23 February 2024

Monografia Croazia "Fascino senza limiti…"

[ 0 ]

Croazia. Fascino senza limiti…” è la nuova Monografia allegata a Travel Quotidiano, e realizzata in collaborazione con Anastasia Travel Turizam, Panorama Immobiliare & Turismo, Amatori – Jadrolinija e Croatia Airlines.

All’interno del magazine: le principali attrattive turistico-culturali e religiose della Croazia; le proposte di viaggio di Anastasia Travel Turizam (tra cui il tour delle Orme di San Leopoldo – 7 giorni tra Zara, Trogir, Dubrovnik, monasteri del Montenegro, Medjugorje, Spalato, Sibenik, Parco Nazionale di Krka e Opatija); la storia, la flotta, i servizi offerti dalla compagnia aerea Croatia Airlines; l’attività di Amatori, agente mandatario in Italia per la compagnia di bandiera croata la Jadrolinija, i servizi marittimi e l’attività di tour operating (partenze giornaliere in alta stagione dal porto di Ancona per Split e Zadar e alcune delle principali isole croate – da Bari per Dubrovnik e tour per famiglie, in città e per amanti della natura con visita al Parco di Plitvice); i tour firmati Panorama Immobiliare & Turismo (7 giorni tra Croazia, Slovenia e Bosnia Erzegovina) e l’offerta della “Hvar Card” che garantisce scontistiche del 10% sugli esercizi commerciali convenzionati per chi soggiorna in appartamenti ed hotel proposti dall’operatore.

Croazia

Posizionata tra l’Europa centrale e il Mediterraneo, la Croazia ha avuto una storia tanto tormentata quanto affascinante. Nel corso dei secoli è stata lo scenario di epiche battaglie, ma anche di incontro tra popoli e culture, come è testimoniato dallo straordinario patrimonio artistico delle
sue città. Quasi 5 milioni di persone vivono in questa terra, che dalle vicine coste istriane, si allunga fin nel cuore dei Balcani. È una repubblica semi presidenziale, nata in seguito ai recenti accordi di Dayton del 1995. La lingua ufficiale è il croato, ma in molte zone, come appunto l’Istria, si adottano forme di bilinguismo con l’italiano, mentre in altre si parla anche il serbo.


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462170 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'esperienza unica nel suo genere, in grado di portare i viaggiatori dietro le quinte del processo creativo che caratterizza la nascita di una collezione di moda. Elesta Travelling Passion, tour operator specializzato in turismo culturale, presenta il suo nuovissimo itinerario Fashion is Culture, dedicato a esplorare il legame indissolubile tra la città di Milano e il mondo della moda. "Il capoluogo lombardo è da sempre considerata una delle destinazioni mondiali per appassionati e operatori della moda. Con il tour Fashion is Culture vogliamo offrire ai viaggiatori un'esperienza autentica - afferma Elena Sisti, cofondatrice di Elesta -. Li accompagneremo a conoscere i protagonisti del settore e a visitare laboratori, showroom, musei, dando l'opportunità di comprendere appieno il fascino e l'articolata rete fatta di realtà, abilità artigianali, creatività, visione e capacità progettuali che sostiene il mondo della moda milanese." Il tour esplorerà non solo il panorama attuale della moda a Milano, ma offrirà anche uno sguardo approfondito sulla sua storia e sull'evoluzione nel corso dei decenni: "Dai leggendari atelier alle iconiche boutique - prosegue Elena Sisti -, i partecipanti avranno l'opportunità di cogliere l'eredità storica che ha plasmato l'identità della città, allargando poi la visione ad alcune significative realtà dei dintorni, in particolare alcuni territori a spiccata vocazione tessile come il comasco". [post_title] => Il to Elesta lancia Fashion is Culture: un itinerario dedicato al mondo della moda milanese [post_date] => 2024-02-23T12:58:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708693106000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462160 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Spagna e Booking. Booking verrà multato dalla Commissione nazionale per i mercati e la concorrenza spagnola con 486 milioni di euro. La multa è la più alta nella storia di tale organizzazione. Ed è già stata provvisoriamente comunicata al gruppo, come rivelato dalla stessa società nel suo rapporto annuale. Tutto fa pensare che la sanzione, che sarà contestata dall'ota, diventerà ufficiale il prossimo luglio. Booking ha scelto di accantonare l'importo di cui sopra nei propri conti nonostante tenterà di annullare la multa in tribunale. Nel rapporto Booking sottolinea che la sanzione comporta anche una serie di restrizioni su alcune pratiche commerciali esercitate dalla piattaforma. Il gruppo si limita a dire che “non è d’accordo con la giustificazione esposta nella bozza e continua a collaborare con la Cnmc prima che la decisione venga finalizzata”. Fascicolo La Commissione ha aperto il fascicolo sanzionatorio contro Booking nell'ottobre 2022. Ha compiuto questo passo dopo aver individuato possibili "pratiche restrittive della concorrenza" che violano la legge 15/2007 e l'articolo 102 del Trattato sul funzionamento dell'Ue. Più nello specifico, Cnmc ha indagato azioni che potrebbero comportare un abuso di posizione dominante da parte di Booking, quali l'imposizione di condizioni ingiuste ad alberghi situati in Spagna e l'attuazione di politiche commerciali con possibili effetti escludenti su altri canali di vendita on-line. Altro punto chiave sono le pratiche che sfrutterebbero la situazione di dipendenza economica che gli hotel situati in Spagna avrebbero rispetto a Booking. Per la Cnmc “questo fatto costituirebbe un atto di concorrenza sleale che potrebbe distorcere la libera concorrenza, ledendo l’interesse pubblico”. [post_title] => La Spagna fa sul serio: multa di 486 milioni di euro a Booking [post_date] => 2024-02-23T10:41:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708684862000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462150 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Cook Islands Tourism Corporation accende i riflettori sulla sicurezza del delicato ecosistema dell'arcipelago, nonché dei suoi abitanti e visitatori attraverso una nuova pagina web con alcune indicazioni e suggerimenti generali.  Tra queste, spiccano il richiamo alla consapevolezza di ciò che ci circonda e l’appello al rispetto della cultura locale; non mancano le raccomandazioni alla preventiva informazione rispetto alle condizioni atmosferiche, nel caso in cui si pianificassero attività outdoor, né i consigli su come muoversi con i tour operator locali, per l’organizzazione di incontri ravvicinati, con la fauna locale, come le tartarughe, per esempio. “Un viaggio alle Isole Cook - spiega  Nicholas Costantini, marketing manager Southern Europe - può davvero essere un viaggio senza pensieri, ma come sempre il turista va richiamato alla consapevolezza, alla partecipazione attiva in qualche modo, fornendo il proprio contributo al mantenimento dello stato delle cose. Si tratta come sempre, di viaggiare - e anche ‘essere’ - responsabilmente, guardando al futuro e a nuove forme di turismo”. E a proposito di sicurezza, per il 2024 è Air New Zealand a detenere lo scettro di compagnia aerea più sicura al mondo, mentre tra le low cost, spicca Jetstar, che ha annunciato il quarto volo settimanale da Sydney a Rarotonga a partire dal prossimo 23 marzo 2024. [post_title] => Isole Cook da scoprire in tutta sicurezza, nel rispetto di natura e cultura locale [post_date] => 2024-02-23T09:55:59+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708682159000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462136 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tradizione da una parte e sguardo rivolto al futuro dall'altra: lo Jutland, penisola della Danimarca, è una terra da vivere in famiglia e praticando diversi sport. Un luogo dove immergersi nella bellezza della natura e in quella dell’arte, lasciandosi conquistare dall’offerta gastronomica. E, soprattutto, l’angolo di mondo ideale per scoprire la “hygge”: quel sentimento di calorosa accoglienza, sicurezza e comodità tipicamente danese che spinge a trovare la felicità nelle piccole cose. Tante le connessioni con l’Italia, operate da Sas, easyJet e Ryanair: i voli raggiungono Copenhagen, ma anche lo Jutland. Molteplici le attività sportive all’aperto, che diventano un momento di incontro. Quest'anno sará la città di Brønderslev ad ospitare la maratona Royal Run, mentre Skagen ha voluto rinnovare il museo marittimo Maskinrummet e Saeby celebra con vivaci festeggiamenti i suoi 500 anni di storia. Si svolgerà poi davanti a 150mila spettatori del Danish Air Show ospitato dalla base aerea di Aalborg. La regione è scarsamente urbanizzata, ideale per praticare kayak, ciclismo, passeggiate, equitazione, bird-watching, nuoto, pesca. Ma anche per ammirare l'onda di sabbia in costante movimento di Råbjerg Mile, che ogni anno si sposta di 15 metri verso nord-est. O assistere allo scontro tra le acque di due mari che si incontrano sulla punta dello Jutland. Il Nordyjlland, il nord dello Jutland è anche una meta amata per i city-break e la tanto attuale street art, riccamente testimoniata sui palazzi di Skagen e Alborg, quest'ultima nota per le innovative strutture architettoniche e gli spazi dedicati all'arte come il museo Kunsten, il centro culturale Utzon, e il Musikken Hus. Grande poi, il fascino di Skagen, la città più settentrionale della Danimarca e, quindi, quella con il più alto indice di luminosità. Con la sua atmosfera bohémien, le spiagge infinite e i siti naturali unici, ha attirato l'interesse di artisti internazionali e degli impressionisti danesi: sono ben 1800 le loro opere esposte nel museo della città. Le famiglie e gli amanti delle escursioni all’aria aperta - a piedi o in bicicletta - potranno poi raggiungere il Kystlandet, la cosa orientale dello Jutland, che si stende per 266 km e offre ben 25 spiagge: i bambini resteranno affascinati dal Giardino Ecologico di Odder - una graziosa cittadina affacciata sul fiume e dal fascino danese - dal "Safari delle alghe" organizzato sull’isola di Endelave e dai tanti parchi giochi attrezzati. Incantevoli le piccole città come Juelsminde con il suo bellissimo porto o Horsens, crocevia tra Europa e Scandinavia, dove vivere un’esperienza alternativa visitando FÆNGSLET - Il Museo della Prigione: il più grande museo carcerario d'Europa.   [post_title] => Danimarca: ecco lo Jutland fra tradizioni, natura e street art [post_date] => 2024-02-23T09:30:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708680627000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462039 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La festa del mandorlo in fiore è una festa cultural popolare della città di Agrigento la Città dei templi, che si ripete ogni anno con l'obiettivo di festeggiare l'arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. Numerosi gruppi folkloristici e bambini arrivano da ogni parte del mondo nella Capitale italiana della Cultura 2025 per prenderne parte. La manifestazione rappresenta l’evento più importante del palinsesto artistico della città e ogni anno rinnova l’incontro di popoli da tutto il mondo in un’ottica di pace e fratellanza. L’edizione 2024 si svolgerà in particolare dal 9 al 17 marzo. Come di consueto vedrà i gruppi folk presenti, sia adulti sia bambini, esibirsi nelle piazze cittadine e nei principali teatri. Il clou è in calendario domenica 17 marzo, quando gruppi folkloristici e carretti siciliani dipinti sfileranno per la città allo scopo di celebrare l’arrivo della primavera. Nell’attesa è possibile passeggiare tra i templi, e scoprire casa Barbadoro, il casale recuperato all’interno della valle, il museo vivente del Mandorlo, il giardino che il parco archeologico della Valle dei templi ha dedicato alla cura di questa antica e preziosa pianta. Le compagini folk internazionali che quest’anno, nell’ambito del sessantaseiesimo festival internazionale del Folklore, si contenderanno l’ambito premio del Tempio d’oro dinanzi al maestoso tempio della Concordia provengono da ben 26 Paesi: Albania, Brasile, Bulgaria, Colombia, Corea, Croazia, Giappone, Grecia, India, Italia, Lettonia, Macedonia, Messico, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Turchia e Ucraina. I gruppi invece partecipanti al ventunesimo festival i Bambini del mondo provengono da Bulgaria, Costarica, Germania, Honduras, Kirghizistan, Korea, Polonia, Serbia, Turchia e Ucraina. Le novità dell’edizione del 2024 del Mandorlo in fiore non sono poche, ma la più importante è quella relativa a un ritorno alla tradizione con la Fiaccolata dell’amicizia, che terminerà allo stadio Esseneto coinvolgendo l’intero tessuto cittadino e i turisti. Ad aprire la kermesse il concerto per la pace con la cantante israeliana Noa sabato 9 marzo al teatro Pirandello. Quest’anno, inoltre, ad aprire le parate dei gruppi folk, tornati a essere numerosi per le vie cittadine, ci sarà un carro allestito con una scenografia dedicata alla primavera nella valle, esattamente come si faceva negli anni 50. Primo fondamentale appuntamento sarà l’accensione del tripode dell’Amicizia, martedì 12, con sfilata dei gruppi che partendo dal museo archeologico Griffo raggiungeranno il tempio attraverso il decumano. Tra gli eventi collaterali si registra infine MandorloinTavola - i menù della sagra, che si pone l’obiettivo di valorizzare la mandorla e promuovere la ristorazione del territorio. L’iniziativa prevede, a cura dei diversi ristoranti della città, la possibilità di degustare menu a base di mandorla.   [post_title] => Agrigento città dei templi: tutti gli eventi per la festa del Mandorlo in fiore [post_date] => 2024-02-23T09:12:34+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708679554000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462109 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates aprirà i suoi primi voli sulla rotta Dubai-Bogotà il prossimo 3 giugno: come anticipato, la compagnia aerea è stata autorizzata a collegare la Colombia con gli Emirati Arabi Uniti: il nuovo servizio stabilirà anche un primo storico collegamento tra la regione del Medio Oriente e la parte settentrionale del continente sudamericano. L'ingresso di Emirates a Bogotà espanderà la sua rete sudamericana a quattro gateway, aggiungendosi ai suoi servizi di linea per San Paolo, Rio de Janeiro e Buenos Aires. L'ultima destinazione rafforzerà anche le operazioni della compagnia aerea nelle Americhe, servendo ora 19 punti tra Stati Uniti, Canada, Messico, Brasile, Argentina e Colombia. I servizi giornalieri collegheranno Dubai e Bogotà via Miami - con un Boeing 777-300er - ed Emirates diventerà la prima compagnia aerea a offrire una serie di servizi premium sulla popolare rotta tra il sud della Florida e la Colombia. «Da tempo desideravamo servire la Colombia, e l'aggiunta di Bogotà al nostro network fa parte della nostra strategia per offrire una migliore connettività, ampliare le opzioni e la scelta per i viaggiatori e fornire esperienze premium senza uguali a terra e in volo - ha commentato Tim Clark, presidente di Emirates Airline -. Il lancio delle nostre operazioni giornaliere nella dinamica capitale della Colombia sottolinea anche il nostro profondo impegno verso il Sud America ed è destinato a favorire un aumento delle opportunità di viaggio d'affari e di piacere per i clienti. C'è un'enorme richiesta di viaggi da e per Bogotà e non vediamo l'ora che i clienti sperimentino i prodotti e i servizi firmati Emirates sui voli tra Bogotà e Dubai e tra Bogotà e Miami». [post_title] => Emirates conferma il debutto in Colombia: voli per Bogotà dal prossimo 3 giugno [post_date] => 2024-02-23T08:30:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708677016000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462081 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462083" align="alignleft" width="300"] Il presidente di Astoi Pier Ezhaya con Emiliana Limosani cco di Ita Airways[/caption] Ita Airways e Astoi confermano la collaborazione nata con l’avvio operativo della compagnia italiana di riferimento e rinnovata con la proroga del protocollo d’intesa per tutto il 2024.  Nel protocollo sono riconosciute le specificità commerciali dei pacchetti turistici e condizioni agevolate per i tour operator dell’associazione. «Siamo particolarmente lieti della prosecuzione nel tempo di questa importante partnership con Ita Airways che, attraverso il rinnovo del Protocollo, riconosce le nostre specifiche prerogative e sancisce il riconoscimento del ruolo e del valore dei tour operator nella filiera e nel mercato - commenta Andrea Mele, vicepresidente e responsabile dei rapporti con i vettori di Astoi - . Le condizioni previste dall’accordo si traducono in una serie di garanzie importanti per il consumatore finale: chi viaggia con i tour operator Astoi e Ita Airways beneficia di assistenza, tutele robuste e rimborsi anche in caso di eventi di forza maggiore». Il protocollo, rinnovato anche per il 2024, attesta il riconoscimento del ruolo degli operatori tramite condizioni di favore e si sanciscono benefici per i consumatori. Nell’accordo tra il vettore e l’associazione, spiccano alcuni aspetti: la possibilità di pagare i biglietti aerei con carta di credito, previa registrazione del numero della carta presso i sistemi Iata; ticket time limit dedicati; prenotazione di gruppi sul sistema gso senza alcun costo iniziale e creazione di un servizio top trade dedicato. Il protocollo d’intesa anche quest’anno contempla la cessione del contratto di pacchetto turistico da un passeggero ad un altro, adempiendo pienamente alla Direttiva europea sui pacchetti turistici nonché all’art. 38 Codice del turismo. «Per il quarto anno consecutivo firmiamo il protocollo Astoi e questa rinnovata collaborazione testimonia la forte volontà di trovare soluzioni sinergiche ed attente alle esigenze del mercato – dichiara Emiliana Limosani, cco di Ita Airways e ceo di Volare – Il 2023 è stato un anno di soddisfazioni dove abbiamo trasportato 15 milioni di passeggeri, raddoppiando il dato del 2022 e raggiungendo crescite importanti sui coefficienti di riempimento. Per noi la fiducia accordatoci dai Tour Operator, player fondamentali per la soddisfazione dei clienti, è motivo di orgoglio ed è decisiva per la nostra strategia commerciale.  Anche nel 2024 puntiamo a raggiungere i nostri obiettivi in strettissima collaborazione con i partner agenziali». Rinnovata anche la modalità di gestione dell’annullamento dei pacchetti dovuto a causa di forza maggiore: in questi casi Ita Airways anche per tutto il 2024 riconoscerà ai tour operator aderenti ad Astoi il rimborso totale di quanto dagli stessi rimborsato ai passeggeri, senza trattenere alcuna spesa.         [post_title] => Astoi e Ita Airways rinnovano il protocollo d'intesa [post_date] => 2024-02-22T11:22:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708600947000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462062 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi pacchetti firmati Qatar Airways per il prossimo FIA Formula One World Championship. La compagnia aerea, vettore ufficiale della F1, in collaborazione con Qatar Airways Holidays propone delle soluzioni che consentono ai fan che viaggiano da più di 40 paesi di vivere da vicino esperienze uniche. Dall’inizio alla fine del loro viaggio, i pacchetti sono pensati per consentire agli appassionati di godersi uno spettacolo senza soluzione di continuità, con l'inclusione di voli di andata e ritorno, sistemazione in hotel, biglietti per le gare F1 Paddock Club o Grandstand e trasferimenti aeroportuali di andata e ritorno per tutte le gare globali (escluso il Qatar).  Come i pacchetti inaugurali, anche quelli di quest'anno includono una serie di opzioni flessibili e a prezzi competitivi per alcune destinazioni selezionate per le gare di F1 2024. I fan avranno inoltre l’opportunità di sperimentare visite guidate in pista, passeggiate nella pit lane e molto altro ancora con i pacchetti F1 Paddock Club, che prevedono un risparmio fino al 20% sui pacchetti gara globali. Il Paddock Club è uno dei luoghi migliori per assistere all'azione, con un’offerta gastronomica up-level e un’ampia selezione di bevande. Inoltre, i soci del Qatar Airways Privilege Club possono accumulare Avios e Qpoints su tutti i pacchetti per i tifosi, accumulando premi da utilizzare per viaggi ed esperienze future e aiutandoli a mantenere e raggiungere rapidamente il livello successivo. I soci possono anche acquistare il loro pacchetto utilizzando Cash + Avios.   [post_title] => Qatar Airways firma i nuovi pacchetti per gli appassionati di Formula 1 [post_date] => 2024-02-22T10:31:29+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708597889000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462047 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno Algeria, Iraq e Perù le destinazioni su cui si concentreranno i due momenti di approfondimento che Kel 12 organizzerà in occasione di TourismA - salone dell'archeologia e del turismo culturale, in programma al palazzo dei congressi di Firenze dal 23 al 25 febbraio. Entrambi gli incontri sono in programma nella mattinata di sabato 24. Alle 10.30 si viaggerà con l'archeologo ed esperto dell'operatore milanese, Fabio Coppo alla scoperta di Algeria ed Iraq nell’appuntamento dal titolo da Algeri a Baghdad: breve itinerario archeologico tra l’antico e il contemporaneo. Coppo, laureato in archeologia e specializzando in archeologia classica all'università Statale di Milano, ha preso parte a numerose campagne di scavo in Grecia e Sud Italia e collabora con il museo civico archeologico Sutermeister di Legnano, sua città natale. A seguire, alle 11, l'antichista di Kel 12 Fabio Bourbon curerà l'incontro sulle Strade dell’impero Inca: come fu costruito un impero senza ferro né cavalli. Si andrà così alla scoperta del Perù lasciandosi guidare dalla voce e dalla profonda conoscenza di Bourbon: un antichista e saggista di formazione classica, autore di numerosi reportage di viaggio e specializzato nella divulgazione della storia e dell’arte delle civiltà del passato. Dal 1989 ha collaborato con svariate case editrici pubblicando oltre 40 libri, tradotti in più lingue e distribuiti in tutto il mondo. Proprio per trasmettere la sua passione per l’archeologia, oltre che per una naturale predisposizione verso il viaggio inteso come strumento di crescita interiore, da una decina di anni a questa parte è divenuto accompagnatore di viaggi culturali. Come lui stesso racconta: «Condividere le proprie conoscenze, ma anche l’entusiasmo, è un’esperienza appagante e mi piace pensare che chi ritorna da un viaggio ben condotto, porti con sé un tesoro indelebile». [post_title] => Kel 12 sarà al TourismA di Firenze a parlare di Algeria, Iraq e Perù [post_date] => 2024-02-22T10:09:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708596597000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia croazia fascino senza limiti" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":77,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1498,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462170","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un'esperienza unica nel suo genere, in grado di portare i viaggiatori dietro le quinte del processo creativo che caratterizza la nascita di una collezione di moda. Elesta Travelling Passion, tour operator specializzato in turismo culturale, presenta il suo nuovissimo itinerario Fashion is Culture, dedicato a esplorare il legame indissolubile tra la città di Milano e il mondo della moda.\r\n\r\n\"Il capoluogo lombardo è da sempre considerata una delle destinazioni mondiali per appassionati e operatori della moda. Con il tour Fashion is Culture vogliamo offrire ai viaggiatori un'esperienza autentica - afferma Elena Sisti, cofondatrice di Elesta -. Li accompagneremo a conoscere i protagonisti del settore e a visitare laboratori, showroom, musei, dando l'opportunità di comprendere appieno il fascino e l'articolata rete fatta di realtà, abilità artigianali, creatività, visione e capacità progettuali che sostiene il mondo della moda milanese.\"\r\n\r\nIl tour esplorerà non solo il panorama attuale della moda a Milano, ma offrirà anche uno sguardo approfondito sulla sua storia e sull'evoluzione nel corso dei decenni: \"Dai leggendari atelier alle iconiche boutique - prosegue Elena Sisti -, i partecipanti avranno l'opportunità di cogliere l'eredità storica che ha plasmato l'identità della città, allargando poi la visione ad alcune significative realtà dei dintorni, in particolare alcuni territori a spiccata vocazione tessile come il comasco\".","post_title":"Il to Elesta lancia Fashion is Culture: un itinerario dedicato al mondo della moda milanese","post_date":"2024-02-23T12:58:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708693106000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462160","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Spagna e Booking. Booking verrà multato dalla Commissione nazionale per i mercati e la concorrenza spagnola con 486 milioni di euro. La multa è la più alta nella storia di tale organizzazione. Ed è già stata provvisoriamente comunicata al gruppo, come rivelato dalla stessa società nel suo rapporto annuale.\r\n\r\nTutto fa pensare che la sanzione, che sarà contestata dall'ota, diventerà ufficiale il prossimo luglio. Booking ha scelto di accantonare l'importo di cui sopra nei propri conti nonostante tenterà di annullare la multa in tribunale.\r\n\r\nNel rapporto Booking sottolinea che la sanzione comporta anche una serie di restrizioni su alcune pratiche commerciali esercitate dalla piattaforma. Il gruppo si limita a dire che “non è d’accordo con la giustificazione esposta nella bozza e continua a collaborare con la Cnmc prima che la decisione venga finalizzata”.\r\nFascicolo\r\nLa Commissione ha aperto il fascicolo sanzionatorio contro Booking nell'ottobre 2022. Ha compiuto questo passo dopo aver individuato possibili \"pratiche restrittive della concorrenza\" che violano la legge 15/2007 e l'articolo 102 del Trattato sul funzionamento dell'Ue.\r\n\r\nPiù nello specifico, Cnmc ha indagato azioni che potrebbero comportare un abuso di posizione dominante da parte di Booking, quali l'imposizione di condizioni ingiuste ad alberghi situati in Spagna e l'attuazione di politiche commerciali con possibili effetti escludenti su altri canali di vendita on-line.\r\n\r\nAltro punto chiave sono le pratiche che sfrutterebbero la situazione di dipendenza economica che gli hotel situati in Spagna avrebbero rispetto a Booking. Per la Cnmc “questo fatto costituirebbe un atto di concorrenza sleale che potrebbe distorcere la libera concorrenza, ledendo l’interesse pubblico”.","post_title":"La Spagna fa sul serio: multa di 486 milioni di euro a Booking","post_date":"2024-02-23T10:41:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1708684862000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462150","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Cook Islands Tourism Corporation accende i riflettori sulla sicurezza del delicato ecosistema dell'arcipelago, nonché dei suoi abitanti e visitatori attraverso una nuova pagina web con alcune indicazioni e suggerimenti generali. \r\nTra queste, spiccano il richiamo alla consapevolezza di ciò che ci circonda e l’appello al rispetto della cultura locale; non mancano le raccomandazioni alla preventiva informazione rispetto alle condizioni atmosferiche, nel caso in cui si pianificassero attività outdoor, né i consigli su come muoversi con i tour operator locali, per l’organizzazione di incontri ravvicinati, con la fauna locale, come le tartarughe, per esempio.\r\n“Un viaggio alle Isole Cook - spiega  Nicholas Costantini, marketing manager Southern Europe - può davvero essere un viaggio senza pensieri, ma come sempre il turista va richiamato alla consapevolezza, alla partecipazione attiva in qualche modo, fornendo il proprio contributo al mantenimento dello stato delle cose. Si tratta come sempre, di viaggiare - e anche ‘essere’ - responsabilmente, guardando al futuro e a nuove forme di turismo”.\r\nE a proposito di sicurezza, per il 2024 è Air New Zealand a detenere lo scettro di compagnia aerea più sicura al mondo, mentre tra le low cost, spicca Jetstar, che ha annunciato il quarto volo settimanale da Sydney a Rarotonga a partire dal prossimo 23 marzo 2024.","post_title":"Isole Cook da scoprire in tutta sicurezza, nel rispetto di natura e cultura locale","post_date":"2024-02-23T09:55:59+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708682159000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462136","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tradizione da una parte e sguardo rivolto al futuro dall'altra: lo Jutland, penisola della Danimarca, è una terra da vivere in famiglia e praticando diversi sport. Un luogo dove immergersi nella bellezza della natura e in quella dell’arte, lasciandosi conquistare dall’offerta gastronomica.\r\nE, soprattutto, l’angolo di mondo ideale per scoprire la “hygge”: quel sentimento di calorosa accoglienza, sicurezza e comodità tipicamente danese che spinge a trovare la felicità nelle piccole cose.\r\nTante le connessioni con l’Italia, operate da Sas, easyJet e Ryanair: i voli raggiungono Copenhagen, ma anche lo Jutland. Molteplici le attività sportive all’aperto, che diventano un momento di incontro. Quest'anno sará la città di Brønderslev ad ospitare la maratona Royal Run, mentre Skagen ha voluto rinnovare il museo marittimo Maskinrummet e Saeby celebra con vivaci festeggiamenti i suoi 500 anni di storia. Si svolgerà poi davanti a 150mila spettatori del Danish Air Show ospitato dalla base aerea di Aalborg.\r\nLa regione è scarsamente urbanizzata, ideale per praticare kayak, ciclismo, passeggiate, equitazione, bird-watching, nuoto, pesca. Ma anche per ammirare l'onda di sabbia in costante movimento di Råbjerg Mile, che ogni anno si sposta di 15 metri verso nord-est. O assistere allo scontro tra le acque di due mari che si incontrano sulla punta dello Jutland.\r\nIl Nordyjlland, il nord dello Jutland è anche una meta amata per i city-break e la tanto attuale street art, riccamente testimoniata sui palazzi di Skagen e Alborg, quest'ultima nota per le innovative strutture architettoniche e gli spazi dedicati all'arte come il museo Kunsten, il centro culturale Utzon, e il Musikken Hus.\r\nGrande poi, il fascino di Skagen, la città più settentrionale della Danimarca e, quindi, quella con il più alto indice di luminosità. Con la sua atmosfera bohémien, le spiagge infinite e i siti naturali unici, ha attirato l'interesse di artisti internazionali e degli impressionisti danesi: sono ben 1800 le loro opere esposte nel museo della città.\r\nLe famiglie e gli amanti delle escursioni all’aria aperta - a piedi o in bicicletta - potranno poi raggiungere il Kystlandet, la cosa orientale dello Jutland, che si stende per 266 km e offre ben 25 spiagge: i bambini resteranno affascinati dal Giardino Ecologico di Odder - una graziosa cittadina affacciata sul fiume e dal fascino danese - dal \"Safari delle alghe\" organizzato sull’isola di Endelave e dai tanti parchi giochi attrezzati. Incantevoli le piccole città come Juelsminde con il suo bellissimo porto o Horsens, crocevia tra Europa e Scandinavia, dove vivere un’esperienza alternativa visitando FÆNGSLET - Il Museo della Prigione: il più grande museo carcerario d'Europa.\r\n ","post_title":"Danimarca: ecco lo Jutland fra tradizioni, natura e street art","post_date":"2024-02-23T09:30:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708680627000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462039","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La festa del mandorlo in fiore è una festa cultural popolare della città di Agrigento la Città dei templi, che si ripete ogni anno con l'obiettivo di festeggiare l'arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. Numerosi gruppi folkloristici e bambini arrivano da ogni parte del mondo nella Capitale italiana della Cultura 2025 per prenderne parte.\r\n\r\nLa manifestazione rappresenta l’evento più importante del palinsesto artistico della città e ogni anno rinnova l’incontro di popoli da tutto il mondo in un’ottica di pace e fratellanza. L’edizione 2024 si svolgerà in particolare dal 9 al 17 marzo. Come di consueto vedrà i gruppi folk presenti, sia adulti sia bambini, esibirsi nelle piazze cittadine e nei principali teatri.\r\n\r\nIl clou è in calendario domenica 17 marzo, quando gruppi folkloristici e carretti siciliani dipinti sfileranno per la città allo scopo di celebrare l’arrivo della primavera. Nell’attesa è possibile passeggiare tra i templi, e scoprire casa Barbadoro, il casale recuperato all’interno della valle, il museo vivente del Mandorlo, il giardino che il parco archeologico della Valle dei templi ha dedicato alla cura di questa antica e preziosa pianta.\r\n\r\nLe compagini folk internazionali che quest’anno, nell’ambito del sessantaseiesimo festival internazionale del Folklore, si contenderanno l’ambito premio del Tempio d’oro dinanzi al maestoso tempio della Concordia provengono da ben 26 Paesi: Albania, Brasile, Bulgaria, Colombia, Corea, Croazia, Giappone, Grecia, India, Italia, Lettonia, Macedonia, Messico, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Turchia e Ucraina. I gruppi invece partecipanti al ventunesimo festival i Bambini del mondo provengono da Bulgaria, Costarica, Germania, Honduras, Kirghizistan, Korea, Polonia, Serbia, Turchia e Ucraina.\r\n\r\nLe novità dell’edizione del 2024 del Mandorlo in fiore non sono poche, ma la più importante è quella relativa a un ritorno alla tradizione con la Fiaccolata dell’amicizia, che terminerà allo stadio Esseneto coinvolgendo l’intero tessuto cittadino e i turisti. Ad aprire la kermesse il concerto per la pace con la cantante israeliana Noa sabato 9 marzo al teatro Pirandello. Quest’anno, inoltre, ad aprire le parate dei gruppi folk, tornati a essere numerosi per le vie cittadine, ci sarà un carro allestito con una scenografia dedicata alla primavera nella valle, esattamente come si faceva negli anni 50. Primo fondamentale appuntamento sarà l’accensione del tripode dell’Amicizia, martedì 12, con sfilata dei gruppi che partendo dal museo archeologico Griffo raggiungeranno il tempio attraverso il decumano. Tra gli eventi collaterali si registra infine MandorloinTavola - i menù della sagra, che si pone l’obiettivo di valorizzare la mandorla e promuovere la ristorazione del territorio. L’iniziativa prevede, a cura dei diversi ristoranti della città, la possibilità di degustare menu a base di mandorla.\r\n\r\n ","post_title":"Agrigento città dei templi: tutti gli eventi per la festa del Mandorlo in fiore","post_date":"2024-02-23T09:12:34+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708679554000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462109","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates aprirà i suoi primi voli sulla rotta Dubai-Bogotà il prossimo 3 giugno: come anticipato, la compagnia aerea è stata autorizzata a collegare la Colombia con gli Emirati Arabi Uniti: il nuovo servizio stabilirà anche un primo storico collegamento tra la regione del Medio Oriente e la parte settentrionale del continente sudamericano.\r\nL'ingresso di Emirates a Bogotà espanderà la sua rete sudamericana a quattro gateway, aggiungendosi ai suoi servizi di linea per San Paolo, Rio de Janeiro e Buenos Aires. L'ultima destinazione rafforzerà anche le operazioni della compagnia aerea nelle Americhe, servendo ora 19 punti tra Stati Uniti, Canada, Messico, Brasile, Argentina e Colombia.\r\nI servizi giornalieri collegheranno Dubai e Bogotà via Miami - con un Boeing 777-300er - ed Emirates diventerà la prima compagnia aerea a offrire una serie di servizi premium sulla popolare rotta tra il sud della Florida e la Colombia.\r\n«Da tempo desideravamo servire la Colombia, e l'aggiunta di Bogotà al nostro network fa parte della nostra strategia per offrire una migliore connettività, ampliare le opzioni e la scelta per i viaggiatori e fornire esperienze premium senza uguali a terra e in volo - ha commentato Tim Clark, presidente di Emirates Airline -. Il lancio delle nostre operazioni giornaliere nella dinamica capitale della Colombia sottolinea anche il nostro profondo impegno verso il Sud America ed è destinato a favorire un aumento delle opportunità di viaggio d'affari e di piacere per i clienti. C'è un'enorme richiesta di viaggi da e per Bogotà e non vediamo l'ora che i clienti sperimentino i prodotti e i servizi firmati Emirates sui voli tra Bogotà e Dubai e tra Bogotà e Miami».","post_title":"Emirates conferma il debutto in Colombia: voli per Bogotà dal prossimo 3 giugno","post_date":"2024-02-23T08:30:16+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708677016000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462081","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462083\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il presidente di Astoi Pier Ezhaya con Emiliana Limosani cco di Ita Airways[/caption]\r\n\r\nIta Airways e Astoi confermano la collaborazione nata con l’avvio operativo della compagnia italiana di riferimento e rinnovata con la proroga del protocollo d’intesa per tutto il 2024.\r\n\r\n Nel protocollo sono riconosciute le specificità commerciali dei pacchetti turistici e condizioni agevolate per i tour operator dell’associazione.\r\n\r\n«Siamo particolarmente lieti della prosecuzione nel tempo di questa importante partnership con Ita Airways che, attraverso il rinnovo del Protocollo, riconosce le nostre specifiche prerogative e sancisce il riconoscimento del ruolo e del valore dei tour operator nella filiera e nel mercato - commenta Andrea Mele, vicepresidente e responsabile dei rapporti con i vettori di Astoi - . Le condizioni previste dall’accordo si traducono in una serie di garanzie importanti per il consumatore finale: chi viaggia con i tour operator Astoi e Ita Airways beneficia di assistenza, tutele robuste e rimborsi anche in caso di eventi di forza maggiore».\r\n\r\nIl protocollo, rinnovato anche per il 2024, attesta il riconoscimento del ruolo degli operatori tramite condizioni di favore e si sanciscono benefici per i consumatori.\r\n\r\nNell’accordo tra il vettore e l’associazione, spiccano alcuni aspetti: la possibilità di pagare i biglietti aerei con carta di credito, previa registrazione del numero della carta presso i sistemi Iata; ticket time limit dedicati; prenotazione di gruppi sul sistema gso senza alcun costo iniziale e creazione di un servizio top trade dedicato.\r\n\r\nIl protocollo d’intesa anche quest’anno contempla la cessione del contratto di pacchetto turistico da un passeggero ad un altro, adempiendo pienamente alla Direttiva europea sui pacchetti turistici nonché all’art. 38 Codice del turismo.\r\n\r\n«Per il quarto anno consecutivo firmiamo il protocollo Astoi e questa rinnovata collaborazione testimonia la forte volontà di trovare soluzioni sinergiche ed attente alle esigenze del mercato – dichiara Emiliana Limosani, cco di Ita Airways e ceo di Volare – Il 2023 è stato un anno di soddisfazioni dove abbiamo trasportato 15 milioni di passeggeri, raddoppiando il dato del 2022 e raggiungendo crescite importanti sui coefficienti di riempimento. Per noi la fiducia accordatoci dai Tour Operator, player fondamentali per la soddisfazione dei clienti, è motivo di orgoglio ed è decisiva per la nostra strategia commerciale.  Anche nel 2024 puntiamo a raggiungere i nostri obiettivi in strettissima collaborazione con i partner agenziali».\r\n\r\nRinnovata anche la modalità di gestione dell’annullamento dei pacchetti dovuto a causa di forza maggiore: in questi casi Ita Airways anche per tutto il 2024 riconoscerà ai tour operator aderenti ad Astoi il rimborso totale di quanto dagli stessi rimborsato ai passeggeri, senza trattenere alcuna spesa.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Astoi e Ita Airways rinnovano il protocollo d'intesa","post_date":"2024-02-22T11:22:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708600947000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462062","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi pacchetti firmati Qatar Airways per il prossimo FIA Formula One World Championship. La compagnia aerea, vettore ufficiale della F1, in collaborazione con Qatar Airways Holidays propone delle soluzioni che consentono ai fan che viaggiano da più di 40 paesi di vivere da vicino esperienze uniche.\r\nDall’inizio alla fine del loro viaggio, i pacchetti sono pensati per consentire agli appassionati di godersi uno spettacolo senza soluzione di continuità, con l'inclusione di voli di andata e ritorno, sistemazione in hotel, biglietti per le gare F1 Paddock Club o Grandstand e trasferimenti aeroportuali di andata e ritorno per tutte le gare globali (escluso il Qatar). \r\nCome i pacchetti inaugurali, anche quelli di quest'anno includono una serie di opzioni flessibili e a prezzi competitivi per alcune destinazioni selezionate per le gare di F1 2024. I fan avranno inoltre l’opportunità di sperimentare visite guidate in pista, passeggiate nella pit lane e molto altro ancora con i pacchetti F1 Paddock Club, che prevedono un risparmio fino al 20% sui pacchetti gara globali.\r\nIl Paddock Club è uno dei luoghi migliori per assistere all'azione, con un’offerta gastronomica up-level e un’ampia selezione di bevande. Inoltre, i soci del Qatar Airways Privilege Club possono accumulare Avios e Qpoints su tutti i pacchetti per i tifosi, accumulando premi da utilizzare per viaggi ed esperienze future e aiutandoli a mantenere e raggiungere rapidamente il livello successivo. I soci possono anche acquistare il loro pacchetto utilizzando Cash + Avios.\r\n ","post_title":"Qatar Airways firma i nuovi pacchetti per gli appassionati di Formula 1","post_date":"2024-02-22T10:31:29+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708597889000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462047","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno Algeria, Iraq e Perù le destinazioni su cui si concentreranno i due momenti di approfondimento che Kel 12 organizzerà in occasione di TourismA - salone dell'archeologia e del turismo culturale, in programma al palazzo dei congressi di Firenze dal 23 al 25 febbraio. Entrambi gli incontri sono in programma nella mattinata di sabato 24.\r\n\r\nAlle 10.30 si viaggerà con l'archeologo ed esperto dell'operatore milanese, Fabio Coppo alla scoperta di Algeria ed Iraq nell’appuntamento dal titolo da Algeri a Baghdad: breve itinerario archeologico tra l’antico e il contemporaneo. Coppo, laureato in archeologia e specializzando in archeologia classica all'università Statale di Milano, ha preso parte a numerose campagne di scavo in Grecia e Sud Italia e collabora con il museo civico archeologico Sutermeister di Legnano, sua città natale.\r\n\r\nA seguire, alle 11, l'antichista di Kel 12 Fabio Bourbon curerà l'incontro sulle Strade dell’impero Inca: come fu costruito un impero senza ferro né cavalli. Si andrà così alla scoperta del Perù lasciandosi guidare dalla voce e dalla profonda conoscenza di Bourbon: un antichista e saggista di formazione classica, autore di numerosi reportage di viaggio e specializzato nella divulgazione della storia e dell’arte delle civiltà del passato. Dal 1989 ha collaborato con svariate case editrici pubblicando oltre 40 libri, tradotti in più lingue e distribuiti in tutto il mondo. Proprio per trasmettere la sua passione per l’archeologia, oltre che per una naturale predisposizione verso il viaggio inteso come strumento di crescita interiore, da una decina di anni a questa parte è divenuto accompagnatore di viaggi culturali. Come lui stesso racconta: «Condividere le proprie conoscenze, ma anche l’entusiasmo, è un’esperienza appagante e mi piace pensare che chi ritorna da un viaggio ben condotto, porti con sé un tesoro indelebile».","post_title":"Kel 12 sarà al TourismA di Firenze a parlare di Algeria, Iraq e Perù","post_date":"2024-02-22T10:09:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708596597000]}]}}

Lascia un commento