28 September 2022

Alitalia: Luigi Gubitosi in lizza come nuovo ad

[ 0 ]

alitalia-boeing-b777Potrebbe essere Luigi Gubitosi, ex direttore finanziario Fiat ed ex manager in Rai, il nuovo amministratore delegato di Alitalia, in sostituzione dell’uscente Cramer Ball. Secondo quanto pubblicato oggi da Repubblica Gubitosi potrebbe anche prendere il posto del presidente Luca Cordero di Montezemolo, concentrando però su di sé alcune deleghe. Resta elevata intanto la “preoccupazione” sul futuro della compagnia: la società ha fatto marcia indietro sul rinnovo del contratto concedendo ai sindacati di discuterne solo dopo la presentazione del piano industriale, ma l’emergenza liquidità è sempre altissima. Serve il via libera al progetto di rilancio altrimenti la paventata amministrazione controllata potrebbe riproporre scenari purtroppo già visti in passato.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430909 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il governo cinese ha pubblicato una bozza di norme volte a facilitare l'ingresso di alcuni turisti stranieri in Cina per visitare i siti lungo il confine cinese. I gruppi organizzati dalle agenzie di viaggio, come riferito da Reuters, nelle zone di confine della Cina potranno scegliere il punto di ingresso e di uscita in modo "flessibile", ha dichiarato lunedì il Ministero della Cultura e del Turismo, senza fornire indicazioni specifiche su luoghi e date. La Cina ha chiuso le frontiere ai turisti stranieri all'inizio dello scoppio della pandemia nel 2020, consentendo l'ingresso nel Paese solo a gruppi specifici di cittadini stranieri, come quelli in possesso di determinati visti di lavoro. Negli ultimi mesi, le regole sono state gradualmente allentate, come confermato dalla parziale ripresa di un certo numero di voli diretti tra la Cina e alcuni Paesi, così come dalla possibilità di ingresso concessa agli studenti stranieri con permesso di soggiorno valido. Anche la quarantena per gli arrivi di stranieri è stata ridotta. [post_title] => Cina pronta a consentire l'ingresso ai turisti stranieri che viaggiano in gruppi organizzati [post_date] => 2022-09-22T09:52:34+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663840354000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430854 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Vogliamo incontrare di persona sempre più agenti di viaggio. A noi piace il contatto e i sorrisi che si creano in queste occasioni: sono la base per un buon lavoro. Per questo stiamo investendo anche nella rete commerciale. Il nostro sito vedrà poi ulteriori sviluppi e nuovi servizi, così che possa diventare sempre più uno strumento di comunicazione con le agenzie». Si concentra su relazioni, risorse umane e tecnologia il futuro di creo. A raccontare andamento e prossimi step del to pesarese creato lo scorso 1° di ottobre è il direttore commerciale e marketing, Anya Bracci. I piani di espansione fanno infatti seguito a un primo anno di attività davvero positivo: «Le vendite hanno immediatamente preso una buona velocità – aggiunge Anya Bracci -. Ci ha sorpreso molto la calda accoglienza delle adv: ci hanno dato da subito fiducia e hanno investito, insieme a noi, sulla nostra crescita. Lo stesso è avvenuto lato fornitori. Con loro siamo riusciti a ricreare rapporti commerciali solidi e molto costruttivi. Oggi siamo inoltre online con una nuova versione del nostro sito, alla quale abbiamo lavorato fino a poco tempo fa. Ora le agenzie possono creare viaggi per i clienti partendo dalle nostre tracce, ovvero dai nostri suggerimenti. L’obiettivo è quello della personalizzazione estrema del pacchetto, tanto da permettere al viaggiatore di programmare il proprio itinerario partendo anche solo da una singola escursione». L’estate si è chiusa peraltro con le ottime performance degli Stati Uniti, «la nostra destinazione principale – aggiunge il direttore di prodotto, Luigi Leone -. Ma abbiamo registrato buone vendite anche in destinazioni medio orientali, come gli Emirati Arabi, la Giordania e la Turchia, oltre che per Sud Africa, Australia e Sud America». [post_title] => Relazioni, risorse umane e tecnologia nel futuro di creo [post_date] => 2022-09-21T11:42:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663760520000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430852 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France spalanca le porte all'inverno 2022-2023 con un network di 171 destinazioni, di cui 86 a lungo raggio e 85 a corto e medio raggio. L'intera flotta della compagnia sarà in funzione e i livelli di capacità sfioreranno quelli dell'inverno 2019. La fine dell'anno vedrà inoltre il lancio delle nuove cabine di Air France per il lungo raggio. In linea con la strategia di posizionamento up-level del vettore, verrà installata una nuova poltrona Business che si trasforma in un vero e proprio letto lungo quasi 2 metri su 12 Boeing 777-300 ER. Una nuova porta scorrevole permette di privatizzare completamente l'area del sedile. Il primo volo avrà luogo nelle prossime settimane a New York Jfk. Tra le principali novità sulla rete lungo raggio, spicca un ulteriore rafforzamento delle connessioni verso gli Stati Uniti: Air France lancerà un volo giornaliero non-stop tra Parigi-Charles de Gaulle e New York-Newark il 12 dicembre 2022. Il collegamento, operato con Boeing 777-200 ER, segna il ritorno del vettore a Newark, storica destinazione della compagnia aerea servita direttamente fino al 2012. Si aggiungerà al servizio "Shuttle" disponibile tra Parigi Cdg e New York Jfk con 6 voli giornalieri operati da Air France e dal partner Skyteam, Delta Air Lines. Infine, la rotta estiva Parigi Charles de Gaulle - Dallas sarà estesa per la stagione invernale con 3 voli settimanali operati da 777-200 ER. Intanto, nell'ambito della graduale riapertura delle frontiere giapponesi, Air France ha ripreso i voli tra Parigi-Charles de Gaulle e Tokyo-Haneda con 5 voli settimanali operati con Boeing 787-9. Quest'inverno, la compagnia volerà da Parigi verso entrambi gli aeroporti di Tokyo, con un massimo di 5 voli settimanali verso Tokyo-Narita da Parigi Cgd. Sul corto e medio raggio, debuttano 4 nuove rotte stagionali da Parigi Charles de Gaulle verso Austria, Norvegia e Finlandia: Kittilä (Finlandia) e Tromsø (Norvegia) saranno entrambe servite una volta alla settimana rispettivamente da A320 e Airbus A319. Innsbruck e Salisburgo, con rispettivamente 2 e 1 volo settimanale operato con Embraer 190, saranno attive dal 10 dicembre. Dal 30 ottobre 2022, decollerà la Parigi-Orly e Casablanca, con un volo giornaliero operato con Airbus A320. Nella stessa data, la rotta Nizza-Londra Heathrow (Regno Unito), finora operata solo durante il picco estivo, diventerà un servizio annuale, con un volo giornaliero operato da Airbus A320. Lanciata nel 2021, la rotta stagionale Parigi-Charles de Gaulle-Rovaniemi (Finlandia) riprenderà quest'anno a partire dal 27 novembre con un volo giornaliero operato da Airbus A320 durante il periodo natalizio.   [post_title] => Air France investe sull'inverno con capacità che sfiora i livelli 2019. Nuovo focus sugli Stati Uniti [post_date] => 2022-09-21T11:14:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663758898000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430768 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'altra svolta interessante per Msc della famiglia Aponte. Secondo fonti accreditate la compagnia starebbe guardando ai treni di Italo per espandere i suoi investimenti nella logistica e nel trasporto passeggeri verso i porti italiani. Un un accordo che potrebbe aggirarsi tra i 6 e i 7 miliardi di euro. È quanto apprende il Corriere della Sera da fonti finanziarie e industriali a conoscenza del dossier. Non è al momento chiaro se ci siano stati dei contatti ufficiali tra Msc e Global Infrastructure Partners, fondo proprietario di Italo. Si apprende che all’alta velocità ferroviaria la famiglia Aponte starebbe pensando dalla scorsa primavera. Piani di espansione I piani potenziali di Msc si incrociano con l’indiscrezione pubblicata dall’agenzia Bloomberg sulla possibilità per Global Infrastructure Partners di vendere la società di trasporto per 4 miliardi di euro, anche se la notizia è stata poi ridimensionata da ambienti interni a GIP. Le fonti finanziarie alzano l’asticella ad almeno 5 miliardi ai quali Msc potrebbe affiancare un «premio» del 25-30%, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Nei progetti dell'azienda di Aponte l’inserimento di Italo nel proprio portafoglio si affiancherebbe alle mire su Ita Airways, la compagnia aerea tricolore che ha preso il posto di Alitalia nell’ottobre 2021. Ma la scelta del Mef di preferire l’offerta rivale di Certares a quella di Msc e Lufthansa ha fatto congelare, al momento, questo piano. Anche se le stesse fonti spiegano che Msc tiene ancora aperto il dossier Ita nella speranza che salti la trattativa dei rivali. [post_title] => Msc non si ferma più e potrebbe puntare decisamente su Italo [post_date] => 2022-09-20T11:43:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663674194000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430723 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Carinzia è una regione dell'Austria dove la bellezza della natura incontra la storia e la tradizione culturale e gastronomica, un’affascinante destinazione a corto raggio tanto amata dagli italiani. «Nella nostra regione in questi due anni non si è mai fermato il flusso turistico. - spiega Helmuth Micheler, del Tourismus Verband Klagenfurt - Il 2019 è stato l’anno migliore nella storia del turismo a Klagenfurt, ma nel 2022 il dato delle presenze è cresciuto ancora del 5% rispetto al 2019, perché gli italiani sono tornati in numero sempre maggiore. Se per noi i mercati più importanti sono l’Austria e la Germania, al terzo posto c’è l’Italia. I turisti, in particolare le famiglie, visitano Klagenfurt e la Carinzia per praticare sport, ma anche per seguire spettacoli ed eventi artistici, come il concerto di Andrea Bocelli in programma nel 2023. Inoltre abbiamo fiere e congressi e in città sono disponibili 3000 camere. Per favorire gli ospiti abbiamo pensato anche alla “Wörthersee Pluscard”, una card ricca di sconti e vantaggi». Il visitatore di Klagenfurt am Wörthersee - ospite di strutture alberghiere di eccellenza e uniche, dalle linee futuristiche o di lunga tradizione familiare - potrà praticare diversi sport sui laghi e sulle montagne, ma anche partecipare all’impegnativo “Ironman Austria-Kärnten” che ogni autunno vede sfidarsi gli atleti in tre prove impegnative: 4km di nuoto seguiti da 180km in bicicletta e da oltre 40km di maratona. La Carinzia è terra di gustosi piatti tradizionali e di vini: per questo da 5 anni, nel mese di settembre, ricorrono le Giornate della Cucina Alpe-Adria, che riuniscono chef carinziani, sloveni e friulani per celebrare i prodotti locali. Un territorio dove la storia ha lasciato opere d’arte come la maestosa “Wappensaal” o “Sala degli Stemmi” che, realizzata nel ‘700 all’interno della Landhaus, raccoglie gli stemmi delle famiglie aristocratiche del tempo. Maestose le chiese e i campanili come quello di S.Egidio, sulla cui cima la custode Helene Reichelt partorì 5 figli e vigilò su Klagenfurt dal 1923 al 1966. Nella stessa chiesa si può ammirare la colorata e immaginifica Cappella dell’Apocalisse realizzata tra il 1995 e il 2015 da Ernst Fuchs, esponente della Scuola Viennese del Realismo Fantastico. Infine, simbolo di una città protesa verso il futuro ma legata alla sua tradizione, ecco il Lindwurm: un drago che, secondo la leggenda, divorava i passanti che si lamentavano - “Klagen” - presso un guado - “Furt” – poco lontano e che oggi si può ammirare pietrificato in un'imponente fontana. [post_title] => La Carinzia e Klagenfurt: l’offerta turistica, tra sport e sapori, celebra tradizione e storia [post_date] => 2022-09-20T09:45:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663667158000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430608 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Conto alla rovescia per il debutto del Frecciarossa 1000 in Spagna, programmato per il prossimo 25 novembre: e da domenica, 18 settembre, saranno aperte le vendite dei biglietti. Le prime corse sono previste sulla Madrid-Saragozza-Barcellona per continuare dal 16 dicembre con i collegamenti fra Madrid, Valencia e Cuenca. Nel primo trimestre del 2023 i collegamenti di iryo arriveranno anche nelle città di Siviglia, Malaga e Cordoba a cui si aggiungeranno a giugno Alicante e Albacete. Il Frecciarossa in Spagna rappresenta una delle tante iniziative strategiche per lo sviluppo estero del Gruppo FS inserite nel Piano Industriale 2022-2031 e gestite da un’unica direzione internazionale. "Il mercato in Europa è sempre più considerato domestico per via delle connessioni che si stanno creando e perché ormai c’è una spinta europea a favore del treno, da e per destinazioni al di là degli Stati - ha dichiarato Luigi Ferraris, ad di Fs , lo scorso maggio nel corso della presentazione del nuovo piano di impresa.Noi siamo presenti in una serie di Paesi, dove vogliamo consolidare la nostra presenza, con attenzioni e investimenti, sia nel trasporto passeggeri sia nel trasporto merci". [post_title] => Il Frecciarossa 1000 debutta in Spagna: biglietti in vendita dal 18 settembre [post_date] => 2022-09-16T13:49:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663336187000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430611 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è grande euforia nell'aria. Almeno tra le alte vette dell'ospitalità di lusso. Lo si è visto, anzi lo si è toccato con mano ieri, tra le sale gremite della Luxury Hospitality Conference, svoltasi presso il nuovissimo Lh Collection Milano Citylife. L'evento organizzato da Teamwork in collaborazione con HotelMyPassion è stata l'occasione per fare il punto della situazione nel comparto di alta gamma dell'ospitalità. E l'entusiasmo è tale che c'è chi, come la ceo del Grand Hotel Tremezzo, Valentina De Santis, si è spinta a dire che "nel lusso la domanda eguaglia sempre, se non addirittura supera l'offerta. Persino nel 2020 (l'anno peggiore della crisi pandemica, ndr) la richiesta da noi è stata eccezionale. I mercati si sostituiscono. Se si chiude una porta, se ne apre un'altra". Un caso particolarmente fortunato? Forse. Sicuramente la destinazione lago di Como, dove si trova il Grand Hotel Tremezzo, ha goduto di condizioni particolari; in primis la vicinanza con importanti mercati di prossimità europei. Però la sensazione, anzi la certezza, è che il mercato del lusso sia ripartito davvero più forte di prima. "Godiamoci il momento", ha dichiarato a margine dell'evento il general manager del Principe di Savoia di Milano, Ezio Indiani. E il momento è davvero speciale. Anche perché "le tariffe sono cresciute a 360 gradi", ma la domanda si è dimostrata completamente insensibile al prezzo, ha sottolineato la brand director di R Collection Hotels, Ludovica Rocchi. Persino il mercato domestico, da sempre un po' più attento alle variazioni tariffarie, non ha mostrato alcuna resistenza al costo camera, ha precisato Luca Marinelli, area director learning and development, Italia, Spagna e Portogallo di Belmond. Neppure il caro energia spaventa perciò più di tanto gli hotelier, "perché di spazio, per alzare le tariffe, ce n'è ancora", ha rassicurato Luigi Passera. Certo, l'importante è rimanere sempre coerenti con se stessi, ha aggiunto il ceo di Lario Hotels: occorre, in altre parole, giustificare eventuali incrementi con la qualità del prodotto. La preoccupazione che si tratti solo di un rimbalzo temporaneo, frutto della reazione di una domanda compressa da due anni di Covid, non pare insomma sfiorare i protagonisti del lusso. Piuttosto, ad aleggiare sul comparto, rimane la questione risorse umane: "Oggi, oltre al vecchio adagio location, location, location - ha ripreso ancora Passera -, per avere successo nell'hotellerie occorre aggiungere la nuova triade people, people, people. Il problema è che non ci sono abbastanza persone per soddisfare le esigenze di questo settore. Il rischio è che l'industria si blocchi. Il numero di alberghi, soprattutto nei contesti di fascia alta, sta aumentando vertiginosamente, mentre la formazione stenta e le istituzioni ancora faticano a considerare il turismo come una risorsa chiave per il Paese". La colpa però è anche un po' del comparto stesso, ha ammesso in un altro panel, il director of operations di Rocco Forte Hotels, Antonello De Medici: "Nei colloqui di lavoro, quasi sempre ci si limita a parlare di meri dati contabili: il livello di stipendio, i giorni di ferie, i riposi... Persino nel lusso, non riusciamo quasi mai a trasmettere ai potenziali candidati quanto sia bello e divertente lavorare in contesti come il nostro. Eppure, è innegabile: si vive in mezzo a bella gente, si ha la possibilità di frequentare eventi esclusivi, sia mondani, sia culturali...". Un vantaggio competitivo, insomma, da non dare per scontato, ma da sfruttare di più è meglio. [post_title] => Hotelier del lusso euforici: "Godiamoci il momento" [post_date] => 2022-09-16T13:34:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663335288000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430584 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Completate con successo le prove nel mar Baltico per la Celebration, ultima nave Carnival Cruise Line in costruzione presso i cantieri finlandesi Meyer Turku, dove è stata realizzata anche la gemella Mardi Gras. Lo comunica una nota Gioco Viaggi che sottolinea come l'unità sia ormai quasi pronta per il suo debutto dal porto di Miami. “Durante le prove in mare, la Celebration è stata sottoposta a diversi test, con lo scopo di verificarne capacità e prestazioni - spiega il comandante, Vincenzo Alcaras -. Abbiamo fatto molti test di manovra, resistenza, virata, velocità e test dei propulsori. L’esito è stato meravigliosamente positivo e a breve sarà pronta per iniziare a navigare”. L'arrivo della Celebration a Miami coinciderà con la celebrazione del cinquantesimo compleanno della compagnia di crociera. La nave presenterà diverse aree innovative tematiche, tra cui la 820 Biscayne, un tributo proprio alla città della Florida, dove è nata Carnival Cruise Line, con il nome di questa area che ricorda il primo indirizzo della compagnia, la via in cui tutto ebbe inizio. In questa area, che ricrea quindi lo stile e i sapori autentici di Miami, il bar 820 proporrà cocktail tropicali e caffè cubano, mentre al corner Deco Deli si potranno gustare ottimi panini, tra cui alcuni dal gusto tipicamente cubano. Non mancheranno inoltre i grandi classici Carnival: il Miami Slice, dove la pizza viene servita 24 ore al giorno, e i ristoranti Cucina del Capitano e Rudi's Seagrill. La Celebration ospiterà anche molte delle attrazioni che hanno reso Mardi Gras una delle navi da crociera più attese, tra cui Bolt: Ultimate Sea Coaster, le prime montagne russe in mare, Guy's Pig & Anchor Smokehouse, dove la carne viene affumicata sopra il legno di noce secondo la ricetta originale di Guy Fieri, e accompagnata da una vasta selezione di birre tra cui la nuova ed esclusiva Parched Pig, nonché il ristorante Big Chicken di Shaquille O'Neal. Dopo la crociera inaugurale di sei giorni nei Caraibi orientali, a partire dal 21 novembre la Celebration alternerà per tutto l’anno itinerari di sette giorni nei Caraibi orientali e occidentali, con partenza da Miami, toccando destinazioni come San Juan, Puerto Rico, Cozumel, Messico e Grand Turk.   [post_title] => Completate le prove in mare, si avvicina il debutto della Carnival Celebration [post_date] => 2022-09-16T10:36:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663324606000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430506 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarebbero Lufthansa ed Air France-Klm i due gruppi in lizza per acquisire Tap Air Portugal. Il vettore portoghese era tornato nelle mani del Governo lusitano nel giugno 2020, che ne aveva acquisito una quota del 92%. Lo scorso anno è stata di nuovo considerata la vendita di una quota di minoranza, con Lufthansa ed Air France-Klm già in corsa. Ma, allora, entrambi i gruppi non potevano investire, in rispetto delle norme dell'Unione europea relative ai beneficiari di aiuti di Stato. Pedro Nuno Santos, ministro portoghese delle Infrastrutture, non ha ancora chiarito l'entità della quota in palio, ma sta cercando di accelerare la vendita per completarla entro la prima metà del 2023. Il governo sta valutando la possibilità di vendere almeno la metà della compagnia. Il Gruppo Lufthansa auspicherebbe un coinvolgimento nazionale il più ridotto possibile e Tap - come il vettore tedesco - è già partner di Star Alliance. Anche il gruppo Iag (che ricordiamo include tra le altre British Airways, Iberia ed Aer Lingus) sarebbe molto interessato a rilevare Tap, ma questa via sarebbe ostacolata in partenza a causa delle norme antitrust. [post_title] => Tap Air Portugal: si accelera sulla privatizzazione. Lufthansa ed Air France in pole position [post_date] => 2022-09-15T10:37:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663238232000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "alitalia luigi gubitosi in lizza come nuovo ad" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":35,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":517,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430909","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il governo cinese ha pubblicato una bozza di norme volte a facilitare l'ingresso di alcuni turisti stranieri in Cina per visitare i siti lungo il confine cinese. I gruppi organizzati dalle agenzie di viaggio, come riferito da Reuters, nelle zone di confine della Cina potranno scegliere il punto di ingresso e di uscita in modo \"flessibile\", ha dichiarato lunedì il Ministero della Cultura e del Turismo, senza fornire indicazioni specifiche su luoghi e date.\r\n\r\nLa Cina ha chiuso le frontiere ai turisti stranieri all'inizio dello scoppio della pandemia nel 2020, consentendo l'ingresso nel Paese solo a gruppi specifici di cittadini stranieri, come quelli in possesso di determinati visti di lavoro.\r\n\r\nNegli ultimi mesi, le regole sono state gradualmente allentate, come confermato dalla parziale ripresa di un certo numero di voli diretti tra la Cina e alcuni Paesi, così come dalla possibilità di ingresso concessa agli studenti stranieri con permesso di soggiorno valido. Anche la quarantena per gli arrivi di stranieri è stata ridotta.","post_title":"Cina pronta a consentire l'ingresso ai turisti stranieri che viaggiano in gruppi organizzati","post_date":"2022-09-22T09:52:34+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663840354000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430854","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Vogliamo incontrare di persona sempre più agenti di viaggio. A noi piace il contatto e i sorrisi che si creano in queste occasioni: sono la base per un buon lavoro. Per questo stiamo investendo anche nella rete commerciale. Il nostro sito vedrà poi ulteriori sviluppi e nuovi servizi, così che possa diventare sempre più uno strumento di comunicazione con le agenzie». Si concentra su relazioni, risorse umane e tecnologia il futuro di creo. A raccontare andamento e prossimi step del to pesarese creato lo scorso 1° di ottobre è il direttore commerciale e marketing, Anya Bracci.\r\n\r\nI piani di espansione fanno infatti seguito a un primo anno di attività davvero positivo: «Le vendite hanno immediatamente preso una buona velocità – aggiunge Anya Bracci -. Ci ha sorpreso molto la calda accoglienza delle adv: ci hanno dato da subito fiducia e hanno investito, insieme a noi, sulla nostra crescita. Lo stesso è avvenuto lato fornitori. Con loro siamo riusciti a ricreare rapporti commerciali solidi e molto costruttivi. Oggi siamo inoltre online con una nuova versione del nostro sito, alla quale abbiamo lavorato fino a poco tempo fa. Ora le agenzie possono creare viaggi per i clienti partendo dalle nostre tracce, ovvero dai nostri suggerimenti. L’obiettivo è quello della personalizzazione estrema del pacchetto, tanto da permettere al viaggiatore di programmare il proprio itinerario partendo anche solo da una singola escursione».\r\n\r\nL’estate si è chiusa peraltro con le ottime performance degli Stati Uniti, «la nostra destinazione principale – aggiunge il direttore di prodotto, Luigi Leone -. Ma abbiamo registrato buone vendite anche in destinazioni medio orientali, come gli Emirati Arabi, la Giordania e la Turchia, oltre che per Sud Africa, Australia e Sud America».","post_title":"Relazioni, risorse umane e tecnologia nel futuro di creo","post_date":"2022-09-21T11:42:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1663760520000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430852","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France spalanca le porte all'inverno 2022-2023 con un network di 171 destinazioni, di cui 86 a lungo raggio e 85 a corto e medio raggio. L'intera flotta della compagnia sarà in funzione e i livelli di capacità sfioreranno quelli dell'inverno 2019.\r\n\r\nLa fine dell'anno vedrà inoltre il lancio delle nuove cabine di Air France per il lungo raggio. In linea con la strategia di posizionamento up-level del vettore, verrà installata una nuova poltrona Business che si trasforma in un vero e proprio letto lungo quasi 2 metri su 12 Boeing 777-300 ER. Una nuova porta scorrevole permette di privatizzare completamente l'area del sedile. Il primo volo avrà luogo nelle prossime settimane a New York Jfk.\r\n\r\nTra le principali novità sulla rete lungo raggio, spicca un ulteriore rafforzamento delle connessioni verso gli Stati Uniti: Air France lancerà un volo giornaliero non-stop tra Parigi-Charles de Gaulle e New York-Newark il 12 dicembre 2022. Il collegamento, operato con Boeing 777-200 ER, segna il ritorno del vettore a Newark, storica destinazione della compagnia aerea servita direttamente fino al 2012. Si aggiungerà al servizio \"Shuttle\" disponibile tra Parigi Cdg e New York Jfk con 6 voli giornalieri operati da Air France e dal partner Skyteam, Delta Air Lines. Infine, la rotta estiva Parigi Charles de Gaulle - Dallas sarà estesa per la stagione invernale con 3 voli settimanali operati da 777-200 ER.\r\n\r\nIntanto, nell'ambito della graduale riapertura delle frontiere giapponesi, Air France ha ripreso i voli tra Parigi-Charles de Gaulle e Tokyo-Haneda con 5 voli settimanali operati con Boeing 787-9. Quest'inverno, la compagnia volerà da Parigi verso entrambi gli aeroporti di Tokyo, con un massimo di 5 voli settimanali verso Tokyo-Narita da Parigi Cgd.\r\n\r\nSul corto e medio raggio, debuttano 4 nuove rotte stagionali da Parigi Charles de Gaulle verso Austria, Norvegia e Finlandia: Kittilä (Finlandia) e Tromsø (Norvegia) saranno entrambe servite una volta alla settimana rispettivamente da A320 e Airbus A319. Innsbruck e Salisburgo, con rispettivamente 2 e 1 volo settimanale operato con Embraer 190, saranno attive dal 10 dicembre.\r\n\r\nDal 30 ottobre 2022, decollerà la Parigi-Orly e Casablanca, con un volo giornaliero operato con Airbus A320. Nella stessa data, la rotta Nizza-Londra Heathrow (Regno Unito), finora operata solo durante il picco estivo, diventerà un servizio annuale, con un volo giornaliero operato da Airbus A320. Lanciata nel 2021, la rotta stagionale Parigi-Charles de Gaulle-Rovaniemi (Finlandia) riprenderà quest'anno a partire dal 27 novembre con un volo giornaliero operato da Airbus A320 durante il periodo natalizio.\r\n\r\n ","post_title":"Air France investe sull'inverno con capacità che sfiora i livelli 2019. Nuovo focus sugli Stati Uniti","post_date":"2022-09-21T11:14:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663758898000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430768","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un'altra svolta interessante per Msc della famiglia Aponte. Secondo fonti accreditate la compagnia starebbe guardando ai treni di Italo per espandere i suoi investimenti nella logistica e nel trasporto passeggeri verso i porti italiani. Un un accordo che potrebbe aggirarsi tra i 6 e i 7 miliardi di euro. È quanto apprende il Corriere della Sera da fonti finanziarie e industriali a conoscenza del dossier. Non è al momento chiaro se ci siano stati dei contatti ufficiali tra Msc e Global Infrastructure Partners, fondo proprietario di Italo. Si apprende che all’alta velocità ferroviaria la famiglia Aponte starebbe pensando dalla scorsa primavera.\r\nPiani di espansione\r\nI piani potenziali di Msc si incrociano con l’indiscrezione pubblicata dall’agenzia Bloomberg sulla possibilità per Global Infrastructure Partners di vendere la società di trasporto per 4 miliardi di euro, anche se la notizia è stata poi ridimensionata da ambienti interni a GIP. Le fonti finanziarie alzano l’asticella ad almeno 5 miliardi ai quali Msc potrebbe affiancare un «premio» del 25-30%, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro.\r\n\r\nNei progetti dell'azienda di Aponte l’inserimento di Italo nel proprio portafoglio si affiancherebbe alle mire su Ita Airways, la compagnia aerea tricolore che ha preso il posto di Alitalia nell’ottobre 2021. Ma la scelta del Mef di preferire l’offerta rivale di Certares a quella di Msc e Lufthansa ha fatto congelare, al momento, questo piano. Anche se le stesse fonti spiegano che Msc tiene ancora aperto il dossier Ita nella speranza che salti la trattativa dei rivali.","post_title":"Msc non si ferma più e potrebbe puntare decisamente su Italo","post_date":"2022-09-20T11:43:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663674194000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430723","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nLa Carinzia è una regione dell'Austria dove la bellezza della natura incontra la storia e la tradizione culturale e gastronomica, un’affascinante destinazione a corto raggio tanto amata dagli italiani.\r\n\r\n«Nella nostra regione in questi due anni non si è mai fermato il flusso turistico. - spiega Helmuth Micheler, del Tourismus Verband Klagenfurt - Il 2019 è stato l’anno migliore nella storia del turismo a Klagenfurt, ma nel 2022 il dato delle presenze è cresciuto ancora del 5% rispetto al 2019, perché gli italiani sono tornati in numero sempre maggiore. Se per noi i mercati più importanti sono l’Austria e la Germania, al terzo posto c’è l’Italia. I turisti, in particolare le famiglie, visitano Klagenfurt e la Carinzia per praticare sport, ma anche per seguire spettacoli ed eventi artistici, come il concerto di Andrea Bocelli in programma nel 2023. Inoltre abbiamo fiere e congressi e in città sono disponibili 3000 camere. Per favorire gli ospiti abbiamo pensato anche alla “Wörthersee Pluscard”, una card ricca di sconti e vantaggi».\r\n\r\nIl visitatore di Klagenfurt am Wörthersee - ospite di strutture alberghiere di eccellenza e uniche, dalle linee futuristiche o di lunga tradizione familiare - potrà praticare diversi sport sui laghi e sulle montagne, ma anche partecipare all’impegnativo “Ironman Austria-Kärnten” che ogni autunno vede sfidarsi gli atleti in tre prove impegnative: 4km di nuoto seguiti da 180km in bicicletta e da oltre 40km di maratona. La Carinzia è terra di gustosi piatti tradizionali e di vini: per questo da 5 anni, nel mese di settembre, ricorrono le Giornate della Cucina Alpe-Adria, che riuniscono chef carinziani, sloveni e friulani per celebrare i prodotti locali.\r\n\r\nUn territorio dove la storia ha lasciato opere d’arte come la maestosa “Wappensaal” o “Sala degli Stemmi” che, realizzata nel ‘700 all’interno della Landhaus, raccoglie gli stemmi delle famiglie aristocratiche del tempo. Maestose le chiese e i campanili come quello di S.Egidio, sulla cui cima la custode Helene Reichelt partorì 5 figli e vigilò su Klagenfurt dal 1923 al 1966. Nella stessa chiesa si può ammirare la colorata e immaginifica Cappella dell’Apocalisse realizzata tra il 1995 e il 2015 da Ernst Fuchs, esponente della Scuola Viennese del Realismo Fantastico.\r\n\r\nInfine, simbolo di una città protesa verso il futuro ma legata alla sua tradizione, ecco il Lindwurm: un drago che, secondo la leggenda, divorava i passanti che si lamentavano - “Klagen” - presso un guado - “Furt” – poco lontano e che oggi si può ammirare pietrificato in un'imponente fontana.","post_title":"La Carinzia e Klagenfurt: l’offerta turistica, tra sport e sapori, celebra tradizione e storia","post_date":"2022-09-20T09:45:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663667158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430608","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Conto alla rovescia per il debutto del Frecciarossa 1000 in Spagna, programmato per il prossimo 25 novembre: e da domenica, 18 settembre, saranno aperte le vendite dei biglietti.\r\n\r\nLe prime corse sono previste sulla Madrid-Saragozza-Barcellona per continuare dal 16 dicembre con i collegamenti fra Madrid, Valencia e Cuenca. Nel primo trimestre del 2023 i collegamenti di iryo arriveranno anche nelle città di Siviglia, Malaga e Cordoba a cui si aggiungeranno a giugno Alicante e Albacete.\r\n\r\nIl Frecciarossa in Spagna rappresenta una delle tante iniziative strategiche per lo sviluppo estero del Gruppo FS inserite nel Piano Industriale 2022-2031 e gestite da un’unica direzione internazionale. \"Il mercato in Europa è sempre più considerato domestico per via delle connessioni che si stanno creando e perché ormai c’è una spinta europea a favore del treno, da e per destinazioni al di là degli Stati - ha dichiarato Luigi Ferraris, ad di Fs , lo scorso maggio nel corso della presentazione del nuovo piano di impresa.Noi siamo presenti in una serie di Paesi, dove vogliamo consolidare la nostra presenza, con attenzioni e investimenti, sia nel trasporto passeggeri sia nel trasporto merci\".","post_title":"Il Frecciarossa 1000 debutta in Spagna: biglietti in vendita dal 18 settembre","post_date":"2022-09-16T13:49:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663336187000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430611","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è grande euforia nell'aria. Almeno tra le alte vette dell'ospitalità di lusso. Lo si è visto, anzi lo si è toccato con mano ieri, tra le sale gremite della Luxury Hospitality Conference, svoltasi presso il nuovissimo Lh Collection Milano Citylife. L'evento organizzato da Teamwork in collaborazione con HotelMyPassion è stata l'occasione per fare il punto della situazione nel comparto di alta gamma dell'ospitalità. E l'entusiasmo è tale che c'è chi, come la ceo del Grand Hotel Tremezzo, Valentina De Santis, si è spinta a dire che \"nel lusso la domanda eguaglia sempre, se non addirittura supera l'offerta. Persino nel 2020 (l'anno peggiore della crisi pandemica, ndr) la richiesta da noi è stata eccezionale. I mercati si sostituiscono. Se si chiude una porta, se ne apre un'altra\".\r\n\r\nUn caso particolarmente fortunato? Forse. Sicuramente la destinazione lago di Como, dove si trova il Grand Hotel Tremezzo, ha goduto di condizioni particolari; in primis la vicinanza con importanti mercati di prossimità europei. Però la sensazione, anzi la certezza, è che il mercato del lusso sia ripartito davvero più forte di prima. \"Godiamoci il momento\", ha dichiarato a margine dell'evento il general manager del Principe di Savoia di Milano, Ezio Indiani.\r\n\r\nE il momento è davvero speciale. Anche perché \"le tariffe sono cresciute a 360 gradi\", ma la domanda si è dimostrata completamente insensibile al prezzo, ha sottolineato la brand director di R Collection Hotels, Ludovica Rocchi. Persino il mercato domestico, da sempre un po' più attento alle variazioni tariffarie, non ha mostrato alcuna resistenza al costo camera, ha precisato Luca Marinelli, area director learning and development, Italia, Spagna e Portogallo di Belmond. Neppure il caro energia spaventa perciò più di tanto gli hotelier, \"perché di spazio, per alzare le tariffe, ce n'è ancora\", ha rassicurato Luigi Passera. Certo, l'importante è rimanere sempre coerenti con se stessi, ha aggiunto il ceo di Lario Hotels: occorre, in altre parole, giustificare eventuali incrementi con la qualità del prodotto.\r\n\r\nLa preoccupazione che si tratti solo di un rimbalzo temporaneo, frutto della reazione di una domanda compressa da due anni di Covid, non pare insomma sfiorare i protagonisti del lusso. Piuttosto, ad aleggiare sul comparto, rimane la questione risorse umane: \"Oggi, oltre al vecchio adagio location, location, location - ha ripreso ancora Passera -, per avere successo nell'hotellerie occorre aggiungere la nuova triade people, people, people. Il problema è che non ci sono abbastanza persone per soddisfare le esigenze di questo settore. Il rischio è che l'industria si blocchi. Il numero di alberghi, soprattutto nei contesti di fascia alta, sta aumentando vertiginosamente, mentre la formazione stenta e le istituzioni ancora faticano a considerare il turismo come una risorsa chiave per il Paese\".\r\n\r\nLa colpa però è anche un po' del comparto stesso, ha ammesso in un altro panel, il director of operations di Rocco Forte Hotels, Antonello De Medici: \"Nei colloqui di lavoro, quasi sempre ci si limita a parlare di meri dati contabili: il livello di stipendio, i giorni di ferie, i riposi... Persino nel lusso, non riusciamo quasi mai a trasmettere ai potenziali candidati quanto sia bello e divertente lavorare in contesti come il nostro. Eppure, è innegabile: si vive in mezzo a bella gente, si ha la possibilità di frequentare eventi esclusivi, sia mondani, sia culturali...\". Un vantaggio competitivo, insomma, da non dare per scontato, ma da sfruttare di più è meglio.","post_title":"Hotelier del lusso euforici: \"Godiamoci il momento\"","post_date":"2022-09-16T13:34:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1663335288000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430584","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Completate con successo le prove nel mar Baltico per la Celebration, ultima nave Carnival Cruise Line in costruzione presso i cantieri finlandesi Meyer Turku, dove è stata realizzata anche la gemella Mardi Gras. Lo comunica una nota Gioco Viaggi che sottolinea come l'unità sia ormai quasi pronta per il suo debutto dal porto di Miami.\r\n\r\n“Durante le prove in mare, la Celebration è stata sottoposta a diversi test, con lo scopo di verificarne capacità e prestazioni - spiega il comandante, Vincenzo Alcaras -. Abbiamo fatto molti test di manovra, resistenza, virata, velocità e test dei propulsori. L’esito è stato meravigliosamente positivo e a breve sarà pronta per iniziare a navigare”.\r\n\r\nL'arrivo della Celebration a Miami coinciderà con la celebrazione del cinquantesimo compleanno della compagnia di crociera. La nave presenterà diverse aree innovative tematiche, tra cui la 820 Biscayne, un tributo proprio alla città della Florida, dove è nata Carnival Cruise Line, con il nome di questa area che ricorda il primo indirizzo della compagnia, la via in cui tutto ebbe inizio. In questa area, che ricrea quindi lo stile e i sapori autentici di Miami, il bar 820 proporrà cocktail tropicali e caffè cubano, mentre al corner Deco Deli si potranno gustare ottimi panini, tra cui alcuni dal gusto tipicamente cubano. Non mancheranno inoltre i grandi classici Carnival: il Miami Slice, dove la pizza viene servita 24 ore al giorno, e i ristoranti Cucina del Capitano e Rudi's Seagrill.\r\n\r\nLa Celebration ospiterà anche molte delle attrazioni che hanno reso Mardi Gras una delle navi da crociera più attese, tra cui Bolt: Ultimate Sea Coaster, le prime montagne russe in mare, Guy's Pig & Anchor Smokehouse, dove la carne viene affumicata sopra il legno di noce secondo la ricetta originale di Guy Fieri, e accompagnata da una vasta selezione di birre tra cui la nuova ed esclusiva Parched Pig, nonché il ristorante Big Chicken di Shaquille O'Neal.\r\n\r\nDopo la crociera inaugurale di sei giorni nei Caraibi orientali, a partire dal 21 novembre la Celebration alternerà per tutto l’anno itinerari di sette giorni nei Caraibi orientali e occidentali, con partenza da Miami, toccando destinazioni come San Juan, Puerto Rico, Cozumel, Messico e Grand Turk.\r\n\r\n ","post_title":"Completate le prove in mare, si avvicina il debutto della Carnival Celebration","post_date":"2022-09-16T10:36:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663324606000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430506","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarebbero Lufthansa ed Air France-Klm i due gruppi in lizza per acquisire Tap Air Portugal. Il vettore portoghese era tornato nelle mani del Governo lusitano nel giugno 2020, che ne aveva acquisito una quota del 92%. Lo scorso anno è stata di nuovo considerata la vendita di una quota di minoranza, con Lufthansa ed Air France-Klm già in corsa. Ma, allora, entrambi i gruppi non potevano investire, in rispetto delle norme dell'Unione europea relative ai beneficiari di aiuti di Stato.\r\n\r\nPedro Nuno Santos, ministro portoghese delle Infrastrutture, non ha ancora chiarito l'entità della quota in palio, ma sta cercando di accelerare la vendita per completarla entro la prima metà del 2023. Il governo sta valutando la possibilità di vendere almeno la metà della compagnia.\r\n\r\nIl Gruppo Lufthansa auspicherebbe un coinvolgimento nazionale il più ridotto possibile e Tap - come il vettore tedesco - è già partner di Star Alliance.\r\n\r\nAnche il gruppo Iag (che ricordiamo include tra le altre British Airways, Iberia ed Aer Lingus) sarebbe molto interessato a rilevare Tap, ma questa via sarebbe ostacolata in partenza a causa delle norme antitrust.","post_title":"Tap Air Portugal: si accelera sulla privatizzazione. Lufthansa ed Air France in pole position","post_date":"2022-09-15T10:37:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663238232000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti