9 December 2022

VisitMalta sostiene e promuove lo sviluppo del segmento diving

[ 0 ]

VisitMalta accende i riflettori sul segmento diving, che rappresenta oggi il 5% circa del traffico turistico verso l’arcipelago maltese. Ecco allora la recente pubblicazione di un piano strategico dal titolo ‘Developing a Sustainable Diving Industry in the Maltese Islands – A strategy for the future 2022’ che se da un lato formalizza alcune tendenze già in atto da anni e in linea con i principi della sostenibilità, dall’altro punta al futuro del diving, quale nicchia del mercato turistico maltese destinato a crescere costantemente.  

Anche se il piano strategico concentra l’attenzione soprattutto sul recreational diving, quindi su chi pratica immersioni in vacanza, è da sottolineare come a Malta siano in forte crescita le immersioni tecniche, che attirano subacquei esperti con interesse specifico per le immersioni in profondità. Le acque maltesi vantano infatti il più grande numero di relitti sottomarini del mar Mediterraneo

Guardando più nello specifico del mercato italiano, tra le operazioni promozionali relative al diving, VisitMalta ha organizzato nella giornata di ieri un webinar in partnership con la Federazione Italiana Attività Subacquee. Il webinar è stato anche occasione per anticipare la sponsorizzazione di VisitMalta all’evento che celebrerà il 50ennale della Fias (Federazione italiana attività subacquee). I festeggiamenti si terranno il 1° ottobre nella sede dell’Acquario di Genova dove verrà organizzato un evento commemorativo e conviviale con premiazioni, interventi e spettacoli e che include una cena di gala nell’incantevole sala dei delfini. Ester Tamasi, direttore VisitMalta Italia sarà presente ai festeggiamenti, accompagnata dai rappresentanti di Watercolours Dive Center quale partner scelto tra i numerosi centri diving presenti a Malta e Gozo.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto. A supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons. L'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori "top di gamma" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting). Per i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights. Nei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana. Il settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili. Con un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani. “Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%". Nel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%.  Tradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic. “Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi   [post_title] => I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022 [post_date] => 2022-12-07T10:49:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670410167000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel. In particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%. Il capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro. Per quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia. Lo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli. Un’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità. Sono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale. È questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta. [post_title] => Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping [post_date] => 2022-12-07T10:30:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409034000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435505 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato premiato a Bruxelles tra le aree protette che hanno che hanno raggiunto i traguardi e gli obiettivi della Carta Europea del Turismo Sostenibile (Cets) nel 2020, 2021 e 2022 per la gestione dei visitatori.  La delegazione dell'ente era composta dalla presidente Donatella Bianchi e dal vicepresidente Emanuele Moggia.  Il conferimento della certificazione promossa dalla Federazione Europarc è avvenuta nella sede del Parlamento Europeo. Il primo riconoscimento è stato ottenuto dal Parco della provincia della Spezia nel 2015 e adesso il Parco ha positivamente rinnovato la certificazione per il quinquennio 2021-2025.   La Cets rappresenta uno strumento di governance del turismo sensibile ai valori delle aree protette e alla sostenibilità, che prevede la collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti nella filiera turistica per attuare una strategia concretizzata in un Piano d'Azione per lo Sviluppo Turistico.  [post_title] => Il Parco delle Cinque Terre premiato a Bruxelles per la sostenibilità [post_date] => 2022-12-07T10:18:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670408285000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435549 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un progetto di ricerca che mira allo studio e sviluppo di algoritmi innovativi di machine learning per sistemi di revenue management. MyForecast ha stretto un accordo con il dipartimento di matematica e informatica dell’università di Catania, che ha permesso di attivare una borsa di dottorato di ricerca in informatica cofinanziata dalla stessa MyForecast attraverso il piano Pnnr. E' così che una dottoranda del dipartimento dell’ateneo catanese ha iniziato un percorso di ricerca e sviluppo presso il quartier generale della società siciliana. “Siamo entusiasti di aver stipulato un accordo importantissimo con l’università di Catania - sottolinea il ceo e founder di MyForecast, Vito D’Amico -. L’obiettivo è molto ambizioso e si accosta al bellissimo lavoro portato avanti dal nostro team di progetto”. “Le tecnologie di machine learning hanno rivoluzionato il modo tradizionale di analizzare i dati aziendali, al fine di inferire informazioni utili per il management - aggiunge il professor Giovanni Maria Farinella dell'università di Catania -. Questo progetto mira quindi alla realizzazione di algoritmi avanzati di intelligenza artificiale, che siano in grado di supportare i manager producendo proiezioni future per il revenue management".     [post_title] => MyForecast ospita una dottoranda per una ricerca sul machine learning applicato al revenue management [post_date] => 2022-12-07T09:15:32+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670404532000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435576 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il tradizionale saluto all'anno che volge al termine dell'Ente nazionale croato per il turismo in Italia questa volta ha i profumi e i sapori della cucina istriana. La regione, una delle più visitate delle Croazia dai turisti sia nazionali sia stranieri, è un territorio ricco di tradizioni, esperienze autentiche e un patrimonio naturale e culturale da scoprire. E la gastronomia riserva più di una sorpresa, fra pregiati vini e olio extravergine di oliva passando dal prosciutto istriano. Un 2022 che ha portato con sé "ottimi risultati" in termini di arrivi dall'Italia: "Nei primi 11 mesi l'aumento dei visitatori italiani è stato del 112% per un totale di 920.000 turisti e 4,1 milioni di pernottamenti (l’85% in più rispetto allo stesso periodo del 2021) - ha dichiarato Viviana Vukelić, direttrice dell’ufficio rappresentanza dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia -. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti, l’anno turistico continua e siamo felici che anche le previsioni per il Natale e Capodanno siano molto buone. I risultati finora raggiunti, confermano che la stagione di quest'anno è stata ben preparata nonostante tutte le sfide". Numeri che posizionano l'Italia tra i primi dieci mercati di riferimento per gli arrivi turistici in Croazia. Lo sguardo è però già proiettato al 2023: il Paese punta a posizionarsi sempre più come destinazione turistica sostenibile di alto valore, con una vasta gamma di esperienze autentiche e di alta qualità a diversi segmenti della domanda. Focus su vicinanza, sicurezza, varietà, ma anche un ulteriore sviluppo basato su un approccio sostenibile, ecologico e digitale. Infine, ma non certo per importanza, elemento della promozione 2023 sarà l’ingresso del Paese in Schengen e nella zona euro. [gallery ids="435588,435586,435585"] [post_title] => Croazia: «Ottimi risultati dal mercato italiano, tra i primi dieci per numero di arrivi» [post_date] => 2022-12-06T14:34:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670337272000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435525 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce in tutta Europa l'interesse per lo student housing, che anche in Italia presente ampi margini di sviluppo grazie alla domanda potenziale e all’interesse mostrato da parte degli investitori. È quanto emerge dall’ultimo report di Jll. Lo slancio positivo del settore si riflette infatti nell'attività dei volumi di investimento: i primi nove mesi del 2022 hanno registrato 7,1 miliardi euro di iniziative legate al segmento in Europa (+10% rispetto allo stesso periodo del 2021 e +17% rispetto alla media degli ultimi cinque anni). Il Regno Unito si conferma il Paese con il maggior numero di investimenti, seguito da Spagna e Danimarca. In Italia, il settore degli alloggi per studenti è un’asset class in via di sviluppo, con un grande potenziale di investimento e diversificazione geografica, soprattutto a causa della mancanza di un'offerta adeguata nelle vicinanze delle grandi università e del costante aumento di studenti, in particolare della componente internazionale. Nel dettaglio, negli ultimi anni il settore ha attirato investimenti in questo settore soprattutto a Torino, Milano, Roma e Firenze. Per quanto riguarda i volumi di investimento capital markets in student housing del 2022 si segnala un forward purchase a Torino, mentre potrebbero concretizzarsi nei prossimi mesi due operazioni su Milano e Firenze, che darebbero una ulteriore spinta agli investimenti nel settore. L'attuale offerta di posti letto in Italia in alloggi per studenti è stimata in oltre 60 mila unità: la maggior parte di essi (66%) è gestita da strutture regionali nell'ambito del Dsu (Diritto allo studio universitario), il 15% da operatori privati, l'11% direttamente dalle università, mentre il restante 8% è gestito da strutture private o pubbliche di student housing. Confrontando il dato relativo al numero di studenti fuori sede con l’offerta di posti letto in alloggi per studenti emerge come in Europa ci sia una domanda potenziale a cui non corrisponde un’offerta di questa tipologia per circa 2,2 milioni di posti letto. In Italia, in particolare, l’offerta di alloggi risponde attualmente a circa il 20% della domanda potenziale, con circa 260 mila posti letto che servirebbero per soddisfarla completamente. Da considerare poi l’eterogeneità dell’offerta che vede nella Penisola un numero limitato di studentati moderni, comparabili con quelli di altri mercati maturi a livello europeo. Considerando poi le principali città universitarie monitorate, Firenze presenta il dato di copertura più elevato (47%), mentre le città con una minore copertura, a fronte anche dell’elevato numero di studenti, sono Bologna (22%) e Roma (10%). Padova, Torino e Milano presentano una domanda soddisfatta poco al di sotto del 30%. In particolare, il caso del capoluogo lombardo va ponderato anche alla luce di un numero maggiore di studenti fuori sede e internazionali e dell’attrattività della città dal punto di vista universitario, elemento che ha favorito lo sviluppo di una pipeline significativa per i prossimi anni. Si stima che entro il 2025 verranno completati quasi 20 mila posti letto in tutte le principali città italiane: Milano e Torino registrano il più alto numero in pipeline, circa 7 mila a Milano e 4.100 a Torino, seguiti da Roma (2.700) e Firenze (circa 2.050). La futura disponibilità di alloggi per studenti entro il 2025 nelle principali città è stimata in quasi 49 mila posti letto: circa il 60% è già esistente, il 26% è pianificato, il 14% è in costruzione e una piccola parte in fase di ristrutturazione. “Rispetto al panorama internazionale il mercato dello student housing italiano è ancora giovane, ma con grandi potenzialità” commenta Antonio Fuoco, head of living capital markets di Jll Italia -. I posti letto che si prevede di aggiungere al mercato entro il 2025 sono quasi 20 mila, di cui il 34% già in costruzione. Più della metà della pipeline è concentrata a Milano e Torino, ma anche in altre città sono previsti diversi progetti entro i prossimi tre anni. Il gap tra la domanda e l'offerta offerta rimane ampio, soprattutto in località come Roma e Bologna, che presentano significative opportunità di sviluppo del settore. Sul fronte capital markets, il settore dello student housing è ancora agli inizi, anche se ci aspettiamo che la domanda degli investitori aumenti nei prossimi mesi. Tra le ragioni principali, la sua capacità di resistere a un'inflazione più elevata e il fatto di essere meno ciclica di altre asset class immobiliari, la crescita dei canoni e la maggiore facilità di implementazione di strategie esg. Infine, la crescita di questo mercato è estremamente importante in momenti di difficoltà dei mercati finanziari per la sua natura difensiva". [post_title] => Cresce lo student housing in Italia: in arrivo 20 mila nuovi posti letto entro il 2025 [post_date] => 2022-12-06T12:47:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670330878000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435429 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce ancora la "famiglia" di Inside Marche Live, l'Associazione dei tour operator incoming delle Marche, che si è ritrovata ad Ancona per la sua Assemblea di fine anno. Superato il periodo più difficile di sempre per il turismo a livello internazionale, gli operatori marchigiani dell'incoming si sono incontrati per una riunione operativa con il direttore dell’Agenzia regionale del turismo Marco Bruschini, per fare il punto sulla stagione e programmare le attività del 2023. Dieci punti sul tavolo delle istituzioni regionali, alle quali è stato chiesto a gran voce in prima battuta una concertazione delle azioni da svolgere per il comparto e una forte collaborazione alle istituzioni, per salvaguardare aziende dotate di professionalità che devono prepararsi per la prossima stagione, superando le varie crisi di questi anni, da quella pandemica a quella energetica ed economica ed in particolare nelle Marche con i vari accadimenti (dall'alluvione al terremoto). INSIDE MARCHE LIVE CRESCE Nel frattempo si programmano le azioni future e il numero di aziende associate ad Inside Marche Live cresce ancora, con l'ingresso di 2 nuovi soci qualificati: entrano infatti i tour operator Rurally di Maiolati Spontini (AN) specializzato nel turismo rurale ed outdoor e GISMI di Monteurano (FM) specializzato nel luxury travel, superando quota 30 associati e contribuendo a confermare l'Associazione Inside Marche Live quale la più rappresentativa del mondo del turismo organizzato marchigiano nonché interlocutore privilegiato per le istituzioni regionali e nazionali. Gli operatori stanno già lavorando per definire le azioni promozionali che andranno a svolgere nel 2023 e hanno iniziato per questo un confronto con l'Agenzia del turismo alla Regione Marche per definire e condividere insieme il Piano Promozionale. Il ruolo della nuova Agenzia Regionale del turismo e dell'internazionalizzazione è il tema principale del confronto con la Regione Marche ed i soci di Inside Marche Live sono impegnati per elaborare proposte e suggerimenti. LE PROPOSTE ALLA REGIONE MARCHE Tra le proposte si segnalano queste: si chiede un aumento delle risorse nei bandi dedicati al settore sia per la promozione che per incentivare i flussi turistici in bassa stagione, si propone una collaborazione per l'organizzazione di fiere e workshop, promuovendo più eventi promozionali, si chiede inoltre di stanziare risorse cospicue per riqualificare le strutture ricettive nel territorio delle Marche che necessitano di ammodernamento, si chiede di aprire un tavolo con Aeroporto di Ancona per stabilire quali siano le rotte da attivare per incentivare il turismo in entrata e di definire un vero piano strategico del turismo a medio lungo termine, in modo da poter lavorare in sinergia programmando per tempo le azioni e gli interventi. IL COLLOQUIO CON LA REGIONE Il Direttore Marco Bruschini si è detto disponibile al confronto ed ha definito gli operatori incoming «un interlocutore fondamentale per tutta la filiera del turismo regionale e non solo, perché le istituzioni devono lavorare nell'interesse delle imprese». Nelle prossime settimane Inside Marche live parteciperà al confronto sul piano annuale del turismo, e contribuirà grazie all'esperienza dei propri associati a presentare un "position paper" di proposte relative al comparto del turismo organizzato, che rimane ancora oggi uno dei più colpiti dalla pandemia, ma anche tra quelli con maggiori potenzialità di sviluppo. Il futuro del turismo delle Marche è già iniziato. [post_title] => Inside Marche Live: nuovi soci e progetti in vista del confronto con la Regione sul piano promozionale 2023 [post_date] => 2022-12-05T15:30:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670254218000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435417 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha preso il via nel weekend il nuovo collegamento tra Milano Malpensa e Jeddah targato Wizz Air, che viene operato due volte alla settimana. La tratta rientra nel più ampio network - ben 23 rotte - che la low cost ha annunciato verso l'Arabia Saudita, a conferma dell'impegno della compagnia nel sostenere il settore turistico in crescita del Paese, portando oltre un milione di passeggeri nel Regno. Nell'aprile 2023, Wizz Air inaugurerà voli da Milano Malpensa verso Riyadh. La crescente presenza di Wizz Air è in linea con il programma del regno saudita, Vision 2030, che mira a triplicare il traffico passeggeri in Arabia entro il 2030. "Con questa nuova rotta Wizz Air conferma ancora una volta il suo impegno verso l’Arabia Saudita, dove continuerà a innovare e a portare avanti la bandiera del volo low cost a beneficio dei residenti e dei visitatori sauditi e dell'economia in via di diversificazione del Paese” ha dichiarato Daria Sergeeva, corporate communications manager della low cost. "L’apertura  della rotta per Gedda, e il previsto lancio del volo per Riyadh ad aprile, segnano una tappa importante nella partnership tra Sea e Wizz Air che grazie agli sviluppi annunciati del network vede migliorata la connettività internazionale dello scalo - ha sottolineato Andrea Tucci, vice president Aviation Business Development di Sea -. Siamo contenti di essere il primo aeroporto italiano che Wizz Air ha scelto per aprire questa rotta, la 28esima destinazione operata dalla compagnia dall'aeroporto di Malpensa: una testimonianza di sviluppo della sua presenza a Milano, che porta a un’ulteriore crescita economica oltre che a collegare la città e il Nord Italia con i Paesi turistici e le destinazioni business ancora da scoprire.” Fahd Hamidaddin, ceo e membro del cda del Saudi Tourism Authority, ha concluso: “L’Arabia Saudita è la più grande nuova destinazione al mondo, inesplorata, unica e inaspettata. L'offerta turistica saudita è incomparabile, per ampiezza e diversità, dalla natura incontaminata, ai diversi paesaggi, alla ricca cultura, all'offerta di intrattenimento in rapida espansione e all'autentica ospitalità araba". [post_title] => Wizz Air ha aperto il volo Milano Malpensa-Jeddah. Da aprile si volerà anche a Riyadh [post_date] => 2022-12-05T11:24:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670239471000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "visitmalta sostiene e promuove lo sviluppo del segmento diving" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":71,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2126,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435534","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto.\r\n\r\nA supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons.\r\n\r\nL'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori \"top di gamma\" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting).\r\n\r\nPer i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights.\r\n\r\nNei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana.\r\n\r\nIl settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili.\r\n\r\nCon un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani.\r\n\r\n“Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%\".\r\n\r\nNel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%. \r\n\r\nTradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic.\r\n\r\n“Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi\r\n\r\n ","post_title":"I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022","post_date":"2022-12-07T10:49:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670410167000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel.\r\n\r\nIn particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%.\r\n\r\nIl capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro.\r\n\r\nPer quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia.\r\n\r\nLo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli.\r\n\r\nUn’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità.\r\n\r\nSono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale.\r\n\r\nÈ questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta.","post_title":"Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping","post_date":"2022-12-07T10:30:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670409034000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435505","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato premiato a Bruxelles tra le aree protette che hanno che hanno raggiunto i traguardi e gli obiettivi della Carta Europea del Turismo Sostenibile (Cets) nel 2020, 2021 e 2022 per la gestione dei visitatori.\r\n La delegazione dell'ente era composta dalla presidente Donatella Bianchi e dal vicepresidente Emanuele Moggia.\r\n Il conferimento della certificazione promossa dalla Federazione Europarc è avvenuta nella sede del Parlamento Europeo. Il primo riconoscimento è stato ottenuto dal Parco della provincia della Spezia nel 2015 e adesso il Parco ha positivamente rinnovato la certificazione per il quinquennio 2021-2025.\r\n \r\nLa Cets rappresenta uno strumento di governance del turismo sensibile ai valori delle aree protette e alla sostenibilità, che prevede la collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti nella filiera turistica per attuare una strategia concretizzata in un Piano d'Azione per lo Sviluppo Turistico. ","post_title":"Il Parco delle Cinque Terre premiato a Bruxelles per la sostenibilità","post_date":"2022-12-07T10:18:05+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670408285000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435549","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un progetto di ricerca che mira allo studio e sviluppo di algoritmi innovativi di machine learning per sistemi di revenue management. MyForecast ha stretto un accordo con il dipartimento di matematica e informatica dell’università di Catania, che ha permesso di attivare una borsa di dottorato di ricerca in informatica cofinanziata dalla stessa MyForecast attraverso il piano Pnnr. E' così che una dottoranda del dipartimento dell’ateneo catanese ha iniziato un percorso di ricerca e sviluppo presso il quartier generale della società siciliana.\r\n\r\n“Siamo entusiasti di aver stipulato un accordo importantissimo con l’università di Catania - sottolinea il ceo e founder di MyForecast, Vito D’Amico -. L’obiettivo è molto ambizioso e si accosta al bellissimo lavoro portato avanti dal nostro team di progetto”. “Le tecnologie di machine learning hanno rivoluzionato il modo tradizionale di analizzare i dati aziendali, al fine di inferire informazioni utili per il management - aggiunge il professor Giovanni Maria Farinella dell'università di Catania -. Questo progetto mira quindi alla realizzazione di algoritmi avanzati di intelligenza artificiale, che siano in grado di supportare i manager producendo proiezioni future per il revenue management\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"MyForecast ospita una dottoranda per una ricerca sul machine learning applicato al revenue management","post_date":"2022-12-07T09:15:32+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670404532000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435576","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il tradizionale saluto all'anno che volge al termine dell'Ente nazionale croato per il turismo in Italia questa volta ha i profumi e i sapori della cucina istriana. La regione, una delle più visitate delle Croazia dai turisti sia nazionali sia stranieri, è un territorio ricco di tradizioni, esperienze autentiche e un patrimonio naturale e culturale da scoprire. E la gastronomia riserva più di una sorpresa, fra pregiati vini e olio extravergine di oliva passando dal prosciutto istriano.\r\n\r\nUn 2022 che ha portato con sé \"ottimi risultati\" in termini di arrivi dall'Italia: \"Nei primi 11 mesi l'aumento dei visitatori italiani è stato del 112% per un totale di 920.000 turisti e 4,1 milioni di pernottamenti (l’85% in più rispetto allo stesso periodo del 2021) - ha dichiarato Viviana Vukelić, direttrice dell’ufficio rappresentanza dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia -. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti, l’anno turistico continua e siamo felici che anche le previsioni per il Natale e Capodanno siano molto buone. I risultati finora raggiunti, confermano che la stagione di quest'anno è stata ben preparata nonostante tutte le sfide\". Numeri che posizionano l'Italia tra i primi dieci mercati di riferimento per gli arrivi turistici in Croazia.\r\n\r\nLo sguardo è però già proiettato al 2023: il Paese punta a posizionarsi sempre più come destinazione turistica sostenibile di alto valore, con una vasta gamma di esperienze autentiche e di alta qualità a diversi segmenti della domanda. Focus su vicinanza, sicurezza, varietà, ma anche un ulteriore sviluppo basato su un approccio sostenibile, ecologico e digitale. Infine, ma non certo per importanza, elemento della promozione 2023 sarà l’ingresso del Paese in Schengen e nella zona euro.\r\n\r\n[gallery ids=\"435588,435586,435585\"]","post_title":"Croazia: «Ottimi risultati dal mercato italiano, tra i primi dieci per numero di arrivi»","post_date":"2022-12-06T14:34:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1670337272000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435525","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce in tutta Europa l'interesse per lo student housing, che anche in Italia presente ampi margini di sviluppo grazie alla domanda potenziale e all’interesse mostrato da parte degli investitori. È quanto emerge dall’ultimo report di Jll. Lo slancio positivo del settore si riflette infatti nell'attività dei volumi di investimento: i primi nove mesi del 2022 hanno registrato 7,1 miliardi euro di iniziative legate al segmento in Europa (+10% rispetto allo stesso periodo del 2021 e +17% rispetto alla media degli ultimi cinque anni). Il Regno Unito si conferma il Paese con il maggior numero di investimenti, seguito da Spagna e Danimarca. In Italia, il settore degli alloggi per studenti è un’asset class in via di sviluppo, con un grande potenziale di investimento e diversificazione geografica, soprattutto a causa della mancanza di un'offerta adeguata nelle vicinanze delle grandi università e del costante aumento di studenti, in particolare della componente internazionale.\r\n\r\nNel dettaglio, negli ultimi anni il settore ha attirato investimenti in questo settore soprattutto a Torino, Milano, Roma e Firenze. Per quanto riguarda i volumi di investimento capital markets in student housing del 2022 si segnala un forward purchase a Torino, mentre potrebbero concretizzarsi nei prossimi mesi due operazioni su Milano e Firenze, che darebbero una ulteriore spinta agli investimenti nel settore. L'attuale offerta di posti letto in Italia in alloggi per studenti è stimata in oltre 60 mila unità: la maggior parte di essi (66%) è gestita da strutture regionali nell'ambito del Dsu (Diritto allo studio universitario), il 15% da operatori privati, l'11% direttamente dalle università, mentre il restante 8% è gestito da strutture private o pubbliche di student housing.\r\n\r\nConfrontando il dato relativo al numero di studenti fuori sede con l’offerta di posti letto in alloggi per studenti emerge come in Europa ci sia una domanda potenziale a cui non corrisponde un’offerta di questa tipologia per circa 2,2 milioni di posti letto. In Italia, in particolare, l’offerta di alloggi risponde attualmente a circa il 20% della domanda potenziale, con circa 260 mila posti letto che servirebbero per soddisfarla completamente. Da considerare poi l’eterogeneità dell’offerta che vede nella Penisola un numero limitato di studentati moderni, comparabili con quelli di altri mercati maturi a livello europeo. Considerando poi le principali città universitarie monitorate, Firenze presenta il dato di copertura più elevato (47%), mentre le città con una minore copertura, a fronte anche dell’elevato numero di studenti, sono Bologna (22%) e Roma (10%). Padova, Torino e Milano presentano una domanda soddisfatta poco al di sotto del 30%. In particolare, il caso del capoluogo lombardo va ponderato anche alla luce di un numero maggiore di studenti fuori sede e internazionali e dell’attrattività della città dal punto di vista universitario, elemento che ha favorito lo sviluppo di una pipeline significativa per i prossimi anni. Si stima che entro il 2025 verranno completati quasi 20 mila posti letto in tutte le principali città italiane: Milano e Torino registrano il più alto numero in pipeline, circa 7 mila a Milano e 4.100 a Torino, seguiti da Roma (2.700) e Firenze (circa 2.050). La futura disponibilità di alloggi per studenti entro il 2025 nelle principali città è stimata in quasi 49 mila posti letto: circa il 60% è già esistente, il 26% è pianificato, il 14% è in costruzione e una piccola parte in fase di ristrutturazione.\r\n\r\n“Rispetto al panorama internazionale il mercato dello student housing italiano è ancora giovane, ma con grandi potenzialità” commenta Antonio Fuoco, head of living capital markets di Jll Italia -. I posti letto che si prevede di aggiungere al mercato entro il 2025 sono quasi 20 mila, di cui il 34% già in costruzione. Più della metà della pipeline è concentrata a Milano e Torino, ma anche in altre città sono previsti diversi progetti entro i prossimi tre anni. Il gap tra la domanda e l'offerta offerta rimane ampio, soprattutto in località come Roma e Bologna, che presentano significative opportunità di sviluppo del settore. Sul fronte capital markets, il settore dello student housing è ancora agli inizi, anche se ci aspettiamo che la domanda degli investitori aumenti nei prossimi mesi. Tra le ragioni principali, la sua capacità di resistere a un'inflazione più elevata e il fatto di essere meno ciclica di altre asset class immobiliari, la crescita dei canoni e la maggiore facilità di implementazione di strategie esg. Infine, la crescita di questo mercato è estremamente importante in momenti di difficoltà dei mercati finanziari per la sua natura difensiva\".","post_title":"Cresce lo student housing in Italia: in arrivo 20 mila nuovi posti letto entro il 2025","post_date":"2022-12-06T12:47:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670330878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435429","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce ancora la \"famiglia\" di Inside Marche Live, l'Associazione dei tour operator incoming delle Marche, che si è ritrovata ad Ancona per la sua Assemblea di fine anno. Superato il periodo più difficile di sempre per il turismo a livello internazionale, gli operatori marchigiani dell'incoming si sono incontrati per una riunione operativa con il direttore dell’Agenzia regionale del turismo Marco Bruschini, per fare il punto sulla stagione e programmare le attività del 2023.\r\n\r\nDieci punti sul tavolo delle istituzioni regionali, alle quali è stato chiesto a gran voce in prima battuta una concertazione delle azioni da svolgere per il comparto e una forte collaborazione alle istituzioni, per salvaguardare aziende dotate di professionalità che devono prepararsi per la prossima stagione, superando le varie crisi di questi anni, da quella pandemica a quella energetica ed economica ed in particolare nelle Marche con i vari accadimenti (dall'alluvione al terremoto).\r\n\r\nINSIDE MARCHE LIVE CRESCE\r\n\r\nNel frattempo si programmano le azioni future e il numero di aziende associate ad Inside Marche Live cresce ancora, con l'ingresso di 2 nuovi soci qualificati: entrano infatti i tour operator Rurally di Maiolati Spontini (AN) specializzato nel turismo rurale ed outdoor e GISMI di Monteurano (FM) specializzato nel luxury travel, superando quota 30 associati e contribuendo a confermare l'Associazione Inside Marche Live quale la più rappresentativa del mondo del turismo organizzato marchigiano nonché interlocutore privilegiato per le istituzioni regionali e nazionali.\r\n\r\nGli operatori stanno già lavorando per definire le azioni promozionali che andranno a svolgere nel 2023 e hanno iniziato per questo un confronto con l'Agenzia del turismo alla Regione Marche per definire e condividere insieme il Piano Promozionale.\r\n\r\nIl ruolo della nuova Agenzia Regionale del turismo e dell'internazionalizzazione è il tema principale del confronto con la Regione Marche ed i soci di Inside Marche Live sono impegnati per elaborare proposte e suggerimenti.\r\n\r\nLE PROPOSTE ALLA REGIONE MARCHE\r\n\r\nTra le proposte si segnalano queste: si chiede un aumento delle risorse nei bandi dedicati al settore sia per la promozione che per incentivare i flussi turistici in bassa stagione, si propone una collaborazione per l'organizzazione di fiere e workshop, promuovendo più eventi promozionali, si chiede inoltre di stanziare risorse cospicue per riqualificare le strutture ricettive nel territorio delle Marche che necessitano di ammodernamento, si chiede di aprire un tavolo con Aeroporto di Ancona per stabilire quali siano le rotte da attivare per incentivare il turismo in entrata e di definire un vero piano strategico del turismo a medio lungo termine, in modo da poter lavorare in sinergia programmando per tempo le azioni e gli interventi.\r\n\r\nIL COLLOQUIO CON LA REGIONE\r\n\r\nIl Direttore Marco Bruschini si è detto disponibile al confronto ed ha definito gli operatori incoming «un interlocutore fondamentale per tutta la filiera del turismo regionale e non solo, perché le istituzioni devono lavorare nell'interesse delle imprese».\r\n\r\nNelle prossime settimane Inside Marche live parteciperà al confronto sul piano annuale del turismo, e contribuirà grazie all'esperienza dei propri associati a presentare un \"position paper\" di proposte relative al comparto del turismo organizzato, che rimane ancora oggi uno dei più colpiti dalla pandemia, ma anche tra quelli con maggiori potenzialità di sviluppo. Il futuro del turismo delle Marche è già iniziato.","post_title":"Inside Marche Live: nuovi soci e progetti in vista del confronto con la Regione sul piano promozionale 2023","post_date":"2022-12-05T15:30:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670254218000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435417","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Ha preso il via nel weekend il nuovo collegamento tra Milano Malpensa e Jeddah targato Wizz Air, che viene operato due volte alla settimana. La tratta rientra nel più ampio network - ben 23 rotte - che la low cost ha annunciato verso l'Arabia Saudita, a conferma dell'impegno della compagnia nel sostenere il settore turistico in crescita del Paese, portando oltre un milione di passeggeri nel Regno. Nell'aprile 2023, Wizz Air inaugurerà voli da Milano Malpensa verso Riyadh. La crescente presenza di Wizz Air è in linea con il programma del regno saudita, Vision 2030, che mira a triplicare il traffico passeggeri in Arabia entro il 2030.\r\n\r\n\"Con questa nuova rotta Wizz Air conferma ancora una volta il suo impegno verso l’Arabia Saudita, dove continuerà a innovare e a portare avanti la bandiera del volo low cost a beneficio dei residenti e dei visitatori sauditi e dell'economia in via di diversificazione del Paese” ha dichiarato Daria Sergeeva, corporate communications manager della low cost.\r\n\r\n\"L’apertura  della rotta per Gedda, e il previsto lancio del volo per Riyadh ad aprile, segnano una tappa importante nella partnership tra Sea e Wizz Air che grazie agli sviluppi annunciati del network vede migliorata la connettività internazionale dello scalo - ha sottolineato Andrea Tucci, vice president Aviation Business Development di Sea -. Siamo contenti di essere il primo aeroporto italiano che Wizz Air ha scelto per aprire questa rotta, la 28esima destinazione operata dalla compagnia dall'aeroporto di Malpensa: una testimonianza di sviluppo della sua presenza a Milano, che porta a un’ulteriore crescita economica oltre che a collegare la città e il Nord Italia con i Paesi turistici e le destinazioni business ancora da scoprire.”\r\n\r\nFahd Hamidaddin, ceo e membro del cda del Saudi Tourism Authority, ha concluso: “L’Arabia Saudita è la più grande nuova destinazione al mondo, inesplorata, unica e inaspettata. L'offerta turistica saudita è incomparabile, per ampiezza e diversità, dalla natura incontaminata, ai diversi paesaggi, alla ricca cultura, all'offerta di intrattenimento in rapida espansione e all'autentica ospitalità araba\".","post_title":"Wizz Air ha aperto il volo Milano Malpensa-Jeddah. Da aprile si volerà anche a Riyadh","post_date":"2022-12-05T11:24:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670239471000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti