28 September 2022

Mediocredito centrale e Credimi: 26,6 milioni di euro per finanziare le imprese del Sud

[ 0 ]

Mediocredito Centrale e Credimi hanno siglato un accordo per finanziare il tessuto imprenditoriale delle piccole e medie imprese. L’operazione prevede lo stanziamento di 26,6 milioni di euro, di cui 25 milioni di euro da parte di Mediocredito Centrale e di ulteriori 1,6 milioni da parte di Credimi, che verranno utilizzati principalmente per portare liquidità alle imprese operanti nel Sud Italia e nelle isole, e in particolare nelle regioni di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. L’emissione andrà a finanziare le PMI attraverso la sottoscrizione dei veicoli di cartolarizzazione di Credimi.

Potranno accedere ai finanziamenti società di persone (sas e snc) e di capitali (srl e spa), con almeno due anni di vita, attraverso una procedura totalmente digitalizzata, una richiesta compilabile in pochi minuti sul sito web di Credimi, accessibile da qualsiasi device.

L’esito della richiesta, completo di preventivo con costi, piano di ammortamento e importo finanziabile, viene comunicato in tre giorni lavorativi a tutte quelle imprese valutate positivamente da Credimi. I finanziamenti, fino a 2 milioni di euro, avranno una durata di 5 anni di cui 1 anno di preammortamento, e saranno coperti dal Fondo di Garanzia per le PMI, gestito da MCC per conto del Ministero dello Sviluppo Economico.

Lo sforzo congiunto di Mcc e Credimi ha permesso di realizzare un’operazione a sostegno dell’economia reale e delle imprese che vorranno avere fondi per finanziare la ripresa e nuovi progetti.

Credimi è stato assistito da Gattai, Minoli, Partners mentre Mediocredito Centrale è stato coadiuvato da Simmons & Simmons.

«L’operazione sottoscritta con Credimi – ha dichiarato Bernardo Mattarella, amministratore delegato di Mediocredito Centrale – rappresenta una modalità innovativa per intervenire a sostegno dell’economia reale. Gli strumenti di alternative financing costituiscono una parte significativa della strategia messa in campo da MCC per realizzare la sua mission di banca a supporto delle PMI, in particolare del Mezzogiorno. Una strategia che intendiamo sviluppare ulteriormente avviando la collaborazione con il mondo del fintech che, al pari delle banche tradizionali, vogliamo affiancare come banca di secondo livello continuando, allo stesso tempo, a potenziare le nostre forme di intervento diretto”.

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431120 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per R Collection una stagione caratterizzata dal tutto esaurito, dal ritorno degli americani, in generale da una clientela che ha puntato su servizi personalizzati e su una vacanza tailor made. «Se è vero che gli americani sono stati numerosi è vero anche che i turisti italiani sono diminuiti  rispetto alla scorsa stagione – spiega Ludovica Rocchi, brand director R Collection – perché nel 2021 i confini erano ancora molto ristretti. Tra 2020 e 2021 gli italiani hanno avuto l’opportunità di scoprire il proprio paese e di apprezzare aree che magari non conoscevano». La R Collection include otto strutture: 4 sul Lago di Como – il Grand Hotel Victoria di Menaggio, il Royal Victoria, la Villa Cipressi di Varenna e l’Hotel Regina Olga a Cernobbio – tre a Milano – Mentana, City Life Poliziano, e Hotel King – e una in Liguria – il Grand Hotel Bristol Resort & Spa di Rapallo, nel Golfo del Tigullio. «La nostra è un’offerta di qualità che punta sul Made in Italy a 360 gradi – conclude Rocchi – dai prodotti dell’enogastronomia fino ai materiali che scegliamo per rinnovare le strutture. Portiamo avanti rapporti con aziende italiane per valorizzare l’artigianalità ed anche la sostenibilità”. Per quanto concerne i rapporti con il trade, l’obiettivo di R Collection è far conoscere le strutture per fare in modo che le agenzie di viaggi possano conoscere il prodotto da vicino e consigliarlo ai clienti. [post_title] => Per R Collection stagione con il tutto esaurito, obiettivo rafforzare rapporti con il trade [post_date] => 2022-09-27T10:24:30+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664274270000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431099 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per Snav una stagione in positivo. «Quella che si avvia a conclusione è stata un’estate di grande ripresa dopo due anni condizionati dalla pandemia e dall’aumento dei carburanti a causa del conflitto in Ucraina, con numeri grazie ai quali ci siamo avvicinati ai livelli del 2019 – commenta Giuseppe Langella Amministratore Delegato Snav Spa - Le linee sulle quali viaggiano le unità Snav hanno registrato finora un ottimo load factor, in particolare sulle tratte per Ischia-Casamicciola e Procida per quanto riguarda il Golfo di Napoli dove anche i collegamenti per Capri hanno confermato il loro tradizionale successo». Bilancio positivo anche per le Isole Eolie e le Isole Pontine e per le vendite sulla Croazia. Sulla linea adriatica Snav raccoglie i frutti della campagna vendita con tante tariffe promozionali senza dimenticare l’ottimo rapporto e collaborazione con l’Ente Croato del Turismo nella proposizione del territorio sul mercato italiano attraverso campagne stampa e radio. «Molte le novità per il 2023 – conclude l’ad Snav - Alcune di queste saranno dedicate agli agenti di viaggio con un piano di incentivazioni e regimi commissionali di sicuro interesse. Il trade rappresenta per noi un canale privilegiato per la vendita dei nostri servizi».   [post_title] => Snav, estate in ripresa. Per il 2023 piano di incentivazioni per il trade [post_date] => 2022-09-26T12:21:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664194877000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431091 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stato inaugurato lo scorso sabato, dopo un importante operazione di restauro, il Mandarin Oriental Palace, Luzern. La proprietà dispone di 136 camere, incluse 48 suite tra le più grandi di Lucerna, nonché quattro ristoranti e bar sotto la direzione dello chef stellato Gilad Peled, una spa e spazi per eventi. General manager dell'hotel è Christian Wildhaber. Dietro l’elaborata ristrutturazione ci sono gli architetti locali Iwan Bühler Architekten e gli interior designer londinesi Jestico + Whiles, che hanno creato un design contemporaneo, ispirato alla bellezza dei paesaggi svizzeri, pur preservando la storia dell’edificio. Per celebrare l'apertura, l'hotel offre due pacchetti di benvenuto per gli ospiti. A partire da  700 franchi svizzeri a notte, le proposte includono un soggiorno nelle camere con vista lago oppure nelle suite, una ricca colazione per due, un credito di 100 franchi (150 per le suite) per il servizio f&b, nonché una gamma di esperienze per scoprire la destinazione. [post_title] => Ha aperto i propri battenti il Mandarin Oriental Palace, Luzern [post_date] => 2022-09-26T11:49:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664192957000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431074 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Seychelles tornano ad essere una delle mete preferite dei viaggiatori: da gennaio e fino allo scorso 18 settembre, l'arcipelago ha registrato complessivamente 231.551 visitatori. I dieci principali mercati sono la Francia con 31.995 arrivi, seguita da Germania con 29.659, Russia con 19.899, poi Regno Unito e Irlanda del Nord con 15.505, Italia con 13.317, Emirati Arabi Uniti con 12.692, Svizzera con 10.244, Israele con 9.870, Stati Uniti con 6.415 e Austria con 5.814. Bene quindi, i numeri dall’Italia, che è tornata a rappresentare un paese di riferimento per le Seychelles. “Il turismo è ripreso con numeri estremamente importanti da diversi mercati soprattutto quelli europei, anche l’Italia ha raggiunto cifre che non si vedevano da un po' e questo ci fa estremamente piacere per il forte legame che ci unisce - afferma Bernadette Willemin, direttore generale marketing di Tourism Seychelles -. Le Seychelles contano di superare l’obiettivo fissato per quest’anno in termini di arrivi turistici, chiudendo l’anno con 300.000 visitatori e non prevedono alcuna crisi nel prossimo futuro". L'ente parteciperà anche quest'anno al Ttg Travel Experience, dove Bernadette Willemin sarà presente insieme a Danielle Di Gianvito, marketing representative di Tourism Seychelles in Italia, per promuovere la destinazione e incontrare vettori, to, agenzie di viaggio e giornalisti ad uno dei più importanti appuntamenti con il turismo in Italia. Sarà un’ottima occasione per confrontarsi con i partner della filiera sulle strategie da adottare nel prossimo futuro. [post_title] => Seychelles verso i 300.000 turisti nel 2022. Italia quinto mercato per numero di arrivi [post_date] => 2022-09-26T11:18:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664191117000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430992 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Presenze sopra le aspettative per l'estate e la primavera dei cinque Leonardo Hotels nelle città d'arte italiane: le presenze sono stati migliori delle previsioni sia per quanto riguarda gli individuali (a Roma e a Verona) sia per i gruppi (a Venezia e a Milano dove il gruppo conta due strutture). I tassi di occupazione durante l’estate hanno quindi raggiunto i livelli pre-Covid in tutte le strutture italiane, talvolta superandoli, con il Leonardo Boutique Roma Termini in cima alla lista. Anche la durata del soggiorno , soprattutto nelle destinazioni leisure (principalmente Roma) è aumentata del 50% nella categoria dei soggiorni di quattro notti e del 40% in quella dei soggiorni di cinque notti. Luglio è stato in particolare il mese più performante, con gli hotel che hanno registrato un'occupazione media superiore all'85%. In termini di nazionalità dei visitatori, l’Italia e la Germania sono i mercati principali per tutte le strutture, seguite da Stati Uniti, Inghilterra e Israele (non in quest’ordine per tutte le strutture). C’è anche un buon mix di altri Paesi europei (Francia, Svizzera, Spagna, Olanda). Il Leonardo Milano City Center da questo punto di vista rappresenta un'eccezione, in quanto la Cina è una delle prime tre regioni di provenienza degli ospiti per la struttura. In prospettiva, le previsioni sono molto positive anche per i prossimi mesi autunnali. Si prevede che settembre e ottobre superino gli anni pre-Covid in termini di richieste e prenotazioni, anche per quanto riguarda il business e gli eventi, specialmente per il segmento mice, grazie agli appuntamenti e alle fiere in programma. Il gruppo stima che a settembre e ottobre il tasso di occupazione delle strutture raggiungerà l’88-90% a Milano e l’86% a Mestre e Verona. ‘’È stata davvero un'estate con ottime performance per noi in Italia, e questi risultati confermano la qualità delle nostre scelte strategiche sul mercato; ci aspettiamo che questa performance positiva continui anche in autunno - commenta Yoram Biton, managing director Leonardo Hotels Central Europe -. L'Italia è una destinazione molto attrattiva e per questo motivo abbiamo in programma di espandere il nostro portfolio con nuovi hotel nei prossimi anni, non solo in altre destinazioni in città per il segmento business, ma anche verso mete leisure, al mare o sui laghi nel Nord Italia". I piani della compagnia per la nostra Penisola sono davvero ambiziosi. Già lo scorso maggio il gruppo aveva annunciato la prossima apertura di cinque nuove strutture, a cui dovrebbero farne seguito un'altra quindicina in cinque anni. [post_title] => Leonardo Hotels: in estate l'occupazione in Italia è tornata sopra i livelli pre-Covid [post_date] => 2022-09-23T09:55:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663926900000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Giappone torna ad accogliere i turisti individuali, senza visto, ed elimina il tetto massimo imposto al numero di arrivi giornalieri a partire dal prossimo 11 ottobre. La decisione, già anticipata dalla stampa, è stata comunicata dal primo ministro Fumio Kishida, durante la sua visita a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Dopo quasi due anni e mezzo di rigide restrizioni legate al contrasto della diffusione del Covid-19, il governo lancerà anche un programma di sconti per i viaggi a livello domestico. "Spero che molte persone lo utilizzino. Voglio sostenere il settori dei viaggi, dell'intrattenimento e altri che hanno avuto difficoltà durante la pandemia", ha dichiarato Kishida durante una conferenza stampa, ripreso dal Japan Times. La svolta Il Giappone aveva autorizzato l'ingresso dei turisti - in gruppi organizzati - lo scorso giugno; il 7 settembre, il governo aveva poi consentito l'ingresso ai turisti senza guida, che avevano però prenotato voli e hotel tramite agenzie di viaggio. Nel 2019 il Paese aveva accolto un numero record di 31,88 milioni di viaggiatori stranieri, cifra che è crollata a circa 250.000 nel 2021, a causa della chiusura delle frontiere. Il tetto massimo di arrivi giornalieri è stato aumentato gradualmente negli ultimi sei mesi, dai 5.000 del 1° marzo per arrivare progressivamente agli attuali 50.000.   [post_title] => Il Giappone riapre ai turisti individuali dall'11 ottobre [post_date] => 2022-09-23T08:45:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663922724000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430932 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuove aperture e restyling importanti per Sandals Resorts che mette a segno anche un traguardo inaspettato raggiungendo gli obiettivi del 2022 già a metà estate. Il tutto, in un anno davvero speciale, visto che la compagnia giamaicana festeggia il suo quarantesimo compleanno. Per quanto riguarda il nostro mercato, gli italiani che raggiungono i Sandals sono solitamente provenienti da un’estensione degli Usa, principalmente da Miami. Virgin con il solo scalo a Londra arricchisce poi l’offerta. Su Curaçao Klm garantisce inoltre il collegamento quotidiano sulla destinazione favorendo il singolo soggiorno balneare dall’Europa. “Il mercato tricolore ha risposto davvero bene – spiega Christian Casagrande, sales manager Southern Europe -. Anche se in termini numerici non si è superato il 2019, poiché è mancata quella parte importante di prenotazioni che va da ottobre a marzo che l’Italia ancora chiusa non poteva effettuare. Malgrado tutto c’è stata una performance inaspettata. In Europa l’Italia è un paese chiave per Sandals; dimostra infatti una capacità di spesa notevole. A oggi i numeri sono incoraggianti”. La preferenza, in generale, è per un soggiorno medio di sei notti dalla spesa media di 4.500 euro per camera. Antigua e Bahamas primeggiano tra i nostri connazionali; Ma sono molto apprezzati anche Turks & Caicos, così come Negril in Giamaica che rimane nell’immaginario italiano. La spiaggia resta l’elemento principale che caratterizza la scelta. Tra i restyling appena effettuati, da segnalare quindi la riapertura lo scorso 27 gennaio del Sandals Royal Bahamian (Bahamas), chiuso per alcuni mesi per un0operazione di rinnovamento multimilionario. Sono state eseguite diverse migliorie, dalle camere ai ristoranti, senza tralasciare il settore delle esperienze per gli ospiti. Sul fronte delle nuove apertura, ci sono il Beaches Resorts a St. Vincent e Grenadine; l’ex Jewel Dunn’s River Beach Resort & Spa a Ocho Rios e il Jewel Runaway Bay Beach Resort & Waterpark. Si aggiungono inoltre 48 nuove suite per il Sandals Royal Caribbean. Il Sandals Royal Curaçao è infine “una curiosa novità: è il primo resort in un’isola non parlante lingua inglese ma è anche il risultato di una scommessa vinta, il resort risulta sempre pieno”, conclude Casagrande. [post_title] => Casagrande, Sandals: l'Italia rimane un mercato chiave dall'elevata capacità di spesa [post_date] => 2022-09-22T11:13:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663845231000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430831 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un’iniziativa di sensibilizzazione alla salvaguardia ambientale, che ha coinvolto circa 150 persone, tra cui studenti e docenti delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo e secondo grado di Savona, Genova e del ponente ligure, presso la spiaggia libera del Priamar, per seguire un ricco programma di attività, che hanno avuto come tema comune la difesa delle coste e dei mari del nostro Paese. All'evento, che ha segnato anche il lancio ufficiale della nuova edizione del progetto Guardiani della Costa dedicato agli istituti scolastici, anche i cittadini di Savona, e i dipendenti di Costa Crociere, Europ Assistance e Decathlon di Vado Ligure. In occasione del World Cleanup Day, Costa Crociere Foundation ha organizzato a Savona il Guardiani della Costa for World Cleanup Day. Gli istituti superiori che aderiranno all’edizione 2022/23 del progetto adotteranno un tratto di costa dove effettuare osservazioni e rilevamenti sul campo. Docenti e studenti avranno accesso a una piattaforma online dedicata, nella quale saranno raccolti contenuti didattici come webcast, dispense e video-tutorial, creati appositamente grazie alla partecipazione di Enea, Olpa, fondazione Acquario di Genova onlus e Acquario di Genova. Per i docenti è prevista la partecipazione a webinar di formazione iniziale, che insieme alle unità didattiche online saranno attestati dall’ente formatore Scuola di robotica, accreditato dal Miur, e daranno diritto a ore di aggiornamento professionale (da un minimo di 30 a un massimo di 60 in base al percorso che si sceglierà di seguire). Per gli studenti la partecipazione a Guardiani della Costa può invece costituire un progetto Pcto (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento). Per le scuole primarie e secondarie di primo grado, inoltre, il materiale didattico messo a disposizione prevede contenuti, differenziati per fasce di età, che si inscrivono a pieno titolo nell’ambito dell’educazione civica. Anche per loro sono previsti approfondimenti dedicati ai docenti. I materiali sono accessibili ai seguenti link: https://www.guardianidellacosta.it/per-le-scuole-primarie/ https://www.guardianidellacosta.it/per-le-scuole-secondarie-di-i-grado/ “In un momento di forte dibattito sul futuro del pianeta, abbiamo voluto lanciare la nuova edizione dei Guardiani della Costa proprio a Savona, l’home port principale della nostra flotta, con un’azione concreta per la salvaguardia del mare e delle spiagge - spiega Davide Triacca, sustainability director di Costa Crociere e segretario generale della fondazione -. Guardiani della Costa è progetto unico nel suo genere: unisce la rilevazione scientifica alla didattica e alla sensibilizzazione dei giovani, che diventeranno così cittadini ancora più responsabili. Uno sguardo rivolto al futuro e agli obiettivi di sostenibilità dell’Agenda 2030 delle Nazioni unite”. [post_title] => E' partita da Savona la nuova edizione del progetto Guardiani della Costa per la tutela dei mari [post_date] => 2022-09-21T10:20:31+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663755631000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430802 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una colazione con i Motulenos (pasto tradizionale originario di Motul composto da uova fritte adagiate su una tortilla con fagioli neri e salsa di pomodori, prosciutto e piselli) per un inizio di giornata a Milano, sì, ma all’insegna dello Yucatan. Il 2022 è stato nominato l’anno della gastronomia yucateca. Una cucina ricca e antica, che si differenzia per regioni, come in Italia. La grande varietà gastronomica del Paese, legata alle tradizioni, alla ricchezza storica e culturale dei Maya, si traduce oggi in scoperta di sapori, di piatti ed esperienze culinarie considerata nuova tendenza e risorsa esperienziale, nuovo prodotto turistico per lo Yucatan. La campagna promozionale dal titolo 365 Sapori di Yucatan, un piatto per ogni giorno dell'anno, unita a nuove mete turistiche legate alla gastronomia, offre ai visitatori nuovi itinerari di degustazioni e lezioni di cucina tradizionale. “Lo Yucatan non è Cancun –  spiega Michelle Fridman, ministro del turismo dello stato dello Yucatan - La nostra sfida è proprio quella di mostrare le differenze. Inoltre, è una regione tra le più sicure al mondo, con livelli di sicurezza paragonabili alla Svezia, contrariamente al Messico che solitamente viene indicato dai media come una destinazione poco sicura". Culla della civiltà Maya con 18 aree archeologiche, unico posto al mondo con oltre 6 mila formazioni sotterranee di acqua, piscine naturali (cenotes), lo Yucatan offre una grande varietà di esperienze turistiche tra benessere, storia e cultura, mare e natura, ricchezza di paesaggi, che hanno dato vita anche al programma “365 esperienze turistiche” dello Yucatan. Esperienze turistiche per tutti i gusti ma anche sicurezza. La capitale Merida è considerata la seconda città più sicura del continente americano. “Lo Yucatan è lo stato più sicuro della Repubblica – conferma anche Maria de los Angeles Arriola Aguirre, console generale del Messico a Milano –. Spiaggia, cultura, natura, avventura, buon cibo, è ciò che cerca il turista italiano e che si aspetta di trovare in Messico. Il vero Messico è lo Yucatan. Lo Yucatan è autentico, è il Paese che lascia una memoria vera del Messico". Il centro dello Yucatan, a 11 ore di volo diretto dall’Italia su Cancun con Neos e 3 ore di strada, è raggiungibile anche da Merida via Miami, Huston e Toronto. Nel frattempo Neos sta lavorando ad un accordo con Viva Aerobus per raggiungere anche Merida. L'Italia si posiziona al quarto posto per arrivi europei. La promozione turistica della penisola dello Yucatan passa attraverso la programmazione ministeriale che al momento rimane legata alle iniziative di ambasciate e consolati e al sito web yucatan.travel.  [post_title] => Yucatan: la nuova scommessa turistica punta sulla gastronomia tradizionale [post_date] => 2022-09-21T09:00:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663750835000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "mediocredito centrale e credimi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":59,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1469,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431120","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per R Collection una stagione caratterizzata dal tutto esaurito, dal ritorno degli americani, in generale da una clientela che ha puntato su servizi personalizzati e su una vacanza tailor made.\r\n\r\n«Se è vero che gli americani sono stati numerosi è vero anche che i turisti italiani sono diminuiti  rispetto alla scorsa stagione – spiega Ludovica Rocchi, brand director R Collection – perché nel 2021 i confini erano ancora molto ristretti. Tra 2020 e 2021 gli italiani hanno avuto l’opportunità di scoprire il proprio paese e di apprezzare aree che magari non conoscevano».\r\n\r\nLa R Collection include otto strutture: 4 sul Lago di Como – il Grand Hotel Victoria di Menaggio, il Royal Victoria, la Villa Cipressi di Varenna e l’Hotel Regina Olga a Cernobbio – tre a Milano – Mentana, City Life Poliziano, e Hotel King – e una in Liguria – il Grand Hotel Bristol Resort & Spa di Rapallo, nel Golfo del Tigullio.\r\n\r\n«La nostra è un’offerta di qualità che punta sul Made in Italy a 360 gradi – conclude Rocchi – dai prodotti dell’enogastronomia fino ai materiali che scegliamo per rinnovare le strutture. Portiamo avanti rapporti con aziende italiane per valorizzare l’artigianalità ed anche la sostenibilità”.\r\n\r\nPer quanto concerne i rapporti con il trade, l’obiettivo di R Collection è far conoscere le strutture per fare in modo che le agenzie di viaggi possano conoscere il prodotto da vicino e consigliarlo ai clienti.","post_title":"Per R Collection stagione con il tutto esaurito, obiettivo rafforzare rapporti con il trade","post_date":"2022-09-27T10:24:30+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664274270000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431099","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per Snav una stagione in positivo. «Quella che si avvia a conclusione è stata un’estate di grande ripresa dopo due anni condizionati dalla pandemia e dall’aumento dei carburanti a causa del conflitto in Ucraina, con numeri grazie ai quali ci siamo avvicinati ai livelli del 2019 – commenta Giuseppe Langella Amministratore Delegato Snav Spa - Le linee sulle quali viaggiano le unità Snav hanno registrato finora un ottimo load factor, in particolare sulle tratte per Ischia-Casamicciola e Procida per quanto riguarda il Golfo di Napoli dove anche i collegamenti per Capri hanno confermato il loro tradizionale successo».\r\n\r\nBilancio positivo anche per le Isole Eolie e le Isole Pontine e per le vendite sulla Croazia.\r\nSulla linea adriatica Snav raccoglie i frutti della campagna vendita con tante tariffe promozionali senza dimenticare l’ottimo rapporto e collaborazione con l’Ente Croato del Turismo nella proposizione del territorio sul mercato italiano attraverso campagne stampa e radio.\r\n\r\n«Molte le novità per il 2023 – conclude l’ad Snav - Alcune di queste saranno dedicate agli agenti di viaggio con un piano di incentivazioni e regimi commissionali di sicuro interesse. Il trade rappresenta per noi un canale privilegiato per la vendita dei nostri servizi».\r\n\r\n ","post_title":"Snav, estate in ripresa. Per il 2023 piano di incentivazioni per il trade","post_date":"2022-09-26T12:21:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664194877000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431091","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' stato inaugurato lo scorso sabato, dopo un importante operazione di restauro, il Mandarin Oriental Palace, Luzern. La proprietà dispone di 136 camere, incluse 48 suite tra le più grandi di Lucerna, nonché quattro ristoranti e bar sotto la direzione dello chef stellato Gilad Peled, una spa e spazi per eventi. General manager dell'hotel è Christian Wildhaber.\r\n\r\nDietro l’elaborata ristrutturazione ci sono gli architetti locali Iwan Bühler Architekten e gli interior designer londinesi Jestico + Whiles, che hanno creato un design contemporaneo, ispirato alla bellezza dei paesaggi svizzeri, pur preservando la storia dell’edificio. Per celebrare l'apertura, l'hotel offre due pacchetti di benvenuto per gli ospiti. A partire da  700 franchi svizzeri a notte, le proposte includono un soggiorno nelle camere con vista lago oppure nelle suite, una ricca colazione per due, un credito di 100 franchi (150 per le suite) per il servizio f&b, nonché una gamma di esperienze per scoprire la destinazione.","post_title":"Ha aperto i propri battenti il Mandarin Oriental Palace, Luzern","post_date":"2022-09-26T11:49:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664192957000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431074","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Seychelles tornano ad essere una delle mete preferite dei viaggiatori: da gennaio e fino allo scorso 18 settembre, l'arcipelago ha registrato complessivamente 231.551 visitatori.\r\nI dieci principali mercati sono la Francia con 31.995 arrivi, seguita da Germania con 29.659, Russia con 19.899, poi Regno Unito e Irlanda del Nord con 15.505, Italia con 13.317, Emirati Arabi Uniti con 12.692, Svizzera con 10.244, Israele con 9.870, Stati Uniti con 6.415 e Austria con 5.814. Bene quindi, i numeri dall’Italia, che è tornata a rappresentare un paese di riferimento per le Seychelles.\r\n“Il turismo è ripreso con numeri estremamente importanti da diversi mercati soprattutto quelli europei, anche l’Italia ha raggiunto cifre che non si vedevano da un po' e questo ci fa estremamente piacere per il forte legame che ci unisce - afferma Bernadette Willemin, direttore generale marketing di Tourism Seychelles -. Le Seychelles contano di superare l’obiettivo fissato per quest’anno in termini di arrivi turistici, chiudendo l’anno con 300.000 visitatori e non prevedono alcuna crisi nel prossimo futuro\".\r\nL'ente parteciperà anche quest'anno al Ttg Travel Experience, dove Bernadette Willemin sarà presente insieme a Danielle Di Gianvito, marketing representative di Tourism Seychelles in Italia, per promuovere la destinazione e incontrare vettori, to, agenzie di viaggio e giornalisti ad uno dei più importanti appuntamenti con il turismo in Italia. Sarà un’ottima occasione per confrontarsi con i partner della filiera sulle strategie da adottare nel prossimo futuro.","post_title":"Seychelles verso i 300.000 turisti nel 2022. Italia quinto mercato per numero di arrivi","post_date":"2022-09-26T11:18:37+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664191117000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430992","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Presenze sopra le aspettative per l'estate e la primavera dei cinque Leonardo Hotels nelle città d'arte italiane: le presenze sono stati migliori delle previsioni sia per quanto riguarda gli individuali (a Roma e a Verona) sia per i gruppi (a Venezia e a Milano dove il gruppo conta due strutture). I tassi di occupazione durante l’estate hanno quindi raggiunto i livelli pre-Covid in tutte le strutture italiane, talvolta superandoli, con il Leonardo Boutique Roma Termini in cima alla lista. Anche la durata del soggiorno , soprattutto nelle destinazioni leisure (principalmente Roma) è aumentata del 50% nella categoria dei soggiorni di quattro notti e del 40% in quella dei soggiorni di cinque notti. Luglio è stato in particolare il mese più performante, con gli hotel che hanno registrato un'occupazione media superiore all'85%.\r\n\r\nIn termini di nazionalità dei visitatori, l’Italia e la Germania sono i mercati principali per tutte le strutture, seguite da Stati Uniti, Inghilterra e Israele (non in quest’ordine per tutte le strutture). C’è anche un buon mix di altri Paesi europei (Francia, Svizzera, Spagna, Olanda). Il Leonardo Milano City Center da questo punto di vista rappresenta un'eccezione, in quanto la Cina è una delle prime tre regioni di provenienza degli ospiti per la struttura.\r\n\r\nIn prospettiva, le previsioni sono molto positive anche per i prossimi mesi autunnali. Si prevede che settembre e ottobre superino gli anni pre-Covid in termini di richieste e prenotazioni, anche per quanto riguarda il business e gli eventi, specialmente per il segmento mice, grazie agli appuntamenti e alle fiere in programma. Il gruppo stima che a settembre e ottobre il tasso di occupazione delle strutture raggiungerà l’88-90% a Milano e l’86% a Mestre e Verona.\r\n\r\n‘’È stata davvero un'estate con ottime performance per noi in Italia, e questi risultati confermano la qualità delle nostre scelte strategiche sul mercato; ci aspettiamo che questa performance positiva continui anche in autunno - commenta Yoram Biton, managing director Leonardo Hotels Central Europe -. L'Italia è una destinazione molto attrattiva e per questo motivo abbiamo in programma di espandere il nostro portfolio con nuovi hotel nei prossimi anni, non solo in altre destinazioni in città per il segmento business, ma anche verso mete leisure, al mare o sui laghi nel Nord Italia\". I piani della compagnia per la nostra Penisola sono davvero ambiziosi. Già lo scorso maggio il gruppo aveva annunciato la prossima apertura di cinque nuove strutture, a cui dovrebbero farne seguito un'altra quindicina in cinque anni.","post_title":"Leonardo Hotels: in estate l'occupazione in Italia è tornata sopra i livelli pre-Covid","post_date":"2022-09-23T09:55:00+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663926900000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430982","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Giappone torna ad accogliere i turisti individuali, senza visto, ed elimina il tetto massimo imposto al numero di arrivi giornalieri a partire dal prossimo 11 ottobre. La decisione, già anticipata dalla stampa, è stata comunicata dal primo ministro Fumio Kishida, durante la sua visita a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.\r\n\r\nDopo quasi due anni e mezzo di rigide restrizioni legate al contrasto della diffusione del Covid-19, il governo lancerà anche un programma di sconti per i viaggi a livello domestico. \"Spero che molte persone lo utilizzino. Voglio sostenere il settori dei viaggi, dell'intrattenimento e altri che hanno avuto difficoltà durante la pandemia\", ha dichiarato Kishida durante una conferenza stampa, ripreso dal Japan Times.\r\nLa svolta\r\nIl Giappone aveva autorizzato l'ingresso dei turisti - in gruppi organizzati - lo scorso giugno; il 7 settembre, il governo aveva poi consentito l'ingresso ai turisti senza guida, che avevano però prenotato voli e hotel tramite agenzie di viaggio.\r\n\r\nNel 2019 il Paese aveva accolto un numero record di 31,88 milioni di viaggiatori stranieri, cifra che è crollata a circa 250.000 nel 2021, a causa della chiusura delle frontiere. Il tetto massimo di arrivi giornalieri è stato aumentato gradualmente negli ultimi sei mesi, dai 5.000 del 1° marzo per arrivare progressivamente agli attuali 50.000.\r\n\r\n ","post_title":"Il Giappone riapre ai turisti individuali dall'11 ottobre","post_date":"2022-09-23T08:45:24+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1663922724000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430932","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuove aperture e restyling importanti per Sandals Resorts che mette a segno anche un traguardo inaspettato raggiungendo gli obiettivi del 2022 già a metà estate. Il tutto, in un anno davvero speciale, visto che la compagnia giamaicana festeggia il suo quarantesimo compleanno. Per quanto riguarda il nostro mercato, gli italiani che raggiungono i Sandals sono solitamente provenienti da un’estensione degli Usa, principalmente da Miami. Virgin con il solo scalo a Londra arricchisce poi l’offerta. Su Curaçao Klm garantisce inoltre il collegamento quotidiano sulla destinazione favorendo il singolo soggiorno balneare dall’Europa.\r\n\r\n“Il mercato tricolore ha risposto davvero bene – spiega Christian Casagrande, sales manager Southern Europe -. Anche se in termini numerici non si è superato il 2019, poiché è mancata quella parte importante di prenotazioni che va da ottobre a marzo che l’Italia ancora chiusa non poteva effettuare. Malgrado tutto c’è stata una performance inaspettata. In Europa l’Italia è un paese chiave per Sandals; dimostra infatti una capacità di spesa notevole. A oggi i numeri sono incoraggianti”. La preferenza, in generale, è per un soggiorno medio di sei notti dalla spesa media di 4.500 euro per camera. Antigua e Bahamas primeggiano tra i nostri connazionali; Ma sono molto apprezzati anche Turks & Caicos, così come Negril in Giamaica che rimane nell’immaginario italiano. La spiaggia resta l’elemento principale che caratterizza la scelta.\r\n\r\nTra i restyling appena effettuati, da segnalare quindi la riapertura lo scorso 27 gennaio del Sandals Royal Bahamian (Bahamas), chiuso per alcuni mesi per un0operazione di rinnovamento multimilionario. Sono state eseguite diverse migliorie, dalle camere ai ristoranti, senza tralasciare il settore delle esperienze per gli ospiti. Sul fronte delle nuove apertura, ci sono il Beaches Resorts a St. Vincent e Grenadine; l’ex Jewel Dunn’s River Beach Resort & Spa a Ocho Rios e il Jewel Runaway Bay Beach Resort & Waterpark. Si aggiungono inoltre 48 nuove suite per il Sandals Royal Caribbean. Il Sandals Royal Curaçao è infine “una curiosa novità: è il primo resort in un’isola non parlante lingua inglese ma è anche il risultato di una scommessa vinta, il resort risulta sempre pieno”, conclude Casagrande.","post_title":"Casagrande, Sandals: l'Italia rimane un mercato chiave dall'elevata capacità di spesa","post_date":"2022-09-22T11:13:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663845231000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430831","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un’iniziativa di sensibilizzazione alla salvaguardia ambientale, che ha coinvolto circa 150 persone, tra cui studenti e docenti delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo e secondo grado di Savona, Genova e del ponente ligure, presso la spiaggia libera del Priamar, per seguire un ricco programma di attività, che hanno avuto come tema comune la difesa delle coste e dei mari del nostro Paese. All'evento, che ha segnato anche il lancio ufficiale della nuova edizione del progetto Guardiani della Costa dedicato agli istituti scolastici, anche i cittadini di Savona, e i dipendenti di Costa Crociere, Europ Assistance e Decathlon di Vado Ligure.\r\n\r\nIn occasione del World Cleanup Day, Costa Crociere Foundation ha organizzato a Savona il Guardiani della Costa for World Cleanup Day. Gli istituti superiori che aderiranno all’edizione 2022/23 del progetto adotteranno un tratto di costa dove effettuare osservazioni e rilevamenti sul campo. Docenti e studenti avranno accesso a una piattaforma online dedicata, nella quale saranno raccolti contenuti didattici come webcast, dispense e video-tutorial, creati appositamente grazie alla partecipazione di Enea, Olpa, fondazione Acquario di Genova onlus e Acquario di Genova. Per i docenti è prevista la partecipazione a webinar di formazione iniziale, che insieme alle unità didattiche online saranno attestati dall’ente formatore Scuola di robotica, accreditato dal Miur, e daranno diritto a ore di aggiornamento professionale (da un minimo di 30 a un massimo di 60 in base al percorso che si sceglierà di seguire). Per gli studenti la partecipazione a Guardiani della Costa può invece costituire un progetto Pcto (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento).\r\n\r\nPer le scuole primarie e secondarie di primo grado, inoltre, il materiale didattico messo a disposizione prevede contenuti, differenziati per fasce di età, che si inscrivono a pieno titolo nell’ambito dell’educazione civica. Anche per loro sono previsti approfondimenti dedicati ai docenti. I materiali sono accessibili ai seguenti link:\r\nhttps://www.guardianidellacosta.it/per-le-scuole-primarie/\r\nhttps://www.guardianidellacosta.it/per-le-scuole-secondarie-di-i-grado/\r\n\r\n“In un momento di forte dibattito sul futuro del pianeta, abbiamo voluto lanciare la nuova edizione dei Guardiani della Costa proprio a Savona, l’home port principale della nostra flotta, con un’azione concreta per la salvaguardia del mare e delle spiagge - spiega Davide Triacca, sustainability director di Costa Crociere e segretario generale della fondazione -. Guardiani della Costa è progetto unico nel suo genere: unisce la rilevazione scientifica alla didattica e alla sensibilizzazione dei giovani, che diventeranno così cittadini ancora più responsabili. Uno sguardo rivolto al futuro e agli obiettivi di sostenibilità dell’Agenda 2030 delle Nazioni unite”.","post_title":"E' partita da Savona la nuova edizione del progetto Guardiani della Costa per la tutela dei mari","post_date":"2022-09-21T10:20:31+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663755631000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430802","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Una colazione con i Motulenos (pasto tradizionale originario di Motul composto da uova fritte adagiate su una tortilla con fagioli neri e salsa di pomodori, prosciutto e piselli) per un inizio di giornata a Milano, sì, ma all’insegna dello Yucatan. Il 2022 è stato nominato l’anno della gastronomia yucateca. Una cucina ricca e antica, che si differenzia per regioni, come in Italia. La grande varietà gastronomica del Paese, legata alle tradizioni, alla ricchezza storica e culturale dei Maya, si traduce oggi in scoperta di sapori, di piatti ed esperienze culinarie considerata nuova tendenza e risorsa esperienziale, nuovo prodotto turistico per lo Yucatan. La campagna promozionale dal titolo 365 Sapori di Yucatan, un piatto per ogni giorno dell'anno, unita a nuove mete turistiche legate alla gastronomia, offre ai visitatori nuovi itinerari di degustazioni e lezioni di cucina tradizionale.\r\n\r\n“Lo Yucatan non è Cancun –  spiega Michelle Fridman, ministro del turismo dello stato dello Yucatan - La nostra sfida è proprio quella di mostrare le differenze. Inoltre, è una regione tra le più sicure al mondo, con livelli di sicurezza paragonabili alla Svezia, contrariamente al Messico che solitamente viene indicato dai media come una destinazione poco sicura\".\r\n\r\nCulla della civiltà Maya con 18 aree archeologiche, unico posto al mondo con oltre 6 mila formazioni sotterranee di acqua, piscine naturali (cenotes), lo Yucatan offre una grande varietà di esperienze turistiche tra benessere, storia e cultura, mare e natura, ricchezza di paesaggi, che hanno dato vita anche al programma “365 esperienze turistiche” dello Yucatan. Esperienze turistiche per tutti i gusti ma anche sicurezza. La capitale Merida è considerata la seconda città più sicura del continente americano.\r\n\r\n“Lo Yucatan è lo stato più sicuro della Repubblica – conferma anche Maria de los Angeles Arriola Aguirre, console generale del Messico a Milano –. Spiaggia, cultura, natura, avventura, buon cibo, è ciò che cerca il turista italiano e che si aspetta di trovare in Messico. Il vero Messico è lo Yucatan. Lo Yucatan è autentico, è il Paese che lascia una memoria vera del Messico\".\r\n\r\nIl centro dello Yucatan, a 11 ore di volo diretto dall’Italia su Cancun con Neos e 3 ore di strada, è raggiungibile anche da Merida via Miami, Huston e Toronto. Nel frattempo Neos sta lavorando ad un accordo con Viva Aerobus per raggiungere anche Merida. L'Italia si posiziona al quarto posto per arrivi europei.\r\n\r\nLa promozione turistica della penisola dello Yucatan passa attraverso la programmazione ministeriale che al momento rimane legata alle iniziative di ambasciate e consolati e al sito web yucatan.travel. ","post_title":"Yucatan: la nuova scommessa turistica punta sulla gastronomia tradizionale","post_date":"2022-09-21T09:00:35+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663750835000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti