1 March 2024

893

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Importante azienda turistica internazionale, ricerca, per i propri uffici di Roma:
un/a addetto nel settore Incentive&Business Travel per la gestione e lo sviluppo della clientela. Requisiti richiesti:
– Esperienza nel settore e buona conoscenza del mercato;
– Conoscenza informatica e delle lingue straniere;
– Comunicativa e predisposizione alle pubbliche relazioni;
– Spirito d’iniziativa e buone capacità organizzative;
– Possibile portafoglio clienti
Prevediamo retribuzione adeguata al ruolo, incentivi economici e possibilità di carriera. Si garantisce massima riservatezza.
Inviare curriculum vitae al seguente indirizzo e-mail: ricerca.roma2010@libero.it all’attenzione del sig. Fabio Esposito


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fronte di un mercato real estate globale che mostra segnali poco brillanti ormai da un paio di anni a questa parte, l'asset class hotel pare però andare controtendenza e attirare crescenti interessi da parte degli investitori. Gli alti tassi di interesse e il relativo declino degli investimenti in immobili tradizionali come gli uffici, a seguito del diffondersi delle pratiche di smart working, non incentivano infatti le transazioni, ma gli edifici a uso ricettivo stanno dimostrando una vivacità tale da sembrare poter vincere le reticenze di molti capitali. Lo dimostra anche la recente mossa di un colosso come Covivio, che ha appena siglato un accordo per l'acquisizione della quota dell'8,3% detenuta da Generali nella controllata Covivio Hotels, in cambio di nuove azioni della stessa Covivio. "L'operazione, che equivale all’acquisizione di asset per 500 milioni di euro e a un aumento di capitale di circa 300 milioni - si legge in una nota -, segna un passo importante per il rafforzamento del gruppo quotato all'Euronext di Parigi nel settore alberghiero: un mercato in crescita. A seguito del processo di conferimento, che dovrebbe essere completato entro la fine di aprile, la compagnia deterrà il 52,2% del capitale della controllata Covivio Hotels e lancerà un'offerta pubblica di scambio obbligatoria per la quota restante del capitale". L'offerta, soggetta all'approvazione dell'organismo di vigilanza Amf, dovrà essere approvata dall'assemblea generale di Covivio il 17 aprile 2024. Al momento, Covivio Hotels è controllata al 43,9% da Covivio e al 53,5% da investitori istituzionali di lungo termine: Crédit Agricole Assurances, Bnp Paribas Cardif, Generali, Assurances du Crédit Mutuel, Sogecap e Cdc. "Trainato dalla tendenza a lungo termine dello sviluppo del turismo - prosegue la nota - il settore dell'hospitality offre solide prospettive di crescita. Registrando un amento medio dei prezzi del 10% nel 2023 rispetto al 2022, il settore ha dimostrato ancora una volta il suo pricing power. Dal 2009, il revpar è aumentato in media del 3,4% all'anno, mentre l'inflazione è aumentata del 2,2%. Le prospettive di crescita della domanda sono promettenti grazie allo sviluppo del turismo, sia per i clienti nazionali (crescita media dei pernottamenti prevista del 3,3% annuo entro il 2030), sia per quelli internazionali (crescita annua prevista del 6%). Anche la debolezza dell'offerta futura dovrebbe stimolare l'aumento del revpar: a fronte di una crescita prevista del 5% annuo dei pernottamenti entro il 2030, l'offerta futura rappresenta in media il 3% dello stock esistente in Europa e solo l'1,5% in Francia. Nel frattempo, le pressioni politiche e normative limitano sia lo sviluppo di strutture turistiche di tipo Airbnb, sia l'apertura di nuovi hotel". Con l'acquisizione della partecipazione di Generali in Covivio Hotels, il gruppo rafforza la propria esposizione a un portfolio di 313 hotel, l'89% dei quali situato nelle principali città turistiche europee come Parigi, Berlino, Roma, Londra, Barcellona e Madrid. La quota di alberghi nel portfolio di Covivio salirà al 20% rispetto al 17% alla fine del 2023 (fino al 32% in caso di possesso del 100% delle azioni a seguito dell'offerta), accelerando così il bilanciamento del portafoglio tra uffici, residenziale e hotel. [post_title] => Covivio rafforza la presa sull'alberghiero: un settore "dalle solide prospettive di crescita" [post_date] => 2024-02-22T12:47:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708606073000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458900 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con una crescita del +6% del numero di passeggeri movimentati il 2023 dell'Aeroporto di Bologna ha definitivamente sancito il superamento dei livelli di traffico pre-Covid. Gli oltre 9,96 milioni di passeggeri (+17,4% sul 2022) rappresentano anche il miglior risultato annuale mai raggiungo dal Marconi. Dopo un inizio anno ancora “tiepido”, con numeri in aumento sul 2022 ma ancora inferiori allo stesso periodo del 2019, dal mese di maggio si è registrata la prima inversione di tendenza, con il dato progressivo dei passeggeri in campo positivo (+0,5%) anche rispetto all’ultimo anno senza Covid. Ma è in estate che si è evidenziato il picco mensile di passeggeri, con circa un milione di passeggeri al mese per giugno, luglio, agosto e settembre ed un incremento sui dati del 2019 che è andato via via crescendo. Nel 2023 i passeggeri su voli domestici sono stati 2.438.699, in crescita del 10,0% sul 2022 e del 24,6% sul 2019, mentre quelli sui voli internazionali sono stati 7.521.506, in aumento del 20,0% sul 2022 e dell’1,1% sul 2019. I movimenti aerei annuali sono stati 73.718, in crescita del 12,5% sul 2022 e dell’1,1% sul 2019, mentre le merci trasportate per via aerea sono state 41.174 tonnellate in calo rispetto al 2022 (-4,1%) ma in aumento sul 2019 (+8,3%). Nella classifica delle destinazioni “più volate” nel 2023 troviamo Catania, Barcellona e Palermo ai primi tre posti (come già per il 2022). Seguono: Tirana, Parigi Charles de Gaulle, Madrid, Londra Heathrow, Istanbul, Francoforte e Brindisi. Si evidenziano, in particolare, la forte crescita della capitale albanese (+48,8% sul 2022) e l’ingresso nella “top ten” della città turca, che ha registrato un incremento di passeggeri da/per Bologna del 38,5% sull’anno precedente. [post_title] => L'Aeroporto di Bologna sfiora i 10 mln di passeggeri nel 2023, è il miglior dato di sempre [post_date] => 2024-01-05T10:25:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704450358000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458324 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ci sarà anche Tokyo all'interno del network lungo raggio 2024 di Iberia: la compagnia spagnola riprenderà i voli da Madrid per l'aeroporto internazionale Narita il 27 ottobre 2024, in concomitanza all'inizio della stagione invernale. Il collegamento annuale sarà operato tre volte alla settimana (il giovedì, sabato e domenica da Madrid e il lunedì, venerdì e domenica da Tokyo) è sarà l'unica opzione diretta che collegherà la Spagna al Giappone. Iberia offrirà oltre 45.000 posti sulla rotta durante la prossima stagione invernale, le vendite sono già aperte. A causa della chiusura dello spazio aereo russo, il percorso di volo per Tokio è stato modificato: i passeggeri che voleranno andata e ritorno con Iberia faranno il giro del mondo, poiché l'andata da Madrid a Tokyo avverrà attraverso il Sud e l'arrivo attraverso il Nord, sopra la Russia, attraverso l'oceano Pacifico e l'Artico. Sulla rotta la compagnia impiegherà l'Airbus A350 da 330 passeggeri configurato con 31 posti in Business class, 24 in Premium economy e 293 in economy. [post_title] => Iberia ripristinerà la rotta Madrid-Tokyo dal 27 ottobre 2024 [post_date] => 2023-12-19T09:25:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702977912000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È stato firmato  il contratto per la realizzazione del nuovo molo crociere alla Spezia. Il documento è stato sottoscritto dal presidente dell’Autorità di sistema portuale del mar Ligure Orientale, Mario Sommariva e da Davide Adreani, in rappresentanza dell’Ati aggiudicataria del contratto di appalto. L’importo del contratto di appalto ammonta a euro 47.894.834,75, oltre a euro 542.461,80 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso. L’appalto è cofinanziato dal fondo complementare Pnrr. La durata prevista dei lavori è quantificabile in 710 giorni. L’opera di nuova infrastrutturazione è indispensabile per il potenziamento dell’offerta crocieristica della Spezia ed è ricompresa nel più generale progetto di riqualificazione del waterfront spezzino. Il progetto del nuovo molo crociere prevede la realizzazione di una nuova struttura di banchina a giorno, sovrastata da un piazzale multifunzionale, con funzione di hub di interscambio tra nave e terraferma; il piazzale sarà funzionale, in un primo momento, a ospitare le funzioni primarie di sbarco (assieme all’attuale cruise terminal), per poi diventare la base su cui realizzare buona parte della nuova stazione marittima. Il molo crociere, di forma planimetrica trapezoidale della superficie di 16.900 mq, è costituito da un impalcato a giorno su cassoni cellulari e prevede la realizzazione di due banchine della lunghezza di 393 e 339 metri per l’accosto di due navi da crociera di ultima generazione, che saranno alimentate mediante cold ironing. «Si tratta di un’opera fondamentale per lo sviluppo del traffico crocieristico del porto della Spezia - spiega lo stesso Sommariva - in parte finanziata con il Fondo complementare al Pnrr, ma si tratta, soprattutto, dell’opera che innescherà il complessivo sviluppo del porto secondo le linee tracciate dal vigente piano regolatore: molo crociere, nuovo terminal Ravano, ampliamento del terminal del Golfo, nuovo waterfront di Calata Paita e il completamento delle opere ferroviarie e della nuova fascia di rispetto. Queste opere che si realizzeranno secondo tempistiche praticamente contestuali, rappresentano il compimento di un disegno strategico che assicurerà, nel suo insieme lo sviluppo industriale – logistico, quello turistico e un nuovo assetto delle relazioni fra porto e città all’insegna del recupero di fruibilità di nuovi spazi urbani per la cittadinanza». [post_title] => La Spezia, al via i lavori per il nuovo Molo Crociere da oltre 48 milioni di euro [post_date] => 2023-12-04T09:26:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701681993000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456440 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo sardo Iti Marina si è recentemente aggiudicato all'asta l'hotel Panorama di Cagliari per 8,3 milioni di euro. Inaugurata nel 1982, questo 4 stelle da 100 camere è stato per anni una delle strutture di punta del capoluogo, ma negli ultimi tempi ha subito i contraccolpi della crisi pandemica. L'albergo è infatti chiuso dal 2021, a seguito di un concordato preventivo siglato dalla precedente proprietà, che aveva accumulato debiti per oltre 10 milioni. La struttura si  sviluppa su una superficie di oltre 2.300 metri quadrati distribuiti su undici piani. A completare l'offerta, una piscina, un bar e una sala fitness. Il gruppo Iti, guidato dai fratelli Piero e Francesco Loi, pensa ora di ristrutturare l'albergo, aprendo anche un ristorante all'ultimo piano. La compagnia con base a Orosei gestisce a oggi un portfolio di 35 hotel, tutti situati in Sardegna. [post_title] => Il gruppo Iti Marina si espande a Cagliari con un nuovo 4 stelle da 100 camere [post_date] => 2023-11-20T12:43:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700484222000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455118 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viaggio in treno protagonista delle scelte dei turisti per spostarsi durante il prossimo ponte di Ognissanti: secondo i dati raccolti da Trainline quest’anno il numero di passeggeri è aumentato del 52% rispetto alla settimana precedente (il periodo considerato è quello che va dal 31 ottobre al 5 novembre 2023 rispetto a quello dal 24 al 29 ottobre 2023). In particolare, le cinque destinazioni che hanno visto il maggior incremento nel numero di passeggeri rispetto alla settimana precedente sono: Bolzano +288%, Pisa +193%, Reggio Emilia +160%, Ferrara +158% e Firenze +106%. Una menzione speciale va a Lucca che anche quest’anno ospiterà il Lucca Comics and Games (1-5 novembre). Gli appassionati di fumetti hanno scelto ancora una volta di raggiungere la cittadina toscana in treno: Trainline segnala infatti un aumento del 41% rispetto al periodo in cui si è svolta l’edizione 2022 della fiera. Non sono solo le destinazioni nazionali a riscuotere successo: la tedesca Monaco e la svizzera Zurigo sono mete sempre più ambite tra i passeggeri italiani in viaggio durante il weekend di Ognissanti.  “Dopo la fine delle ferie estive, il ponte di Ognissanti rappresenta il primo momento in cui gli italiani possono godersi un attimo di relax in cui organizzare una breve vacanza, come testimoniato anche dai dati rilevati dalla nostra piattaforma - afferma Andrea Saviane, country manager di Trainline per l’Italia -. I viaggiatori che scelgono il treno come mezzo di trasporto per i ponti sono sempre di più, complice anche la comodità di raggiungere il centro delle principali città italiane ed europee. E proprio per questo la nostra mission è quella di rendere l’esperienza di viaggio quanto più semplice e rilassante possibile”. [post_title] => Trainline: prenotazioni a +52% per il ponte di Ognissanti [post_date] => 2023-10-31T09:15:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1698743731000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453881 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_402293" align="alignleft" width="293"] Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti[/caption] La stagione estiva mostra bilanci molto positivi sul fronte delle presenze straniere in Italia. I turisti che si muove verso le città della penisola sono in aumento del +3,6% rispetto al 2022. Questo il dato riportato da Assoturismo Confesercenti sulla base di un’indagine realizzata dal CST, Centro studi turistici di Firenze. L’aumento degli stranieri è stato avvertito maggiormente nel settore alberghiero (+4,9%) ma anche nelle strutture complementari (+2,2%). Le mete in generale privilegiate per chi arriva dall’estero sono le città d’arte con un +6,5%. I mercati che hanno fatto registrare una crescita significativa risultano i francesi, olandesi, statunitensi e polacchi. In leggero aumento anche gli arrivi dalla Repubblica Ceca, Belgio, Svizzera, Australia, Canada, Ungheria, Spagna e Regno Unito. Stabilità per i turisti di Brasile, Germania, Scandinavia, Corea del Sud e Israele. In calo indiani, austriaci, cinesi e giapponesi. Emergono così significativi cambiamenti nei trend dei mercati di interesse. Le provenienze dai paesi europei sono rimaste comunque maggioritarie, ma in termini di dinamismo nella crescita degli arrivi sono state registrate delle variazioni importanti. I francesi sono in aumento, soprattutto dalle strutture del Nord Ovest, del Sud e Isole e del Centro, e preferiscono laghi, montagna e città d’arte. Anche i turisti provenienti dai Paesi Bassi risultano in buona crescita con una predilezione per il balneare, i laghi, la campagna/collina e la montagna.​ I turisti dalla Polonia sono segnalati maggiormente nelle regioni del Nord Est, Centro e Nord Ovest e le loro tipologie di prodotto prescelte sono state le città d’arte, le aree rurali e la montagna.​ E se dal Belgio preferiscono le località di montagna, marine e di campagna/collina, dalla Repubblica Ceca scelgono soprattutto le aree del Nord Est e mostrano un interesse prevalente per il prodotto laghi, mare e terme.​ Infine, i turisti dalla Svizzera, segnalati soprattutto nelle aree del Nord Ovest e del Sud e Isole, che hanno privilegiato le località marine, le aree rurali, di montagna e le terme.​ Passando ai mercati extra-europei, prima sorpresa dagli Stati Uniti, che tornano a visitare l’Italia e vengono indicati in aumento soprattutto nelle regioni del Centro, Sud e Isole: in assoluto le tipologie di prodotto prescelte sono state le città d’arte, le aree rurali/collina e la montagna.​ Bene gli australiani, mercato dal forte dinamismo anche se ancora con un’incidenza modesta: scelgono soprattutto sud, isole e centro con una preferenza per le città d’arte, il balneare e i laghi.​ “Gli stranieri hanno dato una grossa mano al turismo italiano in questa stagione estiva. L’Italia – commenta Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti, a margine dell’apertura del TTG di Rimini – conferma il suo straordinario appeal in tutto il mondo, rimarcato da un buon andamento del mese di settembre per la domanda straniera, soprattutto nelle principali città d'arte, dove in alcuni casi si sono registrati incrementi a doppia cifra. Questi dati sono importanti e ci spronano a fare sempre meglio: è necessario lavorare tutti insieme per affrontare i problemi storici del nostro turismo, come ad esempio il nodo infrastrutture, le tariffe aeree e la destagionalizzazione, ma anche quelli più attuali come i cambiamenti climatici e il mismatch tra domande e offerta di lavoro”.   [post_title] => Assoturismo, +6,5% l'incoming sulle città d'arte italiane [post_date] => 2023-10-12T09:36:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1697103406000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 452395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A partire dal prossimo dicembre il brand norvegese di crociere di spedizioni Hurtigruten Expeditions cambierà nome in Hx. Allo stesso tempo il marchio Hurtigruten Norway verrà semplificato in Hurtigruten, che poi è l'appellativo con cui l'omonimo postale viene identificato ormai da 130 anni, da quando cioè la compagnia ha iniziato a operare il Norwegian Coastal Express. Si completa così il processo di separazione dei due diversi business del gruppo Hurtigruten, iniziato nel 2020. "Il nome Hurtigruten è sinonimo di viaggi in Norvegia dal 1893 - sottolinea infatti il ceo del gruppo, Daniel Skjeldam -, mentre Hx identificherà d'ora in poi la nostra proposta di itinerari di spedizione dal carattere sostenibile con una presenza globale crescente". Il nuovo logo sarà visibile a partire da dicembre su tutte le brochures, i siti web e i canali social. Le navi saranno ribrandizzate nel giro dei prossimo 18 mesi A partire da quest'anno, Hx sarà l'unica linea a operare negli arcipelaghi dell'Africa Occidentale, includendo sia Capo Verde, sia le isole Bissagos. In vista della stagione antartica 2024-2025, Hx offrirà 36 crociere di spedizione distribuite in otto viaggi differenti di durata compresa tra i 12 e i 24 giorni. Ulteriori destinazioni toccate dalla compagnia sono l'Alaska, l'Islanda, il canadese Passaggio a Nord-Ovest, le isole britanniche, le Galapagos e altro ancora. [post_title] => Hurtigruten Expeditions cambia nome e diventa Hx [post_date] => 2023-09-19T15:10:32+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1695136232000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 451789 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'offerta poliedrica così come il carattere che la contraddistingue: Rio de Janeiro è una destinazione in grado di accogliere ogni segmento di turismo, sia business sia leisure. E dalla fine di ottobre sarà anche collegata con un volo diretto dall'Italia, operato da Ita Airways. Proprio le numerose potenzialità della metropoli brasiliana sono state al centro della presentazione che si è svolta a Roma da parte del Segretario di Turismo dello Stato di Rio de Janeiro Gustavo Tutuca: «Rio conta 3.257 strutture ricettive, oltre 750 agenzie di trasporto turistico, 894 aziende organizzatrici di eventi, 4.762 agenzie di viaggio e oltre 10.000 guide turistiche». Tantissimi gli eventi di richiamo internazionale, uno su tutti il carnevale che «è la più grande manifestazione culturale del pianeta, che si svolge in un periodo di circa 50 giorni. La preparazione per la festa inizia circa 7 mesi prima della data e nel complesso vengono generati più di 100 mila posti di lavoro. Durante le feste di carnevale e Capodanno, il Rio de Janeiro ha un'occupazione media degli hotel del 95%». Nel 2024, per la prima volta, il Brasile ospiterà proprio a Rio il meeting del G20. Oltre i confini della metropoli, «a pochi chilometri di distanza sono raggiungibili le più diverse destinazioni fra spiaggia, campagna, montagna, con attrazioni turistiche differenziate, come ecoturismo, religioso, sportivo e culturale».. [post_title] => Brasile: Rio de Janeiro chiama Italia, con un prodotto che spazia dal leisure agli eventi [post_date] => 2023-09-07T15:21:09+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1694100069000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "893" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":50,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462092","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fronte di un mercato real estate globale che mostra segnali poco brillanti ormai da un paio di anni a questa parte, l'asset class hotel pare però andare controtendenza e attirare crescenti interessi da parte degli investitori. Gli alti tassi di interesse e il relativo declino degli investimenti in immobili tradizionali come gli uffici, a seguito del diffondersi delle pratiche di smart working, non incentivano infatti le transazioni, ma gli edifici a uso ricettivo stanno dimostrando una vivacità tale da sembrare poter vincere le reticenze di molti capitali.\r\n\r\nLo dimostra anche la recente mossa di un colosso come Covivio, che ha appena siglato un accordo per l'acquisizione della quota dell'8,3% detenuta da Generali nella controllata Covivio Hotels, in cambio di nuove azioni della stessa Covivio. \"L'operazione, che equivale all’acquisizione di asset per 500 milioni di euro e a un aumento di capitale di circa 300 milioni - si legge in una nota -, segna un passo importante per il rafforzamento del gruppo quotato all'Euronext di Parigi nel settore alberghiero: un mercato in crescita. A seguito del processo di conferimento, che dovrebbe essere completato entro la fine di aprile, la compagnia deterrà il 52,2% del capitale della controllata Covivio Hotels e lancerà un'offerta pubblica di scambio obbligatoria per la quota restante del capitale\". L'offerta, soggetta all'approvazione dell'organismo di vigilanza Amf, dovrà essere approvata dall'assemblea generale di Covivio il 17 aprile 2024. Al momento, Covivio Hotels è controllata al 43,9% da Covivio e al 53,5% da investitori istituzionali di lungo termine: Crédit Agricole Assurances, Bnp Paribas Cardif, Generali, Assurances du Crédit Mutuel, Sogecap e Cdc.\r\n\r\n\"Trainato dalla tendenza a lungo termine dello sviluppo del turismo - prosegue la nota - il settore dell'hospitality offre solide prospettive di crescita. Registrando un amento medio dei prezzi del 10% nel 2023 rispetto al 2022, il settore ha dimostrato ancora una volta il suo pricing power. Dal 2009, il revpar è aumentato in media del 3,4% all'anno, mentre l'inflazione è aumentata del 2,2%. Le prospettive di crescita della domanda sono promettenti grazie allo sviluppo del turismo, sia per i clienti nazionali (crescita media dei pernottamenti prevista del 3,3% annuo entro il 2030), sia per quelli internazionali (crescita annua prevista del 6%). Anche la debolezza dell'offerta futura dovrebbe stimolare l'aumento del revpar: a fronte di una crescita prevista del 5% annuo dei pernottamenti entro il 2030, l'offerta futura rappresenta in media il 3% dello stock esistente in Europa e solo l'1,5% in Francia. Nel frattempo, le pressioni politiche e normative limitano sia lo sviluppo di strutture turistiche di tipo Airbnb, sia l'apertura di nuovi hotel\".\r\n\r\nCon l'acquisizione della partecipazione di Generali in Covivio Hotels, il gruppo rafforza la propria esposizione a un portfolio di 313 hotel, l'89% dei quali situato nelle principali città turistiche europee come Parigi, Berlino, Roma, Londra, Barcellona e Madrid. La quota di alberghi nel portfolio di Covivio salirà al 20% rispetto al 17% alla fine del 2023 (fino al 32% in caso di possesso del 100% delle azioni a seguito dell'offerta), accelerando così il bilanciamento del portafoglio tra uffici, residenziale e hotel.","post_title":"Covivio rafforza la presa sull'alberghiero: un settore \"dalle solide prospettive di crescita\"","post_date":"2024-02-22T12:47:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708606073000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458900","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con una crescita del +6% del numero di passeggeri movimentati il 2023 dell'Aeroporto di Bologna ha definitivamente sancito il superamento dei livelli di traffico pre-Covid. Gli oltre 9,96 milioni di passeggeri (+17,4% sul 2022) rappresentano anche il miglior risultato annuale mai raggiungo dal Marconi.\r\nDopo un inizio anno ancora “tiepido”, con numeri in aumento sul 2022 ma ancora inferiori allo stesso periodo del 2019, dal mese di maggio si è registrata la prima inversione di tendenza, con il dato progressivo dei passeggeri in campo positivo (+0,5%) anche rispetto all’ultimo anno senza Covid. Ma è in estate che si è evidenziato il picco mensile di passeggeri, con circa un milione di passeggeri al mese per giugno, luglio, agosto e settembre ed un incremento sui dati del 2019 che è andato via via crescendo.\r\nNel 2023 i passeggeri su voli domestici sono stati 2.438.699, in crescita del 10,0% sul 2022 e del 24,6% sul 2019, mentre quelli sui voli internazionali sono stati 7.521.506, in aumento del 20,0% sul 2022 e dell’1,1% sul 2019.\r\nI movimenti aerei annuali sono stati 73.718, in crescita del 12,5% sul 2022 e dell’1,1% sul 2019, mentre le merci trasportate per via aerea sono state 41.174 tonnellate in calo rispetto al 2022 (-4,1%) ma in aumento sul 2019 (+8,3%).\r\nNella classifica delle destinazioni “più volate” nel 2023 troviamo Catania, Barcellona e Palermo ai primi tre posti (come già per il 2022). Seguono: Tirana, Parigi Charles de Gaulle, Madrid, Londra Heathrow, Istanbul, Francoforte e Brindisi. Si evidenziano, in particolare, la forte crescita della capitale albanese (+48,8% sul 2022) e l’ingresso nella “top ten” della città turca, che ha registrato un incremento di passeggeri da/per Bologna del 38,5% sull’anno precedente.","post_title":"L'Aeroporto di Bologna sfiora i 10 mln di passeggeri nel 2023, è il miglior dato di sempre","post_date":"2024-01-05T10:25:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1704450358000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458324","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ci sarà anche Tokyo all'interno del network lungo raggio 2024 di Iberia: la compagnia spagnola riprenderà i voli da Madrid per l'aeroporto internazionale Narita il 27 ottobre 2024, in concomitanza all'inizio della stagione invernale.\r\n\r\nIl collegamento annuale sarà operato tre volte alla settimana (il giovedì, sabato e domenica da Madrid e il lunedì, venerdì e domenica da Tokyo) è sarà l'unica opzione diretta che collegherà la Spagna al Giappone.\r\n\r\nIberia offrirà oltre 45.000 posti sulla rotta durante la prossima stagione invernale, le vendite sono già aperte.\r\n\r\nA causa della chiusura dello spazio aereo russo, il percorso di volo per Tokio è stato modificato: i passeggeri che voleranno andata e ritorno con Iberia faranno il giro del mondo, poiché l'andata da Madrid a Tokyo avverrà attraverso il Sud e l'arrivo attraverso il Nord, sopra la Russia, attraverso l'oceano Pacifico e l'Artico.\r\n\r\nSulla rotta la compagnia impiegherà l'Airbus A350 da 330 passeggeri configurato con 31 posti in Business class, 24 in Premium economy e 293 in economy.","post_title":"Iberia ripristinerà la rotta Madrid-Tokyo dal 27 ottobre 2024","post_date":"2023-12-19T09:25:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1702977912000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È stato firmato  il contratto per la realizzazione del nuovo molo crociere alla Spezia. Il documento è stato sottoscritto dal presidente dell’Autorità di sistema portuale del mar Ligure Orientale, Mario Sommariva e da Davide Adreani, in rappresentanza dell’Ati aggiudicataria del contratto di appalto. L’importo del contratto di appalto ammonta a euro 47.894.834,75, oltre a euro 542.461,80 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso. L’appalto è cofinanziato dal fondo complementare Pnrr. La durata prevista dei lavori è quantificabile in 710 giorni.\r\n\r\nL’opera di nuova infrastrutturazione è indispensabile per il potenziamento dell’offerta crocieristica della Spezia ed è ricompresa nel più generale progetto di riqualificazione del waterfront spezzino. Il progetto del nuovo molo crociere prevede la realizzazione di una nuova struttura di banchina a giorno, sovrastata da un piazzale multifunzionale, con funzione di hub di interscambio tra nave e terraferma; il piazzale sarà funzionale, in un primo momento, a ospitare le funzioni primarie di sbarco (assieme all’attuale cruise terminal), per poi diventare la base su cui realizzare buona parte della nuova stazione marittima. Il molo crociere, di forma planimetrica trapezoidale della superficie di 16.900 mq, è costituito da un impalcato a giorno su cassoni cellulari e prevede la realizzazione di due banchine della lunghezza di 393 e 339 metri per l’accosto di due navi da crociera di ultima generazione, che saranno alimentate mediante cold ironing.\r\n\r\n«Si tratta di un’opera fondamentale per lo sviluppo del traffico crocieristico del porto della Spezia - spiega lo stesso Sommariva - in parte finanziata con il Fondo complementare al Pnrr, ma si tratta, soprattutto, dell’opera che innescherà il complessivo sviluppo del porto secondo le linee tracciate dal vigente piano regolatore: molo crociere, nuovo terminal Ravano, ampliamento del terminal del Golfo, nuovo waterfront di Calata Paita e il completamento delle opere ferroviarie e della nuova fascia di rispetto. Queste opere che si realizzeranno secondo tempistiche praticamente contestuali, rappresentano il compimento di un disegno strategico che assicurerà, nel suo insieme lo sviluppo industriale – logistico, quello turistico e un nuovo assetto delle relazioni fra porto e città all’insegna del recupero di fruibilità di nuovi spazi urbani per la cittadinanza».","post_title":"La Spezia, al via i lavori per il nuovo Molo Crociere da oltre 48 milioni di euro","post_date":"2023-12-04T09:26:33+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1701681993000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456440","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo sardo Iti Marina si è recentemente aggiudicato all'asta l'hotel Panorama di Cagliari per 8,3 milioni di euro. Inaugurata nel 1982, questo 4 stelle da 100 camere è stato per anni una delle strutture di punta del capoluogo, ma negli ultimi tempi ha subito i contraccolpi della crisi pandemica. L'albergo è infatti chiuso dal 2021, a seguito di un concordato preventivo siglato dalla precedente proprietà, che aveva accumulato debiti per oltre 10 milioni.\r\n\r\nLa struttura si  sviluppa su una superficie di oltre 2.300 metri quadrati distribuiti su undici piani. A completare l'offerta, una piscina, un bar e una sala fitness. Il gruppo Iti, guidato dai fratelli Piero e Francesco Loi, pensa ora di ristrutturare l'albergo, aprendo anche un ristorante all'ultimo piano. La compagnia con base a Orosei gestisce a oggi un portfolio di 35 hotel, tutti situati in Sardegna.","post_title":"Il gruppo Iti Marina si espande a Cagliari con un nuovo 4 stelle da 100 camere","post_date":"2023-11-20T12:43:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1700484222000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455118","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Viaggio in treno protagonista delle scelte dei turisti per spostarsi durante il prossimo ponte di Ognissanti: secondo i dati raccolti da Trainline quest’anno il numero di passeggeri è aumentato del 52% rispetto alla settimana precedente (il periodo considerato è quello che va dal 31 ottobre al 5 novembre 2023 rispetto a quello dal 24 al 29 ottobre 2023).\r\n\r\nIn particolare, le cinque destinazioni che hanno visto il maggior incremento nel numero di passeggeri rispetto alla settimana precedente sono: Bolzano +288%, Pisa +193%, Reggio Emilia +160%, Ferrara +158% e Firenze +106%.\r\n\r\nUna menzione speciale va a Lucca che anche quest’anno ospiterà il Lucca Comics and Games (1-5 novembre). Gli appassionati di fumetti hanno scelto ancora una volta di raggiungere la cittadina toscana in treno: Trainline segnala infatti un aumento del 41% rispetto al periodo in cui si è svolta l’edizione 2022 della fiera.\r\n\r\nNon sono solo le destinazioni nazionali a riscuotere successo: la tedesca Monaco e la svizzera Zurigo sono mete sempre più ambite tra i passeggeri italiani in viaggio durante il weekend di Ognissanti. \r\n\r\n“Dopo la fine delle ferie estive, il ponte di Ognissanti rappresenta il primo momento in cui gli italiani possono godersi un attimo di relax in cui organizzare una breve vacanza, come testimoniato anche dai dati rilevati dalla nostra piattaforma - afferma Andrea Saviane, country manager di Trainline per l’Italia -. I viaggiatori che scelgono il treno come mezzo di trasporto per i ponti sono sempre di più, complice anche la comodità di raggiungere il centro delle principali città italiane ed europee. E proprio per questo la nostra mission è quella di rendere l’esperienza di viaggio quanto più semplice e rilassante possibile”.","post_title":"Trainline: prenotazioni a +52% per il ponte di Ognissanti","post_date":"2023-10-31T09:15:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1698743731000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453881","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_402293\" align=\"alignleft\" width=\"293\"] Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti[/caption]\r\n\r\nLa stagione estiva mostra bilanci molto positivi sul fronte delle presenze straniere in Italia. I turisti che si muove verso le città della penisola sono in aumento del +3,6% rispetto al 2022.\r\n\r\nQuesto il dato riportato da Assoturismo Confesercenti sulla base di un’indagine realizzata dal CST, Centro studi turistici di Firenze.\r\n\r\nL’aumento degli stranieri è stato avvertito maggiormente nel settore alberghiero (+4,9%) ma anche nelle strutture complementari (+2,2%). Le mete in generale privilegiate per chi arriva dall’estero sono le città d’arte con un +6,5%.\r\n\r\nI mercati che hanno fatto registrare una crescita significativa risultano i francesi, olandesi, statunitensi e polacchi. In leggero aumento anche gli arrivi dalla Repubblica Ceca, Belgio, Svizzera, Australia, Canada, Ungheria, Spagna e Regno Unito. Stabilità per i turisti di Brasile, Germania, Scandinavia, Corea del Sud e Israele. In calo indiani, austriaci, cinesi e giapponesi. Emergono così significativi cambiamenti nei trend dei mercati di interesse. Le provenienze dai paesi europei sono rimaste comunque maggioritarie, ma in termini di dinamismo nella crescita degli arrivi sono state registrate delle variazioni importanti.\r\n\r\nI francesi sono in aumento, soprattutto dalle strutture del Nord Ovest, del Sud e Isole e del Centro, e preferiscono laghi, montagna e città d’arte. Anche i turisti provenienti dai Paesi Bassi risultano in buona crescita con una predilezione per il balneare, i laghi, la campagna/collina e la montagna.​ I turisti dalla Polonia sono segnalati maggiormente nelle regioni del Nord Est, Centro e Nord Ovest e le loro tipologie di prodotto prescelte sono state le città d’arte, le aree rurali e la montagna.​ E se dal Belgio preferiscono le località di montagna, marine e di campagna/collina, dalla Repubblica Ceca scelgono soprattutto le aree del Nord Est e mostrano un interesse prevalente per il prodotto laghi, mare e terme.​ Infine, i turisti dalla Svizzera, segnalati soprattutto nelle aree del Nord Ovest e del Sud e Isole, che hanno privilegiato le località marine, le aree rurali, di montagna e le terme.​\r\n\r\nPassando ai mercati extra-europei, prima sorpresa dagli Stati Uniti, che tornano a visitare l’Italia e vengono indicati in aumento soprattutto nelle regioni del Centro, Sud e Isole: in assoluto le tipologie di prodotto prescelte sono state le città d’arte, le aree rurali/collina e la montagna.​ Bene gli australiani, mercato dal forte dinamismo anche se ancora con un’incidenza modesta: scelgono soprattutto sud, isole e centro con una preferenza per le città d’arte, il balneare e i laghi.​\r\n\r\n“Gli stranieri hanno dato una grossa mano al turismo italiano in questa stagione estiva. L’Italia – commenta Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti, a margine dell’apertura del TTG di Rimini – conferma il suo straordinario appeal in tutto il mondo, rimarcato da un buon andamento del mese di settembre per la domanda straniera, soprattutto nelle principali città d'arte, dove in alcuni casi si sono registrati incrementi a doppia cifra. Questi dati sono importanti e ci spronano a fare sempre meglio: è necessario lavorare tutti insieme per affrontare i problemi storici del nostro turismo, come ad esempio il nodo infrastrutture, le tariffe aeree e la destagionalizzazione, ma anche quelli più attuali come i cambiamenti climatici e il mismatch tra domande e offerta di lavoro”.\r\n\r\n ","post_title":"Assoturismo, +6,5% l'incoming sulle città d'arte italiane","post_date":"2023-10-12T09:36:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1697103406000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"452395","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A partire dal prossimo dicembre il brand norvegese di crociere di spedizioni Hurtigruten Expeditions cambierà nome in Hx. Allo stesso tempo il marchio Hurtigruten Norway verrà semplificato in Hurtigruten, che poi è l'appellativo con cui l'omonimo postale viene identificato ormai da 130 anni, da quando cioè la compagnia ha iniziato a operare il Norwegian Coastal Express. Si completa così il processo di separazione dei due diversi business del gruppo Hurtigruten, iniziato nel 2020.\r\n\r\n\"Il nome Hurtigruten è sinonimo di viaggi in Norvegia dal 1893 - sottolinea infatti il ceo del gruppo, Daniel Skjeldam -, mentre Hx identificherà d'ora in poi la nostra proposta di itinerari di spedizione dal carattere sostenibile con una presenza globale crescente\". Il nuovo logo sarà visibile a partire da dicembre su tutte le brochures, i siti web e i canali social. Le navi saranno ribrandizzate nel giro dei prossimo 18 mesi\r\n\r\nA partire da quest'anno, Hx sarà l'unica linea a operare negli arcipelaghi dell'Africa Occidentale, includendo sia Capo Verde, sia le isole Bissagos. In vista della stagione antartica 2024-2025, Hx offrirà 36 crociere di spedizione distribuite in otto viaggi differenti di durata compresa tra i 12 e i 24 giorni. Ulteriori destinazioni toccate dalla compagnia sono l'Alaska, l'Islanda, il canadese Passaggio a Nord-Ovest, le isole britanniche, le Galapagos e altro ancora.","post_title":"Hurtigruten Expeditions cambia nome e diventa Hx","post_date":"2023-09-19T15:10:32+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1695136232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"451789","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nUn'offerta poliedrica così come il carattere che la contraddistingue: Rio de Janeiro è una destinazione in grado di accogliere ogni segmento di turismo, sia business sia leisure. E dalla fine di ottobre sarà anche collegata con un volo diretto dall'Italia, operato da Ita Airways.\r\n\r\nProprio le numerose potenzialità della metropoli brasiliana sono state al centro della presentazione che si è svolta a Roma da parte del Segretario di Turismo dello Stato di Rio de Janeiro Gustavo Tutuca: «Rio conta 3.257 strutture ricettive, oltre 750 agenzie di trasporto turistico, 894 aziende organizzatrici di eventi, 4.762 agenzie di viaggio e oltre 10.000 guide turistiche».\r\n\r\nTantissimi gli eventi di richiamo internazionale, uno su tutti il carnevale che «è la più grande manifestazione culturale del pianeta, che si svolge in un periodo di circa 50 giorni. La preparazione per la festa inizia circa 7 mesi prima della data e nel complesso vengono generati più di 100 mila posti di lavoro. Durante le feste di carnevale e Capodanno, il Rio de Janeiro ha un'occupazione media degli hotel del 95%».\r\n\r\nNel 2024, per la prima volta, il Brasile ospiterà proprio a Rio il meeting del G20.\r\n\r\nOltre i confini della metropoli, «a pochi chilometri di distanza sono raggiungibili le più diverse destinazioni fra spiaggia, campagna, montagna, con attrazioni turistiche differenziate, come ecoturismo, religioso, sportivo e culturale»..","post_title":"Brasile: Rio de Janeiro chiama Italia, con un prodotto che spazia dal leisure agli eventi","post_date":"2023-09-07T15:21:09+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1694100069000]}]}}

Lascia un commento