1 March 2024

1192

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Restel, centrale di prenotazioni alberghiere, ricerca figura commerciale, base Roma. Disponibile a spostamenti si occuperà di curare i rapporti con le agenzie di viaggio.
Indispensabile lingua spagnola e profilo commerciale. Inviare cv a: fmontoya@restel.es


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460720 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Torre Melina, ed è stato ottenuto dalla ristrutturazione completa dell'ex Hotel Rey Juan Carlos I, l'albergo di debutto a Barcellona del brand Gran Meliá. Il nuovo indirizzo dispone di 330 camere e 61 suite, con viste panoramiche sulle montagne o sulla città, compresa una penthouse da 300 metri quadrati sviluppata su tre piani. L'hotel è circondata da 25 mila mq di giardini progettati dall’architetto paesaggista Josep Fontserè i Mestre, creatore del Parc de la Ciutadella e del mercato del Born. Il restyling complessivo dell'edificio è stato invece condotto dallo Studio Asah di Álvaro e Adriana Sans, che hanno puntato a valorizzare il progetto originale dell'architetto Carlos Ferrater, inaugurato in occasione dei Giochi Olimpici del 1992 nel quartiere a nord della Diagonal, vicino al Palau de Congressos de Catalunya, al Polo Club e al Camp Nou. A disposizione degli ospiti vi sono anche una spa, numerose piscine all’aperto riscaldate, una spiaggia artificiale e un rooftop panoramico con vista a 360 gradi sulla città. Torre Melina dispone inoltre di 18 sale per meeting ed eventi di diversa dimensione. Particolare attenzione è posta all’offerta gastronomica, che include ambienti dall'atmosfera elegante e di tendenza, nonché terrazze per pranzi, cene e banchetti di matrimonio immersi nella natura. Oltre ai ristoranti all-day dining Gala e L’Amaranta, l'albergo propone l'Erre de Urrechu Barcelona dello chef Íñigo Urrechu, il Beso Pedralbes del gruppo Beso, in apertura in primavera vicino alla piscina esterna, nonché il Chroma by Erick Lorincz, gestito dal celebre mixologist Erik Lorincz. [post_title] => Il brand Gran Meliá approda a Barcellona con il Torre Melina [post_date] => 2024-02-05T10:21:24+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707128484000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460732 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il conto alla rovescia per l’apertura del secondo ostello italiano di a&o Hostels è iniziato: Firenze ospiterà la trentanovesima struttura del gruppo berlinese che aprirà le proprie porte a inizio estate, con indirizzo in via Mannelli 119, giusto fuori dalla stazione Campo di Marte. La novità giunge dopo un 2023 da numeri record per la compagnia, che ha registrato 217 milioni di euro di fatturato, con 6,1 milioni di pernottamenti (5,55 milioni nel 2022) e 2,7 milioni di ospiti nelle sue 38 strutture presenti in nove paesi. Il tutto con un'occupazione media del 76% (67% nel 2022). In tale contesto la domanda dei viaggiatori italiani si piazza nella top 10, prima di quella danese, svizzera e francese. Altro dato interessante riguarda il segmento gruppi, che pesa per il 38% dei volumi complessivi. “In tempi difficili dal punto di vista economico, le persone non smettono di viaggiare ma scelgono un prodotto low budget. E una volta fatta l’esperienza e aver capito che funziona sceglieranno più rapidamente di affidarsi a una struttura comoda, confortevole ed economica - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. Stiamo crescendo anche nel comparto business travel: chiaramente ci sono ancora margini di miglioramento, ma sono molto fiducioso che il segmento continuerà a svilupparsi”. [post_title] => Appuntamento a Firenze a inizio estate per la seconda struttura italiana di a&o Hostels [post_date] => 2024-02-02T15:03:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706886192000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459223 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ras Al Khaimah traccia un bilancio decisamente positivo per il 2023 appena concluso, che si è rivelato per l'Emirato un anno da record in termini di arrivi: la destinazione ha raggiunto quota 1,22 milioni di visitatori, l'8% in più sul 2022. Cifra sostenuta da un significativo aumento di viaggiatori internazionali. Un'ottima performance evidenziata dai piani strategici di crescita della Ras Al Khaimah Tourism Development Authority: dagli investimenti nelle infrastrutture turistiche alle iniziative mirate ad attrarre maggiori turisti nell'Emirato, fino allo sviluppo di un ecosistema fondato sulla sostenibilità. Tra i risultati più significativi dell'anno ci sono l'aumento del 24% di visitatori internazionali, supportato da oltre 2.200 attività internazionali tra roadshow, fiere ed eventi media in 30 Paesi e il consolidamento del posizionamento dell'Emirato come sede di eventi business e leisure, con una crescita del 23% dei ricavi provenienti dal settore Mice e del 103% da quello dei matrimoni. «E' stato un grande anno per il nostro Emirato, che ha chiaramente posto le basi per una crescita e uno sviluppo sostenibili di Ras Al Khaimah - ha commentato Raki Phillips, ceo della Raktda -. Nonostante le sfide globali che hanno avuto un impatto sul nostro settore, siamo rimasti agili e resilienti come comunità turistica, lavorando insieme per offrire una destinazione apprezzata da visitatori e residenti. Investendo in infrastrutture, organizzando eventi di livello mondiale, e rendendo il nostro Emirato sostenibile e accessibile a tutti, Ras Al Khaimah è saldamente sulla buona strada per continuare con successo il 2024 e oltre». [post_title] => Ras Al Khaimah oltre quota 1,22 milioni di visitatori, il miglior risultato di sempre [post_date] => 2024-01-11T12:18:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704975487000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458952 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'inizio del 2024 è tempo di giri del mondo in crociera. Quasi in concomitanza con il viaggio intorno al globo di Costa, salpa infatti oggi da Genova anche la World Cruise targata Msc. Guidata dal comandante Roberto Leotta, la Poesia navigherà per 121 giorni toccando 50 destinazioni in 31 paesi differenti.   La nave ospita a bordo circa 2.300 passeggeri appartenenti a 57 diverse nazionalità diverse che visiteranno località di spicco come Città del Capo, Rio de Janeiro, New York oltre a tante altre mete come Manaus, Nuuk e Zanzibar. L’itinerario prevede in particolare la circumnavigazione del mar Mediterraneo, l'esplorazione delle coste africane fino all'oceano Atlantico, la visita del Brasile, dei Caraibi, degli Stati Uniti e del Canada, per poi fare ritorno in Europa attraversando la Groenlandia e l'Islanda. “Genova si conferma anche quest’anno capitale delle crociere intorno al mondo e non solo - commenta l'area manager di Msc Crociere, Gianni Pilato -. I notevoli risultati ottenuti dimostrano l'importanza cruciale del porto ligure nel contesto turistico europeo, con oltre 1 milione di passeggeri trasportati e 260 scali complessivi realizzati nel corso del 2023. Sono cifre notevoli se consideriamo che si tratta di dati registrati da una sola compagnia. Ma non intendiamo fermarci e nel prossimo futuro continueremo a puntare su Genova, città da cui prenderanno il largo anche le prossime crociere intorno al mondo nel 2025 e nel 2026”. A questo proposito, grande protagonista del giro del mondo del prossimo anno sarà la nave Magnifica, che presenterà un nuovo itinerario di 116 notti in grado di toccare 50 mete in 21 diverse nazioni offrendo agli ospiti l'opportunità di partire da quattro diversi porti in Europa. Nello specifico, i viaggiatori potranno scegliere se imbarcarsi da Genova, da Civitavecchia, da Marsiglia o da Barcellona. La nave toccherà inizialmente le coste di Italia, Francia e Spagna, per poi dirigersi più a sud verso il Marocco e attraversare l'Atlantico per visitare il Sud America. Qui il viaggio prevede tappe a Rio de Janeiro, Buenos Aires e alle Falkland. La Magnifica si dirigerà successivamente nell’oceano Pacifico del sud, toccando luoghi esotici come come l'isola di Pasqua e le Cook. Farà quindi tappa in Nuova Zelanda e Australia, con una visita a Sydney e un viaggio lungo le coste meridionali e occidentali dell'Australia. L'itinerario proseguirà attraverso l'Asia con soste a Bali, Singapore, Malaysia e Thailandia. Durante il transito attraverso l'oceano Indiano, sarà possibile visitare Colombo e Aqaba in Giordania, seguite da Sharm El-Sheik, Luxor, il canale di Suez e Alessandria in Egitto. Infine, la nave ritornerà in Europa, facendo scalo in quattro città italiane, prima di concludere il viaggio a Genova. Msc ha aperto anche le vendite per la World Cruise 2026 che vedrà protagonista ancora una volta la Magnifica, con un itinerario di 119 giorni con partenza da Genova e Civitavecchia. Il viaggio toccherà ben 47 destinazioni in 32 paesi diversi con tappe, tra l’altro, a San Francisco, Honolulu, Auckland, Sydney, Manila, Tokyo e Dubai. Dopo le mete europee, la nave esplorerà infatti la costa occidentale degli Stati Uniti e trascorrerà un mese nell'oceano Pacifico. Successivamente il viaggio si sposterà in Asia con tappe a Tokyo, Shanghai e Hong Kong. Infine, i passeggeri esploraeranno destinazioni storiche come Dubai e Oman, prima di rientrare in Europa attraverso la Grecia. [post_title] => In partenza oggi da Genova anche la World Cruise griffata Msc [post_date] => 2024-01-05T15:37:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704469047000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Milano Bergamo si appresta a chiudere un 2023 decisamente positivo, con ricavi previsti a quota 200 milioni di euro, rispetto ai 174,5 del 2022. Ad anticipare i risultati il presidente di Sacbo, Giovanni Sanga, in occasione della conferenza stampa di fine anno. Lo scalo bergamasco si conferma il terzo aeroporto d’Italia, con tanto di primati (tra cui il gradino più alto nell’apprezzamento dei viaggiatori, su scala europea) e di numeri tra cui spiccano, oltre alle 140 destinazioni estive, le 119 invernali , i 40 Paesi toccati e la quota del 20% in crescita del traffico afferente a compagnie «extra Ryan», i 16 milioni di passeggeri movimentati nell'anno. Dato che rappresenta un record assoluto per l'aeroporto. «Un mix tra un 2023 che ha cancellato definitivamente il Covid e l’attrattività della Capitale della Cultura», ha osservato Sanga anticipando come l’obiettivo per il 2024 sia quello di un consolidamento del risultato raggiunto «pur in uno scenario caratterizzato da due guerre e da tensioni su mete turistiche. L’apertura ad oriente, con lo scalo di Dubai, è importantissima in chiave internazionale». Tra le performance particolarmente positive va segnalata quella legata ai ricavi non aviation che hanno fatto segnare un +20%, segno di una vitalità dello shopping da parte dei passeggeri ma anche dell’appeal dei brand presenti nello scalo. «Abbiamo marchi importanti, attrattivi», ha concluso Sanga preannunciando il debutto, nella piazzetta interna dedicata ad Ilario Testa, di 'Eataly»'.   [post_title] => Milano Bergamo vola verso i 16 milioni di passeggeri e ricavi per 200 milioni di euro [post_date] => 2023-12-14T11:41:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702554060000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458038 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_458040" align="alignleft" width="300"] Il Barceló Palmeraie Oasis Resort di Marrakech[/caption] Sale a otto strutture il portfolio marocchino del gruppo Barceló, che annuncia un investimento di oltre 80 milioni di euro per l'acquisizione e la successiva ristrutturazione di due 5 stelle a Casablanca e a Rabat. Le strutture, precedentemente gestite con il marchio Farah e rispettivamente dotate di 279 e 192 camere, verranno quindi ribrandizzate Royal Hideaway e Barceló. Proprio l'hotel di Rabat sarà il primo della società nella capitale del Marocco, principale centro amministrativo e politico del Paese. A Casablanca si tratterà invece del terzo indirizzo, ma del debutto del brand Royal Hideaway. Nella città la compagnia spagnola gestisce già infatti il 5 stelle Barceló Anfa Casablanca e il 4 stelle Barceló Casablanca. I due nuovi progetti confermano l'impegno della catena nello sviluppo turistico ed economico del Marocco da parte del gruppo Barceló. Dal 2006, l'azienda, insieme ai suoi partner locali, ha infatti investito oltre 150 milioni di euro nel Paese per l'acquisizione, la ristrutturazione e il riposizionamento di diversi hotel. Attualmente, Barceló è la compagnia alberghiera spagnola con la maggiore presenza nella destinazione, grazie alla gestione di otto alberghi a Rabat, Casablanca, Marrakech, Tangeri, Fez e Agadir. Una presenza capace di generare un impatto significativo sullo sviluppo economico e sociale di queste città, con la creazione di oltre 1.200 posti di lavoro diretti e molti altri indiretti. "Il Marocco è un paese importante per l’espansione strategica della nostra azienda - spiega il ceo Emea della compagnia, Raúl González -. Siamo molto soddisfatti di questa operazione che porta all’acquisizione di questi due nuovi hotel, permettendoci di essere presenti a Rabat, la capitale del Paese, e di rafforzare la nostra leadership a Casablanca. Il nostro obiettivo è quello di continuare a crescere in Marocco e di aggiungere nuovi hotel, soprattutto a 4 e 5 stelle, sia nel segmento turistico sia in quello urbano, nelle località in cui siamo già presenti a anche in nuove destinazioni". [post_title] => Cresce la presenza del gruppo Barceló in Marocco: due le new entry a Rabat e Casablanca [post_date] => 2023-12-14T10:44:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702550687000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457680 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_457681" align="alignleft" width="300"] Msc Magnifica[/caption] Msc Crociere ha aperto le vendite per la World Cruise 2026 con un nuovo itinerario a bordo di Msc Magnifica, con possibilità di imbarco da Civitavecchia e da Genova rispettivamente il 4 e il 5 gennaio 2026. Il nuovo itinerario di 119 giorni toccherà ben 47 bellissime destinazioni in 32 paesi con 7 soste notturne in luoghi imperdibili, oltre a soste diurne in tutte le altre tappe del viaggio.  Msc Magnifica navigherà per quattro mesi e percorrerà 36.000 miglia nautiche, attraverserà l'Equatore due volte e visiterà una serie di suggestive destinazioni che saranno sicuramente in grado di soddisfare i più grandi desideri degli ospiti. Questo incredibile itinerario farà sognare i passeggeri accompagnandoli in un viaggio unico, portandoli a conoscere nuovi luoghi, suoni, sapori e tradizioni provenienti da cinque continenti e a scoprire sorprendenti miracoli della natura e rinomati siti storici e città vibranti. Dopo le tappe europee in Italia, Francia, Spagna e Portogallo, MSC Magnifica si dirigerà verso la costa occidentale degli Stati Uniti e trascorrerà più di un mese nell'Oceano Pacifico con soste notturne a San Francisco, Honolulu, Auckland e Sydney: la nave farà dunque tappa in alcune destinazioni famose per la bellezza naturale, città glamour e spiagge incredibili. A Seguire gli ospiti trascorreranno poi oltre tre settimane dedicandosi all’esplorazione dell’Asia e della sua varietà di culture con tappe in città di fama mondiale, tra cui Tokyo, Shanghai e Hong Kong. [post_title] => Msc Crociere apre le vendite per il World Cruise 2026 [post_date] => 2023-12-07T11:58:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701950333000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457567 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Condivisione di contratti con i fornitori, dmc e corrispondenti locali, oltre a una rinnovata sinergia in ambito incoming. Rafforzare le partnership su scala internazionale per affrontare con successo un mercato sempre più complesso e sfidante: è questo l’obiettivo per il 2024 di King Holidays, tour operator presente sul mercato italiano dal 1992, facente capo alla holding Wamos Group, che, oltre all'operatore capitolino, comprende operatori del calibro di Wamos Air, Wamos Circuitos, Pullmantour, Mapa Group Travel, con Mapa Plus e Premium Incoming, Top Atlantico, Geo Star, Pegasus, Pegatour e Nautalia (circa 200 agenzie di proprietà), per un fatturato totale di oltre 1,2 miliardi di euro. “La nostra forza è poter contare su un know-how e un’esperienza tutta italiana, avendo alle spalle una grande multinazionale del turismo, che ci garantisce il potere contrattuale, la forza e la flessibilità necessari a fronteggiare le sfide imposte dall’attuale contesto geopolitico ed economico - spiega il direttore commerciale King Holidays, Roberto Minardi -. In quest’ottica, da alcuni mesi abbiamo rafforzato le relazioni internazionali con Mapa Group Travel: uno degli operatori più importanti della nostra holding, con cui condividiamo la specializzazione nei tour culturali di qualità e la doppia anima di operatori incoming e outgoing. Questo ci sta già permettendo di migliorare la competitività del prodotto, senza scendere a patti con l’identità e la vocazione del nostro brand”. “I risultati ottenuti negli ultimi mesi – prosegue Minardi – ci indicano che siamo sulla buona strada. Chiuderemo il 2023 su livelli superiori del 15% rispetto al 2019, nonostante la flessione del Medio Oriente, che per noi rappresenta una componente importante della programmazione. Rafforzando la collaborazione con i nostri partner internazionali, intendiamo continuare a crescere e migliorarci in professionalità, competenze e competitività a vantaggio di tutte le agenzie di viaggio che continuano a darci fiducia”. [post_title] => King Holidays rafforza le relazioni internazionali. Si comincia dagli spagnoli di Mapa Group [post_date] => 2023-12-06T11:03:49+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701860629000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1192" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":84,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460720","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Torre Melina, ed è stato ottenuto dalla ristrutturazione completa dell'ex Hotel Rey Juan Carlos I, l'albergo di debutto a Barcellona del brand Gran Meliá. Il nuovo indirizzo dispone di 330 camere e 61 suite, con viste panoramiche sulle montagne o sulla città, compresa una penthouse da 300 metri quadrati sviluppata su tre piani. L'hotel è circondata da 25 mila mq di giardini progettati dall’architetto paesaggista Josep Fontserè i Mestre, creatore del Parc de la Ciutadella e del mercato del Born. Il restyling complessivo dell'edificio è stato invece condotto dallo Studio Asah di Álvaro e Adriana Sans, che hanno puntato a valorizzare il progetto originale dell'architetto Carlos Ferrater, inaugurato in occasione dei Giochi Olimpici del 1992 nel quartiere a nord della Diagonal, vicino al Palau de Congressos de Catalunya, al Polo Club e al Camp Nou.\r\n\r\nA disposizione degli ospiti vi sono anche una spa, numerose piscine all’aperto riscaldate, una spiaggia artificiale e un rooftop panoramico con vista a 360 gradi sulla città. Torre Melina dispone inoltre di 18 sale per meeting ed eventi di diversa dimensione. Particolare attenzione è posta all’offerta gastronomica, che include ambienti dall'atmosfera elegante e di tendenza, nonché terrazze per pranzi, cene e banchetti di matrimonio immersi nella natura. Oltre ai ristoranti all-day dining Gala e L’Amaranta, l'albergo propone l'Erre de Urrechu Barcelona dello chef Íñigo Urrechu, il Beso Pedralbes del gruppo Beso, in apertura in primavera vicino alla piscina esterna, nonché il Chroma by Erick Lorincz, gestito dal celebre mixologist Erik Lorincz.","post_title":"Il brand Gran Meliá approda a Barcellona con il Torre Melina","post_date":"2024-02-05T10:21:24+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707128484000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460732","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il conto alla rovescia per l’apertura del secondo ostello italiano di a&o Hostels è iniziato: Firenze ospiterà la trentanovesima struttura del gruppo berlinese che aprirà le proprie porte a inizio estate, con indirizzo in via Mannelli 119, giusto fuori dalla stazione Campo di Marte. La novità giunge dopo un 2023 da numeri record per la compagnia, che ha registrato 217 milioni di euro di fatturato, con 6,1 milioni di pernottamenti (5,55 milioni nel 2022) e 2,7 milioni di ospiti nelle sue 38 strutture presenti in nove paesi. Il tutto con un'occupazione media del 76% (67% nel 2022).\r\n\r\nIn tale contesto la domanda dei viaggiatori italiani si piazza nella top 10, prima di quella danese, svizzera e francese. Altro dato interessante riguarda il segmento gruppi, che pesa per il 38% dei volumi complessivi. “In tempi difficili dal punto di vista economico, le persone non smettono di viaggiare ma scelgono un prodotto low budget. E una volta fatta l’esperienza e aver capito che funziona sceglieranno più rapidamente di affidarsi a una struttura comoda, confortevole ed economica - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. Stiamo crescendo anche nel comparto business travel: chiaramente ci sono ancora margini di miglioramento, ma sono molto fiducioso che il segmento continuerà a svilupparsi”.","post_title":"Appuntamento a Firenze a inizio estate per la seconda struttura italiana di a&o Hostels","post_date":"2024-02-02T15:03:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706886192000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459223","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Ras Al Khaimah traccia un bilancio decisamente positivo per il 2023 appena concluso, che si è rivelato per l'Emirato un anno da record in termini di arrivi: la destinazione ha raggiunto quota 1,22 milioni di visitatori, l'8% in più sul 2022. Cifra sostenuta da un significativo aumento di viaggiatori internazionali.\r\n\r\nUn'ottima performance evidenziata dai piani strategici di crescita della Ras Al Khaimah Tourism Development Authority: dagli investimenti nelle infrastrutture turistiche alle iniziative mirate ad attrarre maggiori turisti nell'Emirato, fino allo sviluppo di un ecosistema fondato sulla sostenibilità.\r\n\r\nTra i risultati più significativi dell'anno ci sono l'aumento del 24% di visitatori internazionali, supportato da oltre 2.200 attività internazionali tra roadshow, fiere ed eventi media in 30 Paesi e il consolidamento del posizionamento dell'Emirato come sede di eventi business e leisure, con una crescita del 23% dei ricavi provenienti dal settore Mice e del 103% da quello dei matrimoni.\r\n\r\n«E' stato un grande anno per il nostro Emirato, che ha chiaramente posto le basi per una crescita e uno sviluppo sostenibili di Ras Al Khaimah - ha commentato Raki Phillips, ceo della Raktda -. Nonostante le sfide globali che hanno avuto un impatto sul nostro settore, siamo rimasti agili e resilienti come comunità turistica, lavorando insieme per offrire una destinazione apprezzata da visitatori e residenti. Investendo in infrastrutture, organizzando eventi di livello mondiale, e rendendo il nostro Emirato sostenibile e accessibile a tutti, Ras Al Khaimah è saldamente sulla buona strada per continuare con successo il 2024 e oltre».","post_title":"Ras Al Khaimah oltre quota 1,22 milioni di visitatori, il miglior risultato di sempre","post_date":"2024-01-11T12:18:07+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1704975487000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458952","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'inizio del 2024 è tempo di giri del mondo in crociera. Quasi in concomitanza con il viaggio intorno al globo di Costa, salpa infatti oggi da Genova anche la World Cruise targata Msc. Guidata dal comandante Roberto Leotta, la Poesia navigherà per 121 giorni toccando 50 destinazioni in 31 paesi differenti.   La nave ospita a bordo circa 2.300 passeggeri appartenenti a 57 diverse nazionalità diverse che visiteranno località di spicco come Città del Capo, Rio de Janeiro, New York oltre a tante altre mete come Manaus, Nuuk e Zanzibar. L’itinerario prevede in particolare la circumnavigazione del mar Mediterraneo, l'esplorazione delle coste africane fino all'oceano Atlantico, la visita del Brasile, dei Caraibi, degli Stati Uniti e del Canada, per poi fare ritorno in Europa attraversando la Groenlandia e l'Islanda.\r\n\r\n“Genova si conferma anche quest’anno capitale delle crociere intorno al mondo e non solo - commenta l'area manager di Msc Crociere, Gianni Pilato -. I notevoli risultati ottenuti dimostrano l'importanza cruciale del porto ligure nel contesto turistico europeo, con oltre 1 milione di passeggeri trasportati e 260 scali complessivi realizzati nel corso del 2023. Sono cifre notevoli se consideriamo che si tratta di dati registrati da una sola compagnia. Ma non intendiamo fermarci e nel prossimo futuro continueremo a puntare su Genova, città da cui prenderanno il largo anche le prossime crociere intorno al mondo nel 2025 e nel 2026”.\r\n\r\nA questo proposito, grande protagonista del giro del mondo del prossimo anno sarà la nave Magnifica, che presenterà un nuovo itinerario di 116 notti in grado di toccare 50 mete in 21 diverse nazioni offrendo agli ospiti l'opportunità di partire da quattro diversi porti in Europa. Nello specifico, i viaggiatori potranno scegliere se imbarcarsi da Genova, da Civitavecchia, da Marsiglia o da Barcellona. La nave toccherà inizialmente le coste di Italia, Francia e Spagna, per poi dirigersi più a sud verso il Marocco e attraversare l'Atlantico per visitare il Sud America. Qui il viaggio prevede tappe a Rio de Janeiro, Buenos Aires e alle Falkland. La Magnifica si dirigerà successivamente nell’oceano Pacifico del sud, toccando luoghi esotici come come l'isola di Pasqua e le Cook. Farà quindi tappa in Nuova Zelanda e Australia, con una visita a Sydney e un viaggio lungo le coste meridionali e occidentali dell'Australia. L'itinerario proseguirà attraverso l'Asia con soste a Bali, Singapore, Malaysia e Thailandia. Durante il transito attraverso l'oceano Indiano, sarà possibile visitare Colombo e Aqaba in Giordania, seguite da Sharm El-Sheik, Luxor, il canale di Suez e Alessandria in Egitto. Infine, la nave ritornerà in Europa, facendo scalo in quattro città italiane, prima di concludere il viaggio a Genova.\r\n\r\nMsc ha aperto anche le vendite per la World Cruise 2026 che vedrà protagonista ancora una volta la Magnifica, con un itinerario di 119 giorni con partenza da Genova e Civitavecchia. Il viaggio toccherà ben 47 destinazioni in 32 paesi diversi con tappe, tra l’altro, a San Francisco, Honolulu, Auckland, Sydney, Manila, Tokyo e Dubai. Dopo le mete europee, la nave esplorerà infatti la costa occidentale degli Stati Uniti e trascorrerà un mese nell'oceano Pacifico. Successivamente il viaggio si sposterà in Asia con tappe a Tokyo, Shanghai e Hong Kong. Infine, i passeggeri esploraeranno destinazioni storiche come Dubai e Oman, prima di rientrare in Europa attraverso la Grecia.","post_title":"In partenza oggi da Genova anche la World Cruise griffata Msc","post_date":"2024-01-05T15:37:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1704469047000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Milano Bergamo si appresta a chiudere un 2023 decisamente positivo, con ricavi previsti a quota 200 milioni di euro, rispetto ai 174,5 del 2022.\r\n\r\nAd anticipare i risultati il presidente di Sacbo, Giovanni Sanga, in occasione della conferenza stampa di fine anno. Lo scalo bergamasco si conferma il terzo aeroporto d’Italia, con tanto di primati (tra cui il gradino più alto nell’apprezzamento dei viaggiatori, su scala europea) e di numeri tra cui spiccano, oltre alle 140 destinazioni estive, le 119 invernali , i 40 Paesi toccati e la quota del 20% in crescita del traffico afferente a compagnie «extra Ryan», i 16 milioni di passeggeri movimentati nell'anno. Dato che rappresenta un record assoluto per l'aeroporto.\r\n«Un mix tra un 2023 che ha cancellato definitivamente il Covid e l’attrattività della Capitale della Cultura», ha osservato Sanga anticipando come l’obiettivo per il 2024 sia quello di un consolidamento del risultato raggiunto «pur in uno scenario caratterizzato da due guerre e da tensioni su mete turistiche. L’apertura ad oriente, con lo scalo di Dubai, è importantissima in chiave internazionale».\r\n\r\n\r\n\r\nTra le performance particolarmente positive va segnalata quella legata ai ricavi non aviation che hanno fatto segnare un +20%, segno di una vitalità dello shopping da parte dei passeggeri ma anche dell’appeal dei brand presenti nello scalo. «Abbiamo marchi importanti, attrattivi», ha concluso Sanga preannunciando il debutto, nella piazzetta interna dedicata ad Ilario Testa, di 'Eataly»'.\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Milano Bergamo vola verso i 16 milioni di passeggeri e ricavi per 200 milioni di euro","post_date":"2023-12-14T11:41:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1702554060000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458038","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_458040\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Barceló Palmeraie Oasis Resort di Marrakech[/caption]\r\n\r\nSale a otto strutture il portfolio marocchino del gruppo Barceló, che annuncia un investimento di oltre 80 milioni di euro per l'acquisizione e la successiva ristrutturazione di due 5 stelle a Casablanca e a Rabat. Le strutture, precedentemente gestite con il marchio Farah e rispettivamente dotate di 279 e 192 camere, verranno quindi ribrandizzate Royal Hideaway e Barceló.\r\n\r\nProprio l'hotel di Rabat sarà il primo della società nella capitale del Marocco, principale centro amministrativo e politico del Paese. A Casablanca si tratterà invece del terzo indirizzo, ma del debutto del brand Royal Hideaway. Nella città la compagnia spagnola gestisce già infatti il 5 stelle Barceló Anfa Casablanca e il 4 stelle Barceló Casablanca.\r\n\r\nI due nuovi progetti confermano l'impegno della catena nello sviluppo turistico ed economico del Marocco da parte del gruppo Barceló. Dal 2006, l'azienda, insieme ai suoi partner locali, ha infatti investito oltre 150 milioni di euro nel Paese per l'acquisizione, la ristrutturazione e il riposizionamento di diversi hotel. Attualmente, Barceló è la compagnia alberghiera spagnola con la maggiore presenza nella destinazione, grazie alla gestione di otto alberghi a Rabat, Casablanca, Marrakech, Tangeri, Fez e Agadir. Una presenza capace di generare un impatto significativo sullo sviluppo economico e sociale di queste città, con la creazione di oltre 1.200 posti di lavoro diretti e molti altri indiretti.\r\n\r\n\"Il Marocco è un paese importante per l’espansione strategica della nostra azienda - spiega il ceo Emea della compagnia, Raúl González -. Siamo molto soddisfatti di questa operazione che porta all’acquisizione di questi due nuovi hotel, permettendoci di essere presenti a Rabat, la capitale del Paese, e di rafforzare la nostra leadership a Casablanca. Il nostro obiettivo è quello di continuare a crescere in Marocco e di aggiungere nuovi hotel, soprattutto a 4 e 5 stelle, sia nel segmento turistico sia in quello urbano, nelle località in cui siamo già presenti a anche in nuove destinazioni\".","post_title":"Cresce la presenza del gruppo Barceló in Marocco: due le new entry a Rabat e Casablanca","post_date":"2023-12-14T10:44:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1702550687000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457680","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_457681\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Msc Magnifica[/caption]\r\nMsc Crociere ha aperto le vendite per la World Cruise 2026 con un nuovo itinerario a bordo di Msc Magnifica, con possibilità di imbarco da Civitavecchia e da Genova rispettivamente il 4 e il 5 gennaio 2026.\r\nIl nuovo itinerario di 119 giorni toccherà ben 47 bellissime destinazioni in 32 paesi con 7 soste notturne in luoghi imperdibili, oltre a soste diurne in tutte le altre tappe del viaggio. \r\nMsc Magnifica navigherà per quattro mesi e percorrerà 36.000 miglia nautiche, attraverserà l'Equatore due volte e visiterà una serie di suggestive destinazioni che saranno sicuramente in grado di soddisfare i più grandi desideri degli ospiti. Questo incredibile itinerario farà sognare i passeggeri accompagnandoli in un viaggio unico, portandoli a conoscere nuovi luoghi, suoni, sapori e tradizioni provenienti da cinque continenti e a scoprire sorprendenti miracoli della natura e rinomati siti storici e città vibranti.\r\nDopo le tappe europee in Italia, Francia, Spagna e Portogallo, MSC Magnifica si dirigerà verso la costa occidentale degli Stati Uniti e trascorrerà più di un mese nell'Oceano Pacifico con soste notturne a San Francisco, Honolulu, Auckland e Sydney: la nave farà dunque tappa in alcune destinazioni famose per la bellezza naturale, città glamour e spiagge incredibili. A Seguire gli ospiti trascorreranno poi oltre tre settimane dedicandosi all’esplorazione dell’Asia e della sua varietà di culture con tappe in città di fama mondiale, tra cui Tokyo, Shanghai e Hong Kong.","post_title":"Msc Crociere apre le vendite per il World Cruise 2026","post_date":"2023-12-07T11:58:53+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1701950333000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457567","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Condivisione di contratti con i fornitori, dmc e corrispondenti locali, oltre a una rinnovata sinergia in ambito incoming. Rafforzare le partnership su scala internazionale per affrontare con successo un mercato sempre più complesso e sfidante: è questo l’obiettivo per il 2024 di King Holidays, tour operator presente sul mercato italiano dal 1992, facente capo alla holding Wamos Group, che, oltre all'operatore capitolino, comprende operatori del calibro di Wamos Air, Wamos Circuitos, Pullmantour, Mapa Group Travel, con Mapa Plus e Premium Incoming, Top Atlantico, Geo Star, Pegasus, Pegatour e Nautalia (circa 200 agenzie di proprietà), per un fatturato totale di oltre 1,2 miliardi di euro.\r\n\r\n“La nostra forza è poter contare su un know-how e un’esperienza tutta italiana, avendo alle spalle una grande multinazionale del turismo, che ci garantisce il potere contrattuale, la forza e la flessibilità necessari a fronteggiare le sfide imposte dall’attuale contesto geopolitico ed economico - spiega il direttore commerciale King Holidays, Roberto Minardi -. In quest’ottica, da alcuni mesi abbiamo rafforzato le relazioni internazionali con Mapa Group Travel: uno degli operatori più importanti della nostra holding, con cui condividiamo la specializzazione nei tour culturali di qualità e la doppia anima di operatori incoming e outgoing. Questo ci sta già permettendo di migliorare la competitività del prodotto, senza scendere a patti con l’identità e la vocazione del nostro brand”.\r\n\r\n“I risultati ottenuti negli ultimi mesi – prosegue Minardi – ci indicano che siamo sulla buona strada. Chiuderemo il 2023 su livelli superiori del 15% rispetto al 2019, nonostante la flessione del Medio Oriente, che per noi rappresenta una componente importante della programmazione. Rafforzando la collaborazione con i nostri partner internazionali, intendiamo continuare a crescere e migliorarci in professionalità, competenze e competitività a vantaggio di tutte le agenzie di viaggio che continuano a darci fiducia”.","post_title":"King Holidays rafforza le relazioni internazionali. Si comincia dagli spagnoli di Mapa Group","post_date":"2023-12-06T11:03:49+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1701860629000]}]}}

Lascia un commento