9 December 2022

1689

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Vendo agenzia viaggio in Roma zona TUSCOLANA, licenza B, 70 mq, tre postazioni di lavoro, 20 anni di attività, ottimo affitto. Rinnovato per 6 anni – possibilità di affiancamento. Ctc 338 8094661.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434833 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo. L’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio. Ogni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico. Per raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo. La regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano. L’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne. L’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori. Il percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni. [post_title] => Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione [post_date] => 2022-11-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669377302000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ogni mercoledì fino al 9 dicembre, i viaggiatori che hanno scelto Originaltour per scoprire l'Oman saranno ospiti di una festa con tanto di torta nel campo tendato Desert Night Camp: 5 stelle del Wahiba Sands, una vallata circondata da sabbia dorata. Proprio il prossimo 9 dicembre l'operatore compie infatti 33 anni di attività. E ha deciso di festeggiare sul campo. Originaltour è stato fondato da Loredana Arcangeli e Luciano Paparelli nel lontano 1989, proponendo viaggi in Medio ed Estremo Oriente, in Australia e Pacifico. Nel 1999 ha iniziato per primo in Italia a programmare viaggi di gruppo e individuali in Oman, meta sconosciuta agli più, e oggi è uno degli operatori riconosciuti come specialista della destinazione, con tanto di ufficio a Muscat, la capitale del Sultanato. Con Originaltour sia gli individuali, sia i gruppi visitano il paese a bordo di fuoristrada, mezzo ideale per raggiungere i luoghi più remoti e segreti del Sultanato. Con il tempo, la programmazione si è arricchita di numerose mete, concentrate in Estremo Oriente, oceano Indiano, Medio Oriente, Australia & Pacifico e Asia centrale. A metà degli anni Novanta il to ha lanciato anche una linea di viaggi per subacquei ed è stato tra i primi a proporre il mar Rosso e a portare gli italiani appassionati di immersione da Sipadan a Layang Layang in Malesia, a Manado e Derawan in Indonesia. “Da allora il mercato è profondamente cambiato - commenta Loredana Arcangeli, direttore generale dell’operatore -: oggi c’è molta più concorrenza e soprattutto notiamo un appiattimento da parte dei competitor delle proposte per l’Oman, che è il Paese per il quale siamo riconosciuti come specialisti. Sia per l’Oman, ma lo stesso vale anche per altre mete che proponiamo, come per esempio gli Emirati Arabi, l’Uzbekistan, le isole del Pacifico, l’Indonesia e la Malesia, abbiamo sempre cercato di proporre non tanto il meglio, ma quello che secondo noi può piacere alle mutate esigenze di chi viaggia. Oggi il valore di un viaggio è dato dalle esperienze che si possono fare sul posto; quelle vere che consentono di entrare in contatto con le persone, emozionarsi sotto le stelle nel deserto, nel silenzio più completo. Non è un caso se i tour che sono tra i più richiesti in Oman siano quelli della linea Adventure, dove si dorme in campi mobili e fissi nel deserto, si viaggia soltanto in fuoristrada e alcuni pasti sono al sacco: chi viaggia vuole emozionarsi e noi offriamo l’opportunità di farlo ma con la sicurezza e la garanzia di un operatore che conosce la destinazione nei minimi dettagli”. [post_title] => Originaltour compie 33 anni e li festeggia in Oman con una festa nel Desert Night Camp [post_date] => 2022-11-22T12:04:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669118682000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Dubai rivede al rialzo le stime di traffico per l'intero 2022, di quasi due milioni, portandole a 64,3 milioni di passeggeri, dopo la forte ripresa dei flussi nel terzo trimestre dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Nei tre mesi fino a settembre lo scalo ha movimentato quasi 18,5 milioni di passeggeri, rispetto ai 6,7 milioni dell'anno precedente, si legge in una nota di Dubai Airports. Quest'anno l'hub del Golfo ha registrato oltre 46,3 milioni di passeggeri, con un aumento del 168% rispetto all'anno precedente, e circa il 72% del traffico registrato negli stessi nove mesi del 2019. Londra è stata la destinazione più gettonata nel trimestre, con due milioni di passeggeri, seguita da Riyadh e Mumbai; proprio l'India guida la classifica dei Paesi, con 6,8 milioni di passeggeri, seguita da Arabia Saudita, Gran Bretagna e Pakistan. [post_title] => Dubai Airport rivede al rialzo le stime di traffico 2022 fino a 64,3 milioni di passeggeri [post_date] => 2022-11-22T09:48:58+00:00 [category] => Array ( [0] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669110538000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434328 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo sciopero oggi, 18 novembre, per il personale di cabina di Vueling: il vettore, per contenere i disagi, ha preventivamente cancellato 56 voli, garantendo ai passeggeri coinvolti dalle modiche dell'operativo le corrette alternative.  Di questi - secondo quanto riportato da El Preferente - il 93% è stato riprenotato su altri voli o ha richiesto un voucher o un rimborso. Il restante 7% è ancora in attesa di scegliere un'opzione. Nella giornata odierna la compagnia aerea del gruppo Iag opererà 499 voli, circa il 90% dei 555 voli programmati sull'intero network. A livello internazionale, gli effetti dello sciopero sono meno gravi, con il 94% delle operazioni ancora in corso (168 su 178). [post_title] => Vueling: altra giornata di sciopero in Spagna, cancellati 56 voli [post_date] => 2022-11-18T09:06:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668762370000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434205 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da qualche giorno si riconcorrono le voci sul futuro di Club Med. La capogruppo Fosun, zavorrata da un debito che le è recentemente costato il declassamento al rating B2 con outlook negativo da parte di Moody’s, si starebbe infatti apprestando a cedere fino a 11 miliardi di dollari di asset non-core. Alcuni voci hanno perciò cominciato a circolare, suggerendo che in vendita ci sarebbe anche la compagnia francese, il cui valore di mercato si aggirerebbe oggi sugli 1,5 miliardi di dollari. E tra i possibili acquirenti, forse come mera suggestione, è spuntato anche il nome della Investindustrial di Andrea Bonomi, che nel 2015 contese il gruppo transalpino proprio a Fosun. Poche ore fa è però giunta quella che sembra essere una smentita categorica da parte di Club Med su qualsiasi voce di vendita. In una nota ufficiale la compagnia francese conferma in particolare le prospettive di vendita di asset non-core Fosun per 7-11 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, però, il documento specifica che il gruppo cinese avrebbe intenzione di concentrarsi su quelli che considera i propri settori chiave, tra cui compare anche il turismo, oltre alla farmaceutica, alla vendita al dettaglio e alle assicurazioni. Fosun Tourism Group, la divisione della holding cinese dedicata all'industria dei viaggi a cui riferiscono i brand Club Med, Thomas Cook Travel e Atlantis Sanya, avrebbe tra l'altro fatto segnare risultati soddisfacenti per il primo semestre del 2022, almeno dal punto di vista dei margini operativi lordi, con l'ebitda che avrebbe raggiunto quota 169 milioni di dollari, rispetto al rosso da 72 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. Tra le opzioni a disposizione del gruppo cinese rimarrebbero tuttavia ancora quelle del ritorno in Borsa di Club Med e/o dell'entrata nel capitale di eventuali fondi di private equity. Voci, queste ultime, che non sono state ancora smentite. Fatto sta che, secondo quanto riporta recentemente Bloomberg citando fonti vicine a Fosun, le discussioni in merito alla questione cessioni sarebbero ancora in una fase estremamente prematura: nessuna decisione sarebbe quindi ancora stata presa, né sarebbe neppure stata assoldata ancora alcuna società di consulenza per la gestione delle eventuali transazioni.   [post_title] => Club Med smentisce le voci: non siamo in vendita (probabilmente) [post_date] => 2022-11-16T10:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668593297000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433782 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Croatia Airlines traguarda l'estate 2023 con voli verso 22 destinazioni internazionali per un totale di 47 rotte internazionali e tre new entry. La compagnia aerea introdurrà infatti nuovi voli stagionali da Spalato verso Skopje e Oslo, e da Brač verso Monaco. L'isola diventerà il quinto scalo della Croazia che la compagnia collegherà alla capitale bavarese con voli non stop e la sua seconda rotta da Brač, a complemento delle operazioni per Zagabria. I servizi saranno effettuati una volta alla settimana. Spalato continuerà ad acquisire importanza nel network di Croatia Airlines durante l'estate, con il vettore che ripristinerà tutte le destinazioni lanciate nel 2022 e servirà in totale venti città europee (incluse Roma e Milano). Dall'hub di Zagabria il vettore volerà invece verso 15 destinazioni europee (escluse le rotte nazionali) tra cui Roma (via Spalato e Dubrovnik). Da Dubrovnik, infine, Croatia Airlines collegherà 7 destinazioni europee internazionali, tra cui Atene, Francoforte, Monaco, Parigi, Praga e Roma. Complessivamente, la compagnia prevede di mantenere 17.000 voli la prossima estate e di offrire 1,82 milioni di posti tra il 26 marzo e il 28 ottobre 2023. Cifre che sono ancora leggermente inferiori ai livelli pre-pandemia 2019, ma in aumento del 20% rispetto a quest'anno.   [post_title] => Croatia Airlines: capacità a +20% per l'estate 2023, quasi ai livelli 2019 [post_date] => 2022-11-09T10:19:06+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667989146000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Utile netto da record per Ryanair nella prima metà dell'anno fiscale 2022-23: la low cost ha centrato il suo più grande profitto di sempre nei sei mesi che includono i mesi chiave dell'estate e stima di tornare quest'anno ai livelli di utile annuale pre-Covid di almeno 1 miliardo di euro. Nei sei mesi fino al 30 settembre Ryanair ha guadagnato 1,371 miliardi di euro, dato nettamente superiore al precedente record del primo semestre di 1,29 miliardi di euro registrato nei sei mesi fino alla fine di settembre 2017. i ricavi totali per i sei mesi sono aumentati di oltre il 200% a 6,62 miliardi di euro. Anche se l'inverno sarà in perdita, Ryanair ha dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1 e 1,2 miliardi di euro per l'anno che si concluderà il 31 marzo, anche se questa previsione rimane "fortemente dipendente" dall'assenza di shock negativi. "La ripresa per il resto dell'intero anno 2022-23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l'Ucraina - ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair, Michael O'Leary -. Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi". O'Leary ha definito "esagerate" le preoccupazioni per l'impatto della recessione e dell'aumento dell'inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell'economia "poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi". Nei sei mesi in considerazione la low cost ha trasportato 95 milioni di passeggeri, rispetto ai 39 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente.  [post_title] => Ryanair centra un utile da record nel primo semestre. Forte advance booking per il Natale [post_date] => 2022-11-07T10:40:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667817642000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433139 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Centoquindici destinazioni in 39 Paesi: in altre parole, l'operativo invernale più ampio di sempre per l'aeroporto di Milano Bergamo, che sarà in vigore dal prossimo 30 ottobre. La novità più rilevante è l’ingresso nel network dei collegamenti di Aeroitalia, che dal 14 novembre opererà i voli con Roma Fiumicino e farà rotta anche su Catania e Bacau, e, dal 5 dicembre su Londra Heathrow, impiegando aeromobili B737-800 da 189 posti. Il programma invernale di Ryanair prevede 94 rotte, tra cui due nuove (Baden-Baden e Lodz) e tre aperte nella summer ’22 e confermate (Francoforte Hahn, Madera e Newcastle). In totale, la low cost irlandese offrirà più voli e posti rispetto all’operativo invernale 2019-2020. Sempre dal 30 ottobre, easyJet vola a Lisbona tre volte a settimana, il lunedì, il giovedì e la domenica, in aggiunta ai collegamenti con Amsterdam, Parigi Charles De Gaulle e Londra Gatwick. Confermati anche i voli operati da Eurowings con Dusseldorf, Transavia con Rotterdam e Vueling con Parigi Orly, come pure l’offerta di voli per Istanbul Sabiha, garantita dal collegamento giornaliero di Anadolujet (del gruppo Turkish Airlines) e da Pegasus Airlines con un totale di dieci frequenze settimanali (volo giornaliero con aggiunta della seconda frequenza nei giorni di mercoledì, venerdì e domenica). Anche Albawings conferma il collegamento con Tirana, per la prima volta nel proprio operativo invernale, che sarà garantito tre volte a settimana (martedì, giovedì e domenica). Altra nuova rotta dall’Aeroporto di Bergamo sarà inaugurata il 7 dicembre da Air Arabia che, in aggiunta alle destinazioni di Casablanca e Alessandria in Egitto, opererà il primo volo diretto con gli Emirati Arabi Uniti con quattro frequenze settimanali raggiungendo l'Aeroporto Internazionale di Sharjah, situato a pochi km dal centro cittadino ed a soli venti minuti da Dubai.   [post_title] => Il caldo inverno dell'aeroporto di Milano Bergamo: 115 destinazioni in 39 paesi [post_date] => 2022-10-28T09:20:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666948816000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432955 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian ha registrato nel terzo trimestre un aumento dell'utile netto, ma è già prevista una riduzione di un quarto della capacità durante i mesi invernali. Nel periodo luglio-settembre, il profitto è salito a 910 milioni di corone (87,57 milioni di dollari) rispetto all'utile di 169 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. "Per i prossimi mesi invernali, Norwegian utilizzerà i contratti di leasing flessibili riducendo la capacità di circa il 25%", ha dichiarato il ceo Geir Karlsen in una nota, sottolineando che "l'attuale incertezza macroeconomica e geopolitica" potrebbe influire sulla domanda. Norwegian, che ha rischiato il collasso quando è scoppiata la pandemia nel 2020, ha registrato un fatturato trimestrale di 7,1 miliardi di corone, il più alto di qualsiasi trimestre dagli ultimi tre mesi del 2019. I passeggeri trasportati sono stati 6,1 milioni, rispetto ai 2,5 milioni del terzo trimestre del 2021 e ai 5 milioni del trimestre precedente; il load factor è salito all'88,8%, rispetto al 73,1% dello stesso periodo dello scorso anno e all'81,2% del trimestre precedente. La compagnia, focalizzata sul traffico all'interno dei mercati nordici, ha evidenziato il trend positivo del segmento business travel "sulle rotte nazionali più popolari in Norvegia". Per l'estate 2023, Norwegian prevede un aumento della flotta a 85 aeromobili.   [post_title] => Norwegian: utile in crescita nel terzo trimestre, ma la capacità scenderà del 25% nei mesi invernali [post_date] => 2022-10-26T09:14:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666775642000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1689" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":79,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434833","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo.\r\nL’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio.\r\nOgni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico.\r\nPer raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo.\r\nLa regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano.\r\nL’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne.\r\nL’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori.\r\nIl percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni.","post_title":"Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione","post_date":"2022-11-25T11:55:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669377302000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434564","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ogni mercoledì fino al 9 dicembre, i viaggiatori che hanno scelto Originaltour per scoprire l'Oman saranno ospiti di una festa con tanto di torta nel campo tendato Desert Night Camp: 5 stelle del Wahiba Sands, una vallata circondata da sabbia dorata. Proprio il prossimo 9 dicembre l'operatore compie infatti 33 anni di attività. E ha deciso di festeggiare sul campo. Originaltour è stato fondato da Loredana Arcangeli e Luciano Paparelli nel lontano 1989, proponendo viaggi in Medio ed Estremo Oriente, in Australia e Pacifico. Nel 1999 ha iniziato per primo in Italia a programmare viaggi di gruppo e individuali in Oman, meta sconosciuta agli più, e oggi è uno degli operatori riconosciuti come specialista della destinazione, con tanto di ufficio a Muscat, la capitale del Sultanato.\r\n\r\nCon Originaltour sia gli individuali, sia i gruppi visitano il paese a bordo di fuoristrada, mezzo ideale per raggiungere i luoghi più remoti e segreti del Sultanato. Con il tempo, la programmazione si è arricchita di numerose mete, concentrate in Estremo Oriente, oceano Indiano, Medio Oriente, Australia & Pacifico e Asia centrale. A metà degli anni Novanta il to ha lanciato anche una linea di viaggi per subacquei ed è stato tra i primi a proporre il mar Rosso e a portare gli italiani appassionati di immersione da Sipadan a Layang Layang in Malesia, a Manado e Derawan in Indonesia.\r\n\r\n“Da allora il mercato è profondamente cambiato - commenta Loredana Arcangeli, direttore generale dell’operatore -: oggi c’è molta più concorrenza e soprattutto notiamo un appiattimento da parte dei competitor delle proposte per l’Oman, che è il Paese per il quale siamo riconosciuti come specialisti. Sia per l’Oman, ma lo stesso vale anche per altre mete che proponiamo, come per esempio gli Emirati Arabi, l’Uzbekistan, le isole del Pacifico, l’Indonesia e la Malesia, abbiamo sempre cercato di proporre non tanto il meglio, ma quello che secondo noi può piacere alle mutate esigenze di chi viaggia. Oggi il valore di un viaggio è dato dalle esperienze che si possono fare sul posto; quelle vere che consentono di entrare in contatto con le persone, emozionarsi sotto le stelle nel deserto, nel silenzio più completo. Non è un caso se i tour che sono tra i più richiesti in Oman siano quelli della linea Adventure, dove si dorme in campi mobili e fissi nel deserto, si viaggia soltanto in fuoristrada e alcuni pasti sono al sacco: chi viaggia vuole emozionarsi e noi offriamo l’opportunità di farlo ma con la sicurezza e la garanzia di un operatore che conosce la destinazione nei minimi dettagli”.","post_title":"Originaltour compie 33 anni e li festeggia in Oman con una festa nel Desert Night Camp","post_date":"2022-11-22T12:04:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669118682000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Dubai rivede al rialzo le stime di traffico per l'intero 2022, di quasi due milioni, portandole a 64,3 milioni di passeggeri, dopo la forte ripresa dei flussi nel terzo trimestre dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\nNei tre mesi fino a settembre lo scalo ha movimentato quasi 18,5 milioni di passeggeri, rispetto ai 6,7 milioni dell'anno precedente, si legge in una nota di Dubai Airports. Quest'anno l'hub del Golfo ha registrato oltre 46,3 milioni di passeggeri, con un aumento del 168% rispetto all'anno precedente, e circa il 72% del traffico registrato negli stessi nove mesi del 2019.\r\n\r\nLondra è stata la destinazione più gettonata nel trimestre, con due milioni di passeggeri, seguita da Riyadh e Mumbai; proprio l'India guida la classifica dei Paesi, con 6,8 milioni di passeggeri, seguita da Arabia Saudita, Gran Bretagna e Pakistan.","post_title":"Dubai Airport rivede al rialzo le stime di traffico 2022 fino a 64,3 milioni di passeggeri","post_date":"2022-11-22T09:48:58+00:00","category":["senza-categoria"],"category_name":["Senza categoria"],"post_tag":[]},"sort":[1669110538000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434328","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo sciopero oggi, 18 novembre, per il personale di cabina di Vueling: il vettore, per contenere i disagi, ha preventivamente cancellato 56 voli, garantendo ai passeggeri coinvolti dalle modiche dell'operativo le corrette alternative. \r\n\r\nDi questi - secondo quanto riportato da El Preferente - il 93% è stato riprenotato su altri voli o ha richiesto un voucher o un rimborso. Il restante 7% è ancora in attesa di scegliere un'opzione.\r\n\r\nNella giornata odierna la compagnia aerea del gruppo Iag opererà 499 voli, circa il 90% dei 555 voli programmati sull'intero network. A livello internazionale, gli effetti dello sciopero sono meno gravi, con il 94% delle operazioni ancora in corso (168 su 178).","post_title":"Vueling: altra giornata di sciopero in Spagna, cancellati 56 voli","post_date":"2022-11-18T09:06:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1668762370000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434205","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da qualche giorno si riconcorrono le voci sul futuro di Club Med. La capogruppo Fosun, zavorrata da un debito che le è recentemente costato il declassamento al rating B2 con outlook negativo da parte di Moody’s, si starebbe infatti apprestando a cedere fino a 11 miliardi di dollari di asset non-core. Alcuni voci hanno perciò cominciato a circolare, suggerendo che in vendita ci sarebbe anche la compagnia francese, il cui valore di mercato si aggirerebbe oggi sugli 1,5 miliardi di dollari. E tra i possibili acquirenti, forse come mera suggestione, è spuntato anche il nome della Investindustrial di Andrea Bonomi, che nel 2015 contese il gruppo transalpino proprio a Fosun.\r\n\r\nPoche ore fa è però giunta quella che sembra essere una smentita categorica da parte di Club Med su qualsiasi voce di vendita. In una nota ufficiale la compagnia francese conferma in particolare le prospettive di vendita di asset non-core Fosun per 7-11 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, però, il documento specifica che il gruppo cinese avrebbe intenzione di concentrarsi su quelli che considera i propri settori chiave, tra cui compare anche il turismo, oltre alla farmaceutica, alla vendita al dettaglio e alle assicurazioni. Fosun Tourism Group, la divisione della holding cinese dedicata all'industria dei viaggi a cui riferiscono i brand Club Med, Thomas Cook Travel e Atlantis Sanya, avrebbe tra l'altro fatto segnare risultati soddisfacenti per il primo semestre del 2022, almeno dal punto di vista dei margini operativi lordi, con l'ebitda che avrebbe raggiunto quota 169 milioni di dollari, rispetto al rosso da 72 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.\r\n\r\nTra le opzioni a disposizione del gruppo cinese rimarrebbero tuttavia ancora quelle del ritorno in Borsa di Club Med e/o dell'entrata nel capitale di eventuali fondi di private equity. Voci, queste ultime, che non sono state ancora smentite. Fatto sta che, secondo quanto riporta recentemente Bloomberg citando fonti vicine a Fosun, le discussioni in merito alla questione cessioni sarebbero ancora in una fase estremamente prematura: nessuna decisione sarebbe quindi ancora stata presa, né sarebbe neppure stata assoldata ancora alcuna società di consulenza per la gestione delle eventuali transazioni.\r\n\r\n ","post_title":"Club Med smentisce le voci: non siamo in vendita (probabilmente)","post_date":"2022-11-16T10:08:17+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1668593297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433782","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Croatia Airlines traguarda l'estate 2023 con voli verso 22 destinazioni internazionali per un totale di 47 rotte internazionali e tre new entry. La compagnia aerea introdurrà infatti nuovi voli stagionali da Spalato verso Skopje e Oslo, e da Brač verso Monaco. L'isola diventerà il quinto scalo della Croazia che la compagnia collegherà alla capitale bavarese con voli non stop e la sua seconda rotta da Brač, a complemento delle operazioni per Zagabria. I servizi saranno effettuati una volta alla settimana.\r\n\r\nSpalato continuerà ad acquisire importanza nel network di Croatia Airlines durante l'estate, con il vettore che ripristinerà tutte le destinazioni lanciate nel 2022 e servirà in totale venti città europee (incluse Roma e Milano). Dall'hub di Zagabria il vettore volerà invece verso 15 destinazioni europee (escluse le rotte nazionali) tra cui Roma (via Spalato e Dubrovnik).\r\nDa Dubrovnik, infine, Croatia Airlines collegherà 7 destinazioni europee internazionali, tra cui Atene, Francoforte, Monaco, Parigi, Praga e Roma.\r\n\r\nComplessivamente, la compagnia prevede di mantenere 17.000 voli la prossima estate e di offrire 1,82 milioni di posti tra il 26 marzo e il 28 ottobre 2023. Cifre che sono ancora leggermente inferiori ai livelli pre-pandemia 2019, ma in aumento del 20% rispetto a quest'anno.\r\n\r\n ","post_title":"Croatia Airlines: capacità a +20% per l'estate 2023, quasi ai livelli 2019","post_date":"2022-11-09T10:19:06+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1667989146000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Utile netto da record per Ryanair nella prima metà dell'anno fiscale 2022-23: la low cost ha centrato il suo più grande profitto di sempre nei sei mesi che includono i mesi chiave dell'estate e stima di tornare quest'anno ai livelli di utile annuale pre-Covid di almeno 1 miliardo di euro.\r\n\r\nNei sei mesi fino al 30 settembre Ryanair ha guadagnato 1,371 miliardi di euro, dato nettamente superiore al precedente record del primo semestre di 1,29 miliardi di euro registrato nei sei mesi fino alla fine di settembre 2017. i ricavi totali per i sei mesi sono aumentati di oltre il 200% a 6,62 miliardi di euro.\r\n\r\nAnche se l'inverno sarà in perdita, Ryanair ha dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1 e 1,2 miliardi di euro per l'anno che si concluderà il 31 marzo, anche se questa previsione rimane \"fortemente dipendente\" dall'assenza di shock negativi.\r\n\r\n\"La ripresa per il resto dell'intero anno 2022-23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l'Ucraina - ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair, Michael O'Leary -. Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi\". O'Leary ha definito \"esagerate\" le preoccupazioni per l'impatto della recessione e dell'aumento dell'inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell'economia \"poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi\".\r\n\r\nNei sei mesi in considerazione la low cost ha trasportato 95 milioni di passeggeri, rispetto ai 39 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. ","post_title":"Ryanair centra un utile da record nel primo semestre. Forte advance booking per il Natale","post_date":"2022-11-07T10:40:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1667817642000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433139","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Centoquindici destinazioni in 39 Paesi: in altre parole, l'operativo invernale più ampio di sempre per l'aeroporto di Milano Bergamo, che sarà in vigore dal prossimo 30 ottobre.\r\n\r\nLa novità più rilevante è l’ingresso nel network dei collegamenti di Aeroitalia, che dal 14 novembre opererà i voli con Roma Fiumicino e farà rotta anche su Catania e Bacau, e, dal 5 dicembre su Londra Heathrow, impiegando aeromobili B737-800 da 189 posti.\r\n\r\nIl programma invernale di Ryanair prevede 94 rotte, tra cui due nuove (Baden-Baden e Lodz) e tre aperte nella summer ’22 e confermate (Francoforte Hahn, Madera e Newcastle). In totale, la low cost irlandese offrirà più voli e posti rispetto all’operativo invernale 2019-2020.\r\n\r\nSempre dal 30 ottobre, easyJet vola a Lisbona tre volte a settimana, il lunedì, il giovedì e la domenica, in aggiunta ai collegamenti con Amsterdam, Parigi Charles De Gaulle e Londra Gatwick. Confermati anche i voli operati da Eurowings con Dusseldorf, Transavia con Rotterdam e Vueling con Parigi Orly, come pure l’offerta di voli per Istanbul Sabiha, garantita dal collegamento giornaliero di Anadolujet (del gruppo Turkish Airlines) e da Pegasus Airlines con un totale di dieci frequenze settimanali (volo giornaliero con aggiunta della seconda frequenza nei giorni di mercoledì, venerdì e domenica). Anche Albawings conferma il collegamento con Tirana, per la prima volta nel proprio operativo invernale, che sarà garantito tre volte a settimana (martedì, giovedì e domenica).\r\n\r\nAltra nuova rotta dall’Aeroporto di Bergamo sarà inaugurata il 7 dicembre da Air Arabia che, in aggiunta alle destinazioni di Casablanca e Alessandria in Egitto, opererà il primo volo diretto con gli Emirati Arabi Uniti con quattro frequenze settimanali raggiungendo l'Aeroporto Internazionale di Sharjah, situato a pochi km dal centro cittadino ed a soli venti minuti da Dubai.\r\n\r\n ","post_title":"Il caldo inverno dell'aeroporto di Milano Bergamo: 115 destinazioni in 39 paesi","post_date":"2022-10-28T09:20:16+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1666948816000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432955","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian ha registrato nel terzo trimestre un aumento dell'utile netto, ma è già prevista una riduzione di un quarto della capacità durante i mesi invernali. Nel periodo luglio-settembre, il profitto è salito a 910 milioni di corone (87,57 milioni di dollari) rispetto all'utile di 169 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\n\"Per i prossimi mesi invernali, Norwegian utilizzerà i contratti di leasing flessibili riducendo la capacità di circa il 25%\", ha dichiarato il ceo Geir Karlsen in una nota, sottolineando che \"l'attuale incertezza macroeconomica e geopolitica\" potrebbe influire sulla domanda.\r\n\r\nNorwegian, che ha rischiato il collasso quando è scoppiata la pandemia nel 2020, ha registrato un fatturato trimestrale di 7,1 miliardi di corone, il più alto di qualsiasi trimestre dagli ultimi tre mesi del 2019. I passeggeri trasportati sono stati 6,1 milioni, rispetto ai 2,5 milioni del terzo trimestre del 2021 e ai 5 milioni del trimestre precedente; il load factor è salito all'88,8%, rispetto al 73,1% dello stesso periodo dello scorso anno e all'81,2% del trimestre precedente.\r\n\r\nLa compagnia, focalizzata sul traffico all'interno dei mercati nordici, ha evidenziato il trend positivo del segmento business travel \"sulle rotte nazionali più popolari in Norvegia\".\r\n\r\nPer l'estate 2023, Norwegian prevede un aumento della flotta a 85 aeromobili.\r\n\r\n ","post_title":"Norwegian: utile in crescita nel terzo trimestre, ma la capacità scenderà del 25% nei mesi invernali","post_date":"2022-10-26T09:14:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1666775642000]}]}}

Lascia un commento