27 September 2021

Qatar Airways e la fiducia di Al Baker nel futuro

[ 0 ]

“Guardando al futuro, ci aspettiamo che l’industria globale dei viaggi e del turismo continui a riprendersi gradualmente. Gli sviluppi per lanciare un vaccino in tutto il mondo sembrano promettenti, dandoci maggiore fiducia, in particolare per la seconda metà del 2021“. Akbar Al Baker, ceo di Qatar Airways, tratteggia così la vision del gruppo per il prossimo futuro, a chiusura di un 2020 che è stato “diverso da qualsiasi altro, con la pandemia da Covid-19 che ha avuto un impatto su persone e aziende in tutto il mondo. L’aviazione è stata una delle industrie più colpite, con una serie unica di sfide condizionate dalle restrizioni di viaggio e dal crollo della domanda”.

Al Baker sottolinea però come la compagnia abbia saputo reagire a questa sfida inattesa: “In primo luogo, non abbiamo mai smesso di volare durante la pandemia, adempiendo alla nostra missione di riportare a casa i passeggeri bloccati con voli di linea e charter. Siamo stati in grado di farlo grazie alla nostra flotta di aeromobili moderni ed efficienti in termini di consumo di carburante che ci consente di rispondere rapidamente ai cambiamenti del mercato, nonché agli incredibili sforzi del nostro personale. La nostra flotta ci ha anche permesso di ricostruire il nostro network dal nostro punto più basso di maggio, quando servivamo 33 destinazioni, per arrivare oggi a oltre 110 destinazioni e a 129 entro la fine di marzo 2021. Abbiamo persino lanciato sette nuove destinazioni durante la pandemia”.

Notevoli gli sforzi per implementare “nuove e solide misure di sicurezza per garantire che i passeggeri siano al sicuro quando viaggiano con noi, sia a bordo sia a terra. Ma a differenza di alcuni dei nostri concorrenti, abbiamo continuato a investire nell’esperienza dei passeggeri sia a bordo che all’aeroporto internazionale di Hamad”.

Infine, “molto lavoro è stato svolto dal settore dell’ospitalità in Qatar per garantire che i visitatori possano godere di una visita sicura quando i confini saranno riaperti e credo che i viaggiatori saranno ansiosi di vedere cosa abbiamo da offrire, soprattutto perché l’interesse per il Qatar crescerà in vista della Coppa del Mondo Fifa 2022“.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti