23 February 2024

Fs e Guardia di finanza siglano un’intesa per evitare infiltrazioni nell’attuazione del Pnrr

[ 0 ]

Luigi Ferraris, ad del gruppo Fs

Gruppo Ferrovie dello Stato e Guardia di finanza hanno siglato un accordo per prevenire i tentativi di infiltrazione criminale nei settori economici legali, per la tutela della regolarità e della trasparenza degli appalti promossi dal Gruppo FS e per il contrasto alle frodi, alla corruzione e agli illeciti in genere, con particolare riguardo agli interventi previsti nell’ambito del Pnrr.

l protocollo – spiega la nota – è stato firmato dall’amministratore delegato di FS Luigi Ferraris e dal gen. Giuseppe Zafarana e suggella un rapporto di collaborazione tra il corpo e il gruppo, attivando anche un capillare monitoraggio delle infrastrutture strategiche di Ferrovie dello Stato, attraverso riprese e rilievi fotografici effettuati con l’ausilio di mezzi aerei della Guardia di Finanza. Prosegue dunque l’impegno per la legalità e la trasparenza del Gruppo FS e la sua fitta collaborazione con le Forze dell’Ordine. L’accordo raggiunto con la Guardia di Finanza, infatti, arriva dopo altri due importanti intese siglate nei mesi scorsi dal Gruppo guidato da Luigi Ferraris. La prima con l’Arma dei Carabinieri è stata finalizzata ad avviare una collaborazione duratura e strutturata a difesa della legalità, a contrastare le infiltrazioni criminali e promuovere la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri delle opere infrastrutturali gestite dal Gruppo. Il tutto con un’attenzione particolare al rispetto delle leggi in materia di collocamento di manodopera, previdenza e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Sicurezza ed efficacia delle operazioni di soccorso sono, invece, al centro del protocollo firmato dal Gruppo FS con i Vigili del Fuoco, con cui è stato condiviso anche l’obiettivo di promuovere la formazione degli operatori incaricati di gestire le emergenze, studiare un sistema di monitoraggio delle infrastrutture, svolgere attività di prevenzione, in particolare degli incendi, analizzare e monitorare potenziali scenari di rischio, agevolare la gestione delle emergenze, individuare possibili sedi di nuovi presidi per i Vigili del Fuoco in prossimità della rete ferroviaria.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462039 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La festa del mandorlo in fiore è una festa cultural popolare della città di Agrigento la Città dei templi, che si ripete ogni anno con l'obiettivo di festeggiare l'arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. Numerosi gruppi folkloristici e bambini arrivano da ogni parte del mondo nella Capitale italiana della Cultura 2025 per prenderne parte. La manifestazione rappresenta l’evento più importante del palinsesto artistico della città e ogni anno rinnova l’incontro di popoli da tutto il mondo in un’ottica di pace e fratellanza. L’edizione 2024 si svolgerà in particolare dal 9 al 17 marzo. Come di consueto vedrà i gruppi folk presenti, sia adulti sia bambini, esibirsi nelle piazze cittadine e nei principali teatri. Il clou è in calendario domenica 17 marzo, quando gruppi folkloristici e carretti siciliani dipinti sfileranno per la città allo scopo di celebrare l’arrivo della primavera. Nell’attesa è possibile passeggiare tra i templi, e scoprire casa Barbadoro, il casale recuperato all’interno della valle, il museo vivente del Mandorlo, il giardino che il parco archeologico della Valle dei templi ha dedicato alla cura di questa antica e preziosa pianta. Le compagini folk internazionali che quest’anno, nell’ambito del sessantaseiesimo festival internazionale del Folklore, si contenderanno l’ambito premio del Tempio d’oro dinanzi al maestoso tempio della Concordia provengono da ben 26 Paesi: Albania, Brasile, Bulgaria, Colombia, Corea, Croazia, Giappone, Grecia, India, Italia, Lettonia, Macedonia, Messico, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Turchia e Ucraina. I gruppi invece partecipanti al ventunesimo festival i Bambini del mondo provengono da Bulgaria, Costarica, Germania, Honduras, Kirghizistan, Korea, Polonia, Serbia, Turchia e Ucraina. Le novità dell’edizione del 2024 del Mandorlo in fiore non sono poche, ma la più importante è quella relativa a un ritorno alla tradizione con la Fiaccolata dell’amicizia, che terminerà allo stadio Esseneto coinvolgendo l’intero tessuto cittadino e i turisti. Ad aprire la kermesse il concerto per la pace con la cantante israeliana Noa sabato 9 marzo al teatro Pirandello. Quest’anno, inoltre, ad aprire le parate dei gruppi folk, tornati a essere numerosi per le vie cittadine, ci sarà un carro allestito con una scenografia dedicata alla primavera nella valle, esattamente come si faceva negli anni 50. Primo fondamentale appuntamento sarà l’accensione del tripode dell’Amicizia, martedì 12, con sfilata dei gruppi che partendo dal museo archeologico Griffo raggiungeranno il tempio attraverso il decumano. Tra gli eventi collaterali si registra infine MandorloinTavola - i menù della sagra, che si pone l’obiettivo di valorizzare la mandorla e promuovere la ristorazione del territorio. L’iniziativa prevede, a cura dei diversi ristoranti della città, la possibilità di degustare menu a base di mandorla.   [post_title] => Agrigento città dei templi: tutti gli eventi per la festa del Mandorlo in fiore [post_date] => 2024-02-23T09:12:34+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708679554000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461902 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ritorniamo per un momento sui bonus vacanza, criticati aspramente da questo giornale fin dalla nascita, e vediamo cosa sta succedendo. Secondo la Guardia di Finanza di Napoli, vi sarebbe stata una maxitruffa da quasi 800mila euro sui buoni vacanze erogati dal ministero del turismo nel periodo dell'emergenza Covid, tra il 2020 e 2021. «Il flop del bonus vacanze lo abbiamo denunciato subito. Inoltre, già nel luglio del 2020 avevamo rilevato innumerevoli irregolarità e abusi, segnalandoli in un esposto all'Antitrust, chiedendo di accertare se le pratiche commerciali fossero scorrette», afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori. «Alcuni albergatori applicavano tariffe differenziate a seconda che uno andasse in vacanza con bonus o senza. Insomma, un meccanismo e una procedura che consentivano troppi spazi di manovra agli albergatori. Un provvedimento nato male e, come dimostra l'indagine di oggi, finito peggio» conclude Dona. [post_title] => Flop bonus vacanza. E ora arriva anche la Guardia di Finanza [post_date] => 2024-02-20T11:02:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426970000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461784 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’obiettivo per tutto il settore crocieristico e della navigazione è di arrivare al 2050 a utilizzare navi ad emissioni zero. Nel frattempo le compagnie, Costa Crociere in primis, sono impegnate a 360 gradi con grandi investimenti green stanziati e da stanziare, e importanti iniziative. Nel dettaglio, sostenibilità a bordo per la compagnia del gruppo Carnival in primis significa: raccolta differenziata (il 100% dei rifiuti raccolti sulla nave viene separato e differenziato); sempre meno plastica; attenzione al consumo d'acqua (due terzi di quella utilizzata a bordo proviene dal mare: viene desalinizzata e purificata per l’utilizzo a bordo); navi tecnologicamente avanzate (per la Smeralda e la Toscana è stato scelto il sistema a propulsione più innovativo del settore crocieristico, il gas naturale liquefatto: la tecnologia più avanzata attualmente disponibile per garantire le migliori performance ambientali riducendone le emissioni) «Ma rispetto dell’ambiente non significa solo raccolta differenziata, meno plastica e ricircolo a bordo  – specifica Luigi Stefanelli, Southern Europe Region associate vice president Costa Crociere –. Da tempo abbiamo anche avviato un processo che ci consente un risparmio sul cibo, favorendo la stagionalità nei menù e sensibilizzando ospiti ed equipaggio al consumo responsabile. Insieme a Banco Alimentare siamo inoltre presenti in ben 18 porti nel mondo e doniamo i pasti a chi ne ha bisogno». Scendere a terra per Costa Crociere non significa poi semplicemente fare un escursione, ma scoprire i luoghi e le persone che li abitano, in maniere attenta e rispettosa, grazie a guide esperte e professionali. La compagnia promuove un Manifesto per un turismo di valore, ecosostenibile e inclusivo,  che raccoglie i principi che la guidano verso comportamenti virtuosi per l’ambiente delle destinazioni visitate. «Anche quando collaboriamo con gli enti locali – aggiunge Stefanelli – puntiamo a proteggere e valorizzare l’ambiente. La destinazione è un ecosistema. Puntiamo a lasciare un’impronta che va al di là della presenza Costa in quel luogo, quel giorno. Nello specifico, stiamo aiutando alcuni artigiani a trovare eventuali successori e tramite un supporto formativo a fare in modo che quella professione abbia un futuro e non scompaia». E per finire Costa Crociere Foundation: i progetti fatti e in programma integrano il processo di sostenibilità. A cominciare dal Guardiani della Costa, con il quale la compagnia si impegna a formare migliaia di giovani rendendoli consapevoli della fragile bellezza del patrimonio naturalistico delle coste italiane: vengono coinvolti in attività di pulizia dei litorali e nella raccolta dati scientifici. «Collaboriamo infine con uno chef spagnolo, la cui cucina è focalizzata sul mare – conclude Stefanelli –. L’obiettivo, insieme a Costa Foundation, è supportare la coltivazione di un’alga marina che se portata su una scala più estesa potrebbe sopperire a diversi bisogni». [post_title] => Costa Crociere sempre più green: focus su ambiente, persone e territorio [post_date] => 2024-02-19T11:30:28+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708342228000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461569 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Venezia Mestre cambia volto grazie al nuovo progetto di ampliamento e restyling varato da Rete Ferroviaria Italiana, capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo Fs: interventi del valore complessivo di 100 milioni di euro che faranno dello scalo veneziano una stazione più moderna, funzionale e accessibile. La gara di appalto partirà a breve e gli interventi riguarderanno una nuova opera di attraversamento dei binari e il potenziamento del trasporto dei viaggiatori in ottica intermodale, anche grazie a una riorganizzazione più funzionale dei servizi di sosta e un incremento del sistema del trasporto pubblico locale. Il focus dei lavori sarà anche rivolto a garantire alla stazione una migliore accessibilità, attraverso un design inclusivo e privo di barriere architettoniche. L’attuale edificio sarà sostituito da uno più nuovo e moderno, destinato a servizi per il viaggiatore come biglietterie, sale d’attesa, attività ricreative e commerciali. Coerentemente con il percorso di sostenibilità ambientale intrapreso da Rfi, per la stazione di Venezia Mestre sarà massimizzato il contributo della luce naturale con l’utilizzo di vetrate che agevoleranno l’ingresso della luce solare con sensori di luminosità in grado di modulare l’apporto di luce artificiale. Il progetto di rinnovo della stazione di Venezia Mestre rientra nel più ampio piano di Rete Ferroviaria Italiana per rendere più accessibili i principali 600 scali ferroviari del Paese. Tra i principali progetti di restyling in corso figurano quelli che riguardano le stazioni di Pesaro, Cattolica, Trento, Treviso, Frosinone e Milano Porta Romana. Quest’ultimo scalo si inserisce nel più ampio "Accordo di Programma Scali ferroviari Milano", che vede il Polo Urbano del Gruppo FS impegnato nel progetto di trasformazione dei sette ex scali ferroviari di Milano dismessi. [post_title] => Gruppo Fs: la stazione di Venezia Mestre cambia volto con un intervento da 100 mln di euro [post_date] => 2024-02-15T11:30:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707996623000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461516 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Basilicata è sempre più una regione che dà spazio a luoghi unici, insoliti, lontani dalle rotte del turismo di massa e attento a riscoprire luoghi di autentica bellezza, cultura e tradizione.  Molteplici sono le possibilità di dare un senso “terapeutico” alle tanto desiderate vacanze dedicandosi ad attività rigeneranti immergendosi nella natura, riscoprendo il fascino delle tradizioni, gustando i piatti tipici e praticando sport e attività all’aria aperta. Il progetto Turismo delle Passioni ha individuato come mete di turismo lucano alcuni ambiti   meno conosciuti, ma decisamente non scontati e da scoprire.  Erbe spontanee e fiori: la Lucania con la sua incredibile biodiversità, tutelata e protetta da due parchi nazionali, tre parchi regionali e riserve naturali, è davvero il luogo ideale per trascorrere momenti unici di condivisione. La Basilicata è la terra ideale per ammirare chiaramente le stelle di notte nelle campagne, in montagna, o nei dintorni dei piccoli borghi arroccati; l’inquinamento luminoso è infatti molto basso con cieli bui che consentono di sentirsi in collegamento diretto con l’universo  in diverse modalità: Osservatorio astronomico di Anzi (PZ), tra i più accreditati in Italia per la divulgazione scientifica e astronomica è possibile ammirare circa 4500 stelle del cielo boreale e australe; SPARKme Space Academy – Museo della Scienza e dello Spazio a Matera, sito di divulgazione scientifica che propone all’utenza visite immersive nel mondo della scienza e dello spazio; Osservatorio per detriti spaziali di Castelgrande (PZ) a 1258 metri di quota, con 2 cupole con altrettanti telescopi di 20 e 40 cm.  Fiabe e Magia: alla scoperta di nuove idee di viaggio in una regione misteriosa e ancestrale, che conserva la sua bellezza antropologica lontana dagli sguardi indiscreti del turismo di massa. Il viaggio parte da Rapone (PZ) il Paese delle Fiabe e da un libro “Lo Cunto de Li Cunti” scritto nel 1600 dal napoletano Giambattista Basile che, ispirato dal territorio lucano, raccoglie e traduce numerosi racconti popolari. Si prosegue poi verso Albano di Lucania (PZ), il “Paese della Magia” già al centro degli studi durante le spedizioni in Lucania di Ernesto De Martino negli anni ’50, con un percorso–rituale “La Rocca del Cappello”, passando per Colobraro, con la coinvolgente iniziativa “Sogno di una notte a quel paese”, per giungere ad Agromonte, il paese degli indovinelli, tra le vette del Parco Nazionale del Pollino, dichiarato nel 2015 patrimonio naturale dell’Unesco. Non dimentichiamo, comunque, le altre meravigliose attrattive della Basilicata da vivere e gustare en plain air grazie ai parchi nazionali e alle aree protette, dove il verde dei boschi domina ampie valli e fiumi sinuosi. Qui puoi rigenerarti in completa simbiosi con la natura, scegliendo tra le tantissime attività dedicate a escursionisti e appassionati della montagna da scegliere tra Nordic Walking, River Walking, Ciaspolate sulla neve, torrentismo tra le cascate di Savoia, diverse offerte di Trekking guidato nel parco nazionale dell’Appennino Lucano, passeggiate botaniche nell’area del Vulture e molto altro ancora.  Anche il mare gioca un ruolo fondamentale nella proposta turistica lucana, sia sulla costa di Maratea che quella Ionica, in un coast to coast imperdibile e sorprendente: l’offerta prevede veleggiate sulla rotta dei delfini, escursioni in gozzo a Maratea, percorsi in barca tra le due coste, veleggiate in catamarano a partire da Policoro o marina di Pisticci, servizi sportivi come canoa e kayak e proposte di pesca sportiva. Il fascino unico della Basilicata è da scoprire nei piccoli borghi e nelle città d’arte, alla ricerca di tesori nascosti. Qui, dove la storia ha lasciato nei secoli segni e vestigia di popoli provenienti da ogni dove, puoi regalarti momenti unici in perfetta armonia tra arte e cultura. Partendo da Matera con i suoi Sassi e il parco della Murgia materana, ecco alcuni esempi da scoprire come  Montescaglioso, uno dei borghi più belli della Basilicata con il suo monumento più rappresentativo: l’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo; Tricarico, città d’arte e città arabo normanna; Pietrapertosa, il paese più alto della Regione e uno dei borghi più belli d’Italia immerso nel Parco Regionale di Gallipoli Cognato; Castelmezzano, per la sua rara bellezza offerta dallo scenario delle Dolomiti Lucane che gli fanno da sfondo. E non dimentichiamo infine il turismo esperienziale per conciliare, negli appositi laboratori, tempo libero e apprendimento grazie a esperienze multisensoriali che portano alla scoperta di luoghi inediti, antiche tradizioni e gustosi piatti tipici.     ­ [post_title] => Basilicata, nuove idee di viaggio alla scoperta di luoghi insoliti e unici [post_date] => 2024-02-15T09:41:09+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707990069000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461472 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Overtourism? Riflessioni per la tutela del patrimonio nazionale e un turismo sostenibile. Il caso del parco delle Cinque Terre”. E' questo il titolo dell'evento organizzato a Roma dallo stesso parco in partnership con la rappresentanza in Italia della Commissione europea e con l’ufficio in Italia del Parlamento europeo: un’occasione di scambio, riflessione e confronto tra istituzioni, decisori politici, operatori e tecnici sul fenomeno dell’overtourism, sempre più impattante nel nostro paese. L'overtourism rappresenta una sfida significativa per moltissime destinazioni del nostro paese. Destinazioni turistiche culturali come Roma, Venezia e Firenze, ma anche aree di interesse naturalistico quali il parco nazionale delle Cinque Terre, si trovano a gestire flussi eccessivi di turisti, con conseguenti problematiche legate a impatti ambientali, abbassamento della qualità dell’esperienza di visita e di vivibilità per le comunità locali. Per controllare il fenomeno, che va di pari passo con la crescita dell'industria turistica, si studiano formule per gestire al meglio le presenze e per regolamentare gli accessi promuovendo l'off-season, implementando misure di programmazione basate sulla prenotabilità delle destinazioni, e sensibilizzando i visitatori sull'importanza del turismo informato e sostenibile. Partendo dall’esperienza maturata, dalle azioni già intraprese e dallo studio sul tema commissionato dall’ente parco, l’evento è stato l’occasione per portare all’attenzione una riflessione corale e di ampio respiro sull’importanza di una gestione coordinata del patrimonio naturale e culturale e la valorizzazione di esperienze più responsabili e attente alle specificità dei luoghi di pregio e meritevoli di protezione. Nell’arco della mattinata sono state prese in esame esperienze diverse, tra cui quella delle città di Firenze, di Venezia e della Federazione italiana parchi e riserve naturali. Un focus particolare si è poi stato dedicato al caso del parco delle Cinque Terre attraverso lo studio dei flussi turistici redatto da Mic Hub e delle soluzioni intraprese per la salvaguardia dei suoi fragili territori verticali, come l’adesione alla Carta europea per il turismo sostenibile, la voluntary review del parco  e il suo il piano di adattamento ai cambiamenti climatici. «La nostra esperienza, quella di un parco nazionale amato in tutto il mondo e scelto da milioni di turisti ogni anno, è simile a quella di altre realtà come Firenze e Venezia. Servono momenti e tavoli di confronto a livello nazionale per fare rete e condividere risultati e obiettivi che guardino alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. - afferma la presidente del parco nazionale delle Cinque Terre, Donatella Bianchi -. Partiamo da un chiaro quadro conoscitivo per applicare poi, attivando momenti di confronto e partnership tra istituzioni, operatori e società civile, le soluzioni individuate dagli studi di settore.  È necessaria, perciò, una gestione coordinata del patrimonio naturale, sociale e culturale, con particolare attenzione alla protezione dei territori fragili».     [post_title] => Overtourism: dal parco delle Cinque Terre focus su regole e soluzioni innovative [post_date] => 2024-02-14T13:02:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707915771000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461289 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'inaugurazione di un esclusivo store monomarca di circa 40 metri quadrati all’interno dello You&Me Maldives è il primo passo della nuova collaborazione tra The Cocoon Collection e il brand natural luxury 120% Lino, appartenente alla holding italiana Fine Sun. La partnership prevede in futuro ulteriori opening oltre ad attività di marketing congiunte, finalizzate a rafforzare il posizionamento di entrambi i marchi nel segmento lusso a livello mondiale. “Abbiamo voluto fortemente inserire 120% Lino all’interno del nostro resort in quanto abbiamo individuato numerosi punti in comune con la nostra realtà - spiega il founder e corporate sales manager The Cocoon Collection, Attilio Azzola -. Il brand incarna perfettamente una moda che guarda al benessere del cliente, promuove l’alta qualità e la naturalezza dei tessuti e si caratterizza per un’eleganza semplice e unica, proprio come il nostro resort You&Me Maldives. Grazie a questa affinità, stiamo valutando di inserire 120% Lino anche nel nostro resort in progettazione sull’isola tropicale di Bawe, sulla costa ovest di Zanzibar, che sarà pronto entro il 2024. La struttura mira a diventare un punto di riferimento per la sostenibilità, grazie a una serie di misure inedite sul territorio che prevedranno il parco solare più grande di Zanzibar, la presenza di micro turbine eoliche, il riciclo delle acque scure e la creazione, in collaborazione con il governo locale, di un’aera marina protetta attorno all’isola.” [post_title] => The Cocoon Collection: nuova partnership con il brand di abbigliamento 120% Lino [post_date] => 2024-02-12T11:03:50+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707735830000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461144 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una brand awareness sempre più forte, la forza di un prodotto marcatamente alternativo rispetto all'immaginario più comune dei Caraibi: così Lucilla Venditti, sales and marketing representative di Barbados Tourism Marketing, guarda con ottimismo ai prossimi mesi, traguardando una crescita degli arrivi italiani «persino ai livelli pre-Covid, quanto raggiungevamo i 6-7.000 visitatori». Tutto ciò dopo un 2023 «in netta crescita, soprattutto per il segmento viaggi di nozze e famiglie, ma l'isola è un condensato di possibilità che vanno oltre la mera proposta balneare e capace di catturare la curiosità di molteplici target di visitatori. Con esperienze autentiche frutto di un grande investimento sul capitale umano, con un patrimonio storico-culturale da scoprire, con gli eventi, lo sport e la proposta gastronomica di tutto rispetto - mix di sapori caraibici, africani e internazionali - in grado di sorprendere anche il viaggiatore italiano più esigente». I collegamenti aerei dall'Europa sono garantiti in primis da British Airways «che opera voli diretti, giornalieri, da Londra Heathrow e di conseguenza comodamente fruibili partendo da numerose città italiane collegate allo scalo britannico. Inoltre, c'è Condor che opera durante tutto il periodo invernale, da ottobre ad aprile, via Francoforte dalle principali città del nostro Paese».  Anche quest'anno le attività di promozione e collaborazione con il trade includeranno diverse iniziative «tra cui fam trip in collaborazione con i tour operator per far conoscere direttamente l'isola agli agenti di viaggio. Si svolgeranno nei mesi di marzo, maggio e anche a novembre» Infine c'è aria di rinnovo ai vertici del Barbados Tourism Marketing che, dal prossimo 1° aprile, vedrà ufficialmente in carica Andrea Franklin, in qualità di chief executive officer e Cheryl Carter, che affiancherà la nuova ceo in veste di chief operations officer. «Entrambe vantano una lunga e consolidata esperienza nel settore turistico e fa piacere sottolineare come nei ruoli chiave a Barbados, anche a livello politico, ci siano le donne, a cominciare dalla presidentessa della Repubblica, Sandra Mason, in carica dal 2021 quando l'isola si è staccata dalla corona britannica». [post_title] => Barbados avanza sul mercato Italia: un'offerta poliedrica che va oltre il mare [post_date] => 2024-02-09T09:25:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707470754000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461159 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lounge esclusive che offriranno un nuovo livello di servizi, su misura per i viaggiatori alto spendenti: questa la nuova proposta di Delta Air Lines che mira all'apertura di cinque nuove lounge nel 2024, con l'aggiunta di più di 2.700 posti al network esistente. La prima lounge debutterà a giugno all'aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York e, con i suoi 38.000 metri quadrati, sarà la più grande tra le lounge del vettore. I nuovi club arrivano mentre la compagnia si concentra sulla crescente importanza dei viaggiatori che volano nelle classi premium: i ricavi derivanti dai biglietti di business class o premium economy sono cresciuti del 26% lo scorso anno - come sottolinea lo stesso vettore - generando un fatturato di 19,1 miliardi di dollari, mentre le vendite dei biglietti della cabina principale sono aumentate del 20%, raggiungendo i 24,5 miliardi di dollari. Delta non ha svelato quali saranno i requisiti di ingresso alle lounge ma le nuove lounge premium saranno inaugurate al Jfk di New York, Los Angeles e Boston; inoltre, il Delta Sky Club debutterà a Charlotte, aggiungerà un secondo Club a Seattle e amplierà i Club esistenti di Miami e New York La Guardia. "Vogliamo che ognuno dei nostri ospiti riceva un livello di servizio altamente personalizzato e dedicato - ha dichiarato Claude Roussel, vice president - Sky Club and Lounge Experience -. Non basta avere spazi bellissimi e offerte eccezionali. I clienti delle lounge premium devono sentirsi accolti e conosciuti quando entrano, proprio come nel loro hotel o ristorante preferito". [post_title] => Delta Air Lines punta sul segmento up-level con il debutto delle lounge premium [post_date] => 2024-02-09T09:17:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707470245000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "fs e guardia di finanza" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":26,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":423,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462039","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La festa del mandorlo in fiore è una festa cultural popolare della città di Agrigento la Città dei templi, che si ripete ogni anno con l'obiettivo di festeggiare l'arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. Numerosi gruppi folkloristici e bambini arrivano da ogni parte del mondo nella Capitale italiana della Cultura 2025 per prenderne parte.\r\n\r\nLa manifestazione rappresenta l’evento più importante del palinsesto artistico della città e ogni anno rinnova l’incontro di popoli da tutto il mondo in un’ottica di pace e fratellanza. L’edizione 2024 si svolgerà in particolare dal 9 al 17 marzo. Come di consueto vedrà i gruppi folk presenti, sia adulti sia bambini, esibirsi nelle piazze cittadine e nei principali teatri.\r\n\r\nIl clou è in calendario domenica 17 marzo, quando gruppi folkloristici e carretti siciliani dipinti sfileranno per la città allo scopo di celebrare l’arrivo della primavera. Nell’attesa è possibile passeggiare tra i templi, e scoprire casa Barbadoro, il casale recuperato all’interno della valle, il museo vivente del Mandorlo, il giardino che il parco archeologico della Valle dei templi ha dedicato alla cura di questa antica e preziosa pianta.\r\n\r\nLe compagini folk internazionali che quest’anno, nell’ambito del sessantaseiesimo festival internazionale del Folklore, si contenderanno l’ambito premio del Tempio d’oro dinanzi al maestoso tempio della Concordia provengono da ben 26 Paesi: Albania, Brasile, Bulgaria, Colombia, Corea, Croazia, Giappone, Grecia, India, Italia, Lettonia, Macedonia, Messico, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Turchia e Ucraina. I gruppi invece partecipanti al ventunesimo festival i Bambini del mondo provengono da Bulgaria, Costarica, Germania, Honduras, Kirghizistan, Korea, Polonia, Serbia, Turchia e Ucraina.\r\n\r\nLe novità dell’edizione del 2024 del Mandorlo in fiore non sono poche, ma la più importante è quella relativa a un ritorno alla tradizione con la Fiaccolata dell’amicizia, che terminerà allo stadio Esseneto coinvolgendo l’intero tessuto cittadino e i turisti. Ad aprire la kermesse il concerto per la pace con la cantante israeliana Noa sabato 9 marzo al teatro Pirandello. Quest’anno, inoltre, ad aprire le parate dei gruppi folk, tornati a essere numerosi per le vie cittadine, ci sarà un carro allestito con una scenografia dedicata alla primavera nella valle, esattamente come si faceva negli anni 50. Primo fondamentale appuntamento sarà l’accensione del tripode dell’Amicizia, martedì 12, con sfilata dei gruppi che partendo dal museo archeologico Griffo raggiungeranno il tempio attraverso il decumano. Tra gli eventi collaterali si registra infine MandorloinTavola - i menù della sagra, che si pone l’obiettivo di valorizzare la mandorla e promuovere la ristorazione del territorio. L’iniziativa prevede, a cura dei diversi ristoranti della città, la possibilità di degustare menu a base di mandorla.\r\n\r\n ","post_title":"Agrigento città dei templi: tutti gli eventi per la festa del Mandorlo in fiore","post_date":"2024-02-23T09:12:34+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708679554000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461902","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ritorniamo per un momento sui bonus vacanza, criticati aspramente da questo giornale fin dalla nascita, e vediamo cosa sta succedendo. Secondo la Guardia di Finanza di Napoli, vi sarebbe stata una maxitruffa da quasi 800mila euro sui buoni vacanze erogati dal ministero del turismo nel periodo dell'emergenza Covid, tra il 2020 e 2021.\r\n\r\n«Il flop del bonus vacanze lo abbiamo denunciato subito. Inoltre, già nel luglio del 2020 avevamo rilevato innumerevoli irregolarità e abusi, segnalandoli in un esposto all'Antitrust, chiedendo di accertare se le pratiche commerciali fossero scorrette», afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori.\r\n\r\n«Alcuni albergatori applicavano tariffe differenziate a seconda che uno andasse in vacanza con bonus o senza. Insomma, un meccanismo e una procedura che consentivano troppi spazi di manovra agli albergatori. Un provvedimento nato male e, come dimostra l'indagine di oggi, finito peggio» conclude Dona.","post_title":"Flop bonus vacanza. E ora arriva anche la Guardia di Finanza","post_date":"2024-02-20T11:02:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708426970000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461784","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’obiettivo per tutto il settore crocieristico e della navigazione è di arrivare al 2050 a utilizzare navi ad emissioni zero. Nel frattempo le compagnie, Costa Crociere in primis, sono impegnate a 360 gradi con grandi investimenti green stanziati e da stanziare, e importanti iniziative.\r\n\r\nNel dettaglio, sostenibilità a bordo per la compagnia del gruppo Carnival in primis significa: raccolta differenziata (il 100% dei rifiuti raccolti sulla nave viene separato e differenziato); sempre meno plastica; attenzione al consumo d'acqua (due terzi di quella utilizzata a bordo proviene dal mare: viene desalinizzata e purificata per l’utilizzo a bordo); navi tecnologicamente avanzate (per la Smeralda e la Toscana è stato scelto il sistema a propulsione più innovativo del settore crocieristico, il gas naturale liquefatto: la tecnologia più avanzata attualmente disponibile per garantire le migliori performance ambientali riducendone le emissioni)\r\n\r\n«Ma rispetto dell’ambiente non significa solo raccolta differenziata, meno plastica e ricircolo a bordo  – specifica Luigi Stefanelli, Southern Europe Region associate vice president Costa Crociere –. Da tempo abbiamo anche avviato un processo che ci consente un risparmio sul cibo, favorendo la stagionalità nei menù e sensibilizzando ospiti ed equipaggio al consumo responsabile. Insieme a Banco Alimentare siamo inoltre presenti in ben 18 porti nel mondo e doniamo i pasti a chi ne ha bisogno».\r\n\r\nScendere a terra per Costa Crociere non significa poi semplicemente fare un escursione, ma scoprire i luoghi e le persone che li abitano, in maniere attenta e rispettosa, grazie a guide esperte e professionali. La compagnia promuove un Manifesto per un turismo di valore, ecosostenibile e inclusivo,  che raccoglie i principi che la guidano verso comportamenti virtuosi per l’ambiente delle destinazioni visitate. «Anche quando collaboriamo con gli enti locali – aggiunge Stefanelli – puntiamo a proteggere e valorizzare l’ambiente. La destinazione è un ecosistema. Puntiamo a lasciare un’impronta che va al di là della presenza Costa in quel luogo, quel giorno. Nello specifico, stiamo aiutando alcuni artigiani a trovare eventuali successori e tramite un supporto formativo a fare in modo che quella professione abbia un futuro e non scompaia».\r\n\r\nE per finire Costa Crociere Foundation: i progetti fatti e in programma integrano il processo di sostenibilità. A cominciare dal Guardiani della Costa, con il quale la compagnia si impegna a formare migliaia di giovani rendendoli consapevoli della fragile bellezza del patrimonio naturalistico delle coste italiane: vengono coinvolti in attività di pulizia dei litorali e nella raccolta dati scientifici. «Collaboriamo infine con uno chef spagnolo, la cui cucina è focalizzata sul mare – conclude Stefanelli –. L’obiettivo, insieme a Costa Foundation, è supportare la coltivazione di un’alga marina che se portata su una scala più estesa potrebbe sopperire a diversi bisogni».","post_title":"Costa Crociere sempre più green: focus su ambiente, persone e territorio","post_date":"2024-02-19T11:30:28+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708342228000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461569","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Venezia Mestre cambia volto grazie al nuovo progetto di ampliamento e restyling varato da Rete Ferroviaria Italiana, capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo Fs: interventi del valore complessivo di 100 milioni di euro che faranno dello scalo veneziano una stazione più moderna, funzionale e accessibile.\r\n\r\nLa gara di appalto partirà a breve e gli interventi riguarderanno una nuova opera di attraversamento dei binari e il potenziamento del trasporto dei viaggiatori in ottica intermodale, anche grazie a una riorganizzazione più funzionale dei servizi di sosta e un incremento del sistema del trasporto pubblico locale. Il focus dei lavori sarà anche rivolto a garantire alla stazione una migliore accessibilità, attraverso un design inclusivo e privo di barriere architettoniche.\r\n\r\nL’attuale edificio sarà sostituito da uno più nuovo e moderno, destinato a servizi per il viaggiatore come biglietterie, sale d’attesa, attività ricreative e commerciali. Coerentemente con il percorso di sostenibilità ambientale intrapreso da Rfi, per la stazione di Venezia Mestre sarà massimizzato il contributo della luce naturale con l’utilizzo di vetrate che agevoleranno l’ingresso della luce solare con sensori di luminosità in grado di modulare l’apporto di luce artificiale.\r\n\r\nIl progetto di rinnovo della stazione di Venezia Mestre rientra nel più ampio piano di Rete Ferroviaria Italiana per rendere più accessibili i principali 600 scali ferroviari del Paese. Tra i principali progetti di restyling in corso figurano quelli che riguardano le stazioni di Pesaro, Cattolica, Trento, Treviso, Frosinone e Milano Porta Romana. Quest’ultimo scalo si inserisce nel più ampio \"Accordo di Programma Scali ferroviari Milano\", che vede il Polo Urbano del Gruppo FS impegnato nel progetto di trasformazione dei sette ex scali ferroviari di Milano dismessi.","post_title":"Gruppo Fs: la stazione di Venezia Mestre cambia volto con un intervento da 100 mln di euro","post_date":"2024-02-15T11:30:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707996623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461516","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Basilicata è sempre più una regione che dà spazio a luoghi unici, insoliti, lontani dalle rotte del turismo di massa e attento a riscoprire luoghi di autentica bellezza, cultura e tradizione. \r\nMolteplici sono le possibilità di dare un senso “terapeutico” alle tanto desiderate vacanze dedicandosi ad attività rigeneranti immergendosi nella natura, riscoprendo il fascino delle tradizioni, gustando i piatti tipici e praticando sport e attività all’aria aperta.\r\n\r\nIl progetto Turismo delle Passioni ha individuato come mete di turismo lucano alcuni ambiti   meno conosciuti, ma decisamente non scontati e da scoprire. \r\nErbe spontanee e fiori: la Lucania con la sua incredibile biodiversità, tutelata e protetta da due parchi nazionali, tre parchi regionali e riserve naturali, è davvero il luogo ideale per trascorrere momenti unici di condivisione.\r\n\r\n La Basilicata è la terra ideale per ammirare chiaramente le stelle di notte nelle campagne, in montagna, o nei dintorni dei piccoli borghi arroccati; l’inquinamento luminoso è infatti molto basso con cieli bui che consentono di sentirsi in collegamento diretto con l’universo  in diverse modalità: Osservatorio astronomico di Anzi (PZ), tra i più accreditati in Italia per la divulgazione scientifica e astronomica è possibile ammirare circa 4500 stelle del cielo boreale e australe; SPARKme Space Academy – Museo della Scienza e dello Spazio a Matera, sito di divulgazione scientifica che propone all’utenza visite immersive nel mondo della scienza e dello spazio; Osservatorio per detriti spaziali di Castelgrande (PZ) a 1258 metri di quota, con 2 cupole con altrettanti telescopi di 20 e 40 cm. \r\n\r\nFiabe e Magia: alla scoperta di nuove idee di viaggio in una regione misteriosa e ancestrale, che conserva la sua bellezza antropologica lontana dagli sguardi indiscreti del turismo di massa. Il viaggio parte da Rapone (PZ) il Paese delle Fiabe e da un libro “Lo Cunto de Li Cunti” scritto nel 1600 dal napoletano Giambattista Basile che, ispirato dal territorio lucano, raccoglie e traduce numerosi racconti popolari. Si prosegue poi verso Albano di Lucania (PZ), il “Paese della Magia” già al centro degli studi durante le spedizioni in Lucania di Ernesto De Martino negli anni ’50, con un percorso–rituale “La Rocca del Cappello”, passando per Colobraro, con la coinvolgente iniziativa “Sogno di una notte a quel paese”, per giungere ad Agromonte, il paese degli indovinelli, tra le vette del Parco Nazionale del Pollino, dichiarato nel 2015 patrimonio naturale dell’Unesco.\r\n\r\nNon dimentichiamo, comunque, le altre meravigliose attrattive della Basilicata da vivere e gustare en plain air grazie ai parchi nazionali e alle aree protette, dove il verde dei boschi domina ampie valli e fiumi sinuosi. Qui puoi rigenerarti in completa simbiosi con la natura, scegliendo tra le tantissime attività dedicate a escursionisti e appassionati della montagna da scegliere tra Nordic Walking, River Walking, Ciaspolate sulla neve, torrentismo tra le cascate di Savoia, diverse offerte di Trekking guidato nel parco nazionale dell’Appennino Lucano, passeggiate botaniche nell’area del Vulture e molto altro ancora. \r\n\r\nAnche il mare gioca un ruolo fondamentale nella proposta turistica lucana, sia sulla costa di Maratea che quella Ionica, in un coast to coast imperdibile e sorprendente: l’offerta prevede veleggiate sulla rotta dei delfini, escursioni in gozzo a Maratea, percorsi in barca tra le due coste, veleggiate in catamarano a partire da Policoro o marina di Pisticci, servizi sportivi come canoa e kayak e proposte di pesca sportiva.\r\n\r\nIl fascino unico della Basilicata è da scoprire nei piccoli borghi e nelle città d’arte, alla ricerca di tesori nascosti. Qui, dove la storia ha lasciato nei secoli segni e vestigia di popoli provenienti da ogni dove, puoi regalarti momenti unici in perfetta armonia tra arte e cultura. Partendo da Matera con i suoi Sassi e il parco della Murgia materana, ecco alcuni esempi da scoprire come  Montescaglioso, uno dei borghi più belli della Basilicata con il suo monumento più rappresentativo: l’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo; Tricarico, città d’arte e città arabo normanna; Pietrapertosa, il paese più alto della Regione e uno dei borghi più belli d’Italia immerso nel Parco Regionale di Gallipoli Cognato; Castelmezzano, per la sua rara bellezza offerta dallo scenario delle Dolomiti Lucane che gli fanno da sfondo.\r\n\r\nE non dimentichiamo infine il turismo esperienziale per conciliare, negli appositi laboratori, tempo libero e apprendimento grazie a esperienze multisensoriali che portano alla scoperta di luoghi inediti, antiche tradizioni e gustosi piatti tipici.\r\n \r\n \r\n\r\n­","post_title":"Basilicata, nuove idee di viaggio alla scoperta di luoghi insoliti e unici","post_date":"2024-02-15T09:41:09+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1707990069000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461472","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Overtourism? Riflessioni per la tutela del patrimonio nazionale e un turismo sostenibile. Il caso del parco delle Cinque Terre”. E' questo il titolo dell'evento organizzato a Roma dallo stesso parco in partnership con la rappresentanza in Italia della Commissione europea e con l’ufficio in Italia del Parlamento europeo: un’occasione di scambio, riflessione e confronto tra istituzioni, decisori politici, operatori e tecnici sul fenomeno dell’overtourism, sempre più impattante nel nostro paese.\r\n\r\nL'overtourism rappresenta una sfida significativa per moltissime destinazioni del nostro paese. Destinazioni turistiche culturali come Roma, Venezia e Firenze, ma anche aree di interesse naturalistico quali il parco nazionale delle Cinque Terre, si trovano a gestire flussi eccessivi di turisti, con conseguenti problematiche legate a impatti ambientali, abbassamento della qualità dell’esperienza di visita e di vivibilità per le comunità locali.\r\n\r\nPer controllare il fenomeno, che va di pari passo con la crescita dell'industria turistica, si studiano formule per gestire al meglio le presenze e per regolamentare gli accessi promuovendo l'off-season, implementando misure di programmazione basate sulla prenotabilità delle destinazioni, e sensibilizzando i visitatori sull'importanza del turismo informato e sostenibile.\r\n\r\nPartendo dall’esperienza maturata, dalle azioni già intraprese e dallo studio sul tema commissionato dall’ente parco, l’evento è stato l’occasione per portare all’attenzione una riflessione corale e di ampio respiro sull’importanza di una gestione coordinata del patrimonio naturale e culturale e la valorizzazione di esperienze più responsabili e attente alle specificità dei luoghi di pregio e meritevoli di protezione.\r\n\r\nNell’arco della mattinata sono state prese in esame esperienze diverse, tra cui quella delle città di Firenze, di Venezia e della Federazione italiana parchi e riserve naturali. Un focus particolare si è poi stato dedicato al caso del parco delle Cinque Terre attraverso lo studio dei flussi turistici redatto da Mic Hub e delle soluzioni intraprese per la salvaguardia dei suoi fragili territori verticali, come l’adesione alla Carta europea per il turismo sostenibile, la voluntary review del parco  e il suo il piano di adattamento ai cambiamenti climatici.\r\n\r\n«La nostra esperienza, quella di un parco nazionale amato in tutto il mondo e scelto da milioni di turisti ogni anno, è simile a quella di altre realtà come Firenze e Venezia. Servono momenti e tavoli di confronto a livello nazionale per fare rete e condividere risultati e obiettivi che guardino alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. - afferma la presidente del parco nazionale delle Cinque Terre, Donatella Bianchi -. Partiamo da un chiaro quadro conoscitivo per applicare poi, attivando momenti di confronto e partnership tra istituzioni, operatori e società civile, le soluzioni individuate dagli studi di settore.  È necessaria, perciò, una gestione coordinata del patrimonio naturale, sociale e culturale, con particolare attenzione alla protezione dei territori fragili».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Overtourism: dal parco delle Cinque Terre focus su regole e soluzioni innovative","post_date":"2024-02-14T13:02:51+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707915771000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461289","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'inaugurazione di un esclusivo store monomarca di circa 40 metri quadrati all’interno dello You&Me Maldives è il primo passo della nuova collaborazione tra The Cocoon Collection e il brand natural luxury 120% Lino, appartenente alla holding italiana Fine Sun. La partnership prevede in futuro ulteriori opening oltre ad attività di marketing congiunte, finalizzate a rafforzare il posizionamento di entrambi i marchi nel segmento lusso a livello mondiale.\r\n\r\n“Abbiamo voluto fortemente inserire 120% Lino all’interno del nostro resort in quanto abbiamo individuato numerosi punti in comune con la nostra realtà - spiega il founder e corporate sales manager The Cocoon Collection, Attilio Azzola -. Il brand incarna perfettamente una moda che guarda al benessere del cliente, promuove l’alta qualità e la naturalezza dei tessuti e si caratterizza per un’eleganza semplice e unica, proprio come il nostro resort You&Me Maldives. Grazie a questa affinità, stiamo valutando di inserire 120% Lino anche nel nostro resort in progettazione sull’isola tropicale di Bawe, sulla costa ovest di Zanzibar, che sarà pronto entro il 2024. La struttura mira a diventare un punto di riferimento per la sostenibilità, grazie a una serie di misure inedite sul territorio che prevedranno il parco solare più grande di Zanzibar, la presenza di micro turbine eoliche, il riciclo delle acque scure e la creazione, in collaborazione con il governo locale, di un’aera marina protetta attorno all’isola.”","post_title":"The Cocoon Collection: nuova partnership con il brand di abbigliamento 120% Lino","post_date":"2024-02-12T11:03:50+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707735830000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461144","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una brand awareness sempre più forte, la forza di un prodotto marcatamente alternativo rispetto all'immaginario più comune dei Caraibi: così Lucilla Venditti, sales and marketing representative di Barbados Tourism Marketing, guarda con ottimismo ai prossimi mesi, traguardando una crescita degli arrivi italiani «persino ai livelli pre-Covid, quanto raggiungevamo i 6-7.000 visitatori».\r\n\r\nTutto ciò dopo un 2023 «in netta crescita, soprattutto per il segmento viaggi di nozze e famiglie, ma l'isola è un condensato di possibilità che vanno oltre la mera proposta balneare e capace di catturare la curiosità di molteplici target di visitatori. Con esperienze autentiche frutto di un grande investimento sul capitale umano, con un patrimonio storico-culturale da scoprire, con gli eventi, lo sport e la proposta gastronomica di tutto rispetto - mix di sapori caraibici, africani e internazionali - in grado di sorprendere anche il viaggiatore italiano più esigente».\r\n\r\nI collegamenti aerei dall'Europa sono garantiti in primis da British Airways «che opera voli diretti, giornalieri, da Londra Heathrow e di conseguenza comodamente fruibili partendo da numerose città italiane collegate allo scalo britannico. Inoltre, c'è Condor che opera durante tutto il periodo invernale, da ottobre ad aprile, via Francoforte dalle principali città del nostro Paese». \r\n\r\nAnche quest'anno le attività di promozione e collaborazione con il trade includeranno diverse iniziative «tra cui fam trip in collaborazione con i tour operator per far conoscere direttamente l'isola agli agenti di viaggio. Si svolgeranno nei mesi di marzo, maggio e anche a novembre»\r\n\r\nInfine c'è aria di rinnovo ai vertici del Barbados Tourism Marketing che, dal prossimo 1° aprile, vedrà ufficialmente in carica Andrea Franklin, in qualità di chief executive officer e Cheryl Carter, che affiancherà la nuova ceo in veste di chief operations officer. «Entrambe vantano una lunga e consolidata esperienza nel settore turistico e fa piacere sottolineare come nei ruoli chiave a Barbados, anche a livello politico, ci siano le donne, a cominciare dalla presidentessa della Repubblica, Sandra Mason, in carica dal 2021 quando l'isola si è staccata dalla corona britannica».","post_title":"Barbados avanza sul mercato Italia: un'offerta poliedrica che va oltre il mare","post_date":"2024-02-09T09:25:54+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707470754000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461159","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lounge esclusive che offriranno un nuovo livello di servizi, su misura per i viaggiatori alto spendenti: questa la nuova proposta di Delta Air Lines che mira all'apertura di cinque nuove lounge nel 2024, con l'aggiunta di più di 2.700 posti al network esistente.\r\n\r\nLa prima lounge debutterà a giugno all'aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York e, con i suoi 38.000 metri quadrati, sarà la più grande tra le lounge del vettore.\r\n\r\nI nuovi club arrivano mentre la compagnia si concentra sulla crescente importanza dei viaggiatori che volano nelle classi premium: i ricavi derivanti dai biglietti di business class o premium economy sono cresciuti del 26% lo scorso anno - come sottolinea lo stesso vettore - generando un fatturato di 19,1 miliardi di dollari, mentre le vendite dei biglietti della cabina principale sono aumentate del 20%, raggiungendo i 24,5 miliardi di dollari.\r\n\r\nDelta non ha svelato quali saranno i requisiti di ingresso alle lounge ma le nuove lounge premium saranno inaugurate al Jfk di New York, Los Angeles e Boston; inoltre, il Delta Sky Club debutterà a Charlotte, aggiungerà un secondo Club a Seattle e amplierà i Club esistenti di Miami e New York La Guardia.\r\n\r\n\"Vogliamo che ognuno dei nostri ospiti riceva un livello di servizio altamente personalizzato e dedicato - ha dichiarato Claude Roussel, vice president - Sky Club and Lounge Experience -. Non basta avere spazi bellissimi e offerte eccezionali. I clienti delle lounge premium devono sentirsi accolti e conosciuti quando entrano, proprio come nel loro hotel o ristorante preferito\".","post_title":"Delta Air Lines punta sul segmento up-level con il debutto delle lounge premium","post_date":"2024-02-09T09:17:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707470245000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti