21 September 2021

La Design Week delude le aspettative degli hotel: il bt stenta a decollare

[ 0 ]

Il Principe di Savoia di Milano

Soddisfazione per il ritorno di un evento essenziale per la destinazione Milano, senza tuttavia nascondere un pizzico di delusione per una domanda che ancora stenta a decollare. E’ questa la reazione degli hotelier meneghini ai risultati fino a oggi ottenuti con la Design Week, tradizionalmente il momento di picco per l’industria dell’ospitalità cittadina. Anche se, considerato l’elevato flusso di prenotazioni last minute, per il bilancio complessivo bisognerà attendere il termine dell’evento, i primi segnali raccolti da Pambianco Hotellerie vanno in effetti nella direzione di una settimana nettamente sotto i livelli dell’era pre-Covid.

Il Principe di Savoia, per esempio prevede di chiudere la Design Week con presenze inferiori del 60%-70% rispetto all’edizione 2019, con un’occupazione media che dovrebbe aggirarsi attorno al 50%-60%. Stando al gm della struttura, Ezio Indiani, il motivo risiederebbe nel numero limitato di espositori, nonché ovviamente nelle restrizioni correnti ai viaggi internazionali che scoraggiano la domanda da oltre confine.

Non va in maniera tanto differente neppure agli indirizzi del gruppo Nh. Normalmente, ha spiegato l’operations director Italia e Usa della compagnia, Marco Gilardi, durante il Salone del Mobile si riempivano non solo gli alberghi di Milano, ma anche quelli di Bergamo, Lecco e persino Torino, con tariffe per di più piuttosto elevate. Quest’anno invece le previsioni parlano di una presenza compresa tra il 15% e il 20% di ospiti legati alla Design Week nei soli 12 indirizzi meneghini del gruppo, che dovrebbero di conseguenza viaggiare con un’occupazione media del 60% circa. 

Per il 4 stelle Savona 18 Suites di Blu Hotels i livelli di domanda limitati si traducono infine soprattutto in un calo sensibile delle tariffe: dai 750-800 euro del 2019 agli attuali 450-500 euro a notte, sottolinea la events & communication manager della compagnia, Manuela Miraudo.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti