13 April 2021

Federalberghi: l’Assemblea nazionale si svolgerà al Ttg Incontri di Rimini

[ 0 ]

L’Assemblea nazionale di Federalberghi si terrà per questa sua settantesima edizione il 14 e il 15 ottobre alla Fiera di Rimini, in occasione dell’apertura del Ttg Travel Experience il salone professionale di Italian Exhibition Group dedicato a viaggi e vacanze. Il confronto annuale che gli albergatori italiani tengono con il mondo della politica, delle istituzioni e delle imprese del nostro Paese quest’anno avrà il suo palcoscenico non solo in una destinazione turistica, come tradizione per l’appuntamento, ma anche nella “control room” del turismo italiano, qual è il Ttg.

Accanto ai big del settore ed integrati in una realtà che storicamente lo rappresenta, gli albergatori di Italia si confronteranno il 14 ottobre negli spazi della fiera, nella stessa giornata in cui sarà celebrata l’inaugurazione dell’evento ed il consueto taglio del nastro.

Dopo la cerimonia di apertura prevista per il primo pomeriggio alla presenza delle autorità, i vertici della Federazione saranno al convegno pubblico dedicato ai temi di maggior interesse nel campo del turismo e della ricettività.

L’Assemblea Nazionale si terrà poi il 15 in tutta sicurezza negli spazi della Fiera ripensati all’interno del protocollo #safebusiness voluto da Ieg (www.iegexpo.it/it/safebusiness) per garantire che ogni fase della partecipazione alla manifestazione si svolga con dinamiche safe: dall’arrivo in hotel, all’ingresso in fiera, all’accesso alle facilities.

Sempre negli ambienti della fiera, nella giornata del 15 ottobre si svolgerà inoltre l’assemblea del Comitato dei giovani albergatori che prevede nel  programma anche un seminario dedicato.

«E’ certamente il luogo più naturale in cui incontrarci e ritrovarci – ha commentato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – Mai come in questo momento la comunità degli albergatori sente il bisogno di riunirsi “in presenza”, avendo dovuto affrontare, come tutti, le restrizioni imposte dal lockdown.  Rimini ed il Ttg rappresentano il luogo eletto per ciò che riguarda il nostro settore – ha aggiunto Bocca – Simbolicamente acquisisce maggior valore pianificare in questo contesto la nostra Settantesima assemblea nazionale. Si tratta di una ricorrenza importante a cui si è voluto dare la giusta solennità”.

«Tutti gli annunci che riguardano eventi di reale impatto economico si fanno con slancio e convinzione – dichiara Lorenzo Cagnoni, presidente di Italian Exhibition Group –. Ma avere qui, nelle giornate del nostro Ttg, l’Assemblea nazionale di Federalberghi è indubbio che rechi a queste mie parole un significato aggiuntivo. Non solo per il legame fattivo che da oltre vent’anni ci stringe alla Federazione ma per la valenza che l’Assemblea assume in un luogo come il nostro territorio. È stato ed è un anno difficile: accogliamo questo appuntamento come un segnale tangibile della ripartenza».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353549 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal prossimo 30 maggio torna il collegamento Db-Öbb sulla tratta Monaco-Rimini-Monaco, che sarà operativo per l’estate 2019 fino all’8 settembre.Sono tre i collegamenti settimanali che, per il quarto anno consecutivo, faciliteranno l’arrivo di turisti sulle coste romagnole. I treni Db-Öbb EuroCity, che viaggiano tra la Germania e l’Italia su questa tratta, collegheranno tutti i giovedì, venerdì e sabato, Monaco a Rimini. L’EC 85 con partenza alle 8.51 da Monaco e con fermate a Bologna e Cesena, permetterà così agli amanti dei weekend lunghi di fermarsi in Emilia-Romagna. Il rientro da Rimini con il primo EC84 operativo dal 31 maggio sarà tutti i venerdì sabato e domenica, alle 10.35. Rimini si conferma un’importante destinazione per Db Bahn Italia confermando la rilevanza che il mercato italiano ha per l’azienda il cui obiettivo è da sempre aumentare i servizi per chi preferisce abbandonare l’auto e viaggiare comodamente in treno. Utilizzando questi collegamenti ferroviari i turisti potranno soggiornare in Romagna e godere dell’ampia proposta di vacanza di questa Destinazione turistica, dalla ricca offerta balneare all’enogastronomia d’eccellenza, dalla straordinaria offerta di parchi tematici a un ricco cartellone di eventi e opportunità di divertimento. Tutto questo unito al fascino dell’entroterra con i suoi castelli, pievi e borghi ricchi di storia e cultura. [post_title] => Db-Öbb: riparte il 30 maggio il collegamento estivo tra Monaco e Rimini [post_date] => 2019-05-28T15:38:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559057933000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lufthansa ha inaugurato domenica scorsa la nuova rotta Monaco di Baviera-Rimini. «Questo per noi rappresenta un grande giorno - ha dichiarato Leonardo Corbucci, amministratore delegato di Airiminum, la società di gestione del Fellini - perché l’arrivo di Lufthansa, oltre a incrementare il traffico dell’aeroporto, ci consente di collegare la Romagna a un paese, come la Germania, da sempre ritenuto strategico da tutto il ali del territorio. Con l’avvio del volo settimanale da Monaco si compie un altro passo del nostro progetto di crescita. Auspico che, con l’aiuto necessario del territorio e azioni mirate di marketing, già a partire dal 2020 si possa incrementare il numero di voli settimanali per Monaco e delle destinazioni tedesche collegate e consolidare la nostra partnership con Lufthansa per lungo termine». [post_title] => Il Fellini di Rimini cresce con la nuova rotta Lufthansa per Monaco [post_date] => 2019-05-28T11:57:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559044656000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353147 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via l'accordo tra Tinaba, Alipay e Federalberghi, volto ad attivare un processo di semplificazione dedicato ai turisti cinesi in visita nel nostro paese. Protagonisti dell'intesa con l'Associazione degli albergatori italiani sono Tinaba, che tramite la partnership con Banca Profilo consente ai turisti cinesi di pagare in Italia con il proprio smartphone e il sistema Alipay, piattaforma leader nei pagamenti, società di Ant Financial Services Group, parte del Gruppo Alibaba. Tinaba e Alipay hanno messo a punto una soluzione che consente agli alberghi associati a Federalberghi di gestire agevolmente i pagamenti dei turisti cinesi usufruendo di un canale semplice da utilizzare, che annulla sia le barriere linguistiche sia le difficoltà legate all'uso del contante. «Sono oltre 3 milioni i cinesi che ogni anno visitano l'Italia - ha commentato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, commentando l'accordo che coinvolge la sua federazione - Si tratta di numeri che rappresentano un potenziale inestimabile in termini di crescita per il nostro comparto. E’ un'opportunità che può essere colta al meglio, ma solo se si tengono ben presenti le esigenze dei viaggiatori cinesi, ormai abituati ad utilizzare strumenti di pagamento innovativi, e sempre più in cerca di una rete di servizi offerti nella loro lingua». L'iniziativa "chinese friendly" prevede specifiche modalità di diffusione e vantaggi per gli associati; tra queste una commissione a carico dell'albergo di sicuro interesse e condizioni vantaggiose per la fruizione di ulteriori servizi quali ad esempio un servizio di traduzione dei servizi disponibili negli alberghi direttamente in app. «Siamo molto orgogliosi di poter contribuire a dare alle strutture ricettive italiane una maggiore attrattività presso il pubblico cinese supportando, quindi, lo sviluppo del turismo del nostro Paese, settore che grazie alla sua contribuzione pari al 13% del Pil riveste una importanza strategica. Per Tinaba - ha concluso Matteo Arpe, fondatore e ad di Tinaba - è un ulteriore riconoscimento che la tecnologia proprietaria che abbiamo sviluppato è un unicum nel panorama internazionale e questo la rende apprezzata da Alipay, il più diffuso sistema di pagamento mobile al mondo, e da importanti soggetti istituzionali italiani».         [post_title] => Federalberghi, accordo "chinese friendly" con Tinaba e Alipay [post_date] => 2019-05-24T11:43:20+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558698200000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352935 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un commissario ad hoc con delega al turismo. E' la richiesta ufficiale che Hotrec, l'associazione europea degli hotel, ristoranti, pub e bar, ha fatto alle autorità Ue, in vista delle elezioni del prossimo Parlamento europeo. A proporlo, durante la recente assemblea generale di Helsinki, sono state le 43 associazioni nazionali del mondo dell’ospitalità dei 31 paesi europei presenti all'incontro, condividendo la necessità che il turismo sia voce autorevole assieme alle altre materie. «L'industria è influenzata da diverse politiche dell'Unione europea, che fanno capo a differenti commissari. Riteniamo perciò necessario che la prossima Commissione individui una figura ad hoc, incaricata di coordinare l'azione dell'organismo comunitario», ha dichiarato il ceo di Hotrec, Christian de Barrin. «Siamo convinti che la richiesta che arriva da Hotrec sia quanto di più sostenibile in una prospettiva internazionale che dia centralità al comparto - ha quindi commentato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, approvando l'iniziativa -. E' una cosa che la nostra federazione chiede a gran voce da tempo. Si tratta di un obiettivo condiviso a livello europeo. Per questo invitiamo il governo italiano a sostenere con forza questo appello, con la consapevolezza che tale impegno premierebbe il nostro Paese».   [post_title] => Hotrec: serve commissario Ue per il turismo. Federalberghi approva [post_date] => 2019-05-23T09:40:04+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => bernabo-bocca [1] => christian-de-barrin [2] => commissione-ue [3] => federalberghi [4] => hotrec [5] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => bernabò bocca [1] => Christian de Barrin [2] => Commissione Ue [3] => Federalberghi [4] => Hotrec [5] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558604404000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352411 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’assemblea dei soci di Sagat. ha nominato Elisabetta Oliveri presidente, con incarico di durata triennale. In occasione della nomina è stato approvato il bilancio 2018 del gruppo, che chiude con un utile netto di 7 milioni 689 mila euro. Elisabetta Oliveri, già membro del cda di Sagat dal 2016, ha sviluppato la propria carriera in numerose realtà imprenditoriali italiane e straniere. Fra queste, il gruppo Sirti e il gruppo Fabbri Vignola di cui è stata amministratore delegato. Ha ricoperto inoltre il ruolo di amministratore non esecutivo in varie soci18età tra cui Snam ed Eutelsat e, attualmente, Fincantieri, Erg e Gedi.  L’assemblea dei soci ha inoltre provveduto a nominare gli ulteriori componenti del consiglio di amministrazione, il cui mandato avrà durata triennale.  Il cda ha infine rinnovato la fiducia all’amministratore delegato Andrea Andorno, in carica dal 24 gennaio 2019. [post_title] => Sagat, Elisabetta Olivieri nuovo presidente per i prossimi tre anni [post_date] => 2019-05-20T09:00:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558342803000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352402 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’assemblea generale ordinaria di Federalberghi Campania, l'unione che aggrega le associazioni territoriali degli albergatori presenti nella regione, ha rinnovato le cariche sociali eleggendo il direttivo destinato a operare per il quinquennio 2019-2023. Costanzo Iaccarino, presidente di Federalberghi Penisola Sorrentina e vicepresidente nazionale di Federalberghi, è stato confermato alla guida dell’associazione regionale. Lo affiancheranno Pasquale Gentile (Federalberghi Napoli) ed Ermando Mennella (Federalberghi Ischia) in qualità di vicepresidenti. Completa il direttivo Sergio Gargiulo (Federalberghi Capri) che ricoprirà la carica di tesoriere. «Ringrazio i colleghi per la stima e per la fiducia che mi hanno ancora una volta dimostrato confermandomi alla guida della nostra prestigiosa associazione – commenta Costanzo Iaccarino – Gli obiettivi non cambiano: ci impegneremo per far valere le istanze del settore alberghiero, voce importante dell’economia campana, e valorizzare quella cultura dell’ospitalità che, da centinaia di anni, fa della nostra regione una delle principali mete turistiche al mondo». [post_title] => Costanzo Iaccarino guida Federalberghi Campania [post_date] => 2019-05-17T14:52:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558104778000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'assemblea del Trieste Airport ha approvato il bilancio 2018 con un margine Ebitda superiore al 30%. L'incontro odierno è stata occasione anche per un aggiornamento sugli investimenti e i traffici che delineano sempre più quanto l’aeroporto sia diventato l’hub di riferimento e snodo cruciale per lo sviluppo della mobilità dell’intera regione. Nel quadriennio 2016-2019 sono stati investiti 40 milioni di euro (di cui 26 milioni autofinanziati) che sono stati impiegati per la realizzazione del polo intermodale (17 milioni) che ha collegato il terminal dell’aeroporto con la ferrovia, il potenziamento delle infrastrutture di volo e il miglioramento delle aree e dei servizi dell’aerostazione. Dal 15 al 30 giugno avranno luogo i lavori per la riqualificazione della pista di volo (10 milioni di euro) che renderà lo scalo ancora più competitivo e attraente per le compagnie aeree internazionali. In termini di traffico, nel 2018 i passeggeri sono stati 772 mila come nel 2017 nonostante la decisione di Ryanair di cancellare i collegamenti con Ciampino (Roma) e Trapani; di questi 708 mila sono passeggeri di voli linea e 58,8 mila hanno volato sui charter. Per l’estate del 2019 si segnalano le nuove rotte verso Colonia con Eurowings (dal 2 giugno con frequenza bisettimanale), i voli estivi di Alitalia verso la Sardegna (Olbia e Alghero) e i voli per le isole greche di Lefkada e Cefalonia operati da Adria Airways ed organizzati in collaborazione con l’agenzia Palma Viaggi. Infine, da quando è stata aperta la stazione ferroviaria Trieste Airport (marzo 2019) i treni regionali hanno movimentato un totale di 195 mila passeggeri di cui il 20% (quasi 40mila persone) si poi recato direttamente in aerostazione per un volo (in arrivo o in partenza). Un andamento che, nei primi cinque mesi dell’anno 2019 è in deciso miglioramento. Il trend dei passeggeri che utilizzano la ferrovia per arrivare o partire dallo scalo di Ronchi è infatti in crescita del 30%, facendo registrare già 97mila passeggeri dal 1° gennaio 2019 a oggi. A questi dati vanno aggiunti anche i passeggeri giornalieri delle 6 Frecce veloci che dal 2018 transitano per la fermata Trieste Airport provenienti da Milano e Venezia (dati al momento in aggiornamento).     [post_title] => Trieste Airport investe 30 milioni di euro per il quadriennio 2020-2023 [post_date] => 2019-05-16T14:44:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558017876000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351819 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Di certo l’apprezzamento per un segnale d’attenzione che da tempo aspettavamo, ma anche una punta di preoccupazione per i contenuti, limitati a pochi argomenti nonché la perplessità per i tempi, sicuramente non brevi, che si prefigurano per l’entrata in vigore». Così Bernabò Bocca, commenta la proposta di legge delega sul turismo, attualmente all'esame del Parlamento. Il presidente di Federalberghi è stato audito oggi dalla decima commissione della Camera sull'argomento. In tale occasione Bocca ha quindi espresso «apprezzamento per l’intendimento di semplificare il linguaggio normativo» e ha invitato il Parlamento ad arricchire la stessa delega, «introducendo semplificazioni sia sulla possibilità di sviluppare nuovi servizi, sia in relazione alla gestione dei rapporti di lavoro e, in particolare, ai voucher e ai contratti a termine». Per quanto riguarda la classificazione alberghiera, Bocca ha chiesto esplicitamente che «la legge delega consenta espressamente agli hotel italiani di utilizzare il sistema Hotelstars Union su base volontaria, in aggiunta al sistema pubblico». Il sistema Hsu è attualmente adottato in 17 paesi europei, tra cui la Germania, l’Austria e quasi tutto il Nord Europa, in cui abitano quasi 182 milioni di persone, che sono abituate a leggere il mercato turistico parlando il linguaggio della classificazione unica. E ogni anno negli alberghi italiani si registrano più di 60 milioni di presenze di turisti provenienti da questi paesi. «Star fuori dal sistema Hsu – ha detto Bocca - equivale a star fuori dall'euro o a reintrodurre il controllo passaporti alle frontiere interne all'Unione. Giorno dopo giorno, ci facciamo del male, erigendo una barriera che ostacola l’arrivo dei turisti stranieri». Il presidente degli albergatori è poi tornato sulla necessità di «istituire al più presto un codice identificativo nazionale obbligatorio per i cosiddetti affitti brevi. Chiediamo inoltre che venga istituito un registro pubblico, accessibile ai consumatori e agli organi di controllo, che consenta di identificare univocamente tanto l’ubicazione e le caratteristiche degli alloggi ai quali viene assegnato il codice, quanto le generalità del locatore». Secondo Bocca, «è necessario stabilire quando l’attività ricettiva può essere considerata occasionale. La scorsa settimana eravamo a Barcellona, per la seconda conferenza mondiale ReformBnb, ed è emerso un quadro che per noi italiani è a dir poco deprimente. Ad Amsterdam è stato fissato un limite di 30 giorni (come numero di notti massime totali che un host può affittare in un anno, ndr), a Valencia di 45, a Dublino e Ginevra di 60, ad Atene, Londra e Berlino di 90, a Parigi di 120. Tutti hanno preso coscienza del problema, ma solo in Italia regna l’anarchia, con pesanti ricadute che danneggiano tanto le imprese turistiche tradizionali quanto coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza. E’ bene chiarire che se si oltrepassano le soglie previste da ciascun paese non scatta alcun divieto di svolgere l'attività, ma unicamente l'obbligo di esercitarla nel rispetto delle regole previste per le imprese turistico ricettive». Bocca ha quindi concluso il proprio intervento esprimendo «perplessità in merito ai due anni di tempo che vengono previsti per l’adozione dei decreti delegati. Si tratta di tempi incompatibili con l’urgenza che caratterizza determinate esigenze. Senza dimenticare che pochi mesi fa era stata annunciata l’intenzione di arrivare all'approvazione del codice identificativo entro l’estate». Per assicurare una corsia preferenziale ai temi che stanno a cuore al settore, Bocca ha proposto di «anticipare per quanto possibile l’entrata in vigore di alcuni dei contenuti della delega, integrando i provvedimenti in corso di esame, a partire dal decreto crescita, che nei giorni scorsi ha iniziato il proprio iter alla Camera». [post_title] => Bocca: bene la legge delega sul turismo ma si può fare di più e più in fretta [post_date] => 2019-05-13T15:29:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => bernabo-bocca [1] => camera [2] => federalberghi [3] => in-evidenza [4] => legge-delega-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => bernabò bocca [1] => Camera [2] => Federalberghi [3] => In evidenza [4] => legge delega turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557761388000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351799 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' di circa 550 milioni di euro il gettito raccolto dai Comuni italiani nel 2018 grazie alla tassa di soggiorno. Una cifra già consistente, in aumento del 25% rispetto al 2017, ma destinata a crescere ulteriormente nel corso di quest'anno fino a superare quota 600 milioni. Lo rivela un'analisi condotta dalla Centrale rischi finanziari S.p.A. di Bologna(Crif) che sostanzialmente conferma quanto già calcolato dal Centro studi di Federalberghi, in collaborazione con la New Mercury Tourism Consulting. Dopo un 2018 che già ha beneficiato dell’incremento dei maggiori flussi turistici e della deroga al blocco dei tributi locali per il periodo 2016-2018 relativamente alla stessa imposta di soggiorno, «nel 2019 contribuiranno al gettito per l’intero anno gli accordi con le piattaforme di home sharing, dato che città quali Torino, Milano, Venezia, Firenze, Roma e Napoli ne hanno beneficiato solo in maniera parziale nel 2018, avendo concluso gli accordi in corso d’anno», spiega Marco Bonsanto, associate director presso Crif Ratings. Se a livello regionale quasi il 70% delle risorse confluiscono in quattro regioni (Lazio: 28%; Veneto: 14%; Lombardia: 13%; Toscana: 12%), le recenti novità hanno consentito a regioni quali l’Emilia-Romagna, la Liguria, l’Abruzzo e la Sardegna di incrementare il valore assoluto riscosso dall’imposta di più del 50% nel corso del 2018, e al Friuli Venezia Giulia di istituirla ex novo. A livello di singoli comuni invece, il 55% delle risorse viene raccolto tra Torino, Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. Il beneficio aggiuntivo sui bilanci dei suddetti comuni è stato di 50 milioni di euro nel solo 2018. Fin dalla sua istituzione nel 2012 (2011 per Roma capitale), l’imposta rappresenta sempre più un’importante fonte di gettito tributario per le casse comunali. In generale il peso percentuale sulle entrate correnti (somma tra entrate tributarie, extra tributarie e trasferimenti correnti) è aumentato passando dal 2% in media nel periodo 2013-2014 al 2,8% nell’ultimo biennio (2017-2018). Soprattutto per i piccoli comuni (con popolazione inferiore ai 5 mila abitanti), i benefici sono stati notevoli, con aumenti del gettito del 40% in media negli ultimi cinque anni: «Per contro, l’esposizione verso l’imposta e il peso relativo rispetto alle entrate correnti pone una forte dipendenza rispetto ai cicli turistici. Per i comuni di minori dimensioni infatti l’imposta vale in media il 10% delle entrate correnti nel biennio 2017-2018», conclude Bonsanto. [post_title] => Il Crif conferma i dati Federalberghi: tassa di soggiorno oltre i 600 mln [post_date] => 2019-05-13T14:46:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => crif [1] => federalberghi [2] => tassa-di-soggiorno ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Crif [1] => Federalberghi [2] => tassa di soggiorno ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557758762000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti