29 January 2023

Boccato (HNH) al ministro Garavaglia: «Al turismo serve altro»

[ 1 ]

Luca Boccato ceo di HNH Hospitality

Di fronte alla proposta del ministro Garavaglia di lasciare parte del reddito di cittadinanza a chi accetta un lavoro stagionale, il ceo di HNH Hospitality Luca Boccato ha dato una risposta che ci sembra molto intelligente e di buon senso, postandola su Linkedin.

La riportiamo integralmente perché è indicativa di un modo giusto di intendere il lavoro, la stagione, e lo sviluppo:

«Veramente pensiamo che per il rilancio del turismo italiano serva occupare chi sta a casa (o lavora in nero) percependo il reddito di cittadinanza?

Veramente usciamo con queste proposte il 9 giugno, a stagione turistica ormai inoltrata?

Regole per l’estate

Al turismo serve altro. Decidiamo oggi, entro i prossimi 90 giorni, quali saranno le regole per l’estate 2023. Non lavoriamo in emergenze. Programmiamo. Il governo faccia la sua parte, favorendo attraverso incentivi la formazione ed il collocamento. Mancano le risorse qualificate, non la manodopera a basso costo. Anche il nostro settore dovrà fare la sua parte. Cominciamo dai contratti collettivi, alzando i salari, in cambio di elementi di flessibilità, per favorire l’emersione ed aumentare la nostra capacità di attrazione come settore.

Ognuno faccia la propria parte, evitando le sparate e assumendoci, ognuno, la propria responsabilità».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' la linea dei Firmati il prodotto più richiesto di Utat Viaggi su Usa e Canada, di cui è da poco uscito il catalogo online. "Si tratta di viaggi speciali ed esclusivi con un numero massimo di 20/25 partecipanti, che vengono accompagnati dal product manager della destinazione, a sua volta affiancato da una guida locale – spiega la pm, Arianna Pradella -. È una formula studiata nei dettagli e totalmente immersiva, con una ottimizzazione di tempi e contenuti. Permette anche di scongiurare gli incrementi dei prezzi, visto che gli allotment voli vengono bloccati un anno prima, a tariffe agevolate". Oltre ai Firmati Utat, il catalogo contiene inoltre una cinquantina di itinerari con partenza garantita di gruppo e guida parlante italiano, nonché una settantina di viaggi allo stesso tempo classici e innovativi in formula fly & drive. Il tutto senza dimenticare i soggiorni nei ranch e il glamping. "Le vendite sono partite molto bene già dallo scorso dicembre, in anticipo rispetto al timing tradizionale, che vede l'inizio delle prenotazioni solitamente a gennaio con una progressiva intensificazione a febbraio e a marzo – aggiunge Arianna Pradella -. Credo che questo sia dovuto soprattutto ai notevoli rincari delle tariffe aeree: chi può farlo, si porta avanti. È ciò che noi consigliamo a tutti". [post_title] => Parte bene il prodotto Usa e Canada di Utat. Sugli scudi la linea dei Firmati [post_date] => 2023-01-26T12:26:40+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674736000000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437989 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437990" align="alignleft" width="300"] Edmund Bartlett ministro del turismo jamaicano[/caption] I crescenti legami tra Jamaica e Sierra Leone segnalano un bisogno da parte di entrambi i paesi di ingrandire i propri bacini d’utenza turistica oltre che alle regioni più tradizionali. E il momento perfetto per buttare reti più grandi, poiché le regioni caraibiche e africane stanno rinnovando e riconfigurando i propri settori turistici a seguito delle massicce interruzioni dovute al Covid-19. La Sierra Leone ha legami storici molto importanti con il Nord America, la popolazione ha molti legami familiari negli Stati Uniti, dove sono note le attrazioni Jamaicane e Caraibiche. Edmund Bartlett ministro del turismo jamaicano afferma : "Con la forte associazione storica e culturale tra Jiamaica e Sierra Leone, è strategico collaborare e rafforzare la nostra cooperazione turistica" e aggiunge : "Entrambi i paesi hanno molto da offrire nel turismo e possiamo capitalizzare su questo per costruire nuove esperienze per i nostri visitatori" Il ministro del turismo Sierraleonense Memunatu Pratt ha recentemente discusso di molti temi con il ministro Bartlett, parlando di connettività aerea, formazione e sviluppo, attività di marketing e promozionali, scambi culturali, diversificazione turistica, crescita e resilienza. Oltre al turismo, la cooperazione Sud-Sud di tecnologia e innovazione dovrebbe essere utile per entrambi gli stati, dato che il dinamismi dell'innovazione africana sta iniziando interessare l'attenzione dei paesi più ricchi dell'occidente. L'operazione di resilienza della Jamaica, insieme a tutti gli stati caraibici, andrá a beneficio di tutte le economie nascenti africane, che si muovono verso l'indipendenza economica. La crescita sostenibile nel turismo e in altri settori dipende fortemente dalla resilienza e dallo spazio fornito per l'innovazione e per lo sviluppo incentrato sulla comunità. "La pandemia è stata l'esempio più tangibile della vulnerabilità del turismo, quindi una delle principali aree di interesse sarà la resilienza e la costruzione della resilienza per garantire il futuro del settore. È fondamentale costruire la capacità nel turismo di resistere e recuperare e tornare più forti per i prossime interruzioni che potremmo incontrare". commenta il ministro Barlett. Entrambi i ministri parteciperanno alla prossima Global Tourism Resilience Conference a Kingston presso la sede regionale dell'Università West Indies' dal 15 al 17 di febbraio 2023. Ulteriori discussioni per finalizzare un memorandum d'intesa tra i due paesi si terranno a margine dell'incontro sul turismo. [post_title] => Intesa per il turismo fra la Jamaica e la Sierra Leone [post_date] => 2023-01-26T11:16:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674731803000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437979 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce l'appeal della formula Buy now pay later. A dimostrarlo anche una recente case-history del tour operator online Alla Tours, che nel 2022, nel solco della ripresa generale del turismo, ha registrato un incremento del 43% di pratiche di nuovi clienti rispetto al 2021, crescita su cui Scalapay, società specializzata nella rateizzazione dei pagamenti, ha inciso per il 20%. La penetration media di Scalapay, sul totale delle prenotazioni, si attesta inoltre al 12% con un picco nei mesi di giugno e agosto. La pratica media è aumentata del 9% e, nell’80% dei casi, Scalapay è stato utilizzato sul saldo della vacanza: gli utenti hanno in altre parole bloccato la prenotazione pagando un piccolo acconto all’inizio, pari al 10% del costo del soggiorno. La prima rata è stata addebitata al momento del saldo, le successive due con cadenza mensile. Per quanto riguarda il target, l’80% degli ordini effettuati con Scalapay ha visto protagonista la fascia di età 35-54 anni, seguito al 12% dai clienti compresi in quella 25-34, mentre più distaccato al 6% si attesta il segmento 55-64. “Con la possibilità di dilazionare il pagamento, i clienti hanno scelto soluzioni di fascia più alta, quali, per esempio, camere di categoria superior, con un conseguente aumento dello scontrino medio - spiega il ceo di All Tours, Ciro Di Maso -.  Scalapay si è rivelato uno strumento di marketing molto incisivo: abbiamo riscontrato un incremento di conversione al sito pari al +15% e abbiamo dimezzato le percentuali di carrelli abbondonati. Lo scontrino medio è passato da 1.890 a 2.030 euro”. [post_title] => Case-history All Tours - Scalapay: il Buy now pay later dimezza i carrelli abbandonati [post_date] => 2023-01-26T10:27:36+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674728856000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437899 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Guiness Travel riparte da due delle destinazioni che hanno riscosso più successo nella scorsa stagione e apre le vendite 2023-23 su Turchia e Portogallo. Sono cinque in particolare gli itinerari dedicati al Paese euro-asiatico, con un totale di 55 partenze dispiegate durante tutto l’anno e che intercettano i ponti e le festività del 2023. Da segnalare il nuovo tour Il meglio della Turchia Prestige, con inizio delle visite a Izmir, proseguimento per la Cappadocia e infine arrivo a Istanbul. La capitale storica e culturale del paese è al centro della variegata proposta del to., con servizi 5 stelle, pensione completa, un articolato pacchetto di visite diurne e by night esclusivi. In tutti gli itinerari i gruppi saranno accompagnati da una guida itinerante parlante italiano. Da non perdere anche, per gli amanti dell’arte e dell’archeologia, il Gran Tour Turchia Orientale Prestige di 13 giorni caratterizzato dalla scelta di privilegiare le realtà locali, attraverso l’organizzazione di degustazioni e di pranzi presso famiglie di contadini turchi. La programmazione sul Portogallo prevede invece otto itinerari con 75 partenze. Dal nord al sud della terra lusitana si potranno ammirare i tesori d’arte e di cultura, i villaggi nell’entroterra e quelli sul mare, con visite a tema enogastronomico selezionate nel ricco patrimonio delle tradizioni locali. La capitale Lisbona è oggetto di un secondo nuovo itinerario di cinque giorni, Lisbona à la carte, con hotel 5 stelle e un ricco programma di escursioni diurne e serali. Porto e i suoi dintorni nel Nord, il fascino incontaminato dell’Alentejo e dell’Algarve completano quindi il mosaico dell’offerta sul Portogallo, che include anche gli arcipelaghi di Madeira e delle Azzorre. Come in tutti gli itinerari Guiness, ogni partenza prevede l’accompagnatore sempre al seguito in partenza dall’Italia e una selezione di serviziin ogni fase del viaggio. Per incentivare l’early booking, Guiness Travel mette infine in campo una campagna scontistica dedicata: il Prenota Prima. Riproposta a grande richiesta, garantisce il prezzo bloccato senza nessun adeguamento valutario e tutta una serie di riduzioni legate al tipo di destinazione scelta. [post_title] => Guiness Travel: aperte le vendite 2023-24 su Turchia e Portogallo. Attivo il Prenota Prima [post_date] => 2023-01-25T10:33:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674642813000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437346 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Forse ci siamo (trattandosi di multinazionali americane, il forse è d'obbligo). Da gennaio 2023 arrivano novità per la tassazione di affitti brevi sulle piattaforme online. Scatta l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate i codici fiscali dei locatori, i redditi percepiti e i dati catastali degli immobili messi in affitto. In casa di mancata comunicazione c’è il rischio per le piattaforme, come Airbnb, di essere bloccate. L’Italia può anche richiedere le ritenute d’acconto. La Corte UE ha dato quindi parzialmente ragione allo Stato italiano e torto a Airbnb ritenendo legittima la legge sulle locazioni brevi introdotta nel 2017. Sostituto d'imposta E dunque anche Airbnb dovrà agire da sostituto di imposta. Trattenendo il 21% di ritenuta d’acconto da versare poi direttamente allo Stato. È la conseguenza della direttiva n. 2021/514/Ue (Dac 7) che ha previsto un regime di cooperazione amministrativa nel settore fiscale e di scambio automatico di informazioni tra Stati e gestori di piattaforme digitali per contrastare in modo significativo l’evasione fiscale. Vedremo cosa succederà. Non sono molto fiducioso, ma le cose delle volte sorprendono. [post_title] => Da gennaio la stretta su Airbnb e simili. Vediamo cosa succede [post_date] => 2023-01-16T11:40:16+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673869216000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437271 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Boeing 737 Max è tornato nei cieli della Cina con un volo passeggeri, dopo uno stop di ben quattro anni. Il modello più venduto di Boeing, bloccato a marzo 2019 dopo i gravissimi incidenti in Indonesia ed Etiopia, ha fatto il suo ritorno oggi nella flotta di China Southern Airlines con un volo domestico da Guangzhou a Zhengzhou. I Max avevano ripreso servizio in tutto il mondo a partire dalla fine del 2020 dopo le modifiche apportate all'aereo e alla formazione dei piloti. La Cina è dunque l'ultimo grande mercato ad aver ripreso a volare con il Max a causa delle continue tensioni commerciali con gli Stati Uniti, e il ritorno avviene in concomitanza con la ripresa della domanda di viaggi interni dopo l'abbandono delle politiche zero-Covid. Le compagnie aeree straniere hanno iniziato a far volare il Max in Cina nell'ottobre 2022, segno che il primo paese a mettere a terra il modello dopo gli incidenti stava rivedendo le sue politiche.   [post_title] => Il Boeing 737 Max torna a volare nei cieli cinesi dopo 4 anni con China Southern Airlines [post_date] => 2023-01-13T10:48:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673606881000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437218 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Thailandia si appresta a introdurre, dal prossimo giugno e previa approvazione governativa, una nuova tassa di 300 bath (poco più di 8 euro) per i turisti stranieri che entrano nel Paese. Secondo quando spiegato dal Ministro del Turismo e dello Sport, Phiphat Ratchakitprakarn, ripreso dal Bangkok Post, l'importo raccolto sarà utilizzato per un ulteriore sviluppo delle destinazioni turistiche nonché per il supporto a eventuali spese mediche dei visitatori coinvolti in incidenti. "Le tasse non saranno applicate agli stranieri con permessi di lavoro e lasciapassare di frontiera", ha precisato Ratchakitrakparn, aggiungendo che il Paese si aspetta circa 25 milioni di arrivi turistici quest'anno, rispetto agli 11,8 milioni dell'anno scorso; nel 2019 i visitatori avevano raggiunto la cifra record di 40 milioni, di cui oltre 11 milioni provenienti dalla Cina. L'industria turistica rappresenta un settore cruciale per la Thailandia e contribuiva a circa il 12% del prodotto interno lordo del Paese, prima della pandemia. Si prevede che la spesa turistica raggiungerà almeno 2,38 trilioni di baht quest'anno, ha dichiarato Phiphat.  [post_title] => Thailandia: in vigore dal prossimo giugno la tassa turistica per i visitatori stranieri [post_date] => 2023-01-12T13:15:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673529350000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437143 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è aperto  il tavolo tra il ministro del turismo Daniela Santanchè e i rappresentanti delle regioni del centro Italia per discutere sulla situazione dell'Appennino, quest'anno quasi senza neve.  "Abbiamo analizzato quale è la situazione e quali sono i loro bisogni, ci siamo concentrati per adesso su 4 misure per far sì che le risorse vengano date il più presto possibile” ha detto il ministro. Al tavolo hanno partecipato anche gli operatori del settore turistico appenninico, dagli albergatori ai maestri di sci, ai gestori degli impianti di risalita.  I fondi Il governo ha intenzione di intervenire tempestivamente con fondi per risollevare l'intero comparto del turismo dell'Appennino, colpito dalle temperature anomale di questa stagione. "Abbiamo un fondo del ministero per poter finanziare investimenti per gli impianti di risalita e sull’innevamento, e abbiamo deciso che possiamo ristornare gli investimenti che hanno fatto nel 2022 e quindi poter dare subito loro questi denari che sono stati investiti in modo da dare risorse fresche e non peggiorare la loro situazione”, ha dichiarato la Santanchè, che ha poi fatto riferimento anche alla possibilità di "liberare fondi covid che alcune regioni hanno in pancia ma che non possono essere utilizzate per altre finalità" dichiarandosi ottimista sulla possibilità di riuscire a realizzarla rapidamente. "Daremo risposte in breve tempo, entro 2-3 settimane, perché il tempo è una categoria fondamentale e perderlo vuol dire far chiudere le aziende e far perdere posti di lavoro", ha concluso il ministro. [post_title] => Appennino senza neve. Il governo promette i fondi fra 2-3 settimane [post_date] => 2023-01-12T09:45:20+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673516720000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono attualmente bloccati a terra tutti i voli negli aeroporti degli Stati Uniti. Un malfunzionamento di un sistema di notifica dei piloti operato dalla Federal Aviation Administration - Faa - ha costretto a fermare tutti i voli, con possibili conseguenze per il trasporto aereo mondiale. Una situazione mai verificatasi fino ad oggi. Secondo quanto riportato dai media Usa, Nbc in primis, la Faa ha confermato di essere al lavoro per ripristinare il proprio sistema Notam (Notam to Air Missions), che avvisa i piloti di potenziali pericoli lungo le rotte di volo, il cui malfunzionamento ha costretto alla sospensione delle attività di volo. Attualmente i ritardi riguardano già 7.076 voli, di cui 1.230 in entrata o in uscita dagli Stati Uniti. Complessivamente i voli cancellati sono 1.354, di cui 99 in entrata e in uscita dagli Usa. La Faa ha dichiarato che "sta lavorando per ripristinare il suo sistema di avviso. Stiamo eseguendo i controlli di convalida finali e ricaricando il sistema che interessa l'intero spazio aereo nazionale".  Complessivamente, come riportato dai dati Cirium, nella giornata di oggi, 11 gennaio, sono programmati oltre 21.000 voli in partenza dagli aeroporti statunitensi.   [post_title] => Stati Uniti: la Faa blocca tutti i voli a causa di un guasto informatico [post_date] => 2023-01-11T13:24:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673443448000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "boccato hnh al ministro garavaglia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":82,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":462,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437993","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' la linea dei Firmati il prodotto più richiesto di Utat Viaggi su Usa e Canada, di cui è da poco uscito il catalogo online. \"Si tratta di viaggi speciali ed esclusivi con un numero massimo di 20/25 partecipanti, che vengono accompagnati dal product manager della destinazione, a sua volta affiancato da una guida locale – spiega la pm, Arianna Pradella -. È una formula studiata nei dettagli e totalmente immersiva, con una ottimizzazione di tempi e contenuti. Permette anche di scongiurare gli incrementi dei prezzi, visto che gli allotment voli vengono bloccati un anno prima, a tariffe agevolate\".\r\n\r\nOltre ai Firmati Utat, il catalogo contiene inoltre una cinquantina di itinerari con partenza garantita di gruppo e guida parlante italiano, nonché una settantina di viaggi allo stesso tempo classici e innovativi in formula fly & drive. Il tutto senza dimenticare i soggiorni nei ranch e il glamping. \"Le vendite sono partite molto bene già dallo scorso dicembre, in anticipo rispetto al timing tradizionale, che vede l'inizio delle prenotazioni solitamente a gennaio con una progressiva intensificazione a febbraio e a marzo – aggiunge Arianna Pradella -. Credo che questo sia dovuto soprattutto ai notevoli rincari delle tariffe aeree: chi può farlo, si porta avanti. È ciò che noi consigliamo a tutti\".","post_title":"Parte bene il prodotto Usa e Canada di Utat. Sugli scudi la linea dei Firmati","post_date":"2023-01-26T12:26:40+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674736000000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437989","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437990\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Edmund Bartlett ministro del turismo jamaicano[/caption]\r\n\r\nI crescenti legami tra Jamaica e Sierra Leone segnalano un bisogno da parte di entrambi i paesi di ingrandire i propri bacini d’utenza turistica oltre che alle regioni più tradizionali.\r\n\r\nE il momento perfetto per buttare reti più grandi, poiché le regioni caraibiche e africane stanno rinnovando e riconfigurando i propri settori turistici a seguito delle massicce interruzioni dovute al Covid-19.\r\n\r\nLa Sierra Leone ha legami storici molto importanti con il Nord America, la popolazione ha molti legami familiari negli Stati Uniti, dove sono note le attrazioni Jamaicane e Caraibiche.\r\n\r\nEdmund Bartlett ministro del turismo jamaicano afferma : \"Con la forte associazione storica e culturale tra Jiamaica e Sierra Leone, è strategico collaborare e rafforzare la nostra cooperazione turistica\" e aggiunge : \"Entrambi i paesi hanno molto da offrire nel turismo e possiamo capitalizzare su questo per costruire nuove esperienze per i nostri visitatori\"\r\n\r\nIl ministro del turismo Sierraleonense Memunatu Pratt ha recentemente discusso di molti temi con il ministro Bartlett, parlando di connettività aerea, formazione e sviluppo, attività di marketing e promozionali, scambi culturali, diversificazione turistica, crescita e resilienza.\r\n\r\nOltre al turismo, la cooperazione Sud-Sud di tecnologia e innovazione dovrebbe essere utile per entrambi gli stati, dato che il dinamismi dell'innovazione africana sta iniziando interessare l'attenzione dei paesi più ricchi dell'occidente.\r\n\r\nL'operazione di resilienza della Jamaica, insieme a tutti gli stati caraibici, andrá a beneficio di tutte le economie nascenti africane, che si muovono verso l'indipendenza economica. La crescita sostenibile nel turismo e in altri settori dipende fortemente dalla resilienza e dallo spazio fornito per l'innovazione e per lo sviluppo incentrato sulla comunità.\r\n\r\n\"La pandemia è stata l'esempio più tangibile della vulnerabilità del turismo, quindi una delle principali aree di interesse sarà la resilienza e la costruzione della resilienza per garantire il futuro del settore. È fondamentale costruire la capacità nel turismo di resistere e recuperare e tornare più forti per i prossime interruzioni che potremmo incontrare\". commenta il ministro Barlett.\r\n\r\nEntrambi i ministri parteciperanno alla prossima Global Tourism Resilience Conference a Kingston presso la sede regionale dell'Università West Indies' dal 15 al 17 di febbraio 2023.\r\n\r\nUlteriori discussioni per finalizzare un memorandum d'intesa tra i due paesi si terranno a margine dell'incontro sul turismo.","post_title":"Intesa per il turismo fra la Jamaica e la Sierra Leone","post_date":"2023-01-26T11:16:43+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674731803000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437979","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce l'appeal della formula Buy now pay later. A dimostrarlo anche una recente case-history del tour operator online Alla Tours, che nel 2022, nel solco della ripresa generale del turismo, ha registrato un incremento del 43% di pratiche di nuovi clienti rispetto al 2021, crescita su cui Scalapay, società specializzata nella rateizzazione dei pagamenti, ha inciso per il 20%.\r\n\r\nLa penetration media di Scalapay, sul totale delle prenotazioni, si attesta inoltre al 12% con un picco nei mesi di giugno e agosto. La pratica media è aumentata del 9% e, nell’80% dei casi, Scalapay è stato utilizzato sul saldo della vacanza: gli utenti hanno in altre parole bloccato la prenotazione pagando un piccolo acconto all’inizio, pari al 10% del costo del soggiorno. La prima rata è stata addebitata al momento del saldo, le successive due con cadenza mensile. Per quanto riguarda il target, l’80% degli ordini effettuati con Scalapay ha visto protagonista la fascia di età 35-54 anni, seguito al 12% dai clienti compresi in quella 25-34, mentre più distaccato al 6% si attesta il segmento 55-64.\r\n\r\n“Con la possibilità di dilazionare il pagamento, i clienti hanno scelto soluzioni di fascia più alta, quali, per esempio, camere di categoria superior, con un conseguente aumento dello scontrino medio - spiega il ceo di All Tours, Ciro Di Maso -.  Scalapay si è rivelato uno strumento di marketing molto incisivo: abbiamo riscontrato un incremento di conversione al sito pari al +15% e abbiamo dimezzato le percentuali di carrelli abbondonati. Lo scontrino medio è passato da 1.890 a 2.030 euro”.","post_title":"Case-history All Tours - Scalapay: il Buy now pay later dimezza i carrelli abbandonati","post_date":"2023-01-26T10:27:36+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1674728856000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437899","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Guiness Travel riparte da due delle destinazioni che hanno riscosso più successo nella scorsa stagione e apre le vendite 2023-23 su Turchia e Portogallo. Sono cinque in particolare gli itinerari dedicati al Paese euro-asiatico, con un totale di 55 partenze dispiegate durante tutto l’anno e che intercettano i ponti e le festività del 2023. Da segnalare il nuovo tour Il meglio della Turchia Prestige, con inizio delle visite a Izmir, proseguimento per la Cappadocia e infine arrivo a Istanbul. La capitale storica e culturale del paese è al centro della variegata proposta del to., con servizi 5 stelle, pensione completa, un articolato pacchetto di visite diurne e by night esclusivi. In tutti gli itinerari i gruppi saranno accompagnati da una guida itinerante parlante italiano. Da non perdere anche, per gli amanti dell’arte e dell’archeologia, il Gran Tour Turchia Orientale Prestige di 13 giorni caratterizzato dalla scelta di privilegiare le realtà locali, attraverso l’organizzazione di degustazioni e di pranzi presso famiglie di contadini turchi.\r\n\r\nLa programmazione sul Portogallo prevede invece otto itinerari con 75 partenze. Dal nord al sud della terra lusitana si potranno ammirare i tesori d’arte e di cultura, i villaggi nell’entroterra e quelli sul mare, con visite a tema enogastronomico selezionate nel ricco patrimonio delle tradizioni locali. La capitale Lisbona è oggetto di un secondo nuovo itinerario di cinque giorni, Lisbona à la carte, con hotel 5 stelle e un ricco programma di escursioni diurne e serali. Porto e i suoi dintorni nel Nord, il fascino incontaminato dell’Alentejo e dell’Algarve completano quindi il mosaico dell’offerta sul Portogallo, che include anche gli arcipelaghi di Madeira e delle Azzorre. Come in tutti gli itinerari Guiness, ogni partenza prevede l’accompagnatore sempre al seguito in partenza dall’Italia e una selezione di serviziin ogni fase del viaggio.\r\n\r\nPer incentivare l’early booking, Guiness Travel mette infine in campo una campagna scontistica dedicata: il Prenota Prima. Riproposta a grande richiesta, garantisce il prezzo bloccato senza nessun adeguamento valutario e tutta una serie di riduzioni legate al tipo di destinazione scelta.","post_title":"Guiness Travel: aperte le vendite 2023-24 su Turchia e Portogallo. Attivo il Prenota Prima","post_date":"2023-01-25T10:33:33+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674642813000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437346","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Forse ci siamo (trattandosi di multinazionali americane, il forse è d'obbligo). Da gennaio 2023 arrivano novità per la tassazione di affitti brevi sulle piattaforme online. Scatta l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate i codici fiscali dei locatori, i redditi percepiti e i dati catastali degli immobili messi in affitto. In casa di mancata comunicazione c’è il rischio per le piattaforme, come Airbnb, di essere bloccate.\r\n\r\nL’Italia può anche richiedere le ritenute d’acconto. La Corte UE ha dato quindi parzialmente ragione allo Stato italiano e torto a Airbnb ritenendo legittima la legge sulle locazioni brevi introdotta nel 2017.\r\nSostituto d'imposta\r\nE dunque anche Airbnb dovrà agire da sostituto di imposta. Trattenendo il 21% di ritenuta d’acconto da versare poi direttamente allo Stato.\r\n\r\nÈ la conseguenza della direttiva n. 2021/514/Ue (Dac 7) che ha previsto un regime di cooperazione amministrativa nel settore fiscale e di scambio automatico di informazioni tra Stati e gestori di piattaforme digitali per contrastare in modo significativo l’evasione fiscale.\r\n\r\nVedremo cosa succederà. Non sono molto fiducioso, ma le cose delle volte sorprendono.","post_title":"Da gennaio la stretta su Airbnb e simili. Vediamo cosa succede","post_date":"2023-01-16T11:40:16+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1673869216000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437271","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Boeing 737 Max è tornato nei cieli della Cina con un volo passeggeri, dopo uno stop di ben quattro anni. Il modello più venduto di Boeing, bloccato a marzo 2019 dopo i gravissimi incidenti in Indonesia ed Etiopia, ha fatto il suo ritorno oggi nella flotta di China Southern Airlines con un volo domestico da Guangzhou a Zhengzhou.\r\n\r\nI Max avevano ripreso servizio in tutto il mondo a partire dalla fine del 2020 dopo le modifiche apportate all'aereo e alla formazione dei piloti.\r\n\r\nLa Cina è dunque l'ultimo grande mercato ad aver ripreso a volare con il Max a causa delle continue tensioni commerciali con gli Stati Uniti, e il ritorno avviene in concomitanza con la ripresa della domanda di viaggi interni dopo l'abbandono delle politiche zero-Covid. Le compagnie aeree straniere hanno iniziato a far volare il Max in Cina nell'ottobre 2022, segno che il primo paese a mettere a terra il modello dopo gli incidenti stava rivedendo le sue politiche.\r\n\r\n ","post_title":"Il Boeing 737 Max torna a volare nei cieli cinesi dopo 4 anni con China Southern Airlines","post_date":"2023-01-13T10:48:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673606881000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437218","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Thailandia si appresta a introdurre, dal prossimo giugno e previa approvazione governativa, una nuova tassa di 300 bath (poco più di 8 euro) per i turisti stranieri che entrano nel Paese. Secondo quando spiegato dal Ministro del Turismo e dello Sport, Phiphat Ratchakitprakarn, ripreso dal Bangkok Post, l'importo raccolto sarà utilizzato per un ulteriore sviluppo delle destinazioni turistiche nonché per il supporto a eventuali spese mediche dei visitatori coinvolti in incidenti.\r\n\r\n\"Le tasse non saranno applicate agli stranieri con permessi di lavoro e lasciapassare di frontiera\", ha precisato Ratchakitrakparn, aggiungendo che il Paese si aspetta circa 25 milioni di arrivi turistici quest'anno, rispetto agli 11,8 milioni dell'anno scorso; nel 2019 i visitatori avevano raggiunto la cifra record di 40 milioni, di cui oltre 11 milioni provenienti dalla Cina.\r\nL'industria turistica rappresenta un settore cruciale per la Thailandia e contribuiva a circa il 12% del prodotto interno lordo del Paese, prima della pandemia.\r\n\r\nSi prevede che la spesa turistica raggiungerà almeno 2,38 trilioni di baht quest'anno, ha dichiarato Phiphat. ","post_title":"Thailandia: in vigore dal prossimo giugno la tassa turistica per i visitatori stranieri","post_date":"2023-01-12T13:15:50+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673529350000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437143","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è aperto  il tavolo tra il ministro del turismo Daniela Santanchè e i rappresentanti delle regioni del centro Italia per discutere sulla situazione dell'Appennino, quest'anno quasi senza neve.\r\n\r\n\r\n \"Abbiamo analizzato quale è la situazione e quali sono i loro bisogni, ci siamo concentrati per adesso su 4 misure per far sì che le risorse vengano date il più presto possibile” ha detto il ministro.\r\n\r\nAl tavolo hanno partecipato anche gli operatori del settore turistico appenninico, dagli albergatori ai maestri di sci, ai gestori degli impianti di risalita. \r\nI fondi\r\nIl governo ha intenzione di intervenire tempestivamente con fondi per risollevare l'intero comparto del turismo dell'Appennino, colpito dalle temperature anomale di questa stagione.\r\n\r\n\"Abbiamo un fondo del ministero per poter finanziare investimenti per gli impianti di risalita e sull’innevamento, e abbiamo deciso che possiamo ristornare gli investimenti che hanno fatto nel 2022 e quindi poter dare subito loro questi denari che sono stati investiti in modo da dare risorse fresche e non peggiorare la loro situazione”, ha dichiarato la Santanchè, che ha poi fatto riferimento anche alla possibilità di \"liberare fondi covid che alcune regioni hanno in pancia ma che non possono essere utilizzate per altre finalità\" dichiarandosi ottimista sulla possibilità di riuscire a realizzarla rapidamente.\r\n\r\n\"Daremo risposte in breve tempo, entro 2-3 settimane, perché il tempo è una categoria fondamentale e perderlo vuol dire far chiudere le aziende e far perdere posti di lavoro\", ha concluso il ministro.\r\n\r\n","post_title":"Appennino senza neve. Il governo promette i fondi fra 2-3 settimane","post_date":"2023-01-12T09:45:20+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1673516720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono attualmente bloccati a terra tutti i voli negli aeroporti degli Stati Uniti. Un malfunzionamento di un sistema di notifica dei piloti operato dalla Federal Aviation Administration - Faa - ha costretto a fermare tutti i voli, con possibili conseguenze per il trasporto aereo mondiale. Una situazione mai verificatasi fino ad oggi.\r\nSecondo quanto riportato dai media Usa, Nbc in primis, la Faa ha confermato di essere al lavoro per ripristinare il proprio sistema Notam (Notam to Air Missions), che avvisa i piloti di potenziali pericoli lungo le rotte di volo, il cui malfunzionamento ha costretto alla sospensione delle attività di volo.\r\nAttualmente i ritardi riguardano già 7.076 voli, di cui 1.230 in entrata o in uscita dagli Stati Uniti. Complessivamente i voli cancellati sono 1.354, di cui 99 in entrata e in uscita dagli Usa.\r\nLa Faa ha dichiarato che \"sta lavorando per ripristinare il suo sistema di avviso. Stiamo eseguendo i controlli di convalida finali e ricaricando il sistema che interessa l'intero spazio aereo nazionale\". \r\nComplessivamente, come riportato dai dati Cirium, nella giornata di oggi, 11 gennaio, sono programmati oltre 21.000 voli in partenza dagli aeroporti statunitensi.  ","post_title":"Stati Uniti: la Faa blocca tutti i voli a causa di un guasto informatico","post_date":"2023-01-11T13:24:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1673443448000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti