15 April 2024

Gattinoni, Fto: «Basta complicazioni con i viaggi d’istruzione»

[ 0 ]

Franco Gattinoni, presidente gruppo gattinoni

Pesa la debole preparazione degli istituti scolastici sulle procedure del MePa, il mercato elettronico per l’acquisto di beni e servizi da parte delle amministrazioni pubbliche. Ma i problemi riguardano anche la scarsa chiarezza del Codice degli appalti. Sono i principali nodi individuati dalle agenzie di viaggi specializzate nelle gite scolastiche e nei pacchetti per l’istruzione, secondo una survey realizzata dalla Federazione turismo organizzato di Confcommercio.

Per il 79,5% del campione interpellato le scuole non sono pronte a gestire l’aggiudicazione tramite MePa. Oltre la metà di coloro che la pensano così (51,6%) ritiene che influisca la carenza di formazione del personale, mentre per il 9,7% degli operatori gli istituti non conoscono l’utilizzo della piattaforma. Il 22,6% giudica invece poco comprensibili le regole del nuovo Codice degli appalti e il 59,6% crede che le scuole ignorino la normativa aggiornata.

Oltre quattro agenzie su dieci (41,9%) hanno infatti evidenze di istituti bloccati con le procedure del MePa, considerate da molti macchinose e confuse. E ben il 66% degli imprenditori teme che lo stesso Codice dei contratti e l’utilizzo del MePa possano far diminuire le opportunità dei viaggi d’istruzione nel 2024.

Gattinoni

«Ci sono nodi che da molti anni complicano la relazione tra scuole e agenzie e che si ripercuotono sulle famiglie – spiega Franco Gattinoni, presidente di Fto –. I tempi lunghi delle procedure fanno lievitare i costi, dato che gli altri mercati, beneficiati da maggiore snellezza, arrivano prima di noi su hotel e servizi meno cari. Anche le stazioni appaltanti abilitate contribuiscono all’impennata dei prezzi. Poi c’è il problema dei voli: il monopolio delle low cost rende difficile ed esoso andare all’estero.

Le istituzioni dovrebbero stimolare queste compagnie a collaborare con le agenzie specializzate su pacchetti e tariffe ad hoc per gli studenti. Abbiamo condiviso le nostre proposte a un tavolo con i dicasteri interessati, oltre all’Istruzione, anche l’Economia e il Turismo, e ci auguriamo ci sia un’effettiva semplificazione delle procedure, a beneficio soprattutto dei ragazzi che devono poter vivere i viaggi d’istruzione come un momento fondamentale della loro crescita».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465450 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La montagna si conferma strategica per la crescita di Garibaldi Hotels. La stagione invernale si è conclusa con un + 25% rispetto allo stesso periodo del 2023 e mantiene un trend positivo anche per le prenotazioni estive, al momento superiori persino al prodotto mare. “Il Trentino continua a darci grandi soddisfazioni: le abbondanti nevicate della seconda metà di febbraio e l’allungamento della stagione fino a fine marzo, in corrispondenza delle vacanze di Pasqua, hanno permesso ai turisti di sciare in tranquillità e godere delle bellezze della val di Fassa - spiega il direttore generale della compagnia, Fabrizio Prete -. Quest’anno abbiamo riscontrato un forte interesse da parte degli stranieri che sono arrivati numerosi sulle montagne del Trentino. E anche l'estate ci sta dando grandissime soddisfazioni: al momento le prenotazioni che abbiamo per le tre strutture in Trentino superano infatti la Puglia e la Sardegna, che seguono a ruota”. La politica commerciale del gruppo già dallo scorso anno è fortemente improntata verso i mercati internazionali, sviluppando accordi con operatori dell’Est Europa. Ma un forte interesse è arrivato anche da altri paesi come per esempio quello anglosassone. “Il primo test ha portato a risultati positivi e ci siamo attivati con riconferme anche per il prossimo anno attraverso operazioni in garantito”, continua Prete. Oltre al fatturato registra il segno positivo anche la tariffa media con una crescita del 5%, mentre le vendite sono ripartite tra gruppi (+20%), dirette (+ 25%), to e adv (+60%). Sul fronte mare le prenotazioni di Garibaldi Hotels sono partite leggermente prima rispetto allo scorso anno: “Sul pari data siamo a +32%, con un 28% in crescita sulle presenze. Dati che arrivano soprattutto da Puglia e Sardegna, mentre ancora deve decollare la Sicilia che rimane indietro rispetto alle altre proposte mare", conclude Prete. Per quanto riguarda le novità di prodotto dopo la nuova struttura in Sardegna, l’hotel Diana a Santa Teresa di Gallura, il 2024 vedrà il raddoppio di Garibaldi Hotels anche su Roma con un nuovo city hotel.   [post_title] => La montagna spinge le performance di Garibaldi Hotels. In arrivo un nuovo hotel a Roma [post_date] => 2024-04-12T12:48:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712926133000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465425 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel solco del processo di riorganizzazione societaria appena annunciato dal gruppo Gattinoni, la compagnia con sede a Milano ha accolto in squadra Piergiulio Donzelli, in qualità di amministratore delegato della nuova divisione Business travel. "E' per me un privilegio poter contribuire a far crescere ulteriormente quest'area dell'azienda - spiega lo stesso Donzelli -. La sfida è stimolante sotto molteplici aspetti, non ultimo quello che riguarda il completamento della fusione con la ex BtExpert acquisita da Robintur. Il mondo del business travel è cambiato in maniera profonda negli ultimi dieci - quindici anni. Ma nell'era post-Covid l’accelerazione è stata vertiginosa. Le aspettative dei clienti oggi sono molto diverse e anche le relazioni con i fornitori si sono trasformate. A partire dalla variabile tecnologia, che non è più un gadget ma è diventate parte fondante della nostra proposizione di valore. Per le dmc l’occasione è unica. E Gattinoni è il posto ideale in cui sfruttare le nuove opportunità di mercato: abbiamo infatti numerosi progetti e investimenti tecnologici già avviati, che saranno ulteriormente rafforzati". Dopo la laurea in economia e commercio, Donzelli si specializza nel settore travel fino ad arrivare ai vertici di due importanti realtà del settore, che ha guidato nella fase di sviluppo e trasformazione sia in Italia sia all’estero. A partire da Uvet, dove dalla fine degli anni '90 ha contribuito allo sviluppo dell’azienda, inizialmente in veste di direttore operativo e quindi di direttore generale di diverse società del gruppo, gestendo ambiti strategici, con particolare focus su It e business travel, incluse le controllate estere e il network, oltre alle attività di vendita online. Successivamente la sua carriera si è sviluppata in Blueteam come amministratore delegato e direttore generale, gestendo la fusione di tutte le controllate e svolgendo un ruolo determinante nel processo di acquisizione da parte del gruppo Aci, che lo ha confermato alla guida per quattro anni, con l’obiettivo di guidare la trasformazione dell’azienda verso un modello manageriale sia in Italia, sia negli Stati Uniti. [post_title] => Rivoluzione Gattinoni 3: Piergiulio Donzelli nuovo a.d. della divisione Business travel [post_date] => 2024-04-12T11:58:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712923108000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465419 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea amplia ulteriormente il network dei collegamenti fra Italia e Francia: oggi, venerdì 12 aprile, decolla la nuova rotta da Palermo verso Bordeaux, con due frequenze alla settimana, il martedì e il venerdì, mentre il prossimo  19 aprile,  sarà la volta di quella per Brest, sempre con frequenza bisettimanale, il lunedì e venerdì. Salgono a 20 le destinazioni offerte a Palermo dalla compagnia per il 2024: 7 verso l’Italia e 13 verso l’estero. Ieri, 11 aprile, il vettore spagnolo ha inaugurato anche il nuovo volo dalla sua base di Napoli alla volta di Lione, con due frequenze settimanali, il giovedì e la domenica. Diventano quindi 22 le destinazioni offerte dalla compagnia dallo scalo partenopeo, di cui 6 domestiche e 16 internazionali.     [post_title] => Volotea, al via le nuove rotte francesi: da Palermo per Bordeaux e Brest e da Napoli per Lione [post_date] => 2024-04-12T11:45:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712922350000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465417 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come preannunciato la scorsa estate, Msc ha chiuso lo scorso 7 aprile la sua isola privata alle Bahamas. Ocean Cay riaprirà il prossimo 23 maggio dopo una serie di aggiornamenti volti a migliorare l'esperienza degli ospiti, spiega ShipMag. Tra gli interventi in programma, l'aggiunta di centri di escursioni per attività di sport acquatici e tour sull'isola, un'aera riservata alle immersioni e allo snorkeling, nonché nuovi locali f&b. La chiusura temporanea dell'isola ha portato alla modifica dei programmi di oltre 30 crociere, spostate in destinazioni alternative tra cui Nassau e Freeport. La destinazione riprenderà a essere attiva con il ritorno della Msc Meraviglia, alla quale seguiranno la Magnifica, la Seascape e la Seashore. [post_title] => Msc Ocean Cay chiusa per lavori di rinnovamento fino al 22 maggio [post_date] => 2024-04-12T11:21:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712920906000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465409 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto). Il forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti. Il forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania. [post_title] => Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita [post_date] => 2024-04-12T11:00:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712919620000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465407 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Transat torna nei cieli di Roma con la riapertura dei voli estivi: dal 16 aprile decolleranno i diretti da Fiumicino a Montréal e, dal successivo 3 maggio, quelli per Toronto, ampliando le possibilità per i passeggeri di raggiungere comodamente da #Roma il Canada e il Nord America fino ad ottobre 2024. «Air Transat conferma ogni anno di più l’impegno sull’Italia, offrendo voli diretti per raggiungere la vivace città di Montréal, in Québec e offrendo voli diretti per raggiungere Toronto, metropoli dalle mille attrazioni e classificata tra le prime città più vivibili al mondo e porta di ingresso per i parchi canadesi -  commenta Tiziana Della Serra, md di Rephouse Gsa, che rappresenta il vettore canadese nel nostro Paese -. I voli per Montréal ripartono martedì 16 aprile 2024 con 1 volo a settimana il martedì ad aprile, 4 voli a settimana a maggio il martedì, giovedì, sabato e lunedì e dal 16 giugno i voli diventano quotidiani.  Invece, i voli per Toronto ripartono venerdì 3 maggio 2024 offrendo 5 voli a settimana venerdì, domenica, lunedì, martedì e mercoledì, e dal 13 giugno 7 voli a settimana tutti i giorni. Tutti i voli da Roma per Montréal e Toronto decollano tra le ore 12:00 e le 14:00 e sono stati pianificati per ottimizzare l’ampia connettività del network sia in Nord America che verso altre destinazioni. Tutti i voli sono disponibili in tutti i gds». I collegamenti Italia-Canada di Air Transat vengono operati con Airbus A330-200 o Airbus 330-300 e sono stati pianificati per ottimizzare l’ampia connettività del network sia in Nord America che verso altre destinazioni. [post_title] => Air Transat: countdown per la ripartenza dei voli da Roma per Montréal e Toronto [post_date] => 2024-04-12T10:51:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712919111000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465345 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Era venuto il momento di fare una scelta diversa, perché la vita è fatta anche di famiglia". Sergio Testi a luglio lascia la carica di direttore generale del gruppo Gattinoni. Lo fa con queste parole sincere, dopo dieci anni importanti e soprattutto dopo una vita nel mondo del travel. "Durante la mia carriera ho avuto uffici in tanti posti diversi. La mia famiglia vive a Cuneo. A volte è riuscita a seguirmi, altre no. Per me il lavoro è sempre stato al primo posto". Era tempo, insomma, di cambiare almeno in parte priorità. Almeno in parte, perché Testi non lascerà completamente il gruppo. Rimarrà come consigliere del cda prima di tutto, ma anche con una collaborazione in materia di sviluppo: "Avevo assicurato al presidente (Franco Gattinoni, ndr) che se avessi deciso di cambiare, glielo avrei comunicato con 12 mesi di anticipo. Così è stato. Ma abbiamo pensato di continuare a collaborare, seppure in una forma diversa. La mia preoccupazione era quella che i colleghi vivessero il futuro con serenità". Diversificare D'altronde per Testi il gruppo Gattinoni si basa sostanzialmente su due punti: "Uno è il presidente; l'altro è una squadra che ha sempre saputo integrarsi superando qualsiasi problema: un’azienda che ha saputo investire, sviluppare e innovare persino nei momenti difficili. Altrimenti non avremmo fatto questi numeri (il riferimento è al bilancio 2023, presentato nella stessa occasione, ndr). Oggi siamo un’azienda diversificata con tre business che sembrano simili ma in realtà sono molto differenti: un approccio al mercato lungimirante, che consente di non andare in crisi di fronte a rallentamenti parziali di uno dei settori". [post_title] => Rivoluzione Gattinoni 2: Sergio Testi lascia la direzione generale [post_date] => 2024-04-11T14:25:37+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712845537000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465343 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Iberia ha lanciato il servizio di imbarco con riconoscimento facciale sulla sua rotta più emblematica, il ponte aereo tra Madrid e Barcellona, che quest'anno celebra il suo 50° anniversario: i passeggeri che viaggiano tra le due città potranno quindi superare i controlli di sicurezza e il gate d'imbarco senza dover estrarre il cellulare e/o mostrare i documenti necessari. Il servizio è disponibile per tutti i viaggiatori in possesso di una carta Iberia Plus. Per registrarsi, devono accedere all'area riservata dell'app Iberia e completare i seguenti passaggi: inserire i propri dati personali, scattare una foto del documento d'identità, scansionare il chip del documento e scattare un selfie con il cellulare. Questo processo viene eseguito una sola volta e poi, per ogni viaggio che il cliente effettua, dovrà solo collegare la carta d'imbarco al suo profilo biometrico. È anche possibile completare il processo di registrazione presso i chioschi dell'aeroporto o sull'app Aena. Gli unici requisiti per registrarsi al servizio di riconoscimento facciale sono avere più di 18 anni e possedere un Dni spagnolo (Dni 3.0 con tecnologia Nfc per poter comunicare con i telefoni cellulari) o un passaporto elettronico dell'Ue. All'aeroporto Barajas di Madrid Iberia dispone di sei gate d'imbarco con servizi di riconoscimento facciale: J46, J50, J52, J54, J56 e J58; sono inoltre presenti 2 chioschi nell'area check-in (Air Bridge e Business) e quattro varchi biometrici nell'area di sicurezza (due nell'accesso principale, uno nell'Air Bridge e uno nel Fast Track). Presso lo scalo El Prat di Barcellona la compagnia conta invece un gate d'imbarco biometrico (A02), due gate nel filtro di sicurezza e un chiosco nell'area check-in. L'imbarco tramite riconoscimento facciale non influisce sui gruppi d'imbarco, che manterranno l'ordine abituale. Attualmente l'imbarco biometrico è disponibile per i telefoni cellulari con sistema operativo iOS e, in un prossimo futuro, sarà disponibile anche per i telefoni Android. I passeggeri devono tenere presente che, sebbene questo servizio senza contatto consenta loro di imbarcarsi sul volo senza dover mostrare alcun documento, devono comunque portarlo con sé nel caso in cui sia necessario in qualsiasi momento del viaggio.     [post_title] => Iberia: operativo il nuovo sistema di imbarco con riconoscimento facciale tra Madrid e Barcellona [post_date] => 2024-04-11T13:57:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843870000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%). "Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere". Da qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: "Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato". A tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert. Alla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi. Infine una parola sul budget 2024: "L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel".   [post_title] => Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit [post_date] => 2024-04-11T13:56:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843814000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gattinoni fto 7" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":38,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1249,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465450","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La montagna si conferma strategica per la crescita di Garibaldi Hotels. La stagione invernale si è conclusa con un + 25% rispetto allo stesso periodo del 2023 e mantiene un trend positivo anche per le prenotazioni estive, al momento superiori persino al prodotto mare. “Il Trentino continua a darci grandi soddisfazioni: le abbondanti nevicate della seconda metà di febbraio e l’allungamento della stagione fino a fine marzo, in corrispondenza delle vacanze di Pasqua, hanno permesso ai turisti di sciare in tranquillità e godere delle bellezze della val di Fassa - spiega il direttore generale della compagnia, Fabrizio Prete -. Quest’anno abbiamo riscontrato un forte interesse da parte degli stranieri che sono arrivati numerosi sulle montagne del Trentino. E anche l'estate ci sta dando grandissime soddisfazioni: al momento le prenotazioni che abbiamo per le tre strutture in Trentino superano infatti la Puglia e la Sardegna, che seguono a ruota”.\r\n\r\nLa politica commerciale del gruppo già dallo scorso anno è fortemente improntata verso i mercati internazionali, sviluppando accordi con operatori dell’Est Europa. Ma un forte interesse è arrivato anche da altri paesi come per esempio quello anglosassone. “Il primo test ha portato a risultati positivi e ci siamo attivati con riconferme anche per il prossimo anno attraverso operazioni in garantito”, continua Prete. Oltre al fatturato registra il segno positivo anche la tariffa media con una crescita del 5%, mentre le vendite sono ripartite tra gruppi (+20%), dirette (+ 25%), to e adv (+60%).\r\n\r\nSul fronte mare le prenotazioni di Garibaldi Hotels sono partite leggermente prima rispetto allo scorso anno: “Sul pari data siamo a +32%, con un 28% in crescita sulle presenze. Dati che arrivano soprattutto da Puglia e Sardegna, mentre ancora deve decollare la Sicilia che rimane indietro rispetto alle altre proposte mare\", conclude Prete. Per quanto riguarda le novità di prodotto dopo la nuova struttura in Sardegna, l’hotel Diana a Santa Teresa di Gallura, il 2024 vedrà il raddoppio di Garibaldi Hotels anche su Roma con un nuovo city hotel.\r\n\r\n ","post_title":"La montagna spinge le performance di Garibaldi Hotels. In arrivo un nuovo hotel a Roma","post_date":"2024-04-12T12:48:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712926133000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465425","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel solco del processo di riorganizzazione societaria appena annunciato dal gruppo Gattinoni, la compagnia con sede a Milano ha accolto in squadra Piergiulio Donzelli, in qualità di amministratore delegato della nuova divisione Business travel. \"E' per me un privilegio poter contribuire a far crescere ulteriormente quest'area dell'azienda - spiega lo stesso Donzelli -. La sfida è stimolante sotto molteplici aspetti, non ultimo quello che riguarda il completamento della fusione con la ex BtExpert acquisita da Robintur. Il mondo del business travel è cambiato in maniera profonda negli ultimi dieci - quindici anni. Ma nell'era post-Covid l’accelerazione è stata vertiginosa. Le aspettative dei clienti oggi sono molto diverse e anche le relazioni con i fornitori si sono trasformate. A partire dalla variabile tecnologia, che non è più un gadget ma è diventate parte fondante della nostra proposizione di valore. Per le dmc l’occasione è unica. E Gattinoni è il posto ideale in cui sfruttare le nuove opportunità di mercato: abbiamo infatti numerosi progetti e investimenti tecnologici già avviati, che saranno ulteriormente rafforzati\".\r\n\r\nDopo la laurea in economia e commercio, Donzelli si specializza nel settore travel fino ad arrivare ai vertici di due importanti realtà del settore, che ha guidato nella fase di sviluppo e trasformazione sia in Italia sia all’estero. A partire da Uvet, dove dalla fine degli anni '90 ha contribuito allo sviluppo dell’azienda, inizialmente in veste di direttore operativo e quindi di direttore generale di diverse società del gruppo, gestendo ambiti strategici, con particolare focus su It e business travel, incluse le controllate estere e il network, oltre alle attività di vendita online. Successivamente la sua carriera si è sviluppata in Blueteam come amministratore delegato e direttore generale, gestendo la fusione di tutte le controllate e svolgendo un ruolo determinante nel processo di acquisizione da parte del gruppo Aci, che lo ha confermato alla guida per quattro anni, con l’obiettivo di guidare la trasformazione dell’azienda verso un modello manageriale sia in Italia, sia negli Stati Uniti.","post_title":"Rivoluzione Gattinoni 3: Piergiulio Donzelli nuovo a.d. della divisione Business travel","post_date":"2024-04-12T11:58:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712923108000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465419","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea amplia ulteriormente il network dei collegamenti fra Italia e Francia: oggi, venerdì 12 aprile, decolla la nuova rotta da Palermo verso Bordeaux, con due frequenze alla settimana, il martedì e il venerdì, mentre il prossimo  19 aprile,  sarà la volta di quella per Brest, sempre con frequenza bisettimanale, il lunedì e venerdì. Salgono a 20 le destinazioni offerte a Palermo dalla compagnia per il 2024: 7 verso l’Italia e 13 verso l’estero.\r\n\r\nIeri, 11 aprile, il vettore spagnolo ha inaugurato anche il nuovo volo dalla sua base di Napoli alla volta di Lione, con due frequenze settimanali, il giovedì e la domenica. Diventano quindi 22 le destinazioni offerte dalla compagnia dallo scalo partenopeo, di cui 6 domestiche e 16 internazionali.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Volotea, al via le nuove rotte francesi: da Palermo per Bordeaux e Brest e da Napoli per Lione","post_date":"2024-04-12T11:45:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712922350000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465417","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come preannunciato la scorsa estate, Msc ha chiuso lo scorso 7 aprile la sua isola privata alle Bahamas. Ocean Cay riaprirà il prossimo 23 maggio dopo una serie di aggiornamenti volti a migliorare l'esperienza degli ospiti, spiega ShipMag. Tra gli interventi in programma, l'aggiunta di centri di escursioni per attività di sport acquatici e tour sull'isola, un'aera riservata alle immersioni e allo snorkeling, nonché nuovi locali f&b.\r\n\r\nLa chiusura temporanea dell'isola ha portato alla modifica dei programmi di oltre 30 crociere, spostate in destinazioni alternative tra cui Nassau e Freeport. La destinazione riprenderà a essere attiva con il ritorno della Msc Meraviglia, alla quale seguiranno la Magnifica, la Seascape e la Seashore.","post_title":"Msc Ocean Cay chiusa per lavori di rinnovamento fino al 22 maggio","post_date":"2024-04-12T11:21:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712920906000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465409","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto).\r\n\r\nIl forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti.\r\n\r\nIl forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania.","post_title":"Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita","post_date":"2024-04-12T11:00:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712919620000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465407","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Transat torna nei cieli di Roma con la riapertura dei voli estivi: dal 16 aprile decolleranno i diretti da Fiumicino a Montréal e, dal successivo 3 maggio, quelli per Toronto, ampliando le possibilità per i passeggeri di raggiungere comodamente da #Roma il Canada e il Nord America fino ad ottobre 2024.\r\n«Air Transat conferma ogni anno di più l’impegno sull’Italia, offrendo voli diretti per raggiungere la vivace città di Montréal, in Québec e offrendo voli diretti per raggiungere Toronto, metropoli dalle mille attrazioni e classificata tra le prime città più vivibili al mondo e porta di ingresso per i parchi canadesi -  commenta Tiziana Della Serra, md di Rephouse Gsa, che rappresenta il vettore canadese nel nostro Paese -. I voli per Montréal ripartono martedì 16 aprile 2024 con 1 volo a settimana il martedì ad aprile, 4 voli a settimana a maggio il martedì, giovedì, sabato e lunedì e dal 16 giugno i voli diventano quotidiani. \r\nInvece, i voli per Toronto ripartono venerdì 3 maggio 2024 offrendo 5 voli a settimana venerdì, domenica, lunedì, martedì e mercoledì, e dal 13 giugno 7 voli a settimana tutti i giorni. Tutti i voli da Roma per Montréal e Toronto decollano tra le ore 12:00 e le 14:00 e sono stati pianificati per ottimizzare l’ampia connettività del network sia in Nord America che verso altre destinazioni. Tutti i voli sono disponibili in tutti i gds».\r\nI collegamenti Italia-Canada di Air Transat vengono operati con Airbus A330-200 o Airbus 330-300 e sono stati pianificati per ottimizzare l’ampia connettività del network sia in Nord America che verso altre destinazioni.","post_title":"Air Transat: countdown per la ripartenza dei voli da Roma per Montréal e Toronto","post_date":"2024-04-12T10:51:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712919111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465345","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Era venuto il momento di fare una scelta diversa, perché la vita è fatta anche di famiglia\". Sergio Testi a luglio lascia la carica di direttore generale del gruppo Gattinoni. Lo fa con queste parole sincere, dopo dieci anni importanti e soprattutto dopo una vita nel mondo del travel. \"Durante la mia carriera ho avuto uffici in tanti posti diversi. La mia famiglia vive a Cuneo. A volte è riuscita a seguirmi, altre no. Per me il lavoro è sempre stato al primo posto\". Era tempo, insomma, di cambiare almeno in parte priorità.\r\n\r\nAlmeno in parte, perché Testi non lascerà completamente il gruppo. Rimarrà come consigliere del cda prima di tutto, ma anche con una collaborazione in materia di sviluppo: \"Avevo assicurato al presidente (Franco Gattinoni, ndr) che se avessi deciso di cambiare, glielo avrei comunicato con 12 mesi di anticipo. Così è stato. Ma abbiamo pensato di continuare a collaborare, seppure in una forma diversa. La mia preoccupazione era quella che i colleghi vivessero il futuro con serenità\".\r\nDiversificare\r\nD'altronde per Testi il gruppo Gattinoni si basa sostanzialmente su due punti: \"Uno è il presidente; l'altro è una squadra che ha sempre saputo integrarsi superando qualsiasi problema: un’azienda che ha saputo investire, sviluppare e innovare persino nei momenti difficili. Altrimenti non avremmo fatto questi numeri (il riferimento è al bilancio 2023, presentato nella stessa occasione, ndr). Oggi siamo un’azienda diversificata con tre business che sembrano simili ma in realtà sono molto differenti: un approccio al mercato lungimirante, che consente di non andare in crisi di fronte a rallentamenti parziali di uno dei settori\".","post_title":"Rivoluzione Gattinoni 2: Sergio Testi lascia la direzione generale","post_date":"2024-04-11T14:25:37+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712845537000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465343","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Iberia ha lanciato il servizio di imbarco con riconoscimento facciale sulla sua rotta più emblematica, il ponte aereo tra Madrid e Barcellona, che quest'anno celebra il suo 50° anniversario: i passeggeri che viaggiano tra le due città potranno quindi superare i controlli di sicurezza e il gate d'imbarco senza dover estrarre il cellulare e/o mostrare i documenti necessari.\r\n\r\nIl servizio è disponibile per tutti i viaggiatori in possesso di una carta Iberia Plus. Per registrarsi, devono accedere all'area riservata dell'app Iberia e completare i seguenti passaggi: inserire i propri dati personali, scattare una foto del documento d'identità, scansionare il chip del documento e scattare un selfie con il cellulare. Questo processo viene eseguito una sola volta e poi, per ogni viaggio che il cliente effettua, dovrà solo collegare la carta d'imbarco al suo profilo biometrico. È anche possibile completare il processo di registrazione presso i chioschi dell'aeroporto o sull'app Aena.\r\n\r\nGli unici requisiti per registrarsi al servizio di riconoscimento facciale sono avere più di 18 anni e possedere un Dni spagnolo (Dni 3.0 con tecnologia Nfc per poter comunicare con i telefoni cellulari) o un passaporto elettronico dell'Ue.\r\n\r\nAll'aeroporto Barajas di Madrid Iberia dispone di sei gate d'imbarco con servizi di riconoscimento facciale: J46, J50, J52, J54, J56 e J58; sono inoltre presenti 2 chioschi nell'area check-in (Air Bridge e Business) e quattro varchi biometrici nell'area di sicurezza (due nell'accesso principale, uno nell'Air Bridge e uno nel Fast Track).\r\n\r\nPresso lo scalo El Prat di Barcellona la compagnia conta invece un gate d'imbarco biometrico (A02), due gate nel filtro di sicurezza e un chiosco nell'area check-in.\r\n\r\nL'imbarco tramite riconoscimento facciale non influisce sui gruppi d'imbarco, che manterranno l'ordine abituale.\r\nAttualmente l'imbarco biometrico è disponibile per i telefoni cellulari con sistema operativo iOS e, in un prossimo futuro, sarà disponibile anche per i telefoni Android.\r\n\r\nI passeggeri devono tenere presente che, sebbene questo servizio senza contatto consenta loro di imbarcarsi sul volo senza dover mostrare alcun documento, devono comunque portarlo con sé nel caso in cui sia necessario in qualsiasi momento del viaggio.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Iberia: operativo il nuovo sistema di imbarco con riconoscimento facciale tra Madrid e Barcellona","post_date":"2024-04-11T13:57:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712843870000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465341","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%).\r\n\r\n\"Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere\".\r\n\r\nDa qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: \"Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre\", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato\".\r\n\r\nA tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert.\r\n\r\nAlla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi.\r\n\r\nInfine una parola sul budget 2024: \"L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel\".\r\n\r\n ","post_title":"Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit","post_date":"2024-04-11T13:56:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712843814000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti