29 February 2024

Sciare in Trentino con Flixbus, l’autobus low cost

[ 0 ]

flixbus_green-mobilityUn weekend sulla neve o una settimana bianca in Val di Sole, nel Trentino nord-occidentale, partendo dal Nord Italia con Flixbus, il pullman low cost. Grazie all’accordo tra questi e Trentino Marketing, fino al 9 aprile 2017 sono previsti nuovi collegamenti in autobus verso le destinazioni invernali più rinomate del Trentino. Ogni venerdì, sabato e domenica saranno disponibili due collegamenti al giorno verso le località turistiche della Val di Sole e della Val Rendena, con interscambio a Trento (in Lungadige Monte Grappa). Per i passeggeri in partenza da Torino, Milano, Bergamo, Orio al Serio, Peschiera del Garda, Venezia, Mestre, Padova e Verona sarà dunque possibile raggiungere, con un cambio a Trento, località come Folgarida, Madonna di Campiglio, Campo Carlo Magno o Pinzolo, oppure ancora Passo Tonale, passando per Mezzana Marilleva, Pellizzano e Vermiglio. La Val di Sole e la Val Rendena sono raggiungibili anche da Austria e Germania: Monaco di Baviera, Innsbruck, Berlino e Lipsia, sempre con l’interscambio a Trento. Grazie a tale collaborazione si potrà, per esempio, prenotare direttamente dal sito di Flixbus (www.flixbus.it) un viaggio a/r Milano-Madonna di Campiglio con un unico biglietto e interscambio presso l’autostazione di Trento.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023. L'importanza dei loyalty program "Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro". Il post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina I primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: "Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: "Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente". Aumentano i contratti di management e franchising L'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. "Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.   Migliora la qualità dell'offerta f&b romana In tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: "Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa". Nel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo Per il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. "Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo".   [post_title] => Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo [post_date] => 2024-02-28T13:03:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709125429000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462394 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova scuola di formazione continua per il mondo dell’ospitalità. Dall'esperienza della società di gestione della ristorazione nel settore dell’hospitality Kis Management, nasce la Kis Academy. Ideata da Sergio Legrenzi e Stefano Pierotto, soci e fondatori della stessa Kis Management, la novità vuole rappresentare un’alternativa innovativa nel settore Horeca: è infatti concepita per offrire percorsi altamente personalizzati e professionalizzanti. Molteplici le tematiche di insegnamento tutte proposte in modo trasversale. In concreto, a chi lavora in cucina, oltre alle attività tradizionalmente legate al proprio incarico, sono proposti momenti dedicati alla definizione della linea strategica dei menu, all’analisi del food-cost, al costante controllo sugli acquisti per evitare sprechi, ad approfondire le competenze su prodotti e allergeni oltre a prestare attenzione agli aspetti di impatto della loro attività in termini di sostenibilità. I primi corsi attivati sono in pieno svolgimento e riguardano teoria e tecnica di bar e caffetteria, servizio sala, servizio cucina e un verticale dedicato esclusivamente alla colazione. Allo stesso modo sono stati avviati momenti formativi dedicati ad argomenti tradizionalmente esclusi dalla formazione di chi opera nel comparto ma che sempre più rappresentano una richiesta dei collaboratori e un’esigenza per le aziende: tecniche di vendita, organizzazione, mondo mice, controllo di gestione e comunicazione social. La metodologia di insegnamento della Kis Academy mira a coniugare la tradizionale didattica in aula a molteplici momenti pratici in cucina e sala. I docenti sono professionisti di alto livello, esperti nel settore, che si dedicano a formare la nuova generazione di operatori. Un ulteriore aspetto importante è rappresentato dalla condivisione delle competenze tra collaboratori all’interno della stessa società: le lezioni Kis Academy hanno anche uno spunto di team work e diventano così funzionali alla crescita di tutti. [post_title] => Nasce la Kis Academy per la formazione del personale Horeca [post_date] => 2024-02-28T11:35:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709120135000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462385 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airlines for Europe, european regions airline association, Italian board airline representatives e l'Associazione italiana compagnie aeree low fares – alcune delle principali associazioni di categoria delle compagnie aeree – hanno affermato che "un nuovo rapporto dimostra che l'introduzione di una tassa sul carburante per l'aviazione a livello europeo ridurrà la spesa turistica, inciderà sulla crescita economica e diminuirà i posti di lavoro in Italia e in Lazio". Un rapporto commissionato alla società di consulenza economica globale Steer ha calcolato che una tassa sul carburante per l'aviazione porterebbe a una riduzione del pil del Lazio di 640 milioni di euro e a una riduzione più ampia di 4,1 miliardi di euro nell'economia italiana. La tassa avrebbe anche un impatto sull'occupazione, con una perdita di 39.200 posti di lavoro in tutta Italia. Il rapporto, proseguono i vettori, "mette in evidenza come una tassa sul cherosene per l'aviazione non contribuirà in alcun modo agli sforzi di sostenibilità delle compagnie aeree, in quanto il denaro raccolto non sarà destinato alla decarbonizzazione dell'aviazione". Il rapporto rileva inoltre che l'introduzione di una tassa sui carburanti per l'aviazione porterebbe a una riduzione del 6,1% della domanda di passeggeri, a una diminuzione di 5,4 miliardi di euro della spesa turistica e a una riduzione del PIL di 4,1 miliardi di euro in tutta Italia. Nella regione Lazio, ciò si tradurrà in una riduzione del PIL di 640 milioni di euro. Le associazioni chiedono che l'UE si concentri sull'attuazione di misure direttamente legate alla riduzione dell'impatto ambientale dell'aviazione e che preservino la competitività economica e i benefici sociali dell'aviazione europea. [post_title] => Trasporto aereo: la tassa sul carburante danneggia l'aviazione [post_date] => 2024-02-28T10:43:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709117038000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462369 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I principali aeroporti tedeschi rimarranno senza servizio aereo da oggi, mercoledì, fino a venerdì compreso, a causa di uno sciopero del personale di terra Lufthansa. Lo sciopero è la continuazione del conflitto che già il 20 febbraio aveva visto paralizzati otto aeroporti tedeschi di primo livello. Quella mobilitazione però non ha avvicinato le posizioni tra il sindacato Verdi e l'azienda, per cui è stata indetta nuovamente una protesta. Lufthansa afferma che dopo lo sciopero ha fatto una nuova offerta che ovviamente non è stata accettata. Michael Niggemann, responsabile delle risorse umane dell'azienda, ha spiegato che la proposta prevede un bonus di 3.000 euro per tutti i lavoratori come compensazione per l'inflazione, oltre ad un anticipo sugli aumenti salariali offerti. Offerta Per Verdi l'offerta è insufficiente e chiede o un aumento di 500 euro al mese per tutti i lavoratori, in modo lineare, oppure del 12,5%. Il prossimo ciclo di colloqui avrà luogo tra due settimane. Il clima dei negoziati è molto deteriorato. E, inoltre, coincide con altri conflitti di lavoro, alcuni dei quali nella stessa Lufthansa. L'ultimo sciopero ha colpito sostanzialmente tutti i principali aeroporti tedeschi, in particolare i due più grandi, Francoforte e Monaco. D'altro canto, gli aeroporti molto piccoli, dove solitamente volano compagnie low cost come Ryanair o Wizz Air, mantengono i loro servizi perché non sono serviti da Lufthansa. [post_title] => Lufthansa: sciopero del personale di terra fino a venerdì. Scali bloccati [post_date] => 2024-02-28T10:04:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709114670000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462320 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continua la marcia indietro di Ryanair sulle agenzie online. Infatti  il vettore ha siglato un accordo anche con On the Beach, una delle principali agenzie di viaggi online del Regno Unito. Grazie a ciò sarà autorizzata ad offrire voli e servizi complementari della compagnia aerea irlandese. Si impegna a non addebitare prezzi eccessivi, a garantire ai viaggiatori l'accesso diretto al proprio account myRyanair e a fornire l'indirizzo e-mail di ciascun cliente. Questa è la quarta ota a firmare con Ryanair dopo che la compagnia aerea ha bandito tutti gli intermediari turistici. Dara Brady, portavoce della low cost, sottolinea che “i clienti On the Beach ora possono prenotare voli e servizi complementari all'interno del loro pacchetto vacanza con la garanzia di avere totale trasparenza nel prezzo (senza sovrapprezzi o margini nascosti) e che riceveranno direttamente tutte le informazioni sul loro volo, oltre ad avere accesso alla loro prenotazione tramite il loro account myRyanair." Shaun Morton, amministratore delegato di On the Beach Group, sottolinea che "questo accordo consente ad entrambe le parti di lasciarsi alle spalle le controversie pendenti". "Non vediamo l'ora di lavorare a stretto contatto con il nostro nuovo partner", osserva. [post_title] => Anche On the Beach, la ota inglese, sigla un accordo con Ryanair [post_date] => 2024-02-27T12:28:52+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709036932000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo. Come riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un "pasticcio" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines. «È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva. Piccoli tagli Considerando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati "piccoli tagli alla programmazione" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri.  La low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di "200 milioni" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali. [post_title] => Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10% [post_date] => 2024-02-27T09:00:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709024439000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462218 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo B&B Hotel rafforza la propria presenza nel Lazio con il Pomezia Cortese, seconda struttura nella località affacciata sul mar Tirreno. Situato a una trentina di minuti di auto dall'aeroporto di Fiumicino, l'albergo è pet-friendly e dispone di 42 camere totali, nonché di un B&B Shop. “Con l’inaugurazione del B&B Hotel Pomezia Cortese portiamo a due il numero delle aperture nel 2024 - spiega Liliana Comitini, presidente e a.d. Italia, Slovenia e Ungheria -. E ciò a conferma di una serrata pipeline, che ci permette di proporci come catena di riferimento in Italia nel segmento midscale. Il Lazio per noi è sicuramente una regione importante in cui siamo presenti con ben nove strutture, offrendo ai nostri ospiti opzioni di soggiorno diversificate. Questo secondo hotel a Pomezia riconferma la nostra volontà di creare valore nella destinazione, rafforzando la nostra presenza”. [post_title] => B&B Hotels raddoppia a Pomezia con il nono indirizzo laziale [post_date] => 2024-02-26T10:42:41+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708944161000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462204 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Canada si inserisce a supporto dei passeggeri interessati dall'interruzione dell'attività di Lynx Air. Il vettore canadese porrà un limite al tetto massimo delle tariffe e aggiungerà oltre 6.000 posti su alcune rotte precedentemente servite dalla low cost. Lynx Air, con sede a Calgary, ha presentato la scorsa settimana una richiesta di protezione ai creditori dichiarando che avrebbe cessato le operazioni a partire dal 26 febbraio, in quanto impossibilitata a fronteggiare l'aumento dei costi operativi, dei prezzi del carburante e delle tasse aeroportuali. Il tutto in un "difficile contesto economico e normativo". Secondo i dati Cirium ripresi da Reuters, Lynx ha una flotta di 9 Boeing 737 Max 8 in servizio e prevede di effettuare 569 voli a febbraio. Air Canada ha dichiarato che le tariffe massime saranno disponibili per l'acquisto entro il 26 febbraio per viaggiare in tutto il Canada fino al 2 aprile, per favorire i viaggi durante le vacanze di primavera e di Pasqua. La capacità aggiuntiva di oltre 6.000 posti sulle rotte Lynx Air sarà disponibile in alcune località del Canada, degli Stati Uniti e di Cancun in Messico tra il 25 febbraio e il 19 marzo. Anche WestJet si è impegnata a offrire sconti sulle rotte precedentemente servite da Lynx. La low cost canadese aveva debuttato meno di due anni fa e operava dieci rotte nazionali in tutto il Canada, oltre a voli verso gli Stati Uniti e, più recentemente, verso il Messico. [post_title] => Air Canada interviene sulla cessazione delle operazioni di volo di Lynx Air con tariffe speciali e più capacità [post_date] => 2024-02-26T10:24:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708943045000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462163 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_424433" align="alignleft" width="300"] Franco Gattinoni, presidente gruppo gattinoni[/caption] Pesa la debole preparazione degli istituti scolastici sulle procedure del MePa, il mercato elettronico per l'acquisto di beni e servizi da parte delle amministrazioni pubbliche. Ma i problemi riguardano anche la scarsa chiarezza del Codice degli appalti. Sono i principali nodi individuati dalle agenzie di viaggi specializzate nelle gite scolastiche e nei pacchetti per l’istruzione, secondo una survey realizzata dalla Federazione turismo organizzato di Confcommercio. Per il 79,5% del campione interpellato le scuole non sono pronte a gestire l’aggiudicazione tramite MePa. Oltre la metà di coloro che la pensano così (51,6%) ritiene che influisca la carenza di formazione del personale, mentre per il 9,7% degli operatori gli istituti non conoscono l’utilizzo della piattaforma. Il 22,6% giudica invece poco comprensibili le regole del nuovo Codice degli appalti e il 59,6% crede che le scuole ignorino la normativa aggiornata. Oltre quattro agenzie su dieci (41,9%) hanno infatti evidenze di istituti bloccati con le procedure del MePa, considerate da molti macchinose e confuse. E ben il 66% degli imprenditori teme che lo stesso Codice dei contratti e l’utilizzo del MePa possano far diminuire le opportunità dei viaggi d’istruzione nel 2024. Gattinoni «Ci sono nodi che da molti anni complicano la relazione tra scuole e agenzie e che si ripercuotono sulle famiglie – spiega Franco Gattinoni, presidente di Fto –. I tempi lunghi delle procedure fanno lievitare i costi, dato che gli altri mercati, beneficiati da maggiore snellezza, arrivano prima di noi su hotel e servizi meno cari. Anche le stazioni appaltanti abilitate contribuiscono all’impennata dei prezzi. Poi c’è il problema dei voli: il monopolio delle low cost rende difficile ed esoso andare all’estero. Le istituzioni dovrebbero stimolare queste compagnie a collaborare con le agenzie specializzate su pacchetti e tariffe ad hoc per gli studenti. Abbiamo condiviso le nostre proposte a un tavolo con i dicasteri interessati, oltre all’Istruzione, anche l’Economia e il Turismo, e ci auguriamo ci sia un’effettiva semplificazione delle procedure, a beneficio soprattutto dei ragazzi che devono poter vivere i viaggi d’istruzione come un momento fondamentale della loro crescita». [post_title] => Gattinoni, Fto: «Basta complicazioni con i viaggi d'istruzione» [post_date] => 2024-02-23T10:57:01+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708685821000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "sciare trentino flixbus lautobus low cost" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":35,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":897,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023.\r\n\r\nL'importanza dei loyalty program\r\n\r\n\"Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro\".\r\n\r\nIl post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina\r\n\r\nI primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: \"Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello\". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: \"Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente\".\r\n\r\nAumentano i contratti di management e franchising\r\n\r\nL'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. \"Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising\", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.  \r\n\r\nMigliora la qualità dell'offerta f&b romana\r\n\r\nIn tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: \"Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa\".\r\n\r\nNel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo\r\n\r\nPer il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. \"Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo\".\r\n\r\n ","post_title":"Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo","post_date":"2024-02-28T13:03:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709125429000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462394","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova scuola di formazione continua per il mondo dell’ospitalità. Dall'esperienza della società di gestione della ristorazione nel settore dell’hospitality Kis Management, nasce la Kis Academy. Ideata da Sergio Legrenzi e Stefano Pierotto, soci e fondatori della stessa Kis Management, la novità vuole rappresentare un’alternativa innovativa nel settore Horeca: è infatti concepita per offrire percorsi altamente personalizzati e professionalizzanti.\r\n\r\nMolteplici le tematiche di insegnamento tutte proposte in modo trasversale. In concreto, a chi lavora in cucina, oltre alle attività tradizionalmente legate al proprio incarico, sono proposti momenti dedicati alla definizione della linea strategica dei menu, all’analisi del food-cost, al costante controllo sugli acquisti per evitare sprechi, ad approfondire le competenze su prodotti e allergeni oltre a prestare attenzione agli aspetti di impatto della loro attività in termini di sostenibilità.\r\n\r\nI primi corsi attivati sono in pieno svolgimento e riguardano teoria e tecnica di bar e caffetteria, servizio sala, servizio cucina e un verticale dedicato esclusivamente alla colazione. Allo stesso modo sono stati avviati momenti formativi dedicati ad argomenti tradizionalmente esclusi dalla formazione di chi opera nel comparto ma che sempre più rappresentano una richiesta dei collaboratori e un’esigenza per le aziende: tecniche di vendita, organizzazione, mondo mice, controllo di gestione e comunicazione social.\r\n\r\nLa metodologia di insegnamento della Kis Academy mira a coniugare la tradizionale didattica in aula a molteplici momenti pratici in cucina e sala. I docenti sono professionisti di alto livello, esperti nel settore, che si dedicano a formare la nuova generazione di operatori. Un ulteriore aspetto importante è rappresentato dalla condivisione delle competenze tra collaboratori all’interno della stessa società: le lezioni Kis Academy hanno anche uno spunto di team work e diventano così funzionali alla crescita di tutti.","post_title":"Nasce la Kis Academy per la formazione del personale Horeca","post_date":"2024-02-28T11:35:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709120135000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462385","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Airlines for Europe, european regions airline association, Italian board airline representatives e l'Associazione italiana compagnie aeree low fares – alcune delle principali associazioni di categoria delle compagnie aeree – hanno affermato che \"un nuovo rapporto dimostra che l'introduzione di una tassa sul carburante per l'aviazione a livello europeo ridurrà la spesa turistica, inciderà sulla crescita economica e diminuirà i posti di lavoro in Italia e in Lazio\".\r\n\r\nUn rapporto commissionato alla società di consulenza economica globale Steer ha calcolato che una tassa sul carburante per l'aviazione porterebbe a una riduzione del pil del Lazio di 640 milioni di euro e a una riduzione più ampia di 4,1 miliardi di euro nell'economia italiana.\r\n\r\nLa tassa avrebbe anche un impatto sull'occupazione, con una perdita di 39.200 posti di lavoro in tutta Italia. Il rapporto, proseguono i vettori, \"mette in evidenza come una tassa sul cherosene per l'aviazione non contribuirà in alcun modo agli sforzi di sostenibilità delle compagnie aeree, in quanto il denaro raccolto non sarà destinato alla decarbonizzazione dell'aviazione\".\r\n\r\nIl rapporto rileva inoltre che l'introduzione di una tassa sui carburanti per l'aviazione porterebbe a una riduzione del 6,1% della domanda di passeggeri, a una diminuzione di 5,4 miliardi di euro della spesa turistica e a una riduzione del PIL di 4,1 miliardi di euro in tutta Italia. Nella regione Lazio, ciò si tradurrà in una riduzione del PIL di 640 milioni di euro. Le associazioni chiedono che l'UE si concentri sull'attuazione di misure direttamente legate alla riduzione dell'impatto ambientale dell'aviazione e che preservino la competitività economica e i benefici sociali dell'aviazione europea.","post_title":"Trasporto aereo: la tassa sul carburante danneggia l'aviazione","post_date":"2024-02-28T10:43:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709117038000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462369","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I principali aeroporti tedeschi rimarranno senza servizio aereo da oggi, mercoledì, fino a venerdì compreso, a causa di uno sciopero del personale di terra Lufthansa.\r\n\r\nLo sciopero è la continuazione del conflitto che già il 20 febbraio aveva visto paralizzati otto aeroporti tedeschi di primo livello. Quella mobilitazione però non ha avvicinato le posizioni tra il sindacato Verdi e l'azienda, per cui è stata indetta nuovamente una protesta.\r\n\r\nLufthansa afferma che dopo lo sciopero ha fatto una nuova offerta che ovviamente non è stata accettata. Michael Niggemann, responsabile delle risorse umane dell'azienda, ha spiegato che la proposta prevede un bonus di 3.000 euro per tutti i lavoratori come compensazione per l'inflazione, oltre ad un anticipo sugli aumenti salariali offerti.\r\nOfferta\r\nPer Verdi l'offerta è insufficiente e chiede o un aumento di 500 euro al mese per tutti i lavoratori, in modo lineare, oppure del 12,5%.\r\n\r\nIl prossimo ciclo di colloqui avrà luogo tra due settimane. Il clima dei negoziati è molto deteriorato. E, inoltre, coincide con altri conflitti di lavoro, alcuni dei quali nella stessa Lufthansa.\r\n\r\nL'ultimo sciopero ha colpito sostanzialmente tutti i principali aeroporti tedeschi, in particolare i due più grandi, Francoforte e Monaco. D'altro canto, gli aeroporti molto piccoli, dove solitamente volano compagnie low cost come Ryanair o Wizz Air, mantengono i loro servizi perché non sono serviti da Lufthansa.","post_title":"Lufthansa: sciopero del personale di terra fino a venerdì. Scali bloccati","post_date":"2024-02-28T10:04:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1709114670000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462320","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continua la marcia indietro di Ryanair sulle agenzie online. Infatti  il vettore ha siglato un accordo anche con On the Beach, una delle principali agenzie di viaggi online del Regno Unito. Grazie a ciò sarà autorizzata ad offrire voli e servizi complementari della compagnia aerea irlandese.\r\n\r\nSi impegna a non addebitare prezzi eccessivi, a garantire ai viaggiatori l'accesso diretto al proprio account myRyanair e a fornire l'indirizzo e-mail di ciascun cliente. Questa è la quarta ota a firmare con Ryanair dopo che la compagnia aerea ha bandito tutti gli intermediari turistici.\r\n\r\nDara Brady, portavoce della low cost, sottolinea che “i clienti On the Beach ora possono prenotare voli e servizi complementari all'interno del loro pacchetto vacanza con la garanzia di avere totale trasparenza nel prezzo (senza sovrapprezzi o margini nascosti) e che riceveranno direttamente tutte le informazioni sul loro volo, oltre ad avere accesso alla loro prenotazione tramite il loro account myRyanair.\"\r\n\r\nShaun Morton, amministratore delegato di On the Beach Group, sottolinea che \"questo accordo consente ad entrambe le parti di lasciarsi alle spalle le controversie pendenti\". \"Non vediamo l'ora di lavorare a stretto contatto con il nostro nuovo partner\", osserva.","post_title":"Anche On the Beach, la ota inglese, sigla un accordo con Ryanair","post_date":"2024-02-27T12:28:52+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709036932000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462272","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo.\r\n\r\nCome riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un \"pasticcio\" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines.\r\n\r\n«È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva.\r\nPiccoli tagli\r\nConsiderando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati \"piccoli tagli alla programmazione\" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri. \r\n\r\nLa low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di \"200 milioni\" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali.","post_title":"Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10%","post_date":"2024-02-27T09:00:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709024439000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462218","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo B&B Hotel rafforza la propria presenza nel Lazio con il Pomezia Cortese, seconda struttura nella località affacciata sul mar Tirreno. Situato a una trentina di minuti di auto dall'aeroporto di Fiumicino, l'albergo è pet-friendly e dispone di 42 camere totali, nonché di un B&B Shop.\r\n\r\n“Con l’inaugurazione del B&B Hotel Pomezia Cortese portiamo a due il numero delle aperture nel 2024 - spiega Liliana Comitini, presidente e a.d. Italia, Slovenia e Ungheria -. E ciò a conferma di una serrata pipeline, che ci permette di proporci come catena di riferimento in Italia nel segmento midscale. Il Lazio per noi è sicuramente una regione importante in cui siamo presenti con ben nove strutture, offrendo ai nostri ospiti opzioni di soggiorno diversificate. Questo secondo hotel a Pomezia riconferma la nostra volontà di creare valore nella destinazione, rafforzando la nostra presenza”.","post_title":"B&B Hotels raddoppia a Pomezia con il nono indirizzo laziale","post_date":"2024-02-26T10:42:41+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708944161000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462204","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Canada si inserisce a supporto dei passeggeri interessati dall'interruzione dell'attività di Lynx Air. Il vettore canadese porrà un limite al tetto massimo delle tariffe e aggiungerà oltre 6.000 posti su alcune rotte precedentemente servite dalla low cost.\r\n\r\nLynx Air, con sede a Calgary, ha presentato la scorsa settimana una richiesta di protezione ai creditori dichiarando che avrebbe cessato le operazioni a partire dal 26 febbraio, in quanto impossibilitata a fronteggiare l'aumento dei costi operativi, dei prezzi del carburante e delle tasse aeroportuali. Il tutto in un \"difficile contesto economico e normativo\".\r\n\r\nSecondo i dati Cirium ripresi da Reuters, Lynx ha una flotta di 9 Boeing 737 Max 8 in servizio e prevede di effettuare 569 voli a febbraio.\r\nAir Canada ha dichiarato che le tariffe massime saranno disponibili per l'acquisto entro il 26 febbraio per viaggiare in tutto il Canada fino al 2 aprile, per favorire i viaggi durante le vacanze di primavera e di Pasqua. La capacità aggiuntiva di oltre 6.000 posti sulle rotte Lynx Air sarà disponibile in alcune località del Canada, degli Stati Uniti e di Cancun in Messico tra il 25 febbraio e il 19 marzo.\r\n\r\nAnche WestJet si è impegnata a offrire sconti sulle rotte precedentemente servite da Lynx.\r\n\r\nLa low cost canadese aveva debuttato meno di due anni fa e operava dieci rotte nazionali in tutto il Canada, oltre a voli verso gli Stati Uniti e, più recentemente, verso il Messico.","post_title":"Air Canada interviene sulla cessazione delle operazioni di volo di Lynx Air con tariffe speciali e più capacità","post_date":"2024-02-26T10:24:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708943045000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462163","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_424433\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Franco Gattinoni, presidente gruppo gattinoni[/caption]\r\n\r\nPesa la debole preparazione degli istituti scolastici sulle procedure del MePa, il mercato elettronico per l'acquisto di beni e servizi da parte delle amministrazioni pubbliche. Ma i problemi riguardano anche la scarsa chiarezza del Codice degli appalti. Sono i principali nodi individuati dalle agenzie di viaggi specializzate nelle gite scolastiche e nei pacchetti per l’istruzione, secondo una survey realizzata dalla Federazione turismo organizzato di Confcommercio.\r\n\r\nPer il 79,5% del campione interpellato le scuole non sono pronte a gestire l’aggiudicazione tramite MePa. Oltre la metà di coloro che la pensano così (51,6%) ritiene che influisca la carenza di formazione del personale, mentre per il 9,7% degli operatori gli istituti non conoscono l’utilizzo della piattaforma. Il 22,6% giudica invece poco comprensibili le regole del nuovo Codice degli appalti e il 59,6% crede che le scuole ignorino la normativa aggiornata.\r\n\r\nOltre quattro agenzie su dieci (41,9%) hanno infatti evidenze di istituti bloccati con le procedure del MePa, considerate da molti macchinose e confuse. E ben il 66% degli imprenditori teme che lo stesso Codice dei contratti e l’utilizzo del MePa possano far diminuire le opportunità dei viaggi d’istruzione nel 2024.\r\nGattinoni\r\n«Ci sono nodi che da molti anni complicano la relazione tra scuole e agenzie e che si ripercuotono sulle famiglie – spiega Franco Gattinoni, presidente di Fto –. I tempi lunghi delle procedure fanno lievitare i costi, dato che gli altri mercati, beneficiati da maggiore snellezza, arrivano prima di noi su hotel e servizi meno cari. Anche le stazioni appaltanti abilitate contribuiscono all’impennata dei prezzi. Poi c’è il problema dei voli: il monopolio delle low cost rende difficile ed esoso andare all’estero.\r\n\r\nLe istituzioni dovrebbero stimolare queste compagnie a collaborare con le agenzie specializzate su pacchetti e tariffe ad hoc per gli studenti. Abbiamo condiviso le nostre proposte a un tavolo con i dicasteri interessati, oltre all’Istruzione, anche l’Economia e il Turismo, e ci auguriamo ci sia un’effettiva semplificazione delle procedure, a beneficio soprattutto dei ragazzi che devono poter vivere i viaggi d’istruzione come un momento fondamentale della loro crescita».","post_title":"Gattinoni, Fto: «Basta complicazioni con i viaggi d'istruzione»","post_date":"2024-02-23T10:57:01+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708685821000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti