27 February 2024

Alitalia al palo tra Delta e Lufthansa: arriva un altro rinvio?

[ 0 ]
Alitalia

La scadenza del 21 novembre per il salvataggio di Alitalia è sempre più vicina, al contrario delle offerte finali per l’acquisto della compagnia. Come spiega oggi Il Sole 24 Ore, «e trattative proseguono in due direzioni e coinvolgono Ferrovie dello Stato come capofila. Poi ci sono Atlantia come potenziale socio della Newco Nuova Alitalia che dovrebbe avere la stessa quota di Fs (35% o 37,5%) e un partner industriale estero tra Delta o Lufthansa. Il quarto socio della Newco sarebbe il ministero dell’Economia, con il 15% circa».

Ad oggi soltanto Delta Air Lines si è resa disponibile a investire del capitale della nuova Alitalia con 100 milioni di euro. Questo corrisponderebbe al 10% del capitale, previsto in un miliardo. Delta invierà nei prossimi giorni la lettera finale con gli impegni su Newco e piano industriale. 

Sull’altro fronte Lufthansa invece si è finora dichiarata disposta solo a «un’ampia partnership commerciale», un’alleanza che non prevede un coinvolgimento azionario. Il vettore tedesco sarebbe disponibile a entrare solo in un’Alitalia ridimensionata, possibilmente senza la manutenzione e i servizi di handling di Fiumicino. 

Nel frattempo Atlantia non è soddisfatta del piano Delta-Fs e punta ad una maggior apertura ad Alitalia nelle rotte verso il Nord America e nell’alleanza transatlantica Blue Skies. Inoltre Atlantia chiede maggior impegno nell’equity e la garanzia che Delta partecipi a future ricapitalizzazioni.

L’attesa è per il nuovo consiglio di amministrazione di Lufthansa, programmato per lunedì 18. Ma potrebbe riconfermare la posizione – negativa – già manifestata dal ceo Carsten Spohr.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462304 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal prossimo 31 marzo le compagnie aeree cinesi saranno autorizzate ad aumentare i loro voli settimanali di andata e ritorno negli Stati Uniti a 50 rispetto agli attuali 35, riportando il mercato a quasi un terzo dei livelli pre-pandemia. L'approvazione arrivata dal Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti, «è un significativo passo avanti nell'ulteriore normalizzazione del mercato Usa-Cina in vista della stagione estiva 2024", ha dichiarato il Dot. Prima delle restrizioni imposte all'inizio del 2020 a causa della pandemia erano consentiti più di 150 voli passeggeri settimanali di andata e ritorno da entrambe le parti, ma fino all'agosto 2023 i vettori cinesi e statunitensi potevano effettuarne solo 12 a settimana tra i due Paesi. Il numero è salito il 1° settembre a 18 voli settimanali di andata e ritorno e poi a 24 a settimana a partire dal 29 ottobre. A novembre il Dot ne ha approvati 35 per i vettori cinesi. Airlines for America, il gruppo che rappresenta American Airlines, Delta Air Lines e United Airlines che effettuano complessivamente 31 voli settimanali verso la Cina, ha dichiarato di "sostenere l'approccio del governo degli Stati Uniti per una lenta, graduale e reciproca riapertura del mercato con la Cina. È imperativo che il governo americano mantenga questo approccio". L'ambasciata cinese a Washington si è detta "lieta di vedere i progressi positivi compiuti nell'aumento dei voli passeggeri diretti tra Cina e Stati Uniti". L'ambasciata ha aggiunto che sta lavorando per "facilitare ulteriormente i viaggi transfrontalieri e promuovere lo scambio di persone tra i due Paesi".   [post_title] => Stati Uniti: le compagnie aeree cinesi possono aumentare i voli fino a 50 alla settimana [post_date] => 2024-02-27T10:29:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709029781000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo. Come riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un "pasticcio" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines. «È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva. Piccoli tagli Considerando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati "piccoli tagli alla programmazione" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri.  La low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di "200 milioni" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali. [post_title] => Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10% [post_date] => 2024-02-27T09:00:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709024439000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462256 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460009" align="alignleft" width="300"] La Norwegian Dawn al largo di Port Louis (foto di repertorio)[/caption] Brutta avventura per i circa 2 mila passeggeri e mille componenti dell'equipaggio della Norwegian Dawn. La nave è stata infatti posta in quarantena al largo delle coste di Mauritius, a causa di una serie di disturbi di stomaco che avrebbero colpito le persone a bordo. Stando a quanto appreso da un giornalista di Usa Today, il timore è che si possa trattare di colera. Lo stop agli sbarchi è stato imposto ieri e dovrebbe essere mantenuto in via precauzionale sino a domani. La Dawn era impegnata in una crociera di 12 giorni tra Cape Town e Port Louis salpata lo scorso 13 febbraio. "Durante il viaggio - si legge in una nota ufficiale Ncl - un piccolo numero di passeggeri ha sperimentato lievi sintomi di mal di stomaco. Durante l'avvicinamento a Port Louis, la direzione della nave ha incontrato le autorità locali per organizzare le misure precauzionali atte ad assicurare la salute di tutti a bordo. A seguito della richiesta ufficialr di una serie di esami addizionali, il governo di Mauritius ha imposto il rinvio degli sbarchi di due giorni, sino al 27 febbraio". Ncl sta garantendo ai passeggeri che avrebbero dovuto partire per la crociera successiva, in calendario per lo stesso 25 febbraio, le necessarie sistemazioni alberghiere. Per chi si trova invece ancora a bordo, la compagnia sta gestendo i programmi di viaggio per il rientro a casa dopo lo sbarco.    [post_title] => La Norwegian Dawn bloccata al largo di Mauritius: timore colera [post_date] => 2024-02-26T13:09:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708952965000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462208 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_311619" align="alignleft" width="300"] Il Pellicano di Porto Ercole[/caption] Si apre con un'importante novità la stagione 2024 del gruppo Pellicano Hotels che aggiunge un secondo indirizzo in Toscana. L'indiscrezione circolava già da tempo, dall’Italian hospitality investment conference organizzata lo scorso ottobre a Roma da Teamwork-Thrends, ma ora arriva l'ufficializzazione dell'operazione. La compagnia con sede a Grosseto ha acquisito il relais La Suvera: struttura situata a Pievescola di Siena e dotata di 36 camere. Stando sempre ai rumours raccolti in autunno l'investimento sarebbe stato di 18 milioni di euro, pari a circa 500 mila euro a chiave. Per quanto riguarda gli altre tre alberghi del gruppo, il calendario delle riaperture vede la Posta Vecchia Hotel di Palo Laziale tornare ad accogliere i propri ospiti a partire dal 29 marzo, il Pellicano di Porto Ercole dal 9 aprile e il Mezzatorre Hotel & Thermal Spa di Ischia dal’11 aprile.   [post_title] => Il gruppo Pellicano inaugura la nuova stagione. Confermata l'acquisizione della Suvera in Toscana [post_date] => 2024-02-26T10:34:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708943646000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462097 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si apre con ottime prospettive il 2024 di Alpitour, che in questo primo scorcio di anno già registra una crescita di 120 milioni di euro rispetto al pari dato di 12 mesi or sono. "Tutti i nostri pillar stanno macinando ottimi risultati, con aumenti sopra al 20% per ognuno - racconta il direttore commerciale tour operating, Alessandro Seghi -. La crisi mediorientale sta certo avendo ripercussioni su alcune destinazioni, Israele e Giordania in primis. Così come l'Egitto, che però rimane il nostro prodotto più venduto. Ciò premesso, la riduzione dei volumi registrata in quest'area è oggi più compensata dalla crescita di tutte le altre mete". Nelle prime tre settimane di questo mese di febbraio, le prenotazioni segnano in particolare incrementi del 15% medio, con un'estate che è già a +27%. Nel dettaglio, a fronte di un Egitto a -20%, l'Italia viaggia con incrementi del 30%, le Canarie del 40%, le Baleari del 65% e la Grecia addirittura del 90%. Sul lungo raggio, da segnalare invece il +60% del Madagascar e il +50% della Repubblica Dominicana. "Stiamo in particolare osservando una maggiore richiesta dei gruppi sulle destinazioni greche: un grande ritorno dopo anni di flessione. Sta prendendo inoltre sempre più piede il pacchetto low cost più soggiorno di Eden: un'offerta competitiva quanto quella dell'online, ma con in più tutte le garanzie di un tour operator. Infine, importantissima è la possibilità di contare su una compagnia aerea in house come Neos, che ci consente di spostare con rapidità i collegamenti charter verso le mete a maggior richiesta". Al momento Alpitour non teme neppure troppo che si possa ripetere quanto accaduto nel 2023 quando, dopo un inizio d'anno estremamente promettente, il mercato si è un po' raffreddato con l'avvicinarsi dell'estate. "Sicuramente ci aspettiamo un calo delle prenotazioni sotto data - spiega Seghi -. Il fenomeno advance booking è sempre più pronunciato ma siamo pure convinti che sia il mercato preso nel suo complesso a sostenere le vendite. Rispetto all'anno scorso, in particolare, la crescita del nostro fatturato non è sospinta solo dall'innalzamento delle tariffe: nel 2023 a un certo punto le due curve, quella dei volumi e quella dei prezzi, hanno quasi assunto direttrici divergenti. Quest'anno invece procedono di pari passo, mantenendo sostanzialmente la stessa pendenza. A confortarci, infine, c'è anche l'inverno appena trascorso, che ci ha dato grandi soddisfazioni". [post_title] => Alpitour apre l'anno con il vento in poppa: ricavi a +120 mln sul pari data [post_date] => 2024-02-22T13:46:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708609583000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fronte di un mercato real estate globale che mostra segnali poco brillanti ormai da un paio di anni a questa parte, l'asset class hotel pare però andare controtendenza e attirare crescenti interessi da parte degli investitori. Gli alti tassi di interesse e il relativo declino degli investimenti in immobili tradizionali come gli uffici, a seguito del diffondersi delle pratiche di smart working, non incentivano infatti le transazioni, ma gli edifici a uso ricettivo stanno dimostrando una vivacità tale da sembrare poter vincere le reticenze di molti capitali. Lo dimostra anche la recente mossa di un colosso come Covivio, che ha appena siglato un accordo per l'acquisizione della quota dell'8,3% detenuta da Generali nella controllata Covivio Hotels, in cambio di nuove azioni della stessa Covivio. "L'operazione, che equivale all’acquisizione di asset per 500 milioni di euro e a un aumento di capitale di circa 300 milioni - si legge in una nota -, segna un passo importante per il rafforzamento del gruppo quotato all'Euronext di Parigi nel settore alberghiero: un mercato in crescita. A seguito del processo di conferimento, che dovrebbe essere completato entro la fine di aprile, la compagnia deterrà il 52,2% del capitale della controllata Covivio Hotels e lancerà un'offerta pubblica di scambio obbligatoria per la quota restante del capitale". L'offerta, soggetta all'approvazione dell'organismo di vigilanza Amf, dovrà essere approvata dall'assemblea generale di Covivio il 17 aprile 2024. Al momento, Covivio Hotels è controllata al 43,9% da Covivio e al 53,5% da investitori istituzionali di lungo termine: Crédit Agricole Assurances, Bnp Paribas Cardif, Generali, Assurances du Crédit Mutuel, Sogecap e Cdc. "Trainato dalla tendenza a lungo termine dello sviluppo del turismo - prosegue la nota - il settore dell'hospitality offre solide prospettive di crescita. Registrando un amento medio dei prezzi del 10% nel 2023 rispetto al 2022, il settore ha dimostrato ancora una volta il suo pricing power. Dal 2009, il revpar è aumentato in media del 3,4% all'anno, mentre l'inflazione è aumentata del 2,2%. Le prospettive di crescita della domanda sono promettenti grazie allo sviluppo del turismo, sia per i clienti nazionali (crescita media dei pernottamenti prevista del 3,3% annuo entro il 2030), sia per quelli internazionali (crescita annua prevista del 6%). Anche la debolezza dell'offerta futura dovrebbe stimolare l'aumento del revpar: a fronte di una crescita prevista del 5% annuo dei pernottamenti entro il 2030, l'offerta futura rappresenta in media il 3% dello stock esistente in Europa e solo l'1,5% in Francia. Nel frattempo, le pressioni politiche e normative limitano sia lo sviluppo di strutture turistiche di tipo Airbnb, sia l'apertura di nuovi hotel". Con l'acquisizione della partecipazione di Generali in Covivio Hotels, il gruppo rafforza la propria esposizione a un portfolio di 313 hotel, l'89% dei quali situato nelle principali città turistiche europee come Parigi, Berlino, Roma, Londra, Barcellona e Madrid. La quota di alberghi nel portfolio di Covivio salirà al 20% rispetto al 17% alla fine del 2023 (fino al 32% in caso di possesso del 100% delle azioni a seguito dell'offerta), accelerando così il bilanciamento del portafoglio tra uffici, residenziale e hotel. [post_title] => Covivio rafforza la presa sull'alberghiero: un settore "dalle solide prospettive di crescita" [post_date] => 2024-02-22T12:47:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708606073000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462011 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alla fine, dopo un rinvio che ne ha ritardato il debutto di quasi un mese trattenendo la nave più a lungo del previsto negli stabilimenti Fincantieri di Monfalcone, la Sun Princess salperà per la sua crociera inaugurale il prossimo 28 febbraio da Civitavecchia. La conferma arriva da Gioco Viaggi, agente per l’Italia delle Love Boat Princess Cruises. Con 175.500 tonnellate di stazza lorda e 4.300 ospiti è la più grande nave da crociera mai costruita, con un'offerta inedita di ristorazione, intrattenimento e attività, oltre a cabine e suite in un’ampia varietà di categorie. Dopo il debutto del 28 febbraio, la Sun Princess continuerà la stagione nel Mediterraneo effettuando diversi itinerari: crociere di sette notti da Barcellona a Civitavecchia, da Civitavecchia ad Atene e da Atene a Barcellona, anche combinabili tra loro per comporre il proprio itinerario di 14 o 21 notti senza mai toccare gli stessi porti di scalo. Partenze previste da marzo a settembre 2024 con quote in super offerta Love Boat Sail da 999 euro a persona.   [post_title] => Sun Princess: confermato il debutto del 28 febbraio da Civitavecchia [post_date] => 2024-02-21T14:36:21+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708526181000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461940 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Rafforzare i propri sistemi di sicurezza e l'efficienza operativa. E' questo l'obiettivo dell'implementazione della Mass notification suite di Everbridge all'interno del Maritime support centre di Grandi Navi Veloci. Il sistema è stato infatti ideato per fornire una risposta rapida ed efficace durante gli eventi critici. "Il nuovo strumento ci offre la possibilità di avvisare immediatamente le persone attraverso diversi metodi - spiega Paolo Astarita, chief nautical operations officer di Gnv -. Il nostro Maritime support centre, attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette, assiste la flotta in qualsiasi circostanza, in navigazione e nei porti che operiamo. Utilizzando Everbridge, abbiamo stabilito una serie di modelli basati sul livello di gravità degli incidenti. Abbiamo un gran numero di utenti sia nei porti sia in sede. È importante che tutto il nostro team utilizzi il sistema di notifica per contribuire a garantire la sicurezza sulle nostre rotte marittime. Tra i vantaggi dell'uso di questo sistema vi è innanzitutto il risparmio di tempo, perché impostando un modello di base è possibile attivare immediatamente un gran numero di persone. Inoltre, con Everbridge possiamo gestire attivamente e automaticamente l'intera emergenza, compresi tutti gli aggiornamenti". Nel dettaglio, la Mass notification suite comprende strumenti di comunicazione automatizzati che consentono la rapida diffusione di informazioni critiche alle principali parti interessate, sia all'interno del Maritime support centre sia all'esterno. La piattaforma facilita inoltre una gestione efficiente degli incidenti, consentendo il coordinamento delle risorse, della comunicazione e degli sforzi di risposta per mitigare i rischi potenziali e garantire la sicurezza delle operazioni marittime. Rafforza infine la resilienza di Gnv nei confronti delle varie sfide operative, consentendo al Maritime support centre di affrontare in modo proattivo gli incidenti e minimizzarne l'impatto. [post_title] => Gnv rafforza la sicurezza con la Mass notification suite di Everbridge [post_date] => 2024-02-20T12:45:29+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708433129000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461924 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Potrebbe essere Gianluigi Aponte a mettere le mani sul Bauer di Venezia. Nonostante la proprietà abbia recentemente smentito l'intenzione di vendere la struttura, alcune indiscrezioni raccolte da La Repubblica vedrebbero il patron del gruppo Msc in prima fila per l'acquisizione dello storico albergo sulla Laguna: l'hotel acquisito nel 2020 da Signa, il gruppo austriaco di proprietà del miliardario René Benko, protagonista di quello che è già stato definito il più grande default della storia europea recente. La mossa di Aponte sarebbe finalizzata ad accrescere ulteriormente la presenza della propria compagnia all'interno dell'industria turistica italiana. D'altronde i capitali non mancano a Msc che, con i prezzi dei noli saliti di circa il 70% dallo scoppio della crisi di Suez, continua a macinare profitti. Entro marzo, si attende in particolare il via libera di Bruxelles all'acquisizione definitiva di Italo, con il gruppo italo-svizzero che sarebbe già al lavoro per potenziare il numero di treni in circolazione di una trentina di unità. E poi c'è la vicenda Ita, che pare non ancora chiusa. Con Aponte che rimane alla finestra in attesa di capire le decisioni dell'Antitrust Ue sulle condizioni che imporrà a Lufthansa per l'acquisto della compagnia italiana. [post_title] => Aponte, Msc, mette gli occhi sul Bauer di Venezia? [post_date] => 2024-02-20T12:00:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708430407000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "alitalia al palo tra delta e lufthansa arriva un altro rinvio" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":60,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":995,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462304","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal prossimo 31 marzo le compagnie aeree cinesi saranno autorizzate ad aumentare i loro voli settimanali di andata e ritorno negli Stati Uniti a 50 rispetto agli attuali 35, riportando il mercato a quasi un terzo dei livelli pre-pandemia.\r\n\r\nL'approvazione arrivata dal Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti, «è un significativo passo avanti nell'ulteriore normalizzazione del mercato Usa-Cina in vista della stagione estiva 2024\", ha dichiarato il Dot.\r\n\r\nPrima delle restrizioni imposte all'inizio del 2020 a causa della pandemia erano consentiti più di 150 voli passeggeri settimanali di andata e ritorno da entrambe le parti, ma fino all'agosto 2023 i vettori cinesi e statunitensi potevano effettuarne solo 12 a settimana tra i due Paesi.\r\n\r\nIl numero è salito il 1° settembre a 18 voli settimanali di andata e ritorno e poi a 24 a settimana a partire dal 29 ottobre. A novembre il Dot ne ha approvati 35 per i vettori cinesi.\r\n\r\nAirlines for America, il gruppo che rappresenta American Airlines, Delta Air Lines e United Airlines che effettuano complessivamente 31 voli settimanali verso la Cina, ha dichiarato di \"sostenere l'approccio del governo degli Stati Uniti per una lenta, graduale e reciproca riapertura del mercato con la Cina. È imperativo che il governo americano mantenga questo approccio\".\r\n\r\nL'ambasciata cinese a Washington si è detta \"lieta di vedere i progressi positivi compiuti nell'aumento dei voli passeggeri diretti tra Cina e Stati Uniti\". L'ambasciata ha aggiunto che sta lavorando per \"facilitare ulteriormente i viaggi transfrontalieri e promuovere lo scambio di persone tra i due Paesi\".\r\n\r\n ","post_title":"Stati Uniti: le compagnie aeree cinesi possono aumentare i voli fino a 50 alla settimana","post_date":"2024-02-27T10:29:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709029781000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462272","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo.\r\n\r\nCome riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un \"pasticcio\" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines.\r\n\r\n«È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva.\r\nPiccoli tagli\r\nConsiderando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati \"piccoli tagli alla programmazione\" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri. \r\n\r\nLa low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di \"200 milioni\" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali.","post_title":"Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10%","post_date":"2024-02-27T09:00:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1709024439000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462256","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460009\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La Norwegian Dawn al largo di Port Louis (foto di repertorio)[/caption]\r\n\r\nBrutta avventura per i circa 2 mila passeggeri e mille componenti dell'equipaggio della Norwegian Dawn. La nave è stata infatti posta in quarantena al largo delle coste di Mauritius, a causa di una serie di disturbi di stomaco che avrebbero colpito le persone a bordo. Stando a quanto appreso da un giornalista di Usa Today, il timore è che si possa trattare di colera. Lo stop agli sbarchi è stato imposto ieri e dovrebbe essere mantenuto in via precauzionale sino a domani. La Dawn era impegnata in una crociera di 12 giorni tra Cape Town e Port Louis salpata lo scorso 13 febbraio.\r\n\r\n\"Durante il viaggio - si legge in una nota ufficiale Ncl - un piccolo numero di passeggeri ha sperimentato lievi sintomi di mal di stomaco. Durante l'avvicinamento a Port Louis, la direzione della nave ha incontrato le autorità locali per organizzare le misure precauzionali atte ad assicurare la salute di tutti a bordo. A seguito della richiesta ufficialr di una serie di esami addizionali, il governo di Mauritius ha imposto il rinvio degli sbarchi di due giorni, sino al 27 febbraio\".\r\n\r\nNcl sta garantendo ai passeggeri che avrebbero dovuto partire per la crociera successiva, in calendario per lo stesso 25 febbraio, le necessarie sistemazioni alberghiere. Per chi si trova invece ancora a bordo, la compagnia sta gestendo i programmi di viaggio per il rientro a casa dopo lo sbarco.   ","post_title":"La Norwegian Dawn bloccata al largo di Mauritius: timore colera","post_date":"2024-02-26T13:09:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708952965000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462208","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_311619\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Pellicano di Porto Ercole[/caption]\r\n\r\nSi apre con un'importante novità la stagione 2024 del gruppo Pellicano Hotels che aggiunge un secondo indirizzo in Toscana. L'indiscrezione circolava già da tempo, dall’Italian hospitality investment conference organizzata lo scorso ottobre a Roma da Teamwork-Thrends, ma ora arriva l'ufficializzazione dell'operazione. La compagnia con sede a Grosseto ha acquisito il relais La Suvera: struttura situata a Pievescola di Siena e dotata di 36 camere. Stando sempre ai rumours raccolti in autunno l'investimento sarebbe stato di 18 milioni di euro, pari a circa 500 mila euro a chiave.\r\nPer quanto riguarda gli altre tre alberghi del gruppo, il calendario delle riaperture vede la Posta Vecchia Hotel di Palo Laziale tornare ad accogliere i propri ospiti a partire dal 29 marzo, il Pellicano di Porto Ercole dal 9 aprile e il Mezzatorre Hotel & Thermal Spa di Ischia dal’11 aprile.\r\n\r\n ","post_title":"Il gruppo Pellicano inaugura la nuova stagione. Confermata l'acquisizione della Suvera in Toscana","post_date":"2024-02-26T10:34:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708943646000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462097","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si apre con ottime prospettive il 2024 di Alpitour, che in questo primo scorcio di anno già registra una crescita di 120 milioni di euro rispetto al pari dato di 12 mesi or sono. \"Tutti i nostri pillar stanno macinando ottimi risultati, con aumenti sopra al 20% per ognuno - racconta il direttore commerciale tour operating, Alessandro Seghi -. La crisi mediorientale sta certo avendo ripercussioni su alcune destinazioni, Israele e Giordania in primis. Così come l'Egitto, che però rimane il nostro prodotto più venduto. Ciò premesso, la riduzione dei volumi registrata in quest'area è oggi più compensata dalla crescita di tutte le altre mete\".\r\n\r\nNelle prime tre settimane di questo mese di febbraio, le prenotazioni segnano in particolare incrementi del 15% medio, con un'estate che è già a +27%. Nel dettaglio, a fronte di un Egitto a -20%, l'Italia viaggia con incrementi del 30%, le Canarie del 40%, le Baleari del 65% e la Grecia addirittura del 90%. Sul lungo raggio, da segnalare invece il +60% del Madagascar e il +50% della Repubblica Dominicana. \"Stiamo in particolare osservando una maggiore richiesta dei gruppi sulle destinazioni greche: un grande ritorno dopo anni di flessione. Sta prendendo inoltre sempre più piede il pacchetto low cost più soggiorno di Eden: un'offerta competitiva quanto quella dell'online, ma con in più tutte le garanzie di un tour operator. Infine, importantissima è la possibilità di contare su una compagnia aerea in house come Neos, che ci consente di spostare con rapidità i collegamenti charter verso le mete a maggior richiesta\".\r\n\r\nAl momento Alpitour non teme neppure troppo che si possa ripetere quanto accaduto nel 2023 quando, dopo un inizio d'anno estremamente promettente, il mercato si è un po' raffreddato con l'avvicinarsi dell'estate. \"Sicuramente ci aspettiamo un calo delle prenotazioni sotto data - spiega Seghi -. Il fenomeno advance booking è sempre più pronunciato ma siamo pure convinti che sia il mercato preso nel suo complesso a sostenere le vendite. Rispetto all'anno scorso, in particolare, la crescita del nostro fatturato non è sospinta solo dall'innalzamento delle tariffe: nel 2023 a un certo punto le due curve, quella dei volumi e quella dei prezzi, hanno quasi assunto direttrici divergenti. Quest'anno invece procedono di pari passo, mantenendo sostanzialmente la stessa pendenza. A confortarci, infine, c'è anche l'inverno appena trascorso, che ci ha dato grandi soddisfazioni\".","post_title":"Alpitour apre l'anno con il vento in poppa: ricavi a +120 mln sul pari data","post_date":"2024-02-22T13:46:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708609583000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462092","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fronte di un mercato real estate globale che mostra segnali poco brillanti ormai da un paio di anni a questa parte, l'asset class hotel pare però andare controtendenza e attirare crescenti interessi da parte degli investitori. Gli alti tassi di interesse e il relativo declino degli investimenti in immobili tradizionali come gli uffici, a seguito del diffondersi delle pratiche di smart working, non incentivano infatti le transazioni, ma gli edifici a uso ricettivo stanno dimostrando una vivacità tale da sembrare poter vincere le reticenze di molti capitali.\r\n\r\nLo dimostra anche la recente mossa di un colosso come Covivio, che ha appena siglato un accordo per l'acquisizione della quota dell'8,3% detenuta da Generali nella controllata Covivio Hotels, in cambio di nuove azioni della stessa Covivio. \"L'operazione, che equivale all’acquisizione di asset per 500 milioni di euro e a un aumento di capitale di circa 300 milioni - si legge in una nota -, segna un passo importante per il rafforzamento del gruppo quotato all'Euronext di Parigi nel settore alberghiero: un mercato in crescita. A seguito del processo di conferimento, che dovrebbe essere completato entro la fine di aprile, la compagnia deterrà il 52,2% del capitale della controllata Covivio Hotels e lancerà un'offerta pubblica di scambio obbligatoria per la quota restante del capitale\". L'offerta, soggetta all'approvazione dell'organismo di vigilanza Amf, dovrà essere approvata dall'assemblea generale di Covivio il 17 aprile 2024. Al momento, Covivio Hotels è controllata al 43,9% da Covivio e al 53,5% da investitori istituzionali di lungo termine: Crédit Agricole Assurances, Bnp Paribas Cardif, Generali, Assurances du Crédit Mutuel, Sogecap e Cdc.\r\n\r\n\"Trainato dalla tendenza a lungo termine dello sviluppo del turismo - prosegue la nota - il settore dell'hospitality offre solide prospettive di crescita. Registrando un amento medio dei prezzi del 10% nel 2023 rispetto al 2022, il settore ha dimostrato ancora una volta il suo pricing power. Dal 2009, il revpar è aumentato in media del 3,4% all'anno, mentre l'inflazione è aumentata del 2,2%. Le prospettive di crescita della domanda sono promettenti grazie allo sviluppo del turismo, sia per i clienti nazionali (crescita media dei pernottamenti prevista del 3,3% annuo entro il 2030), sia per quelli internazionali (crescita annua prevista del 6%). Anche la debolezza dell'offerta futura dovrebbe stimolare l'aumento del revpar: a fronte di una crescita prevista del 5% annuo dei pernottamenti entro il 2030, l'offerta futura rappresenta in media il 3% dello stock esistente in Europa e solo l'1,5% in Francia. Nel frattempo, le pressioni politiche e normative limitano sia lo sviluppo di strutture turistiche di tipo Airbnb, sia l'apertura di nuovi hotel\".\r\n\r\nCon l'acquisizione della partecipazione di Generali in Covivio Hotels, il gruppo rafforza la propria esposizione a un portfolio di 313 hotel, l'89% dei quali situato nelle principali città turistiche europee come Parigi, Berlino, Roma, Londra, Barcellona e Madrid. La quota di alberghi nel portfolio di Covivio salirà al 20% rispetto al 17% alla fine del 2023 (fino al 32% in caso di possesso del 100% delle azioni a seguito dell'offerta), accelerando così il bilanciamento del portafoglio tra uffici, residenziale e hotel.","post_title":"Covivio rafforza la presa sull'alberghiero: un settore \"dalle solide prospettive di crescita\"","post_date":"2024-02-22T12:47:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708606073000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462011","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Alla fine, dopo un rinvio che ne ha ritardato il debutto di quasi un mese trattenendo la nave più a lungo del previsto negli stabilimenti Fincantieri di Monfalcone, la Sun Princess salperà per la sua crociera inaugurale il prossimo 28 febbraio da Civitavecchia. La conferma arriva da Gioco Viaggi, agente per l’Italia delle Love Boat Princess Cruises.\r\n\r\nCon 175.500 tonnellate di stazza lorda e 4.300 ospiti è la più grande nave da crociera mai costruita, con un'offerta inedita di ristorazione, intrattenimento e attività, oltre a cabine e suite in un’ampia varietà di categorie. Dopo il debutto del 28 febbraio, la Sun Princess continuerà la stagione nel Mediterraneo effettuando diversi itinerari: crociere di sette notti da Barcellona a Civitavecchia, da Civitavecchia ad Atene e da Atene a Barcellona, anche combinabili tra loro per comporre il proprio itinerario di 14 o 21 notti senza mai toccare gli stessi porti di scalo. Partenze previste da marzo a settembre 2024 con quote in super offerta Love Boat Sail da 999 euro a persona.\r\n\r\n ","post_title":"Sun Princess: confermato il debutto del 28 febbraio da Civitavecchia","post_date":"2024-02-21T14:36:21+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708526181000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461940","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Rafforzare i propri sistemi di sicurezza e l'efficienza operativa. E' questo l'obiettivo dell'implementazione della Mass notification suite di Everbridge all'interno del Maritime support centre di Grandi Navi Veloci. Il sistema è stato infatti ideato per fornire una risposta rapida ed efficace durante gli eventi critici.\r\n\r\n\"Il nuovo strumento ci offre la possibilità di avvisare immediatamente le persone attraverso diversi metodi - spiega Paolo Astarita, chief nautical operations officer di Gnv -. Il nostro Maritime support centre, attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette, assiste la flotta in qualsiasi circostanza, in navigazione e nei porti che operiamo. Utilizzando Everbridge, abbiamo stabilito una serie di modelli basati sul livello di gravità degli incidenti. Abbiamo un gran numero di utenti sia nei porti sia in sede. È importante che tutto il nostro team utilizzi il sistema di notifica per contribuire a garantire la sicurezza sulle nostre rotte marittime. Tra i vantaggi dell'uso di questo sistema vi è innanzitutto il risparmio di tempo, perché impostando un modello di base è possibile attivare immediatamente un gran numero di persone. Inoltre, con Everbridge possiamo gestire attivamente e automaticamente l'intera emergenza, compresi tutti gli aggiornamenti\".\r\n\r\nNel dettaglio, la Mass notification suite comprende strumenti di comunicazione automatizzati che consentono la rapida diffusione di informazioni critiche alle principali parti interessate, sia all'interno del Maritime support centre sia all'esterno. La piattaforma facilita inoltre una gestione efficiente degli incidenti, consentendo il coordinamento delle risorse, della comunicazione e degli sforzi di risposta per mitigare i rischi potenziali e garantire la sicurezza delle operazioni marittime. Rafforza infine la resilienza di Gnv nei confronti delle varie sfide operative, consentendo al Maritime support centre di affrontare in modo proattivo gli incidenti e minimizzarne l'impatto.","post_title":"Gnv rafforza la sicurezza con la Mass notification suite di Everbridge","post_date":"2024-02-20T12:45:29+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708433129000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461924","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Potrebbe essere Gianluigi Aponte a mettere le mani sul Bauer di Venezia. Nonostante la proprietà abbia recentemente smentito l'intenzione di vendere la struttura, alcune indiscrezioni raccolte da La Repubblica vedrebbero il patron del gruppo Msc in prima fila per l'acquisizione dello storico albergo sulla Laguna: l'hotel acquisito nel 2020 da Signa, il gruppo austriaco di proprietà del miliardario René Benko, protagonista di quello che è già stato definito il più grande default della storia europea recente.\r\n\r\nLa mossa di Aponte sarebbe finalizzata ad accrescere ulteriormente la presenza della propria compagnia all'interno dell'industria turistica italiana. D'altronde i capitali non mancano a Msc che, con i prezzi dei noli saliti di circa il 70% dallo scoppio della crisi di Suez, continua a macinare profitti. Entro marzo, si attende in particolare il via libera di Bruxelles all'acquisizione definitiva di Italo, con il gruppo italo-svizzero che sarebbe già al lavoro per potenziare il numero di treni in circolazione di una trentina di unità. E poi c'è la vicenda Ita, che pare non ancora chiusa. Con Aponte che rimane alla finestra in attesa di capire le decisioni dell'Antitrust Ue sulle condizioni che imporrà a Lufthansa per l'acquisto della compagnia italiana.","post_title":"Aponte, Msc, mette gli occhi sul Bauer di Venezia?","post_date":"2024-02-20T12:00:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708430407000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti