22 February 2024

Jelinic: «Ci sono 7 miliardi di Fondi europei. Rischiamo di perderli»

[ 0 ]
Amministratore delegato Enit

Ivana Jelinic amministratore delegato di Enit

«Ci sono ben 7 miliardi di Euro già disponibili dai Fondi Strutturali Europei che potrebbero essere investiti in turismo. Rischiamo di restituirli all’Europa qualora le regioni non dovessero spenderli – Così inizia Ivana Jelinic, trpesidente di Fiavet nazionale, nel giorno in cui le agenzie di viaggio riaprono dopo due mesi chiusura -. Parliamo di fondi che sono già disponibili. Con la flessibilità introdotta dalla Commissione  europea a causa del Covid19 sono già state derogate due importanti norme: gli aiuti de minimis a 200 mila euro, ovvero non c’è più il limite di concedere aiuti sotto i 200 mila euro e l’uso esclusivo per le regioni del sud. Inoltre abbiamo sollecitato il governo nell’uso di strumenti europei: Recovery Plan la cui approvazione è prevista per fine Maggio e che anche su iniziativa della presidenza croata potrebbe in buona misura essere concentrata sul settore turismo e così come il Piano de Prestiti Bei. Si tratta di prestiti pari a 248 miliardi di euro che hanno un lungo tasso di rimborso e potrebbero essere utilizzati per il turismo». 
 
Intanto la presidente di Fiavet enfatizza la vittoria sulla Lufthansa affermando che si tratta di  una «Sentenza davvero storica quella del Tribunale di Milano – ha concluso Jelinic –  che dà ragione a noi della  Fiavet contro Lufthansa decretando l’illegittimità della decisione della compagnia aerea tedesca di modificare unilateralmente il contratto con le agenzie di viaggi riducendo la commissione dall’1 allo 0,1%, stabilita nel gennaio 2016». 
Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461818 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Armenia investe sul mercato italiano e, attraverso il Tourism Committee of Armenia, affida le attività di comunicazione e promozione nel nostro Paese a  Mark PR di Nadia Pasqual, profonda conoscitrice della destinazione. Nel 2023, secondo i dati dell'ente del turismo, gli arrivi dall’Italia sono stati 14.273 pari ad una crescita del +22,6% sul 2019,  quando i visitatori italiani paese avevano toccato quota 11.639. Il mercato italiano riserva, quindi, un grande potenziale di crescita, grazie ai voli diretti da Milano Malpensa (Wizz Air e Flyone Armenia), Roma Fiumicino e Venezia Marco Polo (Wizz Air), che si aggiungono ai collegamenti con scalo negli hub europei delle maggiori compagnie aeree. «Stiamo aumentando i nostri sforzi per presentare l’Armenia al mercato italiano e siamo entusiasti della prospettiva di creare legami più stretti - ha dichiarato Sisian Boghossian, direttrice del Tourism Committee of Armenia -. Con la comodità dei voli diretti, è molto facile raggiungere l’Armenia, che senza dubbio affascinerà i visitatori con la ricchezza dei suoi tesori culturali. Mentre accogliamo sempre più turisti dall’Italia, siamo certi che le esperienze e le attività che abbiamo lanciato contribuiranno a svelare tutto il fascino dell’Armenia. Dai paesaggi mozzafiato, al ricco patrimonio culturale e alla calorosa ospitalità, siamo fiduciosi che questa connessione ispirerà gli italiani a esplorare le meraviglie dell'Armenia e a creare ricordi duraturi». La piccola repubblica del Caucaso meridionale, è nota per il ricco patrimonio culturale e gli ambienti naturali di grande fascino, con altopiani e vallate che si aprono tra montagne che arrivano a superare i 4.000 m slm. Una civiltà, quella armena, che vanta tremila anni di storia, una lingua unica e un alfabeto originale. L’offerta turistica dell’Armenia è diversificata intorno a quattro grandi temi: cultura, enogastronomia, natura e avventura, senza dimenticare gli eventi di richiamo internazionale. [gallery ids="461826,461830,461827"]     [post_title] => L'Armenia investe sulle potenzialità del mercato Italia [post_date] => 2024-02-20T09:15:20+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708420520000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461601 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli Stati Uniti varano un piano miliardario per il rinnovo degli aeroporti: secondo quando reso noto ieri dalla Casa Bianca il governo stanzierà quasi un miliardo di dollari per diversi progetti. Gran parte di questi fondi (970 milioni di dollari) saranno utilizzati per creare corridoi più ampi, sistemi di gestione bagagli più efficienti e gate aggiuntivi in 114 aeroporti di tutto il Paese. I fondi serviranno anche a garantire che gli scali siano conformi alle norme di accessibilità Ada (Americans with Disabilities Act). "Stiamo vivendo una fase di investimenti e miglioramenti senza precedenti in tutte le infrastrutture del nostro Paese", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg. Tra gli scali individuati per ricevere le sovvenzioni ci sono sia realtà enormi come l'O'Hare di Chicago sia aeroporti più piccoli come l'Appleton del Wisconsin.  Gli aeroporti sono stati un punto dolente per gli Stati Uniti: mntre gli aeroporti europei e asiatici beneficiano di una vasta gamma di negozi e ristoranti di lusso, la maggior parte degli scali statunitensi non dispone di tali servizi. L'amministrazione Biden ha stanziato un totale di 3 miliardi di dollari in finanziamenti per gli aeroporti sui 25 miliardi stanziati dalla legge bipartisan sulle infrastrutture. [post_title] => Il governo degli Stati Uniti stanzia un miliardo di dollari per il rinnovo degli aeroporti [post_date] => 2024-02-16T09:37:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708076257000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461582 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno con ogni probabilità Milano, Roma e Pisa le prime tre destinazioni italiane di Líbere Hospitality Group: compagnia spagnola di ospitalità ibrida, sul modello dei tedeschi di Numa per intenderci, Lhg è stata fondata a Bilbao a fine 2020 dall’imprenditore Jon Uriarte. Oggi guidata dai due ceo Antón de la Rica e Mikel Rodriguez, in soli tre anni ha raggiunto nel 2023 i 12 milioni di euro di fatturato (erano 8,5 milioni nel 2022) e punta a espandersi anche oltre confine, a partire da Portogallo e Italia. "A maggio dell'anno scorso abbiamo aperto la nostra sede a Milano, seguita a stretto giro da quella di Lisbona - spiega l'head of business development di Lhg Italia, Niccolò Pravettoni -. Nel 2024 puntiamo già ad aprire circa 500 unità abitative nella nostra Penisola, per una decina di strutture complessive. Un target che rappresenta un terzo degli obiettivi di crescita dell'intera compagnia, che a oggi vanta un portfolio complessivo di 1.500 chiavi distribuite in 35 proprietà, tra indirizzi attivi e in pipeline. Tra poco, in particolare, dovremmo chiudere gli accordi per le nostre prime tre strutture tricolori, a Roma, Milano e Pisa: si tratterà di due serviced apartments e di un hotel". Target, immobili cielo-terra dalle 20 chiavi in su La compagnia concentra infatti le proprie attività soprattutto sui centri urbani, primari e secondari (capoluoghi di provincia e di regione dai 100 mila abitanti in su), affittando  immobili cielo-terra con contratti ibridi (fisso più variabile), solitamente nove più nove. "I nostri partner sono piuttosto variegati. Ci confrontiamo certo con gli investitori istituzionali, come fondi, asset management company e family office importanti. Ma essendo in grado di gestire anche strutture piccole, dalle 20 unità abitative in su, ci rivolgiamo pure alle famiglie. Partner che in noi possono trovare un interlocutore unico in grado, nel caso soprattutto degli appartamenti, di liberarli dalla gestione delle parti comuni e di offrire garanzie generalmente superiori a quelle degli inquilini tradizionali". Roi in doppia cifra percentuale nelle zone semi-periferiche e nelle location secondarie Interessante anche l'offerta in termini di ritorno sull'investimento. "Il roi dipende ovviamente dalle location e dall'intervento che ci apprestiamo a compiere. Solitamente, infatti, al momento dell'accordo, interveniamo con il nostro team di architetti e designer, che a quattro mani con la proprietà ridefinisce il prodotto, per renderlo riconoscibile come una struttura Lhg e in linea con le nostre esigenze di gestione. Dopodiché, potendo godere di una marginalità che nel 2023 è stata superiore al 57% (gop), supportata da un'occupazione media dell'80%, possiamo quasi sempre garantire rendimenti superiori alla media. In zone semi-periferiche di grandi città quali Milano, o in destinazioni secondarie, abbiamo persino la possibilità arrivare  in doppia cifra percentuale. Grazie a un aumento di capitale da 6 milioni di euro dello scorso dicembre, in alcuni specifici casi siamo pure in grado di offrire del key money, sottoforma di investimenti Capex per il rinnovamento e il riposizionamento degli stabili, andando in questo modo oltre la parte ff&e". Lìbere, B46 e Nitly i tre brand del gruppo Il gruppo declina la propria offerta in tre brand distinti, per un'offerta che si rivolge ai mercati di soggiorni medi e brevi: lìbere è un marchio dedicato alla fascia alta del mercato. I suoi spazi sono caratterizzati da un design basato su tendenze armoniche con un largo impiego di legno naturale. Le strutture sono spesso ubicate in luoghi di prestigio all'interno delle città in cui si trovano. B48 è anch’esso un brand posizionato nel segmento upscale - upper upscale, sia per l’ubicazione degli asset, sia per il design. A differenza di Líbere, ogni proposta di questo marchio è però diversa da tutte le altre: ogni appartamento ha un design originale, con soluzioni spesso vivaci ed eclettiche. Naitly infine è un brand più fresco, orientato a un pubblico giovane, mosso dal desiderio di scoprire posti nuovi. Un'offerta limited service con grande focus sulla parte tecnologica "In linea generale la nostra offerta si posiziona mediamente nel segmento upscale, ma il prodotto spazia anche nel midscale e nell'upper upscale, a seconda di location e situazioni specifiche - conclude Pravettoni -. La  proposta poggia su una fortissima componente tecnologica, che garantisce flessibilità e automazione dei processi, tanto da permetterci di abbattere mediamente i costi operativi del 40%, rispetto agli approcci più tradizionali. Oltre al nostro customer care, disponibile h24, sette giorni su sette, via telefono, Whatsapp e tramite la maggior parte dei canali digitali, ciascuna proprietà è dotata anche di una reception con personale sempre disponibile o reperibile velocemente (chiamato hospitality hero, ndr). Per mantenere snelle le nostre procedure, solitamente limitiamo l'offerta di servizi accessori. Per quanto riguarda gli hotel, per esempio, cerchiamo soprattutto strutture a 3 stelle, possibilmente senza spa e centro congressi. Reparto piani e lavanderia sono sempre in outsourcing, mentre noi ci occupiamo dell'ospitalità e in alcuni casi dell'f&b, con concept proprietari attualmente in fase di sviluppo". Massimiliano Sarti       [post_title] => L'ospitalità ibrida di Lhg sbarca in Italia: si inizia da Roma, Milano e Pisa [post_date] => 2024-02-15T13:23:22+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708003402000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461549 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Sustainability is a never ending process!”. Questa frase ben rappresenta il percorso dell’Hotel Milano Scala che, nato nel 2010 con l’obiettivo di essere la prima struttura ricettiva a emissioni zero nel capoluogo lombardo, ha ora ottenuto la certificazione dca esg di Dream&Charme, l’organismo autorizzato da Accredia secondo la direttiva approvata dal Parlamento europeo il 17 gennaio 2024. La certificazione garantisce la sostenibilità e l’affidabilità. «I nostri metri di valutazione utilizzano nove macro-parametri che fanno riferimento all’Agenda 2030 di Sdg e comprendono 1.200 criteri di valutazione. - afferma Giorgio Caire di Lauzet, ceo di Dream&Charme -. Un team composto da diversi auditor ha verificato tutti gli aspetti relativi alla gestione della struttura». E i risultati sono positivi. «In questi anni abbiamo sviluppato con impegno i temi legati alla cultura, siamo a un passo dalla Scala e l’hotel respira e racconta la musica lirica, nonché quelli che riguardano la natura. - sottolinea Vittorio Modena, a.d. del Milano Scala - Il nostro percorso è un’attitudine ad adottare le nuove tecnologie che vengono proposte. Abbiamo creato l’orto in terrazza, abbiamo acquisito una macchina elettrica. Nel 2019, abbiamo cambiato i filtri della purificazione dell’aria, utilizzando i famosi Mitsubishi F9, che permettono di abbattere del 90% le polveri sottili. Recentemente abbiamo creato un ulteriore orto nei piani interrati, usando dei dispositivi per fare il compostaggio. È un percorso, perché non si può parlare di un obiettivo finale: l’impatto zero non esiste, neppure in natura. Noi ci siamo prodigati per avere le emissioni Zero e seguiamo le evoluzioni del settore». Frattanto il Milano Scala ha implementato le pompe della Mitsubishi che si trovano all’interno della struttura: l’innovativo impianto di climatizzazione e produzione di acqua calda a recupero di calore opera senza immettere agenti inquinanti nell’atmosfera e assicura un risparmio energetico tra il 35% e i 45% rispetto a un sistema tradizionale e una riduzione delle emissioni di Co2 del 40% - 60% rispetto a una caldaia a gas o caldaia tradizionale. La struttura ha anche aderito al progetto di economia circolare che prevede la raccolta differenziata e il riciclo dei rifiuti organici e riciclabili prodotti al proprio interno, installando due sistemi di auto compostaggio. Grazie al Borsino Rifiuti, lo scarto prodotto viene poi riciclato e trasformato in materia prima, successivamente utilizzata per la produzione di prodotti a impatto ambientale ridotto. «Ho realizzato una smart circular city, dove tutti i produttori di rifiuti diventano protagonisti della gestione ambientale del rifiuto e, successivamente, della produzione delle materie prime che ne derivano - spiega Gianluca Borsino, fondatore dello stesso Borsino Rifiuti -. Abbiamo coinvolto il Milano Scala per migliorare la sua raccolta differenziata. Nasce così quella sostenibilità reale che porta dai rifiuti raccolti sul territorio ai prodotti di consumo venduti nei supermercati della zona. I prodotti realizzati sono brandizzati come "prodotto 100% circolare, salviamo il pianeta”. Il nostro progetto ha ottenuto il riconoscimento dell’Ambrogino delle imprese da parte della Camera di commercio». L’impegno de Milano Scala è anche rivolto alla città, sostenendo l’iniziativa del comune nata per prendersi cura degli alberi danneggiati dalla tempesta del luglio 2023. «Abbiamo bisogno di esempi virtuosi come quello del Milano Scala che, oltre a confermarsi un’eccellenza in sostenibilità, ha deciso di sostenere la raccolta fondi Milano per gli alberi - conclude Elena Grandi, assessora all’Ambiente e verde del comune di Milano -. È un segno di restituzione importante. Pubblico e privato devono sempre camminare insieme. Sarà un grande vantaggio se i progetti dell’hotel diventeranno virali, coinvolgendo tutto il mondo alberghi e horeca, anche in vista delle Olimpiadi». [post_title] => Al Milano Scala il certificato dca esg di Dream&Charme. Un impegno a 360 gradi [post_date] => 2024-02-15T12:07:44+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707998864000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461186 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà messo in vendita entro la fine di febbraio il 49% della quota di 2i Aeroporti detenuta dal fondo francese Ardian e da Credit Agricole Assurances, che l’hanno acquisita nel 2015 attraverso la lussemburghese Cavour Aero.  La holding 2i Aeroporti, in cui è presente al 51% il fondo italiano F2i, partecipa in un gran numero delle società di gestione aeroportuali italiane: nel dettaglio, detiene il 100% di Sagat (aeroporto di Torino), l’83,125% di Gesac (aeroporti di Napoli e Salerno), il 55% di Trieste Airport, il 36,39% di Sea (società di gestione degli scali di Milano Linate e Malpensa), il 4,09% di AdB (aeroporto di Bologna) e controlla con F2i Aeroporti 2 sgr il 71,25% di Sogeaal (aeroporto di Alghero) e l’80% di Geasar (aeroporto Olbia Costa Smeralda). Il valore della quota sul mercato, secondo quanto anticipato da La Stampa, è stimato intorno al miliardo di euro. All’acquisto sarebbero interessati fondi di investimento, fondi sovrani e fondi pensione, compagnie assicurative e gestori di infrastrutture. Nel pool di pretendenti ci sarebbero Brookfield e JP Morgan asset management, Axa e Swiss Life, British Columbia investment, ma anche fondi emiratini e qatarioti. Alcune fonti riportano anche l’interesse che sarebbe stato manifestato da Interogo, appartenente alla famiglia Kamprad, proprietaria di Ikea. [post_title] => 2i Aeroporti: in vendita il 49% oggi nelle mani di Ardian e Credit Agricole Assurances [post_date] => 2024-02-09T10:41:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707475308000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460864 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione di Bit Milano 2024, Rovigo Convention & Visitors Bureau ha presentato i nuovi strumenti di marketing, comunicazione e promozione turistica del suo territorio. Si tratta di ulteriori risorse che vanno a implementare un dialogo sempre più diretto con il visitatore, a sottolineare le molte opportunità che offre una stagione tutta da vivere e da scoprire nelle terre fra Adige Po, tra arte, storia, cultura, enogastronomia e natura. Si tratta di ville, palazzi e luoghi sacri che custodiscono piccoli e grandi tesori. «Per accompagnare la scoperta dell’offerta turistica che di anno in anno si arricchisce, il Rovigo Convention & Visitors Bureau, da sempre attivo nella promozione di viaggi leisure & business, ha creato nuovi strumenti e altrettante occasioni per una vacanza in questi luoghi - spiega Cristina Regazzo, responsabile di Rovigo Cvb -. L’intensa attività svolta ha permesso infatti di creare, supportare e avviare ulteriori asset e iniziative, grazie in particolare al sostegno di Camera di commercio Venezia-Rovigo, fondazione Cariparo e Gal Adige, associazione costituita da un partenariato pubblico-privato che si occupa della valorizzazione rurale di 17 comuni del Polesine attraverso fondi comunitari». In rassegna tutti gli strumenti: le prime sei brochure tematiche, cinque video dedicati agli itinerari open-air e un portale web che continuerà il suo sviluppo nel 2024, collegandosi al dms regionale. In più, altri due video: per la promozione delle terre fra Adige-Po come destinazione wedding e come meta meeting & eventi, nell’ambito delle azioni realizzate con la rete regionale Venice region convention bureau betwork. Il tutto, senza tralasciare la versione in inglese dell’app Discover Rovigo, divisa in quattro volumi tematici: Rovigo, piccola ma sorprendente, Delta del Po, la Vita è una giostra, “Saperi e sapori. Nuovi siti culturali apriranno inoltre i battenti nel 2024. In particolare il museo diocesano della cattedrale di Adria-Rovigo il cui vernissage è previsto per settembre, vanterà un susseguirsi di sale caratterizzate da nuclei a tema, con opere provenienti da tutta la diocesi, come quelle della quadreria della pinacoteca del Seminario, argenti e suppellettili, la Madonna della Vita e il polittico di Raccano (opere di Michele da Firenze in terracotta dipinta del ‘400 padano).  Tornano poi le grandi mostre di palazzo Roverella a Rovigo. In linea con i successi di Kandinskij e Renoir, il 2024 accende i riflettori su un altro artista francese tra i più rappresentativi della Parigi di fine secolo: Henry Toulouse-Lautrec (dal 23 febbraio al 30 giugno). L'esposizione è promossa dalla fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo con il comune di Rovigo e l’accademia dei Concordi. Il 2024 è infine anche anno di celebrazioni importanti, come i 100 dalla morte di Giacomo Matteotti, grande uomo politico polesano, pubblico amministratore, molto attivo e impegnato nell’attività sindacale delle cooperative e nell’attività parlamentare, segretario del partito Socialista Unitario. La mostra Giacomo Matteotti (1885 –1924). Storia di un uomo libero, promossa dal comitato provinciale per le Celebrazioni e sostenuta da fondazione Cariparo, si terrà dal 5 aprile al 7  luglio a palazzo Roncale.   [post_title] => Rovigo Cvb: nuovi strumenti per dialogare con il visitatore e scoprire il territorio [post_date] => 2024-02-07T13:22:00+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707312120000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460998" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Kalanit Goren, Daniela Santanchè e l'ad Enit, Ivana Jelinic[/caption] “Siamo qui perché Israele era e rimane una destinazione molto amata dagli italiani”: Kalanit Goren, direttrice dell’Ufficio nazionale israeliano del turismo nel nostro Paese, commenta la recente partecipazione alla Bit di Milano, dove lo stand di Israele ha ricevuto anche la visita del ministro del turismo Daniela Santanchè. La direttrice ha ribadito come in questi mesi “stiamo comunque lavorando per essere pronti a quando potremo di nuovo accogliere i visitatori italiani. Ricordo che l’Italia è per noi il sesto mercato più importante". Non si interrompe il rapporto con il trade, “continuiamo a fare formazione e abbiamo ricevuto conferma che la prossima convention Fto sarà proprio in Israele, a inizio 2025”. Un segnale importante, che si unisce a quello che nelle ultime settimane è arrivato dalle compagnie aeree che sono tornate a inserire nei propri operativi la destinazione. “Da Ryanair a easyJet e Wizz Air, ma anche Ita Airways, che dall’inizio di marzo tornerà a Tel Aviv, e Neos: tutto ciò dimostra la fiducia del mercato Italia verso una prossima ripresa”. [post_title] => Israele: "Continuiamo a lavorare per essere pronti ad accogliere nuovamente i turisti" [post_date] => 2024-02-07T12:27:08+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707308828000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460959 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continua la ridda di voci sui pretendenti di Alpitour. Dopo che qualche giorno fa voci raccolte dal Sole 24 Ore davano il pool di possibili acquirenti ridotto a cinque, ieri il Corriere della Sera ha pubblicato altri rumours rimescolando parzialmente le carte: in lizza ci sarebbero infatti ancora i tedeschi di Tui e il fondo Usa Certares. Sarebbero invece spariti gli spagnoli di Wamos, mentre si sarebbero aggiunti i fondi Apollo, Kkr e Platinum, nonché un gruppo alberghiero quale Hyatt. Alcune di queste "new entry" erano state peraltro già inserite tra i pretendenti nelle prime voci trapelate a inizio trattativa. Piuttosto, l'operatore dell'hotellerie è forse il candidato più improbabile, essendo per molti addetti del settore difficile capire la ratio economica di una fusione tra un grande gruppo alberghiero internazionale e una compagnia integrata verticalmente con interessi regionali in Italia e in pochi altri paesi europei. Ma negli affari mai dire mai... In attesa di comprendere come si sbroglierà la matassa, il principale protagonista della vicenda, quel Giovanni Tamburi primo azionista di Alpitour, ha dichiarato a Milano Finanza che la trattativa per la cessione delle quote starebbe rallentando, mentre l'operazione rimarrebbe aperta a qualsiasi soluzione: a inizio dicembre, ricordiamo che lo stesso Tamburi non aveva escluso la possibilità di un'inversione di rotta, con un consolidamento della propria quota e il successivo sbarco della società in Borsa. Il giallo insomma continua. E, anzi, si infittisce. Nel frattempo, la compagnia, ha annunciato i brillanti risultati dell'ultimo anno finanziario, chiuso lo scorso 31 ottobre a quota 2 miliardi di fatturato, con margini operativi lordi (ebitda) per 141 milioni (il doppio del 2019), nonché utili netti per 53 milioni. E il ceo Gabriele Burgio già parla di un primo trimestre 2023-24 sopra il budget previsionale. [post_title] => Rispunta Hyatt tra i pretendenti Alpitour, insieme ad Apollo, Platinum e Kkr [post_date] => 2024-02-07T11:05:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707303939000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460750 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il benessere è la chiave per destagionalizzare l'offerta turistica italiana. È questo il messaggio che arriva da Thermalia: l'area espositiva realizzata da Federterme all'interno della Bit. Lo ha ribadito anche il presidente dell'associazione legata a Confindustria, Massimo Caputi: "Sto riscontrando un grandissimo fermento tra i buyer. La gente oggi non solo vuole vivere di più, ma soprattutto vuole vivere bene: il benessere, le terme e lo stile di vita italiano è quindi l'asset principale sul quale basare qualsiasi strategia di destagionalizzazione". La domanda del benessere sta crescendo ovunque, ma in particolar modo nel Nord Europa, ha ribadito il ministro del Turismo, Daniela Santanchè: occorre quindi promuovere di più le nostre terme e alzare la qualità dei servizi, perché il viaggiatore di oggi è sempre più esigente. "Per tanto tempo abbiamo creduto che i turisti in Italia ci finissero dentro da soli - ha concluso la ceo di Enit, Ivana Jelinic -. Non è così. Occorre lavorare. E lavorare a fianco delle imprese. Finalmente il turismo medicale ha preso piede anche da noi. È un elemento importante, anche per attirare la nuova domanda dei giovani. E questo, in particolare, proprio grazie alla ricchezza delle nostre acque e dei nostri fanghi'. [post_title] => Caputi, Federterme: il benessere chiave del turismo italiano [post_date] => 2024-02-05T08:48:09+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707122889000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "jelinic ci sono 7 miliardi di fondi europei rischiamo di perderli" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":54,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":402,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461818","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Armenia investe sul mercato italiano e, attraverso il Tourism Committee of Armenia, affida le attività di comunicazione e promozione nel nostro Paese a  Mark PR di Nadia Pasqual, profonda conoscitrice della destinazione.\r\n\r\nNel 2023, secondo i dati dell'ente del turismo, gli arrivi dall’Italia sono stati 14.273 pari ad una crescita del +22,6% sul 2019,  quando i visitatori italiani paese avevano toccato quota 11.639. Il mercato italiano riserva, quindi, un grande potenziale di crescita, grazie ai voli diretti da Milano Malpensa (Wizz Air e Flyone Armenia), Roma Fiumicino e Venezia Marco Polo (Wizz Air), che si aggiungono ai collegamenti con scalo negli hub europei delle maggiori compagnie aeree.\r\n\r\n«Stiamo aumentando i nostri sforzi per presentare l’Armenia al mercato italiano e siamo entusiasti della prospettiva di creare legami più stretti - ha dichiarato Sisian Boghossian, direttrice del Tourism Committee of Armenia -. Con la comodità dei voli diretti, è molto facile raggiungere l’Armenia, che senza dubbio affascinerà i visitatori con la ricchezza dei suoi tesori culturali. Mentre accogliamo sempre più turisti dall’Italia, siamo certi che le esperienze e le attività che abbiamo lanciato contribuiranno a svelare tutto il fascino dell’Armenia. Dai paesaggi mozzafiato, al ricco patrimonio culturale e alla calorosa ospitalità, siamo fiduciosi che questa connessione ispirerà gli italiani a esplorare le meraviglie dell'Armenia e a creare ricordi duraturi».\r\n\r\nLa piccola repubblica del Caucaso meridionale, è nota per il ricco patrimonio culturale e gli ambienti naturali di grande fascino, con altopiani e vallate che si aprono tra montagne che arrivano a superare i 4.000 m slm. Una civiltà, quella armena, che vanta tremila anni di storia, una lingua unica e un alfabeto originale. L’offerta turistica dell’Armenia è diversificata intorno a quattro grandi temi: cultura, enogastronomia, natura e avventura, senza dimenticare gli eventi di richiamo internazionale.\r\n\r\n[gallery ids=\"461826,461830,461827\"]\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"L'Armenia investe sulle potenzialità del mercato Italia","post_date":"2024-02-20T09:15:20+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708420520000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461601","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli Stati Uniti varano un piano miliardario per il rinnovo degli aeroporti: secondo quando reso noto ieri dalla Casa Bianca il governo stanzierà quasi un miliardo di dollari per diversi progetti.\r\n\r\nGran parte di questi fondi (970 milioni di dollari) saranno utilizzati per creare corridoi più ampi, sistemi di gestione bagagli più efficienti e gate aggiuntivi in 114 aeroporti di tutto il Paese. I fondi serviranno anche a garantire che gli scali siano conformi alle norme di accessibilità Ada (Americans with Disabilities Act).\r\n\r\n\"Stiamo vivendo una fase di investimenti e miglioramenti senza precedenti in tutte le infrastrutture del nostro Paese\", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg.\r\n\r\nTra gli scali individuati per ricevere le sovvenzioni ci sono sia realtà enormi come l'O'Hare di Chicago sia aeroporti più piccoli come l'Appleton del Wisconsin. \r\n\r\nGli aeroporti sono stati un punto dolente per gli Stati Uniti: mntre gli aeroporti europei e asiatici beneficiano di una vasta gamma di negozi e ristoranti di lusso, la maggior parte degli scali statunitensi non dispone di tali servizi.\r\n\r\nL'amministrazione Biden ha stanziato un totale di 3 miliardi di dollari in finanziamenti per gli aeroporti sui 25 miliardi stanziati dalla legge bipartisan sulle infrastrutture.","post_title":"Il governo degli Stati Uniti stanzia un miliardo di dollari per il rinnovo degli aeroporti","post_date":"2024-02-16T09:37:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708076257000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461582","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno con ogni probabilità Milano, Roma e Pisa le prime tre destinazioni italiane di Líbere Hospitality Group: compagnia spagnola di ospitalità ibrida, sul modello dei tedeschi di Numa per intenderci, Lhg è stata fondata a Bilbao a fine 2020 dall’imprenditore Jon Uriarte. Oggi guidata dai due ceo Antón de la Rica e Mikel Rodriguez, in soli tre anni ha raggiunto nel 2023 i 12 milioni di euro di fatturato (erano 8,5 milioni nel 2022) e punta a espandersi anche oltre confine, a partire da Portogallo e Italia. \"A maggio dell'anno scorso abbiamo aperto la nostra sede a Milano, seguita a stretto giro da quella di Lisbona - spiega l'head of business development di Lhg Italia, Niccolò Pravettoni -. Nel 2024 puntiamo già ad aprire circa 500 unità abitative nella nostra Penisola, per una decina di strutture complessive. Un target che rappresenta un terzo degli obiettivi di crescita dell'intera compagnia, che a oggi vanta un portfolio complessivo di 1.500 chiavi distribuite in 35 proprietà, tra indirizzi attivi e in pipeline. Tra poco, in particolare, dovremmo chiudere gli accordi per le nostre prime tre strutture tricolori, a Roma, Milano e Pisa: si tratterà di due serviced apartments e di un hotel\".\r\n\r\nTarget, immobili cielo-terra dalle 20 chiavi in su\r\n\r\nLa compagnia concentra infatti le proprie attività soprattutto sui centri urbani, primari e secondari (capoluoghi di provincia e di regione dai 100 mila abitanti in su), affittando  immobili cielo-terra con contratti ibridi (fisso più variabile), solitamente nove più nove. \"I nostri partner sono piuttosto variegati. Ci confrontiamo certo con gli investitori istituzionali, come fondi, asset management company e family office importanti. Ma essendo in grado di gestire anche strutture piccole, dalle 20 unità abitative in su, ci rivolgiamo pure alle famiglie. Partner che in noi possono trovare un interlocutore unico in grado, nel caso soprattutto degli appartamenti, di liberarli dalla gestione delle parti comuni e di offrire garanzie generalmente superiori a quelle degli inquilini tradizionali\".\r\n\r\nRoi in doppia cifra percentuale nelle zone semi-periferiche e nelle location secondarie\r\n\r\nInteressante anche l'offerta in termini di ritorno sull'investimento. \"Il roi dipende ovviamente dalle location e dall'intervento che ci apprestiamo a compiere. Solitamente, infatti, al momento dell'accordo, interveniamo con il nostro team di architetti e designer, che a quattro mani con la proprietà ridefinisce il prodotto, per renderlo riconoscibile come una struttura Lhg e in linea con le nostre esigenze di gestione. Dopodiché, potendo godere di una marginalità che nel 2023 è stata superiore al 57% (gop), supportata da un'occupazione media dell'80%, possiamo quasi sempre garantire rendimenti superiori alla media. In zone semi-periferiche di grandi città quali Milano, o in destinazioni secondarie, abbiamo persino la possibilità arrivare  in doppia cifra percentuale. Grazie a un aumento di capitale da 6 milioni di euro dello scorso dicembre, in alcuni specifici casi siamo pure in grado di offrire del key money, sottoforma di investimenti Capex per il rinnovamento e il riposizionamento degli stabili, andando in questo modo oltre la parte ff&e\".\r\n\r\nLìbere, B46 e Nitly i tre brand del gruppo\r\n\r\nIl gruppo declina la propria offerta in tre brand distinti, per un'offerta che si rivolge ai mercati di soggiorni medi e brevi: lìbere è un marchio dedicato alla fascia alta del mercato. I suoi spazi sono caratterizzati da un design basato su tendenze armoniche con un largo impiego di legno naturale. Le strutture sono spesso ubicate in luoghi di prestigio all'interno delle città in cui si trovano. B48 è anch’esso un brand posizionato nel segmento upscale - upper upscale, sia per l’ubicazione degli asset, sia per il design. A differenza di Líbere, ogni proposta di questo marchio è però diversa da tutte le altre: ogni appartamento ha un design originale, con soluzioni spesso vivaci ed eclettiche. Naitly infine è un brand più fresco, orientato a un pubblico giovane, mosso dal desiderio di scoprire posti nuovi.\r\n\r\nUn'offerta limited service con grande focus sulla parte tecnologica\r\n\r\n\"In linea generale la nostra offerta si posiziona mediamente nel segmento upscale, ma il prodotto spazia anche nel midscale e nell'upper upscale, a seconda di location e situazioni specifiche - conclude Pravettoni -. La  proposta poggia su una fortissima componente tecnologica, che garantisce flessibilità e automazione dei processi, tanto da permetterci di abbattere mediamente i costi operativi del 40%, rispetto agli approcci più tradizionali. Oltre al nostro customer care, disponibile h24, sette giorni su sette, via telefono, Whatsapp e tramite la maggior parte dei canali digitali, ciascuna proprietà è dotata anche di una reception con personale sempre disponibile o reperibile velocemente (chiamato hospitality hero, ndr). Per mantenere snelle le nostre procedure, solitamente limitiamo l'offerta di servizi accessori. Per quanto riguarda gli hotel, per esempio, cerchiamo soprattutto strutture a 3 stelle, possibilmente senza spa e centro congressi. Reparto piani e lavanderia sono sempre in outsourcing, mentre noi ci occupiamo dell'ospitalità e in alcuni casi dell'f&b, con concept proprietari attualmente in fase di sviluppo\".\r\n\r\nMassimiliano Sarti\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"L'ospitalità ibrida di Lhg sbarca in Italia: si inizia da Roma, Milano e Pisa","post_date":"2024-02-15T13:23:22+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708003402000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461549","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Sustainability is a never ending process!”. Questa frase ben rappresenta il percorso dell’Hotel Milano Scala che, nato nel 2010 con l’obiettivo di essere la prima struttura ricettiva a emissioni zero nel capoluogo lombardo, ha ora ottenuto la certificazione dca esg di Dream&Charme, l’organismo autorizzato da Accredia secondo la direttiva approvata dal Parlamento europeo il 17 gennaio 2024. La certificazione garantisce la sostenibilità e l’affidabilità. \r\n«I nostri metri di valutazione utilizzano nove macro-parametri che fanno riferimento all’Agenda 2030 di Sdg e comprendono 1.200 criteri di valutazione. - afferma Giorgio Caire di Lauzet, ceo di Dream&Charme -. Un team composto da diversi auditor ha verificato tutti gli aspetti relativi alla gestione della struttura». E i risultati sono positivi. «In questi anni abbiamo sviluppato con impegno i temi legati alla cultura, siamo a un passo dalla Scala e l’hotel respira e racconta la musica lirica, nonché quelli che riguardano la natura. - sottolinea Vittorio Modena, a.d. del Milano Scala - Il nostro percorso è un’attitudine ad adottare le nuove tecnologie che vengono proposte. Abbiamo creato l’orto in terrazza, abbiamo acquisito una macchina elettrica. Nel 2019, abbiamo cambiato i filtri della purificazione dell’aria, utilizzando i famosi Mitsubishi F9, che permettono di abbattere del 90% le polveri sottili. Recentemente abbiamo creato un ulteriore orto nei piani interrati, usando dei dispositivi per fare il compostaggio. È un percorso, perché non si può parlare di un obiettivo finale: l’impatto zero non esiste, neppure in natura. Noi ci siamo prodigati per avere le emissioni Zero e seguiamo le evoluzioni del settore». \r\nFrattanto il Milano Scala ha implementato le pompe della Mitsubishi che si trovano all’interno della struttura: l’innovativo impianto di climatizzazione e produzione di acqua calda a recupero di calore opera senza immettere agenti inquinanti nell’atmosfera e assicura un risparmio energetico tra il 35% e i 45% rispetto a un sistema tradizionale e una riduzione delle emissioni di Co2 del 40% - 60% rispetto a una caldaia a gas o caldaia tradizionale. La struttura ha anche aderito al progetto di economia circolare che prevede la raccolta differenziata e il riciclo dei rifiuti organici e riciclabili prodotti al proprio interno, installando due sistemi di auto compostaggio. Grazie al Borsino Rifiuti, lo scarto prodotto viene poi riciclato e trasformato in materia prima, successivamente utilizzata per la produzione di prodotti a impatto ambientale ridotto. \r\n«Ho realizzato una smart circular city, dove tutti i produttori di rifiuti diventano protagonisti della gestione ambientale del rifiuto e, successivamente, della produzione delle materie prime che ne derivano - spiega Gianluca Borsino, fondatore dello stesso Borsino Rifiuti -. Abbiamo coinvolto il Milano Scala per migliorare la sua raccolta differenziata. Nasce così quella sostenibilità reale che porta dai rifiuti raccolti sul territorio ai prodotti di consumo venduti nei supermercati della zona. I prodotti realizzati sono brandizzati come \"prodotto 100% circolare, salviamo il pianeta”. Il nostro progetto ha ottenuto il riconoscimento dell’Ambrogino delle imprese da parte della Camera di commercio». \r\nL’impegno de Milano Scala è anche rivolto alla città, sostenendo l’iniziativa del comune nata per prendersi cura degli alberi danneggiati dalla tempesta del luglio 2023. «Abbiamo bisogno di esempi virtuosi come quello del Milano Scala che, oltre a confermarsi un’eccellenza in sostenibilità, ha deciso di sostenere la raccolta fondi Milano per gli alberi - conclude Elena Grandi, assessora all’Ambiente e verde del comune di Milano -. È un segno di restituzione importante. Pubblico e privato devono sempre camminare insieme. Sarà un grande vantaggio se i progetti dell’hotel diventeranno virali, coinvolgendo tutto il mondo alberghi e horeca, anche in vista delle Olimpiadi».\r\n","post_title":"Al Milano Scala il certificato dca esg di Dream&Charme. Un impegno a 360 gradi","post_date":"2024-02-15T12:07:44+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707998864000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461186","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà messo in vendita entro la fine di febbraio il 49% della quota di 2i Aeroporti detenuta dal fondo francese Ardian e da Credit Agricole Assurances, che l’hanno acquisita nel 2015 attraverso la lussemburghese Cavour Aero. \r\n\r\nLa holding 2i Aeroporti, in cui è presente al 51% il fondo italiano F2i, partecipa in un gran numero delle società di gestione aeroportuali italiane: nel dettaglio, detiene il 100% di Sagat (aeroporto di Torino), l’83,125% di Gesac (aeroporti di Napoli e Salerno), il 55% di Trieste Airport, il 36,39% di Sea (società di gestione degli scali di Milano Linate e Malpensa), il 4,09% di AdB (aeroporto di Bologna) e controlla con F2i Aeroporti 2 sgr il 71,25% di Sogeaal (aeroporto di Alghero) e l’80% di Geasar (aeroporto Olbia Costa Smeralda).\r\n\r\nIl valore della quota sul mercato, secondo quanto anticipato da La Stampa, è stimato intorno al miliardo di euro. All’acquisto sarebbero interessati fondi di investimento, fondi sovrani e fondi pensione, compagnie assicurative e gestori di infrastrutture. Nel pool di pretendenti ci sarebbero Brookfield e JP Morgan asset management, Axa e Swiss Life, British Columbia investment, ma anche fondi emiratini e qatarioti. Alcune fonti riportano anche l’interesse che sarebbe stato manifestato da Interogo, appartenente alla famiglia Kamprad, proprietaria di Ikea.","post_title":"2i Aeroporti: in vendita il 49% oggi nelle mani di Ardian e Credit Agricole Assurances","post_date":"2024-02-09T10:41:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707475308000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460864","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In occasione di Bit Milano 2024, Rovigo Convention & Visitors Bureau ha presentato i nuovi strumenti di marketing, comunicazione e promozione turistica del suo territorio. Si tratta di ulteriori risorse che vanno a implementare un dialogo sempre più diretto con il visitatore, a sottolineare le molte opportunità che offre una stagione tutta da vivere e da scoprire nelle terre fra Adige Po, tra arte, storia, cultura, enogastronomia e natura.\r\n\r\nSi tratta di ville, palazzi e luoghi sacri che custodiscono piccoli e grandi tesori. «Per accompagnare la scoperta dell’offerta turistica che di anno in anno si arricchisce, il Rovigo Convention & Visitors Bureau, da sempre attivo nella promozione di viaggi leisure & business, ha creato nuovi strumenti e altrettante occasioni per una vacanza in questi luoghi - spiega Cristina Regazzo, responsabile di Rovigo Cvb -. L’intensa attività svolta ha permesso infatti di creare, supportare e avviare ulteriori asset e iniziative, grazie in particolare al sostegno di Camera di commercio Venezia-Rovigo, fondazione Cariparo e Gal Adige, associazione costituita da un partenariato pubblico-privato che si occupa della valorizzazione rurale di 17 comuni del Polesine attraverso fondi comunitari».\r\n\r\nIn rassegna tutti gli strumenti: le prime sei brochure tematiche, cinque video dedicati agli itinerari open-air e un portale web che continuerà il suo sviluppo nel 2024, collegandosi al dms regionale. In più, altri due video: per la promozione delle terre fra Adige-Po come destinazione wedding e come meta meeting & eventi, nell’ambito delle azioni realizzate con la rete regionale Venice region convention bureau betwork. Il tutto, senza tralasciare la versione in inglese dell’app Discover Rovigo, divisa in quattro volumi tematici: Rovigo, piccola ma sorprendente, Delta del Po, la Vita è una giostra, “Saperi e sapori.\r\n\r\nNuovi siti culturali apriranno inoltre i battenti nel 2024. In particolare il museo diocesano della cattedrale di Adria-Rovigo il cui vernissage è previsto per settembre, vanterà un susseguirsi di sale caratterizzate da nuclei a tema, con opere provenienti da tutta la diocesi, come quelle della quadreria della pinacoteca del Seminario, argenti e suppellettili, la Madonna della Vita e il polittico di Raccano (opere di Michele da Firenze in terracotta dipinta del ‘400 padano).\r\n\r\n Tornano poi le grandi mostre di palazzo Roverella a Rovigo. In linea con i successi di Kandinskij e Renoir, il 2024 accende i riflettori su un altro artista francese tra i più rappresentativi della Parigi di fine secolo: Henry Toulouse-Lautrec (dal 23 febbraio al 30 giugno). L'esposizione è promossa dalla fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo con il comune di Rovigo e l’accademia dei Concordi.\r\n\r\nIl 2024 è infine anche anno di celebrazioni importanti, come i 100 dalla morte di Giacomo Matteotti, grande uomo politico polesano, pubblico amministratore, molto attivo e impegnato nell’attività sindacale delle cooperative e nell’attività parlamentare, segretario del partito Socialista Unitario. La mostra Giacomo Matteotti (1885 –1924). Storia di un uomo libero, promossa dal comitato provinciale per le Celebrazioni e sostenuta da fondazione Cariparo, si terrà dal 5 aprile al 7  luglio a palazzo Roncale.\r\n\r\n ","post_title":"Rovigo Cvb: nuovi strumenti per dialogare con il visitatore e scoprire il territorio","post_date":"2024-02-07T13:22:00+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707312120000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460998\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Kalanit Goren, Daniela Santanchè e l'ad Enit, Ivana Jelinic[/caption]\r\n\r\n“Siamo qui perché Israele era e rimane una destinazione molto amata dagli italiani”: Kalanit Goren, direttrice dell’Ufficio nazionale israeliano del turismo nel nostro Paese, commenta la recente partecipazione alla Bit di Milano, dove lo stand di Israele ha ricevuto anche la visita del ministro del turismo Daniela Santanchè.\r\n\r\nLa direttrice ha ribadito come in questi mesi “stiamo comunque lavorando per essere pronti a quando potremo di nuovo accogliere i visitatori italiani. Ricordo che l’Italia è per noi il sesto mercato più importante\".\r\n\r\nNon si interrompe il rapporto con il trade, “continuiamo a fare formazione e abbiamo ricevuto conferma che la prossima convention Fto sarà proprio in Israele, a inizio 2025”. Un segnale importante, che si unisce a quello che nelle ultime settimane è arrivato dalle compagnie aeree che sono tornate a inserire nei propri operativi la destinazione.\r\n\r\n“Da Ryanair a easyJet e Wizz Air, ma anche Ita Airways, che dall’inizio di marzo tornerà a Tel Aviv, e Neos: tutto ciò dimostra la fiducia del mercato Italia verso una prossima ripresa”.","post_title":"Israele: \"Continuiamo a lavorare per essere pronti ad accogliere nuovamente i turisti\"","post_date":"2024-02-07T12:27:08+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707308828000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460959","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continua la ridda di voci sui pretendenti di Alpitour. Dopo che qualche giorno fa voci raccolte dal Sole 24 Ore davano il pool di possibili acquirenti ridotto a cinque, ieri il Corriere della Sera ha pubblicato altri rumours rimescolando parzialmente le carte: in lizza ci sarebbero infatti ancora i tedeschi di Tui e il fondo Usa Certares. Sarebbero invece spariti gli spagnoli di Wamos, mentre si sarebbero aggiunti i fondi Apollo, Kkr e Platinum, nonché un gruppo alberghiero quale Hyatt. Alcune di queste \"new entry\" erano state peraltro già inserite tra i pretendenti nelle prime voci trapelate a inizio trattativa. Piuttosto, l'operatore dell'hotellerie è forse il candidato più improbabile, essendo per molti addetti del settore difficile capire la ratio economica di una fusione tra un grande gruppo alberghiero internazionale e una compagnia integrata verticalmente con interessi regionali in Italia e in pochi altri paesi europei. Ma negli affari mai dire mai...\r\n\r\nIn attesa di comprendere come si sbroglierà la matassa, il principale protagonista della vicenda, quel Giovanni Tamburi primo azionista di Alpitour, ha dichiarato a Milano Finanza che la trattativa per la cessione delle quote starebbe rallentando, mentre l'operazione rimarrebbe aperta a qualsiasi soluzione: a inizio dicembre, ricordiamo che lo stesso Tamburi non aveva escluso la possibilità di un'inversione di rotta, con un consolidamento della propria quota e il successivo sbarco della società in Borsa.\r\n\r\nIl giallo insomma continua. E, anzi, si infittisce. Nel frattempo, la compagnia, ha annunciato i brillanti risultati dell'ultimo anno finanziario, chiuso lo scorso 31 ottobre a quota 2 miliardi di fatturato, con margini operativi lordi (ebitda) per 141 milioni (il doppio del 2019), nonché utili netti per 53 milioni. E il ceo Gabriele Burgio già parla di un primo trimestre 2023-24 sopra il budget previsionale.","post_title":"Rispunta Hyatt tra i pretendenti Alpitour, insieme ad Apollo, Platinum e Kkr","post_date":"2024-02-07T11:05:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707303939000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460750","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il benessere è la chiave per destagionalizzare l'offerta turistica italiana. È questo il messaggio che arriva da Thermalia: l'area espositiva realizzata da Federterme all'interno della Bit. Lo ha ribadito anche il presidente dell'associazione legata a Confindustria, Massimo Caputi: \"Sto riscontrando un grandissimo fermento tra i buyer. La gente oggi non solo vuole vivere di più, ma soprattutto vuole vivere bene: il benessere, le terme e lo stile di vita italiano è quindi l'asset principale sul quale basare qualsiasi strategia di destagionalizzazione\".\r\n\r\nLa domanda del benessere sta crescendo ovunque, ma in particolar modo nel Nord Europa, ha ribadito il ministro del Turismo, Daniela Santanchè: occorre quindi promuovere di più le nostre terme e alzare la qualità dei servizi, perché il viaggiatore di oggi è sempre più esigente.\r\n\r\n\"Per tanto tempo abbiamo creduto che i turisti in Italia ci finissero dentro da soli - ha concluso la ceo di Enit, Ivana Jelinic -. Non è così. Occorre lavorare. E lavorare a fianco delle imprese. Finalmente il turismo medicale ha preso piede anche da noi. È un elemento importante, anche per attirare la nuova domanda dei giovani. E questo, in particolare, proprio grazie alla ricchezza delle nostre acque e dei nostri fanghi'.","post_title":"Caputi, Federterme: il benessere chiave del turismo italiano","post_date":"2024-02-05T08:48:09+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1707122889000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti