7 December 2022

Osservatorio Trivago, tariffe hotel in calo da Milano a Istanbul

[ 0 ]

trivago_3L’Osservatorio di Trivago tira le somme del 2016 analizzando i prezzi medi degli hotel nelle città internazionali che sono state sotto i riflettori in questi 12 mesi, paragonandoli a quelli dello scorso anno. Il 2015 è stato l’anno di Milano grazie all’Expo, che ha fatto schizzare le tariffe fino a una media di 240 € a notte nell’ultimo mese dell’evento, ottobre. Per il 2016 i prezzi si sono abbassati del 30% rispetto allo scorso anno, con il calo maggiore a settembre, dove si è registrato un -54%. Diversa la situazione a Roma, dove il Giubileo della Misericordia iniziato a dicembre 2015 non ha portato al rialzo dei listini previsto. Anzi, i prezzi medi degli hotel hanno subito un calo in media del -17% in tutto l’anno, con picchi del -23% e -22% tra maggio e giugno. Passando alle città europee, il trend negativo che Parigi ha tenuto per quasi tutto il 2016 (mediamente -16%) è migliorato parzialmente a giugno, mese degli  Europei di calcio, dove il divario con le tariffe dello scorso anno è stato del -8%. Il picco negativo è stato soprattutto a settembre, quando i listini sono scesi del 20% rispetto al 2015. A Nizza gli Europei di calcio hanno portato ad un rialzo dei prezzi rispetto allo scorso anno dell’8%, ma dopo luglio le tariffe si sono abbassate fino a toccare il -20% di settembre. La fine dell’anno, tuttavia, ha visto un trend positivo, con una differenza minima (-1%) per dicembre. Ribassi nelle tariffe anche per Bruxelles, che registra un calo medio del -7%. La capitale belga vede abbassarsi i prezzi soprattutto nei mesi tradizionalmente più cari come giugno, settembre e novembre, dove le tariffe sono scese rispettivamente del 13%, 22% e del 15%. Londra dopo giugno ha visto una diminuizione notevole dei prezzi, mediamente del -20%, con agosto che ha registrato un -30% rispetto al 2015. Leggermente meglio l’andamento delle tariffe da novembre in poi. Un anno particolare per Istanbul, che ha visto un crollo dei prezzi hotel significativo: in media quest’anno per una camera doppia si è speso il 34% in meno dell’anno scorso. Il calo più grande si è registrato a maggio, dove le tariffe sono scese del 42%, passando da 130€ a 75€ per camera doppia a notte. I prezzi hotel di Rio de Janeiro hanno beneficiato delle Olimpiadi estive: +36% ad agosto rispetto al 2015. Il trend negativo che ha fatto scendere i prezzi fino al mese dei Giochi, da agosto in poi si è invertito, tanto che a dicembre i listini sono pari a quelli dello scorso anno. Tuttavia, i prezzi a Rio sono stati mediamente del 13% in meno rispetto all’anno passato.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435595 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => IndiGo alza la posta sull'Europa con l'annuncio di 32 nuovi voli in connessione grazie al codeshare con Turkish Airlines, operativo da oggi, 7 dicembre. Le nuove rotte includono alcune delle più iconiche destinazioni europee tra cui Milano, Manchester, Birmingham, Roma e Venezia. Proprio lo scorso mese la compagnia aveva aperto i primi collegamenti verso il Portogallo e la Svizzera, via Istanbul, sempre grazie al codeshare con il vettore di bandiera turco. "Siamo estremamente lieti di aggiungere ulteriore capacità tra l'India e l'Europa in questo periodo di vacanze, data l'elevata domanda di viaggi internazionali - ha sottolineato Vinay Malhotra, responsabile delle vendite globali di IndiGo -. Questi voli sono dedicati ai viaggiatori che desiderano raggiungere l'Italia e il Regno Unito, con collegamenti via Istanbul per Milano, Manchester, Birmingham, Roma e Venezia. Queste nuove rotte non solo rafforzeranno la connettività internazionale, ma miglioreranno anche la convenienza dei viaggi in Europa. Continueremo a impegnarci per rimanere fedeli alla nostra promessa di tariffe accessibili, prestazioni puntuali, servizio cortese e senza problemi". Nell'agosto di quest'anno IndiGo ha siglato un accordo di codeshare anche con la britannica Virgin Atlantic. [post_title] => IndiGo: voli in codeshare con Turkish Airlines per Milano, Roma e Venezia [post_date] => 2022-12-07T10:45:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409951000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel. In particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%. Il capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro. Per quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia. Lo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli. Un’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità. Sono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale. È questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta. [post_title] => Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping [post_date] => 2022-12-07T10:30:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409034000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435540 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_427276" align="alignright" width="300"] Willie Walsh, ceo di Iata[/caption] Ritorno ai profitti per l'industria aerea globale nel 2023: un utile contenuto, stimato in 4,7 miliardi di dollari, con un margine di profitto netto dello 0,6%. Ma sarebbe il primo risultato con segno positivo dal 2019, quando i profitti netti del settore avevano raggiunto i 26,4 miliardi di dollari (3,1% di margine di profitto netto). Questo l'esito dell'ultima indagine targata Iata, che vede concludere il 2022 con una perdita netta per i vettori attorno ai 6,9 miliardi di dollari (un miglioramento rispetto alla perdita di 9,7 miliardi di dollari per il 2022 indicata nelle precedenti stime della Iata, risalenti a giugno). Un miglioramento significativo rispetto alle perdite di 42,0 miliardi di dollari e 137,7 miliardi di dollari registrate rispettivamente nel 2021 e nel 2020. "La resilienza è stata il segno distintivo delle compagnie aeree durante il Covid - ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale dell'associazione -. Guardando al 2023, la ripresa finanziaria prenderà forma con il primo profitto del settore dal 2019. Si tratta di un grande risultato se si considera l'entità dei danni economici e finanziari causati dalle restrizioni imposte dal governo per la pandemia. Ma un profitto di 4,7 miliardi di dollari su un fatturato di 779 miliardi di dollari dimostra anche che c'è ancora molto da fare per riportare il settore globale su una solida base finanziaria. Molte compagnie aeree sono sufficientemente redditizie da attirare i capitali necessari per far progredire il settore nella sua decarbonizzazione. Ma molte altre sono in difficoltà per una serie di motivi. Tra queste vi sono normative onerose, costi elevati, politiche governative incoerenti, infrastrutture inefficienti e una catena del valore in cui i vantaggi di collegare il mondo non sono equamente distribuiti". Walsh sottolinea però anche più di uno spiraglio positivo: "Nonostante le incertezze economiche, ci sono molti motivi per essere ottimisti per il 2023. Il calo dell'inflazione dei prezzi del petrolio e il perdurare di una domanda repressa dovrebbero contribuire a tenere sotto controllo i costi, mentre continua il forte trend di crescita. Allo stesso tempo, con margini così sottili, anche una variazione insignificante di una qualsiasi di queste variabili può potenzialmente spostare il bilancio in territorio negativo. Vigilanza e flessibilità saranno fondamentali".     [post_title] => Iata, Walsh: "La resilienza delle compagnie aeree: ritorno all'utile nel 2023" [post_date] => 2022-12-06T13:36:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670333792000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435495" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Luca Buonnpensiere, Paola D'Ammassa, responsabile vendite Centro-Sud Italia Glamour, Alessandra Brunetti, leisure sales di Ita Airways, Simone Prinari, direttore vendite & marketing Glamour, Federica Belardelli, sales Glamour, e Marco Depascale cruise development manager Glamour[/caption] Si rinsalda la collaborazione tra Glamour To e Ita Airways. Una partnership che si è rivelata un successo soprattutto su destinazioni come gli Stati Uniti, una delle mete più vendute da Glamour che ha una forte presenza sul lungo raggio. Da quest’anno poi si sono aggiunte nuove destinazioni come Giappone e Maldive, nonché specialmente  l’India, grazie alla interessante iniziativa del to toscano di offrire viaggi con accompagnatore dall’Italia da questa stagione invernale. I tour saranno focalizzati su Centro e Sud America, Africa & Oriente, ma anche su nuove mete che saranno proposte in occasione di eventi speciali. Gli accompagnatori potranno essere sia product manager di Glamour, sia esperti e accreditati tour leader. Si tratta di itinerari che puntano a far vivere un’esperienza a 360 gradi, permettendo di godere delle bellezze del territorio ma anche di scoprire la cultura e le tradizioni del luogo, grazie alla forte conoscenza della meta offerta. . La compagnia aerea e il tour operator viareggino hanno quindi pensato di organizzare due serate di presentazione ad hoc, il 30 novembre a Milano e il 5 dicembre a Roma, per illustrare agli agenti di viaggio tutte le offerte, le novità e le nuove destinazioni su cui hanno iniziato a collaborare. “Cerchiamo sempre di offrire qualcosa di nuovo e di diverso, un prodotto unico, che possa rendere un viaggio davvero un’esperienza memorabile - sottolinea il titolare di Glamour To, Luca Buonpensiere -. La partnership con Ita Airways ci aiuta a garantire i nostri alti standard e ci stimola a sviluppare sempre nuovi progetti e raggiungere nuovi obiettivi”.   [post_title] => Glamour To insieme a Ita per presentare i nuovi tour con accompagnatore dall'Italia [post_date] => 2022-12-06T11:16:49+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670325409000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435475 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una lunga stagione piena di soddisfazioni, così la definisce il nuovo amministratore delegato di Gardaland, Sabrina De Carvalho, che si appresta a chiudersi con la Gardaland Magic Winter: “Nel 2022 abbiamo raggiunto i dati di affluenza registrati nel 2019. E ora concludiamo con la ventesima edizione dell'appuntamento invernale del parco, che proseguirà fino al prossimo 8 gennaio”. Tante le novità di queste festività. A partire dagli allestimenti in ottica green: molte infatti le aree impreziosite con decorazioni naturali. E non mancano neppure i classici alberi di Natale, tutti rigorosamente veri e destinati, alla fine dell’evento, a essere ricollocati e accuditi per arrivare al Natale prossimo ancora più rigogliosi. L’ingresso al parco è poi caratterizzato dalla foresta di Ghiaccio: un tunnel di 30 metri creato con rami di salice sbiancati e illuminati con effetti di luce, che conduce i visitatori dall’orologio floreale fino alla piazza Medievale. Da non perdere anche la rivisitazione della foresta Incantata, che per l’occorrenza è diventata il bosco degli Gnomi: un percorso interattivo ed educativo nato con l’idea di trasmettere, tramite l’esperienza, il gioco e la magia il valore del rispetto della natura. Le novità continuano pure al cinema 4D con The Polar Express 4D Experience, il celebre film natalizio targato Warner Bros  che racconta l’avventuroso viaggio verso il regno di Babbo Natale. Durante Gardaland Magic Winter, inoltre, i visitatori presenti potranno scoprire, primi fra tutti, dove sorgerà Jumanji -The Labyrinth: la novità 2023 basata sulla popolare serie cinematografica. Anche nel periodo natalizio, i più coraggiosi avranno comunque la possibilità di godere del brivido di una corsa su Raptor, su Oblivion e sulle altre attrazioni adrenaliniche del parco. I chioschi proporranno invece i tipici sapori del Natale, con biscotti natalizi, candy mallow e cioccolate calde. Imperdibile, durante Gardaland Magic Winter, l’incontro con Babbo Natale. Appuntamento al Magico Villaggio, una baita di montagna ricca di sorprese, profumi ed esperienze ad hoc, che permetterà naturalmente la classica consegna della letterina personalizzata. Torna anche per quest'anno quindi l’appuntamento presso Gardaland Theatre con l'Emporio di Natale, il live musical condotto da un’orchestra dal vivo di 16 persone. E non finisce qui: da segnalare i Meet & Greet con la mascotte Prezzemolo e i suoi amici al teatro della Fantasia e con la maialina Peppa Pig nella sua colorata casa. Gran finale della giornata, allo scoccare delle ore 18, è l’appuntamento in piazza Jumanji, in cui è stato posizionato un albero naturale del peso di oltre 4 mila chili sotto il quale sorge il palco dello show Santa Claus is coming to Gardaland. Gardaland Magic Winter proseguirà nel lungo ponte dell’Immacolata dall’8 all’11 dicembre, il 17 e il 18 dicembre, il 24 dicembre e poi ininterrottamente dal 26 dicembre all’8 gennaio e sarà aperto dalle 10:30 alle 18. Per tutto il periodo natalizio un biglietto combinato permetterà l’accesso al Parco, a Gardaland Sea Life Aquarium e alla Miniland di Legoland. Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel offrono al contempo fino al 20% di sconto su un pacchetto che comprende soggiorno presso uno degli hotel del resort e un biglietto di un giorno a Gardaland Park. L’offerta è valida per soggiorni fino al 7 gennaio 2023, escluse le date del 30 e 31 dicembre 2022. [post_title] => A Gardaland inizia la Magic Winter, in calendario fino al prossimo 8 gennaio [post_date] => 2022-12-06T10:09:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670321346000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435439 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435440" align="alignleft" width="300"] Il Blu Hotel Acquaseria[/caption] Il periodo del ponte dell'Immacolata è il tradizionale appuntamento con la riapertura delle strutture neve. Non fa eccezione Blu Hotels che, dopo un'estate con presenze record, riparte per la stagione invernale. Il 3 dicembre il Blu Hotel Natura & Spa di Folgaria è stato quindi il primo ad accogliere i propri ospiti. La struttura, da quest’anno adults only, è rinomata per la ricca proposta di trattamenti dedicata a chi desidera concedersi, dopo una giornata sulla neve, momenti di relax nell’atmosfera calda e avvolgente della My Vitalis Wellness & Spa.  Novità dell’inverno 2022/2023, l’ampliamento dell’area esterna con sauna e vasche idromassaggio. Dal 7 dicembre sarà invece la volta dell’hotel Rezia situato in pieno centro a Bormio. A disposizione degli ospiti anche un ristorante à la carte con piatti tipici valtellinesi e una private spa con sauna finlandese, bagno turco, docce sensoriali e una piacevole area relax. Sempre il 7 dicembre aprirà poi alla stagione invernale il Blu Hotel Acquaseria, situato a pochi metri dal centro storico di Ponte di Legno che, grazie alla posizione strategica, permette agli ospiti di trascorrere le loro giornate sulle piste della ski area Ponte di Legno-Tonale comprese tra i 1.121 metri e i 3 mila metri, per poi rilassarsi nella spa dell'albergo. A tu per tu con il ghiacciaio, la vacanza ad alta quota è garantita pure al Blu Hotel Senales: Zirm-Cristal di Maso Corto. Con accesso diretto agli impianti di risalita della val Senales, l’albergo è già pronto a ricevere i propri ospiti, garantendo loro una vacanza in Alto Adige, fra sci, escursioni e tanto benessere nella Blu Aqua Wellness & Spa. Il Linta Hotel Wellness & Spa di Asiago, il Golf Hotel di Folgaria, il Grand Hotel Misurina dell’omonima località e il Grand Hotel del Parco di Pescasseroli, a poca distanza dal parco Nazionale degli Abruzzi, apriranno infine la loro stagione invernale il prossimo 23 dicembre. [post_title] => Con il ponte dell'Immacolata riparte la stagione invernale firmata Blu Hotels [post_date] => 2022-12-05T13:55:14+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670248514000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435413 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => SunExpress torna a investire sull'Italia con un nuovo collegamento diretto da Venezia a Smirne Adnan Mendes: il volo stagionale sarà operativo tutti i mercoledì e domenica dal 1° giugno al 30 settembre 2023. Le tariffe partono da 99,99 euro, tasse e bagaglio incluso. In parallelo la compagnia ha deciso di mantenere operativi i voli da Milano Malpensa a Smirne (Izmir) e relative coincidenze sugli altri aeroporti in Turchia dal 22 dicembre 2022, incentivando il volo diretto da Milano anche per il periodo invernale; la tratta è servita due volte alla settimana, il lunedì e il giovedì. La compagnia ricorda inoltre che, dal 26 gennaio 2023, sempre Milano Malpensa sarà possibile raggiungere anche Dubai, con scalo a Smirne. Nel dettaglio, da gennaio a marzo 2023 tutti i giovedì e da aprile ad ottobre 2023 il sabato sarà possibile utilizzare Sun Express per raggiungere gli Emirati Arabi con tariffe a partire  da 186,17 euro tasse e bagaglio sempre incluso. [post_title] => SunExpress: nuova rotta estiva da Venezia a Smirne, dal 1° giugno 2023 [post_date] => 2022-12-05T10:54:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670237674000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435398 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet ha aperto ieri, 4 dicembre, la nuova rotta da Milano Malpensa a Madeira: il collegamento viene operato due volte alla settimana, il mercoledì e la domenica. L'isola di Madeira si inserisce all’interno del ventaglio di destinazioni con cui easyJet collega l’area di Milano al Portogallo, verso cui ha di recente inaugurato un nuovo collegamento tra Lisbona e Milano Bergamo, effettuato tre volte a settimana, il lunedì, il giovedì e la domenica, oltre agli storici collegamenti verso Porto e Lisbona da Malpensa. Perfetta per tutti coloro che non riescono a rinunciare al mare e alle temperature miti anche durante i mesi più freddi dell’anno, oltre che per gli amanti della natura rigogliosa, Madeira è la perla dell’Atlantico, raggiungibile in sole poche ore di volo grazie al collegamento diretto easyJet. La Malpensa-Madeira si aggiunge alle circa 220 rotte che la compagnia opera da e verso 19 aeroporti italiani. [post_title] => EasyJet vola da Milano Malpensa a Madeira con due collegamenti settimanali [post_date] => 2022-12-05T10:30:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236251000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435397 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. La mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre. La curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004. La mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia. All’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Tra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604. Oggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”. La Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023. [post_title] => Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte [post_date] => 2022-12-05T10:30:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236232000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "osservatorio trivago tariffe hotel calo milano istanbul" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":70,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2694,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435595","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"IndiGo alza la posta sull'Europa con l'annuncio di 32 nuovi voli in connessione grazie al codeshare con Turkish Airlines, operativo da oggi, 7 dicembre. Le nuove rotte includono alcune delle più iconiche destinazioni europee tra cui Milano, Manchester, Birmingham, Roma e Venezia. Proprio lo scorso mese la compagnia aveva aperto i primi collegamenti verso il Portogallo e la Svizzera, via Istanbul, sempre grazie al codeshare con il vettore di bandiera turco.\r\n\r\n\"Siamo estremamente lieti di aggiungere ulteriore capacità tra l'India e l'Europa in questo periodo di vacanze, data l'elevata domanda di viaggi internazionali - ha sottolineato Vinay Malhotra, responsabile delle vendite globali di IndiGo -. Questi voli sono dedicati ai viaggiatori che desiderano raggiungere l'Italia e il Regno Unito, con collegamenti via Istanbul per Milano, Manchester, Birmingham, Roma e Venezia. Queste nuove rotte non solo rafforzeranno la connettività internazionale, ma miglioreranno anche la convenienza dei viaggi in Europa. Continueremo a impegnarci per rimanere fedeli alla nostra promessa di tariffe accessibili, prestazioni puntuali, servizio cortese e senza problemi\".\r\n\r\nNell'agosto di quest'anno IndiGo ha siglato un accordo di codeshare anche con la britannica Virgin Atlantic.","post_title":"IndiGo: voli in codeshare con Turkish Airlines per Milano, Roma e Venezia","post_date":"2022-12-07T10:45:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670409951000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel.\r\n\r\nIn particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%.\r\n\r\nIl capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro.\r\n\r\nPer quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia.\r\n\r\nLo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli.\r\n\r\nUn’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità.\r\n\r\nSono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale.\r\n\r\nÈ questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta.","post_title":"Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping","post_date":"2022-12-07T10:30:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670409034000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435540","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_427276\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Willie Walsh, ceo di Iata[/caption]\r\n\r\nRitorno ai profitti per l'industria aerea globale nel 2023: un utile contenuto, stimato in 4,7 miliardi di dollari, con un margine di profitto netto dello 0,6%. Ma sarebbe il primo risultato con segno positivo dal 2019, quando i profitti netti del settore avevano raggiunto i 26,4 miliardi di dollari (3,1% di margine di profitto netto). Questo l'esito dell'ultima indagine targata Iata, che vede concludere il 2022 con una perdita netta per i vettori attorno ai 6,9 miliardi di dollari (un miglioramento rispetto alla perdita di 9,7 miliardi di dollari per il 2022 indicata nelle precedenti stime della Iata, risalenti a giugno). Un miglioramento significativo rispetto alle perdite di 42,0 miliardi di dollari e 137,7 miliardi di dollari registrate rispettivamente nel 2021 e nel 2020.\r\n\r\n\"La resilienza è stata il segno distintivo delle compagnie aeree durante il Covid - ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale dell'associazione -. Guardando al 2023, la ripresa finanziaria prenderà forma con il primo profitto del settore dal 2019. Si tratta di un grande risultato se si considera l'entità dei danni economici e finanziari causati dalle restrizioni imposte dal governo per la pandemia. Ma un profitto di 4,7 miliardi di dollari su un fatturato di 779 miliardi di dollari dimostra anche che c'è ancora molto da fare per riportare il settore globale su una solida base finanziaria. Molte compagnie aeree sono sufficientemente redditizie da attirare i capitali necessari per far progredire il settore nella sua decarbonizzazione. Ma molte altre sono in difficoltà per una serie di motivi. Tra queste vi sono normative onerose, costi elevati, politiche governative incoerenti, infrastrutture inefficienti e una catena del valore in cui i vantaggi di collegare il mondo non sono equamente distribuiti\".\r\n\r\nWalsh sottolinea però anche più di uno spiraglio positivo: \"Nonostante le incertezze economiche, ci sono molti motivi per essere ottimisti per il 2023. Il calo dell'inflazione dei prezzi del petrolio e il perdurare di una domanda repressa dovrebbero contribuire a tenere sotto controllo i costi, mentre continua il forte trend di crescita. Allo stesso tempo, con margini così sottili, anche una variazione insignificante di una qualsiasi di queste variabili può potenzialmente spostare il bilancio in territorio negativo. Vigilanza e flessibilità saranno fondamentali\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Iata, Walsh: \"La resilienza delle compagnie aeree: ritorno all'utile nel 2023\"","post_date":"2022-12-06T13:36:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670333792000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435495\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Luca Buonnpensiere, Paola D'Ammassa, responsabile vendite Centro-Sud Italia Glamour, Alessandra Brunetti, leisure sales di Ita Airways, Simone Prinari, direttore vendite & marketing Glamour, Federica Belardelli, sales Glamour, e Marco Depascale cruise development manager Glamour[/caption]\r\n\r\nSi rinsalda la collaborazione tra Glamour To e Ita Airways. Una partnership che si è rivelata un successo soprattutto su destinazioni come gli Stati Uniti, una delle mete più vendute da Glamour che ha una forte presenza sul lungo raggio. Da quest’anno poi si sono aggiunte nuove destinazioni come Giappone e Maldive, nonché specialmente  l’India, grazie alla interessante iniziativa del to toscano di offrire viaggi con accompagnatore dall’Italia da questa stagione invernale. I tour saranno focalizzati su Centro e Sud America, Africa & Oriente, ma anche su nuove mete che saranno proposte in occasione di eventi speciali. Gli accompagnatori potranno essere sia product manager di Glamour, sia esperti e accreditati tour leader. Si tratta di itinerari che puntano a far vivere un’esperienza a 360 gradi, permettendo di godere delle bellezze del territorio ma anche di scoprire la cultura e le tradizioni del luogo, grazie alla forte conoscenza della meta offerta. .\r\n\r\nLa compagnia aerea e il tour operator viareggino hanno quindi pensato di organizzare due serate di presentazione ad hoc, il 30 novembre a Milano e il 5 dicembre a Roma, per illustrare agli agenti di viaggio tutte le offerte, le novità e le nuove destinazioni su cui hanno iniziato a collaborare. “Cerchiamo sempre di offrire qualcosa di nuovo e di diverso, un prodotto unico, che possa rendere un viaggio davvero un’esperienza memorabile - sottolinea il titolare di Glamour To, Luca Buonpensiere -. La partnership con Ita Airways ci aiuta a garantire i nostri alti standard e ci stimola a sviluppare sempre nuovi progetti e raggiungere nuovi obiettivi”.\r\n\r\n ","post_title":"Glamour To insieme a Ita per presentare i nuovi tour con accompagnatore dall'Italia","post_date":"2022-12-06T11:16:49+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670325409000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435475","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una lunga stagione piena di soddisfazioni, così la definisce il nuovo amministratore delegato di Gardaland, Sabrina De Carvalho, che si appresta a chiudersi con la Gardaland Magic Winter: “Nel 2022 abbiamo raggiunto i dati di affluenza registrati nel 2019. E ora concludiamo con la ventesima edizione dell'appuntamento invernale del parco, che proseguirà fino al prossimo 8 gennaio”.\r\n\r\nTante le novità di queste festività. A partire dagli allestimenti in ottica green: molte infatti le aree impreziosite con decorazioni naturali. E non mancano neppure i classici alberi di Natale, tutti rigorosamente veri e destinati, alla fine dell’evento, a essere ricollocati e accuditi per arrivare al Natale prossimo ancora più rigogliosi. L’ingresso al parco è poi caratterizzato dalla foresta di Ghiaccio: un tunnel di 30 metri creato con rami di salice sbiancati e illuminati con effetti di luce, che conduce i visitatori dall’orologio floreale fino alla piazza Medievale.\r\n\r\nDa non perdere anche la rivisitazione della foresta Incantata, che per l’occorrenza è diventata il bosco degli Gnomi: un percorso interattivo ed educativo nato con l’idea di trasmettere, tramite l’esperienza, il gioco e la magia il valore del rispetto della natura. Le novità continuano pure al cinema 4D con The Polar Express 4D Experience, il celebre film natalizio targato Warner Bros  che racconta l’avventuroso viaggio verso il regno di Babbo Natale. Durante Gardaland Magic Winter, inoltre, i visitatori presenti potranno scoprire, primi fra tutti, dove sorgerà Jumanji -The Labyrinth: la novità 2023 basata sulla popolare serie cinematografica. Anche nel periodo natalizio, i più coraggiosi avranno comunque la possibilità di godere del brivido di una corsa su Raptor, su Oblivion e sulle altre attrazioni adrenaliniche del parco. I chioschi proporranno invece i tipici sapori del Natale, con biscotti natalizi, candy mallow e cioccolate calde.\r\n\r\nImperdibile, durante Gardaland Magic Winter, l’incontro con Babbo Natale. Appuntamento al Magico Villaggio, una baita di montagna ricca di sorprese, profumi ed esperienze ad hoc, che permetterà naturalmente la classica consegna della letterina personalizzata. Torna anche per quest'anno quindi l’appuntamento presso Gardaland Theatre con l'Emporio di Natale, il live musical condotto da un’orchestra dal vivo di 16 persone. E non finisce qui: da segnalare i Meet & Greet con la mascotte Prezzemolo e i suoi amici al teatro della Fantasia e con la maialina Peppa Pig nella sua colorata casa. Gran finale della giornata, allo scoccare delle ore 18, è l’appuntamento in piazza Jumanji, in cui è stato posizionato un albero naturale del peso di oltre 4 mila chili sotto il quale sorge il palco dello show Santa Claus is coming to Gardaland. \r\n\r\nGardaland Magic Winter proseguirà nel lungo ponte dell’Immacolata dall’8 all’11 dicembre, il 17 e il 18 dicembre, il 24 dicembre e poi ininterrottamente dal 26 dicembre all’8 gennaio e sarà aperto dalle 10:30 alle 18. Per tutto il periodo natalizio un biglietto combinato permetterà l’accesso al Parco, a Gardaland Sea Life Aquarium e alla Miniland di Legoland. Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel offrono al contempo fino al 20% di sconto su un pacchetto che comprende soggiorno presso uno degli hotel del resort e un biglietto di un giorno a Gardaland Park. L’offerta è valida per soggiorni fino al 7 gennaio 2023, escluse le date del 30 e 31 dicembre 2022.","post_title":"A Gardaland inizia la Magic Winter, in calendario fino al prossimo 8 gennaio","post_date":"2022-12-06T10:09:06+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670321346000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435439","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435440\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Blu Hotel Acquaseria[/caption]\r\n\r\nIl periodo del ponte dell'Immacolata è il tradizionale appuntamento con la riapertura delle strutture neve. Non fa eccezione Blu Hotels che, dopo un'estate con presenze record, riparte per la stagione invernale. Il 3 dicembre il Blu Hotel Natura & Spa di Folgaria è stato quindi il primo ad accogliere i propri ospiti. La struttura, da quest’anno adults only, è rinomata per la ricca proposta di trattamenti dedicata a chi desidera concedersi, dopo una giornata sulla neve, momenti di relax nell’atmosfera calda e avvolgente della My Vitalis Wellness & Spa.  Novità dell’inverno 2022/2023, l’ampliamento dell’area esterna con sauna e vasche idromassaggio.\r\n\r\nDal 7 dicembre sarà invece la volta dell’hotel Rezia situato in pieno centro a Bormio. A disposizione degli ospiti anche un ristorante à la carte con piatti tipici valtellinesi e una private spa con sauna finlandese, bagno turco, docce sensoriali e una piacevole area relax. Sempre il 7 dicembre aprirà poi alla stagione invernale il Blu Hotel Acquaseria, situato a pochi metri dal centro storico di Ponte di Legno che, grazie alla posizione strategica, permette agli ospiti di trascorrere le loro giornate sulle piste della ski area Ponte di Legno-Tonale comprese tra i 1.121 metri e i 3 mila metri, per poi rilassarsi nella spa dell'albergo.\r\n\r\nA tu per tu con il ghiacciaio, la vacanza ad alta quota è garantita pure al Blu Hotel Senales: Zirm-Cristal di Maso Corto. Con accesso diretto agli impianti di risalita della val Senales, l’albergo è già pronto a ricevere i propri ospiti, garantendo loro una vacanza in Alto Adige, fra sci, escursioni e tanto benessere nella Blu Aqua Wellness & Spa. Il Linta Hotel Wellness & Spa di Asiago, il Golf Hotel di Folgaria, il Grand Hotel Misurina dell’omonima località e il Grand Hotel del Parco di Pescasseroli, a poca distanza dal parco Nazionale degli Abruzzi, apriranno infine la loro stagione invernale il prossimo 23 dicembre.","post_title":"Con il ponte dell'Immacolata riparte la stagione invernale firmata Blu Hotels","post_date":"2022-12-05T13:55:14+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670248514000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435413","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"SunExpress torna a investire sull'Italia con un nuovo collegamento diretto da Venezia a Smirne Adnan Mendes: il volo stagionale sarà operativo tutti i mercoledì e domenica dal 1° giugno al 30 settembre 2023. Le tariffe partono da 99,99 euro, tasse e bagaglio incluso.\r\nIn parallelo la compagnia ha deciso di mantenere operativi i voli da Milano Malpensa a Smirne (Izmir) e relative coincidenze sugli altri aeroporti in Turchia dal 22 dicembre 2022, incentivando il volo diretto da Milano anche per il periodo invernale; la tratta è servita due volte alla settimana, il lunedì e il giovedì.\r\n\r\nLa compagnia ricorda inoltre che, dal 26 gennaio 2023, sempre Milano Malpensa sarà possibile raggiungere anche Dubai, con scalo a Smirne. Nel dettaglio, da gennaio a marzo 2023 tutti i giovedì e da aprile ad ottobre 2023 il sabato sarà possibile utilizzare Sun Express per raggiungere gli Emirati Arabi con tariffe a partire  da 186,17 euro tasse e bagaglio sempre incluso.","post_title":"SunExpress: nuova rotta estiva da Venezia a Smirne, dal 1° giugno 2023","post_date":"2022-12-05T10:54:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670237674000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435398","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet ha aperto ieri, 4 dicembre, la nuova rotta da Milano Malpensa a Madeira: il collegamento viene operato due volte alla settimana, il mercoledì e la domenica.\r\nL'isola di Madeira si inserisce all’interno del ventaglio di destinazioni con cui easyJet collega l’area di Milano al Portogallo, verso cui ha di recente inaugurato un nuovo collegamento tra Lisbona e Milano Bergamo, effettuato tre volte a settimana, il lunedì, il giovedì e la domenica, oltre agli storici collegamenti verso Porto e Lisbona da Malpensa.\r\nPerfetta per tutti coloro che non riescono a rinunciare al mare e alle temperature miti anche durante i mesi più freddi dell’anno, oltre che per gli amanti della natura rigogliosa, Madeira è la perla dell’Atlantico, raggiungibile in sole poche ore di volo grazie al collegamento diretto easyJet.\r\nLa Malpensa-Madeira si aggiunge alle circa 220 rotte che la compagnia opera da e verso 19 aeroporti italiani.","post_title":"EasyJet vola da Milano Malpensa a Madeira con due collegamenti settimanali","post_date":"2022-12-05T10:30:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670236251000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435397","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città.\r\n\r\nLa mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre.\r\n\r\nLa curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004.\r\n\r\nLa mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia.\r\n\r\nAll’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nTra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604.\r\n\r\nOggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”.\r\n\r\nLa Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023.","post_title":"Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte","post_date":"2022-12-05T10:30:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670236232000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti