1 March 2024

1485

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Direttore tecnico di agenzia di viaggi Regione Campania offresi per copertura titolo o consulenza o collaborazione. Paga contenuta. Disponibilità immediata.
Contatto: Tel. 339 6747966.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo. Come riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un "pasticcio" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines. «È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva. Piccoli tagli Considerando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati "piccoli tagli alla programmazione" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri.  La low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di "200 milioni" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali. [post_title] => Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10% [post_date] => 2024-02-27T09:00:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709024439000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460864 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione di Bit Milano 2024, Rovigo Convention & Visitors Bureau ha presentato i nuovi strumenti di marketing, comunicazione e promozione turistica del suo territorio. Si tratta di ulteriori risorse che vanno a implementare un dialogo sempre più diretto con il visitatore, a sottolineare le molte opportunità che offre una stagione tutta da vivere e da scoprire nelle terre fra Adige Po, tra arte, storia, cultura, enogastronomia e natura. Si tratta di ville, palazzi e luoghi sacri che custodiscono piccoli e grandi tesori. «Per accompagnare la scoperta dell’offerta turistica che di anno in anno si arricchisce, il Rovigo Convention & Visitors Bureau, da sempre attivo nella promozione di viaggi leisure & business, ha creato nuovi strumenti e altrettante occasioni per una vacanza in questi luoghi - spiega Cristina Regazzo, responsabile di Rovigo Cvb -. L’intensa attività svolta ha permesso infatti di creare, supportare e avviare ulteriori asset e iniziative, grazie in particolare al sostegno di Camera di commercio Venezia-Rovigo, fondazione Cariparo e Gal Adige, associazione costituita da un partenariato pubblico-privato che si occupa della valorizzazione rurale di 17 comuni del Polesine attraverso fondi comunitari». In rassegna tutti gli strumenti: le prime sei brochure tematiche, cinque video dedicati agli itinerari open-air e un portale web che continuerà il suo sviluppo nel 2024, collegandosi al dms regionale. In più, altri due video: per la promozione delle terre fra Adige-Po come destinazione wedding e come meta meeting & eventi, nell’ambito delle azioni realizzate con la rete regionale Venice region convention bureau betwork. Il tutto, senza tralasciare la versione in inglese dell’app Discover Rovigo, divisa in quattro volumi tematici: Rovigo, piccola ma sorprendente, Delta del Po, la Vita è una giostra, “Saperi e sapori. Nuovi siti culturali apriranno inoltre i battenti nel 2024. In particolare il museo diocesano della cattedrale di Adria-Rovigo il cui vernissage è previsto per settembre, vanterà un susseguirsi di sale caratterizzate da nuclei a tema, con opere provenienti da tutta la diocesi, come quelle della quadreria della pinacoteca del Seminario, argenti e suppellettili, la Madonna della Vita e il polittico di Raccano (opere di Michele da Firenze in terracotta dipinta del ‘400 padano).  Tornano poi le grandi mostre di palazzo Roverella a Rovigo. In linea con i successi di Kandinskij e Renoir, il 2024 accende i riflettori su un altro artista francese tra i più rappresentativi della Parigi di fine secolo: Henry Toulouse-Lautrec (dal 23 febbraio al 30 giugno). L'esposizione è promossa dalla fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo con il comune di Rovigo e l’accademia dei Concordi. Il 2024 è infine anche anno di celebrazioni importanti, come i 100 dalla morte di Giacomo Matteotti, grande uomo politico polesano, pubblico amministratore, molto attivo e impegnato nell’attività sindacale delle cooperative e nell’attività parlamentare, segretario del partito Socialista Unitario. La mostra Giacomo Matteotti (1885 –1924). Storia di un uomo libero, promossa dal comitato provinciale per le Celebrazioni e sostenuta da fondazione Cariparo, si terrà dal 5 aprile al 7  luglio a palazzo Roncale.   [post_title] => Rovigo Cvb: nuovi strumenti per dialogare con il visitatore e scoprire il territorio [post_date] => 2024-02-07T13:22:00+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707312120000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460225 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un Marocco che ha superato le più rosee aspettative quello che archivia il 2023 con 14,5 milioni di visitatori, un milione in più rispetto all'obiettivo fissato dal governo nella sua tabella di marcia 2023-2026. Risultato che supera quindi il precedente record del 2019, quando gli arrivi erano stati 13 milioni. Sempre nel 2023 il numero di turisti stranieri è aumentato del 41% rispetto all'anno precedente e rappresenta il 49% degli arrivi complessivi, con un incremento di 3 punti in un anno. I marocchini residenti all'estero costituiscono il resto degli arrivi (51% del totale), un dato che è aumentato del 27% in un solo anno. Contrariamente a quanto temuto dalle stesse autorità turistiche marocchine, il terremoto che ha colpito il Paese lo scorso settembre non ha determinato una battuta d'arresto del settore. E malgrado il complesso contesto geopolitico mondiale, il mese di dicembre è stato caratterizzato da un numero di visitatori senza precedenti, con l'arrivo di quasi 1,3 milioni di viaggiatori, secondo i dati del ministero del turismo L'obiettivo per il Marocco è ora quello di mettere in evidenza altri aspetti della sua offerta, cha va oltre Marrakech, con particolare attenzione al mercato francese che rappresenta quasi il 35% delle entrate totali dell'industria turistica marocchina.   [post_title] => Il Marocco taglia un traguardo storico raggiungendo i 14,5 milioni di visitatori [post_date] => 2024-02-06T11:15:34+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707218134000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460267 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Brusca frenata dei profitti Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio in corso (chiuso lo scorso 31 dicembre) e successivo taglio delle previsioni di utile per l'intero anno fiscale. L’utile netto del gruppo è sceso del 93% a 14,8 milioni di euro, nonostante un aumento del fatturato del 17% a 2,7 miliardi di euro. Il risultato, chiarisce una nota della low cost irlandese, ha risentito, tra l’altro, dell’aumento dei costi del carburante (+35%) ma anche dell’aumento degli stipendi e delle tasse aeroportuali. «Mentre traffico e tariffe sono aumentati su anno, nel periodo che precede Natale e Capodanno i tassi di occupazione e i rendimenti sono stati inferiori alle aspettative in risposta all’improvviso (ma gradito) ritiro di Ryanair» da «siti online ’pirata’ di agenzie di viaggio» all’inizio di dicembre. Il ceo del gruppo, Michael O'Leary, aveva già avvertito che la mossa, da parte di aziende che aveva definito "pirati", avrebbe danneggiato la redditività del terzo trimestre. Ryanair ha dunque dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1,85 e 1,95 miliardi di euro per i 12 mesi fino alla fine di marzo: la cifra è inferiore rispetto alla precedente previsione di poco più di 2 miliardi di euro.  Sull’andamento del quarto trimestre, «tradizionalmente il più debole», influirà anche l’entrata in vigore di un accordo sull’aumento salariale dei piloti e la fine dei crediti di carbonio gratuiti.  La compagnia si aspetta una forte domanda per la stagione estiva, con tariffe ancora in rialzo, ma meno dello scorso anno. Infine, il ceo ha rimarcato il potenziale rischio residuo per le prospettive di crescita di Ryanair legato alla possibilità di ulteriori ritardi nella consegna dei nuovi aeromobili Boeing 787 Max 8. La low cost che ha un ordine di 300 Boeing, ha ricevuto 12 Boeing 737 8-200 nell’ultimo trimestre e si aspetta di riceverne altri 50 entro giugno, un numero inferiore rispetto alle previsioni di 57 consegne.     [post_title] => Conti in frenata nel trimestre di Ryanair, che taglia le previsioni di utile per l'anno [post_date] => 2024-01-29T11:22:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706527368000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459868 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Promuovere, creare momenti di incontro e relazione, vivere la lenta e autentica quotidianità dei borghi sicani. Sono questi gli obiettivi di Sicani Villages, il nuovo network di realtà locali lanciato lo scorso ottobre. Grazie a Pure Sicily, partner capofila del progetto e azienda di servizi turistici, Live Sicani e Val di Kam, punti di connessione tra il viaggiatore e le piccole realtà dell’entroterra siciliano, si può infatti ora accedere a tantissime di queste esperienze, provando in prima persona il vero stile di vita sicano. Il fine settimana alla scoperta del territorio sicano parte quindi dall’arrivo all’aeroporto di Palermo, per poi addentrarsi tra le colline dell’entroterra. Si arriva così alla valle del Platani, che prende il nome dal fiume che la attraversa, per vedere da vicino le tante coltivazioni di alcuni tra i prodotti più simbolici della Sicilia: i pistacchi e le mandorle. Arrivata l’ora del pranzo, in questo viaggio ogni pasto sarà un’avventura nella tradizione culinaria locale. Si possono definire workshop enogastronomici, ma cucinare in famiglia è forse l'espressione che esprime meglio l’esperienza. L'itinerario include anche una visita nei luoghi dell'artigianato sicano. Da non perdere poi il trekking nei sentieri tra le panoramiche colline dei Borghi. Ci si potrà immergere totalmente nella natura e respirare l’aria della campagna siciliana più autentica, e al tramonto, visitare un luogo davvero magico: il teatro Andromeda. A poca distanza, si trovano inoltre i borghi di Castronovo di Sicilia, paese dalle origini antichissime, testimoniate da ritrovamenti archeologici che risalirebbero addirittura all’epoca preistorica, e palazzo Adriano, set naturale del film Oscar Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore. Gli amanti del grande cinema potranno vivere un altro movie tour visitando il borgo natale del regista Frank Capra, Bisacquino. Partendo poi da Prizzi, uno dei borghi più alti di Sicilia, caratterizzato da strette viuzze, cortili e ripide scalinate, l’esperienza con Sikani Horse Trek regala indimenticabili passeggiate a cavallo. Ci si muove quindi in direzione Chiusa Sclafani, nota per le architetture religiose con stucchi decorativi di scuola serpottiana e per il suo complesso monumentale della Badia, e ancora verso Giuliana, alla scoperta del suo castello federiciano e delle sue storie: uno dei personaggi maggiormente legati alla fortezza è Eleonora d'Aragona morta proprio a Giuliana nel 1405. Una leggenda narra che il suo spettro si aggiri ancora nel castello, facendo la guardia a un tesoro nascosto. Un viaggio in questa terra non può escludere la visita alla costa Sicana, tra le più belle della Sicilia. L’escursione alla Scala dei Turchi è d’obbligo. La stessa emozione si potrà vivere passeggiando a Capo Bianco, Punta Bianca o passeggiando sulla chilometrica spiaggia della riserva naturale orientata Torre Salsa.   [post_title] => La ricetta Sicani Villages per un fine settimana alla scoperta dell'anima di un territorio [post_date] => 2024-01-22T12:25:49+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705926349000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459592 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Catania nel 2023 ha superato i 10 milioni di passeggeri. Sono stati complessivamente 10.739.614, il 6,34% in più rispetto al 2022, quando erano stati 10.099.441, con un incremento deciso di quelli internazionali (+15,5%), rispetto ai nazionali (+1,8%). Ma anche l'inizio del 2024 viaggia col segno più: dal 1 al 7 gennaio scorso nello scalo internazionale Vincenzo Bellini sono transitati 211.673 passeggeri (+12%) per un totale di 1.423 movimenti (+14,5%).   Secondo i dati elaborati dalla Sac, società di gestione degli aeroporti di Catania e Comiso, lo scalo del ragusano chiude il 2023 toccando i 3.485 movimenti rispetto ai 3.320 del 2022, registrando una lieve crescita (+5%). Un aumento che non si riscontra per il numero dei viaggiatori: sono infatti 303.414 i passeggeri transitato nell'aeroporto Pio La Torre rispetto ai 364.735 dello scorso anno. «La collaborazione con le autorità nazionali e locali, le partnership con le compagnie aeree e la qualità dei servizi offerti da tutta la comunità aeroportuale sono la chiave per il nostro successo - afferma Nico Torrisi, ad di Sac -. Questi risultati sono la conferma del nostro impegno costante e dimostrano la fiducia dei viaggiatori. La diversificazione del traffico, con un notevole aumento dei voli internazionali, mostra la necessità di adattarsi continuamente alle esigenze di mercato. Siamo fiduciosi che il 2024 sarà un altro anno di prosperità e sviluppo per la rete aeroportuale della Sicilia orientale e che anche lo scalo di Comiso beneficerà in maniera decisa della maggiore offerta di compagnie aeree che hanno già pianificato l'operatività di numerose nuove rotte. Inoltre, lavoriamo alacremente con il sostegno della Regione Siciliana per lo sviluppo dell'area cargo nello scalo Ibleo». [post_title] => Sac, l'aeroporto Catania comincia il 2024 col segno più. Nuovo focus su Comiso [post_date] => 2024-01-18T09:15:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705569348000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459572 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio al vertice per Japan Airlines: Mitsuko Tottori, che ha iniziato la sua carriera come assistente di volo, è la prima donna presidente nella storia della compagnia aerea. Un passo profondamente simbolico per il Paese che si sta adoperando per colmare un vasto divario di genere sul lavoro. Mitsuko Tottori sarà ufficialmente in carica dal prossimo 1° aprile, subentrando ad Akasaka Yuji che diventerà presidente del consiglio di amministrazione. Tottori, 59 anni, è entrata in Jal nel 1985 e nel 2015 è stata promossa a direttore senior degli affari del personale di cabina. Nel 2019 è stata vicepresidente del dipartimento di sicurezza della cabina, prima di essere promossa a vicepresidente senior degli assistenti di cabina un anno dopo. Nell'aprile 2023, Tottori è diventata vicepresidente senior dell'esperienza del cliente, supervisionando il portafoglio di comunicazione del marchio. Due mesi dopo ha assunto il ruolo di chief customer officer. [post_title] => Japan Airlines: Mitsuko Tottori è la prima donna presidente del vettore giapponese [post_date] => 2024-01-17T12:09:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705493386000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459161 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono rare le occasioni in cui i numeri parlano così chiaramente. Ma nel caso di Alpitour l'evidenza è tale da lasciare poco spazio a qualsiasi speculazione. Nell'anno finanziario 2022-2023, chiuso lo scorso 31 ottobre, i margini operativi lordi del gruppo (ebidta) si sono assestati tra i 135 e i 145 milioni (dati pre-consuntivo Tip, ndr). Praticamente il doppio rispetto all'epoca pre-Covid del 2018-2019, quando avevano toccato i 71 milioni. Un dato strutturale e non congiunturale, magari trainato dal cosiddetto rimbalzo post-pandemia, assicura  il general manager tour operating, Pier Ezhaya: "Oggi abbiamo più aeroplani in Neos e più alberghi in Voihotels. Ma abbiamo anche riorganizzato la divisione tour operating, razionalizzandone i marchi. Una serie di operazioni e investimenti portati avanti durante gli anni difficili del Covid, che stanno semplicemente dando i frutti sperati". Anche l'inizio del 2023-2024 sta infatti andando nella medesima direzione, tanto che l'obiettivo per il tour operating è di crescere ancora in termini di volumi: "L'anno scorso la nostra divisione ha chiuso sopra quota 1,3 miliardi - aggiunge Ezhaya -. Ora puntiamo a raggiungere gli 1,45 miliardi". Un obiettivo ragionevole, che si basa sia sui fondamentali di mercato, sia sul fatto che in fondo il 2023 era partito un po' a rilento, subendo ancora parzialmente gli strascichi della pandemia. "Al momento stiamo girando sui 100 milioni di fatturato in più, pari periodo rispetto all'anno scorso. Certo, parte di tale incremento è dovuto alla crescita sensibile dell'advance booking. Altro dato estremamente positivo, perché ci consente una serie di vantaggi lato organizzativo, anche se potrebbe erodere almeno parzialmente l'incremento. Ma siamo decisamente ottimisti, pur essendo consapevoli che la partita più grossa si gioca sempre in estate, quando entreranno in campo tutti i player del settore, anche al di fuori del mondo to, e la concorrenza si farà più serrata". Proprio a questo proposito l'impressione è che per la stagione calda si stia formando una sorte di mappa del business a breve - medio raggio, per cui certe destinazioni stanno diventando quasi off-limit per il tour operating mainstream. "Mi vengono per esempio in mente Mykonos o Ibiza - racconta Ezhaya -: mete alla moda con prezzi molto alti e al contempo un'offerta low cost estremamente aggressiva. Diverso, invece, il discorso in località quali Rodi, che ha una carenza strutturale di camere. In questo caso se un to ha allotment importanti in due o tre resort, oppure anche strutture proprie magari con un volo di appoggio, può sicuramente fare la differenza. Coerentemente con tutto ciò noi ci stiamo concentrando soprattutto sulle verticali di prodotto. E questo, al netto naturalmente del progetto eden, sempre pronto a surfare il mercato in cerca di nuove opportunità con un approccio più tattico". [post_title] => Ezhaya, Alpitour: nel 2023 margini raddoppiati rispetto al pre-Covid [post_date] => 2024-01-10T13:35:13+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704893713000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457932 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La nona edizione del workshop France Méditerranée si è tenuta a Tolone ed è stata l’occasione per scoprire la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra: un territorio collinare e rigoglioso affacciato sul Mediterraneo dove si incontrano cittadine piene di charme, piccoli centri medievali, lagune e lunghe spiagge adatte alle attività sportive. Un luogo di grande bellezza, dove il clima è temperato tutto l’anno, con 300 giorni di sole che attirano ogni anno 4 milioni di visitatori. Una terra che testimonia lo scorrere della storia: popolata dai greci e poi dai romani sin dalla fine del II secolo a.C., entrò a far parte del Regno di Francia nel 1481. Nel 1793 Napoleone Bonaparte combatté la sua prima battaglia proprio nella grande baia di Tolone. Oggi la baia ospita la vasta cittadella della marina militare francese, dove lavorano 10mila persone ed è il porto di collegamento con la Corsica. Il ruolo marittimo è una delle cifre della città insieme con la grande passione degli abitanti per il rugby: uno sport fatto di lealtà, rispetto e coraggio, che ha il suo luogo deputato nel grande stadio costruito grazie al lascito del cantante locale Felix Mayol e a lui dedicato. Negli ultimi 15 anni Tolone ha vissuto un’importante opera di rigenerazione urbana e oggi è una città sicura, ricca di arte e cultura, con uno dei Teatri dell’opera più antichi della Francia, sorto nel 1860. La metropoli è un luogo dinamico, ideale per lo shopping - in particolare in questo tempo natalizio - e libero dal traffico, che scorre in percorsi sotterranei. I viali in stile haussmann e gli eleganti edifici possono essere ammirati dalla funivia che sale sul Monte Faron, luogo ideale per il trekking, l’hiking e le escursioni in famiglia. Tolone un’affascinante strada costiera collega 12 comuni della regione, ciascuno con proprie caratteristiche, dove vengono celebrati diversi festival e allestiti colorati mercatini nel periodo natalizio. Grande il fascino di Hyères, già fortificata nel XIV secolo, dove nel 1600 Luigi XIV fece piantare decine di alberi di limoni e arance e che nell’800 divenne famosa per le cure termali. A Hyères i monumenti medievali che richiamano la storia dei cavalieri templari, incontrano edifici della Belle Epoque. Poi lo sguardo si rivolge al mare, dove le prime strisce di sabbia accolgono centinaia di fenicotteri da novembre alla primavera e sono predilette anche dagli amanti del kyte-surf. Sullo sfondo si staglia il profilo delle isole di Hyères o Isole d’Oro, un paradiso naturale che ha la sua leggenda, naturalmente triste, che narra di quattro principesse abili nuotatrici che gli dei salvarono dai pirati trasformandole nelle tre isole che compongono l’arcipelago, Porquerolles, Port-Cros e Levant, insieme con la penisola di Gies. In queste settimane ogni città della regione allestisce il proprio presepe e offre agli ospiti accoglienza e prodotti a km.0: i noti saponi, l’olio d’oliva, il sale, i piatti tipici e anche “la cade”, la saporita versione locale della farinata di ceci. [gallery ids="457934,457942,457937"] [post_title] => Alla scoperta della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra [post_date] => 2023-12-13T10:31:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702463501000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1485" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":103,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462272","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo.\r\n\r\nCome riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un \"pasticcio\" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines.\r\n\r\n«È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva.\r\nPiccoli tagli\r\nConsiderando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati \"piccoli tagli alla programmazione\" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri. \r\n\r\nLa low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di \"200 milioni\" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali.","post_title":"Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10%","post_date":"2024-02-27T09:00:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709024439000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460864","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In occasione di Bit Milano 2024, Rovigo Convention & Visitors Bureau ha presentato i nuovi strumenti di marketing, comunicazione e promozione turistica del suo territorio. Si tratta di ulteriori risorse che vanno a implementare un dialogo sempre più diretto con il visitatore, a sottolineare le molte opportunità che offre una stagione tutta da vivere e da scoprire nelle terre fra Adige Po, tra arte, storia, cultura, enogastronomia e natura.\r\n\r\nSi tratta di ville, palazzi e luoghi sacri che custodiscono piccoli e grandi tesori. «Per accompagnare la scoperta dell’offerta turistica che di anno in anno si arricchisce, il Rovigo Convention & Visitors Bureau, da sempre attivo nella promozione di viaggi leisure & business, ha creato nuovi strumenti e altrettante occasioni per una vacanza in questi luoghi - spiega Cristina Regazzo, responsabile di Rovigo Cvb -. L’intensa attività svolta ha permesso infatti di creare, supportare e avviare ulteriori asset e iniziative, grazie in particolare al sostegno di Camera di commercio Venezia-Rovigo, fondazione Cariparo e Gal Adige, associazione costituita da un partenariato pubblico-privato che si occupa della valorizzazione rurale di 17 comuni del Polesine attraverso fondi comunitari».\r\n\r\nIn rassegna tutti gli strumenti: le prime sei brochure tematiche, cinque video dedicati agli itinerari open-air e un portale web che continuerà il suo sviluppo nel 2024, collegandosi al dms regionale. In più, altri due video: per la promozione delle terre fra Adige-Po come destinazione wedding e come meta meeting & eventi, nell’ambito delle azioni realizzate con la rete regionale Venice region convention bureau betwork. Il tutto, senza tralasciare la versione in inglese dell’app Discover Rovigo, divisa in quattro volumi tematici: Rovigo, piccola ma sorprendente, Delta del Po, la Vita è una giostra, “Saperi e sapori.\r\n\r\nNuovi siti culturali apriranno inoltre i battenti nel 2024. In particolare il museo diocesano della cattedrale di Adria-Rovigo il cui vernissage è previsto per settembre, vanterà un susseguirsi di sale caratterizzate da nuclei a tema, con opere provenienti da tutta la diocesi, come quelle della quadreria della pinacoteca del Seminario, argenti e suppellettili, la Madonna della Vita e il polittico di Raccano (opere di Michele da Firenze in terracotta dipinta del ‘400 padano).\r\n\r\n Tornano poi le grandi mostre di palazzo Roverella a Rovigo. In linea con i successi di Kandinskij e Renoir, il 2024 accende i riflettori su un altro artista francese tra i più rappresentativi della Parigi di fine secolo: Henry Toulouse-Lautrec (dal 23 febbraio al 30 giugno). L'esposizione è promossa dalla fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo con il comune di Rovigo e l’accademia dei Concordi.\r\n\r\nIl 2024 è infine anche anno di celebrazioni importanti, come i 100 dalla morte di Giacomo Matteotti, grande uomo politico polesano, pubblico amministratore, molto attivo e impegnato nell’attività sindacale delle cooperative e nell’attività parlamentare, segretario del partito Socialista Unitario. La mostra Giacomo Matteotti (1885 –1924). Storia di un uomo libero, promossa dal comitato provinciale per le Celebrazioni e sostenuta da fondazione Cariparo, si terrà dal 5 aprile al 7  luglio a palazzo Roncale.\r\n\r\n ","post_title":"Rovigo Cvb: nuovi strumenti per dialogare con il visitatore e scoprire il territorio","post_date":"2024-02-07T13:22:00+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707312120000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460225","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un Marocco che ha superato le più rosee aspettative quello che archivia il 2023 con 14,5 milioni di visitatori, un milione in più rispetto all'obiettivo fissato dal governo nella sua tabella di marcia 2023-2026.\r\n\r\nRisultato che supera quindi il precedente record del 2019, quando gli arrivi erano stati 13 milioni. Sempre nel 2023 il numero di turisti stranieri è aumentato del 41% rispetto all'anno precedente e rappresenta il 49% degli arrivi complessivi, con un incremento di 3 punti in un anno.\r\n\r\nI marocchini residenti all'estero costituiscono il resto degli arrivi (51% del totale), un dato che è aumentato del 27% in un solo anno.\r\n\r\nContrariamente a quanto temuto dalle stesse autorità turistiche marocchine, il terremoto che ha colpito il Paese lo scorso settembre non ha determinato una battuta d'arresto del settore. E malgrado il complesso contesto geopolitico mondiale, il mese di dicembre è stato caratterizzato da un numero di visitatori senza precedenti, con l'arrivo di quasi 1,3 milioni di viaggiatori, secondo i dati del ministero del turismo\r\n\r\nL'obiettivo per il Marocco è ora quello di mettere in evidenza altri aspetti della sua offerta, cha va oltre Marrakech, con particolare attenzione al mercato francese che rappresenta quasi il 35% delle entrate totali dell'industria turistica marocchina.\r\n\r\n ","post_title":"Il Marocco taglia un traguardo storico raggiungendo i 14,5 milioni di visitatori","post_date":"2024-02-06T11:15:34+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707218134000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460267","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\nBrusca frenata dei profitti Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio in corso (chiuso lo scorso 31 dicembre) e successivo taglio delle previsioni di utile per l'intero anno fiscale.\r\n\r\nL’utile netto del gruppo è sceso del 93% a 14,8 milioni di euro, nonostante un aumento del fatturato del 17% a 2,7 miliardi di euro. Il risultato, chiarisce una nota della low cost irlandese, ha risentito, tra l’altro, dell’aumento dei costi del carburante (+35%) ma anche dell’aumento degli stipendi e delle tasse aeroportuali. «Mentre traffico e tariffe sono aumentati su anno, nel periodo che precede Natale e Capodanno i tassi di occupazione e i rendimenti sono stati inferiori alle aspettative in risposta all’improvviso (ma gradito) ritiro di Ryanair» da «siti online ’pirata’ di agenzie di viaggio» all’inizio di dicembre.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nIl ceo del gruppo, Michael O'Leary, aveva già avvertito che la mossa, da parte di aziende che aveva definito \"pirati\", avrebbe danneggiato la redditività del terzo trimestre.\r\n\r\nRyanair ha dunque dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1,85 e 1,95 miliardi di euro per i 12 mesi fino alla fine di marzo: la cifra è inferiore rispetto alla precedente previsione di poco più di 2 miliardi di euro. \r\n\r\n\r\n\r\nSull’andamento del quarto trimestre, «tradizionalmente il più debole», influirà anche l’entrata in vigore di un accordo sull’aumento salariale dei piloti e la fine dei crediti di carbonio gratuiti. \r\nLa compagnia si aspetta una forte domanda per la stagione estiva, con tariffe ancora in rialzo, ma meno dello scorso anno. Infine, il ceo ha rimarcato il potenziale rischio residuo per le prospettive di crescita di Ryanair legato alla possibilità di ulteriori ritardi nella consegna dei nuovi aeromobili Boeing 787 Max 8.\r\nLa low cost che ha un ordine di 300 Boeing, ha ricevuto 12 Boeing 737 8-200 nell’ultimo trimestre e si aspetta di riceverne altri 50 entro giugno, un numero inferiore rispetto alle previsioni di 57 consegne.  \r\n\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Conti in frenata nel trimestre di Ryanair, che taglia le previsioni di utile per l'anno","post_date":"2024-01-29T11:22:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706527368000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459868","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Promuovere, creare momenti di incontro e relazione, vivere la lenta e autentica quotidianità dei borghi sicani. Sono questi gli obiettivi di Sicani Villages, il nuovo network di realtà locali lanciato lo scorso ottobre. Grazie a Pure Sicily, partner capofila del progetto e azienda di servizi turistici, Live Sicani e Val di Kam, punti di connessione tra il viaggiatore e le piccole realtà dell’entroterra siciliano, si può infatti ora accedere a tantissime di queste esperienze, provando in prima persona il vero stile di vita sicano.\r\n\r\nIl fine settimana alla scoperta del territorio sicano parte quindi dall’arrivo all’aeroporto di Palermo, per poi addentrarsi tra le colline dell’entroterra. Si arriva così alla valle del Platani, che prende il nome dal fiume che la attraversa, per vedere da vicino le tante coltivazioni di alcuni tra i prodotti più simbolici della Sicilia: i pistacchi e le mandorle. Arrivata l’ora del pranzo, in questo viaggio ogni pasto sarà un’avventura nella tradizione culinaria locale. Si possono definire workshop enogastronomici, ma cucinare in famiglia è forse l'espressione che esprime meglio l’esperienza.\r\n\r\nL'itinerario include anche una visita nei luoghi dell'artigianato sicano. Da non perdere poi il trekking nei sentieri tra le panoramiche colline dei Borghi. Ci si potrà immergere totalmente nella natura e respirare l’aria della campagna siciliana più autentica, e al tramonto, visitare un luogo davvero magico: il teatro Andromeda. A poca distanza, si trovano inoltre i borghi di Castronovo di Sicilia, paese dalle origini antichissime, testimoniate da ritrovamenti archeologici che risalirebbero addirittura all’epoca preistorica, e palazzo Adriano, set naturale del film Oscar Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore. Gli amanti del grande cinema potranno vivere un altro movie tour visitando il borgo natale del regista Frank Capra, Bisacquino.\r\n\r\nPartendo poi da Prizzi, uno dei borghi più alti di Sicilia, caratterizzato da strette viuzze, cortili e ripide scalinate, l’esperienza con Sikani Horse Trek regala indimenticabili passeggiate a cavallo. Ci si muove quindi in direzione Chiusa Sclafani, nota per le architetture religiose con stucchi decorativi di scuola serpottiana e per il suo complesso monumentale della Badia, e ancora verso Giuliana, alla scoperta del suo castello federiciano e delle sue storie: uno dei personaggi maggiormente legati alla fortezza è Eleonora d'Aragona morta proprio a Giuliana nel 1405. Una leggenda narra che il suo spettro si aggiri ancora nel castello, facendo la guardia a un tesoro nascosto. Un viaggio in questa terra non può escludere la visita alla costa Sicana, tra le più belle della Sicilia. L’escursione alla Scala dei Turchi è d’obbligo. La stessa emozione si potrà vivere passeggiando a Capo Bianco, Punta Bianca o passeggiando sulla chilometrica spiaggia della riserva naturale orientata Torre Salsa.\r\n\r\n ","post_title":"La ricetta Sicani Villages per un fine settimana alla scoperta dell'anima di un territorio","post_date":"2024-01-22T12:25:49+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1705926349000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459592","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Catania nel 2023 ha superato i 10 milioni di passeggeri. Sono stati complessivamente 10.739.614, il 6,34% in più rispetto al 2022, quando erano stati 10.099.441, con un incremento deciso di quelli internazionali (+15,5%), rispetto ai nazionali (+1,8%).\r\n\r\nMa anche l'inizio del 2024 viaggia col segno più: dal 1 al 7 gennaio scorso nello scalo internazionale Vincenzo Bellini sono transitati 211.673 passeggeri (+12%) per un totale di 1.423 movimenti (+14,5%).  \r\n\r\nSecondo i dati elaborati dalla Sac, società di gestione degli aeroporti di Catania e Comiso, lo scalo del ragusano chiude il 2023 toccando i 3.485 movimenti rispetto ai 3.320 del 2022, registrando una lieve crescita (+5%). Un aumento che non si riscontra per il numero dei viaggiatori: sono infatti 303.414 i passeggeri transitato nell'aeroporto Pio La Torre rispetto ai 364.735 dello scorso anno.\r\n\r\n«La collaborazione con le autorità nazionali e locali, le partnership con le compagnie aeree e la qualità dei servizi offerti da tutta la comunità aeroportuale sono la chiave per il nostro successo - afferma Nico Torrisi, ad di Sac -. Questi risultati sono la conferma del nostro impegno costante e dimostrano la fiducia dei viaggiatori. La diversificazione del traffico, con un notevole aumento dei voli internazionali, mostra la necessità di adattarsi continuamente alle esigenze di mercato. Siamo fiduciosi che il 2024 sarà un altro anno di prosperità e sviluppo per la rete aeroportuale della Sicilia orientale e che anche lo scalo di Comiso beneficerà in maniera decisa della maggiore offerta di compagnie aeree che hanno già pianificato l'operatività di numerose nuove rotte. Inoltre, lavoriamo alacremente con il sostegno della Regione Siciliana per lo sviluppo dell'area cargo nello scalo Ibleo».","post_title":"Sac, l'aeroporto Catania comincia il 2024 col segno più. Nuovo focus su Comiso","post_date":"2024-01-18T09:15:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705569348000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459572","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio al vertice per Japan Airlines: Mitsuko Tottori, che ha iniziato la sua carriera come assistente di volo, è la prima donna presidente nella storia della compagnia aerea. Un passo profondamente simbolico per il Paese che si sta adoperando per colmare un vasto divario di genere sul lavoro.\r\n\r\nMitsuko Tottori sarà ufficialmente in carica dal prossimo 1° aprile, subentrando ad Akasaka Yuji che diventerà presidente del consiglio di amministrazione. Tottori, 59 anni, è entrata in Jal nel 1985 e nel 2015 è stata promossa a direttore senior degli affari del personale di cabina. Nel 2019 è stata vicepresidente del dipartimento di sicurezza della cabina, prima di essere promossa a vicepresidente senior degli assistenti di cabina un anno dopo.\r\nNell'aprile 2023, Tottori è diventata vicepresidente senior dell'esperienza del cliente, supervisionando il portafoglio di comunicazione del marchio. Due mesi dopo ha assunto il ruolo di chief customer officer.","post_title":"Japan Airlines: Mitsuko Tottori è la prima donna presidente del vettore giapponese","post_date":"2024-01-17T12:09:46+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1705493386000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459161","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono rare le occasioni in cui i numeri parlano così chiaramente. Ma nel caso di Alpitour l'evidenza è tale da lasciare poco spazio a qualsiasi speculazione. Nell'anno finanziario 2022-2023, chiuso lo scorso 31 ottobre, i margini operativi lordi del gruppo (ebidta) si sono assestati tra i 135 e i 145 milioni (dati pre-consuntivo Tip, ndr). Praticamente il doppio rispetto all'epoca pre-Covid del 2018-2019, quando avevano toccato i 71 milioni. Un dato strutturale e non congiunturale, magari trainato dal cosiddetto rimbalzo post-pandemia, assicura  il general manager tour operating, Pier Ezhaya: \"Oggi abbiamo più aeroplani in Neos e più alberghi in Voihotels. Ma abbiamo anche riorganizzato la divisione tour operating, razionalizzandone i marchi. Una serie di operazioni e investimenti portati avanti durante gli anni difficili del Covid, che stanno semplicemente dando i frutti sperati\".\r\n\r\nAnche l'inizio del 2023-2024 sta infatti andando nella medesima direzione, tanto che l'obiettivo per il tour operating è di crescere ancora in termini di volumi: \"L'anno scorso la nostra divisione ha chiuso sopra quota 1,3 miliardi - aggiunge Ezhaya -. Ora puntiamo a raggiungere gli 1,45 miliardi\". Un obiettivo ragionevole, che si basa sia sui fondamentali di mercato, sia sul fatto che in fondo il 2023 era partito un po' a rilento, subendo ancora parzialmente gli strascichi della pandemia. \"Al momento stiamo girando sui 100 milioni di fatturato in più, pari periodo rispetto all'anno scorso. Certo, parte di tale incremento è dovuto alla crescita sensibile dell'advance booking. Altro dato estremamente positivo, perché ci consente una serie di vantaggi lato organizzativo, anche se potrebbe erodere almeno parzialmente l'incremento. Ma siamo decisamente ottimisti, pur essendo consapevoli che la partita più grossa si gioca sempre in estate, quando entreranno in campo tutti i player del settore, anche al di fuori del mondo to, e la concorrenza si farà più serrata\".\r\n\r\nProprio a questo proposito l'impressione è che per la stagione calda si stia formando una sorte di mappa del business a breve - medio raggio, per cui certe destinazioni stanno diventando quasi off-limit per il tour operating mainstream. \"Mi vengono per esempio in mente Mykonos o Ibiza - racconta Ezhaya -: mete alla moda con prezzi molto alti e al contempo un'offerta low cost estremamente aggressiva. Diverso, invece, il discorso in località quali Rodi, che ha una carenza strutturale di camere. In questo caso se un to ha allotment importanti in due o tre resort, oppure anche strutture proprie magari con un volo di appoggio, può sicuramente fare la differenza. Coerentemente con tutto ciò noi ci stiamo concentrando soprattutto sulle verticali di prodotto. E questo, al netto naturalmente del progetto eden, sempre pronto a surfare il mercato in cerca di nuove opportunità con un approccio più tattico\".","post_title":"Ezhaya, Alpitour: nel 2023 margini raddoppiati rispetto al pre-Covid","post_date":"2024-01-10T13:35:13+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1704893713000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457932","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nLa nona edizione del workshop France Méditerranée si è tenuta a Tolone ed è stata l’occasione per scoprire la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra: un territorio collinare e rigoglioso affacciato sul Mediterraneo dove si incontrano cittadine piene di charme, piccoli centri medievali, lagune e lunghe spiagge adatte alle attività sportive. Un luogo di grande bellezza, dove il clima è temperato tutto l’anno, con 300 giorni di sole che attirano ogni anno 4 milioni di visitatori. Una terra che testimonia lo scorrere della storia: popolata dai greci e poi dai romani sin dalla fine del II secolo a.C., entrò a far parte del Regno di Francia nel 1481. Nel 1793 Napoleone Bonaparte combatté la sua prima battaglia proprio nella grande baia di Tolone.\r\n\r\nOggi la baia ospita la vasta cittadella della marina militare francese, dove lavorano 10mila persone ed è il porto di collegamento con la Corsica. Il ruolo marittimo è una delle cifre della città insieme con la grande passione degli abitanti per il rugby: uno sport fatto di lealtà, rispetto e coraggio, che ha il suo luogo deputato nel grande stadio costruito grazie al lascito del cantante locale Felix Mayol e a lui dedicato. Negli ultimi 15 anni Tolone ha vissuto un’importante opera di rigenerazione urbana e oggi è una città sicura, ricca di arte e cultura, con uno dei Teatri dell’opera più antichi della Francia, sorto nel 1860. La metropoli è un luogo dinamico, ideale per lo shopping - in particolare in questo tempo natalizio - e libero dal traffico, che scorre in percorsi sotterranei. I viali in stile haussmann e gli eleganti edifici possono essere ammirati dalla funivia che sale sul Monte Faron, luogo ideale per il trekking, l’hiking e le escursioni in famiglia. Tolone un’affascinante strada costiera collega 12 comuni della regione, ciascuno con proprie caratteristiche, dove vengono celebrati diversi festival e allestiti colorati mercatini nel periodo natalizio. Grande il fascino di Hyères, già fortificata nel XIV secolo, dove nel 1600 Luigi XIV fece piantare decine di alberi di limoni e arance e che nell’800 divenne famosa per le cure termali.\r\n\r\nA Hyères i monumenti medievali che richiamano la storia dei cavalieri templari, incontrano edifici della Belle Epoque. Poi lo sguardo si rivolge al mare, dove le prime strisce di sabbia accolgono centinaia di fenicotteri da novembre alla primavera e sono predilette anche dagli amanti del kyte-surf. Sullo sfondo si staglia il profilo delle isole di Hyères o Isole d’Oro, un paradiso naturale che ha la sua leggenda, naturalmente triste, che narra di quattro principesse abili nuotatrici che gli dei salvarono dai pirati trasformandole nelle tre isole che compongono l’arcipelago, Porquerolles, Port-Cros e Levant, insieme con la penisola di Gies. In queste settimane ogni città della regione allestisce il proprio presepe e offre agli ospiti accoglienza e prodotti a km.0: i noti saponi, l’olio d’oliva, il sale, i piatti tipici e anche “la cade”, la saporita versione locale della farinata di ceci.\r\n\r\n[gallery ids=\"457934,457942,457937\"]","post_title":"Alla scoperta della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra","post_date":"2023-12-13T10:31:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1702463501000]}]}}

Lascia un commento