9 December 2022

Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi

[ 0 ]

Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l’incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l’arrivo del covid (gennaio e febbraio).

E’ quanto emerge dalle tabelle della Banca d’Italia che accompagnano l’indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all’estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L’incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l’anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln).

Analizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell’anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre.

Secondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell’Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ”Grazie alla completa revoca delle restrizioni all’ingresso”, le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell’anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434683 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Napoli si appresta ad archiviare il 2022 con circa 11 milioni di passeggeri movimentati, dato che riporta lo scalo partenopeo ai valori del 2019. Secondo quanto affermato da Roberto Barbieri, amministratore delegato Gesac - ripreso dall'Ansa in occasione della presentazione del protocollo d'intesa siglato con il Distretto Aerospaziale Campano - il risultato "non era scontato. Chiuderemo un anno brillante dal punto di vista della crescita, con 106 destinazioni di cui 92 internazionali, e svolgiamo, come evidenzia il rapporto di Bankitalia sull'economia campana, un ruolo importante nella crescita economica regionale". L'ad ha inoltre anticipato che, dal 2023, ci saranno nuove rotte di decollo e di atterraggio che consentiranno 4 minuti di risparmio di volo sulla città e sulle zone abitate, evitando l'emissione di 11 tonnellate di CO2 e risparmiando anche 50 ore di volo. Un aeroporto, quello di Capodichino, che ha in programma inoltre "consistenti investimenti" in sostenibilità ambientale: "La realizzazione di un impianto fotovoltaico ci darà un'importante autonomia energetica. Inoltre attraverso la piantumazione di migliaia di alberi, nelle zone limitrofe allo scalo, daremo un contributo alla sostenibilità così come attraverso l'elettrificazione di tutti i veicoli che si muovo in aeroporto" [post_title] => L'aeroporto di Napoli verso quota 11 milioni di passeggeri movimentati nel 2022 [post_date] => 2022-11-23T10:29:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669199357000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434304 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian debutta in Puglia con il lancio della nuova rotta che collegherà Oslo a Bari, dal prossimo 22 giugno con due frequenze alla settimana, il giovedì e la domenica. Il volo, già in vendita attraverso tutti i canali distributivi della low cost, prevede il seguente operativo: partenza da Oslo alle 5.55  e arrivo a Bari alle 19.05; decollo dalla Puglia alle 19.45  e atterraggio in Norvegia alle 23.00. “Questo nuovo collegamento diretto con la Norvegia - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile - ci permette di proseguire l’espansione del mercato scandinavo. Uno scenario già definito nel nostro piano strategico che proprio nei mercati del nord Europa, e in quello scandinavo in particolare, individuava una interessante linea di sviluppo. Con questo nuovo volo, non solo accogliamo al ‘Karol Wojtyla’ una nuova compagnia, tra i principali vettori scandinavi in termini di importanza e capacità di collegamenti aerei, ma soprattutto ampliamo il panel dei vettori che in Aeroporti di Puglia individuano un partner commerciale di prestigio per qualità ed efficienza dei servizi. "La nuova rotta tra Bari ad Oslo, dà vita ad un nuovo mercato incoming che garantendo una connessione diretta siamo certi possa ripetere il successo registrato quest’estate dai collegamenti con Svezia e Danimarca. Peraltro questo nuovo volo, come tutte le novità, potrà incontrare l’interesse per i pugliesi che potranno apprezzare la comodità di raggiungere una nuova e affascinante destinazione. Una nuova grande opportunità per il trasporto aereo in Puglia che, attraverso una crescita esponenziale - come registrato dal rapporto di Bankitalia presentato qualche giorno fa a Bari - è trainante per l’economia pugliese".   [post_title] => Norwegian debutta in Puglia con il collegamento diretto Oslo-Bari, dal 22 giugno [post_date] => 2022-11-17T12:42:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668688964000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432026 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_426701" align="alignleft" width="300"] Il ministro del turismo Massimo Garavaglia[/caption] Il ministro del turismo Garavaglia non si fa certo prendere in contropiede sugli elogi che da tutte le parte istituzionali stanno arrivando al turismo e infatti lancia una nota molto esplicita. Eccola. «Dopo il Fondo monetario e l’Istat, anche la Banca d’Italia – osserva Garavaglia – sottolinea come il buon andamento della stagione abbia agito da freno al calo del pil in corso. Nel terzo trimestre – aggiunge il ministro del Turismo – se la dinamica della crescita registra solo un ‘lieve rallentamento’, come dice Luigi Federico Signorini direttore generale di Bankitalia, questo è stato possibile grazie al buon andamento del settore turistico». «Il turismo ha quindi agito – commenta Garavaglia – come un vero paracadute per frenare il calo del pil determinato dagli effetti della guerra in Ucraina. Il Turismo è un’industria che il Paese ha l’obbligo di valorizzare e sostenere». [post_title] => Garavaglia: «Il turismo è riuscito nell'impresa di frenare il calo del pil» [post_date] => 2022-10-11T10:57:29+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665485849000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430542 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio). E' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln). Analizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre. Secondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate. [post_title] => Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi [post_date] => 2022-09-15T14:49:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663253361000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 424003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come avevamo anticipato in un articolo a commento del bilancio del ministro Garavaglia, e cioè che al di là delle cifre snocciolate, il ministero ha fatto poco per il sistema del turismo organizzato, le associazioni di categoria oggi alzano la voce. E lo fanno con un comunicato abbastanza duro che mette le cose in chiaro. Sottolineando le manchevolezze del ministro e del ministero e lanciando un grido d'allarme per il settore. Le associazioni scrivono questo: con riferimento alle recenti dichiarazioni del ministro Garavaglia in merito agli aiuti stanziati per il comparto, Astoi, Aidit, Assoviaggi, Fiavet e Maavi tornano a ribadire l’insufficienza delle risorse e ad evidenziare la lentezza nell’attuazione dei relativi provvedimenti. Come noto, nonostante alcuni segnali di ripresa della domanda nei primi mesi di quest’anno, anche grazie al superamento del divieto di viaggiare verso i Paesi extra UE, le imprese del turismo organizzato permangono in una situazione di estrema difficoltà, aggravata dal recente conflitto russo-ucraino. L’incertezza determinata dalla situazione contingente, un diffuso clima di sfiducia dei consumatori e la diminuita capacità di spesa degli italiani, come si evince dai recenti comunicati di Bankitalia e Istat, sta determinando un forte rallentamento delle prenotazioni ed ha riportato il comparto in uno stato di grave sofferenza. Governo Conte-Governo Draghi Le risorse stanziate dal precedente governo Conte per ristorare le perdite del 2020 non sono state seguite da altri interventi della stessa portata da parte del governo Draghi, rendendo impossibile traghettare le imprese oltre la crisi.  Il rifinanziamento del Fondo Unico per il turismo che ha riservato a tour operator e agenzie di viaggio solo 39,3 milioni per coprire le perdite di fatturato del 2021 può considerarsi, infatti, meno di un palliativo. Il comparto nel 2021 ha perso 11 miliardi di euro e necessita di interventi seri ed efficaci, in linea con quelli stanziati dal governo Conte. Si evidenzia, peraltro, che si attendono ancora i provvedimenti attuativi sia per la distribuzione di tali ultime risorse sia per l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali in favore di tour operator e agenzie di viaggi per il periodo aprile-agosto 2022. A ciò si aggiunga la destinazione - da parte del c.d.” Decreto PNRR 2” - dell’avanzo legato al tax credit digitalizzazione per tour operator e agenzie di viaggi all’incremento della misura ex art. 1 DL 152/2021 in favore delle strutture ricettive. Quest’ultimo provvedimento va addirittura a sottrarre le già limitate risorse alle imprese del comparto. Altro tema, di non poco conto, riguarda la gestione della negoziazione degli aiuti di Stato da parte del Ministero del Turismo. I contributi a fondo perduto destinati a tour operator e agenzie di viaggio a valere sul fondo stanziato tramite l’art. 182 del D.L. n. 34/2020 e ss.mm.ii. non sono rientrati nella negoziazione del regime quadro (c.d. regime “a ombrello”), che consente di allocare le misure specificamente elencate in tale norma sia nella sezione 3.1 sia nella sezione 3.12 del Temporary Framework, dando così luogo ad una possibile cumulabilità delle stesse fino ad arrivare ad un massimale di 11,8 milioni di euro. Ritardi e mancanze La mancata possibilità di applicazione del regime “a ombrello” per i contributi in favore di tour operator e agenzie di viaggio – a differenza di altri contributi a fondo perduto - si è quindi tradotta in una illogica e penalizzante disparità di trattamento, bloccando queste imprese nella soglia ridotta prevista dalla sezione 3.1 pari a 1,8 mln. Anche le imprese che hanno potuto accedere all’art. 107 2.b) TFUE in quanto destinatarie di contributi superiori alla cifra di 1,8 milioni, sono state penalizzate dal fatto che – ad oggi - la prima tranche di contributi risulta imputata dal Ministero sempre alla misura ex 3.1 Temporary Framework. Tale distorsione è da imputarsi esclusivamente al Ministero del Turismo che non ha voluto ascoltare le ragioni delle associazioni su questo tema centrale per la gestione dei rapporti con l’Unione Europea. Con riferimento agli ammortizzatori sociali, si evidenziano poi i gravissimi ritardi nell’approvazione delle richieste e nell’erogazione delle prestazioni da parte dell’INPS. Resta aperto, infine, il tema del rimborso dei voucher, che sino ad oggi è stato prorogato fino a 30 mesi dalla sua emissione, ma che presto darà luogo alla restituzione degli importi ai consumatori, gravando il settore di una insopportabile tensione finanziaria con conseguenze imprevedibili. Più volte le associazioni avevano richiesto l’istituzione di un sistema di finanziamento a tasso zero, così come fatto da alcuni Paesi europei, per consentire ai consumatori di rientrare in possesso delle somme versate e alle imprese di avere un lasso di tempo più agevole per ricostituire la cassa e restituire il finanziamento statale. Con molta amarezza siamo a ratificare che tutte queste richieste sono cadute nel vuoto. Allarme Si comprende che oggi alcuni temi seri e imprevedibili - come il conflitto russo-ucraino e l’aumento del costo delle materie energetiche - abbiano sorpassato queste istanze nell’ordine delle priorità ma, al contempo, leggere che il Ministero del Turismo abbia assolto a tutte le esigenze del comparto appare quanto meno fuori luogo. Quanto sopra illustrato contribuisce a delineare un quadro ancora fortemente allarmante, per il quale le associazioni invocano seri e tempestivi interventi del Governo volti ad arginare l’ondata di chiusure e di licenziamenti già iniziata con l’inizio del corrente anno e che, nell’attuale contesto, rischia di subire un’ulteriore accelerazione. [post_title] => Il turismo organizzato: Il governo Draghi ha fatto poco per il settore [post_date] => 2022-04-29T11:42:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1651232569000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 417020 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’anno in corso si chiuderà con dati disastrosi per il turismo italiano con almeno 60 milioni di arrivi e 120 milioni di presenze che mancheranno all’appello rispetto al 2019 e 13 milioni in meno di viaggi degli italiani all’estero; solo per le vacanze tra Natale, Capodanno ed Epifania, rispetto ai 25 milioni di partenze programmate dagli italiani appena pochi mesi fa, 5 milioni sono state già cancellate e 5,3 milioni modificate riducendo i giorni di vacanza o scegliendo una destinazione più vicina, ma ci sono anche 7 milioni di viaggi che restano in sospeso; in previsione, quindi, meno turisti che fanno vacanze, meno pernottamenti e meno spesa, un mix che genera prospettive drammatiche in particolare per tour operator, agenzie di viaggi e sistema ricettivo. Senza dimenticare la crescita esponenziale negli ultimi giorni delle disdette nella ristorazione e la drammatica situazione del settore dell’interattenimento con la chiusura delle attività. In questa situazione è evidente che il Governo deve sostenere in particolare queste componenti della filiera turistica adottando misure sugli ammortizzatori sociali, senza aggravi di costo per le imprese, e sull’accesso al credito, ma anche interventi fiscali e di contributi a fondo perduto parametrati alle perdite subite: è quanto si legge in una nota di Confcommercio che “fotografa” la situazione del turismo sulla base di un’indagine realizzata in collaborazione con SWG e su dati Istat e Bankitalia. A fare le spese dell’escalation degli indici epidemici e delle restrizioni – prosegue la nota - non sono solo i numeri dei turisti ma anche il tipo di viaggio scelto, in buona sostanza la spesa, che è l’elemento più sensibile per l’economia del sistema Paese. A Natale 6 intervistati su 10 sono stati fuori casa al massimo per 2 giorni senza uscire dalla propria regione, mentre solo il 5% è andato all’estero. Dati in linea per quanto riguarda la lunghezza della vacanza anche a Capodanno, quando però chi farà vacanze di quattro giorni o più – 4 su 10 – andrà anche fuori regione. Resta comunque basso il dato sulla previsione dei viaggi all’estero: 8% tra Capodanno e Epifania, contro valori che normalmente, in questo periodo, andavano oltre il 20%. In questa situazione, la possibile ripresa del turismo si sposta all’estate 2022, tra più di 6 mesi e a quasi 30 dall’inizio della crisi. Tour operator e agenzie di viaggio sono in ginocchio, fermi da ormai due anni, alberghi e ristoranti rischiano un nuovo crollo per le prenotazioni cancellate a causa della recrudescenza del Covid. Confcommercio chiede con forza e urgenza la proroga della cassa integrazione concessa alle attività ferme a causa dell’emergenza sanitaria, in scadenza il prossimo 31 dicembre, almeno fino al mese di giugno, la decontribuzione per il reinserimento lavorativo per il comparto del turismo organizzato che conta almeno 40mila dipendenti e composto da un’alta percentuale di micro imprese con meno di cinque dipendenti, che non hanno dunque alcun altro strumento a tutela dei livelli di occupazione, e indennizzi certi e immediati per le discoteche, le sole a pagare le conseguenze alla nuova emergenza pandemica con la chiusura per decreto. “La crisi Covid – ha dichiarato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli - sta impattando sempre di più sull’intera filiera turistica con migliaia di imprese che rischiano realmente la chiusura soprattutto alberghi, tour operator e agenzie di viaggio. Le risorse messe in campo finora dal Governo non sono sufficienti, sono necessari e urgenti più sostegni, la proroga della cassa integrazione e adeguate moratorie fiscali. Non è pensabile un’economia italiana senza il traino fondamentale del turismo”. [post_title] => Confcommercio: tour operator e agenzie di viaggio sono in ginocchio [post_date] => 2021-12-27T10:02:10+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1640599330000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 411753 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Secondo il rapporto "Il settore turistico e la pandemia di Covid-19” della Banca d'Italia, pubblicato il 28 settembre 2021, la travel industry è non solo la più colpita dalla crisi, ma anche quella che è ricorsa maggiormente a prestiti bancari o finanziamenti. Aumentando il tasso di indebitamento dell'intero settore. Eppure come scrive il rapporto: «La crisi ha colpito un settore nevralgico dell’economia italiana che nel decennio precedente si era progressivamente rafforzato. Il numero di occupati era cresciuto in misura più intensa rispetto al totale dell’economia e si confrontava con un calo nella media del terziario; l’espansione era stata più pronunciata nelle aree centro-meridionali. Anche i principali indicatori di bilancio delle imprese turistiche erano progressivamente migliorati: il fatturato e la redditività operativa erano cresciuti più marcatamente rispetto agli altri comparti» Finanziamenti «Nel 2020 la pandemia di Covid-19 ha determinato un’intensa flessione dei flussi turistici in tutto il territorio nazionale. Il calo ha riguardato in misura più marcata la componente internazionale e, tra le aree geografiche, il Centro e il Mezzogiorno - ha continuato il rapporto - . La crisi pandemica si è riflessa in un deterioramento delle condizioni occupazionali e in una contrazione del fatturato del settore turistico più marcati rispetto agli altri comparti. Le imprese turistiche hanno fronteggiato il maggiore fabbisogno di liquidità che ne è derivato facendo ampio ricorso ai finanziamenti erogati da banche e società finanziarie; il ricorso alle moratorie e alle garanzie previste dagli interventi pubblici è stato più intenso rispetto agli altri settori in tutte le aree del Paese». Secondo Bankitalia la crisi non si è invece ancora riflessa negativamente sul numero di imprese attive e sulla qualità del credito in connessione con le moratorie e le misure di sostegno all’attività di impresa. Tuttavia, per le aziende del settore turistico la maggiore leva finanziaria alla vigilia della pandemia e il più elevato incremento dei prestiti nel 2020 potrebbero indurre un rischio di sovraindebitamento. [post_title] => Banca d'Italia: il turismo è il più colpito e anche il più indebitato [post_date] => 2021-09-30T09:49:03+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1632995343000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 410036 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre i propri battenti il prossimo 6 settembre Palazzo Montemartini Rome, a Radisson Collection Hotel. “La ripartenza della struttura segue l’andamento positivo degli alberghi del nostro gruppo, in costiera Amalfitana e a Taormina, in questo periodo complesso – spiega il ceo di Ragosta Hotels Collection, Giuseppe Marchese -. Mesi durante i quali ci siamo impegnati anche con soluzioni diverse, come quella di trasformare proprio questo palazzo in un vero e proprio set cinematografico, con l’alternanza di produzioni nazionali e internazionali, che hanno, così, potuto lavorare in sicurezza". Per l’occasione il ristorante, guidato dallo chef Alessandro Tognacci propone un menù del tutto nuovo, con la "calamarata con polpo alla griglia, pomodorini gialli e concentrato di sedano”, un primo piatto da non perdere, mentre al bar sarà possibile gustare, tra gli altri, il nuovo drink “Wild Red Apple” del pluripremiato barman Riccardo Di Dio Masa, a base di mele e whiskey, selezionato per la gara nazionale di Baritalia. Palazzo Montemartini Rome, A Radisson Collection Hotel, si trova proprio accanto alle terme di Diocleziano e alla basilica di Santa Maria degli Angeli, con 82 camere e suite, il Senses Restaurant & Lounge Bar, con area anche all’aperto, la spa Caschera, sale per riunioni ed eventi e la panoramica terrazza Montemartini. [post_title] => A Roma riparte l'attività di Palazzo Montemartini, a Radisson Collection [post_date] => 2021-09-01T09:37:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1630489047000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 402212 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_394238" align="alignleft" width="217"] Maria carmela Colaiacovo, vice presidente di Associazione italiana Confindustria alberghi[/caption] Bankitalia nel corso dell’audizione sul Def davanti alle commissioni bilancio di Camera e Senato ha confermato le forti preoccupazioni per il turismo. Senza sostegni adeguati alla liquidità sono a rischio non solo le imprese che hanno fortemente subito lo schiacciamento della crisi ma tutte quelle realtà sane che in questi lunghi mesi hanno potuto fronteggiare l’emergenza grazie a una solidità patrimoniale oggi fortemente minacciata. «Bankitalia ha sottolineato che tra le imprese più colpite e a rischio ci sono proprio quelle del turismo - dichiara Maria Carmela Colaiacovo, vice presidente di Associazione italiana Confindustria alberghi -. Non a caso nella lettera inviata al presidente Draghi la scorsa settimana abbiamo sottolineato anche l’importanza di prevedere un pacchetto di misure ad hoc per sostenere la patrimonializzazione delle aziende con allungamento dei finanziamenti, garanzie agevolate e strumenti di finanza alternativa come bond o basket bond. Il mondo alberghiero ha bisogno di un percorso di accompagnamento in attesa del ritorno alla normalità potendo disporre anche di interventi temporanei di riduzione della pressione fiscale e misure di decontribuzione per il lavoro. Stiamo facendo il massimo, molte aziende hanno visto crescere a dismisura il peso del proprio debito per non soccombere e il grido di allarme lanciato da tempo e oggi sostenuto anche dai dati di Bankitalia dimostra con ancora più forza le nostre ragioni».  [post_title] => Aica: «Bankitalia conferma le forti preoccupazioni sul turismo» [post_date] => 2021-04-20T15:09:23+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1618931363000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "bankitalia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":9,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":12,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434683","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Napoli si appresta ad archiviare il 2022 con circa 11 milioni di passeggeri movimentati, dato che riporta lo scalo partenopeo ai valori del 2019. Secondo quanto affermato da Roberto Barbieri, amministratore delegato Gesac - ripreso dall'Ansa in occasione della presentazione del protocollo d'intesa siglato con il Distretto Aerospaziale Campano - il risultato \"non era scontato. Chiuderemo un anno brillante dal punto di vista della crescita, con 106 destinazioni di cui 92 internazionali, e svolgiamo, come evidenzia il rapporto di Bankitalia sull'economia campana, un ruolo importante nella crescita economica regionale\".\r\nL'ad ha inoltre anticipato che, dal 2023, ci saranno nuove rotte di decollo e di atterraggio che consentiranno 4 minuti di risparmio di volo sulla città e sulle zone abitate, evitando l'emissione di 11 tonnellate di CO2 e risparmiando anche 50 ore di volo. Un aeroporto, quello di Capodichino, che ha in programma inoltre \"consistenti investimenti\" in sostenibilità ambientale: \"La realizzazione di un impianto fotovoltaico ci darà un'importante autonomia energetica. Inoltre attraverso la piantumazione di migliaia di alberi, nelle zone limitrofe allo scalo, daremo un contributo alla sostenibilità così come attraverso l'elettrificazione di tutti i veicoli che si muovo in aeroporto\"","post_title":"L'aeroporto di Napoli verso quota 11 milioni di passeggeri movimentati nel 2022","post_date":"2022-11-23T10:29:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669199357000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434304","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian debutta in Puglia con il lancio della nuova rotta che collegherà Oslo a Bari, dal prossimo 22 giugno con due frequenze alla settimana, il giovedì e la domenica.\r\n\r\nIl volo, già in vendita attraverso tutti i canali distributivi della low cost, prevede il seguente operativo: partenza da Oslo alle 5.55  e arrivo a Bari alle 19.05; decollo dalla Puglia alle 19.45  e atterraggio in Norvegia alle 23.00.\r\n\r\n“Questo nuovo collegamento diretto con la Norvegia - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile - ci permette di proseguire l’espansione del mercato scandinavo. Uno scenario già definito nel nostro piano strategico che proprio nei mercati del nord Europa, e in quello scandinavo in particolare, individuava una interessante linea di sviluppo. Con questo nuovo volo, non solo accogliamo al ‘Karol Wojtyla’ una nuova compagnia, tra i principali vettori scandinavi in termini di importanza e capacità di collegamenti aerei, ma soprattutto ampliamo il panel dei vettori che in Aeroporti di Puglia individuano un partner commerciale di prestigio per qualità ed efficienza dei servizi.\r\n\r\n\"La nuova rotta tra Bari ad Oslo, dà vita ad un nuovo mercato incoming che garantendo una connessione diretta siamo certi possa ripetere il successo registrato quest’estate dai collegamenti con Svezia e Danimarca. Peraltro questo nuovo volo, come tutte le novità, potrà incontrare l’interesse per i pugliesi che potranno apprezzare la comodità di raggiungere una nuova e affascinante destinazione. Una nuova grande opportunità per il trasporto aereo in Puglia che, attraverso una crescita esponenziale - come registrato dal rapporto di Bankitalia presentato qualche giorno fa a Bari - è trainante per l’economia pugliese\".\r\n\r\n ","post_title":"Norwegian debutta in Puglia con il collegamento diretto Oslo-Bari, dal 22 giugno","post_date":"2022-11-17T12:42:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1668688964000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432026","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_426701\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il ministro del turismo Massimo Garavaglia[/caption]\r\n\r\nIl ministro del turismo Garavaglia non si fa certo prendere in contropiede sugli elogi che da tutte le parte istituzionali stanno arrivando al turismo e infatti lancia una nota molto esplicita. Eccola.\r\n\r\n«Dopo il Fondo monetario e l’Istat, anche la Banca d’Italia – osserva Garavaglia – sottolinea come il buon andamento della stagione abbia agito da freno al calo del pil in corso. Nel terzo trimestre – aggiunge il ministro del Turismo – se la dinamica della crescita registra solo un ‘lieve rallentamento’, come dice Luigi Federico Signorini direttore generale di Bankitalia, questo è stato possibile grazie al buon andamento del settore turistico».\r\n\r\n«Il turismo ha quindi agito – commenta Garavaglia – come un vero paracadute per frenare il calo del pil determinato dagli effetti della guerra in Ucraina. Il Turismo è un’industria che il Paese ha l’obbligo di valorizzare e sostenere».","post_title":"Garavaglia: «Il turismo è riuscito nell'impresa di frenare il calo del pil»","post_date":"2022-10-11T10:57:29+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1665485849000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430542","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio).\r\n\r\nE' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln).\r\nAnalizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre.\r\nSecondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate.","post_title":"Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi","post_date":"2022-09-15T14:49:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663253361000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"424003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come avevamo anticipato in un articolo a commento del bilancio del ministro Garavaglia, e cioè che al di là delle cifre snocciolate, il ministero ha fatto poco per il sistema del turismo organizzato, le associazioni di categoria oggi alzano la voce. E lo fanno con un comunicato abbastanza duro che mette le cose in chiaro. Sottolineando le manchevolezze del ministro e del ministero e lanciando un grido d'allarme per il settore.\r\n\r\nLe associazioni scrivono questo: con riferimento alle recenti dichiarazioni del ministro Garavaglia in merito agli aiuti stanziati per il comparto, Astoi, Aidit, Assoviaggi, Fiavet e Maavi tornano a ribadire l’insufficienza delle risorse e ad evidenziare la lentezza nell’attuazione dei relativi provvedimenti. \r\n\r\nCome noto, nonostante alcuni segnali di ripresa della domanda nei primi mesi di quest’anno, anche grazie al superamento del divieto di viaggiare verso i Paesi extra UE, le imprese del turismo organizzato permangono in una situazione di estrema difficoltà, aggravata dal recente conflitto russo-ucraino. L’incertezza determinata dalla situazione contingente, un diffuso clima di sfiducia dei consumatori e la diminuita capacità di spesa degli italiani, come si evince dai recenti comunicati di Bankitalia e Istat, sta determinando un forte rallentamento delle prenotazioni ed ha riportato il comparto in uno stato di grave sofferenza. \r\n\r\nGoverno Conte-Governo Draghi\r\n\r\nLe risorse stanziate dal precedente governo Conte per ristorare le perdite del 2020 non sono state seguite da altri interventi della stessa portata da parte del governo Draghi, rendendo impossibile traghettare le imprese oltre la crisi.  Il rifinanziamento del Fondo Unico per il turismo che ha riservato a tour operator e agenzie di viaggio solo 39,3 milioni per coprire le perdite di fatturato del 2021 può considerarsi, infatti, meno di un palliativo. Il comparto nel 2021 ha perso 11 miliardi di euro e necessita di interventi seri ed efficaci, in linea con quelli stanziati dal governo Conte.\r\n\r\nSi evidenzia, peraltro, che si attendono ancora i provvedimenti attuativi sia per la distribuzione di tali ultime risorse sia per l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali in favore di tour operator e agenzie di viaggi per il periodo aprile-agosto 2022. A ciò si aggiunga la destinazione - da parte del c.d.” Decreto PNRR 2” - dell’avanzo legato al tax credit digitalizzazione per tour operator e agenzie di viaggi all’incremento della misura ex art. 1 DL 152/2021 in favore delle strutture ricettive. Quest’ultimo provvedimento va addirittura a sottrarre le già limitate risorse alle imprese del comparto.\r\n\r\nAltro tema, di non poco conto, riguarda la gestione della negoziazione degli aiuti di Stato da parte del Ministero del Turismo. I contributi a fondo perduto destinati a tour operator e agenzie di viaggio a valere sul fondo stanziato tramite l’art. 182 del D.L. n. 34/2020 e ss.mm.ii. non sono rientrati nella negoziazione del regime quadro (c.d. regime “a ombrello”), che consente di allocare le misure specificamente elencate in tale norma sia nella sezione 3.1 sia nella sezione 3.12 del Temporary Framework, dando così luogo ad una possibile cumulabilità delle stesse fino ad arrivare ad un massimale di 11,8 milioni di euro.\r\nRitardi e mancanze\r\nLa mancata possibilità di applicazione del regime “a ombrello” per i contributi in favore di tour operator e agenzie di viaggio – a differenza di altri contributi a fondo perduto - si è quindi tradotta in una illogica e penalizzante disparità di trattamento, bloccando queste imprese nella soglia ridotta prevista dalla sezione 3.1 pari a 1,8 mln. Anche le imprese che hanno potuto accedere all’art. 107 2.b) TFUE in quanto destinatarie di contributi superiori alla cifra di 1,8 milioni, sono state penalizzate dal fatto che – ad oggi - la prima tranche di contributi risulta imputata dal Ministero sempre alla misura ex 3.1 Temporary Framework. Tale distorsione è da imputarsi esclusivamente al Ministero del Turismo che non ha voluto ascoltare le ragioni delle associazioni su questo tema centrale per la gestione dei rapporti con l’Unione Europea.\r\n\r\nCon riferimento agli ammortizzatori sociali, si evidenziano poi i gravissimi ritardi nell’approvazione delle richieste e nell’erogazione delle prestazioni da parte dell’INPS.\r\n\r\nResta aperto, infine, il tema del rimborso dei voucher, che sino ad oggi è stato prorogato fino a 30 mesi dalla sua emissione, ma che presto darà luogo alla restituzione degli importi ai consumatori, gravando il settore di una insopportabile tensione finanziaria con conseguenze imprevedibili. Più volte le associazioni avevano richiesto l’istituzione di un sistema di finanziamento a tasso zero, così come fatto da alcuni Paesi europei, per consentire ai consumatori di rientrare in possesso delle somme versate e alle imprese di avere un lasso di tempo più agevole per ricostituire la cassa e restituire il finanziamento statale. Con molta amarezza siamo a ratificare che tutte queste richieste sono cadute nel vuoto.\r\nAllarme\r\nSi comprende che oggi alcuni temi seri e imprevedibili - come il conflitto russo-ucraino e l’aumento del costo delle materie energetiche - abbiano sorpassato queste istanze nell’ordine delle priorità ma, al contempo, leggere che il Ministero del Turismo abbia assolto a tutte le esigenze del comparto appare quanto meno fuori luogo.\r\n\r\nQuanto sopra illustrato contribuisce a delineare un quadro ancora fortemente allarmante, per il quale le associazioni invocano seri e tempestivi interventi del Governo volti ad arginare l’ondata di chiusure e di licenziamenti già iniziata con l’inizio del corrente anno e che, nell’attuale contesto, rischia di subire un’ulteriore accelerazione.","post_title":"Il turismo organizzato: Il governo Draghi ha fatto poco per il settore","post_date":"2022-04-29T11:42:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1651232569000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"417020","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’anno in corso si chiuderà con dati disastrosi per il turismo italiano con almeno 60 milioni di arrivi e 120 milioni di presenze che mancheranno all’appello rispetto al 2019 e 13 milioni in meno di viaggi degli italiani all’estero; solo per le vacanze tra Natale, Capodanno ed Epifania, rispetto ai 25 milioni di partenze programmate dagli italiani appena pochi mesi fa, 5 milioni sono state già cancellate e 5,3 milioni modificate riducendo i giorni di vacanza o scegliendo una destinazione più vicina, ma ci sono anche 7 milioni di viaggi che restano in sospeso; in previsione, quindi, meno turisti che fanno vacanze, meno pernottamenti e meno spesa, un mix che genera prospettive drammatiche in particolare per tour operator, agenzie di viaggi e sistema ricettivo. Senza dimenticare la crescita esponenziale negli ultimi giorni delle disdette nella ristorazione e la drammatica situazione del settore dell’interattenimento con la chiusura delle attività. In questa situazione è evidente che il Governo deve sostenere in particolare queste componenti della filiera turistica adottando misure sugli ammortizzatori sociali, senza aggravi di costo per le imprese, e sull’accesso al credito, ma anche interventi fiscali e di contributi a fondo perduto parametrati alle perdite subite: è quanto si legge in una nota di Confcommercio che “fotografa” la situazione del turismo sulla base di un’indagine realizzata in collaborazione con SWG e su dati Istat e Bankitalia.\r\nA fare le spese dell’escalation degli indici epidemici e delle restrizioni – prosegue la nota - non sono solo i numeri dei turisti ma anche il tipo di viaggio scelto, in buona sostanza la spesa, che è l’elemento più sensibile per l’economia del sistema Paese. A Natale 6 intervistati su 10 sono stati fuori casa al massimo per 2 giorni senza uscire dalla propria regione, mentre solo il 5% è andato all’estero. Dati in linea per quanto riguarda la lunghezza della vacanza anche a Capodanno, quando però chi farà vacanze di quattro giorni o più – 4 su 10 – andrà anche fuori regione. Resta comunque basso il dato sulla previsione dei viaggi all’estero: 8% tra Capodanno e Epifania, contro valori che normalmente, in questo periodo, andavano oltre il 20%. In questa situazione, la possibile ripresa del turismo si sposta all’estate 2022, tra più di 6 mesi e a quasi 30 dall’inizio della crisi. \r\nTour operator e agenzie di viaggio sono in ginocchio, fermi da ormai due anni, alberghi e ristoranti rischiano un nuovo crollo per le prenotazioni cancellate a causa della recrudescenza del Covid. Confcommercio chiede con forza e urgenza la proroga della cassa integrazione concessa alle attività ferme a causa dell’emergenza sanitaria, in scadenza il prossimo 31 dicembre, almeno fino al mese di giugno, la decontribuzione per il reinserimento lavorativo per il comparto del turismo organizzato che conta almeno 40mila dipendenti e composto da un’alta percentuale di micro imprese con meno di cinque dipendenti, che non hanno dunque alcun altro strumento a tutela dei livelli di occupazione, e indennizzi certi e immediati per le discoteche, le sole a pagare le conseguenze alla nuova emergenza pandemica con la chiusura per decreto.\r\n“La crisi Covid – ha dichiarato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli - sta impattando sempre di più sull’intera filiera turistica con migliaia di imprese che rischiano realmente la chiusura soprattutto alberghi, tour operator e agenzie di viaggio. Le risorse messe in campo finora dal Governo non sono sufficienti, sono necessari e urgenti più sostegni, la proroga della cassa integrazione e adeguate moratorie fiscali. Non è pensabile un’economia italiana senza il traino fondamentale del turismo”. ","post_title":"Confcommercio: tour operator e agenzie di viaggio sono in ginocchio","post_date":"2021-12-27T10:02:10+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1640599330000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"411753","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Secondo il rapporto \"Il settore turistico e la pandemia di Covid-19” della Banca d'Italia, pubblicato il 28 settembre 2021, la travel industry è non solo la più colpita dalla crisi, ma anche quella che è ricorsa maggiormente a prestiti bancari o finanziamenti. Aumentando il tasso di indebitamento dell'intero settore.\r\n\r\nEppure come scrive il rapporto: «La crisi ha colpito un settore nevralgico dell’economia italiana che nel decennio precedente si era progressivamente rafforzato. Il numero di occupati era cresciuto in misura più intensa rispetto al totale dell’economia e si confrontava con un calo nella media del terziario; l’espansione era stata più pronunciata nelle aree centro-meridionali. Anche i principali indicatori di bilancio delle imprese turistiche erano progressivamente migliorati: il fatturato e la redditività operativa erano cresciuti più marcatamente rispetto agli altri comparti»\r\nFinanziamenti\r\n«Nel 2020 la pandemia di Covid-19 ha determinato un’intensa flessione dei flussi turistici in tutto il territorio nazionale. Il calo ha riguardato in misura più marcata la componente internazionale e, tra le aree geografiche, il Centro e il Mezzogiorno - ha continuato il rapporto - . La crisi pandemica si è riflessa in un deterioramento delle condizioni occupazionali e in una contrazione del fatturato del settore turistico più marcati rispetto agli altri comparti. Le imprese turistiche hanno fronteggiato il maggiore fabbisogno di liquidità che ne è derivato facendo ampio ricorso ai finanziamenti erogati da banche e società finanziarie; il ricorso alle moratorie e alle garanzie previste dagli interventi pubblici è stato più intenso rispetto agli altri settori in tutte le aree del Paese».\r\nSecondo Bankitalia la crisi non si è invece ancora riflessa negativamente sul numero di imprese attive e sulla qualità del credito in connessione con le moratorie e le misure di sostegno all’attività di impresa. Tuttavia, per le aziende del settore turistico la maggiore leva finanziaria alla vigilia della pandemia e il più elevato incremento dei prestiti nel 2020 potrebbero indurre un rischio di sovraindebitamento.","post_title":"Banca d'Italia: il turismo è il più colpito e anche il più indebitato","post_date":"2021-09-30T09:49:03+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1632995343000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"410036","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre i propri battenti il prossimo 6 settembre Palazzo Montemartini Rome, a Radisson Collection Hotel. “La ripartenza della struttura segue l’andamento positivo degli alberghi del nostro gruppo, in costiera Amalfitana e a Taormina, in questo periodo complesso – spiega il ceo di Ragosta Hotels Collection, Giuseppe Marchese -. Mesi durante i quali ci siamo impegnati anche con soluzioni diverse, come quella di trasformare proprio questo palazzo in un vero e proprio set cinematografico, con l’alternanza di produzioni nazionali e internazionali, che hanno, così, potuto lavorare in sicurezza\".\r\n\r\nPer l’occasione il ristorante, guidato dallo chef Alessandro Tognacci propone un menù del tutto nuovo, con la \"calamarata con polpo alla griglia, pomodorini gialli e concentrato di sedano”, un primo piatto da non perdere, mentre al bar sarà possibile gustare, tra gli altri, il nuovo drink “Wild Red Apple” del pluripremiato barman Riccardo Di Dio Masa, a base di mele e whiskey, selezionato per la gara nazionale di Baritalia.\r\n\r\nPalazzo Montemartini Rome, A Radisson Collection Hotel, si trova proprio accanto alle terme di Diocleziano e alla basilica di Santa Maria degli Angeli, con 82 camere e suite, il Senses Restaurant & Lounge Bar, con area anche all’aperto, la spa Caschera, sale per riunioni ed eventi e la panoramica terrazza Montemartini.","post_title":"A Roma riparte l'attività di Palazzo Montemartini, a Radisson Collection","post_date":"2021-09-01T09:37:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1630489047000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"402212","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_394238\" align=\"alignleft\" width=\"217\"] Maria carmela Colaiacovo, vice presidente di Associazione italiana Confindustria alberghi[/caption]\r\n\r\nBankitalia nel corso dell’audizione sul Def davanti alle commissioni bilancio di Camera e Senato ha confermato le forti preoccupazioni per il turismo.\r\n\r\nSenza sostegni adeguati alla liquidità sono a rischio non solo le imprese che hanno fortemente subito lo schiacciamento della crisi ma tutte quelle realtà sane che in questi lunghi mesi hanno potuto fronteggiare l’emergenza grazie a una solidità patrimoniale oggi fortemente minacciata.\r\n\r\n«Bankitalia ha sottolineato che tra le imprese più colpite e a rischio ci sono proprio quelle del turismo - dichiara Maria Carmela Colaiacovo, vice presidente di Associazione italiana Confindustria alberghi -. Non a caso nella lettera inviata al presidente Draghi la scorsa settimana abbiamo sottolineato anche l’importanza di prevedere un pacchetto di misure ad hoc per sostenere la patrimonializzazione delle aziende con allungamento dei finanziamenti, garanzie agevolate e strumenti di finanza alternativa come bond o basket bond.\r\n\r\nIl mondo alberghiero ha bisogno di un percorso di accompagnamento in attesa del ritorno alla normalità potendo disporre anche di interventi temporanei di riduzione della pressione fiscale e misure di decontribuzione per il lavoro.\r\n\r\nStiamo facendo il massimo, molte aziende hanno visto crescere a dismisura il peso del proprio debito per non soccombere e il grido di allarme lanciato da tempo e oggi sostenuto anche dai dati di Bankitalia dimostra con ancora più forza le nostre ragioni». ","post_title":"Aica: «Bankitalia conferma le forti preoccupazioni sul turismo»","post_date":"2021-04-20T15:09:23+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1618931363000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti