28 January 2023

Fs e Guardia di finanza siglano un’intesa per evitare infiltrazioni nell’attuazione del Pnrr

[ 0 ]

Luigi Ferraris, ad del gruppo Fs

Gruppo Ferrovie dello Stato e Guardia di finanza hanno siglato un accordo per prevenire i tentativi di infiltrazione criminale nei settori economici legali, per la tutela della regolarità e della trasparenza degli appalti promossi dal Gruppo FS e per il contrasto alle frodi, alla corruzione e agli illeciti in genere, con particolare riguardo agli interventi previsti nell’ambito del Pnrr.

l protocollo – spiega la nota – è stato firmato dall’amministratore delegato di FS Luigi Ferraris e dal gen. Giuseppe Zafarana e suggella un rapporto di collaborazione tra il corpo e il gruppo, attivando anche un capillare monitoraggio delle infrastrutture strategiche di Ferrovie dello Stato, attraverso riprese e rilievi fotografici effettuati con l’ausilio di mezzi aerei della Guardia di Finanza. Prosegue dunque l’impegno per la legalità e la trasparenza del Gruppo FS e la sua fitta collaborazione con le Forze dell’Ordine. L’accordo raggiunto con la Guardia di Finanza, infatti, arriva dopo altri due importanti intese siglate nei mesi scorsi dal Gruppo guidato da Luigi Ferraris. La prima con l’Arma dei Carabinieri è stata finalizzata ad avviare una collaborazione duratura e strutturata a difesa della legalità, a contrastare le infiltrazioni criminali e promuovere la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri delle opere infrastrutturali gestite dal Gruppo. Il tutto con un’attenzione particolare al rispetto delle leggi in materia di collocamento di manodopera, previdenza e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Sicurezza ed efficacia delle operazioni di soccorso sono, invece, al centro del protocollo firmato dal Gruppo FS con i Vigili del Fuoco, con cui è stato condiviso anche l’obiettivo di promuovere la formazione degli operatori incaricati di gestire le emergenze, studiare un sistema di monitoraggio delle infrastrutture, svolgere attività di prevenzione, in particolare degli incendi, analizzare e monitorare potenziali scenari di rischio, agevolare la gestione delle emergenze, individuare possibili sedi di nuovi presidi per i Vigili del Fuoco in prossimità della rete ferroviaria.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437965 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come si orienterà la creazione di valore per gli asset ricettivi del Paese nei prossimi anni? Quali formule, modelli, strategie di investimento possono costruire valore immobiliare a fronte di tassi di interesse alti e di un difficile contesto macroeconomico globale? E ancora: come possono gli hotel reggere il passo della nuova redditività attesa per i format alternativi che stanno crescendo per diffusione, quali student hotel, glamping, serviced/branded apartments, co-living ed altri modelli ibridi? Sono alcune delle domande a cui si proverà a rispondere durante l'edizione 2023 dell'Italian Hospitality Conference che quest'anno presenta un'importante novità. Organizzato come sempre da Teamwork e Thrends, Ithic non si svolgerà più infatti a Rimini, bensì a Roma, nella location in esclusiva dell'hotel Villa Pamphili dal 19 al 20 ottobre. Dal titolo Turning assets into value sarà "un'edizione ancora più internazionale e più partecipata da proprietà e finanza, con l'obiettivo di costruire prospettive e interpretare in anticipo le grandi sfide dei prossimi anni, affidandosi a nuovi modelli e schemi di pensiero, a fianco ai grandi protagonisti globali delle gestioni, della finanza, dello sviluppo - spiega una nota -. Fra le novità anche una kermesse dedicata agli asset pubblici che saranno inseriti in strategie di valorizzazione, arricchita da un salotto per investitori internazionali".   [post_title] => Ithic si trasferisce a Roma. Appuntamento per il 19 e 20 ottobre [post_date] => 2023-01-26T09:31:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674725486000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437911 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437915" align="alignleft" width="300"] Lublino[/caption] La Polonia rilancia la scommessa sul mercato Italia per il 2023 con più collegamenti aerei, numerose novità e una ancor più presente attività di formazione al trade. Obiettivo: consolidare i risultati 2019, quando si erano registrati arrivi per oltre 600.000 italiani. “La Polonia è una meta moderna e dinamica, molto apprezzata dagli italiani, che prediligono fra tutto le nostre città d’arte (Cracovia, Varsavia, Danzica e Breslavia fra tutte) – afferma Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente nazionale polacco per il turismo in Italia - ma la promozione della destinazione per il 2023 sarà incentrata su una Polonia meno nota, una terra che attrae per il ricco patrimonio storico-culturale ma che deve oggi rivelare al grande pubblico la sua bellezza naturalistica, la biodiversità, le possibilità legate all’outdoor e la squisita offerta gastronomica”. Nei primi 10 mesi del 2022, il numero di pernottamenti dei visitatori italiani non ha ancora raggiunto i dati dello stesso periodo del 2019 (anche se si attestano al 60%), ma con un aumento del +90% se si guarda al 2021. “Sono dati al momento ancora parziali, ma che ci mostrano un trend in crescita, non solo per quanto riguarda il turismo dall’Italia, ma in generale per i flussi provenienti dall’Unione europea”. In calendario incontri di formazione online e fam trip, così da dare ad agenti e operatori l’occasione di approfondire la propria conoscenza sulla destinazione, ma anche la partecipazione a fiere ed eventi insieme ai dmc polacchi. Sul fronte dei collegamenti spiccano i due nuovi per Lublino, città accademica e importante punto di unione fra l’Europa occidentale e quella orientale e, in secondo luogo, il grande ritorno del volo diretto Roma-Danzica. “La nostra forza sta nei numerosi collegamenti aerei che permettono a molti italiani di raggiungere il nostro paese in ogni stagione dell’anno grazie a operativi che consentono di organizzare long weekend oppure di approfittare dei ponti di primavera, per una breve vacanza o, ancora, del periodo delle festività natalizie, quando si svolgono i mercatini di Natale”.   [post_title] => La Polonia scommette sulle mete meno note. Più voli e tanta formazione al trade [post_date] => 2023-01-25T11:11:30+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674645090000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437755 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_425237" align="alignleft" width="300"] Luigi Ferraris, ad del gruppo Fs[/caption] Gruppo Ferrovie dello Stato e Guardia di finanza hanno siglato un accordo per prevenire i tentativi di infiltrazione criminale nei settori economici legali, per la tutela della regolarità e della trasparenza degli appalti promossi dal Gruppo FS e per il contrasto alle frodi, alla corruzione e agli illeciti in genere, con particolare riguardo agli interventi previsti nell’ambito del Pnrr. l protocollo - spiega la nota - è stato firmato dall’amministratore delegato di FS Luigi Ferraris e dal gen. Giuseppe Zafarana e suggella un rapporto di collaborazione tra il corpo e il gruppo, attivando anche un capillare monitoraggio delle infrastrutture strategiche di Ferrovie dello Stato, attraverso riprese e rilievi fotografici effettuati con l’ausilio di mezzi aerei della Guardia di Finanza. Prosegue dunque l’impegno per la legalità e la trasparenza del Gruppo FS e la sua fitta collaborazione con le Forze dell’Ordine. L’accordo raggiunto con la Guardia di Finanza, infatti, arriva dopo altri due importanti intese siglate nei mesi scorsi dal Gruppo guidato da Luigi Ferraris. La prima con l’Arma dei Carabinieri è stata finalizzata ad avviare una collaborazione duratura e strutturata a difesa della legalità, a contrastare le infiltrazioni criminali e promuovere la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri delle opere infrastrutturali gestite dal Gruppo. Il tutto con un’attenzione particolare al rispetto delle leggi in materia di collocamento di manodopera, previdenza e sicurezza sui luoghi di lavoro. Sicurezza ed efficacia delle operazioni di soccorso sono, invece, al centro del protocollo firmato dal Gruppo FS con i Vigili del Fuoco, con cui è stato condiviso anche l’obiettivo di promuovere la formazione degli operatori incaricati di gestire le emergenze, studiare un sistema di monitoraggio delle infrastrutture, svolgere attività di prevenzione, in particolare degli incendi, analizzare e monitorare potenziali scenari di rischio, agevolare la gestione delle emergenze, individuare possibili sedi di nuovi presidi per i Vigili del Fuoco in prossimità della rete ferroviaria. [post_title] => Fs e Guardia di finanza siglano un'intesa per evitare infiltrazioni nell'attuazione del Pnrr [post_date] => 2023-01-23T11:01:00+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674471660000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437678 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mettere a rete le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, dare loro la possibilità di acquisire i prodotti migliori, di confrontarsi, di colloquiare con agenzie e tour operator, ma anche di incontrare guide, traduttori e tutti i professionisti e le imprese che ruotano attorno al mondo del turismo. E' questo il senso di un evento come TuttoHotel, secondo Vincenzo Schiavo. Il vicepresidente nazionale di Confesercenti era presente alla fiera napoletana organizzata da Squisito Eventi, Ticketlab e D&d Group in concomitanza con il convegno “Evoluzione del fenomeno extralberghiero: costumer experience e normativa”, realizzato proprio dalla stessa confederazione datoriale. "Per noi di Confesercenti, l'industria dei viaggi e dell'ospitalità è un elemento chiave, tanto che al nostro interno abbiamo una realtà ad hoc, Assoturismo, che rappresenta l'intera categoria - prosegue Schiavo -. Il nostro impegno per le imprese è quotidiano e si declina tra le altre cose in un supporto assicurativo ad hoc, nonché nel dare la possibilità ai nostri associati di accedere a forme di finanziamento agevolate e tarate sulle loro specifiche esigenze. Non si può infatti pensare di attendere sei mesi per ricevere i capitali necessari ad avviare un progetto. E' per questo che noi garantiamo finanza in tempi ragionevoli, attorno ai 20-30 giorni dalla presentazione della richiesta". Ma il lavoro di Confesercenti va naturalmente anche oltre: "I nostri rappresentanti di categoria, presidenti e coordinatori, vengono nominati tutti tra chi opera quotidianamente nel settore e sono in grado di contribuire allo sviluppo non solo del comparto ma dall'intera economia nazionale - conclude Schiavo -. A una condizione però: che le istituzioni ci ascoltino. Perché il turismo è un comparto in grado di cambiare alla radice l'asset industriale di un territorio". [post_title] => Schiavo, Confesercenti: "Il turismo è in grado di cambiare l'economia di un territorio" [post_date] => 2023-01-20T13:01:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674219687000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437547 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Il Gruppo Lufthansa ha presentato una lettera di intenti al Ministero dell'Economia e delle Finanze italiano (per l'ingresso nel capitale di Ita Airways, ndr) . Qualora entrambe le parti decidano di firmare il memorandum d'intesa, ulteriori negoziati e discussioni saranno condotti su base esclusiva": con questa nota ufficiale il colosso tedesco conferma l'inoltro dell'attesa offerta per una partecipazione nel capitale di Ita. Partecipazione che dovrebbe attestarsi inizialmente al 40%, anche Lufthansa non cita numeri nella propria comunicazione: le indiscrezioni degli ultimi giorni indicano un valore dell'operazione di circa 300 milioni di euro. "Inizialmente - prosegue la nota Lufthansa - verrà definito l’acquisto di una quota di minoranza e saranno concordate opzioni per il successivo acquisto delle azioni rimanenti. Gli ulteriori colloqui di approfondimento andranno quindi a concentrarsi principalmente sulle forme e modalità del possibile investimento azionario, sull'integrazione commerciale e operativa di Ita nel Gruppo Lufthansa e sulle sinergie che ne deriveranno. Nell’eventualità di un raggiungimento di un accordo contrattuale, l’effettiva attuazione sarà soggetta all'approvazione delle autorità competenti". Nei prossimi mesi, quindi, l'investimento del gruppo potrebbe salire al 100% del capitale Ita. Il mercato più importante La comunicazione dei tedeschi ribadisce poi come per il Gruppo Lh l'Italia rappresenti "il mercato più importante al di fuori dei mercati domestici e degli Stati Uniti. La volontà di integrare Ita Airways all’interno delle compagnie del Gruppo risiede nel forte interscambio del Paese a livello globale, tramite viaggi d'affari e privati, nella sua forte economia orientata all'esportazione e nel suo essere uno dei luoghi turisticamente più attrattivi in Europa. Dal Tesoro è confermato il ricevimento della missiva dalla Germania: "Il Mef si riserva di esaminare la congruità dell’offerta nel rispetto dei requisiti previsti dal Dpcm. Non sono arrivate altre offerte alla scadenza dei termini prevista per le ore 18 di oggi (ieri per chi legge, ndr)". [post_title] => Lufthansa conferma: c'è la lettera d'intenti per l'ingresso in Ita Airways [post_date] => 2023-01-19T05:02:15+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674104535000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437517 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Siamo molto positivi sul prossimo futuro e prevediamo un altro anno di crescita per noi di Rcl".  Gianni Rotondo guarda con fiducia alla prossima estate, confortato da trend di mercato globali in crescita per tutto il mercato delle crociere: "La domanda per i nostri prodotti rimane alta pure in Italia - spiega il general manager Emea region, international representative office di Royal Caribbean International -, mentre tornano ad allargarsi le finestre di prenotazione in tutta Europa: dopo il recente caos dei viaggi, l’advance booking è infatti nuovamente alla ribalta. E ciò ci conforta in vista di uno schieramento di prodotti che nel Vecchio continente sarà consistente anche la prossima estate, tra cui ricordo la Symphony of the Seas e la Odyssey of the Seas: due tra le più recenti new entry della nostra flotta, destinate a fare base a Civitavecchia". Certo, le sfide non mancano. A partire dall’inflazione, che sta erodendo una quota non trascurabile del potere d’acquisto dei consumatori. "Siamo profondamente consapevoli delle pressioni esercitate sui nostri ospiti dall’aumento del costo della vita – aggiunge Rotondo -. Come azienda globale anche noi non siamo affatto immuni da problemi come questi. Ma durante il Covid abbiamo imparato a essere resilienti e flessibili". Un approccio che tra le altre cose sta aiutando la compagnia a far fronte alla questione caro petrolio: "Abbiamo già coperto il 54% del nostro fabbisogno per il 2023 a prezzi inferiori a quelli di mercato – rivela sempre Rotondo -. Al momento non abbiamo perciò intenzione di imporre alcun supplemento carburante. E tutto ciò anche grazie ai recenti investimenti per l’efficientamento dei consumi sulle nostre navi: il design innovativo della prua, l’ottimizzazione energetica e più in generale una complessiva riduzione delle necessità di carburante per l’alimentazione dei nostri motori". [post_title] => Rcl: fiducia sull'estate e nessun adeguamento carburante in vista [post_date] => 2023-01-18T12:21:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674044508000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437502 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' il Midas di Roma il secondo investimento di Zeitgeist Asset Management in Italia, dopo quella dello scorso giugno relativa a un immobile a uso uffici sempre nella Capitale. La società di gestione e sviluppo immobiliare ceca è approdata nel nostro Paese a gennaio dell'anno scorso, grazie a una joint venture con gli imprenditori Filippo Bianchini-Scudellari e Sebastiano Canessa. L'obiettivo è di investire fino a 500 milioni di euro in Italia, con focus prevalente nelle aree centro-settentrionali. Il tutto anche tramite il contributo di fondi istituzionali tedeschi, con cui Zeitgeist collabora da tempo. La parte finanziaria dell’operazione Midas è stata inoltre gestita da Incanto sgr, con il team guidato da Martino Cutillo ed Edoardo Schieppati, che ha fornito nuova finanza attraverso i propri fondi. Il Midas è un 4 stelle situato nel quartiere romano Aurelio. Dispone di 349 camere di circa 24 metri quadrati ciascuna, tutte dotate di balcone. Ospita inoltre tre ristoranti, un lounge bar e un cocktail garden, un centro congressi e diverse sale per l’organizzazione di eventi e meeting, una piscina all'aperto e campi da tennis. Costruito nel 1973, è stato oggetto di un importante intervento di riqualificazione nel 2021, che ha consentito tra le altre cose di rinnovare completamente la facciata e migliorare l’efficienza energetica dell’hotel, anche grazie all'introduzione di un nuovo impianto fotovoltaico sul tetto. “Riteniamo che questa operazione sia un segnale positivo per un mercato che al momento è in fase attendista, con gli operatori fermi in attesa di comprendere le possibili evoluzioni dello scenario - spiega Filippo Bianchini-Scudellari, co-founder e amministratore delegato di Zeitgeist Asset Management Italia -. In questo contesto, abbiamo individuato nell’acquisizione dell’hotel Midas un’ottima opportunità per consolidare la nostra presenza in Italia, dove contiamo di chiudere altre operazioni nei prossimi mesi. Con l’acquisizione della struttura capitolina abbiamo la possibilità di entrare nel mercato alberghiero di Roma, che si caratterizza per un buon mix sia tra domanda infrasettimanale e del weekend, che tra clienti business e leisure. Si trova inoltre in una posizione che offre interessanti prospettive, grazie soprattutto al progetto di espansione dell’aeroporto di Fiumicino, dove è prevista la realizzazione di un nuovo terminal, due nuove piste e nuovi parcheggi e servizi che consentiranno allo scalo di servire fino a 100 milioni di passeggeri all'anno”. Zeitgeist Asset Management è stata fondata a Praga nel 2014 e sviluppa e gestisce asset immobiliari per investitori privati e istituzionali in Germania, Europa Centrale e Orientale e in Italia. È presente in cinque Paesi (Repubblica Ceca, Germania, Polonia, Ungheria e Italia), dove opera attraverso le sedi di Praga, Berlino, Varsavia, Budapest e Milano. I settori in cui opera sono il residenziale (con oltre 700 appartamenti in gestione), residenze per studenti (oltre  mille i posti letto gestiti) e uffici, oltre a sviluppo urbanistico e soluzioni energetiche. La società gestisce oltre 45 progetti immobiliari per una superficie complessiva di più di 200 mila metri quadrati e ha asset in gestione per un valore di oltre 800 milioni di euro. Tra i propri clienti conta uno dei principali fondi pensione tedesco, con asset investiti per circa 5 miliardi di euro.   [post_title] => Zeitgeist Asset Management focus sull'Italia: acquisito il Midas di Roma [post_date] => 2023-01-18T11:40:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674042036000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437414 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambia il mezzo (prima l'aereo ora il treno, ma l'interesse di Gianluigi Aponte per i trasporti non si ferma). Infatti l’armatore che guida Msc, potrebbe puntare alle ferrovie. La notizia è riportata da Milano Finanza che afferma che Aponte  sarebbe in trattativa per l’acquisto di Italo. Alcune fonti citate dalla testata affermano che l’accordo potrebbe concludersi entro marzo. Per altre, il dossier sarebbe addirittura già chiuso. L’azienda, come già aveva fatto a seguito di altri articoli usciti a dicembre, ha però negato le voci. “Sentiti gli azionisti, e non solo alcuni, smentiamo di nuovo qualsivoglia trattativa in essere per la vendita della società”, fa sapere Italo. 4 miliardi L’affare, scrive Mf, avrebbe un valore di circa quattro miliardi di euro, cioè il doppio della cifra sborsata nel 2018 dal fondo Global Infrastructure Partners (Gip) per acquistare Italo – Nuovo Trasporto Viaggiatori dai fondatori. Gip possiede il 72,6%. L’11,5% appartiene ad Allianz, il 7,6% a Infra Investor, lo 0,6% a MoLagers. Il restante 7,7% è di soci italiani che hanno venduto a Gip e hanno poi deciso di reinvestire. Tra questi Luca Cordero di Montezemoloe l’ex amministratore delegato Flavio Cattaneo. [post_title] => Gianluigi Aponte (Msc) interessato ad entrare in Italo, che smentisce [post_date] => 2023-01-17T10:39:31+00:00 [category] => Array ( [0] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673951971000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Allora guardiamo bene cosa c'è dentro la legge di bilancio per il turismo come riportato fedelmente dal Sole 24 Ore. Con il fine di promuovere l'attrattività turistica e di incentivare i flussi turistici nei luoghi montani e nei comprensori sciistici garantendo la sicurezza degli impianti, l’articolo 1, comma 592 istituisce un fondo destinato alle imprese esercenti attività di risalita a fune e di innevamento artificiale, anche dismettendo impianti non più utilizzati o obsoleti (comma 593). Lo stanziamento deve essere destinato a realizzare interventi di ristrutturazione, ammodernamento e manutenzione. Il Fondo ha una dotazione complessiva di 200 milioni: 30 per l’anno 2023, 50 milioni per l’anno 2024, 70 milioni per l’anno 2025 e 50 milioni per l’anno 2026. Le altre voci Vediamo quali sono le altre voci a cui hanno assegnato finanziamenti: istituzione di 3 nuovi fondi presso il ministero del turismo per accrescere il livello e l’offerta professionale nel settore (commi 603-606), sostegno ai piccoli comuni a vocazione turistica (commi 607- 609), per i cammini religiosi (comma 610) e per il turismo sostenibile (commi 611-612). La legge di Bilancio tende la mano al turismo garantendo investimenti per milioni di euro, in alcuni casi destinati a protrarsi fino al 2026. Insomma come al solito il turismo organizzato rimane fuori. Non si capisce il motivo per il quale migliaia di aziende che hanno perso tutto o quasi in due anni di lockdown debbano essere messe così da parte quando si tratta di scelte finanziarie e di risorse. Qualcuno lo chieda al ministro.   [post_title] => Legge bilancio: 200 milioni per la montagna. Per il turismo organizzato niente [post_date] => 2023-01-13T10:53:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673607217000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "fs e guardia di finanza" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":31,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":458,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437965","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come si orienterà la creazione di valore per gli asset ricettivi del Paese nei prossimi anni? Quali formule, modelli, strategie di investimento possono costruire valore immobiliare a fronte di tassi di interesse alti e di un difficile contesto macroeconomico globale? E ancora: come possono gli hotel reggere il passo della nuova redditività attesa per i format alternativi che stanno crescendo per diffusione, quali student hotel, glamping, serviced/branded apartments, co-living ed altri modelli ibridi? Sono alcune delle domande a cui si proverà a rispondere durante l'edizione 2023 dell'Italian Hospitality Conference che quest'anno presenta un'importante novità. Organizzato come sempre da Teamwork e Thrends, Ithic non si svolgerà più infatti a Rimini, bensì a Roma, nella location in esclusiva dell'hotel Villa Pamphili dal 19 al 20 ottobre.\r\n\r\nDal titolo Turning assets into value sarà \"un'edizione ancora più internazionale e più partecipata da proprietà e finanza, con l'obiettivo di costruire prospettive e interpretare in anticipo le grandi sfide dei prossimi anni, affidandosi a nuovi modelli e schemi di pensiero, a fianco ai grandi protagonisti globali delle gestioni, della finanza, dello sviluppo - spiega una nota -. Fra le novità anche una kermesse dedicata agli asset pubblici che saranno inseriti in strategie di valorizzazione, arricchita da un salotto per investitori internazionali\".\r\n\r\n ","post_title":"Ithic si trasferisce a Roma. Appuntamento per il 19 e 20 ottobre","post_date":"2023-01-26T09:31:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674725486000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437911","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437915\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Lublino[/caption]\r\n\r\nLa Polonia rilancia la scommessa sul mercato Italia per il 2023 con più collegamenti aerei, numerose novità e una ancor più presente attività di formazione al trade. Obiettivo: consolidare i risultati 2019, quando si erano registrati arrivi per oltre 600.000 italiani.\r\n\r\n“La Polonia è una meta moderna e dinamica, molto apprezzata dagli italiani, che prediligono fra tutto le nostre città d’arte (Cracovia, Varsavia, Danzica e Breslavia fra tutte) – afferma Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente nazionale polacco per il turismo in Italia - ma la promozione della destinazione per il 2023 sarà incentrata su una Polonia meno nota, una terra che attrae per il ricco patrimonio storico-culturale ma che deve oggi rivelare al grande pubblico la sua bellezza naturalistica, la biodiversità, le possibilità legate all’outdoor e la squisita offerta gastronomica”.\r\n\r\nNei primi 10 mesi del 2022, il numero di pernottamenti dei visitatori italiani non ha ancora raggiunto i dati dello stesso periodo del 2019 (anche se si attestano al 60%), ma con un aumento del +90% se si guarda al 2021. “Sono dati al momento ancora parziali, ma che ci mostrano un trend in crescita, non solo per quanto riguarda il turismo dall’Italia, ma in generale per i flussi provenienti dall’Unione europea”.\r\n\r\nIn calendario incontri di formazione online e fam trip, così da dare ad agenti e operatori l’occasione di approfondire la propria conoscenza sulla destinazione, ma anche la partecipazione a fiere ed eventi insieme ai dmc polacchi.\r\n\r\nSul fronte dei collegamenti spiccano i due nuovi per Lublino, città accademica e importante punto di unione fra l’Europa occidentale e quella orientale e, in secondo luogo, il grande ritorno del volo diretto Roma-Danzica. “La nostra forza sta nei numerosi collegamenti aerei che permettono a molti italiani di raggiungere il nostro paese in ogni stagione dell’anno grazie a operativi che consentono di organizzare long weekend oppure di approfittare dei ponti di primavera, per una breve vacanza o, ancora, del periodo delle festività natalizie, quando si svolgono i mercatini di Natale”.\r\n\r\n ","post_title":"La Polonia scommette sulle mete meno note. Più voli e tanta formazione al trade","post_date":"2023-01-25T11:11:30+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674645090000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437755","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_425237\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luigi Ferraris, ad del gruppo Fs[/caption]\r\n\r\nGruppo Ferrovie dello Stato e Guardia di finanza hanno siglato un accordo per prevenire i tentativi di infiltrazione criminale nei settori economici legali, per la tutela della regolarità e della trasparenza degli appalti promossi dal Gruppo FS e per il contrasto alle frodi, alla corruzione e agli illeciti in genere, con particolare riguardo agli interventi previsti nell’ambito del Pnrr.\r\n\r\nl protocollo - spiega la nota - è stato firmato dall’amministratore delegato di FS Luigi Ferraris e dal gen. Giuseppe Zafarana e suggella un rapporto di collaborazione tra il corpo e il gruppo, attivando anche un capillare monitoraggio delle infrastrutture strategiche di Ferrovie dello Stato, attraverso riprese e rilievi fotografici effettuati con l’ausilio di mezzi aerei della Guardia di Finanza. Prosegue dunque l’impegno per la legalità e la trasparenza del Gruppo FS e la sua fitta collaborazione con le Forze dell’Ordine. L’accordo raggiunto con la Guardia di Finanza, infatti, arriva dopo altri due importanti intese siglate nei mesi scorsi dal Gruppo guidato da Luigi Ferraris. La prima con l’Arma dei Carabinieri è stata finalizzata ad avviare una collaborazione duratura e strutturata a difesa della legalità, a contrastare le infiltrazioni criminali e promuovere la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri delle opere infrastrutturali gestite dal Gruppo. Il tutto con un’attenzione particolare al rispetto delle leggi in materia di collocamento di manodopera, previdenza e sicurezza sui luoghi di lavoro.\r\n\r\nSicurezza ed efficacia delle operazioni di soccorso sono, invece, al centro del protocollo firmato dal Gruppo FS con i Vigili del Fuoco, con cui è stato condiviso anche l’obiettivo di promuovere la formazione degli operatori incaricati di gestire le emergenze, studiare un sistema di monitoraggio delle infrastrutture, svolgere attività di prevenzione, in particolare degli incendi, analizzare e monitorare potenziali scenari di rischio, agevolare la gestione delle emergenze, individuare possibili sedi di nuovi presidi per i Vigili del Fuoco in prossimità della rete ferroviaria.","post_title":"Fs e Guardia di finanza siglano un'intesa per evitare infiltrazioni nell'attuazione del Pnrr","post_date":"2023-01-23T11:01:00+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674471660000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437678","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mettere a rete le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, dare loro la possibilità di acquisire i prodotti migliori, di confrontarsi, di colloquiare con agenzie e tour operator, ma anche di incontrare guide, traduttori e tutti i professionisti e le imprese che ruotano attorno al mondo del turismo. E' questo il senso di un evento come TuttoHotel, secondo Vincenzo Schiavo. Il vicepresidente nazionale di Confesercenti era presente alla fiera napoletana organizzata da Squisito Eventi, Ticketlab e D&d Group in concomitanza con il convegno “Evoluzione del fenomeno extralberghiero: costumer experience e normativa”, realizzato proprio dalla stessa confederazione datoriale.\r\n\r\n\"Per noi di Confesercenti, l'industria dei viaggi e dell'ospitalità è un elemento chiave, tanto che al nostro interno abbiamo una realtà ad hoc, Assoturismo, che rappresenta l'intera categoria - prosegue Schiavo -. Il nostro impegno per le imprese è quotidiano e si declina tra le altre cose in un supporto assicurativo ad hoc, nonché nel dare la possibilità ai nostri associati di accedere a forme di finanziamento agevolate e tarate sulle loro specifiche esigenze. Non si può infatti pensare di attendere sei mesi per ricevere i capitali necessari ad avviare un progetto. E' per questo che noi garantiamo finanza in tempi ragionevoli, attorno ai 20-30 giorni dalla presentazione della richiesta\".\r\n\r\nMa il lavoro di Confesercenti va naturalmente anche oltre: \"I nostri rappresentanti di categoria, presidenti e coordinatori, vengono nominati tutti tra chi opera quotidianamente nel settore e sono in grado di contribuire allo sviluppo non solo del comparto ma dall'intera economia nazionale - conclude Schiavo -. A una condizione però: che le istituzioni ci ascoltino. Perché il turismo è un comparto in grado di cambiare alla radice l'asset industriale di un territorio\".","post_title":"Schiavo, Confesercenti: \"Il turismo è in grado di cambiare l'economia di un territorio\"","post_date":"2023-01-20T13:01:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674219687000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437547","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Il Gruppo Lufthansa ha presentato una lettera di intenti al Ministero dell'Economia e delle Finanze italiano (per l'ingresso nel capitale di Ita Airways, ndr) . Qualora entrambe le parti decidano di firmare il memorandum d'intesa, ulteriori negoziati e discussioni saranno condotti su base esclusiva\": con questa nota ufficiale il colosso tedesco conferma l'inoltro dell'attesa offerta per una partecipazione nel capitale di Ita.\r\n\r\nPartecipazione che dovrebbe attestarsi inizialmente al 40%, anche Lufthansa non cita numeri nella propria comunicazione: le indiscrezioni degli ultimi giorni indicano un valore dell'operazione di circa 300 milioni di euro.\r\n\r\n\"Inizialmente - prosegue la nota Lufthansa - verrà definito l’acquisto di una quota di minoranza e saranno concordate opzioni per il successivo acquisto delle azioni rimanenti. Gli ulteriori colloqui di approfondimento andranno quindi a concentrarsi principalmente sulle forme e modalità del possibile investimento azionario, sull'integrazione commerciale e operativa di Ita nel Gruppo Lufthansa e sulle sinergie che ne deriveranno. Nell’eventualità di un raggiungimento di un accordo contrattuale, l’effettiva attuazione sarà soggetta all'approvazione delle autorità competenti\".\r\n\r\nNei prossimi mesi, quindi, l'investimento del gruppo potrebbe salire al 100% del capitale Ita.\r\nIl mercato più importante\r\nLa comunicazione dei tedeschi ribadisce poi come per il Gruppo Lh l'Italia rappresenti \"il mercato più importante al di fuori dei mercati domestici e degli Stati Uniti. La volontà di integrare Ita Airways all’interno delle compagnie del Gruppo risiede nel forte interscambio del Paese a livello globale, tramite viaggi d'affari e privati, nella sua forte economia orientata all'esportazione e nel suo essere uno dei luoghi turisticamente più attrattivi in Europa.\r\n\r\nDal Tesoro è confermato il ricevimento della missiva dalla Germania: \"Il Mef si riserva di esaminare la congruità dell’offerta nel rispetto dei requisiti previsti dal Dpcm. Non sono arrivate altre offerte alla scadenza dei termini prevista per le ore 18 di oggi (ieri per chi legge, ndr)\".","post_title":"Lufthansa conferma: c'è la lettera d'intenti per l'ingresso in Ita Airways","post_date":"2023-01-19T05:02:15+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674104535000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437517","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Siamo molto positivi sul prossimo futuro e prevediamo un altro anno di crescita per noi di Rcl\".  Gianni Rotondo guarda con fiducia alla prossima estate, confortato da trend di mercato globali in crescita per tutto il mercato delle crociere: \"La domanda per i nostri prodotti rimane alta pure in Italia - spiega il general manager Emea region, international representative office di Royal Caribbean International -, mentre tornano ad allargarsi le finestre di prenotazione in tutta Europa: dopo il recente caos dei viaggi, l’advance booking è infatti nuovamente alla ribalta. E ciò ci conforta in vista di uno schieramento di prodotti che nel Vecchio continente sarà consistente anche la prossima estate, tra cui ricordo la Symphony of the Seas e la Odyssey of the Seas: due tra le più recenti new entry della nostra flotta, destinate a fare base a Civitavecchia\".\r\n\r\nCerto, le sfide non mancano. A partire dall’inflazione, che sta erodendo una quota non trascurabile del potere d’acquisto dei consumatori. \"Siamo profondamente consapevoli delle pressioni esercitate sui nostri ospiti dall’aumento del costo della vita – aggiunge Rotondo -. Come azienda globale anche noi non siamo affatto immuni da problemi come questi. Ma durante il Covid abbiamo imparato a essere resilienti e flessibili\".\r\n\r\nUn approccio che tra le altre cose sta aiutando la compagnia a far fronte alla questione caro petrolio: \"Abbiamo già coperto il 54% del nostro fabbisogno per il 2023 a prezzi inferiori a quelli di mercato – rivela sempre Rotondo -. Al momento non abbiamo perciò intenzione di imporre alcun supplemento carburante. E tutto ciò anche grazie ai recenti investimenti per l’efficientamento dei consumi sulle nostre navi: il design innovativo della prua, l’ottimizzazione energetica e più in generale una complessiva riduzione delle necessità di carburante per l’alimentazione dei nostri motori\".","post_title":"Rcl: fiducia sull'estate e nessun adeguamento carburante in vista","post_date":"2023-01-18T12:21:48+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674044508000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437502","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' il Midas di Roma il secondo investimento di Zeitgeist Asset Management in Italia, dopo quella dello scorso giugno relativa a un immobile a uso uffici sempre nella Capitale. La società di gestione e sviluppo immobiliare ceca è approdata nel nostro Paese a gennaio dell'anno scorso, grazie a una joint venture con gli imprenditori Filippo Bianchini-Scudellari e Sebastiano Canessa. L'obiettivo è di investire fino a 500 milioni di euro in Italia, con focus prevalente nelle aree centro-settentrionali. Il tutto anche tramite il contributo di fondi istituzionali tedeschi, con cui Zeitgeist collabora da tempo. La parte finanziaria dell’operazione Midas è stata inoltre gestita da Incanto sgr, con il team guidato da Martino Cutillo ed Edoardo Schieppati, che ha fornito nuova finanza attraverso i propri fondi.\r\n\r\nIl Midas è un 4 stelle situato nel quartiere romano Aurelio. Dispone di 349 camere di circa 24 metri quadrati ciascuna, tutte dotate di balcone. Ospita inoltre tre ristoranti, un lounge bar e un cocktail garden, un centro congressi e diverse sale per l’organizzazione di eventi e meeting, una piscina all'aperto e campi da tennis. Costruito nel 1973, è stato oggetto di un importante intervento di riqualificazione nel 2021, che ha consentito tra le altre cose di rinnovare completamente la facciata e migliorare l’efficienza energetica dell’hotel, anche grazie all'introduzione di un nuovo impianto fotovoltaico sul tetto.\r\n\r\n“Riteniamo che questa operazione sia un segnale positivo per un mercato che al momento è in fase attendista, con gli operatori fermi in attesa di comprendere le possibili evoluzioni dello scenario - spiega Filippo Bianchini-Scudellari, co-founder e amministratore delegato di Zeitgeist Asset Management Italia -. In questo contesto, abbiamo individuato nell’acquisizione dell’hotel Midas un’ottima opportunità per consolidare la nostra presenza in Italia, dove contiamo di chiudere altre operazioni nei prossimi mesi. Con l’acquisizione della struttura capitolina abbiamo la possibilità di entrare nel mercato alberghiero di Roma, che si caratterizza per un buon mix sia tra domanda infrasettimanale e del weekend, che tra clienti business e leisure. Si trova inoltre in una posizione che offre interessanti prospettive, grazie soprattutto al progetto di espansione dell’aeroporto di Fiumicino, dove è prevista la realizzazione di un nuovo terminal, due nuove piste e nuovi parcheggi e servizi che consentiranno allo scalo di servire fino a 100 milioni di passeggeri all'anno”.\r\n\r\nZeitgeist Asset Management è stata fondata a Praga nel 2014 e sviluppa e gestisce asset immobiliari per investitori privati e istituzionali in Germania, Europa Centrale e Orientale e in Italia. È presente in cinque Paesi (Repubblica Ceca, Germania, Polonia, Ungheria e Italia), dove opera attraverso le sedi di Praga, Berlino, Varsavia, Budapest e Milano. I settori in cui opera sono il residenziale (con oltre 700 appartamenti in gestione), residenze per studenti (oltre  mille i posti letto gestiti) e uffici, oltre a sviluppo urbanistico e soluzioni energetiche. La società gestisce oltre 45 progetti immobiliari per una superficie complessiva di più di 200 mila metri quadrati e ha asset in gestione per un valore di oltre 800 milioni di euro. Tra i propri clienti conta uno dei principali fondi pensione tedesco, con asset investiti per circa 5 miliardi di euro. \r\n\r\n ","post_title":"Zeitgeist Asset Management focus sull'Italia: acquisito il Midas di Roma","post_date":"2023-01-18T11:40:36+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674042036000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437414","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambia il mezzo (prima l'aereo ora il treno, ma l'interesse di Gianluigi Aponte per i trasporti non si ferma). Infatti l’armatore che guida Msc, potrebbe puntare alle ferrovie. La notizia è riportata da Milano Finanza che afferma che Aponte  sarebbe in trattativa per l’acquisto di Italo. Alcune fonti citate dalla testata affermano che l’accordo potrebbe concludersi entro marzo. Per altre, il dossier sarebbe addirittura già chiuso.\r\n\r\nL’azienda, come già aveva fatto a seguito di altri articoli usciti a dicembre, ha però negato le voci. “Sentiti gli azionisti, e non solo alcuni, smentiamo di nuovo qualsivoglia trattativa in essere per la vendita della società”, fa sapere Italo.\r\n4 miliardi\r\nL’affare, scrive Mf, avrebbe un valore di circa quattro miliardi di euro, cioè il doppio della cifra sborsata nel 2018 dal fondo Global Infrastructure Partners (Gip) per acquistare Italo – Nuovo Trasporto Viaggiatori dai fondatori. Gip possiede il 72,6%. L’11,5% appartiene ad Allianz, il 7,6% a Infra Investor, lo 0,6% a MoLagers. Il restante 7,7% è di soci italiani che hanno venduto a Gip e hanno poi deciso di reinvestire. Tra questi Luca Cordero di Montezemoloe l’ex amministratore delegato Flavio Cattaneo.","post_title":"Gianluigi Aponte (Msc) interessato ad entrare in Italo, che smentisce","post_date":"2023-01-17T10:39:31+00:00","category":["senza-categoria"],"category_name":["Senza categoria"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1673951971000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437272","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Allora guardiamo bene cosa c'è dentro la legge di bilancio per il turismo come riportato fedelmente dal Sole 24 Ore. Con il fine di promuovere l'attrattività turistica e di incentivare i flussi turistici nei luoghi montani e nei comprensori sciistici garantendo la sicurezza degli impianti, l’articolo 1, comma 592 istituisce un fondo destinato alle imprese esercenti attività di risalita a fune e di innevamento artificiale, anche dismettendo impianti non più utilizzati o obsoleti (comma 593). Lo stanziamento deve essere destinato a realizzare interventi di ristrutturazione, ammodernamento e manutenzione. Il Fondo ha una dotazione complessiva di 200 milioni: 30 per l’anno 2023, 50 milioni per l’anno 2024, 70 milioni per l’anno 2025 e 50 milioni per l’anno 2026.\r\nLe altre voci\r\nVediamo quali sono le altre voci a cui hanno assegnato finanziamenti: istituzione di 3 nuovi fondi presso il ministero del turismo per accrescere il livello e l’offerta professionale nel settore (commi 603-606), sostegno ai piccoli comuni a vocazione turistica (commi 607- 609), per i cammini religiosi (comma 610) e per il turismo sostenibile (commi 611-612). La legge di Bilancio tende la mano al turismo garantendo investimenti per milioni di euro, in alcuni casi destinati a protrarsi fino al 2026.\r\nInsomma come al solito il turismo organizzato rimane fuori. Non si capisce il motivo per il quale migliaia di aziende che hanno perso tutto o quasi in due anni di lockdown debbano essere messe così da parte quando si tratta di scelte finanziarie e di risorse. Qualcuno lo chieda al ministro.\r\n ","post_title":"Legge bilancio: 200 milioni per la montagna. Per il turismo organizzato niente","post_date":"2023-01-13T10:53:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1673607217000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti