22 February 2024

Nel “Rilancio Italia” norme per limitare il potere delle low cost

[ 0 ]

ryanairNel nuovo decreto Rilancio Italia sono previste delle chiare norme anti low cost. Si tratta di una regolamentazione che punta a limitare il potere fino ad ora, intoccabile, delle compagnie a basso costo.

Per ora ne sappiamo poco, ma di sicuro l’addizionale comunale sui biglietti aerei dal luglio 2021 in parte sarà destinata ad alimentare pure il Fondo per il trasporto aereo. Inoltre i vettorI, chiaramente Ryanair, ma anche altri di dimensioni minori, dovranno garantire il minimo dello stipendio da contratto nazionale.

Sicuramente la nuova normativa non sarà accolta con favore da alcune compagnie, ma diciamo le cose come stanno: per molti anni le low cost hanno fatto il bello e cattivo tempo nel nostro Paese, una regola più equa è auspicabile e giusta. Vediamo come andrà a finire.

Ga

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un moltiplicatore di potenza. L'intelligenza artificiale è il tema centrale del dibattito sul digitale di oggi. Un'evoluzione che tutti concordano sarà destinata presto a cambiare il mondo. In quali modalità è ancora difficile da capire fino in fondo, ma del potere dirompente dell'Ai sono davvero in pochi a dubitare. "Anche perché al momento stiamo vivendo solamente la fase due della rivoluzione. Quella che sfrutta il cosiddetto Large language model (Llm), che mette in grado applicazioni come ChatGpt di interpretare linguaggi ed espressioni diverse - spiega il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano, intervenuto in occasione del seminario sul digital organizzato a Milano da Travel Open Village Hospitality -. Nel futuro ci aspetta ancora lo step della Theory of mind, per cui l'intelligenza artificiale sarà capace di comprendere le emozioni. Infine si potrà forse arrivare alla self-awareness degli strumenti digitali. Una prospettiva per certi versi inquietante, che tuttavia è molto meno remota di quanto si possa comunemente pensare". Un modo nuove di interagire con gli ospiti A fronte di tanti e tali cambiamenti è chiaro quindi che anche il piccolo mondo dell'ospitalità non può sottrarsi dal confronto con le nuove prospettive dell'intelligenza artificiale. "Occorre andare là dove la domanda si dirige - osserva semplicemente Primerano -. E ormai tutti gli ospiti, compresi quelli delle generazioni più mature, si servono degli strumenti digitali in modo sempre più pervasivo". Il primo contesto in cui l'Ai può quindi rivoluzionare gli approcci tradizionali dell'ospitalità è quello delle interazioni con i clienti. Pre, post e durante il soggiorno. "Fino a oggi siamo stati abituati a confrontarci con bot pre-registrati, dotati di una ridotta capacità di relazione con gli utenti. Ora esistono strumenti estremamente flessibili, in grado di imparare dal confronto con il cliente e con lo stesso hotel di cui sono al servizio. I nuovi software possono elaborare in pochi minuti una quantità pressoché infinita di dati provenienti dalle fonti più disparate (pdf, power point, video, immagini...). Restituendo poi all'utente informazioni puntuali, persino con un tono di voce e uno stile difficilmente distinguibile da quello di una classica interazione umana". La questione recensioni, la formazione e l'housekeeping Altro aspetto chiave su cui l'Ai può già essere di grande supporto agli hotelier è poi la questione recensioni. "Il vantaggio in questo caso è sia la capacità dell'intelligenza artificiale di analizzare una mole di dati molto più elevata rispetto a qualsiasi altro strumento sino a oggi disponibile, sia di garantire repliche adeguate al contesto di riferimento di ogni singolo cliente. A partire magari dal paese di origine di ciascun ospite, che impone stili di risposta e toni di relazione differenti". Ma l'Ai potrà aiutare anche in ambito formativo, mettendo per esempio gli allievi nelle condizioni di affrontare simulazioni realistiche con ospiti virtuali. Non mancano neppure possibili applicazioni nel comparto housekeeping: "Le regole dell'hotellerie dicono che la governante dovrebbe ogni giorno controllare a fondo tutte le stanze, per assicurarsi che gli standard di pulizia siano rispettati nel minimo dettaglio. Inutile nascondere che, salvo rarissime eccezioni, questo è praticamente impossibile, solitamente le visite limitandosi a delle camere a campione. Ebbene, oggi da una semplice foto o da un video di cellulare l'Ai è in grado di fare un check completo di ogni stanza in tempi ridotti, assicurando in questo modo il pieno rispetto degli standard". Rivoluzione revenue management Infine c'è il capitolo forse più intuitivo, che è il tema del revenue management. Ancora una volta è la capacità di analizzare grandi volumi di dati a fare la differenza. "Soprattutto perché oggi l'offerta alberghiera si articola su sempre più variabili - conclude Primerano -. Non solo le tipologie di camere si sono moltiplicate, ma anche lo stesso prodotto hotel si declina in tantissime proposte differenti: con o senza colazioni, per numero di persone, per durata del soggiorno e con o senza pensione, mezza o completa che sia... Il tutto senza dimenticare che il confronto con il benchmark di riferimento, in base al quale stabilire di volta in volta il prezzo più adatto, non può più limitarsi a un pugno di hotel competitor di categoria simile. Ma deve includere anche le strutture extralberghiere, che nello scenario contemporaneo della ricettività sono spesso i veri market maker". [post_title] => Primerano, Federalberghi: il futuro dell'hotellerie è nell'intelligenza artificiale [post_date] => 2024-02-21T13:36:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708522597000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461995 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volumi sopra i livelli pre-Covid per il 2023 di Aci blueteam, che ha chiuso il bilancio dell'anno scorso a più 34% sul 2022 ma soprattutto il 7% sopra quanto registrato in un 2019 già record per la travel management company. La crescita è stata costante su tutte le unit aziendali, dal business travel al mice, fino al settore leisure & agenzie partner. Anche sul fronte del personale si è verificato un aumento significativo con l’inserimento di 43 nuove risorse, portando così l’organico complessivo a 280 dipendenti. E per il 2024 sono previsti ulteriori 26 ingressi, per un incremento totale del 25%. Nel corso dell'anno da poco concluso sono stati inoltre terminati importanti investimenti tecnologici, che hanno portato all’implementazioni di nuove funzionalità nel self booking tool di proprietà, tra cui l’integrazione del travel safe, la gestione dei carnet ferroviari su singola commessa e senza l’obbligo di acquisto immediato, nonché l’attivazione della totalità delle tariffe Ndc presenti sul mercato italiano e statunitense. Degne di nota sono state pure le operazioni legate al gruppo Aci, come il Gp Travel Club di Monza, dedicato ai top client in occasione del Gran Premio d’Italia, e la creazione dell’ufficio Viaggi dedicato ai soci Aci per tutte le attività leisure. Grande successo infine per il brand Exclusive lanciato a ottobre 2023, che ha portato all’apertura di una lounge nella centralissima zona Duomo di Milano e di una seconda lounge presso l’ufficio di Roma inaugurato a novembre 2023. “Il notevole impegno e gli eccellenti risultati ottenuti nel 2023 – sottolinea Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam – hanno posto solide basi per il nuovo anno che, fin da questi primi mesi, sta evidenziando segnali estremamente positivi, prevedendo un’ulteriore ottimizzazione dei processi operativi e una crescita controllata dei volumi. Questo approccio mira a consolidare e, dove possibile, incrementare ulteriormente l’elevato livello di qualità del servizio, che rappresenta per i nostri clienti anche un importante aumento delle proprie percentuali di saving”. Tra gli obiettivi del 2024 figurano investimenti su tutte le piattaforme tecnologiche (BtTool – self booking tool – Wondermiles e PrenotAci), con l’implementazione delle funzionalità dedicate alla ricerca delle migliori soluzioni tariffarie per voli, treni, hotel e servizi leisure. A ciò si aggiunge un piano di sviluppo del segmento luxury con il rafforzamento del team Exclusive Aci blueteam, al fine di consolidare ulteriormente le quote di mercato. Guardando al futuro, Aci blueteam, forte dei risultati ottenuti da Blueteam Usa e della grande soddisfazione espressa dai clienti americani, si propone di realizzare un ambizioso progetto di espansione internazionale attraverso l'apertura di nuove filiali all’estero. [post_title] => Aci blueteam chiude un 2023 sopra i volumi pre-Covid [post_date] => 2024-02-21T11:52:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708516329000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461963 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Londra Heathrow prevede un numero record di passeggeri per quest'anno, dopo che il boom della domanda di viaggi sulle redditizie rotte transatlantiche ha riportato in profitto lo scalo, per la prima volta dopo la pandemia. Secondo quanto riferito dal Financial Times, nel mirino ci sono 81,4 milioni di passeggeri, in aumento rispetto ai 79,2 milioni del 2023. Il bilancio dell'anno scorso, che visto anche il dicembre più trafficato di sempre, ha registrato un utile ante imposte rettificato di 38 milioni di sterline per il 2023, rispetto alla perdita di 684 milioni di sterline dell'anno precedente e dopo tre anni consecutivi di perdite. Le rotte transatlantiche sono andate "particolarmente bene", ha sottolineato una nota della società di gestione di Heathrow, sottolineando anche una "significativa ripresa" del mercato dell'Asia e del Pacifico.   L'aeroporto ha dichiarato che potrebbe "plausibilmente" pagare ai suoi proprietari un dividendo quest'anno, anche se non è previsto. Heathrow è nel bel mezzo del più grande cambiamento di proprietà dalla sua privatizzazione negli anni '90, dopo che il gruppo infrastrutturale spagnolo Ferrovial lo scorso novembre ha deciso di vendere la propria quota del 25% al fondo sovrano dell'Arabia Saudita (Pif) e al gruppo francese Ardian per 2,4 miliardi di sterline. [post_title] => Londra Heathrow: lo scalo torna a fare utili, per la prima volta dopo la pandemia [post_date] => 2024-02-21T10:06:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708509993000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461889 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chi garantisce le caratteristiche di una struttura ricettiva e la sua sostenibilità? Per rispondere a questa domanda è nata in Italia la certificazione dca esg, che è la prima accreditata e riconosciuta a livello mondiale. «Abbiamo avuto l’accreditamento il 22 giugno del 2020, dopo sei anni di lavoro in questo ambito e dopo 15 anni nel settore del turismo», racconta Giorgio Caire di Lauzet, ceo di Dream&Charme. Una certificazione, quella dca, che è stata conseguita recentemente dall’Hotel Milano Scala che, nato nel capoluogo nel 2010 come primo albergo a emissioni zero. «Siamo autorizzati da Accredia (l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal governo italiano) - prosegue Caire di Lauzet –. Secondo le norme internazionali Iso l’indipendenza e l’imparzialità di una certificazione possono essere garantite solo da una realtà accreditata da un ente nazionale pubblico. Questa regola è contenuta anche nella direttiva del Parlamento europeo del 17 gennaio 2024, che considera le certificazioni di sostenibilità senza accreditamento come pubblicità ingannevole. Noi ne abbiamo creata una con l’obiettivo di dare un supporto concreto e pratico alle strutture ricettive, in modo che dai nostri report emergessero dei miglioramenti reali. Con oltre 32 mila camere in 15 paesi, possiamo contare su ampie statistiche e le best-practice vengono aggiornate ogni settimana; quando, dopo un anno, rivediamo le strutture, portiamo cambiamenti e innovazioni. E questo è un grande valore aggiunto. La nostra certificazione garantisce la sostenibilità e l’affidabilità, per cui utilizziamo nove macro-parametri che fanno riferimento all’Agenda 2030 di Sdg e comprendono 1.200 differenti criteri di valutazione. Come accade in ogni struttura che certifichiamo, siamo arrivati all’Hotel Milano Scala con un team composto da diversi auditor». A oggi gli auditor formati da Dream&Charme sono 19 e vengono fatti continui corsi di aggiornamento. «Ci si prepara alla verifica essendo se stessi - sottolinea Caire di Lauzet -, in modo che il report sia il più possibile reale e indichi tutti i punti che possano garantire il concreto inizio di un percorso di sviluppo sostenibile, il mantenimento della certificazione negli anni e la possibilità di portare a un miglioramento concreto dell’attività. Ci mettiamo da uno a due giorni per ogni struttura ricettiva, a seconda delle sue dimensioni. Ogni hotel viene verificato singolarmente, anche se fa parte di una catena. In Italia oltre al Milano Scala abbiamo certificato tutte le strutture Portrait della Lungarno Collection, nonché gli alberghi R Collection, Voi/VRetreats Alpitour, Sina Hotels, Planetaria, Magna Pars, Albereta, Andana, Ca' di Dio a Venezia, il Pellicano, Quisisana a Capri… Ormai sono quasi 150». Un impegno italiano e internazionale che richiede grande dedizione: «Io stesso faccio parte sia del gruppo di lavoro Uni in Italia sul turismo sostenibile, sia del gruppo di lavoro Iso 228 n. 13 mondiale sulle norme per il turismo sostenibile - conclude Caire di Lauzet -. Cerco quindi di dare un apporto italiano alle norme internazionali. Siamo infine pronti per l’estensione di accreditamento Accredia anche per la certificazione Gstc». [post_title] => Dream&Charme: l’ente Italiano che certifica la sostenibilità delle strutture ricettive nel mondo [post_date] => 2024-02-21T09:15:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708506949000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461921 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Val Gardena, o Grödnertal se si usa la denominazione in lingua tedesca, è senza ombra di dubbio una delle valli più note di tutto il territorio altoatesino. Qui ogni anno il flusso turistico è impressionante; le stagioni di punta sono quella estiva e quella invernale, ma anche la primavera e l’autunno sono due periodi bellissimi per ammirare questa zona che ha la fortuna di poter vantare molte bellezze naturali, ma anche incantevoli paesi come Ortisei, Selva di Val Gardena e Santa Cristina, tre località bagnate dal Rio Gardena che percorre questa splendida valle. Ora, per quanto qualsiasi periodo dell’anno possa offrire al visitatore qualcosa di altamente suggestivo, ci troviamo nel pieno della stagione invernale ed è quindi delle possibilità che si hanno a disposizione in questo periodo che vogliamo parlarvi, ma prima di farlo vogliamo spassionatamente suggerirvi di prenotare la vostra settimana bianca in questo hotel in Val Gardena con mezza pensione, l’Hotel La Perla, una struttura 4 stelle nel cuore delle Dolomiti, nella splendida località di Ortisei e gestita da più di 50 anni dalla famiglia Kelder (l’inaugurazione risale al 26 dicembre 1963). Oggi gli ospiti dell'hotel hanno a disposizione numerosi servizi di alto livello: piscine, saune, area fitness, idromassaggio zone per il relax e tanto altro. Per di più, nel corso della stagione invernale l’hotel regala ai suoi ospiti il Dolomiti Explorer, un pacchetto che prevede la possibilità, dal lunedì al venerdì, di conoscere un’area sciistica del comprensorio Dolomiti Superski in compagnia di uno dei maestri di sci della scuola di Ortisei. Altre opportunità sono il pacchetto gratuito “sci service” (bus navetta, acquisto dello skipass in hotel, noleggio sci, deposito sci ecc.), il pacchetto “Val Gardena Active” e il Floc Shuttle Service dedicato ai bambini, ovvero il servizio navetta dall’hotel fino alla scuola sciistica di Ortisei. L’inverno in Val Gardena: dallo sci alle escursioni con le ciaspole Perché scegliere la Val Gardena per una vacanza invernale? Presto detto, perché qui avrete a disposizione una delle aree sciistiche più belle del territorio dolomitico, ovvero la zona Val Gardena/Alpe di Siusi appartenente all’associazione Dolomiti Superski. Per chi pratica lo sci alpino ci sono piste per tutti i gusti per un totale di circa 180 km. Le piste rosse (media difficoltà) sono circa 110 km, quelle più facili, le piste blu, sono circa 52 km, mentre i rimanenti 18 km sono di piste nere, quelle adatte agli sciatori più esperti, come per esempio “La Ria” (espressione che in ladino gardenese significa “la difficile”, “la cattiva”); è stata inaugurata da pochi anni e ha pendenze fino al 52%. Da non perdere ci sono poi le cosiddette “Legendary 8”, bellissime piste ricche di storia. Grande divertimento anche per gli snowboarder in Val Gardena grazie al Funpark Sassolungo-Val Gardena e allo Snowpark Sassolungo-Val Gardena. Per quanto riguarda i più piccoli, a Ortisei si trova lo Snowpark Furdenan, aperto tutti i giorni dalle 9 alle 16. Un divertimento alternativo lo si può trovare a monte della funicolare Resciesa a Ortisei, da qui parte infatti una bellissima pista da slittino lunga circa 3 km. Se invece siete dei fondisti, potete recarvi nella vicina Santa Cristina, presso il Centro di Fondo Monte Pana. Qui troverete possibilità per tutti, dal principiante all’esperto. In Val Gardena, infine, sono moltissime le possibilità per praticare entusiasmanti escursioni con le ciaspole.   [post_title] => Val Gardena: perché sceglierla per una vacanza invernale? [post_date] => 2024-02-20T11:36:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( [0] => alpe-di-siusi-alto-adige [1] => grodnertal [2] => ortisei [3] => sci-alpino-val-gardena [4] => sci-val-gardena [5] => sciare-nella-val-gardena [6] => selva-di-val-gardena-e-santa-cristina [7] => settimana-bianca-val-gardena [8] => vacanze-invernali-alpe-di-siusi [9] => vacanze-invernali-in-val-gardena [10] => vacanze-sulla-neve-in-val-gardena [11] => val-gardena ) [post_tag_name] => Array ( [0] => alpe di siusi alto adige [1] => Grödnertal [2] => Ortisei [3] => sci alpino val gardena [4] => sci Val Gardena [5] => sciare nella Val Gardena [6] => Selva di Val Gardena e Santa Cristina [7] => settimana bianca Val Gardena [8] => vacanze invernali alpe di siusi [9] => vacanze invernali in val gardena [10] => vacanze sulla neve in Val Gardena [11] => val gardena ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708429010000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461909 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2024 nel segno dello sport e per la Germania che dal prossimo 14 giugno sarà teatro dei Campionati Europei di calcio. Per le 51 partite sono attesi 2,7 milioni di spettatori negli stadi e circa sette milioni di ospiti nelle zone riservate ai tifosi e alle aree dedicate accessibili al pubblico. Nei 22 giorni delle partite, le dieci città tedesche ospitanti Berlino, Colonia, Monaco, Francoforte, Amburgo, Dortmund, Lipsia, Gelsenkirchen, Stoccarda e Düsseldorf offriranno agli appassionati di calcio e ai visitatori internazionali un ampio programma. L'Ente Nazionale Germanico per il Turismo stima che i Campionati Europei genereranno un volume aggiuntivo di pernottamenti fino al 4% per il turismo incoming tedesco. Allo stesso tempo, l'evento sportivo offre un grande potenziale per promuovere ulteriormente l'immagine positiva della Germania come destinazione turistica.  «La Germania celebra una festa del calcio. Soprattutto in tempi di tensioni internazionali, questo grande evento sportivo offre l'opportunità di presentare la Germania come una destinazione di viaggio cosmopolita, pacifica e sostenibile, dando così un esempio di comprensione e tolleranza internazionale - afferma Petra Hedorfer, presidente del consiglio direttivo dell'Ente Nazionale Germanico per il Turismo -. Ci aspettiamo anche un ulteriore impatto sul turismo incoming. Secondo i dati finora disponibili, sia le prenotazioni anticipate di camere d'albergo sui principali portali online, che le prenotazioni dei voli per i mesi di giugno e luglio 2024, sono ben al di sopra delle medie. In particolare, stiamo assistendo a una crescita superiore alla media da parte dei Paesi che partecipano ai Campionati europei, il che conferma le nostre aspettative. Allo stato attuale, prevediamo un aumento fino al 4% dei pernottamenti internazionali grazie all'evento. Nell'anno dell'indimenticabile dei Mondiali 2006, il numero di pernottamenti di ospiti internazionali era aumentato di 4,7 milioni rispetto all'anno precedente, dando al contempo un rilancio sostenibile all'immagine della Germania». L'evento sarà un'occasione utile per presentare «la nostra variegata offerta turistica e rafforzare così la reputazione della Germania come destinazione di viaggio». Per l'occasione è stato creato anche un microsito dedicato al calcio sul portale dell’Ente Germanico che raccoglie contenuti tematici sulle città ospitanti. Il sito fornirà inoltre notizie e informazioni sulla passione per il calcio tedesco e sulla cultura dei tifosi tedeschi. [post_title] => La Germania stima un +4% di pernottamenti grazie agli Europei di calcio [post_date] => 2024-02-20T11:23:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708428197000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461895 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Angelo Maria Russo è il nuovo general manager dell’hotel il Pellicano di Porto Ercole. Già da due anni resort manager della struttura toscana, Russo ha portato nel mondo Pellicano un'esperienza frutto di anni di lavoro nel settore con diversi incarichi come il ruolo di deputy director of operations al Bauer Palazzo di Venezia e vice direttore al Qc Termeroma Spa & Resort di Fiumicino, Roma. “Ringrazio il gruppo per avermi dato la fiducia e la possibilità di esprimermi e di poter crescere e, dopo due anni intensi e ricchi di soddisfazioni, sono felice di poter continuare a contribuire con il mio lavoro allo sviluppo e al successo del Pellicano”, sottolinea lo stesso Russo. [post_title] => Angelo Maria Russo nuovo general manager dell’hotel il Pellicano [post_date] => 2024-02-20T10:54:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426440000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461844 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => T'way Air prepara il suo debutto su quattro rotte europee, Roma inclusa, nella seconda metà del 20224. La low cost basata a Seul decollerà dall'aeroporto di Incheon alla volta di Parigi, Barcellona, Francoforte e, appunto, Fiumicino. La compagnia aerea coreana lancerà queste rotte utilizzando gli slot resi disponibili a valle dell'acquisizione da parte di Korean Air della competitor Asiana, approvata la scorsa settimana dalla Commissione europea. I nuovi collegamenti sono parte integrante di un accordo che consente a Korean di ottenere tutte le autorizzazioni necessarie per l'acquisizione di Asiana. Tale intesa è subordinata alla messa a disposizione da parte di Kirean di slot, diritti di traffico e aeromobili per consentire a T'way Air di iniziare a volare in Europa da Seul; di fatto la fusione non verrà completata fin quando T'way Air avrà iniziato a operare voli sulle quattro rotte europee.  T'Way Air, inizialmente nota come Hansung Airlines, ha iniziato a operare nel 2005; nel 2010 la compagnia è stata ribattezzata T'Way Air, con la "T" che sta per "insieme, oggi e domani". Il nuovo vettore ha ricominciato a operare secondo il modello low cost con una flotta di Boeing 737-800 su rotte domestiche e internazionali dalla base di Seul. Nel 2019 la compagnia aerea è stata il terzo vettore lowcost coreano nel mercato internazionale, trasportando 2,9 milioni di passeggeri nazionali e 4,2 milioni di passeggeri internazionali nel 2018. Attualmente la compagnia serve 46 destinazioni in 19 Paesi, con 27 Boeing 737 e tre Airbus A330.   [post_title] => T'way Air volerà su quattro rotte europee, tra cui Roma, dalla seconda metà dell'anno [post_date] => 2024-02-20T09:25:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708421149000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461743 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461751" align="alignleft" width="300"] Enzo Caruso, assessore al turismo del Comune di Messina, con il ceo di Ryanair, Eddie Wilson[/caption] “Una notizia che accogliamo con piacere": così Enzo Caruso, assessore al Turismo della città di Messina commenta il recente investimento di Ryanair sull'aeroporto di Reggio Calabria, che sarà collegato da un network di otto destinazioni, tra cui cinque internazionali.  Caruso ha partecipato nei giorni scorsi alla presentazione dei voli all'aeroporto reggino, con il ceo della low cost Eddie Wilson, delegato dal sindaco Federico Basile in quanto impossibilitato per un concomitante impegno istituzionale.   Una soddisfazione che non è solo quella delle istituzioni "ma anche dei messinesi che potranno avere così un’alternativa all’aeroporto Fontanarossa di Catania per il raggiungimento con volo diretto delle otto città che la compagnia Ryanair ha aggiunto come voli disponibili da e per l’aeroporto reggino”.   “Siamo certi che queste nuove rotte contribuiranno a creare nuovi flussi turistici, oltre a quelli crocieristici, a Messina baricentro tra isole Eolie e Taormina e favorire più in generale l’incoming turistico sul nostro territorio”, ha concluso Caruso. [post_title] => Messina plaude ai voli Ryanair da Reggio Calabria: "Spinta all'incoming per il nostro territorio" [post_date] => 2024-02-19T08:25:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708331121000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "nel rilancio italia norme per limitare il potere delle low cost" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":66,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2070,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un moltiplicatore di potenza. L'intelligenza artificiale è il tema centrale del dibattito sul digitale di oggi. Un'evoluzione che tutti concordano sarà destinata presto a cambiare il mondo. In quali modalità è ancora difficile da capire fino in fondo, ma del potere dirompente dell'Ai sono davvero in pochi a dubitare.\r\n\r\n\"Anche perché al momento stiamo vivendo solamente la fase due della rivoluzione. Quella che sfrutta il cosiddetto Large language model (Llm), che mette in grado applicazioni come ChatGpt di interpretare linguaggi ed espressioni diverse - spiega il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano, intervenuto in occasione del seminario sul digital organizzato a Milano da Travel Open Village Hospitality -. Nel futuro ci aspetta ancora lo step della Theory of mind, per cui l'intelligenza artificiale sarà capace di comprendere le emozioni. Infine si potrà forse arrivare alla self-awareness degli strumenti digitali. Una prospettiva per certi versi inquietante, che tuttavia è molto meno remota di quanto si possa comunemente pensare\".\r\nUn modo nuove di interagire con gli ospiti\r\nA fronte di tanti e tali cambiamenti è chiaro quindi che anche il piccolo mondo dell'ospitalità non può sottrarsi dal confronto con le nuove prospettive dell'intelligenza artificiale. \"Occorre andare là dove la domanda si dirige - osserva semplicemente Primerano -. E ormai tutti gli ospiti, compresi quelli delle generazioni più mature, si servono degli strumenti digitali in modo sempre più pervasivo\".\r\n\r\nIl primo contesto in cui l'Ai può quindi rivoluzionare gli approcci tradizionali dell'ospitalità è quello delle interazioni con i clienti. Pre, post e durante il soggiorno. \"Fino a oggi siamo stati abituati a confrontarci con bot pre-registrati, dotati di una ridotta capacità di relazione con gli utenti. Ora esistono strumenti estremamente flessibili, in grado di imparare dal confronto con il cliente e con lo stesso hotel di cui sono al servizio. I nuovi software possono elaborare in pochi minuti una quantità pressoché infinita di dati provenienti dalle fonti più disparate (pdf, power point, video, immagini...). Restituendo poi all'utente informazioni puntuali, persino con un tono di voce e uno stile difficilmente distinguibile da quello di una classica interazione umana\".\r\nLa questione recensioni, la formazione e l'housekeeping\r\nAltro aspetto chiave su cui l'Ai può già essere di grande supporto agli hotelier è poi la questione recensioni. \"Il vantaggio in questo caso è sia la capacità dell'intelligenza artificiale di analizzare una mole di dati molto più elevata rispetto a qualsiasi altro strumento sino a oggi disponibile, sia di garantire repliche adeguate al contesto di riferimento di ogni singolo cliente. A partire magari dal paese di origine di ciascun ospite, che impone stili di risposta e toni di relazione differenti\".\r\n\r\nMa l'Ai potrà aiutare anche in ambito formativo, mettendo per esempio gli allievi nelle condizioni di affrontare simulazioni realistiche con ospiti virtuali. Non mancano neppure possibili applicazioni nel comparto housekeeping: \"Le regole dell'hotellerie dicono che la governante dovrebbe ogni giorno controllare a fondo tutte le stanze, per assicurarsi che gli standard di pulizia siano rispettati nel minimo dettaglio.\r\n\r\nInutile nascondere che, salvo rarissime eccezioni, questo è praticamente impossibile, solitamente le visite limitandosi a delle camere a campione. Ebbene, oggi da una semplice foto o da un video di cellulare l'Ai è in grado di fare un check completo di ogni stanza in tempi ridotti, assicurando in questo modo il pieno rispetto degli standard\".\r\nRivoluzione revenue management\r\nInfine c'è il capitolo forse più intuitivo, che è il tema del revenue management. Ancora una volta è la capacità di analizzare grandi volumi di dati a fare la differenza. \"Soprattutto perché oggi l'offerta alberghiera si articola su sempre più variabili - conclude Primerano -. Non solo le tipologie di camere si sono moltiplicate, ma anche lo stesso prodotto hotel si declina in tantissime proposte differenti: con o senza colazioni, per numero di persone, per durata del soggiorno e con o senza pensione, mezza o completa che sia... Il tutto senza dimenticare che il confronto con il benchmark di riferimento, in base al quale stabilire di volta in volta il prezzo più adatto, non può più limitarsi a un pugno di hotel competitor di categoria simile. Ma deve includere anche le strutture extralberghiere, che nello scenario contemporaneo della ricettività sono spesso i veri market maker\".","post_title":"Primerano, Federalberghi: il futuro dell'hotellerie è nell'intelligenza artificiale","post_date":"2024-02-21T13:36:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1708522597000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461995","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volumi sopra i livelli pre-Covid per il 2023 di Aci blueteam, che ha chiuso il bilancio dell'anno scorso a più 34% sul 2022 ma soprattutto il 7% sopra quanto registrato in un 2019 già record per la travel management company. La crescita è stata costante su tutte le unit aziendali, dal business travel al mice, fino al settore leisure & agenzie partner. Anche sul fronte del personale si è verificato un aumento significativo con l’inserimento di 43 nuove risorse, portando così l’organico complessivo a 280 dipendenti. E per il 2024 sono previsti ulteriori 26 ingressi, per un incremento totale del 25%.\r\n\r\nNel corso dell'anno da poco concluso sono stati inoltre terminati importanti investimenti tecnologici, che hanno portato all’implementazioni di nuove funzionalità nel self booking tool di proprietà, tra cui l’integrazione del travel safe, la gestione dei carnet ferroviari su singola commessa e senza l’obbligo di acquisto immediato, nonché l’attivazione della totalità delle tariffe Ndc presenti sul mercato italiano e statunitense. Degne di nota sono state pure le operazioni legate al gruppo Aci, come il Gp Travel Club di Monza, dedicato ai top client in occasione del Gran Premio d’Italia, e la creazione dell’ufficio Viaggi dedicato ai soci Aci per tutte le attività leisure. Grande successo infine per il brand Exclusive lanciato a ottobre 2023, che ha portato all’apertura di una lounge nella centralissima zona Duomo di Milano e di una seconda lounge presso l’ufficio di Roma inaugurato a novembre 2023.\r\n\r\n“Il notevole impegno e gli eccellenti risultati ottenuti nel 2023 – sottolinea Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam – hanno posto solide basi per il nuovo anno che, fin da questi primi mesi, sta evidenziando segnali estremamente positivi, prevedendo un’ulteriore ottimizzazione dei processi operativi e una crescita controllata dei volumi. Questo approccio mira a consolidare e, dove possibile, incrementare ulteriormente l’elevato livello di qualità del servizio, che rappresenta per i nostri clienti anche un importante aumento delle proprie percentuali di saving”.\r\n\r\nTra gli obiettivi del 2024 figurano investimenti su tutte le piattaforme tecnologiche (BtTool – self booking tool – Wondermiles e PrenotAci), con l’implementazione delle funzionalità dedicate alla ricerca delle migliori soluzioni tariffarie per voli, treni, hotel e servizi leisure. A ciò si aggiunge un piano di sviluppo del segmento luxury con il rafforzamento del team Exclusive Aci blueteam, al fine di consolidare ulteriormente le quote di mercato. Guardando al futuro, Aci blueteam, forte dei risultati ottenuti da Blueteam Usa e della grande soddisfazione espressa dai clienti americani, si propone di realizzare un ambizioso progetto di espansione internazionale attraverso l'apertura di nuove filiali all’estero.","post_title":"Aci blueteam chiude un 2023 sopra i volumi pre-Covid","post_date":"2024-02-21T11:52:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1708516329000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461963","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Londra Heathrow prevede un numero record di passeggeri per quest'anno, dopo che il boom della domanda di viaggi sulle redditizie rotte transatlantiche ha riportato in profitto lo scalo, per la prima volta dopo la pandemia.\r\n\r\nSecondo quanto riferito dal Financial Times, nel mirino ci sono 81,4 milioni di passeggeri, in aumento rispetto ai 79,2 milioni del 2023. Il bilancio dell'anno scorso, che visto anche il dicembre più trafficato di sempre, ha registrato un utile ante imposte rettificato di 38 milioni di sterline per il 2023, rispetto alla perdita di 684 milioni di sterline dell'anno precedente e dopo tre anni consecutivi di perdite.\r\n\r\nLe rotte transatlantiche sono andate \"particolarmente bene\", ha sottolineato una nota della società di gestione di Heathrow, sottolineando anche una \"significativa ripresa\" del mercato dell'Asia e del Pacifico.\r\n\r\n \r\n\r\nL'aeroporto ha dichiarato che potrebbe \"plausibilmente\" pagare ai suoi proprietari un dividendo quest'anno, anche se non è previsto.\r\n\r\nHeathrow è nel bel mezzo del più grande cambiamento di proprietà dalla sua privatizzazione negli anni '90, dopo che il gruppo infrastrutturale spagnolo Ferrovial lo scorso novembre ha deciso di vendere la propria quota del 25% al fondo sovrano dell'Arabia Saudita (Pif) e al gruppo francese Ardian per 2,4 miliardi di sterline.","post_title":"Londra Heathrow: lo scalo torna a fare utili, per la prima volta dopo la pandemia","post_date":"2024-02-21T10:06:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708509993000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461889","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chi garantisce le caratteristiche di una struttura ricettiva e la sua sostenibilità? Per rispondere a questa domanda è nata in Italia la certificazione dca esg, che è la prima accreditata e riconosciuta a livello mondiale. «Abbiamo avuto l’accreditamento il 22 giugno del 2020, dopo sei anni di lavoro in questo ambito e dopo 15 anni nel settore del turismo», racconta Giorgio Caire di Lauzet, ceo di Dream&Charme. Una certificazione, quella dca, che è stata conseguita recentemente dall’Hotel Milano Scala che, nato nel capoluogo nel 2010 come primo albergo a emissioni zero.\r\n«Siamo autorizzati da Accredia (l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal governo italiano) - prosegue Caire di Lauzet –. Secondo le norme internazionali Iso l’indipendenza e l’imparzialità di una certificazione possono essere garantite solo da una realtà accreditata da un ente nazionale pubblico. Questa regola è contenuta anche nella direttiva del Parlamento europeo del 17 gennaio 2024, che considera le certificazioni di sostenibilità senza accreditamento come pubblicità ingannevole. Noi ne abbiamo creata una con l’obiettivo di dare un supporto concreto e pratico alle strutture ricettive, in modo che dai nostri report emergessero dei miglioramenti reali. Con oltre 32 mila camere in 15 paesi, possiamo contare su ampie statistiche e le best-practice vengono aggiornate ogni settimana; quando, dopo un anno, rivediamo le strutture, portiamo cambiamenti e innovazioni. E questo è un grande valore aggiunto. La nostra certificazione garantisce la sostenibilità e l’affidabilità, per cui utilizziamo nove macro-parametri che fanno riferimento all’Agenda 2030 di Sdg e comprendono 1.200 differenti criteri di valutazione. Come accade in ogni struttura che certifichiamo, siamo arrivati all’Hotel Milano Scala con un team composto da diversi auditor».\r\nA oggi gli auditor formati da Dream&Charme sono 19 e vengono fatti continui corsi di aggiornamento. «Ci si prepara alla verifica essendo se stessi - sottolinea Caire di Lauzet -, in modo che il report sia il più possibile reale e indichi tutti i punti che possano garantire il concreto inizio di un percorso di sviluppo sostenibile, il mantenimento della certificazione negli anni e la possibilità di portare a un miglioramento concreto dell’attività. Ci mettiamo da uno a due giorni per ogni struttura ricettiva, a seconda delle sue dimensioni. Ogni hotel viene verificato singolarmente, anche se fa parte di una catena. In Italia oltre al Milano Scala abbiamo certificato tutte le strutture Portrait della Lungarno Collection, nonché gli alberghi R Collection, Voi/VRetreats Alpitour, Sina Hotels, Planetaria, Magna Pars, Albereta, Andana, Ca' di Dio a Venezia, il Pellicano, Quisisana a Capri… Ormai sono quasi 150».\r\nUn impegno italiano e internazionale che richiede grande dedizione: «Io stesso faccio parte sia del gruppo di lavoro Uni in Italia sul turismo sostenibile, sia del gruppo di lavoro Iso 228 n. 13 mondiale sulle norme per il turismo sostenibile - conclude Caire di Lauzet -. Cerco quindi di dare un apporto italiano alle norme internazionali. Siamo infine pronti per l’estensione di accreditamento Accredia anche per la certificazione Gstc».","post_title":"Dream&Charme: l’ente Italiano che certifica la sostenibilità delle strutture ricettive nel mondo","post_date":"2024-02-21T09:15:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708506949000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461921","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Val Gardena, o Grödnertal se si usa la denominazione in lingua tedesca, è senza ombra di dubbio una delle valli più note di tutto il territorio altoatesino. Qui ogni anno il flusso turistico è impressionante; le stagioni di punta sono quella estiva e quella invernale, ma anche la primavera e l’autunno sono due periodi bellissimi per ammirare questa zona che ha la fortuna di poter vantare molte bellezze naturali, ma anche incantevoli paesi come Ortisei, Selva di Val Gardena e Santa Cristina, tre località bagnate dal Rio Gardena che percorre questa splendida valle.\r\n\r\nOra, per quanto qualsiasi periodo dell’anno possa offrire al visitatore qualcosa di altamente suggestivo, ci troviamo nel pieno della stagione invernale ed è quindi delle possibilità che si hanno a disposizione in questo periodo che vogliamo parlarvi, ma prima di farlo vogliamo spassionatamente suggerirvi di prenotare la vostra settimana bianca in questo hotel in Val Gardena con mezza pensione, l’Hotel La Perla, una struttura 4 stelle nel cuore delle Dolomiti, nella splendida località di Ortisei e gestita da più di 50 anni dalla famiglia Kelder (l’inaugurazione risale al 26 dicembre 1963).\r\n\r\nOggi gli ospiti dell'hotel hanno a disposizione numerosi servizi di alto livello: piscine, saune, area fitness, idromassaggio zone per il relax e tanto altro. Per di più, nel corso della stagione invernale l’hotel regala ai suoi ospiti il Dolomiti Explorer, un pacchetto che prevede la possibilità, dal lunedì al venerdì, di conoscere un’area sciistica del comprensorio Dolomiti Superski in compagnia di uno dei maestri di sci della scuola di Ortisei. Altre opportunità sono il pacchetto gratuito “sci service” (bus navetta, acquisto dello skipass in hotel, noleggio sci, deposito sci ecc.), il pacchetto “Val Gardena Active” e il Floc Shuttle Service dedicato ai bambini, ovvero il servizio navetta dall’hotel fino alla scuola sciistica di Ortisei.\r\nL’inverno in Val Gardena: dallo sci alle escursioni con le ciaspole\r\nPerché scegliere la Val Gardena per una vacanza invernale? Presto detto, perché qui avrete a disposizione una delle aree sciistiche più belle del territorio dolomitico, ovvero la zona Val Gardena/Alpe di Siusi appartenente all’associazione Dolomiti Superski.\r\n\r\nPer chi pratica lo sci alpino ci sono piste per tutti i gusti per un totale di circa 180 km. Le piste rosse (media difficoltà) sono circa 110 km, quelle più facili, le piste blu, sono circa 52 km, mentre i rimanenti 18 km sono di piste nere, quelle adatte agli sciatori più esperti, come per esempio “La Ria” (espressione che in ladino gardenese significa “la difficile”, “la cattiva”); è stata inaugurata da pochi anni e ha pendenze fino al 52%. Da non perdere ci sono poi le cosiddette “Legendary 8”, bellissime piste ricche di storia.\r\n\r\nGrande divertimento anche per gli snowboarder in Val Gardena grazie al Funpark Sassolungo-Val Gardena e allo Snowpark Sassolungo-Val Gardena.\r\n\r\nPer quanto riguarda i più piccoli, a Ortisei si trova lo Snowpark Furdenan, aperto tutti i giorni dalle 9 alle 16.\r\n\r\nUn divertimento alternativo lo si può trovare a monte della funicolare Resciesa a Ortisei, da qui parte infatti una bellissima pista da slittino lunga circa 3 km.\r\n\r\nSe invece siete dei fondisti, potete recarvi nella vicina Santa Cristina, presso il Centro di Fondo Monte Pana. Qui troverete possibilità per tutti, dal principiante all’esperto.\r\n\r\nIn Val Gardena, infine, sono moltissime le possibilità per praticare entusiasmanti escursioni con le ciaspole.\r\n\r\n ","post_title":"Val Gardena: perché sceglierla per una vacanza invernale?","post_date":"2024-02-20T11:36:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio","informazione-pr"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio","Informazione PR"],"post_tag":["alpe-di-siusi-alto-adige","grodnertal","ortisei","sci-alpino-val-gardena","sci-val-gardena","sciare-nella-val-gardena","selva-di-val-gardena-e-santa-cristina","settimana-bianca-val-gardena","vacanze-invernali-alpe-di-siusi","vacanze-invernali-in-val-gardena","vacanze-sulla-neve-in-val-gardena","val-gardena"],"post_tag_name":["alpe di siusi alto adige","Grödnertal","Ortisei","sci alpino val gardena","sci Val Gardena","sciare nella Val Gardena","Selva di Val Gardena e Santa Cristina","settimana bianca Val Gardena","vacanze invernali alpe di siusi","vacanze invernali in val gardena","vacanze sulla neve in Val Gardena","val gardena"]},"sort":[1708429010000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461909","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2024 nel segno dello sport e per la Germania che dal prossimo 14 giugno sarà teatro dei Campionati Europei di calcio. Per le 51 partite sono attesi 2,7 milioni di spettatori negli stadi e circa sette milioni di ospiti nelle zone riservate ai tifosi e alle aree dedicate accessibili al pubblico.\r\nNei 22 giorni delle partite, le dieci città tedesche ospitanti Berlino, Colonia, Monaco, Francoforte, Amburgo, Dortmund, Lipsia, Gelsenkirchen, Stoccarda e Düsseldorf offriranno agli appassionati di calcio e ai visitatori internazionali un ampio programma.\r\nL'Ente Nazionale Germanico per il Turismo stima che i Campionati Europei genereranno un volume aggiuntivo di pernottamenti fino al 4% per il turismo incoming tedesco. Allo stesso tempo, l'evento sportivo offre un grande potenziale per promuovere ulteriormente l'immagine positiva della Germania come destinazione turistica. \r\n«La Germania celebra una festa del calcio. Soprattutto in tempi di tensioni internazionali, questo grande evento sportivo offre l'opportunità di presentare la Germania come una destinazione di viaggio cosmopolita, pacifica e sostenibile, dando così un esempio di comprensione e tolleranza internazionale - afferma Petra Hedorfer, presidente del consiglio direttivo dell'Ente Nazionale Germanico per il Turismo -. Ci aspettiamo anche un ulteriore impatto sul turismo incoming. Secondo i dati finora disponibili, sia le prenotazioni anticipate di camere d'albergo sui principali portali online, che le prenotazioni dei voli per i mesi di giugno e luglio 2024, sono ben al di sopra delle medie. In particolare, stiamo assistendo a una crescita superiore alla media da parte dei Paesi che partecipano ai Campionati europei, il che conferma le nostre aspettative. Allo stato attuale, prevediamo un aumento fino al 4% dei pernottamenti internazionali grazie all'evento. Nell'anno dell'indimenticabile dei Mondiali 2006, il numero di pernottamenti di ospiti internazionali era aumentato di 4,7 milioni rispetto all'anno precedente, dando al contempo un rilancio sostenibile all'immagine della Germania».\r\nL'evento sarà un'occasione utile per presentare «la nostra variegata offerta turistica e rafforzare così la reputazione della Germania come destinazione di viaggio». Per l'occasione è stato creato anche un microsito dedicato al calcio sul portale dell’Ente Germanico che raccoglie contenuti tematici sulle città ospitanti. Il sito fornirà inoltre notizie e informazioni sulla passione per il calcio tedesco e sulla cultura dei tifosi tedeschi.","post_title":"La Germania stima un +4% di pernottamenti grazie agli Europei di calcio","post_date":"2024-02-20T11:23:17+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708428197000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461895","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Angelo Maria Russo è il nuovo general manager dell’hotel il Pellicano di Porto Ercole. Già da due anni resort manager della struttura toscana, Russo ha portato nel mondo Pellicano un'esperienza frutto di anni di lavoro nel settore con diversi incarichi come il ruolo di deputy director of operations al Bauer Palazzo di Venezia e vice direttore al Qc Termeroma Spa & Resort di Fiumicino, Roma.\r\n\r\n“Ringrazio il gruppo per avermi dato la fiducia e la possibilità di esprimermi e di poter crescere e, dopo due anni intensi e ricchi di soddisfazioni, sono felice di poter continuare a contribuire con il mio lavoro allo sviluppo e al successo del Pellicano”, sottolinea lo stesso Russo.","post_title":"Angelo Maria Russo nuovo general manager dell’hotel il Pellicano","post_date":"2024-02-20T10:54:00+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708426440000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461844","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"T'way Air prepara il suo debutto su quattro rotte europee, Roma inclusa, nella seconda metà del 20224. La low cost basata a Seul decollerà dall'aeroporto di Incheon alla volta di Parigi, Barcellona, Francoforte e, appunto, Fiumicino.\r\n\r\nLa compagnia aerea coreana lancerà queste rotte utilizzando gli slot resi disponibili a valle dell'acquisizione da parte di Korean Air della competitor Asiana, approvata la scorsa settimana dalla Commissione europea. I nuovi collegamenti sono parte integrante di un accordo che consente a Korean di ottenere tutte le autorizzazioni necessarie per l'acquisizione di Asiana.\r\n\r\nTale intesa è subordinata alla messa a disposizione da parte di Kirean di slot, diritti di traffico e aeromobili per consentire a T'way Air di iniziare a volare in Europa da Seul; di fatto la fusione non verrà completata fin quando T'way Air avrà iniziato a operare voli sulle quattro rotte europee. \r\n\r\nT'Way Air, inizialmente nota come Hansung Airlines, ha iniziato a operare nel 2005; nel 2010 la compagnia è stata ribattezzata T'Way Air, con la \"T\" che sta per \"insieme, oggi e domani\". Il nuovo vettore ha ricominciato a operare secondo il modello low cost con una flotta di Boeing 737-800 su rotte domestiche e internazionali dalla base di Seul.\r\n\r\nNel 2019 la compagnia aerea è stata il terzo vettore lowcost coreano nel mercato internazionale, trasportando 2,9 milioni di passeggeri nazionali e 4,2 milioni di passeggeri internazionali nel 2018. Attualmente la compagnia serve 46 destinazioni in 19 Paesi, con 27 Boeing 737 e tre Airbus A330.\r\n\r\n ","post_title":"T'way Air volerà su quattro rotte europee, tra cui Roma, dalla seconda metà dell'anno","post_date":"2024-02-20T09:25:49+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708421149000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461743","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_461751\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Enzo Caruso, assessore al turismo del Comune di Messina, con il ceo di Ryanair, Eddie Wilson[/caption]\r\n\r\n“Una notizia che accogliamo con piacere\": così Enzo Caruso, assessore al Turismo della città di Messina commenta il recente investimento di Ryanair sull'aeroporto di Reggio Calabria, che sarà collegato da un network di otto destinazioni, tra cui cinque internazionali.\r\n\r\n\r\n Caruso ha partecipato nei giorni scorsi alla presentazione dei voli all'aeroporto reggino, con il ceo della low cost Eddie Wilson, delegato dal sindaco Federico Basile in quanto impossibilitato per un concomitante impegno istituzionale.\r\n \r\nUna soddisfazione che non è solo quella delle istituzioni \"ma anche dei messinesi che potranno avere così un’alternativa all’aeroporto Fontanarossa di Catania per il raggiungimento con volo diretto delle otto città che la compagnia Ryanair ha aggiunto come voli disponibili da e per l’aeroporto reggino”.\r\n \r\n“Siamo certi che queste nuove rotte contribuiranno a creare nuovi flussi turistici, oltre a quelli crocieristici, a Messina baricentro tra isole Eolie e Taormina e favorire più in generale l’incoming turistico sul nostro territorio”, ha concluso Caruso.","post_title":"Messina plaude ai voli Ryanair da Reggio Calabria: \"Spinta all'incoming per il nostro territorio\"","post_date":"2024-02-19T08:25:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708331121000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti