6 February 2023

Confindustria Turismo: rinnovo del contratto rimandato all’autunno

[ 0 ]

palmucciNiente da fare per il rinnovo del contratto nazionale per il turismo. Nonostante il momento urgente e difficile del settore e la volontà di trovare un accordo, la questione viene rimandata a dopo l’estate, come annunciano i delegati delle associazioni di categoria affiliate a Confindustria. la speranza è di arrivare ad una soluzione per ottobre, perché sarebbe importante rinnovare il contratto entro il prossimo autunno e consentire alle aziende di predisporre i loro budget 2014 in tempo utile e far conoscere ai lavoratori su quali elementi retributivi e di welfare possono fare affidamento. roberto_corbella_presidente_astoi_imagelarge«Dopo 8 mesi di trattativa il CCNL Industria Turistica va in ferie – annuncia Roberto Corbella, delegato alle relazioni industriali di Federturismo Confindustria -. Sono mancati la determinazione e il coraggio di recepire la sfida da noi avanzata, portando sul tavolo della trattativa proposte tangibili, con la volontà di chiudere sin dalla scadenza dello scorso aprile». «L’obiettivo che ci eravamo posti sin dall’inizio – dichiara Giorgio Palmucci presidente e delegato alle relazioni industriali dell’associazione italiana Confindustria Alberghi – era quello di presentare un pacchetto di riforme orientate verso una buona flessibilità e il potenziamento del welfare contrattuale. L’obiettivo è di recuperare produttività e occupazione almeno fino al 2016, riducendo così il tasso di disoccupazione soprattutto giovanile».

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438730 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroporti di Roma ha siglato un accordo con i sindacati - Cgil, Cisl, Uil e Ugl del Trasporto Aereo - per la stabilizzazione degli organici operativi del gruppo. Il piano interessa 257 lavoratori ed è articolato in assunzioni a tempo indeterminato e trasformazione dei contratti di lavoro da part time a full time. Dal prossimo marzo, 66 lavoratori attualmente impiegati negli scali di Fiumicino e Ciampino in attività di assistenza ai passeggeri, saranno assunti a tempo indeterminato mentre ad altri 191 addetti il contratto a tempo determinato verrà trasformato in indeterminato. Questa intesa, che lascia spazio ad ulteriori interventi a favore del personale operativo con il consolidamento del traffico passeggeri atteso per la prossima stagione estiva, conferma il trend di incremento degli organici di Aeroporti di Roma avviato lo scorso novembre, con l’assunzione a tempo indeterminato di 90 addetti nella società del Gruppo, Adr Security. Il piano di assunzioni definito per il 2023 coinvolge esclusivamente le risorse che negli anni passati hanno lavorato nei settori operativi del Gruppo con contratti a tempo determinato. “L’accordo – ha dichiarato Marco Troncone, amministratore delegato di Aeroporti di Roma – è il frutto della proficua collaborazione con le organizzazioni sindacali e rappresenta un importante investimento nel nostro capitale umano con la stabilizzazione di 257 lavoratori. Ancora una volta, confermiamo il nostro impegno di valorizzazione delle nostre persone, protagoniste dello sviluppo sostenibile del nostro aeroporto nel segno dell’eccellenza. Un impegno, mantenuto anche durante le fasi drammatiche della pandemia in una logica di salvaguardia dei livelli occupazionali, che ha contraddistinto l’azione aziendale nel segno delle internalizzazioni, della crescita professionale e della lotta al precariato, e che ha creato negli ultimi 10 anni oltre 1.400 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato. Con il nostro piano di sviluppo, siamo determinati a proseguire e accelerare su questo percorso”. [post_title] => Adr trova l'accordo con i sindacati per i contratti a tempo indeterminato di 257 dipendenti [post_date] => 2023-02-06T10:07:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675678060000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438686 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2022 3,8 milioni di passeggeri hanno utilizzato Malpensa Express per raggiungere lo scalo internazionale di Malpensa: a tre anni dall’inizio della pandemia, i viaggiatori del collegamento aeroportuale sono tornati ai livelli del 2019. Nello scorso anno i passeggeri Malpensa Express sono tornati ai numeri pre-pandemia: i grandi eventi internazionali hanno trainato la ripresa, facendo da contrappeso al calo nel mese di gennaio, a causa di un picco pandemico. Percentuali in aumento Rispetto a tre anni fa, la percentuale dei passeggeri che frequentano l’aeroporto scegliendo il treno è cresciuta: nell’intero anno è stata maggiore del 5% rispetto al 13,3% del 2019. Nel 2022, il picco è stato a novembre, quando un passeggero su cinque da e per l’aeroporto ha scelto il treno. Il 23% dei passeggeri ha utilizzato il collegamento aeroportuale per la prima volta; il 48% lo usa per i propri spostamenti da e per lo scalo più volte al mese o all’anno. Il 30% dei biglietti Malpensa Express è acquistato tramite canali digitali. Malpensa Express collega con 145 corse giornaliere Malpensa Aeroporto e la città di Milano, dalle 5 di mattina all’1 di notte. Tra maggio e novembre 2022 i 14 convogli Coradia che effettuano il servizio sono stati sottoposti a un radicale rinnovo, mantenendo il colore rosso caratteristico del servizio, ma sostitueando gli arredi interni. Nelle carrozze i passeggeri trovano sedili in ecopelle, cappelliere rinnovate, pavimenti ricerati. Per il rinnovo della flotta Malpensa Express Trenord ha stanziato un investimento complessivo di 1,1 milioni di euro, circa 80mila per ogni treno   [post_title] => Trenord in forte crescita con il Malpensa Express [post_date] => 2023-02-06T09:30:04+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675675804000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438694 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un treno per due: è un doppio accordo quello raggiunto tra Ferrovie dello Stato sull'intermodalità con Ita Airways da una parte e il Gruppo Lufthansa dall’altra. La società ha sottoscritto due memorandum d’intesa che mirano ad un’integrazione sempre più efficace fra aereo e treno, con un’offerta congiunta che consentirà l’acquisto in una unica soluzione di biglietti aerei e ferroviari; ma anche la futura creazione di programmi di loyalty combinati, e ulteriori servizi per i viaggiatori. Novità che giunge nei giorni clou della trattativa in esclusiva tra Lufthansa e il Mef per l’ingresso di Lufthansa nel capitale di Ita Airways con una quota iniziale del 40% di Ita Airways. I dettagli dell'intesa Nel caso di Lufthansa il MoU include ma anche gli altri vettori del gruppo - Swiss, Austrian Airlines e Brussel Airlines, nonché Lufthansa CityLine, Air Dolomiti ed Eurowings Discover -.  “L'intenzione – precisa la nota del colosso tedesco - è quella di negoziare un contratto di cooperazione per il traffico feeder all'interno del territorio italiano, con l’obiettivo di creare sinergie tra le varie modalità di trasporto a beneficio dei viaggiatori. In particolare, la cooperazione prevedrà numerosi collegamenti ferroviari Fs da e per vari aeroporti italiani. La struttura esatta del programma è al vaglio di ulteriori colloqui. Qualora il contratto fosse stipulato, l'attuazione della collaborazione tra le parti sarà soggetta all'approvazione delle autorità competenti”. Ita Airways sottolinea come il MoU “costituisca la base per realizzare partnership commerciali e operative destinate a sviluppare un’offerta di mobilità multimodale, che sappia rispondere in maniera efficace alle esigenze della domanda turistica e di business e realizzare un’esperienza di viaggio “end-to-end” agile e comoda, con l’obiettivo di implementare piattaforme digitali comuni. Un'intesa che per Lufthansa non è certo una novità nei suoi mercati nazionali dove da tempo esistono accordi con Deutsche Bahn, Öbb e Sbb, tra gli altri. Complessivamente, i vettori del gruppo tedesco offrono ai loro passeggeri oltre 3.000 collegamenti settimanali in treno o in bus da più di 40 città.    [post_title] => FS: doppia intesa con Ita Airways e il Gruppo Lufthansa sull'intermodalità [post_date] => 2023-02-06T08:48:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675673282000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438593 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Compagnie ha realizzato nel 2022 il suo primo utile dal 2014, anno di avvio delle operazioni: 1 milione di euro circa, su ricavi di 70 milioni di euro, il 7% in meno rispetto al 2019. Sono stati 49.000 i passeggeri trasportati nell'anno chiuso lo scorso 31 ottobre, al di sotto quindi dei 76.000 pre-Covid. Ma per l'esercizio in corso l'asticella viene alzata e si punta ad un fatturato di 100 milioni di euro, con utili in crescita. I piani di crescita includono in primis l'ampliamento della flotta: due nuovi aeromobili in arrivo, uno nella prima metà del 2024 e l'altro a inizio 2025, che andranno ad affiancarsi ai due A321neo Lr attualmente in servizio sulle rotte transatlantiche fra Europa e Stati Uniti. Rotte che, "Dopo la tanto attesa riapertura delle frontiere statunitensi l'8 novembre 2021 e l'immediata ripresa del traffico sulla rotta Parigi-New York - ha spiegato il ceo del vettore, Christian Vernet, ripreso da Air Journal - seguita a fine novembre dalla comparsa di Omicron, che ha portato a un'ulteriore stagnazione del traffico sulla rotta, dalla primavera del 2022 hanno registrato una forte accelerazione del numero di passeggeri sui nostri voli, che è proseguita fino all'autunno". Il ceo segnala load factor medi del 75% sulla rotta storica Parigi-New York (con un picco dell'80% da maggio a settembre) come pure il lancio riuscito della Milano-New York inaugurata lo scorso aprile, e il grande successo del volo stagionale Nizza-New York, che ha registrato un load factor medio dell'85%, abbiamo chiuso l'anno fiscale 2021-2022 con un significativo risultato netto positivo, il primo dall'inizio delle nostre operazioni nel 2014". Nei piani di Vernet ci sono il consolidamento delle tre attuali rotte per New York ma anche "l'apertura di una nuova rotta da una nuova città europea entro i prossimi due anni". Attualmente La Compagnie opera collegamenti giornalieri tra Parigi-Orly e New York/Newark, tre voli settimanali sulla rotta stagionale Nizza-New York e quattro frequenze settimanali sulla Milano Malpensa-New York che, visti i risultati, potrebbero diventare giornaliere entro la fine del 2023. [post_title] => La Compagnie centra il suo primo utile annuale. Pronta al raddoppio della flotta [post_date] => 2023-02-03T09:48:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675417692000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438589 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Investimenti per 56,5 milioni di euro nel periodo 2023-2026: questo il fulcro del contratto di programma siglato tra la Gesac, società di gestione dell'aeroporto di Napoli Capodichino ed Enac. Gli interventi programmati sono in linea con quanto ad ora previsto nel Piano Nazionale degli Aeroporti fondato sulla riconciliazione ambientale, la digitalizzazione, l’innovazione tecnologica e l’intermodalità. Nel periodo di riferimento sono previsti una serie di iniziative volte all'ottimizzazione della capacità aeroportuale attraverso progetti di innovazione tecnologica quali la realizzazione di un 'infrastruttura tecnologica di base (Cute - Common User Terminal Equipment) che consentirà la gestione del flusso passeggeri contactless e digital, sino allo sviluppo di uno smarth path biometrico. Sono inoltre previsti rilevanti investimenti green come la realizzazione di un impianto fotovoltaico per l'autoproduzione di energia, utilizzo di mezzi elettrici per assistenza ai passeggeri a mobilità ridotta (PRM), riduzione del rumore aeroportuale, e altri progetti di tutela ambientale tra cui quelli a favore della biodiversità, con “mille alberi per Napoli”, quello che prevede nuove macchine eco-compattatrici, e il "progetto Hydra" con l’utilizzo di carburanti alternativi - Saf. [post_title] => Aeroporto Napoli, 56,5 mln di euro da qui al 2026: focus su tecnologia e sostenibilità [post_date] => 2023-02-03T09:20:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675416024000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438408 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Allarme passaporti: saltano 88.000 viaggi organizzati, con una conseguenza di 158,4 milioni di euro di mancate vendite per il sistema italiano delle agenzie di viaggio. A snocciolare i dati è Vamonos-Vacanze.it, il tour operator italiano specializzato in vacanze di gruppo, che ha commissionato un approfondimento all’Istituto di Ricerca IRCM. Nove viaggiatori su 10 hanno visto lievitare a 5 settimane ed oltre (92% del campione intervistato) il tempo necessario per ottenere un appuntamento per il rilascio del passaporto. E così sono saltati in media 10 viaggi per ciascuna agenzia, ad un prezzo medio —trattandosi di viaggi fuori dall’Ue — di 1.800 euro a viaggio. Complessivamente quindi ciascuna agenzia ha accusato mediamente 18 mila euro di vendite non effettuate. «Ma per le grandi ota  il danno è stato maggiore: la media è di 50 viaggi in fumo per circa 90 mila euro di vendite non effettuate per ciascun operatore» sottolinea Emma Lenoci, ideatrice e ceo della piattaforma Vamonos-Vacanze.it. Complessivamente a causa della burocrazia sono quindi andati in fumo 158,4 milioni di euro. Gli Uffici Passaporto delle Questure non si aspettavano di ricevere un numero così elevato di richieste. «D’altra parte è anche vero che molti viaggiatori “pigri” durante il Covid hanno preferito rimandare il rinnovo del loro passaporto e le pratiche si sono accumulate negli ultimi due anni. A complicare ulteriormente le cose, poi, anche l’uscita dall’Unione Europea del Regno Unito, meta frequentatissima dagli italiani che però dopo la Brexit non possono più intraprendere questo breve viaggio con la sola carta di identità» commenta Lenoci.             [post_title] => Quasi 90 mila viaggi saltati a causa dei ritardi burocratici sui passaporti [post_date] => 2023-02-01T10:22:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675246962000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438365 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il ministero del turismo ha comunicato i termini di apertura e chiusura dello sportello per accedere ai finanziamenti del fondo rotativo delle imprese turistiche. Le imprese interessate potranno presentare domanda dal 1° marzo 2023 al 31 marzo 2023. Dal sito di Invitalia è già possibile scaricare la documentazione necessaria. Gli investimenti potranno riguardare programmi di riqualificazione energetica e antisismica, eliminazione di barriere architettoniche, manutenzione straordinaria e digitalizzazione, piscine termali, acquisto e rinnovo arredi. Le risorse disponibili per i contributi a fondo perduto sono pari a 180 mln per il periodo 2022 - 2025.  Possono richiedere l'incentivo tutte le aziende del comparto turistico, in particolare le imprese alberghiere che gestiscono un' attività ricettiva su immobili di terzi o che siano proprietari di immobili nei quali viene svolta attività ricettiva. Questa opportunità è particolarmente indicata per le catene alberghiere con hotel nelle regioni del Mezzogiorno per via del contributo a fondo perduto e per il fatto che l'incentivo è erogato secondo il regolamento GBER che non pone i massimali del de minimis o del quadro temporaneo. L'incentivo è un contributo a fondo perduto e un finanziamento agevolato per progetti compresi tra  500.000 euro e  10 milioni di euro di spese ammissibili. Le principali spese ammissibili sono macchinari, impianti e attrezzature  - ammissibili per il 100% del loro valore - mentre fabbricati, opere murarie per il 50%. Sarà possibile presentare domanda dal 1° marzo 2023 e sino al 31 marzo 2023, salvo esaurimento anticipato delle risorse. Le domande saranno valutate sulla base dell'ordine di presentazione. Le agevolazioni saranno erogate per stati di avanzamento lavori (SAL) per un massimo di 2, più l’ultimo a saldo. Tutte le informazioni aggiornate e l'elenco delle banche aderenti sono presenti sul sito di Invitalia. Gli incentivi saranno assicurati da un mix di contributo diretto alla spesa, finanziamento agevolato di Cassa Depositi e Prestiti e finanziamento bancario di pari importo e durata. I progetti devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2025.     [post_title] => Ministero del turismo: i termini per ottenere il credito rotativo [post_date] => 2023-02-01T10:02:43+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675245763000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438393 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Notizie da Ita Airways. Il brand Alitalia potrebbe tornare a volare: una volta siglato l'ingresso di Lufthansa nella compagine del vettore italiano, una volta avviato il piano di rilancio e quando finalmente Ita inizierà a fare utili. Il ritorno del marchio storico sarebbe in effetti nel piano che sta prendendo forma e verrebbe riservato ai soli voli intercontinentali della compagnia aerea, che manterrebbe quindi la livrea azzurra sui collegamenti domestici ed europei.  L'indiscrezione - nulla è stato ancora deciso - viene riportata oggi da Il Corriere della Sera, a seguito dell'incontro che si è svolto ieri tra i sindacati e l'ad di Ita Airways Fabio Lazzerini: incontro che vede rimanere in stallo la vertenza sull'aumento delle retribuzioni dei dipendenti del vettore. La compagnia aerea, in realtà, ammette che un cambiamento sarebbe necessario, ma spiega però che serviranno dei "passaggi interni" - anche con l'azionista unico, il ministero dell'Economia - per decidere quando concedere i ritocchi salariali e in quale misura. Contratto preliminare La tabella di marcia della trattativa in esclusiva con i tedeschi avviata lo scorso 27 gennaio, punterebbe alla metà di marzo per la sigla del contratto preliminare tra il Mef e Lufthansa: spetterà poi all’Antitrust europeo dare il via libera in un arco di tempo di almeno 40 giorni se nessun altro soggetto presenterà obiezioni. Qualora ci fossero richieste di revisione da parte dei competitor la tempistica potrebbe allungarsi di qualche mese, per arrivare al closing non prima di fine luglio, inizio agosto. [post_title] => Ita Airways: il brand Alitalia potrebbe tornare a volare, sul lungo raggio [post_date] => 2023-02-01T09:59:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675245551000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438336 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il mondo degli Ncc si è riunito a Bologna. Sabato scorso i più importanti imprenditori d’Italia di noleggio con conducente hanno tenuto a Bologna, il loro primo congresso annuale da quando si sono riuniti nella SuperRete, il network nazionale nato nel settembre 2019 a Firenze, che accorpa oggi oltre 300 aziende sparse su tutto il territorio nazionale, per un volume d’affari di oltre 200 milioni di euro. Non esistono quote da pagare, si entra su presentazione e si partecipa alla vita del network in piena libertà. È una rete d'imprese, priva di vincoli statutari e regolamentari, che consente liberamente la creazione di contatti professionali fra gli aderenti, dove l’unico "contratto" è la parola data, seguita da una mail o da un messaggio whatsapp. La cosa interessante è che si sono seduti allo stesso tavolo imprenditori titolari di microaziende con uno o due mezzi Ncc che magari non arrivano a 100 mila euro all’anno di fatturato, e grandi imprese con flotte dai 100 ai 150 mezzi per un fatturato oltre i 7milioni. Il presidente Cna Ncc, titolare di azienda Ncc con flotta ad Ancona, aderente al network della SuperRete, Simone Magellano, ha spostato l’attenzione sul nodo della legge attuale per un autista che deve essere assunto, che deve avere necessariamente sia la patente kb che l’iscrizione a ruolo della provincia di riferimento. «Ma se, in emergenza, agli imprenditori venisse data la possibilità di assumere senza l’obbligatorietà attuale per il dipendente dell’iscrizione a ruolo, solo con il kb, i numeri parlerebbero di un potenziale di 30 mila dipendenti assunti – dice Magellano –. L’argomento è discutibile, ma caldo nell'interesse di chi vorrebbe assumere e non può farlo per i tempi lunghi del ruolo. Da diversi colleghi con dipendenti ci sarebbe voglia di risolvere questa emergenza perché è sicuro che questa stagione sarà più pesante di quella passata». Il presidente Magellano ha annunciato un colloquio che avrà con il ministero dei trasporti, nella direzione di ottenere una deroga temporanea. Gli autisti dipendenti potrebbero così essere utilizzati, sia pure con contratto a tempo determinato per la stagione, che per carenza di autisti rischia di essere una brutta vetrina per l'Italia, oltre che danneggiare migliaia di aziende Ncc per incapacità oggettiva di avere personale. Un altro tema affrontato è quello del caro carburante. Sempre Magellano ha proposto che il governo venga incontro agli Ncc per raggiungere un accordo su un carburante professionale così come esiste per gli agricoli e i marittimi e che costerebbe 1,30 centesimi al litro. Tra tutti quelli che potrebbero beneficiare di questo gasolio speciale si conterebbero tra Ncc e taxi oltre 100mila mezzi. Stessa cosa per una targa professionale che permetterebbe agli Ncc di non chiedere ogni anno, i permessi ztl di ogni Comune e che eviterebbe multe ai mezzi derivanti dai vari regolamenti che ogni Comune ha. Poi c’è il nodo del foglio di servizio, inutile quanto ormai sorpassato, che potrebbe essere benissimo se non abolito del tutto. Insomma, come per ogni settore e come promesso da questo governo, un po’ meno di burocrazia per snellire il lavoro e renderlo più adeguato ai tempi.     [post_title] => Ncc: possibili 30 mila nuovi posti di lavoro. Le richieste al governo [post_date] => 2023-01-31T12:38:35+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675168715000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "confindustria turismo rinnovo del contratto rimandato allautunno" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":53,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":703,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438730","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroporti di Roma ha siglato un accordo con i sindacati - Cgil, Cisl, Uil e Ugl del Trasporto Aereo - per la stabilizzazione degli organici operativi del gruppo. Il piano interessa 257 lavoratori ed è articolato in assunzioni a tempo indeterminato e trasformazione dei contratti di lavoro da part time a full time.\r\n\r\nDal prossimo marzo, 66 lavoratori attualmente impiegati negli scali di Fiumicino e Ciampino in attività di assistenza ai passeggeri, saranno assunti a tempo indeterminato mentre ad altri 191 addetti il contratto a tempo determinato verrà trasformato in indeterminato.\r\n\r\nQuesta intesa, che lascia spazio ad ulteriori interventi a favore del personale operativo con il consolidamento del traffico passeggeri atteso per la prossima stagione estiva, conferma il trend di incremento degli organici di Aeroporti di Roma avviato lo scorso novembre, con l’assunzione a tempo indeterminato di 90 addetti nella società del Gruppo, Adr Security. Il piano di assunzioni definito per il 2023 coinvolge esclusivamente le risorse che negli anni passati hanno lavorato nei settori operativi del Gruppo con contratti a tempo determinato.\r\n\r\n“L’accordo – ha dichiarato Marco Troncone, amministratore delegato di Aeroporti di Roma – è il frutto della proficua collaborazione con le organizzazioni sindacali e rappresenta un importante investimento nel nostro capitale umano con la stabilizzazione di 257 lavoratori. Ancora una volta, confermiamo il nostro impegno di valorizzazione delle nostre persone, protagoniste dello sviluppo sostenibile del nostro aeroporto nel segno dell’eccellenza. Un impegno, mantenuto anche durante le fasi drammatiche della pandemia in una logica di salvaguardia dei livelli occupazionali, che ha contraddistinto l’azione aziendale nel segno delle internalizzazioni, della crescita professionale e della lotta al precariato, e che ha creato negli ultimi 10 anni oltre 1.400 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato. Con il nostro piano di sviluppo, siamo determinati a proseguire e accelerare su questo percorso”.","post_title":"Adr trova l'accordo con i sindacati per i contratti a tempo indeterminato di 257 dipendenti","post_date":"2023-02-06T10:07:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675678060000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438686","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel 2022 3,8 milioni di passeggeri hanno utilizzato Malpensa Express per raggiungere lo scalo internazionale di Malpensa: a tre anni dall’inizio della pandemia, i viaggiatori del collegamento aeroportuale sono tornati ai livelli del 2019.\r\n\r\nNello scorso anno i passeggeri Malpensa Express sono tornati ai numeri pre-pandemia: i grandi eventi internazionali hanno trainato la ripresa, facendo da contrappeso al calo nel mese di gennaio, a causa di un picco pandemico.\r\nPercentuali in aumento\r\nRispetto a tre anni fa, la percentuale dei passeggeri che frequentano l’aeroporto scegliendo il treno è cresciuta: nell’intero anno è stata maggiore del 5% rispetto al 13,3% del 2019. Nel 2022, il picco è stato a novembre, quando un passeggero su cinque da e per l’aeroporto ha scelto il treno.\r\n\r\nIl 23% dei passeggeri ha utilizzato il collegamento aeroportuale per la prima volta; il 48% lo usa per i propri spostamenti da e per lo scalo più volte al mese o all’anno. Il 30% dei biglietti Malpensa Express è acquistato tramite canali digitali.\r\n\r\nMalpensa Express collega con 145 corse giornaliere Malpensa Aeroporto e la città di Milano, dalle 5 di mattina all’1 di notte.\r\n\r\nTra maggio e novembre 2022 i 14 convogli Coradia che effettuano il servizio sono stati sottoposti a un radicale rinnovo, mantenendo il colore rosso caratteristico del servizio, ma sostitueando gli arredi interni. Nelle carrozze i passeggeri trovano sedili in ecopelle, cappelliere rinnovate, pavimenti ricerati. Per il rinnovo della flotta Malpensa Express Trenord ha stanziato un investimento complessivo di 1,1 milioni di euro, circa 80mila per ogni treno\r\n\r\n ","post_title":"Trenord in forte crescita con il Malpensa Express","post_date":"2023-02-06T09:30:04+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675675804000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438694","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un treno per due: è un doppio accordo quello raggiunto tra Ferrovie dello Stato sull'intermodalità con Ita Airways da una parte e il Gruppo Lufthansa dall’altra. La società ha sottoscritto due memorandum d’intesa che mirano ad un’integrazione sempre più efficace fra aereo e treno, con un’offerta congiunta che consentirà l’acquisto in una unica soluzione di biglietti aerei e ferroviari; ma anche la futura creazione di programmi di loyalty combinati, e ulteriori servizi per i viaggiatori.\r\n\r\nNovità che giunge nei giorni clou della trattativa in esclusiva tra Lufthansa e il Mef per l’ingresso di Lufthansa nel capitale di Ita Airways con una quota iniziale del 40% di Ita Airways.\r\nI dettagli dell'intesa\r\nNel caso di Lufthansa il MoU include ma anche gli altri vettori del gruppo - Swiss, Austrian Airlines e Brussel Airlines, nonché Lufthansa CityLine, Air Dolomiti ed Eurowings Discover -.  “L'intenzione – precisa la nota del colosso tedesco - è quella di negoziare un contratto di cooperazione per il traffico feeder all'interno del territorio italiano, con l’obiettivo di creare sinergie tra le varie modalità di trasporto a beneficio dei viaggiatori. In particolare, la cooperazione prevedrà numerosi collegamenti ferroviari Fs da e per vari aeroporti italiani. La struttura esatta del programma è al vaglio di ulteriori colloqui. Qualora il contratto fosse stipulato, l'attuazione della collaborazione tra le parti sarà soggetta all'approvazione delle autorità competenti”.\r\n\r\nIta Airways sottolinea come il MoU “costituisca la base per realizzare partnership commerciali e operative destinate a sviluppare un’offerta di mobilità multimodale, che sappia rispondere in maniera efficace alle esigenze della domanda turistica e di business e realizzare un’esperienza di viaggio “end-to-end” agile e comoda, con l’obiettivo di implementare piattaforme digitali comuni.\r\n\r\nUn'intesa che per Lufthansa non è certo una novità nei suoi mercati nazionali dove da tempo esistono accordi con Deutsche Bahn, Öbb e Sbb, tra gli altri. Complessivamente, i vettori del gruppo tedesco offrono ai loro passeggeri oltre 3.000 collegamenti settimanali in treno o in bus da più di 40 città. \r\n\r\n ","post_title":"FS: doppia intesa con Ita Airways e il Gruppo Lufthansa sull'intermodalità","post_date":"2023-02-06T08:48:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1675673282000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438593","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Compagnie ha realizzato nel 2022 il suo primo utile dal 2014, anno di avvio delle operazioni: 1 milione di euro circa, su ricavi di 70 milioni di euro, il 7% in meno rispetto al 2019. Sono stati 49.000 i passeggeri trasportati nell'anno chiuso lo scorso 31 ottobre, al di sotto quindi dei 76.000 pre-Covid. Ma per l'esercizio in corso l'asticella viene alzata e si punta ad un fatturato di 100 milioni di euro, con utili in crescita.\r\n\r\nI piani di crescita includono in primis l'ampliamento della flotta: due nuovi aeromobili in arrivo, uno nella prima metà del 2024 e l'altro a inizio 2025, che andranno ad affiancarsi ai due A321neo Lr attualmente in servizio sulle rotte transatlantiche fra Europa e Stati Uniti.\r\n\r\nRotte che, \"Dopo la tanto attesa riapertura delle frontiere statunitensi l'8 novembre 2021 e l'immediata ripresa del traffico sulla rotta Parigi-New York - ha spiegato il ceo del vettore, Christian Vernet, ripreso da Air Journal - seguita a fine novembre dalla comparsa di Omicron, che ha portato a un'ulteriore stagnazione del traffico sulla rotta, dalla primavera del 2022 hanno registrato una forte accelerazione del numero di passeggeri sui nostri voli, che è proseguita fino all'autunno\".\r\n\r\nIl ceo segnala load factor medi del 75% sulla rotta storica Parigi-New York (con un picco dell'80% da maggio a settembre) come pure il lancio riuscito della Milano-New York inaugurata lo scorso aprile, e il grande successo del volo stagionale Nizza-New York, che ha registrato un load factor medio dell'85%, abbiamo chiuso l'anno fiscale 2021-2022 con un significativo risultato netto positivo, il primo dall'inizio delle nostre operazioni nel 2014\".\r\n\r\nNei piani di Vernet ci sono il consolidamento delle tre attuali rotte per New York ma anche \"l'apertura di una nuova rotta da una nuova città europea entro i prossimi due anni\". Attualmente La Compagnie opera collegamenti giornalieri tra Parigi-Orly e New York/Newark, tre voli settimanali sulla rotta stagionale Nizza-New York e quattro frequenze settimanali sulla Milano Malpensa-New York che, visti i risultati, potrebbero diventare giornaliere entro la fine del 2023.","post_title":"La Compagnie centra il suo primo utile annuale. Pronta al raddoppio della flotta","post_date":"2023-02-03T09:48:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675417692000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438589","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Investimenti per 56,5 milioni di euro nel periodo 2023-2026: questo il fulcro del contratto di programma siglato tra la Gesac, società di gestione dell'aeroporto di Napoli Capodichino ed Enac.\r\n\r\nGli interventi programmati sono in linea con quanto ad ora previsto nel Piano Nazionale degli Aeroporti fondato sulla riconciliazione ambientale, la digitalizzazione, l’innovazione tecnologica e l’intermodalità. Nel periodo di riferimento sono previsti una serie di iniziative volte all'ottimizzazione della capacità aeroportuale attraverso progetti di innovazione tecnologica quali la realizzazione di un 'infrastruttura tecnologica di base (Cute - Common User Terminal Equipment) che consentirà la gestione del flusso passeggeri contactless e digital, sino allo sviluppo di uno smarth path biometrico. Sono inoltre previsti rilevanti investimenti green come la realizzazione di un impianto fotovoltaico per l'autoproduzione di energia, utilizzo di mezzi elettrici per assistenza ai passeggeri a mobilità ridotta (PRM), riduzione del rumore aeroportuale, e altri progetti di tutela ambientale tra cui quelli a favore della biodiversità, con “mille alberi per Napoli”, quello che prevede nuove macchine eco-compattatrici, e il \"progetto Hydra\" con l’utilizzo di carburanti alternativi - Saf.","post_title":"Aeroporto Napoli, 56,5 mln di euro da qui al 2026: focus su tecnologia e sostenibilità","post_date":"2023-02-03T09:20:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675416024000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438408","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Allarme passaporti: saltano 88.000 viaggi organizzati, con una conseguenza di 158,4 milioni di euro di mancate vendite per il sistema italiano delle agenzie di viaggio. A snocciolare i dati è Vamonos-Vacanze.it, il tour operator italiano specializzato in vacanze di gruppo, che ha commissionato un approfondimento all’Istituto di Ricerca IRCM.\r\nNove viaggiatori su 10 hanno visto lievitare a 5 settimane ed oltre (92% del campione intervistato) il tempo necessario per ottenere un appuntamento per il rilascio del passaporto.\r\nE così sono saltati in media 10 viaggi per ciascuna agenzia, ad un prezzo medio —trattandosi di viaggi fuori dall’Ue — di 1.800 euro a viaggio. Complessivamente quindi ciascuna agenzia ha accusato mediamente 18 mila euro di vendite non effettuate.\r\n«Ma per le grandi ota  il danno è stato maggiore: la media è di 50 viaggi in fumo per circa 90 mila euro di vendite non effettuate per ciascun operatore» sottolinea Emma Lenoci, ideatrice e ceo della piattaforma Vamonos-Vacanze.it.\r\nComplessivamente a causa della burocrazia sono quindi andati in fumo 158,4 milioni di euro. Gli Uffici Passaporto delle Questure non si aspettavano di ricevere un numero così elevato di richieste.\r\n«D’altra parte è anche vero che molti viaggiatori “pigri” durante il Covid hanno preferito rimandare il rinnovo del loro passaporto e le pratiche si sono accumulate negli ultimi due anni. A complicare ulteriormente le cose, poi, anche l’uscita dall’Unione Europea del Regno Unito, meta frequentatissima dagli italiani che però dopo la Brexit non possono più intraprendere questo breve viaggio con la sola carta di identità» commenta Lenoci.\r\n \r\n \r\n \r\n \r\n \r\n\r\n ","post_title":"Quasi 90 mila viaggi saltati a causa dei ritardi burocratici sui passaporti","post_date":"2023-02-01T10:22:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1675246962000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438365","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il ministero del turismo ha comunicato i termini di apertura e chiusura dello sportello per accedere ai finanziamenti del fondo rotativo delle imprese turistiche. Le imprese interessate potranno presentare domanda dal 1° marzo 2023 al 31 marzo 2023.\r\nDal sito di Invitalia è già possibile scaricare la documentazione necessaria. Gli investimenti potranno riguardare programmi di riqualificazione energetica e antisismica, eliminazione di barriere architettoniche, manutenzione straordinaria e digitalizzazione, piscine termali, acquisto e rinnovo arredi.\r\nLe risorse disponibili per i contributi a fondo perduto sono pari a 180 mln per il periodo 2022 - 2025.  Possono richiedere l'incentivo tutte le aziende del comparto turistico, in particolare le imprese alberghiere che gestiscono un' attività ricettiva su immobili di terzi o che siano proprietari di immobili nei quali viene svolta attività ricettiva.\r\nQuesta opportunità è particolarmente indicata per le catene alberghiere con hotel nelle regioni del Mezzogiorno per via del contributo a fondo perduto e per il fatto che l'incentivo è erogato secondo il regolamento GBER che non pone i massimali del de minimis o del quadro temporaneo.\r\n\r\nL'incentivo è un contributo a fondo perduto e un finanziamento agevolato per progetti compresi tra  500.000 euro e  10 milioni di euro di spese ammissibili.\r\nLe principali spese ammissibili sono macchinari, impianti e attrezzature  - ammissibili per il 100% del loro valore - mentre fabbricati, opere murarie per il 50%.\r\n\r\nSarà possibile presentare domanda dal 1° marzo 2023 e sino al 31 marzo 2023, salvo esaurimento anticipato delle risorse. Le domande saranno valutate sulla base dell'ordine di presentazione. Le agevolazioni saranno erogate per stati di avanzamento lavori (SAL) per un massimo di 2, più l’ultimo a saldo.\r\n\r\nTutte le informazioni aggiornate e l'elenco delle banche aderenti sono presenti sul sito di Invitalia. Gli incentivi saranno assicurati da un mix di contributo diretto alla spesa, finanziamento agevolato di Cassa Depositi e Prestiti e finanziamento bancario di pari importo e durata. I progetti devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2025.\r\n \r\n ","post_title":"Ministero del turismo: i termini per ottenere il credito rotativo","post_date":"2023-02-01T10:02:43+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675245763000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438393","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Notizie da Ita Airways. Il brand Alitalia potrebbe tornare a volare: una volta siglato l'ingresso di Lufthansa nella compagine del vettore italiano, una volta avviato il piano di rilancio e quando finalmente Ita inizierà a fare utili. Il ritorno del marchio storico sarebbe in effetti nel piano che sta prendendo forma e verrebbe riservato ai soli voli intercontinentali della compagnia aerea, che manterrebbe quindi la livrea azzurra sui collegamenti domestici ed europei. \r\nL'indiscrezione - nulla è stato ancora deciso - viene riportata oggi da Il Corriere della Sera, a seguito dell'incontro che si è svolto ieri tra i sindacati e l'ad di Ita Airways Fabio Lazzerini: incontro che vede rimanere in stallo la vertenza sull'aumento delle retribuzioni dei dipendenti del vettore. La compagnia aerea, in realtà, ammette che un cambiamento sarebbe necessario, ma spiega però che serviranno dei \"passaggi interni\" - anche con l'azionista unico, il ministero dell'Economia - per decidere quando concedere i ritocchi salariali e in quale misura.\r\nContratto preliminare\r\nLa tabella di marcia della trattativa in esclusiva con i tedeschi avviata lo scorso 27 gennaio, punterebbe alla metà di marzo per la sigla del contratto preliminare tra il Mef e Lufthansa: spetterà poi all’Antitrust europeo dare il via libera in un arco di tempo di almeno 40 giorni se nessun altro soggetto presenterà obiezioni. Qualora ci fossero richieste di revisione da parte dei competitor la tempistica potrebbe allungarsi di qualche mese, per arrivare al closing non prima di fine luglio, inizio agosto.","post_title":"Ita Airways: il brand Alitalia potrebbe tornare a volare, sul lungo raggio","post_date":"2023-02-01T09:59:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1675245551000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438336","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il mondo degli Ncc si è riunito a Bologna. Sabato scorso i più importanti imprenditori d’Italia di noleggio con conducente hanno tenuto a Bologna, il loro primo congresso annuale da quando si sono riuniti nella SuperRete, il network nazionale nato nel settembre 2019 a Firenze, che accorpa oggi oltre 300 aziende sparse su tutto il territorio nazionale, per un volume d’affari di oltre 200 milioni di euro.\r\n\r\nNon esistono quote da pagare, si entra su presentazione e si partecipa alla vita del network in piena libertà. È una rete d'imprese, priva di vincoli statutari e regolamentari, che consente liberamente la creazione di contatti professionali fra gli aderenti, dove l’unico \"contratto\" è la parola data, seguita da una mail o da un messaggio whatsapp.\r\n\r\nLa cosa interessante è che si sono seduti allo stesso tavolo imprenditori titolari di microaziende con uno o due mezzi Ncc che magari non arrivano a 100 mila euro all’anno di fatturato, e grandi imprese con flotte dai 100 ai 150 mezzi per un fatturato oltre i 7milioni.\r\n\r\nIl presidente Cna Ncc, titolare di azienda Ncc con flotta ad Ancona, aderente al network della SuperRete, Simone Magellano, ha spostato l’attenzione sul nodo della legge attuale per un autista che deve essere assunto, che deve avere necessariamente sia la patente kb che l’iscrizione a ruolo della provincia di riferimento.\r\n\r\n«Ma se, in emergenza, agli imprenditori venisse data la possibilità di assumere senza l’obbligatorietà attuale per il dipendente dell’iscrizione a ruolo, solo con il kb, i numeri parlerebbero di un potenziale di 30 mila dipendenti assunti – dice Magellano –. L’argomento è discutibile, ma caldo nell'interesse di chi vorrebbe assumere e non può farlo per i tempi lunghi del ruolo. Da diversi colleghi con dipendenti ci sarebbe voglia di risolvere questa emergenza perché è sicuro che questa stagione sarà più pesante di quella passata».\r\n\r\nIl presidente Magellano ha annunciato un colloquio che avrà con il ministero dei trasporti, nella direzione di ottenere una deroga temporanea. Gli autisti dipendenti potrebbero così essere utilizzati, sia pure con contratto a tempo determinato per la stagione, che per carenza di autisti rischia di essere una brutta vetrina per l'Italia, oltre che danneggiare migliaia di aziende Ncc per incapacità oggettiva di avere personale.\r\n\r\nUn altro tema affrontato è quello del caro carburante. Sempre Magellano ha proposto che il governo venga incontro agli Ncc per raggiungere un accordo su un carburante professionale così come esiste per gli agricoli e i marittimi e che costerebbe 1,30 centesimi al litro. Tra tutti quelli che potrebbero beneficiare di questo gasolio speciale si conterebbero tra Ncc e taxi oltre 100mila mezzi.\r\n\r\nStessa cosa per una targa professionale che permetterebbe agli Ncc di non chiedere ogni anno, i permessi ztl di ogni Comune e che eviterebbe multe ai mezzi derivanti dai vari regolamenti che ogni Comune ha.\r\n\r\nPoi c’è il nodo del foglio di servizio, inutile quanto ormai sorpassato, che potrebbe essere benissimo se non abolito del tutto. Insomma, come per ogni settore e come promesso da questo governo, un po’ meno di burocrazia per snellire il lavoro e renderlo più adeguato ai tempi.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ncc: possibili 30 mila nuovi posti di lavoro. Le richieste al governo","post_date":"2023-01-31T12:38:35+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1675168715000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti