27 July 2021

Al Pappagallo: l’eccellenza della gastronomia bolognese riapre i battenti rinnovato

[ 0 ]

Elisabetta Valenti ed Michele Pettinicchio

La ripartenza, dopo la pausa forzata dalle restrizioni per l’emergenza Covid-19, ha generato un necessario cambiamento delle abitudini e della vita sociale. 
Parafrasando Elbert Einstein che asseriva “Nel mezzo delle difficoltà nascono le opportunità”, la proprietà dello storico tempio della Gastronomia di Bologna, il ristorante Al Pappagallo, torna a splendere con grandi novità.
Michele Pettinicchio ed Elisabetta Valenti, facendo di necessità virtù, hanno riscritto, all’interno del perimetro di sicurezza imposto dalla situazione contingente, nuove formule, comunque attraenti, per garantire la tradizionale eccellenza anche in questa nuova stagione, in cui nel panorama internazionale verranno ripensati i canoni della ristorazione.
Il servizio delivery ha consentito, al netto di margini sicuramente esigui, di mantenere vivo il contatto con la clientela più affezionata, accompagnandola con i grandi sapori del ristorante, nelle lunghe giornate in famiglia. Questa iniziativa ha raccolto grandi consensi e ha reso meno duro il forzato isolamento.

L’esterno della Torre degli Alberici

Si è partiti da una profonda e radicale sanificazione degli ambienti e della cucina già nella fase 1, oltre al fatto che nei primi mesi dell’anno tutto è stato completamente ristrutturato, anche nell’antico spazio della Torre degli Alberici.
Al Pappagallo, ora, è davvero pronto per spiccare il volo con una veste rinnovata e altrettanto innovative attività, al giro di boa del primo secolo di vita dello storico locale. Il 2019  è culminato con il prestigioso premio, il Tortellino D’Oro, summa di mesi di sperimentazione e attenzione alla qualità, facendo tornare il locale un punto di riferimento per la città, il tempio della gastronomia della grande tradizione, restituito a Bologna.
Il ristorante, affonda le radici nel passato con lo sguardo verso il futuro, elabora con creatività la sapienza culinaria della memoria anche grazie alla prestigiosa collaborazione con lo chef Marcello Leoni, uno del più importanti e riconosciuti talenti nella cucina a livello internazionale.
La posizione, nel cuore pulsante del centro storico, rende necessario il rispetto del “bello” che si respira intorno, all’ombra delle due torri, in un crocevia di torri gentilizie, palazzi storici guidato dalla fitta rete di portici.
La nuova stagione del Pappagallo avrà due anime, quella ormai consolidata, che proseguirà nelle eleganti sale rinnovate, e una ancora più autentica, con le caratteristiche di una antica “ Bottega con Cucina”, nella suggestiva sala della Torre degli Alberici, che proporrà un servizio più smart, orari di apertura allargati per l’asporto con la possibilità, su prenotazione, di potere vivere l’esperienza di una degustazione esclusiva in una atmosfera unica e irripetibile. Dove si trovava la vecchia Dogana ora c’è il Palazzo della Mercanzia, proprio di fronte alla Torre, un edificio gentilizio eretto nell’XII secolo. Nonostante le profonde trasformazioni strutturali nel corso del primo Millennio la bottega conserva ancora la serraglia di legno a forma di ribalta. E’ considerata la più antica bottega di Bologna, ed esiste dal 1273. Nella nuova formula proposta dalla Torre verranno esaltati l’autenticità e il sapore della forma più antica di ristorazione, con arredamento vintage e proposte di qualità a costi più accessibili per aprirsi a una clientela giovane e dinamica. Il Menù della Torre, da consumare nel tavolo riservato, prevede oltre alla selezione di salumi eccellenti, proposte che variano in base al mercato e alla stagione. Inoltre il tipico pranzo della domenica in Torre sarà ricreato con una formula più smart, una consumazione veloce di qualità che oggi definiremmo “brunch”, che affonda le sue radici nelle usanze antiche conviviali tipiche delle botteghe con cucina.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti