r\n \r\n\r\nIl turismo esperienziale valorizza i territori, anche quelli normalmente poco battuti, e permette di scoprire fino in fondo il territorio, l'ambiente naturale, l'enogastronomia, i piatti tipici, l'artigianato artistico. Un fenomeno importante, che riesce ad attivare nuove economie e nuove figure professionali\".\r\n \r\n","post_title":"Festival del turismo Esperienziale: a Roma l'Italia delle esperienze","post_date":"2022-09-30T10:34:00+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1664534040000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431406","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo un’assenza forzata di due anni la European tourism association è tornata con un evento in persona a Roma, nel nuovo hotel capitolino griffato Mama Shelter. Tra gli invitati, membri dell’associazione e colleghi del settore turistico italiano. L’evento è cominciato con una presentazione offerta da collaboratori e partners, tra cui Francesco Riggio, senior sales manager dmo Europe, Amadeus, Valentina Gualtieri, senior director of sales Italy & Malta, Amadeus, Martin Sapori, vice president sales Southern Europe, Accor, Luca Perfetto, ceo and co-Founder, To Italy Group, nonché Rino Vitelli, head of Eu projects and partnerships, Federturismo Confindustria.\r\n\r\nTemi dell'incontro, un excursus sulla stagione estiva 2022 e le opportunità per il 2023. Il segretario generale di Etoa, Tim Fairhurst, ha per parte sua fatto una breve introduzione sulle attività dell'associazione a livello locale ed europeo, mentre Danja Nebuloni, country representative Italy di Etoa, ha indicato i prossimi appuntamenti per il 2022. Dopo il panel, gli ospiti sono stati invitati sul rooftop dell’albergo per un aperitivo e una sessione di networking.","post_title":"A Roma un evento Etoa per fare il punto della situazione e valutare le opportunità del 2023","post_date":"2022-09-30T10:12:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1664532777000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431391","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione in ripresa per Tahiti, Polinesia e le sue isole che hanno accolto nuovamente i turisti italiani sfruttando i collegamenti da Parigi, Los Angeles e San Francisco. \"Abbiamo registrato dati interessanti tenendo conto che abbiamo iniziato a lavorare da aprile-maggio e che i dati sono ancora in ribasso ovviamente sul 2019, nonostante tutto i mesi di ottobre e novembre sono andati molto bene - ha commentato  Gabriele Cavallotti, rappresentante in Italia per Tahiti Tourisme, in occasione del roadshow organizzato a Milano e Roma -. La destinazione è trainata dalla Francia e dagli Usa, ma il mercato italiano potrebbe arrivare intorno ai 4.000 ospiti a chiusura anno; siamo senza dubbio ancora distanti dai livelli passati, ma siamo certi dell'alto potenziale\".\r\n\r\nLa promozione punta a nuovi segmenti ma anche su nuovi prodotti, \"per esempio sull'accoglienza delle guesthouse, le ville e le pensioni familiari, valorizzando anche le isole minore che richiedono una spesa più ridotta. Quindi andremo a lavorare su nuove fasce di clientela, non possiamo più limitarci ai viaggi di nozze, certamente  strategico, ma soprattutto intendiamo allargare la stagione, tranne febbraio e marzo\".\r\n\r\nPer il 2023 gli impegni dell'ente prevedono investimenti  con campagne verso  determinati segmenti di viaggio per valorizzare le differenti esperienze in destinazione verso gli high-end spenders, famiglie, ai senior e ai clienti LGBTQIA, accanto ad un focus per promuovere turismo sostenibile, ma anche charter nautici e crociere.\r\n\r\nLa capacità ricettiva della destinazione si attesta a 71.400 camere che corrisponde al 93% del 2019.  Al momento gli hotel stanno registrando occupazioni medie dell'84%, mentre è tornata a pieno regime la capacità aerea. \r\n\r\nLe agenzie e trade restano al centro delle strategie della commercializzazione. \"Il  2023 segnerà una stabilità in termini di numeri dal mercato italiano rafforzando il nostro impegno sul trade - spiega Cavallotti- oggi il 60,5% di emissione biglietteria aerea sulla destinazione proviene dalla adv e questo numero conferma l’importanza che riveste il segmento per la nostra destinazione. Infine, con il Tahiti Specialist Program dedicato alle agenzie abbiamo tra l’altro già raggiunto i 400 iscritti e moltissimi hanno ricevuto la certificazione.","post_title":"Tahiti Tourism punta sul trade per attrarre nuovi target","post_date":"2022-09-30T09:32:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664530335000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti