29 July 2021

Cresce la consapevolezza del ruolo delle assicurazioni nel mondo dei viaggi

[ 0 ]

Consumatori più consapevoli e polizze con meno esclusioni. Nel mondo post-Covid, crescerà il ruolo delle assicurazioni di viaggio, che da semplice ancillary diventeranno elemento fondamentale del pacchetto. “Prima della pandemia, appena il 30% degli italiani si assicurava prima di partire – ha spiegato l’head of sales & marketing travel product line di Europ Assistance, Massimiliano Sibilio, in occasione di un panel ad hoc svoltosi durante la fiera di Rimini -. Posso immaginare che tale quota aumenterà, arrivando magari, se noi lavoriamo bene, anche al 60%. Allo stesso tempo le polizze dovranno adeguarsi, offrendo prodotti più inclusivi”.

Attenzione però al rischio di considerare l’assicurazione la panacea di qualsiasi male, ha puntualizzato la head of sales di Ergo Assicurazioni, Daniela Panetta: “Per mantenere la promessa, una polizza deve infatti pur sempre rimanere sostenibile. Impossibile pensare di assicurare tutti su tutto. A meno di voler proporre premi a cifre astronomiche”. Compito delle compagnie assicurative, per Daniela Panetta, sarà piuttosto quello di orientarsi verso una maggiore semplicità di proposizione: “L’offerta sarà sempre b2b2c ma con un uso più diffuso della tecnologia, che renda la polizza acquistabile anche con un semplice click”.

Sulla medesima linea si pone l’head of travel di Allianz Partners, Gabriele Mannucci, per cui il segreto sta nell’equilibrio tra rischio, remunerazione e prezzo al cliente: “Va però sottolineato come oggi il consumatore ponga finalmente maggiore attenzione sui contenuti della polizza, senza fermarsi solo alla valutazione del prezzo. Occorrerà perciò garantire risposte di qualità, capaci di venire incontro alle nuove esigenze del viaggiatore”.

D’altronde, ha osservato Michele Cossa, alcuni trend erano già in atto prima che si verificasse l’emergenza sanitaria: “A cominciare dalla relativamente recente evoluzione delle polizze annullamento – ha concluso l’amministratore delegato di Borghini e Cossa -. In tempi più recenti, e in risposta alle nuove esigenze di questi mesi, l’attenzione si è poi concentrata sulle assicurazioni per il medio raggio, prima poco praticate, e su coperture specifiche per chi si reca all’estero, per esempio nei casi di improvvise limitazioni ai movimenti delle persone”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti