7 December 2022

Romantik Hotel Turm, le offerte di gennaio e febbraio all’Alpe di Siusi

[ 0 ]

L_Alpe_di_Siusi_Marketing_-_Sciare_-_Foto_di_Helmuth_Rier_12Il Romantik Hotel Turm di Fiè allo Sciliar, 4 stelle Superior che non lascia nulla al caso, propone una serie di offerte per gennaio e febbraio 2017. Una settimana bianca tutta intera, ma con due notti gratis: dall’8 al 22 gennaio 2017 il Romantik Hotel Turm propone l’offerta Gennaio 7=5, per una vacanza in cui sfruttare tutto quello che le Dolomiti e il resort offrono: sci alpino, sci di fondo, escursioni con le ciaspole, slittino, baite, attività ricreative, ma anche relax in un ambiente originale ed elegante, con una Spa che profuma di essenze di pino e una cucina che sa stupire. Prezzo a persona a partire da 580 euro. Una vacanza davvero rigenerante, da provare per credere: dal 6 gennaio al 24 febbraio 2017, l’offerta Magia invernale ed emozioni sulle Dolomiti include 7 pernottamenti in doppia nella Torre storica del Romantik Hotel Turm (40 metri, vista aperta sullo Sciliar, ampio bagno), 5 giorni con trattamento di mezza pensione con il menu Romantik di 4 portate oppure il menu 1001 calorie,  un tradizionale bagno di fieno nella tipica vasca in legno, un massaggio rilassante completo, un’escursione con le ciaspole nei luoghi più segreti e meno frequentati dell’Alpe di Siusi (noleggio attrezzatura compreso), una cena con “fondue” nella cantina della Torre, una romantica serata finale con menu degustazione a 5 portate e degustazione di vini in abbinamento ai piatti. Prezzo a persona a partire da 1137 euro. E per chi proprio non può prendersi una settimana intera, un gustoso assaggio di Dolomiti: al Romantik Hotel Turm c’è l’offerta Breve soggiorno invernale, valida dall’8 gennaio al 24 febbraio 2017 per tre giorni infrasettimanali. Breve sì, ma intenso: 3 pernottamenti in camera matrimoniale nella torre del XIII secolo (con arrivo di domenica, lunedì o martedì), 3 giorni con trattamento di mezza pensione con il menu Romantik a 4 portate oppure il menu 1001 calorie, un rilassante bagno di Cleopatra nella vasca dell’imperatore a lume di candela. Prezzo a persona a partire da 392 euro.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435483 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trasporto aereo. Il 5G è entrato nell'agenda del settore dell'aviazione europea con un orizzonte pieno di minacce. Le compagnie aeree sono preoccupate per il loro possibile impatto sulla sicurezza delle operazioni in futuro, in linea con le voci di allarme che si sono levate negli Stati Uniti.  Eurocontrol ritiene che l'impatto di questo problema sarà minore in Europa. Tuttavia, il suo direttore generale, Eamonn Brennan, avverte che «potrebbe minacciare la sicurezza aerea e comportare costi finanziari significativi per le compagnie aeree».  «Un anno di deviazioni causate dall'interruzione delle operazioni 5G nei giorni di scarsa visibilità potrebbe costare alle compagnie aeree e agli aeroporti fino a 180 milioni di euro e interrompere i piani di viaggio fino a 1,2 milioni di passeggeri», avverte. Teme infatti che «se non facciamo nulla, c'è il rischio reale che l'aviazione venga frenata nei prossimi anni, poiché i sistemi attuali troveranno sempre più difficile soddisfare i requisiti operativi». Sforzi coordinati Di fronte a questo rischio reale, richiede sforzi coordinati e urgenti per modernizzare i sistemi di comunicazione, navigazione e sorveglianza. Con ciò intende evitare una saturazione dei canali che potrebbe ostacolare il passaggio a sistemi più moderni e capaci. Tra le loro richieste vi sono il miglioramento del filtraggio della banda adiacente, nonché il mantenimento degli standard delle apparecchiature aeronautiche per i sistemi legacy. Allo stesso modo, insistono sulla necessità di raggiungere il giusto equilibrio tra il dispiegamento coordinato di nuovi sistemi radio. [post_title] => Trasporto aereo: incombono le minacce del 5G per la sicurezza [post_date] => 2022-12-06T10:53:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670324005000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435256 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   È il Polo passeggeri il protagonista della Winter experience del Gruppo Fs. «Un attore unico capace di garantire la libertà di viaggiare ovunque con collegamenti sempre più capillari e vicini alle necessità del territorio. - Afferma Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia e capogruppo di settore del Polo passeggeri - .Il nostro impegno per il futuro è valorizzare e incentivare la scelta del treno, il mezzo green per eccellenza, favorendo modalità di trasporto collettive e interconnesse, abbinate con altri mezzi di trasporto. Grazie a un’offerta sempre più door-to-door, Trenitalia diventa così hub aggregatore del turismo nel nostro paese e oltre i suoi confini». Domenica 11 dicembre prenderà il via la Trenitalia Winter Experience 2022/23:  un’esperienza di viaggio integrata treno-bus che, a partire dalle esigenze dei clienti e dei territori serviti, garantirà un’offerta sempre più efficace, competitiva e sostenibile, con tante promozioni per contrastare il caro vita. «Il bilancio dell’anno trascorso segna una crescita positiva rispetto al 2019. - ha sottolineato Corradi - Nel 2022 si è tornati a viaggiare e i nostri progetti per il futuro sono pieni di passione e impegno. Tre i grandi temi al centro della visione del Gruppo FS: la sostenibilità e l’impegno per il futuro, l’intermodalità e, quindi, la libertà di viaggiare ovunque e la fiducia dei clienti insieme con la gioia di viaggiare insieme». Italia e Europa L’universo del Polo passeggeri guarda all’Italia e all’Europa: Frecce, Intercity, Eurocity, Euronight e Il Regionale garantiranno in Italia oltre 6.700 collegamenti in treno e più di 13.600 corse bus, mentre all’estero il nuovo mercato del Gruppo attiverà oltre 2.400 collegamenti complessivi al giorno via treno e 9.000 le corse in bus in Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Olanda e Grecia. Viaggiare in treno sarà ancora più divertente per tutti, soprattutto per i più piccoli, grazie alle diverse offerte firmate anche Disney. In queste settimane sono numerose le partenze programmate verso i mercatini natalizi e in direzione delle piste da sci, mentre continuano a essere in primo piano i collegamenti con gli aeroporti e i viaggi verso le città d'arte e gli eventi di cultura e musica. Senza dimenticare l’apertura agli amici a 4 zampe che da sempre viaggiano al 50%, ma dal primo dicembre all’8 gennaio viaggeranno gratis su Frecce e Intercity. [post_title] => Gruppo Fs: la Winter experience 22/23 al servizio del Polo passeggeri [post_date] => 2022-12-02T08:39:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669970385000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435231 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435232" align="alignleft" width="300"] René-Marc Chikli[/caption] Allarme dalla Ue. La Commissione europea ha proposto ai 27 Stati membri di limitare o addirittura eliminare del tutto il deposito cauzionale che viene versato come acconto di prenotazione di un viaggio tutto compreso, secondo quanto denuncia René-Marc Chikli, presidente di Ceto, il sindacato dei tour operator francesi. Questi depositi, che in molti paesi rappresentano circa il 30% del costo totale del viaggio, sono essenziali per finanziare l'attività b2bb di agenzie, grossisti e fornitori di trasporti. Il cliente, normalmente, paga alla data del viaggio quando quasi tutto è già stato contrattato. La proposta Ue nasce da paesi che fino ad ora non hanno una garanzia finanziaria per i depositi consegnati all'intermediario (in diversi paesi, come la Francia o la Gran Bretagna, l'assicurazione copre questo denaro). In Germania la garanzia copre appena 150 milioni, ma quelli scoperti dal fallimento di Thomas Cook hanno superato i 700 milioni, che sono caduti sulle spalle dello Stato. Modello di business in crisi Chikli ha spiegato al meeting Ceto, in corso in questi giorni, che l'Europa "mette in discussione la nozione di deposito, sebbene il suo principio non abbia sollevato alcun problema in Francia" negli anni in cui è stato applicato. Se questi depositi sono limitati o scompaiono, l'attuale modello di business del tour operator dovrebbe essere riconsiderato. "Rappresenta un grande rischio per il modello b2b", avvertono in Francia. Lo squilibrio sarebbe ancora maggiore per la distribuzione, con il rischio di fallimenti. Il flusso di cassa delle agenzie di viaggio si basa in quasi tutti i paesi sui depositi. I tour operator hanno annunciato che faranno pressione su Bruxelles per cambiare l'orientamento della modifica della direttiva. [post_title] => L'Ue vuole abolire il deposito di cauzione da versare alle agenzie di viaggio [post_date] => 2022-12-01T12:44:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669898661000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434783 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => No alle cassandre, sì alle buone notizie. E non per partito preso, ma sulla base di dati concreti, quelli emersi dall'ultima analisi firmata dall'European House Ambrosetti e illustrati ieri dal managing partner e ad Valerio De Molli, in occasione dell'edizione 2022 del BizTravel Forum.   Nel 2023 la crescita del Pil dell’Italia, secondo diversi istituti di riferimento, dovrebbe attestarsi attorno allo 0,3-0,4%, mentre per il Fondo Monetario Internazionale (Imf) si passerà al -0,2%; sempre secondo quest'ultimo l'anno prossimo un terzo dell'economia globale sarà in recessione, e la produzione globale potrebbe essere inferiore ai 2.800 miliardi di dollari. Ma si tratterebbe comunque di una crescita, che per ritrovare il giusto impulso non potrà prescindere da una ritrovata "spinta sui consumi, che incidono per ben il 60% circa sul Pil italiano”. Va poi letto in positivo il dato del secondo trimestre 2022 "quando l'Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto ai primi tre mesi (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia anche grazie al contributo del settore turistico”.   Il conflitto in Ucraina, l'inflazione galoppante e rincaro dei beni energetici hanno costretto l’Imf a rivedere al ribasso il Pil italiano nel 2022, con una crescita stimata del 3,2%. Risultato comunque migliore rispetto a quelli previsti per Francia (2,5%) e Germania (1,5%)".   “Nel secondo trimestre del 2022 l’Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto al primo trimestre (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Inoltre, anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia e ciò anche grazie all’apporto del comparto turistico”. L'Italia ha recuperato attrattività sui mercati internazionali, in termini di investimenti dall'estero e sempre nel 2021 ha assistito "ad una forte ripresa degli scambi turistici, post pandemia: gli arrivi totali dell'anno sono pari al 78,7% del 2019, dato che sale al 90,3% considerando il mese di agosto". Quest'anno, nel trimestre giugno-agosto "gli arrivi sono pari al 90% di quelli registrati nello stesso periodo 2019. Risultati straordinari nonostante manchino i flussi da aree quali la Cina o la Russia a testimonianza della voglia di italianità, della passione che il mondo ha per il nostro paese".   Nessun "allarme rosso" quindi, "preoccupazione, certo". Ma secondo lo studio Ambrosetti, il sentiment è positivo, "con metà degli imprenditori che starebbe valutando di riportare in Italia alcune fasi della filiera produttiva e anche il debito pubblico sarebbe destinato a calare nei prossimi anni, tornando ai livelli pre crisi nell'arco di sette anni, chiaramente in assenza di shock esogeni imprevedibili".   [post_title] => Ambrosetti sul 2023: spazio alla positività, malgrado persistano le criticità [post_date] => 2022-11-25T10:23:58+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669371838000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434715 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates e flydubai al giro di boa dei primi cinque anni di partnership: i due vettori hanno dato il via alla loro collaborazione nel novembre del 2017, per offrire ai clienti opzioni di viaggio in tutto il mondo. In questi anni il network di rotte congiunte si è notevolmente ampliato consentendo a più di 11 milioni di viaggiatori di muoversi su oltre 250.000 voli. La partnership va oltre il modello standard di codeshare e oggi include una collaborazione di rete integrata, ottimizzazione degli orari, connettività senza interruzioni con l'aeroporto internazionale di Dubai tra i Terminal 2 e 3, trasferimenti di bagagli su un unico itinerario, nonché vantaggi di fidelizzazione reciproci nell'ambito del programma fedeltà, Emirates Skywards. In particolare, il network odierno consente ai passeggeri di scegliere tra 215 destinazioni in 98 paesi, con oltre 250 voli in codeshare; i clienti Emirates possono prenotare voli per oltre 80 destinazioni offerte da flydubai mentre i clienti di quest'ultima possono scegliere tra oltre 99 destinazioni offerte da Emirates. Le destinazioni più richieste, per affari o per piacere, includono: Kathmandu, Kuwait, Maldive, Tel Aviv e Zanzibar. [post_title] => Emirates e flydubai: oltre 11 milioni di passeggeri in cinque anni di partnership [post_date] => 2022-11-24T11:37:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669289825000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434567 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ö Magazin, il bistrot a Santa Margherita Ligure, spin off dello storico ristorante a Portofino della famiglia Mussini, dal prossimo dicembre, si presenta con un’offerta rinnovata, che punta a proporre i più iconici piatti regionali nella loro autenticità. Ringraziando l’imprenditore milanese Marcello Forti per il contributo apportato durante la stagione estiva con la formula del bistrot, Simona ed Emilia Mussini danno così vita a l’Österia Ö Magazin, Cucina genovese di riconoscenza, un progetto che nasce dall’intento rinnovato di proporre le tipiche ricette della tradizione gastronomica locale e riportare in auge i veri sapori e profumi di Liguria. Un inno alle tavole di pizzo, al profumo di lavanda che permeava l’atmosfera nelle antiche case nobiliari e ad una grande Genova, che torna a vivere grazie alle specialità enogastronomiche che omaggiano la cucina di una volta. A guidare la brigata di cucina della nuova osteria rimane la sapiente mano dello Chef genovese Edoardo Ferrera, cuoco “nomade e irrequieto” che firma un percorso gastronomico nella cucina territoriale della tradizione. Un vero e proprio viaggio attraverso i sapori sinceri e veraci della Liguria, che racconta la storia dalle origini per arrivare ad oggi attraverso proposte in cui passato e presente costituiscono gli ingredienti principali per una vera cucina genovese di riconoscenza. Il progetto imprenditoriale Ö Magazin nasce originariamente nel 2017 dall'incontro tra le sorelle Simona ed Emilia Mussini e lo Chef Edo Ferrera che, da liguri Doc, vogliono promuovere la propria tradizione gastronomica attraverso una sensibilità romantica, un  ritorno ad uno “spirito di bottega” antico e alla valorizzazione di sapori autentici. Dal 1990 la storia del ristorante Ö Magazìn a Portofino si lega indissolubilmente a quella della famiglia Mussini e al mondo del mare. Le sorelle Emilia e Simona rilevarono l’attività di quel vecchio “magazzino” dove i nonni custodivano le reti e l’attrezzatura da pesca e ne fecero il ristorante, punto di riferimento che è oggi. La famiglia Mussini, a capo dal 1949 di uno storico cantiere navale fondato da Giorgio Mussini, è da sempre legata al mare e al Tigullio tanto che il richiamo alla nautica e ai suoi elementi è evidente anche nel design e nella concezione del ristorante. Dal 2019 Ö Magazin raddoppia, aprendo il bistrot nel centro storico di Santa Margherita, che da dicembre 2022 si trasformerà nell’ Österia Ö Magazìn, omaggio all’autentica tradizione gastronomica regionale. Tra le novità in programma, anche l’apertura di un’enoteca, in cui verranno serviti i tipici prodotti esclusivi della regione e uno spazio verrà destinato a un laboratorio, nel quale personalità celebri della Liguria potranno utilizzare per presentazioni o degustazioni. [post_title] => Santa Margherita Ligure, Ö Magazin, il bistrot tra i caruggi, punta su sapori e profumi della Liguria [post_date] => 2022-11-24T10:04:01+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669284241000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434479 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New York guarda al 2023 e alla nuova edizione della Nyc Hotel Week, in calendario dal 3 gennaio al 12 febbraio prossimi: per l'occasione sarà possibile soggiornare in città con un risparmio del 23% sulle tariffe standard delle camere in più di 140 hotel in tutti e cinque i distretti. "La Nyc Hotel Week offre le migliori proposte dell'anno per i viaggiatori che desiderano visitare i cinque distretti o per i newyorkesi che si concedono un soggiorno - ha dichiarato Fred Dixon, presidente e ceo di NYC & Company -. Se combinate con le altre offerte della nostra più ampia Nyc Winter Outing - come la Nyc Restaurant Week, la Nyc Broadway Week e la Nyc Must-See Week - si possono ottenere enormi vantaggi praticamente su ogni aspetto di una visita a New York City a gennaio e febbraio, rendendo la stagione invernale incredibilmente attraente". Le prenotazioni alberghiere sono già disponibili e invitiamo tutti a programmare una visita o a regalare un soggiorno a New York durante le festività natalizie. Intanto, la Grande Mela ha registrato una performance alberghiera stabile: la città continua a generare i più alti livelli di occupazione settimanale e tariffe medie giornaliere tra i 25 mercati principali, con la domanda alberghiera dell'autunno 2022 che recupera ogni settimana circa il 90% del benchmark del 2019. New York City conta oltre 124.000 camere d'albergo operative e si prevede che altre 11.000 camere entreranno in funzione nei prossimi tre anni. [post_title] => New York, conto alla rovescia per la Nyc Hotel Week: -23% sulle tariffe di oltre 140 strutture [post_date] => 2022-11-21T11:57:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669031844000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434400 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Iberia ha reso disponibili i propri contenuti Ndc per le agenzie di viaggio in Italia attraverso l'Amadeus Travel Platform. Le adv italiane che si collegheranno all'Ndc di Iberia tramite Amadeus potranno quindi cercare, confrontare, prenotare e servire i propri clienti in un unico ambiente di prenotazione. Allo stesso modo, i contenuti presenti sull'Ndc consentiranno agli agenti di viaggio di disporre di informazioni più dettagliate e pertinenti per soddisfare meglio le esigenze dei viaggiatori. Tra i vantaggi per le agenzie, l'accesso a una gamma più ampia di opzioni per le tariffe, a servizi accessori esclusivi, a offerte e campagne speciali solo per Ndc e a rimborsi del 100% per le prime 24 ore, senza Adm legati a tariffe, rimborsi o disponibilità. [post_title] => Iberia: contenuti Ndc disponibili per le agenzie italiane sulla piattaforma Amadeus [post_date] => 2022-11-18T14:21:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668781265000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434276 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Emilia, la Terra dello Slow Mix fra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, è un concentrato di iniziative uniche tra corsi di cucina, visite nei luoghi di produzione delle eccellenze della Food Valley, castelli incantati e centri storici. Con Visit Emilia l'offerta spazia nei diversi settori. ­ Corsi di cucina con esperte rezdore emiliane, immersioni gastronomiche nei luoghi in cui nascono le prelibatezze della Food Valley italiana, pedalate nel cuore dei paesaggi che dall’Appennino Tosco Emiliano scendono sinuosi fino al fiume Po o viaggi sulla tracce di castelli incantati. L’Emilia, la Terra della Slow Mix, dove ogni vacanza è unica ed eclettica, è uno stile di vita che si declina in una miriade di esperienze, tutte da sperimentare tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, grazie alle coinvolgenti iniziative degli operatori delle reti di Visit Emilia,  Food & Wine, Cultura & Castelli, Terme & outdoor. Per immergersi nello stile emiliano, bisogna cominciare con un tour gastronomico tra Parma e Reggio Emilia. Si inizia con la degustazione del tradizionale Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia Dop e la visita all’acetaia di una delle più prestigiose aziende agricole reggiane, per continuare il viaggio tra le colline parmensi e visitare uno dei produttori del famoso Prosciutto di Parma, per assaporare, infine, un gustoso pranzo a base di salumi tipici emiliani. Nel pomeriggio, l’itinerario prosegue alla scoperta del vino Malvasia, ammirando il Castello di Torrechiara. L’Emilia è la terra delle due ruote, dunque l’esperienza tra Parmigiano Reggiano e Parma in bicicletta è imperdibile. Il tour guidato di mezza giornata comincia in un caseificio per spostarsi nel cuore della città pedalando, con tappa negli orti sociali dove degustare un cestino di prodotti tipici o fermarsi in una storica salumeria del centro parmense.  Per un viaggio alla scoperta della Bassa Reggiana sotto lo sguardo del Po, si parte con una guida da Reggio Emilia per raggiungere Gualtieri con la sua splendida piazza rinascimentale, e proseguire a Brescello, set cinematografico a cielo aperto, in cui rivivere le storie di Don Camillo e Peppone, fra leggende e tradizioni sussurrate dal Grande Fiume. Gli amanti dei borghi, trovano nelle visite guidate nel cuore medioevale di Castell’Arquato la possibilità di rivivere i tempi di dame e cavalieri, scoprendo scorci magici e romantici fra la Chiesa Collegiata e la Rocca Viscontea. Gli appassionati di vini devono raggiungere i Colli Piacentini fra panorami dominati da pregiati vigneti e cantine. Il tour con degustazione tra le cantine del Piacentino riserva assaggi di diversi vini tipici con abbinamenti di prodotti gastronomici emiliani. Nel territorio di Piacenza, da non perdere, inoltre, le esperienze nei salumifici alla scoperta dei famosi salumi Dop piacentini, la Coppa, la Pancetta e il Salame, vincitori di numerosi premi e riconoscimenti. ­ [post_title] => Visit Emilia, esperienze e tour gastronomici tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia [post_date] => 2022-11-17T11:14:44+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668683684000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "romantik hotel turm le offerte gennaio febbraio allalpe siusi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":58,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":237,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435483","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Trasporto aereo. Il 5G è entrato nell'agenda del settore dell'aviazione europea con un orizzonte pieno di minacce. Le compagnie aeree sono preoccupate per il loro possibile impatto sulla sicurezza delle operazioni in futuro, in linea con le voci di allarme che si sono levate negli Stati Uniti. \r\n\r\nEurocontrol ritiene che l'impatto di questo problema sarà minore in Europa. Tuttavia, il suo direttore generale, Eamonn Brennan, avverte che «potrebbe minacciare la sicurezza aerea e comportare costi finanziari significativi per le compagnie aeree». \r\n\r\n«Un anno di deviazioni causate dall'interruzione delle operazioni 5G nei giorni di scarsa visibilità potrebbe costare alle compagnie aeree e agli aeroporti fino a 180 milioni di euro e interrompere i piani di viaggio fino a 1,2 milioni di passeggeri», avverte. Teme infatti che «se non facciamo nulla, c'è il rischio reale che l'aviazione venga frenata nei prossimi anni, poiché i sistemi attuali troveranno sempre più difficile soddisfare i requisiti operativi».\r\nSforzi coordinati\r\nDi fronte a questo rischio reale, richiede sforzi coordinati e urgenti per modernizzare i sistemi di comunicazione, navigazione e sorveglianza. Con ciò intende evitare una saturazione dei canali che potrebbe ostacolare il passaggio a sistemi più moderni e capaci.\r\n\r\nTra le loro richieste vi sono il miglioramento del filtraggio della banda adiacente, nonché il mantenimento degli standard delle apparecchiature aeronautiche per i sistemi legacy. Allo stesso modo, insistono sulla necessità di raggiungere il giusto equilibrio tra il dispiegamento coordinato di nuovi sistemi radio.","post_title":"Trasporto aereo: incombono le minacce del 5G per la sicurezza","post_date":"2022-12-06T10:53:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1670324005000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435256","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nÈ il Polo passeggeri il protagonista della Winter experience del Gruppo Fs. «Un attore unico capace di garantire la libertà di viaggiare ovunque con collegamenti sempre più capillari e vicini alle necessità del territorio. - Afferma Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia e capogruppo di settore del Polo passeggeri - .Il nostro impegno per il futuro è valorizzare e incentivare la scelta del treno, il mezzo green per eccellenza, favorendo modalità di trasporto collettive e interconnesse, abbinate con altri mezzi di trasporto. Grazie a un’offerta sempre più door-to-door, Trenitalia diventa così hub aggregatore del turismo nel nostro paese e oltre i suoi confini».\r\n\r\nDomenica 11 dicembre prenderà il via la Trenitalia Winter Experience 2022/23:  un’esperienza di viaggio integrata treno-bus che, a partire dalle esigenze dei clienti e dei territori serviti, garantirà un’offerta sempre più efficace, competitiva e sostenibile, con tante promozioni per contrastare il caro vita. «Il bilancio dell’anno trascorso segna una crescita positiva rispetto al 2019. - ha sottolineato Corradi - Nel 2022 si è tornati a viaggiare e i nostri progetti per il futuro sono pieni di passione e impegno. Tre i grandi temi al centro della visione del Gruppo FS: la sostenibilità e l’impegno per il futuro, l’intermodalità e, quindi, la libertà di viaggiare ovunque e la fiducia dei clienti insieme con la gioia di viaggiare insieme».\r\nItalia e Europa\r\nL’universo del Polo passeggeri guarda all’Italia e all’Europa: Frecce, Intercity, Eurocity, Euronight e Il Regionale garantiranno in Italia oltre 6.700 collegamenti in treno e più di 13.600 corse bus, mentre all’estero il nuovo mercato del Gruppo attiverà oltre 2.400 collegamenti complessivi al giorno via treno e 9.000 le corse in bus in Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Olanda e Grecia.\r\n\r\nViaggiare in treno sarà ancora più divertente per tutti, soprattutto per i più piccoli, grazie alle diverse offerte firmate anche Disney. In queste settimane sono numerose le partenze programmate verso i mercatini natalizi e in direzione delle piste da sci, mentre continuano a essere in primo piano i collegamenti con gli aeroporti e i viaggi verso le città d'arte e gli eventi di cultura e musica. Senza dimenticare l’apertura agli amici a 4 zampe che da sempre viaggiano al 50%, ma dal primo dicembre all’8 gennaio viaggeranno gratis su Frecce e Intercity.","post_title":"Gruppo Fs: la Winter experience 22/23 al servizio del Polo passeggeri","post_date":"2022-12-02T08:39:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669970385000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435231","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435232\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] René-Marc Chikli[/caption]\r\n\r\nAllarme dalla Ue. La Commissione europea ha proposto ai 27 Stati membri di limitare o addirittura eliminare del tutto il deposito cauzionale che viene versato come acconto di prenotazione di un viaggio tutto compreso, secondo quanto denuncia René-Marc Chikli, presidente di Ceto, il sindacato dei tour operator francesi. Questi depositi, che in molti paesi rappresentano circa il 30% del costo totale del viaggio, sono essenziali per finanziare l'attività b2bb di agenzie, grossisti e fornitori di trasporti. Il cliente, normalmente, paga alla data del viaggio quando quasi tutto è già stato contrattato.\r\n\r\nLa proposta Ue nasce da paesi che fino ad ora non hanno una garanzia finanziaria per i depositi consegnati all'intermediario (in diversi paesi, come la Francia o la Gran Bretagna, l'assicurazione copre questo denaro). In Germania la garanzia copre appena 150 milioni, ma quelli scoperti dal fallimento di Thomas Cook hanno superato i 700 milioni, che sono caduti sulle spalle dello Stato.\r\nModello di business in crisi\r\nChikli ha spiegato al meeting Ceto, in corso in questi giorni, che l'Europa \"mette in discussione la nozione di deposito, sebbene il suo principio non abbia sollevato alcun problema in Francia\" negli anni in cui è stato applicato.\r\n\r\nSe questi depositi sono limitati o scompaiono, l'attuale modello di business del tour operator dovrebbe essere riconsiderato. \"Rappresenta un grande rischio per il modello b2b\", avvertono in Francia. Lo squilibrio sarebbe ancora maggiore per la distribuzione, con il rischio di fallimenti. Il flusso di cassa delle agenzie di viaggio si basa in quasi tutti i paesi sui depositi.\r\n\r\nI tour operator hanno annunciato che faranno pressione su Bruxelles per cambiare l'orientamento della modifica della direttiva.","post_title":"L'Ue vuole abolire il deposito di cauzione da versare alle agenzie di viaggio","post_date":"2022-12-01T12:44:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669898661000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434783","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"No alle cassandre, sì alle buone notizie. E non per partito preso, ma sulla base di dati concreti, quelli emersi dall'ultima analisi firmata dall'European House Ambrosetti e illustrati ieri dal managing partner e ad Valerio De Molli, in occasione dell'edizione 2022 del BizTravel Forum.\r\n \r\nNel 2023 la crescita del Pil dell’Italia, secondo diversi istituti di riferimento, dovrebbe attestarsi attorno allo 0,3-0,4%, mentre per il Fondo Monetario Internazionale (Imf) si passerà al -0,2%; sempre secondo quest'ultimo l'anno prossimo un terzo dell'economia globale sarà in recessione, e la produzione globale potrebbe essere inferiore ai 2.800 miliardi di dollari.\r\nMa si tratterebbe comunque di una crescita, che per ritrovare il giusto impulso non potrà prescindere da una ritrovata \"spinta sui consumi, che incidono per ben il 60% circa sul Pil italiano”. Va poi letto in positivo il dato del secondo trimestre 2022 \"quando l'Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto ai primi tre mesi (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia anche grazie al contributo del settore turistico”.\r\n \r\nIl conflitto in Ucraina, l'inflazione galoppante e rincaro dei beni energetici hanno costretto l’Imf a rivedere al ribasso il Pil italiano nel 2022, con una crescita stimata del 3,2%. Risultato comunque migliore rispetto a quelli previsti per Francia (2,5%) e Germania (1,5%)\".\r\n \r\n“Nel secondo trimestre del 2022 l’Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto al primo trimestre (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Inoltre, anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia e ciò anche grazie all’apporto del comparto turistico”.\r\nL'Italia ha recuperato attrattività sui mercati internazionali, in termini di investimenti dall'estero e sempre nel 2021 ha assistito \"ad una forte ripresa degli scambi turistici, post pandemia: gli arrivi totali dell'anno sono pari al 78,7% del 2019, dato che sale al 90,3% considerando il mese di agosto\". Quest'anno, nel trimestre giugno-agosto \"gli arrivi sono pari al 90% di quelli registrati nello stesso periodo 2019. Risultati straordinari nonostante manchino i flussi da aree quali la Cina o la Russia a testimonianza della voglia di italianità, della passione che il mondo ha per il nostro paese\".\r\n \r\nNessun \"allarme rosso\" quindi, \"preoccupazione, certo\". Ma secondo lo studio Ambrosetti, il sentiment è positivo, \"con metà degli imprenditori che starebbe valutando di riportare in Italia alcune fasi della filiera produttiva e anche il debito pubblico sarebbe destinato a calare nei prossimi anni, tornando ai livelli pre crisi nell'arco di sette anni, chiaramente in assenza di shock esogeni imprevedibili\".\r\n ","post_title":"Ambrosetti sul 2023: spazio alla positività, malgrado persistano le criticità","post_date":"2022-11-25T10:23:58+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669371838000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434715","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates e flydubai al giro di boa dei primi cinque anni di partnership: i due vettori hanno dato il via alla loro collaborazione nel novembre del 2017, per offrire ai clienti opzioni di viaggio in tutto il mondo. In questi anni il network di rotte congiunte si è notevolmente ampliato consentendo a più di 11 milioni di viaggiatori di muoversi su oltre 250.000 voli.\r\nLa partnership va oltre il modello standard di codeshare e oggi include una collaborazione di rete integrata, ottimizzazione degli orari, connettività senza interruzioni con l'aeroporto internazionale di Dubai tra i Terminal 2 e 3, trasferimenti di bagagli su un unico itinerario, nonché vantaggi di fidelizzazione reciproci nell'ambito del programma fedeltà, Emirates Skywards.\r\nIn particolare, il network odierno consente ai passeggeri di scegliere tra 215 destinazioni in 98 paesi, con oltre 250 voli in codeshare; i clienti Emirates possono prenotare voli per oltre 80 destinazioni offerte da flydubai mentre i clienti di quest'ultima possono scegliere tra oltre 99 destinazioni offerte da Emirates. Le destinazioni più richieste, per affari o per piacere, includono: Kathmandu, Kuwait, Maldive, Tel Aviv e Zanzibar.","post_title":"Emirates e flydubai: oltre 11 milioni di passeggeri in cinque anni di partnership","post_date":"2022-11-24T11:37:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669289825000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434567","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ö Magazin, il bistrot a Santa Margherita Ligure, spin off dello storico ristorante a Portofino della famiglia Mussini, dal prossimo dicembre, si presenta con un’offerta rinnovata, che punta a proporre i più iconici piatti regionali nella loro autenticità.\r\n\r\nRingraziando l’imprenditore milanese Marcello Forti per il contributo apportato durante la stagione estiva con la formula del bistrot, Simona ed Emilia Mussini danno così vita a l’Österia Ö Magazin, Cucina genovese di riconoscenza, un progetto che nasce dall’intento rinnovato di proporre le tipiche ricette della tradizione gastronomica locale e riportare in auge i veri sapori e profumi di Liguria.\r\n\r\nUn inno alle tavole di pizzo, al profumo di lavanda che permeava l’atmosfera nelle antiche case nobiliari e ad una grande Genova, che torna a vivere grazie alle specialità enogastronomiche che omaggiano la cucina di una volta. A guidare la brigata di cucina della nuova osteria rimane la sapiente mano dello Chef genovese Edoardo Ferrera, cuoco “nomade e irrequieto” che firma un percorso gastronomico nella cucina territoriale della tradizione. Un vero e proprio viaggio attraverso i sapori sinceri e veraci della Liguria, che racconta la storia dalle origini per arrivare ad oggi attraverso proposte in cui passato e presente costituiscono gli ingredienti principali per una vera cucina genovese di riconoscenza.\r\n\r\nIl progetto imprenditoriale Ö Magazin nasce originariamente nel 2017 dall'incontro tra le sorelle Simona ed Emilia Mussini e lo Chef Edo Ferrera che, da liguri Doc, vogliono promuovere la propria tradizione gastronomica attraverso una sensibilità romantica, un  ritorno ad uno “spirito di bottega” antico e alla valorizzazione di sapori autentici.\r\n\r\nDal 1990 la storia del ristorante Ö Magazìn a Portofino si lega indissolubilmente a quella della famiglia Mussini e al mondo del mare. Le sorelle Emilia e Simona rilevarono l’attività di quel vecchio “magazzino” dove i nonni custodivano le reti e l’attrezzatura da pesca e ne fecero il ristorante, punto di riferimento che è oggi. La famiglia Mussini, a capo dal 1949 di uno storico cantiere navale fondato da Giorgio Mussini, è da sempre legata al mare e al Tigullio tanto che il richiamo alla nautica e ai suoi elementi è evidente anche nel design e nella concezione del ristorante. Dal 2019 Ö Magazin raddoppia, aprendo il bistrot nel centro storico di Santa Margherita, che da dicembre 2022 si trasformerà nell’ Österia Ö Magazìn, omaggio all’autentica tradizione gastronomica regionale. Tra le novità in programma, anche l’apertura di un’enoteca, in cui verranno serviti i tipici prodotti esclusivi della regione e uno spazio verrà destinato a un laboratorio, nel quale personalità celebri della Liguria potranno utilizzare per presentazioni o degustazioni.","post_title":"Santa Margherita Ligure, Ö Magazin, il bistrot tra i caruggi, punta su sapori e profumi della Liguria","post_date":"2022-11-24T10:04:01+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1669284241000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434479","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New York guarda al 2023 e alla nuova edizione della Nyc Hotel Week, in calendario dal 3 gennaio al 12 febbraio prossimi: per l'occasione sarà possibile soggiornare in città con un risparmio del 23% sulle tariffe standard delle camere in più di 140 hotel in tutti e cinque i distretti.\r\n\r\n\"La Nyc Hotel Week offre le migliori proposte dell'anno per i viaggiatori che desiderano visitare i cinque distretti o per i newyorkesi che si concedono un soggiorno - ha dichiarato Fred Dixon, presidente e ceo di NYC & Company -. Se combinate con le altre offerte della nostra più ampia Nyc Winter Outing - come la Nyc Restaurant Week, la Nyc Broadway Week e la Nyc Must-See Week - si possono ottenere enormi vantaggi praticamente su ogni aspetto di una visita a New York City a gennaio e febbraio, rendendo la stagione invernale incredibilmente attraente\". Le prenotazioni alberghiere sono già disponibili e invitiamo tutti a programmare una visita o a regalare un soggiorno a New York durante le festività natalizie.\r\n\r\nIntanto, la Grande Mela ha registrato una performance alberghiera stabile: la città continua a generare i più alti livelli di occupazione settimanale e tariffe medie giornaliere tra i 25 mercati principali, con la domanda alberghiera dell'autunno 2022 che recupera ogni settimana circa il 90% del benchmark del 2019. New York City conta oltre 124.000 camere d'albergo operative e si prevede che altre 11.000 camere entreranno in funzione nei prossimi tre anni.","post_title":"New York, conto alla rovescia per la Nyc Hotel Week: -23% sulle tariffe di oltre 140 strutture","post_date":"2022-11-21T11:57:24+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669031844000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434400","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Iberia ha reso disponibili i propri contenuti Ndc per le agenzie di viaggio in Italia attraverso l'Amadeus Travel Platform. Le adv italiane che si collegheranno all'Ndc di Iberia tramite Amadeus potranno quindi cercare, confrontare, prenotare e servire i propri clienti in un unico ambiente di prenotazione.\r\n\r\nAllo stesso modo, i contenuti presenti sull'Ndc consentiranno agli agenti di viaggio di disporre di informazioni più dettagliate e pertinenti per soddisfare meglio le esigenze dei viaggiatori. Tra i vantaggi per le agenzie, l'accesso a una gamma più ampia di opzioni per le tariffe, a servizi accessori esclusivi, a offerte e campagne speciali solo per Ndc e a rimborsi del 100% per le prime 24 ore, senza Adm legati a tariffe, rimborsi o disponibilità.","post_title":"Iberia: contenuti Ndc disponibili per le agenzie italiane sulla piattaforma Amadeus","post_date":"2022-11-18T14:21:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1668781265000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434276","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Emilia, la Terra dello Slow Mix fra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, è un concentrato di iniziative uniche tra corsi di cucina, visite nei luoghi di produzione delle eccellenze della Food Valley, castelli incantati e centri storici. Con Visit Emilia l'offerta spazia nei diversi settori.\r\n­\r\nCorsi di cucina con esperte rezdore emiliane, immersioni gastronomiche nei luoghi in cui nascono le prelibatezze della Food Valley italiana, pedalate nel cuore dei paesaggi che dall’Appennino Tosco Emiliano scendono sinuosi fino al fiume Po o viaggi sulla tracce di castelli incantati. L’Emilia, la Terra della Slow Mix, dove ogni vacanza è unica ed eclettica, è uno stile di vita che si declina in una miriade di esperienze, tutte da sperimentare tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, grazie alle coinvolgenti iniziative degli operatori delle reti di Visit Emilia,  Food & Wine, Cultura & Castelli, Terme & outdoor.\r\n\r\nPer immergersi nello stile emiliano, bisogna cominciare con un tour gastronomico tra Parma e Reggio Emilia. Si inizia con la degustazione del tradizionale Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia Dop e la visita all’acetaia di una delle più prestigiose aziende agricole reggiane, per continuare il viaggio tra le colline parmensi e visitare uno dei produttori del famoso Prosciutto di Parma, per assaporare, infine, un gustoso pranzo a base di salumi tipici emiliani. Nel pomeriggio, l’itinerario prosegue alla scoperta del vino Malvasia, ammirando il Castello di Torrechiara.\r\n\r\nL’Emilia è la terra delle due ruote, dunque l’esperienza tra Parmigiano Reggiano e Parma in bicicletta è imperdibile. Il tour guidato di mezza giornata comincia in un caseificio per spostarsi nel cuore della città pedalando, con tappa negli orti sociali dove degustare un cestino di prodotti tipici o fermarsi in una storica salumeria del centro parmense. \r\n\r\nPer un viaggio alla scoperta della Bassa Reggiana sotto lo sguardo del Po, si parte con una guida da Reggio Emilia per raggiungere Gualtieri con la sua splendida piazza rinascimentale, e proseguire a Brescello, set cinematografico a cielo aperto, in cui rivivere le storie di Don Camillo e Peppone, fra leggende e tradizioni sussurrate dal Grande Fiume.\r\n\r\nGli amanti dei borghi, trovano nelle visite guidate nel cuore medioevale di Castell’Arquato la possibilità di rivivere i tempi di dame e cavalieri, scoprendo scorci magici e romantici fra la Chiesa Collegiata e la Rocca Viscontea.\r\n\r\nGli appassionati di vini devono raggiungere i Colli Piacentini fra panorami dominati da pregiati vigneti e cantine. Il tour con degustazione tra le cantine del Piacentino riserva assaggi di diversi vini tipici con abbinamenti di prodotti gastronomici emiliani. Nel territorio di Piacenza, da non perdere, inoltre, le esperienze nei salumifici alla scoperta dei famosi salumi Dop piacentini, la Coppa, la Pancetta e il Salame, vincitori di numerosi premi e riconoscimenti.\r\n\r\n­","post_title":"Visit Emilia, esperienze e tour gastronomici tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia","post_date":"2022-11-17T11:14:44+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1668683684000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti