1 March 2024

1487

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Direttore tecnico di agenzia viaggi e turismo iscritto all’albo della Regione Lombardia offresi per copertura titolo.
Disponibilità immediata. Contatti: cell 339 3285821 mail dtagenzia@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti. E a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni. [post_title] => Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-02-14T15:19:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707923968000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460747 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il prodotto, inossidabile e in evoluzione, i nuovi investimenti su alberghiero e infrastrutture. Su tutto, la fiducia degli operatori e i numeri, questi ultimi in particolare, che testimoniano quanto la destinazione Egitto continui a crescere, nonostante il quadro geopolitico nella regione che rimane complesso. "La scorsa settimana (l'ultima di gennaio per chi legge, ndr) l'Egitto ha accolto oltre 200.000 turisti internazionali provenienti da 80 paesi diversi e di questi 8.000 erano italiani - afferma Amr El Kady, chairman dell'Egyptian Tourist Authority -. Non solo: nel periodo compreso fra ottobre e dicembre, i visitatori sono stati 3 milioni: viaggiatori che sono venuti in Egitto benché ci fosse una guerra in corso. E sì, c'è ancora una guerra - e non possiamo che augurarci che termini al più presto - ma l'Egitto è un paese forte: non permetteremo che questo conflitto arrivi nella nostra terra. Vogliamo la pace e il nostro ruolo, da sempre, è stato quello di negoziare per la pace". Chiuso il 2023 con "ben 14,9 milioni di arrivi, oltre quindi anche i livelli record del 2010 quanto erano stati 14,7" le previsioni 2024 lasciano comunque spazio alla fiducia: "E lo vediamo dai flussi attuali e dalla programmazione di tour operator e compagnie aeree, i cui operativi sono pienamente confermati per i prossimi mesi". Certo, il tasso di crescita inizialmente previsto per quest'anno "deve tener conto di quanto sta accadendo e la crescita del +20% rispetto al 2023 è stata ridotta, ma sarà comunque un incremento a due cifre percentuali". Elevate le attese dal mercato Italia che lo scorso anno è stato il "quarto mercato più importante, con 850.000 arrivi, ma vogliamo che torni presto al primo posto. L'obiettivo è quello del milione di visitatori nel 2024". E la capacità posti offerta dalle compagnie aeree sulle rotte Italia-Egitto "è ancora più elevata e tocca scali diversi. Questo è un segnale forte, evidentemente c'è un'enorme domanda sia dagli operatori sia dai viaggiatori". Nuovi investimenti. Cairo destinazione da city break Parola d'ordine migliorare ed elevare la qualità dei servizi offerti, per essere ancora più attrattivi nei confronti di "target di turisti up-level. Vogliamo diversificare ulteriormente il nostro prodotto". Si comincia dagli aeroporti, "oltre ai nuovi operativi come  lo Sphinx Airport, El Alamein, ci sarà l'ampliamento dell'aeroporto di Hurghada e una nuova gestione di quello del Cairo che punta ad un significativo up-grade dello scalo. Numerose le iniziative per incentivare gli investimenti sulle strutture alberghiere, "per nuove aperture o ristrutturazioni, con uno stanziamento iniziale di 1,2 miliardi di dollari". Cui si somma l'operazione che prevede il trasferimento degli uffici governativi nella nuova area della città del Cairo "già cominciata a giugno 2023, che vedrà trasformare le precedenti sedi situate in palazzi ed edifici storici in nuove realtà ricettive, boutique hotel, gallerie d'arte, ristoranti gourmet. Il tutto nel cuore della città vecchia del Cairo". Iniziativa che mira a promuovere la capitale egiziana "come meta da city break e il primo riscontro dagli operatori è senza dubbio positivo". Una promozione che passa direttamente dal trade, con "co-marketing con i tour operatori, fam trip per agenti di viaggio, e-learning, press trip e incentivi alle compagnie aeree, nonché dalla partecipazione agli eventi fieristici in tutto il mondo, ben 44 quelli programmati". [post_title] => L'Egitto non demorde. El Kady: "Puntiamo comunque ad una crescita a due cifre" [post_date] => 2024-02-05T10:15:11+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707128111000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460238 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Completato un importante rinnovo, ha riaperto i battenti a Disneyland Paris il Disneyland Hotel. Nuovo smalto per le 487 stanze e suite – 346 Camere Superior, 82 Camere Deluxe, 41 Camere Castle Club, 16 Signature Suites, 1 Suite Principesca e 1 Suite Reale -, caratterizzata da un'atmosfera elegante, comfort moderni e servizi di lusso. I clienti che soggiornano nel The Castle Club – un esclusivo hotel dentro l’hotel – potranno vivere una gamma di vantaggi e servizi vip, incluso un ascensore privato e un’area check-in dedicata, oltre che un’esclusiva colazione con le Principesse Disney nella Castle Club Lounge. Le suite offrono un livello di immersione nelle storie regali Disney senza precedenti. Il Disneyland Hotel dispone di due ristoranti: La Table de Lumière che offre un servizio a tavolo dove si potranno incontrare le coppie reali Disney e il Royal Banquet dove sarà possibile pranzare e cenare a buffet in compagnia dei Personaggi Disney. Con l’apertura del Disneyland Hotel arriva anche la nuova Formula per i Pasti Premium riservata appunto agli ospiti di questo Hotel Disney: i clienti avranno infatti accesso a una moltitudine di opzioni culinarie disponibili nel resort, compresi i due ristoranti del Disneyland Hotel. Oltre alla piscina e alle vasche idromassaggio coperte, gli ospiti possono usufruire dei trattamenti di bellezza della prima Spa by Clarins. All’interno della struttura non mancherà inoltre una boutique dove poter acquistare prodotto esclusivi e collezioni dedicate al Disneyland Hotel. Le agenzie Ambassador a febbraio durante un famtrip dedicato visiteranno e sperimenteranno per la prima volta il Disneyland Hotel ed i suoi servizi. [post_title] => Disneyland Paris: ha riaperto i battenti, dopo un mega rinnovo, il Disneyland Hotel [post_date] => 2024-01-29T10:04:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706522673000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459830 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_455638" align="alignleft" width="300"] Ahmed Issa, ministro egiziano del turismo e delle antichità[/caption] Record di arrivi in Egitto nel 2023: la destinazione, nonostante la guerra tra Israele e Hamas, archivia l'anno appena chiuso con un totale di 14,9 milioni di turisti, dato che è superiore al precedente massimo storico del 2019 quando i visitatori erano stati 14,7 milioni.  I dati resi noti dal ministero del Turismo del Paese evidenziano che benché il conflitto sia cominciato in ottobre, i flussi turistici non si sono interrotti, anzi hanno continuato a crescere. Negli ultimi tre mesi dell'anno gli arrivi sono stati 3,6 milioni, pari ad un aumento dell'8% rispetto allo stesso periodo del 2022, seppur in difetto di 600.000 turisti all'obiettivo dell'Egitto. Il ministro del turismo, Ahmed Issa, imputa questi risultati record del 2023 agli sforzi compiuti dal suo ministero, come l'incremento della capacità delle camere d'albergo, la ricerca di nuovi mercati e l'incoraggiamento del turismo arabo. [post_title] => L'Egitto non molla e nel 2023 centra un nuovo record di arrivi con 14,9 milioni di turisti [post_date] => 2024-01-22T10:16:13+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705918573000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459284 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con un totale di 4,5 milioni di passeggeri nel 2023 l'aeroporto di Torino ha superato ogni precedente record di traffico. I dati mostrato infatti 4.531.187 passeggeri, pari ad una crescita dell'8% sul 2022 e del +14,7% sui dati del 2019. A incidere sui risultati positivi è stata in particolare la netta ripresa del segmento internazionale, che nel 2023 ha registrato volumi superiori a 2,33 milioni di passeggeri, attestandosi a un +18,7% sul 2022 e a un +15,1% sul 2019. Grazie all’apertura di diverse nuove tratte internazionali dirette nel corso dell’anno Ryanair, che ha base a Torino dal novembre 2021, ha contribuito in maniera significativa a questo andamento. Nel corso del 2023 sono infatti state avviate le nuove rotte da e per Alicante, Porto, Stoccolma e Vilnius, cui si aggiunge il nuovo volo da e per Parigi Orly di Volotea. Ai nuovi voli avviati nel 2023, si somma inoltre la ripresa del traffico neve dai mercati del Nord Europa, dell’Irlanda e della Gran Bretagna, con la consistente ripartenza dei voli charter degli sciatori registrata sia nel primo trimestre dell’anno, sia alla riapertura della stagione a dicembre. “Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto questo grande risultato, che ci ha portato a superare per la prima volta nella storia dell’aeroporto i 4,5 milioni di passeggeri nel 2023 - ha commentato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Il merito di questa crescita è da attribuire al forte afflusso di passeggeri dall’estero, che grazie ai numerosi voli diretti a prezzi contenuti hanno potuto raggiungere ed apprezzare le tante risorse turistiche del nostro territorio”.   [post_title] => Torino Airport vola per la prima volta oltre quota 4,5 milioni di passeggeri [post_date] => 2024-01-12T11:00:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705057214000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458300 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiamerà In orbita la convention 2024 di Welcome Travel Group: un evento in programma a Milano dal 4 al 6 febbraio presso l'Allianz MiCo, in partnership con la Bit per celebrare i risultati eccezionali del 2023 e guardare al futuro. Quest’anno il network ha infatti registrato un volume totale di affari di 1,934 miliardi di euro, suddiviso tra fatturato leisure (1,437 mld), vettori (484mln) e assicurazioni (13mln), per un aumento complessivo del 18% vs 2018/19 e del 44% vs 2021/22. Ora Welcome Travel vuole rafforzare le proprie relazioni territoriali e internazionali a beneficio delle agenzie affiliate e dei partner commerciali e consolidare la riconoscibilità del proprio brand. «Siamo molto contenti della partnership con Bit - spiega Adriano Apicella, a.d. di Welcome Travel Group -. La collaborazione nasce dal desiderio del network di crescere insieme con la Borsa internazionale del turismo coinvolgendo le nostre adv e i nostri partner nel rafforzare la rete outgoing. La nostra ultima convention si è svolta a Napoli nel 2020; quest’anno abbiamo deciso di riunire in un solo luogo le agenzie che partecipano della fusione dei network Welcome Travel e Geo Travel. Era necessario trovare una location che potesse ospitare questa convention trasversale, in un luogo facilmente accessibile. E Milano per noi è una destinazione estremamente attrattiva. L’evento si svilupperà sui tre giorni della Bit: sarà una grande opportunità perché sono convinto che il business si faccia quando ci si incontra di persona. Coinvolgeremo 1.600 agenti di viaggio e 100 partner del network». Affiancheranno Welcome Travel i top partner azionisti del network Costa e Alpitour World, insieme con Neos, la compagnia aerea del gruppo. Tra i partner selezionati saranno presenti anche Allianz, Itmex e Sekurest. «Sarà un evento memorabile per la condivisione di contenuti di innovazione e di servizi che il network mette a disposizione degli agenti e dei partner commerciali - conclude Apicella - e anche per le due importanti serate in programma: la prima powered by Costa e la seconda per celebrare il centenario di Turisanda». [post_title] => Welcome Travel in convention a Milano per coronare un anno di successi e guardare al futuro [post_date] => 2023-12-18T12:57:01+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702904221000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458119 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gioco Viaggi nasce nel 1987 e il suo core-business sono le crociere nel mondo. «Allora si pensava alla crociera come a una vacanza per viaggiatori senior, che coronavano il sogno di una vita. - racconta Gigi Torre, presidente del tour&cruise operator -. Abbiamo iniziato il nostro lavoro di distributori di compagnie straniere alle adv e ai to italiani (a cui oggi si sonno aggiunte le piattaforme online) rappresentando la Ddsg:: una compagnia statale austriaca che percorreva i fiumi con la Mozart, una nave elegante e innovativa dotata di una piccola piscina interna". Nel corso del tempo il mercato si è trasformato: "Negli anni ‘90 le adv proponevano solo compagnie di crociere italiane; in quel stesso periodo Gioco Viaggi ha acquisito la rappresentanza della Carnival Cruise Line e ha iniziato a costruirne il brand in Italia. Negli Stati Uniti la Carnival era una compagnia emergente che proponeva un nuovo concetto di crociera: la nave non più come mezzo di trasporto, ma come destinazione del viaggio. È questa la spinta che ha creato tutto il mercato odierno. Grazie alle forti promozioni degli ultimi 20 anni sono cresciute sia le compagnie italiane, sia quelle straniere ed è nata una richiesta che si è allargata a prodotti di diverse fasce. Per questo nel nostro portfolio ci sono compagnie che propongono il cosiddetto prodotto mass-market (con crociere su navi da 3.500/4.500 persone adatte a tutti i viaggiatori) e prodotti della fascia premium, con un’offerta di qualità più elevata, fino ai brand ultra-luxury. Negli ultimi anni il prodotto nave si è evoluto anche per rispondere all’innovazione tecnologica e alle esigenze dell’ospite: vengono varate nuove navi e i cantieri italiani ed europei sono sempre al lavoro. Si migliorano costantemente l'hardware e il software delle navi, in modo da offrire nuove esperienze: perché oggi l’esperienza è davvero al centro di ogni proposta di viaggio.  Il tempo trascorso a terra diventa un prolungamento della vita a bordo, con strutture e percorsi dedicati». Da oltre 30 anni il tour & cruise operator è specializzato nella rappresentanza, commercializzazione e vendita del prodotto crociere. «Proponiamo i migliori itinerari di Princess Cruises, la cui Sun Princess inizierà a operare nel Mediterraneo all’inizio dell’anno prossimo, e poi distribuiamo la proposta di Carnival, Holland America Line, Cunard, Seabourn, Ponant, Quark Expeditions, Windstar Cruises, Star Clippers, Variety Cruises e Lüftner Cruises. - conclude Chiara Lagioni, product manager di Gioco Viaggi -. Chi scopre l’ottimo rapporto qualità/prezzo, e soprattutto l’elevato standard di servizio a bordo di queste navi poi continua a tornare. Gli ospiti apprezzano anche l’impegno nella sostenibilità di tutte le nostre compagnie, che hanno sempre l’obiettivo di rispettare e migliorare il mondo in cui viviamo». [post_title] => Gioco Viaggi: il to che distribuisce in Italia le crociere dei brand internazionali [post_date] => 2023-12-15T10:34:20+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702636460000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457932 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La nona edizione del workshop France Méditerranée si è tenuta a Tolone ed è stata l’occasione per scoprire la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra: un territorio collinare e rigoglioso affacciato sul Mediterraneo dove si incontrano cittadine piene di charme, piccoli centri medievali, lagune e lunghe spiagge adatte alle attività sportive. Un luogo di grande bellezza, dove il clima è temperato tutto l’anno, con 300 giorni di sole che attirano ogni anno 4 milioni di visitatori. Una terra che testimonia lo scorrere della storia: popolata dai greci e poi dai romani sin dalla fine del II secolo a.C., entrò a far parte del Regno di Francia nel 1481. Nel 1793 Napoleone Bonaparte combatté la sua prima battaglia proprio nella grande baia di Tolone. Oggi la baia ospita la vasta cittadella della marina militare francese, dove lavorano 10mila persone ed è il porto di collegamento con la Corsica. Il ruolo marittimo è una delle cifre della città insieme con la grande passione degli abitanti per il rugby: uno sport fatto di lealtà, rispetto e coraggio, che ha il suo luogo deputato nel grande stadio costruito grazie al lascito del cantante locale Felix Mayol e a lui dedicato. Negli ultimi 15 anni Tolone ha vissuto un’importante opera di rigenerazione urbana e oggi è una città sicura, ricca di arte e cultura, con uno dei Teatri dell’opera più antichi della Francia, sorto nel 1860. La metropoli è un luogo dinamico, ideale per lo shopping - in particolare in questo tempo natalizio - e libero dal traffico, che scorre in percorsi sotterranei. I viali in stile haussmann e gli eleganti edifici possono essere ammirati dalla funivia che sale sul Monte Faron, luogo ideale per il trekking, l’hiking e le escursioni in famiglia. Tolone un’affascinante strada costiera collega 12 comuni della regione, ciascuno con proprie caratteristiche, dove vengono celebrati diversi festival e allestiti colorati mercatini nel periodo natalizio. Grande il fascino di Hyères, già fortificata nel XIV secolo, dove nel 1600 Luigi XIV fece piantare decine di alberi di limoni e arance e che nell’800 divenne famosa per le cure termali. A Hyères i monumenti medievali che richiamano la storia dei cavalieri templari, incontrano edifici della Belle Epoque. Poi lo sguardo si rivolge al mare, dove le prime strisce di sabbia accolgono centinaia di fenicotteri da novembre alla primavera e sono predilette anche dagli amanti del kyte-surf. Sullo sfondo si staglia il profilo delle isole di Hyères o Isole d’Oro, un paradiso naturale che ha la sua leggenda, naturalmente triste, che narra di quattro principesse abili nuotatrici che gli dei salvarono dai pirati trasformandole nelle tre isole che compongono l’arcipelago, Porquerolles, Port-Cros e Levant, insieme con la penisola di Gies. In queste settimane ogni città della regione allestisce il proprio presepe e offre agli ospiti accoglienza e prodotti a km.0: i noti saponi, l’olio d’oliva, il sale, i piatti tipici e anche “la cade”, la saporita versione locale della farinata di ceci. [gallery ids="457934,457942,457937"] [post_title] => Alla scoperta della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra [post_date] => 2023-12-13T10:31:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702463501000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457130 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fioccano risultati positivi sull’Aeroporto di Torino che, nei primi nove mesi del 2023 ha recuperato il traffico pre-pandemico  registrando un +14,7%, a fronte di una ripresa più contenuta  a livello nazionale del +1,6% e di una contrazione europea del -3,9% e mondiale del -2,7%. Dati che confermano una ripresa post Covid superiore alla media dell’industria. Da sottolineare anche che ottobre, con 395.240 passeggeri  trasportati, risulta il migliore di sempre e  novembre segnerà un nuovo record contribuendo così, con un mese di anticipo, a superare i 4,2 milioni di passeggeri del 2022. Lo scalo torinese si sta affermando negli ultimi anni come approdo di un flusso incoming in continua ascesa, con un forte incremento di passeggeri provenienti dall’estero. Merito del maggior numero di tratte dirette rispetto al 2018-2019, di cui otto in più nella stagione invernale e nove in quella estiva. Sul podio dei mercati esteri per numero di turisti in arrivo, Gran Bretagna, Spagna e Francia, seguiti nell’ordine da Albania, Paesi Bassi, Belgio, Germania, Svezia, Romania e Danimarca a chiudere la top ten. Seguono Polonia, Irlanda, Lituania, Stati Uniti, Cechia, Marocco, Israele, Malta, Portogallo, Finlandia. Lo scalo di Torino sta consolidando il suo ruolo di vera impresa del territorio, con oltre 300 dipendenti fra aeroporto e strutture connesse, e riafferma il valore strategico per il territorio su cui insiste, contribuendo sia direttamente che indirettamente alla crescita socio-economica della regione. [post_title] => Aeroporto Torino: recupero da record sui numeri 2019. Boom di passeggeri stranieri [post_date] => 2023-11-30T09:34:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701336851000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1487" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":82,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti.\r\n\r\nE a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni.","post_title":"Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid","post_date":"2024-02-14T15:19:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707923968000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460747","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il prodotto, inossidabile e in evoluzione, i nuovi investimenti su alberghiero e infrastrutture. Su tutto, la fiducia degli operatori e i numeri, questi ultimi in particolare, che testimoniano quanto la destinazione Egitto continui a crescere, nonostante il quadro geopolitico nella regione che rimane complesso.\r\n\r\n\"La scorsa settimana (l'ultima di gennaio per chi legge, ndr) l'Egitto ha accolto oltre 200.000 turisti internazionali provenienti da 80 paesi diversi e di questi 8.000 erano italiani - afferma Amr El Kady, chairman dell'Egyptian Tourist Authority -. Non solo: nel periodo compreso fra ottobre e dicembre, i visitatori sono stati 3 milioni: viaggiatori che sono venuti in Egitto benché ci fosse una guerra in corso. E sì, c'è ancora una guerra - e non possiamo che augurarci che termini al più presto - ma l'Egitto è un paese forte: non permetteremo che questo conflitto arrivi nella nostra terra. Vogliamo la pace e il nostro ruolo, da sempre, è stato quello di negoziare per la pace\".\r\n\r\nChiuso il 2023 con \"ben 14,9 milioni di arrivi, oltre quindi anche i livelli record del 2010 quanto erano stati 14,7\" le previsioni 2024 lasciano comunque spazio alla fiducia: \"E lo vediamo dai flussi attuali e dalla programmazione di tour operator e compagnie aeree, i cui operativi sono pienamente confermati per i prossimi mesi\". Certo, il tasso di crescita inizialmente previsto per quest'anno \"deve tener conto di quanto sta accadendo e la crescita del +20% rispetto al 2023 è stata ridotta, ma sarà comunque un incremento a due cifre percentuali\".\r\n\r\nElevate le attese dal mercato Italia che lo scorso anno è stato il \"quarto mercato più importante, con 850.000 arrivi, ma vogliamo che torni presto al primo posto. L'obiettivo è quello del milione di visitatori nel 2024\". E la capacità posti offerta dalle compagnie aeree sulle rotte Italia-Egitto \"è ancora più elevata e tocca scali diversi. Questo è un segnale forte, evidentemente c'è un'enorme domanda sia dagli operatori sia dai viaggiatori\".\r\n\r\nNuovi investimenti. Cairo destinazione da city break\r\n\r\nParola d'ordine migliorare ed elevare la qualità dei servizi offerti, per essere ancora più attrattivi nei confronti di \"target di turisti up-level. Vogliamo diversificare ulteriormente il nostro prodotto\". Si comincia dagli aeroporti, \"oltre ai nuovi operativi come  lo Sphinx Airport, El Alamein, ci sarà l'ampliamento dell'aeroporto di Hurghada e una nuova gestione di quello del Cairo che punta ad un significativo up-grade dello scalo.\r\n\r\nNumerose le iniziative per incentivare gli investimenti sulle strutture alberghiere, \"per nuove aperture o ristrutturazioni, con uno stanziamento iniziale di 1,2 miliardi di dollari\". Cui si somma l'operazione che prevede il trasferimento degli uffici governativi nella nuova area della città del Cairo \"già cominciata a giugno 2023, che vedrà trasformare le precedenti sedi situate in palazzi ed edifici storici in nuove realtà ricettive, boutique hotel, gallerie d'arte, ristoranti gourmet. Il tutto nel cuore della città vecchia del Cairo\". Iniziativa che mira a promuovere la capitale egiziana \"come meta da city break e il primo riscontro dagli operatori è senza dubbio positivo\".\r\n\r\nUna promozione che passa direttamente dal trade, con \"co-marketing con i tour operatori, fam trip per agenti di viaggio, e-learning, press trip e incentivi alle compagnie aeree, nonché dalla partecipazione agli eventi fieristici in tutto il mondo, ben 44 quelli programmati\".","post_title":"L'Egitto non demorde. El Kady: \"Puntiamo comunque ad una crescita a due cifre\"","post_date":"2024-02-05T10:15:11+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707128111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460238","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Completato un importante rinnovo, ha riaperto i battenti a Disneyland Paris il Disneyland Hotel. Nuovo smalto per le 487 stanze e suite – 346 Camere Superior, 82 Camere Deluxe, 41 Camere Castle Club, 16 Signature Suites, 1 Suite Principesca e 1 Suite Reale -, caratterizzata da un'atmosfera elegante, comfort moderni e servizi di lusso. I clienti che soggiornano nel The Castle Club – un esclusivo hotel dentro l’hotel – potranno vivere una gamma di vantaggi e servizi vip, incluso un ascensore privato e un’area check-in dedicata, oltre che un’esclusiva colazione con le Principesse Disney nella Castle Club Lounge. Le suite offrono un livello di immersione nelle storie regali Disney senza precedenti.\r\n\r\nIl Disneyland Hotel dispone di due ristoranti: La Table de Lumière che offre un servizio a tavolo dove si potranno incontrare le coppie reali Disney e il Royal Banquet dove sarà possibile pranzare e cenare a buffet in compagnia dei Personaggi Disney. Con l’apertura del Disneyland Hotel arriva anche la nuova Formula per i Pasti Premium riservata appunto agli ospiti di questo Hotel Disney: i clienti avranno infatti accesso a una moltitudine di opzioni culinarie disponibili nel resort, compresi i due ristoranti del Disneyland Hotel. Oltre alla piscina e alle vasche idromassaggio coperte, gli ospiti possono usufruire dei trattamenti di bellezza della prima Spa by Clarins. All’interno della struttura non mancherà inoltre una boutique dove poter acquistare prodotto esclusivi e collezioni dedicate al Disneyland Hotel.\r\n\r\nLe agenzie Ambassador a febbraio durante un famtrip dedicato visiteranno e sperimenteranno per la prima volta il Disneyland Hotel ed i suoi servizi.","post_title":"Disneyland Paris: ha riaperto i battenti, dopo un mega rinnovo, il Disneyland Hotel","post_date":"2024-01-29T10:04:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706522673000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459830","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_455638\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Ahmed Issa, ministro egiziano del turismo e delle antichità[/caption]\r\n\r\nRecord di arrivi in Egitto nel 2023: la destinazione, nonostante la guerra tra Israele e Hamas, archivia l'anno appena chiuso con un totale di 14,9 milioni di turisti, dato che è superiore al precedente massimo storico del 2019 quando i visitatori erano stati 14,7 milioni. \r\n\r\nI dati resi noti dal ministero del Turismo del Paese evidenziano che benché il conflitto sia cominciato in ottobre, i flussi turistici non si sono interrotti, anzi hanno continuato a crescere. Negli ultimi tre mesi dell'anno gli arrivi sono stati 3,6 milioni, pari ad un aumento dell'8% rispetto allo stesso periodo del 2022, seppur in difetto di 600.000 turisti all'obiettivo dell'Egitto.\r\n\r\nIl ministro del turismo, Ahmed Issa, imputa questi risultati record del 2023 agli sforzi compiuti dal suo ministero, come l'incremento della capacità delle camere d'albergo, la ricerca di nuovi mercati e l'incoraggiamento del turismo arabo.","post_title":"L'Egitto non molla e nel 2023 centra un nuovo record di arrivi con 14,9 milioni di turisti","post_date":"2024-01-22T10:16:13+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1705918573000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459284","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Con un totale di 4,5 milioni di passeggeri nel 2023 l'aeroporto di Torino ha superato ogni precedente record di traffico. I dati mostrato infatti 4.531.187 passeggeri, pari ad una crescita dell'8% sul 2022 e del +14,7% sui dati del 2019.\r\nA incidere sui risultati positivi è stata in particolare la netta ripresa del segmento internazionale, che nel 2023 ha registrato volumi superiori a 2,33 milioni di passeggeri, attestandosi a un +18,7% sul 2022 e a un +15,1% sul 2019.\r\nGrazie all’apertura di diverse nuove tratte internazionali dirette nel corso dell’anno Ryanair, che ha base a Torino dal novembre 2021, ha contribuito in maniera significativa a questo andamento. Nel corso del 2023 sono infatti state avviate le nuove rotte da e per Alicante, Porto, Stoccolma e Vilnius, cui si aggiunge il nuovo volo da e per Parigi Orly di Volotea. Ai nuovi voli avviati nel 2023, si somma inoltre la ripresa del traffico neve dai mercati del Nord Europa, dell’Irlanda e della Gran Bretagna, con la consistente ripartenza dei voli charter degli sciatori registrata sia nel primo trimestre dell’anno, sia alla riapertura della stagione a dicembre.\r\n“Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto questo grande risultato, che ci ha portato a superare per la prima volta nella storia dell’aeroporto i 4,5 milioni di passeggeri nel 2023 - ha commentato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Il merito di questa crescita è da attribuire al forte afflusso di passeggeri dall’estero, che grazie ai numerosi voli diretti a prezzi contenuti hanno potuto raggiungere ed apprezzare le tante risorse turistiche del nostro territorio”.\r\n ","post_title":"Torino Airport vola per la prima volta oltre quota 4,5 milioni di passeggeri","post_date":"2024-01-12T11:00:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705057214000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458300","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiamerà In orbita la convention 2024 di Welcome Travel Group: un evento in programma a Milano dal 4 al 6 febbraio presso l'Allianz MiCo, in partnership con la Bit per celebrare i risultati eccezionali del 2023 e guardare al futuro. Quest’anno il network ha infatti registrato un volume totale di affari di 1,934 miliardi di euro, suddiviso tra fatturato leisure (1,437 mld), vettori (484mln) e assicurazioni (13mln), per un aumento complessivo del 18% vs 2018/19 e del 44% vs 2021/22. Ora Welcome Travel vuole rafforzare le proprie relazioni territoriali e internazionali a beneficio delle agenzie affiliate e dei partner commerciali e consolidare la riconoscibilità del proprio brand. \r\n«Siamo molto contenti della partnership con Bit - spiega Adriano Apicella, a.d. di Welcome Travel Group -. La collaborazione nasce dal desiderio del network di crescere insieme con la Borsa internazionale del turismo coinvolgendo le nostre adv e i nostri partner nel rafforzare la rete outgoing. La nostra ultima convention si è svolta a Napoli nel 2020; quest’anno abbiamo deciso di riunire in un solo luogo le agenzie che partecipano della fusione dei network Welcome Travel e Geo Travel. Era necessario trovare una location che potesse ospitare questa convention trasversale, in un luogo facilmente accessibile. E Milano per noi è una destinazione estremamente attrattiva. L’evento si svilupperà sui tre giorni della Bit: sarà una grande opportunità perché sono convinto che il business si faccia quando ci si incontra di persona. Coinvolgeremo 1.600 agenti di viaggio e 100 partner del network». \r\nAffiancheranno Welcome Travel i top partner azionisti del network Costa e Alpitour World, insieme con Neos, la compagnia aerea del gruppo. Tra i partner selezionati saranno presenti anche Allianz, Itmex e Sekurest. «Sarà un evento memorabile per la condivisione di contenuti di innovazione e di servizi che il network mette a disposizione degli agenti e dei partner commerciali - conclude Apicella - e anche per le due importanti serate in programma: la prima powered by Costa e la seconda per celebrare il centenario di Turisanda».","post_title":"Welcome Travel in convention a Milano per coronare un anno di successi e guardare al futuro","post_date":"2023-12-18T12:57:01+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1702904221000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458119","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gioco Viaggi nasce nel 1987 e il suo core-business sono le crociere nel mondo. «Allora si pensava alla crociera come a una vacanza per viaggiatori senior, che coronavano il sogno di una vita. - racconta Gigi Torre, presidente del tour&cruise operator -. Abbiamo iniziato il nostro lavoro di distributori di compagnie straniere alle adv e ai to italiani (a cui oggi si sonno aggiunte le piattaforme online) rappresentando la Ddsg:: una compagnia statale austriaca che percorreva i fiumi con la Mozart, una nave elegante e innovativa dotata di una piccola piscina interna\". \r\nNel corso del tempo il mercato si è trasformato: \"Negli anni ‘90 le adv proponevano solo compagnie di crociere italiane; in quel stesso periodo Gioco Viaggi ha acquisito la rappresentanza della Carnival Cruise Line e ha iniziato a costruirne il brand in Italia. Negli Stati Uniti la Carnival era una compagnia emergente che proponeva un nuovo concetto di crociera: la nave non più come mezzo di trasporto, ma come destinazione del viaggio. È questa la spinta che ha creato tutto il mercato odierno. Grazie alle forti promozioni degli ultimi 20 anni sono cresciute sia le compagnie italiane, sia quelle straniere ed è nata una richiesta che si è allargata a prodotti di diverse fasce. Per questo nel nostro portfolio ci sono compagnie che propongono il cosiddetto prodotto mass-market (con crociere su navi da 3.500/4.500 persone adatte a tutti i viaggiatori) e prodotti della fascia premium, con un’offerta di qualità più elevata, fino ai brand ultra-luxury. Negli ultimi anni il prodotto nave si è evoluto anche per rispondere all’innovazione tecnologica e alle esigenze dell’ospite: vengono varate nuove navi e i cantieri italiani ed europei sono sempre al lavoro. Si migliorano costantemente l'hardware e il software delle navi, in modo da offrire nuove esperienze: perché oggi l’esperienza è davvero al centro di ogni proposta di viaggio.  Il tempo trascorso a terra diventa un prolungamento della vita a bordo, con strutture e percorsi dedicati». \r\nDa oltre 30 anni il tour & cruise operator è specializzato nella rappresentanza, commercializzazione e vendita del prodotto crociere. «Proponiamo i migliori itinerari di Princess Cruises, la cui Sun Princess inizierà a operare nel Mediterraneo all’inizio dell’anno prossimo, e poi distribuiamo la proposta di Carnival, Holland America Line, Cunard, Seabourn, Ponant, Quark Expeditions, Windstar Cruises, Star Clippers, Variety Cruises e Lüftner Cruises. - conclude Chiara Lagioni, product manager di Gioco Viaggi -. Chi scopre l’ottimo rapporto qualità/prezzo, e soprattutto l’elevato standard di servizio a bordo di queste navi poi continua a tornare. Gli ospiti apprezzano anche l’impegno nella sostenibilità di tutte le nostre compagnie, che hanno sempre l’obiettivo di rispettare e migliorare il mondo in cui viviamo». ","post_title":"Gioco Viaggi: il to che distribuisce in Italia le crociere dei brand internazionali","post_date":"2023-12-15T10:34:20+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1702636460000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457932","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nLa nona edizione del workshop France Méditerranée si è tenuta a Tolone ed è stata l’occasione per scoprire la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra: un territorio collinare e rigoglioso affacciato sul Mediterraneo dove si incontrano cittadine piene di charme, piccoli centri medievali, lagune e lunghe spiagge adatte alle attività sportive. Un luogo di grande bellezza, dove il clima è temperato tutto l’anno, con 300 giorni di sole che attirano ogni anno 4 milioni di visitatori. Una terra che testimonia lo scorrere della storia: popolata dai greci e poi dai romani sin dalla fine del II secolo a.C., entrò a far parte del Regno di Francia nel 1481. Nel 1793 Napoleone Bonaparte combatté la sua prima battaglia proprio nella grande baia di Tolone.\r\n\r\nOggi la baia ospita la vasta cittadella della marina militare francese, dove lavorano 10mila persone ed è il porto di collegamento con la Corsica. Il ruolo marittimo è una delle cifre della città insieme con la grande passione degli abitanti per il rugby: uno sport fatto di lealtà, rispetto e coraggio, che ha il suo luogo deputato nel grande stadio costruito grazie al lascito del cantante locale Felix Mayol e a lui dedicato. Negli ultimi 15 anni Tolone ha vissuto un’importante opera di rigenerazione urbana e oggi è una città sicura, ricca di arte e cultura, con uno dei Teatri dell’opera più antichi della Francia, sorto nel 1860. La metropoli è un luogo dinamico, ideale per lo shopping - in particolare in questo tempo natalizio - e libero dal traffico, che scorre in percorsi sotterranei. I viali in stile haussmann e gli eleganti edifici possono essere ammirati dalla funivia che sale sul Monte Faron, luogo ideale per il trekking, l’hiking e le escursioni in famiglia. Tolone un’affascinante strada costiera collega 12 comuni della regione, ciascuno con proprie caratteristiche, dove vengono celebrati diversi festival e allestiti colorati mercatini nel periodo natalizio. Grande il fascino di Hyères, già fortificata nel XIV secolo, dove nel 1600 Luigi XIV fece piantare decine di alberi di limoni e arance e che nell’800 divenne famosa per le cure termali.\r\n\r\nA Hyères i monumenti medievali che richiamano la storia dei cavalieri templari, incontrano edifici della Belle Epoque. Poi lo sguardo si rivolge al mare, dove le prime strisce di sabbia accolgono centinaia di fenicotteri da novembre alla primavera e sono predilette anche dagli amanti del kyte-surf. Sullo sfondo si staglia il profilo delle isole di Hyères o Isole d’Oro, un paradiso naturale che ha la sua leggenda, naturalmente triste, che narra di quattro principesse abili nuotatrici che gli dei salvarono dai pirati trasformandole nelle tre isole che compongono l’arcipelago, Porquerolles, Port-Cros e Levant, insieme con la penisola di Gies. In queste settimane ogni città della regione allestisce il proprio presepe e offre agli ospiti accoglienza e prodotti a km.0: i noti saponi, l’olio d’oliva, il sale, i piatti tipici e anche “la cade”, la saporita versione locale della farinata di ceci.\r\n\r\n[gallery ids=\"457934,457942,457937\"]","post_title":"Alla scoperta della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra","post_date":"2023-12-13T10:31:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1702463501000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457130","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fioccano risultati positivi sull’Aeroporto di Torino che, nei primi nove mesi del 2023 ha recuperato il traffico pre-pandemico  registrando un +14,7%, a fronte di una ripresa più contenuta  a livello nazionale del +1,6% e di una contrazione europea del -3,9% e mondiale del -2,7%.\r\n\r\nDati che confermano una ripresa post Covid superiore alla media dell’industria. Da sottolineare anche che ottobre, con 395.240 passeggeri  trasportati, risulta il migliore di sempre e  novembre segnerà un nuovo record contribuendo così, con un mese di anticipo, a superare i 4,2 milioni di passeggeri del 2022.\r\n\r\nLo scalo torinese si sta affermando negli ultimi anni come approdo di un flusso incoming in continua ascesa, con un forte incremento di passeggeri provenienti dall’estero. Merito del maggior numero di tratte dirette rispetto al 2018-2019, di cui otto in più nella stagione invernale e nove in quella estiva. Sul podio dei mercati esteri per numero di turisti in arrivo, Gran Bretagna, Spagna e Francia, seguiti nell’ordine da Albania, Paesi Bassi, Belgio, Germania, Svezia, Romania e Danimarca a chiudere la top ten. Seguono Polonia, Irlanda, Lituania, Stati Uniti, Cechia, Marocco, Israele, Malta, Portogallo, Finlandia.\r\n\r\nLo scalo di Torino sta consolidando il suo ruolo di vera impresa del territorio, con oltre 300 dipendenti fra aeroporto e strutture connesse, e riafferma il valore strategico per il territorio su cui insiste, contribuendo sia direttamente che indirettamente alla crescita socio-economica della regione.","post_title":"Aeroporto Torino: recupero da record sui numeri 2019. Boom di passeggeri stranieri","post_date":"2023-11-30T09:34:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1701336851000]}]}}

Lascia un commento