24 April 2024

Fiavet al ministro: è necessario aggiornare Infotrav

[ 0 ]

Giuseppe Ciminnisi, presidente di Fiavet nazionale

La Fiavet-Confcommercio ha scritto al ministro del turismo, Daniela Santanchè,  per chiedere un intervento risolutivo sulla questione della banca dati pubblica Infotrav, portale del ministero del turismo che, in collaborazione con le regioni, gli enti locali e l’istituto poligrafico e Zecca dello Stato, costituisce il sistema informativo sull’intero territorio nazionale di censimento e raccolta dei dati di tutte le agenzie di viaggio che sono state autorizzate dalle Regioni ad operare.

«Questo database, la cui utilità è ineludibile, attualmente soffre di una carente e non tempestiva implementazione dei dati, che lo rende pertanto non aggiornato e completo» ha scritto Fiavet-Confcommercio al ministro.

Intervente urgente

«Vista l’importanza di tale unico database pubblico come riferimento per gli operatori del mercato e per i consumatori – continua la Federazione -.  Le chiediamo di intervenire, d’intesa con la Conferenza Stato-Regioni e gli altri enti competenti, per far aggiornare e completare nel breve i dati delle agenzie di viaggio italiane».

Secondo Fiavet-Confcommercio l’esistenza di una banca dati ufficiale  completa, su un unico portale, costituirebbe uno strumento trasparente atto a favorire da una parte le imprese nella lotta all’abusivismo, dall’altra i consumatori che potrebbero avere  disponibile online un sito ufficiale a garanzia della professionalità degli operatori turistici cui si affidano.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466220 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono iniziati i lavori per il Royal Beach Club Paradise Island: un'esperienza su sette ettari di spiaggia a Paradise Island, a Nassau, alle Bahamas. Il primo di una collezione di club griffati Rcl  prenderà forma nei prossimi mesi in vista dell'apertura prevista per il 2025. Dalla posizione, una delle spiagge più idilliache dell'isola, al cibo, alla cultura e al personale locale, nonché grazie all'esclusiva partnership pubblico-privata in cui i bahamiani possiederanno fino al 49% di azioni, il nuovissimo beach club combinerà la bellezza e lo spirito delle Bahamas con i tocchi tipici di Royal Caribbean in tutte le attività, il servizio e lo stile. "Con la firma di questo heads of agreement per lo sviluppo del Royal Beach Club Paradise Island, intraprendiamo un progetto che migliorerà ulteriormente la vitalità del nostro prodotto turistico - sottolinea il primo ministro delle Bahamas, Philip Davis -. E cosa ancora più importante facciamo una mossa davvero significativa per un maggior empowerment dei bahamiani nell'ambito dell’industria del turismo". Al Royal Beach Club Paradise Island gli ospiti saranno accolti per una giornata in spiaggia. Unitamente a ulteriori attrattive che verranno rivelate nei prossimi mesi, il complesso offrirà tre piscine con bar e cabanas private, quattro punti di ristoro in stile isolano con piatti e spuntini legati ai sapori bahamiani, nonché esperienze con artigiani locali e musica dal vivo. "Oltre a segnare l'inizio del processo di costruzione, l’evento di oggi è emblematico di una partnership, di un passo in avanti e del rafforzamento dello sviluppo economico di molti imprenditori delle Bahamas e per l'intera comunità", aggiunge il presidente e ceo di Royal Caribbean Group, Jason Liberty. I piani di costruzione includono anche il ripristino dell'habitat nativo da parte della compagnia di crociere, che contribuirà a proteggere la fauna selvatica durante la costruzione e per molti anni a venire. Una volta completato, il Royal Beach Club Paradise Island arriverà ospitare una media di 2 mila persone. I vacanzieri accederanno al beach club tramite un trasferimento in traghetto dal porto di Nassau e torneranno attraverso il centro storico della città, vicino al famoso mercato della paglia. [post_title] => Rcl: avviati i lavori per il primo Royal Beach Club Paradise Island, alle Bahamas [post_date] => 2024-04-24T12:03:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713960219000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466146 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stato confermato anche per l'estate 2024 il volo Neos Milano - Freeport, frutto della partnership tra la compagnia aerea, il brand Bravo (entrambi di casa Alpitour), nonché il ministero del Turismo, investimenti e aviazione delle Bahamas e il Viva Fortuna Beach by Wyndham. A seguito degli ottimi risultati raggiunti nel 2023, il collegamento quest'anno allunga persino la stagione iniziando il 6 giugno e concludendosi il 5 settembre con voli in calendario ogni giovedì. “Abbiamo ampliato la stagionalità dell’operazione anticipando le partenze di due settimane - conferma Matteo Bolognesi, destination manager mainstream Caribbean & South America Alpitour World -. Per il 2024 ci siamo prefissati un obiettivo sfidante e siamo estremamente fiduciosi di raggiungere il risultato, complice anche il trend positivo del segmento gruppi; in termini, generali attualmente registriamo + 64% prenotazioni rispetto a pari periodo 2023”. Situato sulla costa meridionale dell’isola di Grand Bahama, a 15 chilometri dall’aeroporto e a otto da Port Lucaya, da giugno a settembre la formula Bravo Viva Fortuna Beach arricchisce la proposta del resort con un tocco made in Italy, grazie alla presenza di chef, animatori e assistenti tricolori. Sul fronte prodotto, il gruppo Viva Resorts by Wyndham ha investito nel restyling della struttura con particolare attenzione alle camere destinate al mercato italiano che sono state oggetto di interventi di miglioria, sia negli arredi, sia negli elementi di decoro. Il resort integra anche la proposta f&b. Oltre a quello a buffet, sono presenti tre ristoranti à la carte: Dolce Vita, che propone cucina italiana; Hacienda Don Diego, che offre un menù messicano, in sostituzione di quello asiatico; Viva Cafe, con cucina fusion. Il programma di intrattenimento e le attività completano l’offerta turistica: tra le novità dell’estate 2024 sono inclusi quattro campi da pickleball e una nuova sala giochi e sport, aperta dalle 18 alle 22. “Siamo entusiasti dell’operazione con Alpitour World che, anno dopo anno, si consolida su una destinazione con gli scorci balneari più suggestivi e incontaminati dei Caraibi - aggiunge Giuliana Carniel, vice president sales and revenue management di Viva Resorts by Wyndham -. Il binomio Bravo-Viva Resorts by Wyndham si rafforza costantemente. E anche noi puntiamo a una stagione senza precedenti”. [post_title] => Confermato il binomio Bravo - Viva Fortuna Beach. Si allunga la stagione del Milano-Freeport di Neos [post_date] => 2024-04-23T12:28:11+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713875291000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466031 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una proposta innovativa che vuole superare gli individualismi e puntare al benessere del Paese. E’ stata costruita al termine di un convegno sul sistema portuale, dopo il quale La Spezia ha lanciato agli altri scali dal Nord Tirreno, da Carrara a Savona,  un appello per una strategia congiunta e una collaborazione operativa che consenta di difendere i traffici esistenti, svilupparne nuovi e tutelare gli interessi dell’economia produttiva del Paese. «Da sempre – afferma Mario Sommariva, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar ligure orientale – i porti non collaborano, si combattono e perdono il vero confronto, che è quello con i porti del Nord Europa. Oggi in una situazione di allerta, La Spezia, forte dell’esperienza di successo di reale coordinamento e integrazione con Carrara, lancia un’offerta di collaborazione concreta in prima battuta a Genova e Savona, per presentarsi sul mercato come un sistema coordinato che abbia nella logistica, nelle ferrovie e nell’offerta di servizi anche supplettivi alle difficoltà altrui, la sua chiave vincente». Una richiesta di collaborazione lanciata in un momento di assoluta emergenza determinato in primis dalla situazione di tensione internazionale che penalizza il Mediterraneo. «E la risposta – aggiunge il segretario generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure orientale, Federica Montaresi – transita attraverso una risposta di sistema che oggi non è più uno slogan, bensì una necessità cogente per spendere razionalmente le risorse e per porre le grandi opere e in primis i porti al servizio  della domanda che nasce dal sistema economico del Paese uscendo anche da schemi mentali e culturali ormai obsoleti. Nel caso della Liguria coordinando e non contrapponendo lo sforzo di La Spezia e Carrara con quello di Genova e Savona che nei prossimi anni si troveranno ad affrontare l’impatto operativo proprio dei cantieri per la realizzazione delle grandi opere». «È il momento – confermato Paolo Pessina, Presidente di Assagenti – di superare le contrapposizioni e lanciare una grande operazione di marketing territoriale specie presso l’industria, italiana e no, l’immagine reale di un sistema portuale dell’arco tirrenico in grado di rispondere anche con una logistica coordinata ed efficiente alla domanda di servizi». Non casuali le conclusioni del convegno, svolte da Pierpaolo Ribuffo, Ammiraglio diventato proprio in queste ore il coordinatore del Cipom, l’organismo interministeriale incaricato di mettere fine ai conflitti di competenze fra ministeri e di concretizzare una politica del mare nel reale interesse del Paese. «Interesse – ha sottolineato Ribuffo – che può essere raggiunto solo attraverso la concretezza che è stata auspicata dal segretario Montaresi e da un effettivo interfaccia fra porto e attività produttive e industriali». [post_title] => Liguria, una proposta per coordinare i porti della Spezia, Carrara, Genova e Savona [post_date] => 2024-04-23T10:14:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713867273000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466062 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_466070" align="alignright" width="300"] Boris Iraheta, segretario generale Cata[/caption] Con il tema ‘Tejiendo Conexiones’ (Intrecciare Connessioni’) si è svolta nei giorni scorsi a El Salvador l’edizione 2024 del Catm, Centroamérica Travel Market, che ha visto la partecipazione di 80 tour operator internazionali provenienti da Europa (Italia inclusa), Nord America e Sud America. L’evento si conferma la piattaforma più importante di commercializzazione e promozione turistica per il rilancio del turismo in Centroamérica, con focus sui paesi di Belize, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panamá e Repubblica Dominicana. "Posizionare correttamente la regione dei Paesi del Cata in Europa significa attrarre nuovi visitatori e ciò resta uno dei nostri principali obiettivi - ha spiegato Boris Iraheta, segretario generale di Cata, Agenzia centroamericana di promozione turistica -. Stiamo lavorando per creare contenuti spingendo le notizie positive attraverso i media dei nostri mercati principali, in modo che questa regione ancora poco conosciuta e a volte ritenuta poco sicura si passi a una nuova percezione. Il Catm riprende dopo la pausa pandemica per ristabilire i contatti commerciali con il mercato europeo, nord americano e sud americano: soprattutto con l’Europa, che nel 2023 ha portato nella regione 2 milioni di visitatori, il 14% sul totale; il 60% dei visitatori è arrivato invece dal Nord America”. Complessivamente, nel 2023 gli arrivi si sono attestati a quota 24,1 milioni, superando quindi il dato pre-pandemia del 2019, quando i turisti erano stati 17,3 milioni; gli italiani, sempre nel 2019, erano stati 169.491, nel 2022, 161.181 ma manca ancora il dato dell'anno scorso. Un prodotto quanto mai ricco e diversificato quello dei paesi centroamericani, che fa perno su antiche civiltà e tesori archeologici come quelli dei Maya, trait d’union di molte destinazioni Cata, foreste tropicali brulicanti di fauna selvatica, il mare, da quello caraibico al Pacifico. La fiera ha mostrato il potenziale dei segmenti emergenti, come il turismo legato al surf, con la particolarità di poter praticare questo sport nei Caraibi e nell'Atlantico durante lo stesso viaggio; il birdwatching e il turismo gastronomico, basato sulla fusione unica di sapori ancestrali e influenze europee e orientali che convergono proprio in quest’area. [caption id="attachment_466071" align="alignleft" width="300"] Morena Valdez, ministra del turismo El Salvador[/caption] "La nostra azione insieme al Catm contribuisce a rafforzare l'economia regionale e a potenziare lo sviluppo del settore turistico attraverso una attenta collaborazione tra pubblico e privato - ha evidenziato Morena Valdez, ministra del turismo salvadoregno durante il Catm 2024 -. Fra gli obiettivi, un forte impegno al miglioramento delle infrastrutture tecnologiche e aeroportuali in primis. Implementare le strutture alberghiere, rendere la destinazione sicura e investire nella formazione. El Salvador vanta una natura unica tra vulcani, laghi, gastronomia e patrimoni Unesco. Nel settore alberghiero si evidenziano cooperazione anche di investimenti italiani".  [gallery ids="466073,466074,466075,466076,466077,466078"] [post_title] => Catm 2024: i Paesi del Centroamerica puntano ad attrarre più turisti dall’Europa [post_date] => 2024-04-22T15:03:51+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713798231000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466019 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continuano incessantemente le richieste da parte delle associazioni di turismo per un vero contrasto all'abusivismo per i viaggi istruzione. Naturalmente è un problema annoso, ma noi dai paladini dell'ordine e della schiena dritta (come quelli che dicono di essere i componenti di questo governo) ci aspettiamo che si faccia qualcosa. Anche il minimo. E invece siamo alle solite. Per cui le associazione scrivono al ministro Valditara per cercare did ottenrte qualche risultato. vediamo cosa hanno scirtto. «Il ministro Valditara dovrebbe intervenire con urgenza per contrastare i fenomeni di abusivismo che, incoraggiati platealmente da taluni docenti e dirigenti scolastici, ormai proliferano nel settore dei viaggi di istruzione. Inoltre bisogna mettere fine a una sorta di criminalizzazione di tour operator e agenzie di viaggi che invece operano in un contesto normato e organizzano questi viaggi assicurando importanti diritti e tutele per gli utenti, in particolare per i minori coinvolti». Lo denunciano le associazioni maggiormente rappresentative del turismo organizzato. Fto - Federazione Turismo Organizzato e Fiavet di Confcommercio, Aidit Federturismo Confindustria, Astoi Confindustria Viaggi, Assoviaggi Confesercenti e Maavi Conflavoro che hanno inviato una lettera congiunta al titolare dell'istruzione, Giuseppe Valditara. Personale scolastico In particolare, le sigle sono rammaricate per le dichiarazioni del personale scolastico «che possono incoraggiare comportamenti non conformi alle normative vigenti e mettere a rischio la sicurezza degli studenti durante i viaggi di istruzione». Le associazioni evidenziano: «da molto tempo chiediamo una semplificazione e revisione dei processi di aggiudicazione dei viaggi di istruzione stessi. Tale revisione non solo comporterebbe una riduzione dei prezzi dei servizi acquistati, ma anche una minor burocrazia per scuole e imprese, consentendo la realizzazione di un numero maggiore di viaggi a cui oggi istituti e famiglie devono spesso rinunciare a causa della complessità del processo e delle tempistiche necessarie». Le rappresentanze del turismo organizzato ribadiscono infine la loro disponibilità «a collaborare con il ministero per affrontare le sfide attuali legate ai costi dei viaggi di istruzione e per garantire che tali iniziative rimangano un'opportunità preziosa per la formazione dei giovani». Come mchiosa vorrei dire: ma siuete proprio si curi che il ministro Valditara sia disponibile a collaborare su un buco enorme che si chiama abusivismo. [post_title] => “Valditara intervenga con urgenza contro l'abusivismo nei viaggi istruzione” [post_date] => 2024-04-22T10:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713782796000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465956 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Croazia rafforza il legame con l'Italia nel workshop organizzato dal Gruppo Travel. L'evento, che è stato ospitato ieri all'InterContinental Rome Ambasciatori Palace di Via Veneto, ha visto la partecipazione di numerosi player del settore turistico croato e circa 80 agenzie di viaggio italiane accorse per scoprire le novità di prodotto. L'Italia è uno dei mercati chiave, con un flusso in costante incremento di turisti e un interesse crescente da parte dei più giovani, attratti dalla bellezza delle isole e delle coste nei mesi estivi, ma anche dalle opportunità del turismo attivo e dal cartellone di eventi e festival organizzati dal Paese. Durante il workshop, Viviana Vukelic, direttrice dell’ente nazionale croato per il turismo in Italia, ha delineato gli obiettivi futuri del turismo nel paese: "Puntiamo a posizionarci come una destinazione sostenibile che offre esperienze diversificate, cultura, mice, turismo attivo, benessere, ma anche lusso - spiega ricordando l'importanza dell'entrata della Croazia nell'area Schengen dal 1° gennaio 2023, che ha semplificato significativamente i viaggi per i cittadini europei. [gallery ids="465960,465961,465962,465963,465964,465965"] L'evento ha anche messo in luce l'impegno della Croazia nel migliorare la connettività con l'Italia. La stagione estiva del 2024 vedrà l'introduzione di sette nuovi voli, che si aggiungono ai numerosi collegamenti marittimi e terrestri già esistenti, rendendo il paese ancora più accessibile. All'evento hanno partecipato Igor Surdich, primo segretario della ambasciata croata in Italia, e Stefano Corbari, presidente Fiavet Lazio, che ha ricordato l'importanza dei rapporti con le destinazioni come la Croazia e la rilevanza del segmento outgoing per il settore, spesso ingiustamente penalizzato rispetto all'incoming. [post_title] => La Croazia incontra le agenzie nel workshop organizzato dal Gruppo Travel [post_date] => 2024-04-19T15:33:56+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713540836000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465890 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nelle parole di Franco Gattinoni c’è tutto l’orgoglio di un settore che in molti hanno dato per morto negli ultimi 20 anni e che invece non solo ha mostrato una invidiabile resilienza ma rivela ora anche una capacità di ripresa per certi versi inaspettata. Reduce da un 2023 con numeri importanti, il presidente del gruppo che porta il suo nome si presenta sul palco della convention in corso di svolgimento a Istanbul, mostrando la determinazione di chi non ha mai mollato, neppure nei momenti più difficili: “Ci sono stati persino dei ministri del Turismo che ci hanno dati per spacciati. Eppure siamo ancora qui. Anzi, stando ai dati più recenti di Gfk il trend si è invertito. Per la prima volta sostanzialmente dall’inizio del nuovo Millennio, nel post-Covid la quota di mercato travel servita dalle agenzia di viaggio è tornata a crescere, risalendo da quel 18% che le ultime rilevazioni disponibili assegnavano al mondo del trade”. Il post-pandemia, è un fenomeno risaputo, ha permesso ad alcuni di riscoprire il valore del servizio delle adv: “Le persone da noi non cecano solo assistenza in materia burocratica, come per esempio sulla questione passaporti. In molti è emersa la consapevolezza di quanto importante sia il nostro ruolo per proteggersi dai piccoli e grandi inconvenienti dei viaggi. Ora dobbiamo impegnarci a sfruttare ancora di più questa opportunità”. In arrivo un nuovo motore di ricerca Ecco allora il focus che il network porrà nei prossimi mesi sugli investimenti in comunicazione e visibilità, ma specialmente in tecnologia. Novità dell’anno sarà tra le altre cose il nuovo motore di ricerca che andrà presto a sostituire quello attuale della piattaforma Gattinoni, incrementando ulteriormente la fruibilità, la semplicità di utilizzo e il contributo della parte Ai. “Ma soprattutto - spiega il nuovo a.d. della business unit Travel, Mario Vercesi - sarà realizzato in modo da incorporare sia il prodotto dinamico, sia quello dei fornitori partner e l’offerta a nostro marchio”. L’obiettivo, aggiunge il direttore generale Sergio Testi, è quello di andare a intercettare i nuovi cluster di clientela, quelli che non si sono mai accostati a un’adv e quelli che si sono allontanati, con una proposta sempre più in grado di assicurare risposte immediate, adeguate ai tempi del consumo contemporaneo. Questione carenza di marginalità Certo le sfide non mancano, conclude Gattinoni. A partire dall’atavica carenza di marginalità che praticamente da sempre caratterizza il mondo della distribuzione travel, nei confronti di tutti gli altri comparti merceologici: “Un po’ è colpa nostra. Mi capita ancora troppo spesso di relazionarmi con agenti che non conoscono i propri bilanci. Ci si concentra sull’estetica della pratica, magari anche su qualche premio vinto, ma si perde a volte di vista l’elemento più importante: i numeri”. Distorsioni nei cieli: commissioni, accesso al prodotto e questione carte di credito Ma non è solo una faccenda interna alle agenzie: “Il nostro mercato soffre di distorsioni inimmaginabili in altri contesti: non si può parlare di etica del giusto guadagno se fornitori importanti come i vettori aerei minano alla base la nostra redditività. Sto parlando di commissioni, di parità di accesso al prodotto e della questione della carte di credito. Tutte situazioni inaccettabili, che conosciamo bene e che noi, anche con il supporto di Fto e delle altre associazioni, stiamo cercando di affrontare. Rincuora sapere che le organizzazioni di categoria finlandesi hanno recentemente vinto un ricorso contro Finnair per l’accesso alle tariffe nette della biglietteria della compagnia. Non penso invece che ci sia nulla da aggiungere alla follia di chi pretenderebbe di vendere i propri voli esclusivamente attraverso i propri canali proprietari, così come di chi si rifiuta di accettare le carte di credito delle agenzie. Tutte questioni su cui ci sono tavoli aperti con i ministeri e che sono certo riusciremo presto a risolvere. Perché sono da sempre convinto che non ci si debba rassegnare alle cose sbagliate. Prima o poi occorre farle tornare a posto”. [post_title] => Orgoglio Gattinoni: il trend si è invertito. Le adv tornano a crescere [post_date] => 2024-04-19T10:41:45+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713523305000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465897 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il procedimento cautelare chiesto dal turismo organizzato potrebbe avere effetti dirompenti su scala internazionale per il futuro del vettore. Si è svolta oggi nella sede dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’audizione del procedimento cautelare contro Ryanair, aperto nell’ambito dell’istruttoria avviata nel 2023 sulla base delle segnalazioni di Aiav, seguita da Fiavet – Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, per inibire le condotte vessatorie messe in atto dal vettore nei confronti delle agenzie di viaggio e degli altri player del mercato. Procedure che Aaiv aveva evidenziato a maggio dello scorso anno in un corposo dossier, condiviso da Fiavet Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, dimostrando l’adozione di sofisticati meccanismi tecnici da parte del vettore per disincentivare la vendita dei propri voli da parte delle agenzie di viaggio: visualizzazione selettiva delle tariffe senza accesso alle più convenienti, prezzi maggiorati per gli extra (come il trasporto del bagaglio o la scelta del posto a sedere) e complesse procedure di riconoscimento facciale per i passeggeri. Anche le ota Oltre alle agenzie tradizionali, all’audizione sono intervenute le ota, portali di prenotazione di servizi turistici online, e i rappresentanti dei principali sistemi di distribuzione dei servizi turistici, che hanno evidenziato i ripetuti tentativi messi in atto dalla compagnia per inibire l’accesso alla propria offerta, salvo la definizione di specifici accordi commerciali. Accordi che, come hanno denunciato i rappresentanti degli operatori che li hanno stipulati, si sono rivelati poco trasparenti e sempre basati sull’accesso selettivo alle tariffe, non comprensivo delle più convenienti.   Fulvio Avataneo, presidente Aiav, ha dichiarato: “Ringrazio il contributo fondamentale degli Avv. Veronica Scaletta per conto di Aiav e Federico Lucarelli, per conto di Fiavet: l’adozione del provvedimento cautelare contro Ryanair rappresenterebbe un enorme passo avanti per le agenzie, che potrebbero così avere la libertà di prenotare i voli sul sito di Ryanair direttamente per conto dei propri clienti, evitando tutti gli ostacoli che la compagnia ha posto sino ad oggi al loro lavoro. E sarebbe anche un monito contro le ripetute dichiarazioni scorrette nei confronti della nostra categoria, lesive della dignità professionale e umana dei lavoratori che ne fanno parte”. Cessare i comportanti Nel corso dell'audizione, Aiav, tramite il proprio legale Veronica Scaletta, ha sostenuto la richiesta delle ota e ha ribadito la propria richiesta di far cessare questi comportamenti, anche nei confronti delle agenzie di viaggio tradizionali, chiedendo in particolare l'apertura di codici di accesso riservati alle agenzie tradizionali, la cessazione delle procedure di riconoscimento facciale per i clienti e dell'invio di comunicazioni denigratorie ai danni delle agenzie. Fiavet-Confcommercio, promotrice della parallela causa per concorrenza sleale contro Ryanair presso il Tribunale di Milano ed intervenuta nel procedimento Antitrust già ad ottobre scorso, tramite il proprio legale avv. Federico Lucarelli ha sottolineato il perdurare dei comportamenti di Ryanair in danno delle agenzie di viaggi. Entrambe le Associazioni, Fiavet ed Aiav, hanno evidenziato la necessità e l’urgenza della adozione da parte dell’Autorità di un provvedimento cautelare per far cessare immediatamente il blocco effettuato dal vettore delle prenotazioni intermediate dagli agenti di viaggio.   Pronunzia A breve l'Autorità garante si dovrà pronunciare sull'adozione o meno di un provvedimento cautelare urgente. La forte opposizione di Ryanair, legale e mediatica, dimostra una grande preoccupazione. Il provvedimento potrebbe avere un effetto dirompente sul modello di business e sul futuro del vettore, mettendo in discussione per la prima volta, su scala internazionale, la scelta unilaterale di utilizzare sofisticate procedure tecniche che, in modo subdolo e opaco, disincentivano l’accesso, la distribuzione e la vendita dei propri servizi a soggetti titolati per legge a farlo. “Abbiamo partecipato all’udienza odierna perché volevamo rimarcare all’Autorità la necessità indifferibile di un provvedimento cautelare per garantire da subito il ripristino del diritto delle agenzie di viaggio a intermediare la vendita della biglietteria di Ryanair, essendo le agenzie di viaggi impossibilitate ad acquistare biglietteria della compagnia per i propri clienti, con conseguenze gravi sull’andamento della prossima stagione turistica estiva. Era una presenza necessaria e doverosa. Confidiamo che l’Autorità possa decidere adottando gli opportuni provvedimenti del tutto fondati” dichiara il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi.   [post_title] => Autorità della Concorrenza: oggi l'audizione contro le condotte di Ryanair [post_date] => 2024-04-19T10:14:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713521697000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465830 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fiavet-Confcommercio non si ferma  nella sua battaglia contro la politica “zero commission” sulla biglietteria aerea. A seguito della vittoria del contenzioso contro Lufthansa, che ha consentito a tutte le agenzie, non solo le associate Fiavet-Confcommercio,  di  avviare la richiesta di differenza per le commissioni non pagate, la Federazione  ha verificato tutte le posizioni delle compagnie aeree che negli ultimi dieci anni hanno comunicato l’azzeramento della commissione, decisione puntualmente contestata da Fiavet-Confcommercio  nell’interesse dei propri associati, partendo dal presupposto normativo che l’intermediazione ha un valore e va riconosciuto.  “Stiamo concretizzando anni di battaglie: avendo da sempre un rapporto commerciale di vendita di biglietteria  aerea per conto dei vettori, contestiamo la decisione unilaterale, da parte loro, della improvvisa politica a commissioni zero” afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio, Giuseppe Ciminnisi. Fiavet-Confcommercio ha ripreso in mano tutte le posizioni in cui era stata contestata come illegittima la riduzione a zero della commissione, fornendo ai suoi associati uno schema di richiesta da inviare per poter ottenere il rispetto del principio espresso nella causa di Lufthansa. “Ci aspettiamo che le compagnie aeree prendano atto di questa situazione e, piuttosto che arroccarsi in posizioni di difesa ad oltranza per non riconoscere i diritti delle agenzie di viaggio, versino il dovuto e finalmente concordino con le associazioni di categoria un livello commissionale minimo” afferma Giuseppe Ciminnisi. I vettori che hanno applicato la “zero commission” si vedranno quindi recapitare, nei prossimi giorni, una imponente quantità di richieste di riportare la commissione all’1%  o al maggiore valore prima dell’azzeramento, con restituzione della commissione non versata. “È una richiesta legittima -  afferma Federico Lucarelli, consulente legale Fiavet che ha seguito il contenzioso con Lufthansa  - in quanto si fonda sul principio espresso nel giudizio Lufthansa, in particolare sulla nullità dichiarata in quel contenzioso della clausola disciplinante il regime commissionale del PSAA, che è il contratto uniforme che lega i vettori alle Agenzie IATA per la vendita della biglietteria aerea, e quindi replicabile per tutti i rapporti tra compagnie aeree e agenti di viaggio IATA”. [post_title] => Fiavet: continua la battaglia contro i vettori a commissioni zero [post_date] => 2024-04-18T12:24:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => ryanair ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Ryanair ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713443094000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "fiavet al ministro" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":18,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":936,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466220","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono iniziati i lavori per il Royal Beach Club Paradise Island: un'esperienza su sette ettari di spiaggia a Paradise Island, a Nassau, alle Bahamas. Il primo di una collezione di club griffati Rcl  prenderà forma nei prossimi mesi in vista dell'apertura prevista per il 2025. Dalla posizione, una delle spiagge più idilliache dell'isola, al cibo, alla cultura e al personale locale, nonché grazie all'esclusiva partnership pubblico-privata in cui i bahamiani possiederanno fino al 49% di azioni, il nuovissimo beach club combinerà la bellezza e lo spirito delle Bahamas con i tocchi tipici di Royal Caribbean in tutte le attività, il servizio e lo stile.\r\n\r\n\"Con la firma di questo heads of agreement per lo sviluppo del Royal Beach Club Paradise Island, intraprendiamo un progetto che migliorerà ulteriormente la vitalità del nostro prodotto turistico - sottolinea il primo ministro delle Bahamas, Philip Davis -. E cosa ancora più importante facciamo una mossa davvero significativa per un maggior empowerment dei bahamiani nell'ambito dell’industria del turismo\".\r\n\r\nAl Royal Beach Club Paradise Island gli ospiti saranno accolti per una giornata in spiaggia. Unitamente a ulteriori attrattive che verranno rivelate nei prossimi mesi, il complesso offrirà tre piscine con bar e cabanas private, quattro punti di ristoro in stile isolano con piatti e spuntini legati ai sapori bahamiani, nonché esperienze con artigiani locali e musica dal vivo. \"Oltre a segnare l'inizio del processo di costruzione, l’evento di oggi è emblematico di una partnership, di un passo in avanti e del rafforzamento dello sviluppo economico di molti imprenditori delle Bahamas e per l'intera comunità\", aggiunge il presidente e ceo di Royal Caribbean Group, Jason Liberty.\r\n\r\nI piani di costruzione includono anche il ripristino dell'habitat nativo da parte della compagnia di crociere, che contribuirà a proteggere la fauna selvatica durante la costruzione e per molti anni a venire. Una volta completato, il Royal Beach Club Paradise Island arriverà ospitare una media di 2 mila persone. I vacanzieri accederanno al beach club tramite un trasferimento in traghetto dal porto di Nassau e torneranno attraverso il centro storico della città, vicino al famoso mercato della paglia.","post_title":"Rcl: avviati i lavori per il primo Royal Beach Club Paradise Island, alle Bahamas","post_date":"2024-04-24T12:03:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1713960219000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466146","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' stato confermato anche per l'estate 2024 il volo Neos Milano - Freeport, frutto della partnership tra la compagnia aerea, il brand Bravo (entrambi di casa Alpitour), nonché il ministero del Turismo, investimenti e aviazione delle Bahamas e il Viva Fortuna Beach by Wyndham. A seguito degli ottimi risultati raggiunti nel 2023, il collegamento quest'anno allunga persino la stagione iniziando il 6 giugno e concludendosi il 5 settembre con voli in calendario ogni giovedì.\r\n\r\n“Abbiamo ampliato la stagionalità dell’operazione anticipando le partenze di due settimane - conferma Matteo Bolognesi, destination manager mainstream Caribbean & South America Alpitour World -. Per il 2024 ci siamo prefissati un obiettivo sfidante e siamo estremamente fiduciosi di raggiungere il risultato, complice anche il trend positivo del segmento gruppi; in termini, generali attualmente registriamo + 64% prenotazioni rispetto a pari periodo 2023”.\r\n\r\nSituato sulla costa meridionale dell’isola di Grand Bahama, a 15 chilometri dall’aeroporto e a otto da Port Lucaya, da giugno a settembre la formula Bravo Viva Fortuna Beach arricchisce la proposta del resort con un tocco made in Italy, grazie alla presenza di chef, animatori e assistenti tricolori. Sul fronte prodotto, il gruppo Viva Resorts by Wyndham ha investito nel restyling della struttura con particolare attenzione alle camere destinate al mercato italiano che sono state oggetto di interventi di miglioria, sia negli arredi, sia negli elementi di decoro. Il resort integra anche la proposta f&b. Oltre a quello a buffet, sono presenti tre ristoranti à la carte: Dolce Vita, che propone cucina italiana; Hacienda Don Diego, che offre un menù messicano, in sostituzione di quello asiatico; Viva Cafe, con cucina fusion. Il programma di intrattenimento e le attività completano l’offerta turistica: tra le novità dell’estate 2024 sono inclusi quattro campi da pickleball e una nuova sala giochi e sport, aperta dalle 18 alle 22.\r\n\r\n“Siamo entusiasti dell’operazione con Alpitour World che, anno dopo anno, si consolida su una destinazione con gli scorci balneari più suggestivi e incontaminati dei Caraibi - aggiunge Giuliana Carniel, vice president sales and revenue management di Viva Resorts by Wyndham -. Il binomio Bravo-Viva Resorts by Wyndham si rafforza costantemente. E anche noi puntiamo a una stagione senza precedenti”.","post_title":"Confermato il binomio Bravo - Viva Fortuna Beach. Si allunga la stagione del Milano-Freeport di Neos","post_date":"2024-04-23T12:28:11+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1713875291000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466031","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una proposta innovativa che vuole superare gli individualismi e puntare al benessere del Paese. E’ stata costruita al termine di un convegno sul sistema portuale, dopo il quale La Spezia ha lanciato agli altri scali dal Nord Tirreno, da Carrara a Savona,  un appello per una strategia congiunta e una collaborazione operativa che consenta di difendere i traffici esistenti, svilupparne nuovi e tutelare gli interessi dell’economia produttiva del Paese.\r\n\r\n«Da sempre – afferma Mario Sommariva, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar ligure orientale – i porti non collaborano, si combattono e perdono il vero confronto, che è quello con i porti del Nord Europa. Oggi in una situazione di allerta, La Spezia, forte dell’esperienza di successo di reale coordinamento e integrazione con Carrara, lancia un’offerta di collaborazione concreta in prima battuta a Genova e Savona, per presentarsi sul mercato come un sistema coordinato che abbia nella logistica, nelle ferrovie e nell’offerta di servizi anche supplettivi alle difficoltà altrui, la sua chiave vincente».\r\n\r\nUna richiesta di collaborazione lanciata in un momento di assoluta emergenza determinato in primis dalla situazione di tensione internazionale che penalizza il Mediterraneo. «E la risposta – aggiunge il segretario generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure orientale, Federica Montaresi – transita attraverso una risposta di sistema che oggi non è più uno slogan, bensì una necessità cogente per spendere razionalmente le risorse e per porre le grandi opere e in primis i porti al servizio  della domanda che nasce dal sistema economico del Paese uscendo anche da schemi mentali e culturali ormai obsoleti. Nel caso della Liguria coordinando e non contrapponendo lo sforzo di La Spezia e Carrara con quello di Genova e Savona che nei prossimi anni si troveranno ad affrontare l’impatto operativo proprio dei cantieri per la realizzazione delle grandi opere».\r\n\r\n«È il momento – confermato Paolo Pessina, Presidente di Assagenti – di superare le contrapposizioni e lanciare una grande operazione di marketing territoriale specie presso l’industria, italiana e no, l’immagine reale di un sistema portuale dell’arco tirrenico in grado di rispondere anche con una logistica coordinata ed efficiente alla domanda di servizi».\r\n\r\nNon casuali le conclusioni del convegno, svolte da Pierpaolo Ribuffo, Ammiraglio diventato proprio in queste ore il coordinatore del Cipom, l’organismo interministeriale incaricato di mettere fine ai conflitti di competenze fra ministeri e di concretizzare una politica del mare nel reale interesse del Paese. «Interesse – ha sottolineato Ribuffo – che può essere raggiunto solo attraverso la concretezza che è stata auspicata dal segretario Montaresi e da un effettivo interfaccia fra porto e attività produttive e industriali».","post_title":"Liguria, una proposta per coordinare i porti della Spezia, Carrara, Genova e Savona","post_date":"2024-04-23T10:14:33+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713867273000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466062","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_466070\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Boris Iraheta, segretario generale Cata[/caption]\r\n\r\nCon il tema ‘Tejiendo Conexiones’ (Intrecciare Connessioni’) si è svolta nei giorni scorsi a El Salvador l’edizione 2024 del Catm, Centroamérica Travel Market, che ha visto la partecipazione di 80 tour operator internazionali provenienti da Europa (Italia inclusa), Nord America e Sud America.\r\n\r\nL’evento si conferma la piattaforma più importante di commercializzazione e promozione turistica per il rilancio del turismo in Centroamérica, con focus sui paesi di Belize, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panamá e Repubblica Dominicana.\r\n\r\n\"Posizionare correttamente la regione dei Paesi del Cata in Europa significa attrarre nuovi visitatori e ciò resta uno dei nostri principali obiettivi - ha spiegato Boris Iraheta, segretario generale di Cata, Agenzia centroamericana di promozione turistica -. Stiamo lavorando per creare contenuti spingendo le notizie positive attraverso i media dei nostri mercati principali, in modo che questa regione ancora poco conosciuta e a volte ritenuta poco sicura si passi a una nuova percezione. Il Catm riprende dopo la pausa pandemica per ristabilire i contatti commerciali con il mercato europeo, nord americano e sud americano: soprattutto con l’Europa, che nel 2023 ha portato nella regione 2 milioni di visitatori, il 14% sul totale; il 60% dei visitatori è arrivato invece dal Nord America”.\r\n\r\nComplessivamente, nel 2023 gli arrivi si sono attestati a quota 24,1 milioni, superando quindi il dato pre-pandemia del 2019, quando i turisti erano stati 17,3 milioni; gli italiani, sempre nel 2019, erano stati 169.491, nel 2022, 161.181 ma manca ancora il dato dell'anno scorso.\r\n\r\nUn prodotto quanto mai ricco e diversificato quello dei paesi centroamericani, che fa perno su antiche civiltà e tesori archeologici come quelli dei Maya, trait d’union di molte destinazioni Cata, foreste tropicali brulicanti di fauna selvatica, il mare, da quello caraibico al Pacifico. La fiera ha mostrato il potenziale dei segmenti emergenti, come il turismo legato al surf, con la particolarità di poter praticare questo sport nei Caraibi e nell'Atlantico durante lo stesso viaggio; il birdwatching e il turismo gastronomico, basato sulla fusione unica di sapori ancestrali e influenze europee e orientali che convergono proprio in quest’area.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_466071\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Morena Valdez, ministra del turismo El Salvador[/caption]\r\n\r\n\"La nostra azione insieme al Catm contribuisce a rafforzare l'economia regionale e a potenziare lo sviluppo del settore turistico attraverso una attenta collaborazione tra pubblico e privato - ha evidenziato Morena Valdez, ministra del turismo salvadoregno durante il Catm 2024 -. Fra gli obiettivi, un forte impegno al miglioramento delle infrastrutture tecnologiche e aeroportuali in primis. Implementare le strutture alberghiere, rendere la destinazione sicura e investire nella formazione. El Salvador vanta una natura unica tra vulcani, laghi, gastronomia e patrimoni Unesco. Nel settore alberghiero si evidenziano cooperazione anche di investimenti italiani\". \r\n\r\n[gallery ids=\"466073,466074,466075,466076,466077,466078\"]","post_title":"Catm 2024: i Paesi del Centroamerica puntano ad attrarre più turisti dall’Europa","post_date":"2024-04-22T15:03:51+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713798231000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466019","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continuano incessantemente le richieste da parte delle associazioni di turismo per un vero contrasto all'abusivismo per i viaggi istruzione. Naturalmente è un problema annoso, ma noi dai paladini dell'ordine e della schiena dritta (come quelli che dicono di essere i componenti di questo governo) ci aspettiamo che si faccia qualcosa. Anche il minimo. E invece siamo alle solite. Per cui le associazione scrivono al ministro Valditara per cercare did ottenrte qualche risultato. vediamo cosa hanno scirtto.\r\n\r\n«Il ministro Valditara dovrebbe intervenire con urgenza per contrastare i fenomeni di abusivismo che, incoraggiati platealmente da taluni docenti e dirigenti scolastici, ormai proliferano nel settore dei viaggi di istruzione. Inoltre bisogna mettere fine a una sorta di criminalizzazione di tour operator e agenzie di viaggi che invece operano in un contesto normato e organizzano questi viaggi assicurando importanti diritti e tutele per gli utenti, in particolare per i minori coinvolti».\r\n\r\nLo denunciano le associazioni maggiormente rappresentative del turismo organizzato. Fto - Federazione Turismo Organizzato e Fiavet di Confcommercio, Aidit Federturismo Confindustria, Astoi Confindustria Viaggi, Assoviaggi Confesercenti e Maavi Conflavoro che hanno inviato una lettera congiunta al titolare dell'istruzione, Giuseppe Valditara.\r\nPersonale scolastico\r\nIn particolare, le sigle sono rammaricate per le dichiarazioni del personale scolastico «che possono incoraggiare comportamenti non conformi alle normative vigenti e mettere a rischio la sicurezza degli studenti durante i viaggi di istruzione».\r\n\r\nLe associazioni evidenziano: «da molto tempo chiediamo una semplificazione e revisione dei processi di aggiudicazione dei viaggi di istruzione stessi. Tale revisione non solo comporterebbe una riduzione dei prezzi dei servizi acquistati, ma anche una minor burocrazia per scuole e imprese, consentendo la realizzazione di un numero maggiore di viaggi a cui oggi istituti e famiglie devono spesso rinunciare a causa della complessità del processo e delle tempistiche necessarie».\r\n\r\nLe rappresentanze del turismo organizzato ribadiscono infine la loro disponibilità «a collaborare con il ministero per affrontare le sfide attuali legate ai costi dei viaggi di istruzione e per garantire che tali iniziative rimangano un'opportunità preziosa per la formazione dei giovani». Come mchiosa vorrei dire: ma siuete proprio si curi che il ministro Valditara sia disponibile a collaborare su un buco enorme che si chiama abusivismo.","post_title":"“Valditara intervenga con urgenza contro l'abusivismo nei viaggi istruzione”","post_date":"2024-04-22T10:46:36+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713782796000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465956","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Croazia rafforza il legame con l'Italia nel workshop organizzato dal Gruppo Travel.\r\n\r\nL'evento, che è stato ospitato ieri all'InterContinental Rome Ambasciatori Palace di Via Veneto, ha visto la partecipazione di numerosi player del settore turistico croato e circa 80 agenzie di viaggio italiane accorse per scoprire le novità di prodotto.\r\n\r\nL'Italia è uno dei mercati chiave, con un flusso in costante incremento di turisti e un interesse crescente da parte dei più giovani, attratti dalla bellezza delle isole e delle coste nei mesi estivi, ma anche dalle opportunità del turismo attivo e dal cartellone di eventi e festival organizzati dal Paese.\r\n\r\nDurante il workshop, Viviana Vukelic, direttrice dell’ente nazionale croato per il turismo in Italia, ha delineato gli obiettivi futuri del turismo nel paese: \"Puntiamo a posizionarci come una destinazione sostenibile che offre esperienze diversificate, cultura, mice, turismo attivo, benessere, ma anche lusso - spiega ricordando l'importanza dell'entrata della Croazia nell'area Schengen dal 1° gennaio 2023, che ha semplificato significativamente i viaggi per i cittadini europei.\r\n\r\n[gallery ids=\"465960,465961,465962,465963,465964,465965\"]\r\n\r\nL'evento ha anche messo in luce l'impegno della Croazia nel migliorare la connettività con l'Italia. La stagione estiva del 2024 vedrà l'introduzione di sette nuovi voli, che si aggiungono ai numerosi collegamenti marittimi e terrestri già esistenti, rendendo il paese ancora più accessibile.\r\n\r\nAll'evento hanno partecipato Igor Surdich, primo segretario della ambasciata croata in Italia, e Stefano Corbari, presidente Fiavet Lazio, che ha ricordato l'importanza dei rapporti con le destinazioni come la Croazia e la rilevanza del segmento outgoing per il settore, spesso ingiustamente penalizzato rispetto all'incoming.","post_title":"La Croazia incontra le agenzie nel workshop organizzato dal Gruppo Travel","post_date":"2024-04-19T15:33:56+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713540836000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465890","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nelle parole di Franco Gattinoni c’è tutto l’orgoglio di un settore che in molti hanno dato per morto negli ultimi 20 anni e che invece non solo ha mostrato una invidiabile resilienza ma rivela ora anche una capacità di ripresa per certi versi inaspettata. Reduce da un 2023 con numeri importanti, il presidente del gruppo che porta il suo nome si presenta sul palco della convention in corso di svolgimento a Istanbul, mostrando la determinazione di chi non ha mai mollato, neppure nei momenti più difficili: “Ci sono stati persino dei ministri del Turismo che ci hanno dati per spacciati. Eppure siamo ancora qui. Anzi, stando ai dati più recenti di Gfk il trend si è invertito. Per la prima volta sostanzialmente dall’inizio del nuovo Millennio, nel post-Covid la quota di mercato travel servita dalle agenzia di viaggio è tornata a crescere, risalendo da quel 18% che le ultime rilevazioni disponibili assegnavano al mondo del trade”.\r\n\r\nIl post-pandemia, è un fenomeno risaputo, ha permesso ad alcuni di riscoprire il valore del servizio delle adv: “Le persone da noi non cecano solo assistenza in materia burocratica, come per esempio sulla questione passaporti. In molti è emersa la consapevolezza di quanto importante sia il nostro ruolo per proteggersi dai piccoli e grandi inconvenienti dei viaggi. Ora dobbiamo impegnarci a sfruttare ancora di più questa opportunità”.\r\n\r\nIn arrivo un nuovo motore di ricerca\r\n\r\nEcco allora il focus che il network porrà nei prossimi mesi sugli investimenti in comunicazione e visibilità, ma specialmente in tecnologia. Novità dell’anno sarà tra le altre cose il nuovo motore di ricerca che andrà presto a sostituire quello attuale della piattaforma Gattinoni, incrementando ulteriormente la fruibilità, la semplicità di utilizzo e il contributo della parte Ai. “Ma soprattutto - spiega il nuovo a.d. della business unit Travel, Mario Vercesi - sarà realizzato in modo da incorporare sia il prodotto dinamico, sia quello dei fornitori partner e l’offerta a nostro marchio”. L’obiettivo, aggiunge il direttore generale Sergio Testi, è quello di andare a intercettare i nuovi cluster di clientela, quelli che non si sono mai accostati a un’adv e quelli che si sono allontanati, con una proposta sempre più in grado di assicurare risposte immediate, adeguate ai tempi del consumo contemporaneo.\r\n\r\nQuestione carenza di marginalità\r\n\r\nCerto le sfide non mancano, conclude Gattinoni. A partire dall’atavica carenza di marginalità che praticamente da sempre caratterizza il mondo della distribuzione travel, nei confronti di tutti gli altri comparti merceologici: “Un po’ è colpa nostra. Mi capita ancora troppo spesso di relazionarmi con agenti che non conoscono i propri bilanci. Ci si concentra sull’estetica della pratica, magari anche su qualche premio vinto, ma si perde a volte di vista l’elemento più importante: i numeri”.\r\n\r\nDistorsioni nei cieli: commissioni, accesso al prodotto e questione carte di credito\r\n\r\nMa non è solo una faccenda interna alle agenzie: “Il nostro mercato soffre di distorsioni inimmaginabili in altri contesti: non si può parlare di etica del giusto guadagno se fornitori importanti come i vettori aerei minano alla base la nostra redditività. Sto parlando di commissioni, di parità di accesso al prodotto e della questione della carte di credito. Tutte situazioni inaccettabili, che conosciamo bene e che noi, anche con il supporto di Fto e delle altre associazioni, stiamo cercando di affrontare. Rincuora sapere che le organizzazioni di categoria finlandesi hanno recentemente vinto un ricorso contro Finnair per l’accesso alle tariffe nette della biglietteria della compagnia. Non penso invece che ci sia nulla da aggiungere alla follia di chi pretenderebbe di vendere i propri voli esclusivamente attraverso i propri canali proprietari, così come di chi si rifiuta di accettare le carte di credito delle agenzie. Tutte questioni su cui ci sono tavoli aperti con i ministeri e che sono certo riusciremo presto a risolvere. Perché sono da sempre convinto che non ci si debba rassegnare alle cose sbagliate. Prima o poi occorre farle tornare a posto”.","post_title":"Orgoglio Gattinoni: il trend si è invertito. Le adv tornano a crescere","post_date":"2024-04-19T10:41:45+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713523305000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465897","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il procedimento cautelare chiesto dal turismo organizzato potrebbe avere effetti dirompenti su scala internazionale per il futuro del vettore.\r\nSi è svolta oggi nella sede dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’audizione del procedimento cautelare contro Ryanair, aperto nell’ambito dell’istruttoria avviata nel 2023 sulla base delle segnalazioni di Aiav, seguita da Fiavet – Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, per inibire le condotte vessatorie messe in atto dal vettore nei confronti delle agenzie di viaggio e degli altri player del mercato.\r\nProcedure che Aaiv aveva evidenziato a maggio dello scorso anno in un corposo dossier, condiviso da Fiavet Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, dimostrando l’adozione di sofisticati meccanismi tecnici da parte del vettore per disincentivare la vendita dei propri voli da parte delle agenzie di viaggio: visualizzazione selettiva delle tariffe senza accesso alle più convenienti, prezzi maggiorati per gli extra (come il trasporto del bagaglio o la scelta del posto a sedere) e complesse procedure di riconoscimento facciale per i passeggeri.\r\nAnche le ota\r\nOltre alle agenzie tradizionali, all’audizione sono intervenute le ota, portali di prenotazione di servizi turistici online, e i rappresentanti dei principali sistemi di distribuzione dei servizi turistici, che hanno evidenziato i ripetuti tentativi messi in atto dalla compagnia per inibire l’accesso alla propria offerta, salvo la definizione di specifici accordi commerciali. Accordi che, come hanno denunciato i rappresentanti degli operatori che li hanno stipulati, si sono rivelati poco trasparenti e sempre basati sull’accesso selettivo alle tariffe, non comprensivo delle più convenienti.  \r\nFulvio Avataneo, presidente Aiav, ha dichiarato: “Ringrazio il contributo fondamentale degli Avv. Veronica Scaletta per conto di Aiav e Federico Lucarelli, per conto di Fiavet: l’adozione del provvedimento cautelare contro Ryanair rappresenterebbe un enorme passo avanti per le agenzie, che potrebbero così avere la libertà di prenotare i voli sul sito di Ryanair direttamente per conto dei propri clienti, evitando tutti gli ostacoli che la compagnia ha posto sino ad oggi al loro lavoro. E sarebbe anche un monito contro le ripetute dichiarazioni scorrette nei confronti della nostra categoria, lesive della dignità professionale e umana dei lavoratori che ne fanno parte”.\r\nCessare i comportanti\r\nNel corso dell'audizione, Aiav, tramite il proprio legale Veronica Scaletta, ha sostenuto la richiesta delle ota e ha ribadito la propria richiesta di far cessare questi comportamenti, anche nei confronti delle agenzie di viaggio tradizionali, chiedendo in particolare l'apertura di codici di accesso riservati alle agenzie tradizionali, la cessazione delle procedure di riconoscimento facciale per i clienti e dell'invio di comunicazioni denigratorie ai danni delle agenzie.\r\nFiavet-Confcommercio, promotrice della parallela causa per concorrenza sleale contro Ryanair presso il Tribunale di Milano ed intervenuta nel procedimento Antitrust già ad ottobre scorso, tramite il proprio legale avv. Federico Lucarelli ha sottolineato il perdurare dei comportamenti di Ryanair in danno delle agenzie di viaggi.\r\nEntrambe le Associazioni, Fiavet ed Aiav, hanno evidenziato la necessità e l’urgenza della adozione da parte dell’Autorità di un provvedimento cautelare per far cessare immediatamente il blocco effettuato dal vettore delle prenotazioni intermediate dagli agenti di viaggio.  \r\n\r\nPronunzia\r\nA breve l'Autorità garante si dovrà pronunciare sull'adozione o meno di un provvedimento cautelare urgente. La forte opposizione di Ryanair, legale e mediatica, dimostra una grande preoccupazione. Il provvedimento potrebbe avere un effetto dirompente sul modello di business e sul futuro del vettore, mettendo in discussione per la prima volta, su scala internazionale, la scelta unilaterale di utilizzare sofisticate procedure tecniche che, in modo subdolo e opaco, disincentivano l’accesso, la distribuzione e la vendita dei propri servizi a soggetti titolati per legge a farlo.\r\n“Abbiamo partecipato all’udienza odierna perché volevamo rimarcare all’Autorità la necessità indifferibile di un provvedimento cautelare per garantire da subito il ripristino del diritto delle agenzie di viaggio a intermediare la vendita della biglietteria di Ryanair, essendo le agenzie di viaggi impossibilitate ad acquistare biglietteria della compagnia per i propri clienti, con conseguenze gravi sull’andamento della prossima stagione turistica estiva. Era una presenza necessaria e doverosa. Confidiamo che l’Autorità possa decidere adottando gli opportuni provvedimenti del tutto fondati” dichiara il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi.\r\n ","post_title":"Autorità della Concorrenza: oggi l'audizione contro le condotte di Ryanair","post_date":"2024-04-19T10:14:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713521697000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465830","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fiavet-Confcommercio non si ferma  nella sua battaglia contro la politica “zero commission” sulla biglietteria aerea.\r\n\r\nA seguito della vittoria del contenzioso contro Lufthansa, che ha consentito a tutte le agenzie, non solo le associate Fiavet-Confcommercio,  di  avviare la richiesta di differenza per le commissioni non pagate, la Federazione  ha verificato tutte le posizioni delle compagnie aeree che negli ultimi dieci anni hanno comunicato l’azzeramento della commissione, decisione puntualmente contestata da Fiavet-Confcommercio  nell’interesse dei propri associati, partendo dal presupposto normativo che l’intermediazione ha un valore e va riconosciuto.\r\n\r\n “Stiamo concretizzando anni di battaglie: avendo da sempre un rapporto commerciale di vendita di biglietteria  aerea per conto dei vettori, contestiamo la decisione unilaterale, da parte loro, della improvvisa politica a commissioni zero” afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio, Giuseppe Ciminnisi.\r\n\r\nFiavet-Confcommercio ha ripreso in mano tutte le posizioni in cui era stata contestata come illegittima la riduzione a zero della commissione, fornendo ai suoi associati uno schema di richiesta da inviare per poter ottenere il rispetto del principio espresso nella causa di Lufthansa.\r\n\r\n“Ci aspettiamo che le compagnie aeree prendano atto di questa situazione e, piuttosto che arroccarsi in posizioni di difesa ad oltranza per non riconoscere i diritti delle agenzie di viaggio, versino il dovuto e finalmente concordino con le associazioni di categoria un livello commissionale minimo” afferma Giuseppe Ciminnisi.\r\n\r\nI vettori che hanno applicato la “zero commission” si vedranno quindi recapitare, nei prossimi giorni, una imponente quantità di richieste di riportare la commissione all’1%  o al maggiore valore prima dell’azzeramento, con restituzione della commissione non versata.\r\n\r\n“È una richiesta legittima -  afferma Federico Lucarelli, consulente legale Fiavet che ha seguito il contenzioso con Lufthansa  - in quanto si fonda sul principio espresso nel giudizio Lufthansa, in particolare sulla nullità dichiarata in quel contenzioso della clausola disciplinante il regime commissionale del PSAA, che è il contratto uniforme che lega i vettori alle Agenzie IATA per la vendita della biglietteria aerea, e quindi replicabile per tutti i rapporti tra compagnie aeree e agenti di viaggio IATA”.","post_title":"Fiavet: continua la battaglia contro i vettori a commissioni zero","post_date":"2024-04-18T12:24:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza","ryanair"],"post_tag_name":["In evidenza","Ryanair"]},"sort":[1713443094000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti