22 February 2024

Adr: a Ciampino e-gates disponibili per i viaggiatori italiani con carta d’identità elettronica

[ 0 ]

Adr semplifica ulteriormente l’esperienza del passeggero in aeroporto rendendola più veloce e sicura: presso lo scalo di Ciampino i varchi elettronici sono ora disponibili non solo per i cittadini muniti di passaporto, ma anche per i viaggiatori italiani in possesso di carta di identità elettronica (valida per l’espatrio ed emessa dopo il 7 febbraio 2018).

Questa possibilità, valida per passeggeri in possesso della cittadinanza italiana e maggiori di 14 anni, sarà estesa tra pochi giorni all’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino, portando così gli aeroporti della Capitale ad essere i primi in Italia ad introdurre questa innovazione che recepisce le disposizioni del Ministero dell’Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza che ha recentemente autorizzato l’utilizzo dei varchi elettronici anche ai possessori di Cie per le seguenti destinazioni: Albania; Bosnia Erzegovina; Bulgaria; Cipro; Georgia; Irlanda; Kosovo; Macedonia del Nord; Moldavia; Montenegro; Romania; Serbia; Turchia; Egitto (solo viaggi organizzati per motivi di turismo); Tunisia (solo viaggi organizzati per motivi di turismo).

Per quanto riguarda i Paesi non elencati, nulla cambia e resta quindi necessario, per il passaggio alla Frontiera attraverso i varchi elettronici, il passaporto elettronico rilasciato dalla questura.

Ogni anno negli scali di Aeroporti di Roma oltre il 50% dei passeggeri di tutte le nazionalità utilizza gli e-gates per il controllo passaporti con notevole riduzione di tempi per il controllo, numero che porta i due scali di Fiumicino e Ciampino ai vertici degli aeroporti europei per utilizzo e funzionalità degli e-gates.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461964 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si svolgerà a  Firenze dal 23 al 25 febbraio prossimi la X edizione di tourismA - Salone Archeologia e Turismo Culturale.  «Un’iniziativa, ideata da Piero Pruneti - spiega il presidente di Regione Toscana Eugenio Giani -  che festeggia il decimo anno di vita e alla quale mi sento particolarmente legato perché vi ho partecipato fin dall’inizio. L’archeologia non è soltanto lo studio dei ritrovamenti in determinati siti, appartenenti al passato, ma è un elemento di estrema vitalità perché arricchisce il nostro patrimonio storico e di conoscenze, consente di capire chi siamo e da dove veniamo. La rassegna nel corso degli anni ha acquistato sempre maggiore importanza e visibilità, grazie ad un calendario di attività e relatori di primissimo piano. Un vero e proprio festival dell’archeologia, strettamente legato al turismo culturale e che vede coinvolta l’agenzia Toscana Promozione Turistica. Non dimentichiamo – conclude Giani - che il prossimo 5 marzo a Roma verrà scelta la Capitale italiana della cultura 2026 che vede tra le dieci finaliste l’Unione dei Comuni della Valdichiana senese, proprio in virtù della straordinaria scoperta di San Casciano dei Bagni del 2022». «Dieci anni – aggiunge il direttore di Archeologia Viva e del Salone Piero Pruneti  - sono un grande traguardo. La manifestazione è diventata punto di riferimento per gli operatori turistici alla ricerca di sempre nuove proposte in arrivo dal mondo dell’archeologia e del patrimonio ambientale. Al tempo stesso è una grande festa della cultura, aperta e gratuita per tutti».   [post_title] => Firenze, tra turismo e archeologia con TourismA dal 23 al 25 febbraio [post_date] => 2024-02-21T10:55:39+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512939000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461601 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli Stati Uniti varano un piano miliardario per il rinnovo degli aeroporti: secondo quando reso noto ieri dalla Casa Bianca il governo stanzierà quasi un miliardo di dollari per diversi progetti. Gran parte di questi fondi (970 milioni di dollari) saranno utilizzati per creare corridoi più ampi, sistemi di gestione bagagli più efficienti e gate aggiuntivi in 114 aeroporti di tutto il Paese. I fondi serviranno anche a garantire che gli scali siano conformi alle norme di accessibilità Ada (Americans with Disabilities Act). "Stiamo vivendo una fase di investimenti e miglioramenti senza precedenti in tutte le infrastrutture del nostro Paese", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg. Tra gli scali individuati per ricevere le sovvenzioni ci sono sia realtà enormi come l'O'Hare di Chicago sia aeroporti più piccoli come l'Appleton del Wisconsin.  Gli aeroporti sono stati un punto dolente per gli Stati Uniti: mntre gli aeroporti europei e asiatici beneficiano di una vasta gamma di negozi e ristoranti di lusso, la maggior parte degli scali statunitensi non dispone di tali servizi. L'amministrazione Biden ha stanziato un totale di 3 miliardi di dollari in finanziamenti per gli aeroporti sui 25 miliardi stanziati dalla legge bipartisan sulle infrastrutture. [post_title] => Il governo degli Stati Uniti stanzia un miliardo di dollari per il rinnovo degli aeroporti [post_date] => 2024-02-16T09:37:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708076257000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461472 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Overtourism? Riflessioni per la tutela del patrimonio nazionale e un turismo sostenibile. Il caso del parco delle Cinque Terre”. E' questo il titolo dell'evento organizzato a Roma dallo stesso parco in partnership con la rappresentanza in Italia della Commissione europea e con l’ufficio in Italia del Parlamento europeo: un’occasione di scambio, riflessione e confronto tra istituzioni, decisori politici, operatori e tecnici sul fenomeno dell’overtourism, sempre più impattante nel nostro paese. L'overtourism rappresenta una sfida significativa per moltissime destinazioni del nostro paese. Destinazioni turistiche culturali come Roma, Venezia e Firenze, ma anche aree di interesse naturalistico quali il parco nazionale delle Cinque Terre, si trovano a gestire flussi eccessivi di turisti, con conseguenti problematiche legate a impatti ambientali, abbassamento della qualità dell’esperienza di visita e di vivibilità per le comunità locali. Per controllare il fenomeno, che va di pari passo con la crescita dell'industria turistica, si studiano formule per gestire al meglio le presenze e per regolamentare gli accessi promuovendo l'off-season, implementando misure di programmazione basate sulla prenotabilità delle destinazioni, e sensibilizzando i visitatori sull'importanza del turismo informato e sostenibile. Partendo dall’esperienza maturata, dalle azioni già intraprese e dallo studio sul tema commissionato dall’ente parco, l’evento è stato l’occasione per portare all’attenzione una riflessione corale e di ampio respiro sull’importanza di una gestione coordinata del patrimonio naturale e culturale e la valorizzazione di esperienze più responsabili e attente alle specificità dei luoghi di pregio e meritevoli di protezione. Nell’arco della mattinata sono state prese in esame esperienze diverse, tra cui quella delle città di Firenze, di Venezia e della Federazione italiana parchi e riserve naturali. Un focus particolare si è poi stato dedicato al caso del parco delle Cinque Terre attraverso lo studio dei flussi turistici redatto da Mic Hub e delle soluzioni intraprese per la salvaguardia dei suoi fragili territori verticali, come l’adesione alla Carta europea per il turismo sostenibile, la voluntary review del parco  e il suo il piano di adattamento ai cambiamenti climatici. «La nostra esperienza, quella di un parco nazionale amato in tutto il mondo e scelto da milioni di turisti ogni anno, è simile a quella di altre realtà come Firenze e Venezia. Servono momenti e tavoli di confronto a livello nazionale per fare rete e condividere risultati e obiettivi che guardino alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. - afferma la presidente del parco nazionale delle Cinque Terre, Donatella Bianchi -. Partiamo da un chiaro quadro conoscitivo per applicare poi, attivando momenti di confronto e partnership tra istituzioni, operatori e società civile, le soluzioni individuate dagli studi di settore.  È necessaria, perciò, una gestione coordinata del patrimonio naturale, sociale e culturale, con particolare attenzione alla protezione dei territori fragili».     [post_title] => Overtourism: dal parco delle Cinque Terre focus su regole e soluzioni innovative [post_date] => 2024-02-14T13:02:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707915771000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461403 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Yichun City e la sua provincia, per la prima volta in Italia, dalla vetrina della Bit 2024 strizzano l’occhio al mercato Italia, pronti ad affascinare i viaggiatori nostrani. Una città situata a nord ovest della regione Jiangxi, fra le 35 aree amministrative cinesi, Yichun City e provincia puntano a far conoscere agli europei un prodotto turistico che attrae principalmente i mercati di Corea, Giappone e Africa, praticamente ancora sconosciuta al pubblico di casa nostra. Un'area immersa nel verde, tra colline e montagne, foreste che ricoprono più del 68% del territorio. Paesaggi e panorami unici, 28 parchi forestali provinciali e 3 parchi nazionali ecologici, ricca di preziose materie prime esportate in tutto il mondo. 4503 luoghi storici e culturali da visitare e ottima cucina. La montagna Mingyue con i suoi 1736 metri sprigiona benessere anche dalle sue acque ricche di minerali che sgorga anche a una temperatura di 70 gradi, preziosa per i bagni termali. Sono numerosi infatti centri di benessere per la cura delle malattie fra terme e resort. Le strutture alberghiere, moderne e tradizionali, offrono confortevole ospitalità per tutte le tasche. “I trasporti sono il fiore all’occhiello della Cina. È molto diffusa l’alta velocità ferroviaria in tutto il Paese – conferma Lan Ya Qing vice presidente della provincia -. Ottimi collegamenti anche con i principali aeroporti internazionali, in particolare su Pechino, Shanghai e Yuanzhou. Il Mingyue Mountain Airport collega 20 tra le principali città del Paese. Shanghai è raggiungibile in un’ora e mezza di volo e 4 ore in treno; 3 ore per Yuanzhou. Dall’Italia è comodissimo il volo diretto Milano Malpensa - Yuanzhou”. Yichun City è una città ricca di storia, lunga oltre 2000 anni, dal patrimonio culturale e naturale di straordinaria ricchezza. Sin dall’antichità è conosciuta come il paese dell’agricoltura, tra le 28 maggiori aree produttrici di grano e bamboo e poi e prodotti organici agricoli fonte della tradizionale medicina cinese; territorio ricco di minerali. Clima mite in tutte le stagioni, immersa nel verde di colline e montagne, ricca di acque e cascate. Una città industriale in crescita che vanta primati sulla nuova energia al litio, medicina biologica, elettronica, mobili, tessile e green food. Wanzai, una delle principali città della provincia, è custode di 4 patrimoni culturali: un particolare tessuto, un tamburo speciale, una maschera tradizionale e i fuochi d’artificio, dotati di una tecnologia avanzata, esportati in tutto il mondo, un esempio è su Disney Paris o lo spettacolo di apertura dei giochi olimpici di Pechino. Yifeng è la città del bamboo, esportato in tutto il mondo sia come prodotto edibile sia come legno. Da qui si esporta il prezioso litio. Città conosciuta anche per le terme dalle acque molto salutari e luogo di origine della cultura Zen. Tonguu è famosa per le piante pregiate utilizzate dalla medicina cinese. Il taxus, utilizzato contro il cancro, risulta più caro dell’oro. Seconda area in tutta la Cina per ricchezza di foreste. Ottima qualità dell’aria e dell’acqua, ricca di centri termali. Qui è famoso il té nero e la sua storia ultra millenaria, come il bamboo e la sua cucina. Qui a 1400 metri è praticabile anche lo sci.  [gallery ids="461407,461405,461406"]   [post_title] => Cina: Yichun City e provincia fanno capolino sul mercato Italia, focus sulla natura [post_date] => 2024-02-14T09:15:20+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => jiangxi [1] => yichun-city ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Jiangxi [1] => Yichun City ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707902120000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza. «C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi». «Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».   [post_title] => La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione [post_date] => 2024-02-13T11:11:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822662000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461349 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461281" align="alignright" width="300"] Paola De Filippo[/caption] Sabre e Amadeus sono stati fra i protagonisti in Bit del panel “Aviation tra picchi di domanda, pricing e offerta sotto stress. Come fare quadrare il cerchio?”. Paola De Filippo, general manager di Sabre Italia ha osservato che «C’è un grande numero di informazioni e dati che si disperdono e quindi tutto diventa meno efficiente. Sia per il viaggiatore che per l’adv è difficile fare un confronto tra i vari itinerari e le tariffe. Una soluzione può essere una partnership con gli albergatori di terze parti, che hanno la tecnologia per leggere i vari linguaggi e per ampliare la gamma di informazioni che possono fornire. È necessario che ci sia un unico punto di quality of sales che renda accessibili le informazioni e permetta una certa efficienza da parte degli operatori». Francesca Benati, senior vp Travel Sellers Europe&managing director Italy di Amadeus, parlando delle soluzioni innovative per crescere e viaggiare, ha affermato che «Dal punto di vista degli aeroporti l’automatizzazione e le nuove tecnologie stanno aiutando molto. Il primo tema fondamentale riguarda le compagnie aeree e il digital retailing, perché le airlines stanno utilizzando la digitalizzazione a 360°. Amadeus ha lanciato una piattaforma di digital retailing per accompagnarle dalla gestione del network a quella della costumer experience. Negli aeroporti Amadeus ha lavorato molto sulla necessità di ottimizzare i flussi di passeggeri. Se si considera il costumer-journey, ancor prima di entrare in aeroporto, sono diventati fondamentali tutti i meccanismi di digital identity – su cui si sta concentrando l’industria - e la parte di touch e di automation: dal check-in al baggage-drop. Oggi il mercato del biometrico vale già 90 miliardi di dollari e la maggior parte degli aeroporti europei si sta muovendo in questa direzione. C’è poi l’importante tema delle tecnologie che aiutano a spingere il concetto di sostenibilità. - prosegue Benati - Tutta la filiera si sta impegnando, portando a un’accelerata nelle tecnologie e nella costumer experience». [caption id="attachment_461280" align="alignleft" width="300"] Francesca Benati[/caption] La situazione non è uguale in tutto il mondo. Alcuni aeroporti sono molto più avanti nell’adozione di queste tecnologie. «Il biometrico va a toccare tutta una serie di elementi della costumer experience, - conclude Benati - quindi c’è una differenza tra il self check-in (che sarà disponibile nel 90% degli aeroporti nel 2025) e il self baggage drop, che diventerà un must-have. Ci sono poi aspetti più scottanti che toccano l’etica digitale. Si prevede che il 60% degli aeroporti avrà questi automated board al gate e che, nel 2025, il 40% adotterà l’automated board control agli arrivi per tutta la parte dei voli no-Shenghen. L’utilizzo della digital identity velocizzerà i passaggi, permettendo di godere l’esperienza dell’aeroporto». Ricordando che, come sottolinea De Filippo, l’esperienza “umana” resterà centrale: «L’intelligenza è artificiale, ma la passione è umana. È importante sottolineare un cambiamento in corso in questo 2024 e rilevato dai sondaggi: i viaggi leisure vengono prenotati fino a 3 mesi prima, mentre quelli di lavoro 2 o 3 settimane prima. La tecnologia generativa offre oggi anche degli strumenti nel post-vendita e, grazie al machine-learning del viaggiatore, potremo fornire informazioni in modo puntuale, efficiente e comprensibile. Attraverso la tecnologia e lo studio delle abitudini potremo rendere il viaggio più fruibile anche riguardo al tema delle disabilità nascoste, generando meno attriti ai passeggeri».   [post_title] => Sabre e Amadeus a confronto in Bit su distribuzione globale e digitalizzazione [post_date] => 2024-02-13T11:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822043000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461331 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroporti di Roma taglia il traguardo dei primi 50 anni: la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino ha celebrato l'anniversario con la presentazione del nuovo logo, lanciato durante l'evento "Together, beyond flying": un claim che riflette l’attenzione verso le persone e un nuovo logo che, tendendo visivamente verso l’alto, simboleggia il costante impegno dell’azienda per delineare l’aeroporto del futuro, un luogo attento al benessere di tutti dove, per mantenere ed elevare i livelli di eccellenza dei servizi offerti ai passeggeri, lo sviluppo si coniuga con la sostenibilità, l’innovazione, la qualità, l’arte e la cultura. «Oggi (ieri per chi legge, ndr) celebriamo mezzo secolo di storia aziendale. In questi cinquant’anni di attività la società ha saputo accompagnare i cambiamenti epocali che hanno caratterizzato la storia del Paese, si è adeguata ai mutamenti sociali e culturali in corso e ha talvolta anche anticipato i grandi cambiamenti globali - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Roma, Vincenzo Nunziata durante l'evento che ha visto anche la partecipazione del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi -. Sviluppando gli aeroporti della Capitale, ha riportato Roma nella sua giusta collocazione, ridandole centralità e protagonismo e facendone un hub intercontinentale per il trasporto aereo. È con questo spirito che ci accingiamo ad affrontare gli anni a venire, confermando il nostro impegno nel raggiungimento di nuovi traguardi, innovando, lavorando con e per il nostro territorio e sostenendo le future generazioni, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti della società e della nostra comunità aeroportuale». Dalla costituzione della società, il 12 febbraio 1974, gli aeroporti della Capitale sono cresciuti al punto che durante il 2023 hanno visto transitare 44,4 milioni di passeggeri, con una programmazione che ha coinvolto circa 100 compagnie aeree in volo attraverso 230 rotte in oltre 70 Paesi, collegando così la città di Roma con tutti i continenti. «Aeroporti di Roma celebra i suoi primi cinquant’anni di gestione guardando avanti con ottimismo e determinazione, in particolare rispetto alle sfide cruciali per il futuro del trasporto aereo, sulle quali dovranno focalizzarsi sia i player industriali sia quelli istituzionali: la transizione ambientale, la competitività del sistema trasportistico nazionale e gli investimenti a supporto della crescita - ha sottolineato Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma -. Connettività significa progresso sociale ed economico, promozione della cultura, esportazione del Made in Italy e del nostro ‘know-how’; attraverso il nostro sviluppo sostenibile a 360 gradi, grazie a tutte le nostre persone, continueremo ad operare come alleati delle nostre istituzioni per guidare l’Italia verso le prossime occasioni di posizionamento e rilancio internazionale, rappresentando un valore aggiunto per i cittadini e per i nostri territori di riferimento».   [post_title] => Aeroporti di Roma celebra i suoi primi 50 anni con un nuovo logo [post_date] => 2024-02-13T09:00:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707814800000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air sceglie Roma per l'apertura del suo secondo centro per l'addestramento dei piloti. “Si tratta di un investimento importante - spiega Tamara Nikiforova, corporate communication manager della compagnia - che supererà i 38 milioni di euro ed evidenzia la rilevanza del mercato italiano per il nostro business". Fiumicino, in particolare, rappresenta per la compagnia la prima base per importanza in Italia. "Dei 13 milioni di posti che offriamo nell'estate 2024 dall'Italia verso 40 Paesi, ben 4,5 milioni riguardano le rotte da Fiumicino e Ciampino", precisa Nikiforova. Nella nuova struttura, che sorgerà a pochi passi dal terminal 1 dell’aeroporto di Roma Fiumicino, ci saranno spazi destinati all'insegnamento teorico e alle sale per le riunioni che si estenderanno su 1.290 metri quadrati distribuiti su due livelli, mentre circa 600 metri quadrati saranno riservati all'allenamento pratico, dotati di tre simulatori di volo all'avanguardia per Airbus A320. Ogni simulatore ha la capacità di accogliere fino a 135 piloti mensilmente, permettendo così l'addestramento periodico di più di 4800 piloti ogni anno. "Grazie a questo investimento - continua Nikiforova -, Wizz Air fornirà opportunità di lavoro a livello locale, ampliando il team in Italia con circa mille nuovi dipendenti". L'espansione sul mercato Italia I piani di sviluppo sulla Penisola vedono l'introduzione di sei nuove rotte per l'estate: da Roma Fiumicino verso Berlino, Amburgo (Germania), Alicante (Spagna) e Copenaghen (Danimarca), con quest'ultima disponibile da settembre, e da Milano Malpensa verso Parigi Beauvais (Francia) e Tenerife (Spagna). [post_title] => Wizz Air apre a Roma un centro per l'addestramento piloti: previsti mille nuovi dipendenti. [post_date] => 2024-02-09T15:55:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707494119000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461220 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461221" align="alignleft" width="300"] Christian Garrone[/caption] Prima partecipazione alla Bit per I4T, forte di una esperienza assicurativa cinquantennale e da venti anni referente di fiducia del mondo travel. Chiuso il 2023 con un volume di affari di oltre 50 milioni di euro, e avviato il 2024 con il rinnovo di tutti i contratti con i network, l’intermediario assicurativo punta ora a un prodotto sempre più performante. “Veniamo da anni in cui, fra pandemie, instabilità di talune aree del mondo e conseguenti cancellazioni, l’assicurazione è diventata un elemento fondamentale del viaggio - chiarisce Christian Garrone, responsabile di I4T -. Il nostro obiettivo è di operare con maggiore dinamismo, offrire prestazioni e forme di consulenza sempre più flessibili e adattabili al modello business dei nostri clienti”. Per fare fronte alle richieste, spesso diverse fra le zone d’Italia, I4T ha nominato due nuovi area manager: Pierluigi Picilli per l’area di Milano e Gabriele de Stefano per la Puglia e la Basilicata, portando a 14 addetti il proprio team commerciale. Segnali di una crescita progressiva che, per il 2024, punta essenzialmente al consolidamento, a promozioni di iniziative che coinvolgano i clienti nel segno di una svolta green. [post_title] => I4T: nel 2023 volumi per oltre 50 mln. Pierluigi Picilli e Gabriele de Stefano nuovi area manager [post_date] => 2024-02-09T12:15:30+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707480930000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "adr a ciampino e gates disponibili per i viaggiatori italiani con carta didentita elettronica" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":90,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":473,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461964","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si svolgerà a  Firenze dal 23 al 25 febbraio prossimi la X edizione di tourismA - Salone Archeologia e Turismo Culturale.\r\n\r\n «Un’iniziativa, ideata da Piero Pruneti - spiega il presidente di Regione Toscana Eugenio Giani -  che festeggia il decimo anno di vita e alla quale mi sento particolarmente legato perché vi ho partecipato fin dall’inizio. L’archeologia non è soltanto lo studio dei ritrovamenti in determinati siti, appartenenti al passato, ma è un elemento di estrema vitalità perché arricchisce il nostro patrimonio storico e di conoscenze, consente di capire chi siamo e da dove veniamo. La rassegna nel corso degli anni ha acquistato sempre maggiore importanza e visibilità, grazie ad un calendario di attività e relatori di primissimo piano. Un vero e proprio festival dell’archeologia, strettamente legato al turismo culturale e che vede coinvolta l’agenzia Toscana Promozione Turistica. Non dimentichiamo – conclude Giani - che il prossimo 5 marzo a Roma verrà scelta la Capitale italiana della cultura 2026 che vede tra le dieci finaliste l’Unione dei Comuni della Valdichiana senese, proprio in virtù della straordinaria scoperta di San Casciano dei Bagni del 2022».\r\n\r\n«Dieci anni – aggiunge il direttore di Archeologia Viva e del Salone Piero Pruneti  - sono un grande traguardo. La manifestazione è diventata punto di riferimento per gli operatori turistici alla ricerca di sempre nuove proposte in arrivo dal mondo dell’archeologia e del patrimonio ambientale. Al tempo stesso è una grande festa della cultura, aperta e gratuita per tutti».\r\n\r\n ","post_title":"Firenze, tra turismo e archeologia con TourismA dal 23 al 25 febbraio","post_date":"2024-02-21T10:55:39+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708512939000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461601","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli Stati Uniti varano un piano miliardario per il rinnovo degli aeroporti: secondo quando reso noto ieri dalla Casa Bianca il governo stanzierà quasi un miliardo di dollari per diversi progetti.\r\n\r\nGran parte di questi fondi (970 milioni di dollari) saranno utilizzati per creare corridoi più ampi, sistemi di gestione bagagli più efficienti e gate aggiuntivi in 114 aeroporti di tutto il Paese. I fondi serviranno anche a garantire che gli scali siano conformi alle norme di accessibilità Ada (Americans with Disabilities Act).\r\n\r\n\"Stiamo vivendo una fase di investimenti e miglioramenti senza precedenti in tutte le infrastrutture del nostro Paese\", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg.\r\n\r\nTra gli scali individuati per ricevere le sovvenzioni ci sono sia realtà enormi come l'O'Hare di Chicago sia aeroporti più piccoli come l'Appleton del Wisconsin. \r\n\r\nGli aeroporti sono stati un punto dolente per gli Stati Uniti: mntre gli aeroporti europei e asiatici beneficiano di una vasta gamma di negozi e ristoranti di lusso, la maggior parte degli scali statunitensi non dispone di tali servizi.\r\n\r\nL'amministrazione Biden ha stanziato un totale di 3 miliardi di dollari in finanziamenti per gli aeroporti sui 25 miliardi stanziati dalla legge bipartisan sulle infrastrutture.","post_title":"Il governo degli Stati Uniti stanzia un miliardo di dollari per il rinnovo degli aeroporti","post_date":"2024-02-16T09:37:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708076257000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461472","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Overtourism? Riflessioni per la tutela del patrimonio nazionale e un turismo sostenibile. Il caso del parco delle Cinque Terre”. E' questo il titolo dell'evento organizzato a Roma dallo stesso parco in partnership con la rappresentanza in Italia della Commissione europea e con l’ufficio in Italia del Parlamento europeo: un’occasione di scambio, riflessione e confronto tra istituzioni, decisori politici, operatori e tecnici sul fenomeno dell’overtourism, sempre più impattante nel nostro paese.\r\n\r\nL'overtourism rappresenta una sfida significativa per moltissime destinazioni del nostro paese. Destinazioni turistiche culturali come Roma, Venezia e Firenze, ma anche aree di interesse naturalistico quali il parco nazionale delle Cinque Terre, si trovano a gestire flussi eccessivi di turisti, con conseguenti problematiche legate a impatti ambientali, abbassamento della qualità dell’esperienza di visita e di vivibilità per le comunità locali.\r\n\r\nPer controllare il fenomeno, che va di pari passo con la crescita dell'industria turistica, si studiano formule per gestire al meglio le presenze e per regolamentare gli accessi promuovendo l'off-season, implementando misure di programmazione basate sulla prenotabilità delle destinazioni, e sensibilizzando i visitatori sull'importanza del turismo informato e sostenibile.\r\n\r\nPartendo dall’esperienza maturata, dalle azioni già intraprese e dallo studio sul tema commissionato dall’ente parco, l’evento è stato l’occasione per portare all’attenzione una riflessione corale e di ampio respiro sull’importanza di una gestione coordinata del patrimonio naturale e culturale e la valorizzazione di esperienze più responsabili e attente alle specificità dei luoghi di pregio e meritevoli di protezione.\r\n\r\nNell’arco della mattinata sono state prese in esame esperienze diverse, tra cui quella delle città di Firenze, di Venezia e della Federazione italiana parchi e riserve naturali. Un focus particolare si è poi stato dedicato al caso del parco delle Cinque Terre attraverso lo studio dei flussi turistici redatto da Mic Hub e delle soluzioni intraprese per la salvaguardia dei suoi fragili territori verticali, come l’adesione alla Carta europea per il turismo sostenibile, la voluntary review del parco  e il suo il piano di adattamento ai cambiamenti climatici.\r\n\r\n«La nostra esperienza, quella di un parco nazionale amato in tutto il mondo e scelto da milioni di turisti ogni anno, è simile a quella di altre realtà come Firenze e Venezia. Servono momenti e tavoli di confronto a livello nazionale per fare rete e condividere risultati e obiettivi che guardino alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. - afferma la presidente del parco nazionale delle Cinque Terre, Donatella Bianchi -. Partiamo da un chiaro quadro conoscitivo per applicare poi, attivando momenti di confronto e partnership tra istituzioni, operatori e società civile, le soluzioni individuate dagli studi di settore.  È necessaria, perciò, una gestione coordinata del patrimonio naturale, sociale e culturale, con particolare attenzione alla protezione dei territori fragili».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Overtourism: dal parco delle Cinque Terre focus su regole e soluzioni innovative","post_date":"2024-02-14T13:02:51+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707915771000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461403","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Yichun City e la sua provincia, per la prima volta in Italia, dalla vetrina della Bit 2024 strizzano l’occhio al mercato Italia, pronti ad affascinare i viaggiatori nostrani.\r\n\r\nUna città situata a nord ovest della regione Jiangxi, fra le 35 aree amministrative cinesi, Yichun City e provincia puntano a far conoscere agli europei un prodotto turistico che attrae principalmente i mercati di Corea, Giappone e Africa, praticamente ancora sconosciuta al pubblico di casa nostra.\r\n\r\nUn'area immersa nel verde, tra colline e montagne, foreste che ricoprono più del 68% del territorio. Paesaggi e panorami unici, 28 parchi forestali provinciali e 3 parchi nazionali ecologici, ricca di preziose materie prime esportate in tutto il mondo. 4503 luoghi storici e culturali da visitare e ottima cucina. La montagna Mingyue con i suoi 1736 metri sprigiona benessere anche dalle sue acque ricche di minerali che sgorga anche a una temperatura di 70 gradi, preziosa per i bagni termali. Sono numerosi infatti centri di benessere per la cura delle malattie fra terme e resort. Le strutture alberghiere, moderne e tradizionali, offrono confortevole ospitalità per tutte le tasche.\r\n\r\n“I trasporti sono il fiore all’occhiello della Cina. È molto diffusa l’alta velocità ferroviaria in tutto il Paese – conferma Lan Ya Qing vice presidente della provincia -. Ottimi collegamenti anche con i principali aeroporti internazionali, in particolare su Pechino, Shanghai e Yuanzhou. Il Mingyue Mountain Airport collega 20 tra le principali città del Paese. Shanghai è raggiungibile in un’ora e mezza di volo e 4 ore in treno; 3 ore per Yuanzhou. Dall’Italia è comodissimo il volo diretto Milano Malpensa - Yuanzhou”.\r\n\r\nYichun City è una città ricca di storia, lunga oltre 2000 anni, dal patrimonio culturale e naturale di straordinaria ricchezza. Sin dall’antichità è conosciuta come il paese dell’agricoltura, tra le 28 maggiori aree produttrici di grano e bamboo e poi e prodotti organici agricoli fonte della tradizionale medicina cinese; territorio ricco di minerali. Clima mite in tutte le stagioni, immersa nel verde di colline e montagne, ricca di acque e cascate. Una città industriale in crescita che vanta primati sulla nuova energia al litio, medicina biologica, elettronica, mobili, tessile e green food.\r\n\r\nWanzai, una delle principali città della provincia, è custode di 4 patrimoni culturali: un particolare tessuto, un tamburo speciale, una maschera tradizionale e i fuochi d’artificio, dotati di una tecnologia avanzata, esportati in tutto il mondo, un esempio è su Disney Paris o lo spettacolo di apertura dei giochi olimpici di Pechino.\r\n\r\nYifeng è la città del bamboo, esportato in tutto il mondo sia come prodotto edibile sia come legno. Da qui si esporta il prezioso litio. Città conosciuta anche per le terme dalle acque molto salutari e luogo di origine della cultura Zen.\r\n\r\nTonguu è famosa per le piante pregiate utilizzate dalla medicina cinese. Il taxus, utilizzato contro il cancro, risulta più caro dell’oro. Seconda area in tutta la Cina per ricchezza di foreste. Ottima qualità dell’aria e dell’acqua, ricca di centri termali. Qui è famoso il té nero e la sua storia ultra millenaria, come il bamboo e la sua cucina. Qui a 1400 metri è praticabile anche lo sci. \r\n\r\n[gallery ids=\"461407,461405,461406\"]\r\n\r\n ","post_title":"Cina: Yichun City e provincia fanno capolino sul mercato Italia, focus sulla natura","post_date":"2024-02-14T09:15:20+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["jiangxi","yichun-city"],"post_tag_name":["Jiangxi","Yichun City"]},"sort":[1707902120000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza.\r\n\r\n«C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi».\r\n\r\n«Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».\r\n\r\n ","post_title":"La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione","post_date":"2024-02-13T11:11:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707822662000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461349","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461281\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Paola De Filippo[/caption]\r\n\r\nSabre e Amadeus sono stati fra i protagonisti in Bit del panel “Aviation tra picchi di domanda, pricing e offerta sotto stress. Come fare quadrare il cerchio?”. Paola De Filippo, general manager di Sabre Italia ha osservato che «C’è un grande numero di informazioni e dati che si disperdono e quindi tutto diventa meno efficiente. Sia per il viaggiatore che per l’adv è difficile fare un confronto tra i vari itinerari e le tariffe. Una soluzione può essere una partnership con gli albergatori di terze parti, che hanno la tecnologia per leggere i vari linguaggi e per ampliare la gamma di informazioni che possono fornire. È necessario che ci sia un unico punto di quality of sales che renda accessibili le informazioni e permetta una certa efficienza da parte degli operatori».\r\n\r\nFrancesca Benati, senior vp Travel Sellers Europe&managing director Italy di Amadeus, parlando delle soluzioni innovative per crescere e viaggiare, ha affermato che «Dal punto di vista degli aeroporti l’automatizzazione e le nuove tecnologie stanno aiutando molto. Il primo tema fondamentale riguarda le compagnie aeree e il digital retailing, perché le airlines stanno utilizzando la digitalizzazione a 360°. Amadeus ha lanciato una piattaforma di digital retailing per accompagnarle dalla gestione del network a quella della costumer experience. Negli aeroporti Amadeus ha lavorato molto sulla necessità di ottimizzare i flussi di passeggeri. Se si considera il costumer-journey, ancor prima di entrare in aeroporto, sono diventati fondamentali tutti i meccanismi di digital identity – su cui si sta concentrando l’industria - e la parte di touch e di automation: dal check-in al baggage-drop. Oggi il mercato del biometrico vale già 90 miliardi di dollari e la maggior parte degli aeroporti europei si sta muovendo in questa direzione. C’è poi l’importante tema delle tecnologie che aiutano a spingere il concetto di sostenibilità. - prosegue Benati - Tutta la filiera si sta impegnando, portando a un’accelerata nelle tecnologie e nella costumer experience».\r\n\r\n[caption id=\"attachment_461280\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesca Benati[/caption]\r\n\r\nLa situazione non è uguale in tutto il mondo. Alcuni aeroporti sono molto più avanti nell’adozione di queste tecnologie. «Il biometrico va a toccare tutta una serie di elementi della costumer experience, - conclude Benati - quindi c’è una differenza tra il self check-in (che sarà disponibile nel 90% degli aeroporti nel 2025) e il self baggage drop, che diventerà un must-have. Ci sono poi aspetti più scottanti che toccano l’etica digitale. Si prevede che il 60% degli aeroporti avrà questi automated board al gate e che, nel 2025, il 40% adotterà l’automated board control agli arrivi per tutta la parte dei voli no-Shenghen. L’utilizzo della digital identity velocizzerà i passaggi, permettendo di godere l’esperienza dell’aeroporto».\r\n\r\nRicordando che, come sottolinea De Filippo, l’esperienza “umana” resterà centrale: «L’intelligenza è artificiale, ma la passione è umana. È importante sottolineare un cambiamento in corso in questo 2024 e rilevato dai sondaggi: i viaggi leisure vengono prenotati fino a 3 mesi prima, mentre quelli di lavoro 2 o 3 settimane prima. La tecnologia generativa offre oggi anche degli strumenti nel post-vendita e, grazie al machine-learning del viaggiatore, potremo fornire informazioni in modo puntuale, efficiente e comprensibile. Attraverso la tecnologia e lo studio delle abitudini potremo rendere il viaggio più fruibile anche riguardo al tema delle disabilità nascoste, generando meno attriti ai passeggeri».\r\n\r\n ","post_title":"Sabre e Amadeus a confronto in Bit su distribuzione globale e digitalizzazione","post_date":"2024-02-13T11:00:43+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707822043000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461331","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nAeroporti di Roma taglia il traguardo dei primi 50 anni: la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino ha celebrato l'anniversario con la presentazione del nuovo logo, lanciato durante l'evento \"Together, beyond flying\": un claim che riflette l’attenzione verso le persone e un nuovo logo che, tendendo visivamente verso l’alto, simboleggia il costante impegno dell’azienda per delineare l’aeroporto del futuro, un luogo attento al benessere di tutti dove, per mantenere ed elevare i livelli di eccellenza dei servizi offerti ai passeggeri, lo sviluppo si coniuga con la sostenibilità, l’innovazione, la qualità, l’arte e la cultura.\r\n\r\n«Oggi (ieri per chi legge, ndr) celebriamo mezzo secolo di storia aziendale. In questi cinquant’anni di attività la società ha saputo accompagnare i cambiamenti epocali che hanno caratterizzato la storia del Paese, si è adeguata ai mutamenti sociali e culturali in corso e ha talvolta anche anticipato i grandi cambiamenti globali - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Roma, Vincenzo Nunziata durante l'evento che ha visto anche la partecipazione del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi -. Sviluppando gli aeroporti della Capitale, ha riportato Roma nella sua giusta collocazione, ridandole centralità e protagonismo e facendone un hub intercontinentale per il trasporto aereo. È con questo spirito che ci accingiamo ad affrontare gli anni a venire, confermando il nostro impegno nel raggiungimento di nuovi traguardi, innovando, lavorando con e per il nostro territorio e sostenendo le future generazioni, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti della società e della nostra comunità aeroportuale».\r\n\r\nDalla costituzione della società, il 12 febbraio 1974, gli aeroporti della Capitale sono cresciuti al punto che durante il 2023 hanno visto transitare 44,4 milioni di passeggeri, con una programmazione che ha coinvolto circa 100 compagnie aeree in volo attraverso 230 rotte in oltre 70 Paesi, collegando così la città di Roma con tutti i continenti.\r\n\r\n«Aeroporti di Roma celebra i suoi primi cinquant’anni di gestione guardando avanti con ottimismo e determinazione, in particolare rispetto alle sfide cruciali per il futuro del trasporto aereo, sulle quali dovranno focalizzarsi sia i player industriali sia quelli istituzionali: la transizione ambientale, la competitività del sistema trasportistico nazionale e gli investimenti a supporto della crescita - ha sottolineato Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma -. Connettività significa progresso sociale ed economico, promozione della cultura, esportazione del Made in Italy e del nostro ‘know-how’; attraverso il nostro sviluppo sostenibile a 360 gradi, grazie a tutte le nostre persone, continueremo ad operare come alleati delle nostre istituzioni per guidare l’Italia verso le prossime occasioni di posizionamento e rilancio internazionale, rappresentando un valore aggiunto per i cittadini e per i nostri territori di riferimento».\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporti di Roma celebra i suoi primi 50 anni con un nuovo logo","post_date":"2024-02-13T09:00:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707814800000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461236","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air sceglie Roma per l'apertura del suo secondo centro per l'addestramento dei piloti. “Si tratta di un investimento importante - spiega Tamara Nikiforova, corporate communication manager della compagnia - che supererà i 38 milioni di euro ed evidenzia la rilevanza del mercato italiano per il nostro business\".\r\n\r\nFiumicino, in particolare, rappresenta per la compagnia la prima base per importanza in Italia. \"Dei 13 milioni di posti che offriamo nell'estate 2024 dall'Italia verso 40 Paesi, ben 4,5 milioni riguardano le rotte da Fiumicino e Ciampino\", precisa Nikiforova.\r\n\r\nNella nuova struttura, che sorgerà a pochi passi dal terminal 1 dell’aeroporto di Roma Fiumicino, ci saranno spazi destinati all'insegnamento teorico e alle sale per le riunioni che si estenderanno su 1.290 metri quadrati distribuiti su due livelli, mentre circa 600 metri quadrati saranno riservati all'allenamento pratico, dotati di tre simulatori di volo all'avanguardia per Airbus A320. Ogni simulatore ha la capacità di accogliere fino a 135 piloti mensilmente, permettendo così l'addestramento periodico di più di 4800 piloti ogni anno.\r\n\r\n\"Grazie a questo investimento - continua Nikiforova -, Wizz Air fornirà opportunità di lavoro a livello locale, ampliando il team in Italia con circa mille nuovi dipendenti\".\r\n\r\nL'espansione sul mercato Italia\r\n\r\nI piani di sviluppo sulla Penisola vedono l'introduzione di sei nuove rotte per l'estate: da Roma Fiumicino verso Berlino, Amburgo (Germania), Alicante (Spagna) e Copenaghen (Danimarca), con quest'ultima disponibile da settembre, e da Milano Malpensa verso Parigi Beauvais (Francia) e Tenerife (Spagna).","post_title":"Wizz Air apre a Roma un centro per l'addestramento piloti: previsti mille nuovi dipendenti.","post_date":"2024-02-09T15:55:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707494119000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461220","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461221\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Christian Garrone[/caption]\r\n\r\nPrima partecipazione alla Bit per I4T, forte di una esperienza assicurativa cinquantennale e da venti anni referente di fiducia del mondo travel. Chiuso il 2023 con un volume di affari di oltre 50 milioni di euro, e avviato il 2024 con il rinnovo di tutti i contratti con i network, l’intermediario assicurativo punta ora a un prodotto sempre più performante.\r\n\r\n“Veniamo da anni in cui, fra pandemie, instabilità di talune aree del mondo e conseguenti cancellazioni, l’assicurazione è diventata un elemento fondamentale del viaggio - chiarisce Christian Garrone, responsabile di I4T -. Il nostro obiettivo è di operare con maggiore dinamismo, offrire prestazioni e forme di consulenza sempre più flessibili e adattabili al modello business dei nostri clienti”.\r\n\r\nPer fare fronte alle richieste, spesso diverse fra le zone d’Italia, I4T ha nominato due nuovi area manager: Pierluigi Picilli per l’area di Milano e Gabriele de Stefano per la Puglia e la Basilicata, portando a 14 addetti il proprio team commerciale. Segnali di una crescita progressiva che, per il 2024, punta essenzialmente al consolidamento, a promozioni di iniziative che coinvolgano i clienti nel segno di una svolta green.","post_title":"I4T: nel 2023 volumi per oltre 50 mln. Pierluigi Picilli e Gabriele de Stefano nuovi area manager","post_date":"2024-02-09T12:15:30+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707480930000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti