2 October 2022

1692

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

DIRETTORE TECNICO ADV LOMBARDIA.
NEL SETTORE DAL 1999.
REGOLARMENTE ISCRITTA ALBO PROFESSIONALE LOMBARDIA A SEGUITO REGOLARE SUPERAMENTO CONCORSO DI ABILITAZIONE CON OTTIMA VOTAZIONE IN TUTTE LE PROVE SOSTENUTE E COMPLIMENTI DELLA COMMISSIONE D’ESAME, COME DA CERTIFICATO SCRITTO. VALIDITA’ OPERATIVA SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE. IN POSSESSO DI EFFETTIVI REQUISITI PROFESSIONALI, TEORICO-PRATICI,COME DA CERTIFICATI SCRITTI.
DIPLOMA PARAUNIVERSITARIO TURISMO. LAUREA LINGUE STRANIERE – SPEC. MEDIAZIONE LINGUISTICA.
MASTER DI SPECIALIZZAZIONE, TOUR LEADER TOURIST MANAGER, CONSEGUITI CON PROF. GIORGIO CASTOLDI, UNIVERSITA’ IULM-BICOCCA, MILANO.
AGENTE CERTIFICATO IATA. GESTIONE-PRENOTAZIONE-RENDICONTAZIONE AEREI-NAVI-TRENI. GESTIONE-PRENOTAZIONE-RENDICONTAZIONE VIAGGI DA CATALOGO-TAILOR-MADE. PROGRAMMAZIONE-ACCOMPAGNAMENTO GRUPPI. DECENNALE ESPERIENZA COME ESPERTO CONSULENTE PRESSO ASSOCIAZIONE SOCIO-CULTURALE.
PREZZI RAGIONEVOLI-MASSIMA FLESSIBILITA’.
PREFERENZA PROVINCE: MI-LO-PV.
DISPONIBILITA’ IMMEDIATA.
RAFFAELLA: direttoretecnicolom@libero.it; 346 3025738.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431459 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giro d'affari in crescita per Destination Italia che nei primi sei mesi dell'anno registra ricavi per 7,1 milioni di euro, pari a un incremento di ben il 692% rispetto allo stesso semestre del 2021 (0,9 milioni), fortemente penalizzato dall'emergenza pandemica. Il risultato è particolarmente significativo perché, pur non tenendo ancora in conto i rilevanti flussi dei turisti propri dell’alta stagione, è paragonabile a quello realizzato in tutto l’esercizio 2021. Ciononostante i margini operativi lordi della compagnia continuano a rimanere in territorio negativo, seppure in lieve miglioramento rispetto al 2021 (ebitda a -0,8 milioni contro i -0,86 mln dell'anno scorso). Il risultato ante imposte segna quindi un saldo negativo per 1,4 milioni di euro (-1,2 milioni al 30 giugno 2021), mentre il risultato netto è pari a -1,4 mln (vs. -1,3 mln). Il gruppo registra infine una posizione finanziaria netta cash positive pari a 0,86 milioni euro, in miglioramento (+155%) rispetto ai 0,34 milioni del 31 dicembre 2021. Secondo il nuovo presidente di Destination Italia, Giulio Valiante "le prospettive per fine anno sono più che confortanti, benché ancora lontane dai valori pre-Covid dato lo stato di emergenza perdurato fino al 31 marzo 2022. La società ha certamente beneficiato delle positive condizioni di mercato derivanti dalle progressive aperture, nel secondo semestre dell’anno, rese possibili dall’attenuarsi del Covid-19. Tuttavia un grosso merito del successo è da attribuire anche alle strategie aziendali messe in campo dal management per fronteggiare l’epidemia prima, e per bilanciare gli effetti del conflitto russo-ucraino dopo; strategie che hanno puntato sull’innovazione tecnologica, sulle partnership strategiche e sull’apertura di nuovi mercati, oltre al potenziamento di quelli già presidiati, con clienti che oggi provengono da oltre 100 Paesi”. A conferma della tendenza positiva di mercato, alla data odierna il portafoglio ordini del gruppo, al lordo Iva, ha superato i 25 milioni di euro complessivi, con un incremento del 331% rispetto ai 5,8 milioni dell’analogo periodo 2021 e con un aumento di 5 milioni rispetto al portafoglio al 31 luglio 2022. Dal punto di vista geografico, l’Europa è la prima regione con il 27% delle prenotazioni, seguita dal Nord America con il 24%. Tra i singoli Paesi di origine spiccano Stati Uniti, Brasile, Spagna, Canada, Australia, Regno Unito e penisola Araba. Anche le prenotazioni Italia su Italia hanno contribuito a bilanciare il portafoglio ordini. Con riferimento alle linee di business, prosegue infine la crescita di Sono Travel Club: il brand che si rivolge al segmento del turismo di lusso, che oggi contribuisce per oltre il 34% del valore delle prenotazioni, con il rimanente 66% generato dalle linee di business Xml (la piattaforma di prenotazione automatica machine-to-machine) e Destination Italia (la linea di business tradizionale del gruppo). [post_title] => Crescono i ricavi ma conti ancora in rosso per Destination Italia [post_date] => 2022-09-30T13:58:09+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664546289000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431446 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal 14 al 16 ottobre, a Genova si terrà l’edizione autunnale dei Rolli Days, l’evento che da oltre dieci anni valorizza e racconta il sito Unesco Le Strade Nuova e il Sistema dei Palazzi dei Rolli. Dal 6 ottobre al 23 gennaio 2023, inoltre, Genova ospiterà la grande mostra “Rubens a Genova” che vedrà protagoniste alcune delle principali opere del grande maestro fiammingo a 400 anni dalla stesura del testo “Palazzi di Genova”, voluto dall’artista per raccontare al mondo l’eccezionalità dei palazzi genovesi, attraverso una serie di dettagliate illustrazioni delle facciate, delle piante, della struttura delle più importanti residenze. La concomitanza di questi due eventi di portata internazionale sarà l’occasione per vivere un’esperienza unica: calcare le orme del diplomatico e pittore fiammingo e visitare quei luoghi che ne suggestionarono la mente e il pennello. I Rolli Days, come già avvenuto a primavera per le celebrazioni della Genova Barocca, si articoleranno in sinergia con la mostra, riportando in vita attraverso le parole dei Divulgatori Scientifici i luoghi rubensiani di Genova: racconti che scivoleranno sulle architetture, evocheranno i dipinti, le sculture, gli arazzi, gli argenti di quelle dimore uniche al mondo e daranno corpo alle storie – spesso straordinarie – dei loro proprietari. L’esperienza di visita ai Palazzi dei Rolli rappresenterà l’opportunità di incamminarsi su un itinerario che avrà come sfondo il contesto storico della Genova e dell’Europa del primo Seicento. Per permettere una ancora maggiore immedesimazione, i siti selezionati per l’apertura saranno in gran parte quelli contenuti all’interno dell’edizione del 1652 del volume rubensiano (stampato per la prima volta nel 1622) dove trovano posto 35 tra palazzi, ville suburbane e chiese cittadine. In un viaggio che esplora i palazzi del tardo Cinquecento e del Seicento, saranno aperti al pubblico i monumentali edifici di Via Balbi, dalla Galleria di Palazzo Reale ai palazzi dell’Università; le vie del centro storico con le clamorose opere d’arte conservate nella Galleria Nazionale della Liguria di Palazzo Spinola; le straordinarie ville suburbane d’Albaro e Sampierdarena accompagnate dalla superba Villa Pallavicino delle Peschiere. Non saranno, però, solo i luoghi “di Rubens” a fare da protagonisti: la prossima edizione dei Rolli Days, infatti, ritroverà un rinnovato e riallestito Palazzo Rosso, con la possibilità di visitare il settecentesco Appartamento di Anton Giulio II Brignole Sale, aperto al pubblico per la prima volta da poche settimane. Importante novità dell’edizione di ottobre sarà poi la possibilità di visitare il Conservatorio dei Fieschi. A condurre le visite nella maggior parte dei palazzi e dei siti aperti saranno come sempre i giovani Divulgatori Scientifici, professionisti del settore delle humanities pronti a coinvolgere i visitatori con il loro entusiasmo e la loro competenza. Oltre alle tradizionali visite guidate la manifestazione sarà affiancata da eventi collaterali che accompagneranno il pubblico mostrando a tutti una Genova sempre più vivace dal punto di vista culturale.   [post_title] => Genova, dal 14 al 16 ottobre 2022 l'edizione autunnale dei Rolli Days [post_date] => 2022-09-30T12:00:04+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664539204000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner. Rubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina. In mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Disegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova. La mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee. L’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race. La mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia. [post_title] => Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023 [post_date] => 2022-09-22T12:36:01+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663850161000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430712 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro. La compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner.  Tap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città.  [post_title] => Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023 [post_date] => 2022-09-20T09:15:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663665338000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430068 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_402293" align="alignleft" width="300"] Vittorio Messina[/caption] Il trimestre giugno-agosto ha segnato finalmente il ritorno alla normalità delle vacanze estive e un importante consolidamento della crescita dei flussi turistici. Le attese di inizio stagione, però, sono rimaste in parte disattese, a causa del caro carburanti, del caos aeroporti e dell'impennata dell'inflazione, che hanno un po' indebolito la domanda. L’aumento dei costi energetici ha inoltre ridotto drasticamente i margini delle attività ricettive. Sono i primi dati sull'estate che emergono da un'indagine Assoturismo Confesercenti, realizzata dal Centro studi turistici di Firenze, su un campione di 1.694 imprenditori della ricettività. Presenze quasi a livelli del 2019 In base alle informazioni raccolte, si rileva una crescita delle presenze del trimestre estivo (giugno-luglio-agosto) pari al +15,5% sul 2021. Per la componente nazionale l’aumento è del 5,1%, mentre per la componente straniera sale a +35,4%. In termini assoluti i turisti registrati nelle strutture ricettive sono circa 49 milioni, per un totale di 198,8 milioni di pernottamenti: un livello del 6,9% inferiore rispetto all'anno pre-Covid 2019. Buoni i flussi da Europa e Usa Risultati rilevanti sono emersi per gli stranieri, sebbene ancora sotto i numeri del 2019 (-20,2%). Le imprese ricettive hanno ospitato prevalentemente turisti tedeschi, ma anche dalla Francia, dai Paesi Bassi, dalla Svizzera, dal Belgio, dagli Stati Uniti e dal Regno Unito. Gli aumenti più significativi sono stati registrati soprattutto nelle regioni del Nord Ovest (+18,5%), del Nord Est (+16,8%) e del Centro (+16,2%). Per Sud e Isole la crescita stimata è del +10,3%. Il rimbalzo delle città d'arte Nel complesso, tra stranieri e italiani le località marine e montane hanno segnato una crescita dell'11% circa rispetto al 2021; +21,9% per le imprese delle località dei laghi, +20,5% per il turismo rurale e collinare, +18,1% per le aree termali. Però, il recupero più significativo è stato quello delle città e dei centri d’arte, le destinazioni più penalizzate dall’emergenza sanitaria: rispetto allo scorso anno la crescita dei pernottamenti è del +31%. Bene anche settembre Archiviato il trimestre estivo, l’interesse degli imprenditori è ora sul prolungamento della stagione anche nel mese di settembre. In valori assoluti, la variazione attesa per settembre 2022, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è di oltre 2,7 milioni di pernottamenti in più, per un totale di 44,3 milioni. A segnalare maggiore ottimismo le imprese delle città d’arte con un +15,9% di prenotazioni. Caro energia: servono interventi concreti a sostegno delle imprese “Le bollette di luce e gas sono praticamente triplicate e questo ha ridotto di molto i margini per le imprese del turismo, dato che i pacchetti per la stagione estiva sono stati venduti prima degli aumenti. Il quasi ritorno del turismo ai livelli pre-pandemia è sicuramente una buona notizia ma – commenta il presidente di Assoturismo Confesercenti Vittorio Messina - senza interventi concreti a sostegno delle imprese, migliaia di strutture ricettive e attività del comparto non potranno più sostenere la spesa per l’energia e saranno costrette a chiudere”.   [post_title] => Assoturismo certifica la ripresa piena del turismo italiano. Ma ora pesano i rincari [post_date] => 2022-09-07T10:13:23+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662545603000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429961 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Maldive hanno accolto 131.863 visitatori internazionali lo scorso agosto, che è stato così l'ottavo mese consecutivo in cui gli arrivi di turisti hanno superato la soglia dei 100.000. La media giornaliera degli arrivi è stata di 4.296 persone. A metà mese l'arcipelago dell'oceano Indiano ha superato quota 1 milione di arrivi da inizio 2022 (1,02 milioni) imboccando così la buona strada per raggiungere l'obiettivo di 1,6 milioni entro il prossimo 31 dicembre. Secondo le statistiche del Ministero del Turismo delle Maldive, il dato rappresenta un aumento del 47,9 rispetto allo stesso periodo del 2021 (695,406 arrivi) e una flessione limitata al 4,8% rispetto al 2019 (1,080,128 arrivi). Il più grande mercato di provenienza è l'India, che ha rappresentato il 14,2% degli arrivi, seguita dal Regno Unito, che ha rappresentato l'11,4% degli arrivi totali per il 2022, mentre al terzo posto si trova la Federazione Russa (11,4% degli arrivi). Nell'elenco dei principali mercati turistici ci sono poi Germania, Italia - che si posiziona al quinto posto con 61,221 arrivi - Stati Uniti, Francia, Arabia Saudita, Spagna e Svizzera. [post_title] => Le Maldive puntano a raggiungere quota 1,6 milioni di turisti entro fine 2022 [post_date] => 2022-09-06T09:30:46+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662456646000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429979 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Premio di produzione più consistente per i dipendenti Gb Viaggi. Per far fronte al caro vita, il to capitolino, che negli ultimi anni ha portato avanti importanti investimenti per la formazione e la valorizzazione delle competenze interne, quest'anno ha deciso di ricompensare ulteriormente i propri collaboratori con una maggiorazione del premio aziendale che va dai 500 ai 1.500 euro, a seconda degli obiettivi raggiunti. “Il gruppo, nonostante gli anni difficili affrontati da tutto il comparto turistico, continua a crescere - commenta Giuseppe Naimo, direttore risorse umane Gb Viaggi -. Il cuore pulsante della nostra azienda e del nostro successo sono le persone. Senza di loro, i risultati non sarebbero stati raggiunti. Ed è per questo che vogliamo riconoscere, in modo concreto, il valore del loro contributo”. Impegno, costanza e duro lavoro hanno portato il tour operator a una crescita esponenziale, che quest’anno ha superato ogni aspettativa con un incremento del +169% sulle presenze nell’ultimo biennio e un +70% in più solo nell’ultimo anno, chiudendo la stagione 2022 con un fatturato di circa 21 milioni di euro. L’incremento del premio di produzione è stato il frutto di un confronto aperto e collaborativo con la Rsu aziendale, nel tentativo di accrescere la qualità della vita di tutti i lavoratori. [post_title] => Gb Viaggi continua a crescere e aumenta il premio di produzione per i dipendenti [post_date] => 2022-09-06T09:12:01+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662455521000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429373 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il rallentamento delle grandi ota e delle piattaforme di viaggio come Expedia e Airbnb nel mese di giugno ha rafforzato la posizione di leadership di Booking nel mercato turistico. I primi due hanno visto diminuire le loro visite di circa il 2%, registrando rispettivamente 96 e 98 milioni, secondo i dati forniti da Similarweb a Skift. Booking dal canto suo ha registrato 590 milioni di visite, il 4,7% in più rispetto al mese di maggio. Da aprile l'agenzia registra una forte crescita esponenziale, posizionandosi tra le pagine web a maggior traffico.  Tra le ragioni di queste posizioni disparate c'è l'elevata dipendenza di Airbnb ed Expedia dal mercato statunitense. Questi hanno perso rispettivamente l'1,22% e il 2,2% nelle visite in Nord America, mentre Booking è salito del 5,2% nonostante il suo principale punto di forza sia il continente europeo. Ed è che l'America è un mercato molto volatile. Secondo un rapporto BTIG ripreso da Smarttravel, hanno rilevato diminuzioni del traffico web nelle tre società durante il mese di maggio rispetto al 2019. Inoltre, i dati di occupazione per le case vacanze negli Stati Uniti si sono attestati al 39% nel terzo trimestre, in calo dal 45% nel terzo trimestre del 2021. [post_title] => Booking rafforza la leadership su Expedia e Airbnb [post_date] => 2022-08-04T11:53:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659614018000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429291 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates celebra i suoi primi 30 anni di attività a Roma Fiumicino: il primo volo della compagnia aerea in Italia è atterrato proprio a Roma il 2 agosto 1992 e, da allora, sono stati 7 milioni i passeggeri che, su oltre 28 mila voli, hanno viaggiato tra Dubai e la capitale italiana. "Tutto è iniziato con soli tre voli settimanali tra Dubai e Roma, nel lontano 1992 - sottolinea Flavio Ghiringhelli, country manager della compagnia aerea in Italia -. Poi a questo importante hotspot si sono aggiunti Milano ad aprile 2000, Venezia a luglio 2007 e Bologna a dicembre 2015. Durante i 30 anni di attività di Emirates in Italia, il nostro impegno nei confronti dei nostri clienti si è rafforzato sempre di più. Continuiamo a essere determinati nel fornire a bordo un altissimo livello di comfort e ospitalità, mettere a disposizione tecnologia innovativa per rendere il viaggio più facile e offrire collegamenti impareggiabili con Dubai e il resto del mondo. Siamo entusiasti di vedere come i nostri clienti continuino a premiarci con la loro fedeltà, permettendoci di celebrare tre decenni di servizio in un mercato chiave come l'Italia. Siamo poi orgogliosi di annunciare che per questa stagione estiva, Emirates opererà i suoi voli per l'Italia come da programma”. “Emirates e Aeroporti di Roma hanno avviato in questi anni un florido rapporto di collaborazione orientato all’eccellenza dell’offerta sia a bordo che a terra grazie allo sviluppo congiunto di servizi esclusivi - ha aggiunto Ivan Bassato, chief aviation officer di Adr -. Il riconoscimento dell’elevato livello qualitativo è confermato dai volumi di traffico conseguiti da Emirates in questi 30 anni”. [post_title] => Emirates celebra il 30° anniversario del primo volo su Roma Fiumicino [post_date] => 2022-08-03T11:39:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659526741000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1692" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":70,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431459","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giro d'affari in crescita per Destination Italia che nei primi sei mesi dell'anno registra ricavi per 7,1 milioni di euro, pari a un incremento di ben il 692% rispetto allo stesso semestre del 2021 (0,9 milioni), fortemente penalizzato dall'emergenza pandemica. Il risultato è particolarmente significativo perché, pur non tenendo ancora in conto i rilevanti flussi dei turisti propri dell’alta stagione, è paragonabile a quello realizzato in tutto l’esercizio 2021. Ciononostante i margini operativi lordi della compagnia continuano a rimanere in territorio negativo, seppure in lieve miglioramento rispetto al 2021 (ebitda a -0,8 milioni contro i -0,86 mln dell'anno scorso). Il risultato ante imposte segna quindi un saldo negativo per 1,4 milioni di euro (-1,2 milioni al 30 giugno 2021), mentre il risultato netto è pari a -1,4 mln (vs. -1,3 mln). Il gruppo registra infine una posizione finanziaria netta cash positive pari a 0,86 milioni euro, in miglioramento (+155%) rispetto ai 0,34 milioni del 31 dicembre 2021.\r\n\r\nSecondo il nuovo presidente di Destination Italia, Giulio Valiante \"le prospettive per fine anno sono più che confortanti, benché ancora lontane dai valori pre-Covid dato lo stato di emergenza perdurato fino al 31 marzo 2022. La società ha certamente beneficiato delle positive condizioni di mercato derivanti dalle progressive aperture, nel secondo semestre dell’anno, rese possibili dall’attenuarsi del Covid-19. Tuttavia un grosso merito del successo è da attribuire anche alle strategie aziendali messe in campo dal management per fronteggiare l’epidemia prima, e per bilanciare gli effetti del conflitto russo-ucraino dopo; strategie che hanno puntato sull’innovazione tecnologica, sulle partnership strategiche e sull’apertura di nuovi mercati, oltre al potenziamento di quelli già presidiati, con clienti che oggi provengono da oltre 100 Paesi”.\r\n\r\nA conferma della tendenza positiva di mercato, alla data odierna il portafoglio ordini del gruppo, al lordo Iva, ha superato i 25 milioni di euro complessivi, con un incremento del 331% rispetto ai 5,8 milioni dell’analogo periodo 2021 e con un aumento di 5 milioni rispetto al portafoglio al 31 luglio 2022. Dal punto di vista geografico, l’Europa è la prima regione con il 27% delle prenotazioni, seguita dal Nord America con il 24%. Tra i singoli Paesi di origine spiccano Stati Uniti, Brasile, Spagna, Canada, Australia, Regno Unito e penisola Araba. Anche le prenotazioni Italia su Italia hanno contribuito a bilanciare il portafoglio ordini. Con riferimento alle linee di business, prosegue infine la crescita di Sono Travel Club: il brand che si rivolge al segmento del turismo di lusso, che oggi contribuisce per oltre il 34% del valore delle prenotazioni, con il rimanente 66% generato dalle linee di business Xml (la piattaforma di prenotazione automatica machine-to-machine) e Destination Italia (la linea di business tradizionale del gruppo).","post_title":"Crescono i ricavi ma conti ancora in rosso per Destination Italia","post_date":"2022-09-30T13:58:09+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664546289000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431446","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal 14 al 16 ottobre, a Genova si terrà l’edizione autunnale dei Rolli Days, l’evento che da oltre dieci anni valorizza e racconta il sito Unesco Le Strade Nuova e il Sistema dei Palazzi dei Rolli. Dal 6 ottobre al 23 gennaio 2023, inoltre, Genova ospiterà la grande mostra “Rubens a Genova” che vedrà protagoniste alcune delle principali opere del grande maestro fiammingo a 400 anni dalla stesura del testo “Palazzi di Genova”, voluto dall’artista per raccontare al mondo l’eccezionalità dei palazzi genovesi, attraverso una serie di dettagliate illustrazioni delle facciate, delle piante, della struttura delle più importanti residenze. La concomitanza di questi due eventi di portata internazionale sarà l’occasione per vivere un’esperienza unica: calcare le orme del diplomatico e pittore fiammingo e visitare quei luoghi che ne suggestionarono la mente e il pennello.\r\n\r\nI Rolli Days, come già avvenuto a primavera per le celebrazioni della Genova Barocca, si articoleranno in sinergia con la mostra, riportando in vita attraverso le parole dei Divulgatori Scientifici i luoghi rubensiani di Genova: racconti che scivoleranno sulle architetture, evocheranno i dipinti, le sculture, gli arazzi, gli argenti di quelle dimore uniche al mondo e daranno corpo alle storie – spesso straordinarie – dei loro proprietari. L’esperienza di visita ai Palazzi dei Rolli rappresenterà l’opportunità di incamminarsi su un itinerario che avrà come sfondo il contesto storico della Genova e dell’Europa del primo Seicento.\r\n\r\nPer permettere una ancora maggiore immedesimazione, i siti selezionati per l’apertura saranno in gran parte quelli contenuti all’interno dell’edizione del 1652 del volume rubensiano (stampato per la prima volta nel 1622) dove trovano posto 35 tra palazzi, ville suburbane e chiese cittadine. In un viaggio che esplora i palazzi del tardo Cinquecento e del Seicento, saranno aperti al pubblico i monumentali edifici di Via Balbi, dalla Galleria di Palazzo Reale ai palazzi dell’Università; le vie del centro storico con le clamorose opere d’arte conservate nella Galleria Nazionale della Liguria di Palazzo Spinola; le straordinarie ville suburbane d’Albaro e Sampierdarena accompagnate dalla superba Villa Pallavicino delle Peschiere.\r\n\r\nNon saranno, però, solo i luoghi “di Rubens” a fare da protagonisti: la prossima edizione dei Rolli Days, infatti, ritroverà un rinnovato e riallestito Palazzo Rosso, con la possibilità di visitare il settecentesco Appartamento di Anton Giulio II Brignole Sale, aperto al pubblico per la prima volta da poche settimane.\r\n\r\nImportante novità dell’edizione di ottobre sarà poi la possibilità di visitare il Conservatorio dei Fieschi.\r\n\r\nA condurre le visite nella maggior parte dei palazzi e dei siti aperti saranno come sempre i giovani Divulgatori Scientifici, professionisti del settore delle humanities pronti a coinvolgere i visitatori con il loro entusiasmo e la loro competenza.\r\n\r\nOltre alle tradizionali visite guidate la manifestazione sarà affiancata da eventi collaterali che accompagneranno il pubblico mostrando a tutti una Genova sempre più vivace dal punto di vista culturale.\r\n\r\n ","post_title":"Genova, dal 14 al 16 ottobre 2022 l'edizione autunnale dei Rolli Days","post_date":"2022-09-30T12:00:04+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664539204000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner.\r\n\r\nRubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina.\r\n\r\nIn mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nDisegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova.\r\n\r\nLa mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee.\r\n\r\nL’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race.\r\n\r\nLa mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia.","post_title":"Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023","post_date":"2022-09-22T12:36:01+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1663850161000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430712","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro.\r\n\r\nLa compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner. \r\nTap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città. ","post_title":"Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023","post_date":"2022-09-20T09:15:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663665338000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430068","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_402293\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Vittorio Messina[/caption]\r\n\r\nIl trimestre giugno-agosto ha segnato finalmente il ritorno alla normalità delle vacanze estive e un importante consolidamento della crescita dei flussi turistici. Le attese di inizio stagione, però, sono rimaste in parte disattese, a causa del caro carburanti, del caos aeroporti e dell'impennata dell'inflazione, che hanno un po' indebolito la domanda. L’aumento dei costi energetici ha inoltre ridotto drasticamente i margini delle attività ricettive. Sono i primi dati sull'estate che emergono da un'indagine Assoturismo Confesercenti, realizzata dal Centro studi turistici di Firenze, su un campione di 1.694 imprenditori della ricettività.\r\n\r\nPresenze quasi a livelli del 2019\r\n\r\nIn base alle informazioni raccolte, si rileva una crescita delle presenze del trimestre estivo (giugno-luglio-agosto) pari al +15,5% sul 2021. Per la componente nazionale l’aumento è del 5,1%, mentre per la componente straniera sale a +35,4%. In termini assoluti i turisti registrati nelle strutture ricettive sono circa 49 milioni, per un totale di 198,8 milioni di pernottamenti: un livello del 6,9% inferiore rispetto all'anno pre-Covid 2019.\r\n\r\nBuoni i flussi da Europa e Usa\r\n\r\nRisultati rilevanti sono emersi per gli stranieri, sebbene ancora sotto i numeri del 2019 (-20,2%). Le imprese ricettive hanno ospitato prevalentemente turisti tedeschi, ma anche dalla Francia, dai Paesi Bassi, dalla Svizzera, dal Belgio, dagli Stati Uniti e dal Regno Unito. Gli aumenti più significativi sono stati registrati soprattutto nelle regioni del Nord Ovest (+18,5%), del Nord Est (+16,8%) e del Centro (+16,2%). Per Sud e Isole la crescita stimata è del +10,3%.\r\n\r\nIl rimbalzo delle città d'arte\r\n\r\nNel complesso, tra stranieri e italiani le località marine e montane hanno segnato una crescita dell'11% circa rispetto al 2021; +21,9% per le imprese delle località dei laghi, +20,5% per il turismo rurale e collinare, +18,1% per le aree termali. Però, il recupero più significativo è stato quello delle città e dei centri d’arte, le destinazioni più penalizzate dall’emergenza sanitaria: rispetto allo scorso anno la crescita dei pernottamenti è del +31%.\r\n\r\nBene anche settembre\r\n\r\nArchiviato il trimestre estivo, l’interesse degli imprenditori è ora sul prolungamento della stagione anche nel mese di settembre. In valori assoluti, la variazione attesa per settembre 2022, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è di oltre 2,7 milioni di pernottamenti in più, per un totale di 44,3 milioni. A segnalare maggiore ottimismo le imprese delle città d’arte con un +15,9% di prenotazioni.\r\n\r\nCaro energia: servono interventi concreti a sostegno delle imprese\r\n\r\n“Le bollette di luce e gas sono praticamente triplicate e questo ha ridotto di molto i margini per le imprese del turismo, dato che i pacchetti per la stagione estiva sono stati venduti prima degli aumenti. Il quasi ritorno del turismo ai livelli pre-pandemia è sicuramente una buona notizia ma – commenta il presidente di Assoturismo Confesercenti Vittorio Messina - senza interventi concreti a sostegno delle imprese, migliaia di strutture ricettive e attività del comparto non potranno più sostenere la spesa per l’energia e saranno costrette a chiudere”.\r\n\r\n ","post_title":"Assoturismo certifica la ripresa piena del turismo italiano. Ma ora pesano i rincari","post_date":"2022-09-07T10:13:23+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1662545603000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429961","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Maldive hanno accolto 131.863 visitatori internazionali lo scorso agosto, che è stato così l'ottavo mese consecutivo in cui gli arrivi di turisti hanno superato la soglia dei 100.000. La media giornaliera degli arrivi è stata di 4.296 persone. A metà mese l'arcipelago dell'oceano Indiano ha superato quota 1 milione di arrivi da inizio 2022 (1,02 milioni) imboccando così la buona strada per raggiungere l'obiettivo di 1,6 milioni entro il prossimo 31 dicembre.\r\n\r\nSecondo le statistiche del Ministero del Turismo delle Maldive, il dato rappresenta un aumento del 47,9 rispetto allo stesso periodo del 2021 (695,406 arrivi) e una flessione limitata al 4,8% rispetto al 2019 (1,080,128 arrivi).\r\n\r\nIl più grande mercato di provenienza è l'India, che ha rappresentato il 14,2% degli arrivi, seguita dal Regno Unito, che ha rappresentato l'11,4% degli arrivi totali per il 2022, mentre al terzo posto si trova la Federazione Russa (11,4% degli arrivi). Nell'elenco dei principali mercati turistici ci sono poi Germania, Italia - che si posiziona al quinto posto con 61,221 arrivi - Stati Uniti, Francia, Arabia Saudita, Spagna e Svizzera.","post_title":"Le Maldive puntano a raggiungere quota 1,6 milioni di turisti entro fine 2022","post_date":"2022-09-06T09:30:46+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1662456646000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429979","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Premio di produzione più consistente per i dipendenti Gb Viaggi. Per far fronte al caro vita, il to capitolino, che negli ultimi anni ha portato avanti importanti investimenti per la formazione e la valorizzazione delle competenze interne, quest'anno ha deciso di ricompensare ulteriormente i propri collaboratori con una maggiorazione del premio aziendale che va dai 500 ai 1.500 euro, a seconda degli obiettivi raggiunti.\r\n\r\n“Il gruppo, nonostante gli anni difficili affrontati da tutto il comparto turistico, continua a crescere - commenta Giuseppe Naimo, direttore risorse umane Gb Viaggi -. Il cuore pulsante della nostra azienda e del nostro successo sono le persone. Senza di loro, i risultati non sarebbero stati raggiunti. Ed è per questo che vogliamo riconoscere, in modo concreto, il valore del loro contributo”.\r\n\r\nImpegno, costanza e duro lavoro hanno portato il tour operator a una crescita esponenziale, che quest’anno ha superato ogni aspettativa con un incremento del +169% sulle presenze nell’ultimo biennio e un +70% in più solo nell’ultimo anno, chiudendo la stagione 2022 con un fatturato di circa 21 milioni di euro.\r\n\r\nL’incremento del premio di produzione è stato il frutto di un confronto aperto e collaborativo con la Rsu aziendale, nel tentativo di accrescere la qualità della vita di tutti i lavoratori.","post_title":"Gb Viaggi continua a crescere e aumenta il premio di produzione per i dipendenti","post_date":"2022-09-06T09:12:01+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1662455521000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429373","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il rallentamento delle grandi ota e delle piattaforme di viaggio come Expedia e Airbnb nel mese di giugno ha rafforzato la posizione di leadership di Booking nel mercato turistico. I primi due hanno visto diminuire le loro visite di circa il 2%, registrando rispettivamente 96 e 98 milioni, secondo i dati forniti da Similarweb a Skift.\r\n\r\nBooking dal canto suo ha registrato 590 milioni di visite, il 4,7% in più rispetto al mese di maggio. Da aprile l'agenzia registra una forte crescita esponenziale, posizionandosi tra le pagine web a maggior traffico. \r\n\r\nTra le ragioni di queste posizioni disparate c'è l'elevata dipendenza di Airbnb ed Expedia dal mercato statunitense. Questi hanno perso rispettivamente l'1,22% e il 2,2% nelle visite in Nord America, mentre Booking è salito del 5,2% nonostante il suo principale punto di forza sia il continente europeo.\r\n\r\nEd è che l'America è un mercato molto volatile. Secondo un rapporto BTIG ripreso da Smarttravel, hanno rilevato diminuzioni del traffico web nelle tre società durante il mese di maggio rispetto al 2019. Inoltre, i dati di occupazione per le case vacanze negli Stati Uniti si sono attestati al 39% nel terzo trimestre, in calo dal 45% nel terzo trimestre del 2021.","post_title":"Booking rafforza la leadership su Expedia e Airbnb","post_date":"2022-08-04T11:53:38+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1659614018000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429291","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates celebra i suoi primi 30 anni di attività a Roma Fiumicino: il primo volo della compagnia aerea in Italia è atterrato proprio a Roma il 2 agosto 1992 e, da allora, sono stati 7 milioni i passeggeri che, su oltre 28 mila voli, hanno viaggiato tra Dubai e la capitale italiana. \r\n\r\n\"Tutto è iniziato con soli tre voli settimanali tra Dubai e Roma, nel lontano 1992 - sottolinea Flavio Ghiringhelli, country manager della compagnia aerea in Italia -. Poi a questo importante hotspot si sono aggiunti Milano ad aprile 2000, Venezia a luglio 2007 e Bologna a dicembre 2015. Durante i 30 anni di attività di Emirates in Italia, il nostro impegno nei confronti dei nostri clienti si è rafforzato sempre di più. Continuiamo a essere determinati nel fornire a bordo un altissimo livello di comfort e ospitalità, mettere a disposizione tecnologia innovativa per rendere il viaggio più facile e offrire collegamenti impareggiabili con Dubai e il resto del mondo. Siamo entusiasti di vedere come i nostri clienti continuino a premiarci con la loro fedeltà, permettendoci di celebrare tre decenni di servizio in un mercato chiave come l'Italia. Siamo poi orgogliosi di annunciare che per questa stagione estiva, Emirates opererà i suoi voli per l'Italia come da programma”.\r\n\r\n“Emirates e Aeroporti di Roma hanno avviato in questi anni un florido rapporto di collaborazione orientato all’eccellenza dell’offerta sia a bordo che a terra grazie allo sviluppo congiunto di servizi esclusivi - ha aggiunto Ivan Bassato, chief aviation officer di Adr -. Il riconoscimento dell’elevato livello qualitativo è confermato dai volumi di traffico conseguiti da Emirates in questi 30 anni”.","post_title":"Emirates celebra il 30° anniversario del primo volo su Roma Fiumicino","post_date":"2022-08-03T11:39:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1659526741000]}]}}

Lascia un commento