26 November 2022

Advunite: perché dobbiamo fornire i nostri dati ad un’associazione?

[ 2 ]

Arriva da Advunite la seguente comunicazione che pubblichiamo volentieri:
 
«La nostra associazione, Advunite, resta basita da come venga utilizzata la scusa di contrastare l’abusivismo con l’obbligo di fornire propri dati ad un’associazione e non ai singoli to.
Il contratto è firmato dal tour operator o dalla loro associazione di categoria? 
 
Per quale motivo, due noti marchi di tour operator, che detengono anche più del 50% del mercato tour operating italiano, obbligano il proprio cliente, (l’agenzia di viaggi) a fornire le proprie informazioni a terzi? 
Chi sono le persone che possono leggere questi dati che dovrebbero essere pubblici? 
 
Il silenzio di tutti è veramente imbarazzante perché così si rischia di far passare un’iniziativa privatistica di un’associazione come un supporto alla legalità.  
Noi siamo disposti anche a non firmare i contratti!»
Vicepresidente Vincenzo Del Bravo e consiglieri Mario Cozzi e Vittorio Notaro



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434728 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arriva da Advunite la seguente comunicazione che pubblichiamo volentieri:   «La nostra associazione, Advunite, resta basita da come venga utilizzata la scusa di contrastare l'abusivismo con l'obbligo di fornire propri dati ad un'associazione e non ai singoli to. Il contratto è firmato dal tour operator o dalla loro associazione di categoria?    Per quale motivo, due noti marchi di tour operator, che detengono anche più del 50% del mercato tour operating italiano, obbligano il proprio cliente, (l'agenzia di viaggi) a fornire le proprie informazioni a terzi?  Chi sono le persone che possono leggere questi dati che dovrebbero essere pubblici?    Il silenzio di tutti è veramente imbarazzante perché così si rischia di far passare un'iniziativa privatistica di un'associazione come un supporto alla legalità.   Noi siamo disposti anche a non firmare i contratti!» Vicepresidente Vincenzo Del Bravo e consiglieri Mario Cozzi e Vittorio Notaro [post_title] => Advunite: perché dobbiamo fornire i nostri dati ad un'associazione? [post_date] => 2022-11-24T07:54:45+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669276485000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432745 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo l'ennesimo contrasto Advunite ha pensato di presentare una regolare denuncia all’Agcom contro Ryanair. Ne seguiranno probabilmente altri.  «Ringraziamo il nostro staff legale di Avvocati in viaggio» dice Cesare Foà presidente Advunite.    Che ha continuato. «Questa ostinazione nei confronti delle agenzie di viaggio ha raggiunto, nella stagione estiva, il suo picco più profondo.  Negare rimborsi e risarcimenti ai viaggiatori per i disagi, nascondendosi dietro questa assurda battaglia, sembra un arbitrario pretesto per negare, ai passeggeri, i propri diritti».  Il vero bersaglio «Sembra - e dico sembra - che il bersaglio del colosso low cost non sia tanto il sistema adoperato dalle ota circa le mancate informazioni fornite ai clienti, ma che ci si stia scagliando contro le agenzie di viaggi tradizionali proprio per le precipue e puntuali informazioni elargite ai propri clienti prima di ogni viaggio» sono le parole dell'avvocato Vincenzo Irritato che ha curato il ricorso. «Le agenzie di viaggio tradizionali sono l’unica vera garanzia dei passeggeri.  Faremo il possibile, in ogni sede, per inibire tali azioni: questo è solo il primo passo» ha concluso Foà. [post_title] => Advunite presenta una denuncia all'Agcom contro Ryanair [post_date] => 2022-10-21T13:31:26+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666359086000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428888 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Nella nostra regione i numeri sono in forte aumento perché l’aeroporto di Capodichino ha ripreso a lavorare alla grande ed il flusso di stranieri che sbarcano quotidianamente sul nostro territorio è molto elevato. Purtroppo , ultimamente, noi operatori del settore stiamo subendo notevoli  difficoltà di gestione  causate dalla cancellazione dell’85% dei voli, tra voli Low cost e voli di linea, avvenuta in particolare domenica 17 luglio. Questo fenomeno è assolutamente deleterio perché provoca un forte disorientamento nei viaggiatori impedendo loro e di raggiungere le località italiane individuate per le proprie vacanze e  di ritornare nei propri paesi lontani, una volta terminato il periodo di soggiorno» dice Cesare Foà, presidente Advunite e Aidit Campania. «Le cancellazioni dei voli sono dovute o agli scioperi delle compagnie aeree o perché le compagnie Low cost non hanno gli equipaggi in numero adeguato alle loro esigenze e questo costituisce per tutto il nostro settore un grosso problema. Io parlo di Low cost perché il volo di linea garantisce una ri-protezione, nel senso che, se per qualunque motivo viene cancellato un volo per una destinazione,  è possibile mettere il passeggero su un altro aereo che ha la medesima destinazione. la Low cost non è obbligata a fare questo tipo di operazione. Italia meridionale «La cancellazione dei voli fa sì che noi come agenzie di viaggio siamo sempre responsabili nei confronti dei clienti, mentre i turisti “fai da te” non hanno copertura e provocano oltre a loro stessi, notevoli danni a tutta la filiera turistica, a noi agenzie, agli alberghi, alle guide che non lavorano. Questo episodio di inattesa  cancellazione massiccia dei voli  è  accaduto  in tutta  Italia, ma quella maggiormente colpita è stata  l’Italia meridionale, in particolare Campania, Puglia, Sicilia che hanno gli aeroporti pieni di  voli Low Cost. E purtroppo, ricordiamolo, le Low cost vengono finanziate dalle nostre regioni, quindi sono soldi pubblici. Pertanto il mio invito alle Istituzioni regionali è il seguente: basta dare i soldi a queste compagnie Low Cost  se non danno alcun tipo di garanzie ai passeggeri». [post_title] => Foà: «Basta dare soldi alle low cost che non danno nessuna garanzia» [post_date] => 2022-07-26T09:50:45+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658829045000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 427079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Accogliamo e pubblichiamo una lettera-provocazione di Cesare Foà, associazione agenzie di viaggi #ADVUNITE. E' incentrata sulle cancellazioni dei voli delle compagnie aeree, che in questi giorni sta assumendo dimensioni preoccupanti. Cari Ministri nel 2022 possiamo mai andare avanti così? Low cost, compagnie di bandiera che cancellano i voli di continuo. Allora vi chiediamo: i diritti dei consumatori dove li mettiamo? La nostra associazione di agenti di viaggi lotta quotidianamente contro questi fornitori che cancellando il volo impongono alle agenzie di viaggi e ai tour operator impegni economici, e non solo, a dir poco notevoli. Se un cliente compra da sè un volo e un albergo non rimborsabile perderà i soldi ma lo avrà fatto in piena autonomia, ma se l’acquisto viene fatto attraverso un pacchetto prenotato in agenzia a rimetterci e l'agenzia stessa. Vi chiediamo come i vostri ministeri vogliono aiutarci a tutelare il nostro lavoro e i consumatori. Licenza A questo punto vi sottoponiamo una provocazione: perché non sanzionare le compagnie aeree per ogni disservizio e dopo un tot di disservizi toglierli la licenza e gli aiuti di stato che ricevono tramite le società aeroportuali ? Noi abbiamo tentato di sollecitare Enav a maggiori controlli ma senza successo, ora scriviamo ai vertici politici, perché siamo a giugno e prevediamo una raffica di cancellazioni nei prossimi 20 giorni. Possiamo avere un gradito riscontro? Cordiali saluti Cesare Foà [post_title] => Foà: «Il governo sanzioni le compagnie aeree per ogni disservizio» [post_date] => 2022-06-22T12:15:35+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1655900135000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 405178 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dura presa di posizione di Cesare Foà contro Ryanair e easyJet, che hanno aggirato le agenzie di viaggi in relazione alla possibilità di prenotazione e acquisto di biglietti aerei dai loro siti ufficiali. Limitando le prenotazioni B2B per il solo tramite di gds, aggregatori e gestionali simili a costo maggiorati. Questa decisione sembrerebbe essere stata adottata con l’unica, vera finalità di estromettere le agenzie di viaggi dalla concorrenza di mercato. «Il sacrificio sostenuto dagli agenti di viaggi, spesso trovatisi ad acquistare biglietti aerei senza vedersi riconosciute commissioni, motivati solo dal desiderio di soddisfare il cliente in ogni sua richiesta, viene vanificato dalle motivazioni, rese dalle note di easyJet e Ryanair, le quali asseriscono di aver “riscontrato difformità” circa le prenotazioni da parte di intermediari di viaggio, invitando i clienti a prenotare esclusivamente dai propri siti. Una categoria sotto assedio «Tali dichiarazioni  - ha proseguito Foà presidente di Advunite e di Aidit Campania -  minano fortemente la lealtà e l’onorabilità della nostra categoria, sempre più spesso impegnata ad informare i clienti dei loro diritti in merito ad ogni disagio sofferto. Ma noi siamo certi che non sia questo il vero  motivo per il quale le due aziende easyJet e Ryanair hanno deciso di estrometterci dal mercato» L’atteggiamento, secondo Foà, è quello di equiparare le prenotazioni effettuate dalle agenzie di viaggi con quelle ota o siti di screen scraping, rifiutando, per tale assurda ragione, di rimborsare i passeggeri che li hanno richiesti. Con l’ausilio e la partnership del team di “avvocati in viaggio”, abbiamo provveduto ad informare tempestivamente l’Autorità garante della concorrenza e del mercato della pratica scorretta perpetrata a danno dei nostri rappresentati da parte di easyJet al fine di tutelarne diritti e interessi. Provvederemo legalmente anche nei confronti di Ryanair qualora le nostre voci non dovessero essere ascoltate. La volontà di colpire il settore degli adv «Tutto ciò - ha detto infine Foà - non solo è inaccettabile dal punto di vista etico, soprattutto in tale periodo storico  in cui  gli operatori economici  risultano essere la categoria più colpita  dall’emergenza della pandemia, ma configura anche un abuso di potere contrattualistico della compagnia aerea sul mercato. Il comportamento e le dichiarazioni di easyJet e  Ryanair, evidenziano dunque una volontà precisa di colpire l’intero settore degli agenti di viaggio e di minare il rapporto tra questi ultimi e i loro clienti, vere vittime di questa battaglia illogica». [post_title] => Cesare Foà: gli agenti devono schierarsi contro easyJet e Ryanair [post_date] => 2021-06-03T10:35:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1622716549000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 397399 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'appuntamento è per lunedì 1° febbraio da piazza Borsa a piazza Plebiscito. Dopo la manifestazione dello scorso 23 gennaio, torna nuovamente in piazza la filiera turistica - agenti di viaggio, albergatori, bed & breakfast, noleggiatori, guide, accompagnatori, animatori, commerciali, wedding, sale per eventi, bar, ristoratori, negozi di souvenir - uniti sotto lo slogan "il Turismo non molla" per protestare "dopo 11 mesi di mancati ristori e molti annunci proclamati". "Una manifestazione spontanea organizzata da qualche sigla associativa e da molte altre attività oramai ridotte a elemosinare ciò che era stato promesso - si legge in un comunicato giunto presso la nostra redazione da Cesare Foà di Advunite -. Ci sarà la partecipazione di alcuni esponenti politici a cui da Napoli si inizierà a chiedere lo stato di crisi per il turismo. Vi aspettiamo tutti". A firmare il manifesto di convocazione la sigla Movimento indipendente turismo organizzato (Mito), attivo online con una pagina Facebook ad hoc dal giorno precedente alla manifestazione del 23: "I fischietti e gli striscioni non sono serviti a niente se non a far riempire qualche spazietto su qualche giornale di provincia - si legge sulla stessa pagina -. Ora dobbiamo dimostrare che Noi siamo il turismo. E possiamo farlo solo unendo le forze di tutti. Sono chiamati a raccolta tutti coloro che vivono di turismo". [post_title] => Turismo: serve lo stato di crisi! Appuntamento in piazza a Napoli il 1° febbraio [post_date] => 2021-01-29T13:12:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1611925948000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "advunite" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":8,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":6,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434728","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Arriva da Advunite la seguente comunicazione che pubblichiamo volentieri:\r\n \r\n«La nostra associazione, Advunite, resta basita da come venga utilizzata la scusa di contrastare l'abusivismo con l'obbligo di fornire propri dati ad un'associazione e non ai singoli to.\r\nIl contratto è firmato dal tour operator o dalla loro associazione di categoria? \r\n \r\nPer quale motivo, due noti marchi di tour operator, che detengono anche più del 50% del mercato tour operating italiano, obbligano il proprio cliente, (l'agenzia di viaggi) a fornire le proprie informazioni a terzi? \r\nChi sono le persone che possono leggere questi dati che dovrebbero essere pubblici? \r\n \r\nIl silenzio di tutti è veramente imbarazzante perché così si rischia di far passare un'iniziativa privatistica di un'associazione come un supporto alla legalità.  \r\nNoi siamo disposti anche a non firmare i contratti!»\r\nVicepresidente Vincenzo Del Bravo e consiglieri Mario Cozzi e Vittorio Notaro","post_title":"Advunite: perché dobbiamo fornire i nostri dati ad un'associazione?","post_date":"2022-11-24T07:54:45+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669276485000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432745","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo l'ennesimo contrasto Advunite ha pensato di presentare una regolare denuncia all’Agcom contro Ryanair. Ne seguiranno probabilmente altri.  «Ringraziamo il nostro staff legale di Avvocati in viaggio» dice Cesare Foà presidente Advunite. \r\n \r\nChe ha continuato. «Questa ostinazione nei confronti delle agenzie di viaggio ha raggiunto, nella stagione estiva, il suo picco più profondo.  Negare rimborsi e risarcimenti ai viaggiatori per i disagi, nascondendosi dietro questa assurda battaglia, sembra un arbitrario pretesto per negare, ai passeggeri, i propri diritti». \r\nIl vero bersaglio\r\n«Sembra - e dico sembra - che il bersaglio del colosso low cost non sia tanto il sistema adoperato dalle ota circa le mancate informazioni fornite ai clienti, ma che ci si stia scagliando contro le agenzie di viaggi tradizionali proprio per le precipue e puntuali informazioni elargite ai propri clienti prima di ogni viaggio» sono le parole dell'avvocato Vincenzo Irritato che ha curato il ricorso.\r\n«Le agenzie di viaggio tradizionali sono l’unica vera garanzia dei passeggeri.  Faremo il possibile, in ogni sede, per inibire tali azioni: questo è solo il primo passo» ha concluso Foà.","post_title":"Advunite presenta una denuncia all'Agcom contro Ryanair","post_date":"2022-10-21T13:31:26+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1666359086000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428888","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Nella nostra regione i numeri sono in forte aumento perché l’aeroporto di Capodichino ha ripreso a lavorare alla grande ed il flusso di stranieri che sbarcano quotidianamente sul nostro territorio è molto elevato. Purtroppo , ultimamente, noi operatori del settore stiamo subendo notevoli  difficoltà di gestione  causate dalla cancellazione dell’85% dei voli, tra voli Low cost e voli di linea, avvenuta in particolare domenica 17 luglio. Questo fenomeno è assolutamente deleterio perché provoca un forte disorientamento nei viaggiatori impedendo loro e di raggiungere le località italiane individuate per le proprie vacanze e  di ritornare nei propri paesi lontani, una volta terminato il periodo di soggiorno» dice Cesare Foà, presidente Advunite e Aidit Campania.\r\n\r\n«Le cancellazioni dei voli sono dovute o agli scioperi delle compagnie aeree o perché le compagnie Low cost non hanno gli equipaggi in numero adeguato alle loro esigenze e questo costituisce per tutto il nostro settore un grosso problema. Io parlo di Low cost perché il volo di linea garantisce una ri-protezione, nel senso che, se per qualunque motivo viene cancellato un volo per una destinazione,  è possibile mettere il passeggero su un altro aereo che ha la medesima destinazione. la Low cost non è obbligata a fare questo tipo di operazione.\r\nItalia meridionale\r\n«La cancellazione dei voli fa sì che noi come agenzie di viaggio siamo sempre responsabili nei confronti dei clienti, mentre i turisti “fai da te” non hanno copertura e provocano oltre a loro stessi, notevoli danni a tutta la filiera turistica, a noi agenzie, agli alberghi, alle guide che non lavorano. Questo episodio di inattesa  cancellazione massiccia dei voli  è  accaduto  in tutta  Italia, ma quella maggiormente colpita è stata  l’Italia meridionale, in particolare Campania, Puglia, Sicilia che hanno gli aeroporti pieni di  voli Low Cost. E purtroppo, ricordiamolo, le Low cost vengono finanziate dalle nostre regioni, quindi sono soldi pubblici. Pertanto il mio invito alle Istituzioni regionali è il seguente: basta dare i soldi a queste compagnie Low Cost  se non danno alcun tipo di garanzie ai passeggeri».","post_title":"Foà: «Basta dare soldi alle low cost che non danno nessuna garanzia»","post_date":"2022-07-26T09:50:45+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1658829045000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"427079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Accogliamo e pubblichiamo una lettera-provocazione di Cesare Foà, associazione agenzie di viaggi #ADVUNITE. E' incentrata sulle cancellazioni dei voli delle compagnie aeree, che in questi giorni sta assumendo dimensioni preoccupanti.\r\n\r\nCari Ministri\r\nnel 2022 possiamo mai andare avanti così? Low cost, compagnie di bandiera che cancellano i voli di continuo. Allora vi chiediamo: i diritti dei consumatori dove li mettiamo? La nostra associazione di agenti di viaggi lotta quotidianamente contro questi fornitori che cancellando il volo impongono alle agenzie di viaggi e ai tour operator impegni economici, e non solo, a dir poco notevoli. Se un cliente compra da sè un volo e un albergo non rimborsabile perderà i soldi ma lo avrà fatto in piena autonomia, ma se l’acquisto viene fatto attraverso un pacchetto prenotato in agenzia a rimetterci e l'agenzia stessa. Vi chiediamo come i vostri ministeri vogliono aiutarci a tutelare il nostro lavoro e i consumatori.\r\nLicenza\r\nA questo punto vi sottoponiamo una provocazione: perché non sanzionare le compagnie aeree per ogni disservizio e dopo un tot di disservizi toglierli la licenza e gli aiuti di stato che ricevono tramite le società aeroportuali ? Noi abbiamo tentato di sollecitare Enav a maggiori controlli ma senza successo, ora scriviamo ai vertici politici, perché siamo a giugno e prevediamo una raffica di cancellazioni nei prossimi 20 giorni.\r\nPossiamo avere un gradito riscontro?\r\nCordiali saluti\r\nCesare Foà","post_title":"Foà: «Il governo sanzioni le compagnie aeree per ogni disservizio»","post_date":"2022-06-22T12:15:35+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1655900135000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"405178","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dura presa di posizione di Cesare Foà contro Ryanair e easyJet, che hanno aggirato le agenzie di viaggi in relazione alla possibilità di prenotazione e acquisto di biglietti aerei dai loro siti ufficiali. Limitando le prenotazioni B2B per il solo tramite di gds, aggregatori e gestionali simili a costo maggiorati. Questa decisione sembrerebbe essere stata adottata con l’unica, vera finalità di estromettere le agenzie di viaggi dalla concorrenza di mercato.\r\n\r\n«Il sacrificio sostenuto dagli agenti di viaggi, spesso trovatisi ad acquistare biglietti aerei senza vedersi riconosciute commissioni, motivati solo dal desiderio di soddisfare il cliente in ogni sua richiesta, viene vanificato dalle motivazioni, rese dalle note di easyJet e Ryanair, le quali asseriscono di aver “riscontrato difformità” circa le prenotazioni da parte di intermediari di viaggio, invitando i clienti a prenotare esclusivamente dai propri siti.\r\nUna categoria sotto assedio\r\n«Tali dichiarazioni  - ha proseguito Foà presidente di Advunite e di Aidit Campania -  minano fortemente la lealtà e l’onorabilità della nostra categoria, sempre più spesso impegnata ad informare i clienti dei loro diritti in merito ad ogni disagio sofferto. Ma noi siamo certi che non sia questo il vero  motivo per il quale le due aziende easyJet e Ryanair hanno deciso di estrometterci dal mercato»\r\n\r\nL’atteggiamento, secondo Foà, è quello di equiparare le prenotazioni effettuate dalle agenzie di viaggi con quelle ota o siti di screen scraping, rifiutando, per tale assurda ragione, di rimborsare i passeggeri che li hanno richiesti. Con l’ausilio e la partnership del team di “avvocati in viaggio”, abbiamo provveduto ad informare tempestivamente l’Autorità garante della concorrenza e del mercato della pratica scorretta perpetrata a danno dei nostri rappresentati da parte di easyJet al fine di tutelarne diritti e interessi. Provvederemo legalmente anche nei confronti di Ryanair qualora le nostre voci non dovessero essere ascoltate.\r\nLa volontà di colpire il settore degli adv\r\n«Tutto ciò - ha detto infine Foà - non solo è inaccettabile dal punto di vista etico, soprattutto in tale periodo storico  in cui  gli operatori economici  risultano essere la categoria più colpita  dall’emergenza della pandemia, ma configura anche un abuso di potere contrattualistico della compagnia aerea sul mercato. Il comportamento e le dichiarazioni di easyJet e  Ryanair, evidenziano dunque una volontà precisa di colpire l’intero settore degli agenti di viaggio e di minare il rapporto tra questi ultimi e i loro clienti, vere vittime di questa battaglia illogica».","post_title":"Cesare Foà: gli agenti devono schierarsi contro easyJet e Ryanair","post_date":"2021-06-03T10:35:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1622716549000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"397399","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'appuntamento è per lunedì 1° febbraio da piazza Borsa a piazza Plebiscito. Dopo la manifestazione dello scorso 23 gennaio, torna nuovamente in piazza la filiera turistica - agenti di viaggio, albergatori, bed & breakfast, noleggiatori, guide, accompagnatori, animatori, commerciali, wedding, sale per eventi, bar, ristoratori, negozi di souvenir - uniti sotto lo slogan \"il Turismo non molla\" per protestare \"dopo 11 mesi di mancati ristori e molti annunci proclamati\".\r\n\r\n\"Una manifestazione spontanea organizzata da qualche sigla associativa e da molte altre attività oramai ridotte a elemosinare ciò che era stato promesso - si legge in un comunicato giunto presso la nostra redazione da Cesare Foà di Advunite -. Ci sarà la partecipazione di alcuni esponenti politici a cui da Napoli si inizierà a chiedere lo stato di crisi per il turismo. Vi aspettiamo tutti\".\r\n\r\nA firmare il manifesto di convocazione la sigla Movimento indipendente turismo organizzato (Mito), attivo online con una pagina Facebook ad hoc dal giorno precedente alla manifestazione del 23: \"I fischietti e gli striscioni non sono serviti a niente se non a far riempire qualche spazietto su qualche giornale di provincia - si legge sulla stessa pagina -. Ora dobbiamo dimostrare che Noi siamo il turismo. E possiamo farlo solo unendo le forze di tutti. Sono chiamati a raccolta tutti coloro che vivono di turismo\".","post_title":"Turismo: serve lo stato di crisi! Appuntamento in piazza a Napoli il 1° febbraio","post_date":"2021-01-29T13:12:28+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1611925948000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti