2 October 2022

Schiphol: dopo mesi di caos, si dimette il ceo Dick Benschop

[ 0 ]

Dick Benschop, amministratore delegato dell’aeroporto di Amsterdam Schiphol, si è dimesso in seguito al protrarsi delle problematiche che negli ultimi mesi hanno causato molteplici disagi ai passeggeri, lunghe code d’attesa, a causa della carenza di personale.

“Il modo in cui Schiphol affronta i problemi, e la mia responsabilità come ceo, sono oggetto di attenzione e di numerose critiche” ha sottolineato annunciando di farsi da parte di sua “propria iniziativa” per “dare a Schiphol lo spazio per ripartire di nuovo (…). Ho fatto del mio meglio, ma non abbiamo ancora risolto i problemi”.

Proprio qualche giorno fa la direzione dello scalo era stata costretta a chiedere ad alcune compagnie aeree di cancellare dei voli a causa della carenza di personale di sicurezza. “Sotto la guida di Dick sono state prese misure drastiche per stabilizzare la situazione a Schiphol – ha dichiarato il presidente del consiglio di sorveglianza Jaap Winter -. In estate sono stati apportati alcuni miglioramenti, ma questo non basta”. Benschop coprirà la carica fino all’arrivo del suo successore.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431228 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' programmato per oggi l'incontro fra i vertici di Ita Airways e una delegazione della cordata Certares: al tavolo ci saranno il fondo Usa, con 16 persone, Air France, con il top manager François Maignè e Delta Air Lines, con Isaac Husseini, responsabile delle alleanze della compagnia aerea statunitense. Lo riporta La Repubblica, segnalando il momento quanto meno delicato di questa fase delle trattative per la vendita di Ita. In pratica, nel bel mezzo del passaggio al nuovo esecutivo italiano: ma la rotta tracciata dall'ormai ex premier Draghi sembra essere quella seguita anche dal nuovo governo a trazione Fratelli d'Italia, che tramite il responsabile economico Maurizio Leo, conferma che la cessione andrà avanti, "perché i giochi sono ormai fatti". Focus dell'incontro odierno la situazione finanziaria di Ita (dalla sofferenza della cassa, ai 430 milioni di dollari che serviranno per gestire e rafforzare la flotta da qui al 2023) e la redditività delle rotte, nonché il modello di revenue management. Infine, sotto la lente di ingrandimento, anche le aree di business di Ita. Cargo incluso. [post_title] => Ita Airways: faccia a faccia tra il management e la cordata Certares. E FdI dice sì all'affaire [post_date] => 2022-09-28T10:24:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664360640000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431118 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Recupero redditività ed individuazione delle leve  per l’ottimizzazione dei margini. Sono due fondamentalmente le emergenze da affrontare per GecoHotels. A fronte di una stagione positiva il problema del caro bollette ha travolto e rischia di far affondare tutto il settore, dagli alberghi ai vettori, fino ai tour operator e gli esercenti. «Città d’arte in forte recupero così come mare, campagna e montagna – commenta Marco Fabbroni Ceo di GeCo - A fronte di una ripresa, la bolletta schizza e certo questo non può essere  scaricato sul prezzo finale del cliente. La ripresa del turismo è evidente ma deve fare i conti con troppi elementi. Il turismo è una cartina tornasole, il primo settore che si muove in senso positivo ma anche negativo». In tale contesto moltissimi albergatori si trovano costretti ad eliminare tutto ciò che è superfluo ed il rischio è che qualcuno diminuisca la qualità del servizio. «Vediamo come si svilupperà la situazione che va continuamente monitorata – aggiunge Fabbroni - Quel che è certo è che la nostra attività non rappresenta un costo ma una leva: cerchiamo di ottimizzare la distribuzione commerciale, con un aumento delle vendite dirette tramite canali online e tradizionali. In poche parole è possibile concretamente diminuire i costi aumentando le vendite dirette. Mai come ora i nostri servizi devono essere visti anche come sistema per risolvere i problemi più impellenti». L’anno scorso GeCo ha avviato un dipartimento di Digital Marketing per offrire agli albergatori nuovi strumenti. «Uno strumento concreto che consente agli albergatori – conclude Fabbroni – di aumentare notevolmente l’incidenza delle vendite dirette. Mi pare evidente infatti che il forte risparmio sui costi di commissione consenta di recuperare notevolmente sull’ aumento delle bollette».           [post_title] => GecoHotels, individuare le leve per l'ottimizzazione dei margini [post_date] => 2022-09-27T10:24:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664274298000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431013 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "L'ultima estate sarà ricordata come la più last minute di sempre, anzi direi last second". Esordisce così  Leonardo Massa, nel commentare un'alta stagione che ha comunque dato ottimi segnali di ripresa, soprattutto in termini di volumi. "Paradossalmente la questione caos voli e l'incremento dell'inflazione ha in parte favorito la nostra offerta", racconta il country manager Italia di Msc Crociere. In che modo? "Mi spiego con un esempio: immagino il classico italiano che quest'anno ha cominciato a pensare alle vacanze a giugno; seduto davanti alla tv ha cominciato a sentire dei problemi ai bagagli e dei costi crescenti del carburante per i voli. Inutile negare che, per noi, aver potuto contare su un record di 15 porti d'imbarco facilmente accessibili lungo tutta la Penisola abbia rappresentato un notevole vantaggio competitivo. Certo, alcuni itinerari a medio - lungo raggio ne hanno risentito, ma se si considera che il 75% della nostra proposta è mediamente concentrata nel Mediterraneo il bilancio non può che essere positivo". Anche le marginalità sono peraltro tornate a registrare il segno più. "Da questo punto di vista, tuttavia, c'è ancora parecchio lavoro da fare prima di tornare ai livelli del 2019 - ammette Massa -. C'è bisogno soprattutto del contributo delle agenzie, che rimangono assolutamente il nostro canale distributivo principale. Il loro aiuto sarà fondamentale anche per riallungare le finestre di prenotazioni. I primi segnali stanno arrivando, sull'inverno e persino sull'estate 2023. Ma pure in questo caso il lavoro da fare è notevole".  Msc promette quindi fin da ora di mettere in campo tutte le risorse disponibili, strategiche e commerciali, per spingere sui margini e per allargare le booking windows, insieme alle adv: "Esistono tuttavia variabili esogene su cui non possiamo intervenire: in primis, la guerra e la pressione dell'inflazione sul potere d'acquisto degli italiani", commenta Massa, ben consapevole delle sfide che lo attendono. Infine una battuta sulla questione Ita e Italo: i tanti rumours che circolano non rischiano di distrarre un po' dal business crociere? "Onestamente c'è talmente tanto da fare e abbiamo talmente tante novità in arrivo (su tutte la nuova World Europa che sarà battezzata il prossimo 13 novembre a Doha, seguita subito dopo dalla Seascape, ndr) che non abbiamo neppure il tempo di pensarci", risponde prontamente Massa. [post_title] => L'estate last second di Msc. Ma crescono i volumi e tornano le marginalità [post_date] => 2022-09-23T11:57:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663934220000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430766 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La prima vittima del caos permanente all'aeroporto di Schiphol ad Amsterdam è Klm, la compagnia aerea olandese che ha la sua prima base in questo terminal. Ieri, a seguito dell'imposizione di un altro taglio al numero massimo di viaggiatori accettati al giorno, la compagnia aerea ha dovuto aggiungere la cancellazione di altri 42 voli. Il sabato e la domenica precedenti Klm aveva applicato restrizioni alle sue operazioni.  Il problema per i viaggiatori olandesi e per Klm è che nelle immediate vicinanze di Amsterdam non esiste un aeroporto in grado di sostituire o integrare Schiphol. Rotterdam ed Eindhoven sono gli altri due aeroporti olandesi di una certa importanza, ma incapaci di sostituire Amsterdam. I media hanno scoperto che i viaggiatori d'affari, i più preziosi per l'aviazione, hanno lasciato l'aeroporto di Amsterdam. Secondo Daan Lenderick, direttore di un'organizzazione di viaggi, le persone che viaggiano per lavoro si stanno spostando in altri paesi per i loro viaggi. Klm aveva già in atto un piano di volo ridotto che doveva mantenere fino alla fine di ottobre. Tuttavia, su questa previsione di taglio, Schiphol ha appena introdotto un taglio a più di novemila passeggeri giornalieri, il 18% del totale. [post_title] => Klm: altri 42 voli cancellati a causa del caos di Schipol [post_date] => 2022-09-20T11:30:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663673454000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430712 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro. La compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner.  Tap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città.  [post_title] => Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023 [post_date] => 2022-09-20T09:15:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663665338000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430644 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con una stazza di 175.500 tonnellate e una capienza di 4.300 ospiti, la Sun sarà la prima nave della classe Sphere e la più grande unità Princess Cruises mai realizzata. In fase di costruzione presso gli stabilimenti Fincantieri, il suo debutto è in calendario per febbraio 2024, quando sarà posizionata nel Mediterraneo, per poi spostarsi in autunno nei Caraibi occidentali e orientali, con partenze da Port Everglades, in Florida. Sulla Sun Princess, la tradizionale area Piazza si articolerà su tre ponti, offrendo agli ospiti uno spazio sospeso con comode sedute, per godere la vista del mare in ogni direzione; al centro, un imponente schermo Led che può essere spostato e configurato, per mostrare anche eventi dal vivo; adiacenti alla Piazza, alcune delle 29 opzioni gastronomiche, tra ristoranti e bar, disponibili a bordo: la nuova caffetteria Coffee Currents e i classici di Princess, Crooners Bar, Bellini's Cocktail Bar e Alfredo's Pizzeria. L'altra struttura di spicco a bordo è poi il Dome, la prima cupola di vetro mai costruita su una nave da crociera: ispirato alle terrazze di Santorini, è un ponte coperto su più livelli che di giorno dispone di una piscina interna/esterna con giochi d'acqua, in uno spazio confortevole e rilassante; di notte diventa un palcoscenico e si trasforma in un luogo di intrattenimento dalle atmosfere in stile South Beach ed effetti di luce all'avanguardia ed esibizioni aeree. Con un totale di 2.157 cabine, di cui 50 suite e 100 camere comunicanti, i balconi della Sun Princess saranno più spaziosi e ogni cabina disporrà di un sofà. A bordo ci sarà inoltre una nuova categoria di suite, la Signature Collection, che include l'accesso al Signature restaurant, alla Signature lounge e al Signature sun deck: un'area privata all’interno del Santuary. La nuova unità poi sarà una delle 11 navi del gruppo Carnival alimentate con la tecnologia a gas naturale liquefatto (gnl). Questa è la terza nave a essere insignita col nome Sun Princess, aggiungendosi all'eredità della prima, in navigazione dal 1974 al 1988, e della seconda, dal 1995 al 2020. A quel tempo aveva il maggior numero di cabine con balcone e il primo bar aperto 24 ore su 24 della compagnia di crociere. La consegna della seconda nave della Sphere Class è prevista da Fincantieri nella primavera 2025. Gioco Viaggi, agente di vendita Princess per l’Italia, comunica che le prime tre partenze della stagione inaugurale di Sun Princess sono in vendita dal 16 settembre: itinerario Grand Mediterranean di dieci notti da 2.070 euro per persona.     [post_title] => I dettagli della nuova Sun Princess. Gioco Viaggi apre le vendite per l'itinerario Grand Mediterranean [post_date] => 2022-09-19T09:36:59+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663580219000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430594 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Incontriamo a Verona, Amerigo Varotti presidente di Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro che ci parla sia della stagione estiva, con numeri e prospettive, e inoltre allarga gli orizzonti indicando i punti cardinali della promozione di questi luoghi magnifici. «Ci occupiamo della parte nord elle Marche – ha iniziato Varotti -. Di Urbino e delle località che fanno parte dell’ex ducato di Urbino. Quindi borghi, città storiche, paesi dell’Appennino marchigiano. Che diciamolo fuori dei denti: è una terra dalla ricchezza unica. Il turismo quest’anno è andato molto bene. Tante presenze turistiche, un grande ritorno degli stranieri, soprattutto olandesi austriaci tedeschi. Ma anche americani, francesi inglesi. Un anno votato alla riscoperta delle parte nord della Marche». Fra queste poli d'interesse naturalmente Urbino ha avuto un posto di rilievo. «Urbino si è confermata un polo di attrazione, anche perché quest’anno si celebravano i seicento anni dalla nascita di Federico da Montefeltro. La persona che ha creato le nostre località più importanti, che ha fortificato il nostro territorio. E grazie a Francesco di Giorgio Martini, che era l’architetto che Federico aveva scelto per completare il palazzo ducale di Urbino, sono state realizzate 330 opere fortificazioni militari, palazzi civili, e chiese che oggi sono visitabili e sono tutte nell’itinerario che come Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro abbiamo proposto e stiamo proponendo nelle fiere». Il turismo è ritornato nella Marche. Come è accaduto in questa estate un po' in tutta la nostra penisola. «Teniamo conto che la regione Marche - ha continuato Varotti - ha una presenza di stranieri limitati rispetto al resto d’Italia. Nelle marche 85% sono turisti italiani, mentre il 15% stranieri. Però abbiamo registrato 130% in più di stranieri. Per cui a fine anno faremo un confronto con il 2019 che è stato l’ultimo anno pre covid e tireremo le somme definitiva. Posso dire però che i dati sono molto positivi. Daremo un quadro completo a fine anno. Anche perché come Confturismo la stagione non è finita. Abbiamo un autunno molto importante. Il nostro è l’autunno delle fiere e delle sagre, a cominciare dalla fiera nazionale del tartufo bianco pregiato che inizia la seconda domenica di ottobre a Pergola, e poi tanti altri eventi legati al territorio, come quello della birra a Pecchio. da noi il turismo lavora 365 all’anno. Non c’è un inizio e non c’è una fina. E andata bene fino ad adesso con questi incrementi importanti, ma noi confidiamo che possa migliorare anzi posso dire che in questi giorni di metà settembre abbiamo ancora non dico il pieno agostano, ma quasi, e soprattutto abbiamo molti stranieri. Insomma la stagione né andata e sta andando molto bene». Infine la promozione che viene divisa in settori omogenei e sinergici fra di lro. «Noi vogliamo promuovere il territorio sotto alcuni cluster - ha affermato Varotti -: l’arte e la cultura, Urbino, Raffaello, Giovanni Santi padre di Raffaello. Per Giovanni Santi abbiamo addirittura previsto anche un interessante itinerario. Poi l’enogastronomia, i grandi vini della provincia di Pesaro Urbino, i prodotti tipici. Nelle terre di Urbino abbiamo dei prodotti importanti che portano nelle nostre località tanti turisti. L’altro elemento è quello ambientale: una terra della bellezza intatta, perché da noi si possono vedere i paesaggi per come li avevano dipinti Raffaello, Piero della Francesca, Leonardo da vinci. D'altra parte il panorama che è dietro la Gioconda è il Montefeltro. Il Bosco delle Cesane, la gola del Furlo, la catena montuosa del monte Nerone, del monte Catria e del monte Petrano attirano tantissimi turisti legati alle manifestazioni outdoor come bike, gravel, trekking. E infine vogliamo valorizzare il territorio pensando ai grandi personaggi che sono nati o hanno vissuto in queste nostre terre. Raffaello, Giovanni Santi, Bramante, e moltissimi altri».   [post_title] => Varotti (Confturismo Terre d'Urbino e Montefeltro):«Una stagione molto positiva» [post_date] => 2022-09-16T11:29:44+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663327784000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430556 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dick Benschop, amministratore delegato dell'aeroporto di Amsterdam Schiphol, si è dimesso in seguito al protrarsi delle problematiche che negli ultimi mesi hanno causato molteplici disagi ai passeggeri, lunghe code d'attesa, a causa della carenza di personale. "Il modo in cui Schiphol affronta i problemi, e la mia responsabilità come ceo, sono oggetto di attenzione e di numerose critiche" ha sottolineato annunciando di farsi da parte di sua "propria iniziativa" per "dare a Schiphol lo spazio per ripartire di nuovo (...). Ho fatto del mio meglio, ma non abbiamo ancora risolto i problemi". Proprio qualche giorno fa la direzione dello scalo era stata costretta a chiedere ad alcune compagnie aeree di cancellare dei voli a causa della carenza di personale di sicurezza. "Sotto la guida di Dick sono state prese misure drastiche per stabilizzare la situazione a Schiphol - ha dichiarato il presidente del consiglio di sorveglianza Jaap Winter -. In estate sono stati apportati alcuni miglioramenti, ma questo non basta". Benschop coprirà la carica fino all'arrivo del suo successore. [post_title] => Schiphol: dopo mesi di caos, si dimette il ceo Dick Benschop [post_date] => 2022-09-16T08:50:04+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663318204000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430381 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giornata difficile, quella di ieri 12 settembre, per l'aeroporto di Amsterdam Schiphol che ha dovuto nuovamente fare i conti con la carenza di personale. Una situazione al limite, che ha costretto la direzione dell’aeroporto a chiedere alle compagnie aeree di annullare voli tra le 16 e le 23 per consentire alle lunghe file di passeggeri in attesa di essere smaltite. "Dopo settimane di miglioramenti, Schiphol non si aspettava di dover prendere queste misure" ha spiegato in una nota la direzione dello scalo, precisando che "le compagnie aeree che rispetteranno la richiesta di cancellazione dei voli saranno compensate". Questa mattina presto la direttrice operativa dell'aeroporto Hanne Buis ha dichiarato che la giornata odierna sarebbe stata "più gestibile". Tuttavia è previsto un altro giorno di massima affluenza passeggeri. "I viaggiatori devono prepararsi, questa situazione è parte di questo periodo. Non devono arrivare troppo presto e non troppo tardi", ha consigliato un portavoce, aggiungendo che i passeggeri dovranno comunque prepararsi a lunghe code. [post_title] => Schiphol torna a fare i conti con la carenza di personale in aeroporto [post_date] => 2022-09-13T11:40:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663069226000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "schiphol dopo mesi di caos si dimette il ceo dick benschop" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":74,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":416,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431228","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' programmato per oggi l'incontro fra i vertici di Ita Airways e una delegazione della cordata Certares: al tavolo ci saranno il fondo Usa, con 16 persone, Air France, con il top manager François Maignè e Delta Air Lines, con Isaac Husseini, responsabile delle alleanze della compagnia aerea statunitense. Lo riporta La Repubblica, segnalando il momento quanto meno delicato di questa fase delle trattative per la vendita di Ita. In pratica, nel bel mezzo del passaggio al nuovo esecutivo italiano: ma la rotta tracciata dall'ormai ex premier Draghi sembra essere quella seguita anche dal nuovo governo a trazione Fratelli d'Italia, che tramite il responsabile economico Maurizio Leo, conferma che la cessione andrà avanti, \"perché i giochi sono ormai fatti\".\r\n\r\nFocus dell'incontro odierno la situazione finanziaria di Ita (dalla sofferenza della cassa, ai 430 milioni di dollari che serviranno per gestire e rafforzare la flotta da qui al 2023) e la redditività delle rotte, nonché il modello di revenue management. Infine, sotto la lente di ingrandimento, anche le aree di business di Ita. Cargo incluso.","post_title":"Ita Airways: faccia a faccia tra il management e la cordata Certares. E FdI dice sì all'affaire","post_date":"2022-09-28T10:24:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664360640000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431118","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Recupero redditività ed individuazione delle leve  per l’ottimizzazione dei margini. Sono due fondamentalmente le emergenze da affrontare per GecoHotels. A fronte di una stagione positiva il problema del caro bollette ha travolto e rischia di far affondare tutto il settore, dagli alberghi ai vettori, fino ai tour operator e gli esercenti.\r\n\r\n«Città d’arte in forte recupero così come mare, campagna e montagna – commenta Marco Fabbroni Ceo di GeCo - A fronte di una ripresa, la bolletta schizza e certo questo non può essere  scaricato sul prezzo finale del cliente. La ripresa del turismo è evidente ma deve fare i conti con troppi elementi. Il turismo è una cartina tornasole, il primo settore che si muove in senso positivo ma anche negativo».\r\n\r\nIn tale contesto moltissimi albergatori si trovano costretti ad eliminare tutto ciò che è superfluo ed il rischio è che qualcuno diminuisca la qualità del servizio.\r\n\r\n«Vediamo come si svilupperà la situazione che va continuamente monitorata – aggiunge Fabbroni - Quel che è certo è che la nostra attività non rappresenta un costo ma una leva: cerchiamo di ottimizzare la distribuzione commerciale, con un aumento delle vendite dirette tramite canali online e tradizionali. In poche parole è possibile concretamente diminuire i costi aumentando le vendite dirette. Mai come ora i nostri servizi devono essere visti anche come sistema per risolvere i problemi più impellenti».\r\n\r\nL’anno scorso GeCo ha avviato un dipartimento di Digital Marketing per offrire agli albergatori nuovi strumenti. «Uno strumento concreto che consente agli albergatori – conclude Fabbroni – di aumentare notevolmente l’incidenza delle vendite dirette. Mi pare evidente infatti che il forte risparmio sui costi di commissione consenta di recuperare notevolmente sull’ aumento delle bollette».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"GecoHotels, individuare le leve per l'ottimizzazione dei margini","post_date":"2022-09-27T10:24:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664274298000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431013","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"L'ultima estate sarà ricordata come la più last minute di sempre, anzi direi last second\". Esordisce così  Leonardo Massa, nel commentare un'alta stagione che ha comunque dato ottimi segnali di ripresa, soprattutto in termini di volumi. \"Paradossalmente la questione caos voli e l'incremento dell'inflazione ha in parte favorito la nostra offerta\", racconta il country manager Italia di Msc Crociere. In che modo? \"Mi spiego con un esempio: immagino il classico italiano che quest'anno ha cominciato a pensare alle vacanze a giugno; seduto davanti alla tv ha cominciato a sentire dei problemi ai bagagli e dei costi crescenti del carburante per i voli. Inutile negare che, per noi, aver potuto contare su un record di 15 porti d'imbarco facilmente accessibili lungo tutta la Penisola abbia rappresentato un notevole vantaggio competitivo. Certo, alcuni itinerari a medio - lungo raggio ne hanno risentito, ma se si considera che il 75% della nostra proposta è mediamente concentrata nel Mediterraneo il bilancio non può che essere positivo\".\r\n\r\nAnche le marginalità sono peraltro tornate a registrare il segno più. \"Da questo punto di vista, tuttavia, c'è ancora parecchio lavoro da fare prima di tornare ai livelli del 2019 - ammette Massa -. C'è bisogno soprattutto del contributo delle agenzie, che rimangono assolutamente il nostro canale distributivo principale. Il loro aiuto sarà fondamentale anche per riallungare le finestre di prenotazioni. I primi segnali stanno arrivando, sull'inverno e persino sull'estate 2023. Ma pure in questo caso il lavoro da fare è notevole\".  Msc promette quindi fin da ora di mettere in campo tutte le risorse disponibili, strategiche e commerciali, per spingere sui margini e per allargare le booking windows, insieme alle adv: \"Esistono tuttavia variabili esogene su cui non possiamo intervenire: in primis, la guerra e la pressione dell'inflazione sul potere d'acquisto degli italiani\", commenta Massa, ben consapevole delle sfide che lo attendono.\r\n\r\nInfine una battuta sulla questione Ita e Italo: i tanti rumours che circolano non rischiano di distrarre un po' dal business crociere? \"Onestamente c'è talmente tanto da fare e abbiamo talmente tante novità in arrivo (su tutte la nuova World Europa che sarà battezzata il prossimo 13 novembre a Doha, seguita subito dopo dalla Seascape, ndr) che non abbiamo neppure il tempo di pensarci\", risponde prontamente Massa.","post_title":"L'estate last second di Msc. Ma crescono i volumi e tornano le marginalità","post_date":"2022-09-23T11:57:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1663934220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430766","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La prima vittima del caos permanente all'aeroporto di Schiphol ad Amsterdam è Klm, la compagnia aerea olandese che ha la sua prima base in questo terminal. Ieri, a seguito dell'imposizione di un altro taglio al numero massimo di viaggiatori accettati al giorno, la compagnia aerea ha dovuto aggiungere la cancellazione di altri 42 voli.\r\n\r\nIl sabato e la domenica precedenti Klm aveva applicato restrizioni alle sue operazioni. \r\n\r\nIl problema per i viaggiatori olandesi e per Klm è che nelle immediate vicinanze di Amsterdam non esiste un aeroporto in grado di sostituire o integrare Schiphol. Rotterdam ed Eindhoven sono gli altri due aeroporti olandesi di una certa importanza, ma incapaci di sostituire Amsterdam.\r\n\r\nI media hanno scoperto che i viaggiatori d'affari, i più preziosi per l'aviazione, hanno lasciato l'aeroporto di Amsterdam. Secondo Daan Lenderick, direttore di un'organizzazione di viaggi, le persone che viaggiano per lavoro si stanno spostando in altri paesi per i loro viaggi.\r\n\r\nKlm aveva già in atto un piano di volo ridotto che doveva mantenere fino alla fine di ottobre. Tuttavia, su questa previsione di taglio, Schiphol ha appena introdotto un taglio a più di novemila passeggeri giornalieri, il 18% del totale.","post_title":"Klm: altri 42 voli cancellati a causa del caos di Schipol","post_date":"2022-09-20T11:30:54+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663673454000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430712","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro.\r\n\r\nLa compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner. \r\nTap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città. ","post_title":"Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023","post_date":"2022-09-20T09:15:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663665338000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430644","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con una stazza di 175.500 tonnellate e una capienza di 4.300 ospiti, la Sun sarà la prima nave della classe Sphere e la più grande unità Princess Cruises mai realizzata. In fase di costruzione presso gli stabilimenti Fincantieri, il suo debutto è in calendario per febbraio 2024, quando sarà posizionata nel Mediterraneo, per poi spostarsi in autunno nei Caraibi occidentali e orientali, con partenze da Port Everglades, in Florida.\r\n\r\nSulla Sun Princess, la tradizionale area Piazza si articolerà su tre ponti, offrendo agli ospiti uno spazio sospeso con comode sedute, per godere la vista del mare in ogni direzione; al centro, un imponente schermo Led che può essere spostato e configurato, per mostrare anche eventi dal vivo; adiacenti alla Piazza, alcune delle 29 opzioni gastronomiche, tra ristoranti e bar, disponibili a bordo: la nuova caffetteria Coffee Currents e i classici di Princess, Crooners Bar, Bellini's Cocktail Bar e Alfredo's Pizzeria.\r\n\r\nL'altra struttura di spicco a bordo è poi il Dome, la prima cupola di vetro mai costruita su una nave da crociera: ispirato alle terrazze di Santorini, è un ponte coperto su più livelli che di giorno dispone di una piscina interna/esterna con giochi d'acqua, in uno spazio confortevole e rilassante; di notte diventa un palcoscenico e si trasforma in un luogo di intrattenimento dalle atmosfere in stile South Beach ed effetti di luce all'avanguardia ed esibizioni aeree.\r\n\r\nCon un totale di 2.157 cabine, di cui 50 suite e 100 camere comunicanti, i balconi della Sun Princess saranno più spaziosi e ogni cabina disporrà di un sofà. A bordo ci sarà inoltre una nuova categoria di suite, la Signature Collection, che include l'accesso al Signature restaurant, alla Signature lounge e al Signature sun deck: un'area privata all’interno del Santuary. La nuova unità poi sarà una delle 11 navi del gruppo Carnival alimentate con la tecnologia a gas naturale liquefatto (gnl).\r\n\r\nQuesta è la terza nave a essere insignita col nome Sun Princess, aggiungendosi all'eredità della prima, in navigazione dal 1974 al 1988, e della seconda, dal 1995 al 2020. A quel tempo aveva il maggior numero di cabine con balcone e il primo bar aperto 24 ore su 24 della compagnia di crociere. La consegna della seconda nave della Sphere Class è prevista da Fincantieri nella primavera 2025.\r\n\r\nGioco Viaggi, agente di vendita Princess per l’Italia, comunica che le prime tre partenze della stagione inaugurale di Sun Princess sono in vendita dal 16 settembre: itinerario Grand Mediterranean di dieci notti da 2.070 euro per persona.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I dettagli della nuova Sun Princess. Gioco Viaggi apre le vendite per l'itinerario Grand Mediterranean","post_date":"2022-09-19T09:36:59+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663580219000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430594","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Incontriamo a Verona, Amerigo Varotti presidente di Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro che ci parla sia della stagione estiva, con numeri e prospettive, e inoltre allarga gli orizzonti indicando i punti cardinali della promozione di questi luoghi magnifici.\r\n\r\n«Ci occupiamo della parte nord elle Marche – ha iniziato Varotti -. Di Urbino e delle località che fanno parte dell’ex ducato di Urbino. Quindi borghi, città storiche, paesi dell’Appennino marchigiano. Che diciamolo fuori dei denti: è una terra dalla ricchezza unica. Il turismo quest’anno è andato molto bene. Tante presenze turistiche, un grande ritorno degli stranieri, soprattutto olandesi austriaci tedeschi. Ma anche americani, francesi inglesi. Un anno votato alla riscoperta delle parte nord della Marche».\r\n\r\nFra queste poli d'interesse naturalmente Urbino ha avuto un posto di rilievo.\r\n\r\n«Urbino si è confermata un polo di attrazione, anche perché quest’anno si celebravano i seicento anni dalla nascita di Federico da Montefeltro. La persona che ha creato le nostre località più importanti, che ha fortificato il nostro territorio. E grazie a Francesco di Giorgio Martini, che era l’architetto che Federico aveva scelto per completare il palazzo ducale di Urbino, sono state realizzate 330 opere fortificazioni militari, palazzi civili, e chiese che oggi sono visitabili e sono tutte nell’itinerario che come Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro abbiamo proposto e stiamo proponendo nelle fiere».\r\n\r\nIl turismo è ritornato nella Marche. Come è accaduto in questa estate un po' in tutta la nostra penisola.\r\n\r\n«Teniamo conto che la regione Marche - ha continuato Varotti - ha una presenza di stranieri limitati rispetto al resto d’Italia. Nelle marche 85% sono turisti italiani, mentre il 15% stranieri. Però abbiamo registrato 130% in più di stranieri. Per cui a fine anno faremo un confronto con il 2019 che è stato l’ultimo anno pre covid e tireremo le somme definitiva. Posso dire però che i dati sono molto positivi. Daremo un quadro completo a fine anno. Anche perché come Confturismo la stagione non è finita. Abbiamo un autunno molto importante. Il nostro è l’autunno delle fiere e delle sagre, a cominciare dalla fiera nazionale del tartufo bianco pregiato che inizia la seconda domenica di ottobre a Pergola, e poi tanti altri eventi legati al territorio, come quello della birra a Pecchio. da noi il turismo lavora 365 all’anno. Non c’è un inizio e non c’è una fina. E andata bene fino ad adesso con questi incrementi importanti, ma noi confidiamo che possa migliorare anzi posso dire che in questi giorni di metà settembre abbiamo ancora non dico il pieno agostano, ma quasi, e soprattutto abbiamo molti stranieri. Insomma la stagione né andata e sta andando molto bene».\r\n\r\nInfine la promozione che viene divisa in settori omogenei e sinergici fra di lro.\r\n\r\n«Noi vogliamo promuovere il territorio sotto alcuni cluster - ha affermato Varotti -: l’arte e la cultura, Urbino, Raffaello, Giovanni Santi padre di Raffaello. Per Giovanni Santi abbiamo addirittura previsto anche un interessante itinerario. Poi l’enogastronomia, i grandi vini della provincia di Pesaro Urbino, i prodotti tipici. Nelle terre di Urbino abbiamo dei prodotti importanti che portano nelle nostre località tanti turisti.\r\n\r\nL’altro elemento è quello ambientale: una terra della bellezza intatta, perché da noi si possono vedere i paesaggi per come li avevano dipinti Raffaello, Piero della Francesca, Leonardo da vinci. D'altra parte il panorama che è dietro la Gioconda è il Montefeltro.\r\n\r\nIl Bosco delle Cesane, la gola del Furlo, la catena montuosa del monte Nerone, del monte Catria e del monte Petrano attirano tantissimi turisti legati alle manifestazioni outdoor come bike, gravel, trekking. E infine vogliamo valorizzare il territorio pensando ai grandi personaggi che sono nati o hanno vissuto in queste nostre terre. Raffaello, Giovanni Santi, Bramante, e moltissimi altri».\r\n\r\n ","post_title":"Varotti (Confturismo Terre d'Urbino e Montefeltro):«Una stagione molto positiva»","post_date":"2022-09-16T11:29:44+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663327784000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430556","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dick Benschop, amministratore delegato dell'aeroporto di Amsterdam Schiphol, si è dimesso in seguito al protrarsi delle problematiche che negli ultimi mesi hanno causato molteplici disagi ai passeggeri, lunghe code d'attesa, a causa della carenza di personale.\r\n\r\n\"Il modo in cui Schiphol affronta i problemi, e la mia responsabilità come ceo, sono oggetto di attenzione e di numerose critiche\" ha sottolineato annunciando di farsi da parte di sua \"propria iniziativa\" per \"dare a Schiphol lo spazio per ripartire di nuovo (...). Ho fatto del mio meglio, ma non abbiamo ancora risolto i problemi\".\r\n\r\nProprio qualche giorno fa la direzione dello scalo era stata costretta a chiedere ad alcune compagnie aeree di cancellare dei voli a causa della carenza di personale di sicurezza. \"Sotto la guida di Dick sono state prese misure drastiche per stabilizzare la situazione a Schiphol - ha dichiarato il presidente del consiglio di sorveglianza Jaap Winter -. In estate sono stati apportati alcuni miglioramenti, ma questo non basta\". Benschop coprirà la carica fino all'arrivo del suo successore.","post_title":"Schiphol: dopo mesi di caos, si dimette il ceo Dick Benschop","post_date":"2022-09-16T08:50:04+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663318204000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430381","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giornata difficile, quella di ieri 12 settembre, per l'aeroporto di Amsterdam Schiphol che ha dovuto nuovamente fare i conti con la carenza di personale. Una situazione al limite, che ha costretto la direzione dell’aeroporto a chiedere alle compagnie aeree di annullare voli tra le 16 e le 23 per consentire alle lunghe file di passeggeri in attesa di essere smaltite.\r\n\r\n\"Dopo settimane di miglioramenti, Schiphol non si aspettava di dover prendere queste misure\" ha spiegato in una nota la direzione dello scalo, precisando che \"le compagnie aeree che rispetteranno la richiesta di cancellazione dei voli saranno compensate\".\r\n\r\nQuesta mattina presto la direttrice operativa dell'aeroporto Hanne Buis ha dichiarato che la giornata odierna sarebbe stata \"più gestibile\". Tuttavia è previsto un altro giorno di massima affluenza passeggeri. \"I viaggiatori devono prepararsi, questa situazione è parte di questo periodo. Non devono arrivare troppo presto e non troppo tardi\", ha consigliato un portavoce, aggiungendo che i passeggeri dovranno comunque prepararsi a lunghe code.","post_title":"Schiphol torna a fare i conti con la carenza di personale in aeroporto","post_date":"2022-09-13T11:40:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663069226000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti