26 September 2021

GB Hotels Abano Terme: un Gruppo alberghiero che significa benessere a 360°

[ 0 ]

Il Gruppo GB Hotels è il principale di Abano Terme, la località più nota delle “Terme Euganee”.
5 strutture di alto profilo, non solo dal punto di vista dell’ospitalità ma, e soprattutto, sanitario, terme intese non solo come centri benessere, ma realmente abbinati ad un concetto di “cura” secondo quanto praticato dai nostri progenitori romani,  Salus per Aquam.

Vi sono testimonianza che qualificano Abano, già dal I secolo d.C., come un luogo dove si conosceva il potere curativo delle acque.
E proprio su questo la famiglia Borile, proprietaria del gruppo, ha basato la propria attività.
Sebbene non il primo, in ordine cronologico, della catena, che conta cinque strutture, l’Abano Grand Hotel, aperto ex novo nel 1998, è il più prestigioso del gruppo, nato nel 1979 dal lavoro e dalle intuizioni dei coniugi Aldo e Tina Borile. Aldo abile inventore di congegni per l’estrazione dell’acqua termale, molto difficile da gestire sotto l’aspetto della meccanica, Tina donna dal gusto ineccepibile appassionata di antiquariato.
Si trova nel centro di Abano Terme, con l’intento di trasformare il soggiorno termale un’esperienza di lusso.

Chiara Borile

«Il nostro fiore all’occhiello – spiega Chiara Borile, una dei tre proprietari della catena a conduzione familiare – sorge al centro di un parco di 20mila metri quadrati che dispone di 3 grandi piscine utilizzabili tutto l’anno con temperature che cambiano a seconda della stagione. Il punto di forza della struttura è la “Romanae Thermal Spa” dove si utilizza l’acqua salsobromoiodica ricca di sali minerali, iodio e bromo in una combinazione unica al mondo dalle preziose proprietà anti-infiammatorie, che sorge proprio vicino alla spa. Abbiamo voluto dare una connotazione architettonica di spazi e decori ispirati a ricreare l’ambiente originale delle terme romane proprio per onorare questo tempio dell’equilibrio psico-fisico, del benessere, della bellezza anti aging».

Ed è proprio qui che la storia delle terme romane incontra la tecnologia e la precisione di protocolli e rituali unici, basati sui trattamenti di fango termale maturo con le sue alghe benefiche, cui si è aggiunto proprio in questo periodo storico il trattamento “Long covid” destinato  alla ripresa delle persone colpite dal virus e che hanno difficoltà fisica e psicologica alla ripresa, attraverso attenti trattamenti mirati, sotto la direzione della dottoressa Francesca Fornasini, direttore sanitario dei GB Thermae Hotels.

De luxe Panorama Suite

L’Abano Grand Hotel offre 191 camere che possono essere raggruppate in 3 macrocategorie:
51 Camere Classic  da 45 mq a 60 mq tutte con balcone e arredo in stile Luigi XV. Luminosissimi bagni in marmo. 115 Camere Deluxe con ampio balcone con vista sul parco e sulla piscina, ubicate ai piani alti dell’hotel. Finemente arredate in stile Luigi XV, misurano 53 m² e dispone di un elegante bagno in marmo con vasca e doccia.
25 Junior Suite e Suite.
Le Junior Suite, lussuose e tranquille misurano 60 m² con balcone arredato da cui si gode la vista sulla città di Abano o sul parco dell’Hotel. L’Imperial Suite è una raffinata e ampia suite di 107 m², con tranquilla terrazza arredata con vista sulla città, composta da 2 ambienti con pavimento in caldo legno pregiato nel salotto con scrittoio e zona business e con soffice moquette in colori pastello nella camera da letto. La Presidential Suite arredata con colori caldi ed accoglienti, misura 107 m² e dispone di un ampio salotto con scrittoio e bagno “Ospiti” nella zona living. Il pavimento è in caldo legno pregiato e soffice moquette nei colori pastello

L’ingresso alla Romanae Spa

«Un altro aspetto, complementare su cui insistiamo – prosegue Chiara Borile  – la Venezia spa nella quale entri e come per incanto vieni trasportato nel fascino di Venezia, nelle sue architetture, nella sua magica atmosfera. Forme e colori evocano tutto di questa città, così vicina, e il muoversi fra i vari ambienti della spa sarà come muoversi fra i palazzi e i canali di Venezia: passerete dal Campo d’Argilla alla Corte del Vapore, all’Isola della Sauna, al Calle del Freddo. Un viaggio seducente, che coinvolge i sensi e il corpo in un’armonia totale».

La ristorazione , come la squisita accoglienza coordinata dal gm, Paolo Tacchetto, è particolarmente curata: dal  Ristorante Giotto riservato alla prima colazione all’ Étoile, nel parco, per un pranzo a bordo piscina con una grigliata di carne, pesce o verdure. Il Bistrot I Quadri, dove tutto il giorno sfilano i piatti e la pasticceria, per uno spuntino o un aperitivo. Fa da contraltare al James Bond Bar, il posto perfetto per un cocktail con cui aprire o chiudere la serata e poi il fiore all’occhiello, il Ristorante dedicato a Pietro d’Abano, che spicca per l’alta cucina accompagnata dalle note del pianoforte e per un servizio d’altri tempi.

MT




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti