29 September 2022

Swarovski Kristallwelten, in mostra le opere di Manish Arora

[ 0 ]

Swarovski_KristallweltenDa fine marzo 2017 gli Swarovski Kristallwelten (i Mondi di Cristallo Swarovski) presenteranno nelle loro tre sedi di Wattens, Innsbruck e Vienna esclusive messe in scena del celebre designer indiano Manish Arora: un’installazione dal nome Life in Beautiful che illuminerà i palcoscenici e le vetrine della Kärntner Straße a Vienna, del centro storico di Innsbruck e dei Mondi di Cristallo Swarovski a Wattens. Non è questa la prima volta che Swarovski coopera con successo con il noto designer indiano. Carla Rumler, Cultural Director Swarovski, racconta: «Già nel 2004, per una delle nostre esclusive collezioni, avevamo sviluppato insieme a Manish Arora innovative componenti in cristallo a forma di cuore per una sontuosa selezione di gioielli – e ciò ancora prima del suo debutto alla Settimana della moda di Londra nel 2005. Siamo fieri di aver così dato ancora una volta prova del particolare senso di Swarovski per i talenti ascendenti del design. La mostra Life is Beautiful per i Mondi di Cristallo Swarovski rappresenta certamente il coronamento della nostra lunga collaborazione di successo».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453). Sono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia). «La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati». Tra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali. Passando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca. «Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente». [post_title] => All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo [post_date] => 2022-09-28T10:06:57+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664359617000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431214 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => CitizenM approda a Chicago, dove ha appena aperto la propria undicesima struttura negli Stati Uniti, la ventinovesima nel mondo. Intanto in Italia procedono i lavori di conversione dell’immobile su Lungotevere de’ Cenci a Roma: iniziati dopo un complesso iter urbanistico per la posizione della proprietà in un sito Unesco, prevedono importanti cambiamenti strutturali per rispondere anche alle più recenti normative antisismiche. Questa apertura, che segnerà il debutto di citizenM nella nostra Penisola, è prevista per la fine del 2023. A Chicago, la struttura, di nuova costruzione, si trova al civico 300 di Michigan Avenue ed è situata in una posizione strategica, tra Riverwalk e il Millennium Park. Il citizenM Chicago Downtown includerà pezzi d’arte, design ad alta tecnologia e una serie di servizi per visitare una delle città culturalmente più interessanti al mondo. L’hotel, con le sue 280 camere, si trova all’interno di una torre di 47 piani, che comprende anche 289 unità residenziali e 25 mila metri quadrati di spazi commerciali. Per celebrare l'arrivo di citizenM, l’artista Nina Chanel Abney, originaria di Chicago, è stata incaricata di trasformare le pareti d’ingresso e la terrazza esterna dell'edificio, di ben 2 mila metri quadrati, in un gigantesco tributo alla città. Il suo lavoro è ispirato dalle dinamiche del panorama mediatico contemporaneo e affronta temi come razza, genere e politica. Conosciuta per i suoi dipinti, le stampe e i murales su larga scala con composizioni stratificate, le sue opere figurative presentano simboli e forme geometriche colorate e spigolose. "Rappresentando uno dei mercati più importanti degli Stati Uniti, era fondamentale per noi essere presente anche a Chicago - spiega Robin Chadha, chief marketing officer della compagnia -. La struttura aggiungerà una nuova torre che conferirà un tocco di colore al Magnificent Mile, quartiere famoso in tutto il mondo, mentre gli interni sono stati arredati con una selezione di opere di artisti locali di Chicago, per conferire all'hotel un'atmosfera che rappresenti la città".     [post_title] => CitizenM approda a Chicago mentre si avvicina l'apertura di Roma a fine 2023 [post_date] => 2022-09-28T09:40:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664358029000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431036 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre domani, 24 settembre, dopo 11 anni di chiusura, il Museo Reale di Belle Arti di Anversa (Kmska), con una nuova veste rinnovata e ristrutturata.  "L'apertura del Kmska è il momento culturale più importante del 2022 - ha sottolineato il ministro presidente Jan Jambon -.  Il Kmska ospita la più grande collezione d'arte delle Fiandre. Finalmente, dopo un lungo tour mondiale, i nostri maestri fiamminghi sono tornati a casa". Durante gli 11 anni di chiusura, l'edificio storico è stato è stato ristrutturato ed è stato aggiunto un nuovo volume di colore bianco puro. Questo crea il 40% di spazio espositivo. Con 8.400 pezzi, la collezione del museo è la più grande e preziosa delle Fiandre. L'opera più antica risale all'inizio del XIV secolo. Il Kmska possiede opere d'arte provenienti principalmente dal Belgio e dai Paesi Bassi meridionali, oltre ad un buon numero di capolavori internazionali di eccezionale qualità.   [post_title] => Fiandre: riapre domani ad Anversa il Museo Reale di Belle Arti [post_date] => 2022-09-23T15:08:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663945712000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner. Rubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina. In mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Disegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova. La mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee. L’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race. La mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia. [post_title] => Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023 [post_date] => 2022-09-22T12:36:01+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663850161000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430723 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Carinzia è una regione dell'Austria dove la bellezza della natura incontra la storia e la tradizione culturale e gastronomica, un’affascinante destinazione a corto raggio tanto amata dagli italiani. «Nella nostra regione in questi due anni non si è mai fermato il flusso turistico. - spiega Helmuth Micheler, del Tourismus Verband Klagenfurt - Il 2019 è stato l’anno migliore nella storia del turismo a Klagenfurt, ma nel 2022 il dato delle presenze è cresciuto ancora del 5% rispetto al 2019, perché gli italiani sono tornati in numero sempre maggiore. Se per noi i mercati più importanti sono l’Austria e la Germania, al terzo posto c’è l’Italia. I turisti, in particolare le famiglie, visitano Klagenfurt e la Carinzia per praticare sport, ma anche per seguire spettacoli ed eventi artistici, come il concerto di Andrea Bocelli in programma nel 2023. Inoltre abbiamo fiere e congressi e in città sono disponibili 3000 camere. Per favorire gli ospiti abbiamo pensato anche alla “Wörthersee Pluscard”, una card ricca di sconti e vantaggi». Il visitatore di Klagenfurt am Wörthersee - ospite di strutture alberghiere di eccellenza e uniche, dalle linee futuristiche o di lunga tradizione familiare - potrà praticare diversi sport sui laghi e sulle montagne, ma anche partecipare all’impegnativo “Ironman Austria-Kärnten” che ogni autunno vede sfidarsi gli atleti in tre prove impegnative: 4km di nuoto seguiti da 180km in bicicletta e da oltre 40km di maratona. La Carinzia è terra di gustosi piatti tradizionali e di vini: per questo da 5 anni, nel mese di settembre, ricorrono le Giornate della Cucina Alpe-Adria, che riuniscono chef carinziani, sloveni e friulani per celebrare i prodotti locali. Un territorio dove la storia ha lasciato opere d’arte come la maestosa “Wappensaal” o “Sala degli Stemmi” che, realizzata nel ‘700 all’interno della Landhaus, raccoglie gli stemmi delle famiglie aristocratiche del tempo. Maestose le chiese e i campanili come quello di S.Egidio, sulla cui cima la custode Helene Reichelt partorì 5 figli e vigilò su Klagenfurt dal 1923 al 1966. Nella stessa chiesa si può ammirare la colorata e immaginifica Cappella dell’Apocalisse realizzata tra il 1995 e il 2015 da Ernst Fuchs, esponente della Scuola Viennese del Realismo Fantastico. Infine, simbolo di una città protesa verso il futuro ma legata alla sua tradizione, ecco il Lindwurm: un drago che, secondo la leggenda, divorava i passanti che si lamentavano - “Klagen” - presso un guado - “Furt” – poco lontano e che oggi si può ammirare pietrificato in un'imponente fontana. [post_title] => La Carinzia e Klagenfurt: l’offerta turistica, tra sport e sapori, celebra tradizione e storia [post_date] => 2022-09-20T09:45:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663667158000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430672 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => The Great Cruise Cookoff è il nuovo episodio della web serie Embark with Ncl: una competizione culinaria in puro stile MasterChef, che vede protagonisti tre chef della compagnia, in gara perché il loro piatto vinca e venga poi servito a bordo della nuova nave Norwegian Prima. Il prossimo episodio di Embark mostra quindi l'impegno della compagnia nel superare i tradizionali confini della ristorazione croceristica, presentando la sfida finale tra i talentuosi chef di Ncl. Guidati dal cruise director di Norwegian Prima, Simon Akinwolere, e dal senior director of culinary development and operations di Ncl, Christian Pratsch, gli spettatori potranno assistere in tempo reale a un contest in cui ogni chef in gara si metterà alla prova, sfoderando le proprie abilità culinarie nella preparazione di tre piatti innovativi. Uno solo potrà guadagnarsi il merito e l'onore di far degustare la propria creazione a migliaia di ospiti Ncl in tutto il mondo. "Stiamo investendo molto nella nostra offerta food&beverage a bordo, quindi quale modo migliore per stimolare la creatività dei nostri talentuosi chef se non tramite una competizione amichevole - spiega il presidente e ceo di Norwegian Cruise Line, Harry Sommer -. The Great Cruise Cookoff permette agli spettatori di entrare nella cucina e di assistere al dietro le quinte. Non vedo l'ora che i nostri ospiti possano assaggiare il piatto vincente!". Durante il programma, il corporate executive chef Michael Koertgen, il director of culinary operations Eric Bilodeau e il corporate executive chef Didier Lailheugue avranno a disposizione 60 minuti per preparare tre piatti utilizzando tre ingredienti diversi. Allo scadere del tempo, gli chef presenteranno le loro creazioni per essere giudicati in attesa della proclamazione del vincitore del primo Great Cruise Cookoff. [post_title] => Torna la web serie Embark di Ncl con una sfida tra i fornelli a bordo in stile MasterChef [post_date] => 2022-09-19T10:52:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663584772000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430594 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Incontriamo a Verona, Amerigo Varotti presidente di Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro che ci parla sia della stagione estiva, con numeri e prospettive, e inoltre allarga gli orizzonti indicando i punti cardinali della promozione di questi luoghi magnifici. «Ci occupiamo della parte nord elle Marche – ha iniziato Varotti -. Di Urbino e delle località che fanno parte dell’ex ducato di Urbino. Quindi borghi, città storiche, paesi dell’Appennino marchigiano. Che diciamolo fuori dei denti: è una terra dalla ricchezza unica. Il turismo quest’anno è andato molto bene. Tante presenze turistiche, un grande ritorno degli stranieri, soprattutto olandesi austriaci tedeschi. Ma anche americani, francesi inglesi. Un anno votato alla riscoperta delle parte nord della Marche». Fra queste poli d'interesse naturalmente Urbino ha avuto un posto di rilievo. «Urbino si è confermata un polo di attrazione, anche perché quest’anno si celebravano i seicento anni dalla nascita di Federico da Montefeltro. La persona che ha creato le nostre località più importanti, che ha fortificato il nostro territorio. E grazie a Francesco di Giorgio Martini, che era l’architetto che Federico aveva scelto per completare il palazzo ducale di Urbino, sono state realizzate 330 opere fortificazioni militari, palazzi civili, e chiese che oggi sono visitabili e sono tutte nell’itinerario che come Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro abbiamo proposto e stiamo proponendo nelle fiere». Il turismo è ritornato nella Marche. Come è accaduto in questa estate un po' in tutta la nostra penisola. «Teniamo conto che la regione Marche - ha continuato Varotti - ha una presenza di stranieri limitati rispetto al resto d’Italia. Nelle marche 85% sono turisti italiani, mentre il 15% stranieri. Però abbiamo registrato 130% in più di stranieri. Per cui a fine anno faremo un confronto con il 2019 che è stato l’ultimo anno pre covid e tireremo le somme definitiva. Posso dire però che i dati sono molto positivi. Daremo un quadro completo a fine anno. Anche perché come Confturismo la stagione non è finita. Abbiamo un autunno molto importante. Il nostro è l’autunno delle fiere e delle sagre, a cominciare dalla fiera nazionale del tartufo bianco pregiato che inizia la seconda domenica di ottobre a Pergola, e poi tanti altri eventi legati al territorio, come quello della birra a Pecchio. da noi il turismo lavora 365 all’anno. Non c’è un inizio e non c’è una fina. E andata bene fino ad adesso con questi incrementi importanti, ma noi confidiamo che possa migliorare anzi posso dire che in questi giorni di metà settembre abbiamo ancora non dico il pieno agostano, ma quasi, e soprattutto abbiamo molti stranieri. Insomma la stagione né andata e sta andando molto bene». Infine la promozione che viene divisa in settori omogenei e sinergici fra di lro. «Noi vogliamo promuovere il territorio sotto alcuni cluster - ha affermato Varotti -: l’arte e la cultura, Urbino, Raffaello, Giovanni Santi padre di Raffaello. Per Giovanni Santi abbiamo addirittura previsto anche un interessante itinerario. Poi l’enogastronomia, i grandi vini della provincia di Pesaro Urbino, i prodotti tipici. Nelle terre di Urbino abbiamo dei prodotti importanti che portano nelle nostre località tanti turisti. L’altro elemento è quello ambientale: una terra della bellezza intatta, perché da noi si possono vedere i paesaggi per come li avevano dipinti Raffaello, Piero della Francesca, Leonardo da vinci. D'altra parte il panorama che è dietro la Gioconda è il Montefeltro. Il Bosco delle Cesane, la gola del Furlo, la catena montuosa del monte Nerone, del monte Catria e del monte Petrano attirano tantissimi turisti legati alle manifestazioni outdoor come bike, gravel, trekking. E infine vogliamo valorizzare il territorio pensando ai grandi personaggi che sono nati o hanno vissuto in queste nostre terre. Raffaello, Giovanni Santi, Bramante, e moltissimi altri».   [post_title] => Varotti (Confturismo Terre d'Urbino e Montefeltro):«Una stagione molto positiva» [post_date] => 2022-09-16T11:29:44+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663327784000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430542 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio). E' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln). Analizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre. Secondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate. [post_title] => Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi [post_date] => 2022-09-15T14:49:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663253361000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430377 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà "Planning a sustainable growth" il filo conduttore della quarta edizione dell'Italian Hospitality Investment Conference (Ithic): esperti e professionisti del settore immobiliare e finanziario si incontreranno a Rimini tra il 10 e l'11 ottobre con i leader dell’ospitalità provenienti da dieci Paesi differenti, per due intense giornate di lavori in programma al Grand Hotel e al Palacongressi della città romagnola. Si parlerà dunque di come scegliere, discutere e costruire un percorso di crescita e sviluppo sostenibile nell’hospitality sotto il profilo ambientale, sociale e finanziario. Organizzato da Teamwork Hospitality, con la regia tecnico-scientifica della società di consulenza Thrends,  Ithic è un evento b2b unico nel suo genere, dedicato all’industria alberghiera, al settore immobiliare e alla finanza specializzata, che si rivolge a gruppi alberghieri, fondi d’investimento, banche, sviluppatori immobiliari, società di consulenza, studi legali e operatori del settore. La presenza di un selezionato gruppo di 700 delegati offrirà in particolare preziose opportunità di incontro e di nuovi contatti e sarà al contempo l’occasione di rinnovare relazioni con il mondo professionale degli operatori che si incontreranno a Rimini per affrontare insieme grandi temi sul tappeto, quali lo sviluppo alberghiero del prossimo biennio, la finanza a progetti di riqualificazione urbana, la ricerca di marginalità nel leisure e nel business, le prospettive del mercato nel post-Covid... Fra i nomi di spicco che hanno già confermato la loro presenza sul palco di Ithic ci saranno Sebastien Bazin, ceo di Accor, Ramon Aragones, ceo di Nh Hotel Group, Josh Littman, vicepresident di Sh Hotels & Resorts, Timo Gruenert, ceo di Oetker Collection, Corrado Passera, founder & ceo di illimity Bank, nonché rappresentanti Blackstone, Azora, Bank of America, Boscalt, Cerberus, Kkr, Stoneweg, Goldman Sachs. L’edizione 2022 di Ithic sarà anche una vetrina di proposte e opportunità di investimento specificamente pensata per le istituzioni pubbliche: agenzie governative e pubbliche istituzioni avranno infatti l’occasione di promuovere i loro investimenti e presentare i progetti per la valorizzazione degli asset a un pubblico internazionale di investitori.   [post_title] => Sostenibilità, la parola chiave di Ithic 2022. Appuntamento a Rimini dal 10 all'11 ottobre [post_date] => 2022-09-13T12:23:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663071800000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "swarovski kristallwelten mostra le opere manish arora" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":50,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":453,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453).\r\n\r\nSono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia).\r\n\r\n«La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati».\r\n\r\nTra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali.\r\n\r\nPassando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca.\r\n\r\n«Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente».","post_title":"All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo","post_date":"2022-09-28T10:06:57+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664359617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431214","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"CitizenM approda a Chicago, dove ha appena aperto la propria undicesima struttura negli Stati Uniti, la ventinovesima nel mondo. Intanto in Italia procedono i lavori di conversione dell’immobile su Lungotevere de’ Cenci a Roma: iniziati dopo un complesso iter urbanistico per la posizione della proprietà in un sito Unesco, prevedono importanti cambiamenti strutturali per rispondere anche alle più recenti normative antisismiche. Questa apertura, che segnerà il debutto di citizenM nella nostra Penisola, è prevista per la fine del 2023.\r\n\r\nA Chicago, la struttura, di nuova costruzione, si trova al civico 300 di Michigan Avenue ed è situata in una posizione strategica, tra Riverwalk e il Millennium Park. Il citizenM Chicago Downtown includerà pezzi d’arte, design ad alta tecnologia e una serie di servizi per visitare una delle città culturalmente più interessanti al mondo. L’hotel, con le sue 280 camere, si trova all’interno di una torre di 47 piani, che comprende anche 289 unità residenziali e 25 mila metri quadrati di spazi commerciali.\r\n\r\nPer celebrare l'arrivo di citizenM, l’artista Nina Chanel Abney, originaria di Chicago, è stata incaricata di trasformare le pareti d’ingresso e la terrazza esterna dell'edificio, di ben 2 mila metri quadrati, in un gigantesco tributo alla città. Il suo lavoro è ispirato dalle dinamiche del panorama mediatico contemporaneo e affronta temi come razza, genere e politica. Conosciuta per i suoi dipinti, le stampe e i murales su larga scala con composizioni stratificate, le sue opere figurative presentano simboli e forme geometriche colorate e spigolose.\r\n\r\n\"Rappresentando uno dei mercati più importanti degli Stati Uniti, era fondamentale per noi essere presente anche a Chicago - spiega Robin Chadha, chief marketing officer della compagnia -. La struttura aggiungerà una nuova torre che conferirà un tocco di colore al Magnificent Mile, quartiere famoso in tutto il mondo, mentre gli interni sono stati arredati con una selezione di opere di artisti locali di Chicago, per conferire all'hotel un'atmosfera che rappresenti la città\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"CitizenM approda a Chicago mentre si avvicina l'apertura di Roma a fine 2023","post_date":"2022-09-28T09:40:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664358029000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431036","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre domani, 24 settembre, dopo 11 anni di chiusura, il Museo Reale di Belle Arti di Anversa (Kmska), con una nuova veste rinnovata e ristrutturata. \r\n\r\n\"L'apertura del Kmska è il momento culturale più importante del 2022 - ha sottolineato il ministro presidente Jan Jambon -.  Il Kmska ospita la più grande collezione d'arte delle Fiandre. Finalmente, dopo un lungo tour mondiale, i nostri maestri fiamminghi sono tornati a casa\".\r\n\r\nDurante gli 11 anni di chiusura, l'edificio storico è stato è stato ristrutturato ed è stato aggiunto un nuovo volume di colore bianco puro. Questo crea il 40% di spazio espositivo. Con 8.400 pezzi, la collezione del museo è la più grande e preziosa delle Fiandre. L'opera più antica risale all'inizio del XIV secolo. Il Kmska possiede opere d'arte provenienti principalmente dal Belgio e dai Paesi Bassi meridionali, oltre ad un buon numero di capolavori internazionali di eccezionale qualità.\r\n\r\n ","post_title":"Fiandre: riapre domani ad Anversa il Museo Reale di Belle Arti","post_date":"2022-09-23T15:08:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663945712000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner.\r\n\r\nRubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina.\r\n\r\nIn mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nDisegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova.\r\n\r\nLa mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee.\r\n\r\nL’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race.\r\n\r\nLa mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia.","post_title":"Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023","post_date":"2022-09-22T12:36:01+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1663850161000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430723","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nLa Carinzia è una regione dell'Austria dove la bellezza della natura incontra la storia e la tradizione culturale e gastronomica, un’affascinante destinazione a corto raggio tanto amata dagli italiani.\r\n\r\n«Nella nostra regione in questi due anni non si è mai fermato il flusso turistico. - spiega Helmuth Micheler, del Tourismus Verband Klagenfurt - Il 2019 è stato l’anno migliore nella storia del turismo a Klagenfurt, ma nel 2022 il dato delle presenze è cresciuto ancora del 5% rispetto al 2019, perché gli italiani sono tornati in numero sempre maggiore. Se per noi i mercati più importanti sono l’Austria e la Germania, al terzo posto c’è l’Italia. I turisti, in particolare le famiglie, visitano Klagenfurt e la Carinzia per praticare sport, ma anche per seguire spettacoli ed eventi artistici, come il concerto di Andrea Bocelli in programma nel 2023. Inoltre abbiamo fiere e congressi e in città sono disponibili 3000 camere. Per favorire gli ospiti abbiamo pensato anche alla “Wörthersee Pluscard”, una card ricca di sconti e vantaggi».\r\n\r\nIl visitatore di Klagenfurt am Wörthersee - ospite di strutture alberghiere di eccellenza e uniche, dalle linee futuristiche o di lunga tradizione familiare - potrà praticare diversi sport sui laghi e sulle montagne, ma anche partecipare all’impegnativo “Ironman Austria-Kärnten” che ogni autunno vede sfidarsi gli atleti in tre prove impegnative: 4km di nuoto seguiti da 180km in bicicletta e da oltre 40km di maratona. La Carinzia è terra di gustosi piatti tradizionali e di vini: per questo da 5 anni, nel mese di settembre, ricorrono le Giornate della Cucina Alpe-Adria, che riuniscono chef carinziani, sloveni e friulani per celebrare i prodotti locali.\r\n\r\nUn territorio dove la storia ha lasciato opere d’arte come la maestosa “Wappensaal” o “Sala degli Stemmi” che, realizzata nel ‘700 all’interno della Landhaus, raccoglie gli stemmi delle famiglie aristocratiche del tempo. Maestose le chiese e i campanili come quello di S.Egidio, sulla cui cima la custode Helene Reichelt partorì 5 figli e vigilò su Klagenfurt dal 1923 al 1966. Nella stessa chiesa si può ammirare la colorata e immaginifica Cappella dell’Apocalisse realizzata tra il 1995 e il 2015 da Ernst Fuchs, esponente della Scuola Viennese del Realismo Fantastico.\r\n\r\nInfine, simbolo di una città protesa verso il futuro ma legata alla sua tradizione, ecco il Lindwurm: un drago che, secondo la leggenda, divorava i passanti che si lamentavano - “Klagen” - presso un guado - “Furt” – poco lontano e che oggi si può ammirare pietrificato in un'imponente fontana.","post_title":"La Carinzia e Klagenfurt: l’offerta turistica, tra sport e sapori, celebra tradizione e storia","post_date":"2022-09-20T09:45:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663667158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430672","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"The Great Cruise Cookoff è il nuovo episodio della web serie Embark with Ncl: una competizione culinaria in puro stile MasterChef, che vede protagonisti tre chef della compagnia, in gara perché il loro piatto vinca e venga poi servito a bordo della nuova nave Norwegian Prima.\r\n\r\nIl prossimo episodio di Embark mostra quindi l'impegno della compagnia nel superare i tradizionali confini della ristorazione croceristica, presentando la sfida finale tra i talentuosi chef di Ncl. Guidati dal cruise director di Norwegian Prima, Simon Akinwolere, e dal senior director of culinary development and operations di Ncl, Christian Pratsch, gli spettatori potranno assistere in tempo reale a un contest in cui ogni chef in gara si metterà alla prova, sfoderando le proprie abilità culinarie nella preparazione di tre piatti innovativi. Uno solo potrà guadagnarsi il merito e l'onore di far degustare la propria creazione a migliaia di ospiti Ncl in tutto il mondo.\r\n\r\n\"Stiamo investendo molto nella nostra offerta food&beverage a bordo, quindi quale modo migliore per stimolare la creatività dei nostri talentuosi chef se non tramite una competizione amichevole - spiega il presidente e ceo di Norwegian Cruise Line, Harry Sommer -. The Great Cruise Cookoff permette agli spettatori di entrare nella cucina e di assistere al dietro le quinte. Non vedo l'ora che i nostri ospiti possano assaggiare il piatto vincente!\".\r\n\r\nDurante il programma, il corporate executive chef Michael Koertgen, il director of culinary operations Eric Bilodeau e il corporate executive chef Didier Lailheugue avranno a disposizione 60 minuti per preparare tre piatti utilizzando tre ingredienti diversi. Allo scadere del tempo, gli chef presenteranno le loro creazioni per essere giudicati in attesa della proclamazione del vincitore del primo Great Cruise Cookoff.","post_title":"Torna la web serie Embark di Ncl con una sfida tra i fornelli a bordo in stile MasterChef","post_date":"2022-09-19T10:52:52+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663584772000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430594","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Incontriamo a Verona, Amerigo Varotti presidente di Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro che ci parla sia della stagione estiva, con numeri e prospettive, e inoltre allarga gli orizzonti indicando i punti cardinali della promozione di questi luoghi magnifici.\r\n\r\n«Ci occupiamo della parte nord elle Marche – ha iniziato Varotti -. Di Urbino e delle località che fanno parte dell’ex ducato di Urbino. Quindi borghi, città storiche, paesi dell’Appennino marchigiano. Che diciamolo fuori dei denti: è una terra dalla ricchezza unica. Il turismo quest’anno è andato molto bene. Tante presenze turistiche, un grande ritorno degli stranieri, soprattutto olandesi austriaci tedeschi. Ma anche americani, francesi inglesi. Un anno votato alla riscoperta delle parte nord della Marche».\r\n\r\nFra queste poli d'interesse naturalmente Urbino ha avuto un posto di rilievo.\r\n\r\n«Urbino si è confermata un polo di attrazione, anche perché quest’anno si celebravano i seicento anni dalla nascita di Federico da Montefeltro. La persona che ha creato le nostre località più importanti, che ha fortificato il nostro territorio. E grazie a Francesco di Giorgio Martini, che era l’architetto che Federico aveva scelto per completare il palazzo ducale di Urbino, sono state realizzate 330 opere fortificazioni militari, palazzi civili, e chiese che oggi sono visitabili e sono tutte nell’itinerario che come Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro abbiamo proposto e stiamo proponendo nelle fiere».\r\n\r\nIl turismo è ritornato nella Marche. Come è accaduto in questa estate un po' in tutta la nostra penisola.\r\n\r\n«Teniamo conto che la regione Marche - ha continuato Varotti - ha una presenza di stranieri limitati rispetto al resto d’Italia. Nelle marche 85% sono turisti italiani, mentre il 15% stranieri. Però abbiamo registrato 130% in più di stranieri. Per cui a fine anno faremo un confronto con il 2019 che è stato l’ultimo anno pre covid e tireremo le somme definitiva. Posso dire però che i dati sono molto positivi. Daremo un quadro completo a fine anno. Anche perché come Confturismo la stagione non è finita. Abbiamo un autunno molto importante. Il nostro è l’autunno delle fiere e delle sagre, a cominciare dalla fiera nazionale del tartufo bianco pregiato che inizia la seconda domenica di ottobre a Pergola, e poi tanti altri eventi legati al territorio, come quello della birra a Pecchio. da noi il turismo lavora 365 all’anno. Non c’è un inizio e non c’è una fina. E andata bene fino ad adesso con questi incrementi importanti, ma noi confidiamo che possa migliorare anzi posso dire che in questi giorni di metà settembre abbiamo ancora non dico il pieno agostano, ma quasi, e soprattutto abbiamo molti stranieri. Insomma la stagione né andata e sta andando molto bene».\r\n\r\nInfine la promozione che viene divisa in settori omogenei e sinergici fra di lro.\r\n\r\n«Noi vogliamo promuovere il territorio sotto alcuni cluster - ha affermato Varotti -: l’arte e la cultura, Urbino, Raffaello, Giovanni Santi padre di Raffaello. Per Giovanni Santi abbiamo addirittura previsto anche un interessante itinerario. Poi l’enogastronomia, i grandi vini della provincia di Pesaro Urbino, i prodotti tipici. Nelle terre di Urbino abbiamo dei prodotti importanti che portano nelle nostre località tanti turisti.\r\n\r\nL’altro elemento è quello ambientale: una terra della bellezza intatta, perché da noi si possono vedere i paesaggi per come li avevano dipinti Raffaello, Piero della Francesca, Leonardo da vinci. D'altra parte il panorama che è dietro la Gioconda è il Montefeltro.\r\n\r\nIl Bosco delle Cesane, la gola del Furlo, la catena montuosa del monte Nerone, del monte Catria e del monte Petrano attirano tantissimi turisti legati alle manifestazioni outdoor come bike, gravel, trekking. E infine vogliamo valorizzare il territorio pensando ai grandi personaggi che sono nati o hanno vissuto in queste nostre terre. Raffaello, Giovanni Santi, Bramante, e moltissimi altri».\r\n\r\n ","post_title":"Varotti (Confturismo Terre d'Urbino e Montefeltro):«Una stagione molto positiva»","post_date":"2022-09-16T11:29:44+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663327784000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430542","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio).\r\n\r\nE' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln).\r\nAnalizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre.\r\nSecondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate.","post_title":"Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi","post_date":"2022-09-15T14:49:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663253361000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430377","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà \"Planning a sustainable growth\" il filo conduttore della quarta edizione dell'Italian Hospitality Investment Conference (Ithic): esperti e professionisti del settore immobiliare e finanziario si incontreranno a Rimini tra il 10 e l'11 ottobre con i leader dell’ospitalità provenienti da dieci Paesi differenti, per due intense giornate di lavori in programma al Grand Hotel e al Palacongressi della città romagnola. Si parlerà dunque di come scegliere, discutere e costruire un percorso di crescita e sviluppo sostenibile nell’hospitality sotto il profilo ambientale, sociale e finanziario.\r\n\r\nOrganizzato da Teamwork Hospitality, con la regia tecnico-scientifica della società di consulenza Thrends,  Ithic è un evento b2b unico nel suo genere, dedicato all’industria alberghiera, al settore immobiliare e alla finanza specializzata, che si rivolge a gruppi alberghieri, fondi d’investimento, banche, sviluppatori immobiliari, società di consulenza, studi legali e operatori del settore. La presenza di un selezionato gruppo di 700 delegati offrirà in particolare preziose opportunità di incontro e di nuovi contatti e sarà al contempo l’occasione di rinnovare relazioni con il mondo professionale degli operatori che si incontreranno a Rimini per affrontare insieme grandi temi sul tappeto, quali lo sviluppo alberghiero del prossimo biennio, la finanza a progetti di riqualificazione urbana, la ricerca di marginalità nel leisure e nel business, le prospettive del mercato nel post-Covid...\r\n\r\nFra i nomi di spicco che hanno già confermato la loro presenza sul palco di Ithic ci saranno Sebastien Bazin, ceo di Accor, Ramon Aragones, ceo di Nh Hotel Group, Josh Littman, vicepresident di Sh Hotels & Resorts, Timo Gruenert, ceo di Oetker Collection, Corrado Passera, founder & ceo di illimity Bank, nonché rappresentanti Blackstone, Azora, Bank of America, Boscalt, Cerberus, Kkr, Stoneweg, Goldman Sachs.\r\n\r\nL’edizione 2022 di Ithic sarà anche una vetrina di proposte e opportunità di investimento specificamente pensata per le istituzioni pubbliche: agenzie governative e pubbliche istituzioni avranno infatti l’occasione di promuovere i loro investimenti e presentare i progetti per la valorizzazione degli asset a un pubblico internazionale di investitori.\r\n\r\n ","post_title":"Sostenibilità, la parola chiave di Ithic 2022. Appuntamento a Rimini dal 10 all'11 ottobre","post_date":"2022-09-13T12:23:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663071800000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti