1 March 2024

1677

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agente viaggi free lance con proprio portafoglio clienti, cerca per collaborazione part time (due – tre pomeriggi alla settimana), agenzia viaggi in Milano centro, con mentalità internazionale e aperta e orario serale flessibile. Astenersi se non adeguati. Per info e contatti: patty.faccioli@libero.it
Cell. 338 2608610.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461714 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian vola alto e, dopo aver registrato utili operativi superiori alle previsioni nel quarto trimestre 2023, portando il risultato dell'intero anno a un massimo storico, punta dritto verso un nuovo record di profitti per il 2024. I risultati segnano un'inversione di tendenza per la low cost, che solo pochi anni fa avrebbe potuto addirittura uscire dal mercato, schiacciata da pesanti debiti e dalla conseguenze della pandemia.  L'utile operativo del trimestre ottobre-dicembre del vettore è stato di 328 milioni di corone (31,08 milioni di dollari), superiore ai 177 milioni previsti dalla società e a fronte di una perdita di 39 milioni dell'anno precedente. "Questo dimostra che la ripresa degli utili che Norwegian ha attraversato... è ancora in grado di fornire numeri da record, anche se vola molto meno di prima", ha dichiarato Jacob Pedersen, analista di Sydbank. Sempre nel quarto trimestre Norwegian ha trasportato 4,7 milioni rispetto ai 4,6 milioni dell'anno precedente, con un load factor dell'84,4%. La capacità (Ask) dovrebbe aumentare del 12% quest'anno, e sempre per il 2024 la compagnia prevede un utile operativo compreso tra 2,5 e 3,2 miliardi di corone, in aumento rispetto ai 2,2 miliardi di corone del 2023. "Lo slancio delle prenotazioni (per l'estate) è buono... molto buono", ha dichiarato il ceo, Geir Karlsen durante la presentazione dei risultati annuali. [post_title] => Norwegian punta a incassare profitti da record nel 2024 [post_date] => 2024-02-16T13:37:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708090658000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458796 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno 6,837 milioni gli italiani in vacanza durante il prossimo weekend della Befana. Di questi, ben 4,141 milioni sono già in viaggio da Natale, 673 mila sono partiti a Capodanno e 2,022 milioni si muoveranno esclusivamente per l'Epifania. Lo rivelano i dati di un sondaggio Federalberghi, realizzato in collaborazione con l'istituto Acs Marketing Solutions. “Il dato complessivo è rassicurante per il comparto - commenta il presidente dell'associazione degli albergatori, Bernabò Bocca -.  Si tratta di un’Epifania che il calendario ha fatto capitare nella giornata di sabato, premiando così la festa nel fine settimana. Ancora una volta gli italiani mostrano di prediligere il proprio paese come destinazione ideale per le vacanze (il 97,1%). Un dato che rincuora sempre”. Nel dettaglio, per coloro che andranno in vacanza esclusivamente nel periodo dell’Epifania, la durata media sarà di circa 3,3 notti, con una spesa pro capite complessiva (ovvero comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) di 665 euro: 645 euro per chi resta in Italia e 1.133 euro per chi invece sceglie l’estero. Il giro di affari specifico del weekend si attesterà quindi sul miliardo e 345 milioni di euro. L’alloggio preferito sarà l’albergo nel 39,2% dei casi, seguito a distanza dalla stanza in un b&b con il 26,5%. Il motivo principale della vacanza è la ricerca del riposo e del relax (60,8%), passeggiando (38,2%), assistendo a spettacoli musicali (19,6%) e visitando monumenti (16,7%). Il meteo potrebbe però influenzare le scelte sulle vacanze per la befana: infatti, il 54,9% di chi partirà potrebbe modificare i propri piani in caso di condizioni meteo avverse. Chi non partirà, infine, farà questa scelta prevalentemente per motivazioni economiche (34,1%) o familiari (17,7%). Il 14,6% partirà, invece, in un altro periodo. [post_title] => Federalberghi: l'Epifania chiude bene le feste. Giro d'affari a quasi 1,4 mld [post_date] => 2024-01-03T11:21:56+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704280916000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con Visit Emilia alla scoperta dei Castelli di Matilde di Canossa sull’Appennino Reggiano, nella Parma di Maria Luigia d’Austria e nella Piacenza di Margherita d’Austria. Fra le imponenti e maestose mura dei Castelli Matildici che si ergono sull’Appennino Reggiano i viaggiatori incontrano l’ombra di Matilde di Canossa, figura di forza e saggezza, che nel Medioevo si è distinta per aver difeso non solo i confini del suo regno, ma anche l’idea di una giustizia equa. Tra gli eleganti viali e palazzi storici di Parma, emerge la presenza di Maria Luigia d'Austria, sovrana di grande cultura e raffinatezza, che ha lasciato un'impronta indelebile nella città e nel territorio. Continuando l’itinerario nel cuore di Piacenza, il Palazzo Farnese si erge a testimonianza del potere e dell'eleganza di Margherita d'Austria, donna d’intelligenza e passione. Tra le protagoniste più rilevanti del periodo medievale, Matilde di Canossa fu una potente feudataria, vicina al Papato nel periodo della lotta alle investiture. Nel cuore del suo dominio, dove oggi svettano i ruderi dell’affascinante Castello di Canossa, sull’Appennino Reggiano, l’imperatore Enrico IV, suo cugino, ottenne nel 1077 la revoca della scomunica dal pontefice Gregorio VII. All’interno del perimetro del Castello è possibile vistare il Museo Nazionale Naborre Campanini che raccoglie testimonianze archeologiche rinvenute principalmente durante gli scavi effettuati nella seconda metà del XIX secolo. Matilde governava un territorio strategico sia per i pontefici che per gli imperatori che dal Lazio si estendeva fino al Lago di Garda. Il maniero più amato da Matilde di Canossa, invece, è il Castello di Carpineti, il più alto tra le fortezze appenniniche. Qui Matilde nel 1077 decise di ospitare papa Gregorio VII dopo il celebre incontro di Canossa con l’imperatore Enrico IV. Per scoprire, passo dopo passo, queste meraviglie, si può percorrere un tratto della Via Matildica del Volto Santo, che collega Mantova a Lucca, passando per Reggio Emilia e i borghi che vanno dalla Riserva Mab Unesco Po Grande alla Riserva Mab Unesco Appennino Tosco-Emiliano. Maria Luigia d'Austria, saggia, pragmatica e liberale, portò Parma ai massimi splendori con un vasto piano di opere pubbliche: implementò le collezioni della Biblioteca Ducale (oggi Palatina) ampliandola, costruendo il Salone Maria Luigia; realizzò uno dei magnifici simboli della città, il Teatro Regio, inaugurato nel 1829 con l’opera Zaira composta da Vincenzo Bellini. In stile neoclassico nel tipico colore “giallo Parma”, incanta per le sue decorazioni, i palchetti e per l’acustica perfetta. Seguendo le vicende di Maria Luigia, una tappa imperdibile è il Museo Glauco Lombardi. Raccoglie testimonianze storiche e artistiche sul periodo ducale di Parma dei secoli XVIII e XIX, ma soprattutto sulla duchessa. Un palazzo storico con diverse sale, di cui il Salone delle Feste che conserva il dipinto di Robert Lefévre di Maria Luigia imperatrice nel 1812 e poi la “corbeille de mariage”, sontuoso mobile che conteneva i doni fatti da Napoleone alla consorte, le lettere autografe di Bonaparte, un fortepiano appartenuto alla duchessa, abiti, oggetti e cimeli, gioielli e monili, una collezione ricchissima. Per incontrare ancora Maria Luigia, bisogna andare al Complesso della Pilotta dove, nella Galleria Nazionale, si trovano alcune delle opere dovute al mecenatismo della duchessa. Importante personaggio femminile del Rinascimento, Margherita d’Austria amava la città di Piacenza, tanto da sceglierla come sua preferita e dove volle essere sepolta. Duchessa di Parma e Piacenza tra il 1547 e il 1586, figlia dell’imperatore Carlo V, sposa prima alla corte medicea con il duca di Firenze Alessandro de’ Medici e poi a Ottavio Farnese, nipote del Papa Alessandro, diede il via alla costruzione di uno degli edifici più importanti del Cinquecento italiano, Palazzo Farnese di Piacenza, per rendere manifesta la grande potenza della famiglia e oggi sede dei Musei Civici.  A lei si deve il nome di Palazzo Madama a Roma, dove si trasferì prima di giungere in Emilia, a Piacenza dove diede origine alla sua residenza ufficiale. Visitare Palazzo Farnese, simbolo della grande potenza che aveva la casata, è immergersi in uno straordinario monumento architettonico. Al suo interno, si riconoscono capolavori d’arte come il Tondo di Botticelli, che raffigura la Madonna col Bambino e San Giovannino, e i  Fasti Farnesiani, ovvero rappresentazioni celebrative degli avvenimenti più significativi di cui si sono resi protagonisti i Farnese, ma anche sculture, affreschi, ceramiche. Continuando l’esplorazione di Piacenza seguendo le tracce di Margherita d’Austria, tappa imprescindibile è Piazza Cavalli, cuore della città.   [post_title] => Visit Emilia, itinerari tra i Castelli di Matilde di Canossa, Maria Luigia e Margherita d'Austria [post_date] => 2023-12-12T10:41:42+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702377702000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455855 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => King Holidays non solo conferma tutta la programmazione Egitto, rilanciandola con nuove proposte speciali per le festività, ma spinge ulteriormente sulla destinazione con un'iniziativa di comunicazione ad hoc. "Abbiamo pensato a un metodo semplice e immediato per dimostrare al grande pubblico tutta la sicurezza di un viaggio organizzato - spiega la product manager del to, Barbara Cipolloni -. Il progetto si chiama Reel experience e gioca sull'assonanza tra il termine utilizzato per gli ormai celebri video brevi in formato verticale e la parole real, reale. Abbiamo quindi raccolto immagini e video registrati live dai nostri ospiti, che pubblichiamo poi sui nostri canali online". D'altronde, lanciata lo scorso agosto, la destinazione Egitto stava già dando al to capitolino grandissime soddisfazioni prima dello scoppio della nuova crisi mediorientale: "Nel giro di poche settimane avevamo già riempito il nostro charter, in partenza da Roma ogni sabato con 177 posti a disposizione - aggiunge Barbara Cipolloni -. Il prodotto è ottimo: combina il Cairo con una crociera sul Nilo a cura della motonavi a 5 stelle Royal Beau Rivage e Royal Signature. Due unità che abbiamo testato personalmente, facendo anche il fine tuning di un servizio originariamente pensato per il mercato spagnolo. Dopo lo scoppio della guerra c'è però stato un rallentamento, anche si i voli rimangono comunque abbastanza pieni. Non si è trattato tanto di vere e proprie cancellazioni. Qualcuno però si è spaventato e ha pensato di rimandare il viaggio". Discorso simile anche per un'altra destinazione importante per King Holidays come la Giordania. "Diffondiamo Reel experience pure per questa meta - conclude Barbara Cipolloni -. Il paese è sicuro. C'è parecchia polizia in giro, che tuttavia esercita un controllo soft, in grado di infondere più sicurezza che inquietudine. I gruppi continuano a partire, sebbene anche qui abbiamo avuto qualche cancellazione e rinvio. Si sta però imponendo un nuovo modello di viaggiatore, più consapevole e informato sui luoghi che va a visitare e che sa di potersi affidare a un'organizzazione che non lo abbandona mai". [post_title] => King Holidays lancia le Reel Experience, in diretta da Egitto e Giordania [post_date] => 2023-11-10T11:42:47+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1699616567000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455113 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_269063" align="alignleft" width="300"] Luis Gallego[/caption] Il gruppo Iag ha chiuso il terzo trimestre del 2023 con una crescita del 43% dell'utile operativo, prima delle voci eccezionali, raggiungendo 1,75 miliardi di euro, il secondo trimestre consecutivo di risultati record.  "Nel terzo trimestre abbiamo assistito a una domanda sostenuta e forte su tutte le nostre rotte", ha dichiarato il ceo, Luis Gallego. Tuttavia, l'aumento del prezzo del petrolio e la crescente incertezza geopolitica hanno sollevato dubbi sulla durata della ripresa, tanto che le azioni delle compagnie aeree sono scese rispetto ai mesi estivi. Gallego ha dichiarato che l'andamento delle prenotazioni per il resto dell'anno è "positivo" e che i primi segnali per il 2024 sono "in linea" con le aspettative. "Siamo soddisfatti dell'andamento dell'attività (...) ma siamo molto attenti alla situazione geopolitica e macroeconomica". Le tensioni in Medio Oriente non hanno per ora avuto un impatto significativo sulle prenotazioni. [post_title] => Utile operativo da record per il gruppo Iag nel terzo trimestre 2023 [post_date] => 2023-10-30T12:49:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1698670181000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 454983 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'inverno di Air France decolla con un network di 167 destinazioni - 84 a lungo raggio e 83 a medio raggio. La compagnia opererà quindi, tra novembre 2023 e marzo 2024, a livelli prossimi a quelli dell'inverno 2019, e precisamente al 98% della capacità del 2019 in termini di posti-chilometro disponibili sui voli a lungo raggio. La winter alle porte vedrà un aumento del 20% delle capacità verso il Nord America rispetto al 2019, con fino a 212 voli settimanali verso 20 destinazioni negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Raleigh-Durham (Carolina del Nord) entrerà a far parte della rete Air France a partire dal 30 ottobre 2023, con 3 voli settimanali su Boeing 787-9. Più a sud, Air France rafforzerà i suoi servizi verso l'America centrale e meridionale con l'introduzione di un servizio giornaliero per San José (Costa Rica) con Airbus A350-900. Nei Caraibi, il 1° dicembre 2023, Air France inaugurerà una nuova rotta tra Pointe-à-Pitre (Guadalupa) e Saint-Martin - un volo settimanale a bordo di un Airbus A320. Crescita anche verso l'Asia dove, anche se ancora al di sotto dei livelli del 2019, la capacità aumenterà del 60% rispetto all'inverno 2022-2023, grazie alla Cina e al Giappone. La compagnia manterrà i voli giornalieri per Pechino, Shanghai e Hong Kong per tutto l'inverno e aggiungerà un secondo volo per Tokyo-Haneda. Quest'inverno, la compagnia volerà fino a 16 volte a settimana verso i due aeroporti di Tokyo. Infine, quest'inverno riprenderanno i voli giornalieri per Bangkok (Thailandia) e la destinazione godrà di un massimo di 10 voli settimanali durante i mesi di punta di gennaio e febbraio 2024. A partire dal 29 ottobre 2023, Air France inizierà a volare verso Abu Dhabi mentre in Africa il vettore vola ora tutti i giorni a Nairobi (Kenya), mentre il servizio per Dar Es Salaam (Tanzania), inaugurato a giugno come continuazione del servizio per Zanzibar (Tanzania), è stato esteso alla stagione invernale. Il medio raggio La rete di medio raggio vede il riavvio delle rotte stagionali tra Paris-Charles de Gaulle e Tromsø, Rovaniemi, Kittilä e Innsbruck. I voli per Cracovia sono stati estesi alla stagione invernale mentre, per ora, i voli da/per Tel Aviv rimangono sospesi (fino al 31 ottobre). La divisione low cost, Transavia France, volerà quest'inverno verso 84 città in 26 Paesi. Ancora una volta, sarà la prima compagnia aerea low-cost ad operare dagli aeroporti di Parigi. [post_title] => L'inverno di Air France conta 167 destinazioni. Più 20% la capacità sul Nord America [post_date] => 2023-10-27T11:16:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1698405403000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 452433 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Toscana Aeroporti marcia spedita verso il superamento dei livelli di traffico pre-pandemia: la società che gestisce gli scali di Firenze e Pisa durante lo scorso agosto ha registrato una crescita del 16,7% anno su anno, e del 4,1% rispetto all’agosto del 2019. Il risultato è successivo al +6,3% di luglio 2023 rispetto allo stesso mese 2019, dopo che nel primo semestre i passeggeri transitati dal Vespucci e dal Galilei erano stati complessivamente 3,6 milioni, in altre parole il 95,6% del volume 2019. Positivi anche i dati finanziari del primo semestre: Toscana Aeroporti ha riportato ricavi operativi consolidati per 42 milioni di euro (+31% anno su anno), con un crescita sia dei ricavi aviation (+29%) che di quelli non aviation (+32%). L’ebitda è di 12,8 milioni (+153,2%) e il risultato netto è positivo per 1,6 milioni rispetto alla perdita di 3,4 milioni del 2022. L’indebitamento finanziario netto è pari a 88,4 milioni, contro i 106,2 milioni di metà 2022. «Nonostante lo scenario geopolitico e macroeconomico presenti ancora diversi elementi di incertezza – afferma il presidente Marco Carrai -, i risultati conseguiti al 30 giugno 2023 ci consentono di guardare con fiducia e ottimismo al prosieguo dell’anno e forniscono una solida base per i piani strategici della società con in particolare le tematiche Esg di sostenibilità ambientale».  [post_title] => Toscana Aeroporti: anche in agosto superati i livelli di traffico 2019 [post_date] => 2023-09-20T10:53:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1695207220000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 451366 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Boom di visitatori stranieri in India: durante il primo semestre 2023 il Paese ha registrato un aumento di oltre il 100% degli arrivi dall'estero rispetto al periodo corrispondente dello scorso anno. Secondo quanto riferito dai media locali, "Il numero di turisti stranieri arrivati in India quest'anno nel periodo gennaio-giugno è stato di 4,38 milioni, il 106% in più rispetto alla cifra (2,12 milioni) dell'analogo periodo del 2022"  Per quanto riguarda il turismo domestico, la cifra era di 677 milioni nel 2021 ed è cresciuta a 1,73 miliardi nel 2022. Sembra dunque procedere nella giusta direzione l'investimento del governo indiano per rilanciare il turismo dopo gli anni difficili della pandemia, cercando di aumentare l'affluenza di turisti domestici e internazionali. Jammu e Kashmir e il corridoio di Kashi Vishwanath a Varanasi sono tra le destinazioni turistiche indiane che hanno registrato un aumento del flusso turistico nella prima metà di quest'anno.   [post_title] => La riscossa dell'India: aumentati di oltre il 100% gli arrivi stranieri nel primo semestre [post_date] => 2023-08-31T11:46:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1693482393000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 450082 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Welcome – Working for Refugee Integration. Si chiama in questo modo il premio assegnato dall'Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (Unhcr) al gruppo Bluserena, insieme ad altre 167 aziende in Italia. Un riconoscimento annuale dedicato alle compagnie che si distinguono per la loro attività a favore dell'inserimento lavorativo di beneficiari di protezione internazionale e della nascita di attività di autoimpiego dei beneficiari. “Una delle priorità di Bluserena è il benessere dei collaboratori: vogliamo creare condizioni di lavoro favorevoli e inclusive per chi sceglie di entrare a far parte della nostra azienda - spiega il ceo di Bluserena, Marcello Cicalò -. In futuro continueremo a supportare questo progetto, in cui crediamo molto, e a favorire l’inserimento lavorativo dei rifugiati, garantendo un ambiente di lavoro sano e inclusivo”. [post_title] => Bluserena premiata dall'Unhcr per la sua attività a favore dell'inserimento lavorativo dei rifugiati [post_date] => 2023-07-21T10:02:05+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1689933725000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1677" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":54,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461714","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian vola alto e, dopo aver registrato utili operativi superiori alle previsioni nel quarto trimestre 2023, portando il risultato dell'intero anno a un massimo storico, punta dritto verso un nuovo record di profitti per il 2024.\r\n\r\nI risultati segnano un'inversione di tendenza per la low cost, che solo pochi anni fa avrebbe potuto addirittura uscire dal mercato, schiacciata da pesanti debiti e dalla conseguenze della pandemia. \r\n\r\nL'utile operativo del trimestre ottobre-dicembre del vettore è stato di 328 milioni di corone (31,08 milioni di dollari), superiore ai 177 milioni previsti dalla società e a fronte di una perdita di 39 milioni dell'anno precedente.\r\n\r\n\"Questo dimostra che la ripresa degli utili che Norwegian ha attraversato... è ancora in grado di fornire numeri da record, anche se vola molto meno di prima\", ha dichiarato Jacob Pedersen, analista di Sydbank.\r\n\r\nSempre nel quarto trimestre Norwegian ha trasportato 4,7 milioni rispetto ai 4,6 milioni dell'anno precedente, con un load factor dell'84,4%.\r\n\r\nLa capacità (Ask) dovrebbe aumentare del 12% quest'anno, e sempre per il 2024 la compagnia prevede un utile operativo compreso tra 2,5 e 3,2 miliardi di corone, in aumento rispetto ai 2,2 miliardi di corone del 2023.\r\n\r\n\"Lo slancio delle prenotazioni (per l'estate) è buono... molto buono\", ha dichiarato il ceo, Geir Karlsen durante la presentazione dei risultati annuali.","post_title":"Norwegian punta a incassare profitti da record nel 2024","post_date":"2024-02-16T13:37:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708090658000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458796","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno 6,837 milioni gli italiani in vacanza durante il prossimo weekend della Befana. Di questi, ben 4,141 milioni sono già in viaggio da Natale, 673 mila sono partiti a Capodanno e 2,022 milioni si muoveranno esclusivamente per l'Epifania. Lo rivelano i dati di un sondaggio Federalberghi, realizzato in collaborazione con l'istituto Acs Marketing Solutions. “Il dato complessivo è rassicurante per il comparto - commenta il presidente dell'associazione degli albergatori, Bernabò Bocca -.  Si tratta di un’Epifania che il calendario ha fatto capitare nella giornata di sabato, premiando così la festa nel fine settimana. Ancora una volta gli italiani mostrano di prediligere il proprio paese come destinazione ideale per le vacanze (il 97,1%). Un dato che rincuora sempre”.\r\n\r\nNel dettaglio, per coloro che andranno in vacanza esclusivamente nel periodo dell’Epifania, la durata media sarà di circa 3,3 notti, con una spesa pro capite complessiva (ovvero comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) di 665 euro: 645 euro per chi resta in Italia e 1.133 euro per chi invece sceglie l’estero. Il giro di affari specifico del weekend si attesterà quindi sul miliardo e 345 milioni di euro. L’alloggio preferito sarà l’albergo nel 39,2% dei casi, seguito a distanza dalla stanza in un b&b con il 26,5%. Il motivo principale della vacanza è la ricerca del riposo e del relax (60,8%), passeggiando (38,2%), assistendo a spettacoli musicali (19,6%) e visitando monumenti (16,7%). Il meteo potrebbe però influenzare le scelte sulle vacanze per la befana: infatti, il 54,9% di chi partirà potrebbe modificare i propri piani in caso di condizioni meteo avverse. Chi non partirà, infine, farà questa scelta prevalentemente per motivazioni economiche (34,1%) o familiari (17,7%). Il 14,6% partirà, invece, in un altro periodo.","post_title":"Federalberghi: l'Epifania chiude bene le feste. Giro d'affari a quasi 1,4 mld","post_date":"2024-01-03T11:21:56+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1704280916000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con Visit Emilia alla scoperta dei Castelli di Matilde di Canossa sull’Appennino Reggiano, nella Parma di Maria Luigia d’Austria e nella Piacenza di Margherita d’Austria.\r\n\r\nFra le imponenti e maestose mura dei Castelli Matildici che si ergono sull’Appennino Reggiano i viaggiatori incontrano l’ombra di Matilde di Canossa, figura di forza e saggezza, che nel Medioevo si è distinta per aver difeso non solo i confini del suo regno, ma anche l’idea di una giustizia equa. Tra gli eleganti viali e palazzi storici di Parma, emerge la presenza di Maria Luigia d'Austria, sovrana di grande cultura e raffinatezza, che ha lasciato un'impronta indelebile nella città e nel territorio. Continuando l’itinerario nel cuore di Piacenza, il Palazzo Farnese si erge a testimonianza del potere e dell'eleganza di Margherita d'Austria, donna d’intelligenza e passione.\r\n\r\nTra le protagoniste più rilevanti del periodo medievale, Matilde di Canossa fu una potente feudataria, vicina al Papato nel periodo della lotta alle investiture. Nel cuore del suo dominio, dove oggi svettano i ruderi dell’affascinante Castello di Canossa, sull’Appennino Reggiano, l’imperatore Enrico IV, suo cugino, ottenne nel 1077 la revoca della scomunica dal pontefice Gregorio VII. All’interno del perimetro del Castello è possibile vistare il Museo Nazionale Naborre Campanini che raccoglie testimonianze archeologiche rinvenute principalmente durante gli scavi effettuati nella seconda metà del XIX secolo. Matilde governava un territorio strategico sia per i pontefici che per gli imperatori che dal Lazio si estendeva fino al Lago di Garda.\r\n\r\n Il maniero più amato da Matilde di Canossa, invece, è il Castello di Carpineti, il più alto tra le fortezze appenniniche. Qui Matilde nel 1077 decise di ospitare papa Gregorio VII dopo il celebre incontro di Canossa con l’imperatore Enrico IV. Per scoprire, passo dopo passo, queste meraviglie, si può percorrere un tratto della Via Matildica del Volto Santo, che collega Mantova a Lucca, passando per Reggio Emilia e i borghi che vanno dalla Riserva Mab Unesco Po Grande alla Riserva Mab Unesco Appennino Tosco-Emiliano.\r\n\r\nMaria Luigia d'Austria, saggia, pragmatica e liberale, portò Parma ai massimi splendori con un vasto piano di opere pubbliche: implementò le collezioni della Biblioteca Ducale (oggi Palatina) ampliandola, costruendo il Salone Maria Luigia; realizzò uno dei magnifici simboli della città, il Teatro Regio, inaugurato nel 1829 con l’opera Zaira composta da Vincenzo Bellini. In stile neoclassico nel tipico colore “giallo Parma”, incanta per le sue decorazioni, i palchetti e per l’acustica perfetta.\r\n\r\nSeguendo le vicende di Maria Luigia, una tappa imperdibile è il Museo Glauco Lombardi. Raccoglie testimonianze storiche e artistiche sul periodo ducale di Parma dei secoli XVIII e XIX, ma soprattutto sulla duchessa. Un palazzo storico con diverse sale, di cui il Salone delle Feste che conserva il dipinto di Robert Lefévre di Maria Luigia imperatrice nel 1812 e poi la “corbeille de mariage”, sontuoso mobile che conteneva i doni fatti da Napoleone alla consorte, le lettere autografe di Bonaparte, un fortepiano appartenuto alla duchessa, abiti, oggetti e cimeli, gioielli e monili, una collezione ricchissima. Per incontrare ancora Maria Luigia, bisogna andare al Complesso della Pilotta dove, nella Galleria Nazionale, si trovano alcune delle opere dovute al mecenatismo della duchessa.\r\n\r\nImportante personaggio femminile del Rinascimento, Margherita d’Austria amava la città di Piacenza, tanto da sceglierla come sua preferita e dove volle essere sepolta. Duchessa di Parma e Piacenza tra il 1547 e il 1586, figlia dell’imperatore Carlo V, sposa prima alla corte medicea con il duca di Firenze Alessandro de’ Medici e poi a Ottavio Farnese, nipote del Papa Alessandro, diede il via alla costruzione di uno degli edifici più importanti del Cinquecento italiano, Palazzo Farnese di Piacenza, per rendere manifesta la grande potenza della famiglia e oggi sede dei Musei Civici.  A lei si deve il nome di Palazzo Madama a Roma, dove si trasferì prima di giungere in Emilia, a Piacenza dove diede origine alla sua residenza ufficiale.\r\n\r\nVisitare Palazzo Farnese, simbolo della grande potenza che aveva la casata, è immergersi in uno straordinario monumento architettonico. Al suo interno, si riconoscono capolavori d’arte come il Tondo di Botticelli, che raffigura la Madonna col Bambino e San Giovannino, e i  Fasti Farnesiani, ovvero rappresentazioni celebrative degli avvenimenti più significativi di cui si sono resi protagonisti i Farnese, ma anche sculture, affreschi, ceramiche.\r\n\r\nContinuando l’esplorazione di Piacenza seguendo le tracce di Margherita d’Austria, tappa imprescindibile è Piazza Cavalli, cuore della città.\r\n\r\n ","post_title":"Visit Emilia, itinerari tra i Castelli di Matilde di Canossa, Maria Luigia e Margherita d'Austria","post_date":"2023-12-12T10:41:42+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1702377702000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455855","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"King Holidays non solo conferma tutta la programmazione Egitto, rilanciandola con nuove proposte speciali per le festività, ma spinge ulteriormente sulla destinazione con un'iniziativa di comunicazione ad hoc. \"Abbiamo pensato a un metodo semplice e immediato per dimostrare al grande pubblico tutta la sicurezza di un viaggio organizzato - spiega la product manager del to, Barbara Cipolloni -. Il progetto si chiama Reel experience e gioca sull'assonanza tra il termine utilizzato per gli ormai celebri video brevi in formato verticale e la parole real, reale. Abbiamo quindi raccolto immagini e video registrati live dai nostri ospiti, che pubblichiamo poi sui nostri canali online\".\r\n\r\nD'altronde, lanciata lo scorso agosto, la destinazione Egitto stava già dando al to capitolino grandissime soddisfazioni prima dello scoppio della nuova crisi mediorientale: \"Nel giro di poche settimane avevamo già riempito il nostro charter, in partenza da Roma ogni sabato con 177 posti a disposizione - aggiunge Barbara Cipolloni -. Il prodotto è ottimo: combina il Cairo con una crociera sul Nilo a cura della motonavi a 5 stelle Royal Beau Rivage e Royal Signature. Due unità che abbiamo testato personalmente, facendo anche il fine tuning di un servizio originariamente pensato per il mercato spagnolo. Dopo lo scoppio della guerra c'è però stato un rallentamento, anche si i voli rimangono comunque abbastanza pieni. Non si è trattato tanto di vere e proprie cancellazioni. Qualcuno però si è spaventato e ha pensato di rimandare il viaggio\".\r\n\r\nDiscorso simile anche per un'altra destinazione importante per King Holidays come la Giordania. \"Diffondiamo Reel experience pure per questa meta - conclude Barbara Cipolloni -. Il paese è sicuro. C'è parecchia polizia in giro, che tuttavia esercita un controllo soft, in grado di infondere più sicurezza che inquietudine. I gruppi continuano a partire, sebbene anche qui abbiamo avuto qualche cancellazione e rinvio. Si sta però imponendo un nuovo modello di viaggiatore, più consapevole e informato sui luoghi che va a visitare e che sa di potersi affidare a un'organizzazione che non lo abbandona mai\".","post_title":"King Holidays lancia le Reel Experience, in diretta da Egitto e Giordania","post_date":"2023-11-10T11:42:47+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1699616567000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455113","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_269063\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luis Gallego[/caption]\r\n\r\nIl gruppo Iag ha chiuso il terzo trimestre del 2023 con una crescita del 43% dell'utile operativo, prima delle voci eccezionali, raggiungendo 1,75 miliardi di euro, il secondo trimestre consecutivo di risultati record. \r\n\"Nel terzo trimestre abbiamo assistito a una domanda sostenuta e forte su tutte le nostre rotte\", ha dichiarato il ceo, Luis Gallego.\r\n\r\nTuttavia, l'aumento del prezzo del petrolio e la crescente incertezza geopolitica hanno sollevato dubbi sulla durata della ripresa, tanto che le azioni delle compagnie aeree sono scese rispetto ai mesi estivi.\r\n\r\nGallego ha dichiarato che l'andamento delle prenotazioni per il resto dell'anno è \"positivo\" e che i primi segnali per il 2024 sono \"in linea\" con le aspettative. \"Siamo soddisfatti dell'andamento dell'attività (...) ma siamo molto attenti alla situazione geopolitica e macroeconomica\". Le tensioni in Medio Oriente non hanno per ora avuto un impatto significativo sulle prenotazioni.","post_title":"Utile operativo da record per il gruppo Iag nel terzo trimestre 2023","post_date":"2023-10-30T12:49:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1698670181000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"454983","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'inverno di Air France decolla con un network di 167 destinazioni - 84 a lungo raggio e 83 a medio raggio. La compagnia opererà quindi, tra novembre 2023 e marzo 2024, a livelli prossimi a quelli dell'inverno 2019, e precisamente al 98% della capacità del 2019 in termini di posti-chilometro disponibili sui voli a lungo raggio.\r\n\r\nLa winter alle porte vedrà un aumento del 20% delle capacità verso il Nord America rispetto al 2019, con fino a 212 voli settimanali verso 20 destinazioni negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Raleigh-Durham (Carolina del Nord) entrerà a far parte della rete Air France a partire dal 30 ottobre 2023, con 3 voli settimanali su Boeing 787-9.\r\n\r\nPiù a sud, Air France rafforzerà i suoi servizi verso l'America centrale e meridionale con l'introduzione di un servizio giornaliero per San José (Costa Rica) con Airbus A350-900. Nei Caraibi, il 1° dicembre 2023, Air France inaugurerà una nuova rotta tra Pointe-à-Pitre (Guadalupa) e Saint-Martin - un volo settimanale a bordo di un Airbus A320.\r\n\r\nCrescita anche verso l'Asia dove, anche se ancora al di sotto dei livelli del 2019, la capacità aumenterà del 60% rispetto all'inverno 2022-2023, grazie alla Cina e al Giappone. La compagnia manterrà i voli giornalieri per Pechino, Shanghai e Hong Kong per tutto l'inverno e aggiungerà un secondo volo per Tokyo-Haneda. Quest'inverno, la compagnia volerà fino a 16 volte a settimana verso i due aeroporti di Tokyo. Infine, quest'inverno riprenderanno i voli giornalieri per Bangkok (Thailandia) e la destinazione godrà di un massimo di 10 voli settimanali durante i mesi di punta di gennaio e febbraio 2024.\r\n\r\nA partire dal 29 ottobre 2023, Air France inizierà a volare verso Abu Dhabi mentre in Africa il vettore vola ora tutti i giorni a Nairobi (Kenya), mentre il servizio per Dar Es Salaam (Tanzania), inaugurato a giugno come continuazione del servizio per Zanzibar (Tanzania), è stato esteso alla stagione invernale.\r\n\r\nIl medio raggio\r\n\r\nLa rete di medio raggio vede il riavvio delle rotte stagionali tra Paris-Charles de Gaulle e Tromsø, Rovaniemi, Kittilä e Innsbruck. I voli per Cracovia sono stati estesi alla stagione invernale mentre, per ora, i voli da/per Tel Aviv rimangono sospesi (fino al 31 ottobre).\r\n\r\nLa divisione low cost, Transavia France, volerà quest'inverno verso 84 città in 26 Paesi. Ancora una volta, sarà la prima compagnia aerea low-cost ad operare dagli aeroporti di Parigi.","post_title":"L'inverno di Air France conta 167 destinazioni. Più 20% la capacità sul Nord America","post_date":"2023-10-27T11:16:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1698405403000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"452433","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Toscana Aeroporti marcia spedita verso il superamento dei livelli di traffico pre-pandemia: la società che gestisce gli scali di Firenze e Pisa durante lo scorso agosto ha registrato una crescita del 16,7% anno su anno, e del 4,1% rispetto all’agosto del 2019. Il risultato è successivo al +6,3% di luglio 2023 rispetto allo stesso mese 2019, dopo che nel primo semestre i passeggeri transitati dal Vespucci e dal Galilei erano stati complessivamente 3,6 milioni, in altre parole il 95,6% del volume 2019.\r\n\r\nPositivi anche i dati finanziari del primo semestre: Toscana Aeroporti ha riportato ricavi operativi consolidati per 42 milioni di euro (+31% anno su anno), con un crescita sia dei ricavi aviation (+29%) che di quelli non aviation (+32%). L’ebitda è di 12,8 milioni (+153,2%) e il risultato netto è positivo per 1,6 milioni rispetto alla perdita di 3,4 milioni del 2022. L’indebitamento finanziario netto è pari a 88,4 milioni, contro i 106,2 milioni di metà 2022.\r\n\r\n«Nonostante lo scenario geopolitico e macroeconomico presenti ancora diversi elementi di incertezza – afferma il presidente Marco Carrai -, i risultati conseguiti al 30 giugno 2023 ci consentono di guardare con fiducia e ottimismo al prosieguo dell’anno e forniscono una solida base per i piani strategici della società con in particolare le tematiche Esg di sostenibilità ambientale». ","post_title":"Toscana Aeroporti: anche in agosto superati i livelli di traffico 2019","post_date":"2023-09-20T10:53:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1695207220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"451366","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Boom di visitatori stranieri in India: durante il primo semestre 2023 il Paese ha registrato un aumento di oltre il 100% degli arrivi dall'estero rispetto al periodo corrispondente dello scorso anno.\r\n\r\nSecondo quanto riferito dai media locali, \"Il numero di turisti stranieri arrivati in India quest'anno nel periodo gennaio-giugno è stato di 4,38 milioni, il 106% in più rispetto alla cifra (2,12 milioni) dell'analogo periodo del 2022\" \r\nPer quanto riguarda il turismo domestico, la cifra era di 677 milioni nel 2021 ed è cresciuta a 1,73 miliardi nel 2022.\r\n\r\nSembra dunque procedere nella giusta direzione l'investimento del governo indiano per rilanciare il turismo dopo gli anni difficili della pandemia, cercando di aumentare l'affluenza di turisti domestici e internazionali.\r\n\r\nJammu e Kashmir e il corridoio di Kashi Vishwanath a Varanasi sono tra le destinazioni turistiche indiane che hanno registrato un aumento del flusso turistico nella prima metà di quest'anno.\r\n\r\n ","post_title":"La riscossa dell'India: aumentati di oltre il 100% gli arrivi stranieri nel primo semestre","post_date":"2023-08-31T11:46:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1693482393000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"450082","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Welcome – Working for Refugee Integration. Si chiama in questo modo il premio assegnato dall'Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (Unhcr) al gruppo Bluserena, insieme ad altre 167 aziende in Italia. Un riconoscimento annuale dedicato alle compagnie che si distinguono per la loro attività a favore dell'inserimento lavorativo di beneficiari di protezione internazionale e della nascita di attività di autoimpiego dei beneficiari.\r\n\r\n“Una delle priorità di Bluserena è il benessere dei collaboratori: vogliamo creare condizioni di lavoro favorevoli e inclusive per chi sceglie di entrare a far parte della nostra azienda - spiega il ceo di Bluserena, Marcello Cicalò -. In futuro continueremo a supportare questo progetto, in cui crediamo molto, e a favorire l’inserimento lavorativo dei rifugiati, garantendo un ambiente di lavoro sano e inclusivo”.","post_title":"Bluserena premiata dall'Unhcr per la sua attività a favore dell'inserimento lavorativo dei rifugiati","post_date":"2023-07-21T10:02:05+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1689933725000]}]}}

Lascia un commento