1 March 2024

1576

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agente di viaggio cerca lavoro a MILANO area nord e limitrofi.
Pluriennale esperienza nel settore.
Competenze maturate: responsabile business travel, vendita pacchetti tour operator, organizzazione di viaggi su misura, prenotazione hotel, noleggi auto. Biglietteria aerea low cost e linea, utilizzo crs Amadeus, Sabre, Galileo, biglietteria marittima. Curriculum completo su richiesta.
Per informazioni, mail: scarapiglia459@alice.it.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza. «C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi». «Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».   [post_title] => La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione [post_date] => 2024-02-13T11:11:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822662000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460624 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un 2024 tutto all'insegna della crescita quello che si profila per l'aeroporto di Milano Malpensa, con un significativo incremento di compagnie aeree, voli e destinazioni. Protagonista l'espansione del lungo raggio, soprattutto verso l’Asia, che porta lo scalo a contare 176 destinazioni in 77 paesi collegati da 77 compagnie. La winter attuale ha visto l’ingresso di due nuove vettori e due nuove destinazioni cinesi, testimonianza della volontà di investire sul più grande mercato outbound d’Italia, grazie anche a un’ulteriore accelerazione dovuta dalle potenzialità legate al visa waiver per i passeggeri italiani. Da ieri, 4 febbraio, Cathay Pacific ha aggiunto un ulteriore collegamento da Malpensa a Hong Kong, portando da 3 a 4 le frequenze settimanali. Altro incremento della stagione sarà introdotto da Neos con l’aggiunta di un volo alla settimana per Almaty, capitale economica del Kazakistan, che dal prossimo 5 aprile, passerà da 2 a 3 frequenze settimanali. Le novità decolleranno il 1° marzo con Bulgaria Air, con 2 frequenze su Sofia, destinazione che dal 31 marzo entra a far parte dell’aerea Schengen. Turkmenistan Airlines atterra per la prima volta a Malpensa con un collegamento verso la sua capitale, Ashgabat, nuova destinazione su cui opererà dal prossimo 6 marzo con una frequenza alla settimana e dal 10 aprile con un secondo volo. Si tratta del primo storico volo passeggeri tra Italia e Turkmenistan. Hainan Airlines, dopo la recente apertura di Shenzhen, opererà dal 19 marzo una seconda importante rotta tra Milano e Chongqing, con 2 frequenze settimanali. Altra nuova destinazione per Malpensa sarà introdotta da Sun Express col il volo per Antalya, che sarà operato con due frequenze alla settimana dal 29 marzo. Un’altra novità è il ritorno del volo per Tolosa, che easyJet opererà con 2 frequenze a settimana dal primo aprile. La compagnia aerea lancerà anche due nuovi servizi settimanali su Gran Canaria e Sitia, destinazione inedita nella parte orientale di Creta, rispettivamente dal 31 marzo e dal 29 giugno. Debutteranno nuovi collegamenti Ryanair su Atene, Budapest, Parigi Beauvais e Marrakech, mentre Wizz Air attiverà voli per Tenerife e Comiso. Più scelta per arrivare a Parigi grazie a una nuova compagnia che ha scelto Malpensa, Transavia, che dal 4 aprile collegherà Paris Orly con 6 frequenze settimanali. Altra nuova compagnia in arrivo a Malpensa sarà Azores Airlines con i voli su  Ponte Delgada, il capoluogo delle isole portoghesi, collegandolo con due voli alla settimana dal 5 giugno. Con lo stesso volo si potrà continuare in prosecuzione verso Boston. A luglio ci sarà l’atteso ritorno di Thai Airways, con un volo giornaliero su Bangkok. L’offerta verso l’Asia si arricchirà anche di nuovo vettore, BeOnd, che introdurrà il collegamento diretto con le Maldive, dal 3 luglio con due frequenze alla settimana su Malé e con un aeromobile in configurazione all business, prodotto già proposto a Malpensa con successo da La Compagnie per New York. [post_title] => Milano Malpensa e l'accelerata sul lungo raggio. Grande focus verso l'Asia [post_date] => 2024-02-05T10:30:29+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707129029000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460104 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. I ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata "materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele". «Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi». Confermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro. [post_title] => Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre [post_date] => 2024-01-25T12:49:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706186955000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459658 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Europa ha presentato ufficialmente l'ultimo dei suoi Boeing 787-9 Dreamliner, con una cerimonia che si è svolta presso il nuovo hangar di Globalia all'aeroporto di Madrid Barajas. L’hangar, operativo da marzo, ha visto un investimento di oltre 30 milioni di euro, e diventerà un centro di eccellenza per la compagnia aerea. Il nuovo aeromobile, entrato in flotta a dicembre insieme ad un altro velivolo della stessa tipologia, è il primo dei cinque che verranno consegnati nel corso del 2024 rispondendo all'obiettivo del piano strategico che prevede il rafforzamento della capacità della flotta e l’ampliamento dell'offerta di rotte e frequenze. L'arrivo di nuovi aerei in flotta consentirà di soddisfare la domanda del mercato che continua ad essere molto elevata. Air Europa è stata la prima compagnia spagnola ad adottare i Dreamliner e, dal loro ingresso nel 2016 alla fine del 2023, con questa flotta ha trasportato più di 15,6 milioni di passeggeri. «Il nuovo hangar sarà un centro di eccellenza e un riferimento nella manutenzione degli aeromobili e offrirà l’ambiente perfetto per lavorare con i 787, frutto della fiducia tra partner strategici come Boeing e AerCap che hanno abbracciato il nostro progetto» ha dichiarato Juan José Hidalgo, presidente di Globalia. «Air Europa è stata un partner chiave per lo sviluppo del programma 787 Dreamliner in Europa - ha sottolineato Sergio Ramos, commercial sales director Europe & Israel Boeing -. Il 787-9 consentirà ad Air Europa di espandersi aprendo nuove rotte a lungo raggio, e contribuirà a un consistente miglioramento dell’efficienza diminuendo del 20-25% il consumo di carburante». Peter Anderson, direttore commerciale di AerCap, ha aggiunto: «AerCap ed Air Europa condividono una storia fruttuosa che dura da oltre 30 anni e siamo molto lieti di continuare a rafforzare questa alleanza. Nel 2022 abbiamo riaffermato la nostra fiducia in Air Europa con la firma dei contratti di noleggio di cinque Boeing 787-9 Dreamliner e 10 737-8 Max. Questi velivoli miglioreranno l’efficienza in termini di costi e aiuteranno la compagnia aerea a continuare a rafforzare e rispettare i propri impegni di sostenibilità». [post_title] => Air Europa: riflettori puntati sui nuovi Boeing 787-9 in consegna nel 2024 [post_date] => 2024-01-18T13:39:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705585172000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459362 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il mercato Italia di Tap Air Portugal nel 2023 ha registrato una crescita del traffico del 31,8% per oltre 1,1 milioni di passeggeri trasportati sulle sei rotte operate. Una crescita maggiore di quella media globale per il vettore lusitano, che con 15,9 milioni di passeggeri ha archiviato l’anno scorso con un incremento del +15,2% sul 2022. In termini di load factor a livello globale la compagnia ha segnato un riempimento dell'80,8%, 0,8 punti percentuali in più rispetto al 2022 e già in crescita di 0,7% p.p. rispetto al 2019, l'ultimo anno pre-pandemico. L’Rpk è aumentato del 16% rispetto al 2022 e dell'1,4% rispetto al 2019. Particolarmente positiva la performance sul network di lungo raggio, con un totale di 4,6 milioni di passeggeri trasportati, vale a dire il 15,1% in più rispetto al 2022, e il 9,8% in più rispetto al 2019. Sulle rotte di Stati Uniti e Canada i passeggeri trasportati sono stati 1,46 milioni, il 18,4% in più rispetto al 2022 e il 39,5% in più rispetto al 2019. Sulle rotte verso il Brasile il numero totale di passeggeri trasportati è stato di oltre 1,9 milioni, con un incremento del 20,3% rispetto al 2022 e dell'8,4% rispetto al 2019. Per quanto riguarda le rotte verso le regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, lo scorso anno TAP ha trasportato 1,5 milioni di passeggeri, vale a dire il 13,2% in più rispetto al 2022 e il 5,7% in più rispetto al 2019. Il confronto globale sul 2019 vede Tap ancora in difetto sui livelli di traffico che deteneva sulle rotte del Portogallo continentale, dell'Europa e dell'Africa, registrando, in termini di numeri totali, -7 % rispetto al numero totale di passeggeri trasportati nel 2019. È importante sottolineare che il piano di ristrutturazione definito dalla Commissione europea e a cui Tap sarà soggetta fino al 2025 le impongono di operare con un numero minore di aeromobili e un numero minore di slot all’aeroporto di Lisbona rispetto al 2019.   [post_title] => Tap centra una crescita del traffico sulle rotte italiane (+31,8%) maggiore di quella globale [post_date] => 2024-01-15T10:30:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705314630000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459104 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dodici mesi di eventi in Toscana in occasione dei 450 anni della morte di Cosimo I de' Medici. Tra le iniziative organizzate dalla Regione Toscana: una mostra a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione in Piazza Duomo a Firenze, che sarà inaugurata il prossimo 21 aprile, in ricordo della data che segnò la morte del ‘padre’ della Toscana moderna, avvenuta proprio il 21 aprile 1574. Tra le iniziative anche quella del 27 agosto di quest’anno, esattamente il giorno in cui Cosimo fu nominato Magnus Dux Etruriae, era il 1569, e divenne, grazie alla bolla di Pio V, il Granduca di Toscana. La terza iniziativa annunciata da Giani è un concerto, in omaggio alla grande affermazione di cultura musicale che vi fu a Firenze in quel periodo.   Ma al di là di queste tre iniziative della Regione il presidente Eugenio Giani annuncia «un bando di 200 mila euro per raccogliere le proposte dei Comuni interessati alle opere di Cosimo I dei Medici, per promuovere una sensibilità diffusa sul territorio. Sarò disponibile ad andare nelle scuole tra gli studenti toscani per parlare di una storia locale che manca troppo nelle scuole e che noi vogliamo invece vitalizzare». «La Toscana -  sottolinea Giani - è l’unica delle regioni italiane che ha una radice di 450 anni che deriva proprio dalla presenza di Cosimo, che di fatto è uno statista che organizza uno Stato dando alla Toscana questo profilo; nessun’altra regione, infatti, ha questa caratteristica. Non a caso quando si costituisce l’Italia, la nostra Toscana è l’unica che, già da centinaia di anni, ha una identità, grazie a Cosimo I dei Medici». [post_title] => Toscana, 12 mesi di Eventi per i 450 anni della morte di Cosimo I de’ Medici [post_date] => 2024-01-10T10:49:57+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704883797000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alla fine il colosso degli affitti brevi ha dovuto cedere. A partire da quest'anno, Airbnb agirà da sostituto d'imposta, trattenendo direttamente alla fonte la ritenuta fiscale del 21% sui compensi degli host non professionali (la cosiddetta cedolare secca), così come previsto dall'ormai lontano 2017. “La legge italiana – si legge in una mail inviata dal portale agli stessi host –impone a Airbnb di applicare una ritenuta fiscale del 21% sui guadagni degli host non professionali derivanti da locazioni brevi (fino a 30 notti). Esempi di host non professionali comprendono host che non sono dotati di partita Iva e che concedono in locazione meno di cinque alloggi”. Con la medesima comunicazione, l'operatore invita quindi i locatori a comunicare la propria adesione al regime della cedolare secca entro il 14 gennaio, altrimenti il portale applicherà automaticamente la ritenuta del 21%. Si conclude in questo modo una vicenda lunga quasi sette anni, con Airbnb che ha provato in tutte le sedi a contestare la normativa italiana, vedendo tuttavia respingere le proprie richieste sia dai tribunali nazionali, sia da quelli europei. La svolta peraltro si è avuta solo lo scorso autunno, quando la procura di Milano ha ordinato il sequestro di 779 milioni di euro contro il portale. Una cifra corrispondente alle tasse non raccolte dall'operatore tra gli anni 2017 e 2021. A tale iniziativa ha quindi fatto seguito, a fine 2023, un accordo con l'Agenzia delle entrate, tramite il quale Airbnb ha accettato di versare all'erario 576 milioni di euro: una somma ricalcolata in base al valore di quanto già versato autonomamente in quegli anni dagli host. Rimane tuttavia scoperta la questione relativa al biennio 2022 - 2023. A tal riguardo, racconta La Repubblica, il portale ha invitato gli host a servirsi del ravvedimento operoso entro il prossimo 28 febbraio. Per il 2023, invece, si attende la dichiarazione dei redditi di quest'anno. [post_title] => La resa di Airbnb: da quest'anno il portale agirà da sostituto d'imposta [post_date] => 2024-01-03T12:04:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704283468000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458556 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numeri tutti in positivo per la Sac, società che gestisce gli aeroporti di Catania e Comiso, per il periodo natalizio e nel bilancio di chiusura dell’anno 2023. Le proiezioni per fine anno indicano una crescita del +6,3% per i viaggiatori che raggiungeranno quota 10.735.700 rispetto ai 10.099.441 del 2022. E per il periodo delle festività natalizie e di fine anno, dal 22 dicembre al 7 gennaio, la stima è quella di 3.320 movimenti (rispetto ai 2.896 del 2022), di cui 2.210 nazionali e 1.110 internazionali, questi ultimi con un incremento del 42,67%.  Sono invece 505.000 i viaggiatori previsti che transiteranno nello scalo catanese, registrando un aumento del +13,8%. Di questi, 333.000 nazionali e 172.000 internazionali (+38% rispetto al 2022). Per lo scalo catanese, tra le destinazioni nazionali preferite si confermano, come nel precedente ponte, Roma Fiumicino, Milano Linate e Milano Malpensa. Malta, Tirana e Bucarest Otopeni, invece, sono le mete estere più scelte dai passeggeri con volato su Malta incrementato di circa il 30%, mentre per le altre 2 realtà, più che raddoppiato. Anche l’aeroporto di Comiso chiude l’anno con il segno positivo. Nonostante il numero dei passeggeri abbia subito una flessione rispetto al 2022 (-16,8%) ed è previsto in calo anche a dicembre, il 2023 è stato un anno in crescita in termini di spostamenti che, infatti, hanno registrato un + 4,19% con 3459 movimenti rispetto ai 3320 del 2022.  Solo nel mese di dicembre, inoltre, sono previsti 179 movimenti contro i 157 effettivi dello scorso anno, segnando un +14%. Per il periodo delle feste di Natale, si stima che saranno 94 i movimenti contro gli 82 del 2022 con un incremento del 14,63%. Di questi, 80 sono nazionali (+15,94%) e 14 internazionali (+7,69%). Il numero dei passeggeri previsti per il ponte è di 10740 contro i 11797 effettivi dello scorso anno (-8,96%), di cui 9480 di tipo nazionale (-11,47%) e 1260 internazionali (+15,7%). Secondo il nuovo rapporto dell’Aci - Airports Council International Europe, l’aeroporto di Catania si piazza al quarto posto in Europa per crescita del traffico passeggeri, rispetto al periodo pre-pandemico. Secondo i dati, lo scalo siciliano ha registrato un incremento del +17% rispetto all'ottobre 2019, tra gli aeroporti europei con un volume tra 10 e 25 milioni di passeggeri annui. «Dopo una fase complessa per il settore aeroportuale, dovuta all’impatto della pandemia sulla mobilità e sul turismo, questo risultato conferma la traiettoria di crescita del nostro aeroporto ed è frutto di una collaborazione positiva tra il nostro team, i partner del comparto e le autorità locali e nazionali - ha dichiarato Nico Torrisi, ad di Sac -. La Sicilia è più che una destinazione: è un luogo riconosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza, cultura e autenticità. Il notevole incremento delle attività aeroportuali dimostra l’interesse dei viaggiatori e la fiducia riposta nella qualità e nella sicurezza dei servizi offerti ai passeggeri. Guardiamo al futuro con determinazione e continueremo a impegnarci per elevare gli standard e consolidare la nostra posizione come hub di riferimento».   [post_title] => Aeroporto di Catania sugli scudi: previsti 505.000 viaggiatori per le festività [post_date] => 2023-12-22T09:15:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703236545000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458490 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet ha confermato un ordine fermo per altri 157 aeromobili della Famiglia A320neo: nel dettaglio sono compresi 56 aeromobili A320neo e 101 A321neo, oltre all'upsizing di un ordine esistente di 35 A320neo per il più grande A321neo. L'accordo fa parte del piano di rinnovamento e di upgauging della flotta di easyJet, che sta anche apportando sostanziali miglioramenti in termini di sostenibilità delle proprie attività. La Famiglia A320neo raggruppa gli aeromobili a corridoio singolo più popolari al mondo e che hanno registrato un totale di oltre 18.000 ordini da quasi 140 clienti in tutti i mercati. L'A321neo è l'aeromobile più grande della Famiglia A320neo di Airbus e offre un'autonomia e prestazioni senza precedenti. Grazie ai motori di nuova generazione e agli Sharklet, l’A321neo consente una riduzione del rumore del 50% e risparmi di carburante e CO2 di oltre il 20% rispetto alla precedente generazione di aeromobili a corridoio singolo, massimizzando al contempo il comfort dei passeggeri nella cabina a corridoio singolo più ampia disponibile. Come tutti gli aeromobili Airbus, l'intera Famiglia A320 è già in grado di operare utilizzando fino al 50% di Saf. Airbus si prefigge di far sì che tutti i suoi aeromobili siano in grado di operare utilizzando fino al 100% di Saf entro il 2030.  [post_title] => EasyJet ha confermato ad Airbus un ordine per altri 157 velivoli della famiglia A320neo [post_date] => 2023-12-21T09:44:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703151884000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1576" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":56,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza.\r\n\r\n«C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi».\r\n\r\n«Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».\r\n\r\n ","post_title":"La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione","post_date":"2024-02-13T11:11:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707822662000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460624","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un 2024 tutto all'insegna della crescita quello che si profila per l'aeroporto di Milano Malpensa, con un significativo incremento di compagnie aeree, voli e destinazioni. Protagonista l'espansione del lungo raggio, soprattutto verso l’Asia, che porta lo scalo a contare 176 destinazioni in 77 paesi collegati da 77 compagnie.\r\n\r\nLa winter attuale ha visto l’ingresso di due nuove vettori e due nuove destinazioni cinesi, testimonianza della volontà di investire sul più grande mercato outbound d’Italia, grazie anche a un’ulteriore accelerazione dovuta dalle potenzialità legate al visa waiver per i passeggeri italiani.\r\nDa ieri, 4 febbraio, Cathay Pacific ha aggiunto un ulteriore collegamento da Malpensa a Hong Kong, portando da 3 a 4 le frequenze settimanali. Altro incremento della stagione sarà introdotto da Neos con l’aggiunta di un volo alla settimana per Almaty, capitale economica del Kazakistan, che dal prossimo 5 aprile, passerà da 2 a 3 frequenze settimanali.\r\nLe novità decolleranno il 1° marzo con Bulgaria Air, con 2 frequenze su Sofia, destinazione che dal 31 marzo entra a far parte dell’aerea Schengen.\r\nTurkmenistan Airlines atterra per la prima volta a Malpensa con un collegamento verso la sua capitale, Ashgabat, nuova destinazione su cui opererà dal prossimo 6 marzo con una frequenza alla settimana e dal 10 aprile con un secondo volo. Si tratta del primo storico volo passeggeri tra Italia e Turkmenistan.\r\nHainan Airlines, dopo la recente apertura di Shenzhen, opererà dal 19 marzo una seconda importante rotta tra Milano e Chongqing, con 2 frequenze settimanali.\r\nAltra nuova destinazione per Malpensa sarà introdotta da Sun Express col il volo per Antalya, che sarà operato con due frequenze alla settimana dal 29 marzo.\r\nUn’altra novità è il ritorno del volo per Tolosa, che easyJet opererà con 2 frequenze a settimana dal primo aprile. La compagnia aerea lancerà anche due nuovi servizi settimanali su Gran Canaria e Sitia, destinazione inedita nella parte orientale di Creta, rispettivamente dal 31 marzo e dal 29 giugno.\r\nDebutteranno nuovi collegamenti Ryanair su Atene, Budapest, Parigi Beauvais e Marrakech, mentre Wizz Air attiverà voli per Tenerife e Comiso.\r\nPiù scelta per arrivare a Parigi grazie a una nuova compagnia che ha scelto Malpensa, Transavia, che dal 4 aprile collegherà Paris Orly con 6 frequenze settimanali.\r\nAltra nuova compagnia in arrivo a Malpensa sarà Azores Airlines con i voli su  Ponte Delgada, il capoluogo delle isole portoghesi, collegandolo con due voli alla settimana dal 5 giugno. Con lo stesso volo si potrà continuare in prosecuzione verso Boston.\r\nA luglio ci sarà l’atteso ritorno di Thai Airways, con un volo giornaliero su Bangkok. L’offerta verso l’Asia si arricchirà anche di nuovo vettore, BeOnd, che introdurrà il collegamento diretto con le Maldive, dal 3 luglio con due frequenze alla settimana su Malé e con un aeromobile in configurazione all business, prodotto già proposto a Malpensa con successo da La Compagnie per New York.","post_title":"Milano Malpensa e l'accelerata sul lungo raggio. Grande focus verso l'Asia","post_date":"2024-02-05T10:30:29+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707129029000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460104","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.\r\n\r\nI ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata \"materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele\".\r\n\r\n«Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi».\r\n\r\nConfermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro.","post_title":"Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre","post_date":"2024-01-25T12:49:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706186955000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459658","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nAir Europa ha presentato ufficialmente l'ultimo dei suoi Boeing 787-9 Dreamliner, con una cerimonia che si è svolta presso il nuovo hangar di Globalia all'aeroporto di Madrid Barajas.\r\n\r\nL’hangar, operativo da marzo, ha visto un investimento di oltre 30 milioni di euro, e diventerà un centro di eccellenza per la compagnia aerea.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nIl nuovo aeromobile, entrato in flotta a dicembre insieme ad un altro velivolo della stessa tipologia, è il primo dei cinque che verranno consegnati nel corso del 2024 rispondendo all'obiettivo del piano strategico che prevede il rafforzamento della capacità della flotta e l’ampliamento dell'offerta di rotte e frequenze. L'arrivo di nuovi aerei in flotta consentirà di soddisfare la domanda del mercato che continua ad essere molto elevata.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nAir Europa è stata la prima compagnia spagnola ad adottare i Dreamliner e, dal loro ingresso nel 2016 alla fine del 2023, con questa flotta ha trasportato più di 15,6 milioni di passeggeri.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n«Il nuovo hangar sarà un centro di eccellenza e un riferimento nella manutenzione degli aeromobili e offrirà l’ambiente perfetto per lavorare con i 787, frutto della fiducia tra partner strategici come Boeing e AerCap che hanno abbracciato il nostro progetto» ha dichiarato Juan José Hidalgo, presidente di Globalia.\r\n\r\n«Air Europa è stata un partner chiave per lo sviluppo del programma 787 Dreamliner in Europa - ha sottolineato Sergio Ramos, commercial sales director Europe & Israel Boeing -. Il 787-9 consentirà ad Air Europa di espandersi aprendo nuove rotte a lungo raggio, e contribuirà a un consistente miglioramento dell’efficienza diminuendo del 20-25% il consumo di carburante».\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nPeter Anderson, direttore commerciale di AerCap, ha aggiunto: «AerCap ed Air Europa condividono una storia fruttuosa che dura da oltre 30 anni e siamo molto lieti di continuare a rafforzare questa alleanza. Nel 2022 abbiamo riaffermato la nostra fiducia in Air Europa con la firma dei contratti di noleggio di cinque Boeing 787-9 Dreamliner e 10 737-8 Max. Questi velivoli miglioreranno l’efficienza in termini di costi e aiuteranno la compagnia aerea a continuare a rafforzare e rispettare i propri impegni di sostenibilità».\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n","post_title":"Air Europa: riflettori puntati sui nuovi Boeing 787-9 in consegna nel 2024","post_date":"2024-01-18T13:39:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705585172000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459362","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il mercato Italia di Tap Air Portugal nel 2023 ha registrato una crescita del traffico del 31,8% per oltre 1,1 milioni di passeggeri trasportati sulle sei rotte operate. Una crescita maggiore di quella media globale per il vettore lusitano, che con 15,9 milioni di passeggeri ha archiviato l’anno scorso con un incremento del +15,2% sul 2022.\r\n\r\nIn termini di load factor a livello globale la compagnia ha segnato un riempimento dell'80,8%, 0,8 punti percentuali in più rispetto al 2022 e già in crescita di 0,7% p.p. rispetto al 2019, l'ultimo anno pre-pandemico. L’Rpk è aumentato del 16% rispetto al 2022 e dell'1,4% rispetto al 2019.\r\n\r\nParticolarmente positiva la performance sul network di lungo raggio, con un totale di 4,6 milioni di passeggeri trasportati, vale a dire il 15,1% in più rispetto al 2022, e il 9,8% in più rispetto al 2019. Sulle rotte di Stati Uniti e Canada i passeggeri trasportati sono stati 1,46 milioni, il 18,4% in più rispetto al 2022 e il 39,5% in più rispetto al 2019.\r\n\r\nSulle rotte verso il Brasile il numero totale di passeggeri trasportati è stato di oltre 1,9 milioni, con un incremento del 20,3% rispetto al 2022 e dell'8,4% rispetto al 2019.\r\n\r\nPer quanto riguarda le rotte verso le regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, lo scorso anno TAP ha trasportato 1,5 milioni di passeggeri, vale a dire il 13,2% in più rispetto al 2022 e il 5,7% in più rispetto al 2019.\r\n\r\nIl confronto globale sul 2019 vede Tap ancora in difetto sui livelli di traffico che deteneva sulle rotte del Portogallo continentale, dell'Europa e dell'Africa, registrando, in termini di numeri totali, -7 % rispetto al numero totale di passeggeri trasportati nel 2019.\r\n\r\nÈ importante sottolineare che il piano di ristrutturazione definito dalla Commissione europea e a cui Tap sarà soggetta fino al 2025 le impongono di operare con un numero minore di aeromobili e un numero minore di slot all’aeroporto di Lisbona rispetto al 2019.  ","post_title":"Tap centra una crescita del traffico sulle rotte italiane (+31,8%) maggiore di quella globale","post_date":"2024-01-15T10:30:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705314630000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459104","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dodici mesi di eventi in Toscana in occasione dei 450 anni della morte di Cosimo I de' Medici.\r\n\r\nTra le iniziative organizzate dalla Regione Toscana: una mostra a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione in Piazza Duomo a Firenze, che sarà inaugurata il prossimo 21 aprile, in ricordo della data che segnò la morte del ‘padre’ della Toscana moderna, avvenuta proprio il 21 aprile 1574.\r\n\r\nTra le iniziative anche quella del 27 agosto di quest’anno, esattamente il giorno in cui Cosimo fu nominato Magnus Dux Etruriae, era il 1569, e divenne, grazie alla bolla di Pio V, il Granduca di Toscana. La terza iniziativa annunciata da Giani è un concerto, in omaggio alla grande affermazione di cultura musicale che vi fu a Firenze in quel periodo.  \r\n\r\nMa al di là di queste tre iniziative della Regione il presidente Eugenio Giani annuncia «un bando di 200 mila euro per raccogliere le proposte dei Comuni interessati alle opere di Cosimo I dei Medici, per promuovere una sensibilità diffusa sul territorio. Sarò disponibile ad andare nelle scuole tra gli studenti toscani per parlare di una storia locale che manca troppo nelle scuole e che noi vogliamo invece vitalizzare».\r\n\r\n«La Toscana -  sottolinea Giani - è l’unica delle regioni italiane che ha una radice di 450 anni che deriva proprio dalla presenza di Cosimo, che di fatto è uno statista che organizza uno Stato dando alla Toscana questo profilo; nessun’altra regione, infatti, ha questa caratteristica. Non a caso quando si costituisce l’Italia, la nostra Toscana è l’unica che, già da centinaia di anni, ha una identità, grazie a Cosimo I dei Medici».","post_title":"Toscana, 12 mesi di Eventi per i 450 anni della morte di Cosimo I de’ Medici","post_date":"2024-01-10T10:49:57+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1704883797000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Alla fine il colosso degli affitti brevi ha dovuto cedere. A partire da quest'anno, Airbnb agirà da sostituto d'imposta, trattenendo direttamente alla fonte la ritenuta fiscale del 21% sui compensi degli host non professionali (la cosiddetta cedolare secca), così come previsto dall'ormai lontano 2017. “La legge italiana – si legge in una mail inviata dal portale agli stessi host –impone a Airbnb di applicare una ritenuta fiscale del 21% sui guadagni degli host non professionali derivanti da locazioni brevi (fino a 30 notti). Esempi di host non professionali comprendono host che non sono dotati di partita Iva e che concedono in locazione meno di cinque alloggi”. Con la medesima comunicazione, l'operatore invita quindi i locatori a comunicare la propria adesione al regime della cedolare secca entro il 14 gennaio, altrimenti il portale applicherà automaticamente la ritenuta del 21%.\r\n\r\nSi conclude in questo modo una vicenda lunga quasi sette anni, con Airbnb che ha provato in tutte le sedi a contestare la normativa italiana, vedendo tuttavia respingere le proprie richieste sia dai tribunali nazionali, sia da quelli europei. La svolta peraltro si è avuta solo lo scorso autunno, quando la procura di Milano ha ordinato il sequestro di 779 milioni di euro contro il portale. Una cifra corrispondente alle tasse non raccolte dall'operatore tra gli anni 2017 e 2021. A tale iniziativa ha quindi fatto seguito, a fine 2023, un accordo con l'Agenzia delle entrate, tramite il quale Airbnb ha accettato di versare all'erario 576 milioni di euro: una somma ricalcolata in base al valore di quanto già versato autonomamente in quegli anni dagli host. Rimane tuttavia scoperta la questione relativa al biennio 2022 - 2023. A tal riguardo, racconta La Repubblica, il portale ha invitato gli host a servirsi del ravvedimento operoso entro il prossimo 28 febbraio. Per il 2023, invece, si attende la dichiarazione dei redditi di quest'anno.","post_title":"La resa di Airbnb: da quest'anno il portale agirà da sostituto d'imposta","post_date":"2024-01-03T12:04:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1704283468000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458556","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numeri tutti in positivo per la Sac, società che gestisce gli aeroporti di Catania e Comiso, per il periodo natalizio e nel bilancio di chiusura dell’anno 2023. Le proiezioni per fine anno indicano una crescita del +6,3% per i viaggiatori che raggiungeranno quota 10.735.700 rispetto ai 10.099.441 del 2022.\r\n\r\nE per il periodo delle festività natalizie e di fine anno, dal 22 dicembre al 7 gennaio, la stima è quella di 3.320 movimenti (rispetto ai 2.896 del 2022), di cui 2.210 nazionali e 1.110 internazionali, questi ultimi con un incremento del 42,67%.  Sono invece 505.000 i viaggiatori previsti che transiteranno nello scalo catanese, registrando un aumento del +13,8%. Di questi, 333.000 nazionali e 172.000 internazionali (+38% rispetto al 2022).\r\n\r\nPer lo scalo catanese, tra le destinazioni nazionali preferite si confermano, come nel precedente ponte, Roma Fiumicino, Milano Linate e Milano Malpensa. Malta, Tirana e Bucarest Otopeni, invece, sono le mete estere più scelte dai passeggeri con volato su Malta incrementato di circa il 30%, mentre per le altre 2 realtà, più che raddoppiato.\r\n\r\nAnche l’aeroporto di Comiso chiude l’anno con il segno positivo. Nonostante il numero dei passeggeri abbia subito una flessione rispetto al 2022 (-16,8%) ed è previsto in calo anche a dicembre, il 2023 è stato un anno in crescita in termini di spostamenti che, infatti, hanno registrato un + 4,19% con 3459 movimenti rispetto ai 3320 del 2022.  Solo nel mese di dicembre, inoltre, sono previsti 179 movimenti contro i 157 effettivi dello scorso anno, segnando un +14%.\r\n\r\nPer il periodo delle feste di Natale, si stima che saranno 94 i movimenti contro gli 82 del 2022 con un incremento del 14,63%. Di questi, 80 sono nazionali (+15,94%) e 14 internazionali (+7,69%). Il numero dei passeggeri previsti per il ponte è di 10740 contro i 11797 effettivi dello scorso anno (-8,96%), di cui 9480 di tipo nazionale (-11,47%) e 1260 internazionali (+15,7%).\r\n\r\nSecondo il nuovo rapporto dell’Aci - Airports Council International Europe, l’aeroporto di Catania si piazza al quarto posto in Europa per crescita del traffico passeggeri, rispetto al periodo pre-pandemico. Secondo i dati, lo scalo siciliano ha registrato un incremento del +17% rispetto all'ottobre 2019, tra gli aeroporti europei con un volume tra 10 e 25 milioni di passeggeri annui.\r\n«Dopo una fase complessa per il settore aeroportuale, dovuta all’impatto della pandemia sulla mobilità e sul turismo, questo risultato conferma la traiettoria di crescita del nostro aeroporto ed è frutto di una collaborazione positiva tra il nostro team, i partner del comparto e le autorità locali e nazionali - ha dichiarato Nico Torrisi, ad di Sac -. La Sicilia è più che una destinazione: è un luogo riconosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza, cultura e autenticità. Il notevole incremento delle attività aeroportuali dimostra l’interesse dei viaggiatori e la fiducia riposta nella qualità e nella sicurezza dei servizi offerti ai passeggeri. Guardiamo al futuro con determinazione e continueremo a impegnarci per elevare gli standard e consolidare la nostra posizione come hub di riferimento».\r\n ","post_title":"Aeroporto di Catania sugli scudi: previsti 505.000 viaggiatori per le festività","post_date":"2023-12-22T09:15:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1703236545000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458490","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet ha confermato un ordine fermo per altri 157 aeromobili della Famiglia A320neo: nel dettaglio sono compresi 56 aeromobili A320neo e 101 A321neo, oltre all'upsizing di un ordine esistente di 35 A320neo per il più grande A321neo.\r\n\r\nL'accordo fa parte del piano di rinnovamento e di upgauging della flotta di easyJet, che sta anche apportando sostanziali miglioramenti in termini di sostenibilità delle proprie attività.\r\n\r\nLa Famiglia A320neo raggruppa gli aeromobili a corridoio singolo più popolari al mondo e che hanno registrato un totale di oltre 18.000 ordini da quasi 140 clienti in tutti i mercati. L'A321neo è l'aeromobile più grande della Famiglia A320neo di Airbus e offre un'autonomia e prestazioni senza precedenti. Grazie ai motori di nuova generazione e agli Sharklet, l’A321neo consente una riduzione del rumore del 50% e risparmi di carburante e CO2 di oltre il 20% rispetto alla precedente generazione di aeromobili a corridoio singolo, massimizzando al contempo il comfort dei passeggeri nella cabina a corridoio singolo più ampia disponibile. Come tutti gli aeromobili Airbus, l'intera Famiglia A320 è già in grado di operare utilizzando fino al 50% di Saf. Airbus si prefigge di far sì che tutti i suoi aeromobili siano in grado di operare utilizzando fino al 100% di Saf entro il 2030. ","post_title":"EasyJet ha confermato ad Airbus un ordine per altri 157 velivoli della famiglia A320neo","post_date":"2023-12-21T09:44:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1703151884000]}]}}

Lascia un commento