1 March 2024

1803

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Product manager, esperto in programmazione e vendita di pacchetti per Scandinavia, Islanda, Groenlandia, Baltico, Russia, programmazione e vendita linee marittime nel nord Europa (Viking Line, Stena Line, Smyril Line, Tallink Silja line, Fjord line, Norfolk Line, DFDS, Color Line e Finnlines). Venticinque anni di esperienza: pubblicità sul web (Google Adwords), direttore tecnico reg. Lombardia e iscritto alle liste di mobilità. Valuto proposte di collaborazione. Per informazioni: Andrea, tel. 335 6140074.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462494 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Risultati record per il 2023 del gruppo Accor, che per la prima volta nella sua storia oltrepassa la soglia del miliardo di euro di margini operativi lordi, raggiungendo quota 1,003 miliardi (così come ha fatto nello stesso anno anche il gruppo Ihg, ndr). Il risultato è stato ottenuto grazie a un incremento sensibile del fatturato, che ha toccato i 5,056 miliardi (+18% su base comparabile rispetto al 2022). La crescita è stata trainata soprattutto dalla divisione luxury & lifestyle, salita del 22%, mentre il giro d'affari del segmento premium, midscale and economy è aumentato del 17%. I profitti netti del gruppo sono infine aumentati del 57%, arrivando a 633 milioni di euro. In tale contesto pure gli hotel in Italia hanno registrato ottime performance, in particolare durante la stagione estiva.  Il fatturato camere ha registrato un +26,6% rispetto al 2022, trainato specialmente dall'aumento del prezzo medio. A supportare la crescita sono stati soprattutto i viaggiatori leisure, che rappresentano il 65,2% della clientela, ma è cresciuta del 33% anche la domanda business. Gli hotel Accor in Italia hanno accolto prevalentemente visitatori provenienti dall'Unione europea, capaci di generare il 30% dei ricavi camere. Buoni anche i flussi dalla Cina e dall'America, grazie alla ripresa dei viaggi a lungo raggio nel corso dell'anno. Si amplia, infine, la finestra di prenotazione con un average booking lead time di 37,6 giorni,  rispetto ai 31,1 giorni del 2022. "Il buon momento che stiamo vivendo in Italia è il risultato della nostra radicata presenza nel Paese nei segmenti premium, midscale ed economy, grazie ai quali continuiamo ad attrarre una forte richiesta da parte dei viaggiatori internazionali, soprattutto durante il periodo estivo", spiega il vice presidente operations Italia e Grecia, Fabiano Aouad. [post_title] => Accor: margini operativi record nel 2023, oltre la soglia del mld. Bene anche la divisione Italia [post_date] => 2024-02-29T12:04:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709208261000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462136 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tradizione da una parte e sguardo rivolto al futuro dall'altra: lo Jutland, penisola della Danimarca, è una terra da vivere in famiglia e praticando diversi sport. Un luogo dove immergersi nella bellezza della natura e in quella dell’arte, lasciandosi conquistare dall’offerta gastronomica. E, soprattutto, l’angolo di mondo ideale per scoprire la “hygge”: quel sentimento di calorosa accoglienza, sicurezza e comodità tipicamente danese che spinge a trovare la felicità nelle piccole cose. Tante le connessioni con l’Italia, operate da Sas, easyJet e Ryanair: i voli raggiungono Copenhagen, ma anche lo Jutland. Molteplici le attività sportive all’aperto, che diventano un momento di incontro. Quest'anno sará la città di Brønderslev ad ospitare la maratona Royal Run, mentre Skagen ha voluto rinnovare il museo marittimo Maskinrummet e Saeby celebra con vivaci festeggiamenti i suoi 500 anni di storia. Si svolgerà poi davanti a 150mila spettatori del Danish Air Show ospitato dalla base aerea di Aalborg. La regione è scarsamente urbanizzata, ideale per praticare kayak, ciclismo, passeggiate, equitazione, bird-watching, nuoto, pesca. Ma anche per ammirare l'onda di sabbia in costante movimento di Råbjerg Mile, che ogni anno si sposta di 15 metri verso nord-est. O assistere allo scontro tra le acque di due mari che si incontrano sulla punta dello Jutland. Il Nordyjlland, il nord dello Jutland è anche una meta amata per i city-break e la tanto attuale street art, riccamente testimoniata sui palazzi di Skagen e Alborg, quest'ultima nota per le innovative strutture architettoniche e gli spazi dedicati all'arte come il museo Kunsten, il centro culturale Utzon, e il Musikken Hus. Grande poi, il fascino di Skagen, la città più settentrionale della Danimarca e, quindi, quella con il più alto indice di luminosità. Con la sua atmosfera bohémien, le spiagge infinite e i siti naturali unici, ha attirato l'interesse di artisti internazionali e degli impressionisti danesi: sono ben 1800 le loro opere esposte nel museo della città. Le famiglie e gli amanti delle escursioni all’aria aperta - a piedi o in bicicletta - potranno poi raggiungere il Kystlandet, la cosa orientale dello Jutland, che si stende per 266 km e offre ben 25 spiagge: i bambini resteranno affascinati dal Giardino Ecologico di Odder - una graziosa cittadina affacciata sul fiume e dal fascino danese - dal "Safari delle alghe" organizzato sull’isola di Endelave e dai tanti parchi giochi attrezzati. Incantevoli le piccole città come Juelsminde con il suo bellissimo porto o Horsens, crocevia tra Europa e Scandinavia, dove vivere un’esperienza alternativa visitando FÆNGSLET - Il Museo della Prigione: il più grande museo carcerario d'Europa.   [post_title] => Danimarca: ecco lo Jutland fra tradizioni, natura e street art [post_date] => 2024-02-23T09:30:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708680627000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461877 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali. I numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore. Tra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera. Un evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«. «Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«. Nei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.   ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ [post_title] => Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori [post_date] => 2024-02-21T10:01:59+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708509719000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461921 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Val Gardena, o Grödnertal se si usa la denominazione in lingua tedesca, è senza ombra di dubbio una delle valli più note di tutto il territorio altoatesino. Qui ogni anno il flusso turistico è impressionante; le stagioni di punta sono quella estiva e quella invernale, ma anche la primavera e l’autunno sono due periodi bellissimi per ammirare questa zona che ha la fortuna di poter vantare molte bellezze naturali, ma anche incantevoli paesi come Ortisei, Selva di Val Gardena e Santa Cristina, tre località bagnate dal Rio Gardena che percorre questa splendida valle. Ora, per quanto qualsiasi periodo dell’anno possa offrire al visitatore qualcosa di altamente suggestivo, ci troviamo nel pieno della stagione invernale ed è quindi delle possibilità che si hanno a disposizione in questo periodo che vogliamo parlarvi, ma prima di farlo vogliamo spassionatamente suggerirvi di prenotare la vostra settimana bianca in questo hotel in Val Gardena con mezza pensione, l’Hotel La Perla, una struttura 4 stelle nel cuore delle Dolomiti, nella splendida località di Ortisei e gestita da più di 50 anni dalla famiglia Kelder (l’inaugurazione risale al 26 dicembre 1963). Oggi gli ospiti dell'hotel hanno a disposizione numerosi servizi di alto livello: piscine, saune, area fitness, idromassaggio zone per il relax e tanto altro. Per di più, nel corso della stagione invernale l’hotel regala ai suoi ospiti il Dolomiti Explorer, un pacchetto che prevede la possibilità, dal lunedì al venerdì, di conoscere un’area sciistica del comprensorio Dolomiti Superski in compagnia di uno dei maestri di sci della scuola di Ortisei. Altre opportunità sono il pacchetto gratuito “sci service” (bus navetta, acquisto dello skipass in hotel, noleggio sci, deposito sci ecc.), il pacchetto “Val Gardena Active” e il Floc Shuttle Service dedicato ai bambini, ovvero il servizio navetta dall’hotel fino alla scuola sciistica di Ortisei. L’inverno in Val Gardena: dallo sci alle escursioni con le ciaspole Perché scegliere la Val Gardena per una vacanza invernale? Presto detto, perché qui avrete a disposizione una delle aree sciistiche più belle del territorio dolomitico, ovvero la zona Val Gardena/Alpe di Siusi appartenente all’associazione Dolomiti Superski. Per chi pratica lo sci alpino ci sono piste per tutti i gusti per un totale di circa 180 km. Le piste rosse (media difficoltà) sono circa 110 km, quelle più facili, le piste blu, sono circa 52 km, mentre i rimanenti 18 km sono di piste nere, quelle adatte agli sciatori più esperti, come per esempio “La Ria” (espressione che in ladino gardenese significa “la difficile”, “la cattiva”); è stata inaugurata da pochi anni e ha pendenze fino al 52%. Da non perdere ci sono poi le cosiddette “Legendary 8”, bellissime piste ricche di storia. Grande divertimento anche per gli snowboarder in Val Gardena grazie al Funpark Sassolungo-Val Gardena e allo Snowpark Sassolungo-Val Gardena. Per quanto riguarda i più piccoli, a Ortisei si trova lo Snowpark Furdenan, aperto tutti i giorni dalle 9 alle 16. Un divertimento alternativo lo si può trovare a monte della funicolare Resciesa a Ortisei, da qui parte infatti una bellissima pista da slittino lunga circa 3 km. Se invece siete dei fondisti, potete recarvi nella vicina Santa Cristina, presso il Centro di Fondo Monte Pana. Qui troverete possibilità per tutti, dal principiante all’esperto. In Val Gardena, infine, sono moltissime le possibilità per praticare entusiasmanti escursioni con le ciaspole.   [post_title] => Val Gardena: perché sceglierla per una vacanza invernale? [post_date] => 2024-02-20T11:36:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( [0] => alpe-di-siusi-alto-adige [1] => grodnertal [2] => ortisei [3] => sci-alpino-val-gardena [4] => sci-val-gardena [5] => sciare-nella-val-gardena [6] => selva-di-val-gardena-e-santa-cristina [7] => settimana-bianca-val-gardena [8] => vacanze-invernali-alpe-di-siusi [9] => vacanze-invernali-in-val-gardena [10] => vacanze-sulla-neve-in-val-gardena [11] => val-gardena ) [post_tag_name] => Array ( [0] => alpe di siusi alto adige [1] => Grödnertal [2] => Ortisei [3] => sci alpino val gardena [4] => sci Val Gardena [5] => sciare nella Val Gardena [6] => Selva di Val Gardena e Santa Cristina [7] => settimana bianca Val Gardena [8] => vacanze invernali alpe di siusi [9] => vacanze invernali in val gardena [10] => vacanze sulla neve in Val Gardena [11] => val gardena ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708429010000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461914 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Alpe di Siusi è una notissima meta vacanziera dell’Alto Adige situata nel cuore del territorio dolomitico. La circondano picchi montuosi di rara bellezza e suggestivi pascoli verdi. Le stagioni turistiche di punta sono quelle quella estiva e quella invernale, ma anche durante la primavera e l’autunno non mancano i visitatori in cerca di panorami mozzafiato, benessere e relax. Quando si apre la stagione sciistica, nella prima settimana di dicembre, le piste del comprensorio sciistico brulicano di appassionati che fin dalla mattina mettono alla prova le loro doti sugli sci. Se anche voi siete fra quelli che amano le varie discipline invernali, dovreste prendere in considerazione una settimana bianca in questo paradiso terrestre magari soggiornando in questo eccezionale eccezionale hotel 5 stelle sull'Alpe di Siusi, il Seiser Alm Urthaler di Compaccio, una struttura di grande raffinatezza ed eleganza gestita dalla famiglia Urthaler da ben quattro generazioni. Al Seiser Alm Urthaler gli ospiti possono usufruire di molti servizi di alto livello; solo per citarne alcuni: piscina panoramica interna con acqua riscaldata a 30 °C, piscina all’aperto, area saune (con sauna finlandese, bagno turco e biosauna), percorso Kneipp, zona relax con accesso al giardino, area fitness di 200 metri quadrati, trattamenti benessere di vario tipo (massaggi, peeling, bagno al fieno ecc.), cucina gourmet, cantina di vini e tanto altro ancora. Compaccio, la località ideale per divertirsi sull’Alpe di Siusi Scegliere di soggiornare a Compaccio è un’ottima idea per una vacanza estiva o per una settimana bianca sull’Alpe di Siusi. Da qui partono cabinovie e seggiovie che portano sull’altopiano più esteso d’Europa. Bellissimo è poi il panorama che lo circonda. Il comprensorio sciistico dell’Alpe di Siusi Non c’è un’attività invernale che non si possa svolgere soggiornando sull’Alpe di Siusi. L’area sciistica dell’Alpe, unita a quella della Val Gardena, forma un comprensorio sciistico di eccezionale livello che arriva a contare circa 180 km di piste e 79 impianti di risalita. Si deve poi sottolineare la presenza del Re Laurino Snowpark Alpe di Siusi, considerato il migliore snowpark d’Italia; non è certo un caso che abbia ricevuto molti riconoscimenti. Anche l’offerta per lo sci di fondo è notevolissima tant’è che qui vengono spesso ad allenarsi anche campioni di livello internazionale. Si ricordano per esempio la pista Compaccio-Ritsch-Compaccio (5,4 km), la pista Möser (5,5 km), la pista Col del Lupo (8,9 km), la pista Hartl (12 km), la pista Panorama (11,3) e diverse altre. Sull’Alpe di Siusi si possono poi fare interessanti e rilassanti escursioni invernali; la rete di sentieri ha una lunghezza di circa 60 km. Sul sito ufficiale dell’Alpe di Siusi si possono trovare diverse indicazioni sui sentieri da percorrere con la specifica della lunghezza e del grado di difficoltà. Se poi sentite il bisogno di un po’ di romanticismo potreste prenotare una gita in carrozza sulla neve; vi godrete panorami innevati stupendi. Per le prenotazioni basta recarsi all’Ufficio Informazioni di Compaccio. Si devono infine segnalare diverse altre iniziative invernali come per esempio i tour guidati a Castel Prösels (XIII sec.) a Fiè allo Sciliar; dopo un tour di un'ora, viene servita una bibita calda. Nel mese di marzo 2024 inoltre, dal 14 al 16 e dal 20 al 22, si terrà la 16esima edizione di Swing on Snow; è una manifestazione che prevede che per 6 giorni al mattino gli sciatori e gli snowboarder siano accompagnati dalle note musicali di varie band. A mezzogiorno invece saranno gli ospiti delle baite a godere delle melodie. Insomma, non c’è proprio modo di annoiarsi durante una settimana bianca sull’Alpe di Siusi. [post_title] => Alpe di Siusi: perché sceglierla per una settimana bianca? [post_date] => 2024-02-20T11:30:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( [0] => alpe-di-siusi [1] => alto-adige [2] => comprensorio-sciistico-compaccio [3] => hotel-5-stelle-alpe-di-siusi-alto-adige [4] => hotel-5-stelle-compaccio [5] => hotel-a-compaccio [6] => hotel-di-lusso-alto-adige [7] => sciare-a-compaccio [8] => seiser-alm-urthaler-di-compaccio [9] => settimana-bianca-compaccio-alto-adige [10] => vacanze-in-alto-adige ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Alpe di Siusi [1] => Alto Adige [2] => comprensorio sciistico compaccio [3] => hotel 5 stelle alpe di siusi alto adige [4] => hotel 5 stelle compaccio [5] => hotel a compaccio [6] => hotel di lusso alto adige [7] => sciare a compaccio [8] => Seiser Alm Urthaler di Compaccio [9] => settimana bianca compaccio alto adige [10] => vacanze in alto adige ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708428608000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461786 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461789" align="alignleft" width="300"] La Carnival Mardi Gras[/caption] Entrerà in servizio nella primavera del 2027 la nuova unità del gruppo Carnival Corporation. Destinata a unirsi alla flotta del brand omonimo è stata ordinata al cantiere navale tedesco Meyer Werft e segna un momento importante per la holding Usa a cui appartiene anche Costa: si tratta infatti della prima nave messa in pipeline da cinque anni a questa parte, a seguito dello scoppio della pandemia nel 2020. L'unità sarà inoltre la decima della classe Excel, la quarta per il brand Carnival Cruise Line, dopo le Mardi Gras, Celebration e Jubilee. Con 180 mila tonnellate di stazza lorda, ospiterà 6.400 passeggeri e sarà alimentata a gas naturale liquefatto. "Basandoci sulle nostre ottime performance e sul crescente slancio della crocieristica in tutto il mondo, siamo entusiasti di riprendere il nostro programma di nuove costruzioni e di arricchire la nostra flotta globale con un'altra nave all'avanguardia", sottolinea il ceo di Carnival Corporation, Josh Weinstein. Con una unità in consegna nel 2025, nessuna per il 2026 e questo ordine per il 2027, la strategia finanziaria del gruppo è tesa a migliorare i bilanci, riducendo in modo significativo il debito: "Stiamo implementando una strategia graduale di espansione, pianificando di aggiungere una o due navi all'anno a partire dal 2027. Queste unità saranno assegnate ai brand che registrano una domanda in aumento e hanno bisogno di più capacità per soddisfarla. Inoltre, ci stiamo focalizzando sull'aumento dei ricavi, continuando a migliorare l'efficienza in tutte le aree operative". A distribuire in esclusiva in Italia il marchio Carnival Cruise Line è l'operatore genovese Gioco Viaggi Tour & Cruise Operator. [post_title] => Dopo cinque anni di pausa, il gruppo Carnival torna a ordinare una nuova nave da crociera [post_date] => 2024-02-19T10:58:58+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708340338000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461579 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair ha svelato  il network con cui debutterà nei collegamenti dalla nuova base di Reggio Calabria (la 19esima, e il 31° aeroporto in Italia) dove sarà posizionato un velivolo. Dal prossimo 1° aprile saranno otto le destinazioni in decollo, di cui ben cinque internazionali invece delle 4 previste, e 3 domestiche.  La rete nazionale include le città di Torino, Venezia e Bologna, mentre a livello internazionale da Reggio Calabria saranno raggiungibili Manchester, Marsiglia, Berlino, Barcellona e Tirana, garantendo collegamenti diretti con capitali e importanti città europee. Complessivamente, l'estate Ryanair sulla Calabria prevede 10 nuove rotte in tutti e 3 gli aeroporti (Lamezia, Crotone e Reggio). Il lancio della nuova base a Reggio Calabria creerà fino a 200 nuovi posti di lavoro insieme a un investimento sostanziale di 100 milioni di dollari in nuovi aeromobili. Da Lamezia la low cost aprirà una nuova rotta per Valencia (18 in totale) e oltre 180 voli settimanali, mentre da Crotone decollerà un nuovo collegamento per Torino (4 totali) e oltre 30 voli settimanali, con una crescita della connettività nei due scali rispettivamente del 13% e del 33%. Obiettivo della compagnia è quello di trasportare fino a 1,3 milioni di passeggeri sulla Calabria per la summer 2024, per una crescita del +20%. "Questa importante espansione segna l'inizio di una strategia a lungo termine con il presidente Occhiuto e la Regione per posizionare la Calabria come destinazione leader in Europa e far crescere il turismo in entrata, la connettività e l'occupazione, offrendo al contempo tariffe basse ai cittadini/visitatori - ha dichiarato il ceo del vettore, Eddie Wilson -. La Calabria è una destinazione tutta da scoprire sia in Italia che in Europa, e merita più connettività, più turismo tutto l'anno e più posti di lavoro. La Calabria godrà ora di un boom del turismo in entrata grazie alla crescita spettacolare fornita da Ryanair, (già sperimentata da altre regioni italiane come la Puglia e la Sardegna), con tariffe competitive e una maggiore connettività". "Ryanair ha deciso di investire in Calabria centinaia di milioni di euro, porterà 10 nuove rotte, verranno creati tanti nuovi posti di lavoro, si svilupperanno ulteriormente i nostri tre aeroporti: Reggio Calabria, Lamezia Terme e Crotone - ha commentato il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto -. Il traffico aereo nella nostra Regione nel 2023 è stato di circa 3,3 milioni di passeggeri. Nel 2024 puntiamo a 4 milioni. L’obiettivo è quello di avere in Calabria entro qualche anno 6 milioni di passeggeri: raddoppiando di fatto il dato del 2023. La sfida adesso è anche quella di migliorare la ricettività delle nostre strutture alberghiere". [post_title] => Ryanair a Reggio Calabria con la nuova base e 8 destinazioni, 5 internazionali [post_date] => 2024-02-15T12:10:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707999026000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461392 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. «Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». Al Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  La struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». A Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  «Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria». [gallery ids="461395,461398,461396"] [post_title] => Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere [post_date] => 2024-02-14T11:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707908587000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461390 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea amplia la flotta con l'ingresso di tre Airbus A320, che porteranno il totale aeromobili operativi a quota 44, di cui 20 Airbus A319 e 24 A320. I tre nuovi velivoli, dotati di motori Cfm e di una capacità di 180 passeggeri, entreranno in servizio ad aprile, con l'inizio della stagione estiva. «Solo l'anno scorso Volotea ha trasportato più di 10 milioni di passeggeri su quasi 70.000 voli, con un tasso di occupazione medio del 92% per i nostri voli di linea - ha sottolineato Stephen Rapp, chief financial officer del vettore spagnolo -. Con un fatturato di circa 700 milioni di euro e margini finanziari storici per un'azienda attiva da poco più di dieci anni, la previsione per quest'anno è di continuare a crescere e aumentare la nostra capacità del 15%. Con questi nuovi aeromobili ci prepariamo ad affrontare la stagione estiva, tradizionalmente il periodo di maggior traffico per la compagnia. Inoltre, il modello Airbus A320, più moderno ed efficiente, ci permetterà di migliorare la nostra competitività e di raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni, garantendo comunque ai nostri clienti il miglior servizio». Nel 2024, la compagnia prevede di offrire tra i 12,5 e i 13 milioni di posti, di trasportare quasi 12 milioni di passeggeri e di operare circa 80.000 voli, il tutto con un organico che raggiungerà le 2.000 unità entro la fine dell'anno. Volotea collega più di 110 aeroporti in Europa - con i suoi mercati principali in Francia, Italia e Spagna - e ha basi in 21 città europee di piccole e medie dimensioni: Asturie, Atene, Bari, Bilbao, Bordeaux, Brest, Cagliari, Firenze, Amburgo, Lille, Lione, Lourdes, Marsiglia, Nantes, Napoli, Olbia, Palermo, Strasburgo, Tolosa, Venezia e Verona. Le basi di Bari e di Brest, città della Bretagna francese, verranno inaugurate proprio nel 2024.   A partire dal 2021, Volotea ha avviato il rinnovo della propria flotta, passando dal Boeing 717 agli Airbus A319 e A320. Il passaggio a una flotta interamente composta da Airbus, in grado di offrire una maggiore efficienza del carburante per passeggero-chilometro, consente al vettore di impiegare pratiche operative più sostenibili, per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni. [post_title] => Volotea: in flotta da aprile altri tre A320. Nel mirino quasi 12 mln di passeggeri per il 2024 [post_date] => 2024-02-13T12:39:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707827976000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1803" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":8,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":167,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462494","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Risultati record per il 2023 del gruppo Accor, che per la prima volta nella sua storia oltrepassa la soglia del miliardo di euro di margini operativi lordi, raggiungendo quota 1,003 miliardi (così come ha fatto nello stesso anno anche il gruppo Ihg, ndr). Il risultato è stato ottenuto grazie a un incremento sensibile del fatturato, che ha toccato i 5,056 miliardi (+18% su base comparabile rispetto al 2022). La crescita è stata trainata soprattutto dalla divisione luxury & lifestyle, salita del 22%, mentre il giro d'affari del segmento premium, midscale and economy è aumentato del 17%. I profitti netti del gruppo sono infine aumentati del 57%, arrivando a 633 milioni di euro.\r\n\r\nIn tale contesto pure gli hotel in Italia hanno registrato ottime performance, in particolare durante la stagione estiva.  Il fatturato camere ha registrato un +26,6% rispetto al 2022, trainato specialmente dall'aumento del prezzo medio. A supportare la crescita sono stati soprattutto i viaggiatori leisure, che rappresentano il 65,2% della clientela, ma è cresciuta del 33% anche la domanda business. Gli hotel Accor in Italia hanno accolto prevalentemente visitatori provenienti dall'Unione europea, capaci di generare il 30% dei ricavi camere. Buoni anche i flussi dalla Cina e dall'America, grazie alla ripresa dei viaggi a lungo raggio nel corso dell'anno. Si amplia, infine, la finestra di prenotazione con un average booking lead time di 37,6 giorni,  rispetto ai 31,1 giorni del 2022. \"Il buon momento che stiamo vivendo in Italia è il risultato della nostra radicata presenza nel Paese nei segmenti premium, midscale ed economy, grazie ai quali continuiamo ad attrarre una forte richiesta da parte dei viaggiatori internazionali, soprattutto durante il periodo estivo\", spiega il vice presidente operations Italia e Grecia, Fabiano Aouad.","post_title":"Accor: margini operativi record nel 2023, oltre la soglia del mld. Bene anche la divisione Italia","post_date":"2024-02-29T12:04:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709208261000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462136","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tradizione da una parte e sguardo rivolto al futuro dall'altra: lo Jutland, penisola della Danimarca, è una terra da vivere in famiglia e praticando diversi sport. Un luogo dove immergersi nella bellezza della natura e in quella dell’arte, lasciandosi conquistare dall’offerta gastronomica.\r\nE, soprattutto, l’angolo di mondo ideale per scoprire la “hygge”: quel sentimento di calorosa accoglienza, sicurezza e comodità tipicamente danese che spinge a trovare la felicità nelle piccole cose.\r\nTante le connessioni con l’Italia, operate da Sas, easyJet e Ryanair: i voli raggiungono Copenhagen, ma anche lo Jutland. Molteplici le attività sportive all’aperto, che diventano un momento di incontro. Quest'anno sará la città di Brønderslev ad ospitare la maratona Royal Run, mentre Skagen ha voluto rinnovare il museo marittimo Maskinrummet e Saeby celebra con vivaci festeggiamenti i suoi 500 anni di storia. Si svolgerà poi davanti a 150mila spettatori del Danish Air Show ospitato dalla base aerea di Aalborg.\r\nLa regione è scarsamente urbanizzata, ideale per praticare kayak, ciclismo, passeggiate, equitazione, bird-watching, nuoto, pesca. Ma anche per ammirare l'onda di sabbia in costante movimento di Råbjerg Mile, che ogni anno si sposta di 15 metri verso nord-est. O assistere allo scontro tra le acque di due mari che si incontrano sulla punta dello Jutland.\r\nIl Nordyjlland, il nord dello Jutland è anche una meta amata per i city-break e la tanto attuale street art, riccamente testimoniata sui palazzi di Skagen e Alborg, quest'ultima nota per le innovative strutture architettoniche e gli spazi dedicati all'arte come il museo Kunsten, il centro culturale Utzon, e il Musikken Hus.\r\nGrande poi, il fascino di Skagen, la città più settentrionale della Danimarca e, quindi, quella con il più alto indice di luminosità. Con la sua atmosfera bohémien, le spiagge infinite e i siti naturali unici, ha attirato l'interesse di artisti internazionali e degli impressionisti danesi: sono ben 1800 le loro opere esposte nel museo della città.\r\nLe famiglie e gli amanti delle escursioni all’aria aperta - a piedi o in bicicletta - potranno poi raggiungere il Kystlandet, la cosa orientale dello Jutland, che si stende per 266 km e offre ben 25 spiagge: i bambini resteranno affascinati dal Giardino Ecologico di Odder - una graziosa cittadina affacciata sul fiume e dal fascino danese - dal \"Safari delle alghe\" organizzato sull’isola di Endelave e dai tanti parchi giochi attrezzati. Incantevoli le piccole città come Juelsminde con il suo bellissimo porto o Horsens, crocevia tra Europa e Scandinavia, dove vivere un’esperienza alternativa visitando FÆNGSLET - Il Museo della Prigione: il più grande museo carcerario d'Europa.\r\n ","post_title":"Danimarca: ecco lo Jutland fra tradizioni, natura e street art","post_date":"2024-02-23T09:30:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708680627000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461877","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali.\r\n\r\nI numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore.\r\n\r\nTra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera.\r\n\r\nUn evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«.\r\n\r\n«Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«.\r\n\r\nNei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.\r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori","post_date":"2024-02-21T10:01:59+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708509719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461921","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Val Gardena, o Grödnertal se si usa la denominazione in lingua tedesca, è senza ombra di dubbio una delle valli più note di tutto il territorio altoatesino. Qui ogni anno il flusso turistico è impressionante; le stagioni di punta sono quella estiva e quella invernale, ma anche la primavera e l’autunno sono due periodi bellissimi per ammirare questa zona che ha la fortuna di poter vantare molte bellezze naturali, ma anche incantevoli paesi come Ortisei, Selva di Val Gardena e Santa Cristina, tre località bagnate dal Rio Gardena che percorre questa splendida valle.\r\n\r\nOra, per quanto qualsiasi periodo dell’anno possa offrire al visitatore qualcosa di altamente suggestivo, ci troviamo nel pieno della stagione invernale ed è quindi delle possibilità che si hanno a disposizione in questo periodo che vogliamo parlarvi, ma prima di farlo vogliamo spassionatamente suggerirvi di prenotare la vostra settimana bianca in questo hotel in Val Gardena con mezza pensione, l’Hotel La Perla, una struttura 4 stelle nel cuore delle Dolomiti, nella splendida località di Ortisei e gestita da più di 50 anni dalla famiglia Kelder (l’inaugurazione risale al 26 dicembre 1963).\r\n\r\nOggi gli ospiti dell'hotel hanno a disposizione numerosi servizi di alto livello: piscine, saune, area fitness, idromassaggio zone per il relax e tanto altro. Per di più, nel corso della stagione invernale l’hotel regala ai suoi ospiti il Dolomiti Explorer, un pacchetto che prevede la possibilità, dal lunedì al venerdì, di conoscere un’area sciistica del comprensorio Dolomiti Superski in compagnia di uno dei maestri di sci della scuola di Ortisei. Altre opportunità sono il pacchetto gratuito “sci service” (bus navetta, acquisto dello skipass in hotel, noleggio sci, deposito sci ecc.), il pacchetto “Val Gardena Active” e il Floc Shuttle Service dedicato ai bambini, ovvero il servizio navetta dall’hotel fino alla scuola sciistica di Ortisei.\r\nL’inverno in Val Gardena: dallo sci alle escursioni con le ciaspole\r\nPerché scegliere la Val Gardena per una vacanza invernale? Presto detto, perché qui avrete a disposizione una delle aree sciistiche più belle del territorio dolomitico, ovvero la zona Val Gardena/Alpe di Siusi appartenente all’associazione Dolomiti Superski.\r\n\r\nPer chi pratica lo sci alpino ci sono piste per tutti i gusti per un totale di circa 180 km. Le piste rosse (media difficoltà) sono circa 110 km, quelle più facili, le piste blu, sono circa 52 km, mentre i rimanenti 18 km sono di piste nere, quelle adatte agli sciatori più esperti, come per esempio “La Ria” (espressione che in ladino gardenese significa “la difficile”, “la cattiva”); è stata inaugurata da pochi anni e ha pendenze fino al 52%. Da non perdere ci sono poi le cosiddette “Legendary 8”, bellissime piste ricche di storia.\r\n\r\nGrande divertimento anche per gli snowboarder in Val Gardena grazie al Funpark Sassolungo-Val Gardena e allo Snowpark Sassolungo-Val Gardena.\r\n\r\nPer quanto riguarda i più piccoli, a Ortisei si trova lo Snowpark Furdenan, aperto tutti i giorni dalle 9 alle 16.\r\n\r\nUn divertimento alternativo lo si può trovare a monte della funicolare Resciesa a Ortisei, da qui parte infatti una bellissima pista da slittino lunga circa 3 km.\r\n\r\nSe invece siete dei fondisti, potete recarvi nella vicina Santa Cristina, presso il Centro di Fondo Monte Pana. Qui troverete possibilità per tutti, dal principiante all’esperto.\r\n\r\nIn Val Gardena, infine, sono moltissime le possibilità per praticare entusiasmanti escursioni con le ciaspole.\r\n\r\n ","post_title":"Val Gardena: perché sceglierla per una vacanza invernale?","post_date":"2024-02-20T11:36:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio","informazione-pr"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio","Informazione PR"],"post_tag":["alpe-di-siusi-alto-adige","grodnertal","ortisei","sci-alpino-val-gardena","sci-val-gardena","sciare-nella-val-gardena","selva-di-val-gardena-e-santa-cristina","settimana-bianca-val-gardena","vacanze-invernali-alpe-di-siusi","vacanze-invernali-in-val-gardena","vacanze-sulla-neve-in-val-gardena","val-gardena"],"post_tag_name":["alpe di siusi alto adige","Grödnertal","Ortisei","sci alpino val gardena","sci Val Gardena","sciare nella Val Gardena","Selva di Val Gardena e Santa Cristina","settimana bianca Val Gardena","vacanze invernali alpe di siusi","vacanze invernali in val gardena","vacanze sulla neve in Val Gardena","val gardena"]},"sort":[1708429010000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461914","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Alpe di Siusi è una notissima meta vacanziera dell’Alto Adige situata nel cuore del territorio dolomitico. La circondano picchi montuosi di rara bellezza e suggestivi pascoli verdi. Le stagioni turistiche di punta sono quelle quella estiva e quella invernale, ma anche durante la primavera e l’autunno non mancano i visitatori in cerca di panorami mozzafiato, benessere e relax.\r\n\r\nQuando si apre la stagione sciistica, nella prima settimana di dicembre, le piste del comprensorio sciistico brulicano di appassionati che fin dalla mattina mettono alla prova le loro doti sugli sci.\r\n\r\nSe anche voi siete fra quelli che amano le varie discipline invernali, dovreste prendere in considerazione una settimana bianca in questo paradiso terrestre magari soggiornando in questo eccezionale eccezionale hotel 5 stelle sull'Alpe di Siusi, il Seiser Alm Urthaler di Compaccio, una struttura di grande raffinatezza ed eleganza gestita dalla famiglia Urthaler da ben quattro generazioni.\r\n\r\nAl Seiser Alm Urthaler gli ospiti possono usufruire di molti servizi di alto livello; solo per citarne alcuni: piscina panoramica interna con acqua riscaldata a 30 °C, piscina all’aperto, area saune (con sauna finlandese, bagno turco e biosauna), percorso Kneipp, zona relax con accesso al giardino, area fitness di 200 metri quadrati, trattamenti benessere di vario tipo (massaggi, peeling, bagno al fieno ecc.), cucina gourmet, cantina di vini e tanto altro ancora.\r\nCompaccio, la località ideale per divertirsi sull’Alpe di Siusi\r\nScegliere di soggiornare a Compaccio è un’ottima idea per una vacanza estiva o per una settimana bianca sull’Alpe di Siusi. Da qui partono cabinovie e seggiovie che portano sull’altopiano più esteso d’Europa. Bellissimo è poi il panorama che lo circonda.\r\nIl comprensorio sciistico dell’Alpe di Siusi\r\nNon c’è un’attività invernale che non si possa svolgere soggiornando sull’Alpe di Siusi. L’area sciistica dell’Alpe, unita a quella della Val Gardena, forma un comprensorio sciistico di eccezionale livello che arriva a contare circa 180 km di piste e 79 impianti di risalita.\r\n\r\nSi deve poi sottolineare la presenza del Re Laurino Snowpark Alpe di Siusi, considerato il migliore snowpark d’Italia; non è certo un caso che abbia ricevuto molti riconoscimenti.\r\n\r\nAnche l’offerta per lo sci di fondo è notevolissima tant’è che qui vengono spesso ad allenarsi anche campioni di livello internazionale. Si ricordano per esempio la pista Compaccio-Ritsch-Compaccio (5,4 km), la pista Möser (5,5 km), la pista Col del Lupo (8,9 km), la pista Hartl (12 km), la pista Panorama (11,3) e diverse altre.\r\n\r\nSull’Alpe di Siusi si possono poi fare interessanti e rilassanti escursioni invernali; la rete di sentieri ha una lunghezza di circa 60 km. Sul sito ufficiale dell’Alpe di Siusi si possono trovare diverse indicazioni sui sentieri da percorrere con la specifica della lunghezza e del grado di difficoltà.\r\n\r\nSe poi sentite il bisogno di un po’ di romanticismo potreste prenotare una gita in carrozza sulla neve; vi godrete panorami innevati stupendi. Per le prenotazioni basta recarsi all’Ufficio Informazioni di Compaccio.\r\n\r\nSi devono infine segnalare diverse altre iniziative invernali come per esempio i tour guidati a Castel Prösels (XIII sec.) a Fiè allo Sciliar; dopo un tour di un'ora, viene servita una bibita calda.\r\n\r\nNel mese di marzo 2024 inoltre, dal 14 al 16 e dal 20 al 22, si terrà la 16esima edizione di Swing on Snow; è una manifestazione che prevede che per 6 giorni al mattino gli sciatori e gli snowboarder siano accompagnati dalle note musicali di varie band. A mezzogiorno invece saranno gli ospiti delle baite a godere delle melodie.\r\n\r\nInsomma, non c’è proprio modo di annoiarsi durante una settimana bianca sull’Alpe di Siusi.","post_title":"Alpe di Siusi: perché sceglierla per una settimana bianca?","post_date":"2024-02-20T11:30:08+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio","informazione-pr"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio","Informazione PR"],"post_tag":["alpe-di-siusi","alto-adige","comprensorio-sciistico-compaccio","hotel-5-stelle-alpe-di-siusi-alto-adige","hotel-5-stelle-compaccio","hotel-a-compaccio","hotel-di-lusso-alto-adige","sciare-a-compaccio","seiser-alm-urthaler-di-compaccio","settimana-bianca-compaccio-alto-adige","vacanze-in-alto-adige"],"post_tag_name":["Alpe di Siusi","Alto Adige","comprensorio sciistico compaccio","hotel 5 stelle alpe di siusi alto adige","hotel 5 stelle compaccio","hotel a compaccio","hotel di lusso alto adige","sciare a compaccio","Seiser Alm Urthaler di Compaccio","settimana bianca compaccio alto adige","vacanze in alto adige"]},"sort":[1708428608000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461786","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461789\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La Carnival Mardi Gras[/caption]\r\n\r\nEntrerà in servizio nella primavera del 2027 la nuova unità del gruppo Carnival Corporation. Destinata a unirsi alla flotta del brand omonimo è stata ordinata al cantiere navale tedesco Meyer Werft e segna un momento importante per la holding Usa a cui appartiene anche Costa: si tratta infatti della prima nave messa in pipeline da cinque anni a questa parte, a seguito dello scoppio della pandemia nel 2020. L'unità sarà inoltre la decima della classe Excel, la quarta per il brand Carnival Cruise Line, dopo le Mardi Gras, Celebration e Jubilee. Con 180 mila tonnellate di stazza lorda, ospiterà 6.400 passeggeri e sarà alimentata a gas naturale liquefatto.\r\n\"Basandoci sulle nostre ottime performance e sul crescente slancio della crocieristica in tutto il mondo, siamo entusiasti di riprendere il nostro programma di nuove costruzioni e di arricchire la nostra flotta globale con un'altra nave all'avanguardia\", sottolinea il ceo di Carnival Corporation, Josh Weinstein. Con una unità in consegna nel 2025, nessuna per il 2026 e questo ordine per il 2027, la strategia finanziaria del gruppo è tesa a migliorare i bilanci, riducendo in modo significativo il debito: \"Stiamo implementando una strategia graduale di espansione, pianificando di aggiungere una o due navi all'anno a partire dal 2027. Queste unità saranno assegnate ai brand che registrano una domanda in aumento e hanno bisogno di più capacità per soddisfarla. Inoltre, ci stiamo focalizzando sull'aumento dei ricavi, continuando a migliorare l'efficienza in tutte le aree operative\". A distribuire in esclusiva in Italia il marchio Carnival Cruise Line è l'operatore genovese Gioco Viaggi Tour & Cruise Operator.","post_title":"Dopo cinque anni di pausa, il gruppo Carnival torna a ordinare una nuova nave da crociera","post_date":"2024-02-19T10:58:58+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708340338000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461579","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair ha svelato  il network con cui debutterà nei collegamenti dalla nuova base di Reggio Calabria (la 19esima, e il 31° aeroporto in Italia) dove sarà posizionato un velivolo. Dal prossimo 1° aprile saranno otto le destinazioni in decollo, di cui ben cinque internazionali invece delle 4 previste, e 3 domestiche. \r\n\r\nLa rete nazionale include le città di Torino, Venezia e Bologna, mentre a livello internazionale da Reggio Calabria saranno raggiungibili Manchester, Marsiglia, Berlino, Barcellona e Tirana, garantendo collegamenti diretti con capitali e importanti città europee.\r\n\r\nComplessivamente, l'estate Ryanair sulla Calabria prevede 10 nuove rotte in tutti e 3 gli aeroporti (Lamezia, Crotone e Reggio).\r\n\r\nIl lancio della nuova base a Reggio Calabria creerà fino a 200 nuovi posti di lavoro insieme a un investimento sostanziale di 100 milioni di dollari in nuovi aeromobili. Da Lamezia la low cost aprirà una nuova rotta per Valencia (18 in totale) e oltre 180 voli settimanali, mentre da Crotone decollerà un nuovo collegamento per Torino (4 totali) e oltre 30 voli settimanali, con una crescita della connettività nei due scali rispettivamente del 13% e del 33%.\r\n\r\nObiettivo della compagnia è quello di trasportare fino a 1,3 milioni di passeggeri sulla Calabria per la summer 2024, per una crescita del +20%.\r\n\"Questa importante espansione segna l'inizio di una strategia a lungo termine con il presidente Occhiuto e la Regione per posizionare la Calabria come destinazione leader in Europa e far crescere il turismo in entrata, la connettività e l'occupazione, offrendo al contempo tariffe basse ai cittadini/visitatori - ha dichiarato il ceo del vettore, Eddie Wilson -. La Calabria è una destinazione tutta da scoprire sia in Italia che in Europa, e merita più connettività, più turismo tutto l'anno e più posti di lavoro. La Calabria godrà ora di un boom del turismo in entrata grazie alla crescita spettacolare fornita da Ryanair, (già sperimentata da altre regioni italiane come la Puglia e la Sardegna), con tariffe competitive e una maggiore connettività\".\r\n\"Ryanair ha deciso di investire in Calabria centinaia di milioni di euro, porterà 10 nuove rotte, verranno creati tanti nuovi posti di lavoro, si svilupperanno ulteriormente i nostri tre aeroporti: Reggio Calabria, Lamezia Terme e Crotone - ha commentato il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto -. Il traffico aereo nella nostra Regione nel 2023 è stato di circa 3,3 milioni di passeggeri. Nel 2024 puntiamo a 4 milioni. L’obiettivo è quello di avere in Calabria entro qualche anno 6 milioni di passeggeri: raddoppiando di fatto il dato del 2023. La sfida adesso è anche quella di migliorare la ricettività delle nostre strutture alberghiere\".","post_title":"Ryanair a Reggio Calabria con la nuova base e 8 destinazioni, 5 internazionali","post_date":"2024-02-15T12:10:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707999026000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461392","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. \r\n«Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». \r\nAl Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  \r\nLa struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». \r\nA Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  \r\n«Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria».\r\n[gallery ids=\"461395,461398,461396\"]","post_title":"Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere","post_date":"2024-02-14T11:03:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707908587000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461390","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea amplia la flotta con l'ingresso di tre Airbus A320, che porteranno il totale aeromobili operativi a quota 44, di cui 20 Airbus A319 e 24 A320. I tre nuovi velivoli, dotati di motori Cfm e di una capacità di 180 passeggeri, entreranno in servizio ad aprile, con l'inizio della stagione estiva.\r\n\r\n«Solo l'anno scorso Volotea ha trasportato più di 10 milioni di passeggeri su quasi 70.000 voli, con un tasso di occupazione medio del 92% per i nostri voli di linea - ha sottolineato Stephen Rapp, chief financial officer del vettore spagnolo -. Con un fatturato di circa 700 milioni di euro e margini finanziari storici per un'azienda attiva da poco più di dieci anni, la previsione per quest'anno è di continuare a crescere e aumentare la nostra capacità del 15%. Con questi nuovi aeromobili ci prepariamo ad affrontare la stagione estiva, tradizionalmente il periodo di maggior traffico per la compagnia. Inoltre, il modello Airbus A320, più moderno ed efficiente, ci permetterà di migliorare la nostra competitività e di raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni, garantendo comunque ai nostri clienti il miglior servizio».\r\n\r\nNel 2024, la compagnia prevede di offrire tra i 12,5 e i 13 milioni di posti, di trasportare quasi 12 milioni di passeggeri e di operare circa 80.000 voli, il tutto con un organico che raggiungerà le 2.000 unità entro la fine dell'anno. Volotea collega più di 110 aeroporti in Europa - con i suoi mercati principali in Francia, Italia e Spagna - e ha basi in 21 città europee di piccole e medie dimensioni: Asturie, Atene, Bari, Bilbao, Bordeaux, Brest, Cagliari, Firenze, Amburgo, Lille, Lione, Lourdes, Marsiglia, Nantes, Napoli, Olbia, Palermo, Strasburgo, Tolosa, Venezia e Verona. Le basi di Bari e di Brest, città della Bretagna francese, verranno inaugurate proprio nel 2024.\r\n\r\n \r\n\r\nA partire dal 2021, Volotea ha avviato il rinnovo della propria flotta, passando dal Boeing 717 agli Airbus A319 e A320. Il passaggio a una flotta interamente composta da Airbus, in grado di offrire una maggiore efficienza del carburante per passeggero-chilometro, consente al vettore di impiegare pratiche operative più sostenibili, per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni.","post_title":"Volotea: in flotta da aprile altri tre A320. Nel mirino quasi 12 mln di passeggeri per il 2024","post_date":"2024-02-13T12:39:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707827976000]}]}}

Lascia un commento