1 March 2024

1188

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Trentennale esperienza nel turismo, ricettivo ufficio gruppi, contratti con compagnie aeree, gestione e relazione con la clientela e biglietteria aerea. Patentino di direttore tecnico Lombardia a Milano. Tel 338 2468264, va bene anche banconista.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461252 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   In occasione della Bit, Enit e Isnart presentano i dati ufficiali del trend turistico italiano, attività congiunte, analisi e fenomeni che hanno caratterizzato il 2023, proiezione sul 2024. “Gli arrivi sono stati in crescita nel 2023 rispetto al 2022 con prevalenza del turismo internazionale sul turismo domestico che supera il 2019. I dati mostrano come si stia consolidando qualcosa iniziata già in prepandemia e su cui intervenire - ha spiegato Maria Elena Rossi, direttrice marketing e promozione Enit -. Enit mantiene un’attiva presenza su tutti i principali mercati turistici internazionali con un lavoro di conoscenza e approfondimento per una maggiore comprensione del fenomeno turistico”. L’Italia si posiziona al secondo posto per presenze internazionali. Da gennaio a novembre 2023 i dati registrano oltre 118 milioni gli arrivi turistici in Italia nelle strutture ricettive di cui 60,5 milioni di turisti stranieri e 57,8 milioni di turisti italiani. Nello stesso periodo, le presenze contano oltre 412 milioni di pernottamenti turistici di cui 215 milioni di turisti stranieri (che superano il 2019) e 197 milioni di turisti italiani. Si nota una ripresa degli italiani in uscita. La bilancia commerciale giungerà a oltre 50 miliardi a fine 2023 con un metro di valutazione basato sul valore e non sul volume, dati condizionati anche dall’inflazione e aumento dei costi. Ottima prospettiva di crescita per il 2024. Parola d’ordine diversificazione dell’incoming per evitare fasi di stallo (come con la Germania, in recessione, nostro primo mercato internazionale), consolidamento dei mercati esistenti e ingresso nei nuovi mercati, innovazione di prodotto e racconto di qualcosa di nuovo ai Paesi che ci conoscono. “Per l’Asia è previsto un ritorno ai numeri precovid per il 2025/2026. – ha aggiunto Rossi -. La Cina è tornata ai numeri del 2019, ma non sui volumi. Sono da consolidare il mercato statunitense, canadese e australiano con piccoli numeri ma lunghi soggiorni e spesa molto elevata. Stiamo lavorando con il Kazakistan, mercato molto piccolo ma molto ricco (con volo diretto Neos). Stiamo lavorando in funzione dei collegamenti. Siamo molto presenti sul segmento del lusso e Mice. Nel 2023 l’Italia per la prima volta ha raggiunto il podio per eventi internazionali, dopo Stati Uniti e Spagna”. Numeri positivi anche da Paolo Bulleri di Isnart: un 51% di aumento di occupazione delle camere, un allungamento della stagione con 10 camere in più vendute a giugno, settembre, ottobre e anche un novembre positivo dovuto al bel tempo e ai ponti. Inizia bene anche il 2024 che registra una buona occupazione delle camere al 40% nei primi 4 mesi dell’anno. 851 milioni di presenze nel 2023 in aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente. Si osserva riqualificazione e formazione del personale. Posizionamento dell’Italia sul mercato altospendente. Servizi green e attenzione alla sostenibilità che crea mercato. Si è stabilizzato il mercato interno in parallelo con il mercato internazionale. I millennials sono i turisti che viaggiano maggiormente e richiedono qualità, esperienze e innovazione. Motivazione principale del viaggio è il godimento del patrimonio culturale italiano e ambientale. La domanda internazionale continua ad essere altospendente e sceglie l’Italia per lo stile di vita, social ed esclusività. L’incoming punta ai volumi di spesa e meno ai volumi di presenze. La domanda per gli eventi ha capacità di spesa molto alta. Gli eventi a loro volta sono vetrina dell’Italia. Si osservano inoltre particolarità come Assisi al primo posto in inverno (per il Natale) e al 27esimo posto in estate. Per presenze straniere sono cresciute Lazio, Trentino Alto Adige e Lombardia. Per la vendemmia i valori di crescita sono su Piemonte, Sardegna e Calabria. [post_title] => Bit 2024, Enit e Isnart, tendenze del 2023 e proiezioni sull’anno in corso [post_date] => 2024-02-12T12:14:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => enit [1] => isnart [2] => proiezioni-2024 [3] => tenedenze-2023 ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Enit [1] => Isnart [2] => proiezioni 2024 [3] => tenedenze 2023 ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707740048000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460953 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mediterraneo sempre più al centro dell'offerta Msc Crociere, che non smette al contempo di crescere anche ai Caraibi, ormai destinazione strategica, mentre consolida il prodotto Nord Europa, Sud America e Sud Africa, nonché Emirati ed Estremo Oriente. Il tutto a fronte di un'industria crocieristica che sta andando a gonfie vele: "A oggi abbiamo già venduto il 50% della nostra proposta estiva - racconta il vice president Southern Europe, Leonardo Massa -. L'advance booking è finalmente tornato fortissimo". Sostenuta da numeri tanto positivi, ecco quindi che per la prossima stagione calda la compagnia ha deciso di introdurre alcune novità, tra cui la prima volta di Bari home port: "Una scelta importante che pensiamo possa rendere il capoluogo pugliese un'inedita porta d'Oriente". Il gruppo conferma inoltre gli hub di Amburgo, Kiel, Copenaghen e Southampton per il Nord Europa e potenzia appunto i Caraibi, in previsione dell'apertura del nuovo terminal crociere Msc a Miami per un investimento da oltre 400 milioni. "Quest'anno avremo navi nell'area per 12 mesi all'anno, con partenze dalla stessa Miami e da New York. Si tratta di un vero posizionamento strategico, in quello che è il mercato crocieristico più importante al mondo". Per il prossimo inverno, infine, accanto alle tre navi nel Mediterraneo occidentale, si conferma Bari home port per itinerari di sette giorni verso Istanbul, ma anche le due unità negli Emirati e la presenza in Sud Africa e Sud America. Ci sarà poi l'ulteriore rafforzamento dei Caraibi. Una nave sarà anche posizionata in Cina e Giappone, mentre il Giro del mondo 2025 salperà il 5 gennaio, per un viaggio di ben 118 giorni. [post_title] => Msc conferma la centralità del Mediterraneo e il ruolo strategico dei Caraibi [post_date] => 2024-02-07T10:15:40+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707300940000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Mostrare la Malesia come l'ultimo hotspot globale dell'ecoturismo e la destinazione ecoturistica più riconoscibile e imperdibile al mondo»: questo il prossimo traguardo di Tourism Malaysia che anche quest'anno parteciperà alla Bit e lo farà con una delegazione guidata da Zalina Binti Ahmad, nuova direttrice dell'ufficio di Parigi di Tourism Malaysia, responsabile di Francia e Spagna e che si occupa anche del mercato Italia. «Le principali tendenze del mercato italiano sembrano concentrarsi sulla cultura e sull'ecoturismo, soprattutto tra le giovani generazioni - ha sottolineato Zalina Binti Ahmad -. Grazie alla ricchezza della natura e della cultura e ai maggiori sforzi verso l’ecoturismo, la Malesia punta a diventare una destinazione da sogno per gli italiani. Il mercato italiano è attualmente uno dei principali in Europa per la Malesia; pertanto, è fondamentale per Tourism Malaysia aumentare continuamente i propri sforzi per mantenere la destinazione visibile e attraente per la gente del posto e per i paesi vicini». La Malesia conta quattro siti dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, tra cui i siti della tripla corona Kinabalu Park e il Parco Nazionale Gunung Mulu mostrano lo splendore della biodiversità. L'isola di Langkawi e il parco Kinabalu sono riconosciuti come geoparchi globali dall'Unesco, mentre le città storiche di Georgetown e Melaka svelano le narrazioni accattivanti della diversità culturale e del patrimonio della Malesia.  Tra le novità del ricettivo, l'apertura di brand chiave del lifestyle e dell’ospitalità come Park Hyatt Kuala Lumpur at Merdeka 118, The Waldorf Astoria e The Conrad è prevista a Kuala Lumpur tra il 2024 e il 2025. Altre aperture includono l'Hilton Burau Bay a Langkawi e l'Intercontinental Resort di Penang.   Distribuito su 36 mq, lo stand della Malesia metterà in evidenza nuove esperienze da scoprire. Mostrerà vari temi legati alla destinazione attraverso immagini colorate che rappresentano i luoghi preferiti dai viaggiatori italiani.  La Malesia ha ricevuto 44.508 italiani a novembre 2023, una crescita incoraggiante. Agosto registra il maggior numero di visitatori con 13.761 passeggeri provenienti dall'Italia, più del doppio rispetto allo stesso mese del 2022. [post_title] => Malesia: un ruolo da protagonista fra le destinazioni green a livello mondiale [post_date] => 2024-01-30T09:15:56+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706606156000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459975 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città. Il nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore. [post_title] => Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma [post_date] => 2024-01-23T15:21:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706023316000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459203 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Durante il terzo trimestre del 2023, i clienti hanno trascorso 309,4 milioni di notti in alloggi in affitto a breve termine nell’UE, prenotati tramite Airbnb, Booking, Expedia Group o TripAdvisor. Ciò corrisponde ad un aumento del 13,4% rispetto allo stesso periodo del 2022. Con questo valore, il turismo delle piattaforme ha continuato a superare i livelli pre-pandemici e a stabilire nuovi valori record mensili: a luglio sono stati trascorsi 115,7 milioni di pernottamenti in strutture ricettive prenotate tramite piattaforme online, con un aumento del 10,7% rispetto a luglio 2022. Ad agosto, questo il numero è salito a 124,7 milioni di notti (+11,7% rispetto ad agosto 2022) e a settembre è stato di 69,1 milioni (+21,6% rispetto a settembre 2022). Crescita significativa Nei primi nove mesi del 2023, gli ospiti hanno trascorso più di 546,2 milioni di notti in alloggi in affitto a breve termine nell’UE prenotati tramite piattaforme online. Si tratta di una crescita significativa rispetto allo stesso periodo del 2022 (488,6 milioni di notti; +11,8%); con pernottamenti ampiamente superiori ai livelli pre-pandemia (423,7 milioni di pernottamenti nei primi nove mesi del 2019; +28,9%). Queste informazioni provengono dai dati mensili sugli alloggi per soggiorni di breve durata offerti tramite piattaforme online per il terzo trimestre del 2023 a livello nazionale, pubblicati oggi da Eurostat. Inoltre, verranno diffusi anche i dati regionali per il secondo trimestre del 2023. Questi dati vengono raccolti da quattro piattaforme private di economia collaborativa come parte di un accordo con la Commissione europea nel marzo 2020. I dati regionali vengono pubblicati un quarto dopo rispetto ai dati nazionali, in conformità con le regole stabilite nell’accordo. [post_title] => Cresce del 13,4% il prenotato delle piattaforme online [post_date] => 2024-01-11T10:46:14+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704969974000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458936 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tasse di soggiorno quasi triplicate a Parigi con l'inizio del 2024: un aumento che sopraggiunge mentre la capitale francese si prepara a ospitare le Olimpiadi, la prossima estate. L'applicazione degli incrementi prevede quindi il passaggio, per le strutture 5 stelle, da 3.75 a 10.73 euro; per i 4 stelle da 2.88 a 8.13 euro; per i 3 stelle da 1.88 a 5.20 euro; per i 2 stelle da 1.13 a 3.25 euro e infine per soluzioni a 1 stelle, villaggi vacanza e ostelli da 1 a 2.60 euro (dati Paris Convention and Visitors Bureau). L'aumento della tassa di soggiorno si affianca ad altri ritocchi al rialzo che i turisti si troveranno ad affrontare quest'anno, dai biglietti di ingresso ai musei (il Louvre costerà 22 euro, ma si tratta del primo aumento di prezzo in 8 anni) così come quello delle guide turistiche. Parigi è stata definita dal World Travel and Tourism Council come la "destinazione più potente fra le città del mondo" nel 2023; e nel 2022 il comparto di viaggi e turismo valeva quasi 36 miliardi di dollari. [post_title] => Parigi: tasse di soggiorno quasi triplicate nel 2024 delle Olimpiadi [post_date] => 2024-01-05T13:13:39+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704460419000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458245 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Confindustria e turismo. L’inflazione è rientrata, ma i tassi sono ancora alti e l’economia si conferma debole. Lo conferma Confindustria nel consueto rapporto Congiuntura Flash, da cui emerge che il credito è troppo caro e frena gli investimenti ed il mercato del lavoro non riesce a spingere i consumi. Ma c'è una voce che salva l'economia italiana: il turismo. Infatti - sempre secondo Confidustria - il turismo da record tiene a galla l’economia italiana. C’è una voce tra le componenti del Pil italiano (appena +0,1% tendenziale nel 3° trimestre 2023) che è andata molto bene nei primi nove mesi di quest’anno e sta sostenendo la dinamica complessiva: fa parte dell’export di servizi (+4,1%) ed è la spesa degli stranieri in viaggio in Italia, ovvero gran parte del valore economico diretto del turismo nel Paese. Il contributo degli stranieri al boom turistico è stato cruciale: a settembre 2023 è proseguita l’espansione della spesa dei viaggiatori esteri in Italia: +11,8% sul 2022 (a prezzi correnti); il record è stato toccato a luglio. Questa spesa, se comparata con i livelli pre-pandemia, mostra un +24,5% sul 2019. Che è solo in piccola parte dovuto all’aumento dei prezzi dei servizi turistici (circa +6% nel 2023). Margine di crescita Complessivamente, a fine 2023 gli introiti dal turismo straniero arriveranno oltre i 50 miliardi di euro, superando ampiamente i 30 miliardi relativi al turismo italiano all’estero. Nonostante i recenti record, rimane ancora un margine di crescita nel settore dell’alloggio in Italia: l’utilizzazione dei letti negli esercizi alberghieri è risalita al 48,3% nel 2022, rispetto al 49,0% nel 2019 e dovrebbe essere cresciuta ancora nel 2023, ma comunque su valori che possono salire ulteriormente. Il rilancio del turismo è compiuto in termini di livelli, ma il ritorno sulla traiettoria di crescita pre-pandemia potrebbe essere ritardato dalla fase di stagnazione che coinvolge l’economia italiana e mondiale. Decisivo sarà cogliere i cambiamenti in atto nel settore, che le imprese italiane sembrano aver ben individuato: preferenze dei viaggiatori più orientate ad esperienze di lusso (+57% nell’ultimo decennio il numero di alberghi a 5 stelle); nuove destinazioni e cambiamento climatico; nuove tecnologie “virtuali”, per preparare (sostituire?) i viaggi "in presenza". [post_title] => Confindustria: il turismo tiene a galla l'economia italiana [post_date] => 2023-12-18T10:35:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702895736000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455924 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Irlanda delle festività invernali è un rincorrersi di mercatini di Natale che mettono in risalto uno speciale legame con il territorio e la valorizzazione delle produzioni locali. Ed è semplice raggiungere le differenti aree dell’isola dall'Italia grazie ai tanti voli che collegano numerose città del nostro Paese con gli aeroporti di Dublino, Cork, Shannon, West Ireland Knock e Belfast, in Irlanda del Nord. La loro bellezza e le possibilità di scoprire le piccole realtà artigianali sono un ottimo motivo per viaggiare verso le piccole città e i centri minori, lontani dalle rotte più battute, esplorando città come Belfast, Cork, Galway o Kilkenny.  Dublino resta il punto di partenza ideale, ma vale la pena spingersi anche oltre dopo aver fatto, magari, un passaggio alla Guiness Storehouse, il museo dedicato alla birra più famosa d’Irlanda dove andrà in scena uno speciale mercato di Natale (22 novembre 2023-6 gennaio 2024). Tappa dublinese da segnare, anche il Christmas Market allestito nel parco del Dublin Castle con sidro caldo artigianale, musica dal vivo e la giostra vintage. Poco più a sud della capitale, sempre lungo la costa, si può raggiungere Wicklow anche comodamente con i mezzi pubblici. Capoluogo dell’omonima contea, è una piccola cittadina affacciata sul mare, parte dell’area chiamata Ireland’s Ancient East. Le sue dimensioni raccolte favoriscono la sensazione di incanto con gli addobbi e le luce che abbelliscono tutto il centro e il Wicklow Christmas Market, aperto quasi tutti i giorni dal 18 novembre al 17 dicembre.  La Yulefest di Kilkenny, county town della omonima contea, merita una visita anche per i soffitti dipinti della Long Gallery. L’apertura dei mercatini è in programma per il 25 novembre, con l’arrivo di Babbo Natale, e la festa proseguirà ogni weekend fino a sabato 23 dicembre.  E ancora, a Cork, nell’ambito del ricco programma di Corkmas (18 novembre 2023 – 7 gennaio 2024) ci saranno mercatini natalizi, luminarie, installazioni a tema e una giostra panoramica. Da non mancare è l'antico English Market, attivo dal 1788. Lungo la Wild Atlantic Way, la meta perfetta per un mercatino natalizio con vista sull’immensità dell’Atlantico è Galway, città vivace che può essere affiancata a Cork come meta gastronomica irlandese di eccellenza, anche per le sue delizie ittiche. Il Mercatino di Natale 2023, in calendario dal 10 novembre al 7 gennaio, è alla sua tredicesima edizione.   Infine, a Belfast, il mercatino di Natale aperto dal 18 novembre al 23 dicembre, viene allestito in uno spazio suggestivo come quello dell’area della City Hall, l’imponente municipio cittadino. [post_title] => Irlanda: viaggio attraverso le contee illuminate dai mercatini di Natale [post_date] => 2023-11-13T12:45:25+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1699879525000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455901 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Niugini segna il traguardo dei 50 anni di attività e punta al rilancio delle sue rotte per il mercato italiano. La compagnia della Papua Nuova Guinea, rappresentata in Italia da Spazio Gsa, ha voluto festeggiare a Roma questo evento con il trade presentando le rotte e il rinnovo della flotta.  Air Niugini offre collegamenti verso Port Moresby dall'Australia, Singapore, Hong Kong, Manila, Bali, e Honiara alle Solomon Islands, Port Vila a Vanuatu e Nandi a Fiji, alle quali si aggiungono una serie  di rotte interne nell'isola e nelle altre isole verso la Melanesia. "Stiamo lavorando ad una ripresa sul lungo raggio dall'Italia per volare verso la Papua Nuova Guinea, per esempio con altri vettori via Singapore, Tokyo o via Hong Kong e stiamo riprendendo tutti i rapporti con le agenzie e  i t.o. ed entreremo nel Bsp Italia - ha spiegato Francesco Sgambelluri, ceo Spazio -. Puntiamo anche alla promozione della destinazione che, dopo una crescita di interesse negli anni 80-90 è oggi di nicchia ma con ottime potenzialità di sviluppo; in generale per il volato, oltre al mercato italiano, stiamo anche guardando con riscontri positivi alla Spagna e alla Germania. E' importante questo traguardo dei 50 anni che conferma le prospettive della compagnia  e l'impegno verso il rinnovo della flotta. Infatti in futuro i B767-300Er verranno sostituiti da due B787-9. In futuro, 11 Airbus 220 entreranno in flotta nei prossimi anni, 8 sono della serie -100 e tre sono A220-300. Gli aerei saranno sei di proprietà e cinque in leasing". Attualmente la flotta è composta da 21 aerei: 2 B767/300Er con soli 188 posti di cui 28 in business lie flat, 2 B737/800 da 158 posti di cui 20 in business, 6 Fokker 70 da 80 posti in economy, 7 Fokker 100 da 101 posti di cui 8 in business, 3 DHC-8/Q400 da 74 posti in eco. L'evento ha avuto anche l'obiettivo di rilanciare la meta che si presenta come destinazione ideale per il turismo di avventura, l'ecoturismo, viaggi di nozze o come estensione dall'Australia. Nick Costantini, Europe representative della dmc Trans Niugini Tours ha annunciato la preparazione di un escorted tour da proporre ai vari tour operator per inserire nella programmazione "anche perché la clientela italiana sta superando il limite della lingua inglese ed è sempre più pronta a viaggi di questo tipo avventurosi tra lodge  e con ecosistema unico". [post_title] => Air Niugini compie 50 anni: dal rinnovo della flotta al futuro ingresso nel Bsp Italia [post_date] => 2023-11-13T10:34:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1699871661000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1188" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":7,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":65,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461252","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nIn occasione della Bit, Enit e Isnart presentano i dati ufficiali del trend turistico italiano, attività congiunte, analisi e fenomeni che hanno caratterizzato il 2023, proiezione sul 2024.\r\n\r\n“Gli arrivi sono stati in crescita nel 2023 rispetto al 2022 con prevalenza del turismo internazionale sul turismo domestico che supera il 2019. I dati mostrano come si stia consolidando qualcosa iniziata già in prepandemia e su cui intervenire - ha spiegato Maria Elena Rossi, direttrice marketing e promozione Enit -. Enit mantiene un’attiva presenza su tutti i principali mercati turistici internazionali con un lavoro di conoscenza e approfondimento per una maggiore comprensione del fenomeno turistico”.\r\n\r\nL’Italia si posiziona al secondo posto per presenze internazionali.\r\n\r\nDa gennaio a novembre 2023 i dati registrano oltre 118 milioni gli arrivi turistici in Italia nelle strutture ricettive di cui 60,5 milioni di turisti stranieri e 57,8 milioni di turisti italiani. Nello stesso periodo, le presenze contano oltre 412 milioni di pernottamenti turistici di cui 215 milioni di turisti stranieri (che superano il 2019) e 197 milioni di turisti italiani. Si nota una ripresa degli italiani in uscita. La bilancia commerciale giungerà a oltre 50 miliardi a fine 2023 con un metro di valutazione basato sul valore e non sul volume, dati condizionati anche dall’inflazione e aumento dei costi.\r\nOttima prospettiva di crescita per il 2024.\r\nParola d’ordine diversificazione dell’incoming per evitare fasi di stallo (come con la Germania, in recessione, nostro primo mercato internazionale), consolidamento dei mercati esistenti e ingresso nei nuovi mercati, innovazione di prodotto e racconto di qualcosa di nuovo ai Paesi che ci conoscono.\r\n\r\n“Per l’Asia è previsto un ritorno ai numeri precovid per il 2025/2026. – ha aggiunto Rossi -. La Cina è tornata ai numeri del 2019, ma non sui volumi. Sono da consolidare il mercato statunitense, canadese e australiano con piccoli numeri ma lunghi soggiorni e spesa molto elevata. Stiamo lavorando con il Kazakistan, mercato molto piccolo ma molto ricco (con volo diretto Neos). Stiamo lavorando in funzione dei collegamenti. Siamo molto presenti sul segmento del lusso e Mice. Nel 2023 l’Italia per la prima volta ha raggiunto il podio per eventi internazionali, dopo Stati Uniti e Spagna”.\r\n\r\nNumeri positivi anche da Paolo Bulleri di Isnart: un 51% di aumento di occupazione delle camere, un allungamento della stagione con 10 camere in più vendute a giugno, settembre, ottobre e anche un novembre positivo dovuto al bel tempo e ai ponti. Inizia bene anche il 2024 che registra una buona occupazione delle camere al 40% nei primi 4 mesi dell’anno. 851 milioni di presenze nel 2023 in aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente.\r\n\r\nSi osserva riqualificazione e formazione del personale. Posizionamento dell’Italia sul mercato altospendente. Servizi green e attenzione alla sostenibilità che crea mercato. Si è stabilizzato il mercato interno in parallelo con il mercato internazionale. I millennials sono i turisti che viaggiano maggiormente e richiedono qualità, esperienze e innovazione. Motivazione principale del viaggio è il godimento del patrimonio culturale italiano e ambientale. La domanda internazionale continua ad essere altospendente e sceglie l’Italia per lo stile di vita, social ed esclusività. L’incoming punta ai volumi di spesa e meno ai volumi di presenze. La domanda per gli eventi ha capacità di spesa molto alta. Gli eventi a loro volta sono vetrina dell’Italia.\r\n\r\nSi osservano inoltre particolarità come Assisi al primo posto in inverno (per il Natale) e al 27esimo posto in estate. Per presenze straniere sono cresciute Lazio, Trentino Alto Adige e Lombardia. Per la vendemmia i valori di crescita sono su Piemonte, Sardegna e Calabria.","post_title":"Bit 2024, Enit e Isnart, tendenze del 2023 e proiezioni sull’anno in corso","post_date":"2024-02-12T12:14:08+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["enit","isnart","proiezioni-2024","tenedenze-2023"],"post_tag_name":["Enit","Isnart","proiezioni 2024","tenedenze 2023"]},"sort":[1707740048000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460953","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mediterraneo sempre più al centro dell'offerta Msc Crociere, che non smette al contempo di crescere anche ai Caraibi, ormai destinazione strategica, mentre consolida il prodotto Nord Europa, Sud America e Sud Africa, nonché Emirati ed Estremo Oriente. Il tutto a fronte di un'industria crocieristica che sta andando a gonfie vele: \"A oggi abbiamo già venduto il 50% della nostra proposta estiva - racconta il vice president Southern Europe, Leonardo Massa -. L'advance booking è finalmente tornato fortissimo\".\r\n\r\nSostenuta da numeri tanto positivi, ecco quindi che per la prossima stagione calda la compagnia ha deciso di introdurre alcune novità, tra cui la prima volta di Bari home port: \"Una scelta importante che pensiamo possa rendere il capoluogo pugliese un'inedita porta d'Oriente\". Il gruppo conferma inoltre gli hub di Amburgo, Kiel, Copenaghen e Southampton per il Nord Europa e potenzia appunto i Caraibi, in previsione dell'apertura del nuovo terminal crociere Msc a Miami per un investimento da oltre 400 milioni. \"Quest'anno avremo navi nell'area per 12 mesi all'anno, con partenze dalla stessa Miami e da New York. Si tratta di un vero posizionamento strategico, in quello che è il mercato crocieristico più importante al mondo\".\r\n\r\nPer il prossimo inverno, infine, accanto alle tre navi nel Mediterraneo occidentale, si conferma Bari home port per itinerari di sette giorni verso Istanbul, ma anche le due unità negli Emirati e la presenza in Sud Africa e Sud America. Ci sarà poi l'ulteriore rafforzamento dei Caraibi. Una nave sarà anche posizionata in Cina e Giappone, mentre il Giro del mondo 2025 salperà il 5 gennaio, per un viaggio di ben 118 giorni.","post_title":"Msc conferma la centralità del Mediterraneo e il ruolo strategico dei Caraibi","post_date":"2024-02-07T10:15:40+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707300940000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460310","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Mostrare la Malesia come l'ultimo hotspot globale dell'ecoturismo e la destinazione ecoturistica più riconoscibile e imperdibile al mondo»: questo il prossimo traguardo di Tourism Malaysia che anche quest'anno parteciperà alla Bit e lo farà con una delegazione guidata da Zalina Binti Ahmad, nuova direttrice dell'ufficio di Parigi di Tourism Malaysia, responsabile di Francia e Spagna e che si occupa anche del mercato Italia.\r\n\r\n«Le principali tendenze del mercato italiano sembrano concentrarsi sulla cultura e sull'ecoturismo, soprattutto tra le giovani generazioni - ha sottolineato Zalina Binti Ahmad -. Grazie alla ricchezza della natura e della cultura e ai maggiori sforzi verso l’ecoturismo, la Malesia punta a diventare una destinazione da sogno per gli italiani. Il mercato italiano è attualmente uno dei principali in Europa per la Malesia; pertanto, è fondamentale per Tourism Malaysia aumentare continuamente i propri sforzi per mantenere la destinazione visibile e attraente per la gente del posto e per i paesi vicini».\r\nLa Malesia conta quattro siti dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, tra cui i siti della tripla corona Kinabalu Park e il Parco Nazionale Gunung Mulu mostrano lo splendore della biodiversità. L'isola di Langkawi e il parco Kinabalu sono riconosciuti come geoparchi globali dall'Unesco, mentre le città storiche di Georgetown e Melaka svelano le narrazioni accattivanti della diversità culturale e del patrimonio della Malesia. \r\nTra le novità del ricettivo, l'apertura di brand chiave del lifestyle e dell’ospitalità come Park Hyatt Kuala Lumpur at Merdeka 118, The Waldorf Astoria e The Conrad è prevista a Kuala Lumpur tra il 2024 e il 2025. Altre aperture includono l'Hilton Burau Bay a Langkawi e l'Intercontinental Resort di Penang.\r\n \r\nDistribuito su 36 mq, lo stand della Malesia metterà in evidenza nuove esperienze da scoprire. Mostrerà vari temi legati alla destinazione attraverso immagini colorate che rappresentano i luoghi preferiti dai viaggiatori italiani. \r\nLa Malesia ha ricevuto 44.508 italiani a novembre 2023, una crescita incoraggiante. Agosto registra il maggior numero di visitatori con 13.761 passeggeri provenienti dall'Italia, più del doppio rispetto allo stesso mese del 2022.","post_title":"Malesia: un ruolo da protagonista fra le destinazioni green a livello mondiale","post_date":"2024-01-30T09:15:56+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706606156000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459975","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città.\r\n\r\nIl nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore.","post_title":"Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma","post_date":"2024-01-23T15:21:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706023316000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459203","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Durante il terzo trimestre del 2023, i clienti hanno trascorso 309,4 milioni di notti in alloggi in affitto a breve termine nell’UE, prenotati tramite Airbnb, Booking, Expedia Group o TripAdvisor. Ciò corrisponde ad un aumento del 13,4% rispetto allo stesso periodo del 2022.\r\n\r\nCon questo valore, il turismo delle piattaforme ha continuato a superare i livelli pre-pandemici e a stabilire nuovi valori record mensili: a luglio sono stati trascorsi 115,7 milioni di pernottamenti in strutture ricettive prenotate tramite piattaforme online, con un aumento del 10,7% rispetto a luglio 2022. Ad agosto, questo il numero è salito a 124,7 milioni di notti (+11,7% rispetto ad agosto 2022) e a settembre è stato di 69,1 milioni (+21,6% rispetto a settembre 2022).\r\n\r\nCrescita significativa\r\n\r\nNei primi nove mesi del 2023, gli ospiti hanno trascorso più di 546,2 milioni di notti in alloggi in affitto a breve termine nell’UE prenotati tramite piattaforme online. Si tratta di una crescita significativa rispetto allo stesso periodo del 2022 (488,6 milioni di notti; +11,8%); con pernottamenti ampiamente superiori ai livelli pre-pandemia (423,7 milioni di pernottamenti nei primi nove mesi del 2019; +28,9%).\r\n\r\nQueste informazioni provengono dai dati mensili sugli alloggi per soggiorni di breve durata offerti tramite piattaforme online per il terzo trimestre del 2023 a livello nazionale, pubblicati oggi da Eurostat. Inoltre, verranno diffusi anche i dati regionali per il secondo trimestre del 2023. Questi dati vengono raccolti da quattro piattaforme private di economia collaborativa come parte di un accordo con la Commissione europea nel marzo 2020. I dati regionali vengono pubblicati un quarto dopo rispetto ai dati nazionali, in conformità con le regole stabilite nell’accordo.","post_title":"Cresce del 13,4% il prenotato delle piattaforme online","post_date":"2024-01-11T10:46:14+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1704969974000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458936","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tasse di soggiorno quasi triplicate a Parigi con l'inizio del 2024: un aumento che sopraggiunge mentre la capitale francese si prepara a ospitare le Olimpiadi, la prossima estate.\r\n\r\nL'applicazione degli incrementi prevede quindi il passaggio, per le strutture 5 stelle, da 3.75 a 10.73 euro; per i 4 stelle da 2.88 a 8.13 euro; per i 3 stelle da 1.88 a 5.20 euro; per i 2 stelle da 1.13 a 3.25 euro e infine per soluzioni a 1 stelle, villaggi vacanza e ostelli da 1 a 2.60 euro (dati Paris Convention and Visitors Bureau).\r\n\r\nL'aumento della tassa di soggiorno si affianca ad altri ritocchi al rialzo che i turisti si troveranno ad affrontare quest'anno, dai biglietti di ingresso ai musei (il Louvre costerà 22 euro, ma si tratta del primo aumento di prezzo in 8 anni) così come quello delle guide turistiche.\r\n\r\nParigi è stata definita dal World Travel and Tourism Council come la \"destinazione più potente fra le città del mondo\" nel 2023; e nel 2022 il comparto di viaggi e turismo valeva quasi 36 miliardi di dollari.","post_title":"Parigi: tasse di soggiorno quasi triplicate nel 2024 delle Olimpiadi","post_date":"2024-01-05T13:13:39+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1704460419000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458245","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Confindustria e turismo. L’inflazione è rientrata, ma i tassi sono ancora alti e l’economia si conferma debole. Lo conferma Confindustria nel consueto rapporto Congiuntura Flash, da cui emerge che il credito è troppo caro e frena gli investimenti ed il mercato del lavoro non riesce a spingere i consumi. Ma c'è una voce che salva l'economia italiana: il turismo.\r\n\r\nInfatti - sempre secondo Confidustria - il turismo da record tiene a galla l’economia italiana. C’è una voce tra le componenti del Pil italiano (appena +0,1% tendenziale nel 3° trimestre 2023) che è andata molto bene nei primi nove mesi di quest’anno e sta sostenendo la dinamica complessiva: fa parte dell’export di servizi (+4,1%) ed è la spesa degli stranieri in viaggio in Italia, ovvero gran parte del valore economico diretto del turismo nel Paese.\r\n\r\nIl contributo degli stranieri al boom turistico è stato cruciale: a settembre 2023 è proseguita l’espansione della spesa dei viaggiatori esteri in Italia: +11,8% sul 2022 (a prezzi correnti); il record è stato toccato a luglio. Questa spesa, se comparata con i livelli pre-pandemia, mostra un +24,5% sul 2019. Che è solo in piccola parte dovuto all’aumento dei prezzi dei servizi turistici (circa +6% nel 2023).\r\nMargine di crescita\r\nComplessivamente, a fine 2023 gli introiti dal turismo straniero arriveranno oltre i 50 miliardi di euro, superando ampiamente i 30 miliardi relativi al turismo italiano all’estero. Nonostante i recenti record, rimane ancora un margine di crescita nel settore dell’alloggio in Italia: l’utilizzazione dei letti negli esercizi alberghieri è risalita al 48,3% nel 2022, rispetto al 49,0% nel 2019 e dovrebbe essere cresciuta ancora nel 2023, ma comunque su valori che possono salire ulteriormente.\r\n\r\nIl rilancio del turismo è compiuto in termini di livelli, ma il ritorno sulla traiettoria di crescita pre-pandemia potrebbe essere ritardato dalla fase di stagnazione che coinvolge l’economia italiana e mondiale. Decisivo sarà cogliere i cambiamenti in atto nel settore, che le imprese italiane sembrano aver ben individuato: preferenze dei viaggiatori più orientate ad esperienze di lusso (+57% nell’ultimo decennio il numero di alberghi a 5 stelle); nuove destinazioni e cambiamento climatico; nuove tecnologie “virtuali”, per preparare (sostituire?) i viaggi \"in presenza\".","post_title":"Confindustria: il turismo tiene a galla l'economia italiana","post_date":"2023-12-18T10:35:36+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1702895736000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455924","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Irlanda delle festività invernali è un rincorrersi di mercatini di Natale che mettono in risalto uno speciale legame con il territorio e la valorizzazione delle produzioni locali. Ed è semplice raggiungere le differenti aree dell’isola dall'Italia grazie ai tanti voli che collegano numerose città del nostro Paese con gli aeroporti di Dublino, Cork, Shannon, West Ireland Knock e Belfast, in Irlanda del Nord.\r\n\r\nLa loro bellezza e le possibilità di scoprire le piccole realtà artigianali sono un ottimo motivo per viaggiare verso le piccole città e i centri minori, lontani dalle rotte più battute, esplorando città come Belfast, Cork, Galway o Kilkenny. \r\n\r\nDublino resta il punto di partenza ideale, ma vale la pena spingersi anche oltre dopo aver fatto, magari, un passaggio alla Guiness Storehouse, il museo dedicato alla birra più famosa d’Irlanda dove andrà in scena uno speciale mercato di Natale (22 novembre 2023-6 gennaio 2024). Tappa dublinese da segnare, anche il Christmas Market allestito nel parco del Dublin Castle con sidro caldo artigianale, musica dal vivo e la giostra vintage.\r\n\r\nPoco più a sud della capitale, sempre lungo la costa, si può raggiungere Wicklow anche comodamente con i mezzi pubblici. Capoluogo dell’omonima contea, è una piccola cittadina affacciata sul mare, parte dell’area chiamata Ireland’s Ancient East. Le sue dimensioni raccolte favoriscono la sensazione di incanto con gli addobbi e le luce che abbelliscono tutto il centro e il Wicklow Christmas Market, aperto quasi tutti i giorni dal 18 novembre al 17 dicembre. \r\n\r\nLa Yulefest di Kilkenny, county town della omonima contea, merita una visita anche per i soffitti dipinti della Long Gallery. L’apertura dei mercatini è in programma per il 25 novembre, con l’arrivo di Babbo Natale, e la festa proseguirà ogni weekend fino a sabato 23 dicembre. \r\n\r\nE ancora, a Cork, nell’ambito del ricco programma di Corkmas (18 novembre 2023 – 7 gennaio 2024) ci saranno mercatini natalizi, luminarie, installazioni a tema e una giostra panoramica. Da non mancare è l'antico English Market, attivo dal 1788.\r\n\r\nLungo la Wild Atlantic Way, la meta perfetta per un mercatino natalizio con vista sull’immensità dell’Atlantico è Galway, città vivace che può essere affiancata a Cork come meta gastronomica irlandese di eccellenza, anche per le sue delizie ittiche. Il Mercatino di Natale 2023, in calendario dal 10 novembre al 7 gennaio, è alla sua tredicesima edizione.  \r\n\r\nInfine, a Belfast, il mercatino di Natale aperto dal 18 novembre al 23 dicembre, viene allestito in uno spazio suggestivo come quello dell’area della City Hall, l’imponente municipio cittadino.","post_title":"Irlanda: viaggio attraverso le contee illuminate dai mercatini di Natale","post_date":"2023-11-13T12:45:25+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1699879525000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455901","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Niugini segna il traguardo dei 50 anni di attività e punta al rilancio delle sue rotte per il mercato italiano. La compagnia della Papua Nuova Guinea, rappresentata in Italia da Spazio Gsa, ha voluto festeggiare a Roma questo evento con il trade presentando le rotte e il rinnovo della flotta.  Air Niugini offre collegamenti verso Port Moresby dall'Australia, Singapore, Hong Kong, Manila, Bali, e Honiara alle Solomon Islands, Port Vila a Vanuatu e Nandi a Fiji, alle quali si aggiungono una serie  di rotte interne nell'isola e nelle altre isole verso la Melanesia.\r\n\r\n\"Stiamo lavorando ad una ripresa sul lungo raggio dall'Italia per volare verso la Papua Nuova Guinea, per esempio con altri vettori via Singapore, Tokyo o via Hong Kong e stiamo riprendendo tutti i rapporti con le agenzie e  i t.o. ed entreremo nel Bsp Italia - ha spiegato Francesco Sgambelluri, ceo Spazio -. Puntiamo anche alla promozione della destinazione che, dopo una crescita di interesse negli anni 80-90 è oggi di nicchia ma con ottime potenzialità di sviluppo; in generale per il volato, oltre al mercato italiano, stiamo anche guardando con riscontri positivi alla Spagna e alla Germania. E' importante questo traguardo dei 50 anni che conferma le prospettive della compagnia  e l'impegno verso il rinnovo della flotta. Infatti in futuro i B767-300Er verranno sostituiti da due B787-9. In futuro, 11 Airbus 220 entreranno in flotta nei prossimi anni, 8 sono della serie -100 e tre sono A220-300. Gli aerei saranno sei di proprietà e cinque in leasing\".\r\nAttualmente la flotta è composta da 21 aerei: 2 B767/300Er con soli 188 posti di cui 28 in business lie flat, 2 B737/800 da 158 posti di cui 20 in business, 6 Fokker 70 da 80 posti in economy, 7 Fokker 100 da 101 posti di cui 8 in business, 3 DHC-8/Q400 da 74 posti in eco.\r\nL'evento ha avuto anche l'obiettivo di rilanciare la meta che si presenta come destinazione ideale per il turismo di avventura, l'ecoturismo, viaggi di nozze o come estensione dall'Australia. Nick Costantini, Europe representative della dmc Trans Niugini Tours ha annunciato la preparazione di un escorted tour da proporre ai vari tour operator per inserire nella programmazione \"anche perché la clientela italiana sta superando il limite della lingua inglese ed è sempre più pronta a viaggi di questo tipo avventurosi tra lodge  e con ecosistema unico\".","post_title":"Air Niugini compie 50 anni: dal rinnovo della flotta al futuro ingresso nel Bsp Italia","post_date":"2023-11-13T10:34:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1699871661000]}]}}

Lascia un commento