5 February 2023

1667

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

TOUR OPERATOR INCOMING DI ROMA CERCA ADDETTI PRENOTAZIONI INDIVIDUALI – GRUPPI CON PLURIENNALE ESPERIENZA, BUONA CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE, TEDESCA, RUSSA. SI RICHIEDE ANCHE ESPERIENZA NELL’ORGANIZZAZIONE DI INCENTIVE. ASSUNZIONE IMMEDIATA NO PERDITEMPO.
INVIARE CURRICULUM A: touroperatorincoming@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438577 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France). Il servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy). La Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero. Anche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa. [post_title] => Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada [post_date] => 2023-02-03T09:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675415297000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437881 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con la riapertura dei confini internazionali e la ripresa del mercato dei viaggi, migliorano sensibilmente i conti dei Grandi Viaggi, che chiude il bilancio al 31 ottobre 2022 con margini operativi lordi (ebitda) pari a 3,07 milioni di euro, contro i 2,61 milioni dell'esercizio precedente, ma soprattutto con utili ante imposte e interessi (ebit) a quota 0,31 milioni, in netta crescita rispetto al rosso da 1,41 milioni del 2021. Il risultato netto rimane in territorio negativo per 0,14 milioni, ma anche in questo caso il miglioramento è sensibile, se si confronta il dato con il -1,41 milioni dell'anno precedente. Risultati, questi ultimi, resi possibili da un sensibile incremento dei ricavi, passati da 28,9 milioni a 49 milioni (+69,9%).  La ripartizione del fatturato della capogruppo indica in particolare vendite delle destinazioni relative ai villaggi di proprietà, nazionali ed esteri, per l’80,84%, pari a 32,63 milioni di euro, con un incremento rispetto al precedente esercizio del 148%. Il settore tour operator ha invece registrato vendite per 7,58 milioni di euro, con un incremento di 7,26 milioni, rispetto al 2021 (320 mila euro). I villaggi commercializzati hanno infine registrato vendite per 160 mila euro, con un incremento pari a circa 94 mila (+242%). La posizione finanziaria netta consolidata è inoltre positiva per 8,03 milioni di euro, in diminuzione di 10,49 milioni rispetto a quella del precedente esercizio, che risultava positiva per 18,53 milioni, dopo aver rimborsato le quote in scadenza nell’anno dei mutui per 1,95 milioni e aver effettuato investimenti in immobilizzazioni per 1,27 milioni. Inoltre, la diminuzione è correlata alla sottoscrizione di una polizza assicurativa di diritto lussemburghese, denominata Sogelife, sottoscritta dalla capogruppo per una miglior gestione della liquidità, per un ammontare pari a  12 milioni nominali. I dati gestionali, si legge in una nota, evidenziano una fase di ripresa del settore turistico, con un incremento delle vendite sia per quanto riguarda le destinazioni italiane invernali, sia per le vendite inerenti alla maggior parte delle destinazioni estere in area extra Schengen. In considerazione del perdurare delle criticità socioeconomiche e geopolitiche, che condizionano il potere d’acquisto delle famiglie, il gruppo conta di mantenere un sostanziale equilibrio finanziario. [post_title] => Nel 2022 migliorano i conti dei Grandi Viaggi che sfiora il ritorno all'utile [post_date] => 2023-01-25T09:56:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674640583000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Toscana Aeroporti, società di gestione degli scali di Firenze e Pisa, traccia un bilancio positivo del 2022 che si è concluso con 6.722.846 passeggeri, in crescita del 137% sul 2021. Nonostante la diffusione della variante Omicron ad inizio anno, i risultati dei mesi successivi hanno consentito al Sistema Aeroportuale Toscano di chiudere il 2022 con l’81,4% dei volumi del 2019, anno record per i due scali. Un recupero addirittura superiore si è osservato per i movimenti aerei, 68.893, che hanno raggiunto l’87,3% dei livelli pre-pandemia.  In particolare, nel 2022 i passeggeri sui voli domestici hanno raggiunto l’87,9% dei passeggeri domestici del 2019 mentre quelli internazionali, storicamente prevalenti nel Sistema e maggiormente penalizzati dalle limitazioni agli spostamenti, il 79,4% del numero dei passeggeri pre-pandemia. In forte aumento anche il load factor dei voli di linea (+11,7 punti percentuali), passato dal 68,4% del 2021 all’80,1% del 2022 e in deciso avvicinamento al dato (83,9%) del 2019. Significativo anche il risultato del cargo che, con 14.907 tonnellate di merce trasportata nel 2022, si è attestato ad un +13,1% rispetto ai volumi del 2019. Nel dettaglio, il Galilei di Pisa ha totalizzato 4.493.847, il +124,8% rispetto al 2021 e un recupero dell’83,4% sull’anno pre-covid del 2019; il Vespucci di Firenze ha registrato 2.228.999 passeggeri, pari a una crescita del 166% rispetto al 2021 e un recupero del 77,6% dei volumi di traffico del 2019.  [post_title] => Toscana Aeroporti: Firenze e Pisa si avvicinano al traffico 2019 con oltre 7,2 milioni di passeggeri [post_date] => 2023-01-16T08:53:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673859180000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435261 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vueling continua a cancellare preventivamente i voli per ridurre al minimo l'impatto dello sciopero del personale di cabina indetto dal sindacato Stavla, iniziato il 1° novembre e che durerà fino alla fine di gennaio. La low cost Iag, che sta affrontando la settimana più complicata dall'inizio delle mobilitazioni, ha cancellato per questo venerdì 2 dicembre 94 voli non tutelati dai servizi minimi decretati dal Governo. Opererà normalmente 507 dei 601 voli previsti. All'aeroporto di Barcellona opererà regolarmente l'80% dei voli programmati da Vueling (148 su 186). Nel resto della Spagna la percentuale sale all'89%, con 193 su 217, mentre a livello internazionale si attesta all'84%, con 166 su 198 programmati. Il 91% dei clienti interessati da queste cancellazioni è stato trasferito o ha richiesto un voucher o un rimborso, mentre il 9% è ancora in attesa di scegliere l'opzione più adatta a loro. [post_title] => Vueling riduce ancora i voli per lo sciopero del personale di cabina [post_date] => 2022-12-02T08:45:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669970752000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434069 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stata inaugurata ufficialmente lo scorso 1° novembre Cascina Galarej, il nuovo hotel del Villaggio Narrante in Fontanafredda & Casa E. di Mirafiore: tenuta di 120 ettari di riserva bionaturale situata a Serralunga d'Alba, nel cuore delle terre del Barolo, che include anche una vasta proposta enogastronomica, un centro congressi, oltre che l'altro hotel le Case dei Conti. La nuova struttura offre agli ospiti un’esperienza di relax e benessere con vista a 360 gradi sui vigneti. Nato dalla ristrutturazione di una cascina di Fontanafredda risalente al 1867, con un progetto che ha posto molta attenzione all’aspetto ecosostenibile, l’hotel offre dieci camere con arredamento di design, una palestra con vista sulle colline, una spa dotata di piscina riscaldata interna ed esterna, sauna finlandese, bagno turco, docce emozionali, tino idromassaggio, trattamenti con mosto d’uva di Barbera e Nebbiolo. La proposta culinaria, a opera degli chef del Villaggio, comprende prima colazione, light lunch e aperitivi con prodotti tipici di Langa. La struttura esistente è stata valorizzata con l'inserimento di grandi vetrate e l’utilizzo di materiali naturali come il legno e la pietra, arredi di design curati da Green Pea Home e impreziositi da cimeli storici di Vittorio Emanuele II conservati nella Villa Reale. Nell’ex fienile, dalla tipica struttura in mattoni a vista completamente rinnovata, è stata ricavata quindi la spa di 500 metri quadrati. Per il riscaldamento della piscina e delle camere è stato inoltre adottato l’impianto di cogenerazione e teleriscaldamento presente nel Villaggio, mentre per l’illuminazione della strada che conduce all’hotel una serie di panelli fotovoltaici con sensori di movimento. Dal punto di vista dell’impatto visivo ambientale sono stati utilizzati colori conformi al paesaggio circostante e che richiamano gli edifici storici di re Vittorio Emanuele II, grazie alle righe orizzontali tipiche del Villaggio Narrante. Non mancheranno infine le possibilità di vivere le restanti esperienze all’interno della tenuta, come la vista alle cantine storiche di Vittorio Emanuele II e a quelle di suo figlio Emanuele Alberto, la passeggiata nel bosco dei Pensieri, nonché la degustazione dei grandi vini delle Langhe e della tradizione all’interno dei ristoranti della famiglia Alciati. [post_title] => Il nuovo hotel Cascina Galarej apre nel Villaggio Narrante di Serralunga d'Alba [post_date] => 2022-11-14T12:49:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668430165000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433435 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli arrivi turistici a Cipro hanno raggiunto l'80% del 2019, spinti dall'ottima performance dei flussi provenienti dall'Unione europea, in crescita del +22% rispetto ai livelli pre-pandemia. Il ministro del Turismo Savvas Perdios, ripreso dal Financial Mirror, ha sottolineato come l'identità turistica di Cipro sia cambiata, mentre l'importo destinato allo sviluppo del prodotto turistico è salito al 28% rispetto al precedente dato del 10%, di cui un quarto destinato alla pubblicità digitale. "I risultati ottenuti quest'anno dal nostro turismo sono legati al lavoro svolto negli ultimi quattro anni, e oggi ne stiamo vedendo i risultati - ha dichiarato Perdios alla Commissione Finanze della Camera -. Anche se gli arrivi totali sono a meno 20%, dall'Ue siamo a più 22% rispetto al 2019. E per la prima volta, gli arrivi dall'Ue superano quelli dal Regno Unito". Perdios ha precisato che il 40% degli arrivi proviene dall'Ue, mentre gli arrivi dal Regno Unito sono circa il 38%. Negli otto mesi da gennaio ad agosto, le entrate turistiche sono stimate a 1,617 miliardi di euro, rispetto ai 777 milioni di euro per lo stesso periodo del 2021: nonostante l'aumento significativo, le entrate turistiche sono ancora in calo rispetto al 2019 (meno 7,4%) un anno record per il turismo cipriota. [post_title] => Cipro: gli arrivi raggiungono l'80% dei livelli pre-pandemia. Turisti europei a +22% [post_date] => 2022-11-03T11:20:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667474458000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432258 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_432299" align="alignleft" width="300"] Alberto Gutiérrez Pascual[/caption] Civitatis ha rivelato che nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest'anno, più di 2.200.000 persone hanno usufruito di alcune delle sue attività, sparse in tutto il mondo. Si tratta del 65,58% in più rispetto agli stessi mesi del 2019. Oltre al confronto con la vita pre-pandemica, colpisce anche il confronto con l'anno in corso. Civitatis ha iniziato bene l'anno, nonostante il boom della variante omicron, e ha vissuto un secondo trimestre caratterizzato dai buoni numeri della Pasqua e dei weekend lunghi, oltre che dall'allentamento di ogni tipo di restrizione ai viaggi. Tuttavia, è nel terzo trimestre che i risultati si sono finalmente concretizzati, con un aumento del 221,54% del numero di persone che hanno prenotato il loro viaggio con Civitatis nei primi tre mesi dell'anno e un aumento del 60,39% nel secondo trimestre. Infatti, i dati dei primi sei mesi sono quasi identici a quelli dei soli mesi di luglio, agosto e settembre. Se le cifre sono scioccanti, le destinazioni preferite e le attività più prenotate lo sono meno: il convenzionale ha trionfato. I luoghi più visitati nell'ultimo trimestre, secondo le statistiche della piattaforma spagnola, sono Roma (6,12% delle prenotazioni), Parigi (5,68%), Porto (3,61%), Lisbona (3,52%) e New York (2,96%). I tour più richiesti sono stati la visita guidata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina (1,62%), il tour gratuito di Parigi (1,58%), il tour dei contrasti di New York (1,43%), la gita in battello sulla Senna (1,25%) e la visita guidata al Colosseo, ai Fori e al Palatino (1,24%). «Abbiamo chiuso un trimestre con cifre davvero buone, non solo in termini di vendite, ma anche in termini di crescita dell'azienda nel suo complesso. Non mi stupisco, perché ho sempre avuto piena fiducia in quello che offriamo e perché sono un ottimista per natura». Tuttavia, Alberto Gutiérrez non si accontenta e afferma che «vogliamo di più, molto di più, come dice la canzone della nostra pubblicità, che risuona in TV in Spagna e nei Paesi dell'America Latina come Argentina e Messico. Il nostro obiettivo è chiudere l'anno con oltre 6.500.000 clienti, quasi il doppio rispetto al 2019». [post_title] => Civitatis: miglior trimestre di sempre. Gutiérrez: «Vogliamo di più» [post_date] => 2022-10-14T10:41:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665744081000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431797 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_412544" align="alignright" width="300"] Roberta Garibaldi, ad Enit[/caption] Enit porta l'offerta congressuale italiana sul palcoscenico di Imex America, in calendario dall’11 al 13 ottobre prossimi. Ottime le performance dell’Europa per numero di meeting internazionali promossi dalle associazioni: nella Top 20 Destination Performance Index di Icca, il 70% dei paesi e l’80% delle città sono destinazioni europee. Seguono i Paesi asiatici (15%) e i Paesi nordamericani (10%), mentre l’Oceania, rappresentata dall'Australia, ha una quota di mercato del 5%. La Spagna balza di 2 posizioni rispetto al 2019 e diventa la seconda destinazione per meeting a livello globale, dopo gli Stati Uniti che restano saldi al primo posto per numero di congressi ospitati. Dopo la Germania al 3° e la Francia al 4°, l'Italia nel 2021 ottiene il 5° posto, scavalcando il Regno Unito che scende di una posizione rispetto al 2019.     Nella classifica delle città, Roma entra nelle prime 20 posizioni e si piazza al 16° posto. Nel 2021 in Italia sono stati realizzati complessivamente 86.438 eventi in presenza o in formato ibrido con una crescita del +23,7% rispetto al 2020, per un totale di 4.585.433 partecipanti (+14,7% sul 2020). Sempre lo scorso anno, la spesa internazionale per viaggi d’affari in Italia nel 2021, circa 4,3 miliardi di euro (+50,8% sul 2020), è cresciuta più di quella per vacanze (+16,8%).  Sono 10,8 milioni i viaggiatori internazionali in Italia per motivi di lavoro/affari nel 2021 (+18,2% sul 2020) per un totale di circa 33 milioni di notti (+16,7%). (Fonte Ufficio Studi su dati Banca d’Italia)    Nei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori dall’estero in Italia per motivi di lavoro spendono quasi 3 miliardi di euro (fonte: Ufficio Studi su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori).     Il settore mice troverà il vigore di un tempo nel 2026. "Il successo dei meeting face to face dovrà essere basato in futuro sulla qualità dei contenuti e l’apporto che la destinazione può dare al raggiungimento degli obiettivi dell’evento, l’affiancamento di elementi virtuali, l’offerta di un’effettiva esperienza di networking, la sostenibilità" dichiara l'ad Enit, Roberta Garibaldi. "Se analizziamo i dati disponibili ci rendiamo conto di quanto sia aumentata la determinazione di fattori come la reputazione, l’accessibilità dei luoghi, i fattori ambientali, il clima, le opportunità extra conferenze, le caratteristiche delle strutture ricettive per qualità e standard di sicurezza e come ci si orienti anche su strutture con meno camere con un’ospitalità più familiare. E’ cresciuto l’interesse per strutture con aree esterne con flessibilità degli spazi, attenzione alla sostenibilità e all’enogastronomia e con avanzata dotazione tecnologica”. [post_title] => Enit porta l'Italia a Imex America: il nostro Paese è la quinta destinazione Mice al mondo [post_date] => 2022-10-06T12:41:01+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665060061000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner. Rubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina. In mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Disegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova. La mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee. L’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race. La mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia. [post_title] => Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023 [post_date] => 2022-09-22T12:36:01+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663850161000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1667" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":48,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438577","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France).\r\nIl servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy).\r\nLa Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero.\r\n\r\nAnche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa.","post_title":"Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada","post_date":"2023-02-03T09:08:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675415297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437881","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con la riapertura dei confini internazionali e la ripresa del mercato dei viaggi, migliorano sensibilmente i conti dei Grandi Viaggi, che chiude il bilancio al 31 ottobre 2022 con margini operativi lordi (ebitda) pari a 3,07 milioni di euro, contro i 2,61 milioni dell'esercizio precedente, ma soprattutto con utili ante imposte e interessi (ebit) a quota 0,31 milioni, in netta crescita rispetto al rosso da 1,41 milioni del 2021. Il risultato netto rimane in territorio negativo per 0,14 milioni, ma anche in questo caso il miglioramento è sensibile, se si confronta il dato con il -1,41 milioni dell'anno precedente. Risultati, questi ultimi, resi possibili da un sensibile incremento dei ricavi, passati da 28,9 milioni a 49 milioni (+69,9%). \r\n\r\nLa ripartizione del fatturato della capogruppo indica in particolare vendite delle destinazioni relative ai villaggi di proprietà, nazionali ed esteri, per l’80,84%, pari a 32,63 milioni di euro, con un incremento rispetto al precedente esercizio del 148%. Il settore tour operator ha invece registrato vendite per 7,58 milioni di euro, con un incremento di 7,26 milioni, rispetto al 2021 (320 mila euro). I villaggi commercializzati hanno infine registrato vendite per 160 mila euro, con un incremento pari a circa 94 mila (+242%).\r\n\r\nLa posizione finanziaria netta consolidata è inoltre positiva per 8,03 milioni di euro, in diminuzione di 10,49 milioni rispetto a quella del precedente esercizio, che risultava positiva per 18,53 milioni, dopo aver rimborsato le quote in scadenza nell’anno dei mutui per 1,95 milioni e aver effettuato investimenti in immobilizzazioni per 1,27 milioni. Inoltre, la diminuzione è correlata alla sottoscrizione di una polizza assicurativa di diritto lussemburghese, denominata Sogelife, sottoscritta dalla capogruppo per una miglior gestione della liquidità, per un ammontare pari a  12 milioni nominali.\r\n\r\nI dati gestionali, si legge in una nota, evidenziano una fase di ripresa del settore turistico, con un incremento delle vendite sia per quanto riguarda le destinazioni italiane invernali, sia per le vendite inerenti alla maggior parte delle destinazioni estere in area extra Schengen. In considerazione del perdurare delle criticità socioeconomiche e geopolitiche, che\r\ncondizionano il potere d’acquisto delle famiglie, il gruppo conta di mantenere un sostanziale equilibrio finanziario.","post_title":"Nel 2022 migliorano i conti dei Grandi Viaggi che sfiora il ritorno all'utile","post_date":"2023-01-25T09:56:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674640583000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437310","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Toscana Aeroporti, società di gestione degli scali di Firenze e Pisa, traccia un bilancio positivo del 2022 che si è concluso con 6.722.846 passeggeri, in crescita del 137% sul 2021. Nonostante la diffusione della variante Omicron ad inizio anno, i risultati dei mesi successivi hanno consentito al Sistema Aeroportuale Toscano di chiudere il 2022 con l’81,4% dei volumi del 2019, anno record per i due scali. Un recupero addirittura superiore si è osservato per i movimenti aerei, 68.893, che hanno raggiunto l’87,3% dei livelli pre-pandemia. \r\n\r\nIn particolare, nel 2022 i passeggeri sui voli domestici hanno raggiunto l’87,9% dei passeggeri domestici del 2019 mentre quelli internazionali, storicamente prevalenti nel Sistema e maggiormente penalizzati dalle limitazioni agli spostamenti, il 79,4% del numero dei passeggeri pre-pandemia.\r\n\r\nIn forte aumento anche il load factor dei voli di linea (+11,7 punti percentuali), passato dal 68,4% del 2021 all’80,1% del 2022 e in deciso avvicinamento al dato (83,9%) del 2019. Significativo anche il risultato del cargo che, con 14.907 tonnellate di merce trasportata nel 2022, si è attestato ad un +13,1% rispetto ai volumi del 2019.\r\n\r\nNel dettaglio, il Galilei di Pisa ha totalizzato 4.493.847, il +124,8% rispetto al 2021 e un recupero dell’83,4% sull’anno pre-covid del 2019; il Vespucci di Firenze ha registrato 2.228.999 passeggeri, pari a una crescita del 166% rispetto al 2021 e un recupero del 77,6% dei volumi di traffico del 2019. ","post_title":"Toscana Aeroporti: Firenze e Pisa si avvicinano al traffico 2019 con oltre 7,2 milioni di passeggeri","post_date":"2023-01-16T08:53:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673859180000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435261","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vueling continua a cancellare preventivamente i voli per ridurre al minimo l'impatto dello sciopero del personale di cabina indetto dal sindacato Stavla, iniziato il 1° novembre e che durerà fino alla fine di gennaio.\r\n\r\nLa low cost Iag, che sta affrontando la settimana più complicata dall'inizio delle mobilitazioni, ha cancellato per questo venerdì 2 dicembre 94 voli non tutelati dai servizi minimi decretati dal Governo. Opererà normalmente 507 dei 601 voli previsti.\r\n\r\nAll'aeroporto di Barcellona opererà regolarmente l'80% dei voli programmati da Vueling (148 su 186). Nel resto della Spagna la percentuale sale all'89%, con 193 su 217, mentre a livello internazionale si attesta all'84%, con 166 su 198 programmati.\r\n\r\nIl 91% dei clienti interessati da queste cancellazioni è stato trasferito o ha richiesto un voucher o un rimborso, mentre il 9% è ancora in attesa di scegliere l'opzione più adatta a loro.","post_title":"Vueling riduce ancora i voli per lo sciopero del personale di cabina","post_date":"2022-12-02T08:45:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669970752000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434069","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' stata inaugurata ufficialmente lo scorso 1° novembre Cascina Galarej, il nuovo hotel del Villaggio Narrante in Fontanafredda & Casa E. di Mirafiore: tenuta di 120 ettari di riserva bionaturale situata a Serralunga d'Alba, nel cuore delle terre del Barolo, che include anche una vasta proposta enogastronomica, un centro congressi, oltre che l'altro hotel le Case dei Conti. La nuova struttura offre agli ospiti un’esperienza di relax e benessere con vista a 360 gradi sui vigneti. Nato dalla ristrutturazione di una cascina di Fontanafredda risalente al 1867, con un progetto che ha posto molta attenzione all’aspetto ecosostenibile, l’hotel offre dieci camere con arredamento di design, una palestra con vista sulle colline, una spa dotata di piscina riscaldata interna ed esterna, sauna finlandese, bagno turco, docce emozionali, tino idromassaggio, trattamenti con mosto d’uva di Barbera e Nebbiolo. La proposta culinaria, a opera degli chef del Villaggio, comprende prima colazione, light lunch e aperitivi con prodotti tipici di Langa.\r\n\r\nLa struttura esistente è stata valorizzata con l'inserimento di grandi vetrate e l’utilizzo di materiali naturali come il legno e la pietra, arredi di design curati da Green Pea Home e impreziositi da cimeli storici di Vittorio Emanuele II conservati nella Villa Reale. Nell’ex fienile, dalla tipica struttura in mattoni a vista completamente rinnovata, è stata ricavata quindi la spa di 500 metri quadrati. Per il riscaldamento della piscina e delle camere è stato inoltre adottato l’impianto di cogenerazione e teleriscaldamento presente nel Villaggio, mentre per l’illuminazione della strada che conduce all’hotel una serie di panelli fotovoltaici con sensori di movimento. Dal punto di vista dell’impatto visivo ambientale sono stati utilizzati colori conformi al paesaggio circostante e che richiamano gli edifici storici di re Vittorio Emanuele II, grazie alle righe orizzontali tipiche del Villaggio Narrante.\r\n\r\nNon mancheranno infine le possibilità di vivere le restanti esperienze all’interno della tenuta, come la vista alle cantine storiche di Vittorio Emanuele II e a quelle di suo figlio Emanuele Alberto, la passeggiata nel bosco dei Pensieri, nonché la degustazione dei grandi vini delle Langhe e della tradizione all’interno dei ristoranti della famiglia Alciati.","post_title":"Il nuovo hotel Cascina Galarej apre nel Villaggio Narrante di Serralunga d'Alba","post_date":"2022-11-14T12:49:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1668430165000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433435","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli arrivi turistici a Cipro hanno raggiunto l'80% del 2019, spinti dall'ottima performance dei flussi provenienti dall'Unione europea, in crescita del +22% rispetto ai livelli pre-pandemia.\r\n\r\nIl ministro del Turismo Savvas Perdios, ripreso dal Financial Mirror, ha sottolineato come l'identità turistica di Cipro sia cambiata, mentre l'importo destinato allo sviluppo del prodotto turistico è salito al 28% rispetto al precedente dato del 10%, di cui un quarto destinato alla pubblicità digitale.\r\n\r\n\"I risultati ottenuti quest'anno dal nostro turismo sono legati al lavoro svolto negli ultimi quattro anni, e oggi ne stiamo vedendo i risultati - ha dichiarato Perdios alla Commissione Finanze della Camera -. Anche se gli arrivi totali sono a meno 20%, dall'Ue siamo a più 22% rispetto al 2019. E per la prima volta, gli arrivi dall'Ue superano quelli dal Regno Unito\". Perdios ha precisato che il 40% degli arrivi proviene dall'Ue, mentre gli arrivi dal Regno Unito sono circa il 38%.\r\n\r\nNegli otto mesi da gennaio ad agosto, le entrate turistiche sono stimate a 1,617 miliardi di euro, rispetto ai 777 milioni di euro per lo stesso periodo del 2021: nonostante l'aumento significativo, le entrate turistiche sono ancora in calo rispetto al 2019 (meno 7,4%) un anno record per il turismo cipriota.","post_title":"Cipro: gli arrivi raggiungono l'80% dei livelli pre-pandemia. Turisti europei a +22%","post_date":"2022-11-03T11:20:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1667474458000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432258","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_432299\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Gutiérrez Pascual[/caption]\r\n\r\nCivitatis ha rivelato che nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest'anno, più di 2.200.000 persone hanno usufruito di alcune delle sue attività, sparse in tutto il mondo. Si tratta del 65,58% in più rispetto agli stessi mesi del 2019.\r\n\r\nOltre al confronto con la vita pre-pandemica, colpisce anche il confronto con l'anno in corso. Civitatis ha iniziato bene l'anno, nonostante il boom della variante omicron, e ha vissuto un secondo trimestre caratterizzato dai buoni numeri della Pasqua e dei weekend lunghi, oltre che dall'allentamento di ogni tipo di restrizione ai viaggi.\r\n\r\nTuttavia, è nel terzo trimestre che i risultati si sono finalmente concretizzati, con un aumento del 221,54% del numero di persone che hanno prenotato il loro viaggio con Civitatis nei primi tre mesi dell'anno e un aumento del 60,39% nel secondo trimestre. Infatti, i dati dei primi sei mesi sono quasi identici a quelli dei soli mesi di luglio, agosto e settembre.\r\n\r\nSe le cifre sono scioccanti, le destinazioni preferite e le attività più prenotate lo sono meno: il convenzionale ha trionfato. I luoghi più visitati nell'ultimo trimestre, secondo le statistiche della piattaforma spagnola, sono Roma (6,12% delle prenotazioni), Parigi (5,68%), Porto (3,61%), Lisbona (3,52%) e New York (2,96%). I tour più richiesti sono stati la visita guidata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina (1,62%), il tour gratuito di Parigi (1,58%), il tour dei contrasti di New York (1,43%), la gita in battello sulla Senna (1,25%) e la visita guidata al Colosseo, ai Fori e al Palatino (1,24%).\r\n\r\n«Abbiamo chiuso un trimestre con cifre davvero buone, non solo in termini di vendite, ma anche in termini di crescita dell'azienda nel suo complesso. Non mi stupisco, perché ho sempre avuto piena fiducia in quello che offriamo e perché sono un ottimista per natura». Tuttavia, Alberto Gutiérrez non si accontenta e afferma che «vogliamo di più, molto di più, come dice la canzone della nostra pubblicità, che risuona in TV in Spagna e nei Paesi dell'America Latina come Argentina e Messico. Il nostro obiettivo è chiudere l'anno con oltre 6.500.000 clienti, quasi il doppio rispetto al 2019».","post_title":"Civitatis: miglior trimestre di sempre. Gutiérrez: «Vogliamo di più»","post_date":"2022-10-14T10:41:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1665744081000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431797","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_412544\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Roberta Garibaldi, ad Enit[/caption]\r\n\r\nEnit porta l'offerta congressuale italiana sul palcoscenico di Imex America, in calendario dall’11 al 13 ottobre prossimi. Ottime le performance dell’Europa per numero di meeting internazionali promossi dalle associazioni: nella Top 20 Destination Performance Index di Icca, il 70% dei paesi e l’80% delle città sono destinazioni europee. Seguono i Paesi asiatici (15%) e i Paesi nordamericani (10%), mentre l’Oceania, rappresentata dall'Australia, ha una quota di mercato del 5%. La Spagna balza di 2 posizioni rispetto al 2019 e diventa la seconda destinazione per meeting a livello globale, dopo gli Stati Uniti che restano saldi al primo posto per numero di congressi ospitati. Dopo la Germania al 3° e la Francia al 4°, l'Italia nel 2021 ottiene il 5° posto, scavalcando il Regno Unito che scende di una posizione rispetto al 2019.  \r\n \r\nNella classifica delle città, Roma entra nelle prime 20 posizioni e si piazza al 16° posto. Nel 2021 in Italia sono stati realizzati complessivamente 86.438 eventi in presenza o in formato ibrido con una crescita del +23,7% rispetto al 2020, per un totale di 4.585.433 partecipanti (+14,7% sul 2020). Sempre lo scorso anno, la spesa internazionale per viaggi d’affari in Italia nel 2021, circa 4,3 miliardi di euro (+50,8% sul 2020), è cresciuta più di quella per vacanze (+16,8%).  Sono 10,8 milioni i viaggiatori internazionali in Italia per motivi di lavoro/affari nel 2021 (+18,2% sul 2020) per un totale di circa 33 milioni di notti (+16,7%). (Fonte Ufficio Studi su dati Banca d’Italia) \r\n \r\nNei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori dall’estero in Italia per motivi di lavoro spendono quasi 3 miliardi di euro (fonte: Ufficio Studi su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori).  \r\n \r\nIl settore mice troverà il vigore di un tempo nel 2026. \"Il successo dei meeting face to face dovrà essere basato in futuro sulla qualità dei contenuti e l’apporto che la destinazione può dare al raggiungimento degli obiettivi dell’evento, l’affiancamento di elementi virtuali, l’offerta di un’effettiva esperienza di networking, la sostenibilità\" dichiara l'ad Enit, Roberta Garibaldi.\r\n\r\n\"Se analizziamo i dati disponibili ci rendiamo conto di quanto sia aumentata la determinazione di fattori come la reputazione, l’accessibilità dei luoghi, i fattori ambientali, il clima, le opportunità extra conferenze, le caratteristiche delle strutture ricettive per qualità e standard di sicurezza e come ci si orienti anche su strutture con meno camere con un’ospitalità più familiare. E’ cresciuto l’interesse per strutture con aree esterne con flessibilità degli spazi, attenzione alla sostenibilità e all’enogastronomia e con avanzata dotazione tecnologica”.","post_title":"Enit porta l'Italia a Imex America: il nostro Paese è la quinta destinazione Mice al mondo","post_date":"2022-10-06T12:41:01+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1665060061000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner.\r\n\r\nRubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina.\r\n\r\nIn mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nDisegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova.\r\n\r\nLa mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee.\r\n\r\nL’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race.\r\n\r\nLa mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia.","post_title":"Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023","post_date":"2022-09-22T12:36:01+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1663850161000]}]}}

Lascia un commento