16 January 2021

Sas archivia un trimestre pesantemente segnato dal Covid

[ 0 ]

Passeggeri in calo dell’86% e ricavi totali in flessione dell’81%: Sas archivia con dati pesantemente negativi il terzo trimestre del suo anno fiscale (maggio-luglio) a causa del crollo della domanda indotto dalla pandemia. La timida ripresa del traffico durante l’estate è il risultato degli spostamenti sulla rete domestica, che ha rappresentato la gran parte delle entrate trimestrali.

Nonostante le misure immediate, la riduzione dei costi del 67% non ha compensato il forte calo dei ricavi. Di conseguenza, l’utile prima delle imposte è stato negativo per 2,1 miliardi di corone svedesi. “Siamo incoraggiati nel vedere che la domanda sta tornando lentamente – ha commentato Rickard Gustafson, presidente e ceo di Sas -. Finora, la domanda di viaggio aerei si è sviluppata in linea con le nostre aspettative, trainata dal traffico nazionale. Al contempo stiamo facendo progressi nell’adattare la nostra struttura dei costi a un mercato caratterizzato da una domanda inferiore. Sebbene ci siano sfide significative da affrontare, sono fiducioso che SAS tornerà come compagnia aerea sostenibile e redditizia grazie al piano di ricapitalizzazione”.

Sas ha operato a luglio 8.700 partenze, il 25% della capacità offerta l’anno precedente, che rappresenta comunque un aumento di circa 20 punti percentuali rispetto al mese di maggio 2020. “Durante il quarto trimestre, continueremo ad aumentare la capacità puntando ad arrivare al 30%-40% in termini di Ask rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”.

Intanto la compagnia ha posticipato le consegne di 8 A320neo e 2 A350-900: “In questo modo riduciamo le nostre spese in conto capitale per il periodo 2021-2024 e allineiamo al meglio le consegne di nuovi aeromobili con il ritorno della domanda”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353791 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lugano Airport ha ricevuto un importante riconoscimento per la qualità e puntualità nei servizi. Nello specifico Lugano Airport SA è stato riconosciuto miglior aeroporto regionale per il primo trimestre 2019 dell’area Germania/Austria/Svizzera per la qualità e puntualità del servizio ai passeggeri e di smistamento bagagli.  Il certificato è stato rilasciato dal gruppo Lufthansa per conto di Swiss International Air Lines. [post_title] => Lugano Airport, importante riconoscimento per qualità e puntualità [post_date] => 2019-05-31T08:54:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559292852000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353700 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sas ha ceduto la propria partecipazione in Air Greenland al governo della Groenlandia. Un'operazione del valore di circa 41,3 milioni di dollari che ha posto fine ad un'intesa che risale agli anni Sessanta e che vedeva la compagnia aerea scandinava proprietaria del 37,5% del capitale di Air Greenland. Un'altra quota del 37,5% apparteneva già al governo della Groenlandia che ora raggiunge quasi l'80% e di fatto controlla la compagnia aerea (il restante 20% è tuttora nelle mani del Governo di Danimarca). Il network di Air Greenland copre tutte le destinazioni domestiche oltre ad alcune rotte internazionali verso Danimarca e Islanda. [post_title] => Sas cede la partecipazione in Air Greenland al governo della Groenlandia [post_date] => 2019-05-30T10:21:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559211705000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Segno positivo per gli arrivi internazionali in Turchia nel primo trimestre 2019. Ottima, in particolare la performance dei flussi provenienti dall'Italia che con un totale di 58.814 arrivi, hanno fatto segnare un incremento del +17,94% rispetto allo stesso periodo del 2018. A livello internazionale i turisti tra gennaio e marzo 2019 sono stati 5.442.092, +6,12% rispetto allo stesso periodo del 2018. I flussi più importanti provengono, in ordine, dalla Bulgaria (482.712), Iran (447.103), Germania (427.424), Georgia (371.111) e Russia (318.714). «L’Italia continua a far registrare una crescita costante – afferma Serra Aytun Roncaglia, direttrice dell’ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata di Roma – a conferma del profondo legame tra i due Paesi del Mediterraneo». I turisti italiani che si recano in Turchia sono attratti principalmente dalla ricchezza del patrimonio storico ed artistico del Paese, oltre che dalla ricca offerta balneare che annovera numerose località di grande importanza naturalistica e turistica distribuite lungo i 8.333 km di costa. Istanbul si conferma quale principale punto di accesso al Paese (+56,40%): da ricordare che solo lo scorso ottobre è stato inaugurato il nuovo Istanbul Airport, completamente operativo da aprile 2019, che, nel prossimo decennio, prevede di diventare il più grande al mondo, con una capacità stimata di 150-200 milioni di passeggeri. [post_title] => Turchia: gli arrivi italiani nel primo trimestre aumentano del 17% [post_date] => 2019-05-29T09:46:49+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559123209000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353474 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Travelport e Welcome Travel celebrano 20 anni di continua collaborazione e partnership. Sin dalla fondazione del network, che all’inizio di quest’anno ha festeggiato i 20 anni di attività in una convention per le agenzie affiliate a Istanbul, Welcome Travel e Travelport hanno lavorato fianco a fianco per raggiungere i comuni obiettivi e, con il passare degli anni, la cooperazione fra i due leader di mercato è diventata sempre più stretta e fruttuosa. Le soluzioni tecnologiche e i contenuti aerei, hotel e car offerti da Travelport alle oltre 1200 agenzie della rete WTG hanno contribuito a rendere il Gruppo un punto di riferimento nella scelta dei viaggi per oltre un milione di viaggiatori ogni anno. «Questo anniversario ci rende molto felici, da subito Travelport ha visto in Welcome Travel l’enorme potenziale che ha poi generato i risultati raccolti finora - ha affermato Sandro Gargiulo, country manager Italia e Malta di Travelport -. Siamo sicuri che questo sia solo l’inizio, Travelport continuerà ad affiancare e collaborare con Welcome per trovare soluzioni tecnologiche e strumenti che migliorino costantemente il lavoro delle agenzie del network, mantenendole sempre al passo con un mercato estremamente competitivo”. «Sono orgoglioso e felice di questo traguardo, - commenta Massimo Segato, direttore di rete Welcome Travel Group – Travelport è un partner commerciale che sin dalle origini ha creduto nel nostro modello distributivo e nelle sue peculiarità. La collaborazione in questi anni è sempre stata improntata alla ricerca di soluzioni tecnologiche che mettessero le Agenzie Welcome Travel in condizione di rendere più efficienti i processi di vendita della biglietteria aerea. Inoltre, - prosegue il Manager - ringraziamo Travelport per averci sempre supportato anche nella realizzazione di apposti tools finalizzati a consentire l’utilizzo di tariffe negoziate in esclusiva per Network. Siamo certi che questa partnership proseguirà efficacemente anche nelle sfide future tra le quali gli sviluppi legati all’NDC».     [post_title] => Welcome Travel e Travelport: 20 anni di intensa collaborazione [post_date] => 2019-05-28T10:55:24+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559040924000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352985 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airbus ha siglato un accordo con Sas Scandinavian Airlines riguardante l'ecosistema degli aeromobili ibridi ed elettrici e la ricerca sui requisiti infrastrutturali. La collaborazione inizierà a giugno 2019 e proseguirà fino alla fine del 2020. Airbus e Sas Scandinavian Airlines collaboreranno a un progetto di ricerca congiunto per migliorare la comprensione delle opportunità operative e infrastrutturali e delle sfide legate all'introduzione su larga scala di aeromobili ibridi ed elettrici rispetto al modus operandi dei vettori. La portata del progetto comprende cinque ambiti di lavoro, che mirano ad analizzare l'impatto delle infrastrutture di terra e della necessità di ricarica sull’autonomia, le risorse, il tempo e la disponibilità negli aeroporti. La collaborazione include anche un piano per il coinvolgimento di un fornitore di energia rinnovabile, per garantire che vengano valutate le operazioni a zero emissioni di Co2. Per superare questa sfida, l'Industria Aeronautica Globale (Global Aviation Industry - Atag), tra cui Airbus e Sas Scandinavian Airlines, si è impegnata a raggiungere una crescita a emissioni zero dell'industria aeronautica nel suo complesso a partire dal 2020, riducendo le emissioni nette del 50% entro il 2050 (rispetto al 2005). [post_title] => Airbus e Sas collaborano su un progetto per aeromobili ibridi ed elettrici [post_date] => 2019-05-24T08:45:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558687510000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea ha centrato un utile operativo record (ebit) di 13,6 milioni di euro nel 2018 con una crescita del 63% rispetto all'anno precedente; il fatturato ha superato i 396,1 milioni di euro, in crescita di 89 milioni (+29%) rispetto ai 307,5 del 2017. I ricavi relativi alla vendita dei biglietti hanno raggiunto 258,4 milioni di euro (+28% sul 2017), mentre quelli ancillari sono pari a 137,7 milioni di euro (+31% rispetto 2017) e rappresentano il 35% del totale del fatturato. «Siamo molto felici dei nostri risultati finanziari, che testimoniano la nostra crescita, forte e costante - ha dichiarato Carlos Muñoz, presidente e fondatore di Volotea -. Questa è la riprova di quanto sia vincente la nostra strategia di collegare tra di loro città di medie e piccole dimensioni in Europa, con voli diretti e senza scali in grandi hub. L'aggiunta di ulteriori Airbus A319, infine, ci consente di aumentare la nostra capacità di trasporto con velivoli più competitivi in termini di costi e che, anno dopo anno, aumenteranno la nostra redditività». Nel 2018, Volotea ha operato 53.400 voli (+20%) e trasportato 6,57 milioni di passeggeri (+36%), totalizzando un load factor del 93,1% (7,7 punti base in più rispetto all’anno precedente). Quattro nuovi Airbus A319 sono stati aggiunti alla flotta lo scorso anno, per un totale di 30 aeromobili totali. Infine, nel 2018, l'organico medio di Volotea è stato di 888 dipendenti (in aumento di 230 risorse rispetto al 2017), raggiungendo un totale di 1.078 dipendenti durante l’alta stagione.   Nel 2017, Volotea ha adottato l’Ifrs 16 per l'emissione del Consolidated Annual Accounts, diventando una delle prime società in Spagna e nel settore delle compagnie aeree europee ad utilizzare questo principio contabile. Anche i risultati 2018 sono stati presentati seguendo i principi contabili Ifrs 16. [post_title] => Volotea archivia il 2018 con un utile operativo record, in crescita del 63% [post_date] => 2019-05-23T12:25:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558614319000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352764 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_224573" align="alignright" width="300"] La Spezia[/caption] Bilancio positivo per la provincia della Spezia che registra numeri ancora in crescita nel primo trimestre 2019. «La Regione Liguria ha reso noti i dati sugli afflussi turistici dei primi 3 mesi dell’anno - commenta Paolo Asti assessore al turismo alla Spezia - in Liguria e La Spezia è la  provincia che registra incrementi sempre significativi segnando, anche in questo primo trimestre, un + 2.4% riferito alle presenze e un +12,67 %  riferito a turisti che arrivano alla Spezia». Un trend positivo  a riprova che la strada intrapresa soprattutto sulla destagionalizzazione dell’offerta turistica elaborata anche con le associazioni di categoria  sia quella giusta. «Quanto emerge fin dall’inizio del nostro mandato amministrativo dimostra che la nostra volontà di trasformare quella che in ambito turistico era pura improvvisazione in programmazione – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – si sta confermando con il ripetuto e significativo incremento turistico. E a  questi dati vanno aggiunti gli arrivi delle navi da crociera, che non sono compresi. La nostra amministrazione esercita e deve esercitare fra i Comuni del Golfo un ruolo di capofila così che il turismo assuma sempre più i valori di un’economia capace di generare ricchezza per il territorio». «Ora – conclude l’assessore al turismo -  analizzeremo con attenzione ogni singolo dato capire meglio le dinamiche e  strutturare una offerta turistica sempre più all’altezza. Un’offerta globale che sarà vincente solo se avremo la capacità di superare i   confini comunali e sfruttare al meglio tutte quelle opportunità che il turismo  può offrire».   [post_title] => La Spezia, flussi turistici in crescita da gennaio a marzo 2019 [post_date] => 2019-05-22T11:29:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558524591000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352640 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sas Scandinavian Airlines aprirà un nuovo collegamento diretto settimanale da Torino a Copenhagen. Il nuovo volo verrà operato ogni sabato a partire dal 21 dicembre 2019, sino al 21 marzo 2020. La programmazione prevede partenza da Copenaghen alle ore 8:25 e arrivo a Torino alle ore 10:30; la partenza da Torino è invece prevista alle ore 11:30, con arrivo nella destinazione danese alle ore 13:35. Il collegamento è pensato in ottica incoming per il target degli sciatori scandinavi e contribuirà ad aumentare il numero di appassionati di sport invernali provenienti da Danimarca e penisola scandinava, che raggiungono le destinazioni sciistiche delle Alpi del Nord Ovest. La nuova “ski route” Scandinavian Airlines verrà reso possibile grazie alla consegna in corso del nuovo Airbus A320neo, impiegato sulla rotta per Torino, che dispone di 180 posti a sedere ed è il velivolo più moderno ed efficiente dal punto di vista del mercato, che riduce le emissioni di Co2 fino al 18%. [post_title] => Sas aprirà il 21 dicembre la nuova ski route Torino-Copenaghen [post_date] => 2019-05-21T09:34:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558431256000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352569 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trentadue milioni di passeggeri trasportati nel 2018 (rispetto ai 400.000 del 2004). Secondo vettore nei collegamenti Italia-Spagna, leader sulle rotte Spagna-Francia. Vueling celebra i suoi primi 15 anni di attività, da quando il 1° luglio del 2004 quando l'Airbus A320 con registrazione EC-IZD chiamato Barceloning, decollò dall'aeroporto di Barcellona El Prat, diretto a Ibiza. Parte integrante del gruppo Iag, oggi Vueling è una delle principali compagnie low cost in Europa e conta una flotta composta da 118 aerei. Proprio l'ingresso nel gruppo Iag, nel 2013, ha segnato l'inizio di una fase di consolidamento, che ha portato Vueling ad aprire ulteriori basi operative anche al di fuori dei confini spagnoli. Le basi più importanti sono quella di Roma Fiumicino, dove attualmente sono presenti otto veivoli, e quella di Firenze, dove Vueling si pone come leader con due aerei basati ed un terzo in arrivo a settembre. Anche la Francia è diventata negli anni punto strategico della compagnia, con il suo centro operativo di Parigi che conta quattro aeromobili nell'aeroporto di Parigi Orly e altri tre in quello di Charles de Gaulle.       Il gruppo Iag copre il 31% del mercato in Spagna e metà di questa cifra è attribuibile a Vueling. Pertanto, la compagnia aerea è leader nei flussi tra Spagna e Francia, con una quota di mercato del 30%, ed è seconda nella connettività con l'Italia, trasportando il 23% dei passeggeri totali che si spostano tra questi due paesi. Inoltre, con una quota di mercato del 32%, Vueling è la prima compagnia aerea nel mercato domestico in Spagna, la più importante in Europa. In Italia, Vueling è presente dal 2004 e, da allora, ha trasportato un totale di 46 milioni di passeggeri. Attualmente, la compagnia opera con 275 dipendenti su 80 rotte con 11 aerei in partenza da 17 aeroporti tra cui Roma Fiumicino, secondo hub internazionale della compagnia.   [post_title] => Vueling celebra i suoi primi 15 anni di attività [post_date] => 2019-05-20T15:19:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558365549000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti