29 January 2023

Blu Hotels: dal 4 dicembre al via la stagione invernale delle strutture montane

[ 0 ]

Come vuole tradizione, in prossimità del ponte dell’Immacolata, e di Sant’Ambrogio per i milanesi, il prossimo 4 dicembre parte la stagione invernale della montagna firmata Blu Hotels.I primi ad aprire le porte saranno il Linta Hotel Wellness & Spa di Asiago, con uno splendido panorama sulle montagne circostanti, il Blu Hotel Natura & Spa di Folgaria, a pochi passi dal centro della località e vicino alle piste da sci e agli impianti di risalita e, per la prima stagione firmata Blu Hotels, l’hotel Rezia di Bormio, struttura storica dell’ospitalità valtellinese.

Sono fissate per il 18 dicembre le riaperture di altri due hotel: il Golf Hotel di Folgaria, direttamente sulle piste da sci, e il Blu Hotel Acquaseria di Ponte di Legno, nella splendida cornice dell’Adamello. Il calendario si completerà giovedì 23 dicembre con il Grand Hotel Misurina, che si affaccia sulle rive del suggestivo lago omonimo, con lo Sporthotel Kurzras di Maso Corto, in Val Senales, che si affianca nell’offerta al Blu Hotel Senales: Zirm-Cristal, aperto già da alcune settimane e, infine, con il Grand Hotel del Parco a Pescasseroli, nel Parco Nazionale d’Abruzzo.

I ristoranti interni agli hotel e i centri benessere saranno tutti in funzione, nel rispetto delle direttive nazionali stabilite in tema di contrasto alla pandemia. “Abbiamo hotel in alcune delle più note località sciistiche del nostro Paese e siamo costantemente impegnati a garantire ai nostri ospiti soggiorni all’insegna del comfort, dell’alta qualità e della sicurezza – sottolinea la events & communication manager del gruppo, Manuela Miraudo -. Consapevoli di dover ancora fronteggiare l’emergenza legata alla pandemia, siamo comunque pronti ad aprire le porte dei nostri hotel di montagna, con la speranza che possa essere finalmente una stagione ‘con i fiocchi”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438068 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si rinnova il programma WestinWorkout lanciato una decina di anni fa dall'omonimo brand del gruppo Marriott. La compagnia ha sviluppato in particolare due nuovi kit noleggio attrezzature, che includono tra le altre cose massaggiatori a percussione e a compressione a marchio Hyperice, ideali per il recupero muscolare post-allenamento come pure per alleviare dolore e tensione muscolare dopo un lungo viaggio. Ci sono poi le soluzioni di allenamento total body del brand di accessori fitness Bala, per allenarsi in camera o all'aperto. "Il wellness è sempre stato al centro della nostra mission - spiega la global brand leader Westin Hotels & Resorts e vicepresidente distinctive premium brands, Marriott International, Jennifer Connell -. Negli ultimi dieci anni, attraverso il nostro programma WestinWorkout, abbiamo aiutato i nostri clienti a mantenere o persino migliorare le loro routine di allenamento in viaggio. Poiché il fitness e il recupero muscolare sono ormai gesti di benessere essenziali per la nostra clientela, abbiamo ripensato il nostro programma per renderlo più versatile, avvalendoci della collaborazione con le aziende più innovative del settore". Per chi volesse inoltre acquistare direttamente l'attrezzatura, è possibile richiedere un codice promozionale da utilizzare direttamente sui siti web di Bala e Hyperice. In futuro, Westin intende ampliare ulteriormente il programma di noleggio aggiungendo nuovi kit all'offerta attuale e proponendo ai clienti esperienze sempre nuove. [post_title] => Westin aggiorna il suo programma noleggio attrezzature fitness [post_date] => 2023-01-27T10:23:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674815028000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437889 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tre proposte di viaggio, e numerose partenze di gruppo con tour leader professionista, per offrire esperienze multiple e variegate, in una destinazione dal grandissimo potenziale. E' l'Algeria di Shiruq, che ha deciso quest'anno di puntare decisamente sulla più importante meta di archeologia romana al mondo dopo l'Italia.  Un viaggio nel Nord regala in particolare emozioni continue. Tra le meraviglie, Djemila, Timgad e Tipasa, triade archeologica Patrimonio Unesco dal 1982, donano esperienze tra loro molto diverse, complici i panorami che da secoli cullano queste antiche perle d’Africa. La varietà è caratteristica propria anche dell'aspetto naturalistico del Paese, principalmente conosciuto per il suo deserto, erroneamente immaginato come una grande distesa uniforme, assolutamente senza vita e monotona all'occhio del viaggiatore. In realtà il Sahara è capace di mutare in continuazione il suo volto ed è brulicante di vita. Ad alternarsi, infatti, sono vaste depressioni, altopiani che superano i 2 mila metri, tavolati rocciosi, dune di sabbia, pianure pietrose, formazioni vulcaniche e piccole oasi. A sud-est, al confine con la Libia resistono tra le altre cose da millenni pitture rupestri e incisioni, che sono piccoli capolavori dell’arte preistorica. Una menzione speciale va infine ad Algeri, probabilmente la più bella città del Nord Africa: le abitazioni, i palazzi, le moschee formano infatti un'enorme distesa di edifici distribuita su svariate colline. Il colore predominante è il bianco abbinato al blu del mare. La decadenza della casbah si sposa con gli eleganti viali alberati e i signorili palazzi coloniali. Come parte integrante dell’influenza culturale francese non si può tralasciare la gastronomia e le profumatissime panetterie, che sfornano pane caldo a ogni ora del giorno. [post_title] => Shiruq fa rotta sull'Algeria con tre proposte di viaggio [post_date] => 2023-01-25T10:13:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674641623000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437873 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Esordio in Liguria per IOBUS, la start up tutta italiana che, dopo aver lanciato su Roma, nell’aprile scorso, i tour esperienziali in otto lingue, estende questa tipologia d’offerta turistica a La Spezia, proponendo due tour nel famoso e suggestivo Golfo dei Poeti, programmati a Lerici e a Porto Venere.  Il progetto nasce da una partnership siglata con SAT di Viaggi Capa, storico operatore locale, da sempre impegnato nello sviluppo turistico di La Spezia e Massa Carrara, che attualmente dispone di una flotta di bus Gt composta da minibus a nove posti e pullman fino a 88 posti. I tour Il primo tour, identificato con la ‘Linea Rossa’ prevede fermate a Piazza Chiodo, di fronte al Museo tecnico Navale, a Porto Venere, Patrimonio Unesco con sosta al borgo, e rientro a La Spezia lungo la Via Napoleonica. Il secondo tour, ‘Linea Blu’, è programmato con fermate a Venere Azzurra/San Terenzo, baia caratterizzata da Villa Marigola del XVIII secolo, ed a Lerici col suo borgo dominato dal Castello del 1152. «Il lancio di questi nuovi tours – sottolinea il Presidente di Iobus, Giuseppe Cilia – è la conferma di una strategia di sviluppo sul territorio nazionale, che avevamo già espresso agli esordi nella capitale la scorsa primavera. Ora, in soli 8 mesi e con un partner affidabile come SAT di Viaggi Capa, ampliamo le nostre proposte di tours cittadini, realizzando due itinerari di grande suggestione alla scoperta di una eccellenza ligure come il Golfo dei Poeti che ogni anno attira migliaia di turisti italiani e stranieri e numerosi crocieristi. Riguardo poi l’andamento del nostro primo anno di attività su Roma siamo pienamente soddisfatti dei risultati raggiunti e anche nel 2023 proseguiremo le collaborazioni con i più importanti tour operator». Viva soddisfazione espressa anche dal partner dell’operazione: «Da anni – osserva infatti Luca Lorenzini, titolare di SAT di Viaggi Capa - abbiamo sviluppato un servizio di tour operating dedicato al turismo in arrivo ai vari Porti di La Spezia, Marina di Carrara e Livorno offrendo possibilità di raggiungere le più famose località turistiche della Toscana e della Liguria; con questo nuovo servizio si consolida l’offerta incoming locale con l’eccellenza di un territorio come il Golfo dei Poeti. Con questo nuovo progetto di Iobus La Spezia, puntiamo ad internazionalizzare l’offerta, sia con le navi da crociera che con i turisti fai da te». [post_title] => IOBUS lancia i tours nel Golfo dei Poeti a La Spezia [post_date] => 2023-01-25T08:45:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674636314000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437822 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numeri importanti e davvero incoraggianti per Kel 12 che ha chiuso il bilancio 2021-22 allo scorso 30 settembre con un giro d'affari complessivo praticamente sui livelli del 2019: quasi a quota 13 milioni di euro, contro i 13,7 milioni registrati nell'anno pre-Covid. Ma quello che è forse più importante è il dato sui margini, che hanno raggiunto livelli persino superiori, grazie a tassi di riempimento davvero elevati. "L'ultimo bilancio è andato meglio di quanto ci aspettassimo dalla ripresa del mercato - racconta il presidente Kel 12, Massimo Grossi -. Abbiamo infatti chiuso con un ebit oltre i 500 mila euro (profitti ante-imposte e interessi, ndr), mentre gli utili netti si sono attestati sopra i 250 mila euro. Numeri apparentemente non enormi, ma chi conosce le marginalità medie del nostro settore sa quanto siano in realtà significativi". E il 2022/23 sta andando ancora meglio: "A oggi abbiamo già raggiunto i risultati del 2022 - rivela infatti l'amministratore delegato del to, Gianluca Rubino -. A parità di periodo siamo al 30% in più per entrambi i brand (Kel 12 e i Viaggi di Maurizio Levi acquisito in piena pandemia, ndr). Per la chiusura dell'anno finanziario prevediamo di toccare quota 22 milioni di euro di fatturato, contro i 19 milioni che i due marchi distinti hanno messo a segno in totale nel 2019". L'obiettivo è quindi di salire ulteriormente a 25 milioni nel giro di tre anni. "A prima vista potrebbe sembrare un traguardo poco sfidante, dati i trend di crescita attuali - aggiunge Rubino -. Ma occorre tener conto della nostra tipologia di prodotto, che non permette uno sviluppo esponenziale dell'offerta. Basti pensare al fatto che la nostra linea più importante (quella dei viaggi con esperti rappresenta l'80% del nostro business complessivo) nel periodo di Capodanno ha registrato un record di 51 partenze. Ed è davvero difficile anche solo pensare di aumentare ulteriormente il numero di archeologi, antropologi, biologi... coinvolti come esperti nei nostri viaggi". Per il prossimo futuro, l'operatore milanese pensa quindi a incrementare ulteriormente l'integrazione verticale del prodotto, tramite joint venture ad hoc con i partner locali, come per esempio è già avvenuto per le due dahabeye egiziane. "Si tratta di operazioni che ci consentono di aumentare ulteriormente la qualità dei nostri prodotti - sottolinea Rubino -. Prossimamente pensiamo ad altre iniziative simili in Algeria, Arabia Saudita, Namibia, e India". Per quanto riguarda i clienti finali, i piani sono di incrementare ulteriormente il già elevato livello di engagement dei viaggiatori. "Pochi mesi fa abbiamo lanciato un nostro programma fedeltà, il Travel Klab, in collaborazione con Europ Assistance, mentre per l'estate sarà pronta una app proprietaria, pensata per facilitare la fruizione dei nostri servizi in viaggio". Infine, lato distribuzione, il focus rimane decisamente sulla formazione. "Data la peculiarità del nostro prodotto, storicamente lavoriamo con un panel di agenzie selezionate che oggi sono circa 300-400 - conclude Rubino -. Con un centinaio di loro conduciamo anche operazioni di co-marketing, per esempio per l'organizzazione di eventi e incontri con i nostri esperti, soprattutto nelle località più lontane dalle nostre sedi, che fatichiamo a raggiungere da soli". [post_title] => Kel 12: fatturato a livelli pre-Covid; i margini persino meglio [post_date] => 2023-01-24T12:46:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674564394000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437767 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Th Costa Rei - Free Beach Resort il nuovo indirizzo sardo del gruppo Th, che sale in questo modo a quota 16 strutture mare, undici montagna e quattro urban, tutte localizzate in Italia. La nuova acquisizione è stata condotta in partnership con Iti Marina Hotels & Resorts e riguarda l'ex Free Beach Resort, già di proprietà di Giovanni Nonne, ex presidente Gestitur. Il complesso, situato in una delle aree più suggestive della costa sudorientale dell'isola, è dotato di 400 camere disposte in un anfiteatro naturale e immerse nella macchia mediterranea di fronte alla spiaggia di Costa Rei. “Quella che festeggiamo oggi è una tappa importante - spiega il presidente del gruppo Th, Graziano Debellini -: il Th Costa Rei - Free Beach Resort era nei nostri obiettivi da tempo e consolida ulteriormente il nostro posizionamento e la nostra presenza sull’isola". Dopo il Th Chia - Parco Torre Chia, la compagnia padovana torna quindi a investire in Sardegna, dove gestisce anche il Th San Teodoro - Liscia Eldi e il Tci La Maddalena, nel nord dell’isola. “Questi anni sono stati una grande sfida che ci sentiamo di aver vinto con grande sacrificio, flessibilità, fiducia e un forte spirito di squadra, che caratterizza da sempre la famiglia Th - aggiunge l’amministratore del gruppo, Giuliano Gaiba -. L’entrata nel nostro portfolio sardo di questo importante e storico villaggio vacanze, molto apprezzato a livello internazionale, rientra nel nostro progetto di crescita ed espansione, che vede tra i tanti obiettivi l’acquisizione di un altro resort entro i prossimi mesi”. “Il poter annoverare, dopo 45 anni di attività sul territorio, lo storico e rinomato Free Beach Resort tra le nostre 35 proprietà è, per me e la mia famiglia, motivo di forte orgoglio e sentita soddisfazione professionale, oltreché personale - conclude infine Piero Loi, direttore generale Iti Marina Hotels & Resorts. [post_title] => Th Resorts cresce in Sardegna con lo storico Free Beach Resort [post_date] => 2023-01-23T11:55:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674474947000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437717 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Crescono le presenze nelle strutture R Collection e si definiscono i gusti della clientela. "La stagione 2022 si è conclusa con un grande successo per il gruppo – sottolinea Ludovica Rocchi, brand director della compagnia - con risultati oltre a quanto programmato, raggiungendo un 35% in più rispetto al 2021. Le tendenze che si sono confermate nella stagione appena passata sono state il forte interesse per la ristorazione e per il benessere: due asset fondamentali che poniamo ai primi posti della nostra vision, insieme a un modello di ospitalità esperienziale in sintonia con l’anima, la storia, i profumi e i sapori del territorio". Molte le novità per quanto concerne le strutture. Sul lago di Como, il Grand Hotel Victoria amplierà i propri servizi grazie al nuovo investimento nella gestione del lido di Menaggio, mentre l’hotel Royal Victoria e Villa Cipressi a Varenna presenteranno nuove proposte f&b, accompagnate dal rinnovamento dell’interior design degli spazi della ristorazione e da una veranda inedita, che consentirà di godere di una vista ancora migliore sul lago. Continueranno quindi i lavori a Cernobbio per l’apertura nella primavera del 2024 del Regina Olga. "Spostandoci sulla Portofino Coast in Liguria – conclude Ludovica Rocchi -, il Grand Hotel Bristol riaprirà le proprie porte il prossimo 10 marzo come una struttura lifestyle a 5 stelle, forte della recente affiliazione al brand Small Luxury Hotels of the World. Miriamo così a declinare il modello Dolce vita in un concetto contemporaneo di ospitalità, valorizzando comfort esclusivi e servizi di qualità». [post_title] => Rocchi, R Collection: cresce l'interesse per benessere, ristorazione e vacanza esperienziale [post_date] => 2023-01-23T10:17:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674469037000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437685 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437687" align="alignleft" width="300"] Giovanni Battista Calì[/caption] Un Osservatorio sul turismo per monitorare le leggi del settore, informare gli operatori, fornendo loro servizi adeguati, e contribuire alla formazione di oltre diecimila commercialisti di Roma, assicurando il mantenimento di una elevata preparazione specialistica nonostante le continue evoluzioni della normativa e del mercato. È l’obiettivo dell’Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Roma, presieduto da Giovanni Calì, che ha costituito il nuovo organo composto da dieci membri, fra cui otto commercialisti esperti della materia, un avvocato e un architetto. “Il turismo è pienamente ripartito dopo la pandemia e, in Italia e nel mondo, Roma recita un ruolo da protagonista - commenta Calì -. Secondo lo studio Sociometrica, basato sui dati Istat, la Capitale domina infatti la classifica delle città italiane che hanno creato nel 2022 maggiore ricchezza col turismo. Roma quest’anno ha generato l’8,7% del Pil turistico nazionale, per un reddito di 7,6 miliardi di euro, un risultato che è più del doppio del valore di Milano, seconda classificata. Si tratta dunque di una risorsa molto importante, soprattutto dopo la pandemia che aveva rallentato e in alcuni periodi azzerato i flussi turistici”. “Da gennaio a ottobre 2022, le presenze di turisti a Roma hanno sfiorato i 28 milioni”, evidenzia Andrea Borghini, presidente della Fondazione Telos - Centro Studi dell'Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Roma. “Le sole strutture ricettive ufficiali nella capitale superano le 20 mila, senza contare   e le infinite opportunità a Roma di travel experience, attività richiestissime dai viaggiatori, che vanno dalle visite guidate alle lezioni di cucina, dalle escursioni naturalistiche alle performance artistiche, dai prodotti artigianali alle ricchezze enogastronomiche locali per un indotto importantissimo, che si estende ad altri settori”. Un settore da disciplinare, secondo Toni Ciolfi, consigliere Odcec Roma: “Uno dei problemi principali nel settore turistico è l’abusivismo; in questo caso è fondamentale il ruolo dei commercialisti per il turismo al fianco delle istituzioni, per una diffusione della cultura della legalità e delle corrette prassi presso i clienti del comparto turistico e in occasione degli eventi formativi dell’Ordine”. Il prossimo 24 gennaio, l’Ordine di Roma con l’Osservatorio sul turismo, presieduto da Sergio Lombardi, organizzerà il primo convegno sulla direttiva DAC7, per diffondere le nuove regole e guidare gli operatori del turismo romani verso una compliance regolare. “Nel 2023 la nuova direttiva europea DAC7 obbligherà le piattaforme digitali a comunicare alle autorità fiscali i dati dei titolari degli annunci turistici e i loro redditi, e questa sarà una rivoluzione sia da un punto di vista fiscale che di legalità”, spiega Lombardi, che aprirà il convegno alle ore 10 presso la sede dell’ODCEC della Capitale.   [post_title] => Nasce un nuovo Osservatorio del turismo dei commercialisti di Roma [post_date] => 2023-01-20T14:55:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674226536000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437671 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Unwto. Secondo l’outlook dell’Organizzazione mondiale del turismo il numero di viaggiatori globali quest’anno raggiungerà tra l’80% e il 95% di 1,5 miliardi toccati prima della pandemia, in base all’entità del rallentamento dell’economia, al recupero dei viaggi in Asia e nell’area del Pacifico e all’evoluzione della guerra in Ucraina. Ma con l’aumento dei costi e dell’incertezza politica potrebbe essere ancora troppo presto per cantar vittoria. Quest’anno «i fattori economici influenzeranno le abitudini di viaggio – interviene il segretario generale dell’agenzia delle Nazioni Unite Zurab Pololikashvili – e ci aspettiamo che la domanda per le destinazioni domestiche e regionali possa sostenere la ripresa del settore». L’organizzazione si aspetta che Europa e Medio oriente, le regioni che sono cresciute più in fretta, raggiungano il traffico di turisti dei livelli pre-pandemici. Ma l’apporto che il turismo darà alle casse dello Stato sarà ancora contenuto. Costi più contenuti I viaggiatori staranno più attenti al prezzo delle loro scelte e prediligeranno le destinazioni più vicine. Nel 2019 il turismo rappresentava il 4% del pil mondiale, con un giro d’affari di circa 3,5 trilioni di dollari. Con lo scoppio della pandemia la percentuale era scesa al 2% e il valore a quasi 1,7 trilioni. I dati sul 2021, ancora provvisori, dovrebbero confermare una cauta ripresa (2% a 2 trilioni) ma ancora lontana dai livelli del 2019. [post_title] => Unwto: il turismo in netta ripresa. Ma i viaggiatori spenderanno di meno [post_date] => 2023-01-20T11:38:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674214738000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437634 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Germania scommette una volta di più sulla sostenibilità e sullo sviluppo del turismo proprio in ottica green. "Protezione del clima e sostenibilità non sono più accessori, ma permeano tutti gli ambiti della vita e quindi anche viaggi e soggiorni in Germania - sottolinea Petra Hedorfer, ceo dell'Ente Germanico per il Turismo -: oltre a esperienze di viaggio autentiche e individuali, lontane dal mainstream, cresce il desiderio di offerte e alloggi sostenibili e di mezzi di trasporto ecologici. In Germania, la sostenibilità è parte integrante della strategia turistica del governo. Come Ente ci preoccupiamo di posizionare la Germania come destinazione percepita come sostenibile nella competizione internazionale". Hedorfer segnala come uno studio commissionato a IPK International, a ottobre 2022,  mostrava come la Germania fosse riuscita a posizionarsi come marchio sostenibile: in un confronto europeo, i viaggiatori stranieri vedono la Germania al 3° posto per quanto riguarda le offerte sostenibili. "L'Ente del Turismo agisce come piattaforma di networking e di conoscenza. Con il nuovo claim "Together we care" mostriamo chiaramente l'approccio orientato agli obiettivi. Per quanto riguarda i consumatori finali, molti di essi hanno già in mente la Germania sostenibile, dato che i prodotti certificati ecologici, la promozione dei trasporti pubblici, le vacanze nelle zone rurali e l'inclusione sono da noi promossi all'estero, da molti anni. In futuro ci concentreremo ancor di più sul clima e sul turismo ecologico nella comunicazione del nostro brand". Ecco quindi che diventa fondamentale "collegare le motivazioni di viaggio dei turisti con la sostenibilità. Posso esemplificare questo approccio con la nostra candidatura a Patrimonio dell'Umanità tedesco a partire dal 2023. In termini di viaggi globali degli europei, ad esempio, la Germania è la prima destinazione culturale: in cifre, si tratta di 8 milioni di viaggi culturali, che corrispondono a una quota di mercato del 13%. È quindi molto sensato cogliere l'interesse degli ospiti per la cultura e mostrare loro come possono viverla in modo sostenibile. La campagna "51 siti del patrimonio mondiale dell'Unesco - Germania storica e moderna" mira soprattutto al contrasto tra il patrimonio storico mondiale e la diversità dei prodotti nelle aree urbane e rurali. La nostra campagna è pensata per far sì che gli ospiti trovino le offerte così allettanti da programmare un soggiorno più lungo, che si ripaga in termini di minore produzione di CO₂".  Il richiamo alla sostenibilità, ulteriormente rafforzato dopo la pandemia, ha incentivato la promozione di "nuove idee e ispirazioni di viaggio due campagne con un forte "focus verde", che hanno già funzionato con successo nel 2022 e in precedenza. In primo luogo, la campagna di sostenibilità Feel Good, che promuove offerte nel rispetto del clima e dell'ambiente in modo molto mirato. La nostra campagna “Embrace German Nature”  mostra la varietà e l'unicità dei paesaggi naturali in Germania". [post_title] => La Germania accelera la promozione del turismo in ottica green con il claim "Together we care" [post_date] => 2023-01-20T09:15:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674206117000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "blu hotels dal 4 dicembre al via la stagione invernale delle strutture montane" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":96,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1301,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438068","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si rinnova il programma WestinWorkout lanciato una decina di anni fa dall'omonimo brand del gruppo Marriott. La compagnia ha sviluppato in particolare due nuovi kit noleggio attrezzature, che includono tra le altre cose massaggiatori a percussione e a compressione a marchio Hyperice, ideali per il recupero muscolare post-allenamento come pure per alleviare dolore e tensione muscolare dopo un lungo viaggio. Ci sono poi le soluzioni di allenamento total body del brand di accessori fitness Bala, per allenarsi in camera o all'aperto.\r\n\r\n\"Il wellness è sempre stato al centro della nostra mission - spiega la global brand leader Westin Hotels & Resorts e vicepresidente distinctive premium brands, Marriott International, Jennifer Connell -. Negli ultimi dieci anni, attraverso il nostro programma WestinWorkout, abbiamo aiutato i nostri clienti a mantenere o persino migliorare le loro routine di allenamento in viaggio. Poiché il fitness e il recupero muscolare sono ormai gesti di benessere essenziali per la nostra clientela, abbiamo ripensato il nostro programma per renderlo più versatile, avvalendoci della collaborazione con le aziende più innovative del settore\".\r\n\r\nPer chi volesse inoltre acquistare direttamente l'attrezzatura, è possibile richiedere un codice promozionale da utilizzare direttamente sui siti web di Bala e Hyperice. In futuro, Westin intende ampliare ulteriormente il programma di noleggio aggiungendo nuovi kit all'offerta attuale e proponendo ai clienti esperienze sempre nuove.","post_title":"Westin aggiorna il suo programma noleggio attrezzature fitness","post_date":"2023-01-27T10:23:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1674815028000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437889","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tre proposte di viaggio, e numerose partenze di gruppo con tour leader professionista, per offrire esperienze multiple e variegate, in una destinazione dal grandissimo potenziale. E' l'Algeria di Shiruq, che ha deciso quest'anno di puntare decisamente sulla più importante meta di archeologia romana al mondo dopo l'Italia.  Un viaggio nel Nord regala in particolare emozioni continue. Tra le meraviglie, Djemila, Timgad e Tipasa, triade archeologica Patrimonio Unesco dal 1982, donano esperienze tra loro molto diverse, complici i panorami che da secoli cullano queste antiche perle d’Africa.\r\n\r\nLa varietà è caratteristica propria anche dell'aspetto naturalistico del Paese, principalmente conosciuto per il suo deserto, erroneamente immaginato come una grande distesa uniforme, assolutamente senza vita e monotona all'occhio del viaggiatore. In realtà il Sahara è capace di mutare in continuazione il suo volto ed è brulicante di vita. Ad alternarsi, infatti, sono vaste depressioni, altopiani che superano i 2 mila metri, tavolati rocciosi, dune di sabbia, pianure pietrose, formazioni vulcaniche e piccole oasi. A sud-est, al confine con la Libia resistono tra le altre cose da millenni pitture rupestri e incisioni, che sono piccoli capolavori dell’arte preistorica.\r\n\r\nUna menzione speciale va infine ad Algeri, probabilmente la più bella città del Nord Africa: le abitazioni, i palazzi, le moschee formano infatti un'enorme distesa di edifici distribuita su svariate colline. Il colore predominante è il bianco abbinato al blu del mare. La decadenza della casbah si sposa con gli eleganti viali alberati e i signorili palazzi coloniali. Come parte integrante dell’influenza culturale francese non si può tralasciare la gastronomia e le profumatissime panetterie, che sfornano pane caldo a ogni ora del giorno.","post_title":"Shiruq fa rotta sull'Algeria con tre proposte di viaggio","post_date":"2023-01-25T10:13:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674641623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437873","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Esordio in Liguria per IOBUS, la start up tutta italiana che, dopo aver lanciato su Roma, nell’aprile scorso, i tour esperienziali in otto lingue, estende questa tipologia d’offerta turistica a La Spezia, proponendo due tour nel famoso e suggestivo Golfo dei Poeti, programmati a Lerici e a Porto Venere. \r\nIl progetto nasce da una partnership siglata con SAT di Viaggi Capa, storico operatore locale, da sempre impegnato nello sviluppo turistico di La Spezia e Massa Carrara, che attualmente dispone di una flotta di bus Gt composta da minibus a nove posti e pullman fino a 88 posti.\r\n\r\nI tour\r\n\r\nIl primo tour, identificato con la ‘Linea Rossa’ prevede fermate a Piazza Chiodo, di fronte al Museo tecnico Navale, a Porto Venere, Patrimonio Unesco con sosta al borgo, e rientro a La Spezia lungo la Via Napoleonica. Il secondo tour, ‘Linea Blu’, è programmato con fermate a Venere Azzurra/San Terenzo, baia caratterizzata da Villa Marigola del XVIII secolo, ed a Lerici col suo borgo dominato dal Castello del 1152.\r\n\r\n«Il lancio di questi nuovi tours – sottolinea il Presidente di Iobus, Giuseppe Cilia – è la conferma di una strategia di sviluppo sul territorio nazionale, che avevamo già espresso agli esordi nella capitale la scorsa primavera. Ora, in soli 8 mesi e con un partner affidabile come SAT di Viaggi Capa, ampliamo le nostre proposte di tours cittadini, realizzando due itinerari di grande suggestione alla scoperta di una eccellenza ligure come il Golfo dei Poeti che ogni anno attira migliaia di turisti italiani e stranieri e numerosi crocieristi. Riguardo poi l’andamento del nostro primo anno di attività su Roma siamo pienamente soddisfatti dei risultati raggiunti e anche nel 2023 proseguiremo le collaborazioni con i più importanti tour operator».\r\n\r\nViva soddisfazione espressa anche dal partner dell’operazione: «Da anni – osserva infatti Luca Lorenzini, titolare di SAT di Viaggi Capa - abbiamo sviluppato un servizio di tour operating dedicato al turismo in arrivo ai vari Porti di La Spezia, Marina di Carrara e Livorno offrendo possibilità di raggiungere le più famose località turistiche della Toscana e della Liguria; con questo nuovo servizio si consolida l’offerta incoming locale con l’eccellenza di un territorio come il Golfo dei Poeti. Con questo nuovo progetto di Iobus La Spezia, puntiamo ad internazionalizzare l’offerta, sia con le navi da crociera che con i turisti fai da te».","post_title":"IOBUS lancia i tours nel Golfo dei Poeti a La Spezia","post_date":"2023-01-25T08:45:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674636314000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437822","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numeri importanti e davvero incoraggianti per Kel 12 che ha chiuso il bilancio 2021-22 allo scorso 30 settembre con un giro d'affari complessivo praticamente sui livelli del 2019: quasi a quota 13 milioni di euro, contro i 13,7 milioni registrati nell'anno pre-Covid. Ma quello che è forse più importante è il dato sui margini, che hanno raggiunto livelli persino superiori, grazie a tassi di riempimento davvero elevati. \"L'ultimo bilancio è andato meglio di quanto ci aspettassimo dalla ripresa del mercato - racconta il presidente Kel 12, Massimo Grossi -. Abbiamo infatti chiuso con un ebit oltre i 500 mila euro (profitti ante-imposte e interessi, ndr), mentre gli utili netti si sono attestati sopra i 250 mila euro. Numeri apparentemente non enormi, ma chi conosce le marginalità medie del nostro settore sa quanto siano in realtà significativi\".\r\n\r\nE il 2022/23 sta andando ancora meglio: \"A oggi abbiamo già raggiunto i risultati del 2022 - rivela infatti l'amministratore delegato del to, Gianluca Rubino -. A parità di periodo siamo al 30% in più per entrambi i brand (Kel 12 e i Viaggi di Maurizio Levi acquisito in piena pandemia, ndr). Per la chiusura dell'anno finanziario prevediamo di toccare quota 22 milioni di euro di fatturato, contro i 19 milioni che i due marchi distinti hanno messo a segno in totale nel 2019\". L'obiettivo è quindi di salire ulteriormente a 25 milioni nel giro di tre anni. \"A prima vista potrebbe sembrare un traguardo poco sfidante, dati i trend di crescita attuali - aggiunge Rubino -. Ma occorre tener conto della nostra tipologia di prodotto, che non permette uno sviluppo esponenziale dell'offerta. Basti pensare al fatto che la nostra linea più importante (quella dei viaggi con esperti rappresenta l'80% del nostro business complessivo) nel periodo di Capodanno ha registrato un record di 51 partenze. Ed è davvero difficile anche solo pensare di aumentare ulteriormente il numero di archeologi, antropologi, biologi... coinvolti come esperti nei nostri viaggi\".\r\n\r\nPer il prossimo futuro, l'operatore milanese pensa quindi a incrementare ulteriormente l'integrazione verticale del prodotto, tramite joint venture ad hoc con i partner locali, come per esempio è già avvenuto per le due dahabeye egiziane. \"Si tratta di operazioni che ci consentono di aumentare ulteriormente la qualità dei nostri prodotti - sottolinea Rubino -. Prossimamente pensiamo ad altre iniziative simili in Algeria, Arabia Saudita, Namibia, e India\".\r\n\r\nPer quanto riguarda i clienti finali, i piani sono di incrementare ulteriormente il già elevato livello di engagement dei viaggiatori. \"Pochi mesi fa abbiamo lanciato un nostro programma fedeltà, il Travel Klab, in collaborazione con Europ Assistance, mentre per l'estate sarà pronta una app proprietaria, pensata per facilitare la fruizione dei nostri servizi in viaggio\". Infine, lato distribuzione, il focus rimane decisamente sulla formazione. \"Data la peculiarità del nostro prodotto, storicamente lavoriamo con un panel di agenzie selezionate che oggi sono circa 300-400 - conclude Rubino -. Con un centinaio di loro conduciamo anche operazioni di co-marketing, per esempio per l'organizzazione di eventi e incontri con i nostri esperti, soprattutto nelle località più lontane dalle nostre sedi, che fatichiamo a raggiungere da soli\".","post_title":"Kel 12: fatturato a livelli pre-Covid; i margini persino meglio","post_date":"2023-01-24T12:46:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674564394000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437767","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Th Costa Rei - Free Beach Resort il nuovo indirizzo sardo del gruppo Th, che sale in questo modo a quota 16 strutture mare, undici montagna e quattro urban, tutte localizzate in Italia. La nuova acquisizione è stata condotta in partnership con Iti Marina Hotels & Resorts e riguarda l'ex Free Beach Resort, già di proprietà di Giovanni Nonne, ex presidente Gestitur. Il complesso, situato in una delle aree più suggestive della costa sudorientale dell'isola, è dotato di 400 camere disposte in un anfiteatro naturale e immerse nella macchia mediterranea di fronte alla spiaggia di Costa Rei.\r\n\r\n“Quella che festeggiamo oggi è una tappa importante - spiega il presidente del gruppo Th, Graziano Debellini -: il Th Costa Rei - Free Beach Resort era nei nostri obiettivi da tempo e consolida ulteriormente il nostro posizionamento e la nostra presenza sull’isola\". Dopo il Th Chia - Parco Torre Chia, la compagnia padovana torna quindi a investire in Sardegna, dove gestisce anche il Th San Teodoro - Liscia Eldi e il Tci La Maddalena, nel nord dell’isola.\r\n\r\n“Questi anni sono stati una grande sfida che ci sentiamo di aver vinto con grande sacrificio, flessibilità, fiducia e un forte spirito di squadra, che caratterizza da sempre la famiglia Th - aggiunge l’amministratore del gruppo, Giuliano Gaiba -. L’entrata nel nostro portfolio sardo di questo importante e storico villaggio vacanze, molto apprezzato a livello internazionale, rientra nel nostro progetto di crescita ed espansione, che vede tra i tanti obiettivi l’acquisizione di un altro resort entro i prossimi mesi”. “Il poter annoverare, dopo 45 anni di attività sul territorio, lo storico e rinomato Free Beach Resort tra le nostre 35 proprietà è, per me e la mia famiglia, motivo di forte orgoglio e sentita soddisfazione professionale, oltreché personale - conclude infine Piero Loi, direttore generale Iti Marina Hotels & Resorts.","post_title":"Th Resorts cresce in Sardegna con lo storico Free Beach Resort","post_date":"2023-01-23T11:55:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674474947000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437717","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Crescono le presenze nelle strutture R Collection e si definiscono i gusti della clientela. \"La stagione 2022 si è conclusa con un grande successo per il gruppo – sottolinea Ludovica Rocchi, brand director della compagnia - con risultati oltre a quanto programmato, raggiungendo un 35% in più rispetto al 2021. Le tendenze che si sono confermate nella stagione appena passata sono state il forte interesse per la ristorazione e per il benessere: due asset fondamentali che poniamo ai primi posti della nostra vision, insieme a un modello di ospitalità esperienziale in sintonia con l’anima, la storia, i profumi e i sapori del territorio\".\r\n\r\nMolte le novità per quanto concerne le strutture. Sul lago di Como, il Grand Hotel Victoria amplierà i propri servizi grazie al nuovo investimento nella gestione del lido di Menaggio, mentre l’hotel Royal Victoria e Villa Cipressi a Varenna presenteranno nuove proposte f&b, accompagnate dal rinnovamento dell’interior design degli spazi della ristorazione e da una veranda inedita, che consentirà di godere di una vista ancora migliore sul lago. Continueranno quindi i lavori a Cernobbio per l’apertura nella primavera del 2024 del Regina Olga. \"Spostandoci sulla Portofino Coast in Liguria – conclude Ludovica Rocchi -, il Grand Hotel Bristol riaprirà le proprie porte il prossimo 10 marzo come una struttura lifestyle a 5 stelle, forte della recente affiliazione al brand Small Luxury Hotels of the World. Miriamo così a declinare il modello Dolce vita in un concetto contemporaneo di ospitalità, valorizzando comfort esclusivi e servizi di qualità».","post_title":"Rocchi, R Collection: cresce l'interesse per benessere, ristorazione e vacanza esperienziale","post_date":"2023-01-23T10:17:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674469037000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437685","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437687\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Giovanni Battista Calì[/caption]\r\n\r\nUn Osservatorio sul turismo per monitorare le leggi del settore, informare gli operatori, fornendo loro servizi adeguati, e contribuire alla formazione di oltre diecimila commercialisti di Roma, assicurando il mantenimento di una elevata preparazione specialistica nonostante le continue evoluzioni della normativa e del mercato. È l’obiettivo dell’Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Roma, presieduto da Giovanni Calì, che ha costituito il nuovo organo composto da dieci membri, fra cui otto commercialisti esperti della materia, un avvocato e un architetto.\r\n\r\n“Il turismo è pienamente ripartito dopo la pandemia e, in Italia e nel mondo, Roma recita un ruolo da protagonista - commenta Calì -. Secondo lo studio Sociometrica, basato sui dati Istat, la Capitale domina infatti la classifica delle città italiane che hanno creato nel 2022 maggiore ricchezza col turismo. Roma quest’anno ha generato l’8,7% del Pil turistico nazionale, per un reddito di 7,6 miliardi di euro, un risultato che è più del doppio del valore di Milano, seconda classificata. Si tratta dunque di una risorsa molto importante, soprattutto dopo la pandemia che aveva rallentato e in alcuni periodi azzerato i flussi turistici”.\r\n\r\n“Da gennaio a ottobre 2022, le presenze di turisti a Roma hanno sfiorato i 28 milioni”, evidenzia Andrea Borghini, presidente della Fondazione Telos - Centro Studi dell'Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Roma. “Le sole strutture ricettive ufficiali nella capitale superano le 20 mila, senza contare   e le infinite opportunità a Roma di travel experience, attività richiestissime dai viaggiatori, che vanno dalle visite guidate alle lezioni di cucina, dalle escursioni naturalistiche alle performance artistiche, dai prodotti artigianali alle ricchezze enogastronomiche locali per un indotto importantissimo, che si estende ad altri settori”.\r\n\r\nUn settore da disciplinare, secondo Toni Ciolfi, consigliere Odcec Roma: “Uno dei problemi principali nel settore turistico è l’abusivismo; in questo caso è fondamentale il ruolo dei commercialisti per il turismo al fianco delle istituzioni, per una diffusione della cultura della legalità e delle corrette prassi presso i clienti del comparto turistico e in occasione degli eventi formativi dell’Ordine”.\r\n\r\nIl prossimo 24 gennaio, l’Ordine di Roma con l’Osservatorio sul turismo, presieduto da Sergio Lombardi, organizzerà il primo convegno sulla direttiva DAC7, per diffondere le nuove regole e guidare gli operatori del turismo romani verso una compliance regolare. “Nel 2023 la nuova direttiva europea DAC7 obbligherà le piattaforme digitali a comunicare alle autorità fiscali i dati dei titolari degli annunci turistici e i loro redditi, e questa sarà una rivoluzione sia da un punto di vista fiscale che di legalità”, spiega Lombardi, che aprirà il convegno alle ore 10 presso la sede dell’ODCEC della Capitale.\r\n\r\n ","post_title":"Nasce un nuovo Osservatorio del turismo dei commercialisti di Roma","post_date":"2023-01-20T14:55:36+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674226536000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437671","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Unwto. Secondo l’outlook dell’Organizzazione mondiale del turismo il numero di viaggiatori globali quest’anno raggiungerà tra l’80% e il 95% di 1,5 miliardi toccati prima della pandemia, in base all’entità del rallentamento dell’economia, al recupero dei viaggi in Asia e nell’area del Pacifico e all’evoluzione della guerra in Ucraina. Ma con l’aumento dei costi e dell’incertezza politica potrebbe essere ancora troppo presto per cantar vittoria.\r\n\r\nQuest’anno «i fattori economici influenzeranno le abitudini di viaggio – interviene il segretario generale dell’agenzia delle Nazioni Unite Zurab Pololikashvili – e ci aspettiamo che la domanda per le destinazioni domestiche e regionali possa sostenere la ripresa del settore». L’organizzazione si aspetta che Europa e Medio oriente, le regioni che sono cresciute più in fretta, raggiungano il traffico di turisti dei livelli pre-pandemici. Ma l’apporto che il turismo darà alle casse dello Stato sarà ancora contenuto.\r\nCosti più contenuti\r\nI viaggiatori staranno più attenti al prezzo delle loro scelte e prediligeranno le destinazioni più vicine. Nel 2019 il turismo rappresentava il 4% del pil mondiale, con un giro d’affari di circa 3,5 trilioni di dollari. Con lo scoppio della pandemia la percentuale era scesa al 2% e il valore a quasi 1,7 trilioni. I dati sul 2021, ancora provvisori, dovrebbero confermare una cauta ripresa (2% a 2 trilioni) ma ancora lontana dai livelli del 2019.","post_title":"Unwto: il turismo in netta ripresa. Ma i viaggiatori spenderanno di meno","post_date":"2023-01-20T11:38:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674214738000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437634","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Germania scommette una volta di più sulla sostenibilità e sullo sviluppo del turismo proprio in ottica green. \"Protezione del clima e sostenibilità non sono più accessori, ma permeano tutti gli ambiti della vita e quindi anche viaggi e soggiorni in Germania - sottolinea Petra Hedorfer, ceo dell'Ente Germanico per il Turismo -: oltre a esperienze di viaggio autentiche e individuali, lontane dal mainstream, cresce il desiderio di offerte e alloggi sostenibili e di mezzi di trasporto ecologici. In Germania, la sostenibilità è parte integrante della strategia turistica del governo. Come Ente ci preoccupiamo di posizionare la Germania come destinazione percepita come sostenibile nella competizione internazionale\".\r\n\r\nHedorfer segnala come uno studio commissionato a IPK International, a ottobre 2022,  mostrava come la Germania fosse riuscita a posizionarsi come marchio sostenibile: in un confronto europeo, i viaggiatori stranieri vedono la Germania al 3° posto per quanto riguarda le offerte sostenibili.\r\n\r\n\"L'Ente del Turismo agisce come piattaforma di networking e di conoscenza. Con il nuovo claim \"Together we care\" mostriamo chiaramente l'approccio orientato agli obiettivi. Per quanto riguarda i consumatori finali, molti di essi hanno già in mente la Germania sostenibile, dato che i prodotti certificati ecologici, la promozione dei trasporti pubblici, le vacanze nelle zone rurali e l'inclusione sono da noi promossi all'estero, da molti anni. In futuro ci concentreremo ancor di più sul clima e sul turismo ecologico nella comunicazione del nostro brand\".\r\nEcco quindi che diventa fondamentale \"collegare le motivazioni di viaggio dei turisti con la sostenibilità. Posso esemplificare questo approccio con la nostra candidatura a Patrimonio dell'Umanità tedesco a partire dal 2023. In termini di viaggi globali degli europei, ad esempio, la Germania è la prima destinazione culturale: in cifre, si tratta di 8 milioni di viaggi culturali, che corrispondono a una quota di mercato del 13%. È quindi molto sensato cogliere l'interesse degli ospiti per la cultura e mostrare loro come possono viverla in modo sostenibile. La campagna \"51 siti del patrimonio mondiale dell'Unesco - Germania storica e moderna\" mira soprattutto al contrasto tra il patrimonio storico mondiale e la diversità dei prodotti nelle aree urbane e rurali. La nostra campagna è pensata per far sì che gli ospiti trovino le offerte così allettanti da programmare un soggiorno più lungo, che si ripaga in termini di minore produzione di CO₂\". \r\nIl richiamo alla sostenibilità, ulteriormente rafforzato dopo la pandemia, ha incentivato la promozione di \"nuove idee e ispirazioni di viaggio due campagne con un forte \"focus verde\", che hanno già funzionato con successo nel 2022 e in precedenza. In primo luogo, la campagna di sostenibilità Feel Good, che promuove offerte nel rispetto del clima e dell'ambiente in modo molto mirato. La nostra campagna “Embrace German Nature”  mostra la varietà e l'unicità dei paesaggi naturali in Germania\".","post_title":"La Germania accelera la promozione del turismo in ottica green con il claim \"Together we care\"","post_date":"2023-01-20T09:15:17+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674206117000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti